IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI"

Transcript

1 IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/ D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

2

3

4 PRESENTAZIONE AUTORI: Vincnzo Corrado, inggnr civil, profssor associato di Fisica tcnica ambintal prsso il Politcnico di Torino, già vic-prsidnt dll Ordin dgli Inggnri dlla provincia di Torino, è il rfrnt italiano pr il CTI (Comitato Trmotcnico Italiano) pr il CEN (Comité Europén d Normalisation) dlla normativa tcnica sul tma Isolamnto trmico dgli difici mtodi di calcolo dll prstazioni nrgtich, è mmbro dl gruppo di lavoro ministrial incaricato dlla rdazion di rgolamnti nazionali pr l applicazion dl Dcrto Lgislativo 192/05, svolg attività di ricrca consulnza scintifica ni sttori dlla trmofisica dll dificio, dll nrgtica dilizia dl controllo dll ambint intrno, è autor di oltr 80 pubblicazioni scintifich in ambito nazional d intrnazional. Matto Srraino, inggnr dil, dottorando in nrgtica prsso il Politcnico ditorino, svolg attività di ricrca sul tma dlla valutazion di carichi trmici di consumi nrgtici di sistmi dificio-impianto, è mmbro dl gruppo di ricrca incaricato dlla rdazion di rgolamnti dlla Rgion Pimont pr l applicazion dl Dcrto Lgislativo 192/05.

5 INDICE IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 1. L disposizioni di lgg Ambiti di intrvnto, gradi di applicazion d sclusioni Rquisiti dl sistma dificio-impianto Schma dgli admpimnti Crtificazion nrgtica dgli difici L attstato di qualificazion nrgtica Soggtti coinvolti, obblighi sanzioni Analisi critica di Dcrti Lgislativi 192/ /

6 1. L disposizioni di lgg 1.1 La Dirttiva 2002/91/CE La Dirttiva 2002/91/CE dl Parlamnto dl Consiglio Europo sul rndimnto nrgtico nll dilizia introduc importanti novità nll ambito dl risparmio di nrgia ngli difici con moltplici finalità, ad smpio la tutla dll ambint, la riduzion dll missioni inquinanti, l indipndnza da fonti nrgtich provninti da pasi divrsi. Entrando più in dttaglio la dirttiva dispon: A. l adozion di un quadro gnral una mtodologia pr il calcolo dl rndimnto nrgtico intgrato dgli difici (art. 3) B. l applicazion di rquisiti minimi in matria di prstazioni nrgtich dgli difici (art. 4) a. di nuova costruzion (art. 5) b. sistnti di grand mtratura sottoposti a ristrutturazion (art. 6) C. la crtificazion nrgtica dgli difici (art. 7) D. l ispzion priodica di caldai d impianti di condizionamnto d aria ngli difici, nonché una prizia dgli impianti trmici (art. 8 9) Ad ogni stato uropo si chid di rcpir qusta dirttiva all intrno di norm a carattr nazional, in modo tal da garantir una maggior snsibilità all spcificità dl clima di ciascun pas rndr così oprativa la dirttiva. 1.2 La situazion italiana In Italia, la norma fondamntal sull uso razional dll nrgia è stata finora la lgg dl 9 gnnaio 1991 n. 10, cui hanno fatto sguito solo alcuni tra i vari dcrti di attuazion prvisti.tra qusti val la pna di mnzionar il D.P.R. 26/08/1993 n. 412, parzialmnt modificato dal D.P.R. 21/12/1999 n. 551, ch disciplina la progttazion, l'installazion, l'srcizio la manutnzion dgli impianti trmici dgli difici. Bisogna attndr il 31 marzo dl 1998 quando vin manato il Dcrto Lgislativo n. 112 ch, all articolo 30, dlga all Rgioni il compito di rgolamntar l applicazion dlla crtificazion nrgtica. Il Dcrto Lgislativo 19 agosto 2005, n. 192, è il dcrto di attuazion dlla dirttiva 2002/91/CE sul rndimnto nrgtico nll dilizia. Com si può lggr all articolo primo, il dcrto stabilisc i critri, l condizioni l modalità pr migliorar l prstazioni nrgtich dgli difici con finalità ch sono: lo sviluppo dll fonti rinnovabili la divrsificazion nrgtica, la limitazion dll missioni inquinanti lo sviluppo tcnologico. Qusto Dcrto, così com ra avvnuto pr la lgg 10/91, contin i principi gnrali l norm transitori, in attsa ch vngano manati i dcrti applicativi, prvisti ntro 120 giorni, ma ad oggi non ancora pubblicati. Sia nll su disposizioni transitori ch in qull dfinitiv, il D.Lgs. 192/2005 avrà validità fintantoché l Rgioni l Provinc autonom non rcpiranno dirttamnt la dirttiva con propri lggi rgionali con rlativi rgolamnti di attuazion. Lo scopo è quindi qullo ch ogni rgion, consapvol dll propri risors nrgtich, di consumi dll particolarità dl clima, attui una normativa mirata d fficac, pur rimanndo in lina con i principi gnrali dlla dirttiva uropa dlla normativa nazional. Sbbn non siano stati ancora manati i dcrti applicativi dl D.Lgs. 192/05, sono prò stat pubblicat sulla G.U. n. 26 dl 1/2/2007, attravrso il D.Lgs. 311/06, alcun disposizioni intgrativ, ch corrggono alcuni rrori lacun rilvati nl corso di più di un anno di applicazion dl dcrto d attuano alcuni indirizzi politici di maggior svrità sul tma nrgtico. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 5

7 Di sguito si riporta uno schma ch riassum il corpus normativo oggi in vigor. L casll con il contorno trattggiato indicano i provvdimnti lgislativi ch non sono ancora stati manati. Figura 1: Schma dl corpus normativo EUROPA Dirttiva uropa 2002/91/CE D.Lgs 192/ /2006 Lgg quadro sull fficinza nrgtica: Lgg 10/91 ITALIA Dcrti dl Prsidnt dlla Rpubblica Lin guida: mtodologi di calcolo rquisiti minimi modalità di crtificazion nrgtica Dcrti di applicazion dlla lgg 10/91: DPR 412/93... REGIONI Lggi dcrti rgionali 6

8 2. Ambiti di intrvnto, gradi di applicazion d sclusioni Gli ambiti di intrvnto considrati all intrno dl D.Lgs. 311/06 sono: A. la progttazion la ralizzazion di difici di nuova costruzion dgli impianti in ssi installati B. la nuova installazion di impianti in difici sistnti C. l opr di ristrutturazion dgli difici dgli impianti sistnti D. l srcizio, il controllo, la manutnzion l ispzion dgli impianti trmici dgli difici E. la crtificazion nrgtica dgli difici. Esistono anch di casi in cui il dcrto non prvd alcun obbligo di applicar misur di miglioramnto dll fficinza nrgtica: immobili ch ricadono nlla disciplina dl codic di bni culturali dl pasaggio (D.Lgs. 22 gnnaio 2004, n. 42), quando il risptto dll prscrizioni implichrbb un altrazion inaccttabil dl carattr o asptto, con particolar rifrimnto ai carattri storici o artistici fabbricati industriali, artigianali agricoli non rsidnziali quando gli ambinti sono riscaldati pr signz dl procsso produttivo oppur utilizzando rflui nrgtici dl procsso produttivo non altrimnti utilizzabili fabbricati isolati con suprfici util total infrior a 50 m 2 impianti installati ai fini dl procsso produttivo ralizzato nll dificio. I gradi di applicazion (articolo 3, comma 2 dl D.Lgs. 192/05, modificato alla lttra c, dal D.Lgs. 311/06) riguardo ai rquisiti minimi prstazionali sono i sgunti: A. applicazion intgral a tutto l dificio ni casi di: a. difici di nuova costruzion b. difici sistnti di suprfici util suprior a 1000 m 2 ni casi di ristrutturazion intgral dll involucro o dmolizion ricostruzion in manutnzion straordinaria B. applicazion intgral, ma rifrita al solo ampliamnto nl caso di: a. ampliamnto di un dificio volumtricamnt suprior al 20% dll intro dificio sistnt C. applicazion limitata al risptto di spcifici paramtri rlativamnt a: a. involucro dilizio: I. ristrutturazion total (suprfici util infrior a 1000 m 2 ) II. ristrutturazion parzial III. manutnzion straordinaria IV. ampliamnto non suprior al 20% dll intro dificio b. impianti trmici: I. nuova installazion II. ristrutturazion c. gnratori di calor: I. sostituzion IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 7

9 3. Rquisiti dl sistma dificio-impianto Il D.Lgs. 311/06, ngli allgati C I, fissa una sri di rquisiti dlla prstazion nrgtica dgli difici.tali rquisisti sono transitori valgono fino all ntrata in vigor di dcrti di cui all articolo 4, comma 1, dl D.Lgs. 192/05; ciò nonostant ssi rapprsntano un important rifrimnto. Gli spcifici rquisiti da vrificar dipndono dall ambito d intrvnto, com mglio prcisato nl capitolo ch sgu. In qusto capitolo si prsnta una classificazion gnral di tutti i rquisiti, indipndntmnt dal loro ffttivo ambito d applicazion. Al capitolo 4 si lnchranno, pr ogni tipo di applicazion, i rquisiti ch dovranno ssr soddisfatti. 3.1 Contnimnto dl fabbisogno annuo di nrgia primaria pr la climatizzazion invrnal L indicator di prstazion nrgtica (dnominato EP i ) è il fabbisogno annuo di nrgia primaria pr il riscaldamnto ambint normalizzato: A. risptto alla suprfici util, intsa com l ara ntta di pavimnto, quindi sprsso in kwh/m 2, nl caso di difici rsidnziali (class E1), sclusi collgi, convnti, cas di pna casrm B. risptto al volum lordo dll dificio, quindi sprsso in kwh/m 3, pr tutt l altr catgori di dificio. Nll allgato C, al punto 1 vngono riportati valori limit di EP i, in funzion di: A. zona climatica (gradi-giorno) B. rapporto di forma dll dificio (S/V) C. data di ntrata in vigor dl limit Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 (prima dll modifich apportata dal D.Lgs. 311/2006) I valori dll indic di prstazion nrgtica EP i pr la climatizzazion invrnal pr difici rsidnziali, in vigor fino al 31/12/07, sono gli stssi già proposti all intrno dl D.Lgs. 192/2005 nll allgato C. Edifici rsidnziali dlla class E1, sclusi collgi, convnti, cas di pna casrm EP i limit. Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.1, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0, , EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.2, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 9,5 9, ,

10 EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.3, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 8,5 8,5 12,8 12,8 21,3 21, ,8 46,8 0, Tutti gli altri difici EP i limit. Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.1, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 2,5 2,5 4,5 4,5 7,5 7, , EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.2, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 2,5 2,5 4,5 4,5 6,5 6,5 1,05 10,5 14,5 14,5 0, EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.3, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0, ,6 3, ,6 9,6 12,7 12,7 0,9 8,2 8,2 12,8 12,8 17,3 17,3 22,5 22, IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 9

11 3.2 Isolamnto trmico di componnti di involucro I valori di trasmittanza-limit, riportati nll allgato C, punti 2, 3, 4, sono sprssi in funzion di: A. tipo di componnt B. zona climatica in cui è ubicato l dificio C. data di ntrata in vigor dl limit Trasmittanza trmica dll struttur opach vrticali Struttur opach vrticali. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 2.1, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,85 0,72 0,62 B 0,64 0,54 0,48 C 0,57 0,46 0,40 D 0,50 0,40 0,36 E 0,46 0,37 0,34 F 0,44 0,35 0,33 Trasmittanza trmica dll struttur opach orizzontali o inclinat Coprtur. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 3.1, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,80 0,42 0,38 B 0,60 0,42 0,38 C 0,55 0,42 0,38 D 0,46 0,35 0,32 E 0,43 0,32 0,30 F 0,41 0,31 0,29 Pavimnti vrso locali non riscaldati o vrso l strno. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 3.2, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,80 0,74 0,65 B 0,60 0,55 0,49 C 0,55 0,49 0,42 D 0,46 0,41 0,36 E 0,43 0,38 0,33 F 0,41 0,36 0,32 10

12 Trasmittanza trmica dll chiusur trasparnti Chiusur trasparnti comprnsiv dgli infissi. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 4.A, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 5,5 5,0 4,6 B 4,0 3,6 3,0 C 3,3 3,0 2,6 D 3,1 2,8 2,4 E 2,8 2,4 2,2 F 2,4 2,2 2,0 Vtri. Valori limit dlla trasmittanza cntral trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 4.B, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 5,0 4,5 3,7 B 4,0 3,4 2,7 C 3,0 2,3 2,1 D 2,6 2,1 1,9 E 2,4 1,9 1,7 F 2,3 1,7 1,3 I valori limit dlla trasmittanza si rifriscono al componnt nll ipotsi ch i ponti trmici siano corrtti (quando la trasmittanza trmica dlla part fittizia, cioè qulla in corrispondnza dl pont trmico, non supra di oltr il 15% la trasmittanza trmica dlla part corrnt).anch nl caso non vnga sguita la corrzion di ponti trmici, i valori limit dvono comunqu ssr rispttati dalla trasmittanza trmica mdia pondrata sull vari suprfici (comprsi i sottofinstra l altr ar a spssor ridotto). Nl caso di struttur orizzontali sul suolo la trasmittanza da confrontar col valor limit fa rifrimnto al sistma struttura-trrno. I valori limit valgono sia pr i componnti ch sparano l ambint riscaldato dall strno, sia pr i componnti confinanti con un vano non riscaldato dll dificio. Quando la vrifica dll isolamnto trmico di componnti d involucro è richista in aggiunta a qulla dll indic di prstazion nrgtica EP i, com vrifica di scondo livllo volta ad vitar uno squilibrio di prstazion tra l dificio l impianto, pr i valori limit di trasmittanza trmica sopra riportati sono ammss maggiorazioni non supriori al 30%. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Vngono diffrnziat l struttur opach orizzontali a sconda ch siano dll coprtur o di pavimnti, cosa ch non avvniva nlla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05. I valori limit di trasmittanza dll struttur opach vrticali, dll struttur opach inclinat (coprtur), dll chiusur trasparnti di vtri in vigor fino al 31/12/2007 sono gli stssi ch all intrno dlla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 rano in vigor dal 1/1/2006 fino al 31/12/2008. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 11

13 3.3 Isolamnto trmico dll partizioni intrn dll involucro di vani non riscaldati Dvono avr un valor di trasmittanza trmica minor o ugual a 0,8 W/(m 2 K), com riportato nll allgato I, comma 7: A. L struttur dilizi (parti vrticali orizzontali) di sparazion tra difici o unità immobiliari B. L struttur opach, vrticali, orizzontali o inclinat, ch dlimitano vrso l ambint strno gli ambinti non dotati di impianto di riscaldamnto Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 La prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 limitava la prscrizion all sol zon climatich E F, facva rifrimnto all sol unità immobiliari a dstinazion d uso rsidnzial ponva il limit solo pr i divisori vrticali. L applicazion prvista dal D.Lgs. 311/06 è più ampia (vdi cap. 4). 3.4 Controllo dlla condnsazion L allgato I, comma 8, prvd la vrifica pr l parti opach: A. dll assnza di condnsazioni suprficiali B. ch l condnsazioni intrstiziali siano limitat alla quantità rivaporabil (vrifica scondo normativa tcnica) Nl caso in cui non sista un sistma di controllo dll umidità rlativa intrna, pr i calcoli ncssari, qusta vrrà assunta pari al 65% alla tmpratura intrna di 20 C. Prsumibilmnt il trmin parti opach si rifrisc sia all parti vrticali ch alla coprtura dll dificio. Sarbb stato comunqu più corrtto utilizzar il trmin chiusur strn opach (conform alla normativa UNI). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 La prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 prvdva l assnza total di condnsazion suprficial intrstizial. 3.5 Controllo solar L allgato I al comma 9, lttra a prvd la valutazion l fficacia di sistmi di schrmatura dll suprfici vtrat. Pr alcun catgori di difici è rsa obbligatoria la prsnza di sistmi schrmanti strni (Allgato I, comma 10) Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 Salvo i casi in cui si richid la prsnza di sistmi schrmanti strni, la prscrizion non è praticamnt mutata risptto a qulla imposta dalla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 ancora una volta mancano indicazioni di tipo quantitativo su quali siano i fattori di ombrggiamnto schrmatura da ottnr. 12

14 3.6 Controllo dll inrzia trmica L allgato I al comma 9, lttra b prvd ch la massa suprficial dll struttur (vrticali, orizzontali o inclinat) sia suprior a 230 kg/m 2, al ntto dgli intonaci. In altrnativa alla ralizzazion di struttur con lvata massa suprficial è possibil far uso di tcnologi matriali innovativi ch prmttano di contnr l oscillazioni dlla tmpratura dgli ambinti in funzion dll andamnto dll irraggiamnto solar. Nl controllo dll inrzia trmica il paramtro più corrtto da utilizzar pr stabilir l quivalnza tra una soluzion tradizional (con M s > 230 kg/m 2 ) d una soluzion innovativa, appar la trasmittanza trmica priodica, pari al prodotto di trasmittanza trmica fattor di attnuazion (rifrito a una sollcitazion armonica con priodo di 24 or). Una soluzion altrnativa consist nl prvdr strati di vntilazion collgati con l ambint strno (part vntilata, ttto vntilato). Com pr l condizioni invrnali, in cui la vrifica dlla trasmittanza trmica è altrnativa a qulla dl fabbisogno nrgtico dll dificio, anch pr l condizioni stiv sarbb stato opportuno prvdr la vrifica dlla trasmittanza trmica priodica com altrnativa ad un approccio prstazional ch prvdss il calcolo dl fabbisogno stivo di nrgia o dlla tmpratura intrna massima. 3.7 Vntilazion natural L allgato I al comma 9, lttra c prvd ch sia favorita la vntilazion natural dll dificio, o qualora non sia fficac, il ricorso ad impianti di vntilazion mccanica. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Nl D.Lgs. 192/05 non ra prvisto qusto punto. Sbbn la vntilazion natural abbia un ruolo fondamntal nl raffrscamnto stivo dgli difici, la prscrizion appar troppo gnrica pr guidar il progttista. 3.8 Efficinza global dll impianto trmico Il rndimnto global mdio stagional dll impianto trmico dv ssr non infrior al valor prscritto all intrno dll allgato C, punto 5: η g,lim = log(p n ) dov log è il logaritmo in bas 10, P n è la potnza nominal dl gnrator sprssa in chilowatt d il valor η g,lim risulta ssr sprsso in prcntual. Pr valori di Pn maggiori di 1000 kw la formula prcdnt non si applica la soglia minima pr il rndimnto global mdio stagional è pari all 84%. Quando la vrifica dll fficinza global dll impianto trmico è richista in aggiunta a qulla dll indic di prstazion nrgtica EP i, com una vrifica di scondo livllo volta ad vitar uno squilibrio di prstazion tra l dificio l impianto, pr il valor limit di rndimnto global mdio stagional sopra riportato sono ammss riduzioni non supriori a 10 punti prcntuali: η g,lim = log(p n ). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Il valor risulta ssr suprior di dici punti prcntuali risptto a qullo riportato nl D.P.R. 412/93. Non si rilvano modifich risptto alla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 13

15 In altrnativa alla vrifica dll fficinza global dll impianto trmico, il D.Lgs. 311/2006 prvd la possibilità di adottar l prscrizioni impiantistich dscritt ni paragrafi 3.9, in du divrs situazioni: A. ngli intrvnti di mra sostituzion dl gnrator di calor; B. in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (ni casi in cui ciò è ammsso, vd. par. 4.1). 3.9 Efficinza dl gnrator di calor Nl D.Lgs. 311/06 si prscrivono i sgunti rquisiti di fficinza dl sistma di produzion: A. Pr i gnratori di calor a combustion a. Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich nlla sostituzion dl gnrator di calor (allgato I, comma 4), il rndimnto trmico util limit al 100% dlla potnza trmica util nominal è posto pari a η 100,LIM = log(p n ); pr valori di P n maggiori di 400 kw si applica il limit massimo corrispondnt a 400 kw (allgato I, comma 4, lttra a) b. qualora pr garantir la sicurzza non foss possibil rispttar l condizioni dl punto prcdnt, il rndimnto trmico util limit dl gnrator di calor è rifrito al carico parzial dl 30% dlla potnza trmica util nominal d è pari a: η 30,LIM = log(p n ) (allgato I, comma 5, lttra a) c. ni casi in cui la vrifica dl rndimnto nominal sia ffttuata in sostituzion di qulla dll indic di prstazion nrgtica EPi (allgato I, comma 6), il rndimnto trmico util limit al 100% dlla potnza trmica util nominal è diffrnziato in bas alla zona climatica (allgato I, comma 6, lttra a) I. pr l zon climatich A, B, C val: η 100,LIM = log(p n ) II. pr l zon climatich D, E, F val: η 100,LIM = log(p n ) B. Pr l pomp di calor a. il rndimnto util limit in condizioni nominali, rifrito all nrgia primaria (allgato I, comma 6, lttra d comma 9, lttra b) è pari a: η u,lim = log(p n ); il fattor di convrsion tra nrgia lttrica d nrgia primaria è pari a 0,36 Wh lttr /Wh n.primaria. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Pr la prima volta vin posto un limit infrior al rndimnto dll pomp di calor Limitazion dlla tmpratura dl fluido trmovttor Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (allgato I, comma 6), la tmpratura mdia dl fluido trmovttor in condizioni di progtto non può ssr suprior a 60 C (allgato I, comma 6, lttra b) Carattristich dl sistma di trmorgolazion Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich nlla sostituzion dl gnrator di calor, la cntralina dv soddisfar i sgunti rquisiti (allgato I, comma 4, lttra c): 14

16 A. nl caso di impianti cntralizzati: a. pilotata da sond di rilvamnto dlla tmpratura intrna b. supportata vntualmnt da analoga cntralina pr la tmpratura strna c. dotata di programmator ch consnta la rgolazion dlla tmpratura ambint su du livlli di tmpratura nll arco dll 24 or B. nl caso di impianti autonomi: a. dotata di programmator ch consnta la rgolazion dlla tmpratura ambint su du livlli di tmpratura nll arco dll 24 or Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (allgato I, comma 6), si richidono: A. una cntralina di trmorgolazion programmabil prsnt in ogni unità immobiliar o pr ogni gnrator di calor; B. dispositivi modulanti pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia trmica L impianto di produzion di nrgia trmica dv ssr progttato ralizzato in modo tal da coprir almno il 50% dl fabbisogno annuo di nrgia primaria richista pr la produzion di acqua calda sanitaria con l utilizzo di fonti rinnovabili di nrgia. Tal limit è ridotto al 20% pr gli difici situati ni cntri storici (allgato I, comma 12). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 In rlazion alla produzion di nrgia trmica da fonti rinnovabili, la prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 facva rifrimnto solo all obbligo di prdisposizion pr una possibil futura intgrazion di impianti solari trmici, prvdndo la coprtura dll dificio atta alla posa di pannlli, i vani tcnici dstinati all alloggiamnto di srbatoi di accumulo d i cavdi pr i collgamnti idraulici. Il trmin font rinnovabil, introdotto dal D.Lgs. 311/06 rnd possibil anch il ricorso, ad smpio, all biomass Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia lttrica È obbligatoria l installazion di impianti solari fotovoltaici pr la produzion di nrgia lttrica (allgato I, comma 13). Non vngono dfinit l spcifich tcnich dgli impianti da installar, sbbn nlla Lgg Finanziaria 2007 sia prvista una potnza minima di 0,2 kw p pr ogni unità abitativa. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 In rlazion alla produzion di nrgia lttrica da fonti rinnovabili, la prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 facva rifrimnto solo all obbligo di prdisposizion pr una possibil futura intgrazion di moduli fotovoltaici Prdisposizioni pr il collgamnto a rti di tlriscaldamnto È obbligatoria la prdisposizion dll opr riguardanti l involucro dll dificio gli impianti, ncssari a favorir il collgamnto a rti di tlriscaldamnto, nl caso di prsnza di tratt di rt ad una distanza infrior a 1000 m, ovvro in prsnza di progtti approvati nll ambito di opportuni strumnti pianificatori (allgato I, comma 14). IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 15

17 4. Schma dgli admpimnti 4.1 Nuova costruzion o ristrutturazion intgral di difici con suprfici util suprior a 1000 m 2 REQUISITI DA SODDISFARE Contnimnto dl fabbisogno annuo di nrgia primaria pr la climatizzazion invrnal NOTE Il fabbisogno di nrgia primaria pr il riscaldamnto normalizzato risptto alla suprfici util (nl caso dl rsidnzial) o risptto al volum (nl caso dll altr dstinazioni d uso) dv ssr infrior al valor limit riportato nll allgato C, punto 1 Efficinza global dll impianto trmico Isolamnto trmico di componnti di involucro Il rndimnto global mdio stagional dll impianto trmico dv ssr maggior o ugual dl valor limit riportato nll allgato C, punto 5, diminuito di dici punti prcntuali. I componnti di involucro dvono avr una trasmittanza ch non supri di oltr il 30% i valori fissati nll allgato C, punti 2, 3, 4 oppur, solo nl caso in cui il rapporto tra la suprfici trasparnt complssiva dll dificio la sua suprfici util sia infrior a 0,18: Isolamnto trmico di componnti di involucro I componnti di involucro oggtto di ristrutturazion o manutnzion dvono anch ssr coibntati così da rispttar i valori limit di trasmittanza prvisti nll allgato C, punti 2, 3, 4 Efficinza dl gnrator di calor Il rndimnto trmico util dl gnrator di calor al 100% dlla potnza trmica util nominal, o il rndimnto util in condizioni nominali dlla pompa di calor lttrica dvono ssr maggiori o uguali dl valor limit fissato nll allgato I, comma 6, lttr a, d. Limitazion dlla tmpratura dl fluido trmovttor La tmpratura dl fluido trmovttor in condizioni di progtto non può ssr suprior al valor limit prvisto nll allgato I, comma 6, lttra b. Carattristich dl sistma di trmorgolazion 16

18 DESCRIZIONE EP i EP i,lim η g η g,lim 10 = 65+3 log(p n ) U 1,3 U LIM U U LIM Nl caso di gnrator di calor a combustion: - pr l zon climatich A, B, C: η 100 η 100,lim =90+2 log(p n ); - pr l zon climatich D, E, F: η 100 η 100,lim =93+2 log(p n ) Nl caso di pomp di calor lttrich: η u η u,lim =90+3 log(p n ) T fluido 60 C Prsnza di una cntralina di trmorgolazion programmabil in ogni unità immobiliar di dispositivi modulanti pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 17

19 Inoltr, in ogni caso, dvono ssr soddisfatt l sgunti vrifich: REQUISITI DA SODDISFARE NOTE Isolamnto trmico dll partizioni intrn dll involucro di vani non riscaldati Valido pr zon climatich C, D, E, F: A. divisori orizzontali o vrticali tra divrs unità immobiliari; B. struttur opach ch dlimitano vrso l strno gli ambinti non riscaldati Esclusion dlla catgoria E8 Controllo dlla condnsazion Esclusion dlla catgoria E8 Esclusion dll catgori E6 E8 Controllo solar Comma 10 allgato I sclusion dll catgori E6 E8 anch collgi, convnti, cas di pna, casrm, immobili con suprfici util fino a m 2 Controllo dll inrzia trmica Valido pr: A. tutt l catgori di difici sclus E6 E8 B. tutt l zon climatich sclusa la F; C. l località in cui il valor mdio mnsil dll irradianza solar sul piano orizzontal, nl ms di massima insolazion stiva, sia maggior o ugual a 290 W/m 2. Vntilazion natural Carattristich dl sistma di trmorgolazion Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia trmica Utilizzo di impianti fotovoltaici pr la produzion di nrgia lttrica Prdisposizioni pr il collgamnto a rti di tlriscaldamnto Esclusion dll catgori E6 E8 Carattristich dl sistma riportat nll allgato I, comma 4, lttra c. Applicato ni casi di nuova costruzion o ristrutturazion di difici pubblici o privati Applicato ni casi di nuova costruzion di difici pubblici o privati o di ristrutturazion intgral Ni casi di nuova costruzion o ristrutturazion di difici: qualora la rt di tlriscaldamnto sia ad una distanza infrior a 1000 m, o sia prvista dagli strumnti di pianificazion. 18

20 DESCRIZIONE U 0,8 W/(m 2 K) La condnsazion suprficial dv ssr assnt nll parti opach, qulla intrna è ammssa alla sola quantità rivaporabil Vrifica dll fficacia di sistmi schrmanti Obbligo di adottar schrmatur strn Vrifica ch la massa suprficial sia maggior di 230 kg/m 2 o utilizzo di matriali innovativi ch contngano l oscillazioni di tmpratura all intrno dgli ambinti Favorir la vntilazion natural dll dificio Installazion di dispositivi pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon Coprtura dl 50% (20% ni cntri storici) dl fabbisogno di nrgia primaria pr la produzion di acqua calda L prscrizioni minim l carattristich tcnich costruttiv saranno dfinit ni dcrti applicativi dl D.Lgs. 192/05 Prdisposizion dll opr riguardanti l involucro dll dificio gli impianti IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 19

21 4.2 Ristrutturazion parzial o manutnzion straordinaria dll involucro di difici o ristrutturazion intgral di difici con suprfici util non suprior a 1000 m 2 REQUISITI DA SODDISFARE NOTE DESCRIZIONE Isolamnto trmico di componnti di involucro Controllo dlla condnsazion suprficial intrstizial Inoltr, solo nll ristrutturazioni totali: Controllo solar Controllo dll inrzia trmica Vntilazion natural I componnti di involucro oggtto di ristrutturazion o manutnzion dvono anch ssr coibntati così da rispttar i valori limit di trasmittanza prvisti nll allgato C, punti 2, 3, 4 Esclusion dlla catgoria E8 Esclusion dll catgori E6 E8 Comma 10 allgato I sclusion dll catgori E6 E8 anch collgi, convnti, cas di pna, casrm, immobili con suprfici util fino a m 2 Valido pr: D. tutt l catgori di difici sclus E6 E8 E. tutt l zon climatich sclusa la F; F. l località in cui il valor mdio mnsil dll irradianza solar sul piano orizzontal, nl ms di massima insolazion stiva, sia maggior o ugual a 290 W/m 2. Esclusion dll catgori E6 E8 U U LIM La condnsazion suprficial dv ssr assnt nll parti opach, qulla intrstizial è ammssa alla sola quantità rivaporabil. Vrifica dll fficacia di sistmi schrmanti. Obbligo di adottar schrmatur strn Vrifica ch la massa suprficial sia maggior di 230 kg/m 2 o utilizzo di matriali innovativi ch contngano l oscillazioni di tmpratura all intrno dgli ambinti. Favorir la vntilazion natural dll dificio. 20

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo Corso: Crtificatori Enrgtici dgli difici La crtificazion nrgtica in accordo con l procdur dlla rgion Lombardia Corso in fas di accrditamnto CENED Sriat (BG) maggio/giugno 2015 Corso organizzato da: In

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

MODULO 01 TERMODINAMICA

MODULO 01 TERMODINAMICA Programmazion di Impianti Trmici Class V TS A.S. 2011-2012 Insgnant: ing. Cardamon Antonio MODULO 01 TERMODINAMICA Prsntazion: con il modulo in oggtto, l allivo è nll condizioni di svolgr calcoli rlativi

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE CATASTO (*) Utilizza suprfici catastal (si COMPRAVENDITA DI IMMOBILI RESIDENZIALI UNIFAMILIARI NORMA UNI 10750 (**) Utilizza suprfici convnzional vndibil (si MERCATO DI MODENA (***) (si R/2 A/7 Abitazioni

Dettagli

Stato del parco edilizio

Stato del parco edilizio PREMESSA Il Parco immobiliar nazional Pr far front in modo organico sistmatico ai compiti assgnati dal DLgs 115/08 s.m.i. in tma di fficinza dgli usi finali dll'nrgia i srvizi nrgtici, l Unità Tcnica Efficinza

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Associazion Grn Building Council Italia Vrsion 2013.01.30 L informazioni riguardo all Associazion Grn Building Council Italia, nl sguito indicata anch com GBC-ITALIA, sono rpribili sul sito intrnt www.gbcitalia.org.

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA

ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA Dscrizion dll dificio L immobil è situato nl Parco di Monza, insrito ni giardini rali, ara vrd ch ospita ssnz particolari pr l quali è risrvata particolar

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

Riuscire a conservare l esistente con un restauro a regola d arte,

Riuscire a conservare l esistente con un restauro a regola d arte, san giovanni lupatoto - vrona Fra passato innovazion Riuscir a consrvar l sistnt con un rstauro a rgola d art, unndo sttica modrn tcnologi costruttiv pr il risparmio nrgtico, è la sfida affrontata dai

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017.

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017. COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 800100280 Tl. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comun.vigonza.pd.it I AREA AMMINISTRATIVA SETTORE SOCIALE Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica. Arturo Lorenzoni e Marco Cattarinussi

Risparmio ed efficienza energetica. Arturo Lorenzoni e Marco Cattarinussi Risparmio d fficinza nrgtica Arturo Lornzoni Marco Cattarinussi L prssioni drivanti dall aumnto di przzi di combustibili fossili dall minacc sul clima consgunt all accumulo di anidrid carbonica in atmosfra

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO Comun di Frossasco Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE,

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO Critri di sicurzza nlla zioni vtrari Safty critria for glazing tions ORGANO COMPETENTE Vtro CO-AUTORE SOMMARIO La norma si ai vtri pr dilizia d a qualsiasi altro

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

Modello UNICO MENSA Comuni di Val della Torre e Caselette agg-to 29.05.2015

Modello UNICO MENSA Comuni di Val della Torre e Caselette agg-to 29.05.2015 COMUNE di VAL DELLA TORRE COMUNE di CASELETTE Ufficio Srvizi Scolastici Associati pr il srvizio di rfzion scolastica la riscossion informatizzata dll rtt rfzion, trasporto scuolabus d assistnza mnsa Piazza

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA Dscrizion dll dificio dll ar di prtinnza Il complsso è costituito da un dificio adibito a bar al piano trra ad abitazion al piano 1^ com indicato

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica]

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica] MODELPAK MD 400 [Prsiana intramnt mtallica] MODELPAK MD 400 Lamll disponibili in 1000 tonalità PRESTAZIONI Protzion Protzion solar Protzion contro l intmpri Protzion dagli intrusi Isolamnto acustico Comfort

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro 1 Task Forc dlgh al trritorio Scondo incontro Roma 03 novmbr 2008 2 Immobili acquisti Esignz rilvat Strumnti gstionali Stratgia intrvnto Attività di gruppi lavoro trritoriali Prossimi Ambiti Analisi: S&S

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA Anno scolastico 2015/ Allgato al Piano dll Offrta Formativa Dlibra dl Consiglio di Istituto n.4 dl 14/10/2015 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE rsin 103 UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE % VERGINE Dalmin rsin UNI EN 12666 U Ø2 S16 PE SN 2 Dalminrs PEbd DN 40 PN 6 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE % VERGINE 103 UNI

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 06.06.2008 N. 624

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 06.06.2008 N. 624 Anno XXXIX - N. 7 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Part II.07.008 - pag. 3778 Nazional l attività, intrss Protzion l Ambint, Rgion, in matria nonché l art. incidnti 11 ltt. rilvanti; j), affida

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri Verdi

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri Verdi SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Critri Vr 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion Srvizio Intgrato Enrgia prvd l affidamnto all Assuntor, dl Srvizio Enrgia, ovvro tutt l attività gstion, conduzion manutnzion

Dettagli

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brscia AREA DEMOGRAFICA, COMMERCIO, SPORTIVA E INFORMATICA DETERMINAZIONE N. 350 R.G. DEL 16-12-11 N. 41 Rg. Int. UFFICI COMUNALI, BIBLIOTECA COMUNALE, SCUOLA STATALE

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO.

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. STRUTTURA Fondazioni, muratur primtrali contro trra, scal, pilastri travi in cmnto armato; soltt dgli appartamnti

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO PROGETTO ENERGIA

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO PROGETTO ENERGIA PROGETTO ENERGIA La riduzion dll missioni di CO 2 passa attravrso: Efficinza nrgtica Mobilità sostnibil Comunicazion formazion Nuovo quadro normativo La riduzion dll missioni di CO 2 passa attravrso: Efficinza

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Detrazione fiscale e risparmio energetico

Detrazione fiscale e risparmio energetico Consumatori in cifr Dtrazion fiscal risparmio nrgtico Giampaolo Valntini I risultati L dtrazioni fiscali dl 55%, 1 in vigor dal gnnaio 2007, hanno costituito il più gnroso sistma di incntivi mai msso in

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un Skycntr www.skycntr.it L IMPIANO SA IN FIBRA OICA Lo sviluppo inarrstabil dlla Fibra Ottica La soluzion oggi più avanzata pr ralizzar un impianto sat condominial è qulla ch utilizza la fibra ottica. I

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114.

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114. LR(15) 1_00.doc Pag: 1 L.R. Campania N. 1 dl 7-01-2000 Dirttiv Rgionali in Matria di Distribuzion Commrcial. Norm di Attuazion dl Dcrto Lgislativo 31 Marzo 1998, N. 114. in B.U.R.C. n. 2 dl 10-1-2.002

Dettagli

MARTEDI 26 NOVEMBRE ORE 18.00

MARTEDI 26 NOVEMBRE ORE 18.00 MARTDI 26 NOVMBR OR 18.00 COM SI LGG UNA BOLLTTA? VUOI CALCOLAR LA CLASS NRGTICA DLLA TUA ABITAZIO N? RLATORI: ING. ING. DAVID FRA CCARO PROF. ZIO DA VILLA ARCH. IGOR PANCIRA IL TRIST PRIMATO A QUAL STTOR

Dettagli

Informativa periodica in materia di finanziamento pubblico agevolato e ordinario

Informativa periodica in materia di finanziamento pubblico agevolato e ordinario Informativa priodica in matria di finanziamnto pubblico agvolato ordinario Marzo 2010 - n 3/2010 CSI-Pimont, Corso Union Sovitica 216 - Torino www.csipimont.it Prmssa L politich Provinciali, Rgionali,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017 Programma trinnal pr la trasparnza l'intgrità 2015-2017 Sommario Art. 1 - Introduzion...pag. 2 Art. 2 - Accsso Civico..pag. 4 Art. 3 - Garanzia di pubblicazion..pag. 4 Art. 4 - Organizzazion dll Ent.pag.

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

archè progetticontemporanei architetto Massimo Nave tel. 0254102240 fax 0236566421 stdio@archeprogetti.eu REALIZZAZIONI SIGNIFICATIVE DELLO STUDIO

archè progetticontemporanei architetto Massimo Nave tel. 0254102240 fax 0236566421 stdio@archeprogetti.eu REALIZZAZIONI SIGNIFICATIVE DELLO STUDIO REALIZZAZIONI SIGNIFICATIVE DELLO STUDIO Opr Civili: 1995 - progttazion scutiva struttural un ficio rsidnzial in Milano 1996 - progttazion scutiva un autorimssa sottrrana in Milano 1995-96 progttazion

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence Rgolamnto pr la crtificazion di Sistmi di Gstion /o Prodotto Intgrati scondo lo schma Food Expo Excllnc In vigor dal 04/03/2014 Agroqualità S.p.A. Vial Csar Pavs, 305-00144 Roma - Italia Tl. +39 06 54228675

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA: L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I PRINCIPI 1. L Azinda Ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon 1.1 Dnominazion, natura giuridica, sdi pag. 5 1.2 Logo azindal pag. 6 1.3 Mission pag. 6 1.4

Dettagli