ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA. ormativa. F Piano O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA. ormativa. F Piano O"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA 5 ormativa F a t r e f f Piano O - 01 o ic t s la o c Anno S

2

3 SOMMARIO 2. INTRODUZIONE 4. Il NUOVO ORDINAMENTO INDIRIZZI DI STUDIO CALENDARIO SCOLASTICO CONTATTI E LOCALIZZAZIONE ESTRATTO REGOLAMENTO 8. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 150 ANNI DI STORIA CONTESTO SOCIO-ECONOMICO STRUTTURA AULA MAGNA BIBLIOTECA MUSEI LABORATORI PALESTRA E CAMPI ESTERNI ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI ORGANIGRAMMA 27. OFFERTA FORMATIVA CURRICULARE OBIETTIVI EDUCATIVI E CULTURALI AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TURISMO INFORMATICA 31. AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PROGETTI DI SISTEMA PROGETTI PARASCOLASTICI PROGETTI PER L ECCELLENZA PROGETTI EXTRACURRICULARI ATTIVITÀ SPORTIVE 41. ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA PROGRAMMAZIONE METODOLOGIE VERIFICHE VALUTAZIONE DEL PROFITTO VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI ATTIVITÀ DI RECUPERO E POTENZIAMENTO FORMAZIONE CLASSI AREA SOSTEGNO E INCLUSIONE 48. CARLO GEMMELLARO

4 INTRODUZIONE Stiamo vivendo in un epoca nella quale i bisogni di informazione e di formazione sono determinanti nella vita di ogni individuo e comportano la necessità di un continuo aggiornamento a fronte della crescente richiesta di più alti livelli professionali. La scuola deve essere interprete attenta delle esigenze sociali, promuovere e trasmettere gli stimoli provenienti da una società in movimento e saper mettere in atto strumenti e metodi per incidere sulla formazione e l aggiornamento. L Istituto di Istruzione Superiore Statale Carlo Gemmellaro, attento ad individuare i fabbisogni culturali e formativi del territorio, fornisce un offerta formativa aggiornata e completa. Il Piano dell Offerta Formativa (POF) rappresenta il documento fondamentale, costitutivo dell identità etico-culturale e progettuale dell Istituto, in cui vengono esplicitate le scelte curriculari, extracurriculari ed organizzative, adottate al fine di garantire il successo formativo dello studente. Particolare attenzione è dedicata alle esigenze dei singoli discenti, ai loro stili cognitivi ed alla loro crescita umana, relazionale e culturale. Ciò è possibile grazie alla collaborazione di tutta la comunità: docenti, personale ATA, alunni e genitori, nonché della ex Provincia di Catania (Libero Consorzio Comunale) e degli uffici periferici del MIUR. La collegialità rimane, dunque, il fattore primario di successo per poter affrontare i percorsi di sviluppo, particolarmente impegnativi in quanto nell a.s. 2014/2015 va a regime il nuovo ordinamento dell istruzione tecnica. Particolarmente importante è il ruolo del Consiglio di Istituto, del Collegio Docenti e dei Consigli di Classe, che apportano il loro contributo critico e di proposta con spirito costruttivo. I Dipartimenti assumono via via il ruolo che il riordino assegna loro. La RSU opera fattivamente per il miglioramento della contrattazione di Istituto e nella conduzione di efficaci relazioni sindacali. Il Comitato studentesco svolge un importante compito di discussione e proposta. Notevole attenzione è data alla sicurezza con l aggiornamento del DVR (Documento Valutazione Rischi), delle planimetrie e del piano d evacuazione. Lo scorso anno sono state migliorate le due reti d Istituto con la gestione a controllo di dominio ed è stata attivata una protezione antivirus centralizzata. L impegno dei docenti, del personale ATA, l entusiasmo e il coinvolgimento degli studenti hanno consentito la realizzazione di progetti innovativi ed entusiasmanti, che hanno avuto riconoscimenti sia nazionali che locali, frutto della volontà di creare una scuola vissuta e partecipata. È una vera e propria galleria di premi e riconoscimenti. Tra questi possiamo menzionare il premio Libero Grassi. Altrettanto importanti sono state le manifestazioni organizzate i primi 150 anni dell Istituto. I nostri allievi hanno, inoltre, ottenuto successi in ambito sportivo, dove sono stati sempre fra i primi classificati nelle diverse gare a cui hanno partecipato. Non meno coinvolgenti e particolarmente istruttive sono state le visite d istruzione effettuate dagli alunni del quinto anno. Negli anni precedenti, alcuni alunni hanno rappresentato la scuola alla manifestazione di apertura dell anno scolastico alla presenza del Presidente della Repubblica. L allievo più meritevole è stato premiato con la borsa di studio Felicia Cavallaro. 2

5 I corsi PON sono stati orientati ad incrementare il successo formativo degli studenti. Nell a.s. 2013/14 è stato concluso il PON F3, articolato in diversi moduli mirati all inclusione degli alunni a rischio dispersione. E stato, per la prima volta, attivato un percorso anche per gli alunnni in grado di potenziare i già buoni risultati con attività di apporfondimento curriculare in ambienti esterni e di rafforzamento delle capacità relazionali. Il persorso è proseguito con il corso Diventare imprenditori - IGS e quindi con lo stage PON C5 Fare azienda svoltosi presso una importante strutura alberghiera. Questo gruppo di alunni ha, poi, migliorato le capacità di comunicazione partecipando agli stage linguistici estivi in Francia ed Inghilterra, finanziati dal PON C1. Questa innovativa attenzione agli studenti ha portato al progetto Encelado dove un gruppo di alunni sperimenta l esperienza di una attività professionale cooperativa autonoma. Nell a.s. 2014/2015 consolideremo i risultati ottenuti e proseguiremo verso nuovi traguardi grazie al contributo di tutta la comunità del nostro Istituto. Dott. Pasquale Levi Dirigente scolastico I.I.S.S. Carlo Gemmellaro Catania 3

6 IL NUOVO ORDINAMENTO Dall anno scolastico 2014/2015 è a regime il nuovo ordinamento che prevede: un orario complessivo annuale di 1056 ore, con 32 ore settimanali di lezione; solo per il primo anno dell indirizzo informatico e telecomunicazioni, si ha un orario annuale complessivo di 1089 ore con 33 ore settimanali di lezione; due aree di istruzione generale: 1. Settore Economico con l indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e l indirizzo Turismo; 2. Settore Tecnologico, con l indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica; un primo biennio articolato, per ciascun anno, in 660 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 396 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo, ai fini dell assolvimento dell obbligo di istruzione. Solo per il primo anno dell indirizzo informatico e telecomunicazioni sono previste ulteriori 33 ore di geografia; un secondo biennio, articolato per ciascun anno, in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo; un quinto anno articolato in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo; la costituzione di dipartimenti, articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti, per un aggiornamento costante dei percorsi di studio, soprattutto nelle aree disciplinari di indirizzo; l istituzione di un Comitato tecnico-scientifico, con composizione paritetica di docenti ed esperti, finalizzato a rafforzare il raccordo sinergico tra gli obiettivi educativi della scuola, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali espressi dal mondo produttivo. INDIRIZZI DI STUDIO SETTORE ECONOMICO PERITO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda. PERITO NEL TURISMO Ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, oltre a competenze specifiche nel comparto delle aziende del settore turistico. Opera nel sistema produttivo con particolare attenzione alla valorizzazione e fruizione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale, enogastronomico. Integra le competenze dell ambito gestionale e della produzione di servizi/prodotti turistici con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione, sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. SETTORE TECNOLOGICO PERITO IN INFORMATICA Ha competenze specifiche nell analisi e nello sviluppo di programmi, librerie o componenti a basso livello; sa operare con i principali sistemi operativi e protocolli di rete; è capace di progettare, realizzare, collaudare e mantenere basi di dati; ha la preparazione per realizzare siti internet e servizi personalizzati composti da pagine statiche o dinamiche, attraverso la padronanza acquisita nei linguaggi web personalizzati. 4

7 CALENDARIO SCOLASTICO Le lezioni iniziano il 15 settembre 2014 e terminano il 9 giugno Su delibera del Collegio dei Docenti, l anno scolastico è suddiviso in un trimestre e un pentamestre. Le lezioni iniziano alle ore 8:00 secondo la scansione seguente: Lunedì ingresso ore 8:00 uscita ore 13:00 - le prime informatica ore 14,00 Martedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì ingresso ore 8:00 uscita ore 14:00 Sabato ingresso ore 8:00 uscita ore 11:00 È stato, inoltre, stilato un piano di lavoro annuale, approvato dal Collegio dei Docenti, in cui sono state inserite sia le festività che tutte le attività previste per l anno scolastico in corso: Vacanze natalizie: dal 22 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 inclusi Vacanze pasquali: dal 2 aprile 2015 al 7 aprile 2015 inclusi Festa della Patrona: Sant Agata 5 febbraio 2015 Festività nazionali infrasettimanali: Tutti i Santi:1 novembre 2014 Immacolata Concezione: 8 dicembre 2014 Festa della Liberazione: 25 aprile 2015 Festa del lavoro: 1 maggio 2015 Festa della Repubblica: 2 giugno 2015 Festa della Regione Siciliana: 15 maggio 2015 Sospensione delle attività didattiche deliberate dal Consiglio di Istituto: 2 maggio 2015 e 1 giugno 2015 Incontri scuola famiglia pomeridiani: 25 novembre 2014: Prime classi 26 novembre 2014: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi A.F.M. e Informatica 27 novembre 2014: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi Turismo 25 marzo 2015: Prime classi 26 marzo 2015: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi A.F.M. e Informatica 27 marzo 2015: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi Turismo Si ricorda che, tutti i genitori che ne abbiano necessità possono richiedere incontri su appuntamento con il Dirigente scolastico, i suoi collaboratori, il coordinatore di classe e i docenti del Consiglio di Classe. La scuola, inoltre, è a disposizione dei genitori offrendo la disponibilità di aule per incontri, per momenti assembleari e per ogni attività che sia proposta e programmata. Corsi IDEI - Attività di Recupero e Potenziamento: Recupero e potenziamento post scrutinio intermedio dal 7 al 30 gennaio 2015 Recupero post scrutinio finale dal 22 giugno al 8 luglio 2015 con verifiche e scrutinio integrativo entro il 14 luglio 2015 Periodo viaggi di istruzione: aprile Esami di Stato: prima prova scritta 17 giugno

8 CONTATTI E LOCALIZZAZIONE Centralino: Fax: / E - Mail: Sito Web: Pec: Orario ricevimento del Dirigente scolastico Da Martedì a Venerdì, nel pomeriggio su appuntamento: 17:00-19:00 Orario ricevimento Segreteria Didattica Martedì Giovedì Sabato: 10:00-12:00 Mercoledì: 16:00-18:00 Foto Google I.I.S.S. Carlo Gemmellaro MEZZI DI TRASPORTO - AUTOLINEE: Misterbianco Belpasso Centuripe Motta Sant Anastasia Catania FCE FCE ROMANO FCE AMT 6

9 ESTRATTO REGOLAMENTO Ingresso ed uscita dall Istituto art. 01 Ingresso e permanenza in Istituto senza motivazione dello studente assente dalle lezioni AV art. 02 Mancato rispetto dell orario scolastico AV Ingresso ed uscita dalle aule art. 03 Lo studente esce arbitrariamente fuori dall aula durante il cambio dell ora AV art. 04 Lo studente si allontana dall aula per più di 15 minuti senza motivazione AS Lo studente si allontana arbitrariamente dall Istituto durante le ore di lezione. Si intrattiene con estranei presenti in Istituto art. 05 senza adeguata motivazione SAD5 art. 06 Accesso arbitrario ai servizi igienici - uso arbitrario dell ascensore AV art. 07 Accesso alla sala docenti AV art. 08 Consumo di cibo e bevande nelle classi e nei laboratori durante le ore di lezione AV Pausa di socializzazione Mancato rispetto delle indicazioni dei docenti della terza ora, che vigilano nelle vicinanze dell aula e dei collaboratori scolastici che vigilano sulle aree di reparto loro assegnate, nella funzione di vigilanza della pausa art. 09 AS art. 10 Rientro in classe oltre 5 minuti dopo la fine della pausa AV art. 11 Accesso al servizio di ristorazione al di fuori dell orario consentito AV art. 12 Accesso alle macchinette distributrici durante l orario delle lezioni AV Comunicazioni interne art. 13 Mancata notifica delle comunicazioni interne ai genitori, ove previsto AS Assenze art. 14 Superamento del monte ore massimo di assenze consentite NAS art. 15 Mancato rispetto del termine stabilito in un apposita comunicazione interna per il ritiro del libretto delle giustificazioni AS art. 16 Mancata giustificazione entro 2 giorni dal rientro AV art. 17 Inattendibilità e irrilevanza delle motivazioni delle assenze AV art. 18 Arbitrarie ed ingiustificabili assenze collettive AS Rispetto delle persone e dei loro beni art. 19 Sottrazioni oggetti personali altrui SAD5 art. 20 Danneggiamento di oggetti altrui SAD5 art. 21 Tenere comportamenti che possano mettere in pericolo l incolumità propria o altrui SAD5 Atti di bullismo sotto forma di comportamenti aggressivi e di intimidazione nei confronti dei pari,come, ad esempio molestie art. 22 verbali, aggressioni fisiche, persecuzioni, discriminazioni etniche, confessionali, di genere o di orientamento sessuale SAD15 art. 23 Alterchi tra studenti o tra studente e personale dell istituto con atteggiamenti aggressivi e minacciosi SAD5 art. 24 Aggressioni fisiche contro persone SAD15 art. 25 Contatto fisico immotivato. AS Rispetto delle strutture e dei beni dell Istituto art. 26 Sottrazione di dotazioni didattiche e di segreteria. AS art. 27 Danneggiamento colposo o doloso di dotazioni didattiche. AS - SAD5 art. 28 Danneggiamento colposo o doloso di infissi, vetri, arredi, servizi igienici, segnaletiche e impianti/strumenti tecnici di Istituto. AS - SAD5 art. 29 Mancato rispetto delle norme relative alla raccolta differenziata dei rifiuti. AV Comportamento durante le attività art. 30 Alzarsi dal posto assegnato senza autorizzazione del docente. AV art. 31 Parlare tra studenti di argomenti non correlati alla lezione in corso. AV art. 32 Disturbare o alterare le verifiche tramite suggerimenti, copiatura o uso di sussidi o sistemi non autorizzati durante le verifiche. AV art. 33 Alterazione o falsificazione dei compiti e/o delle valutazioni degli stessi. AS Uso non autorizzato di telefoni cellulari, riproduttori musicali e/o dispositivi di ripresa audio/video, nei locali della scuola durante l orario scolastico. art. 34 AS art. 35 Effettuare foto o riprese (di persone, luoghi o fatti), durante l attività scolastica. AS art. 36 Illecita diffusione e/o pubblicazione anche su Internet di foto o riprese effettuate durante l attività scolastica. SAD5 art. 37 Mancata testimonianza sui fatti di cui oggettivamente lo studente è testimone. SAD5 AV: ammonizione verbale AS: ammonizione scritta - SAD5: sospensione dalle attività didattiche fino a 5 giorni SAD15: sospensione dalle attività didattiche fino a 15 giorni - SAD: sospensione dalle attività didattiche oltre 15 giorni - NAS: non ammissione scrutinio finale 7

10 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 150 ANNI DI STORIA L I.I.S.S. Carlo Gemmellaro di Catania, istituito all indomani dell Unità d Italia il 30 ottobre 1862 con R.D. n. 940, è una delle più antiche istituzioni scolastiche catanesi e si gloria di aver avuto in passato, tra docenti e allievi, illustri personaggi quali Sabatino Lopez, Orazio Silvestri, Enrico Boggio Lera, Sebastiano Catania, Federico De Roberto, Vincenzo Amato, Quirino Majorana, Epicarmo Corbino. È stato fondato come Regio Istituto Tecnico di Catania, insieme con altri di varie città italiane; all origine proponeva la sola sezione agronomica, ma ben presto vennero inaugurate anche le sezioni commercio e ragioneria, geometri, fisico-matematico (corrispondente all attuale liceo scientifico). L inaugurazione, avvenuta il 15 dicembre 1862, precedette di tre mesi l avvio delle attività didattiche, che ebbero inizio il 15 marzo 1863, in un modesto appartamento di proprietà di donna Maria Carcaci vedova Bonaiuti. Già nel 1864 l Istituto si trasferì nella casa Caminiti in piazza Nuovaluce 11 (oggi piazza Vincenzo Bellini) e nel 1866 nell ex convento di Santa Caterina al Rosario di via Vittorio Emanuele 156, oggi sede dell Archivio di Stato. Intorno al 1869 spostò nuovamente la sua sede presso l ex monastero di San Nicolò all Arena. 8

11 Nella nuova e prestigiosa sede ebbe inizio la più che centenaria evoluzione di questo glorioso Istituto. Infatti nel 1872 venne aggiunta la sezione fisico matematica con un conseguente ampliamento dei locali dell Istituto con l acquisizione di tutta l ala nord del piano superiore e del cosiddetto coro notte, adibito a sala disegno. Tre anni dopo fu avviata la sezione commercio e amministrazione e fondato l Istituto nautico che rese necessaria l acquisizione del refettorio grande dei monaci. Nel 1872 il Collegio dei Professori propose il nome da assegnare all Istituto e tra quello di Carlo Gemmellaro e di Caronda prevalse il primo. Nell anno 1884 le sezioni in cui esso si articolava erano ben quattro: fisico-matematica (attuale liceo scientifico), agrimensura (attuale tecnico per geometri), agronomia (attuale tecnico agrario) e ragioneria. Quattro anni dopo l Istituto assunse la denominazione di Regio Istituto Tecnico e Nautico Carlo Gemmellaro. Solo nel 1933, a seguito della riforma dell istruzione media (Legge 15 giugno1931, n.889), l Istituto prese il nome di Regio Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Carlo Gemmellaro. Nel 1961 l Istituto si scisse in Istituto Tecnico Commerciale, che restò nella sede del monastero dei Benedettini ed in Istituto Tecnico per Geometri che si trasferì in via Cesare Vivante, assumendo il nome di G. B. Vaccarini. È nel 1976 che fu inaugurato il nuovo, moderno e spazioso complesso di Corso Indipendenza, dove l Istituto ha sede tutt oggi. Dall anno scolastico 2000/2001, fu istituito il biennio dell Istituto Tecnico Industriale; con questo la scuola cercò di adeguare l offerta culturale alle esigenze sempre più nuove e diverse della società moderna per dare ai giovani la possibilità di affiancare alla tradizionale istruzione tecnica, un istruzione fondata sulla conoscenza delle nuove tecnologie della comunicazione. Dall anno scolastico 2003/2004 è operante l indirizzo per il Turismo che trova un suo spazio formativo ed una sua necessità nel panorama dell istruzione secondaria di un paese come l Italia, che fonda la propria economia sull attività turistica. L Istituto cerca, così, di rispondere all esigenza di formazione dei giovani del territorio, costituendo una risorsa importante per lo sviluppo di nuove professionalità, potenziando da un lato la sua specifica identità e, dall altro aprendosi alle esigenze provenienti dal mondo del lavoro e della produzione. Dall anno scolastico 2010/2011 l Istituto attua progressivamente il nuovo ordinamento con i seguenti corsi: per il settore Economico, l indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e l indirizzo Turismo, per il settore Tecnologico l indirizzo Informatica e Telecomunicazione articolazione Informatica. CONTESTO SOCIO ECONOMICO L Istituto è inserito in una vasta area del Comune di Catania, e precisamente nel quartiere San Leone-Rapisardi, nome della V circoscrizione di Catania, popolata da circa quarantacinquemila abitanti. Si tratta di un area compresa tra viale Mario Rapisardi e corso Indipendenza, ad ovest della città in cui il territorio è stato urbanizzato intorno agli anni trenta. L area è sede di numerose attività artigianali e commerciali ed è molto vicina alla zona industriale di Misterbianco ed ai grandi centri commerciali. Non molto distante è anche la zona industriale di Catania dove sono ubicate numerose imprese industriali, anche multinazionali. L Istituto costituisce, inoltre, un polo di attrazione per i giovani dei comuni viciniori di Misterbianco, Motta Sant Anastasia, Belpasso, ben collegati grazie ad un adeguato sistema di mezzi pubblici di trasporto. Gli studenti, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, provengono da diverse realtà le cui caratteristiche si distinguono tra loro sia sotto il profilo culturale che economico. Nel contesto così delineato, l intervento dell Istituto, nella formazione umana e culturale degli studenti, è attuato mediante strategie individualizzate volte alla piena valorizzazione delle potenzialità dei giovani e ad una formazione professionale mirata ad assicurare le più ampie possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. 9

12 STRUTTURA La sede dell Istituto è un edificio degli anni Settanta, con un ala dedicata agli uffici amministrativi. Le aule si affacciano su ampi spazi verdi interni e sono grandi ed ariose. La scuola è dotata di laboratori all avanguardia. UFFICIO DI VICEPRESIDENZA La vicepresidenza assicura un servizio continuo per la comunità didattica e dispone di ampi locali e di moderni computer in rete per lo svolgimento dei compiti istituzionali. SALA DOCENTI È il luogo d incontro dove i docenti esplicano tutte le attività non curriculari. La sala tradizionale è stata ampliata con una modernissima sala multimediale composta di PC all in one con collegamento Internet. SERVER E RETE DI ISTITUTO L Istituto è dotato di una rete LAN e WIFI che collega tutti i computer. È attiva una sala server dotata di potenti computer che ospitano anche il sito web dell Istituto. 10

13 AULA MAGNA In essa si svolgono riunioni del Collegio dei Docenti e del Comitato studentesco degli alunni, corsi di aggiornamento per i professori, convegni, conferenze per gli studenti, tenute anche da personale esterno. È provvista di un computer multimediale in rete intranet ed Internet, con videoproiezione su ampio schermo per la visione di film, documentari e diapositive; dispone, inoltre, di un impianto di amplificazione, di vari mezzi multimediali e di podio per i relatori congressuali. Foto 11

14 BIBLIOTECA L Istituto è dotato di un antica Biblioteca dei Professori con pregiate scaffalature dell 800, provenienti dal Monastero dei Benedettini. Essa è attiva fin dal primo anno di fondazione dell Istituto; da un verbale del 12 ottobre 1863, si evince che il primo bibliotecario fu il prof. Vincenzo Bellia Sapuppo. Nel 1908 nacque la Biblioteca degli Studenti, per la solerzia del Prof. Angelo Salvatore, ordinario di Lettere Italiane, che acquisì come primo contingente i volumi offerti da insegnanti, studenti e semplici cittadini. Essa si andò, via via, arricchendo con i contributi degli studenti che vi si iscrissero come soci, e con i sussidi che elargì il Ministero. Negli anni a venire la Biblioteca si arricchì di opere relative ai vari insegnamenti, oltre che di preziose pubblicazioni che le conferiscono ancora oggi un indiscutibile pregio storico e culturale. Attualmente la nuova Biblioteca è dotata di oltre volumi. 12

15 SERVIZI DI RISTORAZIONE L Istituto, al suo interno, è dotato di distributori automatici per le bevande, gli snack e il caffè; in apposito spazio, invece, vengono distribuiti, durante la pausa di socializzazione, prodotti di tavola calda. PARCO GIARDINO L Istituto sorge al centro di un ampio parco giardino; nelle belle giornate, negli spazi previsti, è possibile svolgere attività motorie e didattiche. Vaste aree asfaltate consentono il parcheggio di automezzi e motorini. Gli spazi verdi, curati dalla Provincia Regionale di Catania, mettono in risalto un armonica visione dell insieme. C.I.C. Il C.I.C. (Centro di Informazione e di Consulenza) è un servizio della scuola per gli studenti che si avvale di qualificati operatori del Servizio Sanitario Nazionale. Esso programma attività aggregative, sportive e culturali, di informazione sulla salute e su argomenti propri dell età adolescenziale e giovanile, di ascolto e di aiuto per i problemi relazionali e di crescita dello studente. 13

16 MUSEI MUSEO STORICO DI SCIENZE NATURALI All interno dell Istituto è ubicato un museo storico di Scienze Naturali nel quale è possibile ammirare oltre un migliaio di pezzi tra animali imbalsamati o conservati in ampolle, conchiglie fossili, reperti mineralogici ed altri preparati di interesse scientifico e didattico. Raccoglie tutto ciò che è stato donato o acquistato nell arco di un secolo e mezzo di storia dell Istituto a partire dal 1862 ad oggi. Bisogna ricordare che alla realizzazione di questa collezione hanno contribuito diverse personalità di grande spicco nella storia della ricerca scientifica, secondo fonti documentarie che risalgono al Le vicissitudini storiche e i ripetuti trasferimenti hanno irrimediabilmente causato un forte depauperamento e la scomparsa della primitiva identità di queste collezioni e reso spesso impossibile risalire all origine del materiale. Tutte le collezioni, attualmente presenti nel Museo dell Istituto, lo rendono interessante e unico dal punto di vista scientifico, storico e didattico-educativo. 14

17 MUSEO STORICO DI FISICA Il laboratorio di fisica dell I.I.S.S. Carlo Gemmellaro è certamente uno degli ambienti di maggior fascino, sia per l enorme quantità di attrezzatura scientifica presente, in parte ancora funzionante, sia per l aria misteriosa emanata da macchine di una bellezza inaudita. Si tratta di macchine da laboratorio risalenti addirittura alla seconda meta dell ottocento se non addirittura prima, per finire a modernissimi sensori di rilevazione di varie grandezze fisiche che si interfacciano con modernissimi computer. Gli strumenti presenti nel nostro laboratorio coprono quasi tutto il campo della fisica passando dalla Meccanica all Acustica per approdare infine alla Termodinamica e all Elettricità. Questo enorme patrimonio è dovuto essenzialmente alla presenza in Istituto di fisici del calibro di Orazio Silvestri, Gaetano Majorana e Boggio Lera (solo per citarne alcuni) che, insegnando nel nostro Istituto, hanno arricchito il laboratorio di strumenti oggi di inestimabile valore. PROGETTO MUSEO VIRTUALE Verrà realizzato un museo virtuale on line per diffondere le conoscenze del patrimonio museale e botanico dell Istituto. 15

18 16 LABORATORI LABORATORI DI INFORMATICA L Istituto è dotato di tre laboratori di informatica. Ogni laboratorio si compone di venti postazioni alunni e una postazione docente con funzioni di server, in rete tra di loro per condividere i dati; i laboratori sono dotati di impianto di video proiezione, diffusione audio e LIM. Un moderno software consente al docente di effettuare spiegazioni interattive e controlli sulle postazioni studenti direttamente dal server. Durante le ore di lezione si impara a conoscere la struttura della macchina, ad utilizzarla tramite sistema operativo Windows e LINUX; si utilizza la suite Office per la gestione dei testi, del foglio elettronico, dei database e delle presentazioni multimediali. Nell articolazione Informatica si studiano i linguaggi di programmazione avanzati quali C++, My SQL, PHP. Un laboratorio è dedicato all informatica del biennio dove si apprende l uso degli applicativi di Office automation. LABORATORIO DI SISTEMI E RETI L Istituto è dotato di un laboratorio di sistemi e reti composto da venti postazioni studenti con le stesse funzionalità dei laboratori di informatica ma dotato di particolari moduli hardware e software per conoscere i principi di funzionamento delle moderne reti di calcolatori e, in particolare, dell architettura e della implementazione delle reti intranet e di Internet. LABORATORIO ECDL L Istituto è dotato di un attrezzato laboratorio sede del test Center ECDL (European Computer Diving Licence) presso il quale gli studenti, i docenti, il personale ATA e quanti ne facciano richiesta possono sostenere gli esami per acquisire la patente Europea. AULE MULTIMEDIALI Sono presenti due aule dotate di LIM nelle quali sono presenti da 20 a 25 postazioni di lavoro. Il valore aggiunto presente nei laboratori è determinato dalla presenza dei telecomandi risponditori e dalle tavolette connesse alla LIM, tramite i quali gli studenti possono interagire col docente attivando in tale modo una comunicazione attualmente impensabile in un laboratorio tradizionale. Le due aule ospitano anche le esercitazioni di matematica.

19 LABORATORIO DI TELECOMUNICAZIONI L attività che si svolge nel laboratorio di Elettronica e Telecomunicazioni è finalizzata alla simulazione, alla realizzazione di circuiti e all effettuazione di misure sugli stessi al fine di verificare leggi, principi o metodi già studiati in precedenza o di scoprirne altri non ancora studiati. La disposizione degli arredi e la dotazione del laboratorio permettono la realizzazione di esperienze individuali o di gruppo. Il laboratorio è organizzato con dieci postazioni di lavoro in ciascuna delle quali possono esercitarsi due o tre studenti; ogni postazione è dotata di un computer dotato di collegamento Internet e di software mediante cui simulare, con un interfaccia molto reale, il funzionamento dei circuiti. Per quanto riguarda la realizzazione hardware la dotazione del laboratorio permette agli studenti di utilizzare la componentistica necessaria (breadboard, basette forate, circuiti integrati, ecc.) e di avvalersi di strumenti idonei utilizzati negli ambienti di lavoro del settore quali oscilloscopi, anche a memoria digitale, generatori di funzione, multimetri digitali, alimentatori. Il laboratorio dispone inoltre di un insieme di apparati didattici opportunamente concepiti e scelti per lo studio dell Elettronica analogica e digitale e delle Telecomunicazioni. LABORATORIO ECOFIN Fornito di LIM, 25 postazioni studenti e una docente con funzioni di server in rete tra di loro, è utilizzato dai corsi del settore economico. Utilizzando gli applicativi gestionali, simula dei reali ambienti professionali. Anche l indirizzo Turismo usufruisce del laboratorio e in quanto dotato di un modernissimo software di gestione turistico- -alberghiera e di una connessione Internet consente la simulazione delle prenotazioni aeree on line. Il laboratorio ospita anche le competizioni di Business Game della LIUC-Università Cattaneo. 17

20 LABORATORIO LINGUISTICO L Istituto è dotato di un laboratorio linguistico multimediale e interattivo di moderna concezione. È composto da una consolle insegnante collegata ad un adeguato numero di postazioni autonome. Il laboratorio linguistico è integrato con una rete didattica che permette all insegnante di avere pieno controllo dei computer e una connessione ad Internet veloce. L installazione dell antenna parabolica permette, inoltre, in qualsiasi momento delle ore curriculari, di potersi collegare su qualunque rete satellitare straniera per guardare e ascoltare telegiornali, film, serie televisive o anche la semplice pubblicità, in modo da mettere i ragazzi direttamente a contatto con la realtà delle Nazioni di cui studiano la lingua. LABORATORIO MOBILE L Istituto è dotato di un laboratorio mobile basato su tablet in grado di essere spostati facilmente in una normale aula. I tablet, dotati di apparato Wi-Fi, possono accedere alla rete wireless di Istituto e i docenti possono veicolare contenuti didattici multimediali disponibili in intranet e Internet nonché svolgere test automatizzati on line. Sono, inoltre, disponibili in via sperimentale i moderni lettori kindle di e-book (libri elettronici) in vista delle nuove norme sui libri di testo. 18

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli