BILANCIO DI SOSTENIBILITà 2009 Responsabilità economica, ambientale e sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO DI SOSTENIBILITà 2009 Responsabilità economica, ambientale e sociale"

Transcript

1

2 BILANCIO DI SOSTENIBILITà 2009 Responsabilità economica, ambientale e sociale

3

4 bilancio DI SOSTENIBILITà 2009 INDICE 3 INDICE Lettera agli stakeholder Guida al Bilancio Contenuti Materialità e inclusività degli stakeholder Perimetro del Bilancio Principi di garanzia Metodologie di calcolo IL GRUPPO E LA SOSTENIBILITà Un anno di sostenibilità: fatti e numeri Profilo del Gruppo Automobili Macchine per l Agricoltura e le Costruzioni Veicoli Industriali Componenti e Sistemi di Produzione Mappa dei principali accordi internazionali Corporate Governance Codice di Condotta Modello di Enterprise Risk Management Politica pubblica Evoluzione del Modello ex D.Lgs. 231/2001 Governance della sostenibilità Ripartizione del valore aggiunto Piano di Sostenibilità APPROCCIO INTEGRATO ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE Mobilità ecologica e sicura Mobilità sostenibile a 360 Recuperare Riciclare Riutilizzare Sicure dentro e fuori Innovazione sostenibile Progetti e collaborazioni in Europa Tecnologia pulita Architetture veicolo leggere e modulari Sicurezza integrata Qualità percepita Soluzioni per la mobilità urbana Fabbriche e processi non produttivi Sistema di Gestione Ambientale World Class Manufacturing Gestione energetica e lotta ai cambiamenti climatici Emissioni di Composti Organici Volatili Uso delle acque Gestione dei rifiuti Biodiversità Processi logistici Processi non produttivi Le nostre persone I dipendenti in cifre Gestione e sviluppo Comunicazione interna Formazione Salute e sicurezza sul lavoro Relazioni industriali Iniziative per i dipendenti Rete dei concessionari e di assistenza Formazione per la rete Ridurre l impatto ambientale I clienti: il futuro dell azienda Customer Services Centre Fornitori come partner Uno sviluppo in sintonia con le comunità APPENDICE Approfondimenti Dimensione economica Dimensione ambientale Dimensione sociale Glossario tecnico Lettera di attestazione Indice dei contenuti GRI-G3

5 4 bilancio DI SOSTENIBILITà 2009 LETTERA AGLI STAKEHOLDER LETTERA AGLI STAKEHOLDER I numeri che trovate in queste pagine, le immagini e le parole usate per illustrare quello che il Gruppo Fiat ha fatto e come lo ha fatto rendono solo in parte il modo in cui la nostra azienda intende la sostenibilità. Dietro questi dati c è un impegno serio, c è un intera cultura aziendale, c è un metodo di gestione responsabile, nella convinzione che sia questa l unica strada ad assicurare merito e dignità a qualunque risultato. Non si tratta di una sensibilità sporadica ma di un approccio di gestione sempre più radicato in azienda, che vede in prima fila il top management. Il Group Executive Council, l organismo decisionale composto dagli Amministratori Delegati dei settori operativi e da alcuni capi funzione, ne definisce infatti l approccio strategico. Nel 2009, inoltre, il Consiglio di Amministrazione ha esteso le competenze del Comitato Nomine e Corporate Governance alle tematiche di sostenibilità. Per sottolineare la nostra adesione chiara e convinta alla cultura della responsabilità, non solo economica, abbiamo deciso di aggiornare e allineare alle migliori pratiche internazionali in ambito di sostenibilità il Codice di Condotta del Gruppo, che costituisce parte integrante del contratto di lavoro per tutte le persone della Fiat nel mondo. Nonostante il difficile contesto di mercato in cui abbiamo dovuto operare, il Gruppo ha continuato a investire sul fronte della sostenibilità ambientale e sociale e ha raggiunto gli obiettivi fissati lo scorso anno, comunicati con la pubblicazione del primo Piano di Sostenibilità. Il riconoscimento dell impegno di Fiat è arrivato, nel corso dell anno, con l ammissione agli indici Dow Jones Sustainability World e Dow Jones Sustainability STOXX, i più prestigiosi indici borsistici ai quali accedono solo le società giudicate migliori per la gestione del proprio business secondo criteri di sostenibilità. La nostra azienda è stata anche riconosciuta da SAM, società specializzata negli investimenti di sostenibilità, come il costruttore che nel 2009 ha maggiormente migliorato le performance di sostenibilità, posizionandosi con uno scarto minimo dal leader di settore. Questo è valso a Fiat i titoli di Sector Mover e Gold Class. Si tratta, in entrambi i casi, di notizie che ci hanno fatto molto piacere, perché dimostrano che la responsabilità che sentiamo fa parte di una mentalità diffusa in azienda. È un modo di fare impresa, che spinge ogni giorno allo sviluppo di pratiche sostenibili. Questa è una responsabilità che si manifesta su più fronti: quello dell ambiente e della mobilità sostenibile; quello dell attenzione alle persone, sia dentro sia fuori dall azienda; quello di una condotta improntata all etica e alla trasparenza. In particolare, nel 2009, sono stati raggiunti risultati di rilievo in tutti i campi di attività. Sul fronte ambientale, Fiat ha ottenuto, per il terzo anno consecutivo, la leadership ecologica tra i principali marchi in Europa, grazie al più basso livello di emissioni di CO 2 delle proprie auto. Con il sistema MultiAir per i motori a benzina e il Multijet II per i motori diesel, Fiat Powertrain Technologies si è confermata punto di riferimento nel panorama motoristico per le innovazioni tecnologiche mirate alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e di agenti inquinanti. Dal 2009 l intera gamma di veicoli industriali medi e pesanti di Iveco è conforme ai più severi standard europei in tema di emissioni EEV (Enhanced Environmentally-friendly Vehicles).

6 5 CNH ha sviluppato l ABS SuperSteer TM, che rappresenta la prima applicazione della tecnologia ABS ai trattori, in grado di aumentare la manovrabilità del mezzo e di migliorare in modo significativo la sicurezza, anche sulle pendenze più ripide. Magneti Marelli si è confermata tra i leader nel campo della mobilità sostenibile, sviluppando importanti tecnologie telematiche, soprattutto per l infomobilità. Il Centro Ricerche Fiat ha continuato un intensa attività quale polo di sviluppo scientifico del Gruppo nei progetti e nelle piattaforme di ricerca internazionali, depositando nell anno 29 nuove domande di brevetto. Parallelamente, è proseguito l impegno a ridurre l impatto ambientale dei processi produttivi. Ad esempio, gli stabilimenti di Fiat Group Automobiles nel mondo hanno ridotto, rispetto all anno precedente, del 12,6% le emissioni di CO 2 per vettura prodotta. Il nostro concetto di sostenibilità non si ferma ai cancelli dell azienda. Nel corso dell anno la catena dei fornitori è stata sensibilizzata a una gestione più responsabile del business attraverso la diffusione di specifiche linee guida in fatto di sostenibilità e la valutazione del relativo livello di conformità. Per quanto riguarda l impegno sociale, il 2009 è stato un anno molto intenso a causa degli effetti che la crisi internazionale ha prodotto sull economia reale. Il Gruppo Fiat ha voluto gestire con profondo senso di responsabilità le conseguenze del difficile quadro economico sui lavoratori, anche nelle situazioni più critiche. In Europa, le nostre aziende hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali per evitare i licenziamenti. Anche nel resto del mondo abbiamo cercato di mitigare il più possibile l impatto sociale derivante dalla crisi. Quello che ci siamo sempre sforzati di fare è trovare un giusto punto di equilibrio tra logiche industriali e attenzione al sociale, nella convinzione che un percorso di sviluppo industriale abbia valore solo se è anche sostenibile. /f/ Luca Cordero di Montezemolo IL PRESIDENTE Luca Cordero di Montezemolo /f/ Sergio Marchionne l AMMINISTRATORE DELEGATO Sergio Marchionne

7 6 BILANCIO DI GUIDA SOSTENIBILITà AL BILANCIO 2009 GUIDA AL BILANCIO Il Bilancio di Sostenibilità, giunto ormai alla sua sesta edizione, è il documento con cui il Gruppo dà un rendiconto delle attività svolte e della performance di sostenibilità con l obiettivo di dare evidenza agli stakeholder interni ed esterni dei risultati raggiunti e degli impegni in campo non solo economico, ma anche ambientale e sociale. È pubblicato in forma volontaria e con cadenza annuale, è distribuito in occasione dell Assemblea degli Azionisti di Fiat S.p.A. ed è scaricabile dal sito internet Il Bilancio di Sostenibilità è redatto in conformità alle linee guida della Global Reporting Initiative, GRI-G3 (1), con riferimento alle quali quest anno ha raggiunto il massimo livello di applicazione: A+. Livello di conformità Profilo OUTPUT Rendicontare su: , , C C+ B B+ A A+ Rendicontare su tutti i criteri previsti per il livello C e su: , , Stessi requisiti previsti per il livello B Informativa Standard Modalità di gestione Indicatori di performance OUTPUT OUTPUT Non richiesto Rendicontare su un minimo di 10 indicatori di performance, comprendendo almeno un indicatore per ciascuna area: economica, sociale e ambientale Bilancio verificato esternamente Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori Rendicontare su un minimo di 20 indicatori di performance, comprendendo almeno un indicatore per ciascuna area: economica, ambientale, diritti umani, lavoro, società, responsabilità di prodotto Bilancio verificato esternamente Informativa sulla modalità di gestione di ogni categoria di indicatori Rendicontare su tutti gli indicatori di performance core del G3 e dei supplementi settoriali (in versione definitiva) applicabili con riguardo al principio di materialità. Spiegare le eventuali omissioni Bilancio verificato esternamente 2002 conforme C C+ B B+ A A+ Obbligatorio Facoltativo Autodichiarato Verificato da terza parte Verificato da GRI Bilancio verificato da terza parte Bilancio verificato da terza parte Bilancio verificato da terza parte (1) La Global Reporting Initiative (GRI) è un processo multi-stakeholder per lo sviluppo e la divulgazione di linee guida per i Bilanci Sociali. Le linee guida danno indicazioni per la rendicontazione delle dimensioni economica, ambientale e sociale e rappresentano uno standard di contenuto che supporta l organizzazione nella redazione del Bilancio di Sostenibilità, promuovendone la comparabilità nel tempo e fra organizzazioni similari. La linea guida GRI-G3 oltre a individuare i principi di redazione del Bilancio Sociale, ne descrive i contenuti sviluppandoli in: strategia e analisi, profilo dell organizzazione, parametri del report, governance, coinvolgimento degli stakeholder e indicatori di performance economici, ambientali e sociali.

8 7 A conferma del fatto che per il Gruppo Fiat la sostenibilità è un modo di fare impresa, che guida le scelte di ogni giorno e che è condiviso e promosso dai vertici aziendali, il Bilancio è stato approvato dal Group Executive Council (organismo decisionale guidato dall Amministratore Delegato del Gruppo e composto dagli Amministratori Delegati dei Settori operativi e da alcuni capi funzione) ed esaminato dal Comitato Nomine, Corporate Governance e Sostenibilità istituito all interno del Consiglio di Amministrazione. Il documento è stato inoltre sottoposto all attività di verifica di SGS Italia S.p.A., organismo indipendente di certificazione, seco n do la procedura SRA (Sustainability Reporting Assurance), in linea con la GRI-G3 e la norma AA1000APS SGS è ufficialmente autorizzata a effettuare attività di assurance secondo AA1000. La lettera di attestazione, che descrive le attività svolte e riporta i giudizi formulati, è consultabile alla pagina 168. Contenuti MATERIALITÀ E INCLUSIVITÀ DEGLI STAKEHOLDER Nel Bilancio sono illustrate le strategie e le attività del Gruppo Fiat in risposta alle sfide globali per uno sviluppo sempre più sostenibile. In particolare, sono approfonditi i temi della Governance, della mobilità sostenibile, dei processi produttivi a basso impatto ambientale, della gestione delle persone e dei rapporti con le comunità locali, con la rete dei concessionari e di assistenza, con i clienti e i fornitori. La selezione degli argomenti del presente documento è frutto di un processo di analisi, che ha tenuto conto delle attese degli stakeholder e delle peculiarità specifiche del settore automotive. Le attività di rendicontazione, dalla pianificazione alla realizzazione del documento finale, hanno coinvolto trasversalmente tutte le funzioni e i Settori del Gruppo e sono state coordinate centralmente dall Unità di Sostenibilità che fa capo all ente Group Control. Con l intento di coniugare rigorosità e fruibilità dell informazione, l impostazione editoriale del documento si presenta suddivisa in tre parti: nella prima parte è illustrato l approccio strategico del Gruppo alla sostenibilità, nella seconda parte sono rendicontate le iniziative realizzate nel 2009, mentre nell ultima sezione trovano spazio addizionali indicatori economici, ambientali e sociali. Rispetto alle precedenti versioni, il Bilancio di Sostenibilità 2009 presenta alcuni miglioramenti. In particolare: n la mappa dei Key Performance Indicator per il monitoraggio delle performance di sostenibilità è stata ampliata e allineata alle richieste dei principali standard di rendicontazione e delle principali Società di rating (GRI-G3 (1), CDP, DJSI, Vigeo, Oekom). Per il primo anno gli indicatori di performance ambientale vengono presentati in forma normalizzata, consentendo così al lettore una maggior comprensione dell andamento dei fenomeni. Sono inoltre rendicontati per la prima volta gli indicatori ambientali di energia e di gas a effetto serra relativi rispettivamente a consumi ed emissioni indirette. Il tema delle emissioni, e più in generale degli impatti ambientali, è illustrato anche in riferimento alle aree logistica e processi non produttivi, così come maggiore spazio è stato dato alle energie rinnovabili. L analisi dei cambiamenti climatici è stata approfondita grazie a un aggiornamento del modello di gestione dei rischi. Le informazioni relative alle acque da quest anno comprendono anche l indice di riciclo; n grazie all attività svolta nell ambito della supply chain è stato possibile presentare un informativa più ampia rispetto al passato sulla sensibilità e conformità dei fornitori del Gruppo ai temi della sostenibilità; n è stato elaborato lo schema del valore aggiunto; n le aree di impegno del Piano di Sostenibilità sono state estese al risk management, alla logistica e ai processi non produttivi. L analisi di rilevanza degli argomenti, che sono illustrati nel Bilancio e che costituiscono le direttrici prioritarie del Piano di Sostenibilità, ha preso in considerazione non solo le attese degli stakeholder e le sfide globali del settore automotive per uno sviluppo sostenibile, ma anche le indicazioni degli standard di rendicontazione internazionali, come le linee guida del GRI e le richieste informative degli analisti finanziari e degli investitori non tradizionali. Le aspettative degli stakeholder sono state rilevate tramite un indagine interna con le strutture aziendali deputate alla gestione quotidiana dei rapporti con le rispettive categorie di portatori d interesse. La tabella di materialità che segue individua gli argomenti oggetto del Bilancio di Sostenibilità (1) Incluso il supplemento di settore automotive.

9 8 BILANCIO DI GUIDA SOSTENIBILITà AL BILANCIO 2009 MAPPA DEGLI STAKEHOLDER Stakeholder che sono influenzati dall attività del gruppo STAKEHOLDER CHE POSSONO INFLUENZARE L ATTIVITà DEL GRUPPO TABELLA DI MATERIALITà All interno del Gruppo esistono funzioni dedicate al dialogo costante con i diversi stakeholder. Di seguito sono illustrati gli enti preposti, gli strumenti utilizzati per interagire con gli stakeholder, le principali aspettative emerse e le sezioni del Bilancio di Sostenibilità che trattano gli argomenti di interesse. Funzione aziendale (1) Stakeholder Strumenti e canali di interazione con gli Stakeholder Aspettative degli stakeholder Riferimenti Direzione Acquisti n Fornitori, partner commerciali n rapporti quotidiani tramite i buyer n convention n technology day n continuità della fornitura n rispetto delle condizioni contrattuali Direzione Ambiente n Ambiente n dialogo con Istituzioni e Associazioni ambientaliste n inclusione dell aspetto ambientale nelle strategie aziendali (lotta ai cambiamenti climatici) n rafforzamento della gestione ambientale tramite: struttura organizzativa dedicata, sistemi di monitoraggio delle performance ambientali, obiettivi gestionali e piani di azione Direzione Comunicazione Direzione Marketing e Customer Care n Giornalisti e mezzi di comunicazione n Clienti potenziali ed effettivi n Opinion leader n dialogo quotidiano n presentazioni e conferenze stampa n incontri n sito web del Gruppo e dei Settori n ricerche di mercato n focus group n indagini sulla soddisfazione dei clienti n canali di comunicazione above the line e below the line n comunicazione a due vie tramite: web, direct mailing, rete dei concessionari, numeri verdi, ecc. n eventi (lanci prodotto, ecc.) e partecipazione a saloni, fiere e convegni n disponibilità, tempestività e accuratezza delle informazioni, trasparenza n qualità, affidabilità e sicurezza dei prodotti n competitività dei prezzi e accesso al credito n sostenibilità nelle scelte del business e nello sviluppo del prodotto (riduzione dei consumi e delle emissioni, accesso alle aree a circolazione regolamentata, possibilità di usufruire degli incentivi statali e regionali) n velocità ed efficienza nell assistenza n professionalità e cortesia nei contatti diretti e tramite concessionari n ampliamento delle linee di prodotto e dei servizi al cliente (inclusi servizi finanziari) pagg pagg , , _ pagg (1) I nomi delle funzioni aziendali indicati nella mappa sono resi autoesplicativi per facilità di lettura, ma non necessariamente coincidono con gli effettivi nomi attributi dall organizzazione alle corrispondenti responsabilità aziendali.

10 9 Funzione Aziendale Stakeholder Strumenti e canali di interazione con gli stakeholder Aspettative degli Stakeholder Riferimenti Direzione Relazioni n Comunità finanziaria: n comunicazioni e informazioni price-sensitive n consolidamento e rafforzamento della conoscenza pagg con gli Investitori investitori istituzionali n conference-call trimestrali del Gruppo e dei suoi business e Direzione Affari Societari analisti finanziari e di n seminari, conferenze di settore, roadshow e incontri n creazione del valore (ritorno sugli investimenti, sostenibilità n dialogo quotidiano (incontri, telefono, ) sostenibilità del business) investitori privati n Assemblea annuale degli Azionisti n gestione trasparente e responsabile n sito web del Gruppo Fiat, sezione analisti e investitori Direzione Relazioni Industriali n Organizzazioni Sindacali e rappresentanti dei lavoratori pagg Direzione Relazioni Istituzionali n Istituzioni: governi, enti locali, pubblicaamministrazione, enti regolatori, istituzioni comunitarie, associazioni di categoria e non governative n incontri istituzionali (CAE - Comitato Aziendale Europeo) e altri incontri a qualsiasi livello (di stabilimento, aziendale, territoriale o nazionale) previsti in base a disposizioni di legge o di contratto n incontri trilaterali (Azienda, Organizzazioni Sindacali e Istituzioni Governative) su tematiche di particolare rilievo n incontri ad hoc a livello di stabilimento, aziendale, territoriale o nazionale n incontri periodici ad hoc su obiettivi e scelte aziendali n partecipazione a gruppi di lavoro, sviluppo di progetti congiunti e alleanze n coinvolgimenti ad hoc n cooperazione in progetti di Ricerca e Sviluppo n iniziative di promozione di tematiche ambientali Direzione Risorse Umane n Dipendenti n dialogo quotidiano n analisi di clima n incontri per comunicare il livello di performance atteso ed effettivo e il percorso professionale Direzione Vendite Enti vari n Organizzazioni aziendali professionali e di aggregazione n Famiglie dei dipendenti n Rete dei concessionari e di assistenza, associazioni n Comunità locali: religiose, culturali, di ricerca socio-politica, scientifica, tecnologica, sistema sanitario, scuole e università, Organizzazioni Non Governative, enti non profit n incontri di condivisione e di allineamento su obiettivi e scelte aziendali n iniziative di coinvolgimento (Natale Bimbi, Family day, Open day, ecc.) n iniziative dedicate (Asilo, Borse di Studio, FASIFIAT) n contatti quotidiani e incontri periodici con la rete n comunicazione a due vie tramite web e numeri dedicati n figure professionali che monitorano la rete garantendo il rispetto degli standard contrattuali n programmi di sviluppo dei concessionari n programmi di supporto ai concessionari, tra cui formazione, definizione di standard, finanziamenti e campagne promozionali n incontri con rappresentanti delle associazioni, delle organizzazioni o della comunità locale n definizione di interventi o progetti gestiti direttamente o in partnership n cooperazione in progetti di Ricerca e Sviluppo n programmi di scambio culturale n dialogo sociale in linea con le previsioni di legge o di contratto applicabili che, di volta in volta e a seconda del Paese, delle tematiche da trattare e del livello di interlocuzione, dispongono, per le Organizzazioni Sindacali o per i rappresentanti dei lavoratori, il diritto all informazione, alla consultazione o alla negoziazione n reattività e propositività per i progetti presentati n collaborazione e accesso alle informazioni n rispondenza ai criteri dei bandi di Ricerca e Sviluppo n supporto tecnico su temi specifici del settore n chiarezza dell organizzazione e tutele in un contesto di incertezza di mercato n chiarezza di obiettivi e sistema premiante n informazione su strategie e risultati del Gruppo n formazione e sviluppo professionale n ambiente di lavoro stimolante e sicuro n partecipazione indiretta al processo decisionale n sviluppo del senso di appartenenza n accesso alle informazioni n sicurezza sul lavoro n partecipazione indiretta alla vita aziendale n completezza e accessibilità delle informazioni di prodotto in modo veloce n profittabilità del business n sviluppo del senso di appartenenza n qualità e disponibilità dei prodotti/ricambi/servizi n competitività dei prezzi n ampliamento delle linee di prodotto n ampliamento dei servizi al cliente, incluse offerte di servizi finanziari n servizi di supporto ai concessionari e velocità di risposta nelle situazioni di malfunzionamento n reattività alle proposte progettuali e alle singole richieste di intervento n contributo e sostegno alle iniziative nel medio-lungo periodo n rispondenza ai criteri dei bandi di Ricerca e Sviluppo n accesso alle informazioni pagg , pagg _ pagg pagg pagg ,

11 10 BILANCIO DI GUIDA SOSTENIBILITà AL BILANCIO 2009 Perimetro del bilancio Principi di garanzia Metodologie di calcolo Il Bilancio di Sostenibilità 2009, il cui esercizio di riferimento coincide con l anno solare, contiene, salvo diversa indicazione, informazioni e dati riferiti all esercizio 2009 e a tutte le Società del Gruppo Fiat nel mondo che rientrano nel perimetro del Bilancio Consolidato al 31 dicembre Al fine di garantire la confrontabilità nel tempo, i dati sono normalmente presentati su un periodo di tre anni, L eventuale esclusione dal perimetro di rendicontazione di alcune aree geografiche o di alcune Società deriva dalla scarsa significatività del fenomeno da rendicontare rispetto all intero Gruppo o dall impossibilità di raccogliere dati con standard qualitativi soddisfacenti, come accade in particolare per le Società di nuova acquisizione. Il perimetro di rendicontazione è esteso di anno in anno; in particolare, per gli indicatori di recente rendicontazione, la limitazione geografica e/o settoriale è superata progressivamente nelle successive edizioni di Bilancio. In alcuni casi sono state incluse nel perimetro di rendicontazione anche realtà non rientranti nel perimetro di consolidamento integrale del Bilancio. In particolare i dati relativi alla salute e sicurezza sul luogo di lavoro (ad esempio, infortunistica, spese e formazione) coprono circa il 91% dei dipendenti del Gruppo calcolati secondo il perimetro di consolidamento integrale più alcune realtà che, pur non rientrando in tale perimetro, si ritengono significative per gli impatti sociali che generano. Tra queste ultime ad esempio la Società Sevel (Società Europea Veicoli Leggeri - Société Européenne de Véhicules Légers), joint venture tra Fiat Group Automobiles e il Gruppo PSA. Considerazioni analoghe valgono anche per il perimetro dei dati ambientali che comprende oltre a Sevel, anche la Società Tofas, joint venture tra Fiat Group Automobiles e il Gruppo turco Koç. Inoltre, relativamente alle performance ambientali, va segnalato che sono stati presi in considerazione i principali siti produttivi del Gruppo Fiat nel mondo. Per sito produttivo si intende un area produttiva sottoposta al controllo di un unico gestore. Tale definizione non sempre coincide con quella di stabilimento utilizzata ai fini del Bilancio Consolidato. L esclusione o parziale rendicontazione di alcuni indicatori è dovuta alla non applicabilità degli stessi al tipo di business del Gruppo. Il documento è stato elaborato avendo a riferimento i principi di materialità (inclusione delle informazioni che, per gli impatti economici, ambientali e sociali, sono ritenute di interesse per gli stakeholder), completezza (inclusione di tutti gli argomenti e indicatori materiali), equilibrio (presenza di aspetti positivi e negativi della performance del Gruppo), comparabilità (possibilità di confronti nel tempo e tra organizzazioni similari), accuratezza, affidabilità, tempestività e chiarezza (il linguaggio utilizzato intende rivolgersi a tutti gli stakeholder). Il Bilancio di Sostenibilità e il Bilancio Consolidato sono presentati contestualmente in occasione dell Assemblea degli Azionisti di Fiat S.p.A. per garantire agli stakeholder una tempestiva e complessiva visione sia della performance economico-finanziaria sia di quella ambientale e sociale del Gruppo. L ultimo Bilancio di Sostenibilità, relativo all esercizio 2008, è stato reso pubblico in occasione dell Assemblea degli Azionisti di Fiat S.p.A. che si è tenuta il 27 marzo I dati e le informazioni riportati nel Bilancio di Sostenibilità sono ottenuti attraverso processi di rendicontazione pianificati con le rispettive direzioni aziendali di competenza. Dove presenti, sono utilizzati i sistemi gestionali informatizzati e di controllo di gestione già in essere nel Gruppo, a garanzia dell affidabilità dei flussi informativi e del corretto monitoraggio della performance di sostenibilità. Per alcuni indicatori è stata avviata un apposita attività di rilevazione attraverso banche dati informatizzate o fogli elettronici, alimentati direttamente dai referenti di ciascuna area tematica nel mondo. Le specifiche relative alle metodologie di calcolo e alle spiegazioni dei trend nel Bilancio sono riportate accanto ai grafici e alle tabelle corrispondenti.

12

13

14 IL GRUPPO E LA SOSTENIBILITà Un anno di sostenibilità: fatti e numeri Profilo del Gruppo Mappa dei principali accordi internazionali Corporate Governance Governance della sostenibilità Piano di Sostenibilità

15 14 IL GRUPPO E LA SOSTENIBILITà UN ANNO DI SOSTENIBILITà: FATTI E NUMERI UN ANNO DI SOSTENIBILITà: FATTI E NUMERI FIAT S.P.A. ENTRA NEI DOW JONES SUSTAINABILITY INDEX WORLD E STOXX Per il terzo anno Fiat è leader per le più basse emissioni di CO 2 in Europa con 127,8 G/KM CENTRO RICERCHE FIAT: PROTETTE 29 INVENZIONI E OTTENUTI circa 360 NUOVI DIRITTI DI BREVETTO nel MONDO al COMITATO NOMINE e CORPORATE GOVERNANCE è affidata la supervisione delle tematiche di SOSTENIBILITà FIAT S.P.A. OTTIENE LE MENZIONI SPECIALI SAM GOLD CLASS E SAM SECTOR MOVER il sito internet di gruppo dedicato alla sostenibilità vince il premio best improver in italia nell ambito del CSR ONLINE AWARD PRESENTATO IL MULTIAIR SU ALFA MITO E FIAT PUNTO EVO: -10% DI EMISSIONI DI CO 2 1,7 MILIARDI DI EURO spesi IN RICERCA E SVILUPPO CON PERSONE DEDICATE DISTRIBUITE IN 117 CENTRI 123 CERTIFICAZIONI ambientali ISO 14001

16 15 FIAT E IVECO LEADER EUROPEI Nelle vendite dei veicoli a metano 11% dell energia consumata dal gruppo proviene da FONTI RINNOVABILI -12,6% rispetto al 2008 delle EMISSIONI DI CO 2 per vettura prodotta nei siti di FIAT GROUP AUTOMOBILES NEL MONDO ABS SUPERSTEER TM DI NEW HOLLAND PREMIATO CON LA SILVER MEDAL FOR INNOVATION GIOVANI FORMATI CON IL PROGETTO TECHPRO 2 21,8 MILIONI DI euro L IMPEGNO DEL GRUPPO A FAVORE DELLE COMUNITà: +16% rispetto al ,7% rispetto al 2008 del consumo di acqua per vettura prodotta nei siti di FIAT GROUP AUTOMOBILES NEL MONDO CON ARVORE DA VIDA FIAT VINCE in brasile IL PREMIO PER LA MIGLIORE AZIENDA NELLA GESTIONE DELLA RESPONSABILITà SOCIO-AMBIENTALE oltre ORE DI FORMAZIONE SU SICUREZZA ED ECOLOGIA ALLA RETE: +80% RISPETTO AL % del valore dei materiali diretti acquistati da fiat group automobiles proviene da siti di fornitori certificati iso MILIONI DI EURO spesi per salute e sicurezza sul Lavoro

17 16 IL GRUPPO E LA SOSTENIBILITà PROFILO DEL GRUPPO PROFILO DEL GRUPPO Il Gruppo Fiat è la più grande impresa industriale privata italiana e tra i fondatori dell industria automobilistica europea. Intrattiene rapporti commerciali con più di 190 Paesi, progetta, costruisce e vende vetture, camion, macchine per l agricoltura e le costruzioni, motori, cambi e componenti, puntando sia sull innovazione tecnologica sia sulla compatibilità ambientale. Con 188 stabilimenti, occupa più di 190 mila dipendenti in tutto il mondo e dispone di 117 centri di Ricerca e Sviluppo nei cinque continenti, in cui operano circa 14 mila persone altamente qualificate. Nel 2009 i ricavi, pari a 50,1 miliardi di euro, sono diminuiti del 16% rispetto ai livelli record dell anno precedente, ma nel quarto trimestre sono aumentati del 3,6% rispetto al periodo corrispondente del L utile della gestione ordinaria è stato di 1,1 miliardi di euro, con un forte contributo del business delle Automobili. GRUPPO FIAT (in milioni di euro) Ricavi netti (1) Utile/(perdita) della gestione ordinaria Utile/(perdita) dell esercizio (848) Dipendenti a fine esercizio (numero) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali (1) Spesa in Ricerca e Sviluppo (2) (Indebitamento)/Disponibilità nette delle Attività Industriali (4.418) (5.949) 355 Disponibilità e mezzi equivalenti STRUTTURA DEL GRUPPO: PRINCIPALI SETTORI (1) A seguito dell adozione nel 2009 dell emendamento allo IAS 16 come descritto nella Nota Integrativa al Bilancio Consolidato 2009, i ricavi netti dell esercizio 2008 sono stati incrementati per 184 milioni di euro mentre gli investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali sono diminuiti di 284 milioni di euro. (2) Include i costi capitalizzati e quelli spesati direttamente a conto economico.

18 17 AUTOMOBILI Fiat è tra i fondatori dell industria automobilistica europea. In più di un secolo di attività, l azienda ha prodotto circa 95 milioni di vetture e veicoli commerciali leggeri e per 12 volte i modelli del Gruppo si sono aggiudicati il titolo di Auto dell anno. Il business delle Automobili comprende Fiat Group Automobiles, Maserati e Ferrari. Fiat Group Automobiles Fiat Group Automobiles (FGA) progetta, produce e vende automobili con i marchi Fiat, Alfa Romeo, Lancia e Abarth, oltre che veicoli commerciali leggeri con il marchio Fiat Professional. Ogni brand ha un identità specifica e persegue politiche commerciali e di marketing distinte. Fiat Pratiche, versatili e brillanti. Adatte a un cliente sempre più attento alle tematiche ambientali e alle novità tecnologiche. Sono le vetture Fiat, un marchio che da sempre propone modelli dotati di soluzioni tecniche utili e accessibili, senza mai rinunciare a un design italiano. A queste caratteristiche negli ultimi anni il brand ha aggiunto una particolare attenzione all ecologia. Un impegno costante nella ricerca di proposte concrete, disponibili subito, che ha portato Fiat a essere, per tre anni consecutivi, leader per le più basse emissioni di CO 2 tra i marchi automobilistici più venduti in Europa (fonte: JATO Dynamics, 2007, 2008 e 2009). Nel corso del 2009 Fiat ha presentato la 500C, l evoluzione scoperta della nuova icona del successo Fiat, la Punto Evo, erede della Grande Punto, e il nuovo Doblò, vettura multispazio pensata per le famiglie moderne. I tre modelli vanno ad arricchire un ampia gamma che spazia dalle agili city car Panda e 500 ad auto moderne e versatili come Grande Punto, Bravo e Nuova Croma, alla Multipla, ideale per chi ama viaggiare in compagnia, fino all originale Fiat Qubo. Fiat propone inoltre, con la linea Natural Power, la più ampia gamma di vetture a doppia alimentazione (7 modelli). Alfa Romeo Sportività, tecnologia, comfort ed eleganza, per un design unico dalla personalità unica. Tutto questo è Alfa Romeo, marchio storico dell industria automobilistica italiana, che nel 2009 ha celebrato un secolo di successi. Nel suo DNA ci sono valori distintivi in cui si sono riconosciute generazioni di clienti appassionati d automobili: l agilità, il temperamento, il fascino. Valore, quest ultimo, che scaturisce dalla capacità di coniugare la sensualità delle proporzioni con una tecnica all avanguardia che offre prestazioni eccellenti in potenza, bassi consumi e compatibilità ecologica. Icona stilistica e tecnologica del marchio è la super car 8C Competizione, cui si ispirano fortemente la piccola MiTo, Auto Europa 2009, e la nuova Giulietta, che ha debuttato a Ginevra nel marzo del Modelli che si affiancano alla grintosa 159, alla Spider, assoluto classico dell automobilismo italiano, alla Brera, vero e proprio concentrato di stile, e alla sportiva GT.

19 18 IL GRUPPO E LA SOSTENIBILITà PROFILO DEL GRUPPO Lancia Classe ed esclusività: da più di cent anni. Questo è Lancia. Ecco perché i suoi modelli sono caratterizzati da un eleganza da indossare nella vita di ogni giorno. Automobili segnate da un inconfondibile stile italiano: la compatta Ypsilon, la city limousine Musa, la Delta, che porta nel nome storico il segno della distintività e della differenza, oltre alla forza di una proposta che sintetizza il fascino dello stile e il temperamento audace e innovatore. Gli stessi valori si ritrovano anche nella nuova gamma ECOCHIC, con doppia alimentazione (GPL e benzina), dal 2009 disponibile per tutti i modelli del brand. Questa linea rappresenta un innovativo concetto di automobile amica dell ambiente, lussuosa e accessibile, brillante e parca nei consumi. Abarth Dal suo rilancio, nel 2007, il marchio Abarth ha ripreso a essere sinonimo di grinta ed emozione sportiva. Sotto il segno dello Scorpione sono tornati, in chiave moderna, tutti i prodotti di un tempo. Vetture come la Grande Punto e la 500 Abarth, veri e propri concentrati di tecnologia e prestazioni che trovano le proprie radici nel mondo del racing; ma anche kit di trasformazione e versioni esclusive per gli amanti dell automobilismo sportivo. Così con Abarth il mondo delle competizioni è diventato più accessibile, grazie ad auto grintose come 500 Abarth Assetto Corse, ai trofei monomarca e a una capillare rete di distribuzione dedicata. Le corse sono state le vere protagoniste del 2009, che ha visto l avvio dei Trofei Abarth 500, la vittoria del Campionato Europeo di Rally con Abarth Grande Punto S 2000 e la presentazione dell Abarth 500 R3T, nata proprio per il mondo del Rally. Fiat Professional Quello tra Fiat Professional e i suoi clienti è un rapporto di partnership. Il marchio dei veicoli commerciali leggeri di Fiat Group Automobiles nasce, infatti, con la missione di affiancare le imprese grandi e piccole nella crescita del loro business. Chi cerca produttività, facilità d uso e bassi consumi trova nella competenza e nella capacità innovativa di Fiat Professional un vero punto di riferimento, un alleato per l impresa di oggi nell affrontare le sfide del mercato. Con Fiorino, Scudo, Ducato, fino al nuovo Doblò Cargo, l azienda offre veicoli capaci di soddisfare ogni esigenza di lavoro, ma anche di tempo libero. Un successo premiato dal mercato e dalla critica. Nel 2009, infatti, il marchio conferma la forte leadership in Italia e si aggiudica il secondo posto in Europa, mentre negli ultimi quattro anni ha conquistato per ben tre volte il titolo di International Van of the Year : per il Doblò Cargo (2006), per lo Scudo (2008) e per il Fiorino (2009). Fiat Group Automobiles (in milioni di euro) Ricavi netti Utile/(Perdita) della gestione ordinaria Dipendenti a fine esercizio (numero) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali Spesa complessiva in Ricerca e Sviluppo (1) Autovetture e veicoli commerciali consegnati alla rete (numero) (1) Include i costi capitalizzati e quelli spesati direttamente a conto economico.

20 19 Maserati Un marchio che da sempre propone berline di grande fascino e di tecnologia all avanguardia, spesso derivata dall esperienza delle competizioni in pista. Maserati, infatti, è erede di una grande tradizione sportiva che continua, oggi, con la MC12, vincitrice negli ultimi cinque anni di dodici titoli internazionali valevoli per il Campionato FIA GT. Nel gennaio 2009 Maserati ha presentato la Quattroporte Sport GT S, auto che costituisce la migliore sintesi mai raggiunta dal marchio del Tridente tra una berlina di lusso e una vettura sportiva. In marzo è stata la volta della GranTurismo S Automatica, potente e grintosa otto cilindri con cambio automatico auto-adattivo e infine a settembre quello della prima cabriolet a quattro posti della sua storia. Si tratta della GranCabrio, vettura versatile ed esclusiva, che va a completare la gamma Maserati, affiancandosi ai modelli Quattroporte e GranTurismo. Maserati (in milioni euro) Ricavi netti Utile/(Perdita) della gestione ordinaria Dipendenti a fine esercizio (numero) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali Spesa complessiva in Ricerca e Sviluppo (1) Autovetture consegnate alla rete (numero) Ferrari Le vetture stradali di Maranello rappresentano, per definizione, il made in Italy più prestigioso: automobili esclusive che non hanno uguali nel mondo, indissolubilmente legate all esperienza nelle competizioni e in particolare in F1, dove la Scuderia Ferrari è non solo l unica squadra ad aver preso parte a tutte le edizioni del Campionato Mondiale ma anche la detentrice del maggior numero di titoli: 16 nella categoria Costruttori e 15 in quella Piloti. Fedele alla propria vocazione di costruttore di vetture sportive, destinate a rappresentare l eccellenza sia dal punto di vista tecnico sia da quello stilistico, nel 2009 la Ferrari ha presentato un nuovo modello 8 cilindri posteriore-centrale: la 458 Italia, destinata a richiamare il nostro Paese non solo nel nome, ma anche nei valori che esprime e cioè la creatività e la capacità di innovare. FERRARI (in milioni euro) Ricavi netti Utile/(Perdita) della gestione ordinaria Dipendenti a fine esercizio (numero) Investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali Spesa complessiva in Ricerca e Sviluppo (1) Autovetture omologate consegnate alla rete (numero) (1) Include i costi capitalizzati e quelli spesati direttamente a conto economico.

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Incontro con le Organizzazioni Sindacali

Incontro con le Organizzazioni Sindacali Incontro con le Organizzazioni Sindacali Torino - Mirafiori Motor Village - Il Gruppo Fiat nel 2005 Gruppo focalizzato sui settori automotoristici operante a livello internazionale ma ancora radicato in

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Nuova Panda Sconto 12% POP Extrasconto 400 Easy con clima E xtrasconto 650 Lounge con pack premium Extrasconto 650 Natural Power E xtrasconto 300

Nuova Panda Sconto 12% POP Extrasconto 400 Easy con clima E xtrasconto 650 Lounge con pack premium Extrasconto 650 Natural Power E xtrasconto 300 500L Nuova Panda POP Extrasconto 400 Easy con clima E xtrasconto 650 Lounge con pack premium Extrasconto 650 Natural Power E xtrasconto 300 Bravo Extrasconto 1.100 cumulabile con rottamazione 400 500 e

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DASP-I IMMAGINE APPLICAZIONE CODICE ORIGINALE DESCRIZIONE NOTE

DASP-I IMMAGINE APPLICAZIONE CODICE ORIGINALE DESCRIZIONE NOTE www.cramesrl.it RESISTENZE DASP-I DASP-I IMMAGINE APPLICAZIONE CODICE ORIGINALE DESCRIZIONE NOTE AIR046 RENAULT 0,50 AIR048 AIR267 AUDI: 80 VOLKSWAGEN: GOLF II JETTA - PASSAT SEAT: TOLEDO 191959263 191959263C

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Maggior comfort e sicurezza in movimento Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Comfort e sicurezza ti accompagnano in ogni situazione. Ecco cosa significa Feel

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli