La Nascita della Psicologia Scientifica La Psicologia scientifica si è costituita come disciplina autonoma intorno alla metà dell 800, quando si

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Nascita della Psicologia Scientifica La Psicologia scientifica si è costituita come disciplina autonoma intorno alla metà dell 800, quando si"

Transcript

1

2 La Nascita della Psicologia Scientifica La Psicologia scientifica si è costituita come disciplina autonoma intorno alla metà dell 800, quando si crearono le condizioni culturali e metodologiche che portarono alla successiva fondazione dei primi laboratori scientifici di Psicologia. Un aspetto peculiare della psicologia consiste nel fatto che essa non si riassume in un approccio unitario o universalmente accettato. Esistono diversi livelli di analisi dei fenomeni che diverse metodologie di studio (fenomenologico, empirico, comportamentale, ) oltre che diverse logiche di interpretazione dei processi.

3 L introspezione e l associazionismo Gli storici della Psicologia sono concordi nel datare la nascita della psicologia scientifica in coincidenza con la creazione a Lipsia nel 1879 del primo laboratorio di ricerca psicologica da parte di Wilhelm Wundt ( ) di formazione medica ma docente di filosofia presso la locale Università. Egli fu il fautore di un particolare metodo di studio basato sulla introspezione sistematizzata. Questo metodo di studio si fondava sull auto-osservazione e sulla descrizione minuziosa e sistematica del vissuto soggettivo. Il protocollo prevede una serie molto particolareggiata di passaggi esplorativi e di definizioni o di etichette predeterminate per descrivere i vissuti: se ogni parcella dell esperienza viene messa in evidenza, e se i termini per descriverla non sono arbritari, si dovrebbero ottenere descrizioni ripetibili, complete e paragonabili fra loro, in qualche modo oggettive (e non soggettive). Ma l oggettività dell uomo che si fa misura di se stesso è relativa, poiché egli è osservato ed osservatore al tempo stesso. Inoltre il metodo si presta a distorsioni intenzionali, come le contraffazioni, o a distorsioni involontarie dovute alle aspettative personali.

4 L introspezione sistematica si presentava comunque come concettualmente congrua alla posizione teorica di Wundt, una posizione strutturalista che si interessava della interrelazione delle varie parti del sistema nervoso e di come esse operano congiuntamente nella sensazione, nella percezione e nella costruzione dell esperienza conscia. L introspezione si presentava come un tentativo di discernere, nel modo più preciso possibile, le componenti elementari di un processo e quindi come tecnica di indagine ottimale per una concezione psicologica associazionistica, quale era quella wundtiana, secondo la quale il fenomeno è frutto della somma e della combinazione di componenti elementari. Attualmente il metodo introspettivo viene utilizzato marginalmente per lo studio della percezione e delle patologie del sensorio, mentre è meglio utilizzato in particolari ricerche di psicologia sociale ed in studi sui processi elaborazione e manipolazione delle immagini mentali.

5 E anche ovvio che alcuni tipi di dati, relativi al vissuto del soggetto, sono ottenibili solo con la tecnica introspettiva, oppure valutandone la presenza in modo indiretto/induttivo tramite la misura di qualche fenomeno oggettivabile che ad essi dovrebbe corrispondere (una condotta, una particolare reazione psico-sensoriale, una variazione della condotta, ) Per decifrare i passaggi mentali nel raggiungere una decisione, esiste una via solo indiretta e presuntiva (come l analisi delle condotte che precedono la svolta finale verso la soluzione corretta) ed una via eminentemente diretta (che corrisponde alla descrizione del soggetto su quanto sta pensando e su come sta via via, procedendo mentalmente per trovare una determinata soluzione). L analisi indiretta (basata sulle inferenze relative ai comportamenti e alle azioni) è oggettiva e quantificabile ma certamente incompleta e soggetta ad equivoci interpretativi, mentre la diretta (tramite l auto-resoconto del soggetto) risulta più illuminante e completa, benché meno oggettiva e assai meno rigorosa.

6 La Psicologia della forma o Gestalt Questa Scuola di matrice tedesca ha influenzato in modo determinante le ricerche e le teorie scientifiche per oltre mezzo secolo e ancora ai nostri giorni: è opera del lavoro congiunto, condotto a Francoforte, a partire dal 1911 da Max Wertheimer, Wolgang Kohler, Kurt Koffa e Kurt Lewin. La Psicologia della Forma e della Gestalt ( forma in tedesco) è in posizione antitetica rispetto all associazionismo di Wundt, e indaga il funzionamento della mente attraverso lo studio del fenomeno e del vissuto, non con opera di analisi ma di sintesi della globalità della esperienza. I gestaltisti hanno cercato di comprendere l esperienza nella sua globalità, rinnegando la parcellizzazione e sostenendo che è l insieme la struttura psichica ed ogni fenomeno che da essa procede, che va al di là della semplice somma delle sue parti, e che lo studio che si limiti alla analisi di queste (i mattoni) nulla o poco ci può dire sulla architettura dell edificio psichico.

7 Ogni aspetto dello psichismo si fonde con gli altri a costituire una struttura sovraordinata, una gestalt appunto, che come una composizione musicale ha qualità che non sono rintracciabili nella scomposizione della sequenza di note perché va apprezzata come una unità attraverso l espressività, il timbro,la configurazione melodica ed armonica, la significatività e la risonanza affettiva per chi la ascolta. Le principali ricerche fatte da questi studiosi sono pertinenti la percezione (in particolare quella visiva), la psicologia dei gruppi, della ontogenesi dell intelligenza, della psicologia sociale e delle dinamiche relazionali, sia a livello clinico che del lavoro. A causa dell emigrazione forzata negli Stati Uniti, dei quattro studiosi, la grande innovazione teorica della Gestalt influenza tuttora la ricerca, in particolare quella che viene definita Psicologia Cognitivista. Essendo questo un approccio fenomenologico presenta i limiti già delineati per l associazionismo: anche in questo caso il fenomeno psichico viene studiato attraverso la configurazione del vissuto, e quindi permangono alcuni problemi di attendibilità e di validità.

8 La Psicologia Dinamica o del Profondo Sigmund Freud ( ) è l uno studioso che ha fondato il suo pensiero psicologico come una teoria generale la Psicologia Dinamica. Questo modello teorico non nasce in laboratorio o in ambiente accademico, ma deriva dalla sistemazione teorica di esperienze cliniche, in particolare trattamenti con tecniche ipnotiche di pazienti affetti da nevrosi isterica, aventi disturbi psichici (emotivi e comportamentali) che somatici (anche rilevanti come attacchi di tipo epilettico, paresi, parestesie, ). Per spiegare questi fenomeni così eterogenei, Freud ebbe l intuizione di postulare una unità di base del complesso mentecorpo in senso bidirezionale (la mente agisce sul corpo e viceversa), insieme ad una pluralità di livelli della funzione mentale (un livello inconscio, uno preconscio, ed uno conscio).

9 IL MODELLO PSICODINAMICO fa riferimento ad una relazione mobile, dinamica, fra queste istanze psichiche o parti funzionali della mente. In un secondo momento Freud ha riformulato la teoria psicodinamica postulando l esistenza delle tre istanze psichiche dette Id, Ego e SuperEgo, complicando il modello esplicativo. Dal punto di vista epistemologico questo modello presenta la problematicità che l Id, l Inconscio non è osservabile e manipolabile, e quindi non è possibile ottenere le conferme con le canoniche ricerche di laboratorio, ma individuabile solo indirettamente e per via interpretativa, fondandosi sulla presenza o assenza di particolari fenomeni (atti mancati, sogni, passaggi all atto, sintomi, ecc ) che sono ritenuti essere l espressione di tale istanza psichica. Il metodo della ricerca psicoanalitica è quindi quello dell osservazione sistematizzata dei fenomeni psichici e comportamentali, colti quali prodotti di dinamiche profonde, mentre la tecnica di comprensione degli stessi fenomeni è ermeneutica o interpretativa.

10 Presupposto che giustifica la modalità interpretativa è il determinismo, cioè l idea che nessun aspetto anche quello più marginale della condotta o del vissuto dell individuo è dovuto al caso ma deriva costantemente da una causa o da un fattore preciso. Nonostante l opera di Freud appartenga ad una tradizione razionale e non empirica (quindi non costituisce un modello teorico-scientifico in senso stretto), la correttezza e la fondatezza di molte intuizioni freudiane ha trovato un preciso riscontro e una conferma nella ideazione di nuovi metodi di trattamento dei disturbi psichici: la psicoanalisi e la psicoterapia dinamica. Inoltre alcuni aspetti della teoria psicodinamica la relazione tra funzioni mentali superiori e attivazione emozionale, o l ontogenesi per fasi dell intelligenza hanno trovato conferme indiscutibili a livello di funzionamento psicofisiologico e di architettura delle funzioni cerebrali. Altri enunciati teorici sono stati il punto di partenza per lo studi di Psicologia comparata in particolare per quanto riguarda l attaccamento madre-figlio nei primati.

11 Comportamentismo o Psicologia oggettiva Il comportamentismo è un approccio concettuale dello studio del comportamento umano, che esclude dal campo della ricerca psicologica tutto ciò che non sia oggettivo e misurabile. Non viene considerato oggetto di studio qualsiasi fattore che si interpone fra lo stimolo S e la risposta R. Nello studio S-R non vengono esaminati i vissuti ed i processi elaborativi mentali perché non osservabili, escludendo così l esame della soggettività e della coscienza. Sulla base di questo assunto è stato detto che il comportamentismo è il Paradigma Psicologico S-R (Khun, 1970), ed è scienza empirica solo se studia il comportamento. Le lontane origini sono da rintracciare nel sensismo o nell idea cartesiana dell uomo/macchina, ma l antecedente diretto deriva dalle ricerche del fisiologo russo Pavlov sul condizionamento animale ed umano.

12 Il fondatore del Comportamentismo è stato J.B.Watson ( ). La sua prospettiva di ricerca comprendeva il comportamento motorio e muscolare e, tutte le modificazioni oggettivabili della condotta, come il comportamento verbale e i sintomi psicopatologici. Un enunciato rilevante di questo paradigma è il concetto di modellamento e di plasmabilità delle differenze individuali, ovvero l idea democratica che le differenze interindividuali non siano innate e immodificabili, ma dipendano nella loro totalità dall apprendimento e dall ambiente di vita. Questa concezione presenta risvolti etici paradossali e negativi, perché ipotizza che ogni aspetto dello psichismo possa essere manipolato e costruito dall esterno oltre la dignità dell uomo. Nel manifesto originario il comportamentismo si presenta come un modello esplicativo troppo elementare di tipo meccanicistico e riduzionistico., di una polivalenza tale da essere applicato allo studio dello psichismo sia umano che animale.

13 Gli studi comportamentistici hanno prodotto delle conoscenze di un certo rilievo ed interesse nel campo della psicolinguistica, delle tecniche di apprendimento e delle modalità di persuasione pubblicitaria o politica. Nella sua formulazione originaria il comportamentismo è stato superato e nel tempo sono stati proposti vari modelli neocomportamentisti che hanno studiato e fattori intermedi fra S e R. Un nuovo modello e metodo di studio che si è differenziato completamente dal comportamentismo, è il nuovo paradigma cognitivsta.

14 Cognitivismo La corrente cognitivista tende a privilegiare lo studio delle capacità degli individui di acquisire, organizzare, ricordare e fare uso concreto della conoscenza per guidare le proprie azioni. Molte ricerche cognitiviste utilizzano la simulazione cibernetica, ovvero le teorie non vengono sperimentate in vivo, ma attraverso la possibilità di riprodurre il funzionamento mentale con dei programmi ad hoc che vengono messi alla prova con il computer. Se la simulazione al calcolatore è assimilabile al reale funzionamento della mente umana, il prodotto finale dovrebbe portare ad un tipo di comprensione, di apprendimento, di memorizzazione, di reazione comportamentale analogo a quello umano (Jackendoff, 1990). Al momento attuale le dimostrazioni al computer offrono risposte contraddittorie ed incomplete, proprio perché oggetto di considerazioni logiche.

15 Una risposta del computer non comprende fattori di tipo affettivo, mentre il comportamento umano (anche quando l uomo sta risolvendo u problema di tipo logico) è sempre influenzato da fattori di tipo affettivo. Cognitivisti quali Neisser, Hull e Tolman, seguono un paradigma di ricerca che si avvicina a quello comportamentista, pur interponendo fra S ed R l elemento intermedio della elaborazione mentale (O). Questo modello definito secondo il paradigma S-O-R è stato definito anche modello della elaborazione dell informazione. Una parte dei cognitivisti sono stati influenzati dalle teorie del linguista Chomsky, secondo il quale il linguaggio può essere compreso non attraverso una catena di apprendimenti e di associazioni (come ritenevano i comportamentismi) ma piuttosto attraverso regole innate. Le regole secondo Chomsky sono il frutto della evoluzione della specie, e quindi una sorta di percorso logico obbligato diverso per ogni singola specie. Queste idee hanno un antecedente nelle teorie di Piaget sullo sviluppo delle capacità logiche, ed hanno dato luogo a numerose ricerche sperimentali in vivo o simulate al calcolatore contribuendo allo sviluppo della Psicolinguistica.

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche prof.ssa Antonietta Curci Che cos è la psicologia? Che cos è la psicologia? Scienza del comportamento Osservazione Scienza

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Psicologia come scienza: storia e metodi Psicologia scientifica e psicologia ingenua Scienza e senso comune Teoria ingenua: teoria fondata non su controlli scientifici ma sull'esperienza

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE

DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE Primo anno (503 ore) 1. Insegnamenti teorici: Materie psicologiche di base (183 ore) Psicologia generale (15

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Università : Università degli studi Macerata UNIMC Facoltà : Sc.Formazione Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito

Dettagli

Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza. Fabio Massimo Zanzotto

Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza. Fabio Massimo Zanzotto Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza Fabio Massimo Zanzotto Percorso di studio Richiami: cosa sono le macchine? Principi di funzionamento Primo Tentativo Analisi Umano (da psicologia): Comportamentismo

Dettagli

MODULO N. 1 TITOLO: LA PSICOLOGIA E LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO UMANO COMPETENZA IN USCITA

MODULO N. 1 TITOLO: LA PSICOLOGIA E LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO UMANO COMPETENZA IN USCITA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE AMBITO DISCIPLINARE: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: IV INDIRIZZO GRAFICO-PUBBLICITARIO LIBRI DI TESTO: M. A. Limonati F. Russiello, Psicologicamente. Manuale di Psicologia

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof.ssa Rosalba Larcan Psicologia La Psicologia è la scienza che studia i processi psichici, il comportamento umano, individuale e gruppale,, i rapporti tra il

Dettagli

Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA. (Teresa Boi)

Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA. (Teresa Boi) Catechesi della nuova evangelizzazione Percorso formativo per animatori per la catechesi Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA (Teresa Boi) Approcci psicologici - Comportamentismo

Dettagli

Che cos è la GRUPPO-ANALISI?

Che cos è la GRUPPO-ANALISI? Che cos è la GRUPPO-ANALISI? Terapia paradossale rispetto alla tradizione culturale e medica soprattutto nel campo psichiatrico. Medicina clinica: la terapia è opera di una persona su un altra. Canoni

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE Largo Zecca, 4-16124 GENOVA Tel. 010/247.07.78 - Fax 010/251.29.60- E-mail geis00600r@istruzione.it C.F. 95062410105 SERVIZI SOCIOSANITARI CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE CLASSI PRIME Materia: Scienze

Dettagli

La metodologia in Psicologia Clinica

La metodologia in Psicologia Clinica La metodologia in Psicologia Clinica 1. 2. Manipolazione e controllo delle variabili Utilizzata in molte aree di ricerca come la psichiatria, la psicologia clinica, la riabilitazione, il counseling, ecc.

Dettagli

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA Biografia Nato il 6 maggio 1856 a Freiberg. A quattro anni trasferimento a Vienna. Fu sin dall inizio un bambino sveglio e molto interessato. Al

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA

Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA Facoltà di PSICOLOGIA Corso di laurea in SCIENZE PSICOLOGICHE DEL CICLO DELLA VITA www.unidav.it In questa lezione tenteremo di percorrere in modo sintetico lo sviluppo storico della scienza psicologica,

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE: IV TESTO: Comunicazione M.Colombari ed. San Marco 1. Dalla filosofia degli antichi alla psicologia come scienza

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA

Dott.ssa Caterina Fucili Psicologo Psicoterapeuta Fano e Pesaro LA MIA PSICOTERAPIA La psicoterapia può nascere da diversi indirizzi teorici: esiste la psicoterapia psicoanalitica, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale, umanistica, della gestalt, ed altre ancora. Il mio metodo

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI ESAME DI STATO PER PSICOLOGI I PROVA (CASI CLINICI) PROVE USCITE NELL ANNO 2015 PRIMA SESSIONE la personalità. Non estratte: motivazione ed aggressività. ruolo delle interazioni primarie nello sviluppo

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

MANUALE DI PSICOLOGIA GENERALE di Mecacci 1. INTRODUZIONE STORICA.

MANUALE DI PSICOLOGIA GENERALE di Mecacci 1. INTRODUZIONE STORICA. MANUALE DI PSICOLOGIA GENERALE di Mecacci 1. INTRODUZIONE STORICA. fin dall antichità: pensiero filosofico dal 600: le scienze fisiche forniscono i concetti di esperimento e indagine empirica nuova concezione

Dettagli

Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia

Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia La definizione dell oggetto di studio Il problema della misurazione e dell errore soggettivo Il metodo di misurazione: tempi di reazione DICOTOMIA nel sistema nervoso

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt. Analisi vs sintesi

Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt. Analisi vs sintesi Psicologia della forma (Gestalt) Scuola tedesca (1912) Si contrappone all elementismo di Wundt Esperienza Analisi vs sintesi Gestaltisti: quando una persona guarda fuori della finestra, essa vede immediatamente

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Capitolo 1. La psicologia come scienza

Capitolo 1. La psicologia come scienza Capitolo 1. La psicologia come scienza 1. Cos è la psicologia 2. La nascita della psicologia come scienza 3. Principali correnti nello sviluppo della psicologia 1. Che cos è la psicologia! Psicologia:

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ATTIVITÀ DEL DOCENTE RELAZIONE A CONSUNTIVO

ATTIVITÀ DEL DOCENTE RELAZIONE A CONSUNTIVO RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Valeria Savino MATERIA Scienze Umane DESTINATARI 1 Aes ANNO SCOLASTICO 2012/2013 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE A) Comportamentali 1. Collaborare e partecipare

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

PIANO DEGLI STUDI QUADRIENNALI

PIANO DEGLI STUDI QUADRIENNALI PIANO DEGLI SUDI QUADRIENNALI L attività didattica di ogni singolo anno si suddivide in tre macro-aree: ORE COSIUIO DA Modulo eorico (parte teorica) Modulo (parte teorico pratica) 200 Insegnamenti di Base

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco)

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L24) (Coordinatore: Prof.ssa A. M. Parroco) Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale (Presidente: Prof. G. Cusimano) Dipartimento

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione.

Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione. Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione. 1 CITTADINANZA E COSTITUZIONE a cura di Martino Mattei Sarezzo, 29 maggio 2014.

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

PERSONA E AMBIENTE Il contributo di Kurt Lewin

PERSONA E AMBIENTE Il contributo di Kurt Lewin Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale a.a. 2012/2013 PSICOLOGIA SOCIALE E DI COMUNITÀ Modulo di PSICOLOGIA SOCIALE E DEI GRUPPI PERSONA E AMBIENTE Il contributo di Kurt Lewin Alessio Nencini

Dettagli

Cos è la Psicoterapia

Cos è la Psicoterapia Cos è la Psicoterapia La psicoterapia è una forma di trattamento dei disturbi psichici e della sofferenza umana. Esistono varie forme di psicoterapia, dalla psicoanalisi alla psicoterapia cognitiva e comportamentale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof.ssa Rosalba Larcan Quesito Come avviene la selezione naturale dei comportamenti funzionali all adattamento? adattamento? Ovvero: Quali sono i processi e le

Dettagli

Master in Counseling per Migranti

Master in Counseling per Migranti sispi attività - a.a. 2012-13 PROGETTO MIGRANTI Master in Counseling per Migranti corso annuale 210 ore Scuola accreditata S.I.Co. Società Italiana Counseling Via C.Menotti 11/c, Milano P.za Ruggero di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME

SCUOLA PRIMARIA GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME P. CATTANEO / D. CRISTANINI / A. DE ANGELIS G. MORELLO / M. PAVONE / A.TOSOLINI SCUOLA PRIMARIA GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME LE PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE, EDUCATIVE E DIDATTICHE / LE INDICAZIONI NAZIONALI

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Cegolon A. Competenza. Dalla performance alla persona competente Rubettino, Soveria Mannelli, 2008

Cegolon A. Competenza. Dalla performance alla persona competente Rubettino, Soveria Mannelli, 2008 Cegolon A. Competenza. Dalla performance alla persona competente Rubettino, Soveria Mannelli, 2008 LA PEDAGOGIA PER OBIETTIVI Il contesto Inizio XX secolo Spinte innovative Grande sviluppo Taylorismo Assunti

Dettagli

CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO

CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO L Associazione KIARA propone: PROGETTO FORMATIVO CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DEL MODELLO I.A.R.A. - ANNO 2015 - La rigenerazione della personalità ha un duplice aspetto: azione spontanea della forza

Dettagli

PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una

PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una PSINE, su proposta e in collaborazione con E.C.Fo.P., organizza una SCUOLA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POSTUNIVERSITARIA in PSICOMOTRICITA NEUROFUNZIONALE Premessa La psicomotricità funzionale viene definita

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

IL TEST DI D RORSCHACH

IL TEST DI D RORSCHACH IL TEST DI RORSCHACH Che cos'è il Rorschach? È un test psicologico proiettivo. In psicometria ed in psicodiagnostica, le macchie di Rorschach, così chiamate dal nome del loro creatore Hermann Rorschach

Dettagli

Presentazione A. processi

Presentazione A. processi Presentazione Questo libro, che nell'edizione italiana appare dopo la scomparsa dell'autore, rappresenta la migliore sintesi delle idee di A. R. Luria sul rapporto esistente tra cervello e processi cognitivi.

Dettagli

Liceo delle Scienze Sociali A. di Savoia Duca d Aosta Padova. Programmazioni biennio e triennio disciplina: Scienze Sociali

Liceo delle Scienze Sociali A. di Savoia Duca d Aosta Padova. Programmazioni biennio e triennio disciplina: Scienze Sociali Liceo delle Scienze Sociali A. di Savoia Duca d Aosta Padova Programmazioni biennio e triennio disciplina: Scienze Sociali PROFILO FORMATIVO IN USCITA DELLO STUDENTE DEL LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI In

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt. appunti distribuiti da appuntibicocca.com

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt. appunti distribuiti da appuntibicocca.com AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt appunti distribuiti da appuntibicocca.com ibicoccaappuntibicoccaappuntibicocc aappuntibicoccaappuntibicoccaappu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibico Psicologia clinica

Dettagli

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio CORSO DI LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO A.A. 2004-05 INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta Prof. Claudia Casadio LINGUAGGIO E PENSIERO Le relazioni tra linguaggio e pensiero

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Università Vita-Salute San Raffaele. Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it

Università Vita-Salute San Raffaele. Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it Università Vita-Salute San Raffaele Via Olgettina, 58 20132 Milano www.unisr.it La psicologia al San Raffaele viene concepita come disciplina scientifica che ha come oggetto il funzionamento della mente

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli