ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA. ormativa. F Piano O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA. ormativa. F Piano O"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA 5 ormativa F a t r e f f Piano O - 01 o ic t s la o c Anno S

2

3 SOMMARIO 2. INTRODUZIONE 4. Il NUOVO ORDINAMENTO INDIRIZZI DI STUDIO CALENDARIO SCOLASTICO CONTATTI E LOCALIZZAZIONE ESTRATTO REGOLAMENTO 8. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 150 ANNI DI STORIA CONTESTO SOCIO-ECONOMICO STRUTTURA AULA MAGNA BIBLIOTECA MUSEI LABORATORI PALESTRA E CAMPI ESTERNI ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI ORGANIGRAMMA 27. OFFERTA FORMATIVA CURRICULARE OBIETTIVI EDUCATIVI E CULTURALI AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TURISMO INFORMATICA 31. AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PROGETTI DI SISTEMA PROGETTI PARASCOLASTICI PROGETTI PER L ECCELLENZA PROGETTI EXTRACURRICULARI ATTIVITÀ SPORTIVE 41. ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA PROGRAMMAZIONE METODOLOGIE VERIFICHE VALUTAZIONE DEL PROFITTO VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI ATTIVITÀ DI RECUPERO E POTENZIAMENTO FORMAZIONE CLASSI AREA SOSTEGNO E INCLUSIONE 48. CARLO GEMMELLARO

4 INTRODUZIONE Stiamo vivendo in un epoca nella quale i bisogni di informazione e di formazione sono determinanti nella vita di ogni individuo e comportano la necessità di un continuo aggiornamento a fronte della crescente richiesta di più alti livelli professionali. La scuola deve essere interprete attenta delle esigenze sociali, promuovere e trasmettere gli stimoli provenienti da una società in movimento e saper mettere in atto strumenti e metodi per incidere sulla formazione e l aggiornamento. L Istituto di Istruzione Superiore Statale Carlo Gemmellaro, attento ad individuare i fabbisogni culturali e formativi del territorio, fornisce un offerta formativa aggiornata e completa. Il Piano dell Offerta Formativa (POF) rappresenta il documento fondamentale, costitutivo dell identità etico-culturale e progettuale dell Istituto, in cui vengono esplicitate le scelte curriculari, extracurriculari ed organizzative, adottate al fine di garantire il successo formativo dello studente. Particolare attenzione è dedicata alle esigenze dei singoli discenti, ai loro stili cognitivi ed alla loro crescita umana, relazionale e culturale. Ciò è possibile grazie alla collaborazione di tutta la comunità: docenti, personale ATA, alunni e genitori, nonché della ex Provincia di Catania (Libero Consorzio Comunale) e degli uffici periferici del MIUR. La collegialità rimane, dunque, il fattore primario di successo per poter affrontare i percorsi di sviluppo, particolarmente impegnativi in quanto nell a.s. 2014/2015 va a regime il nuovo ordinamento dell istruzione tecnica. Particolarmente importante è il ruolo del Consiglio di Istituto, del Collegio Docenti e dei Consigli di Classe, che apportano il loro contributo critico e di proposta con spirito costruttivo. I Dipartimenti assumono via via il ruolo che il riordino assegna loro. La RSU opera fattivamente per il miglioramento della contrattazione di Istituto e nella conduzione di efficaci relazioni sindacali. Il Comitato studentesco svolge un importante compito di discussione e proposta. Notevole attenzione è data alla sicurezza con l aggiornamento del DVR (Documento Valutazione Rischi), delle planimetrie e del piano d evacuazione. Lo scorso anno sono state migliorate le due reti d Istituto con la gestione a controllo di dominio ed è stata attivata una protezione antivirus centralizzata. L impegno dei docenti, del personale ATA, l entusiasmo e il coinvolgimento degli studenti hanno consentito la realizzazione di progetti innovativi ed entusiasmanti, che hanno avuto riconoscimenti sia nazionali che locali, frutto della volontà di creare una scuola vissuta e partecipata. È una vera e propria galleria di premi e riconoscimenti. Tra questi possiamo menzionare il premio Libero Grassi. Altrettanto importanti sono state le manifestazioni organizzate i primi 150 anni dell Istituto. I nostri allievi hanno, inoltre, ottenuto successi in ambito sportivo, dove sono stati sempre fra i primi classificati nelle diverse gare a cui hanno partecipato. Non meno coinvolgenti e particolarmente istruttive sono state le visite d istruzione effettuate dagli alunni del quinto anno. Negli anni precedenti, alcuni alunni hanno rappresentato la scuola alla manifestazione di apertura dell anno scolastico alla presenza del Presidente della Repubblica. L allievo più meritevole è stato premiato con la borsa di studio Felicia Cavallaro. 2

5 I corsi PON sono stati orientati ad incrementare il successo formativo degli studenti. Nell a.s. 2013/14 è stato concluso il PON F3, articolato in diversi moduli mirati all inclusione degli alunni a rischio dispersione. E stato, per la prima volta, attivato un percorso anche per gli alunnni in grado di potenziare i già buoni risultati con attività di apporfondimento curriculare in ambienti esterni e di rafforzamento delle capacità relazionali. Il persorso è proseguito con il corso Diventare imprenditori - IGS e quindi con lo stage PON C5 Fare azienda svoltosi presso una importante strutura alberghiera. Questo gruppo di alunni ha, poi, migliorato le capacità di comunicazione partecipando agli stage linguistici estivi in Francia ed Inghilterra, finanziati dal PON C1. Questa innovativa attenzione agli studenti ha portato al progetto Encelado dove un gruppo di alunni sperimenta l esperienza di una attività professionale cooperativa autonoma. Nell a.s. 2014/2015 consolideremo i risultati ottenuti e proseguiremo verso nuovi traguardi grazie al contributo di tutta la comunità del nostro Istituto. Dott. Pasquale Levi Dirigente scolastico I.I.S.S. Carlo Gemmellaro Catania 3

6 IL NUOVO ORDINAMENTO Dall anno scolastico 2014/2015 è a regime il nuovo ordinamento che prevede: un orario complessivo annuale di 1056 ore, con 32 ore settimanali di lezione; solo per il primo anno dell indirizzo informatico e telecomunicazioni, si ha un orario annuale complessivo di 1089 ore con 33 ore settimanali di lezione; due aree di istruzione generale: 1. Settore Economico con l indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e l indirizzo Turismo; 2. Settore Tecnologico, con l indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica; un primo biennio articolato, per ciascun anno, in 660 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 396 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo, ai fini dell assolvimento dell obbligo di istruzione. Solo per il primo anno dell indirizzo informatico e telecomunicazioni sono previste ulteriori 33 ore di geografia; un secondo biennio, articolato per ciascun anno, in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo; un quinto anno articolato in 495 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e in 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo; la costituzione di dipartimenti, articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti, per un aggiornamento costante dei percorsi di studio, soprattutto nelle aree disciplinari di indirizzo; l istituzione di un Comitato tecnico-scientifico, con composizione paritetica di docenti ed esperti, finalizzato a rafforzare il raccordo sinergico tra gli obiettivi educativi della scuola, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali espressi dal mondo produttivo. INDIRIZZI DI STUDIO SETTORE ECONOMICO PERITO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda. PERITO NEL TURISMO Ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, oltre a competenze specifiche nel comparto delle aziende del settore turistico. Opera nel sistema produttivo con particolare attenzione alla valorizzazione e fruizione del patrimonio paesaggistico, artistico, culturale, artigianale, enogastronomico. Integra le competenze dell ambito gestionale e della produzione di servizi/prodotti turistici con quelle linguistiche ed informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione, sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. SETTORE TECNOLOGICO PERITO IN INFORMATICA Ha competenze specifiche nell analisi e nello sviluppo di programmi, librerie o componenti a basso livello; sa operare con i principali sistemi operativi e protocolli di rete; è capace di progettare, realizzare, collaudare e mantenere basi di dati; ha la preparazione per realizzare siti internet e servizi personalizzati composti da pagine statiche o dinamiche, attraverso la padronanza acquisita nei linguaggi web personalizzati. 4

7 CALENDARIO SCOLASTICO Le lezioni iniziano il 15 settembre 2014 e terminano il 9 giugno Su delibera del Collegio dei Docenti, l anno scolastico è suddiviso in un trimestre e un pentamestre. Le lezioni iniziano alle ore 8:00 secondo la scansione seguente: Lunedì ingresso ore 8:00 uscita ore 13:00 - le prime informatica ore 14,00 Martedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì ingresso ore 8:00 uscita ore 14:00 Sabato ingresso ore 8:00 uscita ore 11:00 È stato, inoltre, stilato un piano di lavoro annuale, approvato dal Collegio dei Docenti, in cui sono state inserite sia le festività che tutte le attività previste per l anno scolastico in corso: Vacanze natalizie: dal 22 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 inclusi Vacanze pasquali: dal 2 aprile 2015 al 7 aprile 2015 inclusi Festa della Patrona: Sant Agata 5 febbraio 2015 Festività nazionali infrasettimanali: Tutti i Santi:1 novembre 2014 Immacolata Concezione: 8 dicembre 2014 Festa della Liberazione: 25 aprile 2015 Festa del lavoro: 1 maggio 2015 Festa della Repubblica: 2 giugno 2015 Festa della Regione Siciliana: 15 maggio 2015 Sospensione delle attività didattiche deliberate dal Consiglio di Istituto: 2 maggio 2015 e 1 giugno 2015 Incontri scuola famiglia pomeridiani: 25 novembre 2014: Prime classi 26 novembre 2014: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi A.F.M. e Informatica 27 novembre 2014: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi Turismo 25 marzo 2015: Prime classi 26 marzo 2015: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi A.F.M. e Informatica 27 marzo 2015: Seconde, Terze, Quarte e Quinte classi Turismo Si ricorda che, tutti i genitori che ne abbiano necessità possono richiedere incontri su appuntamento con il Dirigente scolastico, i suoi collaboratori, il coordinatore di classe e i docenti del Consiglio di Classe. La scuola, inoltre, è a disposizione dei genitori offrendo la disponibilità di aule per incontri, per momenti assembleari e per ogni attività che sia proposta e programmata. Corsi IDEI - Attività di Recupero e Potenziamento: Recupero e potenziamento post scrutinio intermedio dal 7 al 30 gennaio 2015 Recupero post scrutinio finale dal 22 giugno al 8 luglio 2015 con verifiche e scrutinio integrativo entro il 14 luglio 2015 Periodo viaggi di istruzione: aprile Esami di Stato: prima prova scritta 17 giugno

8 CONTATTI E LOCALIZZAZIONE Centralino: Fax: / E - Mail: Sito Web: Pec: Orario ricevimento del Dirigente scolastico Da Martedì a Venerdì, nel pomeriggio su appuntamento: 17:00-19:00 Orario ricevimento Segreteria Didattica Martedì Giovedì Sabato: 10:00-12:00 Mercoledì: 16:00-18:00 Foto Google I.I.S.S. Carlo Gemmellaro MEZZI DI TRASPORTO - AUTOLINEE: Misterbianco Belpasso Centuripe Motta Sant Anastasia Catania FCE FCE ROMANO FCE AMT 6

9 ESTRATTO REGOLAMENTO Ingresso ed uscita dall Istituto art. 01 Ingresso e permanenza in Istituto senza motivazione dello studente assente dalle lezioni AV art. 02 Mancato rispetto dell orario scolastico AV Ingresso ed uscita dalle aule art. 03 Lo studente esce arbitrariamente fuori dall aula durante il cambio dell ora AV art. 04 Lo studente si allontana dall aula per più di 15 minuti senza motivazione AS Lo studente si allontana arbitrariamente dall Istituto durante le ore di lezione. Si intrattiene con estranei presenti in Istituto art. 05 senza adeguata motivazione SAD5 art. 06 Accesso arbitrario ai servizi igienici - uso arbitrario dell ascensore AV art. 07 Accesso alla sala docenti AV art. 08 Consumo di cibo e bevande nelle classi e nei laboratori durante le ore di lezione AV Pausa di socializzazione Mancato rispetto delle indicazioni dei docenti della terza ora, che vigilano nelle vicinanze dell aula e dei collaboratori scolastici che vigilano sulle aree di reparto loro assegnate, nella funzione di vigilanza della pausa art. 09 AS art. 10 Rientro in classe oltre 5 minuti dopo la fine della pausa AV art. 11 Accesso al servizio di ristorazione al di fuori dell orario consentito AV art. 12 Accesso alle macchinette distributrici durante l orario delle lezioni AV Comunicazioni interne art. 13 Mancata notifica delle comunicazioni interne ai genitori, ove previsto AS Assenze art. 14 Superamento del monte ore massimo di assenze consentite NAS art. 15 Mancato rispetto del termine stabilito in un apposita comunicazione interna per il ritiro del libretto delle giustificazioni AS art. 16 Mancata giustificazione entro 2 giorni dal rientro AV art. 17 Inattendibilità e irrilevanza delle motivazioni delle assenze AV art. 18 Arbitrarie ed ingiustificabili assenze collettive AS Rispetto delle persone e dei loro beni art. 19 Sottrazioni oggetti personali altrui SAD5 art. 20 Danneggiamento di oggetti altrui SAD5 art. 21 Tenere comportamenti che possano mettere in pericolo l incolumità propria o altrui SAD5 Atti di bullismo sotto forma di comportamenti aggressivi e di intimidazione nei confronti dei pari,come, ad esempio molestie art. 22 verbali, aggressioni fisiche, persecuzioni, discriminazioni etniche, confessionali, di genere o di orientamento sessuale SAD15 art. 23 Alterchi tra studenti o tra studente e personale dell istituto con atteggiamenti aggressivi e minacciosi SAD5 art. 24 Aggressioni fisiche contro persone SAD15 art. 25 Contatto fisico immotivato. AS Rispetto delle strutture e dei beni dell Istituto art. 26 Sottrazione di dotazioni didattiche e di segreteria. AS art. 27 Danneggiamento colposo o doloso di dotazioni didattiche. AS - SAD5 art. 28 Danneggiamento colposo o doloso di infissi, vetri, arredi, servizi igienici, segnaletiche e impianti/strumenti tecnici di Istituto. AS - SAD5 art. 29 Mancato rispetto delle norme relative alla raccolta differenziata dei rifiuti. AV Comportamento durante le attività art. 30 Alzarsi dal posto assegnato senza autorizzazione del docente. AV art. 31 Parlare tra studenti di argomenti non correlati alla lezione in corso. AV art. 32 Disturbare o alterare le verifiche tramite suggerimenti, copiatura o uso di sussidi o sistemi non autorizzati durante le verifiche. AV art. 33 Alterazione o falsificazione dei compiti e/o delle valutazioni degli stessi. AS Uso non autorizzato di telefoni cellulari, riproduttori musicali e/o dispositivi di ripresa audio/video, nei locali della scuola durante l orario scolastico. art. 34 AS art. 35 Effettuare foto o riprese (di persone, luoghi o fatti), durante l attività scolastica. AS art. 36 Illecita diffusione e/o pubblicazione anche su Internet di foto o riprese effettuate durante l attività scolastica. SAD5 art. 37 Mancata testimonianza sui fatti di cui oggettivamente lo studente è testimone. SAD5 AV: ammonizione verbale AS: ammonizione scritta - SAD5: sospensione dalle attività didattiche fino a 5 giorni SAD15: sospensione dalle attività didattiche fino a 15 giorni - SAD: sospensione dalle attività didattiche oltre 15 giorni - NAS: non ammissione scrutinio finale 7

10 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 150 ANNI DI STORIA L I.I.S.S. Carlo Gemmellaro di Catania, istituito all indomani dell Unità d Italia il 30 ottobre 1862 con R.D. n. 940, è una delle più antiche istituzioni scolastiche catanesi e si gloria di aver avuto in passato, tra docenti e allievi, illustri personaggi quali Sabatino Lopez, Orazio Silvestri, Enrico Boggio Lera, Sebastiano Catania, Federico De Roberto, Vincenzo Amato, Quirino Majorana, Epicarmo Corbino. È stato fondato come Regio Istituto Tecnico di Catania, insieme con altri di varie città italiane; all origine proponeva la sola sezione agronomica, ma ben presto vennero inaugurate anche le sezioni commercio e ragioneria, geometri, fisico-matematico (corrispondente all attuale liceo scientifico). L inaugurazione, avvenuta il 15 dicembre 1862, precedette di tre mesi l avvio delle attività didattiche, che ebbero inizio il 15 marzo 1863, in un modesto appartamento di proprietà di donna Maria Carcaci vedova Bonaiuti. Già nel 1864 l Istituto si trasferì nella casa Caminiti in piazza Nuovaluce 11 (oggi piazza Vincenzo Bellini) e nel 1866 nell ex convento di Santa Caterina al Rosario di via Vittorio Emanuele 156, oggi sede dell Archivio di Stato. Intorno al 1869 spostò nuovamente la sua sede presso l ex monastero di San Nicolò all Arena. 8

11 Nella nuova e prestigiosa sede ebbe inizio la più che centenaria evoluzione di questo glorioso Istituto. Infatti nel 1872 venne aggiunta la sezione fisico matematica con un conseguente ampliamento dei locali dell Istituto con l acquisizione di tutta l ala nord del piano superiore e del cosiddetto coro notte, adibito a sala disegno. Tre anni dopo fu avviata la sezione commercio e amministrazione e fondato l Istituto nautico che rese necessaria l acquisizione del refettorio grande dei monaci. Nel 1872 il Collegio dei Professori propose il nome da assegnare all Istituto e tra quello di Carlo Gemmellaro e di Caronda prevalse il primo. Nell anno 1884 le sezioni in cui esso si articolava erano ben quattro: fisico-matematica (attuale liceo scientifico), agrimensura (attuale tecnico per geometri), agronomia (attuale tecnico agrario) e ragioneria. Quattro anni dopo l Istituto assunse la denominazione di Regio Istituto Tecnico e Nautico Carlo Gemmellaro. Solo nel 1933, a seguito della riforma dell istruzione media (Legge 15 giugno1931, n.889), l Istituto prese il nome di Regio Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Carlo Gemmellaro. Nel 1961 l Istituto si scisse in Istituto Tecnico Commerciale, che restò nella sede del monastero dei Benedettini ed in Istituto Tecnico per Geometri che si trasferì in via Cesare Vivante, assumendo il nome di G. B. Vaccarini. È nel 1976 che fu inaugurato il nuovo, moderno e spazioso complesso di Corso Indipendenza, dove l Istituto ha sede tutt oggi. Dall anno scolastico 2000/2001, fu istituito il biennio dell Istituto Tecnico Industriale; con questo la scuola cercò di adeguare l offerta culturale alle esigenze sempre più nuove e diverse della società moderna per dare ai giovani la possibilità di affiancare alla tradizionale istruzione tecnica, un istruzione fondata sulla conoscenza delle nuove tecnologie della comunicazione. Dall anno scolastico 2003/2004 è operante l indirizzo per il Turismo che trova un suo spazio formativo ed una sua necessità nel panorama dell istruzione secondaria di un paese come l Italia, che fonda la propria economia sull attività turistica. L Istituto cerca, così, di rispondere all esigenza di formazione dei giovani del territorio, costituendo una risorsa importante per lo sviluppo di nuove professionalità, potenziando da un lato la sua specifica identità e, dall altro aprendosi alle esigenze provenienti dal mondo del lavoro e della produzione. Dall anno scolastico 2010/2011 l Istituto attua progressivamente il nuovo ordinamento con i seguenti corsi: per il settore Economico, l indirizzo Amministrazione, finanza e marketing e l indirizzo Turismo, per il settore Tecnologico l indirizzo Informatica e Telecomunicazione articolazione Informatica. CONTESTO SOCIO ECONOMICO L Istituto è inserito in una vasta area del Comune di Catania, e precisamente nel quartiere San Leone-Rapisardi, nome della V circoscrizione di Catania, popolata da circa quarantacinquemila abitanti. Si tratta di un area compresa tra viale Mario Rapisardi e corso Indipendenza, ad ovest della città in cui il territorio è stato urbanizzato intorno agli anni trenta. L area è sede di numerose attività artigianali e commerciali ed è molto vicina alla zona industriale di Misterbianco ed ai grandi centri commerciali. Non molto distante è anche la zona industriale di Catania dove sono ubicate numerose imprese industriali, anche multinazionali. L Istituto costituisce, inoltre, un polo di attrazione per i giovani dei comuni viciniori di Misterbianco, Motta Sant Anastasia, Belpasso, ben collegati grazie ad un adeguato sistema di mezzi pubblici di trasporto. Gli studenti, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, provengono da diverse realtà le cui caratteristiche si distinguono tra loro sia sotto il profilo culturale che economico. Nel contesto così delineato, l intervento dell Istituto, nella formazione umana e culturale degli studenti, è attuato mediante strategie individualizzate volte alla piena valorizzazione delle potenzialità dei giovani e ad una formazione professionale mirata ad assicurare le più ampie possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. 9

12 STRUTTURA La sede dell Istituto è un edificio degli anni Settanta, con un ala dedicata agli uffici amministrativi. Le aule si affacciano su ampi spazi verdi interni e sono grandi ed ariose. La scuola è dotata di laboratori all avanguardia. UFFICIO DI VICEPRESIDENZA La vicepresidenza assicura un servizio continuo per la comunità didattica e dispone di ampi locali e di moderni computer in rete per lo svolgimento dei compiti istituzionali. SALA DOCENTI È il luogo d incontro dove i docenti esplicano tutte le attività non curriculari. La sala tradizionale è stata ampliata con una modernissima sala multimediale composta di PC all in one con collegamento Internet. SERVER E RETE DI ISTITUTO L Istituto è dotato di una rete LAN e WIFI che collega tutti i computer. È attiva una sala server dotata di potenti computer che ospitano anche il sito web dell Istituto. 10

13 AULA MAGNA In essa si svolgono riunioni del Collegio dei Docenti e del Comitato studentesco degli alunni, corsi di aggiornamento per i professori, convegni, conferenze per gli studenti, tenute anche da personale esterno. È provvista di un computer multimediale in rete intranet ed Internet, con videoproiezione su ampio schermo per la visione di film, documentari e diapositive; dispone, inoltre, di un impianto di amplificazione, di vari mezzi multimediali e di podio per i relatori congressuali. Foto 11

14 BIBLIOTECA L Istituto è dotato di un antica Biblioteca dei Professori con pregiate scaffalature dell 800, provenienti dal Monastero dei Benedettini. Essa è attiva fin dal primo anno di fondazione dell Istituto; da un verbale del 12 ottobre 1863, si evince che il primo bibliotecario fu il prof. Vincenzo Bellia Sapuppo. Nel 1908 nacque la Biblioteca degli Studenti, per la solerzia del Prof. Angelo Salvatore, ordinario di Lettere Italiane, che acquisì come primo contingente i volumi offerti da insegnanti, studenti e semplici cittadini. Essa si andò, via via, arricchendo con i contributi degli studenti che vi si iscrissero come soci, e con i sussidi che elargì il Ministero. Negli anni a venire la Biblioteca si arricchì di opere relative ai vari insegnamenti, oltre che di preziose pubblicazioni che le conferiscono ancora oggi un indiscutibile pregio storico e culturale. Attualmente la nuova Biblioteca è dotata di oltre volumi. 12

15 SERVIZI DI RISTORAZIONE L Istituto, al suo interno, è dotato di distributori automatici per le bevande, gli snack e il caffè; in apposito spazio, invece, vengono distribuiti, durante la pausa di socializzazione, prodotti di tavola calda. PARCO GIARDINO L Istituto sorge al centro di un ampio parco giardino; nelle belle giornate, negli spazi previsti, è possibile svolgere attività motorie e didattiche. Vaste aree asfaltate consentono il parcheggio di automezzi e motorini. Gli spazi verdi, curati dalla Provincia Regionale di Catania, mettono in risalto un armonica visione dell insieme. C.I.C. Il C.I.C. (Centro di Informazione e di Consulenza) è un servizio della scuola per gli studenti che si avvale di qualificati operatori del Servizio Sanitario Nazionale. Esso programma attività aggregative, sportive e culturali, di informazione sulla salute e su argomenti propri dell età adolescenziale e giovanile, di ascolto e di aiuto per i problemi relazionali e di crescita dello studente. 13

16 MUSEI MUSEO STORICO DI SCIENZE NATURALI All interno dell Istituto è ubicato un museo storico di Scienze Naturali nel quale è possibile ammirare oltre un migliaio di pezzi tra animali imbalsamati o conservati in ampolle, conchiglie fossili, reperti mineralogici ed altri preparati di interesse scientifico e didattico. Raccoglie tutto ciò che è stato donato o acquistato nell arco di un secolo e mezzo di storia dell Istituto a partire dal 1862 ad oggi. Bisogna ricordare che alla realizzazione di questa collezione hanno contribuito diverse personalità di grande spicco nella storia della ricerca scientifica, secondo fonti documentarie che risalgono al Le vicissitudini storiche e i ripetuti trasferimenti hanno irrimediabilmente causato un forte depauperamento e la scomparsa della primitiva identità di queste collezioni e reso spesso impossibile risalire all origine del materiale. Tutte le collezioni, attualmente presenti nel Museo dell Istituto, lo rendono interessante e unico dal punto di vista scientifico, storico e didattico-educativo. 14

17 MUSEO STORICO DI FISICA Il laboratorio di fisica dell I.I.S.S. Carlo Gemmellaro è certamente uno degli ambienti di maggior fascino, sia per l enorme quantità di attrezzatura scientifica presente, in parte ancora funzionante, sia per l aria misteriosa emanata da macchine di una bellezza inaudita. Si tratta di macchine da laboratorio risalenti addirittura alla seconda meta dell ottocento se non addirittura prima, per finire a modernissimi sensori di rilevazione di varie grandezze fisiche che si interfacciano con modernissimi computer. Gli strumenti presenti nel nostro laboratorio coprono quasi tutto il campo della fisica passando dalla Meccanica all Acustica per approdare infine alla Termodinamica e all Elettricità. Questo enorme patrimonio è dovuto essenzialmente alla presenza in Istituto di fisici del calibro di Orazio Silvestri, Gaetano Majorana e Boggio Lera (solo per citarne alcuni) che, insegnando nel nostro Istituto, hanno arricchito il laboratorio di strumenti oggi di inestimabile valore. PROGETTO MUSEO VIRTUALE Verrà realizzato un museo virtuale on line per diffondere le conoscenze del patrimonio museale e botanico dell Istituto. 15

18 16 LABORATORI LABORATORI DI INFORMATICA L Istituto è dotato di tre laboratori di informatica. Ogni laboratorio si compone di venti postazioni alunni e una postazione docente con funzioni di server, in rete tra di loro per condividere i dati; i laboratori sono dotati di impianto di video proiezione, diffusione audio e LIM. Un moderno software consente al docente di effettuare spiegazioni interattive e controlli sulle postazioni studenti direttamente dal server. Durante le ore di lezione si impara a conoscere la struttura della macchina, ad utilizzarla tramite sistema operativo Windows e LINUX; si utilizza la suite Office per la gestione dei testi, del foglio elettronico, dei database e delle presentazioni multimediali. Nell articolazione Informatica si studiano i linguaggi di programmazione avanzati quali C++, My SQL, PHP. Un laboratorio è dedicato all informatica del biennio dove si apprende l uso degli applicativi di Office automation. LABORATORIO DI SISTEMI E RETI L Istituto è dotato di un laboratorio di sistemi e reti composto da venti postazioni studenti con le stesse funzionalità dei laboratori di informatica ma dotato di particolari moduli hardware e software per conoscere i principi di funzionamento delle moderne reti di calcolatori e, in particolare, dell architettura e della implementazione delle reti intranet e di Internet. LABORATORIO ECDL L Istituto è dotato di un attrezzato laboratorio sede del test Center ECDL (European Computer Diving Licence) presso il quale gli studenti, i docenti, il personale ATA e quanti ne facciano richiesta possono sostenere gli esami per acquisire la patente Europea. AULE MULTIMEDIALI Sono presenti due aule dotate di LIM nelle quali sono presenti da 20 a 25 postazioni di lavoro. Il valore aggiunto presente nei laboratori è determinato dalla presenza dei telecomandi risponditori e dalle tavolette connesse alla LIM, tramite i quali gli studenti possono interagire col docente attivando in tale modo una comunicazione attualmente impensabile in un laboratorio tradizionale. Le due aule ospitano anche le esercitazioni di matematica.

19 LABORATORIO DI TELECOMUNICAZIONI L attività che si svolge nel laboratorio di Elettronica e Telecomunicazioni è finalizzata alla simulazione, alla realizzazione di circuiti e all effettuazione di misure sugli stessi al fine di verificare leggi, principi o metodi già studiati in precedenza o di scoprirne altri non ancora studiati. La disposizione degli arredi e la dotazione del laboratorio permettono la realizzazione di esperienze individuali o di gruppo. Il laboratorio è organizzato con dieci postazioni di lavoro in ciascuna delle quali possono esercitarsi due o tre studenti; ogni postazione è dotata di un computer dotato di collegamento Internet e di software mediante cui simulare, con un interfaccia molto reale, il funzionamento dei circuiti. Per quanto riguarda la realizzazione hardware la dotazione del laboratorio permette agli studenti di utilizzare la componentistica necessaria (breadboard, basette forate, circuiti integrati, ecc.) e di avvalersi di strumenti idonei utilizzati negli ambienti di lavoro del settore quali oscilloscopi, anche a memoria digitale, generatori di funzione, multimetri digitali, alimentatori. Il laboratorio dispone inoltre di un insieme di apparati didattici opportunamente concepiti e scelti per lo studio dell Elettronica analogica e digitale e delle Telecomunicazioni. LABORATORIO ECOFIN Fornito di LIM, 25 postazioni studenti e una docente con funzioni di server in rete tra di loro, è utilizzato dai corsi del settore economico. Utilizzando gli applicativi gestionali, simula dei reali ambienti professionali. Anche l indirizzo Turismo usufruisce del laboratorio e in quanto dotato di un modernissimo software di gestione turistico- -alberghiera e di una connessione Internet consente la simulazione delle prenotazioni aeree on line. Il laboratorio ospita anche le competizioni di Business Game della LIUC-Università Cattaneo. 17

20 LABORATORIO LINGUISTICO L Istituto è dotato di un laboratorio linguistico multimediale e interattivo di moderna concezione. È composto da una consolle insegnante collegata ad un adeguato numero di postazioni autonome. Il laboratorio linguistico è integrato con una rete didattica che permette all insegnante di avere pieno controllo dei computer e una connessione ad Internet veloce. L installazione dell antenna parabolica permette, inoltre, in qualsiasi momento delle ore curriculari, di potersi collegare su qualunque rete satellitare straniera per guardare e ascoltare telegiornali, film, serie televisive o anche la semplice pubblicità, in modo da mettere i ragazzi direttamente a contatto con la realtà delle Nazioni di cui studiano la lingua. LABORATORIO MOBILE L Istituto è dotato di un laboratorio mobile basato su tablet in grado di essere spostati facilmente in una normale aula. I tablet, dotati di apparato Wi-Fi, possono accedere alla rete wireless di Istituto e i docenti possono veicolare contenuti didattici multimediali disponibili in intranet e Internet nonché svolgere test automatizzati on line. Sono, inoltre, disponibili in via sperimentale i moderni lettori kindle di e-book (libri elettronici) in vista delle nuove norme sui libri di testo. 18

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Modugno - Via P. Annibale M. di Francia, Grumo - Via Roma, L ISTITUTO ECONOMICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO TURISMO ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI ORIENTAMENTO SPORTIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

attività integrative sbocchi futuri rapporti scuola famiglia

attività integrative sbocchi futuri rapporti scuola famiglia attività integrative Patente europea del computer (E.C.D.L.) Certificazione internazionale delle competenze linguistiche Stage estivi in azienda Corsi di educazione stradale (patentino) Gruppo sportivo

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 Presentazione degli indirizzi Dalle ore 9:30 alle ore 10:00 Presentazione Liceo Scienze Umane Dalle ore 10:00 alle ore 10.30 Presentazione Liceo Scienze Applicate Dalle

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Piazzale San Sepolcro, 4100 Parma Tel. 051/8176 Fax 051/0641 e-mail albertina@sanvitale.net Web www.sanvitale.net Dove siamo Sede: Piazzale San Sepolcro,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 Come Raggiungerci Tel. 0331/841260 Tel. 0331/519000 Tel. 0331/841260 Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Eugenio Montale Via Gramsci, 1 21049 TRADATE C.F.80101550129 Tel.

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano

Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi. Claudia de Medici Bolzano Istituto di istruzione secondaria di secondo Grado per le scienze umane e per i servizi Claudia de Medici Bolzano Il 14 dicembre 2010 con delibera della Giunta Provinciale l Istituto De Medici è diventato

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE L Istituto Italo Calvino affronta una duplice sfida: rinnovare i tradizionali processi di apprendimento

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

COLLEGAMENTI CON I MEZZI PUBBLICI

COLLEGAMENTI CON I MEZZI PUBBLICI La scuola COLLEGAMENTI CON I MEZZI PUBBLICI Linee AMAT V.le del Fante: 615, 645, 837 Via Resuttana/S.Lorenzo: 628, 619 V.le Strasburgo: 544, 614, 644, 662, 667, 704 P.zza A. De Gasperi: 101, 106, 107,

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

Obiettivi Formativi Obiettivi Formativi: identità diversità integrazione senso critico

Obiettivi Formativi Obiettivi Formativi: identità diversità integrazione senso critico PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA 2014/15 P.O.F. sintesi Obiettivi Formativi La crescita individuale e lo sviluppo armonico della personalità costituiscono le basi su cui costruire il futuro del giovani e della

Dettagli

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68)

SETTORE TECNOLOGICO. Istituto Tecnico Tecnologico V. Cerulli (via Gramsci, 68) I nuovi Istituti tecnici sono raggruppati in 2 settori: Economico Tecnologico L I.I.S. V.Crocetti-V.Cerulli offre ai propri studenti una formazione nel SETTORE ECONOMICO E NEL SETTORE TECNOLOGICO: SETTORE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "EMANUELE MORSELLI INDIRIZZI: CHIMICO - ELETTROTECNICA - MECCANICA E MECCATRONICA- AGRARIA,AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ELETTRONICA- INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore

Istituto d Istruzione Superiore Istituto d Istruzione Superiore Alfonso M. de Liguori Sant Agata de Goti Distretto scolastico n 8 82019 SANT AGATA DEI GOTI (BN) Tel. 0823/953117 0823/953140(fax) Via S. Antonio Abate n. 32 ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore Servizi SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI 1-2 Articolazioni 1-2 SERVIZI di ENOGASTRO- NOMIA SERVIZI di SALA e VEN-

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore. G. Giorgi

Istituto Istruzione Superiore. G. Giorgi Istituto Istruzione Superiore G. Giorgi Informatica e Telecomunicazioni Articolazione Telecomunicazioni Classi Materie di insegnamento I II III IV V Lingua e lett. Ital. 4 4 4 4 4 Storia, Citt. E Cost.

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Il presente Piano delle attività, proposto dal Dirigente

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO DELLE ATTIVITÀ PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16 Organismo di Formazione accreditato Regione Veneto Cert. n. A0363 Istituto Tecnico Tecnologico FRANCESCO SEVERI 35129 PADOVA - Via L. Pettinati, 46 - Distretto n. 44 - Cod. Fisc. 80012040285 Tel. 049 8658111

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore tecnologico Area di istruzione generale RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE via Bartolo Longo 17 - Giugliano in Campania, 80014, Napoli Sede succursale : Via Dante Alighieri, 78 - Giugliano Tel. centrale 081 5061595 Fax 081 8948984 www.minzoni.it

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Il progetto di riordino dell istruzione tecnica intende rilanciare a pieno titolo gli Istituti Tecnici quale migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce

Dettagli

Laparelli. Istituto Tecnico Commerciale. Foiano della Chiana. Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30

Laparelli. Istituto Tecnico Commerciale. Foiano della Chiana. Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Istituto Tecnico Commerciale Laparelli Foiano della Chiana Venerdì 14 dicembre 2012 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Mercoledì 16 Gennaio 2013 dalle ore 15,30 alle ore 18,30 Amministrazione finanza e marketing

Dettagli

IPS S. D Acquisto Bagheria

IPS S. D Acquisto Bagheria IPS S. D Acquisto Bagheria Anno scolastico 2015 2016 PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI DEI DOCENTI CON RELATIVI IMPEGNI AL PERSONALE DOCENTE AGLI ALUNNI E LORO GENITORI AL DSGA INIZIO ANNO SCOLASTICO CLASSI

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

LA TUA SCUOLA SILVIO CECCATO. Gent.mo STUDENTE DELLA SCUOLA MEDIA PROVINCIA DI VICENZA. P.le Collodi, 7 36075 Alte di Montecchio Maggiore

LA TUA SCUOLA SILVIO CECCATO. Gent.mo STUDENTE DELLA SCUOLA MEDIA PROVINCIA DI VICENZA. P.le Collodi, 7 36075 Alte di Montecchio Maggiore SILVIO CECCATO P.le Collodi, 7 36075 Alte di Montecchio Maggiore Via Veneto, 29/31 36075 Montecchio Maggiore LA TUA SCUOLA IMPORTANTE Gent.mo STUDENTE DELLA SCUOLA MEDIA PROVINCIA DI VICENZA i nostri progetti

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO. CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale

TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO. CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale ATERNO-MANTHONÈ St. TURISTICO RELAZIONI INTERNAZIONALI COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO CORSI STUDENTI LAVORATORI - ex serale Via Tiburtina, 0-6519 PESCARA Tel. 085 408-085 418880 petd07000x@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI

ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI ORIENTAMENTO PER GLI STUDENTI DI TERZA MEDIA INFORMAZIONI GENERALI (per procedere nella presentazione cliccare sulle frecce o girare la rotellina del mouse) Nelle pagine seguenti presenteremo una rapida

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

19 ottobre Elezione rappresentanti di sezione dei genitori 21 ottobre Elezione rappresentanti di classe dei genitori

19 ottobre Elezione rappresentanti di sezione dei genitori 21 ottobre Elezione rappresentanti di classe dei genitori Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Vito Fabiano di Latina Via Don Vincenzo Onorati s.n.c., Borgo Sabotino, 04100 Latina

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 2 GRADO TECNICA E PROFESSIONALE Paolo Sarpi Scuola ESABAC Sede legale: via Brigata Osoppo -33078 San Vito al Tagliamento (PN) tel. 0434/80496 tel.0434/80372 fax 0434/833346

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

Melissa Bassi. Istituto Statale di Istruzione Superiore. Guida alla scelta dei corsi TECNICO ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo

Melissa Bassi. Istituto Statale di Istruzione Superiore. Guida alla scelta dei corsi TECNICO ECONOMICO Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo Istituto Statale di Istruzione Superiore Melissa Bassi 2014-2020 PER LA SCUOLA - COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO (FSE-FESR) Guida alla scelta dei corsi TECNICO ECONOMICO Amministrazione, Finanza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ Dis. n. 216 La Carta dei Servizi UGUAGLIANZA Si accettano le domande d iscrizione prescindendo da qualunque forma di esclusione per motivi sociali o familiari. Si accolgono

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI SEDE ASSOCIATA DI MELEGNANO ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI La sede associata dell istituto Piero della Francesca è situata a Melegnano, a pochi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Offerta formativa. ITE F. Severi 2013/2014. Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing. Biennio Amministrazione Finanza e Marketing

Offerta formativa. ITE F. Severi 2013/2014. Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing. Biennio Amministrazione Finanza e Marketing Offerta formativa ITE F. Severi 2013/2014 Biennio Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Relazioni Internazionali per il Marketing Indirizzi di studio

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

nella forma di lezioni preordinative e attività di tutoraggio che saranno tenute dai tutor scolastici (per complessive 20 ore);

nella forma di lezioni preordinative e attività di tutoraggio che saranno tenute dai tutor scolastici (per complessive 20 ore); LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE TEST CENTER ECDL SEDE ACCREDITATA DI ESAMI BX_0016 Via San Tommaso d Aquino n. 4-70124 - Bari Tel./Fax: 080 5043941; 080 5045457; 080 9755459 Sede succursale Viale Papa Giovanni

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe)

Liceo linguistico REGINA MUNDI. «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) Liceo linguistico REGINA MUNDI «Chi non conosce le lingue straniere, non conosce nulla della propria» (Johann Wolfgang von Goethe) OBIETTIVI DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli