Nozioni base di Real Estate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nozioni base di Real Estate"

Transcript

1 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Architettura Biagio Rossetti Laboratorio di Progettazione Architettonica IV B Modulo di Valutazione Economica dei Progetti Anno Accademico 2011/2012 Nozioni base di Real Estate Dott. Gianmarco Bazzani 1

2 Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Architettura Biagio Rossetti Laboratorio di Progettazione Architettonica IV B Modulo di Valutazione Economica dei Progetti Anno Accademico 2011/2012 Indice 1. Introduzione 2. Il processo di sviluppo immobiliare 3. Gli operatori 4. La situazione attuale 2

3 1. Introduzione Cosa significa REAL ESTATE? 3

4 1. Introduzione Da Wikipedia: Economia Immobiliare e Real Estate (dall inglese real = immobile e estate = bene ). Sono due locuzioni che si usano per definire nella sua accezione più estesa il settore immobiliare. Oggi la locuzione Real Estate si sta imponendo nell'uso comune anche in Italia ed è presente nei richiami pubblicitari delle tante manifestazioni di settore, nel nome di aziende e nell'uso giornalistico. Il concetto di Real Estate si riferisce ai beni immobiliari derivanti dal sito naturale (terra), più i miglioramenti risultanti dal lavoro umano inclusi fabbricati, attrezzature e macchinari situati sul luogo, oltre a vari diritti di proprietà posti sugli stessi. 4

5 1. Introduzione Ma allora Real Estate significa immobile o immobiliare? Qualcuno sa darmi la definizione di immobile? E di potenzialità edificatoria? E di destinazione d uso? Complesso immobiliare/immobile Indica i seguenti beni oggetto di stima: terreni, fabbricati, impianti fissi e opere edili esterne con espressa esclusione di ogni altro bene ivi compresi beni mobili e beni immateriali. Edificio/fabbricato Qualsiasi costruzione coperta, comunque infissa al suolo con le più svariate tecnologie, isolate da vie e spazi vuoti, oppure separata da altre costruzioni mediante muri maestri che si elevano dalle fondamenta al tetto, che disponga di uno o più liberi accessi sulla via ed abbia una o più scale autonome. Si considera parte integrante del fabbricato l area occupata dalla costruzione e quella che ne costituisce pertinenza. 5

6 1. Introduzione Area edificabile Indica un appezzamento di terreno che, secondo le indicazioni dello strumento urbanistico vigente (P.R.G., P.S.C., etc.), presenta destinazione d uso (residenziale, commerciale, terziaria, artigianale, industriale, ricettiva, etc.) attribuita ed è edificabile secondo le indicazioni ed i parametri forniti dallo strumento stesso. Potenzialità edificatoria Suscettibilità di un area di essere edificata in base allo strumento urbanistico vigente. Destinazione d uso Funzione (residenza, commercio, attività produttive, etc.) a cui, in base alle norme urbanistiche e edilizie o nei fatti, è destinato uno spazio o edificio urbano. Può essere principale, quando qualifica le caratteristiche di una zona, complementare quando integra quella principale; eventuale quando pur non rientrando nei primi due casi non è esplicitamente in contrasto con essi. 6

7 1. Introduzione Norme tecniche di attuazione Norme che specificano gli interventi previsti da un piano urbanistico generale o particolareggiato, precisando le indicazioni quantitative e qualitative di zona. Strumento urbanistico attuativo Gli Strumenti Urbanistici Attuativi articolano e definiscono la struttura del progetto urbano e architettonico complessivo delle aeree da riqualificare e per i nuovi insediamenti, sulla base degli orientamenti definiti dallo strumento urbanistico comunale vigente (P.R.G., P.S.C. o nuovi strumenti su base regionale). In base agli ambiti previsti ed alla normativa di riferimento gli strumenti attuativi possono essere denominati come segue: Piano Urbanistico Attuativo, Piano Particolareggiato, Piano di Recupero, Programma Integrato di Intervento, etc. Permesso di costruire E un provvedimento amministrativo emesso dall'autorità comunale, che autorizza l'attività di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, in conformità agli strumenti di pianificazione urbanistica. 7

8 1. Introduzione Superficie lorda E quella misurata al filo esterno dei muri perimetrali del fabbricato, è espressa in mq ed è solitamente computata graficamente da planimetrie in scala. Superficie utile O netta o di calpestio indica la superficie lorda al netto dei muri perimetrali ed interni. Superficie commerciale Superficie coperta al lordo delle murature esterne, alla mezzeria delle murature interne ed esterne confinanti con proprietà di terzi, al netto dei locali tecnologici e dei cavedi. I balconi sono contati al 50% e le terrazze (>10 mq) al 33%; i garages sono conteggiati a parte e per intero. Vengono incluse le scale in condominio per la frazione corrispondente al numero di utilizzatori che si affacciano sullo stesso pianerottolo. Le cantine non entrano nel conteggio perché considerate inscindibili dal fabbricato. 8

9 1. Introduzione Costo (nell accezione in cui viene usato nella valutazione immobiliare) E riferito alla produzione di un bene e non al suo scambio. Nella valutazione immobiliare si distinguono diversi tipi di costi: diretti, indiretti, di costruzione e di sviluppo. Costi diretti Comprendono le spese per gli stipendi e l acquisto del materiale per la costruzione di un bene. Costi indiretti Si riferiscono a tutte le altre voci di spesa che si presentano nel corso della costruzione. Costo di costruzione Rappresenta la somma dei precedenti. Costo di sviluppo E la spesa necessaria per creare una proprietà (compreso l acquisto del terreno) e per portarla ad uno stato operativo efficiente. Prezzo Rappresenta la somma che un determinato acquirente paga e un determinato venditore accetta, nelle circostanze specifiche in cui avviene la transazione. 9

10 1. Introduzione Valore Rappresenta l equivalente monetario di un bene, di una proprietà o di un servizio, ad una certa data, sia per il venditore che per l acquirente. Valore di mercato (VM) E il più probabile prezzo di trasferimento (compravendita) di un bene immobile, e dipende dalla libera determinazione delle parti alla conclusione del contratto, senza condizionamenti coercitivi della volontà, da una ragionevole conoscenza da parte di entrambi i contraenti dei possibili usi e delle caratteristiche dell immobile, nonché delle condizioni esistenti sul libero mercato, l ipotesi che l immobile sia offerto sul libero mercato per un periodo corrispondente a quello ragionevolmente sufficiente per reperire un compratore. Asset allocation Selezione/scelta delle attività (asset) in cui investire, per ottenere la composizione ottimale di un portafoglio, nel rispetto del profilo di rischiorendimento desiderato. 10

11 1. Introduzione Business plan Documento contenente la pianificazione dello sviluppo dell attività di una società. Portfolio immobiliare Insieme di immobili appartenenti ad una singola unità o vendute e comprate congiuntamente. Promotore I soggetti che realizzano l insediamento, valutano gli studi di fattibilità, l operazione nel suo complesso, il rischio correlato all aspettativa del r.o.i. e quindi si impegnano a reperire, a proprio rischio, le risorse necessarie, affidando eventualmente in appalto le susseguenti operazioni. Il promotore può configurarsi come una figura specialistica o, in alcuni casi, in figure spurie per cui il promotore è anche il proprietario del terreno o lo stesso realizzatore dell'iniziativa. 11

12 2. Il processo di sviluppo immobiliare Il processo di sviluppo immobiliare 12

13 2. Il processo di sviluppo immobiliare Si può distinguere in 4 fasi: 1. FASE DI RICERCA E SVILUPPO: in questa fase si cerca quella che si ritiene essere la migliore area da sviluppare tra quelle disponibili, vengono definiti gli obiettivi dell intervento e vengono effettuate alcune verifiche di prefattibilità 2. FASE DI PROGETTAZIONE: in questa fase viene definito l intervento in tutti i suoi aspetti, da quelli tecnici a quelli economico-finanziari, effettuando verifiche incrociate 3. FASE DI COSTRUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE: in questa fase viene avviata la realizzazione materiale dell intervento e vengono messe in atto le strategie di vendita degli immobili ideate precedentemente 4. FASE DI ESERCIZIO/GESTIONE: in questa fase l immobile è perfettamente fruibile per lo scopo per il quale è stato costruito e produce dunque appieno i suoi effetti economici 13

14 2. Il processo di sviluppo immobiliare 1. FASE DI RICERCA E SVILUPPO In questa fase vengono considerate tutte le aree potenzialmente da sviluppare, da quelle mai sviluppate in precedenza (green field development) a quelle già sviluppate nel passato (brown field development), disponibili in quel determinato momento o in un immediato futuro. Individuata quella che si ritiene essere la migliore, vengono ipotizzate diverse soluzioni d intervento, per poi orientarsi verso quella più opportuna, che costituirà la base di partenza sulla quale formulare la vera e propria ipotesi di sviluppo. A seconda che il soggetto che promuove l intervento sia un soggetto privato o un soggetto pubblico variano gli obiettivi e alcune verifiche effettuate in questa attività iniziale (per il privato highest and best use, per il pubblico utilità sociale). 14

15 2. Il processo di sviluppo immobiliare 2. FASE DI PROGETTAZIONE In questa fase l ipotesi di sviluppo ideata in precedenza viene tradotta in progetto urbanistico/edilizio ed economico-finanziario; esso deve essere coerente con gli obiettivi fissati e rispettare, naturalmente, quanto previsto dallo strumento urbanistico vigente: tutto ciò viene verificato tramite analisi di fattibilità. Si rende poi necessario instaurare contatti e relazioni con soggetti pubblici e privati per definire il progetto esecutivo e procedere con la richiesta delle autorizzazioni necessarie all intervento. Vengono quindi attivati processi di negoziazione/concertazione tra i vari soggetti coinvolti, in primis tra soggetto privato e soggetto pubblico, con quest ultimo che ha il compito di mediare tra gli interessi del privato e l utilità sociale dell intervento. Altri attori con i quali è necessario confrontarsi sono tecnici, enti gestori, finanziatori, assicuratori. 15

16 2. Il processo di sviluppo immobiliare 3. FASE DI REALIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE In questa fase, una volta ottenute tutte le autorizzazioni necessarie sulla base di un progetto esecutivo definitivo, viene avviata la realizzazione vera e propria dell intervento tramite piani di cantierizzazione, cronoprogrammi, computi metrici, capitolati, appalti. L effettiva realizzazione dell intervento viene garantita dal finanziatore, il quale deve valutare l appetibilità e l effettiva validità del progetto, l affidabilità dei soggetti e delle imprese coinvolte e le reali possibilità di successo dell intervento. Ciò vale sia per un intervento di natura privata sia di natura pubblica. Viene poi attuata la strategia commerciale di vendita ideata in precedenza, promuovendo l intervento presso i soggetti potenzialmente interessati ed utilizzando i canali ritenuti più idonei. 16

17 2. Il processo di sviluppo immobiliare 4. FASE DI ESERCIZIO/GESTIONE In questa fase l immobile è perfettamente fruibile dagli occupanti per lo scopo per il quale è stato progettato e costruito. Esistono modi diversi di utilizzo dell immobile, che dipendono dalla destinazione d uso dello stesso (residenza, commercio, ufficio, etc.), dai fruitori e dalle finalità per cui è stato acquistato. La gestione dell immobile è una delle fasi strategiche del processo, attraverso la quale vengono garantiti il rientro dell investimento e la qualità del servizio. Essa si svolge sia dal punto di vista manutentivo sia economico: dalla prima, in particolare, dipende la durata dell immobile, dalla seconda dipendono gli effetti economici attesi. 17

18 2. Il processo di sviluppo immobiliare Lusail City, Doha - Qatar 18

19 2. Il processo di sviluppo immobiliare Skyline Plaza, Francoforte - Germania 19

20 2. Il processo di sviluppo immobiliare CityLife, Milano - Italia 20

21 2. Il processo di sviluppo immobiliare Porta Nuova, Milano - Italia 21

22 3. Gli operatori Gli operatori 22

23 3. Gli operatori Non esiste una classificazione univoca delle diverse figure che operano nel settore immobiliare, ma una prima grande differenziazione può essere fatta tra chi si occupa solo di sviluppo, chi si occupa solo di immobili esistenti e chi offre servizi ai diversi player. Una classificazione di massima potrebbe essere la seguente: Developer o sviluppatore: sono i soggetti che acquistano un area o un fabbricato dismesso e, operando una serie di attività, arrivano alla creazione di un prodotto nuovo. Property Company: tipicamente investono in beni immobili esistenti con lo scopo di trarne un reddito dalla locazione. Property Management Company: hanno un modello di business misto, in quanto le revenues sono generate sia dai ritorni su investimenti immobiliari sia dai servizi che la stessa società vende alla sua partecipata per garantire il funzionamento della stessa. Service Providers: soggetti che non compiono nessun investimento immobiliare ma erogano servizi (intermediazione, due diligence, etc.). Fondi immobiliari: soggetti che una volta raccolti i capitali dai sottoscrittori delle quote investono nel settore. 23

24 3. Gli operatori Developer o sviluppatore Sono i soggetti che creano valore attraverso il processo di acquisizione, trasformazione e vendita del prodotto immobiliare. Si occupa di: ideazione del progetto analisi dei vincoli analisi di mercato analisi economico-finanziaria fasi di analisi concertazione con la Pubblica Amministrazione fase intermedia negoziazione con i diversi fornitori esecuzione dei lavori attività commerciale fasi operative 24

25 3. Gli operatori Property Company Sono le società il cui modello di business si basa principalmente sull idea di investire il denaro degli azionisti, con un orizzonte temporale di mediolungo periodo, in immobili esistenti per trarre il ritorno dell investimento da due distinte voci: il reddito da locazione; le potenziali plusvalenze generabili dalla vendita di singoli asset o di portafogli di asset, qualora il mercato offra delle opportunità. Le property company, a seconda del paese nel quale operano, investono in tipologie di immobili diverse (residenze, uffici, etc.). Vi sono poi alcune società che sono principalmente interessate a immobili con eccellente location, altissimo livello architettonico e finiture (i cosiddetti trophy asset). 25

26 3. Gli operatori Property Management Company Sono le società che hanno un modello di business basato sulla capacità di generare ricavi da due punti di vista: attraverso le plusvalenze generate dalle attività d investimento (tipicamente in joint venture con altri operatori); attraverso l erogazione di servizi verso terzi o verso le società in cui si è investito in joint. La filiera di servizi è composta come segue: Asset Management: rappresenta il più importante dei servizi in quanto è proprio attraverso l attività di asset, che a cascata governa tutte le altre attività, che si mettono in moto i meccanismi di creazione di valore per gli azionisti. Svolge tutte le attività di analisi di portafoglio e investimento volte alla creazione di valore aggiunto alla proprietà. 26

27 3. Gli operatori Property Management Company Property Management: è l implementatore operativo delle decisioni sull asset, cioè quello che agisce per far sì che le decisioni prese si realizzino. Si occupa della gestione del patrimonio immobiliare della proprietà nell ottica di massimizzazione della redditività e nell ottimizzazione dei costi. Operativamente si occupa della gestione amministrativa, tecnica, legale, economica e commerciale. Facility Management: rappresenta l ultimo livello di fornitura di servizi in termini di marginalità ma il più complesso in termini organizzativi. Si occupa dei servizi alle persone, allo spazio e all edificio cioè, in altre parole, delle manutenzioni, della pulizia, etc. Project Construction Management: si occupa di governare il processo di costruzione governando tutti i diversi fornitori esterni essendo l unico responsabile del rispetto di tempi, costi e qualità. Agency: ha un importanza cruciale in tutto il processo di gestione e valorizzazione in quanto rappresenta il vero link con il mercato. 27

28 3. Gli operatori Service Providers Sono tipicamente società che erogano servizi come l agenzia, l intermediazione creditizia, le attività di due diligence o servizi di project construction management. La tendenza degli operatori è quella di specializzarsi in uno solo dei servizi che sono erogabili, questo per garantire un livello di qualità adeguato. Tra i diversi servizi quello di gran lunga più importante in termini di persone coinvolte e fatturato generato è quello relativo all intermediazione immobiliare. Tipicamente gli operatori segmentano i loro servizi a seconda dei clienti cui si rivolgono e della tipologia di immobili: residenziale e commerciale per il grande pubblico, corporate, lusso. 28

29 4. La situazione attuale La situazione attuale 29

30 4. La situazione attuale : Gli USA - la genesi della crisi Esplosione della bolla internet 11 Settembre 2001 Guerra in Iraq Inizio della crisi economica nel Forte ribasso dei tassi target della FED (dal 7 per cento del 2001 all 1 per cento nel 2005) Abbondante liquidità Basso costo del denaro Stagnazione dei salari Fonte: J. Attali La crisi e poi? Le famiglie sono spinte a indebitarsi (credito a consumo) Crescita dei valori immobiliari Le famiglie sono spinte a indebitarsi (mutui immobiliari) Condizioni di credito molto elastiche Consumo Ottimi risultati delle imprese Creazione di nuovi posti di lavoro Aumento del valore dei beni Aumento dell effetto ricchezza Accesso alla proprietà dei nuclei familiari poveri Cartolarizzazione dei crediti (RMBS, ABS, CDO) Crediti subprime 600 miliardi di dollari nel 2006 Aumento del rischio Crediti Alt-A, prime, Jumbo, FHA/VA 30

31 4. La situazione attuale : Il meccanismo si rompe Rischio di surriscaldamento dell economia Deficit commerciale abissale Iperindebitamento delle famiglie (risparmio reale negativo) Rialzo dei tassi target Della FED (da 1 per cento nel 2005 al 3.75 per cento nel 2007) Mancati pagamenti di alcune famiglie Iperindebitate a tassi variabili, specialmente sui subprime Rarefazione del credito immobiliare Aumento degli espropri immobiliari RMBS (Residential Mortgage Backed Security) Miliardi di dollari nel 2006 oggi? Il valore dei prodotti cartolarizzati crolla Il valore degli immobili crolla ABS (Asset Backed Security) miliardi di dollari nel 2006 oggi? I prodotti cartolarizzati diventeranno illiquidi CDO (Collateralized Debt Obbligation) CDS (Credit Default Swap) Deprezzamento degli attivi Crisi della liquidità. Le banche non si fanno più prestiti tra di loro Fonte: J. Attali La crisi e poi? 31

32 4. La situazione attuale : La crisi si estende Svalorizzazione delle poste attive e patrimoniali Norme contabili IFRS (Free Value) Illiquidità degli attivi delle banche Rarefazione del rifinanziamento Perdite importanti per le banche Estensione della crisi immobiliare a tutta la sfera finanziaria Rivalutazione dei bilanci delle banche Fallimenti per le banche Obbligo a vendere Congelamento del credito (carte di credito, credito per automobili e credito al Consumo ) Intervento degli Stati per spegnere l incendio Crollo dei valori di borsa Speculazione (vendite allo scoperto) Caduta dei consumi Panico delle famiglie Fonte: J. Attali La crisi e poi? Recessione Imprese in difficoltà Crollo di posti di lavoro Fallimenti Depressione 32

33 4. La situazione attuale Le compravendite in Italia nel 2011 Fonte: OMI Agenzia del Territorio IV Nota Trimestrale e sintesi annua

34 4. La situazione attuale Andamento delle compravendite in Italia per settore dal 2004 Fonte: OMI Agenzia del Territorio IV Nota Trimestrale e sintesi annua

35 4. La situazione attuale Le compravendite in Italia dal 2005 Fonte: elaborazione su dati OMI Agenzia del Territorio Note Annue varie 35

36 4. La situazione attuale Secondo le prime stime effettuate da CB Richard Ellis sul volume degli investimenti immobiliari in Europa, nel 2011 sono stati investiti 118 miliardi di euro, con un incremento del 7% rispetto al Come si può notare in Italia è arrivato e arriverà ben poco 36

37 4. La situazione attuale Nel 2009 l economia mondiale è entrata in una delle maggiori recessioni della storia. Si tratta della prima crisi finanziaria ed economica ad avere una estensione planetaria. L andamento generale dell economia mondiale è una variabile che, nell ottica di un sistema sempre più globalizzato ed internazionale, va tenuta in attenta considerazione al fine di realizzare una previsione sull andamento dell economia nazionale, in generale, e del settore delle costruzioni, in particolare. La crisi è stata più grave rispetto alle previsioni degli osservatori più pessimisti. Già nel 2009 la caduta degli investimenti, nel settore delle costruzioni, è stata pari al 10,1%, accompagnata da un contrazione di tutti i comparti. La flessione è stata trainata dalla nuove costruzioni: edilizia residenziale -19,2%, edilizia non residenziale privata -15,9%, opere del genio civile, che invece avrebbero dovuto svolgere una forte funzione anticongiunturale, 6%. Anche la manutenzione straordinaria del patrimonio esistente cede comunque il 5,4% degli investimenti rispetto al Dal 2007 al 2009 gli investimenti in costruzioni hanno fatto i conti con una caduta così ripida che li riporta all inizio anni

38 4. La situazione attuale MERCATO TREND POSITIVO ( FINE ANNI ) Si compra per soddisfare l esigenza abitativa Il mercato accetta qualunque tipologia di bene La qualità è garantita dal rispetto delle regole dell arte e dall utilizzo dei materiali più idonei e durevoli rispetto all utilizzo e alla funzione dell edificio stesso La qualità è direttamente legata al costo di costruzione Il costruttore/investitore meno spende più guadagna La crescita immobiliare e le diverse destinazioni d uso seguono una logica di costante crescita economica Nasce il concetto dell applicazione dei principi del mercato finanziario al Real Estate (l immobile vale in funzione di quanto rende) 38

39 4. La situazione attuale MERCATO IN FASE DI STASI (OGGI) Siamo in piena crisi economica L esigenza abitativa è soddisfatta Sono crollate le logiche finanziarie degli anni precedenti Stretta del credito (credit crunch) Chi compra casa tende a migliorare la situazione esistente Il mercato premia quei beni che si distinguono La qualità è garantita dal rispetto delle regole dell arte e da una progettazione attenta a tutto il ciclo di vita dell immobile La qualità vuol anche dire gestione futura Il costruttore/investitore per rimanere sul mercato deve offrire un prodotto che si distingua e che a parità di location faccia la differenza su qualità costruttiva e gestionale; Nascono nuovi valori : ambiente risparmio energetico qualità della vita 39

40 4. La situazione attuale PROSPETTIVE PER IL FUTURO? Gli analisti sono concordi nell affermare che qualche timido segnale positivo ci sia, ma sono anche concordi nell affermare che il 2012 sarà sostanzialmente stabile, con un numero di compravendite e investimenti immobiliari simili a quelli del Gli operatori, per veder ripartire il mercato, si aspettano ed auspicano un repricing al ribasso degli immobili, come del resto è già avvenuto in altri Paesi europei; la tendenza sembra essere invece quella di una sostanziale tenuta dei valori nelle grandi città e un lieve calo nelle altre. Inoltre non bisogna dimenticare che quest anno dovrebbe finalmente iniziare in maniera seria la dismissione di una prima parte degli immobili pubblici da parte degli Enti proprietari (ex caserme, edifici di rappresentanza, etc.) Staremo a vedere 40

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005

Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005 Fiera Forum: Risorse comuni 9 febbraio 2005 Real Estate & Space Management e la Governance dell Ente Locale. Nuove metodologie per l analisi del patrimonio immobiliare per l Ente Pubblico Angelo Giornelli:

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi.

Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi. Caso 20 Copyright 2005 The Companies srl Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi. Indice 1 Quesito di stima...

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari Attività di pianificazione e controllo di un fondo immobiliare L attività di Pianificazione

Dettagli

INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE

INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE L unione di più esperienze e una struttura di vendita competente e dinamica consentono ad IMPRESA di offrire una forte operatività, mirata alla soluzione delle esigenze del

Dettagli

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale 6. IL MERCATO IMMOBILIARE 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale Nel 211 lo stock edilizio provinciale ammonta a 165.4 unità immobiliari, di cui 99.9 ad uso residenziale, 41.3 per box e posti

Dettagli

Una condivisione di intenti come fondamento del successo

Una condivisione di intenti come fondamento del successo 2 Una condivisione di intenti come fondamento del successo Chi Siamo Edrasis Group è una realtà che nasce da un esperienza ventennale nel settore dell intermediazione immobiliare, della mediazione creditizia

Dettagli

Parere di congruità per la cessione di un unità immobiliare a destinazione d uso uffici ubicata in Piazza Sant Ambrogio 6

Parere di congruità per la cessione di un unità immobiliare a destinazione d uso uffici ubicata in Piazza Sant Ambrogio 6 Spettabile InvestiRE SGR SpA Via Po, 16/A 00198 Roma Alla c.a Dott.ssa Malentacchi Paola Milano, 5 Giugno 2015 PARERE DI CONGRUITÀ IN MERITO ALL OPPORTUNITÀ DI ALIENAZIONE DI UNA PORZIONE DI UN COMPLESSO

Dettagli

La stima del valore delle aree

La stima del valore delle aree Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto La stima del valore delle aree Docente:

Dettagli

IMMOBILI DI PREGIO: IL NUOVO PERIMETRO DEL NOSTRO MERCATO Fabio Guglielmi Direttore Generale Santandrea Luxury Houses

IMMOBILI DI PREGIO: IL NUOVO PERIMETRO DEL NOSTRO MERCATO Fabio Guglielmi Direttore Generale Santandrea Luxury Houses IMMOBILI DI PREGIO: IL NUOVO PERIMETRO DEL NOSTRO MERCATO Fabio Guglielmi Direttore Generale Santandrea Luxury Houses Giunti al quarto trimestre dell anno, dal nostro Osservatorio, proponiamo alcune riflessioni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO IL sottoscritto Architetto Fabio Alderotti, nato ad EMPOLI, il 26/03/1060 con studio ad EMPOLI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

La filiera immobiliare. Mario Risso

La filiera immobiliare. Mario Risso La filiera immobiliare Mario Risso 1 L impresa e il suo ambiente Ambiente generale Settore Filiera Fattori Impresa Mercato di fornitura Ambiente specifico Distribuzione Primo mercato Consumatore/Utilizzatore

Dettagli

Costo globale. Il costo globale

Costo globale. Il costo globale Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Costo globale Il costo globale Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Il costo di costruzione è la spesa per la produzione

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

ASTON HASTON ASTON HASTON ASTON HASTON

ASTON HASTON ASTON HASTON ASTON HASTON H H H Haston & Aston: la moderna cultura immobiliare UN PARTNER SICURO E AUTOREVOLE Haston & Aston è una società leader del settore immobiliare. I suoi servizi sono concepiti ed organizzati secondo la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

Un modello di workout immobiliare per una risposta possibile all emergenza abitativa

Un modello di workout immobiliare per una risposta possibile all emergenza abitativa Un modello di workout immobiliare per una risposta possibile all emergenza abitativa Luciano Nataloni SOCIAL HOUSING: una soluzione al disagio abitativo, un nuovo modello d intervento 1 18 febbraio 2015

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

FORMAZIONE E PUBBLICA SEGI REAL ESTATE SEGI REAL ESTATE

FORMAZIONE E PUBBLICA SEGI REAL ESTATE SEGI REAL ESTATE ADVASORY La SEGI REAL ESTATE AZIENDA LEADER NEL SETTORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI GRAZIE AD UNA RETE CAPILLARE DI CONSULENTI ACCREDITATI IN EUROPA E NEL MONDO PUO ESSERE PATNER NELLA VENDITA E CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 (la Circolare ), ha

Dettagli

FONDO IMMOBILIARE ANTIRION CORE. Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori qualificati

FONDO IMMOBILIARE ANTIRION CORE. Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori qualificati FONDO IMMOBILIARE ANTIRION CORE Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori qualificati RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Il Relazione Semestrale di Gestione al

Dettagli

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità

Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità Previdenza privata ed investimento immobiliare: tendenze e potenzialità di Daniela Percoco Pubblicato ne Il Settimanale n. 41 09/11/2013 127 miliardi di Euro, oltre l 8% del PIL italiano: questa la stima

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI IMMOBILIARI DEI FONDI REAL ESTATE

MAPPATURA DEI RISCHI IMMOBILIARI DEI FONDI REAL ESTATE MAPPATURA DEI RISCHI IMMOBILIARI DEI FONDI REAL ESTATE Nell ambito del proprio Comitato immobiliari, Assogestioni ha promosso la formazione di un gruppo di lavoro al quale hanno partecipato diverse associate

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2014 1. Genova Evoluzione delle compravendite Numero di compravendite Numero di compravendite Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 1 G E N O V A NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 1 1.. Evoluzione delle compravendite Settore

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Progetto Mercurio F O N D A Z I O N E E N A S A R C O. Piano per la riqualificazione del patrimonio immobiliare della Fondazione Enasarco

Progetto Mercurio F O N D A Z I O N E E N A S A R C O. Piano per la riqualificazione del patrimonio immobiliare della Fondazione Enasarco Progetto Mercurio Piano per la riqualificazione del patrimonio immobiliare della Fondazione Enasarco Il Progetto Mercurio Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione ha approvato il Piano per la dismissione

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE

GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE Roma, 18 ottobre 2013 Prof. Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma claudio.cacciamani@unipr.it Un inquadramento delle compagnie

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate

Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Tendenze recenti del libero mercato ed il posizionamento delle esecuzioni forzate Roma, 26 giugno 2015 Il ciclo immobiliare in corso e previsioni al 2017 2 Evoluzione dei prezzi reali delle abitazioni

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare.

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare. Mercato Immobiliare La stima del valore di mercato di un immobile si basa sulla conoscenza del mercato immobiliare. Non si tratta di una conoscenza basata su informazioni generiche filtrate dal valutatore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Il costo globale Costo globale Il costo di costruzione è

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari

I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari I veicoli di investimento: le società immobiliari e i fondi immobiliari Prof. Claudio Cacciamani claudio.cacciamani@unipr.it 1. I fondi immobiliari ad apporto privato Di recente si è assistito a una progressiva

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008.

AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. N. 01 Novembre 2008 AGENZIA DEL TERRITORIO Pubblicate le quotazioni immobiliari del 1 Sem. 2008. Roma - Dal 15 Ottobre scorso sul sito internet www.agenziadelterritorio.it sono consultabili le quotazioni

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento

SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento SEZIONE 3 Area e Metodi di consolidamento 1. PARTECIPAZIONI IN SOCIETA CONTROLLATE IN VIA ESCLUSIVA E IN MODO CONGIUNTO In base ai principi IAS/IFRS l area di consolidamento comprende tutte le società

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs 1 Framework Business combination (acquisizione del controllo) Purchase Price Allocation (valutazione

Dettagli

Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia. Concept brief

Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia. Concept brief Road TO 2020 Piano integrato per la sostenibilitá economica ed ambientale di progetti di riqualificazione edilizia Concept brief Investire sulla riqualificazione del territorio come fonte di energia rinnovabile

Dettagli

Fondo Alpha Immobiliare Evoluzione e Situazione al 31 dicembre 2003

Fondo Alpha Immobiliare Evoluzione e Situazione al 31 dicembre 2003 Fondo Alpha Immobiliare Evoluzione e Situazione al 31 dicembre 2003 Evoluzione dell attivo 500 467 461 472 Valore dell'attivo (mln di euro) 450 400 350 300 250 200 150 100 260 292 386 404 50 0 01/03/2001

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

GLOBAL REAL ESTATE SERVICE

GLOBAL REAL ESTATE SERVICE IMMOBILIARI GLOBAL REAL ESTATE SERVICE > CHI SIAMO Pro.Re. è una struttura di consulenza di direzione ed organizzazione aziendale, specializzata nel settore immobiliare, in particolare nello sviluppo delle

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività

Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività Roma, 18 settembre 2014 Invimit SGR è operativa dalla fine di maggio 2013 ed è stata autorizzata a fornire il servizio di gestione

Dettagli

Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività

Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività Invimit SGR S.p.A. presentazione Società e principali linee di attività Potenza, 17 marzo 2015 Invimit SGR è operativa dalla fine di maggio 2013 ed è stata autorizzata a fornire il servizio di gestione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

COMUNE DI CASTELLALTO

COMUNE DI CASTELLALTO COMUNE DI CASTELLALTO ACCORDI DI URBANISTICA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA - ALLEGATO A (BOZZA DEL 18.04.2013) Ufficio Urbanistica via Madonna degli Angeli,

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli