Avvertenza Le schede seguenti sono contenute nei fascicoli per le classi prime e seconde

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avvertenza Le schede seguenti sono contenute nei fascicoli per le classi prime e seconde"

Transcript

1 INDICE Avvertenza pag. 2 Gli obiettivi fondamentali dell EF pag. 3 Giochi motori tradizionali pag. 8 I principi generali dell allenamento pag. 17 La mobilità pag. 25 La resistenza pag. 30 L allenamento della forza pag. 37 La coordinazione pag. 48 I processi energetici nel muscolo pag. 55 1

2 Avvertenza Le schede seguenti sono contenute nei fascicoli per le classi prime e seconde - L apprendimento motorio - Il riscaldamento o messa in moto - La condizione fisica - L allenamento con carico naturale - L espressione corporea - La ginnastica agli attrezzi - L atletica leggera - Il salto in alto - Il salto in lungo - Il lancio - La corsa - La psicomotricità - Ritmo, musica e movimento - La pallacanestro - La pallavolo - Il tchoukball - L unihockey - Il baseball - Il rugby 2

3 GLI OBIETTIVI FONDAMENTALI DELL EDUCAZIONE FISICA 1. CONOSCENZE 1.1. Introduzione Gli obiettivi dell educazione fisica, differenziati secondo il Sapere (conoscenze), il Saper fare (capacità) e il Saper essere (attitudini), sono finalizzati all apprendimento di abilità motorie che, tenendo conto delle diverse dimensioni (cognitiva, biologica, relazionale, affettivo-emotiva, espressiva e psicomotoria), concorrono allo sviluppo globale dell individuo. Figura 1. Il sapere, il saper fare e il saper essere. 3

4 1.2. Le dimensioni caratterizzanti l educazione fisica L educazione fisica, proponendo attività corporee fisiche e sportive, non si occupa solo del movimento, ma dell individuo che si muove; non si occupa solo delle tecniche, ma anche della personalità del soggetto che agisce, delle sue motivazioni, delle sue emozioni e della presa di decisioni. Le pratiche corporee sollecitano dunque profondamente l individuo in parecchie dimensioni legate alla sua personalità e alla sua capacità di entrare in relazione con gli altri (compagni, avversari, ecc.). Figura 2. Le dimensioni caratterizzanti gli obiettivi fondamentali dell educazione fisica. 4

5 La dimensione biologica Gli effetti benefici dell attività fisica non sono oramai più da dimostrare: sono innumerevoli gli studi scientifici che hanno dimostrato, senz ombra di dubbio, come un attività fisica regolare determini un miglioramento del benessere psicofisico: meno gente in sovrappeso, meno malattie cardiovascolari e maggior efficienza nello studio, nel lavoro come pure nelle attività del tempo libero La dimensione cognitiva Una delle caratteristiche principali dell attività sportiva è quella di dover prendere, in continuazione, delle decisioni: nel corso di una partita di pallavolo, in uno slalom sulla neve, ecc., è sempre in agguato l'imprevisto dovuto al comportamento degli avversari, all'azione dei compagni e alle influenze dell'ambiente esterno. Di fronte alle situazioni che si determinano, e che variano in continuazione, il giocatore, rispettivamente lo sportivo, deve saper prendere rapidamente le decisioni giuste: egli è obbligato a valutare le probabilità di successo e tra le diverse possibilità scegliere quella che gli sembra la migliore. Prendere delle decisioni, assumersi delle responsabilità, valutare dei rischi, scegliere tra diverse opportunità: sono situazioni che l allievo potrà ritrovare nell attività fisica sperimentando così le proprie possibilità La dimensione espressiva La pratica delle attività fisiche può anche stimolare la dimensione espressiva ed estetica: la ginnastica artistica, i tuffi, il pattinaggio artistico sono discipline che, di per se stesse, tendono alla ricerca del gesto bello ed armonioso. Ma esiste un campo in cui si può andare ben oltre: l'espressione corporea, che può diventare linguaggio e comunicazione di stati d animo. Essa è, d'altra parte, ben di più che una disciplina particolare: rappresenta un modo di essere che stimola la creatività. Questo invito alla creatività motoria dovrà potersi ritrovare, a gradi differenti, in tutte le attività sportive. Figura 3. Nuovi manuali e, in parte, obiettivi rinnovati per l educazione fisica (Edizioni del 1927, 1942, 1962, 1985 e 2001). 5

6 La dimensione psicomotoria La scissione dell'essere umano in due entità di natura diversa, la nobiltà di un anima pensante opposta alla fisicità di un corpo-macchina, è figlia di un pensiero antiquato che per troppo tempo ha creato pregiudizi riguardo allo sport e alla "ginnastica". Da parte nostra rifiutiamo completamente questa forma di dualismo e consideriamo l individuo come una totalità che agisce, come un'unità psicomotoria. Le diverse scuole di psicologia genetica hanno dimostrato come sia proprio per mezzo della motricità che si costruisce la personalità del bambino. E' a partire dalle sue attività sensoriali, dalle sue percezioni costantemente adattate, dai suoi spostamenti, dalle sue manipolazioni, dai giochi, dall'insieme delle sue condotte motorie che il bambino apprende e si sviluppa. Sono le attività fisiche che permettono al bambino di valutare le traiettorie e gli spostamenti, di stimare la velocità e le andature, di percepire dei ritmi, di vivere delle situazioni simultanee e successive, di comprendere dei segnali e trasformare le informazioni ricevute, di essere una causa attiva nell'universo degli oggetti che lo circondano. Si può davvero dire che è il fiorire dell'intelligenza psicomotoria che sta all'origine dell'intelligenza formale dell' adulto La dimensione relazionale e sociale Anche la dimensione sociale può essere seriamente stimolata dalla pratica motoria. Per prima cosa, la maggior parte delle attività sportive si realizzano in gruppo: si parla, infatti, di club, di squadre sportive, d'equipaggio velico, di cordata in montagna... La presenza degli altri trasforma la motricità in situazioni di comotricità: l'altro è un compagno determinante per l'azione di ciascuno. Emerge così una dinamica di gruppo che attribuisce un senso nuovo al gesto del lancio di un pallone, ad una corsa nella natura, ad un rampone piantato nel ghiaccio, alla manovra di un timone. Non c'è più solo l'azione: ora c'è interazione. Il comportamento di un individuo acquista un significato nuovo se viene connesso al comportamento dei suoi compagni: si richiede un coordinamento La dimensione affettiva Lo spazio motorio è uno spazio sociale ed affettivo. L'affettività è, in effetti, una dimensione che tocca profondamente l'attività fisica. Basti pensare alla necessità di "avere delle motivazioni": scegliere una data attività (il calcio piuttosto che il nuoto) e scegliere un certo ruolo (attaccante o portiere) è già un impegno affettivo. Gli sport di combattimento e di squadra si possono distinguere, ad esempio, sulla base del criterio della distanza di scontro: tanto è grande nella pallavolo o nel tennis, così è intermedia nella pallacanestro o nella scherma, mentre è drasticamente ridotta nelle arti marziali e nel rugby. Le condotte motorie sono permeate da un inconscio motorio che è responsabile del buon esito o meno di un'azione fisica. Possono manifestarsi dei blocchi, delle inibizioni, ma anche la capacità di superare la difficoltà, la padronanza di sé ed il gesto sicuro. I fattori emotivi influenzano profondamente la stessa tecnica motoria ed è indispensabile tenerne conto nel quadro di un processo d'apprendimento. 6

7 2. VERIFICA LE TUE CONOSCENZE - Qual è l obiettivo principale dell educazione fisica e quale è il ruolo dell apprendimento delle abilità motorie? - Conosci le dimensioni che caratterizzano gli obiettivi dell educazione fisica? Sei in grado di definirle con parole tue? 3. QUANTO È RICHIESTO COME MINIMO Conoscere l obiettivo principale dell educazione fisica. Saper riconoscere nelle differenti attività motorie il ruolo delle diverse dimensioni. Essere disposti ad ampliare il proprio bagaglio di conoscenze. SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE MEGLIO Conoscere le sei dimensioni che caratterizzano gli obiettivi dell educazione fisica. Saper descrivere con parole proprie le sei dimensioni che caratterizzano gli obiettivi dell educazione fisica. Essere disponibili e costanti nell apprendimento. 4. PER SAPERNE DI PIÙ 4.1. Bibliografia Pierre Parlebas, Giochi e sport, Il Capitello, Torino,

8 GIOCHI MOTORI TRADIZIONALI 1. CONOSCENZE 1.1. Introduzione Enrico Ferretti 1, docente di educazione fisica presso l Alta scuola pedagogica di Locarno, nel suo libro Giochi sociomotori, sottolinea la difficoltà nel definire e classificare i giochi che sin dalla prima infanzia caratterizzano l attività dei giovani. Anche per questo motivo propone di seguire la classificazione di Pierre Parlebas 2 : questo autore ci aiuta a definire il campo d azione specifico del gioco, ma più in generale di tutto il settore d azione dell educazione fisica 3. Come spunto di riflessione su tutta l attività di educazione fisica affronteremo quindi questo capitolo sui giochi tradizionali seguendo le teorie di Pierre Parlebas Gioco e condotte motorie Risulta assai difficile definire e classificare le miriadi di giochi che fanno parte delle attività umane. Negli anni, per cercare di dare loro una certa sistemicità, si è cercato di raggrupparli in categorie a dipendenza delle affinità che li caratterizzavano: si sono allora distinti i giochi motori e non motori, oppure i giochi di forza, di resistenza, di velocità, di coordinazione ecc. se ci si riferiva alle qualità biologiche o fisiche, oppure ancora i giochi con palla, con racchette, con materiale di fortuna, con grandi attrezzi ecc. se si considerava il tipo di materiale utilizzato, per terminare con i giochi di gruppo, individuali, di squadra, ecc. se si teneva conto del numero di partecipanti. Queste classificazioni risultano però alquanto labili ed insufficienti per definire in modo specifico un determinato gioco poiché esso può appartenere a più categorie. 1 Enrico Ferretti, diplomato in educazione fisica al Politecnico di Zurigo, ha ottenuto la licenza in scienze dell educazione all Università di Parigi VIII. Insegna presso l Alta scuola pedagogica di Locarno. 2 Pierre Parlebas, già docente di educazione fisica presso l Istituto Superiore di Educazione Fisica di Parigi (INSEP), è oggi Rettore della facoltà di scienze umane e sociali della Sorbona. 3 Vedi riforma degli studi liceali 8

9 In aiuto ci viene, per fortuna, l approccio sistemico e completo proposto da Pierre Parlebas, una soluzione che ci aiuta a definire il campo d azione specifico del gioco inserito nel complesso generale dell educazione fisica. In questa prospettiva, il gioco motorio viene analizzato prendendo in considerazione la sua totalità, le sue parti e le loro interazioni reciproche. Ne risulta che il giocatore non è essenzialmente una macchina biomeccanica che consuma energia, produce forza, si sposta ad una determinata velocità in modo coordinato o meno, ma è una persona che adotta delle attitudini, sceglie delle strategie, prova piacere e dolore, comunica con i compagni ed avversari, si muove nell illusione e nei simboli ed inventa nuove condotte motorie. Tutti questi elementi sono in stretta relazione tra loro; sul terreno da gioco non è sufficiente prendere una buona decisione come in un gioco di ragionamento puro: la decisione prende corpo nelle condotte motorie, che sono sottomesse alle leggi bioenergetiche e biomeccaniche (dimensione biologica) del soggetto che agisce, ma pure ai fenomeni relazionali ed alle dinamiche di gruppo (dimensione relazionale), alle anticipazioni cognitive (dimensione cognitiva), ma anche alle paure, ansie o gioie (dimensione emotivo-affettiva) dei partecipanti all attività. Si apre allora un orizzonte complesso ma affascinante che ci permette di osservare il gioco motorio in maniera nuova Differenziazione dei giochi La prima operazione svolta da Parlebas per definire il gioco è stata quella di differenziare i giochi nei quali la motricità ha un ruolo preponderante dai giochi nei quali essa è secondaria: i giochi motori (che egli chiama anche giochi sportivi 4 ) dai giochi non motori. Nel primo caso la situazione motoria è protagonista e dev essere presente in modo proponderante, mentre che nel secondo caso il movimento non risulta essere decisivo per lo svolgimento dell attività (gioco delle carte, scacchi ecc.). Nel gioco motorio vi sono situazioni di confronto che coinvolgono azione fisica e decisione, interazioni ed emozioni con spiegamento di strategie. La seconda differenzazione fondamentale è quella che distingue i giochi motori codificati in modo competitivo ed istituzionalizzato ossia gli sport, dai giochi motori non istituzionalizzati o tradizionali, molti dei quali provengono da una tradizione del passato. I primi sono universalmente riconosciuti e pubblicizzati, le prescrizioni e le regole sono definite dall istituzione. Per i secondi le regole possono venir modificate dai partecipanti, non c è costrizione e l esperienza motoria risulta più flessibile e tollerante. Sono questi ultimi i giochi di cui ci occuperemo in questa scheda; essi risultano molto attraenti sia per i bambini più piccoli ma possono risultare educativi ed interessanti anche per gli adolescenti e gli adulti. 4 Nella categoria «giochi sportivi» Parlebas include sia gli sport istituzionalizzati che i giochi motori non istituzionalizzati. Noi preferiamo tradurre giochi sportivi con giochi motori poiché ci sembra che il termine motorio si presti meglio per dare all attività fisica un accezione generale e non essere confuso con lo sport istituzionalizzato. 9

10 GIOCHI SPORTIVI ISTITUZIONALI O SPORT Posti sotto l autorità di istituzioni ufficialmente riconosciute: federazioni, comitati olimpici, associazioni ecc. Presenza di regolamenti molto precisi, depositati e rispettati. Diffusione legata alla loro spettacolarità. GIOCHI TRADIZIONALI Legati ad una tradizione spesso molto antica Presenza di un insieme di regole fluttuanti che ammettono delle variazioni decise dai giocatori. Non dipendenti da istanze ufficiali Profondamente connessi a dei processi socio-economici di produzione e consumo. Profondamente ignorati dai processi socioeconomici. Esempi: atletica, sport di squadra, ginnastica, sport nella natura, sport di combattimento ecc. Esempi: palla cacciatore, bandiera, palla a due campi, i quattro cantoni, nascondino ecc La comunicazione motoria Nella scienza dell azione motoria P. Parlebas suddivide le condotte motorie in 2 grandi famiglie. Definisce le condotte psicomotorie quelle dove il soggetto si muove in un azione isolata senza interagire (comunicazione motoria) con nessun altro simile. In opposizione a questa prima categoria definisce le condotte sociomotorie quelle dove il soggetto agisce nel contesto di un azione motoria con più soggetti simili. Questa categoria prevede poi delle ulteriori suddivisioni a seconda del tipo di interazione che i soggetti hanno fra di loro. Nello schema seguente vediamo le varie categorie e sottocategorie delle condotte motorie. LE CONDOTTE MOTORIE Condotte psicomotorie (assenza di comunicazione motoria) Condotte sociomotorie (presenza di comunicazione motoria) Azione isolata (né A né P) Cooperazione Comunicazione motoria con dei compagni (P) Opposizione Controcomunicazione motoria con avversari (A) Cooperazione + opposizione Co-motricità con compagni ed avversari (A e/o P) 10

11 Per meglio comprendere i criteri di suddivisione dello schema precedente faremo un esempio con il gioco del tennis. - Condotte psicomotorie (azione isolata) Immaginiamo un giocatore di tennis che si allena contro un muro. Non essendoci avversari, egli dovrà confrontarsi unicamente con il mondo degli oggetti (attrezzi) e con le leggi fisiche (pesantezza, inerzia, attrito ecc.); ancor prima che la pallina abbia colpito il muro egli potrà anticipare il suo rimbalzo e spostarsi nel punto più indicato per riprenderla. Gli eventuali errori saranno dovuti unicamente alla propria mancanza di abilità. Nei contesti in cui l individuo agisce da solo e senza interazioni motorie operazionali con gli altri egli mette in gioco delle condotte psicomotorie. In questi casi non si verifica alcuna comunicazione motoria; molte attività sportive e professionali sono di questo genere come ad esempio l atletica leggera, la ginnastica artistica, il nuoto, tutti i lavori individuali ecc. - Condotte sociomotorie di cooperazione Al giocatore precedente aggiungiamo un secondo giocatore che cercherà pure lui di rinviare la pallina contro il muro (dopo un rimbalzo autorizzato) con lo scopo di cercare di effettuare, assieme al suo compagno, la più lunga sequenza ininterrotta possibile di rimbalzi. Gli atteggiamenti del primo giocatore cambieranno radicalmente: ora si preoccuperà di osservare i movimenti del suo compagno e cercherà di anticiparli; tutte le condotte motorie saranno condizionate dalla comunicazione motoria realizzata con il compagno. Tra i due giocatori nascerà una relazione di cooperazione ed una solidarietà affettiva che cementerà questo tipo di attività. Gli esempi abbondano nell ambito sportivo e del lavoro: la cordata nell alpinismo, l equipaggio velico, il pattinaggio a coppie, il gruppo in campeggio, sollevare e trasportare dei pesi in gruppo ecc. - Condotte sociomotorie di opposizione Supponiamo ora che i due giocatori decidano di affrontarsi sul campo regolamentare: in questo caso si parlerà di confronto o duello. I due giocatori cercheranno di rinviare la pallina per ottenere un punto. In questa situazione di comotricità, ci sono nuovamente due centri decisionali ma in antagonismo. Ogni giocatore è attento e tenta di far sbagliare l avversario prendendolo in contropiede; cerca di capire le intenzioni dell altro, di giocare d anticipo intuendo i progetti del suo avversario e facendo continuamente delle ipotesi di ipotesi. Ogni giocatore cercherà di far sbagliare l altro offrendo una falsa immagine dell azione che davvero tenterà: si vuole così provocare delle interpretazioni erronee del proprio comportamento. In questo caso è evidente una relazione d opposizione che connette i due avversari: si parlerà allora di contro-comunicazione motoria. Questa situazione è molto frequente nel mondo dello sport: tennis-tavolo, scherma, sport di combattimento, badminton, ecc. 11

12 - Condotte sociomotorie di cooperazione opposizione Se aggiungiamo un compagno a ciascuno dei due giocatori precedenti che si affrontano sul campo (come ad esempio nel doppio del tennis), si verificherà un altra trasformazione: il giocatore dovrà tener conto non solo dell azione dei suoi avversari, ma anche degli spostamenti del suo compagno. La collaborazione che si instaura tra compagni di squadra è determinante per la riuscita del gioco. Agire contemporaneamente con e contro qualcuno, determina un intensa attività riflessiva. La capacità di mettersi al posto degli altri è detta empatia. Nel corso di ogni incontro sportivo si determina un reticolo di empatia sociomotoria e la qualità del gioco progredisce in funzione della raffinatezza di questa empatia. È in parte a questo che si fa allusione quando si afferma che un giocatore ha il senso o l intelligenza del gioco. La cooperazione è evidente nei giochi di squadra il cui svolgimento si fonda sul passaggio diretto da un giocatore all altro. Nell ambito di queste situazioni sociomotorie si sviluppa una dinamica di gruppo originale che si fonda sulla motricità e non sulla parola. In questo reticolo di comunicazione originale, l affettività assume un ruolo molto importante. L intenzione del gruppo, il clima di squadra, la dinamica affettiva del gruppo sono determinanti per la coesione del gruppo stesso e per il fine dell incontro. Le situazioni precedenti ci permettono di definire in modo preciso due criteri chiaramente distinti: il criterio della comunicazione motoria (cooperazione con uno o più compagni), indicato con la lettera P dal termine partner ; Il criterio della contro-comunicazione motoria (interazione d opposizione contro uno o più avversari), indicato con la lettera A (avversari) L incertezza connessa all ambiente esterno Il terzo criterio utilizzato per definire le situazioni motorie si riferisce all incertezza concernente l informazione che deriva dall ambiente fisico: in effetti le attività possono svolgersi in ambienti artificiali (palestre, piste per l atletica, palazzetti sportivi, ecc.) dove tutto è standardizzato e sotto controllo (anche la velocità del vento!), oppure in ambiente naturale (pendio nevoso, parete di roccia, fiume, lago, mare ecc), dove la natura offre una massiccia dose di imprevisti. Questo criterio che oppone la fissità standardizzata alle variazioni incerte dell ambiente fisico, trasforma radicalmente l attività motoria e sportiva. Le situazioni motorie prive d incertezza costituiscono una categoria di attività motorie e sportive molto importanti. In genere si tratta di situazioni seducenti che permettono un controllo ottimale della tecnica sia sul piano teorico che corporeo. La stabilità dell ambiente favorisce e facilita gli apprendimenti, nel corso dei quali si riproducono le stesse azioni fino all acquisizione di un automatismo ben oliato come ad esempio nella ginnastica, nel nuoto, nella pallacanestro o nella pallavolo ecc. Le situazioni che implicano l incertezza dell ambiente determinano un analisi completamente diversa. Lo sciatore che affronta uno slalom o un canoista che naviga su un fiume, cercano di prevedere la situazione che potrebbe presentarsi improvvisamente. Essi valutano gli intervalli, le traiettorie, le velocità, i rallentamenti e tentano di comprendere dei segnali pertinenti: valutano delle probabilità. Devono prendere delle 12

13 decisioni in base ad informazioni parziali e mutevoli: ogni decisione di questo genere implica un assunzione di rischio. Siamo lontani dalla sicurezza delle attività standardizzate. Di fronte all incertezza, l individuo impegna profondamente la sua affettività, il suo desiderio di affermazione, il suo gusto del rischio: l atleta deve approntare una strategia dinamica che modifica mano a mano che scorre il flusso delle informazioni come ad esempio nella vela (singolo o equipaggio), alpinismo, corsa d orientamento, ecc Schema riassuntivo Albero della classificazione delle situazioni sportive tenendo conto dei tre criteri: P = interazione con i compagni (partner). A = interazione con gli avversari (avversari). I = la presenza dell incertezza dell informazione proveniente dell ambiente esterno. Non vi è interazione motoria con un compagno: Non vi è interazione motoria con un avversario Non vi è incertezza Vi è incertezza (P)(A)(I) Atletica (eccetto staffette), ginnastica attrezzistica,nuoto, ecc. (P)(A) I Sci, vela, canoa, alpinismo, sub, ecc. SITUAZIONI PSICOMOTORIE Vi è interazione Non vi è incertezza Vi è incertezza (P) A (I) Tennis (sing.), badminton (sing.), scherma, sport combattimento, ecc. (P) A I Arrampicata, surf, skate, corsa d orientamento, ciclismo, ecc. Vi è interazione motoria con un compagno: SITUAZIONI SOCIOMOTORIE Non vi è interazione motoria con un avversario Vi è interazione Non vi è incertezza Vi è incertezza Non vi è incertezza P(A)(I) Alcune corse a staffetta, danza, acrobazie, ecc. P(A)I Vela, canoa, alpinismo, escursionismo a piedi, in bicicletta, con gli sci, ecc. PA(I) Sport di squadra (pallavolo, pallacanestro, calcio ecc,), giochi in coppia (tennis, badminton, ping-pong ecc.), ginn. attr. e ritmica a squadre, ecc. Vi è incertezza PAI Vela in equipaggio, canoa, kayak, ciclismo, giochi nella natura, gare alpinistiche a squadre, ecc. 13

14 2. CAPACITÀ 2.1. Introduzione Per quanto riguarda questo capitolo, ci limiteremo ad elencare e descrivere brevemente alcuni giochi molto praticati nelle scuole elementari ticinesi o tratti da esperienze di altre regioni I Giochi 1. L inseguimento semplice Un allievo è designato quale inseguitore; cerca di prendere i suoi compagni. Chi viene preso diventa a sua volta inseguitore. 2. L inseguimento del ferito L inseguitore deve tenere la mano sulla parte del corpo toccata. 3. L inseguimento del mago Uno o parecchi maghi designati sono contrassegnati con un nastro; essi inseguono i compagni. Chi è toccato rimane incantato e deve restare immobile nella posizione in cui è stato sorpreso (oppure sedersi, o essere trasformato in un animale che una fata può liberare). I giocatori ancora liberi possono rompere l incantesimo toccandoli con la mano. È possibile giocare con un limite di tempo o fino a che tutti gli allievi siano presi. 4. L inseguimento colore/materiale L inseguitore dice il nome di un colore o di un dato materiale (ad es.: rosso, legno, pertiche ecc.). Chi riesce a toccare per tempo quanto indicato, non può essere preso. Idem chi è raggomitolato oppure chi è in alto ecc. 5. Esci dalla tana Le lepri attirano la volpe gridando: volpe, esci dalla tana!. La volpe cerca di prendere le lepri saltellando su una gamba; se dovesse spostarsi correndo, deve ritornare nel suo buco. Il primo giocatore toccato diventa volpe. È pure possibile stabilire il modo di spostarsi delle lepri. 6. Scacciare le galline dal giardino La contadina lavora nel giardino delimitato da quattro panchine disposte in quadrato. Le galline sono appollaiate sulle panchine e cercano di attraversare il giardino senza farsi prendere. Quella toccata prende il posto della contadina; se lo fa appositamente viene eliminata. 7. Il gatto e il topo I giocatori formano un cerchio tenendosi per mano. Il topo si mette all interno del cerchio, il gatto all esterno. Al via inizia l inseguimento: il gatto ed il topo possono correre ovunque, anche sotto le braccia dei compagni che però possono rendere più difficile il passaggio del gatto abbassando le mani. 14

15 8. L uomo grigio La classe si dispone su un lato della palestra mentre l uomo grigio si prepara dall altro lato. Al via (si può anche gridare: chi ha paura dell uomo grigio? ) i giocatori corrono verso il lato opposto della palestra cercando di non farsi prendere (si può correre solo avanti e di fianco). Chi viene toccato aiuta l uomo grigio a prendere i compagni. Chi sarà preso per ultimo? Si possono effettuare delle varianti indicando il modo con il quale ci si deve spostare (su una gamba, a piedi uniti, a quattro zampe ecc.). 9. Pescatori e pesci Come l uomo grigio, ma si inizia in coppia e i compagni presi devono tenersi per mano; se la rete si spezza (i giocatori si staccano), nessun avversario viene pescato. I pesci non possono rompere la rete o passare tra le maglie (sotto le braccia). Il gioco termina quando tutti sono stati presi. 10. Andiamo a spasso nel bosco Il lupo è nella sua tana in un angolo della palestra. I compagni (gli agnelli) sono nell angolo opposto. Il gioco consiste nell avvicinarsi il più possibile alla tana del lupo senza farsi prendere; chi viene preso diventa il lupo. Per rendere più stimolante il gioco si possono aggiungere dei nastri d avanti alla tana del lupo che gli agnelli devono andare a prendere. 11. La caccia alla coda Ogni giocatore infila l estremità di un nastro alla cintola dei pantaloni. Ognuno cerca di impossessarsi del più gran numero di nastri senza trattenere gli avversari. I giocatori inseguiti non possono appoggiarsi alle pareti o trattenere il nastro con le mani. I nastri rubati vengono indossati e non possono venir rubati. Varianti: - se perdo la coda sono eliminato; - se perdo la coda posso continuare a giocare e appena ne ricupero una la rimetto alla cintola dei pantaloni; - solo alcuni giocatori (per esempio 3) possono rubare i nastri: chi ne ruba di più? 12. Inseguire l ombra o calpestare i piedi A coppie: i giocatori cercano, a turno, di camminare sull ombra o di calpestare i piedi del compagno. 13. Uno contro l altro A coppie: i due giocatori si inseguono e quando uno riesce a toccare l altro si invertono i ruoli. Variante: si invertono i ruoli anche ad un segnale del docente (fischio o altro). 14. L inseguimento a coppie Due inseguitori si danno la mano e iniziano l inseguimento dei compagni. Quando riescono a toccarne uno, questi forma con loro una catena a tre. Se un quarto giocatore viene preso, gli inseguitori si separano in due coppie ed il gioco continua finché tutti i giocatori sono presi. 15. Caccia al terzo Variante del gioco precedente: i giocatori sono disposti a coppie (tenendosi per mano, uno di fianco all altro, sdraiati ecc.); il giocatore inseguito potrà salvarsi mettendosi 15

16 vicino ad una coppia. A questo punto, uno dei due componenti la coppia (quello più lontano, quello a cui giro la schiena ecc.) dovrà a sua volta scappare oppure si cambiano i ruoli ed insegue l inseguitore. 16. Il lardo in cantina Alcuni nastri posti nel cerchio interno rappresentano il lardo in cantina. Tre gatti disposti tra i due cerchi cercano di impedire ai topi (all esterno del cerchio più grande) di impossessarsi dei nastri (lardo). Chi viene preso deve sedersi ma può venir salvato dai propri compagni (topi) se riescono a trascinarlo fuori dal cerchio. Riusciranno i topi a rubare tutto il lardo? Variante: chi riesce a rubare il maggior numero di pezzi di lardo? 2. VERIFICA LE TUE CONOSCENZE - Sapresti spiegare cosa sono le "condotte motorie"? - Cosa sono i "giochi motori"? Da quali altri giochi si differenziano? - Cosa si intende per "giochi tradizionali"? - Sapresti indicare le categorie e sottocategorie delle condotte motorie? (schema) - Sapresti definire brevemente le diverse categorie e sottocategorie? - Spiega cos'è l'"incertezza" rispettivamente l'assenza d'"incertezza" nell'ambito delle attività motorie. - Cos'è il "PAI"? - Sapresti indicare alcuni giochi "tradizionali"? - Sei in grado di analizzare un gioco con i criteri del "PAI"? 3. QUANTO È RICHIESTO COME MINIMO Conoscere il concetto di condotta motoria. Saper modificare e adattare la propria azione motoria in riferimento alle diverse situazioni. Integrare la corporeità nel complesso delle proprie conoscenze. 4. PER SAPERNE DI PIÙ SAPERE SAPER FARE SAPER ESSERE 4.1. Bibliografia Pierre Parlebas, Giochi e sport, Il Capitello, Torino, MEGLIO Essere in grado di analizzare e capire l'attività motoria in generale. Utilizzare le nozioni acquisite in altre materie per una miglior comprensione dell'attività motoria. Essere disponibili all'approfondimento.

17 I PRINCIPI GENERALI D ALLENAMENTO 1. CONOSCENZE 1.1. Introduzione Sia che si voglia migliorare le proprie prestazioni sportive, sia che si desideri ottenere una migliore forma psicofisica, sia che si voglia perdere peso, la strada per poter raggiungere lo scopo specifico si chiama allenamento. Con tale termine s intende l insieme dei procedimenti che consentono ad un individuo la massima realizzazione del proprio potenziale genetico, attraverso l apprendimento di una corretta gestualità e la ripetizione di esercitazioni mirate a modificare l equilibrio organico individuale per ripristinarlo ad un livello superiore. La comprensione del significato dell ultima parte della definizione summenzionata, che sembra assai complicata, è l obiettivo di questo primo approccio alle problematiche legate all allenamento Definizione Figura 1. Allenarsi vuol anche dire ripetere un gesto tecnico fino alla sua corretta esecuzione. Ogni tipo di attività fisica determina sull organismo effetti di natura fisiologica che, in una ripetizione sistematica e continuativa nel tempo, scatena una reazione di difesa e di adattamento con conseguenti risposte funzionali più economiche e resistenti alfine di un migliore rendimento: questi adattamenti saranno tanto maggiori quanto maggiore sarà l intensità dell attività fisica. L allenamento è un processo pedagogico educativo continuo, che si concretizza nell organizzazione dell esercizio fisico ripetuto in qualità ed intensità tali da produrre carichi progressivamente crescenti che stimolano i processi fisiologici di supercompensazione dell organismo e favoriscono l aumento delle capacità fisiche, psichiche, tecniche e tattiche dell atleta, alfine di esaltarne e consolidarne il rendimento in gara. (prof. Carlo Vittori) Evidentemente la summenzionata definizione vale per qualsiasi tipo di allenamento, sia che esso abbia delle finalità competitive o, più semplicemente, di benessere psicofisico o estetiche. Va comunque precisato sin dall inizio, che i parametri caratterizzanti l allenamento dovranno essere adeguati agli obiettivi, alla disciplina sportiva, allo stato di allenamento, alle qualità fisiche, al sesso, all età, al tempo disponibile, ecc., di chi vuole iniziare una pratica sportiva regolare. 17

18 1.3. La supercompensazione Non c è che dire: il nostro organismo è furbo! Se non ci muoviamo a sufficienza esso appronta rapidamente delle riserve energetiche, sottoforma di grasso, da utilizzare in caso di tempi grami. D altro canto, esso non si rassegna nemmeno al quieto vivere quando non riesce a soddisfare appieno tutte le esigenze: ad uno sforzo fisico, d una certa intensità, il nostro corpo reagisce, un po offeso, con l affaticamento. Ciò vuol dire che, subito dopo lo sforzo, la sua capacità di prestazione è diminuita rispetto alla situazione iniziale. A questo punto inizia la fase di recupero: l organismo si rigenera, ma non solo! Memore della brutta esperienza (fatica), per non più lasciarsi sorprendere e per essere meglio preparato per sopportare sforzi futuri, il nostro corpo innalza la propria capacità di prestazione sopra il livello iniziale: tale fenomeno è detto supercompensazione. Figura 2. La supercompensazione: fenomeno fondamentale del processo allenante. Quando il nostro organismo è sottoposto ad uno stimolo allenante subentra la fatica e la sua capacità di prestazione diminuisce. Alla fine dell allenamento inizia la fase di recupero: il nostro corpo, per poter far fronte a futuri carichi, si premunisce creando, nell ultima parte del recupero, una capacità di prestazione superiore a quella iniziale. In altre parole. Quando sottoponiamo il nostro organismo ad un allenamento vengono consumate le sue risorse; durante la fase di recupero, quindi riposo e alimentazione, ciò che è stato perso viene ricostruito superando il vecchio limite: in questo modo l organismo non sarà impreparato qualora dovesse ripresentarsi la situazione che lo aveva perturbato. 18

19 Definizione di Weigert: Gli effetti successivi a grandi carichi non si limitano solo al recupero del potenziale energetico speso, ma portano alla sua maggiorazione, cioè ad un suo recupero che supera quantitativamente il livello iniziale. L'applicazione più interessante della teoria della supercompensazione riguarda la distanza temporale tra un allenamento e l'altro. Infatti è ben dimostrato come sia inutile e dannoso (sovrallenamento) effettuare delle sedute allenanti troppo ravvicinate, cioè prima che sia ultimata la fase di recupero (figura 3c). Anche fasi d allenamento troppo distanziate, ovvero applicate quando gli effetti dell'allenamento precedente sono esauriti, non portano a miglioramenti significativi (figura 3b). Un miglioramento in termini funzionali si realizza nel tempo, solo quando l'allenamento successivo viene applicato al culmine della fase di supercompensazione di quello precedente e così via (figura 3a). Figura 3. Supercompensazione e frequenza degli allenamenti: a) miglioramento della capacità di prestazione; b) nessun miglioramento significativo; c) peggioramento della capacità di prestazione (sovrallenamento.). Da quanto descritto sopra è facilmente intuibile come uno dei problemi fondamentali dell allenamento, di non facile soluzione, sia la determinazione del lasso di tempo ottimale che deve intercorrere tra un allenamento e l altro 19

20 1.4. I principi generali dell allenamento Principio della specificità Figura 4. Ogni disciplina sportiva dev essere allenata in modo specifico. Gli adattamenti metabolici e fisiologici dipendono dal tipo di sovraccarico utilizzato: se si vuole migliorare la capacità cardio-respiratoria, non serve a niente fare un lavoro di rafforzamento muscolare delle braccia. Se un ciclista vuole migliorarsi deve pedalare, se si vuole migliorare la corsa bisogna correre e un nuotatore che desidera eccellere deve nuotare! Un atleta che allena la forza muscolare o la resistenza aerobica migliorerà specificatamente una di queste qualità: diversi studi hanno dimostrato che il miglioramento di una qualsiasi capacità fisiologica è altamente specifica Principio del sovraccarico Il sovraccarico è la componente principale di un programma d allenamento. Lo sportivo deve praticare l attività fisica al di là della pratica abituale delle sue attività o delle sue attività fisiche quotidiane: il sovraccarico implica il fare qualcosa in più che d a-bitudine. In pratica ciò vuol dire che se si va a correre 2-3 volte alla settimana effettuando sempre lo stesso percorso allo stesso modo non si verificherà nessun miglioramento a livello di prestazione (Attenzione! Ciò non vuol dire che a livello del benessere psicofisico una tale attività sia inutile, anzi!). Questo sovraccarico provocherà degli adattamenti dell organismo che dopo qualche settimana funzionerà in modo più efficiente. Il sovraccarico può essere realizzato sia alzando la frequenza di un esercizio, sia aumentandone l intensità che allungandone la durata. Figura 5. Non c è miglioramento della prestazione senza sovraccarico. 20

21 Principio del recupero Per poter ottenere degli adattamenti efficaci, il principio del sovraccarico implica necessariamente un certo stress per l orga-nismo: un recupero da uno a due giorni è essenziale alfine di permettere il consoli-damento degli effetti positivi dell allenamento. Figura 6. Anche il recupero è un elemento essenziale dell allenamento! Delle sequenze d allenamento che non tengono conto di un adeguato periodo di recupero possono provocare lesioni (in particolare muscolari), affaticamento cronico e perfino un regresso dei miglioramenti ottenuti: in questo caso, come abbiamo già visto, si parla di sovrallenamento (overtraining) Principio della progressività e gradualità del carico L aumento del sovraccarico dovrà essere fatto in modo progressivo per evitare dolori e lesioni ai muscoli e alle articolazioni. Durante le prime 4-6 settimane di un programma d allenamento, si dovrà lavorare con un sovraccarico leggero! Dopo questo periodo iniziale si potrà aumentare progressivamente il sovraccarico durante le settimane a seguire fino a raggiungere il livello ragionevole e realistico che è stato prefissato. Non bisogna aumentare troppo, troppo rapidamente, per lasciare il tempo all organismo e ai muscoli di adattarsi al nuovo sovraccarico. Figura 7. Il sovraccarico dev essere scelto in base allo stato d allenamento del soggetto. Un aumento settimanale dell intensità o della durata di un esercizio fino al 10% del carico sembra ragionevole per l organismo: in tutti i casi vale il buon senso e il tenere in considerazione i segnali inviatici dal nostro corpo (dolori, stanchezza, ecc.). 21

22 Principio dell individualizzazione Figura 8. Ogni persona è diversa: ognuno dovrà quindi allenarsi secondo un proprio programma d allenamento individualizzato. Gli effetti dell allenamento o l ampiezza delle modifiche è individuale perché esse dipendono dal livello della condizione fisica dello sportivo prima dell inizio dell allenamento e da diversi altri fattori quali quelli ereditari e il genotipo (ectomorfo, mesoformo, endomorfo) Principio della continuità dell allenamento Non dovrebbe essere difficile comprendere che i miglioramenti dovuti all allenamento non durano in eterno. Uno sportivo che ha raggiunto una certa capacità di prestazione dovrà, perlomeno, continuare a seguire un programma d allenamento, detto di mantenimento, onde pre-venire la diminuzione o la perdita di quanto acquisito. Coloro, invece, che praticano un attività fisica per il proprio benessere, dovranno continuare a praticarla regolarmente. Figura 9. Lunghi periodi d inattività incidono negativamente sulla capacità di prestazione. Un inattività da 5 a 10 settimane (a seguito, per esempio, di un infortunio) può già essere sufficiente per annullare tutti i benefici ottenuti con tanti sacrifici! 22

23 Principio della variabilità Figura 10. Variando le attività sportive si contrasta la noia: scegliendo bene le discipline sportive si potrà comunque, entro certi limiti, migliorare la capacità di prestazione. L allenamento sarà più redditizio e più facilmente gradito quando comprenderà una serie molteplice di attività ed esercizi studiati in forma e successione tale da evitare l insorgere della noia: fattore, questo, che riduce sensibilmente la capacità applicativa e l interesse di chi si sta allenando. Figura 11. Allenarsi in compagnia è più divertente e contrasta la noia! 23

24 2. CAPACITÀ Per chi pratica un attività fisica per il proprio benessere, e non vuole farlo a casaccio, è difficile concepire un programma d allenamento funzionale in quanto non ha a disposizione un allenatore che lo può consigliare e, di regola, non possiede le conoscenze teoriche necessarie per provvedervi personalmente: si arrischia quindi di seguire ciecamente programmi d allenamento trovati in Internet o pubblicati su riviste, più o meno specializzate, che non rispettano il principio dell individualizzazione. Mediante le semplici nozioni acquisite a proposito dei principi d allenamento è, comunque, possibile per tutti procedere a una verifica sommaria dei suddetti programmi onde evitare gli errori più grossolani. 3. VERIFICA LE TUE CONOSCENZE - Cosa s intende per allenamento? - Sei in grado di spiegare che cos è la supercompensazione e il ruolo che assume nell ambito dei processo allenante? - Qual è la relazione esistente tra la supercompensazione e la frequenza degli allenamenti? - Quali sono i fattori che determinano il sovraccarico? - Conosci i principi generali d allenamento e la loro applicazione principale? 4. PER SAPERNE DI PIÙ 4.1. Bibliografia Martin, Carl, Lehnertz, Manuale di teoria dell allenamento, Società Stampa Sportiva, Roma, Internet Figura 12. Anche allenarsi sfruttando attrezzi inusuali può essere divertente! 24

25 LA MOBILITÀ 1. CONOSCENZE 1.1. Introduzione Ogni volta che si osserva un ginnasta eseguire degli esercizi a corpo libero o agli attrezzi non si può fare a meno di apprezzare oltre la forza, la grande ampiezza di movimento che questi atleti riescono a dimostrare. Queste doti di grande mobilità articolare sono il frutto di un allenamento costante e specifico che, nel corso degli anni, ha consentito loro di mantenere e sviluppare i livelli di flessibilità che fisiologicamente tutti abbiamo avuto da bambini. La mobilità articolare è una capacità che interviene in modo importante in moltissime attività sportive, determinandone la possibilità di sviluppo tecnico ( blocchi o limitazioni nei movimenti più importanti) Definizione La mobilità articolare può essere definita come la capacità delle singole articolazioni di effettuare movimenti al massimo del loro grado di escursione nel limite della dimensione fisiologica Caratteristiche della mobilità articolare Le articolazioni sono le strutture anatomiche che rendono possibile il movimento tra due capi ossei. La mobilità dipende essenzialmente: - dalle lunghezze muscolari - dall elasticità dei legamenti - dalla forma dei capi ossei che compongono l articolazione Spalla Anca Ginocchio Caviglia Polso 25

26 2. CAPACITÀ 2.1. Tipi di allungamento Gli esercizi possono essere di tipo dinamico (per es. durante la messa in moto) o di tipo statico (lo stretching preferibilmente alla fine dell allenamento) e si suddividono in movimenti attivi (quando un muscolo contraendosi e quindi accorciandosi allunga il suo antagonista) e passivi (quando responsabile dell allungamento è la forza di gravità, un compagno o un oggetto) A cosa serve - Riduce la tensione muscolare e favorisce la sensazione di rilassamento del corpo. - Favorisce la coordinazione permettendo maggiore libertà e facilità nell esecuzione dei movimenti. - Previene gli infortuni da strappo muscolare. - Sviluppa la consapevolezza del proprio corpo Quando? - La mattina prima di iniziare la giornata. - Dopo essere stati seduti a lungo. - Quando vi sentite rigidi. - Nei momenti liberi (guardando la televisione, leggendo, ascoltando musica, ecc.). - Soprattutto dopo un attività sportiva Come allungarsi con lo stretching La giusta tecnica passa attraverso una tensione rilassata e prolungata, concentrando l attenzione sui muscoli che vengono allungati. La tecnica sbagliata (purtroppo praticata da molti) consiste nel rimbalzare o nell allungarsi sino alla soglia del dolore: questi metodi causano più danni che benefici La respirazione La respirazione dovrà essere lenta, ritmica e sotto controllo. Se vi chinate in avanti nell eseguire una tensione, espirate e quindi respirate lentamente mentre mantenete la posizione. Non trattenete il respiro durante l allungamento. Se la posizione raggiunta inibisce il vostro modo naturale di respirare, allora, ovviamente non siete in una posizione rilassata; diminuite la tensione finché non sarà possibile una respirazione naturale. Inizialmente contate mentalmente i secondi per ogni tensione; in seguito soltanto attraverso la sensazione della tensione. 26

27 La tensione facile Quando iniziate una tensione, fermatevi una decina di secondi nella fase di tensione facile. Non molleggiate! Arrivate sino al punto in cui avvertite una tensione media e rilassatevi mantenendo la tensione. La sensazione della tensione dovrebbe diminuire durante il mantenimento della posizione. Se questo non accade, alleggerite lievemente la tensione sino a che questa non diventi comoda. La tensione facile riduce l opposizione muscolare allo stiramento e prepara i tessuti alla fase della tensione di sviluppo La tensione di sviluppo Dopo la fase di tensione facile, passate lentamente nella fase della tensione di sviluppo. Muovetevi a poco a poco finché non sentirete ancora una tensione discreta e mantenete la posizione per altri 30 secondi. Ancora una volta la tensione diminuirà; se ciò non dovesse accadere, allentate lievemente la tensione. Questa fase sviluppa la sensazione di benessere muscolare ed incrementa la flessibilità. Si è sicuri di fare bene se non si prova dolore (deve essere quasi piacevole) e se si riesce a guadagnare qualche centimetro per seduta di stretching. La tecnica sbagliata (purtroppo praticata da molti) consiste nel rimbalzare o nell allungarsi sino alla soglia del dolore: questi metodi causano più danni che benefici. Tensione facile Tensione di sviluppo 2.5. Esempi di esercizi di allungamento statici Per una questione di praticità indicheremo solo un esercizio per ogni gruppo muscolare (i principali), ricordando però che di esercizi ce ne sono tantissimi, molti simili ma più indicati a dipendenza dell ambito nel quale ci si trova (palestra, bosco, pista ecc.) e delle possibilità o interessi che si hanno (a coppie, con materiali vari, attivi o passivi, finalizzati ad una determinata attività ecc.). 27

28 PER IL COLLO PER LE SPALLE PER LE BRACCIA PER IL TRONCO PER LE ANCHE PER LE GAMBE 28

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO LE PRINCIPALI DIFFERENZE METODOLOGICHE TRA L'ALLENAMENTO DEI GIOVANI E QUELLO DEGLI ATLETI DI MEDIO/ALTO LIVELLO" 22 settembre

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni I buoni giocatori si contraddistinguono per la capacità di agire rapidamente ed efficacemente nelle varie situazioni

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale IL CORPO e LA SUA RELAZIONE con LO SPAZIO e IL TEMPO Utilizza gli aspetti comunicativorelazionali del linguaggio motorio per Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e FINALITA I nuovi programmi Ministeriali ritengono l educazione motoria una componente essenziale dell unità educativa della persona per cui essa concorre alla realizzazione delle finalità proprie della

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E.

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E. Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE Scienze Motorie e Sportive 11 SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Scienze Motorie e Sportive COORDINATORE Ranucci Emidio Sono presenti i proff. Borsato

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento.

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento. 1 Il Fondo Lento Benvenuto, oggi voglio parlarti del FONDO LENTO, uno dei principali mezzi d'allenamento che un atleta di qualsiasi livello ha a disposizione. Il fondo lento ha molteplici valenze: 1) serve

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Nazionale Allenatori Di G. Gebbia con la collaborazione con R. Colli. TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE I diagrammi sono

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

Teoria e metodologia delle attività motorie dell età evolutiva. Indice

Teoria e metodologia delle attività motorie dell età evolutiva. Indice INSEGNAMENTO DI TEORIA E METODOLOGIA DELLE ATTIVITÀ MOTORIE DELL ETÀ EVOLUTIVA LEZIONE VIII IL GIOCO COME STRUMENTO EDUCATIVO PROF. PAOLO RUSSO Indice 1 I GIOCHI DI MOVIMENTO CON REGOLE ---------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Il seguente piano di lavoro annuale viene redatto in accordo con la formulazione dei Programmi, di cui al d.p.r.908 del 01-10-1982,e

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D.

Principi dell allenamento giovanile. Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Principi dell allenamento giovanile Prof. Fabio Rastelli Ph.D. Il moto è causa d ogni vita. [Leonardo Da Vinci] Principi dell'allenamento giovanile - Prof. Fabio Rastelli Ph.D. 2 Il movimento Il movimento

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture:

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture: Premessa Andare sugli sci è un po come andare in bicicletta: non si dimentica mai. Lo sci è uno sport tecnico, quindi anche un soggetto non preparato dal punto di vista fisico, ma che possiede una buona

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Alimentazione e benessere Il proliferare di informazioni scorrette dal punto di vista alimentare

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica ARBITROCLUB SEZIONE A.I.A. AREZZO Linee Guida Programma di allenamento auto-diretto Caro Associato, di seguito troverai

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione. IL FIT- TEST Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho

Dettagli

Preparazione fisica a cura del ComSubIn

Preparazione fisica a cura del ComSubIn Preparazione fisica a cura del ComSubIn PREMESSA Il seguente piano di allenamento è frutto dell'esperienza fatta dalla Scuola Incursori ed ha sempre dato buoni risultati. Esso è indirizzato agli individui,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) Riconoscere le parti del corpo ed acquisire consapevolezza delle funzioni senso-percettive. Controllare gli schemi motori e posturali di base adattandoli alle

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE Gestire le risorse cognitive per ottimizzare i risultati Il meccanismo neuroscientifico di base che supporta l allenamento mentale è la plasticità

Dettagli

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO STATALE G.TARANTINO Gravina in Puglia (BA) A.S. 2014-2015 Il Dipartimento, approfondendo le tematiche che fanno riferimento alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Premessa. Ente organizzatore

Premessa. Ente organizzatore Premessa Il Progetto Multisport nasce dalla volontà ed esigenza di aumentare autostima e sicurezza nei bambini che si affacciano al mondo dello sport, fornendo una combinazione di benefici fisici ed emotivi

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO DI ED.FISICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI ED.FISICA SCUOLA PRIMARIA/SECONDARIA DI PRIMO GRADO Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE SPORTIVE CLASSI PRIME E SECONDE Consolidare le capacità coordinative Migliorare le capacità condizionali

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Sviluppo organico-funzionale dei giovani calciatori

Sviluppo organico-funzionale dei giovani calciatori Sviluppo organico-funzionale dei giovani calciatori L allenamento dei giovanissimi ha come compito principale la COSTRUZIONE A LUNGO TERMINE DELLA PRESTAZIONE. In questo contesto sono interessati i bambini

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA TROFEO CITTA DI PRATO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRESENTA A SCUOLA CON PLUTO CON MARTINO (OPERATORE TROFEO CITTA DI

Dettagli