Parte II. Reti di calcolatori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte II. Reti di calcolatori"

Transcript

1 Parte II Reti di calcolatori 29

2 Capitolo 4 Topologie di rete Finora abbiamo considerato il problema della trasmissione di inormazione tra due utenti. Nel caso reale dovranno essere messi in collegamento un numero molto grande di utenti. Questo é il compito di una rete di comunicazione. Dato un certo numero di utenti, la particolare disposizione geometrica dei collegamenti ra di essi, che implementa la rete, prende il nome di topologia di rete. Nel seguito descriveremo alcuni esempi di possibili topologie. Rete a maglia In una rete a maglia ogni utente o ogni host, che per noi identiicherá un punto di accesso alla rete, é collegato direttamente con tutti gli altri (Fig. 4.1). In Fig. 4.1 ogni segmento identiica un collegamento realizzato in un qualche modo (in cavo, ibra ottica, radio, ecc.). La rete a maglia é una struttura onerosa poiché comporta un alto numero di collegamenti, praticabile solo se si devono collegare un numero molto piccolo di utenti e se questi sono molto vicini. D altro canto é una struttura estremamente aidabile. L interruzione di un collegamento interrompe solo il collegamento diretto tra due utenti, che potrebbero comunque comunicare attraverso gli altri collegamenti. Rete a stella In una rete a stella ogni utente é collegato ad un dispositivo centrale (Fig. 4.2). Questo nodo centrale (C in igura), che puó corrispondere ad un host o meno, deve possedere la capacitá di instaurare i collegamenti richiesti da un host per collegarsi ad un altro host, ossia deve essere in grado di decidere di collegare o inviare l inormazione sui vari tratti. Deve cioé possedere una capacitá detta di commutazione. Rispetto ad una rete a maglia, si ha bisogno di un numero minore di connessioni (pari al numero di utenti). Nel caso di rottura di un collegamento, risulterá interrotto solo il collegamento da/verso il particolare utente. Se peró é il nodo C ad andare uori servizio, l intera connettivitá di rete viene compromessa. 30

3 CAPITOLO 4. TOPOLOGIE DI RETE 31 Host Figura 4.1: Rete a maglia. C Figura 4.2: Rete a stella.

4 CAPITOLO 4. TOPOLOGIE DI RETE 32 C3 C1 C2 Figura 4.3: Rete ad albero. Rete ad albero Una rete ad albero realizza una struttura gerarchica tra i vari nodi della rete (Fig. 4.3). Rispetto ad una rete a stella, in tale tipo di topologia viene separato isicamente il traico tra vari gruppi di utenti. In caso di guasto di uno dei nodi di commutazione (C), i collegamenti tra gli utenti negli altri gruppi rimangono comunque attivi. Rete ad anello (ring) In tal caso non ci sono connessioni terminali. Ogni utente é connesso a due utenti, a creare un percorso chiuso ed ininterrotto (Fig. 4.4). Tale topologia non richiede la presenza di nodi con capacitá aggiuntive (nodi di commutazione). I dati viaggiano in una direzione, e un interruzione dell anello provoca il blocco della unzionalitá di rete. Inine, i dati inviati da un utente ad un altro sono visibili anche a tutti gli altri utenti. Rete a bus In una rete a bus (Fig. 4.5), tutti gli utenti sono connessi ad un singolo mezzo trasmissivo, detto bus, usualmente un cavo coassiale. In tale topologia puó non essere necessaria la presenza di nodi di commutazione. I dati viaggiano in entrambe le direzioni, e sono visibili da tutti gli utenti. Un interruzione in qualsiasi punto del bus provoca teoricamente il blocco dell intera rete, anche se spesso ció si risolve in un semplice isolamento dei due tronconi e nel degradamento del segnale. Le topologie viste ino adesso, salvo l architettura ad albero, sono adatte al caso utenti distribuiti su un area geograicamente poco estesa. Si incontrano inatti nelle LAN (Local Area Network). In tali reti la quasi totalitá dei nodi sono costituiti da utenti, e sono usualmente realizzate con la medesima tecnologia con un unico proprietario. Nel caso di utenti molto distanti tra loro (WAN: Wide Area Network, o reti geograiche) si ricorre a strutture combinate. In particolare, si possono

5 CAPITOLO 4. TOPOLOGIE DI RETE 33 Figura 4.4: Rete ad anello. terminazione bus Figura 4.5: Rete a bus.

6 CAPITOLO 4. TOPOLOGIE DI RETE 34 LAN 1 LAN 2 C1 C2 LAN 3 C3 Figura 4.6: Rete in cascata. Le LAN possono avere una delle conigurazioni viste. incontrare, essenzialmente, due conigurazioni, o una loro combinazione. Reti in cascata (Fig. 4.6); Reti a maglia (Fig. 4.7). Rispetto ad un collegamento in cascata, il collegamento a maglia presenta dei collegamenti ridondanti tra i nodi di commutazione C. Tale ridondanza consente di mantenere collegati i gruppi di utenti (le LAN) anche nel caso in cui un collegamento tra tali nodi vada uori servizio. Il prezzo da pagare é il maggior costo della rete. Come rappresentato nelle Fig. 4.6, 4.7, piú reti possono essere interconnesse tra loro, attraverso opportuni nodi (nodi di conine), per ormare una rete di reti. Nella rete che le interconnette saranno presenti un certo numero di nodi di commutazione, che si occuperanno di instradare il lusso di inormazione da utente ad utente. Tali nodi, cioé, non hanno a che are con il contenuto dell inormazione, ma solo con l instradamento dei dati. La connessione di piú reti, per ormare una rete di reti, prende il nome di internetworking o internet. Internet (con la I maiuscola) é la rete di reti per eccellenza. É la piú grande e nota rete di reti del mondo. Connette piú di reti in qualsiasi parte del globo. Le reti che sono interconnesse possono essere (e sono) realizzate con tecnologia diversa e con diversi proprietari, compresi gestori nazionali. Opportuni dispositivi, i router, si occupano di

7 CAPITOLO 4. TOPOLOGIE DI RETE 35 LAN 1 LAN 2 C1 C2 LAN 4 C4 LAN 3 C3 Figura 4.7: Reti a maglia. Le LAN possono avere una delle conigurazioni viste. tradurre i segnali nel modo da adattarsi alle tecnologie delle reti collegate ad esso. Storicamente Internet nasce come progetto militare durante la guerra redda. In tale contesto venne creata ARPANET, dal nome dell agenzia governativa statunitense che la gestiva, come esperimento di rete aidabile in cui erano presenti collegamenti ridondanti e capace di operare un reindirizzamento dinamico, ossia capace di ricercare automaticamente nuovi tragitti per collegare due utenti nel caso in cui un collegamento di rete veniva a mancare, interrotto ad esempio in seguito ad un attacco nemico. Il progetto si é poi evoluto e la parte militare si é staccata, ed Internet é cominciata a divenire un potente mezzo di collegamento, prima tra universitá e poi tra la maggior parte delle strutture civili del globo.

8 Capitolo 5 Multiplexing Osservando la struttura delle possibili topologie di rete si nota che si hanno delle tratte in comune tra i vari gruppi di utenti. Ció comporta la necessitá di deinire una modalitá per ar condividere il medesimo collegamento (ovvero il mezzo trasmissivo, solitamente ad alta capacitá di trasmissione) tra diversi utenti. Nel caso delle reti di calcolatori, ció deve essere atto tenendo presente che il traico dati tra due utenti é di tipo impulsivo ed asimmetrico, ossia con periodi di silenzio e sbilanciato in una direzione, come schematizzato in Fig Prima di parlare espressamente delle tecniche con cui piú utenti possono accedere al medesimo mezzo trasmissivo, dobbiamo introdurre le tecniche utilizzate per convogliare piú linee di trasmissione in una sola. Tale operazione é detta multiplexing, mentre il dispositivo che la attua prende il nome di multiplexer. L operazione inversa é detta demultiplexing, mentre il dispositivo che la attua prende il nome di demuptiplexer. Le tecniche di multiplexing sono essenzialmente tre. richiesta servizio + dati risultati elaborati altra richiesta tempo Figura 5.1: calcolatori. Schematizzazione del traico tra due utenti di una rete di 36

9 CAPITOLO 5. MULTIPLEXING Multiplex a divisione di requenza Nel multiplex a divisione di requenza (o FDM: Frequency Division Multiplex) piú segnali vengono trasmessi sul mezzo a disposizione dividendo la banda di quest ultimo e assegnando le varie divisioni ai vari segnali. Il multiplexer provvederá, in tal caso, a spostare lo del segnale di ingresso (tramite una modulazione) nella parte a lui assegnata, come schematizzato in Fig Il demultiplexer provvederá invece a selezionare le bande relative ai singoli segnali e ad estrarre questi ultimi tramite un opportuna operazione di demodulazione. Tale tecnica é peró piú adatta alla trasmissione di traico non impulsivo (ad es. per teleono, televisione). 5.2 Multiplex a divisione di tempo Nel caso del multiplex a divisione di tempo (o TDM: Time Division Multiplex) vengono trasmessi sequenzialmente delle porzioni dei segnali di ingresso. In particolare, un certo intervallo di tempo viene diviso in un certo numero di sottointervalli (time slots). Ogni utente trasmetterá un certo numero di bit dei propri dati nello slot che gli é assegnato in quel momento (Fig. 5.3). La struttura base di tale suddivisione é detta trama. Il demultiplexer estrarrá i dati dai vari slot, inviandoli poi alle rispettive linee di uscita. L assegnazione linea time slot puó essere issa per tutta la comunicazione, o variabile da trama a trama. Nel primo caso il particolare slot indica la linea a cui devono essere inviati i dati in uscita. Nel secondo caso il pacchetto di dati trasmesso nello slot deve contenere l inormazione di linea di appartenenza (e di destinazione). Quest ultimo caso é piú adatto a sorgenti di inormazione di tipo impulsivo, per le quali nelle singole linee possono esistere intervalli di tempo in cui non c é niente da trasmettere. 5.3 Multiplex a divisione di codice Nel multiplex a divisione di codice (o CDM: Code Division Multiplex) ad ogni linea viene assegnato un codice (sequenza di bit) che viene utilizzato per moltiplicare il segnale dei singoli bit da trasmettere. I segnali delle singole linee vengono trasmessi simultaneamente ed occupano la stessa banda. La possibilitá di recuperare i singoli segnali é determinata da come vengono generati i codici. Questi sono inatti generati in modo tale che: il prodotto dei segnali relativi ai bit di due codici distinti sia prossimo a zero;

10 CAPITOLO 5. MULTIPLEXING 38 Ingressi m (t) 1 m (t) 2 Multiplexer Modulazione 1 Modulazione Uscita N m (t) N Modulazione N N Ingresso Demultiplexer Filtro 1 1 Demodulazione 1 Uscite m (t) N Filtro Demodulazione m (t) 2 Filtro N N Demodulazione N m (t) N Figura 5.2: Multiplex a divisione di requenza. utente A pacchetto 1... utente B utente A pacchetto 5 pacchetto N N trama (rame) utente B pacchetto 6 trama (rame)... tempo Figura 5.3: Multiplex a divisione di tempo.

11 CAPITOLO 5. MULTIPLEXING 39 il prodotto del segnale relativo ai bit di un codice con se stesso sia unitario solo quando i segnali sono perettamente sovrapposti nel tempo, e prossimo a zero altrimenti. Cosí il multiplexer moltiplica la sequenza di bit di una linea per il rispettivo codice e invia il segnale risultante nel canale. Il demultiplexer moltiplica il segnale ricevuto (somma del segnale da tutte le linee) per i vari codici, rendendo, per ogni linea, prossimo allo zero il contributo del segnale che viene dalle altre linee.

12 Capitolo 6 Protocolli di accesso Deinite le tecniche con cui é possibile dividere un canale o mezzo trasmissivo tra piú utenti, é necessario issare le modalitá di accesso al canale stesso. É chiaro che le regole per richiedere, utilizzare e rilasciare una linea di trasmissione devono essere issate a priori e note ai sistemi della rete. Tali regole ormano i cosiddetti protocolli di accesso, dove il termine protocollo indica l insieme delle regole per instaurare, mantenere, abbattere, un collegamento tra utenti di una rete. I protocolli di accesso possono essere suddivisi in protocolli di accesso ordinato, protocolli di accesso casuale. di seguito vedremo brevemente le caratteristiche di tali protocolli. 6.1 Protocolli di accesso ordinato Nel caso dei protocolli di accesso ordinato, tutti gli utenti accedono alla rete (o meglio al canale di comunicazione) evitando che si creino conlitti ed intererenze che provocherebbero la distruzione delle inormazioni trasmesse. Tra i protocolli ad accesso ordinato troviamo: 40

13 CAPITOLO 6. PROTOCOLLI DI ACCESSO FDMA Nel caso dell FDMA (Frequency Division Multiple Access), ad un utente che deve trasmettere vine assegnata una certa banda di requenza, secondo il multiplex di tipo FDM. Ció avviene dopo che l utente ha richiesto la possibilitá di trasmettere dati, che gli é stata riconosciuta con l assegnazione di una certa banda di requenza, a un nodo di commutazione della rete CDMA Nel caso del CDMA (Code Division Multiple Access), ad un utente che deve trasmettere viene assegnato un codice, secondo il multiplex di tipo CDM, in modo analogo a quanto avviene per l FDMA TDMA Nel caso del TDMA (Time Division Multiple Access), ad un utente che deve trasmettere viene assegnato un intervallo di tempo (time slot) che si ripete con un certo periodo (rame), secondo il multiplex di tipo TDM. Ció avviene dopo che l utente ha richiesto la possibilitá di trasmettere dati, che gli é stata riconosciuta da parte di un nodo ci commutazione oppure dopo che ha occupato (sistemi senza nodi di commutazione) un time slot libero. Ció che viene trasmesso sul canale di trasmissione é un qualcosa del tipo schematizzato in Fig In tale schematizzazione, il preambolo contiene delle sequenze di bit note (stabilite a priori), utilizzate per individuare l inizio del rame, e altre inormazioni utili al sistema. I vari time slot possono essere separati da dei bit di guardia (bit non inormativi utilizzati per avere la sicurezza che i vari time slot non si sovrappongano). Nei time slot, oltre ai bit inormativi, possono inine essere trasmesse inormazioni sull orgine e il destinatario dei dati. Da sottolineare che tale tipo di protocollo necessita di sincronizzazione, ossia che ogni utente deve riscostruirsi l inormazione temporale necessaria a determinare gli istanti di inizio rame, time slot e bit Polling Il polling (protocollo a chiamata) costituisce il primo protocollo ordinato per l accesso ad una LAN. Secondo tale protocollo un codo centrale interroga i vari terminali connessi ad esso per veriicare se hanno qualcosa da trasmettere. In caso di risposta aermativa viene loro concesso l utilizzo del canale

14 CAPITOLO 6. PROTOCOLLI DI ACCESSO rame rame... tempo slot 1 slot 2 slot N preambolo spazio di guardia Figura 6.1: Accesso a divisione di tempo (TDMA). per un certo tempo. In caso contrario, o alla conclusione del tempo concesso, viene interrogato il terminale successivo, ino a ricominciare il ciclo Token Il protocollo Token (protocollo a gettone) costituisce l evoluzione del polling. É utilizzato soprattutto nelle reti ad anello (es. Token Ring), e evita la necessitá di avere un nodo centrale che provvede ad interrogare i vari terminali. Nelle reti token (Fig. 6.2) un terminale é autorizzato a trasmettere se é in possesso del token, ossia un opportuna e prestabilita sequenza di bit. Se un terminale ha ricevuto il token puó trasmettere i dati. Altrimenti, o alla conclusione del tempo concesso per la trasmissione, invia il token al terminale successivo, ino a ricominciare il ciclo. 6.2 Protocolli di accesso casuale I protocolli di accesso casuale sono pensati per un traico di tipo impulsivo, quale quello di una rete di calcolatori, e per richiedere un implementazione circuitale piú semplice e meno costosa rispetto ai protocolli di accesso ordinato. La dierenza ondamentale con i protocolli di accesso ordinato consiste nel atto che i protocolli di accesso casuale consentono agli host di accedere alla rete senza richiedere il permesso ad un nodo di commutazione. Poiché c é una certa libertá di accedere al canale, non si puó escludere che due terminali trasmettano contemporaneamente. In tal caso i segnali vengono ad intererire degradandosi e rendendo impossibile il loro recupero.

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Reti e Internetworking

Reti e Internetworking Titpi di rete - tecnologia trasmissiva Reti e Internetworking Riferimento A. Tanenbaum "Computer Networks" Prentice-Hall, 3a Ed. Elaboratori Rete una rete broadcast Titpi di rete tecnologia trasmissiva

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Le Reti di Computer 2 Introduzione Una rete è un complesso insieme di sistemi di elaborazione

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Modulo 8 - Reti di reti

Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Nelle precedenti lezioni abbiamo parlato dei tipi elementari di topologia di rete: a bus, ad anello, a stella. Si è detto anche che le reti vengono tradizionalmente

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Linee Commutate. Comunicazione telefonica:

Linee Commutate. Comunicazione telefonica: Linee Commutate Comunicazione telefonica: Un utente compone il numero del destinatario (richiesta di connessione) Il centralino (umano od elettronico), verifica se il numero desiderato esiste e se è libero,

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Livelli di rete e architettura Client-Server Lez 12 architettura client-server 1 Scorsa lezione: comunicazione Gli utenti chiedono comunicazione

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

3. Introduzione all'internetworking

3. Introduzione all'internetworking 3. Introduzione all'internetworking Abbiamo visto i dettagli di due reti di comunicazione: ma ce ne sono decine di tipo diverso! Occorre poter far comunicare calcolatori che si trovano su reti di tecnologia

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2

TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE. INTRODUZIONE... pag.2 1 TELECOMUNICAZIONI II: LE RETI DI COMUNICAZIONE INDICE INTRODUZIONE... pag.2 LE RETI DI COMUNICAZIONE.. pag.2 La rete interconnessa (o a maglia).. pag.2 La rete a commutazione. pag.3 La rete policentrica

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 4 Multiplexing Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare l

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione

Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la commutazione Commutazione 05.2 Trasmissione di dati al di fuori di un area locale avviene tramite la Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -05: Reti a di circuito Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in

Dettagli

MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet.!

MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet.! MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Dicembre 2013 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub

Dispositivi di rete. Ripetitori. Hub Ripetitori Dispositivi di rete I ripetitori aumentano la distanza che può essere ragginta dai dispositivi Ethernet per trasmettere dati l'uno rispetto all'altro. Le distanze coperte dai cavi sono limitate

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica RETI DI COMPUTER (lucidi) Prof. De Maio Carmen cdemaio@unisa.it Introduzione I primi tempi dell'informatica furono caratterizzati da centri di calcolo con grossi computer centrali

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione -04: Multiplexing Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -04: Multiplexing Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Un singolo utente

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Reti di calcolatori ed indirizzi IP

Reti di calcolatori ed indirizzi IP ITIS TASSINARI, 1D Reti di calcolatori ed indirizzi IP Prof. Pasquale De Michele 5 aprile 2014 1 INTRODUZIONE ALLE RETI DI CALCOLATORI Cosa è una rete di calcolatori? Il modo migliore per capire di cosa

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

4. Indirizzi Internet

4. Indirizzi Internet 4.1. Introduzione 4. Indirizzi Internet L'indirizzamento è una funzionalità essenziale di qualunque sistema di comunicazione, tanto più per un sistema che vuole essere universale, cioè in rado di connettere

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli