il cannocchiale dello storico: miti e ideologie Sezione Dinamiche del contemporaneo Collana diretta da Achille Olivieri A11 488

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il cannocchiale dello storico: miti e ideologie Sezione Dinamiche del contemporaneo Collana diretta da Achille Olivieri A11 488"

Transcript

1 il cannocchiale dello storico: miti e ideologie Sezione Dinamiche del contemporaneo 1 Collana diretta da Achille Olivieri A11 488

2 Direttore Achille Olivieri Università degli Studi di Padova Comitato scientifico Corinne Lucas Fiorato Université de la Sorbonne Nouvelle Paris 3 Jean Claude Margolin Université François Rabelais de Tours François Roudaut Éditions Garnier Paris Comitato di redazione Sandra Secchi Olivieri Università degli Studi di Padova Mario Rosa Scuola Normale Superiore di Pisa Jacques Revel École Pratique des Hautes Études de Paris

3 il cannocchiale dello storico: miti e ideologie La collana trae la sua genesi da una lettura di Galileo: la scoperta di una forma nuova di sapienza. I temi sviluppati riguardano: l influenza di Erasmo nella cultura europea dal Cinquecento al Settecento; il ruolo di Montaigne e del Sarpi; lo studio delle strutture e delle congiunture economiche e sociali; l influenza di Galileo nella cultura del No ve cento. Le metamorfosi della mentalità pertanto accompagnano le ricerche dello storico sperimentale.

4

5 Cent anni di volo a Padova Ideazione e cura di Elisa Ruggiero Atti del Centenario del volo Padova, settembre 2010 Aero Club di Padova In collaborazione con l Università degli Studi di Padova Dipartimento di Storia Contributi di Fabrizio Bucci, Andrea Crismani, Giuseppe D Aura Leonino Da Zara, Adriano Favaro, Enrico Galesso, Mirco Melanco Achille Olivieri, Elisa Ruggiero, Franco Stoppini, Alessandro Varisco e soci dell Aero Club di Padova

6 Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: novembre 2011

7 Indice 9 Presentazione di Elisa Ruggiero 19 Nota della curatrice 21 parte prima L epoca dell aeroplano: protagonisti e immagini del volo 23 Macchine e immagini nella cultura del Novecento. Alcune note di Achille Olivieri 31 Fotografare volando. Storia, arte, impresa. Presentazione del libro di Elisa Ruggiero 43 Fotografare la Grande Guerra. Alcune osservazioni in merito ad aspetti dell utilizzo della fotografia nel contesto della Grande Guerra di Adriano Favaro 59 In volo alla ricerca della Via Annia di Franco Stoppini 73 Usque ad metam: Vienna. Il folle volo dannunziano e le sue premesse letterarie di Andrea Crismani 7

8 8 Cent anni di volo a Padova 83 Res Aëronautica. L avventura del volo raccontata dal cinema (dagli albori alla Seconda Guerra Mondiale) di Mirco Melanco 101 parte seconda Aero Club di Padova 103 La città in volo. La storia e le storie a cura dell Aero Club di Padova 107 Interviste di Elisa Ruggiero 125 parte terza La strada dell Imperatore di Leonino Da Zara La città del silenzio Ricordare, rivivere, rimpiangere: è pregare Il Vittoriale La flotta sopra le montagne «El Zentilomo de San Vio» Signorie d azzurro La strada dell imperatore Concincin, Reginotta di Persia I tromboni di Dresda Matamoro perduto nella neve Il sequestro dell aria Un cuore sacro sopra la collina Il Bosco Milleottocentotrenta Il Re Le legioni di Druso e di Tiberio Il ritorno dell Aiglon I signori della notte La montagna ha chiuso le sue porte Date ali all Italia! Bavaria Sul carro del sole Le fole della voce e dell oscuro 231 appendice Ali d epoca, di Franco Stoppini Dalle Alpi alle Piramidi, di Giuseppe D Aura Ritorno a Salerno, di Franco Stoppini Un pomeriggio particolare, di Fabrizio Bucci Volo a Milano Linate, di Enrico Galesso e Giuseppe D Aura Weekend a Lussino, di Alessandro Varisco 257 Bibliografia 262 Filmografia 263 Gli Autori

9 Cent anni di volo a Padova ISBN DOI / pp (novembre 2011) Presentazione L idea di quest opera sorge a seguito dei festeggiamenti dal titolo Cent anni di volo a Padova, organizzati dall Aero Club patavino il settembre 2010 e delle manifestazioni che si stanno tenendo in Italia e in Europa per il centenario delle attività aeree. L intento è di proporre un opera costituita sia degli atti delle presentazioni svoltesi durante l evento che celebrava il trasporto aereo e terrestre, sia delle testimonianze dei soci dell Aero Club di Padova che hanno organizzato l evento. Le conferenze presentavano il libro Fotografare volando. Storia, arte, impresa di Elisa Ruggiero, che propone un itinerario storico della fotografia eseguita da aeromobili introdotto dalle prime esperienze di ricognizione ottocentesche, sino ai suoi impieghi artistici, cartografici e militari avvenuti nel corso del Novecento. Un altra conferenza presentava il progetto Via Annia, che ha usufruito logisticamente dell Aero Club di Padova e delle plurime competenze dei piloti, divenendo una delle ricerche più importanti del XXI secolo cui il Club ha partecipato. Il progetto è tutt oggi coordinato dalla Dott.ssa Francesca Veronese che lo presenta, sommariamente con questo comunicato: Il Progetto Via Annia, avviato nel 2006 sulla scia di un disegno di legge (n luglio 2004), è stato finalizzato al recupero e alla valorizzazione dell antico tracciato romano che collegava Aquileia ad un capolinea meridionale, ipoteticamente e non univocamente individuato dagli studiosi in Adria. Per molto tempo la Via Annia è stata considerata un non luogo : le poche tracce che di essa sopravvivono erano note quasi esclusivamente agli studiosi. Spina dorsale del nord est, ponte tra il mondo 9

10 10 Cent anni di volo a Padova romano e il cuore dell Europa, cui la univa un sistema viario raccordato, la Via Annia è oggi tornata ad essere protagonista grazie ad un progetto finanziato da ARCUS s.p.a. società che vede agire di concerto il Ministero dei Beni Culturali e quello delle Infrastrutture, dalla Regione del Veneto e dal Comune di Padova e che ha coinvolto, dal punto di vista scientifico, le Soprintendenze per i Beni Archeologici del Veneto e del Friuli Venezia Giulia e due Dipartimenti dell Università di Padova (Geografia e Archeologia). Dal punto di vista operativo, fondamentale è stato il ruolo degli enti attuatori Regione del Veneto, Comuni di Padova, Concordia Sagittaria, Dolo, Aquileia, Provincia di Rovigo, Università di Padova che, con il loro impegno sul fronte amministrativo, hanno reso possibile la realizzazione di tutte le attività. Un progetto di ampio respiro, dunque, che ha inteso coniugare la ricerca scientifica alla valorizzazione. Scavi archeologici, campagne di telerilevamento (il Progetto vanta oggi un archivio di oltre foto oblique scattate da aereo), indagini geofisiche e geomorfologiche sono state realizzate lungo l intero tracciato, con particolare attenzione a quei punti critici per i quali ancora oggi non esistono interpretazioni sicure. Un aumento delle conoscenze è, infatti, il primo passo per far progredire la ricerca, ma non meno fondamentale è valorizzare ciò che è noto 1. Alle conferenze sono intervenuti: Adriano Favaro, giornalista e pubblicista già direttore del F.A.S.T. di Treviso, Elisa Ruggiero, scrittrice, Achille Olivieri, storico, docente presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Padova e Andrea Ninfo, geografo e docente presso la stessa facoltà, Franco Stoppini, pilota. Grazie alla collaborazione della Compagnia Danza Gestuale, presso l Aeroporto Gino Allegri si è tenuta la performance Frattali in volo e come spiega la coreografa Marina Soligon: «L universo è un corpo vivente, un campo unificato. Un frattale è compressione infinita, quando diventiamo frattali risucchiamo dentro di noi il nostro ambiente, e se il nostro ambiente è il cielo (il sacro), questo processo di risucchio può continuare, accrescendo all infinito. Un frattale in volo è un anelito all immortalità». La performance è stata realizzata sulle 1. Questo comunicato stampa è stato redatto in occasione della conferenza tenutasi a Treviso il 4 marzo Lo si riporta per informare il lettore dando voce alla coordinatrice del Progetto menzionato, ringraziandola.

11 Presentazione 11 musiche di Armand Amar e la coreografia curata da Marina Soligon e Elena Baggio, mentre le interpreti erano: Elena Baggio, Giulia Ricciardini, Margherita Taboga, Giulia Toson. Alle conferenze si sono combinati, poi, altri interventi di intellettuali patavini, oltre alle esposizioni di fotografie storiche, bici d epoca, aeromodelli e manifestazioni di auto storiche per il tour Ville del Brenta. Inoltre si sono tenute la gara di regolarità di auto storiche consegnando il Trofeo Gattamelata e un altra gara sempre di auto storiche e di aeromobili alla quale è seguita la premiazione con il Trofeo Volanti e Cloche. Sono stati esibiti aeromobili storici dell Historical Aircraft Group. Inoltre si è data la disponibilità a tutta la cittadinanza di poter vedere dall alto la città attraverso l organizzazione di voli con aeromobili da turismo di ultima generazione, oppure di poter conoscere tecnologie moderne come il volo virtuale. La festa è stata organizzata dall Aero Club di Padova del quale era presidente Moreno Busato affiancato in particolare dai consiglieri Eugenio Poggini e Franco Stoppini. Gli eventi sono stati realizzati in collaborazione con: F.T.O. Padova, Gruppo Volovelistico Patavino, Associazione Volo in Mongolfiera, Bici d Epoca, Circolo Patavino Auto storiche, Compagnia Danza Gestuale, Paolo Severin, Avio Club Virtuale Padova e sponsorizzato da Calzature Pittarello. Gli enti che hanno patrocinato l evento sono rispettivamente: il Comune di Padova, il Comune di Bovolenta, L Aero Club d Italia, S.A.V.E. Aeroporto Marco Polo S.p.a., Aeroporto Civile Gino Allegri di Padova, Il Volo.it. *** La celebrazione del Centenario del volo, oggi, si aggiunge alle commemorazioni italiane come il 150 Anniversario dell Unità d Italia e l 88 Anniversario dell Aeronautica Militare Italiana, costituitasi come Regia Aeronautica il 28 Marzo 1923, con Regio Decreto n. 645, comprendendo tutte le forze aeree dell Esercito, della Marina del Regno d Italia e delle sue colonie. Emerge nei tempi della memoria e delle ricorrenze, la città di Padova, come crocevia del volo, città aerea con il suo cielo e la sua storia, che riuscì a sviluppare concretamente, sin dall avvento dell aerostato

12 12 Cent anni di volo a Padova e dell aeroplano, le esperienze aviatorie, dando un fondamentale contributo all affermarsi del volo. Quest aspetto, tra i più rilevanti è avvenuto in particolare attraverso la figura di Leonino Da Zara, benemerito dell Aviazione 2, del quale «possiamo dire senza tema di smentita, che i campi di aviazione in Italia sono stati lanciati da lui; che l Aeronautica Militare, intesa nel senso moderno è una istituzione scaturita da una sua iniziativa» 3. Indispensabile ai fini di un più approfondito studio intorno a Padova e il volo, dalle origini sino alla prima guerra mondiale, è il libro di Luigi Luppi Padova nella storia del volo 4. Dalle prime esperienze aerostatiche avvenute nel Prato della Valle il 22 agosto 1808 grazie a Pasquale Andreoli e Francesco Zambeccari, Padova dette i natali a Leonino Da Zara, e accolse Aldo Corazza anch egli pioniere del volo. A seguito della prima Guerra Mondiale, Padova sparse nel suo territorio piccoli aeroporti come quello di Isola di Carturo, Grossa di Gazzo, Gazzo, Arquà Petrarca, S. Piero in Gù e il campo di Padova nelle Basse di Brusegana 5. Infine l Aeroporto di S. Pelagio dal quale partì Gabriele D Annunzio e morì Gino Allegri, colui che diede il nome all attuale Aeroporto della città. Sempre la città di Padova è la prima ad ospitare il Museo dell Aria e dello Spazio presso il trecentesco Castello di San Pelagio appartenente dal 1680 ai Conti Zaborra, che divenne poi villa veneta. Nel 1976 fu restaurata e trasformata in Museo di storia aeronautica e dedicata in particolare al ricordo del Volo su Vienna di cui fu protagonista Gabriele D Annunzio. Io stessa rammento 6 con gioia la visita al museo con le collezioni di aerei e cimeli, tra il profumo delle rose come la centifolia muscosa, le ninfee dei giardini, 2. L. Luppi, Padova nella storia del volo, Signum Editrice, Padova 1984, p Ivi, p L. Luppi, Padova nella storia del volo, Signum Editrice, Padova Ibidem. 6. Le seguenti informazioni sono il risultato dei miei appunti a seguito di una visita al Museo del Volo presso il Castello di San Pelagio a Due Carrare Padova. Il museo è anche sede di una Biblioteca e di un archivio. Si rinvia ad esso per una più approfondita e fedele descrizione dei beni conservati e dell importante struttura architettonica. Si ringrazia la Dott.ssa Avesani per la disponibilità.

13 Presentazione 13 gli affreschi quattrocenteschi nelle numerose sale. Entrando nel castello e iniziando il percorso museale mi sono imbattuta negli studi sulle macchine volanti di Leonardo da Vinci come l ornitottero ad ala battente, oppure in una sala dedicata alla musica e al volo. Nella cucina del castello è ancora preparata la tavola come mensa dell 87 a Squadriglia di Gabriele D Annuzio che visse nel castello tra il 1917 e il Nell appartamento di D Annunzio si alloca anche la sala dove si svolse l ultima riunione prima del Volo su Vienna e sono presenti, rappresentati con statue a grandezza naturale, tutti i piloti della Serenissima: Gabriele D Annunzio, Girolamo Allegri, Ludovico Censi, Vincenzo Contratti, Francesco Ferrarin, Aldo Finzi, Giordano Bruno Granzarolo, Antonio Locatelli, Alberto Masprone, Pietro Massoni, Natale Palli e Giuseppe Sarti. Su Gabriele D Annunzio pioniere d Italia per ciò che concerne la storia dell aviazione e le premesse letterarie del folle volo rinvio al contributo dato dal Dott. Andrea Crismani, italianista, ricercatore della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Padova. Poi, tornando alle reminiscenze della visita al museo, ho percorso un lungo itinerario che conduce il visitatore sino ai pionieri veneti, testimonianza di come le attività aviatorie ed i suoi protagonisti siano stati fondamentali per il territorio veneto sin dagli inizi del Novecento: Giannino Ancillotto ( ) 7, originario di San Donà di Piave; Romeo Sartori ( ) 8 e Almerico da 7. Giannino Ancillotto decise di diventare pilota di aeroplano arruolandosi nel Battaglione Aviatori il 4 novembre del 1915, in seguito fu assegnato alla 80 a Squadriglia equipaggiata di Nieuport Bebè, col quale ottenne 11 vittorie anche se il suo nome divenne noto in particolare per l abbattimento del drachen soprannominato Il drago di Rustignè. Grazie a questa impresa ricevette la medaglia d oro al valor militare. La seconda, d argento, la ottenne abbattendo nel 1918 due bombardieri tedeschi. Altre esperienze aviatorie internazionali lo resero famoso in America Latina, Somalia ma il 18 ottobre del 1924 a Bergamo morì in un incidente automobilistico, tuttavia nel suo paese d origine, a San Dona di Piave gli è stato eretto un monumento e gli è stato titolato l Aero Club di Venezia. 8. Romeo Sartori entra nel 1916 nel Battaglione degli Aviatori, a seguito del suo eccellente operato, viene insignito della medaglia d argento. Dopo la Guerra diventò collaudatore sui campi di volo di Mirafiori e Ghedi e istruttore di volo, passando poi

14 14 Cent anni di volo a Padova Schio ( ) 9.Uno tra i pionieri veneti più importanti, segnalato anche al Museo dell Aria e dello Spazio, è come detto prima, Leonino Da Zara ( ). Nacque a Padova e in poco tempo, grazie al sostegno economico della famiglia divenne uno sportman, pilotando prima automobili sportive e, in seguito, aeroplani. Partecipò al primo circuito aereo di Brescia nel 1909 come pilota dell Aerocurvo Ponzelli Miller. Nello stesso anno Da Zara, entusiasta del nuovo mezzo, edificò nei terreni di Bovolenta, paese in provincia di Padova, uno dei primi aerodromi italiani, inaugurandolo il 15 novembre del 1909 come riferisce l indispensabile studio offerto da Giorgio Evangelisti sul quaderno del 1996: Leonino Da Zara e il campo di volo di Bovolenta. 10 Dopo aver conseguito il primo brevetto civile italiano con un aereo Farman, effettuò il suo primo volo su Padova, sorvolando i paesi di Caselserugo, Salboro e la località del Bassanello. Frequentarono da subito il campo con i loro aeroplani: Bonnet, Labranche, il barone Villanfagne, il conte Savorgnan di Brazzà, Emilio Lodesani e anche Gabriele D Annunzio che giunse a Bovolenta il 28 febbraio Leonino Da Zara, grazie alle competenze acquisite nelle sue esperienze di volo, istituì, essendone poi presidente, il primo Aero Club d Italia ovvero quello di Padova, città che si inserisce a pieno titolo tra le prime nell era dell aeroplano. Difatti il rapido sviluppo dell aeronautica sorprese i governi europei e l Italia tentò di dare al programma aeronautico la spinta che sarebbe stata necessaria come fecero le altre nazioni europee. Da Padova, s impostò il Reale Aero Club d Italia a Roma e, Leonino Da Zara, fu vicepresidente alla casa costruttrice Macchi. Per il suo contributo alle imprese aviatorie gli venne titolato il campo di aviazione di Asiago presso Vicenza. 9. Almerico da Schio ( ) che divenne famoso in particolare per il suo impegno nella costruzione di dirigibili e in particolare degli aeropiani, due assi di legno montate ai lati della navicella del dirigibile che valgono sia come superfici ausiliare di sostentamento, sia come timone di profondità. In L. Da Zara, La strada dell Imperatore si veda a p. 178 i riferimenti verso le relazioni intercorse tra Almerigo da Schio e sua Maestà la Regina Margherita di Savoia. 10. G. Evangelisti, Leonino Da Zara e il campo di volo di Bovolenta, Quaderni del Museo dell Aria e dello Spazio San Pelagio (PD), Provincia di Padova, marzo 1996.

15 Presentazione 15 acquisendo, poi, grazie al suo impegno, l incarico come Consigliere del Comitato di Legislazione Aerea presso il Ministero dei Lavori Pubblici e come delegato presso il Tribunale Internazionale dell Arbitrato Aereo di Parigi. Difatti fu precursore nel diritto della navigazione presentando nel 1911 un progetto di legislazione aerea. Oltre ad essere fedele nella cronistoria delle esperienze aviatorie francesi e italiane 11, fu iniziatore della sottoscrizione per dare 100 aerei all Italia del procacciando una flotta di centoventi aerei come annunziò il Generale Dall Olio in una seduta alla Camera il 14 aprile del Il volo scivolante degli aeroplani come indicato nel Manifesto del Futurismo importò i caratteri di dinamismo, modernità dell aeroplano anche in letteratura e nelle arti che si stavano affermando come la cinematografia, divenendo così l emblema del passaggio al nuovo secolo, e dando origine a nuovi generi come il cinema d aviazione. Per ciò che attiene la letteratura, si afferma ancora una volta Leonino Da Zara che oltre ad essere riconosciuto per le sue vittorie automobilistiche e per il suo impegno in campo aviatorio è noto appunto come scrittore. Nella sua produzione letteraria emerge di volta in volta il problema sociale o economico, la gloria del volo, la politica, il film, la cronaca, la novella, il saggio, la commedia, il poema facendo vibrare così tutte le corde della narrazione attraverso una mano piacevole, operosa. Non è casuale quindi la scelta di presentare ai lettori in occasione delle celebrazioni del centenario del volo l opera La strada dell Imperatore 14, una raccolta d impressioni edita per la prima volta nel Impressioni o frammenti ricordi che si presentano 11. Si veda come Da Zara ricostruisce la memoria delle esperienze aviatorie occorse durante i primi del Novecento in: L. Da Zara, La strada dell Imperatore, con prefazione di A. Varaldo, Presidente Società Autori, edizioni Bemporad & Figlio, Firenze L. Luppi, Padova nella storia del volo, Signum Editrice, Padova 1984, p In L. Da Zara, La strada dell Imperatore, pp si può trovare un felice approfondimento dell argomento in questione. 14. L. Da Zara, La strada dell Imperatore, con prefazione di A. Varaldo, Presidente Società Autori, edizioni Bemporad & Figlio, Firenze 1929.

16 16 Cent anni di volo a Padova come «un lungo cammino in mezzo alle ombre» 15 donando vedute soggettive sulle tracce d una Venezia degli anni Venti, ove compare il Zentilomo de San Vio 16, il Canalazzo 17 nella quieta notte veneziana, i viaggiatori pellegrini fra una teoria di vestiti neri 18, ritrovando poi nella Ridotta della Dogaressa 19 una Venezia antica tra baute, amori misteriosi e stradette chiuse 20. Un itinerario che attraversa poi la laguna dalle acque immote 21. Da Zara rammenta e testimonia la corrispondenza con Gabriele D Annunzio che lo invitò alla cena francescana 22 al Vittoriale e non manca di riportare il ricordo di Bovolenta e del campo di volo quando D Annunzio salì con lui a bordo del Voisin. Impressioni dannunziane che lo conducono a Il libro ascetico della giovane Italia 23 del 1926, incastrando in un tempo di memorie il quattrocentesco «tempo dei grandi capitani che combattevano al servizio di una parte o di un altra per dividersi allegramente le nostre più belle terre» 24, oppure l Ottocento francese di Giuseppina Tascher de la Pagerie 25. Nel capitolo Le legioni di Druso e di Tiberio 26 scopriamo che venne premiato ad un concorso cinematografico come uno tra i fautori della rinascita della cinamotografia italiana. Da Zara descrive così il richiamo e l invito dello spettatore per sognare ad occhi aperti nel buio riposante 27 e condividere la solitudine nella moltitudine 28 : «Cartelloni variopinti, visioni di oceani, di praterie, di mondi, di leggende. Nelle sale buie passano così tutte le storie, tutte le epo- 15. Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p G. D Annunzio, Il libro ascetico della giovane Italia, l Olivetana, Milano L. Da Zara, La strada dell Imperatore, cit., p Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ibidem.

17 Presentazione 17 che, tutte le fiabe, traverso le figure giganti nere e bianche del riso, del sorriso, dell emozione» 29. Continua poi inserendosi nel dibattito sulla cinematografia italiana opinando che il cinema «deve essere o cronaca o fantasia o ricostruzione, altrimenti diventa lattemiele da soffitta» 30 mentre i cineoperatori, attori, registi, macchine «moltiplicano sempre i progetti della Luce». Lascio poi al lettore il piacere di percorrere La strada dell Imperatore, evidenziando l occasione data dall opera di combinare alle testimonianze sulla cinematografia italiana di Leonino Da Zara il contributo dato dall intervento intorno al cinema d aviazione del prof. Mirco Melanco, docente di cinematografia documentaria presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Padova. L obiettivo principale di quest opera quindi, offerto ad un pubblico vasto ed eterogeneo, è quello di rendere omaggio a Leonino Da Zara e a Gabriele D Annunzio cogliendo l occasione, attraverso lo scalo in un aeroporto letterario, di proporre un altra lettura di questa storia dell aviazione italiana se non patavina, che naviga come un aereo nei cieli della memoria, della scrittura e delle produzione artistica. Ecco quindi ad introdurre una tra le più fortunate opere di Leonino Da Zara, gli interventi svoltisi durante la manifestazione dei Cent anni di Volo a Padova, pretesto per diffondere la cultura aeronautica, valorizzando il patrimonio documentale e celebrando cento anni di evoluzione nel settore dei trasporti. Il progetto è coordinato dal prof. Achille Olivieri e patrocinato dal Dipartimento di Storia dell Università di Padova e dall Aero Club di Padova. Elisa Ruggiero 29. Ibidem. 30. L. Da Zara, La strada dell Imperatore, p. 150.

18

19 Cent anni di volo a Padova ISBN DOI / pp. 19 (novembre 2011) Nota della curatrice Per ciò che attiene alcuni aspetti stilistici ritengo opportuno segnalare alcune scelte adottate all interno dell opera. Per ciò che attiene il saggio del Dott. Andrea Crismani per la scrittura del nome Gabriele D Annunzio si tenga conto della seguente indicazione: La scelta se scrivere d Annunzio o D Annunzio è una vexata quaestio. Di norma ciascun critico (o aspirante tale) si prende una certa libertà, cercando tuttavia di mantenere un criterio uniforme. In questi ultimi anni, almeno dall inizio delle pubblicazioni delle opere di d Annunzio nei Meridiani, è invalso l uso di scrivere, come d altronde si firmava lo stesso poeta, d Annunzio (su tale forma concordano i massimi critici del poeta, dall Andreoli, a Oliva, da Roncoroni a Santoli, da Gibellini a de Michelis). Io mi attengo pertanto a tale linea, utilizzando D Annunzio con la maiuscola solo quando si trovi all inizio di frase (in ottemperanza a quanto previsto dalla grammatica) o quando con la maiuscola sia inserito all inizio di un titolo di monografia e rivista. Segnalo inoltre la scelta di Franco Stoppini di indicare le sigle senza punti di separazione, anche se un tempo questo uso era invalso per le sigle composte da lettere lette distintamente. 19

20

21 parte prima L epoca dell aeroplano: protagonisti e immagini del volo 21

22

23 Cent anni di volo a Padova ISBN DOI / pp (novembre 2011) Macchine e immagini nella cultura del Novecento Alcune note Achille Olivieri Un libro si muove seguendo la linea di molteplici idee madri 1 che lo ravvivano e permettono al lettore di sottolinearne le principali linee di orientamento. Anche il volume della Elisa Ruggiero, Fotografare volando. Storia, arte, impresa (Roma 2010) non sfugge a questa presenza inquietante. I temi che vengono trattati si muovono all interno di una mappa che se da un lato afferma l importanza della fotografia considerata attraverso i mezzi volanti non manca di avvicinarsi alla figura di Nadar e dell aerostato per congiungersi con la fotografia dal pallone che avviene con Gaston Tissandier. I temi che ulteriormente vengono avvicinati non mancano di iscriversi nell albo delle attenzioni verso le guerre del Novecento, ed in particolare la Prima Guerra Mondiale, la guerra in Libia ed il conflitto con la Turchia e di arricchirsi pertanto di un materiale fotografico che documenta una cultura di guerra. Le culture di guerra possono essere uno degli elementi trainanti del volume, in particolare attraverso la fotografia aerea delle trincee e dei bombardamenti, e la Prima Guerra Mondiale costituisce il campo di esperienze che il volume della Ruggiero prende particolarmente in considerazione. Tuttavia il mondo sotterraneo delle idee madri della storia della cultura rende questo rapporto che si instaura nel volume fra fotografia e guerra, fotografia e movimenti di guerra 1. Si riprende il testo della presentazione del volume della Dott.ssa Elisa Ruggiero avvenuta a Treviso il 4 marzo

24 24 parte prima L epoca dell aeroplano aerea, introducendo una atmosfera ed una sensibilità ora pittorica ora culturale. La sensibilità pittorica costituisce uno dei primi poteri che si insinua attraverso l immagine fotografica ed il ruolo di trasmettere al lettore o a colui che la osserva un potere di persuasione nei riguardi delle vicende entro le quali si colloca. Se si seguono le osservazioni di Édouard Schuré 2 che studia le profezie rinascimentali e le pone in comunicazione con le svolte delle culture che avvengono dopo la Prima Guerra Mondiale e non manca di analizzarle durante gli anni , e tenta di interpretare questi movimenti ove cultura, fotografia, scontro militare, si intersecano come una ricerca di un anima nuova nella storia del Novecento: quest anima si arricchisce con il problema che viene affrontato della libertà dei popoli e della solidarietà umana. Le sue osservazioni non mancano di importanza qualora si studiano le foto aeree presentate nel volume in quanto per Schuré due forme di anima si trovano fra di loro in contatto: l anima prometeica e l anima luciferina. Prometeo e Lucifero si trovano al centro di questa folla di macchine e di uomini che si scontrano per illuminare la storia del Novecento come una storia delle metamorfosi di un Rinascimento perenne: metamorfosi e reincarnazioni 3 creano la possibilità non solo di proporre delle figure in movimento ma anche la sorgente di fenomeni imprevisti. Fra questi fenomeni imprevisti egli colloca la rinascita di un fiume impetuoso che adombra l anima di uno spiritualismo rigeneratore dei popoli e dell Europa. Queste pagine possono essere considerate alla luce di questo specchio che non manca non solo di importanza ma pure di fascino. Non è casuale che il volume che Lei propone si apra con i grandi temi della cultura umanistica e rinascimentale e con le figure di Leon Battista Alberti e di Leonardo Da Vinci. Particolarmente importante appare la presenza di Leonardo Da Vinci in questo viaggio che viene proposto ed in particolare le sue analisi sull uomo e la natura e la machina : le machine volanti vale a dire gli aerei 2. Édouard Schuré, Les prophètes de la Renaissance, Paris 1936, pp. I X. 3. Ibidem, p. 5.

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE Il Prof. Antonio Dal Monte si è laureato in Medicina e Chirurgia a Roma ed ha conseguito la docenza in Fisiologia Umana ed in Medicina dello Sport. E specialista

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: L.R. 11/2013 VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 19 MAGGIO 2014

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: L.R. 11/2013 VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 19 MAGGIO 2014 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 19 MAGGIO 2014 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore X

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

AlessAndro d AveniA Cose CHe nessuno sa 01_D'Avenia_Cose che nessuno sa.indd 3 21/12/12 11.37

AlessAndro d AveniA Cose CHe nessuno sa 01_D'Avenia_Cose che nessuno sa.indd 3 21/12/12 11.37 Alessandro D Avenia COSE CHE NESSUNO SA Questo libro è un opera di fantasia. Personaggi e luoghi citati sono invenzioni dell autore e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione. Qualsiasi analogia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli