75 AUTOMOBILE CLUB MODENA Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati. Interviste: LEO TURRINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "75 AUTOMOBILE CLUB MODENA 1926-2001 2001 Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati. Interviste: LEO TURRINI"

Transcript

1

2

3

4 75 AUTOMOBILE CLUB MODENA Copyright Automobile Club Modena Tutti i diritti riservati Interviste: LEO TURRINI Testi: NUNZIA MANICARDI GIANLUCA FERRARI Progetto editoriale: FRANCESCO PELILLO Le foto sono state fornite da: Archivio Fotografico Ferrari Archivio De Tomaso Raccolte fotografiche Modenesi Giuseppe Panini Archivio Circolo della Biella Archivio O.F.M. Archivio Museo Stanguellini Archivio Automobile Club Modena Collezione Fiorenzo Fantuzzi Collezione Vittorio Fini Collezione Angelo Orlandi Collezione Adolfo Orsi Collezione Rangoni Machiavelli Grafica, impaginazione, elaborazione immagini: CATERINA PELILLO Printed in Italy - Novembre 2001 POLIGRAFICO ARTIOLI SPA - MODENA 2

5 INDICE Pagina AUTOMOBILE CLUB MODENA: 75 ANNI DI SERVIZI. 11 Gianluca Ferrari INTERVISTA AL PRESIDENTE ANGELO ORLANDI 31 Leo Turrini IL MIRACOLO MODENESE 43 Nunzia Manicardi E Ferrari creò l automobilismo 47 Come fu che la Maserati diventò modenese 51 Gli esperimenti del Commendator Vittorio 55 Nella pampa modenese 57 La corsa dei costruttori 59 La patria delle scuderie 63 Elogio dell artigiano 65 Dai Viali del parco all Aerautodromo 69 E... c era anche la Biella 77 INTERVISTA AL DIRETTORE GIOVANNI CONTI 79 Leo Turrini AUTOMOBILE CLUB MODENA: SERVIZI IN EVOLUZIONE. 87 Il soccorso stradale I parcheggi I distributori di benzina Le immatricolazioni L educazione stradale Le manifestazioni EMOZIONI SENZA PAROLE

6 4

7 La storia dell Automobile Club di Modena, che raggiunge nel 2001 il traguardo dei 75 anni di vita, si intreccia con la storia della nostra città e del suo territorio nel corso del novecento, un secolo in cui tutto è cambiato e si è determinata una radicale trasformazione della realtà sociale ed economica modenese, in modo più intenso e profondo rispetto ad altri territori italiani. Le peculiarità modenesi sono note, connotate da una singolare esperienza che ha saputo fare incontrare politiche pubbliche e iniziativa privata, dando vita a un mix di passione per il lavoro, pragmatismo nelle scelte, creatività, inventiva, ricerca della qualità, che hanno realizzato quel sistema Modena conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Lo sviluppo Modenese, che in mezzo secolo ha trasformato una delle realtà contadine più povere del Paese in un territorio industriale ricco e ad alta specializzazione tecnologica, è anche caratterizzato da un rapporto particolarmente stretto con la storia dell automobile: vi concorre specialmente la grande passione dei modenesi per i motori, per l alta velocità, per le elevate prestazioni, insieme all eccellenza artigianale dell imprenditoria geminiana. Questo spiega perché a Modena si sia concentrato negli anni il meglio dell industria automobilistica sportiva, che ha raggiunto livelli di assoluto primato mondiale e che ha contribuito a legare il nome di questa provincia ai più famosi marchi di automobili ad alta tecnologia. Forse anche per questo i modenesi dimostrano una predilezione per l automobile che colloca la nostra realtà ai primi posti in Italia nel rapporto tra numero di abitanti e autovetture in circolazione. Oggi questo non è più solo un indicatore positivo, legato al benessere di un territorio: è causa di effetti negativi, per l inquinamento, per i numerosi incidenti, per l insufficienza degli spazi di sosta, per la complessiva vivibilità degli spazi urbani. Si pongono problemi sempre più estesi e complessi per il governo della mobilità, per i supporti organizzativi, amministrativi e normativi al servizio degli automobilisti, per l educazione a comportamenti rispettosi delle regole del Codice Stradale e per la prevenzione degli incidenti. Sono i compiti che l Automobile Club di Modena ha assunto con crescente impegno, svolgendo un ruolo prezioso al servizio dell intera comunità, anche grazie alle proficue collaborazioni delle istituzioni modenesi, e agli specifici progetti di educazione e sensibilizzazione degli utenti della strada, specie i giovani, cui concorre attivamente il Comune di Modena. All ACI e ai protagonisti di questo impegno, che si protrae da ben 75 anni, va oggi il nostro riconoscimento, con il sentito augurio di buon lavoro per le future attività e per i molteplici servizi che l Automobile Club continuerà a mettere a disposizione di tutti noi, cittadini e automobilisti, tenendo conto delle nuove, mutate esigenze di una società a quattro ruote in continua evoluzione. Giuliano Barbolini Sindaco di Modena 5

8 Il Principe Caracciolo, Presidente dell ACI, inaugura le sede di Viale Verdi

9 Le nozze di diamante sono un obiettivo di assoluto prestigio e tutt altro che facile da raggiungere e, quindi, credo che l emozione - autentica - per questo traguardo tagliato, quest anno, da uno degli Automobile Club più ricchi dì storia dei nostro Paese, sia abbondantemente giustificata. Quello tra l Automobile Club Modena e la terra, la gente, la storia, la cultura, la tradizioni, lo straordinario spirito sportivo, creativo e imprenditoriale di una città che, in tutto il mondo, è - e non da oggi - sinonimo di automobile, è un legame straordinario e assolutamente unico nel suo genere. Un legame di uomini, idee e mezzi, che racconta la storia di una passione - che sembra davvero iscritta nel DNA della gente di questa terra - e di un cammino comune, sempre proteso a faro di ogni obiettivo raggiunto un nuovo punto di partenza e non già un semplice punto di arrivo. L auto e lo sport dell auto hanno in quest area, nella quale sono nati molti degli uomini e dei marchi che hanno fatto e fanno la storia dell automobile, una sorta di Eden nel quale ogni elemento, ogni energia, ogni individualità concorre a creare le condizioni per un miracolo che si perpetua quotidianamente, in una continua sfida alla qualità, al fascino, all innovazione. É in questo irripetibile contesto che si inserisce la storia dell'automobile Club Modena, non già in un ruolo di spettatore, ma in un ruolo di attore e di attore protagonista, protagonista autentico della crescita e dello sviluppo di un fenomeno affascinante, delicato e complesso quale l auto come motore primo della mobilità moderna. E, allora, l augurio, mio personale ma anche di tutti quelli per i quali l auto rappresenta una parte rilevante della propria vicenda personale, una compagna di viaggio davvero speciale, è quello che anche questi settantacinque anni di storia possano rappresentare, così come è sempre avvenuto in passato, un ulteriore stimolo nel proseguire ad incarnare il ruolo di punto di riferimento essenziale ed irrinunciabile per tutta la comunità sulla quale l Automobile Club Modena insiste. Per le Istituzioni, per il tessuto economico e sociale, per sportivi ed appassionati e, più in generale, per tutti quanti vivono, quotidianamente, la loro mobilità fatta di lavoro, famiglia, tempo libero, turismo. Perché non manchi mai un punto di riferimento, intelligente ed una guida attenta ed esperta, sia nell analisi che nell individuazione delle corrette prospettive di sviluppo e crescita di un fenomeno, la mobilità, che per definizione e per sua natura non può essere un fenomeno statico, ma un perenne, dinamico, divenire. Con un grazie particolare, consentitemelo, all Ing. Orlandi, la cui passione, il cui dinamismo, la cui carica professionale ed umana, rappresentano da lungo tempo, ormai, una delle anime più avanzate di quello spirito che ha reso Modena, in tutto il mando, uno delle più amate capitali dell auto ed uno dei simboli di maggior successo dei made in Italy. Franco Lucchesi Presidente Automobile Club d Italia 7

10 Anni 30 Ingresso della sede del R.A.C.I. Modena in Corso Canalgrande 8

11 Sono passati 75 anni dal 29 gennaio del lontano 1926 quando un gruppo di illustri modenesi costituì a Modena il locale R.A.C.I.. Questi pionieri fondatori erano gentiluomini del volante, che, almeno nei primi anni, pensavano di promuovere l uso della vettura favorendo inoltre gli sportivi dell auto. Se è vero che l ACI è nato con lo sport dell auto, è cresciuto con una coscienza sportiva secondo i canoni della legge sportiva è pur vero che successivamente ha notevolmente allargato il suo campo di azione, i suoi obiettivi con l assistenza, la difesa degli automobilisti vuoi associati o no all Ente stesso. L Italia certamente ricca di bellezze e di storia è stata comunque terra di economia povera. Il suo popolo è passato da antichi a recenti travagli che certamente non potevano aiutare lo sviluppo di un bene come l automobile, ma l italiano però è laborioso, tenace, vivace nelle idee ha innato il sentimento della civiltà, ne conosce le strade e sa camminare spedito e sicuro. Lo ha ricordato il Sindaco di Modena nella sua introduzione a questa pubblicazione con particolare riferimento ai modenesi alla nostra provincia. Sono queste doti, questa capacità di realizzare che hanno permesso un graduale, costante, inarrestabile aumento della produzione automobilistica e della sua diffusione dopo gli ultimi tragici eventi mondiali. L auto è oggi uno strumento di libertà, di mobilità, di lavoro, di turismo, di sport che coinvolge una categoria impressionante di consumatori. Parallelamente a questa esplosione del mezzo a quattro ruote l impegno dei dirigenti e collaboratori dell Automobile Club Modena, ciascuno nel proprio settore di collaborazione, ha saputo far crescere l Ente ad un alto livello nazionale. L Automobile Club Modena coglie la ricorrenza del suo 75 anno, non per esaltare sé stesso, ma offrire con la sua breve cronistoria un apporto alla conoscenza di una realtà modenese e per documentare, lasciandone traccia, il cammino percorso. Rappresentante dell Automobile Club di Modena da oltre nove lustri rievoco oggi nella prima parte di questo volume, con un senso di orgoglio che mi si vorrà perdonare, il nostro passato: di sfuggita rievoco il passato, perché il ritmo della vita è ormai tale da non concedere indugi retrospettivi, sebbene il passato assai possa insegnare a chi non disconosce il fatto che presente e avvenire sono figli suoi. Si inizia dunque per il nostro Ente in questo primo anno del terzo millennio una disputa che deve portarlo a raggiungere nuovi obiettivi per i quali l entusiasmo e la determinazione, ingredienti di ieri oggi e domani, consentiranno la loro realizzazione nell interesse dell utenza automobilistica. La scienza, la tecnica non si arrestano: sono convinto che i nostri discendenti vedranno cose che sarebbero per noi sbalorditive, più ancora di quanto lo sarebbero per quei lontani pionieri del 26, i risultati che, per merito di molti, sono stati da noi raggiunti. Angelo Orlandi Presidente Automobile Club Modena 9

12

13 Automobile Club Modena: 75 anni di servizi. Gianluca Ferrari Ero bambino nei primi anni 70; dal civico di viale Menotti 52 i miei occhi sono cresciuti con quell edificio basso, che vedevo affacciato dal mio altissimo sesto piano. Pomeriggio come tanti: la palla scavalca il muro dei miei giochi e mi tocca fare il giro dell isolato per raccattarla. La ritrovo in un parcheggio ampio, di fronte ad un palazzo su cui campeggia la scritta A.C. Modena. Per la dicitura Modena nessun problema. Era A.C. che mi incuriosì quasi più della mia beneamata palla. Poi capii. Me lo spiegarono. Crebbi. Sono passati circa trent anni e tocca (anche) a me raccontarvi qualcosa di quella sigla allora misteriosa. Anno domini 1926, addì 29 gennaio. I più bei nomi dell imprenditoria modenese sono riuniti nella sala dell Associazione Commercianti e Industriali: ci sono il cav. Sandonnino, l ing. Magiera, Corni, Giulio Aggazzotti, l avvocato Vittorio Arangio Ruiz (lo avrei poi incontrato sui testi della facoltà di Giurisprudenza) e, naturalmente, l uomo che diverrà il modenese più celebre e celebrato nel mondo, il commendator Enzo Ferrari. Un mese più tardi nasce ufficialmente l Automobile Club di Modena. Cos è questo Club? Beh, un ente che vuole promuovere la cultura e la diffusione della macchina, è lapalissiano. Ma è, anche e soprattutto, una struttura che voleva, ha voluto, vuole e vorrà offrire servizi e agevolazioni ai suoi Soci. Leggo i primi, polverosi verbali del Consiglio Direttivo e noto: ribassi sui prezzi di acquisto dell auto, sulle coperture e su tutti gli accessori, creazione di posteggi gratuiti per gli iscritti, sconti sulla benzina, valorizzazione delle manifestazioni automobilistiche sportive. L associazione vede la luce per dar tutela e incremento all automobile ma non dimentica, mai, che l auto non va da sola, che sopra c è una persona, e che questa persona non vive di sola macchina. C è una faccia istituzionale (servizi delegati dallo Stato, cioè riscossione delle tasse di La prima sede (a sinistra) il primo statuto, la primacampagna promozionale, il primo elenco di servizi a disposizione dei soci: a Modena sta cominciando una storia che sarà anche romanzo. 11

14 La velocità anticipa il secolo del progresso: l'alfa Romeo di Pintacuda è una promessa di futuro ma l'automobile è già simbolo di eleganza, come dimostra (a destra) il marchese Lotario Rangoni circolazione e tenuta del Pubblico Registro Automobilistico) che si accompagna sempre ad un altra, diciamo sociale. L attenzione per lo sport, non solo su quattro ruote, per il tempo libero (con le gite sociali, le proiezioni cinematografiche), per l educazione stradale e la cultura della sicurezza. C è già, in embrione, la prima pietra, su cui sorgerà l A.C. di oggi, la pietra filosofale che gli attuali vertici hanno saputo sviluppare: dalla valorizzazione dell auto a quella dell individuo. I libri mastri sono pieni di numeri, cifre, bilanci. I primi tempi sono fatti di spese oculate, dettagliate, minute. Dal posacenere al tavolino, dal distintivo sociale alla bicicletta. Possono far sorridere, ma danno la precisa sensazione che qui non si sia mai voluto fare il passo più lungo della gamba. Sarà una costante dell A.C. Modena. Con una doverosa precisazione. Il Club non era e non è un Opera Pia, quest attenzione ai numeri è naturale e connaturata alla vita del sodalizio. Però i numeri vanno letti anche al di là dei confini della matematica, possono esprimere pure lo spirito, l essenza di un Ente. Cifre a volte smilze, a volte più rotonde, ma improntate e tese a rendere comunque dei servizi ai membri dell Associazione. Questo colpisce. Non si riesce a farli divertire, i Soci? Si cerca di farli risparmiare. Vedi la vicenda dei distributori di carburante gestiti da A.C. Modena fin dai primissimi anni di vita. Le spese per il personale, per la manutenzione, la concorrenza dei privati: insomma, i distributori non arricchiscono di certo le casse del Club, ma fanno risparmiare i Soci. Una lira, una lira e mezza per chilo di lubrificante. I distributori resteranno al loro posto. Dicevamo del mancato divertimento riferendoci all aspetto sportivo che ha sempre convissuto nell anima A.C. Dall aprile del 27 in poi, questo sarà, talvolta, tasto dolente dei Consigli Direttivi e delle Assemblee Generali: organizzare manifestazioni agonistiche costa e l alea della riuscita fa sentire il suo fiato sull andamento dei conti. Era la Modena la cui fama motoristica rombava per davvero dentro e fuori le mura cittadine. Circuito di Modena, Coppa delle Mille Miglia, Trofei Sport, gare di durata e resistenza, il Miglio lanciato sulla via Nonantolana, il Volante d Argento. E ne scordo qualcuna. Gare che hanno segnato la storia del motorismo sportivo anche internazionale. In tutte c è stato lo zampino dell Automobile Club modenese. Nelle carte dell archivio si alternano il compiacimento per gli ottimi risultati sportivi e i purtroppo delle perdite di gestione economica. Nella scia del fascino dei 12

15 13 bolidi sta la dura legge del businnes, immutata nei secoli ed anche oggi uguale a se stessa:.grandi nomi di piloti, i quali intervengono solo quando ci siano in palio forti premi, la qual cosa non ci è concessa data la modesta se pur attiva entità del nostro bilancio, recita amaro un verbale del 31. A.C. Modena però c è sempre. Anche se accade che debba limitarsi, per alcuni periodi, a svolgere azione fiancheggiatrice ; che tradotto dal verbalese vuol dire dare una mano alle gare altrui, tipo la Mille Miglia bresciana. E del resto i numeri sono importanti anche per le tasche dei cittadini e dei Soci. A.C. Modena lo sa e se si vede costretta a rinunciare alla spettacolarità di un Gran Premio, non desiste mai dall indirizzare le risorse del suo bilancio alla soddisfazione del bilancio degli utenti. L esempio citato dei distributori di carburante è uno solo fra i tanti. Toccherà poi ai posteggi gratuiti per i tesserati, quello di piazza Matteotti, quello di piazza Roma, gli altri al Mercato Bestiame, in corso Canalgrande e via dicendo. Si leggono i documenti e si coglie tutto il sapore di un epoca che non c è più, quando le quattro ruote erano in numero di due gatti e Modena somigliava al Bengodi dei parcheggi. Altri tempi, altra Modena, altra società. I posti auto, si diceva. La battaglia che combatterà il Club per mantenerne la gratuità verso i Soci paradigma bene la vocazione dell Ente al concetto di servizio : Attualmente il Socio che viaggia è molto facilitato anche dal lato economico..in ogni città sede di A.C. vi sono i posteggi gratuiti, parole che arrivano da un marzo degli anni 30. Lotta che la sede modenese condurrà tessendo una fitta trama di accordi con gli altri Club della nostra

16 regione per non smarrire i vantaggi derivanti ai tesserati. Alla fine del 52 dalla costola esce un bel do di petto : ce l ha fatta, i Soci manterranno i posteggi gratis presso tutte le sedi regionali. L anno precedente la formichina A.C. Modena si era industriata per far avere ai suoi membri uno sconto sulla fornitura di pneumatici; paiono piccole cose, vittorie di Pirro. Sbagliato. Il servizio è fatto anche di quotidianità, di risparmio sulle incombenze di tutti i giorni, di cose che l immaginario collettivo fatica talvolta ad apprezzare. Ecco che arriva, al proposito, la bacchettata ai Signori Soci. Apprezzate anche gli aspetti burocratici dell Ente, gli si dice: Pensassero al risultato da noi raggiunto di dare la patente bollata e vidimata entro un ora di tempo, e immaginassero lo stesso servizio affidato ad uffici di altro tipo.. Ci si riferisce al volto istituzionale della struttura. Alla faccia parastatale o in odore di statale, per riprendere le parole del collega Leo Turrini, che aprono in maniera impeccabile questa pubblicazione (vedi l intervista al Presidente Orlandi). La gente italica è spesso diffidente nei confronti dell amministrazione e delle sue articolazioni, specie se precedute dall aggettivo pubblica. Ma anche questo è servizio. Che fa risparmiare tempo, danaro (visto che il tempo è danaro, in ossequio al motto) e snervanti file agli sportelli: più avanti leggerete che l A.C. di oggi lo ha arricchito, questo servizio, aggiungendovi Bollo Sicuro e Protezione Patente, che vi avvisano delle scadenze e vi seguono dipanando i tortuosi meandri della carta bollata. Ne riparleremo. Ma il riferimento al medesimo compito affidato ad uffici di...altro tipo, suona di un irresistibile ironica eleganza. Certo, il bilancio. Un occhio va a quello. Ma lo sguardo, nel suo complesso, non smette di volgersi al portafogli dell utente. D accordo il bilancio, però pare che A.C. Modena si sforzi sempre di soppesare la bilancia. Il piatto che regge i servizi da offrire ai Soci non deve soccombere all altro, che pesa le cifre. Credo che il nocciolo dell azione A.C. stia qui: nell ascoltare le voci del dare e dell avere e nel non farsene intontire come corse il rischio il povero Ulisse. Le sirene contabili non sovrastano la voce delle esigenze di coloro che dell A.C. sono fruitori. Anche se le funzioni sono quelle delegate dallo Stato e si tingono di amministrativo. Il vecchio Ufficio Commissioni degli anni 30 e 40 è un po il precursore degli Uffici Tasse Automobilistiche e Uffici Assistenza dei giorni nostri. Oltre cinquant anni fa, lo scrivevo poco sopra, la licenza di guida era timbrata e consegnata in appena un oretta. Poi vengono, doveroso ricordarli, gli anni bui della guerra. Che ha perso l aggettivo Grande (del primo conflitto mondiale), mantenendo però tutti gli altri. Orribile, Tragica, Tremenda, scegliete voi. Azzera tutto, la guerra. O quasi. Anni di verbali veloci, lo si vede dalle grafie. Non c è tempo per le Assemblee Generali, per i Consigli Direttivi. Non c è tempo per l automobile. Anche perché l automobile quasi si estingue ed altrettanto è a dirsi per i Soci. Se ne contano 5 alla data della Liberazione. Pochissimi. Eppure già tanti, considerato ciò che è accaduto. Un brandello di A.C. Modena si è salvato e da lì si riparte. Anni di ricostruzione, dei mattoni e delle coscienze. Si riedifica anche all A.C.: termina il periodo di commissariamento gestito da Zerbini e rinascono gli organismi interni tradizionali. All insegna delle regole democratiche. Il 15 febbraio del 46 i 29 Soci presenti in sede possono finalmente discutere dell elezione del nuovo Consiglio Direttivo. Lo scelgono nel mese successivo. Ed Enzo Ferrari ne resta escluso. Ci sono, per citare alcuni tra i neoconsiglieri, l ex commissario Zerbini, il motorista Vittorio Stanguellini, l avvocato Camillo Donati, uomo-maserati, il conte Uberto Pignatti Morano, che ascenderà alla presidenza dell Ente. Anche per questo, forse, la storia dei rapporti tra Ferrari e A.C. non è stata sempre lineare: richieste di spostamento delle date di qualche Gran Premio di 14

17 Anni 20 Incrocio Viale Regina Elena (oggi Viale Martiri delle Libertà) con Via Emilia, sullo sfondo il monumento a Vittorio Emanuele II

18 Il viale era ancora dedicato alla Regina Elena: sul traguardo del Terzo Circuito di Modena Cecchini porta alla vittoria, per la classe fino a 1100, la sua MG. Era il 14 ottobre 1934.

19 Corso Canalgrande scopre il fascino di una tentazione chiamata parcheggio: siamo nel 1937 e non è ancora tempo di aree pedonali. Modena, tira e molla sull eventuale partecipazione delle sue macchine, rinunce qua e là. Sanno di incomprensioni e dispetti che verranno comunque ricomposti, fino ai grandi omaggi degli anni 80, allorchè l Automobile Club organizzerà il RAID FERRARI D EPOCA ed il FERRARI DAYS. Manifestazioni internazionali con mitiche Rosse storiche, che portano sotto la Ghirlandina migliaia di appassionati di ogni parte del globo e riportano anche nomi leggendari del volante: Fangio, Cortese, Villoresi. E un salto nel passato, ai vecchi Circuito di Modena, con i vialoni del parco che rimbombano dei ruggiti del Cavallino, toccando piazza Grande, la pista di Fiorano, il tracciato di Imola e, immancabilmente, lo stabilimento di Maranello. L A.C. riassembla i pezzi, dicevamo. Finito il tempo in cui il Club doveva barcamenarsi tra le più o meno esplicite interferenze della propaganda fascista, giostrando tra una sovvenzione all Opera Nazionale Balilla ed un aumento della quota sociale a carico dei contribuenti-automobilisti, da devolvere poi alle casse di Roma. E ora di riforme, a Modena e nell Italia intera. Quella del R.A.C.I. (il Reale Automobile Club d Italia) va di pari passo con il riordinamento del Club locale. Dai servizi delegati dallo Stato, al riassetto economico, alla rinascita delle competizioni ed attività sportive. Al ripristino, per capirci, di tutta quella costellazione di servizi ai Soci che era stata oscurata dall eclissi del secondo conflitto mondiale. Anni di ripresa, quelli del dopoguerra. Riprende ciò che con i paroloni della sociologia si definisce l ordinata convivenza civile. Le scuole tornano a riempirsi e l associazione di Modena affianca l A.C.I. nella campagna scolastica sull educazione stradale. Piano piano tornano i servizi alla persona, perché anche saper comportarsi in strada e nel rispetto del suo codice (della strada) è opera che rientra nell ordinata convivenza civile. A.C. non smetterà di sedere sui banchi negli anni successivi, affiancando gli alunni ed il Provveditorato agli studi nella formazione di una più matura coscienza della circolazione e sicurezza viaria. Spuntano, nella frenetica edilizia che corre verso la ricostruzione e la voglia di ricominciare, servizi nuovi per i Soci. Corre l anno del 55 e il Club propone quello di Soccorso Stradale (S.O.S.). Lo fa a suo modo. Ricordate la bilancia delle pagine scorse? Un occhio al bilancio proprio, un occhio a quello familiare degli iscritti. La nuova offerta non comporterà un aumento della quota sociale. E l alba di una nuova epoca. L automobile cambia pelle: non è più il gioiello da mostrare orgogliosi 17

20 Quando una immagine testimonia la voglia dell'uomo di ripartire: è il 13 maggio del 1944 e una automobile, ferita ma non distrutta, sembra coraggiosamente voler riemergere dalle macerie del garage Macchia dopo un bombardamento. in mezzo a velocipedi, calessi e pedoni. Diventa mezzo di comunicazione e strumento di vita quotidiana. Si espande notevolmente la mole di servizi che il Club deve fornire ai suoi utenti ed il rapporto tra popolazione modenese e macchina. Facciamo un po di economia spicciola e parliamo di tassi di crescita e incrementi delle quattro ruote. Sul finire degli anni 50 la nostra provincia assommava bene o male mezzo milione di residenti. Le auto se ne stavano nel cantuccio, con le loro unità: la supremazia era schiacciante, a favore dei bipedi, ovviamente. Una macchina ogni 41 abitanti, in pratica una mosca bianca. Il ronzio sarà destinato a moltiplicarsi all ennesima potenza, assieme al numero di coloro che, con le chiavi della vettura, metteranno nelle tasche la tessera dell A.C. Le cifre degli anni 30 diventano preistoriche, irreversibilmente retrò: 305 Soci su 3000 autodotati. Roba d altri tempi. Il monito che viene da una pagina d archivio degli esordi A.C. (si era nel 1930) è stato ascoltato. Suonava così: Bisogna ricordargli (agli automobilisti) che il R.A.C.I. ha potuto pesare notevolmente sul Governo, grazie al lavoro e alle iniziative degli A.C. provinciali. Bisogna saper trovare per loro la voce del dovere, che per ogni automobilista è quella di farsi socio del nostro Ente, che è quegli che difende i loro diritti. Ed è una difesa che A.C. Modena compie andando all attacco, potenziando la gamma delle offerte, svezzando, con le sue scuole-guida, migliaia di concittadini nell uso della macchina; proseguendo l infaticabile lavoro dell Ufficio Commissioni anteguerra, cioè vidimando, bollando, evadendo, insomma, caterve di pratiche collegate a tutto quell universo cartaceo che sta appena fuori dalla galassia-auto. Riprenderemo oltre l analisi numerica di questa nuova era. Ora bisogna aprire una parentesi. Prestigiosa, felice (almeno dall ottica sportiva) e chiusasi troppo in fretta. E un intermezzo che dura undici anni e che si lega visceralmente all anima sportiva del nostro Automobile Club. Aerautodromo è un nome che farà venire la pelle d oca a tanti fra voi, fra noi anzi, che siamo gente del motore ; per undici anni Modena è una Capitale dell auto che può affiancare al suo Parlamento, fatto di geniali imprese e carrozzerie artigiane che sfornano meraviglie a quattro ruote, anche un Esecutivo degno di tal nome. E il circuito che sorgeva nell area dell attuale parco Ferrari e di cui 18

21 Anni 10 Corso Canalgrande, Palazzo Schedoni (oggi Hotel Canalgrande) e Chiesa S. Maria delle Asse

22 1938 Incrocio Via Emila e Corso Canalgrande, strenne a militi e guardie comunali 1960 Incrocio Via Emila e Via S. Carlo 1957 Via Emila centro, strenne ai vigili urbani 1968 Stazione FS, la Modena 1 accoglie Sandrone a Carnevale 20

23 ora resta qualche striscia d asfalto ingoiata dal verde. Era la sede destinata ad applicare le illuminanti creazioni uscite dalle nostrane officine: test di prova, di messa a punto, ma anche, naturalmente, gli epiloghi più amati dal grande pubblico, la spettacolarità pura. Le corse, i Gran Premi. L Aerautodromo nasce dalla fusione di due precise esigenze. Una appena ricordata, di avere un banco di prova effettivo per le tante creature delle case automobilistiche del modenese. L altra, non più procrastinabile, di matrice tragica: le gare sulle strade, urbane od extra-urbane che siano, con la gente assiepata ai margini della carreggiata, come ancor oggi capita nei rallye, sono troppo pericolose. Affascinanti ma rischiosissime. La memoria corre anch essa veloce, sopra quelle stradine dei primi del 900 solcate da tanti demiurghi del volante. Va al 1910, con Nazzaro che trionfa nel Record Mondiale del Miglio, sulla via Nonantolana, lasciandosi alle spalle un nome che scriverà un bel pezzo di storia delle quattro ruote; gli finisce dietro, a Nazzaro, un certo signor Vincenzo Lancia. L anno seguente ecco l incidente, verificatosi durante le prove e che sconsiglia la ripetizione della corsa. Il ricordo prosegue con le edizioni del Circuito delle Tre Province, sulla tratta tosco-emiliana (Bologna Pistoia Modena), l ultima delle quali vinta, nel 31, dall indimenticabile Nuvolari; va ancora oltre, con gli otto appuntamenti (non consecutivi) del Circuito di Modena, snodatisi dal 1927 al Prime due edizioni su tracciato extraurbano di oltre dieci chilometri (via Emilia - Scartazza Vignolese di nuovo sulla via Emilia). Vittoria di chi? Di un tal Enzo Ferrari su Alfa Dalla campagna, il rombo famelico dei motori arriva a squarciare il cuore della città: da ripetere per quaranta volte l anello dei viali, con Nuvolari sempre a farla da padrone (tre vittorie) e Cortese che seguiva a ruota, degno valletto (due successi). Anche qui, ineluttabile, il risvolto tragico, con la Delage di Giovanni Bracco che il 28 settembre 1947 scaraventa i suoi 12 quintali sulla messe di pubblico a bordo-viali. E troppo. Ci vuole un autodromo vero e proprio. A.C. Modena è tra i padri fondatori della struttura, si adopera fortissimamente per vederla realizzata. E passare dalla carta alla realtà non è affatto semplice: occorrono sinergie con le Amministrazioni Locali, con l A.C.I. centrale, servono parecchi soldini. Per vedere le corse vere bisogna prima vincere questa, di corsa. A Modena ci si riesce. Anche perché l opportunità è ghiotta: c è l occasione di dare lavoro a tante braccia rimaste disoccupate nell immediato dopoguerra. Tant è. L Aerautodromo sorge e così viene chiamato per ricordarne la vocazione poliedrica. Quell area è del demanio militare, e tra una manifestazione e l altra continuano le grandi manovre del Battaglione Sesto Pesante Campale, i voli dell Aereo Club cittadino e quelli, solo sognati, per l esportazione dei nostri principali prodotti alimentari. Ospita di tutto un po, non solo auto. Le dispute motociclistiche, che sopravviveranno alle quattro ruote, proseguendo fino al e facendo in tempo a battezzare un giovane centauro gialloblù di belle speranze, che risponde al nome di Luca Cadalora; vi transita pure la tappa di cronometro a squadre del ciclistico Giro d Italia 53, con l inarrivabile airone Coppi. Passano financo le signore-bene del jet-set casalingo e internazionale, magari per assistere alla tappa (Firenze Milano) del primo Rally del Cinema. Per non perdersi, invece, nell arcipelago di competizioni riservate alle vetture, rimembreremo solamente i sette Gran Premi di Modena, di F.2 e F.1, le tre edizioni della Riunione dei Primati (con i concorrenti che facevano gara a sé, cercando di ottenere il tempo più veloce per ogni categoria di partecipanti), le cinque del Campionato Italiano delle Università e gli assortiti Trofei Sport, Junior e 21

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 ANNO 16. N. 10 (726), 14 marzo 2015. Poste Italiane

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Gioielli per ogni occasione

Gioielli per ogni occasione GUIDA REGALO Gioielli per ogni occasione I gioielli di una donna sono generalmente gli oggetti di maggior valore economico che possiede e spesso anche i più cari dal punto di vista affettivo. Oggi sul

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli