IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI"

Transcript

1 IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/ D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

2

3

4 PRESENTAZIONE AUTORI: Vincnzo Corrado, inggnr civil, profssor associato di Fisica tcnica ambintal prsso il Politcnico di Torino, già vic-prsidnt dll Ordin dgli Inggnri dlla provincia di Torino, è il rfrnt italiano pr il CTI (Comitato Trmotcnico Italiano) pr il CEN (Comité Europén d Normalisation) dlla normativa tcnica sul tma Isolamnto trmico dgli difici mtodi di calcolo dll prstazioni nrgtich, è mmbro dl gruppo di lavoro ministrial incaricato dlla rdazion di rgolamnti nazionali pr l applicazion dl Dcrto Lgislativo 192/05, svolg attività di ricrca consulnza scintifica ni sttori dlla trmofisica dll dificio, dll nrgtica dilizia dl controllo dll ambint intrno, è autor di oltr 80 pubblicazioni scintifich in ambito nazional d intrnazional. Matto Srraino, inggnr dil, dottorando in nrgtica prsso il Politcnico ditorino, svolg attività di ricrca sul tma dlla valutazion di carichi trmici di consumi nrgtici di sistmi dificio-impianto, è mmbro dl gruppo di ricrca incaricato dlla rdazion di rgolamnti dlla Rgion Pimont pr l applicazion dl Dcrto Lgislativo 192/05.

5 INDICE IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 1. L disposizioni di lgg Ambiti di intrvnto, gradi di applicazion d sclusioni Rquisiti dl sistma dificio-impianto Schma dgli admpimnti Crtificazion nrgtica dgli difici L attstato di qualificazion nrgtica Soggtti coinvolti, obblighi sanzioni Analisi critica di Dcrti Lgislativi 192/ /

6 1. L disposizioni di lgg 1.1 La Dirttiva 2002/91/CE La Dirttiva 2002/91/CE dl Parlamnto dl Consiglio Europo sul rndimnto nrgtico nll dilizia introduc importanti novità nll ambito dl risparmio di nrgia ngli difici con moltplici finalità, ad smpio la tutla dll ambint, la riduzion dll missioni inquinanti, l indipndnza da fonti nrgtich provninti da pasi divrsi. Entrando più in dttaglio la dirttiva dispon: A. l adozion di un quadro gnral una mtodologia pr il calcolo dl rndimnto nrgtico intgrato dgli difici (art. 3) B. l applicazion di rquisiti minimi in matria di prstazioni nrgtich dgli difici (art. 4) a. di nuova costruzion (art. 5) b. sistnti di grand mtratura sottoposti a ristrutturazion (art. 6) C. la crtificazion nrgtica dgli difici (art. 7) D. l ispzion priodica di caldai d impianti di condizionamnto d aria ngli difici, nonché una prizia dgli impianti trmici (art. 8 9) Ad ogni stato uropo si chid di rcpir qusta dirttiva all intrno di norm a carattr nazional, in modo tal da garantir una maggior snsibilità all spcificità dl clima di ciascun pas rndr così oprativa la dirttiva. 1.2 La situazion italiana In Italia, la norma fondamntal sull uso razional dll nrgia è stata finora la lgg dl 9 gnnaio 1991 n. 10, cui hanno fatto sguito solo alcuni tra i vari dcrti di attuazion prvisti.tra qusti val la pna di mnzionar il D.P.R. 26/08/1993 n. 412, parzialmnt modificato dal D.P.R. 21/12/1999 n. 551, ch disciplina la progttazion, l'installazion, l'srcizio la manutnzion dgli impianti trmici dgli difici. Bisogna attndr il 31 marzo dl 1998 quando vin manato il Dcrto Lgislativo n. 112 ch, all articolo 30, dlga all Rgioni il compito di rgolamntar l applicazion dlla crtificazion nrgtica. Il Dcrto Lgislativo 19 agosto 2005, n. 192, è il dcrto di attuazion dlla dirttiva 2002/91/CE sul rndimnto nrgtico nll dilizia. Com si può lggr all articolo primo, il dcrto stabilisc i critri, l condizioni l modalità pr migliorar l prstazioni nrgtich dgli difici con finalità ch sono: lo sviluppo dll fonti rinnovabili la divrsificazion nrgtica, la limitazion dll missioni inquinanti lo sviluppo tcnologico. Qusto Dcrto, così com ra avvnuto pr la lgg 10/91, contin i principi gnrali l norm transitori, in attsa ch vngano manati i dcrti applicativi, prvisti ntro 120 giorni, ma ad oggi non ancora pubblicati. Sia nll su disposizioni transitori ch in qull dfinitiv, il D.Lgs. 192/2005 avrà validità fintantoché l Rgioni l Provinc autonom non rcpiranno dirttamnt la dirttiva con propri lggi rgionali con rlativi rgolamnti di attuazion. Lo scopo è quindi qullo ch ogni rgion, consapvol dll propri risors nrgtich, di consumi dll particolarità dl clima, attui una normativa mirata d fficac, pur rimanndo in lina con i principi gnrali dlla dirttiva uropa dlla normativa nazional. Sbbn non siano stati ancora manati i dcrti applicativi dl D.Lgs. 192/05, sono prò stat pubblicat sulla G.U. n. 26 dl 1/2/2007, attravrso il D.Lgs. 311/06, alcun disposizioni intgrativ, ch corrggono alcuni rrori lacun rilvati nl corso di più di un anno di applicazion dl dcrto d attuano alcuni indirizzi politici di maggior svrità sul tma nrgtico. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 5

7 Di sguito si riporta uno schma ch riassum il corpus normativo oggi in vigor. L casll con il contorno trattggiato indicano i provvdimnti lgislativi ch non sono ancora stati manati. Figura 1: Schma dl corpus normativo EUROPA Dirttiva uropa 2002/91/CE D.Lgs 192/ /2006 Lgg quadro sull fficinza nrgtica: Lgg 10/91 ITALIA Dcrti dl Prsidnt dlla Rpubblica Lin guida: mtodologi di calcolo rquisiti minimi modalità di crtificazion nrgtica Dcrti di applicazion dlla lgg 10/91: DPR 412/93... REGIONI Lggi dcrti rgionali 6

8 2. Ambiti di intrvnto, gradi di applicazion d sclusioni Gli ambiti di intrvnto considrati all intrno dl D.Lgs. 311/06 sono: A. la progttazion la ralizzazion di difici di nuova costruzion dgli impianti in ssi installati B. la nuova installazion di impianti in difici sistnti C. l opr di ristrutturazion dgli difici dgli impianti sistnti D. l srcizio, il controllo, la manutnzion l ispzion dgli impianti trmici dgli difici E. la crtificazion nrgtica dgli difici. Esistono anch di casi in cui il dcrto non prvd alcun obbligo di applicar misur di miglioramnto dll fficinza nrgtica: immobili ch ricadono nlla disciplina dl codic di bni culturali dl pasaggio (D.Lgs. 22 gnnaio 2004, n. 42), quando il risptto dll prscrizioni implichrbb un altrazion inaccttabil dl carattr o asptto, con particolar rifrimnto ai carattri storici o artistici fabbricati industriali, artigianali agricoli non rsidnziali quando gli ambinti sono riscaldati pr signz dl procsso produttivo oppur utilizzando rflui nrgtici dl procsso produttivo non altrimnti utilizzabili fabbricati isolati con suprfici util total infrior a 50 m 2 impianti installati ai fini dl procsso produttivo ralizzato nll dificio. I gradi di applicazion (articolo 3, comma 2 dl D.Lgs. 192/05, modificato alla lttra c, dal D.Lgs. 311/06) riguardo ai rquisiti minimi prstazionali sono i sgunti: A. applicazion intgral a tutto l dificio ni casi di: a. difici di nuova costruzion b. difici sistnti di suprfici util suprior a 1000 m 2 ni casi di ristrutturazion intgral dll involucro o dmolizion ricostruzion in manutnzion straordinaria B. applicazion intgral, ma rifrita al solo ampliamnto nl caso di: a. ampliamnto di un dificio volumtricamnt suprior al 20% dll intro dificio sistnt C. applicazion limitata al risptto di spcifici paramtri rlativamnt a: a. involucro dilizio: I. ristrutturazion total (suprfici util infrior a 1000 m 2 ) II. ristrutturazion parzial III. manutnzion straordinaria IV. ampliamnto non suprior al 20% dll intro dificio b. impianti trmici: I. nuova installazion II. ristrutturazion c. gnratori di calor: I. sostituzion IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 7

9 3. Rquisiti dl sistma dificio-impianto Il D.Lgs. 311/06, ngli allgati C I, fissa una sri di rquisiti dlla prstazion nrgtica dgli difici.tali rquisisti sono transitori valgono fino all ntrata in vigor di dcrti di cui all articolo 4, comma 1, dl D.Lgs. 192/05; ciò nonostant ssi rapprsntano un important rifrimnto. Gli spcifici rquisiti da vrificar dipndono dall ambito d intrvnto, com mglio prcisato nl capitolo ch sgu. In qusto capitolo si prsnta una classificazion gnral di tutti i rquisiti, indipndntmnt dal loro ffttivo ambito d applicazion. Al capitolo 4 si lnchranno, pr ogni tipo di applicazion, i rquisiti ch dovranno ssr soddisfatti. 3.1 Contnimnto dl fabbisogno annuo di nrgia primaria pr la climatizzazion invrnal L indicator di prstazion nrgtica (dnominato EP i ) è il fabbisogno annuo di nrgia primaria pr il riscaldamnto ambint normalizzato: A. risptto alla suprfici util, intsa com l ara ntta di pavimnto, quindi sprsso in kwh/m 2, nl caso di difici rsidnziali (class E1), sclusi collgi, convnti, cas di pna casrm B. risptto al volum lordo dll dificio, quindi sprsso in kwh/m 3, pr tutt l altr catgori di dificio. Nll allgato C, al punto 1 vngono riportati valori limit di EP i, in funzion di: A. zona climatica (gradi-giorno) B. rapporto di forma dll dificio (S/V) C. data di ntrata in vigor dl limit Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 (prima dll modifich apportata dal D.Lgs. 311/2006) I valori dll indic di prstazion nrgtica EP i pr la climatizzazion invrnal pr difici rsidnziali, in vigor fino al 31/12/07, sono gli stssi già proposti all intrno dl D.Lgs. 192/2005 nll allgato C. Edifici rsidnziali dlla class E1, sclusi collgi, convnti, cas di pna casrm EP i limit. Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.1, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0, , EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.2, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 9,5 9, ,

10 EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m² anno (Tablla 1.3, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 8,5 8,5 12,8 12,8 21,3 21, ,8 46,8 0, Tutti gli altri difici EP i limit. Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.1, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 2,5 2,5 4,5 4,5 7,5 7, , EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.2, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0,2 2,5 2,5 4,5 4,5 6,5 6,5 1,05 10,5 14,5 14,5 0, EP i limit dal 1 gnnaio Valori limit pr la climatizzazion invrnal sprssi in kwh/m 3 anno (Tablla 2.3, allgato C) Zona climatica S/V A B C D E F <600 GG 601 GG 900 GG 901 GG 1400 GG 1401 GG 2100 GG 2101 GG 3000 GG >3000 0, ,6 3, ,6 9,6 12,7 12,7 0,9 8,2 8,2 12,8 12,8 17,3 17,3 22,5 22, IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 9

11 3.2 Isolamnto trmico di componnti di involucro I valori di trasmittanza-limit, riportati nll allgato C, punti 2, 3, 4, sono sprssi in funzion di: A. tipo di componnt B. zona climatica in cui è ubicato l dificio C. data di ntrata in vigor dl limit Trasmittanza trmica dll struttur opach vrticali Struttur opach vrticali. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 2.1, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,85 0,72 0,62 B 0,64 0,54 0,48 C 0,57 0,46 0,40 D 0,50 0,40 0,36 E 0,46 0,37 0,34 F 0,44 0,35 0,33 Trasmittanza trmica dll struttur opach orizzontali o inclinat Coprtur. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 3.1, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,80 0,42 0,38 B 0,60 0,42 0,38 C 0,55 0,42 0,38 D 0,46 0,35 0,32 E 0,43 0,32 0,30 F 0,41 0,31 0,29 Pavimnti vrso locali non riscaldati o vrso l strno. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 3.2, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 0,80 0,74 0,65 B 0,60 0,55 0,49 C 0,55 0,49 0,42 D 0,46 0,41 0,36 E 0,43 0,38 0,33 F 0,41 0,36 0,32 10

12 Trasmittanza trmica dll chiusur trasparnti Chiusur trasparnti comprnsiv dgli infissi. Valori limit dlla trasmittanza trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 4.A, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 5,5 5,0 4,6 B 4,0 3,6 3,0 C 3,3 3,0 2,6 D 3,1 2,8 2,4 E 2,8 2,4 2,2 F 2,4 2,2 2,0 Vtri. Valori limit dlla trasmittanza cntral trmica U sprssa in W/m 2 K (Tablla 4.B, allgato C) Zona climatica Dall 1 gnnaio 2006 Dall 1 gnnaio 2008 Dall 1 gnnaio 2010 U(W/m 2 K) U (W/m 2 K) U (W/m 2 K) A 5,0 4,5 3,7 B 4,0 3,4 2,7 C 3,0 2,3 2,1 D 2,6 2,1 1,9 E 2,4 1,9 1,7 F 2,3 1,7 1,3 I valori limit dlla trasmittanza si rifriscono al componnt nll ipotsi ch i ponti trmici siano corrtti (quando la trasmittanza trmica dlla part fittizia, cioè qulla in corrispondnza dl pont trmico, non supra di oltr il 15% la trasmittanza trmica dlla part corrnt).anch nl caso non vnga sguita la corrzion di ponti trmici, i valori limit dvono comunqu ssr rispttati dalla trasmittanza trmica mdia pondrata sull vari suprfici (comprsi i sottofinstra l altr ar a spssor ridotto). Nl caso di struttur orizzontali sul suolo la trasmittanza da confrontar col valor limit fa rifrimnto al sistma struttura-trrno. I valori limit valgono sia pr i componnti ch sparano l ambint riscaldato dall strno, sia pr i componnti confinanti con un vano non riscaldato dll dificio. Quando la vrifica dll isolamnto trmico di componnti d involucro è richista in aggiunta a qulla dll indic di prstazion nrgtica EP i, com vrifica di scondo livllo volta ad vitar uno squilibrio di prstazion tra l dificio l impianto, pr i valori limit di trasmittanza trmica sopra riportati sono ammss maggiorazioni non supriori al 30%. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Vngono diffrnziat l struttur opach orizzontali a sconda ch siano dll coprtur o di pavimnti, cosa ch non avvniva nlla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05. I valori limit di trasmittanza dll struttur opach vrticali, dll struttur opach inclinat (coprtur), dll chiusur trasparnti di vtri in vigor fino al 31/12/2007 sono gli stssi ch all intrno dlla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 rano in vigor dal 1/1/2006 fino al 31/12/2008. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 11

13 3.3 Isolamnto trmico dll partizioni intrn dll involucro di vani non riscaldati Dvono avr un valor di trasmittanza trmica minor o ugual a 0,8 W/(m 2 K), com riportato nll allgato I, comma 7: A. L struttur dilizi (parti vrticali orizzontali) di sparazion tra difici o unità immobiliari B. L struttur opach, vrticali, orizzontali o inclinat, ch dlimitano vrso l ambint strno gli ambinti non dotati di impianto di riscaldamnto Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 La prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 limitava la prscrizion all sol zon climatich E F, facva rifrimnto all sol unità immobiliari a dstinazion d uso rsidnzial ponva il limit solo pr i divisori vrticali. L applicazion prvista dal D.Lgs. 311/06 è più ampia (vdi cap. 4). 3.4 Controllo dlla condnsazion L allgato I, comma 8, prvd la vrifica pr l parti opach: A. dll assnza di condnsazioni suprficiali B. ch l condnsazioni intrstiziali siano limitat alla quantità rivaporabil (vrifica scondo normativa tcnica) Nl caso in cui non sista un sistma di controllo dll umidità rlativa intrna, pr i calcoli ncssari, qusta vrrà assunta pari al 65% alla tmpratura intrna di 20 C. Prsumibilmnt il trmin parti opach si rifrisc sia all parti vrticali ch alla coprtura dll dificio. Sarbb stato comunqu più corrtto utilizzar il trmin chiusur strn opach (conform alla normativa UNI). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 La prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 prvdva l assnza total di condnsazion suprficial intrstizial. 3.5 Controllo solar L allgato I al comma 9, lttra a prvd la valutazion l fficacia di sistmi di schrmatura dll suprfici vtrat. Pr alcun catgori di difici è rsa obbligatoria la prsnza di sistmi schrmanti strni (Allgato I, comma 10) Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs 192/2005 Salvo i casi in cui si richid la prsnza di sistmi schrmanti strni, la prscrizion non è praticamnt mutata risptto a qulla imposta dalla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 ancora una volta mancano indicazioni di tipo quantitativo su quali siano i fattori di ombrggiamnto schrmatura da ottnr. 12

14 3.6 Controllo dll inrzia trmica L allgato I al comma 9, lttra b prvd ch la massa suprficial dll struttur (vrticali, orizzontali o inclinat) sia suprior a 230 kg/m 2, al ntto dgli intonaci. In altrnativa alla ralizzazion di struttur con lvata massa suprficial è possibil far uso di tcnologi matriali innovativi ch prmttano di contnr l oscillazioni dlla tmpratura dgli ambinti in funzion dll andamnto dll irraggiamnto solar. Nl controllo dll inrzia trmica il paramtro più corrtto da utilizzar pr stabilir l quivalnza tra una soluzion tradizional (con M s > 230 kg/m 2 ) d una soluzion innovativa, appar la trasmittanza trmica priodica, pari al prodotto di trasmittanza trmica fattor di attnuazion (rifrito a una sollcitazion armonica con priodo di 24 or). Una soluzion altrnativa consist nl prvdr strati di vntilazion collgati con l ambint strno (part vntilata, ttto vntilato). Com pr l condizioni invrnali, in cui la vrifica dlla trasmittanza trmica è altrnativa a qulla dl fabbisogno nrgtico dll dificio, anch pr l condizioni stiv sarbb stato opportuno prvdr la vrifica dlla trasmittanza trmica priodica com altrnativa ad un approccio prstazional ch prvdss il calcolo dl fabbisogno stivo di nrgia o dlla tmpratura intrna massima. 3.7 Vntilazion natural L allgato I al comma 9, lttra c prvd ch sia favorita la vntilazion natural dll dificio, o qualora non sia fficac, il ricorso ad impianti di vntilazion mccanica. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Nl D.Lgs. 192/05 non ra prvisto qusto punto. Sbbn la vntilazion natural abbia un ruolo fondamntal nl raffrscamnto stivo dgli difici, la prscrizion appar troppo gnrica pr guidar il progttista. 3.8 Efficinza global dll impianto trmico Il rndimnto global mdio stagional dll impianto trmico dv ssr non infrior al valor prscritto all intrno dll allgato C, punto 5: η g,lim = log(p n ) dov log è il logaritmo in bas 10, P n è la potnza nominal dl gnrator sprssa in chilowatt d il valor η g,lim risulta ssr sprsso in prcntual. Pr valori di Pn maggiori di 1000 kw la formula prcdnt non si applica la soglia minima pr il rndimnto global mdio stagional è pari all 84%. Quando la vrifica dll fficinza global dll impianto trmico è richista in aggiunta a qulla dll indic di prstazion nrgtica EP i, com una vrifica di scondo livllo volta ad vitar uno squilibrio di prstazion tra l dificio l impianto, pr il valor limit di rndimnto global mdio stagional sopra riportato sono ammss riduzioni non supriori a 10 punti prcntuali: η g,lim = log(p n ). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Il valor risulta ssr suprior di dici punti prcntuali risptto a qullo riportato nl D.P.R. 412/93. Non si rilvano modifich risptto alla prima vrsion dl D.Lgs. 192/05. IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 13

15 In altrnativa alla vrifica dll fficinza global dll impianto trmico, il D.Lgs. 311/2006 prvd la possibilità di adottar l prscrizioni impiantistich dscritt ni paragrafi 3.9, in du divrs situazioni: A. ngli intrvnti di mra sostituzion dl gnrator di calor; B. in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (ni casi in cui ciò è ammsso, vd. par. 4.1). 3.9 Efficinza dl gnrator di calor Nl D.Lgs. 311/06 si prscrivono i sgunti rquisiti di fficinza dl sistma di produzion: A. Pr i gnratori di calor a combustion a. Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich nlla sostituzion dl gnrator di calor (allgato I, comma 4), il rndimnto trmico util limit al 100% dlla potnza trmica util nominal è posto pari a η 100,LIM = log(p n ); pr valori di P n maggiori di 400 kw si applica il limit massimo corrispondnt a 400 kw (allgato I, comma 4, lttra a) b. qualora pr garantir la sicurzza non foss possibil rispttar l condizioni dl punto prcdnt, il rndimnto trmico util limit dl gnrator di calor è rifrito al carico parzial dl 30% dlla potnza trmica util nominal d è pari a: η 30,LIM = log(p n ) (allgato I, comma 5, lttra a) c. ni casi in cui la vrifica dl rndimnto nominal sia ffttuata in sostituzion di qulla dll indic di prstazion nrgtica EPi (allgato I, comma 6), il rndimnto trmico util limit al 100% dlla potnza trmica util nominal è diffrnziato in bas alla zona climatica (allgato I, comma 6, lttra a) I. pr l zon climatich A, B, C val: η 100,LIM = log(p n ) II. pr l zon climatich D, E, F val: η 100,LIM = log(p n ) B. Pr l pomp di calor a. il rndimnto util limit in condizioni nominali, rifrito all nrgia primaria (allgato I, comma 6, lttra d comma 9, lttra b) è pari a: η u,lim = log(p n ); il fattor di convrsion tra nrgia lttrica d nrgia primaria è pari a 0,36 Wh lttr /Wh n.primaria. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 Pr la prima volta vin posto un limit infrior al rndimnto dll pomp di calor Limitazion dlla tmpratura dl fluido trmovttor Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (allgato I, comma 6), la tmpratura mdia dl fluido trmovttor in condizioni di progtto non può ssr suprior a 60 C (allgato I, comma 6, lttra b) Carattristich dl sistma di trmorgolazion Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich nlla sostituzion dl gnrator di calor, la cntralina dv soddisfar i sgunti rquisiti (allgato I, comma 4, lttra c): 14

16 A. nl caso di impianti cntralizzati: a. pilotata da sond di rilvamnto dlla tmpratura intrna b. supportata vntualmnt da analoga cntralina pr la tmpratura strna c. dotata di programmator ch consnta la rgolazion dlla tmpratura ambint su du livlli di tmpratura nll arco dll 24 or B. nl caso di impianti autonomi: a. dotata di programmator ch consnta la rgolazion dlla tmpratura ambint su du livlli di tmpratura nll arco dll 24 or Ni casi in cui si adottano prscrizioni impiantistich in sostituzion dlla vrifica dll indic di prstazion nrgtica EP i (allgato I, comma 6), si richidono: A. una cntralina di trmorgolazion programmabil prsnt in ogni unità immobiliar o pr ogni gnrator di calor; B. dispositivi modulanti pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia trmica L impianto di produzion di nrgia trmica dv ssr progttato ralizzato in modo tal da coprir almno il 50% dl fabbisogno annuo di nrgia primaria richista pr la produzion di acqua calda sanitaria con l utilizzo di fonti rinnovabili di nrgia. Tal limit è ridotto al 20% pr gli difici situati ni cntri storici (allgato I, comma 12). Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 In rlazion alla produzion di nrgia trmica da fonti rinnovabili, la prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 facva rifrimnto solo all obbligo di prdisposizion pr una possibil futura intgrazion di impianti solari trmici, prvdndo la coprtura dll dificio atta alla posa di pannlli, i vani tcnici dstinati all alloggiamnto di srbatoi di accumulo d i cavdi pr i collgamnti idraulici. Il trmin font rinnovabil, introdotto dal D.Lgs. 311/06 rnd possibil anch il ricorso, ad smpio, all biomass Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia lttrica È obbligatoria l installazion di impianti solari fotovoltaici pr la produzion di nrgia lttrica (allgato I, comma 13). Non vngono dfinit l spcifich tcnich dgli impianti da installar, sbbn nlla Lgg Finanziaria 2007 sia prvista una potnza minima di 0,2 kw p pr ogni unità abitativa. Confronto con la prima vrsion dl D.Lgs. 192/2005 In rlazion alla produzion di nrgia lttrica da fonti rinnovabili, la prima vrsion dl D.Lgs. 192/05 facva rifrimnto solo all obbligo di prdisposizion pr una possibil futura intgrazion di moduli fotovoltaici Prdisposizioni pr il collgamnto a rti di tlriscaldamnto È obbligatoria la prdisposizion dll opr riguardanti l involucro dll dificio gli impianti, ncssari a favorir il collgamnto a rti di tlriscaldamnto, nl caso di prsnza di tratt di rt ad una distanza infrior a 1000 m, ovvro in prsnza di progtti approvati nll ambito di opportuni strumnti pianificatori (allgato I, comma 14). IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 15

17 4. Schma dgli admpimnti 4.1 Nuova costruzion o ristrutturazion intgral di difici con suprfici util suprior a 1000 m 2 REQUISITI DA SODDISFARE Contnimnto dl fabbisogno annuo di nrgia primaria pr la climatizzazion invrnal NOTE Il fabbisogno di nrgia primaria pr il riscaldamnto normalizzato risptto alla suprfici util (nl caso dl rsidnzial) o risptto al volum (nl caso dll altr dstinazioni d uso) dv ssr infrior al valor limit riportato nll allgato C, punto 1 Efficinza global dll impianto trmico Isolamnto trmico di componnti di involucro Il rndimnto global mdio stagional dll impianto trmico dv ssr maggior o ugual dl valor limit riportato nll allgato C, punto 5, diminuito di dici punti prcntuali. I componnti di involucro dvono avr una trasmittanza ch non supri di oltr il 30% i valori fissati nll allgato C, punti 2, 3, 4 oppur, solo nl caso in cui il rapporto tra la suprfici trasparnt complssiva dll dificio la sua suprfici util sia infrior a 0,18: Isolamnto trmico di componnti di involucro I componnti di involucro oggtto di ristrutturazion o manutnzion dvono anch ssr coibntati così da rispttar i valori limit di trasmittanza prvisti nll allgato C, punti 2, 3, 4 Efficinza dl gnrator di calor Il rndimnto trmico util dl gnrator di calor al 100% dlla potnza trmica util nominal, o il rndimnto util in condizioni nominali dlla pompa di calor lttrica dvono ssr maggiori o uguali dl valor limit fissato nll allgato I, comma 6, lttr a, d. Limitazion dlla tmpratura dl fluido trmovttor La tmpratura dl fluido trmovttor in condizioni di progtto non può ssr suprior al valor limit prvisto nll allgato I, comma 6, lttra b. Carattristich dl sistma di trmorgolazion 16

18 DESCRIZIONE EP i EP i,lim η g η g,lim 10 = 65+3 log(p n ) U 1,3 U LIM U U LIM Nl caso di gnrator di calor a combustion: - pr l zon climatich A, B, C: η 100 η 100,lim =90+2 log(p n ); - pr l zon climatich D, E, F: η 100 η 100,lim =93+2 log(p n ) Nl caso di pomp di calor lttrich: η u η u,lim =90+3 log(p n ) T fluido 60 C Prsnza di una cntralina di trmorgolazion programmabil in ogni unità immobiliar di dispositivi modulanti pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 17

19 Inoltr, in ogni caso, dvono ssr soddisfatt l sgunti vrifich: REQUISITI DA SODDISFARE NOTE Isolamnto trmico dll partizioni intrn dll involucro di vani non riscaldati Valido pr zon climatich C, D, E, F: A. divisori orizzontali o vrticali tra divrs unità immobiliari; B. struttur opach ch dlimitano vrso l strno gli ambinti non riscaldati Esclusion dlla catgoria E8 Controllo dlla condnsazion Esclusion dlla catgoria E8 Esclusion dll catgori E6 E8 Controllo solar Comma 10 allgato I sclusion dll catgori E6 E8 anch collgi, convnti, cas di pna, casrm, immobili con suprfici util fino a m 2 Controllo dll inrzia trmica Valido pr: A. tutt l catgori di difici sclus E6 E8 B. tutt l zon climatich sclusa la F; C. l località in cui il valor mdio mnsil dll irradianza solar sul piano orizzontal, nl ms di massima insolazion stiva, sia maggior o ugual a 290 W/m 2. Vntilazion natural Carattristich dl sistma di trmorgolazion Utilizzo di fonti rinnovabili pr la produzion di nrgia trmica Utilizzo di impianti fotovoltaici pr la produzion di nrgia lttrica Prdisposizioni pr il collgamnto a rti di tlriscaldamnto Esclusion dll catgori E6 E8 Carattristich dl sistma riportat nll allgato I, comma 4, lttra c. Applicato ni casi di nuova costruzion o ristrutturazion di difici pubblici o privati Applicato ni casi di nuova costruzion di difici pubblici o privati o di ristrutturazion intgral Ni casi di nuova costruzion o ristrutturazion di difici: qualora la rt di tlriscaldamnto sia ad una distanza infrior a 1000 m, o sia prvista dagli strumnti di pianificazion. 18

20 DESCRIZIONE U 0,8 W/(m 2 K) La condnsazion suprficial dv ssr assnt nll parti opach, qulla intrna è ammssa alla sola quantità rivaporabil Vrifica dll fficacia di sistmi schrmanti Obbligo di adottar schrmatur strn Vrifica ch la massa suprficial sia maggior di 230 kg/m 2 o utilizzo di matriali innovativi ch contngano l oscillazioni di tmpratura all intrno dgli ambinti Favorir la vntilazion natural dll dificio Installazion di dispositivi pr la rgolazion automatica dlla tmpratura ni singoli locali/zon Coprtura dl 50% (20% ni cntri storici) dl fabbisogno di nrgia primaria pr la produzion di acqua calda L prscrizioni minim l carattristich tcnich costruttiv saranno dfinit ni dcrti applicativi dl D.Lgs. 192/05 Prdisposizion dll opr riguardanti l involucro dll dificio gli impianti IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO 19

21 4.2 Ristrutturazion parzial o manutnzion straordinaria dll involucro di difici o ristrutturazion intgral di difici con suprfici util non suprior a 1000 m 2 REQUISITI DA SODDISFARE NOTE DESCRIZIONE Isolamnto trmico di componnti di involucro Controllo dlla condnsazion suprficial intrstizial Inoltr, solo nll ristrutturazioni totali: Controllo solar Controllo dll inrzia trmica Vntilazion natural I componnti di involucro oggtto di ristrutturazion o manutnzion dvono anch ssr coibntati così da rispttar i valori limit di trasmittanza prvisti nll allgato C, punti 2, 3, 4 Esclusion dlla catgoria E8 Esclusion dll catgori E6 E8 Comma 10 allgato I sclusion dll catgori E6 E8 anch collgi, convnti, cas di pna, casrm, immobili con suprfici util fino a m 2 Valido pr: D. tutt l catgori di difici sclus E6 E8 E. tutt l zon climatich sclusa la F; F. l località in cui il valor mdio mnsil dll irradianza solar sul piano orizzontal, nl ms di massima insolazion stiva, sia maggior o ugual a 290 W/m 2. Esclusion dll catgori E6 E8 U U LIM La condnsazion suprficial dv ssr assnt nll parti opach, qulla intrstizial è ammssa alla sola quantità rivaporabil. Vrifica dll fficacia di sistmi schrmanti. Obbligo di adottar schrmatur strn Vrifica ch la massa suprficial sia maggior di 230 kg/m 2 o utilizzo di matriali innovativi ch contngano l oscillazioni di tmpratura all intrno dgli ambinti. Favorir la vntilazion natural dll dificio. 20

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli