Nozioni base di Real Estate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nozioni base di Real Estate"

Transcript

1 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Architettura Biagio Rossetti Laboratorio di Progettazione Architettonica IV B Modulo di Valutazione Economica dei Progetti Anno Accademico 2011/2012 Nozioni base di Real Estate Dott. Gianmarco Bazzani 1

2 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Architettura Biagio Rossetti Laboratorio di Progettazione Architettonica IV B Modulo di Valutazione Economica dei Progetti Anno Accademico 2011/2012 Indice 1. Introduzione 2. Il processo di sviluppo immobiliare 3. Gli operatori 4. La situazione attuale 2

3 1. Introduzione Cosa significa REAL ESTATE? 3

4 1. Introduzione Da Wikipedia: Economia Immobiliare e Real Estate (dall inglese real = immobile e estate = bene ). Sono due locuzioni che si usano per definire nella sua accezione più estesa il settore immobiliare. Oggi la locuzione Real Estate si sta imponendo nell'uso comune anche in Italia ed è presente nei richiami pubblicitari delle tante manifestazioni di settore, nel nome di aziende e nell'uso giornalistico. Il concetto di Real Estate si riferisce ai beni immobiliari derivanti dal sito naturale (terra), più i miglioramenti risultanti dal lavoro umano inclusi fabbricati, attrezzature e macchinari situati sul luogo, oltre a vari diritti di proprietà posti sugli stessi. 4

5 1. Introduzione Ma allora Real Estate significa immobile o immobiliare? Qualcuno sa darmi la definizione di immobile? E di potenzialità edificatoria? E di destinazione d uso? Complesso immobiliare/immobile Indica i seguenti beni oggetto di stima: terreni, fabbricati, impianti fissi e opere edili esterne con espressa esclusione di ogni altro bene ivi compresi beni mobili e beni immateriali. Edificio/fabbricato Qualsiasi costruzione coperta, comunque infissa al suolo con le più svariate tecnologie, isolate da vie e spazi vuoti, oppure separata da altre costruzioni mediante muri maestri che si elevano dalle fondamenta al tetto, che disponga di uno o più liberi accessi sulla via ed abbia una o più scale autonome. Si considera parte integrante del fabbricato l area occupata dalla costruzione e quella che ne costituisce pertinenza. 5

6 1. Introduzione Area edificabile Indica un appezzamento di terreno che, secondo le indicazioni dello strumento urbanistico vigente (P.R.G., P.S.C., etc.), presenta destinazione d uso (residenziale, commerciale, terziaria, artigianale, industriale, ricettiva, etc.) attribuita ed è edificabile secondo le indicazioni ed i parametri forniti dallo strumento stesso. Potenzialità edificatoria Suscettibilità di un area di essere edificata in base allo strumento urbanistico vigente. Destinazione d uso Funzione (residenza, commercio, attività produttive, etc.) a cui, in base alle norme urbanistiche e edilizie o nei fatti, è destinato uno spazio o edificio urbano. Può essere principale, quando qualifica le caratteristiche di una zona, complementare quando integra quella principale; eventuale quando pur non rientrando nei primi due casi non è esplicitamente in contrasto con essi. 6

7 1. Introduzione Norme tecniche di attuazione Norme che specificano gli interventi previsti da un piano urbanistico generale o particolareggiato, precisando le indicazioni quantitative e qualitative di zona. Strumento urbanistico attuativo Gli Strumenti Urbanistici Attuativi articolano e definiscono la struttura del progetto urbano e architettonico complessivo delle aeree da riqualificare e per i nuovi insediamenti, sulla base degli orientamenti definiti dallo strumento urbanistico comunale vigente (P.R.G., P.S.C. o nuovi strumenti su base regionale). In base agli ambiti previsti ed alla normativa di riferimento gli strumenti attuativi possono essere denominati come segue: Piano Urbanistico Attuativo, Piano Particolareggiato, Piano di Recupero, Programma Integrato di Intervento, etc. Permesso di costruire E un provvedimento amministrativo emesso dall'autorità comunale, che autorizza l'attività di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, in conformità agli strumenti di pianificazione urbanistica. 7

8 1. Introduzione Superficie lorda E quella misurata al filo esterno dei muri perimetrali del fabbricato, è espressa in mq ed è solitamente computata graficamente da planimetrie in scala. Superficie utile O netta o di calpestio indica la superficie lorda al netto dei muri perimetrali ed interni. Superficie commerciale Superficie coperta al lordo delle murature esterne, alla mezzeria delle murature interne ed esterne confinanti con proprietà di terzi, al netto dei locali tecnologici e dei cavedi. I balconi sono contati al 50% e le terrazze (>10 mq) al 33%; i garages sono conteggiati a parte e per intero. Vengono incluse le scale in condominio per la frazione corrispondente al numero di utilizzatori che si affacciano sullo stesso pianerottolo. Le cantine non entrano nel conteggio perché considerate inscindibili dal fabbricato. 8

9 1. Introduzione Costo (nell accezione in cui viene usato nella valutazione immobiliare) E riferito alla produzione di un bene e non al suo scambio. Nella valutazione immobiliare si distinguono diversi tipi di costi: diretti, indiretti, di costruzione e di sviluppo. Costi diretti Comprendono le spese per gli stipendi e l acquisto del materiale per la costruzione di un bene. Costi indiretti Si riferiscono a tutte le altre voci di spesa che si presentano nel corso della costruzione. Costo di costruzione Rappresenta la somma dei precedenti. Costo di sviluppo E la spesa necessaria per creare una proprietà (compreso l acquisto del terreno) e per portarla ad uno stato operativo efficiente. Prezzo Rappresenta la somma che un determinato acquirente paga e un determinato venditore accetta, nelle circostanze specifiche in cui avviene la transazione. 9

10 1. Introduzione Valore Rappresenta l equivalente monetario di un bene, di una proprietà o di un servizio, ad una certa data, sia per il venditore che per l acquirente. Valore di mercato (VM) E il più probabile prezzo di trasferimento (compravendita) di un bene immobile, e dipende dalla libera determinazione delle parti alla conclusione del contratto, senza condizionamenti coercitivi della volontà, da una ragionevole conoscenza da parte di entrambi i contraenti dei possibili usi e delle caratteristiche dell immobile, nonché delle condizioni esistenti sul libero mercato, l ipotesi che l immobile sia offerto sul libero mercato per un periodo corrispondente a quello ragionevolmente sufficiente per reperire un compratore. Asset allocation Selezione/scelta delle attività (asset) in cui investire, per ottenere la composizione ottimale di un portafoglio, nel rispetto del profilo di rischiorendimento desiderato. 10

11 1. Introduzione Business plan Documento contenente la pianificazione dello sviluppo dell attività di una società. Portfolio immobiliare Insieme di immobili appartenenti ad una singola unità o vendute e comprate congiuntamente. Promotore I soggetti che realizzano l insediamento, valutano gli studi di fattibilità, l operazione nel suo complesso, il rischio correlato all aspettativa del r.o.i. e quindi si impegnano a reperire, a proprio rischio, le risorse necessarie, affidando eventualmente in appalto le susseguenti operazioni. Il promotore può configurarsi come una figura specialistica o, in alcuni casi, in figure spurie per cui il promotore è anche il proprietario del terreno o lo stesso realizzatore dell'iniziativa. 11

12 2. Il processo di sviluppo immobiliare Il processo di sviluppo immobiliare 12

13 2. Il processo di sviluppo immobiliare Si può distinguere in 4 fasi: 1. FASE DI RICERCA E SVILUPPO: in questa fase si cerca quella che si ritiene essere la migliore area da sviluppare tra quelle disponibili, vengono definiti gli obiettivi dell intervento e vengono effettuate alcune verifiche di prefattibilità 2. FASE DI PROGETTAZIONE: in questa fase viene definito l intervento in tutti i suoi aspetti, da quelli tecnici a quelli economico-finanziari, effettuando verifiche incrociate 3. FASE DI COSTRUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE: in questa fase viene avviata la realizzazione materiale dell intervento e vengono messe in atto le strategie di vendita degli immobili ideate precedentemente 4. FASE DI ESERCIZIO/GESTIONE: in questa fase l immobile è perfettamente fruibile per lo scopo per il quale è stato costruito e produce dunque appieno i suoi effetti economici 13

14 2. Il processo di sviluppo immobiliare 1. FASE DI RICERCA E SVILUPPO In questa fase vengono considerate tutte le aree potenzialmente da sviluppare, da quelle mai sviluppate in precedenza (green field development) a quelle già sviluppate nel passato (brown field development), disponibili in quel determinato momento o in un immediato futuro. Individuata quella che si ritiene essere la migliore, vengono ipotizzate diverse soluzioni d intervento, per poi orientarsi verso quella più opportuna, che costituirà la base di partenza sulla quale formulare la vera e propria ipotesi di sviluppo. A seconda che il soggetto che promuove l intervento sia un soggetto privato o un soggetto pubblico variano gli obiettivi e alcune verifiche effettuate in questa attività iniziale (per il privato highest and best use, per il pubblico utilità sociale). 14

15 2. Il processo di sviluppo immobiliare 2. FASE DI PROGETTAZIONE In questa fase l ipotesi di sviluppo ideata in precedenza viene tradotta in progetto urbanistico/edilizio ed economico-finanziario; esso deve essere coerente con gli obiettivi fissati e rispettare, naturalmente, quanto previsto dallo strumento urbanistico vigente: tutto ciò viene verificato tramite analisi di fattibilità. Si rende poi necessario instaurare contatti e relazioni con soggetti pubblici e privati per definire il progetto esecutivo e procedere con la richiesta delle autorizzazioni necessarie all intervento. Vengono quindi attivati processi di negoziazione/concertazione tra i vari soggetti coinvolti, in primis tra soggetto privato e soggetto pubblico, con quest ultimo che ha il compito di mediare tra gli interessi del privato e l utilità sociale dell intervento. Altri attori con i quali è necessario confrontarsi sono tecnici, enti gestori, finanziatori, assicuratori. 15

16 2. Il processo di sviluppo immobiliare 3. FASE DI REALIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE In questa fase, una volta ottenute tutte le autorizzazioni necessarie sulla base di un progetto esecutivo definitivo, viene avviata la realizzazione vera e propria dell intervento tramite piani di cantierizzazione, cronoprogrammi, computi metrici, capitolati, appalti. L effettiva realizzazione dell intervento viene garantita dal finanziatore, il quale deve valutare l appetibilità e l effettiva validità del progetto, l affidabilità dei soggetti e delle imprese coinvolte e le reali possibilità di successo dell intervento. Ciò vale sia per un intervento di natura privata sia di natura pubblica. Viene poi attuata la strategia commerciale di vendita ideata in precedenza, promuovendo l intervento presso i soggetti potenzialmente interessati ed utilizzando i canali ritenuti più idonei. 16

17 2. Il processo di sviluppo immobiliare 4. FASE DI ESERCIZIO/GESTIONE In questa fase l immobile è perfettamente fruibile dagli occupanti per lo scopo per il quale è stato progettato e costruito. Esistono modi diversi di utilizzo dell immobile, che dipendono dalla destinazione d uso dello stesso (residenza, commercio, ufficio, etc.), dai fruitori e dalle finalità per cui è stato acquistato. La gestione dell immobile è una delle fasi strategiche del processo, attraverso la quale vengono garantiti il rientro dell investimento e la qualità del servizio. Essa si svolge sia dal punto di vista manutentivo sia economico: dalla prima, in particolare, dipende la durata dell immobile, dalla seconda dipendono gli effetti economici attesi. 17

18 2. Il processo di sviluppo immobiliare Lusail City, Doha - Qatar 18

19 2. Il processo di sviluppo immobiliare Skyline Plaza, Francoforte - Germania 19

20 2. Il processo di sviluppo immobiliare CityLife, Milano - Italia 20

21 2. Il processo di sviluppo immobiliare Porta Nuova, Milano - Italia 21

22 3. Gli operatori Gli operatori 22

23 3. Gli operatori Non esiste una classificazione univoca delle diverse figure che operano nel settore immobiliare, ma una prima grande differenziazione può essere fatta tra chi si occupa solo di sviluppo, chi si occupa solo di immobili esistenti e chi offre servizi ai diversi player. Una classificazione di massima potrebbe essere la seguente: Developer o sviluppatore: sono i soggetti che acquistano un area o un fabbricato dismesso e, operando una serie di attività, arrivano alla creazione di un prodotto nuovo. Property Company: tipicamente investono in beni immobili esistenti con lo scopo di trarne un reddito dalla locazione. Property Management Company: hanno un modello di business misto, in quanto le revenues sono generate sia dai ritorni su investimenti immobiliari sia dai servizi che la stessa società vende alla sua partecipata per garantire il funzionamento della stessa. Service Providers: soggetti che non compiono nessun investimento immobiliare ma erogano servizi (intermediazione, due diligence, etc.). Fondi immobiliari: soggetti che una volta raccolti i capitali dai sottoscrittori delle quote investono nel settore. 23

24 3. Gli operatori Developer o sviluppatore Sono i soggetti che creano valore attraverso il processo di acquisizione, trasformazione e vendita del prodotto immobiliare. Si occupa di: ideazione del progetto analisi dei vincoli analisi di mercato analisi economico-finanziaria fasi di analisi concertazione con la Pubblica Amministrazione fase intermedia negoziazione con i diversi fornitori esecuzione dei lavori attività commerciale fasi operative 24

25 3. Gli operatori Property Company Sono le società il cui modello di business si basa principalmente sull idea di investire il denaro degli azionisti, con un orizzonte temporale di mediolungo periodo, in immobili esistenti per trarre il ritorno dell investimento da due distinte voci: il reddito da locazione; le potenziali plusvalenze generabili dalla vendita di singoli asset o di portafogli di asset, qualora il mercato offra delle opportunità. Le property company, a seconda del paese nel quale operano, investono in tipologie di immobili diverse (residenze, uffici, etc.). Vi sono poi alcune società che sono principalmente interessate a immobili con eccellente location, altissimo livello architettonico e finiture (i cosiddetti trophy asset). 25

26 3. Gli operatori Property Management Company Sono le società che hanno un modello di business basato sulla capacità di generare ricavi da due punti di vista: attraverso le plusvalenze generate dalle attività d investimento (tipicamente in joint venture con altri operatori); attraverso l erogazione di servizi verso terzi o verso le società in cui si è investito in joint. La filiera di servizi è composta come segue: Asset Management: rappresenta il più importante dei servizi in quanto è proprio attraverso l attività di asset, che a cascata governa tutte le altre attività, che si mettono in moto i meccanismi di creazione di valore per gli azionisti. Svolge tutte le attività di analisi di portafoglio e investimento volte alla creazione di valore aggiunto alla proprietà. 26

27 3. Gli operatori Property Management Company Property Management: è l implementatore operativo delle decisioni sull asset, cioè quello che agisce per far sì che le decisioni prese si realizzino. Si occupa della gestione del patrimonio immobiliare della proprietà nell ottica di massimizzazione della redditività e nell ottimizzazione dei costi. Operativamente si occupa della gestione amministrativa, tecnica, legale, economica e commerciale. Facility Management: rappresenta l ultimo livello di fornitura di servizi in termini di marginalità ma il più complesso in termini organizzativi. Si occupa dei servizi alle persone, allo spazio e all edificio cioè, in altre parole, delle manutenzioni, della pulizia, etc. Project Construction Management: si occupa di governare il processo di costruzione governando tutti i diversi fornitori esterni essendo l unico responsabile del rispetto di tempi, costi e qualità. Agency: ha un importanza cruciale in tutto il processo di gestione e valorizzazione in quanto rappresenta il vero link con il mercato. 27

28 3. Gli operatori Service Providers Sono tipicamente società che erogano servizi come l agenzia, l intermediazione creditizia, le attività di due diligence o servizi di project construction management. La tendenza degli operatori è quella di specializzarsi in uno solo dei servizi che sono erogabili, questo per garantire un livello di qualità adeguato. Tra i diversi servizi quello di gran lunga più importante in termini di persone coinvolte e fatturato generato è quello relativo all intermediazione immobiliare. Tipicamente gli operatori segmentano i loro servizi a seconda dei clienti cui si rivolgono e della tipologia di immobili: residenziale e commerciale per il grande pubblico, corporate, lusso. 28

29 4. La situazione attuale La situazione attuale 29

30 4. La situazione attuale : Gli USA - la genesi della crisi Esplosione della bolla internet 11 Settembre 2001 Guerra in Iraq Inizio della crisi economica nel Forte ribasso dei tassi target della FED (dal 7 per cento del 2001 all 1 per cento nel 2005) Abbondante liquidità Basso costo del denaro Stagnazione dei salari Fonte: J. Attali La crisi e poi? Le famiglie sono spinte a indebitarsi (credito a consumo) Crescita dei valori immobiliari Le famiglie sono spinte a indebitarsi (mutui immobiliari) Condizioni di credito molto elastiche Consumo Ottimi risultati delle imprese Creazione di nuovi posti di lavoro Aumento del valore dei beni Aumento dell effetto ricchezza Accesso alla proprietà dei nuclei familiari poveri Cartolarizzazione dei crediti (RMBS, ABS, CDO) Crediti subprime 600 miliardi di dollari nel 2006 Aumento del rischio Crediti Alt-A, prime, Jumbo, FHA/VA 30

31 4. La situazione attuale : Il meccanismo si rompe Rischio di surriscaldamento dell economia Deficit commerciale abissale Iperindebitamento delle famiglie (risparmio reale negativo) Rialzo dei tassi target Della FED (da 1 per cento nel 2005 al 3.75 per cento nel 2007) Mancati pagamenti di alcune famiglie Iperindebitate a tassi variabili, specialmente sui subprime Rarefazione del credito immobiliare Aumento degli espropri immobiliari RMBS (Residential Mortgage Backed Security) Miliardi di dollari nel 2006 oggi? Il valore dei prodotti cartolarizzati crolla Il valore degli immobili crolla ABS (Asset Backed Security) miliardi di dollari nel 2006 oggi? I prodotti cartolarizzati diventeranno illiquidi CDO (Collateralized Debt Obbligation) CDS (Credit Default Swap) Deprezzamento degli attivi Crisi della liquidità. Le banche non si fanno più prestiti tra di loro Fonte: J. Attali La crisi e poi? 31

32 4. La situazione attuale : La crisi si estende Svalorizzazione delle poste attive e patrimoniali Norme contabili IFRS (Free Value) Illiquidità degli attivi delle banche Rarefazione del rifinanziamento Perdite importanti per le banche Estensione della crisi immobiliare a tutta la sfera finanziaria Rivalutazione dei bilanci delle banche Fallimenti per le banche Obbligo a vendere Congelamento del credito (carte di credito, credito per automobili e credito al Consumo ) Intervento degli Stati per spegnere l incendio Crollo dei valori di borsa Speculazione (vendite allo scoperto) Caduta dei consumi Panico delle famiglie Fonte: J. Attali La crisi e poi? Recessione Imprese in difficoltà Crollo di posti di lavoro Fallimenti Depressione 32

33 4. La situazione attuale Le compravendite in Italia nel 2011 Fonte: OMI Agenzia del Territorio IV Nota Trimestrale e sintesi annua

34 4. La situazione attuale Andamento delle compravendite in Italia per settore dal 2004 Fonte: OMI Agenzia del Territorio IV Nota Trimestrale e sintesi annua

35 4. La situazione attuale Le compravendite in Italia dal 2005 Fonte: elaborazione su dati OMI Agenzia del Territorio Note Annue varie 35

36 4. La situazione attuale Secondo le prime stime effettuate da CB Richard Ellis sul volume degli investimenti immobiliari in Europa, nel 2011 sono stati investiti 118 miliardi di euro, con un incremento del 7% rispetto al Come si può notare in Italia è arrivato e arriverà ben poco 36

37 4. La situazione attuale Nel 2009 l economia mondiale è entrata in una delle maggiori recessioni della storia. Si tratta della prima crisi finanziaria ed economica ad avere una estensione planetaria. L andamento generale dell economia mondiale è una variabile che, nell ottica di un sistema sempre più globalizzato ed internazionale, va tenuta in attenta considerazione al fine di realizzare una previsione sull andamento dell economia nazionale, in generale, e del settore delle costruzioni, in particolare. La crisi è stata più grave rispetto alle previsioni degli osservatori più pessimisti. Già nel 2009 la caduta degli investimenti, nel settore delle costruzioni, è stata pari al 10,1%, accompagnata da un contrazione di tutti i comparti. La flessione è stata trainata dalla nuove costruzioni: edilizia residenziale -19,2%, edilizia non residenziale privata -15,9%, opere del genio civile, che invece avrebbero dovuto svolgere una forte funzione anticongiunturale, 6%. Anche la manutenzione straordinaria del patrimonio esistente cede comunque il 5,4% degli investimenti rispetto al Dal 2007 al 2009 gli investimenti in costruzioni hanno fatto i conti con una caduta così ripida che li riporta all inizio anni

38 4. La situazione attuale MERCATO TREND POSITIVO ( FINE ANNI ) Si compra per soddisfare l esigenza abitativa Il mercato accetta qualunque tipologia di bene La qualità è garantita dal rispetto delle regole dell arte e dall utilizzo dei materiali più idonei e durevoli rispetto all utilizzo e alla funzione dell edificio stesso La qualità è direttamente legata al costo di costruzione Il costruttore/investitore meno spende più guadagna La crescita immobiliare e le diverse destinazioni d uso seguono una logica di costante crescita economica Nasce il concetto dell applicazione dei principi del mercato finanziario al Real Estate (l immobile vale in funzione di quanto rende) 38

39 4. La situazione attuale MERCATO IN FASE DI STASI (OGGI) Siamo in piena crisi economica L esigenza abitativa è soddisfatta Sono crollate le logiche finanziarie degli anni precedenti Stretta del credito (credit crunch) Chi compra casa tende a migliorare la situazione esistente Il mercato premia quei beni che si distinguono La qualità è garantita dal rispetto delle regole dell arte e da una progettazione attenta a tutto il ciclo di vita dell immobile La qualità vuol anche dire gestione futura Il costruttore/investitore per rimanere sul mercato deve offrire un prodotto che si distingua e che a parità di location faccia la differenza su qualità costruttiva e gestionale; Nascono nuovi valori : ambiente risparmio energetico qualità della vita 39

40 4. La situazione attuale PROSPETTIVE PER IL FUTURO? Gli analisti sono concordi nell affermare che qualche timido segnale positivo ci sia, ma sono anche concordi nell affermare che il 2012 sarà sostanzialmente stabile, con un numero di compravendite e investimenti immobiliari simili a quelli del Gli operatori, per veder ripartire il mercato, si aspettano ed auspicano un repricing al ribasso degli immobili, come del resto è già avvenuto in altri Paesi europei; la tendenza sembra essere invece quella di una sostanziale tenuta dei valori nelle grandi città e un lieve calo nelle altre. Inoltre non bisogna dimenticare che quest anno dovrebbe finalmente iniziare in maniera seria la dismissione di una prima parte degli immobili pubblici da parte degli Enti proprietari (ex caserme, edifici di rappresentanza, etc.) Staremo a vedere 40

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli