Imprese della grande distribuzione, mercati globali e Competitive Customer Value

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprese della grande distribuzione, mercati globali e Competitive Customer Value"

Transcript

1 Imprese della grande distribuzione, mercati globali e Competitive Customer Value Sabina Riboldazzi * 1. Imprese della grande distribuzione italiana e mercati globali Negli ultimi anni il sistema distributivo ha vissuto un processo di intensa trasformazione strutturale che ha portato ad una modificazione del ruolo dei distributori caratterizzato dal passaggio da un intermediazione passiva ad una posizione manageriale attiva che partecipa costruttivamente ai processi di globalizzazione. L entità e la consistenza delle trasformazioni che hanno interessato il settore della distribuzione si sono manifestate in modi e tempi differenti nei diversi ambiti geografici e tali differenze si sono riflesse nell attuale scenario competitivo. Lo sviluppo della distribuzione moderna ha interessato gli Stati Uniti nel periodo tra le due guerre mondiali; in Europa il progressivo passaggio da forme di vendita tradizionali alla distribuzione moderna si è diffuso dopo il secondo conflitto mondiale; solo negli anni Ottanta la modernizzazione dell apparato distributivo si è sviluppata con grande velocità in Italia determinando, nel giro di vent anni, la progressiva riduzione delle forme distributive tradizionali 1. Nonostante questo incalzante sviluppo, il ritardo nel processo evolutivo del sistema distributivo italiano non ha consentito alle imprese nazionali appartenenti al sistema di ambire ad un ruolo di rilievo nel palcoscenico europeo 2 ed in quello globale. Dalla Tabella 1 si rileva come numerose imprese europee abbiano perseguito strategie di sviluppo uscendo dai confini della nazione di origine e, in alcuni casi, diventando attori rilevanti della competizione globale, come dimostra la seguente classifica 3 : Wal-Mart (USA milioni di euro), Carrefour (F milioni di euro), Metro Group (D milioni di euro), Tesco (UK milioni di euro), Ahold (NL milioni di euro), Kroger (USA milioni di euro), * Assegnista di Ricerca di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Milano- Bicocca

2 Sears (USA milioni di euro), Seven & I. (J milioni di euro), Rewe (D milioni di euro), Costco (USA milioni di euro). Tabella 1: Le imprese della Grande Distribuzione in Europa (2005) RETAILER PAESE VENDITE %GROCERY %VENDITE (MILIONI DI EURO) MERCATO INTERO Carrefour F ,6 57,6 Metro Group D ,5 49,7 Tesco UK ,4 86,7 Rewe D ,4 69,4 Schwarz Group D ,5 56,2 Edeka D ,5 93,4 Auchan F ,0 55,8 Aldi D ,6 67,2 Leclerc F ,0 94,4 Casino F ,7 58,1 Itm F ,6 90,4 Ahold NL ,0 41,4 Asda (Wal-Mart) UK ,0 100,0 Sainsbury UK ,7 100,0 Morrison UK ,0 100,0 Tengelmann D ,5 74,7 El Corte Ingles E ,8 98,3 System U F ,3 100,0 Migros CH ,6 98,9 Co-operative Group UK ,0 100,0 Coop Norden S ,3 33,6 Coop Swisse CH ,0 100,0 Mark & Spencer UK ,4 100,0 Coop Italia I ,9 99,6 Lekkerland D ,7 60,4 Kesko FL ,9 88,0 Louis Delhaize B ,1 69,8 Mercadona E ,0 100,0 Baugur IS ,6 4,1 Sok FL ,1 98,9 Fonte: Elaborazioni dell Autore su dati Planet Retail Nel contesto europeo, pertanto, il settore della distribuzione, a seguito di fenomeni di modernizzazione ed internazionalizzazione 4, si compone di un numero limitato di grandi imprese con dimensioni che valicano i confini nazionali e che permettono loro di essere organizzazioni importanti nella concorrenza globale; per contro, in Italia si rileva ancora un elevata parcellizzazione del mercato distributivo, sottolineata dalla ridotta concentrazione delle imprese della cosiddetta distribuzione moderna.

3 Figura 1: La concentrazione di mercato: quota di mercato dei primi 5 distributori (anno 2005) B ULGARIA ROM ANIA CIPRO SERBIA POLONIA ITALIA BOSNIA REPUBBLICA CECA CROAZIA GRECIA SLOVACCHIA PAESI BASSI REGNO UNITO UNGHERIA SPAGNA PORTOGALLO SLOVENIA FRANCIA LUSSEM BURGO AUSTRIA LITUANIA ESTONIA BELGIO GERM ANIA NORVEGIA DANIM ARCA IRLANDA SVEZIA SVIZZERA FINLANDIA Fonte: Elaborazioni DPC-COOP ITALIA su dati Planet Retail L attuale sistema di distribuzione si compone, quindi, di poche grandi imprese che, lottando in condizioni di elevata concorrenza e di saturazione dei consumi, sono costantemente impegnate nella riformulazione della propria offerta al fine di rinvenire nuove fonti di creazione di valore. 2. Imprese della grande distribuzione e Competitive Customer Value Competizione aperta, produzioni superiori alla capacità di assorbimento della domanda ottenute attraverso il raggiungimento di necessarie economie nei costi, prodotti sempre più sofisticati ma resi rapidamente obsoleti dalla facile imitabilità 5 sono, in complesso, elementi che caratterizzano i mercati in cui operano le imprese della grande distribuzione; questi elementi inducono le imprese stesse alla ricerca continua di innovazione ed efficienza stimolata da una gestione aziendale con priorità della conoscenza del mercato al fine della creazione di competitive customer value. Una configurazione semplificata di valore per il cliente esprime lo stesso come la percezione del rapporto fra i benefici ed i costi associati ad una data offerta. L indicata relazione non è sufficiente a garantire un valore che renda desiderevole o

4 soddisfacente 6 lo scambio per la domanda; occorre che il valore sia superiore rispetto a quello ottenibile dalle offerte della concorrenza e che quindi l impresa sia coinvolta in un processo continuo di anticipazione dei concorrenti nell identificazione di modificazioni di mercato che potrebbero tradursi in determinanti di valore; non è sufficiente, quindi, limitarsi a considerare il valore percepito dai clienti attuali nei confronti delle offerte aziendali; occorre estendere questa conoscenza anche al confronto con le offerte dei concorrenti sia con riferimento ai clienti attuali che con riferimento ai clienti potenziali al fine di valutare la solidità del valore rispetto ai concorrenti e la sua attrattività nei confronti di un mercato più ampio. Nei mercati globali e caratterizzati da un eccesso di offerta, pertanto, ciò che può determinare il successo delle strategie aziendali è la capacità di apprendimento dal mercato, nel contesto di un comportamento orientato al continuo cambiamento, di nuove e originarie frontiere del valore 7. La relazione di vicinanza tra distributori e consumatori finali fa sì che molte informazioni di ritorno dal mercato si sviluppino nei sistemi informativi dei distributori 8 ; questi, essendo interlocutori attivi della domanda finale ed operando in contesti di elevata intensità di concorrenza, sono impegnati nel continuo rinnovamento della propria offerta in modo da produrre competitive customer value. Al fine di comprendere le determinanti di valore per i clienti potenziali ed attuali delle imprese distributive è opportuno definire il concetto di offerta commerciale ed individuare le principali funzioni svolte dalle imprese della distribuzione in un contesto di alta competizione globale. La funzione generale delle imprese della distribuzione consiste nella riduzione degli squilibri esistenti tra i luoghi, i momenti e le modalità di fabbricazione da una parte e di consumo dall altra 9 attraverso la creazione di utilità di luogo, di tempo e di possesso 10. La funzione generale può essere scomposta in una serie di funzioni elementari che devono essere svolte per garantire un incontro efficace ed efficiente fra domanda ed offerta 11. Una possibile classificazione delle funzioni elementari delle imprese della distribuzione è la seguente: funzioni logistiche 12, di assortimento 13, di contatto 14, di informazione 15, di comunicazione 16, economico-finanziarie 17 e di produzione 18. Numerose funzioni attribuite alle imprese della distribuzione possono essere ricondotte agli attributi che alcuni autori citano nella definizione di prodotto commerciale. L offerta commerciale può essere definita come un insieme di fattori elementari combinati in proporzioni diverse che possiamo chiamare attributi; a ciascuno di tali attributi corrisponde una specifica utilità per il consumatore perché la disponibilità di una quantità maggiore di un attributo gli riduce i costi di acquisto 19. E possibile, quindi, definire l offerta commerciale come un paniere di attributi scomponibile in un nucleo centrale e in una serie di servizi periferici. Il nucleo centrale si definisce in relazione alla disponibilità di un certo assortimento di beni offerto al potenziale acquirente; l ambito periferico, invece, comprende tutta una serie di servizi accessori (servizi pre-vendita, accesso,

5 PRIVATE LABEL SYMPHONYA Emerging Issues in Management, n. 2, 2005 servizi durante la vendita, servizi post-vendita) che arricchiscono la proposta, scandendola in relazione ai diversi momenti di acquisto 20. L impresa distributiva riuscirà, dunque, a creare competitive customer value attraverso una continua innovazione delle componenti che costituiscono il prodotto commerciale ed attraverso la capacità di esercitare in modo efficiente le funzioni alle quali è preposta. L innovazione deve coinvolgere l intera catena del valore distributiva che si articola nel contenuto, ossia nei prezzi e nel prodotto offerto, nel contesto, che si riferisce prevalentemente al punto vendita e nell infrastruttura, che fa riferimento al processo di produzione del servizio ed al grado di coinvolgimento sia del consumatore che del fornitore nel processo stesso 21 ; alle innovazioni di concetto, che si riferiscono al front-office, devono, quindi, sommarsi le innovazioni di flusso riguardanti le relazioni verticali di canale e le innovazioni organizzative, per migliorare la gestione del network aziendale ed il funzionamento delle relazioni intra ed iter organizzative 22. L innovazione spinge, pertanto, anche verso una gestione dinamica delle leve del retailing mix che vengono gestite e coordinate su riflesso dei continui stimoli esercitati dal mercato. Figura 2: I driver di valore delle imprese della grande distribuzione COMPETITIVE CUSTOMER VALUE PREZZO COMPETITIVE CUSTOMER VALUE ASSORTIMENTO INNO VA ZIO NE INNOVAZIONE R ELA ZIO N I C OM PETIT IVE RELAZIONI COMPETITIVE FUNZIONI GENERALI E ATTRIBUTI FONDAMENTALI DELPRODOTTO COMMERCIALE RELAZIONI COMPETITIVE INNOVAZIONE R ELA ZIO N I C OM PET IT IVE INNO VA ZIO NE MERC HA ND ISING COMPETITIVE CUSTOMER VALUE INNOVAZIONE COMUNICAZIONE COMPETITIVE CUSTOMER VALUE La capacità di adeguare le decisioni in merito ad assortimento 23, prezzi e merchandising 24 ai cambiamenti di mercato è condizionata dalle relazioni competitive instaurate dall impresa e, quindi, la capacità di generare competitive customer value dipende dall intensità di condivisione di definite risorse in un sistema di networking caratterizzato dalla collaborazione fra strutture interne, esterne e di co-makership 25. La condivisione di risorse è ravvisabile anche nella

6 collaborazione fra industria e distribuzione con riferimento alle strategie di private label 26 ; queste, consentendo ai distributori di assumere un sistema di responsabilità di marca del tutto simile a quello dei produttori, rafforzano la capacità di produrre valore competitivo da parte del trade. La comunicazione27, pertanto, oltre a sostenere le promozioni commerciali che producono normalmente vendite di breve periodo difficilmente mantenibili nel tempo28, ha come principale obiettivo la veicolazione della promessa di valore e valori della marca insegna, intesa come specifica relazione istituita con un dato mercato per l affermazione di una particolare offerta29, in modo da indurre il costituirsi di relazioni forti che sono alla base della creazione di competitive customer value. La creazione di valore competitivo induce, quindi, a riconoscere l importante ruolo assunto dalle nuove tecnologie informatiche; queste supportano la gestione del sistema informativo aziendale30 e, quindi, consentono di valutare e distribuire in tempo utile informazioni pertinenti e valide che rendono tempestive le decisioni aziendali a fronte di stimoli esercitati dal mercato. Le stesse tecnologie, inoltre, attraverso la condivisione di informazioni fra imprese31, rendono più efficace ed efficiente il sistema delle relazioni aziendali impattando, in particolar modo, sulle relazioni orizzontali sviluppate dalle imprese con soggetti che si collocano allo stesso livello nel settore e sulle relazioni verticali intrattenute con soggetti che svolgono fasi a monte e a valle della medesima filiera. EDI, codice a barre, POS Scanner, fidelity card32, sono solo alcuni esempi33 di applicazioni che hanno reso più efficaci ed efficienti processi logistici, processi di acquisto, scambio di informazioni fra imprese e l interfaccia con il cliente finale e che, quindi, hanno consentito innovazioni significative nel settore distributivo. Applicazioni più recenti34 sono riconducibili all utilizzo di marketplace congiunti per la realizzazione di aste elettroniche inverse di fornitura, alle revolving card ed all applicazione di soluzioni RFID. Le aste elettroniche inverse si basano su un processo di scambio attraverso piattaforma digitale in cui l impresa distributiva richiede una determinata fornitura e più fornitori competono per aggiudicarsi la commessa in un gioco al ribasso, negoziando in tempo reale secondo regole stabilite dal distributore stesso. Le revolving card consentono la concessione di credito, sotto forma di dilazione di pagamento, ai consumatori che vogliono soddisfare l acquisto di beni durevoli e non durevoli. L applicazione di soluzioni RFID35, attraverso l installazione di tag che emettono segnali elettronici sui singoli prodotti, consente di monitorare i prodotti stessi lungo tutta la filiera permettendo il miglioramento dei processi di integrazione e condivisione delle informazioni tra gli attori di canale. Condivisione di risorse, innovazione ed efficienza sono, dunque, importanti obiettivi che devono essere perseguiti dalle imprese della grande distribuzione per la creazione di competitive customer value.

7 Bibliografia Alderson W., Marketing Behaviour and Executive Action. A Functionalist Approach to Marketing Theory, Homewood, Irvin, Anderson J. C., Fornell C., Lehmann D. R., Customer Satisfaction, Market Share and Profitability: Findings from Sweden, Journal of Marketing, July, Anderson J. C., Jain D. C., Chintagunta P. K., Customer Value Assessment in Business Markets: a State-of-Practice Study, Journal of Business to Business Marketing, n. 1, Artle R., Berglund S., A Note on Manufacturers Choice of Distribution Channel, Management Science, July, Baccarani C., (a cura di) Imprese commerciali e sistema distributivo, una visione economicomanageriale, G. Giappichelli, Torino, Balderston F.E., Communication Network in Intermediate Markets, Management Science, January, Best R. J., Market Based Management Strategies for Growing Customer Value and Profitability, Pearson Prentice Hall, New Jersey, Brondoni S. M., Brand Policy and Brand Equity, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Brondoni S. M., Comunicazione integrata d impresa e nuove sfide competitive, AA.VV., Progettare e gestire l impresa innovativa, ETAS, Milano, Brondoni S. M., Comunicazione, risorse invisibili e strategia competitiva d impresa, S.M. Brondoni, La comunicazione d impresa, Sinergie, Maggio - Dicembre, Brondoni S. M., La nuova visione delle economie di scala, MARK UP, Dicembre, Brondoni S. M., Ouverture de Market-Space Management, Symphonya, Emerging Issues in Management (), n. 1., Brondoni S. M., Patrimonio di marca e risorse immateriali d impresa, G. Giappichelli, Torino, Buzzel R., Gale B., The Pims Principles: Linking Strategy to Performance, The Free Press, New York, Cafferata R., Sistemi ambiente e innovazione. Come s integrano la continuità e il mutamento nell impresa, G. Giappichelli, Torino, Castaldo S., Retailing & Innovazione, EGEA, Milano, Colla E., La grande distribuzione in Europa. Evoluzione delle formule distributive, strategie e strutture aziendali, rapporti con l industria, ETAS, Milano, Corniani M., Sistema informativo aziendale e dinamiche competitive, G. Giappichelli, Torino, Cristini G., Le strategie di marca del distributore, differenziazione dell offerta e vantaggio competitivo, EGEA, Milano, Day G. S., Market Driven Strategy, Processes for Creating Value, The Free Press, New York, Dayan A., Sbrana R., La distribuzione commerciale, G. Giappichelli, Torino, De Woot P., Le sfide della globalizzazione economica: impresa, concorrenza e società, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Deshpande R., Farley J. U., Webster F. E., Corporate Culture, Customer Orientation and Innovativeness in Japanese Firms: a Quadraq Analysis, Journal of Marketing, January, 1993;

8 El-Ansary A. I., Stern L. W., Power Measurement in the Distribution Channel, Journal of Marketing, n. 21, Fabrizi C., I canali di distribuzione nella teoria e nella pratica, AA.VV., Saggi di economia aziendale e sociale in memoria di Gino Zappa, Giuffrè, Milano, Filser M., I canali della distribuzione: organizzazione, analisi delle formule di vendita, metodi di gestione, ETAS, Milano, Fornari D., Rivoluzione commerciale & trade marketing, EGEA, Milano, Gennari F., Category Management e vantaggio competitivo, G. Giappichelli, Torino, Gnecchi F., La private label nell economia dell impresa, G. Giappichelli, Torino, Golinelli G. M., Gatti M., L impresa sistema vitale. Il governo dei rapporti inter-sistemici, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Holton H., The Distinction between Convenience Goods, Shopping Goods and Speciality Goods, Journal of Marketing, Vol. 23, July, Inmon W. H., Building in Data Warehouse, Wiley, New York, Jaworski B. J., Kohli A. K., Market orientation: Antecedents and Consequences, Journal of Marketing, July, Kotler P., Armstrong G., Saunders J., Wong. V., Principi di marketing, ISEDI, Milano Lambin J. J., Brondoni S. M., Ouverture de Market-Driven Management, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Lambin J. J., Il Marketing strategico dopo l 11 settembre, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Lambin J.J., Marketing strategico e operativo. Market-Driven Management, McGraw-Hill, Milano, Lugli G., Economia e politiche di marketing delle imprese commerciali, UTET, Torino, Lugli G., Pellegrini L., Marketing Distributivo, La creazione di valore nella distribuzione despecializzata, UTET, Torino, Lugli G., Ziliani C., Micromarketing, Creare valore con le informazioni di cliente, UTET, Torino, Mallen B., (a cura di), The Marketing Channel. A Conceptual Viewpoint, John Wiley and Sons Inc., New York, Marino A., Competizione distributiva e politica di mercato dell impresa, Giuffrè, Milano, Musso F., Relazioni di canale e strategie di acquisto delle imprese commerciali, potere e stabilità nella grande distribuzione britannica, Lint, Trieste, Narver J. C., Slater. S. F., The effect of Market Orientation on Business Profitability, Journal of Marketing, October, Normann R., La gestione strategica dei servizi, ETAS, Milano, Pellegrini L., Economia della distribuzione, EGEA, Milano, Porter M., Il vantaggio competitivo, Edizioni La Comunità, Milano, Reichhelf F. F., Schefter P., E-Loyalty. Your Secret Weapon on the Web, Harvard Business Review, July-August, Rucci A. J., Kirn S. P., Quirn R. T., The Employee-Customer-Profit Chain at Sears, Harvard Business Review, January February, 1998.

9 Sicca L., prefazione al libro di Cantone A.N., Creazione di valore attraverso le relazioni con i clienti, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, Spranzi A., Economia del commercio e politica commerciale, Franco Angeli, Milano, Spranzi A., L efficienza della distribuzione commerciale, ETAS, Milano, Webster F. J., Market-Driven Management How to Define, Develop and Deliver Customer Value, John Wiley & Sons, New York, Zaninotto E., La gestione collaborativa della funzione distributiva, EGEA, Milano, Zusman P., Etgar M., Marketing Channel as an Equilibrium Set of Contracts, Management Science, March, Note 1 La quota di mercato del commercio tradizionale dal 1997 al 2006 è diminuita gradualmente passando dal 27% al 16%. Fonte: AcNielsen. 2 Nella Tabella 1 si può notare come nella classifica dei primi trenta distributori europei sia presente un unico distributore italiano, Coop Italia, che occupa il ventiquattresimo posto. 3 Fatturato 2005 in milioni di euro dei primi dieci distributori al mondo. Fonte: M+M Planet Retail. 4 Secondo AcNielsen-GNLC la quota di mercato della distribuzione straniera in Italia è passata dal 2,7% nel 1991 al 32.1% nel Cfr. S.M. BRONDONI, Comunicazione, risorse invisibili e strategia competitiva d impresa, in S.M. BRONDONI, La comunicazione d impresa, in Sinergie, Maggio-Dicembre, La percezione del valore per il cliente può essere legata a quella della soddisfazione del cliente; si crea soddisfazione per i clienti quando è positivo il risultato della differenza tra valore percepito e valore atteso dal sistema di offerta dell impresa. 7 Cfr. G.S. DAY, Market Driven Strategy, Processes for Creating Value, The Free Press, New York, Cfr. M. CORNIANI, Sistema informativo aziendale e dinamiche competitive, G. Giappichelli, Torino, Cfr. J.J. LAMBIN, Marketing strategico e operativo. Market-Driven Management, McGraw-Hill, Milano, Il trasferimento fisico di un prodotto da una regione (di produzione) ad un altra (di consumo) può aggiungere un evidente utilità di luogo a quel prodotto; la sua conservazione in magazzino tra il momento della produzione ed il momento della vendita al consumatore finale aumenta il valore del prodotto per effetto di un utilità di tempo. Infine, l utilità di possesso è quella che deriva dal fatto che un prodotto, essendo acquistato da un consumatore o da un utilizzatore per soddisfare un bisogno ed un esigenza, viene ad acquisire un utilità maggiore di quella che aveva per il venditore. A proposito dell utilità di luogo Cfr. L. PELLEGRINI, Economia della distribuzione, EGEA, Milano, 1990; l Autore sostiene che l impresa commerciale trovi la sua originaria ragion d essere nella necessità di collegamento spaziale tra produzione e consumo. 11 Cfr. B. MALLEN, (a cura di), The Marketing Channel. A Conceptual Viewpoint, John Wiley and Sons Inc., New York, L Autore può essere annoverato fra i primi studiosi che trovarono nella specializzazione la giustificazione della presenza degli intermediari; le imprese della distribuzione essendo specializzate nel facilitare l incontro tra domanda ed offerta consentono economie di specializzazione che migliorano l efficienza di canale.

10 12 Fra le attività appartenenti a questa funzione sono comprese: approvvigionamento, conservazione, adattamento quali-quantitativo delle partite, trasporto. 13 Cfr. W. ALDERSON, Marketing Behaviour and executive action. A functionalist approach to marketing theory, Homewood, Irvin, L autore è uno dei primi studiosi ad aver identificato quale principale funzione degli intermediari, quella di matching fra domanda ed offerta; l impresa distributiva, unendo nel proprio assortimento le offerte di più imprese industriali, riduce il gap tecnologico esistente tra offerta e consumo. 14 Cfr. R. ARTLE, S. BERGLUND, A note on manufacturers choice of distribution channel, Management Science, July, Gli Autori hanno dimostrato il contributo, in termini di efficienza, fornito dalla posizione che assumono gli intermediari nel canale; questi facilitano lo scambio e riducono il numero delle transazioni; infatti, con l intermediazione si ha una riduzione del numero di contatti che diventano α + β e non più α x β. 15 Cfr. F.E. BALDERSTON, Communication network in intermediate markets, Management Science, January, L Autore può essere annoverato fra i primi studiosi che giustificarono la presenza degli intermediari affidando loro la funzione di gestori di flussi informativi; il canale viene considerato come un network di comunicazione e gli intermediari sono gli attori principali al fine del reperimento di importanti informazioni dal mercato. 16 Le attività di comunicazione si riferiscono a flussi di comunicazione emessi dall impresa verso i diversi pubblici cui si rivolge. 17 Fra le attività appartenenti a questa funzione: definizione dei prezzi e forme di finanziamento con riferimento alla produzione ed al consumo. 18 Si fa riferimento a casi in cui i distributori hanno propri stabilimenti per la produzione di private label. 19 Cfr. L. PELLEGRINI, La domanda dei servizi commerciali, in G. LUGLI, L. PELLEGRINI, Marketing Distributivo, La creazione di valore nella distribuzione despecializzata, UTET, Torino, L Autore identifica gli attributi del servizio commerciale suddividendoli fra logistici (prossimità, stoccaggio, estensione assortimenti, orario apertura) informativi (preselezione, profondità assortimento, informazione diretta) ed altri (post-vendita, velocità del servizio, comfort). 20 I servizi pre-vendita comprendono tutte le attività volte a: fornire informazioni sufficienti a selezionare il punto di vendita, coordinare il processo di accettazione ordini e prenotazioni, sviluppare progetti relativi all uso dei beni acquistati. I servizi relativi all accesso si possono classificare in: orari dei punti vendita, parcheggi e viabilità, consegna a domicilio quale estensione del punto di vendita. I servizi durante la vendita sono riconducibili a: ambientazione, informazioni sul percorso interno, disponibilità di attrezzature per disabili e bambini, presenza di servizi di supporto quali bar, telefoni ecc., cortesia e professionalità del personale, informazioni al fine di valutare il rapporto qualità-prezzo dei prodotti, riassortimenti, merchandising, diversificazione dei mezzi di pagamento, controllo lunghezza code alle casse, chiarezza dello scontrino, confezionamento dei prodotti, concessione di credito ai clienti. Fra i servizi post-vendita è possibile annoverare: garanzia sul prodotto, allestimento di una struttura di interazione con i clienti tendente a rilevare, in tempo reale, i mutamenti in atto nelle esigenze da soddisfare. Cfr. C. BACCARANI, op. cit Cfr. G. LUGLI, Il prodotto delle imprese commerciali, in G. LUGLI, L. PELLEGRINI, op. cit., Cfr. S. CASTALDO, Retailing & Innovazione, EGEA, Milano, Le decisioni in merito all assortimento si riferiscono alle scelte relative all ampiezza, profondità e varietà dell assortimento stesso ed alla combinazione fra marche leader, follower, marche nazionali, marche locali e marche commerciali.

11 24 Le decisioni in merito al merchandising si riferiscono alle scelte relative al layout delle attrezzature, al layout merceologico ed all allocazione dello spazio display al fine della creazione di spazi di vendita leggibili ed informativi che, oltre ad ottimizzare l utilizzo della capacità di vendita, facilitano il processo di acquisto del consumatore che ne ottiene maggiore soddisfazione. 25 Cfr. S.M. BRONDONI, La nuova visione delle economie di scala, in MARK UP, Dicembre Le marche dei distributori essendo, attraverso l esclusività delle vendite, elemento principe di differenziazione delle imprese distributive, consentono lo sviluppo di relazioni solide e di qualità con i consumatori generando maggior valore per l impresa e quindi per i consumatori stessi. 27 Di seguito una sintetica classificazione di strumenti di comunicazione utilizzati dalle imprese distributive: il direct mail consiste nell invio di una comunicazione pubblicitaria diretta; il telemarketing permette di praticare attività di marketing per via telefonica con finalità sia di retention che di acquisition; i siti web consistono nell acquisto di uno spazio su internet al fine di far conoscere la propria offerta (vetrina) ed al fine di instaurare una relazione con il consumatore; l ing è riconducibile all invio di una comunicazione tramite internet; l SMS consiste nel mandare messaggi personalizzati attraverso il telefono cellulare; i chioschi elettronici consentono la vendita sul web riducendo il problema dello spazio che nel mondo fisico risulta essere una risorsa scarsa; self-scanning consiste nell utilizzo di terminali portatili che permettono al cliente di ricevere importanti informazioni e di predisporre il proprio scontrino man mano che i prodotti vengono posti nel carrello della spesa, in questo modo una volta raggiunte le casse è sufficiente scaricare il file dal terminale portatile per il pagamento; i POS Scanner consentono scontrini personalizzati che indicano, per esempio, il nome del titolare, il numero dei punti raccolti, le offerte riservate ecc. o la stampa di buoni sconto che permettono di produrre coupon personalizzati che il cliente potrà utilizzare negli acquisti successivi. Cfr. G. LUGLI, C. ZILIANI, Micromarketing, Creare valore con le informazioni di cliente, UTET, Torino, Cfr. P. KOTLER, G. ARMSTRONG, J. SAUNDERS, V. WONG, Principi di marketing, ISEDI, Milano, Cfr. S.M. BRONDONI, Brand Policy and Brand Equity, in Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, ; S.M. BRONDONI, Patrimonio di marca e risorse immateriali d impresa, G. Giappichelli, Torino, Cfr. M. CORNIANI, op. cit., Si fa riferimento ai sistemi informativi interaziendali ossia a quelle componenti dei sistemi informativi che sono condivise da più aziende. 32 L EDI consente il trasferimento automatico di informazioni strutturate tra i sistemi informativi di produttori, distributori e terze parti coinvolte nello scambio; quindi, grazie ad ottimizzazione dei tempi, contrazione dei rischi di errore, riduzione degli stock, permette il raggiungimento di più elevati livelli di efficienza ed efficacia nel processo di erogazione del servizio. Il codice a barre ed il Pos Scanner consentono una più efficace gestione delle diverse funzioni dalla logistica, agli acquisti fino alla vendita; inoltre, in combinazione con la fidelity card permettono di comprendere il comportamento di acquisto a livello di singolo cliente per la personalizzazione delle iniziative di marketing e la creazione di un data warehouse che permette la trasformazione di dati in informazioni utilizzabili a supporto delle attività dell impresa. 33 Per completezza si citano anche le applicazioni Fast Perfect Order-EDI (il Fast Perfect Order è una soluzione integrata fra produttore, distributore e terze parti che mira ad ottimizzare e standardizzare i flussi ed i processi di scambio di merci ed informazioni. L EDI rappresenta l infrastruttura tecnologica di comunicazione che è il fattore abilitante fondamentale per il corretto ed efficace funzionamento del processo), OSA (Optimal Shelf Availability consente il miglioramento della disponibilità a scaffale dei prodotti attraverso la misurazione degli Out-of-Stock, l identificazione delle principali cause, e la messa a punto di soluzioni), CRP (Continuous Replenishment Program - è un processo che affida al produttore, a fronte delle informazioni ricevute dal distributore, la responsabilità dell emissione dell ordine e della gestione del livello di stock presso

12 il CEDI), CPRF (Collaborative Planning, Forecasting & Replenishment - estende l ambito di collaborazione fra produttori e distributori alle fasi di pianificazione e previsione dell ordine, spostando l ottica al medio-lungo periodo), e le applicazioni CRM (Customer relationship management - strategia collaborativa che, attraverso il lavoro congiunto su conoscenza dei comportamenti dei clienti, segmentazione della domanda, differenziazione e personalizzazione dell offerta, sviluppa con il consumatore una relazione duratura con l obiettivo della sua soddisfazione e della generazione di valore per industria e distribuzione). 34 Utilizzate da alcuni distributori italiani solo da qualche anno. 35 Su ogni prodotto viene applicato un tag contenente informazioni sul prodotto stesso; questo tag passando attraverso i dispositivi automatici posti all uscita del magazzino di produzione, all ingresso ed uscita del centro di distribuzione e all ingresso ed uscita del punto vendita, consentono di aggiornare automaticamente l entità delle scorte per singola referenza e la relativa movimentazione riducendo gli errori amministrativi. Consentendo anche la registrazione simultanea dei tag di tutti i prodotti posti all interno del carrello della spesa, l RFID diventa fonte di vantaggio per i consumatori e per l impresa grazie alla consistente quantità di informazioni ottenibili anche oltre la barriera casse.

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli