UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE RELAZIONE DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE RELAZIONE DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE RELAZIONE DI LAUREA INNOVATIVI DISPOSITIVI TECNOLOGICI PER UNA MAGGIORE INFORMAZIONE DEL CONSUMATORE NEL SETTORE AGROALIMENTARE: UNO STUDIO AL SALONE DEL GUSTO 2010 Relatore: Prof. Giovanni Peira Correlatori: Prof. Luigi Bollani Dott. Sergio Arnoldi Candidato: Andrea Gino Sferrazza ANNO ACCADEMICO 2010/2011

2 Ringraziamenti Ringrazio per la stesura di questo lavoro: - il Prof. Giovanni Peira del Dipartimento di Scienze Merceologiche, per avermi seguito e aiutato durante questo lavoro, fornendomi parte del materiale di studio, indicandomi alcune persone cruciali per la buona riuscita della stesura e per la sua completa disponibilità durante quesi mesi di ricerche; - il Prof. Luigi Bollani, del Dipartimento di Statistica e Matematica applicata Diego de Castro, per il suo fondamentale contributo nell impostazione e nell elaborazione del questionario, proposto durante il Salone del Gusto 2010; - il Dott. Sergio Arnoldi, coordinatore dell Area Promozione Agroalimentare della Camera di commercio di Torino, il quale ha messo a disposizione tempo e risorse preziose per questo progetto di ricerca, sempre con molta professionalità e competenza; - il Dott. Alessandro Bonadonna del Dipartimento di Scienze Merceologiche, per avermi fornito preziosi spunti per la trattazione; - tutti coloro che mi hanno supportato nella stesura ed elaborazione del questionario, rendendo possibile il raggiungimento degli obiettivi prefissati nei tempi prestabiliti.

3 Ringraziamenti particolari Il primo ringraziamento va a mia madre, l unica vera persona che mi ha accompagnato in ogni momento durante il mio percorso di studio. Senza di lei, non avrei potuto raggiungere questo importante traguardo. Questo risultato lo divido con te. Ringrazio, senza fare nomi, tutte le persone a me care, famigliari, amici, conoscenti, che in questi anni mi sono state vicino nei modi più disparati, nei momenti di gioia, così come quando pensavo di affondare. Chi conosce il mio percorso sa quello che intendo e queste persone desidero che sappino che su di me, nella vita, potranno sempre contare. Infine un ringraziamento particolare per questo lavoro lo devo a chi, purtroppo, non è più al mio fianco, ma che da sempre è stata, e continuerà ad essere, il mio esempio di vita. Grazie nonna per quello che hai rappresentato per me. Se finalmente ce l ho fatta, lo devo anche al tuo amore e alla pazienza che, fin da bambino, hai avuto nei miei riguardi.

4 La prima regola di ogni tecnologia usata negli affari è che l automazione applicata ad un operazione efficiente ne ingrandirà l efficienza. La seconda è che l automazione applicata ad un operazione inefficiente ne ingrandirà l inefficienza. (Bill Gates)

5 Indice Sommario... pag. 7 CAPITOLO 1: L evoluzione dei sistemi di identificazione: dal codice a a barre alle etichette bidimensionali....pag Introduzione: verso l economia della mobilità.....pag Codici a barre: storia e simbologia pag Classificazione dei Codici a barre pag Codici a due spessori. pag Codici a più di due spessori pag Codici bidimensionali...pag Codici Bidimensionali: un balzo innovativo per i Codici a Barre....pag Tecnologia pag Classificazione dei codici bidimensionali...pag Secure Edge: sviluppo e brevetto del codice 2D-PLUS TM pag Il mercato del Mobile Internet in Italia... pag Internet alla portata di tutti: Wi-Fi free nel Comune di Torino...pag Il meccanismo di acquisizione delle informazioni pag Il Codice QR..pag Data Matrix...pag Il miglior codice a barre bidimensionale...pag Dalla carta stampata al web: il caso i-flyer......pag L impiego dei codici bidimensionali: alcuni casi... pag Lo scenario futuro... pag. 39 CAPITOLO 2: La tecnologia RFID: evoluzione e prospettive.. pag Evoluzione storica. pag Le componenti del sistema pag I tag... pag I Reader pag. 46

6 L Electronic Product Code......pag Il sistema informativo: Savant......pag EPC vs. Codici a Barre.. pag Le frequenze....pag I vantaggi dell RFId.....pag La Supply Chain integrata... pag La gestione del magazzino pag La vendita ed i consumatori.....pag Le applicazioni di filiera..pag Un caso applicativo: tracciabilità agro-alimentare come garanzia di origine dei prodotti. Il Consorzio della Qualità della Carne Bovina della Coldiretti di Milano e Lodi...pag Campi di applicazione...pag La grande distribuzione pag Trasporti... pag Identificazione personale.. pag Sistemi di pagamento....pag Applicazioni militari.pag Sanità...pag Esempi di applicazioni..pag Wal-Mart...pag Metro AG...pag Sicurezza dei sistemi RFId: criticità e vulnerabilità.. pag Sicurezza e Vulnerabilità... pag Sicurezza e Minacce....pag Gestione del rischio e possibili contromisure.pag Lo scenario futuro pag Il panorama italiano. pag Criticità ed opportunità per lo sviluppo... pag. 81 CAPITOLO 3: Situazione normativa e standard di certificazione degli strumenti di codifica pag Fondamenti e Principi del sistema GS1...pag Politiche per il Sistema di identificazione pag Data Carriers: specifiche tecniche per la simbologia dei codici a barre pag Codici a barre lineari Specifiche della simbologia EAN/UPC.pag. 91

7 Codici a Barre bidimensionali Simbologia Data Matrix...pag Standard internazionali..pag Tecnologia RFId: la situazione normativa internazionale.pag L impegno dell EPCglobal.....pag L EPCglobal Network.....pag La situazione normativa italiana.....pag La situazione normativa in USA ed in Cina...pag Una normativa moderata e consapevole pag. 105 CAPITOLO 4: Codice QR e tecnologia RFId applicati al settore agroalimentare: sistemi innovativi per la valorizzazione della sicurezza e della qualità... pag L etichetta intelligente e la mozzarella di Bufala: il caso della Tenuta Vannulo...pag QR Code come strumento di tutela del Made in Italy: l olio extra-vergine di oliva del Consorzio Unaprol...pag Il tag sulla bottiglia: l etichetta intelligente ed i suoi sviluppi nel settore vitivinicolo...pag Il Portale Vitivinicolo...pag RFId in bottiglia: il progetto Contemporare..pag Il Winecode...pag Le grandi aziende italiane muovono i primi passi verso il futuro dell etichetta: Latterie Friulane e Giovanni Rana...pag Tracciabilità, Protezione del Marchio e Tutela del Consumatore: il Consorzio del Prosciutto di San Daniele...pag Automazione e qualità: la coltivazione della patata del Fucino pag Le fasi operative...pag Il valore aggiunto della tecnologia RFId: il caso della Cooperativa Agricola Ortoamico.pag Il Consorzio Tuscania e la Cantina Sperimentale...pag L attuazione di un sistema di rintracciabilità in un azienda vitivinicola...pag. 136 CAPITOLO 5: Il Salone del Gusto 2010 come palcoscenico per i nuovi sistemi d identificazione dei prodotti agroalimentari. Lavoro svolto ed analisi dei risultati pag Il progetto.... pag Il questionario pag Il campione....pag La raccolta delle informazioni durante il Salone del Gusto pag. 146

8 5.5. Analisi dei risultati ottenuti. pag. 149 CONCLUSIONI...pag. 207 Bibliografia...pag. 213 Sitografia...pag. 217

9 Sommario Il seguente lavoro vuole analizzare i benefici ed i rischi connessi all introduzione di nuove etichette intelligenti sui prodotti agroalimentari, come strumento d informazione più completo ed affidabile per i consumatori. Il capitolo introduttivo vuole innanzitutto ripercorrere il processo evolutivo dei codici a barre, che negli anni passati hanno rappresentato e rappresentano ancora tutt oggi un fondamentale strumento di informazione per tutti i settori merceologici esistenti. Grazie al progresso tecnologico, il codice a barre è diventato un importante mezzo, attraverso il quale migliaia di aziende in tutto il mondo, possono accedere ad una varietà di informazioni che, fino a qualche decennio fa, pareva impensabile. Proseguendo nella trattazione, si parlerà dei nuovi codici a barre bidimensionali e delle enormi potenzialità che offrono, attraverso l utilizzo dei telefonini di ultima generazione, sia come investimento per le aziende, sia come strumento d informazione per i consumatori. Questa parte terminerà con l esposizione di alcune best practices già messe in atto nel mercato. La trattazione verterà in seguito sull analisi delle tecnologie basate sulla radio frequenza (RFId), le quali possono rappresentare un ulteriore passo in avanti rispetto ai codici 2D, soprattutto per quel che concerne aspetti legati alla tracciabilità agroalimentare e la garanzia di autenticità dei prodotti. Dopo una breve descrizione dell architettura che permette il funzionamento a distanza di questi dispositivi, il capitolo prende il esame anche alcune ipotesi di standardizzazione di tale sistema, grazie anche al lavoro di diversi laboratori in tutto il mondo che stanno collaborando per cercare di diffondere un unico linguaggio. Dopodichè il lavoro si concentrerà nell esposizione delle normative, cogenti e volontarie, che già da qualche anno stanno regolamentando, a livello nazionale, così come a livello internazionale, il mondo dei sistemi di identificazione. Nelle pagine finali, vengono illustrati alcuni dei più rappresentativi casi di applicazione di codici bidimensionali e RFId nel settore agroalimentare e con particolare riferimento all Italia. Nonostante la recente introduzione di tali dispositivi nel nostro paese, sottoforma di strumenti di comunicazione alternativi, è stato possibile collezionare ed analizzare diverse casistiche interessanti. Con l ultima parte di questo lavoro sarà illustrato il progetto di ricerca, 7

10 condotto durante il Salone del Gusto 2010, grazie alla preziosa collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Merceologiche della Facoltà di Economia e la Camera di commercio di Torino. Questo lavoro ha voluto indagare sul grado di interesse, tra i visitatori della manifetazione culinaria, dei nuovi sistemi di identificazione, applicati ai beni di consumo alimentare; in particolare, si è voluto formulare alcune riflessioni circa la diffusione dei dispositivi tecnologici indispensabili per l architettura del sistema e sulle principali esigenze, in termini di informazione, del campione di soggetti preso in esame. Il Salone del Gusto è stato anche il palcoscenico di una delle prime apparizioni dell etichetta intelligente, applicata a prodotti di qualità della tradizione piemontese, ed ha quindi rappresentato un occasione unica per scoprire e per far conoscere al pubblico quelle che possono essere le reali potenzialità di queste applicazioni. 8

11 CAPITOLO 1. L EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE: DAL CODICE A BARRE ALLE ETICHETTE BIDIMENSIONALI 1.1. Introduzione: verso l economia della mobilità Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie ICT (Information and Comunication Technology), la società moderna ha intrapreso un ambizioso cammino verso nuove forme di organizzazione economica. In particolare, lo sviluppo e la diffusione delle nuove tecnologie di tipo wireless, rilevabile nelle economie più avanzate, e la convergenza di queste tecnologie con lo strumento di Internet, comporterà una serie di importanti cambiamenti che coinvolgeranno numerosi aspetti della nostra vita economica e sociale. L attuale contesto storico è già in grado di confermare come la possibilità di disporre di tecnologie che riducano o, in alcuni casi, annullino i vincoli della distanza fisica stia condizionando gli ambiti lavorativi e ricreativi dell uomo. Per tale motivo si parla di nuova economia della mobilità, intesa non soltanto a livello sociale ed economico inerente le relazioni tra persone fisiche, ma anche per quanto concerne la mobilità delle merci e l erogazione di servizi complementari. Le potenzialità delle nuove tecnologie di comunicazione stanno profilando un nuovo modo di analizzare le relazioni di scambio e l evoluzione dei rapporti impresa mercato. Gli effetti dello sviluppo della nuova economia della mobilità avranno profonde implicazioni culturali, oltre che economiche e tecnologiche. A titolo esemplificativo si pensi alla diffusione della telefonia mobile in Europa, all esplosione delle tecnologie di nuova generazione ed alla crescente diffusione della videotelefonia UMTS. Dal concetto di mobilità tecnologica, si sta passando gradualmente a quello di portabilità dei contenuti. In questa prospettiva, l attenzione deve essere posta non tanto sulla potenzialità tecnologica che consente la trasmissione di informazioni, ma sulla trasferibilità e sulla qualità dei contenuti in forma mobile e sulla loro utilizzabilità da parte delle diverse tipologie di utenti. Tuttavia l adozione di nuove tecnologie ICT può rivelarsi problematica ed irrazionale, in quanto lo stesso contesto informatico è spesso disomogeneo, scarsamente integrato e ricco di criticità. In virtù di queste considerazioni introduttive può dimostrarsi utile e promettente analizzare la nuova economia della 9

12 mobilità partendo dalla prospettiva dell utente sia business che consumer riguardo l approccio a tali processi informativi così innovativi. Per troppo tempo, infatti, le reali necessità della domanda e del consumatore non sono stati sufficientemente analizzati dalle teorie economiche e dalle imprese. Queste difficoltà sono per la maggior parte da imputare alla mancanza di analisi dei reali bisogni della domanda e a contestuali investimenti in tecnologie che, per mancanza di una chiara visione strategica a priori, sono stati pressoché inefficaci. Risulta dunque corretto domandarsi come si evolverà il marketing all interno di questa nuova economia della mobilità. Da decenni ormai si studia l evoluzione della comunicazione in termini relazionali e, tra i principali risultati ottenuti dalle ricerche effettuate, è emerso come nel marketing non si gestiscano scambi di prodotti, bensì scambi di relazioni che ruotano attorno al prodotto. Il prodotto, all interno di questo contesto relazionale, è un di cui 1. Grazie alle nuove tecnologie wireless, come il Qr Code o i sistemi RFId, il marketing può utilizzare molteplici strumenti di comunicazione in grado di erogare, ad esempio, contenuti differenziati in funzione delle richieste del destinatario. In questa prospettiva, l attenzione deve essere posta non esclusivamente sulla tecnologia che consente la trasmissione delle informazioni, ma sulla trasferibilità e sulla qualità dei contenuti disponibili in forma mobile e sul loro utilizzo da parte dell utente finale. Queste tecnologie consentono maggiore penetrazione e personalizzazione del contenuto che raggiunge il singolo individuo. Tuttavia le sole tecnologie, non costituiscono di per sé le basi per un vantaggio competitivo sostenibile. E necessaria un inversione della logica del marketing tradizionale: non dalle tecnologie al mercato, ma dall individuo all innovazione 2, mediante la definizione di nuovi modelli culturali di scambio e, soprattutto, di acquisto Codici a Barre: storia e simbologie Il codice a barre può essere definito come una simbologia o un alfabeto per la codifica d informazioni in un formato tale da poter essere acquisito automaticamente 1 Cfr. Musso, L innovazione nei canali di marketing, Cfr. Farinet, Ploncher: Marketing e la nuova economia della mobilità Congresso Internazionale Le tendenze del marketing,

13 da opportuni lettori 3. Il computer è stato protagonista dello sviluppo tecnologico del codice a barre degli ultimi decenni, durante i quali si è venuto ad affermare in ogni ramo di attività, grazie alla sua capacità di elaborare enormi quantità di dati in tempi brevissimi, di raccogliere ed archiviare l informazione in spazi ridotti, di controllare processi industriali, ecc. L idea dei codici a barre fu sviluppata da Norman Joseph Woodland e Bernard Silver. Nel 1948 erano studenti dell Università di Drexel: l idea nacque dopo aver ascoltato le esigenze di automatizzare le operazioni di cassa da parte del presidente di un azienda del settore alimentare. Una delle prime idee era stata quella di utilizzare il Codice Morse stampato ed esteso in senso verticale, realizzando così barre strette e barre larghe. Tuttavia i primi tentativi di riconoscere i codici a barre, attraverso un fotomoltiplicatore originariamente utilizzato per la lettura ottica delle bande audio dei film, non ebbero successo. L eccessivo rumore dei dispositivi termoionici, il calore generato dalla lampada utilizzata per l illuminazione e il peso risultante dall insieme erano ostacoli insormontabili. Il successivo sviluppo della tecnologia laser permise ai lettori di essere costruiti a prezzi più accessibili e lo sviluppo dei circuiti integrati permise la decodifica vera e propria dei codici. Nel frattempo, Woodland presso l IBM sviluppò i codici a barre lineari che furono adottati il 3 aprile 1973 con il nome UPC (Universal Product Code). Il 26 giugno 1974 il primo prodotto (un pacchetto di gomme americane) veniva venduto utilizzando un lettore di codici a barre presso un supermarket a Troy, nell Ohio. Ciò nonostante, tale strumento presenta alcuni lati deboli che da sempre ne hanno limitato l efficienza. L acquisizione dei dati avviene solitamente tramite operatore umano, mediante l utilizzo di terminali. Da questo processo di acquisizione sono derivati alcuni problemi, quali lentezza e alta probabilità di errore. Esistono poi 3 Cfr. 11

14 molti processi operativi nei quali la velocità e la frequenza degli oggetti da identificare sono tali da rendere impossibile ad un eventuale operatore captare i dati e trasmetterli al calcolatore. Per questo motivo si è reso necessario un sistema di codifica dei dati adatto a sistemi automatici di rilevamento, per sfruttare la piena potenzialità del computer. Fin dall inizio degli anni 70 si sono andate sviluppando diverse tecnologie, tre delle quali sono risultate maggiormente significative: la tecnologia OCR, la tecnologia magnetica e la tecnologia del codice a barre" # La tecnologia OCR (Optical Character Recognition) consiste nel codificare i caratteri in modo tale che possano essere letti anche direttamente dall operatore. La stampa dei codici è molto complessa e con tolleranze molto rigide, ma soprattutto i metodi di riconoscimento degli stessi sono complessi e piuttosto lenti. E una tecnologia complessivamente costosa e non altamente efficiente, per cui non si è mai affermata in modo definitivo. La tecnologia magnetica presenta il vantaggio che le informazioni contenute nel supporto fisico possono essere agevolmente modificate, ma allo stesso tempo presenta ingenti costi ed il rischio di perdere o alterare le informazioni è tuttora elevato. Il codice a barre (bar code) si è imposto nel tempo come la tecnologia vincente. La codifica si basa su un concetto binario, quindi è già di per se vicina al linguaggio dei calcolatori. La diversa logica di codifica, dettata da diverse esigenze applicative, ha portato a diversi tipi di codici a barre. Alcuni di essi sono ampiamente diffusi, altri vengono usati solo in speciali settori, altri ancora solo in determinati paesi, ma in tutti i casi un sistema di identificazione basato su codice a barre deve tenere conto di quattro caratteristiche fondamentali: Attendibilità: il Codice a Barre si è rivelato il sistema più attendibile grazie all uso di due parametri: la cifra di controllo (check digit) ed il numero di digits fisso, grazie ai quali si ottiene un altissima attendibilità delle informazioni acquisite. Automazione: mediante l utilizzo di lettori, decodificatori e scanner industriali vi è la possibilità di leggere il Codice a Barre in modo automatico 4 Cfr. 12

15 e senza la presenza dell'operatore. Ciò ha permesso la costruzione di linee automatiche o robotizzate. Precisione: a differenza di altri sistemi, il Codice a Barre presenta un estrema precisione, garantendo un altissima efficienza delle operazioni. Velocità: l assunzione dei dati da parte del calcolatore avviene molto più velocemente che in modo manuale Classificazione dei Codici a Barre Esistono diverse tipologie di Codici a Barre, ognuno con caratteristiche diverse, ed è pertanto giusto classificarli in modo da individuare il codice adatto per ogni applicazione. Tra le simbologie più usate alcune sono presenti nella nostra realtà quotidiana, mentre altre sono destinate ad applicazioni speciali. Ogni simbologia comporta la definizione di un set di caratteri (alfabeto) finito ed univoco Codici a due spessori Gli elementi del codice (barre e spazi) possono assumere due soli spessori, in rapporto compreso tra 2 e 3. A questa categoria appartengono le seguenti classi di codici: Fig Esempio di codice a barre a due spessori Codice 2/5 5 barre: codice sviluppato nel 1968 dalla Identicon Corporation ed è stato usato soprattutto nei magazzini e nel campo fotografico, anche se ormai è caduto in disuso. Tale codice viene anche detto discreto, in quanto solo le barre sono significative, mentre gli spazi non recano informazioni e possono variare in spessore entro ampi margini di tolleranza. Codice 2/5 Interleaved: codice sviluppato nel 1972 dalla Computer Identics. Un altra denominazione di questo codice è ITF (Iterleaved Two of Five). E un codice numerico continuo che ha la stessa codifica del codice 2/5 a 5 13

16 barre, con la notevole differenza che le cifre sono rappresentate alternativamente da barre e spazi, permettendo così una maggiore densità di informazioni. Codice Codabar: il Codice Codabar è stato sviluppato dalla Monarch Marking Systems nel 1972, e per questo è anche denominato Codice Monarch. Il Codice viene considerato in termini di barre larghe e barre strette e di spazi larghi e spazi stretti, con una base binaria: ad ogni elemento stretto è associato uno 0, ad ogni elemento largo un 1. Ogni carattere è codificato con sette elementi, dei quali quattro sono barre e tre spazi. I caratteri sono separati da uno spazio intercarattere che li rende tra loro indipendenti. Un simbolo Codabar completo consiste in un carattere di Start, un campo dati di lunghezza variabile e un carattere di Stop. Codice 32 o Codice Farmaceutico: è stato adottato dal Ministero della Sanità per la codifica dei prodotti farmaceutici. Tale codice è composto da sette cifre, che identificano il tipo di confezione per ciascuna specialità medicinale, precedute dalla cifra zero e seguite da un carattere di controllo. Le nove cifre complessive vengono poi rappresentate in base 32 con sei caratteri alfanumerici, utilizzando le 10 cifre decimali ed i caratteri dell alfabeto anglosassone, con l esclusione di A, E, I, O. Codice 39: il codice 39 è stato sviluppato nel 1974, per applicazioni richiedenti un codice alfanumerico. Questo strumento ha avuto una forte espansione negli enti pubblici, nell industria (tra i codici industriali è il più diffuso) e nel commercio. Il codice permette la codifica di 43 caratteri, ognuno dei quali è rappresentato da 9 elementi, 5 barre e 4 spazi Codici a più di due spessori I codici appartenenti a questa categoria richiedono una migliore qualità di stampa, poiché gli elementi del codice possono assumere più di due spessori diversi. Fig Esempio di codice a barre a più di due spessori 14

17 Appartengono a questa categoria i seguenti codici: Codice EAN: la funzione della codifica EAN è di rappresentare il codice numerico di ogni articolo soggetto alle specifiche EAN (European Article Number) in un formato leggibile automaticamente in entrambe le direzioni. Gli elementi possono assumere 4 diversi spessori, multipli interi del modulo. Ogni cifra è codificata con 7 moduli. I simboli EAN sono disposti simmetricamente attorno ad un carattere centrale di controllo, e delimitati agli estremi da caratteri laterali di controllo (start/stop). Codice UPC: interamente compatibile con il Codice EAN, rappresenta il codice numerico di ogni articolo soggetto alle norme UPC (Universal Product Code), in uso negli Stati Uniti. Come nel Codice EAN, gli elementi possono assumere uno spessore multiplo intero (da 1 a 4) del modulo. Ogni carattere è codificato con due barre e due spazi, per uno spessore totale di sette moduli. Codice UCC/EAN 128: codice sviluppato per fornire un formato standard per lo scambio di dati tra ditte diverse. Mentre altri standards semplicemente codificano dei dati senza dire cosa rappresentano, l UCC/EAN 128 codifica i dati e mostra ciò che significano, utilizzando degli identificativi di applicazione AI (Application Identifier), in modo da segnalare all applicazione cosa si sta leggendo Codici bidimensionali Gli elementi dei codici appartenenti a questa categoria possono assumere più di una dimensione. L introduzione di questi codici ha richiesto, oltre ad una migliore qualità di stampa, anche il supporto tecnologico dei lettori a 2D, i quali hanno cominciato a diffondersi a partire dal Rispetto ai codici ad una dimensione, i codici bidimensionali presentano alcuni vantaggi non trascurabili: Possono contenere una maggiore quantità di informazioni; Possono essere letti attraverso i telefoni cellulari dotati di fotocamera e lettore di codici a barre 2D; La scansione di un codice a barre 2D può far partire diverse azioni contemporaneamente; 15

18 La parziale copertura, l usura e l orientamento non pregiudicano la loro lettura Codici Bidimensionali: un balzo innovativo per i Codici a Barre I codici a barre bidimensionali, o mobile code, sono rappresentazioni in grafica matriciale di informazioni e dati. 5 Nati per applicazioni logistiche ed industriali, si stanno progressivamente diffondendo nel mercato dei beni di consumo, comparendo su giornali, riviste, confezioni di prodotti, biglietti da visita e pubblicità, proponendosi come un nuovo veicolo per accedere, promuovere e distribuire contenuti multimediali in mobilità, one click content, senza dover inserire manualmente i complessi indirizzi delle risorse sul browser del terminale mobile. 6 La scansione di codici a barre può essere oggi effettuata con un terminale mobile equipaggiato con fotocamera digitale, connessione wireless a banda larga e dalle applicazioni, dette barcode reader o mobile code client, per la scansione, acquisizione e decodifica dei codici a barre bidimensionali 7. I codici a barre bidimensionali abilitano un importante convergenza tra supporti materiali e fisici come la carta stampata, informazioni, contenuti multimediali presenti sul web e applicazioni interattive. L utilizzo di codici a barre bidimensionali coinvolge diversi attori: dai content provider ai generatori di tag 2D, dagli operatori mobili agli enti di certificazione, dalle manifatturiere alle agenzie di pubblicità e agli editori. Interoperabilità è diventata la parola chiave per il successo dell ecosistema dei servizi legati ai mobile code Tecnologia Nei codici a barre lineari si è osservato come le informazioni sono rappresentate da linee parallele di differente spessore. Nei codici bidimensionali, evoluzioni di quelli lineari, le informazioni sono invece rappresentate da un insieme di moduli quadrati bianchi e neri che formano figure quadrate o rettangolari. 5 Cfr. AA.VV., Adobe Barcoded Paper Forms Solution, Cfr. Ohbuchi, Hanaizumi, Ah Hock, Barcode Readers using the Camera Device in Mobile Phones, Cfr. Corbi, Lisa, Piersantelli: codici a barre bidimensionali: tecnologia e campi applicativi,

19 I tag bidimensionali possono contenere oltre caratteri e vengono acquisiti e interpretati dai terminali mobili dotati di fotocamera e client di decodifica. Le componenti tecnologiche basilari per il funzionamento dei mobile code sono: la simbologia; il reader (client) di lettura e decodifica a bordo dei cellulari; le architetture di risoluzione degli indirizzi; le regole di specification, che vengono applicate al momento della creazione del tag e usate per implementare vari business model e diverse tipologie di servizi. Il modulo della matrice è la dimensione di una cella, che tipicamente può assumere i valori 0 (cella bianca) o 1 (cella nera), con la possibilità di invertire i colori. Le celle sono organizzate in una matrice di righe e colonne in numero sia pari che dispari. Un insieme di celle forma una regione, organizzata in righe e colonne, con bordi ben delimitati per facilitarne all utente l acquisizione. Generalmente nel tag è inserito un sistema di detection and error correction (ECC) per consentire la ricostruzione dei quadratini stampati male, sbiaditi o cancellati. Descrizione commessa pag. 2 di 4 Raffronto codici bidimensionali Nome del file di riferimento TIREL_raffronto_codici2D_[1.2].doc Classificazione dei codici bidimensionali Esistono circa 20 differenti codici bidimensionali sul mercato, di cui i cinque 1 CODICI BIDIMENSIONALI PRESENTI SUL MERCATO più diffusi sono: Aztec Code, Data Matrix, MaxiCode, QR Code e PDF Esistono circa 20 differenti codici bidimensionali sul mercato, i cinque più diffusi sono: Aztec Code, Data Matrix, MaxiCode, QR Code, PDF417. I primi quattro sono codici a matrice, mentre l ultimo è un codice di tipo stackable. A grandi linee condividono tutti alcune caratteristiche: I primi quattro sono codici a matrice, mentre l ultimo è un codice di tipo stackable, 1. formato grafico fisso ovvero componibile. A grandi linee condividono tutti alcune caratteristiche: La loro struttura è quella di un elemento che può contenere un numero definito di caratteri, tipicamente tra i ed i Formato grafico fisso: la loro struttura è quella di un elemento che può Se c è necessità di codificare più dati di quelli che un singolo elemento può ospitare, non si può ingrandire l elemento stesso: l unica soluzione è quella di generare più codici grafici, allo scopo di creare lo spazio dove allocare tutti i dati necessari. contenere un numero definito di caratteri, tipicamente tra i ed i codice a correzione di errore prestabilito Tipicamente è possibile scegliere solo tra due/tre percentuali diverse di codice a correzione 8 Cfr. Fontana S., di errore. Raffronto In genere Codici l ECC Bidimensionali, selezionabile 2006 và dal 15% al 25%; 3. caratteri e non byte Inoltre si parla di caratteri codificabili e non di byte in quanto i dati contenuti devono essere di un set ben definito ASCII. Per inserire dei valori binari si ricorre a versioni non perfettamente standard del codice, ovvero si codifica il binario nella forma ASCII-64, il 17 che comporta un aumento dello spazio occupato dal dato binario del 25% esatto: in pratica ogni 3 byte, cioè 24 bit, si codificano 4 caratteri del set ASCII base da 6 bit significativi ognuno;

20 Se viene a crearsi la necessità di codificare più dati di quelli che un singolo elemento può ospitare, non si può ingrandire l elemento stesso: l unica soluzione è quella di generare più codici grafici, allo scopo di creare lo spazio dove allocare tutti i dati necessari. Descrizione commessa pag. 3 di 4 Caratteri Raffronto e non codici byte: bidimensionali parla di caratteri codificabili e non di byte, in quanto Nome del file di riferimento i dati contenuti devono essere di un set ben definito. TIREL_raffronto_codici2D_[1.2].doc Esistono poi altri codici bidimensionali interessanti: Esistono poi altri tre codici bidimensionali interessanti: DataGlyph 2D-Plus Datastrip DataGlyphs Il DataGlyphs, realizzato dalla Xerox, è capace di modificare la sua forma e quindi di allargarsi allo scopo di contenere quantità sempre più grandi di dati. Riesce a gestire sfondo o una riempimento forma di una ECC immagie, (Error ovvero Correction generare immagini Code = sfruttando codici a una correzione tecnica di di errore) variabile e può codificare direttamente dati in forma binaria. Il DataGlyphs è un codice molto interessante con il quale è possibile creare pattern grafici di sfondo o riempimento di un immagine, ovvero generare immagini sfruttando una tecnica di chiaro-scuro con i suoi simboli. La quantità di dati che si riescono a codificare per pollice quadrato è però piuttosto bassa, pari a circa 420 byte. Datastrip DataGlyphs Il DataGlyphs della Xerox, è capace di modificare la sua forma, quindi di allargarsi allo scopo di contenere quantità sempre più grandi di dati. Riesce a gestire una forma di ECC variabile, e può codificare direttamente dati in forma binaria. Il DataGlyphs è un codice molto interessante con il quale è possibile creare pattern grafici di chiaro-scuro con i suoi simboli. La quantità di dati che si riescono a codificare per pollice quadrato è però pittosto bassa, ed è pari a circa 420 byte. Datastrip Il Datastrip rappresenta una tipologia di codice realizzata dalla stessa Datastrip Inc. In base alla grandezza documentazione massima pari ufficiale a 3.2 x 0.7 ; rilasciata queste grandezze dall azienda, rappresentano 9 si evince una superficie che attraverso dove si questa particolare categoria è possibile generare codici ad alta capacità e comunque fino ad un massimo di byte; questa densità richiede però metodi di stampa SECURE EDGE S.R.L. - Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento può essere riprodotta o diffusa, in tutto o in parte, con un mezzo qualsiasi, senza il consenso scritto della Secure Edge. "# Il Datastrip, della Datastrip Inc sembra possa gestire, entro certi limiti, il suo formato e la densità dei dati che può rappresentare. La documentazione ufficiale da Datastrip Inc. dichiara che è possibile generare strip ad alta capacità e comunque fino ad un massimo di 4800 byte; questa densità richiede però metodi di stampa sofisticati che utilizzano tecniche fotografiche. Inoltre il codice Datastrip deve (must) essere letto da speciali lettori forniti da Datastrip Inc; per operare nella lettura, il lettore speciale deve essere in contatto con il codice. Da un altra documentazione della Datastrip si rileva che è possibile generare uno strip di possono memorizzare fino a 4,425 bytes di dati. Questi valori comportano una densità di circa 1975 byte per pollice quadrato. 9 Cfr. AA.VV. Datastrip selected by De La Rue to supply mobile biometric readers,

Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico

Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico LATEX Stage di Sicurezza Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico Stefano D Amico Typeset by LATEX 2ε Sommario Ho realizzato un sistema per l esame scritto anonimo. Al

Dettagli

La dematerializzazione dei documenti ostacoli e soluzioni

La dematerializzazione dei documenti ostacoli e soluzioni ART 2.4 Descrizione commessa pag. 1 di 8 La dematerializzazione dei documenti ostacoli e soluzioni Date 19 luglio 2006 Author Sandro Fontana E-mail sfontana@secure-edge.com Abstract Grazie alla firma digitale,

Dettagli

INTRODUZIONE Codici correttori di errori Codici rivelatori di errori

INTRODUZIONE Codici correttori di errori Codici rivelatori di errori IL CODICE EN INTRODUZIONE... 2 CODICI RIVELTORI DI ERRORI... 3 IL CODICE RRE... 5 Struttura di un simbolo... 5 IL CODICE EN... 7 Codifica dei Caratteri... 7 Struttura di un simbolo EN 13... 8 Struttura

Dettagli

Per garantire la privacy, è stato impedito il download automatico di questa immagine esterna. Per scaricare e visualizzare l'immagine, fare clic su

Per garantire la privacy, è stato impedito il download automatico di questa immagine esterna. Per scaricare e visualizzare l'immagine, fare clic su Per garantire la privacy, è stato impedito il download automatico di questa immagine esterna. Per scaricare e visualizzare l'immagine, fare clic su Opzioni sulla barra dei messaggi, quindi fare clic su

Dettagli

Codici a barre. Marco Dell Oro. January 4, 2014

Codici a barre. Marco Dell Oro. January 4, 2014 Codici a barre Marco Dell Oro January 4, 2014 1 Cosa sono i codici a barre I codici a barre sono dei codici utilizzati nel settore della produzione e del commercio, oltre che nel settore pubblicitario

Dettagli

Timbro Digitale 2D-Plus. La Firma Digitale portata sulla carta. Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento

Timbro Digitale 2D-Plus. La Firma Digitale portata sulla carta. Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento Timbro Digitale 2D-Plus La Firma Digitale portata sulla carta L autore Roberto Müller, laureato al Politecnico di Milano in Ingegneria Informatica,

Dettagli

Color Data Matrix. Figura 1. Esempi di codici Data Matrix (a) su metallo e (b) su carta.

Color Data Matrix. Figura 1. Esempi di codici Data Matrix (a) su metallo e (b) su carta. Color Data Matrix L identificazione dei prodotti mediante codici marcati direttamente sui pezzi sta diventando un elemento essenziale nei processi di fabbricazione industriale Molte simbologie lineari,

Dettagli

BEST TECHNOLOGY INNOVATION INNOV@RETAIL

BEST TECHNOLOGY INNOVATION INNOV@RETAIL PANE, latte INTEGRALE,Ticket,CIABATTE,SPUGNA, ESPOSITORE M3, DETERSIVO,NIKE,TONNO,SCARPE DA GINNASTICA, IL PRODOTTO Carne, PADIGLIONE,Prosciutto,BAR, SPAGHETTI, CHE CERCAVI Acqua, PANNA,S.BENEDETTO,SuccoDi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Comunicazione Mobile. e QR Code

Comunicazione Mobile. e QR Code Comunicazione Mobile e QR Code CHE COS È IL QR? Il Codice QR nasce come strumento industriale per tracciare la componentistica, ma a poco a poco trova larghissimo uso nel marketing. Grazie a questi codici,

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

Arca2000 ed il Bar Code

Arca2000 ed il Bar Code Arca2000 ed il Bar Code INTRODUZIONE Il codice a barre o bar code può essere definito come una simbologia o un alfabeto per la codifica di informazioni in un formato tale da poter essere acquisito automaticamente

Dettagli

QRcode Menù QRpass al servizio della ristorazione

QRcode Menù QRpass al servizio della ristorazione QRcode Menù QRpass al servizio della ristorazione Al servizio dei cittadini, Pubblica Amministrazione, Imprese Il nostro servizio permette di: Trasformare menù cartacei in comunicazione on- line ed interattiva;

Dettagli

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT Ebook 2 Il Web in mano Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO Cosa trovi in questo ebook? 1. Il web in mano 2. Come si vede il tuo sito sul telefono 3. Breve storia del mobile web

Dettagli

Cos è GIOELCOTT. Modalità d uso del software

Cos è GIOELCOTT. Modalità d uso del software Giornale Elettronico dei Lavori e Gestione delle Planimetrie con l uso di Coni Ottici GIOELAV + GIOELCOTT (Versione 2.0.0) Cos è GIOELAV? E una piattaforma software, residente in cloud, per la registrazione

Dettagli

QRcode Retail QRpass.it

QRcode Retail QRpass.it QRcode Retail QRpass.it Al servizio dei cittadini, Pubblica Amministrazione, Imprese Il nostro servizio permette di: Trasformare campagne off- line in campagne on- line ed interattive; Misurare in tempo

Dettagli

QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico

QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico QRcode turistico QRpass al servizio del settore turistico Al servizio dei cittadini, Pubblica Amministrazione, Imprese Il nostro servizio permette di: Trasformare campagne off- line in campagne on- line

Dettagli

App Hotels Applicazione per smartphone

App Hotels Applicazione per smartphone AppHotels App Hotels Applicazione per smartphone Cos'è uno smartphone Trends di crescita del mobile in italia nel 2011 Scenario diffusione tecnologica mondo Internet Mobile e Turismo Cos'è un APP Cos'è

Dettagli

Codice QR: cos'è. Tipi di informazioni del codice QR. Come si possono leggere i codici QR?

Codice QR: cos'è. Tipi di informazioni del codice QR. Come si possono leggere i codici QR? Codice QR: cos'è Il codice QR è un sistema di codificazione a due dimensioni che permette di immagazzinare informazioni di qualunque tipo. Attraverso questo sistema di ultima generazione, ad esempio, le

Dettagli

QRcode immobiliare QRpass al servizio del settore immobiliare

QRcode immobiliare QRpass al servizio del settore immobiliare QRcode immobiliare QRpass al servizio del settore immobiliare Al servizio dei cittadini, Pubblica Amministrazione, Imprese Il nostro servizio permette di: Trasformare campagne off- line in campagne on-

Dettagli

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Nozioni fondamentali sulla verifica della leggibilità dei codici a barre per una maggiore affidabilità

Dettagli

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1 SELETTRA S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Selettra distribuisce macchine ad alto contenuto tecnologico per la produzione di circuiti stampati; le macchine sono prodotte in USA, Giappone, Francia, Germania,

Dettagli

Mobile Internet: il comportamento del consumatore

Mobile Internet: il comportamento del consumatore Mobile Internet: il comportamento del consumatore Sessione di Approfondimento Osservatorio Mobile Marketing & Service Con il patrocinio di 28 Gennaio 2010 Partner Sponsor Supporter Il comportamento del

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione 2 Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE Informatica per le Discipline Umanistiche Informazione e Codifica Informazione e Codifica 3 4 il numero dieci I0 10 de il numero dieci de

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili 1 Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili Valerio Gower 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone 3 I principali sistemi operativi Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone 1 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili Valerio Gower 3 4 Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry (RIM) Windows Phone

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Modalità d uso del software

Modalità d uso del software Giornale Elettronico dei Lavori e Gestione delle Planimetrie con l uso di Coni Ottici GIOELAV + GIOEMAP (Versione 2.0.1) Cos è GIOELAV? E una piattaforma software, residente in cloud, per la registrazione

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Elementi di informatica e web di Guido Fusco

Elementi di informatica e web di Guido Fusco Presentazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Sociologia Corso di laurea in culture digitali e della comunicazione http://www.corso-informatica-web.com/ Obiettivi del corso 1 ELEMENTI

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO GRUPPO ITALIANO VINI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

La Piattaforma la Piattaforma La Piattaforma

La Piattaforma la Piattaforma  La Piattaforma In un mercato globale è sempre più importante conoscere ciò che si sta per acquistare, la provenienza delle materie prime e la catena produttiva (o filiera di produzione) associata al prodotto che si intende

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

UP Mobile è gratuito e si scarica da Google Play e da Apple Store.

UP Mobile è gratuito e si scarica da Google Play e da Apple Store. Arriva un modo tutto nuovo di fare acquisti e pagamenti, senza dover utilizzare denaro contante o carta di credito bensì inquadrando un QR Code con il proprio smartphone (un codice a barre bidimensionale,

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai Analisi costi di produzione Quaderno di campagna Registri di cantina Tracciabilità e rintracciabilità Controllo autenticità del prodotto

Dettagli

Sistema PASSADOREKey

Sistema PASSADOREKey Sistema PASSADOREKey Guida operativa 1 INDICE -1- Descrizione del sistema PASSADORE Key... 3-2- Dispositivi PASSADORE Key... 4-3- Accesso al Servizio IB - Internet Banking Banca Passadore... 6-3.1 -Passo

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Considerazioni sulla leggibilità del codice a barre e dei caratteri OCR

Considerazioni sulla leggibilità del codice a barre e dei caratteri OCR OCR e font di codice a 3 di 9 1 Considerazioni sulla leggibilità del codice a e dei caratteri OCR Diversi sono i fattori che influiscono sulla leggibilità dei codici a e dei caratteri OCR, tra questi impostazioni

Dettagli

Green Paper. E un prodotto All Partners

Green Paper. E un prodotto All Partners La soluzione alla dematerializzazione, alla gestione e all archiviazione elettronica intelligente della modulistica interna ed esterna nei flussi quotidiani di lavoro di una Azienda E un prodotto All Partners

Dettagli

PRESENZA INTERNAZIONALE

PRESENZA INTERNAZIONALE PRESENZA INTERNAZIONALE COOP BILANCIAI è presente nel mondo con BILANCIAI GROUP e numerosi Centri di Vendita e Assistenza per garantire la qualità dei propri servizi a tutta la clientela all estero. INSTALLAZIONE

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

comunicazione servizi cosa sta cambiando?

comunicazione servizi cosa sta cambiando? cosa sta cambiando? comunicazione Le aziende per rimanere sul mercato e crescere devono adattarsi alle evoluzioni che avvengono attorno a loro. Questi cambiamenti si riferiscono a moltissimi ambiti di

Dettagli

INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE E RIPARAZIONE COMPUTER

INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE E RIPARAZIONE COMPUTER Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it ANNO 2011-2012 INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

Allegato A. Caratteristiche tecniche del bollino farmaceutico

Allegato A. Caratteristiche tecniche del bollino farmaceutico Allegato A Caratteristiche tecniche del bollino farmaceutico 65 1. Caratteristiche tecniche del supporto di sicurezza. Il supporto cartaceo di sicurezza del bollino è formato da tre strati con le seguenti

Dettagli

Luce Digitale GRAPHIC DESIGN PHOTOGRAPHY & INTERACTIVE

Luce Digitale GRAPHIC DESIGN PHOTOGRAPHY & INTERACTIVE Luce Digitale GRAPHIC DESIGN PHOTOGRAPHY & INTERACTIVE Chi siamo La nostra storia e i nostri progetti ndrea ed Erica Tonin sono la mente ed il cuore A di Luce Digitale, azienda fondata nel 2000. I primi

Dettagli

QR-CODE: Relazione sull'utilizzo della tecnologia Febbraio 2011

QR-CODE: Relazione sull'utilizzo della tecnologia Febbraio 2011 QR-CODE: Relazione sull'utilizzo della tecnologia Febbraio 2011 Autore: Pierluigi Cremonesi CEO, Quarkode Il mercato dei codici a barre bidimensionali, in particolar modo quello dei QR Code continua ad

Dettagli

Impieghi pratici della tecnologia RFID nelle applicazioni di produzione e distribuzione

Impieghi pratici della tecnologia RFID nelle applicazioni di produzione e distribuzione White paper Impieghi pratici della tecnologia RFID nelle applicazioni di produzione e distribuzione INDICE L RFID semplifica i processi aziendali 2 Cos è l RFID? 2 Funzionamento dell RFID 2 I vantaggi

Dettagli

Gli standard GS1 per il settore sanitario

Gli standard GS1 per il settore sanitario Gli standard GS1 per il settore sanitario Pharmintech Bologna, 18 aprile 2013 Gli standard GS1 per il settore sanitario Pharmintech BO, 18 aprile 2013 1 GS1 Italy Indicod-Ecr Lo spazio dove nascono le

Dettagli

ic t 1 NozIoNI generali di INformatICa a m r o f i in 1. INformatICa e ItC i d l a infor ma- r e tica rappresentazione elaborazione memorizzazione

ic t 1 NozIoNI generali di INformatICa a m r o f i in 1. INformatICa e ItC i d l a infor ma- r e tica rappresentazione elaborazione memorizzazione 1 1. Informatica e ITC Nozioni generali di informatica La parola «informatica» è la contrazione dei termini «informazione» e «automatica». È la scienza che studia le tecniche di rappresentazione, elaborazione,

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

Gerber Edge Production System per il settore industriale

Gerber Edge Production System per il settore industriale Gerber Edge Production System per il settore industriale Che cosa è Gerber Edge Production System? Gerber Edge Production System è un sistema combinato di software grafico, stampante termica e plotter

Dettagli

Zebra BAR ONE SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE, L'INTEGRAZIONE LA STAMPA DI ETICHETTE CON CODICI A BARRE

Zebra BAR ONE SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE, L'INTEGRAZIONE LA STAMPA DI ETICHETTE CON CODICI A BARRE SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE, L'INTEGRAZIONE LA STAMPA DI ETICHETTE CON CODICI A BARRE Ottimizza le prestazioni e il controllo delle stampanti Zebra. Semplifica la progettazione e la stampa delle etichette

Dettagli

gestione aziendale avanzate per aziende competitive

gestione aziendale avanzate per aziende competitive progettato per MS Windows NT MS Windows 2000 MS Windows 2003 MS Windows XP gestione aziendale avanzate per aziende competitive WinAbacus è quanto di meglio possa desiderare una azienda moderna, competitiva

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

LEITZ ICON UNA SOLA MACCHINA PER LE TUE ESIGENZE DI ETICHETTATURA

LEITZ ICON UNA SOLA MACCHINA PER LE TUE ESIGENZE DI ETICHETTATURA LEITZ ICON UNA SOLA MACCHINA PER LE TUE ESIGENZE DI ETICHETTATURA FACILE 3-IN-1 VERSATILE PORTATILE INTELLIGENTE VELOCE www.leitz.com/icon Leitz Icon Una sola macchina per le tue esigenze di etichettatura

Dettagli

La biblioteca C. Cantoni propone corsi di

La biblioteca C. Cantoni propone corsi di Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it La biblioteca C. Cantoni propone corsi di INFORMATICA BASE INFORMATICA BASE PER RAGAZZI INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

G. - 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

G. - 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Nell ambito della comunicazione internet, le imprese,

Dettagli

Quick Start Guide. Nokia 6288

Quick Start Guide. Nokia 6288 Quick Start Guide Nokia 6288 Contenuto 1. Preparazione 35 2. Come utilizzare il proprio cellulare 37 3. Rete UMTS e videochiamate 39 4. La fotocamera 41 5. Come inviare MMS 42 6. Vodafone live! 45 7. Download

Dettagli

La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo: come creare valore per il consumatore

La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo: come creare valore per il consumatore Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo:

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

RENDI SMART IL TUO UFFICIO.

RENDI SMART IL TUO UFFICIO. RENDI SMART IL TUO UFFICIO. L Information Technology nel mondo aziendale è fondamentale per aumentare la collaborazione, snellire i processi e comunicare al meglio. Mobile, lo Smart Signage e le Soluzioni

Dettagli

La matematica del compact disc (J. van Lint)

La matematica del compact disc (J. van Lint) La matematica del compact disc (J. van Lint) S. Bonaccorsi Corso di Mathematical model for the Physical, Natural and Social Sciences Outline Indice 1 Introduzione. 1 2 La matematica del compact disc. 2

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

PIATTAFORMA NO-PROBLEM NEWSLETTERS

PIATTAFORMA NO-PROBLEM NEWSLETTERS 1 INDICE 1.1 Presentazione della piattaforma NO PROBLEM. 1.2 COMPOSIZIONE della newsletter... 1.3 Principali CARATTERISTICHE e vantaggi... 1.4 Gestione LISTA ISCRITTI...... 1.5 CREAZIONE E GESTIONE DEI

Dettagli

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu 09 L Informatica nel mondo del lavoro Dott.ssa Ramona Congiu 1 L informatica in azienda Al giorno d oggi la quantità di informazioni in circolazione è talmente vasta che senza il supporto delle tecnologie

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

L evoluzione del Mobile Payment in Italia

L evoluzione del Mobile Payment in Italia Sell by Cell - Movincom L evoluzione del Mobile Payment in Italia Osservatorio NFC & Mobile Payment Valeria Portale 30 Settembre 2011 Il canale e il processo di interazione Comunicazione e pre-vendita

Dettagli

Money Is Just a Tool

Money Is Just a Tool Money Is Just a Tool Arriva un modo rivoluzionario di fare acquisti e pagamenti, senza dover utilizzare denaro contante o carta di credito bensì inquadrando un QR Code con il proprio smartphone (un codice

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1 TECNOFER 85 S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Tecnofer 85 è un azienda commerciale che tratta prodotti di ferramenta, nasce nel 1985 come fornitore di aziende artigiane per iniziativa dell attuale titolare

Dettagli

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese:

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: Come scegliere la soluzione ottimale per il service desk e migliorare il ROI Sommario

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

Nel documento che segue viene presentata la tecnologia Secure Visa, sviluppata da Secure Edge, per la realizzazione di documenti non falsificabili.

Nel documento che segue viene presentata la tecnologia Secure Visa, sviluppata da Secure Edge, per la realizzazione di documenti non falsificabili. White Paper Ottobre 2005 SecureVisa Secure Edge srl Abstract Nel documento che segue viene presentata la tecnologia Secure Visa, sviluppata da Secure Edge, per la realizzazione di documenti non falsificabili.

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Our Mobile Planet: Italia

Our Mobile Planet: Italia Our Mobile Planet: Italia Identikit dell utente smartphone Maggio 2012 Informazioni riservate e proprietarie di proprietà di Google Riepilogo Gli smartphone sono diventati indispensabili nella nostra vita

Dettagli

Dati a rischio per i pendolari: il 100% utilizza connessioni Wi-Fi aperte e sconosciute mettendo a rischio informazioni personali e aziendali

Dati a rischio per i pendolari: il 100% utilizza connessioni Wi-Fi aperte e sconosciute mettendo a rischio informazioni personali e aziendali Dati a rischio per i pendolari: il 100% utilizza connessioni Wi-Fi aperte e sconosciute mettendo a rischio informazioni personali e aziendali Ogni giorno, chi utilizza connessioni Wi-Fi nel tragitto casa-lavoro,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli