Filosofia di investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filosofia di investimento"

Transcript

1 INVESTMENT STYLE AND PROCESSES La costruzione di strategie di investimento rappresenta il cuore dell attività di Portfolio Lab Investments. Nel presente documento ci soffermeremo su alcuni aspetti essenziali per la comprensione dello stile di investimento adottato dalla nostra società; filosofia ed approccio insieme a ricerca e processi di costruzione dei portafogli. Il tutto con l intento di offrire ai nostri clienti le migliori soluzioni tecniche disponibili in relazione alle loro singole esigenze ed in risposta ai nuovi scenari competitivi e alle sfide ed opportunità derivanti dal nuovo quadro regolamentare orientato verso principi come trasparenza, coerenza e prudenza e verso un nuovo servizio di investimento: la consulenza finanziaria. Crediamo che il nostro approccio rigoroso ed orientato alle valutazioni relativi fra mercati possa rappresentare una concreta ed efficace risposta a quello che il nuovo contesto competitivo nei mercati finanziari richiede e rappresentare nel contempo un importante ausilio nello sviluppo della consulenza personalizzata in tema di investimenti. Filosofia di investimento Processi di investimento frutto di evoluzione e metodo La continua evoluzione è un carattere fondante dei nostri processi di investimento. Analizzare trend e delineare scenari sono tipologie di attività realmente dinamiche, dove esperienze, idee ed informazioni costantemente cercano di essere miscelate per monitorare le dinamiche e definire nuovi scenari. L attività spesso non è completamente scientifica perché non riconducile ad un esperimento ripetibile. Come in qualsiasi entità che produce beni e servizi, l attività non si può ridurre ad un semplice monitoraggio delle vendite e del magazzino: nessuna azienda si può permettere di agire sui mercati sulla base di equazioni statiche, ma sopravvive e produce reddito proprio in virtù di una capacità di continue evoluzioni. Il processo decisionale degli investimenti è pertanto fondato su una continua ricerca di nessi causali e di identificazione di mispricing, che alimentano rispettivamente strategie di momentum e relative value. L utilizzo trasversale di metodi quantitativi è insostituibile nella veste di misurazione dei fenomeni che possono indistintamente trarre origine sul versante fondamentale o tecnico. Allocazione quotidiana del tempo e progetti di investimento riflettono la continua volontà di evoluzione, rispettivamente con una forte attenzione al monitoraggio delle dinamiche di mercato ed all aggiornamento professionale. Evolution L altro pilastro dei processi di investimento è rappresentato dal metodo. La logica di funzionamento dei processi fornisce un idoneo contrappeso alla necessaria Method creatività dell attività di ricerca delle opportunità di investimento. Rigore e disciplina nell attuare con regolarità valutazioni approfondite ed attività di monitoraggio sono poi essenziali per fissare regole di condotta che salvaguardino l attività gestoria dalle insidie dell emotività. Sono numerose le evidenze di metodo che contraddistinguono il modello di business: selezione di centinaia di variabili chiave oggetto di analisi utilizzo di strumenti di misurazione standard dei caratteri di rendimento rischio. identificazione di momenti specifici per il monitoraggio dei mercati revisione con cadenze prefissate dei portafogli di investimento tools quantitativi di costruzione di portafoglio come importante sigillo per rendere oggettivo il peso dei diversi investimenti.

2 Da ultimo, ma di estrema importanza, va sottolineato come le fasi di origine delle idee di investimento e costruzione dei portafoglio siano nettamente distinte. Ciò accade non solo per consentire la personalizzazione dei portafogli, ma per una filosofia di fondo che mira a diversificare non tout court ma laddove si rilevino potenzialità di estrarre valore. La stessa personalizzazione di portafoglio, infatti, trova la sua implementazione naturale nella suddivisione all interno del portafoglio in una parte Core, per ottimizzare e rendere maggiormente efficace il raggiungimento degli obiettivi di investimento, e di una parte Satellite. Il fine è il creare una porzione di portafoglio che rifletta le view strategiche sui mercati e/o rappresenti l ideale complemento alle esigenze di copertura/redditività in una logica attiva di asset-liability management. La parte Satellite vuole profittare delle occasioni di mispricing presenti sul mercato o implementare modelli più speculativi e puramente quantitativi senza per questo inficiare il controllo del rischio sull intero portafoglio d investimento. Il processo di creazione di valore in questo senso vuole nel contempo i. generare un alpha positivo derivante dalle scelte attive di portafoglio, ii. rendere efficace il monitoraggio di blocchi di portafoglio rappresentativi di esposizioni a determinati fattori di rischio (active risk management), iii. ottimizzare il turnover di portafoglio in funzione di vincoli all operatività e ai costi impliciti ed espliciti di trading (liquidity risk, market impact, costo opportunità).

3 Allocare: un attività ad ampio raggio PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Allocare il proprio patrimonio mobiliare rappresenta una sfida che con lo scorrere del tempo ha aumentato contemporaneamente i livelli di complessità e di opportunità. Sono numerosi i casi nei quali il risultato richiesto va ben oltre la semplice preservazione e difesa dall inflazione; basti pensare al versante previdenziale e più in generale al mondo dell asset-liability management. Senza addentrarci nelle tematiche dell identificazione degli obiettivi, allocare gli investimenti sui mercati è un attività per molti versi assimilabile al mettersi a capo di una multinazionale conglomerata, struttura tanto in voga negli anni 60 e 70. Nella sostanziale assenza di vincoli alla scelta dei mercati e dei settori in cui operare, gestore e management sono accomunati da un bisogno strategico di identificare i mix di paese-settore a maggior saggio di crescita e misurare differenziali e competitività di costi. Fattori di crescita e contenimento dei costi nel pubblico e nell imprenditoria privata originano gran parte delle strategie di momentum e relative value alla base dei risultati ottenibili con i portafogli di investimento, soprattutto nel mediolungo termine. Prendere posizione a favore della teoria classica o moderna rappresenta da questo punto di vista una eccessiva semplificazione. L essenza della questione non è infatti misurare il grado di efficienza dei mercati o argomentare sulla razionalità degli investitori; tutti siamo interiormente consapevoli del fatto che i mercati finanziari scommettono costantemente sui percorsi di sviluppo futuri, a volte premiando la ragione, a volte dominati da cosiddetti fenomeni comportamentali. Il mondo della finanza spesso cerca alchimie per fornire certezza e sicurezze ma il dato di fatto è che non possiamo e non potremo mai sottrarci alla necessità di dover effettuare continuamente delle scelte per ottenere dei rendimenti aggiuntivi. Le logiche di gestione dei portafogli non possono non riflettere il carattere di dinamicità che caratterizza l essenza stessa della società. Perché porre l accento sull allocazione, e quindi implicitamente alimentare una logica top-down? Se osserviamo la modalità con la quale le informazioni finanziarie vengono lette ed interpretate, ci accorgiamo facilmente di come l attenzione finisca nella quasi totalità dei casi a misurare i singoli fenomeni in relazione alle attese, con differenze spesso trascurabili. Questi numerosi segnali sono di grande aiuto per l attività di trading volta a creare profitti di breve termine, ma rischiano di farci perdere di vista la big picture, cioè l attenzione verso quegli importanti cambiamenti di trend che generano i guadagni di lungo termine. A sinistra possiamo osservare uno spaccato sintetico dei rendimenti storici di differenti asset class, all interno di scenari economici di boomrecessione e di altabassa inflazione. Bodie Kane Marcus, Investments, Fifth Edition In qualità di allocatori siamo chiamati a rielaborare le informazioni al fine di ottenere una chiave di lettura delle opportunità di investimento in termini di rendimento e rischio correnti e futuri. Lo scenario prospettico di riferimento è però la base per catturare i grossi guadagni derivanti dai cambiamenti dei trend globali e solo un approccio di allocazione top-down su vasta scala può consentire di trarre i maggiori benefici.

4 Approccio all investimento Benchmark PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Il nostro approccio di investimento per quanto concerne l obiettivo di battere il mercato azionario poggia essenzialmente su tre elementi di inefficienza presenti in natura. Senza ricondursi strettamente ad un concetto di analisi tecnica o fondamentale in quanto tale, miriamo ad utilizzare le risorse e gli strumenti di queste due discipline per colmare i gap che rileviamo essere presenti nel sistema finanziario. Il primo aspetto riguarda l inefficienza implicita dei benchmark tradizionali value weighted: la metodologia di costruzione degli stessi porta essenzialmente a sovrappesare i titoli con maggiore probabilità di essere sopravvalutati rispetto a quelli che godono di una sottovalutazione relativa. Per noi questo conduce ad un drag di performance nel medio periodo da sfruttare nei confronti dell indice stesso. Il secondo punto è strettamente correlato al precedente, e riguarda l anomalia nella percezione fra good company e good stock ma mentre l analisi delle inefficienze dei benchmark ha un suo fondamento quantitativo il secondo trova le sue radici nelle distorsioni comportamentali dell investitore. Di fatto abbiamo rilevato che storicamente i titoli maggiormente glamour per l investitore hanno portato nel periodo successivo all investimento delle forti delusioni, con conseguenti rendimenti ex post inferiori a quelli attesi. L anomalia risiede in una errata percezione fra rendimenti attesi e rendimenti richiesti oggi dal mercato per ciò che si considera good company. Ciò che non viene considerata è la relazione diretta fra lo spread tra rendimenti attesi (expected) e richiesti (required) oggi e l andamento dei prezzi atteso domani. Spesso l overshooting attuale conduce a ribaltare l attesa di rendimento futuro in modo esasperato. Cerchiamo in tal senso di prendere posizione sul mercato al fine di profittare di tale anomalia. Over shooting Index Construction Il terzo elemento chiave a supporto delle nostre metodologie di investimento riguarda l assessment delle valutazione relative dei titoli secondo un approccio top down globale. Cerchiamo in quest ottica di cogliere i differenziali di valutazione presenti sul mercato in relazione ai settori e country di appartenenza dei titoli e ad opportuni peer group omogenei per caratteristiche quali-quantitative. Il nostro obiettivo è costruire dei rank multi dimensionali sia cross sectional per le variabili analizzate che in funzione delle asimmetrie valutative generate nel tempo dagli stessi titoli, che evidenziano spesso un grado di appetibilità non omogeneo nel tempo, con l intento di cogliere il successivo atteso movimento di convergenza. Global peers

5 Allocazione PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Il processo di allocazione è frutto di scelte e metodologie basate su modelli proprietari quantitativi di selezione e Quantitative costruzione del portafoglio insieme al contributo congiunto di una valutazione discrezionale degli scenari tattici attesi di mercato. La rigorosità formale e l ausilio della modellistica crediamo sia un aspetto indispensabile per disciplinare in Fundamental Technical maniera coerente nel tempo e priva dell emotività congiunturale una enorme quantità di informazioni complesse ed interrelate. Analogamente riteniamo che non esista un unico modello precostituito ed infallibile ma al contrario che l esperienza e la professionalità del team di Discretional investimento sia un elemento altrettanto determinante per cogliere l emergere di nuove tematiche sul mercato e supportare la modellistica per mitigare eventuale tail risk. Ecco dunque per quale motivo il nostro stile di investimento cerca di cogliere il meglio dai due mondi, in un approccio misto quantitativo e discrezionale nel contempo. Gli assi di sviluppo dell analisi su cui ci concentriamo sono due: Il punto di osservazione che privilegiamo è quello dell analisi settoriale in un contesto competitivo globale, compatibile con una visione di estrema Analisi Top-Down integrazione dei mercati finanziari e crescente di quelli reali. In secondo luogo la valutazione dell area geografica rappresenta un ulteriore dimensione per definire la nostra visione del mondo. Fra le variabili che teniamo in considerazione e monitoriamo sia strategicamente che tatticamente possiamo elencare le politiche monetarie e fiscali delle principali aree, l analisi delle domanda di investimento e consumo, indicatori di ciclo economico congiunturali e prospettici e con riferimento alla dinamica settoriale, analisi della posizione competitiva e della distribuzione dei profitti lungo la value chain, politiche governative atte a modificare l investment climate ed in modo particolare strategie di rotazione settoriale in funzione delle dinamiche del ciclo economico. A tal proposito abbiamo costruito una serie di tools di analisi proprietari che ci consentono di monitorare i key driver delle principali tematiche di scenario economico. Analisi Relative Value La nostra convinzione è che la valutazione assoluta di un asset class ceteris paribus sia qualcosa di quanto mai difficile e soprattutto estremamente aleatoria: oltre alla difficoltà implicita di stima del valore e quindi del modello di evaluation adottato, si aggiunge l alea connessa alla scelta dell opportuno orizzonte di riferimento ed alla qualità-stazionarietà degli input. Implementare delle scelte di investimento con metodo e rigore basate su una tale variabilità conduce quantomeno ad un output altamente imprevedibile e non significativo per qualunque previsione statistica. Di conseguenza abbiamo privilegiato la logica delle apples vs apples, cioè della valutazione relativa fra le asset class poste su più livelli di osservazione, ma quantomeno fra loro omogenei al fine di elidere reciprocamente le distorsioni derivanti dalla qualità degli input. L intento è di cogliere le migliori opportunità presenti sul mercato in via continuativa in funzione del profilo di rischio predeterminato ex ante e dalle attese sullo scenario di mercato.

6 L universo investibile contempla a livello macro 5 asset class: equity, bond, real assets come commodity e real estate, ed infine cash. Ciò si sostanzia in oltre 50 temi di investimento, idealmente inseribili nel portafoglio del cliente finale, ed in ulteriori approfondimenti-opportunità collegati agli strumenti utilizzabili (es. strumenti ibridi come le obbligazioni convertibili, OICR attivi ecc.). Il nostro obiettivo non è basare il nostro lavoro su un mercato ma su n variabili e m fattori di rischio al fine di ottenere l esposizione aggregata desiderata ed ottimale in funzione dello scenario tattico delineato e degli obiettivivincoli del singolo cliente. Investing in Equity Markets Investing in Bond Markets Ciò consente di realizzare nel contempo: I benefici di diversificazione essenziali per ridurre il bubble risk ; Una valutazione costante e coerente delle esposizioni al rischio sottostanti nel portafoglio nel suo complesso ed il contributo relativo della singola asset class; Una efficace e rapida revisione dei rischi assunti in funzione di una modifica del quadro di mercato ex ante definito. Investing in real assets Riflettendo sugli ultimi venti anni di mercati finanziari abbiamo numerose testimonianze di come il mix di temi di investimento più premianti in termini di rischiorendimento siano più volte variato, nonostante globalizzazione e lunghi cicli di espansione economica congiunta. A volte il fattore di successo maggiormente determinante è risultato ascrivibile ad elementi macro e logiche topdown (aumento della liquidità e crescita esponenziale dell avversione al rischio), mentre in altri casi l enfasi è caduta sui logiche relative-value (differenziali nei fattori di crescita attesa o mispricing di particolari strumenti).

7 Quantitative approach PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Competenze ed esperienza rappresentano la colonna portante di una gestione attenta e prudente in qualsiasi attività. In campo finanziario tuttavia la presenza di miriadi di dati rende proibitiva una rielaborazione meramente qualitativa degli stessi; database e capacità di calcolo dei computer offrono i mezzi necessari per misurare e sintetizzare le variabili necessarie alle scelte. Ecco perché riteniamo imprescindibile che il nostro processo di screening, di valutazione e di costruzione di portafoglio poggi su solide e rigorose basi metodologiche e quantitative. Entrando maggiormente nel dettaglio, elenchiamo ora alcuni vantaggi direttamente ricavabili da un approccio fortemente quantitativo: - la possibilità di verifica ex-ante delle strategie che si è intenzionati ad applicare (backtest). Una misurazione della significatività statistica delle strategie è essenziale per dimensionare adeguatamente le scelte di asset allocation attiva e lo stock picking, riducendo la variabilità dell information ratio atteso - l approccio quantitativo facilita l adozione di processi di investimento caratterizzati da rigore e disciplina, più efficaci nel sostenere la fase decisionale in condizioni di stress. - ricercare fra i dati relazioni impercettibili all occhio umano (knowledge discovery). Nell economia reale le migliori opportunità di investimento richiedono un assunzione di rischio in aree inesplorate, dove i margini di guadagno sono elevati; in condizioni di libero mercato, il mantenimento di margini elevati è possibile soltanto abbandonando le aree ormai prive di extra-profitto per reiterare tale processo. Ciò accade anche nei modelli di investimento finanziari, che con il tempo subiscono arbitraggi che ne riducono i profitti. - agevolare valutazioni dei rischi di portafoglio con misurazioni multidimensionali, anche in presenza di portafogli complessi multi manager. La progettazione dei portafogli avviene ponderando - output di modelli, legittimati da backtest storici - giudizi discrezionali, gestiti all interno di processi rigorosi di valutazione di informazioni quantitative Gli output di modelli sono focalizzati sulla ricerca di (micro)opportunità all interno del mercato finanziario (screening), sulla misurazione di rendimento e rischio dei comportamenti più meccanici dell attività di investimento (redditività di portafogli naive ) e sulla verifica della solidità delle relazioni attese (impatto dei key drivers). Sul versante tecnico-organizzativo abbiamo costruito un ambiente di osservazione adeguato a studiare le dinamiche interne di panieri di blue chips, sviluppando modelli di selezione quantitativa dei titoli sui mercati principali ed analizzando fattori di rischio e sources of returns tipici con diversi approcci. Single stocks monitoring & backtesting DJ Global Titans 50 (1992) S&P 100 (2000) DIJA 30 (1980) In-House (1970) Stoxx 50 (1992) Eurostoxx 50 (1992) Mib Ftse/Mib (1995) Dj Asian Titans 50 (1999) S&P Global 100 (2000) Topix 100 (1992) Topix 30 (1999) European Sectors

8 I processi di valutazione nascono dall isolamento di fattori di selezione (indicatori) che si ritiene siano in grado di rappresentare elementi significativi di forza e debolezza intrinseca dei diversi titoli, passando ad una verifica in-sample tramite back test e ad una successiva out of sample. Di seguito una sintesi del percorso di ricerca di modelli di selezione originata dall analisi del contributo del singolo fattore di selezione. Un primo step di valutazione mira a verificare la capacità di rappresentazione sopra citata, analizzando se l indicatore è in grado di discriminare in modo stabile fra i titoli. Questo per osservare in una prima approssimazione la capacità naive di selezione dell indicatore su gruppi più o meno ampi di titoli (quintili/decili). Un secondo step di valutazione prevede di verificare il comportamento della strategia variando i parametri dell indicatore e l holding period del portafoglio. A destra possiamo verificare molto semplicemente attraverso una surface come la strategia in questione tenda ad aumentare la propria redditività allungando i parametri dell indicatore e l holding period. Si tratta dunque di un modello di selezione adatto al medio-lungo periodo. Un terzo step di valutazione riguarda una verifica della sensitività della resa della strategia al variare delle condizioni di diversi fattori di rischio; es. dinamica del mercato, volatilità, dinamica dei tassi ecc. Surface analysis L analisi per quintili/decili guida pertanto lo screening della bontà dell indicatore in termini di stabilità al variare dei fattori di rischio. La fase di backtest out-of-sample dei diversi modelli di selezione identificati è preceduta da una classificazione degli stessi in funzione di: - Modelli stabili, che alla luce dei diversi fattori di rischio analizzati tendono a generare con costanza degli excess return - Modelli dinamici, ottimali per determinati contesti di mercato e quindi utilizzati per implementare più efficacemente alcune view discrezionali e situazioni topiche. I modelli stabili vengono pertanto classificati in funzione della differente rischiosità ed assemblati sulla base di verifiche di una adeguata decorrelazione. Il risultato finale viene valutato out-of-sample e rivalutato insample e sulla base di parametri di rendimento e rischio. Quintile risk factor analisys 0.73% 0.57% 0.30% -0.13% -0.17% Quintiles (class of benchmark) Strategy backtest Excess return

9 Processo di investimento PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Prima di passare ad analizzare la costruzione di portafoglio, concentriamoci a monte sul processo di investimento. I portafogli sono oggetto di costruzione e revisione in diverse situazioni. Particolarmente importanti in tal senso sono i momenti di definizione dell assetto strategico e tattico dell asset allocation. L approccio top down poggia su solide basi quantitative di analisi e screening delle opportunità di mercato e di successiva costruzione e ottimizzazione del portafoglio, supportato da valutazione qualitative degli scenari prospettici attesi di mercato. La determinazione degli input di analisi per la costruzione del portafoglio è guidato da logiche quantitative risk driven multivariate. Il punto di partenza è la traduzione delle innumerevoli informazioni presenti sui mercati finanziari in input qualificati di analisi di rischio e rendimento atteso, privi dei disturbi che li caratterizzano. L attenzione è focalizzata sulle stima del rischio in logica multivariata e sul corrispondente rendimento atteso in funzione delle differenti esposizioni ai parametri di rischio: implied volatility, implied correlation, equity systematic risk, equity specific risk, real term risk, volatility risk, liquidity risk, credit risk, interest rate risk, currency exposure risk, twist curve shift, distribution risk, drawdown risk, var, shortfall probability etc. La determinazione del rendimento atteso, segue per noi, un ordine di subordinazione (processo risk driven); dato anche l enorme variabilità ed alea nella determinazione dello stesso. In questa logica la scelta dell ambito di valutazione relativa ci consente una maggiore efficacia e coerenza con una metodologia di stima che trova fondamento sia in un approccio relative value sia di momentum. Modelli di valutazione comparata e di determinazione del risk premium atteso sulle diverse asset class sono la base di partenza di una strategia di investimento strategica e tattica. Investment Process Strategic Adjustment Strategic and tactical asset allocation Monitoring Tactical Opportunity Il processo presentato si compone di 3 macro-fasi e comporta l analisi di svariate centinaia di indici, con la finalità di supportare scelte di: - natura strategica - natura tattica Le analisi degli input di rendimento atteso e rischio per le diverse asset class guidano l esposizione strategica ai fattori di rischio complessivi (factor loadings) in funzione dello scenario di mercato delineato. L allocazione strategica di portafoglio si fonda pertanto sull identificazione, valutazione e selezione dei driver chiave di performance sempre in una logica risk driven. La parte core di portafoglio di regola è quella deputata a ricevere le indicazioni con un orizzonte non inferiore ai 3/6 mesi. L allocazione tattica del portafoglio avviene sulla base di prospettive a 1/3 mesi. La rimodellazione del portafoglio è finalizzata a - migliorare l information ratio controllando costantemente la decorrelazione delle strategie in essere implementare con miglior timing strategie di entry ed exit. Le opportunità maggiormente tattiche stimate nello scenario atteso in relazione al grado di risk exposure e strategie di momentum confluiscono nella componente satellite del portafoglio.

10 (i) Strategic Asset Allocation (ii) Tactical Asset Allocation Monitorare il portafoglio in tutti i suoi dettagli (portfolio monitoring) e governare beta ed alpha consentendo ex-post una corretta performance attribution e risk decomposition. (iii)portfolio Monitoring Uno dei nostri tools proprietari fondamentali a supporto del processo di investimento è la determinazione del Return Gap Forward: indicatore che tiene conto sia delle volatilità di mercato delle principali asset class esaminate che delle interrelazioni fra le stesse e ci consente di esprimere una valutazione prospettica sui futuri 12 mesi sull opportunità o meno di inserire una determinata variabile finanziaria in portafoglio in funzione del beneficio di diversificazione che ci si attende apporti. Riusciamo così nel contempo a riunire le 2 dimensioni di rischio e rendimento atteso con la nostra metodologia di costruzione quantitativa del portafoglio. I grafici sottostanti, a titolo di esempio, per voler identificare da un lato sia la variabilità (risk) dei risultati finanziari attesi e realizzati; sia dall altro le diversi fonti di rendimento ed il loro contributo relativo. Tali considerazioni accomunano sia il mercato azionario che quello obbligazionario ponendoli su un medesimo piano di appeal come ideali generatori di valore ( potential alpha), e perfetti candidati per logiche relative value. Enfatizziamo il ruolo cruciale della componente income su un orizzonte strategico di analisi per quanto concerne il processo di valutazione e le conseguenti scelte di allocazione. Componente che è centrale nelle nostre misure quantitative di analisi e valutazione relativa e costituisce un elemento portante per la costruzione della componente core del portafoglio.

11 Il percorso viene affrontato a scadenze prefissate in modo tale da consentire una completa revisione. Analogamente ad un necessario rigore che permea tutta la fase di analisi e creazione di portafolio, si accompagna una solida e disciplinata organizzazione interna centrata su differenti e predeterminati momenti di incontro e valutazione da parte del team di investimento per assicurare: a) una continua e coerente esposizione ai fattori di rischio desiderati in funzione dei vincoli posti nella politica di investimento, b) la presenza di mutate condizioni tattiche in grado di modificare potenzialmente lo scenario atteso ed ottimale per il portafoglio in essere, c) la mera ricerca di opportunità di investimento in funzione di variazione repentine sulle asset class oggetto di monitoraggio con obiettivo tendenzialmente tattico. Concretamente, l organizzazione interna prevede dei momenti predefiniti di monitoraggio ed analisi che accompagnano il portafoglio durante la sua vita: - quotidianamente: per un controllo dei limiti di rischio complessivi (var, tracking error, volatility etc) e per valutare l opportunità di strategie tattiche; - settimanalmente: revisione dei temi più importanti e analisi orientate principalmente su dinamiche di settori e opportunità sul mercato valutario; - mensilmente: revisione complessiva del portafoglio e discussione in sede di comitato investimenti dello scenario macro atteso e della congruenza del portafoglio attuale. Vengono esaminate tutte le asset class principali. Nella sezione successiva introdurremo alcuni aspetti tecnico-organizzativi relativi allo specifico processo di fund selection.

12 Fund selection Il lavoro di selezione dei fondi fa perno tipicamente su caratteri qualitativi e quantitativi. Specializzazione (no fondi generalisti) Una prima due diligence qualitativa identifica i contorni della politica di investimento. Stabilità dell asset class di riferimento (no fondi flessibili) Livello di gestione attiva dichiarata Una seconda verifica analizza dal punto di vista quantitativo l appartenenza a specifici peer group. Analisi QUALITATIVA Verifica benchmark di allocazione (peer group) Aderenza al benchmark dichiarato o ideale Analisi di stabilità/ciclicita dell extraperformance In linea generale i fondi vengono distinti secondo una matrice in Passivi - Attivi, Tradizionali - Alternativi e vengono collocati in peer group omogenei, monitorabili attraverso benchmark di allocazione. Analisi QUANTITATIVA Tali peer group sono il risultato dell incrocio di numerosi fattori di rischio che permettono una più efficace realizzazione delle strategie di allocazione. Equity Bond Commodity Aree geografiche: NorthAmerica/Usa, Europa, Euro, Asia, AsiaExJapan, Japan. Emerging, LatinAmerica, EastEurope e Asia Emerging. Style: Growth, Value, Blend Size. Small, Mid, BChips Paesi Settori, incluso Real Estate. Currency. Hedged or not. Aree geografiche: Usa, Europa, Euro, Asia, Japan. Emerging, EastEurope. Asset Class: Govt, Corp, Collateral, Convertible Interest rate risk: segmento di Duration, TV, Linked Credit Quality: Investment grade, Speculative Currency. Hedged or not. Benchmark type. Commodity sector. Currency. Hedged or not. La sommatoria dei fondi appartenenti ai peer group, internamente identificati, rappresenta il sottoinsieme di fondi utilizzabile. Esso viene aggiornato due volte l anno. Ogni cliente ed ogni politica di investimento vengono incrociati con il sottoinsieme fondi per dare origine ad una shortlist di case e fondi da utilizzarsi in via preferenziale.

13 Costruzione del portafoglio PORTFOLIO LAB INVESTMENTS Il processo di costruzione di portafoglio segue una serie di step precisi: STEP 1: Input Mapping Mapping degli input quantitativi al fine di ottenere un rank delle migliori opportunità in termini di rendimento atteso e rischio in logica multimensionale fruendo anche di a) Costruzione di una frontiera efficiente ottenuta da allocazioni virtuali ortogonali estratti dall universo di strumenti di investimento disponibili tramite algoritmi basati sui componenti principali (pca). b) analisi delle valutazioni relativi e dei corrispondenti premio al rischio (valutazioni discrezionali) STEP 2: Risk & Scenario Analysis Input mapping Risk & Scenario Analysis Portfolio Optimization L analisi di scenario viene costruita tramite la lettura incrociata di indicatori proprietari e delle principali variabili macroeconomiche al fine di cogliere la dinamica attesa dei principali fattori di rischio che riteniamo ex ante possano influenzare le valutazioni delle principali asset class. La valutazione dei premi al rischio attuali e della dinamica attesa riteniamo costituisca un pilastro per decisioni di respiro strategico. La determinazione di uno scenario/i atteso/i rappresenta anche l elemento cardine nella scelta del grado di esposizione complessiva ai fattori di rischio del portafoglio. STEP 3: Portfolio Optimization Il processo quantitativo di costruzione del portafoglio prevede oltre a 1) l analisi della interdipendenza fra le variabili, 2) l ottimizzazione delle esposizioni al rischio in relazione allo scenario anche 3) la definizione ottimale dei pesi delle variabili. l analisi delle cross correlation fra potential asset class in funzione degli scenari attesi e delle probabilità di accadimento degli stessi (scenario analysis). L interazione fra le variabili in funzione di uno scenario atteso e l ottimizzazione dei parametri di rischio in relazione ai singoli vincoli posti del cliente costituisce l elemento core in fase di definizione delle esposizioni ai factor risk del portafoglio nel suo complesso. la realizzazione di una efficace diversificazione nel portafoglio prevede una preventiva individuazione del contributo al rischio sistemico del portafoglio delle singole asset class tenendo conto delle interdipendenze delle stesse e successivamente una riallocazione efficiente delle fonti di rischio al fine di distribuire uniformante eventuali rischi di shocks. Il processo quantitativo di determinazione del portafoglio ha un funzionamento iterativo coinvolgendo scelte tattiche di natura differente, come ad es. la definizione della currency overlay complessiva che tiene conto delle correlazioni fra le asset class e soprattutto della esposizione complessiva del portafoglio in relazione agli obiettivi target definiti in fase di costruzione dello scenario atteso. La valutazione tattica continua delle opportunità di mercato e le correlate mutazioni dello scenario atteso concorrono alla revisione pro tempore ottimale del profilo di rischio del portafoglio e delle scelte nel suo complesso e conseguentemente ad una ridefinizione delle esposizioni ai fattori di rischio coerenti con i nuovi target/indicazioni.

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di laurea specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Strategie basate

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA La vigilanza e le garanzie finanziarie QUADERNI 12 L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA PARTE PRIMA INDICE L Asset-Liability Management nelle imprese di assicurazione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli