INDICE PREFAZIONE CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE Pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE PREFAZIONE... 15 CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE... 17. Pag."

Transcript

1 INDICE PREFAZIONE CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE L INAIL - CENNI STORICI E NORMATIVI IL RAPPORTO ASSICURATIVO IL REQUISITO OGGETTIVO I SOGGETTI ASSICURANTI LAVORATORI ASSICURATI ESTENSIONE DELL OBBLIGO ASSICURATIVO A NUOVE CATEGORIE DI LAVORATORI PERSONE ASSICURATE: ALCUNE PARTICOLARITÀ Artigiani Il rapporto associativo e di lavoro tra il socio lavoratore e la cooperativa Soci Lavoratori Soci amministratori Socio amministratore unico Socio unico/amministratore unico Amministratore non socio Amministratore unico non socio Lavoratori parasubordinati Gli alunni e gli insegnanti delle scuole REQUISITI PER L ASSICURABILITÀ OCCASIONE DI LAVORO DOCENTE ACCOMPAGNATORE ASPETTI CONTRIBUTIVI L assicurazione nelle scuole statali L assicurazione nelle scuole private CENNI SULLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Lavoro a progetto e collaborazione coordinata e continuativa Collaborazioni occasionali Lavoro occasionale accessorio NORMATIVA DI RIFERIMENTO Apprendisti NORMATIVA DI RIFERIMENTO Lavoro intermittente - job on call NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il contratto di lavoro ripartito - job sharing... 40

2 Contratto di somministrazione di lavoro NORMATIVA DI RIFERIMENTO Contratto di inserimento - ex formazione lavoro NORMATIVA DI RIFERIMENTO I tirocini estivi di orientamento NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione in partecipazione L ASSICURAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO Distacco nei paesi dell UE Lavoratori all estero in paesi Extra UE CAPITOLO II - LA CONTRIBUZIONE I PREMI ASSICURATIVI IL PREMIO INFORTUNI IL PREMIO SUPPLEMENTARE SILICOSI/ASBESTOSI IL PREMIO SPECIALE CAPITOLO III - IL TASSO DI PREMIO E LE OSCILLAZIONI IL TASSO DI PREMIO LE RIDUZIONI SUL TASSO DI PREMIO Compilazione del modulo Oscillazione per prevenzione Struttura del modulo Compilazione PRESUPPOSTI APPLICATIVI Regolarità contributiva ed assicurativa Osservanza delle norme in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro Interventi migliorativi in materia di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro INTERVENTI MIGLIORATIVI Sezione A - Interventi particolarmente rilevanti Sezione B - Prevenzione e protezione Sezione C - Attrezzature, macchine e impianti Sezione D - Sorveglianza sanitaria Sezione G - Cantieri temporanei o mobili DEFINIZIONE DELLA DOMANDA ULTERIORI OSCILLAZIONI DEL TASSO SANZIONI IN CASO DI INOSSERVANZA DELLE NORME DI SICUREZZA VERIFICA DEI PRESUPPOSTI PER L ACCOGLIMENTO DELLE DOMANDE... 64

3 CAPITOLO IV - LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE LA RETRIBUZIONE LA RETRIBUZIONE EFFETTIVA LA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE LA RETRIBUZIONE DI RAGGUAGLIO CAPITOLO V - LA DENUNCIA ASSICURATIVA I TEMPI E MODALITÀ DI ISCRIZIONE I nuovi termini degli adempimenti INAIL LA MODULISTICA DENUNCIA DI NUOVO LAVORO LAVORI DI BREVE DURATA LAVORI A CARATTERE TEMPORANEO CAPITOLO VI - IL PAGAMENTO DEL PREMIO COME SI PAGANO I PREMI ASSICURATIVI L AUTOLIQUIDAZIONE IL VERSAMENTO DEI PREMI LE RATEAZIONI DI PAGAMENTO Le nuove rateazioni dei debiti contributivi Debiti pregressi iscritti a ruolo Competenza decisionale Criteri e modalità di applicazione Garanzie di solvibilità LE AGEVOLAZIONI NEL PAGAMENTO DEI PREMI Le agevolazioni di carattere contributivo Le agevolazioni di carattere retributivo Le agevolazioni totali (esenzione 100%) Altre agevolazioni temporanee CAPITOLO VII - LE MODALITÀ DI CALCOLO DEI VARI TIPI DI PREMIO LE MODALITÀ DI CALCOLO DEI VARI TIPI DI PREMIO L ADDIZIONALE DANNO BIOLOGICO L ADDIZIONALE ANMIL SCHEDE ANALITICHE IL PREMIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI Campo d applicazione... 84

4 Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI A DOMICILIO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI IN COMANDO O DISTACCO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ASSISTENTI CONTRARI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I SINDACALISTI IN ASPETTATIVA Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ADDETTI AL TELELAVORO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO Campo d applicazione PAESI COMUNITARI E CONVENZIONATI PAESI EXTRACOMUNITARI NON CONVENZIONATI PAESI PARZIALMENTE CONVENZIONATI Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA... 99

5 Campo d applicazione CITTADINI STRANIERI COMUNITARI DISTACCO di stranieri comunitari in Italia CITTADINI STRANIERI EXTRACOMUNITARI DISTACCO di stranieri extracomunitari in Italia Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I DIPENDENTI CON CONTRATTO DI FORMAZIONE E LAVORO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo della retribuzione imponibile Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I DIPENDENTI CON CONTRATTO DI INSERIMENTO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo della retribuzione imponibile Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I DIPENDENTI CON CONTRATTO DI LAVORO PART TIME Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo della retribuzione imponibile Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI APPRENDISTI Campo d applicazione NORMATIVA ANTE RIFORMA Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili NORMATIVA POST RIFORMA Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili IL PREMIO PER I PRATICANTI DEGLI STUDI PROFESSIONALI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili

6 IL PREMIO SPECIALE UNITARIO PER GLI ARTIGIANI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio speciale artigiano IL PREMIO PER I PARTECIPANTI ALL IMPRESA FAMILIARE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI DELL AREA DIRIGENZIALE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI PARASUBORDINATI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I COLLABORATORI A PROGETTO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI OCCASIONALI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio Determinazione della base imponibile per un unico rapporto di collaborazione intrattenuto con un solo committente Determinazione della base imponibile per due o più rapporti di collaborazione intrattenuti con committenti diversi di durata completamente coincidente Determinazione della base imponibile per due o più rapporti di collaborazione intrattenuti con committenti diversi di durata parzialmente coincidente IL PREMIO PER IL LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità

7 Sconti e agevolazioni applicabili IL PREMIO PER GLI SPORTIVI PROFESSIONISTI DIPENDENTI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ISTRUTTORI SPORTIVI Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER IL LAVORO RIPARTITO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo della retribuzione imponibile IL PREMIO PER GLI STUDI ASSOCIATI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER IL LAVORO INTERMITTENTE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ASSOCIATI IN PARTECIPAZIONE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili IL PREMIO PER I SOCI DI SOCIETÀ NON ARTIGIANE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio

8 Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I SOCI DELLE COOPERATIVE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I FAMILIARI COADIUVANTI DI AZIENDE NON ARTIGIANE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I PARTECIPANTI A TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO (STAGES) Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I PARTECIPANTI AI TIROCINI ESTIVI DI ORIENTAMENTO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ALLIEVI DEI CORSI D ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ADDETTI AI LAVORI SOCIALMENTE UTILI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER GLI ADDETTI AI LAVORI DI PUBBLICA UTILITÀ Campo d applicazione

9 Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER LE COOPERATIVE SOCIALI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER I VOLONTARI Campo d applicazione I VOLONTARI DELLE COOPERATIVE SOCIALI LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA C.R.I I VOLONTARI DELLE SQUADRE ANTINCENDI BOSCHIVI I VOLONTARI DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO I VOLONTARI DELLE ORGANIZZAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE I VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO IL PREMIO SUPPLEMENTARE SILICOSI/ASBESTOSI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Esempio di calcolo del premio supplementare silicosi/asbestosi IL PREMIO PER GLI APPARECCHI RADIOLOGICI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Tabella dei premi speciali annui: Apparecchi radiologici di diagnostica Apparecchi radiologici di terapia IL PREMIO PER L USO DI SOSTANZE RADIOATTIVE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili

10 Tabella dei premi speciali annui IL PREMIO PER GLI ALUNNI, STUDENTI E INSEGNANTI DELLE SCUOLE Campo d applicazione L assicurazione nelle scuole statali L assicurazione nelle scuole private Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili IL PREMIO PER I FACCHINI RIUNITI IN COOPERATIVE Campo d applicazione Gli organismi soggetti alle norme del D.P.R. 602/ Gli organismi non soggetti alle norme del D.P.R. 602/ Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Tabella dei premi speciali trimestrali: Cooperative e enti associativi di fatto SOGGETTI al D.P.R. 602/ Cooperative e enti associativi di fatto NON SOGGETTI al D.P.R. 602/ IL PREMIO PER I PESCATORI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Tabella dei premi speciali trimestrali IL PREMIO PER I FRANTOI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili Tabella dei premi speciali Esempio di calcolo del premio IL PREMIO PER LE CASALINGHE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili CAPITOLO VIII - ALTRE TIPOLOGIE DI ASSICURAZIONE ALTRE ASSICURAZIONI L ASSICURAZIONE DEI DIPENDENTI STATALI Campo d applicazione

11 Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEI LAVORATORI AGRICOLI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEI LAVORATORI MARITTIMI Campo d applicazione L ASSICURAZIONE DEGLI ADDETTI ALLA BONIFICA DEGLI ORDIGNI ESPLOSIVI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEL PERSONALE DI VOLO Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEI LAVORATORI FRONTALIERI Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Campo d applicazione L ASSICURAZIONE DEGLI SPORTIVI DILETTANTI Campo d applicazione L ASSICURAZIONE DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF E BADANTI) Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili L ASSICURAZIONE DEGLI INCARICATI ALLE VENDITE Campo d applicazione Modalità di calcolo del premio Particolarità Sconti e agevolazioni applicabili TABELLE

12 TABELLA N. 1 - PREMIO SUPPLEMENTARE SILICOSI/ASBESTOSI TABELLA N. 2 - PREMI SPECIALI ARTIGIANI TABELLA N. 3 - TABELLA ESENZIONI TABELLA N. 4 - SOMME E VALORI TOTALMENTE O PARZIALMENTE ESCLUSI DALL IMPONIBILE AI FINI FISCALI E CONTRIBUTIVI TABELLA N. 5 - SOMME E VALORI ESCLUSI DALL IMPONIBILE SOLTANTO AI FINI CONTRIBUTIVI APPENDICI APPENDICE N. 1 - LE ATTIVITÀ PROTETTE APPENDICE N. 2 - TABELLA DELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE DEI FACCHINI

13 PREFAZIONE Questo testo è stato elaborato sulla base della normativa in vigore all atto della sua redazione. Attualmente sono all esame degli organi legislativi dei provvedimenti che, se approvati, potrebbero in parte modificare le modalità di svolgimento dei rapporti assicurativi per alcune particolari categorie di datori di lavoro. In particolare gli effetti dell evoluzione legislativa potranno riguardare: I premi speciali unitari per gli artigiani In ottemperanza a quanto previsto dal 4 comma - art. 3 - del Decreto Legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, il Consiglio di Amministrazione dell INAIL con delibera n. 88 in data 14 marzo 2002 ha approvato nuove forme di assicurazioni flessibile da valere per i titolari di aziende artigiane, i soci lavoratori di società artigiane, nonché per i relativi familiari coadiuvanti e associati in partecipazione. Tuttavia tale innovazione diventerà operativa soltanto dopo l approvazione con apposito Decreto Ministeriale da pubblicarsi sulla Gazzetta Ufficiale. Poiché ad oggi, nonostante il lungo tempo ormai trascorso, tale decreto non è ancora stato emesso e pubblicato si è provveduto a predisporre ed inserire nel testo solo la scheda analitica per gli artigiani, elaborata con riferimento al vecchio sistema assicurativo tuttora vigente. Le retribuzioni convenzionali Tutte le retribuzioni convenzionali, i premi speciali e gli altri dati retributivi riportati dall elaborato sono aggiornati per l anno 2005 con i valori contenuti nelle circolari INAIL n. 28 del 7 giugno 2005 e n. 3 del 3 gennaio Gli autori 15

IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL

IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL L INAIL tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni o malattie causati dall attività lavorativa, ed esonera il datore

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 Il punto di pratica professionale Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 a cura di Monica Livella Funzionario Inail * Il premio Inail viene calcolato dal datore di lavoro facendo riferimento

Dettagli

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 72 Al Ai Roma, 3 settembre 2015 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

F. D Orsi M. Di Giorgio A B C. ad uso del datore di lavoro e del RSPP

F. D Orsi M. Di Giorgio A B C. ad uso del datore di lavoro e del RSPP F. D Orsi M. Di Giorgio A B C della SICUREZZA ad uso del datore di lavoro e del RSPP Compiti, deleghe, obblighi e responsabilità secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m. e l Accordo Stato Regioni per la formazione

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

INAIL. Autoliquidazione 2014-2015

INAIL. Autoliquidazione 2014-2015 Periodico informativo n. 23/2015 INAIL. Autoliquidazione 2014-2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla al corrente che, lunedì 16 febbraio p.v,. scade

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Circolare 14 settembre 2012, n. 43

Circolare 14 settembre 2012, n. 43 Circolare 14 settembre, n. 43 Utilizzo esclusivo dei servizi telematici dell Inail per le comunicazioni con le imprese - Programma di informatizzazione delle comunicazioni con le imprese ai sensi dell

Dettagli

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,...

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Testo Unico sulla Sicurezza Decreto Legislativo 81/2008 OBBLIGHI FORMATIVI La prima e forse la più importante delle novità è che il decreto si

Dettagli

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL CIRCOLARI INAIL 3 Circolari INAIL Circolare n. 11 del 12 aprile 2010 OGGETTO: Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2010.

Dettagli

Pertanto, i minimali di retribuzione giornaliera devono essere aggiornati sulla base dei soli criteri di cui alla legge n. 537/1981.

Pertanto, i minimali di retribuzione giornaliera devono essere aggiornati sulla base dei soli criteri di cui alla legge n. 537/1981. Organo: INAIL Documento: Circolare n. 22 del 19 aprile 1993 Oggetto: Determinazione per l'anno 1993 dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute

Dettagli

Ruolo e compiti dell INAIL

Ruolo e compiti dell INAIL Ruolo e compiti dell INAIL Nuovo Polo Salute e Sicurezza NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.P.R. 1124/65 TESTO UNICO delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

UFFICIO PAGHE s.r.l.

UFFICIO PAGHE s.r.l. Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 02 di SPAZIO AZIENDE FEBBRAIO 2015 TFR non soggetto a compensazioni con i danni dovuti al datore Corte di Cassazione, sentenza

Dettagli

RIVOLUZIONE FORMAZIONE SICUREZZA

RIVOLUZIONE FORMAZIONE SICUREZZA RIVOLUZIONE FORMAZIONE SICUREZZA Pubblicato in Gazzetta Ufficiale l Accordi Stato Regioni del 21 dicembre 2011 sulle nuove modalità di formazione dei Lavoratori Dirigenti Preposti RSPP. La Gazzetta Ufficiale

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai Direzione genere Direzione centre rischi Circolare n. 72 Al Ai Roma, 3 settembre 2015 Direttore genere vicario Responsabili di tutte le Strutture centri e territorii e p.c. a: Organi istituzioni Magistrato

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO INDICE SOMMARIO Premessa... V CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1 L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro antecedente al 2008... 1 2 Il quadro comunitario e la sua

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi INAIL: sconto sui premi 2013/2014 al 14,17% Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l INAIL, con la determina del 11.03.2014

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

AL.P.I. on line. Manuale Aziende

AL.P.I. on line. Manuale Aziende AL.P.I. on line Manuale Aziende Edizione 13.1.2015 Sommario INTRODUZIONE... 1 1 ACCESSO AL SERVIZIO... 3 2 DATORI DI LAVORO, IMPRESE E ALTRI SOGGETTI NON ARTIGIANI... 5 2.1 RETRIBUZIONI REGOLAZIONE...

Dettagli

Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014

Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014 Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014 Autoliquidazione INAIL. Arriva la proroga dei termini di pagamento al 16.05.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dell Economia

Dettagli

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali Come previsto dal D.P.R. 1124/1965 sono obbligati all assicurazione Inail i datori di lavoro che, nell esercizio delle

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2014.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2014. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 21 Roma, 27 marzo 2014 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI I MANUALI DEL PROFESSIONISTA diretti da Roberto GAROFOLI DANIELE IARUSSI Manuale di infortuni sul lavoro e malattie professionali Indice Premessa VII - I - GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

RETE DI AGENZIE PER LA SICUREZZA TREVISO

RETE DI AGENZIE PER LA SICUREZZA TREVISO RETE DI AGENZIE PER LA SICUREZZA TREVISO Silvana Amico INAIL Treviso GESTIONE PER CONTO INSEGNANTI E ALUNNI Relazione 21 marzo 2007 INTRODUZIONE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 1 - Appuntamento entro il 18 febbraio e il 18 marzo 2013 (perché il 16 cade di sabato) 2 - Riduzione Premi Speciali Unitari per il settore dell Autotrasporto

Dettagli

CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA

CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA Brescia, 29 gennaio 2015 INAIL EVOLUZIONE STORICA L. 22/06/1933 n. 860 RD 17/08/1935 n. 1765 DPR

Dettagli

LA REALTA PIEMONTESE

LA REALTA PIEMONTESE LA REALTA PIEMONTESE Annalisa Lantermo S.Pre.S.A.L. TO1 Convegno Nazionale DIAGNOSI DELLA INFEZIONE TUBERCOLARE LATENTE: LUCI E OMBRE Torino, 20-21 settembre 2012 CAMPO DI APPLICAZIONE D.Lgs. 81/08 (art.

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma IL Co.N.A.P.I. Confederazione Nazionale Artigiani Piccoli Imprenditori Co.N.A.P.I. rappresenta una Associazione Datoriale dei lavoratori ed è ente bilaterale della UGL nel settore della sicurezza e formazione

Dettagli

AL.P.I. on line. Manuale Aziende

AL.P.I. on line. Manuale Aziende AL.P.I. on line Manuale Aziende Edizione 9.4.2014 Sommario INTRODUZIONE... 1 1 ACCESSO AL SERVIZIO... 3 2 DATORI DI LAVORO, IMPRESE E ALTRI SOGGETTI NON ARTIGIANI... 5 2.1 RETRIBUZIONI REGOLAZIONE... 6

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

D.PR. 547/55 D.PR. 494/96. D. Lgs. 81/2008 D.PR. 626/94. D.Lgs. 277/91. Eccetera.

D.PR. 547/55 D.PR. 494/96. D. Lgs. 81/2008 D.PR. 626/94. D.Lgs. 277/91. Eccetera. Progetto Sicurezza Buffetti legge 81/2008 è successive modifiche SICUREZZA LAVORO - La legge e le novità D.PR. 547/55 D.PR. 494/96 D.PR. 626/94 D. Lgs. 81/2008 D.Lgs. 277/91 Eccetera. Ampliamento del campo

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Il lavoratore e la sicurezza sul lavoro. Contratti atipici

Il lavoratore e la sicurezza sul lavoro. Contratti atipici Il lavoratore e la sicurezza sul lavoro. Contratti atipici Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili TRANI, 9 febbraio 2013 Dr. Gilberto Iannone Il perché della convenzione Tecsial

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo

IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo Maria GULLO INAIL Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A. Volta Spalto Marengo 42 Alessandria

Dettagli

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102 SOMMARIO CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1. L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza antecedente al 2008... 1 2. Il quadro comunitario e la sua attuazione nell ordinamento giuridico

Dettagli

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007 Notiziario n. 2/2007 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI 8 marzo 2007 1. Ingresso stranieri: nuove procedure 2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno 3. Lavoratori all estero: stabilite

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Circolare N.168 del 15 dicembre 2011 Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Premi assicurativi 2011/2012: è in corso l invio delle

Dettagli

INDICE SISTEMATICO ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI AGENTI E RAPPRESENTANTI AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE PER ASSUNZIONE

INDICE SISTEMATICO ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI AGENTI E RAPPRESENTANTI AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE PER ASSUNZIONE Indice sistematico INDICE SISTEMATICO Presentazione...XXXIII Nota sull autore... XXXV ACCENTRAMENTO ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI Decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, art. 39, c. 10, lett. K)... 3 Ministero

Dettagli

OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014

OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014 Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI D.Lgs 81/08 Ambito di applicazione Art. 2 - Definizioni a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CIRCOLARE 10 MARZO 2015, N.38 LIMITI MINIMI DI RETRIBUZIONE IMPONIBILE GIORNALIERA PER IL CALCOLO DEI PREMI ASSICURATIVI. DETERMINAZIONE

Dettagli

Le Principali Novità

Le Principali Novità TESTO UNICO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI SUL LAVORO D. L.vo 81/08 Le Principali Novità Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il testo unico in materia di tutela della salute e sicurezza

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI

ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE RAPPORTO ASSICURATIVO Ufficio Gestione Rapporti Assicurativi Ufficio Politiche Assicurative, Tariffe e Contenzioso Processo: Aziende Macroattività: Indirizzi normativi/operativi entrate

Dettagli

OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014

OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014 Roma, 12/11/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Premi INAIL. Versamento IV rata 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, il prossimo

Dettagli

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014 GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con le istruzioni operative del 3 febbraio 2014 l Inail ha fornito

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 aprile 2014 Prot. n. 025/14/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: Autoliquidazione del Premio Assicurativo INAIL 2013/2014. Riduzioni ex L. n. 147/2013 e differimento al 16.05.2014

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 INFORMATIVA

Dettagli

AUTOLIQUIDAZIONE 2012/2013 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI

AUTOLIQUIDAZIONE 2012/2013 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI AUTOLIQUIDAZIONE 2012/2013 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI Edizione del 14.1.2013 Aggiornamento del 16.1.2013 (vedi pag. 8 e 33) Aggiornamento del 30.1.2013 (vedi pag. 9 24 e 30) Aggiornamento del 12.2.2013

Dettagli

SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013

SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013 Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 06 di SPAZIO AZIENDE GIUGNO 2013 LE ULTIME NOVITÀ Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi FAQ Ministero del Lavoro

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013.

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Nota 9 maggio 2014, n. 3266 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Modulo di domanda Come noto (NOTA

Dettagli

LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Lezione n.2 LA NORMATIVA SULL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali E' l'assicurazione sociale

Dettagli

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari di Luciano Alberti Le formule presenti in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file relativi sono riportate

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 La normativa vigente D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. -Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

OGGETTO Erario ENTE INTERESSATO ADEMPIMENTI

OGGETTO Erario ENTE INTERESSATO ADEMPIMENTI 18.05.2015 1) Ritenute I.R.PE.F. alla fonte sugli emolumenti indicati di seguito: - cod. 1001: ritenute su retribuzioni, pensioni, trasferte, mensilità aggiuntive e relativo conguaglio; - cod. 1002: ritenute

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 57 24.03.2014 Tirocini: chiarimenti sull obbligo assicurativo Dal 4 marzo 2014 bisogna tener conto del tasso di tariffa della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente

La sicurezza sul lavoro. Concetti di base e accenni alla normativa vigente La sicurezza sul lavoro Concetti di base e accenni alla normativa vigente BENVENUTI! Contenuti: - Cenni storici; - Concetti di base: Infortunio e Malattia lavoro-corr. Pericolo Rischio Valutazione dei

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) I requisiti per l accesso alla pensione per le donne... 2 Adempimenti per

Dettagli

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia Informazione e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori, per i preposti e per i dirigenti e per gli addetti delle squadre di emergenza dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014 INFORMAT N. 329 29 DICEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2015. A seguito dell entrata in vigore delle semplificazioni contenute nel D.Lgs. n. 175/2014 alcuni

Dettagli

INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008

INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008 INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008 Oggetto: Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 OTTOBRE

SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 OTTOBRE INFORMAT N. 271 01 OTTOBRE 2015 INFORMAT N. 005 07 GENNAIO 2013 SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2013. Si riportano di seguito

Dettagli

Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti: lo sconto per il 2012

Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti: lo sconto per il 2012 CIRCOLARE A.F. N. 150 del 26 Ottobre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione premi INAIL delle aziende di autotrasporti: lo sconto per il 2012 Premessa Con la deliberazione n. 123/2012 l INAIL ha stabilito

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Sicurezza nelle aziende agricole

Sicurezza nelle aziende agricole D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 106/2009 Dott. Agr. Valerio Cocco Perché parlare di sicurezza? Obbligo di legge Troppi incidenti in agricoltura Definizione di rischio «rischio»: probabilità di raggiungimento

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Compiti in materia di sicurezza (SAFETY)

Compiti in materia di sicurezza (SAFETY) Compiti in materia di sicurezza (SAFETY) DATORE DI LAVORO: DIRIGENTE SCOLASTICO RSPP MEDICO COMPETENTE RLS ASPP LAVORATORI: PERSONALE SCOLASTICO IL DATORE DI LAVORO è colui che esercita l attività sulla

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 INFORMATIVA N. 295 03 SETTEMBRE 2014 Assicurativo MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 Ministero del Lavoro, Decreto 10 giugno 2014 - Settore industria Ministero del Lavoro, Decreto

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 delle Modalità di Applicazione delle Tariffe dei Premi (D.M. 12.12.2000) nei primi due anni

Dettagli

LA PREMIALITA PER PREVENZIONE A FAVORE DELLE IMPRESE. Belluno 23 Novembre 2012. Dott. Antonio Salvati Direttore Reggente Sede INAIL Belluno

LA PREMIALITA PER PREVENZIONE A FAVORE DELLE IMPRESE. Belluno 23 Novembre 2012. Dott. Antonio Salvati Direttore Reggente Sede INAIL Belluno LA PREMIALITA PER PREVENZIONE A FAVORE DELLE IMPRESE Belluno 23 Novembre 2012 Dott. Antonio Salvati Direttore Reggente Sede INAIL Belluno 1 La prima norma di prevenzione in una norma assicurativa è Legge

Dettagli

INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione

INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione Milano, gennaio/febbraio 2014 1 P R E M E S S A L art. 1, c. 128, della legge n. 147/2013 Legge di stabilità 2014 ha previsto una riduzione del

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa L evoluzione normativa La prima produzione normativa in tema di sicurezza sul lavoro risale alla fine del secolo XIX. Il legislatore dell epoca considerava gli infortuni sul lavoro un fattore inevitabile

Dettagli

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da:

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: DL 69/2013, convertito dalla L 98/2013 (cosiddetto decreto del fare ) DL 77/2013, convertito dalla L 99/2013 (che modifica solo l art. 306) 3

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli