SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINUMERIK. SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl ISO Fresatura. Concetti fondamentali della programmazione. Comandi di movimento 2"

Transcript

1 SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/828d/802d sl SINUMERIK SINUMERIK 840D sl/840di sl/ 828D/802D sl Manuale di programmazione Concetti fondamentali della programmazione 1 Comandi di movimento 2 Comandi di traslazione 3 Ulteriori funzioni 4 A Abbreviazioni B Tabella del codice G C Descrizioni dei dati D Liste dati E Allarmi Valido per Software Versione SINUMERIK 802D sl 1.4 SINUMERIK 828D 2.6 SINUMERIK 840D sl/de sl 2.6 SINUMERIK 840Di sl/die sl /09 6FC5398-7BP10-1CA0

2 Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli di rischio. PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. AVVERTENZA il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi lesioni fisiche. CAUTELA con il triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi. CAUTELA senza triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali. ATTENZIONE indica che, se non vengono rispettate le relative misure di sicurezza, possono subentrare condizioni o conseguenze indesiderate. Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali. Personale qualificato L'apparecchio/sistema in questione deve essere installato e messo in servizio solo rispettando le indicazioni contenute in questa documentazione. La messa in servizio e l'esercizio di un apparecchio/sistema devono essere eseguiti solo da personale qualificato. Con riferimento alle indicazioni contenute in questa documentazione in merito alla sicurezza, come personale qualificato si intende quello autorizzato a mettere in servizio, eseguire la relativa messa a terra e contrassegnare le apparecchiature, i sistemi e i circuiti elettrici rispettando gli standard della tecnica di sicurezza. Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens Si prega di tener presente quanto segue: AVVERTENZA I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un magazzinaggio, un installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati e a regola d arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione. Marchio di prodotto Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i diritti dei proprietari. Esclusione di responsabilità Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche vengono inserite nelle successive edizioni. Siemens AG Industry Sector Postfach NÜRNBERG GERMANIA N. di ordinazione documentazione: 6FC5398-7BP10-1CA0 P 07/2009 Copyright Siemens AG Con riserva di eventuali modifiche tecniche

3 Indice del contenuto 1 Concetti fondamentali della programmazione Osservazioni introduttive Modalità Siemens Modalità dialetto ISO Commutazione tra i modi operativi Visualizzazione del codice G Numero massimo di assi/identificatori di assi Programmazione del punto decimale Commenti Esclusione blocco Requisiti per l'avanzamento Rapido Avanzamento vettoriale (funzione F) Avanzamenti fissi da F0 a F Avanzamento lineare (G94) Avanzamento in inverso del tempo (G93) Avanzamento al giro (G95) Comandi di movimento Comandi di interpolazione Rapido (G00) Interpolazione di rette (G01) Interpolazione circolare (G02, G03) Programmazione del profilo e inserimento di smussi o raggi Interpolazione elicoidale (G02, G03) Interpolazione ad evolvente (G02.2, G03.2) Interpolazione cilindrica (G07.1) Accostamento al punto di riferimento con funzioni G Accostamento al punto di riferimento con punto intermedio (G28) Verifica della posizione di riferimento (G27) Accostamento al punto di riferimento con selezione del punto di riferimento (G30) Comandi di traslazione Il sistema di coordinate Sistema di coordinate macchina (G53) Sistema di coordinate pezzo (G92) Ripristino del sistema di coordinate utensile (G92.1) Selezione di un sistema di coordinate pezzo Scrittura di spostamento origine/correzioni utensile (G10) Sistema di coordinate locale (G52) Selezione del piano (G17, G18, G19) Assi paralleli (G17, G18, G19) Rotazione del sistema di coordinate (G68, G69) Rotazione 3D G68/G Definizione del tipo di immissione per i valori delle coordinate Immissione di quote assolute/incrementali (G90, G91) Immissione in pollici/sistema metrico (G20, G21)...47 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 3

4 Avvertenze di legge Indice del contenuto Fattore di scala (G50, G51) Specularità programmabile (G50.1, G51.1) Comandi temporizzati Tempo di sosta (G04) Funzioni di correzione utensile Memoria dati della correzione utensile Correzione lunghezza utensile (G43, G44, G49) Correzione raggio fresa (G40, G41, G42) Sorveglianza anticollisione Funzioni S, T, M e B Funzione del mandrino (funzione S) Funzione dell'utensile Funzione supplementare (funzione M) Funzioni M per l'influenza sul mandrino Funzioni M per il richiamo di sottoprogrammi Richiamo di macro tramite funzione M Funzioni M Controllo dell'avanzamento Override automatico sugli spigoli G Compressore nella modalità dialetto ISO Arresto preciso (G09, G61), funzionamento continuo (G64), maschiatura (G63) Ulteriori funzioni Funzioni di supporto al programma Cicli di foratura fissi Ciclo di foratura profonda con rottura dei trucioli (G73) Ciclo di foratura fine (G76) Ciclo di foratura, alesatura (G81) Ciclo di foratura, lamatura (G82) Ciclo di foratura profonda con rimozione dei trucioli (G83) Ciclo di foratura (G85) Ciclo di alesatura (G86) Ciclo di alesatura, svasatura inversa (G87) Ciclo di foratura (G89), svincolo con G Ciclo "Maschiatura senza utensile compensato" (G84) Ciclo "Foratura di una filettatura sinistrorsa senza utensile compensato" (G74) Ciclo di maschiatura sinistrorsa o destrorsa (G84 o G74) Disattivazione del ciclo fisso (G80) Esempio di programma con una correzione lunghezza utensile e cicli fissi Filetto a più principi con G Immissione di dati programmabile (G10) Modifica del valore di correzione utensile Limitazione del campo di lavoro (G22, G23) Funzione M per il richiamo di sottoprogrammi (M98, M99) Numero di programma a otto cifre Coordinate polari (G15, G16) Interpolazione delle coordinate polari (G12.1, G13.1) Funzioni di misura Svincolo rapido con G Misurazione con cancellazione del percorso residuo (G31) Misurazione con G31, P1 - P Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

5 Avvertenze di legge Indice del contenuto Programma di interrupt con M96, M Funzione "Controllo tempo di utilizzo utensile" Programmi macro Differenze rispetto ai sottoprogrammi Richiamo di programma macro (G65, G66, G67) Richiamo di macro tramite funzione G Funzioni supplementari Ripetizione del profilo (G72.1, G72.2) Modalità di commutazione per DryRun e livelli di esclusione A Abbreviazioni B Tabella del codice G C Descrizioni dei dati C.1 Dati macchina generici C.2 Dati macchina specifici per canale C.3 Dati di setting specifici per gli assi C.4 Dati di setting specifici per canale D Liste dati D.1 Dati macchina D.2 Dati di setting D.3 Variabili E Allarmi Glossario Indice analitico Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 5

6 Avvertenze di legge Indice del contenuto 6 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

7 Concetti fondamentali della programmazione Osservazioni introduttive Modalità Siemens Nella modalità Siemens valgono le seguenti condizioni: La preimpostazione dei comandi G può essere stabilita per ciascun canale tramite il dato macchina $MC_GCODE_RESET_VALUES. Nella modalità Siemens non possono essere programmati comandi di linguaggio dai dialetti ISO Modalità dialetto ISO Nella modalità dialetto ISO attiva valgono le seguenti condizioni: Per impostare la modalità dialetto ISO come impostazione di default del controllo si possono usare dati macchina. Il controllo si avvia successivamente di norma nella modalità dialetto ISO. Dal dialetto ISO possono essere programmate solo funzioni G; la programmazione di funzioni G Siemens non è possibile nella modalità ISO. Un mix di dialetto ISO e linguaggio Siemens nello stesso blocco NC non è possibile. La commutazione tra dialetto ISO M e dialetto ISO T con un comando G non è possibile. Possono essere richiamati sottoprogrammi che sono programmati per la modalità Siemens. Se devono essere utilizzate funzioni Siemens, è prima necessaria la commutazione alla modalità Siemens Commutazione tra i modi operativi Per la commutazione tra la modalità Siemens e la modalità dialetto ISO è possibile utilizzare le seguenti funzioni G: G290 - Linguaggio di programmazione NC Siemens attivo G291 - Linguaggio di programmazione NC dialetto ISO attivo L'utensile attivo, i correttori utensile e gli spostamenti origine non vengono influenzati dalla commutazione. G290 e G291 devono essere programmati singolarmente in un blocco NC. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 7

8 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Visualizzazione del codice G La visualizzazione del codice G avviene nello stesso linguaggio (Siemens o dialetto ISO) del blocco attuale. Se la visualizzazione dei blocchi viene soppressa con DISPLOF, i codici G continuano a essere visualizzati nel linguaggio in cui viene visualizzato anche il blocco attivo. Esempio Per il richiamo dei cicli standard Siemens vengono utilizzate le funzioni G della modalità dialetto ISO. A tal fine viene programmato DISPLOF all'inizio del relativo ciclo; in questo modo vengono mantenute sulla visualizzazione le funzioni G che sono state programmate nel linguaggio dialetto ISO. PROC CYCLE328 SAVE DISPLOF N N99 RET Procedimento I cicli avvolgimento Siemens vengono richiamati da programmi principali. La selezione della modalità Siemens avviene automaticamente con il richiamo del ciclo avvolgimento. Con DISPLOF, al richiamo del ciclo la visualizzazione del blocco viene congelata; la visualizzazione del codice G continua nella modalità ISO. Con l'attributo "SAVE" i codici G che sono stati modificati nel ciclo avvolgimento vengono ripristinati al loro stato originario al termine del ciclo Numero massimo di assi/identificatori di assi Il numero massimo di assi nella modalità dialetto ISO è 9. Gli identificatori di assi per i primi tre assi sono definiti in modo fisso con X, Y e Z. Tutti gli altri assi possono essere identificati con le lettere A, B, C, U, V e W Programmazione del punto decimale Nella modalità dialetto ISO esistono due tipi di scrittura per la valutazione di valori programmati senza punto decimale: Tipo di scrittura calcolatrice I valori senza punto decimale vengono interpretati come mm, pollici o gradi. Tipo di scrittura standard I valori senza punto decimale vengono moltiplicati per un fattore di conversione. L'impostazione avviene con l'md10884 $MN_EXTERN_FLOATINGPOINT_PROG. Esistono due diversi fattori di conversione, IS-B e IS-C. Questa pesatura si riferisce agli indirizzi X Y Z U V W A B C I J K Q R e F. Esempio: 8 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

9 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Asse lineare in mm: X corrisponde a un valore con virgola decimale: 100,5 mm X 1000 Tipo di scrittura calcolatrice: mm Tipo di scrittura standard: IS-B: 1.000* 0,001= 1 mm IS-C: 1.000* 0,0001= 0,1 mm Dialetto Tabella 1-1 Diversi fattori di conversione per IS-B e IS-C Indirizzo Unità IS-B IS-C Asse lineare mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 Asse rotante Gradi 0,001 0,0001 F avanzamento G94 (mm/pollici al min.) mm pollici 1 0,01 1 0,01 F avanzamento G95 (mm/pollici al min.) mm pollici 0,01 0,0001 0,01 0,0001 F passo del filetto mm pollici 0,01 0,0001 0,01 0,0001 C smusso mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 R raggio, G10 toolcorr mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 Q mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 I, J, K parametri IPO mm pollici 0,001 0,0001 0,0001 0,00001 G04 X o U s 0,001 0,001 A angolo profilo Gradi 0,001 0,0001 G74, G84 cicli di maschiatura $MC_EXTERN_FUNCTION_MASK Bit8 = 0 F come avanzamento come G94, G95 Bit8 = 1 F come passo del filetto Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 9

10 Concetti fondamentali della programmazione 1.1 Osservazioni introduttive Commenti Nella modalità dialetto ISO le parentesi tonde vengono interpretate come simboli di commento. Nella modalità Siemens "," viene interpretato come commento. Per semplificare, nella modalità dialetto ISO anche ";" viene interpretato come commento. Se all'interno di un commento viene utilizzato di nuovo il simbolo di inizio commento '(', il commento viene terminato solo quando tutte le parentesi aperti sono richiuse. Esempio: N5 (commento) X100 Y100 N10 (commento(commento)) X100 Y100 N15 (commento(commento) X100) Y100 Nel blocco N5 e N10 viene eseguito X100 Y100, nel blocco N15 solo Y100, poiché la prima parentesi viene chiusa solo dopo X100. Fino a quel punto viene interpretato tutto come commento Esclusione blocco Il simbolo per escludere o sopprimere i blocchi "/" può trovarsi in un punto a piacere nel blocco, anche in mezzo al blocco stesso. Se il livello di esclusione programmato del blocco al momento della compilazione è attivo, il blocco non viene compilato da questo punto fino al fine blocco. Un livello di esclusione del blocco attivo ha lo stesso effetto di un fine blocco. Esempio: N5 G00 X100. /3 YY100 --> Allarme "errore di sintassi" N5 G00 X100. /3 YY100 --> nessun allarme se il livello di esclusione del blocco 3 è attivo I simboli di esclusione del blocco all'interno di un commento non vengono interpretati come simboli di esclusione del blocco. Esempio: N5 G00 X100. ( /3 parte1 ) Y100 ;anche in caso di livello di esclusione del blocco 3 attivo, l'asse Y viene spostato Possono diventare attivi i livelli di esclusione del blocco da /1 a /9. I valori di esclusione del blocco <1 e >9 comportano l'allarme "Livello di esclusione non ammesso durante l'esclusione del blocco suddiviso". Viene rappresentata la funzione sui livelli di esclusione Siemens esistenti. Al contrario dell'originale del dialetto ISO, "/" e "/1" sono livelli di esclusione separati che devono anche essere attivati separatamente. Nota Lo "0" per "/0" può essere tralasciato. 10 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

11 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento 1.2 Requisiti per l'avanzamento Nel paragrafo seguente viene descritta la funzione di avanzamento con cui viene stabilita la velocità di avanzamento (percorso effettuato al minuto o per giro) di un utensile tagliente Rapido Il rapido viene utilizzato sia per il posizionamento (G00) sia per lo spostamento manuale con il rapido (JOG). Nel rapido ogni asse viene spostato con la velocità in rapido impostata per i singoli assi. La velocità di spostamento in rapido viene stabilita dal costruttore della macchina e predefinita per i singoli assi tramite dati macchina. Poiché gli assi si spostano indipendentemente l'uno dall'altro, ogni asse raggiunge il suo punto di destinazione in un istante diverso. Pertanto il tragitto dell'utensile risultante in generale non è una retta Avanzamento vettoriale (funzione F) Nota Se non viene indicato diversamente, nella presente documentazione viene utilizzata sempre l'unità "mm/min" per la velocità di avanzamento dell'utensile tagliente. L'avanzamento con cui deve essere spostato un utensile in caso di interpolazione lineare (G01) o interpolazione circolare (G02, G03) viene definito con la lettera di indirizzamento "F". Dopo la lettera di indirizzamento "F" l'avanzamento dell'utensile tagliente viene indicato in "mm/min". Il campo ammesso dei valori F è indicato nella documentazione del costruttore della macchina. È possibile che l'avanzamento venga limitato superiormente dal sistema servo e dalla meccanica. L'avanzamento massimo viene impostato tramite dati macchina e limitato prima di un superamento al valore lì stabilito. Di regola l'avanzamento vettoriale è la risultante delle singoli componenti di velocità di tutti gli assi geometrici interessati dal movimento e si riferisce al centro della fresa (vedere le due immagini seguenti). Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 11

12 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Figura 1-1 Interpolazione lineare con 2 assi Figura 1-2 Interpolazione circolare con 2 assi Nel caso di interpolazione 3D, l'avanzamento programmato con F delle rette risultanti viene mantenuto nello spazio. 12 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

13 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Figura 1-3 Avanzamento in caso di interpolazione 3D Nota Se è programmato "F0" e la funzione "Avanzamenti fissi" non è attivata, viene emesso l'allarme "Velocità vettoriale programmata minore o uguale a zero" Avanzamenti fissi da F0 a F9 Attivazione dei valori di avanzamento Da F0 a F9 è possibile attivare dieci diversi valori di avanzamento preimpostati tramite dati di setting. Per attivare con F0 la velocità in rapido, è necessario inserire la relativa velocità nel dato di setting $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0]. I valori di avanzamento da F0 a F9 vengono inseriti nei dati di setting come valori reali. Non viene effettuata alcuna valutazione dei valori immessi. La funzione viene attivata tramite il dato macchina $MC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_ON. Se il DM è impostato su FALSE, F1 - F9 viene interpretato come normale programmazione di avanzamento, ad es. F2 = 2 mm/min, F0 = 0 mm/min. Se il dato macchina è = TRUE, per F0 - F9 vengono presi i valori di avanzamento dal dato di setting $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[ ]. Se in uno dei dati di setting è presente il valore 0, durante la programmazione del corrispondente ampliamento dell'indirizzamento viene attivato l'avanzamento 0. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 13

14 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Esempio $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] = 5000 $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] = 1000 $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[2] = 500 N10 X10 Y10 Z10 F0 G94 ;Accostamento alla posizione a 5000 mm/min N20 G01 X150 Y30 F1 ;Avanzamento 1000 mm/min attivo N30 Z0 F2 ;L'accostamento alla posizione viene effettuato a 500 mm/min N40 Z10 F0 ;Accostamento alla posizione a 5000 mm/min Tabella 1-2 Dati di setting per la preimpostazione degli avanzamenti F Funzione F Dato di setting F0 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] F1 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] F2 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[2] F3 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[3] F4 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[4] F5 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[5] F6 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[6] F7 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[7] F8 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[8] F9 $SC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[9] Avvertenza: Formato di immissione = REAL 14 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

15 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Nota Se la funzione è attivata con il DM $MC_EXTERN_FIXED_FEEDRATE_F1_ON e con F1 - F9 non deve essere attivato il valore di avanzamento dal dato di setting, il valore di avanzamento deve essere programmato come valore reale. Se ad es. un valore di avanzamento deve essere programmato con 1 mm/min, l'avanzamento deve essere programmato con F1.0 invece che con F1. Se l'interruttore "DRY RUN" (funzionamento di prova) è impostato su "ON", tutti i comandi di avanzamento vengono effettuati con l'avanzamento impostato per il funzionamento di prova. La funzione di override avanzamento agisce anche con gli avanzamenti fissi da F0 a F9. L'avanzamento impostato nei dati di setting rimane memorizzato anche dopo la disattivazione del controllo. In un richiamo della macro con G65/G66 il valore programmato con F viene salvato nelle variabili di sistema $C_F, ossia vengono salvati i valori numerici da 0 a 9. Se in un programma di elaborazione durante il richiamo di un ciclo viene programmato un avanzamento fisso (F0 - F9), il valore di avanzamento viene letto dal relativo dato di setting e salvato nelle variabili $C_F. Esempio $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[0] = $SC_FIXED_FEEDRATE_F1_F9[1] = N10 X10 Y10 Z10 F0 G94 ;Posizionamento con 1500 N20 G01 X150 Y30 F1 ;Avanzamento 550 mm/min attivo N40 Z10 F0 ;Posizionamento con 1500 Nota In caso di programmazione della macro con G65/66 per l'indirizzo F viene sempre salvato il valore programmato nella variabile di sistema del ciclo. In caso di F1 - F9 viene inserito ad es. il valore da 1 a 9 nella variabile di sistema del ciclo $C_F. L'indirizzo ha qui il significato di una variabile di trasferimento e non ha alcun riferimento immediato con l'avanzamento. Lo stesso vale per la programmazione del passo del filetto con G33 - G34 con l'indirizzo F. Qui non viene programmato nessun avanzamento con F, bensì la distanza tra due passi del filetto durante un giro del mandrino. Durante la programmazione di cicli (ad es. G81 X.. Y.. Z.. R.. P.. Q.. F..) sotto l'indirizzo F viene programmato sempre l'avanzamento. Pertanto in un blocco di un part program con il richiamo di un ciclo tramite una funzione G (G81 - G87 ecc.) durante la programmazione da F1 a F9 viene scritto nella variabile $C_F il relativo valore dell'avanzamento dal corrispondente dato di setting. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 15

16 Concetti fondamentali della programmazione 1.2 Requisiti per l'avanzamento Limitazioni In caso di modalità dialetto ISO i valori di avanzamento vengono modificati nei dati di setting con un volantino. Nella modalità Siemens gli avanzamenti possono essere influenzati solo come un avanzamento programmato diretto, ad es. tramite interruttore di override Avanzamento lineare (G94) Durante l'indicazione di G94 viene eseguito l'avanzamento indicato secondo la lettera di indirizzamento F nell'unità mm/min, pollici/min o gradi/min Avanzamento in inverso del tempo (G93) Durante l'indicazione di G93 viene eseguito l'avanzamento indicato secondo la lettera di indirizzamento F nell'unità "1/min". Per G93 si tratta di una funzione G con azione modale. Esempio N10 G93 G1 X100 F2 ; ossia il percorso programmato viene eseguito entro mezzo minuto. Nota La funzione di avanzamento in inverso nel tempo 1/min G93 non è implementata in SINUMERIK 802D sl Avanzamento al giro (G95) Durante l'indicazione di G95 l'avanzamento viene eseguito nell'unità mm/giro o pollici/giro con riferimento al mandrino master. Nota Tutti i comandi hanno azione modale. Se il comando G per l'avanzamento viene commutato tra G93, G94 o G95, il valore di avanzamento vettoriale deve essere riprogrammato. Per le lavorazioni con assi rotanti l'avanzamento può essere indicato anche in gradi/giro. 16 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

17 Comandi di movimento Comandi di interpolazione Nel paragrafo seguente vengono descritti i comandi di posizionamento e di interpolazione con i quali viene controllata la traiettoria dell'utensile lungo il profilo programmato, ad es. una retta o un arco Rapido (G00) Il rapido viene utilizzato per un veloce posizionamento dell'utensile, per aggirare il pezzo o per raggiungere i punti di cambio utensile. Le seguenti funzioni G possono essere utilizzate per il richiamo del posizionamento (vedere la tabella seguente): Tabella 2-1 Funzioni G per il posizionamento Funzione G Funzione Gruppo G G00 Rapido 01 G01 Movimento lineare 01 G02 Cerchio/elica in senso orario 01 G02.2 Evolvente in senso orario 01 G03 Cerchio/elica in senso antiorario 01 G03.2 Evolvente in senso antiorario 01 Posizionamento (G00) Formato G00 X... Y... Z... ; Spiegazione Il movimento utensile programmato con G00 viene eseguito con la massima velocità possibile (in rapido). La velocità in rapido viene definita in un dato macchina separatamente per ogni asse. Se il movimento in rapido viene eseguito contemporaneamente in più assi, la velocità in rapido viene determinata dall'asse che impiega la maggior parte del tempo per la sua parte di traiettoria. Gli assi che non sono programmati in un blocco G00 non vengono nemmeno spostati. Durante il posizionamento ogni asse viene spostato indipendentemente l'uno dall'altro con la velocità in rapido preimpostata per ogni asse. Le velocità esatte per la propria macchina sono riportate nella documentazione del costruttore della macchina. Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 17

18 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Figura 2-1 Posizionamento nel funzionamento con 3 assi controllabili contemporaneamente Nota Poiché durante il posizionamento con G00 gli assi si spostano indipendentemente l'uno dall'altro (non c'è interpolazione), ogni asse raggiunge il suo punto finale in un istante diverso. Pertanto durante il posizionamento con più assi è necessaria la massima attenzione affinché durante il posizionamento un utensile non collida con un pezzo o il dispositivo. Interpolazione lineare (G00) L'interpolazione lineare con G00 viene impostata con l'impostazione del dato macchina $MC_EXTERN_GO_LINEAR_MODE. Tutti gli assi programmati si spostano in rapido con interpolazione lineare e raggiungono la loro posizione finale contemporaneamente Interpolazione di rette (G01) Con G01 l'utensile si muove su una retta parallela a un asse, inclinata oppure orientata a piacere nello spazio. L'interpolazione di rette consente ad es. l'esecuzione di superfici 3D, cave ecc. Formato G01 X... Y... Z... F... ; Con G01 l'interpolazione lineare viene eseguita con l'avanzamento vettoriale. Gli assi che non sono indicati nel blocco con G01 non vengono nemmeno spostati. L'interpolazione lineare viene programmata come nell'esempio riportato sopra. 18 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

19 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Avanzamento F per assi lineari La velocità di avanzamento viene definita dall'indirizzo F. A seconda di quando preimpostato nei dati macchina, si considerano valide le unità di misura in mm o pollici definite con i comandi G (G93, G94, G95). Per ogni blocco NC può essere programmato un solo valore F. L'unità di misura della velocità di avanzamento viene determinata mediante uno dei comandi G già menzionati. L'avanzamento F ha effetto solo sugli assi vettoriali e resta valido fino a programmazione di un nuovo valore di avanzamento. Dopo l'indirizzo F sono consentiti degli spazi. Nota Se in un blocco con G01 o nei blocchi precedenti non è stato programmato alcun avanzamento, all'esecuzione di un blocco G01 viene attivato un allarme. Il punto finale può essere indicato in quote assolute o incrementali. Per ulteriori dettagli consultare il capitolo "Impostazione con quote assolute/incrementali". Figura 2-2 Interpolazione lineare Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0 19

20 Comandi di movimento 2.1 Comandi di interpolazione Interpolazione circolare (G02, G03) Formato Per avviare l'interpolazione circolare, devono essere eseguiti i comandi indicati nella tabella seguente. Tabella 2-2 Comandi per l'esecuzione dell'interpolazione circolare Elemento Comando Descrizione Definizione del piano G17 Arco nel piano X -Y G18 Arco nel piano Z -X G19 Arco nel piano Y-Z senso di rotazione G02 in senso orario G03 in senso antiorario Posizione del punto finale due assi di X, Y o Z Posizione del punto finale in un sistema di coordinate del pezzo Distanza punto iniziale - punto centrale due assi di X, Y o Z due assi di I, J o K Distanza punto iniziale - punto finale con segno Distanza punto iniziale - punto centrale del cerchio con segno Raggio dell'arco di cerchio R Raggio dell'arco di cerchio Avanzamento F Velocità lungo l arco Definizione del piano Con i comandi sotto indicati un utensile si sposta lungo l'arco indicato nel piano X-Y, Z-X o Y-Z, in modo che l'avanzamento indicato con "F" venga mantenuto sull'arco. nel piano X-Y: G17 G02 (o G03) X... Y... R... (o I... J... ) F... ; nel piano Z-X: G18 G02 (o G03) Z... X... R... (o K... I... ) F... ; nel piano Y-Z: G19 G02 (o G03) Y... Z... R... (o J... K... ) F... ; Prima della programmazione circolare (con G02, G03) deve prima essere selezionato il piano di interpolazione desiderato con G17, G18 o G19. Per il 4 e 5 asse è consentita l'interpolazione circolare solo se questi sono assi lineari. Con la selezione del piano viene selezionato anche il piano in cui viene eseguita la correzione raggio utensile (G41/G42). Dopo l'attivazione del controllo è impostato automaticamente il piano X-Y (G17). G17 G18 G19 Piano X-Y Piano Z-X Piano Y-Z 20 Manuale di programmazione, 06/09, 6FC5398-7BP10-1CA0

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Safety Integrated per utenti non esperti SINAMICS. Convertitore SINAMICS G Safety Integrated per utenti non esperti

Safety Integrated per utenti non esperti SINAMICS. Convertitore SINAMICS G Safety Integrated per utenti non esperti Rischi e pericoli negli impianti e nelle macchine 1 Azionamenti con "Safety Integrated" nell'applicazione 2 SINAMICS Convertitore SINAMICS G Safety Integrated per utenti non esperti Panoramica delle funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Lavorazioni per asportazione di truciolo

Lavorazioni per asportazione di truciolo Lavorazioni per asportazione di truciolo CONTENUTI Lavorazioni al banco: tracciatura, limatura, taglio, alesatura, filettatura, raschiatura Lavorazioni con macchine utensili: foratura, alesatura, tornitura,

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata Bruna Cavallaro, Treccani scuola 1 Traslare parabole con fuoco e direttrice Su un piano Oxy disegno una parabola, con fuoco e direttrice. poi traslo

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Processi efficienti per una maggiore energia.

Processi efficienti per una maggiore energia. _ COMPETENZA NELL ASPORTAZIONE DEL TRUCIOLO Processi efficienti per una maggiore energia. Soluzioni di settore Settore energia 1 CON ENERGIA VERSO IL FUTURO. I produttori di impianti e componenti per la

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Manuale ProVari. www.provape.com 1

Manuale ProVari. www.provape.com 1 Manuale ProVari Grazie per l'acquisto della sigaretta elettronica ProVari! Si prega di leggere questo manuale prima di utilizzare la sigaretta elettronica. www.provape.com 1 La sigaretta elettronica, nota

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli