Addio vecchio Portello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Addio vecchio Portello"

Transcript

1 Addio vecchio Portello Un altro pezzo di storia dell auto sta andando in frantumi, seppellito sotto un cumulo di macerie assieme a prototipi, motori sperimentali, macchinari e progetti di ogni tipo. Tutti demoliti, tutti persi per sempre. In esclusiva le immagini del vecchio stabilimento Alfa Romeo scattate prima della demolizione. Per non dimenticare... Novembre 2001 Centro stile, officina riparazioni, sala prove e Servizio clienti sono già in briciole. Il resto cadrà nei prossimi mesi, demolito da un gigantesco e spettacolare becco d acciaio semovente che riduce a pezzettini interi palazzi con una velocità impressionante. Finisce così, miseramente e nell indifferenza generale di amministratori ed Enti culturali, il Portello, lo storico stabilimento Alfa Romeo, simbolo della grandezza industriale di Milano ed emblema della storia automobilistica italiana. Al suo posto sorgeranno un ipermercato e un paio di grattacieli. Vuole così il progresso... e il business. Termine dei lavori: 4 dicembre Il destino del Portello era comunque segnato, sin dal 1986, quando l ultimo dipendente aveva lasciato la vecchia sede di via Traiano per trasferirsi nella nuova sede di Arese, abbandonato anche dalla Fiat che aveva ceduto il terreno al Comune di Milano. Era l'epoca della Milano da bere e i politici avevano disegnato un futuro grandioso per quei 18 mila metri quadrati di terreno a ridosso della Fiera di Milano: il Portello avrebbe dovuto lasciare il posto a grattacieli, abitazioni residenziali, centri commerciali, alberghi e un centro congressi da migliaia di posti. Le proteste degli abitanti della zona prima e Mani pulite poi rovineranno i piani per anni. Fino ad oggi. L'unica parentesi di gloria la ebbe nel 1995, quando il Portello servì da set per le riprese del film Nirvana, di Gabriele Salvatores.

2 Il paragone con Torino tuttavia sorge spontaneo: perché il Lingotto sì e il Portello no? Perché lo storico stabilimento Fiat è stato ristrutturato e rilanciato come fulcro dell attività culturale cittadina, con alberghi, centro esposizioni, centro congressi e ristoranti di lusso (oltre che come rinnovata sede della Direzione Fiat) mentre il Portello è stato lasciato morire senza averne nemmeno tentato un risanamento? Business is business, certo, ma con i simboli storici come la mettiamo? Troppo tardi comunque per metterla sul patetico: gran parte del Portello non c è già più e il resto cadrà a giorni. Restano i ricordi, e le immagini di questo servizio, le uniche probabilmente che testimoniano quanto è stato distrutto. Ci siamo introdotti all interno del Portello prima che iniziasse la demolizione e quello che vediamo nelle foto seguenti è un documento per certi aspetti eccezionale (non esiste niente di simile nemmeno negli archivi Alfa Romeo). Nei capannoni era custodito un piccolo tesoro, che avrebbe fatto bella figura in un qualsiasi museo dell auto: prototipi interi di auto mai costruite, sale prova ancora intatte, con macchinari d epoca e motori sperimentali ancora montati sui banchi, disegni e campioni di tessuto per gli interni, parti meccaniche in fase di sperimentazione. Tutto abbandonato alla rinfusa come se il personale si fosse dato improvvisamente alla fuga.

3 La parte che in questo momento è oggetto di "disinfestazione e demolizione" è la più recente del complesso industriale nato nel Il nome deriva dalla zona in cui era sorto lo stabilimento, a nord della città, sulla strada per Gallarate: il Portello era "La migliore zona di Milano" come evidenziava in una pubblicità dell epoca l Isotta Fraschini, un altro famoso marchio che aveva sede poco lontano dall Alfa. Situata a ridosso del centro, la zona del Portello era strategica per l industria dell auto, dislocata tra quartieri residenziali, quartieri operai e grandi vie di comunicazione, ed era stata scelta come sede da altri famosi marchi, tra cui la Citroën (ancora oggi occupa la stessa area) che vi aveva costruito la propria filiale italiana, la Fiat per la sua filiale milanese, la Carrozzeria Touring, la Zagato, la Carrozzeria Sala e altre piccole realtà ormai scomparse. Non è un caso, infatti, se ancora oggi in quest area che va da Corso Sempione a via Gallarate, abbiano sede le filiali e le concessionarie di quasi tutti i marchi automobilistici presenti in Italia; una concentrazione forse unica al mondo. Ci ha accompagnato in questo viaggio nel tempo,per ricordare meglio, uno dei protagonisti dell Alfa Romeo del dopoguerra: l ingegner Filippo Surace, Pino per gli amici, entrato giovanissimo nel reparto "Sperimentazione motori a benzina" (era il 1956) e poi cresciuto fino a diventare il responsabile tecnico di tutta l Alfa. I suoi commenti accompagnano le foto e offrono uno spaccato aziendale gustoso e inedito. Comunque prezioso.

4 Una vista dall'alto dello stabilimento del Portello. La parte di sinistra dello stabilimento è stata demolita negli Anni 80. In primo piano le strutture della filiale milanese, con l'andamento semicircolare della costruzione, che segue la forma della piazza. E' una foto degli Anni 60, con il verde che ancora domina sulla piazza e sulla sinistra del Portello. Sullo sfondo, la zona sud-ovest della città.

5 "La filiale commerciale di piazzale Accursio. Sulla sinistra, in alto, si può notare un gabbione Mi ricorda l ing. Satta, un grande tecnico ma anche una persona molto spiritosa. All'epoca aveva un collega della Produzione con il quale litigava sempre e un giorno mi disse: "ho capito a cosa serve quella cosa lì: è la gogna per mettere dentro Vigo...".

6 Alcuni capannoni adibiti a magazzino. In fondo si vede la rampa che portava al Centro Stile; lì dietro c era il reparto Esperienze.

7 "Questo è il lato che dava su Via Renato Serra; qui c era un sottopassaggio per le auto che collegava noi con la Produzione, lo stabilimento era infatti diviso in due dalla circonvallazione di Milano. La Produzione è stata la prima ad essere demolita, una decina di anni fa. Parte di quell'area è stata utilizzata per l'allargamento della Fiera, mentre la restante è ancora un enorme sterrato".

8 Iniziano i lavori di demolizione. La prima parte a cadere sotto i "morsi" della demolitrice è il Centro Stile e l'officina clienti di Via Achille Papa 19.

9 Il Portello in avanzato stato di demolizione, all'inizio di novembre.

10 In primo piano un prototipo dell Alfa Sud, uno dei tanti costruiti prima della 33. Sullo sfondo si nota un altro studio di vettura compatta in cui sono evidenti alcune soluzioni stilistiche che si ritroveranno più tardi sulla 145 del 1994.

11

12 "Una 164. All'epoca erano stati fatti numerosi esperimenti. Per il cofano avevamo pensato a diverse soluzioni prima di scegliere; questa potrebbe essere stata, ma non sono sicuro, la vettura che avevamo preparato all interno del Centro Stile, in alternativa alla 164 di Pinifarina, che verrà poi scelta per la produzione".

13 "Questa è una delle tante evoluzioni che avevamo fatto della 2 volumi. Una vettura compatta, vi si possono riconoscere tratti della 145. Era comunque un evoluzione dell Alfa Sud. Una giardinetta della 33, per esempio, era stata disegnata da Pininfarina e l aveva realizzata il Carli, cognato di Pininfarina, che mi propose una vettura con la quale mi rovesciai a Balocco, sicuramente uno dei prototipi che vediamo nella foto. L avevano sviluppata loro, era molto bella. Avevano fatto un lavoro interessante; l idea era stata del Carli e noi l avevamo accettata con entusiasmo perché, tra l altro, c era da spendere molto poco".

14 "Un altro prototipo della 164: ha il naso tipico che è stato proposto per la prima volta da Pininfarina e che poi è stato adottato nelle vetture successive".

15 Ancora la maquette in legno ricoperta di lamiera della evoluzione della 33.

16 Il prototipo di una coda e di un cofano motore abbandonati nel Salone del Centro Stile. Sono due studi per la 33, come si può notare dalle luci posteriori disposte orizzontalmente lungo tutto il cofano del bagagliaio, come poi vedremo sulla 33 di serie.

17 Ancora il centro Stile, dove in angolo sono ammassati numerosi prototipi di sedili. Poco vicino si trovavano disegni di cruscotti, di calandre, fari, strumenti oltre che campioni di tessuto per gli interni.

18 "Una sala prove dove si testavano i cambi. Si può notare il sistema di insonorizzazione, una protezione che ci sognavamo quando ho iniziato io: all epoca si lavorava in condizioni bestiali. Al massimo ci davano da bere il latte. Quando arrivai c erano le sale prove del reparto Esperienze Speciali dove provavano il 12 cilindri contrapposto da 500 cv (che finì in niente); altre due sale erano dedicate ai motori diesel, su cui si sperimentava il vecchio 12 litri 6 cilindri del camion Alfa Romeo. Ce n'erano altre quattro dove io ero il re, il padrone, e tutte destinate alla Sperimentazione dei motori a benzina. E lì che ho imparato il mestiere, dai vari capi motoristi".

19 Un altra sala prove relativamente recente. Sul banco c è un sei cilindri. Si tratta di un vecchissimo 6 cilindri nella versione carburatori. Sarà del 76. Sembra una vecchia sala prove del reparto Ricerca. Il motore invece rappresenta l ultimo dramma vissuto in Alfa: mettere insieme 6 carburatori con sei farfalle; si può immaginare quali difficoltà abbia comportato ".

20 "Una delle vecchie sale prove della mia giovinezza. Riconosco il lavandino dove si mettevano a rinfrescare le bottiglie di latte. Ci davano il latte per compensare la tossicità del piombo presente nella benzina. Era una norma igienica adottata per tutti i motoristi. La sala prove aveva un sistema di raffredamento del motore che noi non usavamo spesso perché non era indicativo del comportamento sulla vettura. Preferivamo immergere il radiatore in acqua, mentre questo che vediamo è addirittura senza radiatore. Questo tipo di prove si facevano con i motori che si sperimentavano per la prima volta. Dopo si utilizzava sempre con il radiatore immerso in acqua in modo da riprodurre le reali condizioni di impiego".

21 Uno dei tanti reparti del Portello. Secondo quanto afferma Duccio Bigazzi, autore di uno splendido libro dedicato all'alfa Romeo ("Il Portello" ed. Franco Angeli), "...l'utilizzo di strutture portenti in ferro che permettevano un'ottima flessibilità degli spazi interni, la separazione dei reparti attuata per mezzo di grandi vetrate e il ricorso alla copertura a shed ponevano effettivamente lo stabilimento del Portello in linea con le soluzioni più avanzate dell'epoca".

22 "Questa parte è la più vecchia, quella che dava verso il viale che porta alle autostrade. Qui c era il dott. Ravasi, che faceva sperimentazioni su ammortizzatori e scocche. L ing. Garcea era stato il primo a ideare una prova di fatica per le ruote che poi è stata copiata da tutti. Era un test importante, perché se con l acciaio si possono superare anche 1 o 2 milioni di cicli senza problemi, con le leghe leggere questo non si verifica, hanno una loro vita, sono destinate a rompersi".

23 "Era la parte della Produzione, con le cosiddette "tapparelle". All epoca c erano due scuole di pensiero: le tapparelle e le bilancelle. Queste ultime venivano usate a Pomigliano d Arco, le tapparelle al nord. Con le bilancelle le vetture venivano appese ad un bilancino che le spostava, invece le tapparelle erano in terra e le auto venivano trasportate su un carrelino. Ognuno dei due sistemi aveva i suoi problemi, tanto è vero che oggi non si usa né uno né l altro. Oggi si privilegia molto la comodità dell operatore: se c è da montare il tubo di scarico, la vettura ruota e l'operaio non si muove. Inoltre l ambiente è molto illuminato rispetto al passato. Le bilancelle avevano il vantaggio che erano a livello delle mani, mentre le tapparelle avevano il problema opposto".

24 "Un'officina del reparte Esperienze. In una di queste avvenne un piccolo giallo: sul Corriere della Sera comparve una fotografia della segretissima Alfetta, ripresa sul ponte levatoio del nostro reparto. Ci furono feroci polemiche interne e si pensò che a scattare la foto fosse stato un operaio, di quelli che venivano al lavoro la "schiscetta", il contenitore in alluminio che gli operai utilizzavano per portarsi il pranzo da casa, che consumavano in reparto. Venne poi licenziato. Io però presi una copia del Corriere e feci un analisi di prospettiva. Arrivai alla conclusione che la fotografia fu scattata dall esterno del reparto, dalla griglia di una finestra. Mi accorsi che la griglia era stata allargata e lì ricordo di aver fatto un segno con il gesso bianco, che forse c era ancora. Sono passati 30 anni. L operaio fu poi reintegrato".

25 La sala "macchine" dello stabilimento, con il quadro comandi che teneva sotto controllo e distribuiva l'elettricità in tutti i reparti.

26 La bella architettura "moderna" di uno dei saloni espositivi della filiale commerciale di Milano.

27 La scritta parla chiaro...

28 Manometri del reparto Esperienze. Niente di quanto è riportato nelle immagini di questo servizio è stato salvato...

29

30 "Campioni di parti meccaniche della concorrenza. Abbiamo cominciato a studiarli sistematicamente dal 1976, quando abbiamo introdotto l analisi della concorrenza. Questa sezione dipendeva dal settore Veicolo, dove si impostavano i nuovi modelli. Il settore Veicolo coordinava il settore Sviluppo e Meccanica, il settore Carrozzeria, Abbigliamento, Ricerca e Stile. L analisi della concorrenza era fatta molto bene, avevamo molto spazio a disposizione, e c erano tutti questi pannelli nei quali venivano esposti particolari appartenenti ad altre Case. La concorrenza veniva analizzata in maniera puntuale, dettagliatissima, facevamo un lavoro enorme. Quando avevamo qualche problema si andava su questi pannelli per cercare eventuali soluzioni. Cercavamo di imparare anche dagli altri".

31 Il reparto Carrozzeria e Carpenteria dedicato alla messa a punto delle carrozzerie della 6C 2500 Freccia d'oro nel 1947

32 La catena di montaggio della 1900 nel Si noti il sistema di lavorazione a "tapparelle", con le auto trasportate da un carrello su binario.

33 Il reparto Verniciatura della Giulietta berlina nel 1954.

34 Filippo Surace: la mia Alfa Un ambiente vivace, a volte litigioso, ma geniale e appassionato: è l'alfa Romeo che emerge dai ricordi di Filippo Surace, 73 anni, tra i protagonisti della storia del Biscione. Uno spaccato aziendale insolito, ricco di nomi e di aneddoti che ripercorre la vita all'interno del Portello dal 1956 fino al trasferimento dell'alfa nel nuovo stabilimento di Arese. Novembre 2001 Racconti della sua prima volta in Alfa. Sono entrato all inizio del 1956, subito dopo la laurea, come sperimentatore nel campo dei motori a benzina. Stava per uscire la Giulietta Spider di Farina, la prima, e io iniziavo la mia attività in quello che allora si chiamava Servizio Esperienze Principale. C'era anche un Servizio Esperienze Speciale. Io ero nel Principale, dove si lavorava sulle vetture di serie. Il Servizio Speciale invece raccoglieva ciò che era rimasto delle corse. Lì ho conosciuto molti colleghi che sarebbero diventati poi dei grandi amici, tra cui Bizzarrini col quale litigavo spesso; anzi, era lui che litigava con me... Molti poi finirono alla Ferrari. Dopo due anni avevo fatto la messa punto del motore della 1.9 Super, che poi era stato portato a 2000.

35 Dov'era il suo ufficio? Al piano terreno, all'angolo tra Via Traiano e Via Renato Serra, un officina e niente di più. Quando passo con l'autobus vedo ancora la colonna dove c'era la mia scrivania. Sopra di noi invece c era la progettazione. Dopo due anni costruirono il Centro Ricerche con a capo l ing. Garcea, il mio maestro, al quale ero legato da un rapporto straordinario. Iniziammo noi due, poi vennero tanti altri ingegneri neo assunti, molti dei quali fecero una bella carriera. Facevamo della ricerca, quasi esclusivamente teorica. Fummo tra i primi infatti a utilizzare i computer per uso scientifico. L Alfa Romeo era molto avanzata dal punto di vista tecnologico, ma faceva uso dei calcolatori solo in campo amministrativo. Sto parlando dei primi Anni 60. Allora dicevamo che l Alfa Romeo progrediva la domenica, l unico giorno in cui potevamo lavorare in santa pace sui calcolatori dell amministrazione. Nel 1968 invece riuscimmo ad averne uno tutto per noi, di quelli con le schede perforate

36 Fino a quando è stato alla Ricerca? Divenni direttore della ricerca nel 1966, incarico che mantenni fino al 1976, quando fui nominato Direttore tecnico dell Alfa Romeo. In quei dieci anni ci impegnammo in vari studi e depositammo un sacco di brevetti; per esempio i freni a tamburo, i freni a tre ceppi, i freni bikini, che erano quelli a doppia suola. Tutte cose che poi furono utilizzate anche nelle gare. Si fecero studi sui sincronizzatori; ricordo che volli fare il confronto teorico tra sincronizzatori Porsche e sincronizzatori tradizionali (l Alfa Romeo all epoca montava sincronizzatori della Casa tedesca) e mi recai da loro per mettere a punto questi congegni. Cos altro ancora? Svolgemmo studi anche nel campo della sovralimentazione. L Alfa Romeo aveva una tradizione in questo settore, ma all epoca non erano ancora disponibili i materiali resistenti all alta temperatura, arrivarono molto più tardi. Per un motore a benzina il problema della sovralimentazione è abbastanza angosciante, per via delle temperature che sono sempre molto elevate. Eravamo ancora al Portello, sarà stato tra il 1965 e il A quel tempo non c era la possibilità di costruire delle turbine a gas di scarico, non erano disponibili. Allora realizzammo una turbina idraulica: una pompa trascinata da un motore a pistoni che a bassa pressione, 80 bar, comandava una turbina idraulica la quale, a sua volta, faceva girare un compressorino a giri. Si diede il tutto in mano all ingegner Chiti che lo portò a giri. E poi urlava perché si rompeva Lo applicammo sulla GTA e vincemmo parecchie corse.

37 Eravate un gruppo di litigiosi Sì, ma in senso positivo, eravamo tutti dei grandi amici. Si fecero altre ricerche nel campo delle vibrazioni. Noi eravamo un po i pompieri della situazione: ci lasciavano in pace a fare i nostri conti ma poi quando erano in difficoltà ci chiamavano per intervenire. L Alfetta, per esempio, ritardò di un anno la sua uscita per problemi grossissimi di vibrazione provocati dal cambio: sistemare il cambio posteriormente è stata una sfida che hanno perso in tanti, la Porsche, la Lancia, la GM. Ci fu un lavoro di ricerca enorme per capire quale fosse il problema, fra l altro noi avevamo anche la frizione dietro e questo creava un sistema risonante preoccupante; la Porsche non riuscì a risolverlo e riportò la frizione avanti. Anche la Ferrari si trovò in difficoltà: aveva problemi grossi sui sincronizzatori, poi, però, in qualche maniera se la cavarono anche loro. Insomma, spaziavate in ogni campo Sì, abbiamo fatto anche molte ricerche sulla termodinamica, sull iniezione e su quello che poi è diventato famoso in tutto il mondo, il variatore di fase; oggi ce l hanno tutti, ma il primo è stato dell Alfa Romeo. Lo progettò l ingegner Garcea e poi io lo sviluppai a livello teorico. Tant è vero che nel, 76 quando presi la responsabilità di tutta la direzione tecnica, fui costretto ad andare negli Stati Uniti perché avevamo bucato in maniera clamorosa le prove di omologazione. Ci recammo con un certo senso di vergogna e invece fummo accolti come dei vincitori: ammiravano il fatto che l Alfa Romeo, che loro consideravano una piccola azienda, aveva trovato soluzioni straordinarie per mantenere le caratteristiche sportive sulle proprie vetture.

38 Quali sono le auto più importanti su cui ha lavorato? Per esempio, la vecchia Giulietta in tutte le varie versioni, comprese quelle sportive, come la Disco Volante; quando sono arrivato io il 2.5 non c era più, c era il 1.9 che dopo è diventato il 2.0 Super. Poi venne la Giulia, che fu l evoluzione della Giulietta, una macchina che aveva tanti pregi e tanti difetti. Poi ci furono le varie evoluzioni: ci fu l insuccesso di quel sei cilindri in linea, un progetto nato male, secondo me anche senza convinzione, per via della tassa sui motori sei cilindri. E infatti fu poi montato il 4 cilindri e la vettura fu depontenziata. Facemmo una serie di pasticci e i risultati non furono positivi. Venne realizzato il coupè, che era molto bello, ma non ebbe successo. Venne dato alla Polizia, e venne fatto un errore colossale perché la Polizia aveva bisogno di tutto tranne che di un coupè. Era molto bello ma non fu curato. Ci sono dei modelli che non so perché ma non sono amati e muoiono. La Giulia che aveva una scocca estremamente leggera, era una vettura completamente saldata, era costrita per avere la massima rigidezza, poi i tempi cambiarono. L ultima fu l Alfertta: uscì nel Noi eravamo ancora al Portello, ma poi la produzione fu spostata nel nuovo stabilimento di Arese.

39 Altre vetture che contribuì a lanciare? Quando io divenni Direttore Tecnico dovetti completare progetti che erano già stati avviati da altri - per costruire una nuova macchina ci volevano quattro anni. Portai in porto la nuova Giulietta, che mi diede tanti problemi, e il 6 cilindri dell Alfasud. Poi, sotto la mia giurisdizione, facendo anche degli errori, fu prodotta la nuova 33, la 90, poi le varie versioni del Gtd, del 6 cilindri, infine la 164. Dopo la 164, ho lasciato l Alfa Romeo. In quel periodo sviluppammo i motori a V stretto, a doppia accensione, perché sapevamo che ridurre il numero delle valvole avrebbe migliorato la combustione. A quel tempo avevamo prodotto una grossa sperimentazione sul 3 valvole, sul 4 valvole, sul 2 valvole a V stretto. In particolare il 3 valvole ci sembrava la soluzione più adatta, ma l azienda era già in crisi, quindi facevamo il meno possibile; abbiamo rifatto soltanto la testa a V stretto doppia accensione, che è andata bene.

40 Ha partecipato anche alla progettazione dell ultimo motore Alfa Romeo, il 3.0 V6? Quando si sviluppò il 6 cilindri io ero ancora nella Ricerca, non ero ancora responsabile tecnico, ma, come al solito, quando c erano problemi chiamavano noi. Il 6 cilindri nacque male, con una serie di problemi, anche perché erano state adottate soluzioni che per noi erano nuove; per esempio, non avevamo esperienza sulle cinghie in quanto, tradizionalmente, utilizzavamo le catene. Ma poi ci fu anche un problema politico, io a quel tempo non avevo nessuna voce in capitolo, almeno dal punto di vista progettuale, però insistetti moltissimo perché secondo me l Alfa Romeo stava per fare un errore grosso: voleva fare un 2.2 di cilindrata. Mi opposi, perché avevamo un 4 cilindri da 2.0 che funzionava egregiamente; un 6 cilindri a quel tempo era invece visto come un motore di alta classe per via della tassazione. "Non possiamo fare un 2.2" dissi, "ma un motore di grossa cilindrata perché altrimenti ce lo facciamo mangiare dal 2.0. E poi, il maggior numero di cilindri non può essere sfruttato per aumentare i giri se non di poco, perché c è un problema di rumorosità, non sono vetture da competizione". Ci fu uno scontro molto forte in Alfa Romeo e io riuscii a portalo a 2.5 di cilindrata. Poi, quando divenni Direttore, lo aumentai ancora, fino a 3.0 litri. Fu la sua ultima esperienza in Alfa Romeo? Ricordo un ultimo lavoro sulla GTV. Dovevamo risolvere un problema di instabilità che si presentava sulla guida. Si risolse mettendo un ammortizzatore particolare, con un foro al posto delle lamelle, che invece di avere una reazione proporzionale alla velocità aveva una reazione al quadrato della velocità. Poi me ne sono andato, non ero più in sintonia con i programmi dell Alfa.

Una concessionaria di Legnano custodisce una preziosa raccolta delle più belle Alfa Romeo. Nata dalla passione del titolare

Una concessionaria di Legnano custodisce una preziosa raccolta delle più belle Alfa Romeo. Nata dalla passione del titolare Una concessionaria di Legnano custodisce una preziosa raccolta delle più belle Alfa Romeo. Nata dalla passione del titolare PASSIONE Collezione Cozzi Tesoro di famiglia Nei saloni della concessionaria

Dettagli

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER INTERVISTA A WOLFGANG EGGER Domande a cura di Carlo Alberto Monti, Presidente Club Alfa Sport Trascrizione: Mapelli Paolo, Responsabile Stampa Fotografie: Mapelli Paolo per Club Alfa Sport Come vive la

Dettagli

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI Giancarlo Reggiani 1 Le più belle MASERATI DA!GARA dal 1926 ad oggi Fotografie: Francesco e Giancarlo Reggiani Testi e progetto grafico: Giancarlo Reggiani

Dettagli

1985: Il sogno diventa realtà

1985: Il sogno diventa realtà Riprende il nostro viaggio all interno del Minardi Team e, in questo nuovo capitolo, affronteremo insieme il momento più importante, l esordio nel Mondiale di Formula 1, al Gran Premio del Brasile sul

Dettagli

Take it easy. Ok, devo ammettere che ero scettico all idea di equipaggiare

Take it easy. Ok, devo ammettere che ero scettico all idea di equipaggiare TECNICA EZ Electric Power Steering Take it easy Lo sterzo pesante spesso limita l approccio con l auto storica. Un ostacolo che ora si può aggirare senza andare a scapito dell originalità. L abbiamo provato

Dettagli

Domanda di omologazione. Modello

Domanda di omologazione. Modello REGISTRO FIAT ITALIANO, Associazione fra Collezionisti di vetture Fiat d epoca, Legge 28.2.83 n. 53, D.L.vo 30.4.92 n. 285 e DPR 16.12.92 n. 495 Via Cesare Battisti 2, 10123 Torino, T 011.562.98.81, F

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Un eredità di innovazioni tecnologiche

Un eredità di innovazioni tecnologiche Un eredità di innovazioni tecnologiche Leverkusen, 23 Giugno 2010. Mazda Motor Corporation celebra quest anno il suo 90 anniversario puntando su ciò che ha fatto dell azienda un successo novanta anni e

Dettagli

MARCA Alfa Romeo CARATTERISTICHE. MODELLO 1900 TI super ANNO DI PRODUZIONE

MARCA Alfa Romeo CARATTERISTICHE. MODELLO 1900 TI super ANNO DI PRODUZIONE MODELLO 1900 TI super 1953 CARROZZERIA Berlina Alfa 5-6 posti Rispetto alla versione TI normale, la Super ha un motore portato a 1975cc. L esemplare è perfettamente restaurato, in condizioni da museo.

Dettagli

300 SL Mercedes-Benz

300 SL Mercedes-Benz 300 SL Mercedes-Benz Denominazione di fabbrica: W 194 Anno di fabbricazione: 1952 Periodo di produzione: 1952; unità prodotte: 10 Prezzo originario: veicolo sperimentale invendibile Storia e Tecnica Il

Dettagli

Alfa Romeo Spider (105/115)

Alfa Romeo Spider (105/115) Alfa Romeo Spider (105/115) Spider (105/115)... 7 carrozzeria... 7 lamieriati... 7 1966-69... 7 asse anteriore 1... 7 asse anteriore 2... 8 lamierati di fondo... 9 lamierati laterali... 10 porte e aggiunti...

Dettagli

Cilindrata contenuta, tecnologia Saab. Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una

Cilindrata contenuta, tecnologia Saab. Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una INFORMAZIONI Prestazioni responsabili: Cilindrata contenuta, tecnologia Saab BioPower ed assistenza ibrida Il prototipo Saab 9-X Air ha una meccanica ultraefficiente che abbina i pregi di una cilindrata

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT

LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT LE ORIGINI DELLA CITROËN TRACTION AVANT ALL ORIGINE DELLA TRACTION AVANT, PRESENTATA NEL 1934, VI SONO TRE TALENTI: OVVIAMENTE ANDRÉ CITROËN, L INGEGNERE ANDRÉ LEFÈBVRE E IL DESIGNER FLAMINIO BERTONI.

Dettagli

Il Puma ruggisce ancora

Il Puma ruggisce ancora Il Puma ruggisce ancora 15 luglio 2014 In occasione del meeting ufficiale del Marchio, Il patron Adriano Gatto ha presentato in anteprima una city-car che verrà commercializzata nel 2015, anche a propulsione

Dettagli

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore Midi-escavatore Braccio Σ Yanmar Il nuovo midi-escavatore B7Σ, con il braccio articolato in tre punti unisce tutti i vantaggi operativi fino ad ora ottenibili solo parzialmente da ogni singola tipologia

Dettagli

MA e la Lancia Beta Montecarlo. MA era nato in una officina di riparazione auto dove fino agli anni sessanta si

MA e la Lancia Beta Montecarlo. MA era nato in una officina di riparazione auto dove fino agli anni sessanta si Le mille e una auto Quando si acquista un auto storica non si sfoglia un catalogo, non si entra dal concessionario; l acquisto è frutto di ricerca attiva, di nostalgia di auto guidate o solo viste passare

Dettagli

speciale /anni 70 di Franco Oppedisano Nello scenario del lago di Misurina,

speciale /anni 70 di Franco Oppedisano Nello scenario del lago di Misurina, speciale /anni 70 di Franco Oppedisano L auto e la Fiat i È proprio vero, come sostiene Marchionne, che il mercato è tornato indietro di 40 anni? abbiamo fatto un viaggio a ritroso nel tempo, fino al,

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Cercate soluzioni migliori per la gestione di carichi pesanti? Vi offriamo confortevoli carrelli elevatori diesel/gpl con portata da 6.000 a 9.000 kg.

Cercate soluzioni migliori per la gestione di carichi pesanti? Vi offriamo confortevoli carrelli elevatori diesel/gpl con portata da 6.000 a 9.000 kg. Cercate soluzioni migliori per la gestione di carichi pesanti? Vi offriamo confortevoli carrelli elevatori diesel/gpl con portata da 6.000 a 9.000 kg. Concedete ai vostri operatori più potenza ed ergonomia.

Dettagli

SPACXZIO. LE CITROËN A MOTORE ROTATIVO Di Maurizio Baiocchi - Relazioni Esterne SM Club Italia

SPACXZIO. LE CITROËN A MOTORE ROTATIVO Di Maurizio Baiocchi - Relazioni Esterne SM Club Italia LE CITROËN A MOTORE ROTATIVO Di Maurizio Baiocchi - Relazioni Esterne SM Club Italia All inizio degli anni Sessanta, l ingegnere tedesco Felix Wankel (1902-1988), dopo tre decenni di studi, completa la

Dettagli

Più del 70% di tutte le Porsche mai costruite è ancora in uso. Noi ci occupiamo del fatto che possa continuare ad essere così.

Più del 70% di tutte le Porsche mai costruite è ancora in uso. Noi ci occupiamo del fatto che possa continuare ad essere così. Porsche Classic Caratteristiche del prodotto 03 2013 Più del 70% di tutte le Porsche mai costruite è ancora in uso. Noi ci occupiamo del fatto che possa continuare ad essere così. Pezzi originali Porsche

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3

SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2. Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2. Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 SOMMARIO MIRAFIORI MOTOR VILLAGE 2 Il più grande complesso dedicato al mondo dell auto 2 Laboratorio per la massima soddisfazione del cliente 3 Non solo automobili 4 Una finestra sul futuro ma nel rispetto

Dettagli

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA Chissà se i tecnici delle industrie Alleate che, durante la Guerra, progettarono i piccoli fuoristrada paracadutabili da impiegare nella giungla contro

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Fabbricazione di macchine da corsa con omologazione per la circolazione su strada. Porte ad ali di gabbiano, motore centrale e struttura leggera;

Fabbricazione di macchine da corsa con omologazione per la circolazione su strada. Porte ad ali di gabbiano, motore centrale e struttura leggera; Fabbricazione di macchine da corsa con omologazione per la circolazione su strada. Porte ad ali di gabbiano, motore centrale e struttura leggera; peso inferiore ai 1000 kg e potenza tra 270 e 375 cv. Nel

Dettagli

B1830/B2230/B2530/B3030

B1830/B2230/B2530/B3030 KUBOTA TRATTORE DIESEL B B1830/B2230/B2530/B3030 Con la nuova serie Super-B premium Kubota mette a disposizione qualita e prestazioni per una vasta gamma di applicazioni. Realizzati per soddisfare le richieste

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

E il capo azienda che ogni giorno ricorda, a se stesso ed ai suoi collaboratori, i suoi Idoli Bertone, Zagato e Pininfarina, ma in Particolar modo un

E il capo azienda che ogni giorno ricorda, a se stesso ed ai suoi collaboratori, i suoi Idoli Bertone, Zagato e Pininfarina, ma in Particolar modo un La Storia La sua ragione sociale deriva dall omonimo cognome del fondatore Vincenzo BRASIELLO. La Brasiello Carservice S.a.s. nasce nel 1989 a Sant Antimo, piccolo comune di periferia, a nord di Napoli.Quasi

Dettagli

design & comunicazione Presenta: La nostra storia a fumetti!

design & comunicazione Presenta: La nostra storia a fumetti! Presenta: La nostra storia a fumetti! Potrebbe sembrare fin troppo scontato, ma la storia Diamond Style nasce come la più classica delle storie italiane......ovviamente sotto un impertinente Sole che guarda

Dettagli

SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI. - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann.

SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI. - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann. SAME SOCIETA ACCOMANDITA MOTORI ENDOTERMICI - Fratelli Cassani, 1942 - SAME GROUP: Same, Deutz Fahr, Lamborghini e Hürlimann. Siate affamati, siate folli Stay hungry, stay foolish Steve Jobs. All età di

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade

Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade INTERVISTA OBIETTIVO: XF14mm F2.8R ESPOSIZ: 1/30 sec a F4, ISO 1600 Luca Bracali, famoso fotografo, ama viaggiare senza ingombro e considera la serie X perfetta per il suo stile di vita nomade REGISTRATI!

Dettagli

Report: confronto dei 3 cms più usati

Report: confronto dei 3 cms più usati Report: confronto dei 3 cms più usati Inutile girarci attorno, i cms più usati sono tre Wordpress, Joomla e Drupal. Partiamo dalle cose in comune. Tutti e tre sono open source ovvero il codice è libero

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Durante il restauro:

Durante il restauro: Dedico questo breve racconto alle mitiche Saab 900 ed anche un po a mio padre che ebbe la fortuna di comprarle quando erano nuove, lasciandomi un ricordo affettuoso che condivido con voi appassionati.

Dettagli

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci.

ST7. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai rigidi standard ambientali che acus ci. ST7 1 CRUSCOTTO Il crusco o ha un tachimetro con un'ampia lance a, che migliora la visibilità ed un LCD mul funzione. SILENZIATORI Coppia di silenziatori con design a taglio trasversale, conformi sia ai

Dettagli

MAC GROUP & RIAR presentano 2010 Centenario Alfa Romeo

MAC GROUP & RIAR presentano 2010 Centenario Alfa Romeo Fondato nel 1962 MAC GROUP & RIAR presentano 2010 Tutti i diritti riservati Alfa Romeo: 100 anni di storia e passioni internazionali 1910 2010 Cent anni di storia, vittorie, emozioni 100 anni di Alfa Romeo

Dettagli

Considerazioni iniziali Il Paracadute

Considerazioni iniziali Il Paracadute Angela Turricchia Leopoldo Benacchio Grazia Zini Considerazioni iniziali Leonardo da Vinci è universalmente riconosciuto come eccelso pittore, ma anche come ingegnere, come costruttore, architetto, anatomista

Dettagli

SPACXZIO. INTERVISTA A ROBERT OPRON A cura della Redazione

SPACXZIO. INTERVISTA A ROBERT OPRON A cura della Redazione INTERVISTA A ROBERT OPRON A cura della Redazione Dobbiamo, ancora una volta, pubblicamente ringraziare Monsieur Opron per la sua squisita disponibilità nel concedere al nostro Presidente Cotti l intervista

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com PIù DI 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITà E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, la storia di Gilera

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

LANDROVER IL MITO INTEGRALE

LANDROVER IL MITO INTEGRALE IL MITO INTEGRALE In produzione da sessant anni la popolare fuoristrada britannica non ha mai cambiato il suo stile Un icona dell Inghilterra prodotta in 4 milioni di esemplari ed esportata in tutto il

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

MP3 TRE PER TE MP3 YOURBAN

MP3 TRE PER TE MP3 YOURBAN TRE PER TE mp3 Yourban: Elegante, compatto, dinamico, ideale Per il traffico della città. dedicato a chi vuole muoversi con sicurezza, senza rinunciare al divertimento, anche con la sola patente auto (LT).

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

RACE SHUTTLE & SPRINT SHUTTLE PROTETTO, SICURO, TRASPORTO CHIUSO.» Connected to you*

RACE SHUTTLE & SPRINT SHUTTLE PROTETTO, SICURO, TRASPORTO CHIUSO.» Connected to you* RACE SHUTTLE & SPRINT SHUTTLE PROTETTO, SICURO, TRASPORTO CHIUSO» Connected to you* Design autentico, trasforma il trasporto di veicoli di valore. Con una combinazione di stile, una buona aerodinamica

Dettagli

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi Lezione 11 - pag.1 Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi 11.1. Dalla forza alla pressione Abbiamo visto che la Terra attrae gli oggetti solidi con una forza, diretta verso il suo centro, che si chiama

Dettagli

TITOLO PRESENTAZIONE. VALLELUNGA CLASSIC 28-29 Marzo Hospitality & Events Opportunities

TITOLO PRESENTAZIONE. VALLELUNGA CLASSIC 28-29 Marzo Hospitality & Events Opportunities VALLELUNGA CLASSIC 28-29 Marzo Hospitality & Events Opportunities VALLELUNGA CLASSIC 28-29 Marzo Esordisce a Vallelunga il 28 Marzo con la Vallelunga Classic TITOLO il calendario PRESENTAZIONE eventi di

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLUCCI REGGIO Via Pirandello, 7 03036 ISOLA DEL LIRI (FR) Cod. fiscale

Dettagli

cilindri 2500. Prima di descrivere i tre modelli elenchiamo i numeri di vetture prodotte:

cilindri 2500. Prima di descrivere i tre modelli elenchiamo i numeri di vetture prodotte: 1950: LE NUOVE PROPOSTE ALFA ROMEO 1900 FIAT 1400 - LANCIA AURELIA Conferenza di Giorgio Valentini Milano,18 ottobre 2000 Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia ALESSANDRO COLOMBO Il 1950 è stato un

Dettagli

TUTTO DI AUTO NUMERO 2 MARZO 2O13 ON THE ROAD TUTTO SULLA SRT VIPER

TUTTO DI AUTO NUMERO 2 MARZO 2O13 ON THE ROAD TUTTO SULLA SRT VIPER TUTTO DI AUTO NUMERO 2 MARZO 2O13 ON THE ROAD TUTTO SULLA SRT VIPER IN QUESTO NUMERO: -Ford Kuga: nuovo design -Mercedes CLA: coupé o berlina? -Opel Adam: piccola chic -Chevrolet Malibu: viaggi comodi

Dettagli

Studio di massima di un piccolo fuoristrada basato sulla meccanica di una microvettura

Studio di massima di un piccolo fuoristrada basato sulla meccanica di una microvettura ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA MECCANICA Studio di massima di un piccolo fuoristrada basato sulla meccanica di una microvettura

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Storie di uomini e moto veloci

Storie di uomini e moto veloci Storie di uomini e moto veloci morbidelli il documentario Prima della velocità, del rischio, dell adrenalina e del rumore, c era lei. La passione. Quando Giancarlo Morbidelli è entrato nel retrobottega

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

Ripresi a correre nell anno 1978.

Ripresi a correre nell anno 1978. Finito il militare avevo preso a lavorare alla scuola guida con i miei genitori: la mattina andavo a lavorare e il pomeriggio lo dedicavo ad allenarmi con le moto. Poi, come purtroppo a volte la vita riserva,

Dettagli

Gruppi di lavaggio compatti

Gruppi di lavaggio compatti Gruppi di lavaggio compatti Gruppi di lavaggio compatti a conti fatti convengono! Gli scarichi domestici rappresentano una continua sfida per idraulici e spurghisti. Edifici vecchi e nuovi hanno gli stessi

Dettagli

DESIGN INNOVATION PASSION RACING

DESIGN INNOVATION PASSION RACING www.gilera.com DESIGN INNOVATION PASSION RACING 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITA E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, alla vittoria di Marco Simoncelli nel Motomondiale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa LANCIA BETA MONTECARLO Premessa Parlare della Lancia Beta Montecarlo significa anzitutto ricordare la passione per le corse che Vincenza Lancia ha sempre fatto trasparire nei suoi capolavori. La Beta Montecarlo

Dettagli

Gli omnibus a vapore

Gli omnibus a vapore L automobile I trasporti urbani Le strade ferrate non fornivano alle città un efficiente mezzo di trasporto interno. Per questo furono necessari gli omnibus a cavalli e poi i tram, i quali consentirono

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

UNA WEBCAM CON 50 EURO

UNA WEBCAM CON 50 EURO DIDATTICA UNA WEBCAM CON 50 EURO Di: Diego Rosa E' opinione comune che l'acquisto e l'installare di una webcam sia molto costoso e molto complesso. Questa convinzione è anche suffragata dalla qualità delle

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

carrossa a fûc Storia della prima auto in Italia Testimonanza del Maestro Bettiol che fu ad Ajello del Friuli tra il 1896 e il 1899.

carrossa a fûc Storia della prima auto in Italia Testimonanza del Maestro Bettiol che fu ad Ajello del Friuli tra il 1896 e il 1899. In Ajello ebbi l occasione di veder girare la prima automobile. L aveva comprata un signore, un certo Lazzari, che ci aveva una bella villa ed aveva la forma di un calessino senza timone. Tutti correvano

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti sul tema dell auto con propulsione a razzo usando diversi materiali. Obiettivo Gli alunni acquisiscono nuove conoscenze e rafforzano

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

MAGARI LE COSE CAMBIANO

MAGARI LE COSE CAMBIANO MAGARI LE COSE CAMBIANO di Andrea Segre Documentario, 62, Italia 2009 http://magarilecosecambiano.blogspot.com Sinossi Un film nel cuore delle nuove centralità romane: le moderne borgate di una società

Dettagli

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate Carrelli Elevatori Endotermici Mettili alla prova! Avvicinati al nuovo M300, noterai la differenza. Capacità di carico da 1.5 fino a 3.5 tonnellate Robusto telaio per una

Dettagli

Inchiesta. all auto non ci rinuncio!

Inchiesta. all auto non ci rinuncio! Inchiesta all auto non ci rinuncio! ! Tra la fine di maggio e i primi giorni di luglio Nuova Energia ha promosso, su tutto il territorio nazionale, un inchiesta sul rapporto tra i cittadini e la mobilità.

Dettagli

1. Il servizio di raccolta indifferenziata

1. Il servizio di raccolta indifferenziata 1. Il servizio di raccolta indifferenziata Al fine di verificare l efficacia della dislocazione e del numero dei contenitori per la raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani nel comune di Perugia è stata realizzata

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Magazine indipendente pseudo storico, pseudo sportivo, pseudo sociologico, pseudo tecnico pseudo insomma! Sommario

Magazine indipendente pseudo storico, pseudo sportivo, pseudo sociologico, pseudo tecnico pseudo insomma! Sommario Anno 2 Numero 13 Febbraio 2014 Magazine indipendente pseudo storico, pseudo sportivo, pseudo sociologico, pseudo tecnico pseudo insomma! Sommario 2. La Pista del Vicenza Slot Cars cresce. 3. Breve storia

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA FILIERA AUTOVEICOLARE ITALIANA ANNO 2013

OSSERVATORIO SULLA FILIERA AUTOVEICOLARE ITALIANA ANNO 2013 OSSERVATORIO SULLA FILIERA AUTOVEICOLARE ITALIANA ANNO 2013 da restituire entro il 15 maggio 2013 con una delle seguenti modalità: via e mail a studi@to.camcom.it, per le imprese abruzzesi a studi@ch.camcom.it

Dettagli

Filippo Pavan Bernacchi Presidente Federaicpa

Filippo Pavan Bernacchi Presidente Federaicpa federaicpa FEDERAZIONE CONCESSIONARI ITALIANI DI AUTO, VEICOLI COMMERCIALI E INDUSTRIALI Filippo Pavan Bernacchi Presidente Federaicpa Bologna, 25 marzo 2010 federaicpa OLTRE CINQUANT'ANNI DI ASSOCIAZIONISMO

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

7. Uscita di Raffreddamento

7. Uscita di Raffreddamento 7. Uscita di Raffreddamento 7.1. L uscita di raffreddamento La figura 1 mostra due apparecchi molto simili. Si tratta di motori elettrici ai quali si possono allacciare diversi utensili. Uno trova ut i-

Dettagli

Ligabue Campo Volo Concert System

Ligabue Campo Volo Concert System Ligabue Campo Volo Concert System Idee per palchi multipli L impianto audio per il concerto di Ligabue al Campo Volo è stato pensato per soddisfare le richieste della agenzia di produzione per 4 diversi

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME www.toyota-forklifts.it ABBATTERE I COSTI I carrelli elevatori Toyota equipaggiati con il sistema SAS utilizzano una tecnologia intelligente per ridurre sia i

Dettagli