SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2"

Transcript

1 SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/828d/802d sl SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl Manuale di programmazione Concetti fondamentali della programmazione 1 Comandi di movimento 2 Comandi di traslazione 3 Ulteriori funzioni 4 A Abbreviazioni B Tabella del codice G C Descrizioni dei dati D Liste dati E Allarmi Valido per Software Versione SINUMERIK 802D sl 1.4 SINUMERIK 828D 2.6 SINUMERIK 840D sl/de sl 2.6 SINUMERIK 840Di sl/die sl /09 6FC5398-7BP10-1CA0

2 Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli di rischio. PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. AVVERTENZA il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi lesioni fisiche. CAUTELA con il triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi. CAUTELA senza triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali. ATTENZIONE indica che, se non vengono rispettate le relative misure di sicurezza, possono subentrare condizioni o conseguenze indesiderate. Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali. Personale qualificato L'apparecchio/sistema in questione deve essere installato e messo in servizio solo rispettando le indicazioni contenute in questa documentazione. La messa in servizio e l'esercizio di un apparecchio/sistema devono essere eseguiti solo da personale qualificato. Con riferimento alle indicazioni contenute in questa documentazione in merito alla sicurezza, come personale qualificato si intende quello autorizzato a mettere in servizio, eseguire la relativa messa a terra e contrassegnare le apparecchiature, i sistemi e i circuiti elettrici rispettando gli standard della tecnica di sicurezza. Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens Si prega di tener presente quanto segue: AVVERTENZA I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un magazzinaggio, un installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati e a regola d arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione. Marchio di prodotto Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i diritti dei proprietari. Esclusione di responsabilità Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche vengono inserite nelle successive edizioni. Siemens AG Industry Sector Postfach NÜRNBERG GERMANIA N. di ordinazione documentazione: 6FC5398-7BP10-1CA0 P 07/2009 Copyright Siemens AG Con riserva di eventuali modifiche tecniche

3 Indice del contenuto 1 Concetti fondamentali della programmazione Osservazioni introduttive Modalità Siemens Modalità dialetto ISO Commutazione tra i modi operativi Visualizzazione del codice G Numero massimo di assi/identificatori di assi Programmazione del punto decimale Commenti Esclusione blocco Requisiti per l'avanzamento Rapido Avanzamento vettoriale (funzione F) Avanzamenti fissi da F0 a F Avanzamento lineare (G94) Avanzamento in inverso del tempo (G93) Avanzamento al giro (G95) Comandi di movimento Comandi di interpolazione Rapido (G00) Interpolazione di rette (G01) Interpolazione circolare (G02, G03) Programmazione del profilo e inserimento di smussi o raggi Interpolazione elicoidale (G02, G03) Interpolazione ad evolvente (G02.2, G03.2) Interpolazione cilindrica (G07.1) Accostamento al punto di riferimento con funzioni G Accostamento al punto di riferimento con punto intermedio (G28) Verifica della posizione di riferimento (G27) Accostamento al punto di riferimento con selezione del punto di riferimento (G30) Comandi di traslazione Il sistema di coordinate Sistema di coordinate macchina (G53) Sistema di coordinate pezzo (G92) Ripristino del sistema di coordinate utensile (G92.1) Selezione di un sistema di coordinate pezzo Scrittura di spostamento origine/correzioni utensile (G10) Sistema di coordinate locale (G52) Selezione del piano (G17, G18, G19) Assi paralleli (G17, G18, G19) Rotazione del sistema di coordinate (G68, G69) Rotazione 3D G68/G Definizione del tipo di immissione per i valori delle coordinate Immissione di quote assolute/incrementali (G90, G91) Immissione in pollici/sistema metrico (G20, G21)...47 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 3

4 Avvertenze di legge Indice del contenuto Fattore di scala (G50, G51) Specularità programmabile (G50.1, G51.1) Comandi temporizzati Tempo di sosta (G04) Funzioni di correzione utensile Memoria dati della correzione utensile Correzione lunghezza utensile (G43, G44, G49) Correzione raggio fresa (G40, G41, G42) Sorveglianza anticollisione Funzioni S, T, M e B Funzione del mandrino (funzione S) Funzione dell'utensile Funzione supplementare (funzione M) Funzioni M per l'influenza sul mandrino Funzioni M per il richiamo di sottoprogrammi Richiamo di macro tramite funzione M Funzioni M Controllo dell'avanzamento Override automatico sugli spigoli G Compressore nella modalità dialetto ISO Arresto preciso (G09, G61), funzionamento continuo (G64), maschiatura (G63) Ulteriori funzioni Funzioni di supporto al programma Cicli di foratura fissi Ciclo di foratura profonda con rottura dei trucioli (G73) Ciclo di foratura fine (G76) Ciclo di foratura, alesatura (G81) Ciclo di foratura, lamatura (G82) Ciclo di foratura profonda con rimozione dei trucioli (G83) Ciclo di foratura (G85) Ciclo di alesatura (G86) Ciclo di alesatura, svasatura inversa (G87) Ciclo di foratura (G89), svincolo con G Ciclo "Maschiatura senza utensile compensato" (G84) Ciclo "Foratura di una filettatura sinistrorsa senza utensile compensato" (G74) Ciclo di maschiatura sinistrorsa o destrorsa (G84 o G74) Disattivazione del ciclo fisso (G80) Esempio di programma con una correzione lunghezza utensile e cicli fissi Filetto a più principi con G Immissione di dati programmabile (G10) Modifica del valore di correzione utensile Limitazione del campo di lavoro (G22, G23) Funzione M per il richiamo di sottoprogrammi (M98, M99) Numero di programma a otto cifre Coordinate polari (G15, G16) Interpolazione delle coordinate polari (G12.1, G13.1) Funzioni di misura Svincolo rapido con G Misurazione con cancellazione del percorso residuo (G31) Misurazione con G31, P1 - P Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

5 Avvertenze di legge Indice del contenuto Programma di interrupt con M96, M Funzione "Controllo tempo di utilizzo utensile" Programmi macro Differenze rispetto ai sottoprogrammi Richiamo di programma macro (G65, G66, G67) Richiamo di macro tramite funzione G Funzioni supplementari Ripetizione del profilo (G72.1, G72.2) Modalità di commutazione per DryRun e livelli di esclusione A Abbreviazioni B Tabella del codice G C Descrizioni dei dati C.1 Dati macchina generici C.2 Dati macchina specifici per canale C.3 Dati di setting specifici per gli assi C.4 Dati di setting specifici per canale D Liste dati D.1 Dati macchina D.2 Dati di setting D.3 Variabili E Allarmi Glossario Indice analitico Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 5

6 Avvertenze di legge Indice del contenuto 6 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

7 Concetti fondamentali della programmazione Osservazioni introduttive Modalità Siemens Nella modalità Siemens valgono le seguenti condizioni: La preimpostazione dei comandi G può essere stabilita per ciascun canale tramite il dato macchina $MC_GCODE_RESET_VALUES. Nella modalità Siemens non possono essere programmati comandi di linguaggio dai dialetti ISO Modalità dialetto ISO Nella modalità dialetto ISO attiva valgono le seguenti condizioni: Per impostare la modalità dialetto ISO come impostazione di default del controllo si possono usare dati macchina. Il controllo si avvia successivamente di norma nella modalità dialetto ISO. Dal dialetto ISO possono essere programmate solo funzioni G; la programmazione di funzioni G Siemens non è possibile nella modalità ISO. Un mix di dialetto ISO e linguaggio Siemens nello stesso blocco NC non è possibile. La commutazione tra dialetto ISO M e dialetto ISO T con un comando G non è possibile. Possono essere richiamati sottoprogrammi che sono programmati per la modalità Siemens. Se devono essere utilizzate funzioni Siemens, è prima necessaria la commutazione alla modalità Siemens Commutazione tra i modi operativi Per la commutazione tra la modalità Siemens e la modalità dialetto ISO è possibile utilizzare le seguenti funzioni G: G290 - Linguaggio di programmazione NC Siemens attivo G291 - Linguaggio di programmazione NC dialetto ISO attivo L'utensile attivo, i correttori utensile e gli spostamenti origine non vengono influenzati dalla commutazione. G290 e G291 devono essere programmati singolarmente in un blocco NC. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 7

8 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Visualizzazione del codice G La visualizzazione del codice G avviene nello stesso linguaggio (Siemens o dialetto ISO) del blocco attuale. Se la visualizzazione dei blocchi viene soppressa con DISPLOF, i codici G continuano a essere visualizzati nel linguaggio in cui viene visualizzato anche il blocco attivo. Esempio Per il richiamo dei cicli standard Siemens vengono utilizzate le funzioni G della modalità dialetto ISO. A tal fine viene programmato DISPLOF all'inizio del relativo ciclo; in questo modo vengono mantenute sulla visualizzazione le funzioni G che sono state programmate nel linguaggio dialetto ISO. PROC CYCLE328 SAVE DISPLOF N N99 RET Procedimento I cicli avvolgimento Siemens vengono richiamati da programmi principali. La selezione della modalità Siemens avviene automaticamente con il richiamo del ciclo avvolgimento. Con DISPLOF, al richiamo del ciclo la visualizzazione del blocco viene congelata; la visualizzazione del codice G continua nella modalità ISO. Con l'attributo "SAVE" i codici G che sono stati modificati nel ciclo avvolgimento vengono ripristinati al loro stato originario al termine del ciclo Numero massimo di assi/identificatori di assi Il numero massimo di assi nella modalità dialetto ISO è 9. Gli identificatori di assi per i primi tre assi sono definiti in modo fisso con X, Y e Z. Tutti gli altri assi possono essere identificati con le lettere A, B, C, U, V e W Programmazione del punto decimale Nella modalità dialetto ISO esistono due tipi di scrittura per la valutazione di valori programmati senza punto decimale: Tipo di scrittura calcolatrice I valori senza punto decimale vengono interpretati come mm, pollici o gradi. Tipo di scrittura standard I valori senza punto decimale vengono moltiplicati per un fattore di conversione. L'impostazione avviene con l'md10884 $MN_EXTERN_FLOATINGPOINT_PROG. Esistono due diversi fattori di conversione, IS-B e IS-C. Questa pesatura si riferisce agli indirizzi X Y Z U V W A B C I J K Q R e F. Esempio: 8 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

9 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Asse lineare in mm: X corrisponde a un valore con virgola decimale: 100,5 mm X 1000 Tipo di scrittura calcolatrice: mm Tipo di scrittura standard: IS-B: 1.000* 0,001= 1 mm IS-C: 1.000* 0,0001= 0,1 mm Dialetto Tabella 1-1 Diversi fattori di conversione per IS-B e IS-C Indirizzo Unità IS-B IS-C Asse lineare mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 Asse rotante Gradi 0,001 0,0001 F avanzamento G94 (mm/pollici al min.) mm pollici 1 0,01 1 0,01 F avanzamento G95 (mm/pollici al min.) mm pollici 0,01 0,0001 0,01 0,0001 F passo del filetto mm pollici 0,01 0,0001 0,01 0,0001 C smusso mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 R raggio, G10 toolcorr mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 Q mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 I, J, K parametri IPO mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 G04 X o U s 0,001 0,001 A angolo profilo Gradi 0,001 0,0001 G74, G84 cicli di maschiatura $MC_EXTERN_FUNCTION_MASK Bit8 = 0 F come avanzamento come G94, G95 Bit8 = 1 F come passo del filetto Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 9

10 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Commenti Nella modalità dialetto ISO le parentesi tonde vengono interpretate come simboli di commento. Nella modalità Siemens "," viene interpretato come commento. Per semplificare, nella modalità dialetto ISO anche ";" viene interpretato come commento. Se all'interno di un commento viene utilizzato di nuovo il simbolo di inizio commento '(', il commento viene terminato solo quando tutte le parentesi aperti sono richiuse. Esempio: N5 (commento) X100 Y100 N10 (commento(commento)) X100 Y100 N15 (commento(commento) X100) Y100 Nel blocco N5 e N10 viene eseguito X100 Y100, nel blocco N15 solo Y100, poiché la prima parentesi viene chiusa solo dopo X100. Fino a quel punto viene interpretato tutto come commento Esclusione blocco Il simbolo per escludere o sopprimere i blocchi "/" può trovarsi in un punto a piacere nel blocco, anche in mezzo al blocco stesso. Se il livello di esclusione programmato del blocco al momento della compilazione è attivo, il blocco non viene compilato da questo punto fino al fine blocco. Un livello di esclusione del blocco attivo ha lo stesso effetto di un fine blocco. Esempio: N5 G00 X100. /3 YY100 --> Allarme "errore di sintassi" N5 G00 X100. /3 YY100 --> nessun allarme se il livello di esclusione del blocco 3 è attivo I simboli di esclusione del blocco all'interno di un commento non vengono interpretati come simboli di esclusione del blocco. Esempio: N5 G00 X100. ( /3 parte1 ) Y100 ;anche in caso di livello di esclusione del blocco 3 attivo, l'asse Y viene spostato Possono diventare attivi i livelli di esclusione del blocco da /1 a /9. I valori di esclusione del blocco <1 e >9 comportano l'allarme "Livello di esclusione non ammesso durante l'esclusione del blocco suddiviso". Viene rappresentata la funzione sui livelli di esclusione Siemens esistenti. Al contrario dell'originale del dialetto ISO, "/" e "/1" sono livelli di esclusione separati che devono anche essere attivati separatamente. Nota Lo "0" per "/0" può essere tralasciato. 10 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

11 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento 1.2 Requisiti per l'avanzamento Nel paragrafo seguente viene descritta la funzione di avanzamento con cui viene stabilita la velocità di avanzamento (percorso effettuato al minuto o per giro) di un utensile tagliente Rapido Il rapido viene utilizzato sia per il posizionamento (G00) sia per lo spostamento manuale con il rapido (JOG). Nel rapido ogni asse viene spostato con la velocità in rapido impostata per i singoli assi. La velocità di spostamento in rapido viene stabilita dal costruttore della macchina e predefinita per i singoli assi tramite dati macchina. Poiché gli assi si spostano indipendentemente l'uno dall'altro, ogni asse raggiunge il suo punto di destinazione in un istante diverso. Pertanto il tragitto dell'utensile risultante in generale non è una retta Avanzamento vettoriale (funzione F) Nota Se non viene indicato diversamente, nella presente documentazione viene utilizzata sempre l'unità "mm/min" per la velocità di avanzamento dell'utensile tagliente. L'avanzamento con cui deve essere spostato un utensile in caso di interpolazione lineare (G01) o interpolazione circolare (G02, G03) viene definito con la lettera di indirizzamento "F". Dopo la lettera di indirizzamento "F" l'avanzamento dell'utensile tagliente viene indicato in "mm/min". Il campo ammesso dei valori F è indicato nella documentazione del costruttore della macchina. È possibile che l'avanzamento venga limitato superiormente dal sistema servo e dalla meccanica. L'avanzamento massimo viene impostato tramite dati macchina e limitato prima di un superamento al valore lì stabilito. Di regola l'avanzamento vettoriale è la risultante delle singoli componenti di velocità di tutti gli assi geometrici interessati dal movimento e si riferisce al centro della fresa (vedere le due immagini seguenti). Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 11

12 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Figura 1-1 Interpolazione lineare con 2 assi Figura 1-2 Interpolazione circolare con 2 assi Nel caso di interpolazione 3D, l'avanzamento programmato con F delle rette risultanti viene mantenuto nello spazio. 12 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

13 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Figura 1-3 Avanzamento in caso di interpolazione 3D Nota Se è programmato "F0" e la funzione "Avanzamenti fissi" non è attivata, viene emesso l'allarme "Velocità vettoriale programmata minore o uguale a zero" Avanzamenti fissi da F0 a F9 Attivazione dei valori di avanzamento Da F0 a F9 è possibile attivare dieci diversi valori di avanzamento preimpostati tramite dati di setting. Per attivare con F0 la velocità in rapido, è necessario inserire la relativa velocità nel dato di setting $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0]. I valori di avanzamento da F0 a F9 vengono inseriti nei dati di setting come valori reali. Non viene effettuata alcuna valutazione dei valori immessi. La funzione viene attivata tramite il dato macchina $MC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_ON. Se il DM è impostato su FALSE, F1 - F9 viene interpretato come normale programmazione di avanzamento, ad es. F2 = 2 mm/min, F0 = 0 mm/min. Se il dato macchina è = TRUE, per F0 - F9 vengono presi i valori di avanzamento dal dato di setting $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[ ]. Se in uno dei dati di setting è presente il valore 0, durante la programmazione del corrispondente ampliamento dell'indirizzamento viene attivato l'avanzamento 0. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 13

14 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Esempio $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] = 5000 $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] = 1000 $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[2] = 500 N10 X10 Y10 Z10 F0 G94 ;Accostamento alla posizione a 5000 mm/min N20 G01 X150 Y30 F1 ;Avanzamento 1000 mm/min attivo N30 Z0 F2 ;L'accostamento alla posizione viene effettuato a 500 mm/min N40 Z10 F0 ;Accostamento alla posizione a 5000 mm/min Tabella 1-2 Dati di setting per la preimpostazione degli avanzamenti F Funzione F Dato di setting F0 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] F1 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] F2 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[2] F3 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[3] F4 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[4] F5 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[5] F6 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[6] F7 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[7] F8 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[8] F9 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[9] Avvertenza: Formato di immissione = REAL 14 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

15 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Nota Se la funzione è attivata con il DM $MC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_ON e con F1 - F9 non deve essere attivato il valore di avanzamento dal dato di setting, il valore di avanzamento deve essere programmato come valore reale. Se ad es. un valore di avanzamento deve essere programmato con 1 mm/min, l'avanzamento deve essere programmato con F1.0 invece che con F1. Se l'interruttore "DRY RUN" (funzionamento di prova) è impostato su "ON", tutti i comandi di avanzamento vengono effettuati con l'avanzamento impostato per il funzionamento di prova. La funzione di override avanzamento agisce anche con gli avanzamenti fissi da F0 a F9. L'avanzamento impostato nei dati di setting rimane memorizzato anche dopo la disattivazione del controllo. In un richiamo della macro con G65/G66 il valore programmato con F viene salvato nelle variabili di sistema $C_F, ossia vengono salvati i valori numerici da 0 a 9. Se in un programma di elaborazione durante il richiamo di un ciclo viene programmato un avanzamento fisso (F0 - F9), il valore di avanzamento viene letto dal relativo dato di setting e salvato nelle variabili $C_F. Esempio $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] = $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] = N10 X10 Y10 Z10 F0 G94 ;Posizionamento con 1500 N20 G01 X150 Y30 F1 ;Avanzamento 550 mm/min attivo N40 Z10 F0 ;Posizionamento con 1500 Nota In caso di programmazione della macro con G65/66 per l'indirizzo F viene sempre salvato il valore programmato nella variabile di sistema del ciclo. In caso di F1 - F9 viene inserito ad es. il valore da 1 a 9 nella variabile di sistema del ciclo $C_F. L'indirizzo ha qui il significato di una variabile di trasferimento e non ha alcun riferimento immediato con l'avanzamento. Lo stesso vale per la programmazione del passo del filetto con G33 - G34 con l'indirizzo F. Qui non viene programmato nessun avanzamento con F, bensì la distanza tra due passi del filetto durante un giro del mandrino. Durante la programmazione di cicli (ad es. G81 X.. Y.. Z.. R.. P.. Q.. F..) sotto l'indirizzo F viene programmato sempre l'avanzamento. Pertanto in un blocco di un part program con il richiamo di un ciclo tramite una funzione G (G81 - G87 ecc.) durante la programmazione da F1 a F9 viene scritto nella variabile $C_F il relativo valore dell'avanzamento dal corrispondente dato di setting. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 15

16 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Limitazioni In caso di modalità dialetto ISO i valori di avanzamento vengono modificati nei dati di setting con un volantino. Nella modalità Siemens gli avanzamenti possono essere influenzati solo come un avanzamento programmato diretto, ad es. tramite interruttore di override Avanzamento lineare (G94) Durante l'indicazione di G94 viene eseguito l'avanzamento indicato secondo la lettera di indirizzamento F nell'unità mm/min, pollici/min o gradi/min Avanzamento in inverso del tempo (G93) Durante l'indicazione di G93 viene eseguito l'avanzamento indicato secondo la lettera di indirizzamento F nell'unità "1/min". Per G93 si tratta di una funzione G con azione modale. Esempio N10 G93 G1 X100 F2 ; ossia il percorso programmato viene eseguito entro mezzo minuto. Nota La funzione di avanzamento in inverso nel tempo 1/min G93 non è implementata in SINUMERIK 802D sl Avanzamento al giro (G95) Durante l'indicazione di G95 l'avanzamento viene eseguito nell'unità mm/giro o pollici/giro con riferimento al mandrino master. Nota Tutti i comandi hanno azione modale. Se il comando G per l'avanzamento viene commutato tra G93, G94 o G95, il valore di avanzamento vettoriale deve essere riprogrammato. Per le lavorazioni con assi rotanti l'avanzamento può essere indicato anche in gradi/giro. 16 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

17 Comandi di movimento Comandi di interpolazione Nel paragrafo seguente vengono descritti i comandi di posizionamento e di interpolazione con i quali viene controllata la traiettoria dell'utensile lungo il profilo programmato, ad es. una retta o un arco Rapido (G00) Il rapido viene utilizzato per un veloce posizionamento dell'utensile, per aggirare il pezzo o per raggiungere i punti di cambio utensile. Le seguenti funzioni G possono essere utilizzate per il richiamo del posizionamento (vedere la tabella seguente): Tabella 2-1 Funzioni G per il posizionamento Funzione G Funzione Gruppo G G00 Rapido 01 G01 Movimento lineare 01 G02 Cerchio/elica in senso orario 01 G02.2 Evolvente in senso orario 01 G03 Cerchio/elica in senso antiorario 01 G03.2 Evolvente in senso antiorario 01 Posizionamento (G00) Formato G00 X... Y... Z... ; Spiegazione Il movimento utensile programmato con G00 viene eseguito con la massima velocità possibile (in rapido). La velocità in rapido viene definita in un dato macchina separatamente per ogni asse. Se il movimento in rapido viene eseguito contemporaneamente in più assi, la velocità in rapido viene determinata dall'asse che impiega la maggior parte del tempo per la sua parte di traiettoria. Gli assi che non sono programmati in un blocco G00 non vengono nemmeno spostati. Durante il posizionamento ogni asse viene spostato indipendentemente l'uno dall'altro con la velocità in rapido preimpostata per ogni asse. Le velocità esatte per la propria macchina sono riportate nella documentazione del costruttore della macchina. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 17

18 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Figura 2-1 Posizionamento nel funzionamento con 3 assi controllabili contemporaneamente Nota Poiché durante il posizionamento con G00 gli assi si spostano indipendentemente l'uno dall'altro (non c'è interpolazione), ogni asse raggiunge il suo punto finale in un istante diverso. Pertanto durante il posizionamento con più assi è necessaria la massima attenzione affinché durante il posizionamento un utensile non collida con un pezzo o il dispositivo. Interpolazione lineare (G00) L'interpolazione lineare con G00 viene impostata con l'impostazione del dato macchina $MC_EXTERN_GO_LINEAR_MODE. Tutti gli assi programmati si spostano in rapido con interpolazione lineare e raggiungono la loro posizione finale contemporaneamente Interpolazione di rette (G01) Con G01 l'utensile si muove su una retta parallela a un asse, inclinata oppure orientata a piacere nello spazio. L'interpolazione di rette consente ad es. l'esecuzione di superfici 3D, cave ecc. Formato G01 X... Y... Z... F... ; Con G01 l'interpolazione lineare viene eseguita con l'avanzamento vettoriale. Gli assi che non sono indicati nel blocco con G01 non vengono nemmeno spostati. L'interpolazione lineare viene programmata come nell'esempio riportato sopra. 18 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

19 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Avanzamento F per assi lineari La velocità di avanzamento viene definita dall'indirizzo F. A seconda di quando preimpostato nei dati macchina, si considerano valide le unità di misura in mm o pollici definite con i comandi G (G93, G94, G95). Per ogni blocco NC può essere programmato un solo valore F. L'unità di misura della velocità di avanzamento viene determinata mediante uno dei comandi G già menzionati. L'avanzamento F ha effetto solo sugli assi vettoriali e resta valido fino a programmazione di un nuovo valore di avanzamento. Dopo l'indirizzo F sono consentiti degli spazi. Nota Se in un blocco con G01 o nei blocchi precedenti non è stato programmato alcun avanzamento, all'esecuzione di un blocco G01 viene attivato un allarme. Il punto finale può essere indicato in quote assolute o incrementali. Per ulteriori dettagli consultare il capitolo "Impostazione con quote assolute/incrementali". Figura 2-2 Interpolazione lineare Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 19

20 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Interpolazione circolare (G02, G03) Formato Per avviare l'interpolazione circolare, devono essere eseguiti i comandi indicati nella tabella seguente. Tabella 2-2 Comandi per l'esecuzione dell'interpolazione circolare Elemento Comando Descrizione Definizione del piano G17 Arco nel piano X -Y G18 Arco nel piano Z -X G19 Arco nel piano Y-Z senso di rotazione G02 in senso orario G03 in senso antiorario Posizione del punto finale due assi di X, Y o Z Posizione del punto finale in un sistema di coordinate del pezzo Distanza punto iniziale - punto centrale due assi di X, Y o Z due assi di I, J o K Distanza punto iniziale - punto finale con segno Distanza punto iniziale - punto centrale del cerchio con segno Raggio dell'arco di cerchio R Raggio dell'arco di cerchio Avanzamento F Velocità lungo l arco Definizione del piano Con i comandi sotto indicati un utensile si sposta lungo l'arco indicato nel piano X-Y, Z-X o Y-Z, in modo che l'avanzamento indicato con "F" venga mantenuto sull'arco. nel piano X-Y: G17 G02 (o G03) X... Y... R... (o I... J... ) F... ; nel piano Z-X: G18 G02 (o G03) Z... X... R... (o K... I... ) F... ; nel piano Y-Z: G19 G02 (o G03) Y... Z... R... (o J... K... ) F... ; Prima della programmazione circolare (con G02, G03) deve prima essere selezionato il piano di interpolazione desiderato con G17, G18 o G19. Per il 4 e 5 asse è consentita l'interpolazione circolare solo se questi sono assi lineari. Con la selezione del piano viene selezionato anche il piano in cui viene eseguita la correzione raggio utensile (G41/G42). Dopo l'attivazione del controllo è impostato automaticamente il piano X-Y (G17). G17 G18 G19 Piano X-Y Piano Z-X Piano Y-Z 20 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

SINUMERIK 840D/840Di/810D. Manuale di programmazione ISO Fresatura

SINUMERIK 840D/840Di/810D. Manuale di programmazione ISO Fresatura SINUMERIK 840D/840Di/810D Manuale di programmazione Edizione 12.2001 Manuale di programmazione ISO Fresatura Documentazione per l utente Programmazione di base 1 Istruzioni per il richiamo di movimenti

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

classe 4 MECCANICI SERALE

classe 4 MECCANICI SERALE TORNIO CNC classe 4 MECCANICI SERALE 1 PARTE COSTRUZIONE DI UN PROGRAMMA TORNIO CNC Il programma di lavorazione deve essere immesso con un formato accettabile dal CNC. Tale formato deve comprendere tutti

Dettagli

SINUMERIK. SINUMERIK 802D sl Macchina manuale Plus Tornitura. Prefazione. Descrizione 1. Interfaccia software 2

SINUMERIK. SINUMERIK 802D sl Macchina manuale Plus Tornitura. Prefazione. Descrizione 1. Interfaccia software 2 Prefazione SINUMERIK SINUMERIK02Dl SINUMERIK SINUMERIK 802D sl Manuale di programmazione e d'uso Descrizione 1 Interfaccia software 2 Inserzione, ricerca del punto di riferimento 3 Configurazione 4 Lavorazione

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TORNIO CNC (controllo Olivetti )

PROGRAMMAZIONE TORNIO CNC (controllo Olivetti ) PROGRAMMAZIONE TORNIO CNC (controllo Olivetti ) Il programma è l insieme di istruzioni in codice necessari al controllo di una macchina utensile equipaggiata con controllo numerico. Il codice è l insieme

Dettagli

Tipi di sessione WebEx. SINUMERIK 810D / 840Di / 840D. eps Network Services Tipi di sessione WebEx SC5.0. White Paper 11/2006 --

Tipi di sessione WebEx. SINUMERIK 810D / 840Di / 840D. eps Network Services Tipi di sessione WebEx SC5.0. White Paper 11/2006 -- 1 SINUMERIK 810D / 840Di / 840D eps Network Services White Paper 11/2006 -- Istruzioni di sicurezza Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

CNC PILOT 4290 Asse B e Y

CNC PILOT 4290 Asse B e Y Manuale utente CNC PILOT 4290 Asse B e Y Software NC 625 952-xx Italiano (it) 8/2010 CNC PILOT 4290 Asse B e Y CNC PILOT 4290 Asse B e Y Questo manuale descrive le funzioni disponibili nel CNC PILOT 4290

Dettagli

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1 Aggiornamento software 1 SIMATIC Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software Manuale di installazione Valido solo per l'aggiornamento del software SIMATIC

Dettagli

CNC: Caratteristiche Software Base

CNC: Caratteristiche Software Base CNC: Caratteristiche Software Base Gestione assi Gestione di controllo fino a 36 assi con 3 processori. Controllo della accelerazione della velocità e dello spazio. Gestione concorrente tra più interpolatori

Dettagli

CNC S4000 CNC S3000 FUNZIONI DI PROGRAMMAZIONE

CNC S4000 CNC S3000 FUNZIONI DI PROGRAMMAZIONE CNC S4000 CNC S3000 FUNZINI DI PRGRAMMAZINE PRNTUARI FUNZINI G Le funzioni di programmazione elencate nelle pagine seguenti sono disponibili sui modelli di Controllo Numerico segnalati con il simbolo

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l.

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l. CATALOGO APPLICAZIONI CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE Versione 1.1 08/08/2013 ISAC S.r.l. CAPITALE SOCIALE 100.000,00 C.F. e P.I. 01252870504 VIA MAESTRI DEL LAVORO, 30 56021 CASCINA (PI) ITALY

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti

IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti IL CNC IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE PER LA MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1- La metodologia ed il linguaggio di programmazione

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

CNC 8055 MC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X

CNC 8055 MC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X CNC 8055 MC Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X Tutti i diritti sono riservati. La presente documentazione, interamente o in parte, non può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata

Dettagli

Documentazione WinCC/WebUX - SIMATIC HMI. WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Documentazione WinCC/WebUX - WebUX - Descrizione 1.

Documentazione WinCC/WebUX - SIMATIC HMI. WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Documentazione WinCC/WebUX - WebUX - Descrizione 1. WebUX - Descrizione 1 Uso di WebUX 2 SIMATIC HMI WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Manuale di sistema Stampa della Guida in linea 09/2014 A5E34377170-AB Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento

Dettagli

CNC 8055 TC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X

CNC 8055 TC. Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X CNC 8055 TC Manuale di autoapprendimento REF. 1010 SOFT: V01.0X Tutti i diritti sono riservati. La presente documentazione, interamente o in parte, non può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO NCONEx

CONTROLLO NUMERICO NCONEx CONTROLLO NUMERICO NCONEx I' NCONEx é l'ultimo controllo numerico prodotto da CNI, riassume tutte le funzionalità dei precedenti controlli numerici sviluppati nell'ambito del gruppo CNI ed esprime al meglio

Dettagli

Manuale di programmazione torni con CN Fanuc

Manuale di programmazione torni con CN Fanuc Manuale di programmazione torni con CN Fanuc R.F. CELADA email: giorgio.cerberi@celada.it Ver. 25.01.2008 2 PREMESSA Da leggere prima di iniziare la consultazione del seguente manuale : 1. Questo manuale

Dettagli

Centro di lavoro verticale OKUMA MB -56VA Matricola : Rif. Anno : 2013

Centro di lavoro verticale OKUMA MB -56VA Matricola : Rif. Anno : 2013 Centro di lavoro verticale OKUMA MB -56VA Matricola : Rif. Anno : 2013 MACCHINA PROVENIENTE DA NOSTRA SALA DIMOSTRAZIONE Foto da catalogo Condizioni di fornitura Disponibilità : maggio 2015 Trasporto :

Dettagli

Software per centro di lavorazione

Software per centro di lavorazione Scheda tecnica H-2000-2295-13-B Software per centro di lavorazione - caratteristiche del software NOVITÀ ORA DISPONIBILI Software base EasyProbe Presetting utensili senza contatto Pacchetti software per

Dettagli

MANUALplus 620 Il controllo numerico continuo per torni ad autoapprendimento e CNC

MANUALplus 620 Il controllo numerico continuo per torni ad autoapprendimento e CNC MANUALplus 620 Il controllo numerico continuo per torni ad autoapprendimento e CNC Dicembre 2012 Start smart Il MANUALplus viene impiegato da anni quotidianamente su torni ad autoapprendimento e si contraddistingue

Dettagli

Esecuzione dell'installazione automatica

Esecuzione dell'installazione automatica Nozioni di base sull'installazione automatica 1 Installazione automatica con il modo Record/Play 2 Installazione automatica dalla riga di comando 3 Elenco dei parametri 4 Esecuzione dell'installazione

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

SINUMERIK 840Di sl/840d sl SINUMERIK 810D/840D. HMI-Advanced. Introduzione. Componenti operativi / sequenze operative. Esempio operativo.

SINUMERIK 840Di sl/840d sl SINUMERIK 810D/840D. HMI-Advanced. Introduzione. Componenti operativi / sequenze operative. Esempio operativo. Introduzione 1 Componenti operativi / sequenze operative 2 SINUMERIK 840Di sl/840d sl SINUMERIK 810D/840D HMI-Advanced Esempio operativo 3 Macchina 4 Parametri 5 Manuale d uso Programma 6 Servizi 7 Diagnostica

Dettagli

Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione

Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione Il linguaggio G-code RS274 Manuale di Programmazione SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...4 1.1 Premessa... 4 1.2 Il linguaggio RS274/NGC.... 4 2 CENNI GENERALI SUI CENTRI DI LAVORO...4 2.1 Principali componenti

Dettagli

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC S7-1500/ET 200MP Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) Manuale del prodotto Prefazione Guida alla documentazione

Dettagli

FANUC series 0-21MC (fresa) FANUC series 0-21TC (tornio)

FANUC series 0-21MC (fresa) FANUC series 0-21TC (tornio) Programmazione di macchine a C.N.C. FANUC series 0-21MC (fresa) FANUC series 0-21TC (tornio) Prof. Ing. Giovanni Bottaini Bibliografia: Manuale di Programmazione macchine utensili C.N.C. Tornitura R.Manzoni

Dettagli

SIMOTION. SIMOTION SCOUT Task Trace. Premessa 1. Sommario 2. Configurazione 3. Utilizzo di SIMOTION Task Profiler. Manuale di guida alle funzioni

SIMOTION. SIMOTION SCOUT Task Trace. Premessa 1. Sommario 2. Configurazione 3. Utilizzo di SIMOTION Task Profiler. Manuale di guida alle funzioni SIMOTION SIMOTION SCOUT SIMOTION SIMOTION SCOUT Premessa 1 Sommario 2 Configurazione 3 Utilizzo di SIMOTION Task Profiler 4 Manuale di guida alle funzioni 05/2009 Avvertenze di legge Avvertenze Concetto

Dettagli

QUOTATURA DISEGNO TECNICO

QUOTATURA DISEGNO TECNICO QUOTATURA DISEGNO TECNICO La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico. La quotatura deve quindi definire

Dettagli

con con costruzione di feature

con con costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D con con costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D: rapidità, sicurezza ed elevata automazione Costruzione di feature Foratura e fresatura 2.5D Importazione dei dati, identificazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica

Dettagli

Rettifica SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/828d Rettifica. Prefazione Avvertenze di sicurezza di base 1

Rettifica SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/828d Rettifica. Prefazione Avvertenze di sicurezza di base 1 SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/828d Manuale d'uso Valido per: Controllo numerico SINUMERIK 840D sl / 840DE sl / 828D Software Versione software di sistema CNC per 840D sl / 840DE sl SINUMERIK Operate per

Dettagli

SINUMERIK 840D sl. CNC: ShopTurn A B. Hardware 1. Condizioni marginali 2. Assegnazioni 3. Messa in servizio 4. Programma PLC 5

SINUMERIK 840D sl. CNC: ShopTurn A B. Hardware 1. Condizioni marginali 2. Assegnazioni 3. Messa in servizio 4. Programma PLC 5 Hardware 1 Condizioni marginali 2 Assegnazioni 3 SINUMERIK 840D sl CNC: ShopTurn Manuale per la messa in servizio Messa in servizio 4 Programma PLC 5 Descrizione del segnale 6 Dati macchina 7 Gestione

Dettagli

FAGOR CNC 800T. Manuale di AUTOAPPRENDIMENTO. Ref. 9804 (ita)

FAGOR CNC 800T. Manuale di AUTOAPPRENDIMENTO. Ref. 9804 (ita) FAGOR CNC 800T Manuale di AUTOAPPRENDIMENTO Ref. 9804 (ita) INDICE Capitolo 1 Questioni teoriche sulla macchina-cnc 1.1.- Assi della macchina...3 1.2.- Zero macchina e zero pezzo.. 4 1.3.- Ricerca del

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- Nella cartella SIMATIC, a cui si accede dal menù di AVVIO, è contenuta la cartella STEP 7- Micro/Win32.Questa contiene a sua volta l icona

Dettagli

TNC-Conv. Versione 2.3 SOFTWARE PER L UTILIZZO DEI PROGRAMMI DI LAVORAZIONE SELCA SUI TNC HEIDENHAIN

TNC-Conv. Versione 2.3 SOFTWARE PER L UTILIZZO DEI PROGRAMMI DI LAVORAZIONE SELCA SUI TNC HEIDENHAIN TNC-Conv Versione 2.3 SOFTWARE PER L UTILIZZO DEI PROGRAMMI DI LAVORAZIONE SELCA SUI TNC HEIDENHAIN TNC-Conv è l utility software sviluppata da HEIDENHAIN ITALIANA per creare, modificare e utilizzare i

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno.

Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno. Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - AutoCAD Creazione di un Nuovo Disegno Everyday drafting will never be the same Laboratorio CAD docente: Giuseppe 1 Modica Creare un

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE COSTRUZIONI GEOMETRICHE Anno Accademico 2014-2015 Le Costruzioni Geometriche Nello studio del disegno tecnico, inteso come linguaggio grafico comune fra i tecnici per la progettazione

Dettagli

SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400

SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400 s SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400 Getting Started Edizione 0/2005 Primi passi L'esempio contemplato da questo prodotto non rappresenta una descrizione autonoma, bensì costituisce una parte del manuale

Dettagli

Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L

Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L [ E[M]CONOMY] significa: Superare grandi sfide nei piccoli lotti. Serie EMCOMAT FB-3 FB-450 L FB-600 L Fresatrici universali ad alta precisione per applicazioni industriali EMCOMAT FB-3 [Testa portafresa

Dettagli

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn ========================================================== SCUOLA PROFESSIONALE PROVINCIALE PER L INDUSTRIA L ARTIGIANATO ED IL COMMERCIO GUGLIELMO MARCONI Via K. WOLF 42. I-39012 Merano (BZ) Tel.: +39

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CNC DI RIFERIMENTO IN ITALIA MASSIMO GRADO DI LIBERTA. Finitura Sferica G200HX4

PROGRAMMAZIONE CNC DI RIFERIMENTO IN ITALIA MASSIMO GRADO DI LIBERTA. Finitura Sferica G200HX4 CNC DI RIFERIMENTO IN ITALIA PROGRAMMAZIONE G200HX4 Finitura Sferica OX1 OY1 OZ1 (origine 1) T3 M6 S3000 M3 G0 Z10 (svincolo iniziale) F1000 (HA: raggio della sfera) (HB: angolo iniziale) (HC: angolo finale)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica Tolleranze

Dettagli

EasySTONE 4.5 Scheda Informativa

EasySTONE 4.5 Scheda Informativa EasySTONE 4.5 Scheda Informativa TOP DA CUCINA TOP DA BAGNO TAVOLI DISPOSIZIONE INTERATTIVA PEZZI E SOTTOPEZZI SIMULAZIONE 3D PIATTO DOCCIA VIRTUAL MILLING CORNICI VASCHE E LAVELLI TORNIO INCISIONE CON

Dettagli

Imetodi usati per la produzione

Imetodi usati per la produzione Un software per ottimizzare la rigidezza d ingranamento In questo articolo si presenta il calcolo delle geometria dei denti usando utensili diversi; sulla base di questa geometria, si calcolano la rigidezza

Dettagli

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione SIMATIC Component Based Automation SIMATIC Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET Manuale di progettazione Prefazione Creazione di componenti PROFINET con

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

HOEPLI TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI. Per gli Istituti Professionali settore Industria e Artigianato

HOEPLI TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI. Per gli Istituti Professionali settore Industria e Artigianato LUIGI CALIGARIS STEFANO FAVA CARLO TOMASELLO ANTONIO PIVETTA TECNOLOGIE MECCANICHE E APPLICAZIONI Per gli Istituti Professionali settore Industria e Artigianato 3 HOEPLI LUIGI CALIGARIS CARLO TOMASELLO

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

CNC COSTANTINO PER MACCHINE

CNC COSTANTINO PER MACCHINE CATALOGO APPLICAZIONI CNC COSTANTINO PER MACCHINE CON TAGLIO LASER, PLASMA ED OXY FUEL Versione 1.0 07/05/2014 ISAC S.r.l. CAPITALE SOCIALE 100.000,00 C.F. e P.I. 01252870504 VIA MAESTRI DEL LAVORO, 30

Dettagli

Programmazione automatizzata produzione efficiente. costruzioni. meccaniche

Programmazione automatizzata produzione efficiente. costruzioni. meccaniche Programmazione automatizzata produzione efficiente costruzioni meccaniche Il software CAM ad alte prestazioni per la vostra produzione Le alte prestazioni del software CAM intelligente hypermill consentono

Dettagli

CCI.Tecu. Dati trattore. Manuale d'uso. Riferimento: CCI.Tecu v5

CCI.Tecu. Dati trattore. Manuale d'uso. Riferimento: CCI.Tecu v5 CCI.Tecu Dati trattore Manuale d'uso Riferimento: CCI.Tecu v5 Introduzione Copyright 2012 Copyright by Competence Center ISOBUS e.v. Zum Gruthügel 8 D-49134 Wallenhorst Numero versione: v5.01 Introduzione

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo.

TEbIS TAglIo A FIlo DIrETTAMEnTE DAl MoDEllo CAD un programma A CnC perfetto per Il TAglIo A FIlo. Tebis Taglio a filo Direttamente dal modello CAD un programma a CNC perfetto per il taglio a filo. Con il nuovo modulo dedicato ai processi di elettroerosione a filo, Tebis rende disponibile un ulteriore

Dettagli

Richiami di meccanica

Richiami di meccanica Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 1 Richiami di meccanica - Tipologie di movimento - E opportuno iniziare questa sintesi degli elementi di meccanica da applicare ai movimenti del corpo umano precisando

Dettagli

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE Precisione e maneggevolezza garantite dalle viti a ricircolo di sfere per la movimentazione dei tre assi X; Y; Z. Macchina comprensiva di schermo antinfortunistico secondo

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO

CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO CENNI DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO 1 MACCHINE UTENSILI TRADIZIONALI (GENERALITA ) MACCHINE VIA VIA SEMPRE MENO USATE MA COMUNQUE UTILI PER CAPIRE I MOVIMENTI NECESSARIE A GENERARE LE VARIE MORFOLOGIE

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Rev. 2.0.0 Promax srl

Rev. 2.0.0 Promax srl www.promax.it Le informazioni contenute nel manuale sono solo a scopo informativo e possono subire variazioni senza preavviso e non devono essere intese con alcun impegno da parte di Promax srl. Promax

Dettagli

PROIEZIONI ORTOGONALI

PROIEZIONI ORTOGONALI PROIEZIONI ORTOGONALI 104 Il metodo della doppia proiezione ortogonale Il metodo attualmente conosciuto come metodo delle proiezioni ortogonali (o proiezioni ortografiche) inizialmente nacque come metodo

Dettagli

MICROFORATRICE CNC MODELLO CR611 CR1015 CR8000 CON CAMBIO ELETTRODI AUTOMATICO

MICROFORATRICE CNC MODELLO CR611 CR1015 CR8000 CON CAMBIO ELETTRODI AUTOMATICO MICROFORATRICE CNC MODELLO CR611 CR1015 CR8000 CON CAMBIO ELETTRODI AUTOMATICO DESCRIZIONE TECNICA DATI TECNICI DATO CR611 CR1015 CR8000 CORSA UTILE ASSE X 550 mm 950 mm 1250 mm CORSA ASSE Y 300 mm 500

Dettagli

WE CREATE SYNERGIES GEAR MM 02. Retrofit per Evolventimetri

WE CREATE SYNERGIES GEAR MM 02. Retrofit per Evolventimetri WE CREATE SYNERGIES GEAR MM 02 Retrofit per Evolventimetri Gear MM 02 è un programma che, corredato ad un Hardware comprendente due trasduttori di posizione lineare ed una testina di rilevamento analogico,

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Informazioni tecniche. QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo

Informazioni tecniche. QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo Informazioni tecniche QWD Macchine per la fabbricazione e la manutenzione degli utensili in PCD con processo di elettroerosione a filo QWD 750/760 Una concezione versatile di macchina per le più elevate

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Danfoss CLX Series. Guida rapida CLX GM SOLAR INVERTERS

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Danfoss CLX Series. Guida rapida CLX GM SOLAR INVERTERS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Danfoss CLX Series Guida rapida CLX GM SOLAR INVERTERS Sommario Sommario 1. Istruzioni importanti 2 Introduzione 2 Simboli 2 Istruzioni di sicurezza 2 2. Panoramica del prodotto

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.

SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2. SOMMARIO 1 Premessa:... 2 2 Costruzione dei pezzi componenti il Ferro da stiro.... 3 2.1 Cover esterna... 4 2.2 Serbatoio d acqua... 17 2.3 Cover interna a copertura della piastra forata... 25 2.4 Piastra

Dettagli

CENTRI DI LAVORO VERTICALI. Serie ROMI D. Caratteristiche tecniche ROMI D 600 ROMI D 800 ROMI D 1000 ROMI D 1250 ROMI D 1500

CENTRI DI LAVORO VERTICALI. Serie ROMI D. Caratteristiche tecniche ROMI D 600 ROMI D 800 ROMI D 1000 ROMI D 1250 ROMI D 1500 CENTRI DI LAVORO VERTICALI Serie ROMI D Caratteristiche tecniche ROMI D 600 ROMI D 800 ROMI D 1000 ROMI D 1250 ROMI D 1500 Testa Cono mandrino ISO 40 40 40 40 Velocità mandrino (modello 6.000 g/min) rpm

Dettagli

Centro Taglio ROBOT-Drive. Dal disegno CAD al pezzo finito Completo, preciso, in un solo passaggio. Innovazione per la carpenteria in legno

Centro Taglio ROBOT-Drive. Dal disegno CAD al pezzo finito Completo, preciso, in un solo passaggio. Innovazione per la carpenteria in legno Centro Taglio ROBOT-Drive Dal disegno CAD al pezzo finito Completo, preciso, in un solo passaggio Innovazione per la carpenteria in legno 2 3 IL nuovo centro taglio Hundegger ROBOT-Drive unisce in modo

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE PER PC-P2HTE

MANUALE DI INSTALLAZIONE PER PC-P2HTE MANUALE DI INSTALLAZIONE E D USO PER PC-P2HTE 1 MANUALE DI INSTALLAZIONE PER PC-P2HTE 1. PRECAUZIONI PER LA SICUREZZA PERICOLO: - NON versare acqua sul dispositivo di controllo remoto (di seguito definito

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero Corso base AutoCAD 2D-3D Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero 1 - Introduzione ad AutoCAD Interfaccia grafica GUI Uso della tastiera Uso del mouse Barra dei menu Menu di scelta rapida

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

SIDAC PANNELLO OPERATORE SYSTEM PER MACCHINE PROGRAMMATE IN ISO E CON AUTO APPRENDIMENTO

SIDAC PANNELLO OPERATORE SYSTEM PER MACCHINE PROGRAMMATE IN ISO E CON AUTO APPRENDIMENTO DOCUMENTAZIONE PER L UTENTE SIDAC PANNELLO OPERATORE SYSTEM PER MACCHINE PROGRAMMATE IN ISO E CON AUTO APPRENDIMENTO SIDAC S.r.L 21017 Samarate (Varese) Via Acquedotto, 111 E_Mail info@sidaccnc.it Tel.

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

SprutCAM è un sistema CAM per la generazione di programmi NC per lavorazioni di fresatura con più assi, tornitura motorizzata ed elettroerosione a

SprutCAM è un sistema CAM per la generazione di programmi NC per lavorazioni di fresatura con più assi, tornitura motorizzata ed elettroerosione a SprutCAM è un sistema CAM per la generazione di programmi NC per lavorazioni di fresatura con più assi, tornitura motorizzata ed elettroerosione a filo, su macchine a controllo numerico. Il sistema consente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili AutoCAD 2D Corso di base Roberta Virili Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ;

Dettagli

Quotatura (UNI ISO 129-1)

Quotatura (UNI ISO 129-1) SCHED DI GGIRNMENT Quotatura (UNI IS 129-1) MENCLTUR Quotatura è l'insieme delle quote e delle informazioni alfanumeriche necessarie a determinare le dimensioni di un oggetto in tutti i suoi elementi.

Dettagli

MA504 Software S (standard) Visualizzatore di quote con sensore magnetico integrato

MA504 Software S (standard) Visualizzatore di quote con sensore magnetico integrato MA504 Software S (standard) Visualizzatore di quote con sensore magnetico integrato 3. Selezione cifra 4. Memorizza valore 5. Display: sostituzione batteria / misura incrementale / segno 2. Modalità programmazione

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Il numero 200013 2013

Dettagli

Correnti alternate. 1. ACDC. Alternative current vs direct current

Correnti alternate. 1. ACDC. Alternative current vs direct current Correnti alternate 1. ACDC. Alternative current vs direct current Bibliografia [1] ENEL, Visita alle centrali, http://www.enel.it/visitacentralihtml/visitacentralihtml/idroelettrica/idroelettrica.asp [2]

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

Le nozioni fondamentali

Le nozioni fondamentali Le nozioni fondamentali Il concetto di funzione che abbiamo introdotto nel capitolo 5 di Algebra si è molto arricchito. Lavorando nel piano cartesiano, abbiamo familiarizzato con il passaggio dalla scrittura

Dettagli