75 AUTOMOBILE CLUB MODENA Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati. Interviste: LEO TURRINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "75 AUTOMOBILE CLUB MODENA 1926-2001 2001 Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati. Interviste: LEO TURRINI"

Transcript

1

2

3

4 75 AUTOMOBILE CLUB MODENA Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati Interviste: LEO TURRINI Testi: NUNZIA MANICARDI GIANLUCA FERRARI Progetto editoriale: FRANCESCO PELILLO Le foto sono state fornite da: Archivio Fotografico Ferrari Archivio De Tomaso Raccolte fotografiche Modenesi Giuseppe Panini Archivio Circolo della Biella Archivio O.F.M. Archivio Museo Stanguellini Archivio Automobile Club Modena Collezione Fiorenzo Fantuzzi Collezione Vittorio Fini Collezione Angelo Orlandi Collezione Adolfo Orsi Collezione Rangoni Machiavelli Grafica, impaginazione, elaborazione immagini: CATERINA PELILLO Printed in Italy - Novembre 2001 POLIGRAFICO ARTIOLI SPA - MODENA 2

5 INDICE Pagina AUTOMOBILE CLUB MODENA: 75 ANNI DI SERVIZI. 11 Gianluca Ferrari INTERVISTA AL PRESIDENTE ANGELO ORLANDI 31 Leo Turrini IL MIRACOLO MODENESE 43 Nunzia Manicardi E Ferrari creò l automobilismo 47 Come fu che la Maserati diventò modenese 51 Gli esperimenti del Commendator Vittorio 55 Nella pampa modenese 57 La corsa dei costruttori 59 La patria delle scuderie 63 Elogio dell artigiano 65 Dai Viali del parco all Aerautodromo 69 E... c era anche la Biella 77 INTERVISTA AL DIRETTORE GIOVANNI CONTI 79 Leo Turrini AUTOMOBILE CLUB MODENA: SERVIZI IN EVOLUZIONE. 87 Il soccorso stradale I parcheggi I distributori di benzina Le immatricolazioni L educazione stradale Le manifestazioni EMOZIONI SENZA PAROLE

6 4

7 La storia dell Automobile Club di Modena, che raggiunge nel 2001 il traguardo dei 75 anni di vita, si intreccia con la storia della nostra città e del suo territorio nel corso del novecento, un secolo in cui tutto è cambiato e si è determinata una radicale trasformazione della realtà sociale ed economica modenese, in modo più intenso e profondo rispetto ad altri territori italiani. Le peculiarità modenesi sono note, connotate da una singolare esperienza che ha saputo fare incontrare politiche pubbliche e iniziativa privata, dando vita a un mix di passione per il lavoro, pragmatismo nelle scelte, creatività, inventiva, ricerca della qualità, che hanno realizzato quel sistema Modena conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Lo sviluppo Modenese, che in mezzo secolo ha trasformato una delle realtà contadine più povere del Paese in un territorio industriale ricco e ad alta specializzazione tecnologica, è anche caratterizzato da un rapporto particolarmente stretto con la storia dell automobile: vi concorre specialmente la grande passione dei modenesi per i motori, per l alta velocità, per le elevate prestazioni, insieme all eccellenza artigianale dell imprenditoria geminiana. Questo spiega perché a Modena si sia concentrato negli anni il meglio dell industria automobilistica sportiva, che ha raggiunto livelli di assoluto primato mondiale e che ha contribuito a legare il nome di questa provincia ai più famosi marchi di automobili ad alta tecnologia. Forse anche per questo i modenesi dimostrano una predilezione per l automobile che colloca la nostra realtà ai primi posti in Italia nel rapporto tra numero di abitanti e autovetture in circolazione. Oggi questo non è più solo un indicatore positivo, legato al benessere di un territorio: è causa di effetti negativi, per l inquinamento, per i numerosi incidenti, per l insufficienza degli spazi di sosta, per la complessiva vivibilità degli spazi urbani. Si pongono problemi sempre più estesi e complessi per il governo della mobilità, per i supporti organizzativi, amministrativi e normativi al servizio degli automobilisti, per l educazione a comportamenti rispettosi delle regole del Codice Stradale e per la prevenzione degli incidenti. Sono i compiti che l Automobile Club di Modena ha assunto con crescente impegno, svolgendo un ruolo prezioso al servizio dell intera comunità, anche grazie alle proficue collaborazioni delle istituzioni modenesi, e agli specifici progetti di educazione e sensibilizzazione degli utenti della strada, specie i giovani, cui concorre attivamente il Comune di Modena. All ACI e ai protagonisti di questo impegno, che si protrae da ben 75 anni, va oggi il nostro riconoscimento, con il sentito augurio di buon lavoro per le future attività e per i molteplici servizi che l Automobile Club continuerà a mettere a disposizione di tutti noi, cittadini e automobilisti, tenendo conto delle nuove, mutate esigenze di una società a quattro ruote in continua evoluzione. Giuliano Barbolini Sindaco di Modena 5

8 Il Principe Caracciolo, Presidente dell ACI, inaugura le sede di Viale Verdi

9 Le nozze di diamante sono un obiettivo di assoluto prestigio e tutt altro che facile da raggiungere e, quindi, credo che l emozione - autentica - per questo traguardo tagliato, quest anno, da uno degli Automobile Club più ricchi dì storia dei nostro Paese, sia abbondantemente giustificata. Quello tra l Automobile Club Modena e la terra, la gente, la storia, la cultura, la tradizioni, lo straordinario spirito sportivo, creativo e imprenditoriale di una città che, in tutto il mondo, è - e non da oggi - sinonimo di automobile, è un legame straordinario e assolutamente unico nel suo genere. Un legame di uomini, idee e mezzi, che racconta la storia di una passione - che sembra davvero iscritta nel DNA della gente di questa terra - e di un cammino comune, sempre proteso a faro di ogni obiettivo raggiunto un nuovo punto di partenza e non già un semplice punto di arrivo. L auto e lo sport dell auto hanno in quest area, nella quale sono nati molti degli uomini e dei marchi che hanno fatto e fanno la storia dell automobile, una sorta di Eden nel quale ogni elemento, ogni energia, ogni individualità concorre a creare le condizioni per un miracolo che si perpetua quotidianamente, in una continua sfida alla qualità, al fascino, all innovazione. É in questo irripetibile contesto che si inserisce la storia dell'automobile Club Modena, non già in un ruolo di spettatore, ma in un ruolo di attore e di attore protagonista, protagonista autentico della crescita e dello sviluppo di un fenomeno affascinante, delicato e complesso quale l auto come motore primo della mobilità moderna. E, allora, l augurio, mio personale ma anche di tutti quelli per i quali l auto rappresenta una parte rilevante della propria vicenda personale, una compagna di viaggio davvero speciale, è quello che anche questi settantacinque anni di storia possano rappresentare, così come è sempre avvenuto in passato, un ulteriore stimolo nel proseguire ad incarnare il ruolo di punto di riferimento essenziale ed irrinunciabile per tutta la comunità sulla quale l Automobile Club Modena insiste. Per le Istituzioni, per il tessuto economico e sociale, per sportivi ed appassionati e, più in generale, per tutti quanti vivono, quotidianamente, la loro mobilità fatta di lavoro, famiglia, tempo libero, turismo. Perché non manchi mai un punto di riferimento, intelligente ed una guida attenta ed esperta, sia nell analisi che nell individuazione delle corrette prospettive di sviluppo e crescita di un fenomeno, la mobilità, che per definizione e per sua natura non può essere un fenomeno statico, ma un perenne, dinamico, divenire. Con un grazie particolare, consentitemelo, all Ing. Orlandi, la cui passione, il cui dinamismo, la cui carica professionale ed umana, rappresentano da lungo tempo, ormai, una delle anime più avanzate di quello spirito che ha reso Modena, in tutto il mando, uno delle più amate capitali dell auto ed uno dei simboli di maggior successo dei made in Italy. Franco Lucchesi Presidente Automobile Club d Italia 7

10 Anni 30 Ingresso della sede del R.A.C.I. Modena in Corso Canalgrande 8

11 Sono passati 75 anni dal 29 gennaio del lontano 1926 quando un gruppo di illustri modenesi costituì a Modena il locale R.A.C.I.. Questi pionieri fondatori erano gentiluomini del volante, che, almeno nei primi anni, pensavano di promuovere l uso della vettura favorendo inoltre gli sportivi dell auto. Se è vero che l ACI è nato con lo sport dell auto, è cresciuto con una coscienza sportiva secondo i canoni della legge sportiva è pur vero che successivamente ha notevolmente allargato il suo campo di azione, i suoi obiettivi con l assistenza, la difesa degli automobilisti vuoi associati o no all Ente stesso. L Italia certamente ricca di bellezze e di storia è stata comunque terra di economia povera. Il suo popolo è passato da antichi a recenti travagli che certamente non potevano aiutare lo sviluppo di un bene come l automobile, ma l italiano però è laborioso, tenace, vivace nelle idee ha innato il sentimento della civiltà, ne conosce le strade e sa camminare spedito e sicuro. Lo ha ricordato il Sindaco di Modena nella sua introduzione a questa pubblicazione con particolare riferimento ai modenesi alla nostra provincia. Sono queste doti, questa capacità di realizzare che hanno permesso un graduale, costante, inarrestabile aumento della produzione automobilistica e della sua diffusione dopo gli ultimi tragici eventi mondiali. L auto è oggi uno strumento di libertà, di mobilità, di lavoro, di turismo, di sport che coinvolge una categoria impressionante di consumatori. Parallelamente a questa esplosione del mezzo a quattro ruote l impegno dei dirigenti e collaboratori dell Automobile Club Modena, ciascuno nel proprio settore di collaborazione, ha saputo far crescere l Ente ad un alto livello nazionale. L Automobile Club Modena coglie la ricorrenza del suo 75 anno, non per esaltare sé stesso, ma offrire con la sua breve cronistoria un apporto alla conoscenza di una realtà modenese e per documentare, lasciandone traccia, il cammino percorso. Rappresentante dell Automobile Club di Modena da oltre nove lustri rievoco oggi nella prima parte di questo volume, con un senso di orgoglio che mi si vorrà perdonare, il nostro passato: di sfuggita rievoco il passato, perché il ritmo della vita è ormai tale da non concedere indugi retrospettivi, sebbene il passato assai possa insegnare a chi non disconosce il fatto che presente e avvenire sono figli suoi. Si inizia dunque per il nostro Ente in questo primo anno del terzo millennio una disputa che deve portarlo a raggiungere nuovi obiettivi per i quali l entusiasmo e la determinazione, ingredienti di ieri oggi e domani, consentiranno la loro realizzazione nell interesse dell utenza automobilistica. La scienza, la tecnica non si arrestano: sono convinto che i nostri discendenti vedranno cose che sarebbero per noi sbalorditive, più ancora di quanto lo sarebbero per quei lontani pionieri del 26, i risultati che, per merito di molti, sono stati da noi raggiunti. Angelo Orlandi Presidente Automobile Club Modena 9

12

13 Automobile Club Modena: 75 anni di servizi. Gianluca Ferrari Ero bambino nei primi anni 70; dal civico di viale Menotti 52 i miei occhi sono cresciuti con quell edificio basso, che vedevo affacciato dal mio altissimo sesto piano. Pomeriggio come tanti: la palla scavalca il muro dei miei giochi e mi tocca fare il giro dell isolato per raccattarla. La ritrovo in un parcheggio ampio, di fronte ad un palazzo su cui campeggia la scritta A.C. Modena. Per la dicitura Modena nessun problema. Era A.C. che mi incuriosì quasi più della mia beneamata palla. Poi capii. Me lo spiegarono. Crebbi. Sono passati circa trent anni e tocca (anche) a me raccontarvi qualcosa di quella sigla allora misteriosa. Anno domini 1926, addì 29 gennaio. I più bei nomi dell imprenditoria modenese sono riuniti nella sala dell Associazione Commercianti e Industriali: ci sono il cav. Sandonnino, l ing. Magiera, Corni, Giulio Aggazzotti, l avvocato Vittorio Arangio Ruiz (lo avrei poi incontrato sui testi della facoltà di Giurisprudenza) e, naturalmente, l uomo che diverrà il modenese più celebre e celebrato nel mondo, il commendator Enzo Ferrari. Un mese più tardi nasce ufficialmente l Automobile Club di Modena. Cos è questo Club? Beh, un ente che vuole promuovere la cultura e la diffusione della macchina, è lapalissiano. Ma è, anche e soprattutto, una struttura che voleva, ha voluto, vuole e vorrà offrire servizi e agevolazioni ai suoi Soci. Leggo i primi, polverosi verbali del Consiglio Direttivo e noto: ribassi sui prezzi di acquisto dell auto, sulle coperture e su tutti gli accessori, creazione di posteggi gratuiti per gli iscritti, sconti sulla benzina, valorizzazione delle manifestazioni automobilistiche sportive. L associazione vede la luce per dar tutela e incremento all automobile ma non dimentica, mai, che l auto non va da sola, che sopra c è una persona, e che questa persona non vive di sola macchina. C è una faccia istituzionale (servizi delegati dallo Stato, cioè riscossione delle tasse di La prima sede (a sinistra) il primo statuto, la primacampagna promozionale, il primo elenco di servizi a disposizione dei soci: a Modena sta cominciando una storia che sarà anche romanzo. 11

14 La velocità anticipa il secolo del progresso: l'alfa Romeo di Pintacuda è una promessa di futuro ma l'automobile è già simbolo di eleganza, come dimostra (a destra) il marchese Lotario Rangoni circolazione e tenuta del Pubblico Registro Automobilistico) che si accompagna sempre ad un altra, diciamo sociale. L attenzione per lo sport, non solo su quattro ruote, per il tempo libero (con le gite sociali, le proiezioni cinematografiche), per l educazione stradale e la cultura della sicurezza. C è già, in embrione, la prima pietra, su cui sorgerà l A.C. di oggi, la pietra filosofale che gli attuali vertici hanno saputo sviluppare: dalla valorizzazione dell auto a quella dell individuo. I libri mastri sono pieni di numeri, cifre, bilanci. I primi tempi sono fatti di spese oculate, dettagliate, minute. Dal posacenere al tavolino, dal distintivo sociale alla bicicletta. Possono far sorridere, ma danno la precisa sensazione che qui non si sia mai voluto fare il passo più lungo della gamba. Sarà una costante dell A.C. Modena. Con una doverosa precisazione. Il Club non era e non è un Opera Pia, quest attenzione ai numeri è naturale e connaturata alla vita del sodalizio. Però i numeri vanno letti anche al di là dei confini della matematica, possono esprimere pure lo spirito, l essenza di un Ente. Cifre a volte smilze, a volte più rotonde, ma improntate e tese a rendere comunque dei servizi ai membri dell Associazione. Questo colpisce. Non si riesce a farli divertire, i Soci? Si cerca di farli risparmiare. Vedi la vicenda dei distributori di carburante gestiti da A.C. Modena fin dai primissimi anni di vita. Le spese per il personale, per la manutenzione, la concorrenza dei privati: insomma, i distributori non arricchiscono di certo le casse del Club, ma fanno risparmiare i Soci. Una lira, una lira e mezza per chilo di lubrificante. I distributori resteranno al loro posto. Dicevamo del mancato divertimento riferendoci all aspetto sportivo che ha sempre convissuto nell anima A.C. Dall aprile del 27 in poi, questo sarà, talvolta, tasto dolente dei Consigli Direttivi e delle Assemblee Generali: organizzare manifestazioni agonistiche costa e l alea della riuscita fa sentire il suo fiato sull andamento dei conti. Era la Modena la cui fama motoristica rombava per davvero dentro e fuori le mura cittadine. Circuito di Modena, Coppa delle Mille Miglia, Trofei Sport, gare di durata e resistenza, il Miglio lanciato sulla via Nonantolana, il Volante d Argento. E ne scordo qualcuna. Gare che hanno segnato la storia del motorismo sportivo anche internazionale. In tutte c è stato lo zampino dell Automobile Club modenese. Nelle carte dell archivio si alternano il compiacimento per gli ottimi risultati sportivi e i purtroppo delle perdite di gestione economica. Nella scia del fascino dei 12

15 13 bolidi sta la dura legge del businnes, immutata nei secoli ed anche oggi uguale a se stessa:.grandi nomi di piloti, i quali intervengono solo quando ci siano in palio forti premi, la qual cosa non ci è concessa data la modesta se pur attiva entità del nostro bilancio, recita amaro un verbale del 31. A.C. Modena però c è sempre. Anche se accade che debba limitarsi, per alcuni periodi, a svolgere azione fiancheggiatrice ; che tradotto dal verbalese vuol dire dare una mano alle gare altrui, tipo la Mille Miglia bresciana. E del resto i numeri sono importanti anche per le tasche dei cittadini e dei Soci. A.C. Modena lo sa e se si vede costretta a rinunciare alla spettacolarità di un Gran Premio, non desiste mai dall indirizzare le risorse del suo bilancio alla soddisfazione del bilancio degli utenti. L esempio citato dei distributori di carburante è uno solo fra i tanti. Toccherà poi ai posteggi gratuiti per i tesserati, quello di piazza Matteotti, quello di piazza Roma, gli altri al Mercato Bestiame, in corso Canalgrande e via dicendo. Si leggono i documenti e si coglie tutto il sapore di un epoca che non c è più, quando le quattro ruote erano in numero di due gatti e Modena somigliava al Bengodi dei parcheggi. Altri tempi, altra Modena, altra società. I posti auto, si diceva. La battaglia che combatterà il Club per mantenerne la gratuità verso i Soci paradigma bene la vocazione dell Ente al concetto di servizio : Attualmente il Socio che viaggia è molto facilitato anche dal lato economico..in ogni città sede di A.C. vi sono i posteggi gratuiti, parole che arrivano da un marzo degli anni 30. Lotta che la sede modenese condurrà tessendo una fitta trama di accordi con gli altri Club della nostra

16 regione per non smarrire i vantaggi derivanti ai tesserati. Alla fine del 52 dalla costola esce un bel do di petto : ce l ha fatta, i Soci manterranno i posteggi gratis presso tutte le sedi regionali. L anno precedente la formichina A.C. Modena si era industriata per far avere ai suoi membri uno sconto sulla fornitura di pneumatici; paiono piccole cose, vittorie di Pirro. Sbagliato. Il servizio è fatto anche di quotidianità, di risparmio sulle incombenze di tutti i giorni, di cose che l immaginario collettivo fatica talvolta ad apprezzare. Ecco che arriva, al proposito, la bacchettata ai Signori Soci. Apprezzate anche gli aspetti burocratici dell Ente, gli si dice: Pensassero al risultato da noi raggiunto di dare la patente bollata e vidimata entro un ora di tempo, e immaginassero lo stesso servizio affidato ad uffici di altro tipo.. Ci si riferisce al volto istituzionale della struttura. Alla faccia parastatale o in odore di statale, per riprendere le parole del collega Leo Turrini, che aprono in maniera impeccabile questa pubblicazione (vedi l intervista al Presidente Orlandi). La gente italica è spesso diffidente nei confronti dell amministrazione e delle sue articolazioni, specie se precedute dall aggettivo pubblica. Ma anche questo è servizio. Che fa risparmiare tempo, danaro (visto che il tempo è danaro, in ossequio al motto) e snervanti file agli sportelli: più avanti leggerete che l A.C. di oggi lo ha arricchito, questo servizio, aggiungendovi Bollo Sicuro e Protezione Patente, che vi avvisano delle scadenze e vi seguono dipanando i tortuosi meandri della carta bollata. Ne riparleremo. Ma il riferimento al medesimo compito affidato ad uffici di...altro tipo, suona di un irresistibile ironica eleganza. Certo, il bilancio. Un occhio va a quello. Ma lo sguardo, nel suo complesso, non smette di volgersi al portafogli dell utente. D accordo il bilancio, però pare che A.C. Modena si sforzi sempre di soppesare la bilancia. Il piatto che regge i servizi da offrire ai Soci non deve soccombere all altro, che pesa le cifre. Credo che il nocciolo dell azione A.C. stia qui: nell ascoltare le voci del dare e dell avere e nel non farsene intontire come corse il rischio il povero Ulisse. Le sirene contabili non sovrastano la voce delle esigenze di coloro che dell A.C. sono fruitori. Anche se le funzioni sono quelle delegate dallo Stato e si tingono di amministrativo. Il vecchio Ufficio Commissioni degli anni 30 e 40 è un po il precursore degli Uffici Tasse Automobilistiche e Uffici Assistenza dei giorni nostri. Oltre cinquant anni fa, lo scrivevo poco sopra, la licenza di guida era timbrata e consegnata in appena un oretta. Poi vengono, doveroso ricordarli, gli anni bui della guerra. Che ha perso l aggettivo Grande (del primo conflitto mondiale), mantenendo però tutti gli altri. Orribile, Tragica, Tremenda, scegliete voi. Azzera tutto, la guerra. O quasi. Anni di verbali veloci, lo si vede dalle grafie. Non c è tempo per le Assemblee Generali, per i Consigli Direttivi. Non c è tempo per l automobile. Anche perché l automobile quasi si estingue ed altrettanto è a dirsi per i Soci. Se ne contano 5 alla data della Liberazione. Pochissimi. Eppure già tanti, considerato ciò che è accaduto. Un brandello di A.C. Modena si è salvato e da lì si riparte. Anni di ricostruzione, dei mattoni e delle coscienze. Si riedifica anche all A.C.: termina il periodo di commissariamento gestito da Zerbini e rinascono gli organismi interni tradizionali. All insegna delle regole democratiche. Il 15 febbraio del 46 i 29 Soci presenti in sede possono finalmente discutere dell elezione del nuovo Consiglio Direttivo. Lo scelgono nel mese successivo. Ed Enzo Ferrari ne resta escluso. Ci sono, per citare alcuni tra i neoconsiglieri, l ex commissario Zerbini, il motorista Vittorio Stanguellini, l avvocato Camillo Donati, uomo-maserati, il conte Uberto Pignatti Morano, che ascenderà alla presidenza dell Ente. Anche per questo, forse, la storia dei rapporti tra Ferrari e A.C. non è stata sempre lineare: richieste di spostamento delle date di qualche Gran Premio di 14

17 Anni 20 Incrocio Viale Regina Elena (oggi Viale Martiri delle Libertà) con Via Emilia, sullo sfondo il monumento a Vittorio Emanuele II

18 Il viale era ancora dedicato alla Regina Elena: sul traguardo del Terzo Circuito di Modena Cecchini porta alla vittoria, per la classe fino a 1100, la sua MG. Era il 14 ottobre 1934.

19 Corso Canalgrande scopre il fascino di una tentazione chiamata parcheggio: siamo nel 1937 e non è ancora tempo di aree pedonali. Modena, tira e molla sull eventuale partecipazione delle sue macchine, rinunce qua e là. Sanno di incomprensioni e dispetti che verranno comunque ricomposti, fino ai grandi omaggi degli anni 80, allorchè l Automobile Club organizzerà il RAID FERRARI D EPOCA ed il FERRARI DAYS. Manifestazioni internazionali con mitiche Rosse storiche, che portano sotto la Ghirlandina migliaia di appassionati di ogni parte del globo e riportano anche nomi leggendari del volante: Fangio, Cortese, Villoresi. E un salto nel passato, ai vecchi Circuito di Modena, con i vialoni del parco che rimbombano dei ruggiti del Cavallino, toccando piazza Grande, la pista di Fiorano, il tracciato di Imola e, immancabilmente, lo stabilimento di Maranello. L A.C. riassembla i pezzi, dicevamo. Finito il tempo in cui il Club doveva barcamenarsi tra le più o meno esplicite interferenze della propaganda fascista, giostrando tra una sovvenzione all Opera Nazionale Balilla ed un aumento della quota sociale a carico dei contribuenti-automobilisti, da devolvere poi alle casse di Roma. E ora di riforme, a Modena e nell Italia intera. Quella del R.A.C.I. (il Reale Automobile Club d Italia) va di pari passo con il riordinamento del Club locale. Dai servizi delegati dallo Stato, al riassetto economico, alla rinascita delle competizioni ed attività sportive. Al ripristino, per capirci, di tutta quella costellazione di servizi ai Soci che era stata oscurata dall eclissi del secondo conflitto mondiale. Anni di ripresa, quelli del dopoguerra. Riprende ciò che con i paroloni della sociologia si definisce l ordinata convivenza civile. Le scuole tornano a riempirsi e l associazione di Modena affianca l A.C.I. nella campagna scolastica sull educazione stradale. Piano piano tornano i servizi alla persona, perché anche saper comportarsi in strada e nel rispetto del suo codice (della strada) è opera che rientra nell ordinata convivenza civile. A.C. non smetterà di sedere sui banchi negli anni successivi, affiancando gli alunni ed il Provveditorato agli studi nella formazione di una più matura coscienza della circolazione e sicurezza viaria. Spuntano, nella frenetica edilizia che corre verso la ricostruzione e la voglia di ricominciare, servizi nuovi per i Soci. Corre l anno del 55 e il Club propone quello di Soccorso Stradale (S.O.S.). Lo fa a suo modo. Ricordate la bilancia delle pagine scorse? Un occhio al bilancio proprio, un occhio a quello familiare degli iscritti. La nuova offerta non comporterà un aumento della quota sociale. E l alba di una nuova epoca. L automobile cambia pelle: non è più il gioiello da mostrare orgogliosi 17

20 Quando una immagine testimonia la voglia dell'uomo di ripartire: è il 13 maggio del 1944 e una automobile, ferita ma non distrutta, sembra coraggiosamente voler riemergere dalle macerie del garage Macchia dopo un bombardamento. in mezzo a velocipedi, calessi e pedoni. Diventa mezzo di comunicazione e strumento di vita quotidiana. Si espande notevolmente la mole di servizi che il Club deve fornire ai suoi utenti ed il rapporto tra popolazione modenese e macchina. Facciamo un po di economia spicciola e parliamo di tassi di crescita e incrementi delle quattro ruote. Sul finire degli anni 50 la nostra provincia assommava bene o male mezzo milione di residenti. Le auto se ne stavano nel cantuccio, con le loro unità: la supremazia era schiacciante, a favore dei bipedi, ovviamente. Una macchina ogni 41 abitanti, in pratica una mosca bianca. Il ronzio sarà destinato a moltiplicarsi all ennesima potenza, assieme al numero di coloro che, con le chiavi della vettura, metteranno nelle tasche la tessera dell A.C. Le cifre degli anni 30 diventano preistoriche, irreversibilmente retrò: 305 Soci su 3000 autodotati. Roba d altri tempi. Il monito che viene da una pagina d archivio degli esordi A.C. (si era nel 1930) è stato ascoltato. Suonava così: Bisogna ricordargli (agli automobilisti) che il R.A.C.I. ha potuto pesare notevolmente sul Governo, grazie al lavoro e alle iniziative degli A.C. provinciali. Bisogna saper trovare per loro la voce del dovere, che per ogni automobilista è quella di farsi socio del nostro Ente, che è quegli che difende i loro diritti. Ed è una difesa che A.C. Modena compie andando all attacco, potenziando la gamma delle offerte, svezzando, con le sue scuole-guida, migliaia di concittadini nell uso della macchina; proseguendo l infaticabile lavoro dell Ufficio Commissioni anteguerra, cioè vidimando, bollando, evadendo, insomma, caterve di pratiche collegate a tutto quell universo cartaceo che sta appena fuori dalla galassia-auto. Riprenderemo oltre l analisi numerica di questa nuova era. Ora bisogna aprire una parentesi. Prestigiosa, felice (almeno dall ottica sportiva) e chiusasi troppo in fretta. E un intermezzo che dura undici anni e che si lega visceralmente all anima sportiva del nostro Automobile Club. Aerautodromo è un nome che farà venire la pelle d oca a tanti fra voi, fra noi anzi, che siamo gente del motore ; per undici anni Modena è una Capitale dell auto che può affiancare al suo Parlamento, fatto di geniali imprese e carrozzerie artigiane che sfornano meraviglie a quattro ruote, anche un Esecutivo degno di tal nome. E il circuito che sorgeva nell area dell attuale parco Ferrari e di cui 18

21 Anni 10 Corso Canalgrande, Palazzo Schedoni (oggi Hotel Canalgrande) e Chiesa S. Maria delle Asse

22 1938 Incrocio Via Emila e Corso Canalgrande, strenne a militi e guardie comunali 1960 Incrocio Via Emila e Via S. Carlo 1957 Via Emila centro, strenne ai vigili urbani 1968 Stazione FS, la Modena 1 accoglie Sandrone a Carnevale 20

23 ora resta qualche striscia d asfalto ingoiata dal verde. Era la sede destinata ad applicare le illuminanti creazioni uscite dalle nostrane officine: test di prova, di messa a punto, ma anche, naturalmente, gli epiloghi più amati dal grande pubblico, la spettacolarità pura. Le corse, i Gran Premi. L Aerautodromo nasce dalla fusione di due precise esigenze. Una appena ricordata, di avere un banco di prova effettivo per le tante creature delle case automobilistiche del modenese. L altra, non più procrastinabile, di matrice tragica: le gare sulle strade, urbane od extra-urbane che siano, con la gente assiepata ai margini della carreggiata, come ancor oggi capita nei rallye, sono troppo pericolose. Affascinanti ma rischiosissime. La memoria corre anch essa veloce, sopra quelle stradine dei primi del 900 solcate da tanti demiurghi del volante. Va al 1910, con Nazzaro che trionfa nel Record Mondiale del Miglio, sulla via Nonantolana, lasciandosi alle spalle un nome che scriverà un bel pezzo di storia delle quattro ruote; gli finisce dietro, a Nazzaro, un certo signor Vincenzo Lancia. L anno seguente ecco l incidente, verificatosi durante le prove e che sconsiglia la ripetizione della corsa. Il ricordo prosegue con le edizioni del Circuito delle Tre Province, sulla tratta tosco-emiliana (Bologna Pistoia Modena), l ultima delle quali vinta, nel 31, dall indimenticabile Nuvolari; va ancora oltre, con gli otto appuntamenti (non consecutivi) del Circuito di Modena, snodatisi dal 1927 al Prime due edizioni su tracciato extraurbano di oltre dieci chilometri (via Emilia - Scartazza Vignolese di nuovo sulla via Emilia). Vittoria di chi? Di un tal Enzo Ferrari su Alfa Dalla campagna, il rombo famelico dei motori arriva a squarciare il cuore della città: da ripetere per quaranta volte l anello dei viali, con Nuvolari sempre a farla da padrone (tre vittorie) e Cortese che seguiva a ruota, degno valletto (due successi). Anche qui, ineluttabile, il risvolto tragico, con la Delage di Giovanni Bracco che il 28 settembre 1947 scaraventa i suoi 12 quintali sulla messe di pubblico a bordo-viali. E troppo. Ci vuole un autodromo vero e proprio. A.C. Modena è tra i padri fondatori della struttura, si adopera fortissimamente per vederla realizzata. E passare dalla carta alla realtà non è affatto semplice: occorrono sinergie con le Amministrazioni Locali, con l A.C.I. centrale, servono parecchi soldini. Per vedere le corse vere bisogna prima vincere questa, di corsa. A Modena ci si riesce. Anche perché l opportunità è ghiotta: c è l occasione di dare lavoro a tante braccia rimaste disoccupate nell immediato dopoguerra. Tant è. L Aerautodromo sorge e così viene chiamato per ricordarne la vocazione poliedrica. Quell area è del demanio militare, e tra una manifestazione e l altra continuano le grandi manovre del Battaglione Sesto Pesante Campale, i voli dell Aereo Club cittadino e quelli, solo sognati, per l esportazione dei nostri principali prodotti alimentari. Ospita di tutto un po, non solo auto. Le dispute motociclistiche, che sopravviveranno alle quattro ruote, proseguendo fino al e facendo in tempo a battezzare un giovane centauro gialloblù di belle speranze, che risponde al nome di Luca Cadalora; vi transita pure la tappa di cronometro a squadre del ciclistico Giro d Italia 53, con l inarrivabile airone Coppi. Passano financo le signore-bene del jet-set casalingo e internazionale, magari per assistere alla tappa (Firenze Milano) del primo Rally del Cinema. Per non perdersi, invece, nell arcipelago di competizioni riservate alle vetture, rimembreremo solamente i sette Gran Premi di Modena, di F.2 e F.1, le tre edizioni della Riunione dei Primati (con i concorrenti che facevano gara a sé, cercando di ottenere il tempo più veloce per ogni categoria di partecipanti), le cinque del Campionato Italiano delle Università e gli assortiti Trofei Sport, Junior e 21

Pionieri dell automobile LANCIA, BAZZI, FERRARI.

Pionieri dell automobile LANCIA, BAZZI, FERRARI. Pionieri dell automobile LANCIA, BAZZI, FERRARI. Nunzia Manicardi tra auto e moto d epoca. Le copertine del LIBRO Alcune straordinarie fotografie tratte dal libro. La squadra tecnica e sportiva dell

Dettagli

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER INTERVISTA A WOLFGANG EGGER Domande a cura di Carlo Alberto Monti, Presidente Club Alfa Sport Trascrizione: Mapelli Paolo, Responsabile Stampa Fotografie: Mapelli Paolo per Club Alfa Sport Come vive la

Dettagli

MILLE MIGLIA DA COPERTINA

MILLE MIGLIA DA COPERTINA MILLE MIGLIA DA COPERTINA MUSA DI CARTA: MILLE MIGLIA DA COPERTINA Prima parte: dal 1927 al 1940 di Antonio Alessio Vatrano Foto: Archivio www.automobiliavatrano.it Pubblicazioni periodiche specializzate.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MODENA TERRA DI MOTORI

MODENA TERRA DI MOTORI MODENA TERRA DI MOTORI 2011 MODENA TERRA DI MOTORI DODICESIMA EDIZIONE, UN SUCCESSO CHE SI RINNOVA! Nel 2011 Modena Terra di Motori compie 12 anni presentando una serie di appuntamenti imperdibili: il

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori

Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori VARESE TERRA DI MOTORI Un grande evento sintesi di passione, lavoro e cultura tipici del territorio Varesino. A 80 anni dalla

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada siamo tutti pedoni 2013 PREMESSSA La campagna Siamo tutti pedoni è parte di Piedi per terra, un progetto più ampio che ha l'obiettivo

Dettagli

GUARDARE AL FUTURO PER COGLIERNE LE POSSIBILITÀ

GUARDARE AL FUTURO PER COGLIERNE LE POSSIBILITÀ GUARDARE AL FUTURO PER COGLIERNE LE POSSIBILITÀ Prevedere i possibili sviluppi di una situazione con la capacità di carpirne le potenzialità e sfruttarne le conseguenze: chi vince guarda sempre oltre,

Dettagli

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI Giancarlo Reggiani 1 Le più belle MASERATI DA!GARA dal 1926 ad oggi Fotografie: Francesco e Giancarlo Reggiani Testi e progetto grafico: Giancarlo Reggiani

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

L inizio di una grande passione

L inizio di una grande passione Innanzitutto un saluto a tutti i nostri lettori che decideranno di intraprendere con noi questo viaggio all interno del mondo giallo-blu del Minardi Team e delle corse. In questi mesi cercheremo di conoscere

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO RICORDO DI TRENTO Ricordo che, più o meno, siamo arrivati a Trento sulle 11 e alle 11.45 eravamo dentro in museo per vedere la mostra sull homo sapiens, che si è rivelata molto bella e interessante. Ricordo

Dettagli

LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI

LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI LEZIONE 5 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A.Completa le frasi coniugando i verbi tra parentesi al passato (imperfetto, passato prossimo trapassato prossimo) 1. Quando SIAMO ARRIVATI/E al cinema il film

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Mario Righini è nato nel 1933 a Filo d Argenta in provincia di Ferrara, ed è sempre stato molto orgoglioso della sua terra d origine.

Mario Righini è nato nel 1933 a Filo d Argenta in provincia di Ferrara, ed è sempre stato molto orgoglioso della sua terra d origine. GENTE DI FILO ~ il signore delle fuoriserie Mario Righini Mario Righini è nato nel 1933 a Filo d Argenta in provincia di Ferrara, ed è sempre stato molto orgoglioso della sua terra d origine. Sono un sfasciacarrozze,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 31/12/2015 Fugge dopo l' incidente Denunciata dai carabinieri 1 31/12/2015 La storia del commercio in 56 negozi

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul

Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul AUTOMOBILE CLUB BRESCIA TRADIZIONE SPORTIVA Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul finire

Dettagli

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale Alcune regole per evitare incidenti con i cani Calendario Storico 2015 L a ricorrenza dell ormai tradizionale calendario storico della Polizia Municipale è occasione preziosa per riflessioni meditate ed

Dettagli

Una semplice visita in officina con intervista

Una semplice visita in officina con intervista Una semplice visita in officina con intervista Realizziamo così tante ringhiere diverse una dall altra che è difficile dire cosa sia per noi lo standard Il carpentiere metallico specializzato Rainer Plessing

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

IL CAPPUCCINO & LATTE-SMILE. I segreti. Le regole. La decorazione latte-smile

IL CAPPUCCINO & LATTE-SMILE. I segreti. Le regole. La decorazione latte-smile IL CAPPUCCINO & LATTE-SMILE I segreti. Le regole. La decorazione latte-smile Giuseppe Di Pietro IL CAPPUCCINO & LATTE-SMILE I segreti. Le regole. La decorazione latte-smile www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

di Paolo Enzo Mazzanti

di Paolo Enzo Mazzanti 8 Una famiglia di imprenditori edili di particolare ingegno. E l erede, Michele Vona, si inventa un modello residenziale per la casa flessibile. Con un appello a fondi e grandi investitori: ecco la soluzione

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio.

Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio. MAGGIO 2016 47 GIOVANI COINVOLTI DAL 2013 3 PROGETTI VIAGGI NEL SERVIZIO CIVILE COMUNE DI RIETI Insight - Viaggi nel Servizio Civile è la nuova rubrica del Servizio Civile Nazionale della Regione Lazio.

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Motocicletta Il bello della strada, il piacere della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Fai una gita in moto e senti l'aria che ti accarezza la faccia, ti godi la libertà che solo una due ruote

Dettagli

Morfologia dell auto. Automobile Tendenze

Morfologia dell auto. Automobile Tendenze Automobili Morfologia dell auto una macchina per amica simpatica e rassicurante confortevole e accogliente da sentirsi come a casa, ma anche solida e sicura massiccia e muscolosa per dominare la strada,

Dettagli

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo!

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Monza, 30 maggio 2016 Comunicato stampa Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Parco e Autodromo - Sport e Cultura Domenica 12 giugno 2016 FAIrun nasce dalla volontà di unire cultura

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.

Nielsen Business Srl - www.nielsen.it. Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto. Nielsen Business Srl - www.nielsen.it Trento Via Bolzano, 61 Tel. 0461. 957311 Fax 0461. 961509 info@margoniauto.com www.margoniauto.com Ieri, oggi e domani Una lunga storia Papà Giulio era un ragazzo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

VOI SIETE LEGGENDA SENZA DI VOI NON SAREMMO CHI SIAMO

VOI SIETE LEGGENDA SENZA DI VOI NON SAREMMO CHI SIAMO VOI SIETE LEGGENDA SENZA DI VOI NON SAREMMO CHI SIAMO ROMA, 8 GIUGNO 2015 STADIO OLIMPICO 88 anni di Storia, di Campioni, di vere e proprie Leggende che si sono succedute indossando la Maglia dell AS

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli