Andrea Conti. Il flash

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Conti. Il flash"

Transcript

1 Andrea Conti Il flash Questo articolo riguarda l utilizzo del flash. Farò una carrellata suoi principali utilizzi e sulle tecniche di base per gestirlo in modo produttivo. L articolo è rivolto a chi inizia a muovere i primi passi nel mondo della fotografia ed a chi sia già ad un livello intermedio, ma intenda approfondire l argomento in modo sistematico. Ovviamente si tratta di principi validi come regole di base, che ognuno potrà poi infrangere come e dove vuole; però è bene innanzitutto impararle le regole, poi si possono anche dimenticare. In questo articolo non si farà riferimento ad un particolare modello di flash, per questo occorre riferirsi alla documentazione specifica in proprio possesso. Descriverò invece concetti generali, validi per qualsiasi flash, concetti che poi sarà facile applicare alla specifica situazione. Ad es., è importante capire quando e come usare il TTL standard anziché il TTL fill-in ; in seguito per come impostare il flash che si possiede in una di queste due modalità basterà leggere le istruzioni del flash. Si farà riferimento inoltre a foto di tutti i giorni, quelle che ci troviamo a fare quando siamo in gita da qualche parte e vogliamo migliorare la qualità delle nostre riprese; sarà quindi escluso dalla trattazione l uso del flash in studio o l uso di più flash contemporaneamente, queste sono tecniche avanzate che esulano dagli scopi di questo articolo. In ogni caso le informazioni presenti nell articolo sono più che sufficiente per iniziare ad avere a che fare con una modella/modello e la/lo vogliamo illuminare correttamente con il flash, sia in esterni che in interni. Cercherò di essere il più pratico e concreto possibile, sia per non annoiare, sia per evitare di parlare troppo di teoria e cose che poi nessuno ha voglia e/o tempo di mettersi a fare. E cercherò il più possibile di fornire delle mie foto di esempio, utili per comprendere meglio ciò che si sta dicendo, dato che si sa che per noi fotografi un immagine vale più di mille parole. Inutile dire che le foto hanno esclusivamente questo scopo dimostrativo e non vogliono essere delle belle foto. Ovviamente sono graditi suggerimenti, segnalazioni di correzioni, aggiunte, sottrazioni, insomma tutto può essere utile a tutti. Scherzi a parte, spero che questo mio articolo sia utile per il maggior numero di persone, ed avere un feedback dal maggior numero di persone è importante per me, per poter correggere eventualmente il tiro, e per tutti per aumentare l efficienza e l efficacia della comunicazione. Ovviamente non potrò essere esaustivo in ogni singolo aspetto, ma volendo è possibile espandere un certo punto, chi è interessato mi può contattare tranquillamente. Bene, iniziamo pure. Flash fill-in Normalmente la frase che si sente dire è: Il flash non lo uso, perché non mi piace. In realtà si intende dire: Non lo uso perché la luce che esce fuori non mi piace. In effetti il flash è uno dei migliori amici del fotografo, e capire come, dove e quando utilizzarlo consente di fare un vero e proprio salto di qualità nelle proprie riprese. Perché normalmente non piace la luce che esce fuori? Perché normalmente il flash è visto come un oggetto automatico, basta accenderlo e scattare. Niente di più sbagliato, il flash ha bisogno delle stesse compensazioni ed attenzioni della luce naturale, una luce che ha però il vantaggio di poter essere controllata completamente e sfruttata a nostro vantaggi; diciamo che possiamo vederlo e sfruttarlo come un

2 Andrea Conti, piccolo sole portatile. Inoltre normalmente non piace anche perché spesso è usato come un faro. Si pensa Non c è luce, è buio, allora accendo il flash, e questo è un altro concetto da sfatare: il flash rende il meglio di giorno, non di notte o al buio. Se è buio, normalmente non vale proprio la pena fotografare. Oppure bisogna averne almeno due o tre di flash (e le persone che li gestiscono), o dei veri fari posizionati strategicamente, ma questa è tutta un altra storia. La luce ambiente forte è uno dei campi di applicazione del flash. Spesso si deve scattare in ombra con uno sfondo in pieno sole. Se non si ha un flash a disposizione, pur esponendo correttamente per il soggetto, otterremo un risultato simile a quello di figura 1. Il soggetto è illuminato correttamente grazie all esposizione spot sul viso, ma lo sfondo è completamente sovraesposto, e questo purtroppo è inevitabile. Si tenga inoltre presente che questa foto è stata scattata in analogico su pellicola diapositiva dotata di buona latitudine di posa, qualcosa si vede ancora dello sfondo; in digitale con molte macchine con sensori ben più duri di questa pellicola avremmo avuto uno sfondo praticamente bianco. Con il flash invece lo sfondo si può salvare, come si può vedere in figura 2. Questo è uno scatto digitale, come si vede lo sfondo è leggibile nonostante il controluce diretto, ed il soggetto è perfettamente illuminato. Lo stesso effetto si potrebbe avere con un pannello riflettente posizionato dietro o di lato rispetto al fotografo. Ma il pannello riflettente è poco pratico nell utilizzo di tutti i giorni, ha una serie di svantaggi: per funzionare bene deve essere grande (anche più di un metro), deve essere vicino al soggetto e ci deve essere qualcuno che lo sorregge e lo orienta correttamente. Se queste tre condizioni sono tutte rispettate otterremo però un illuminazione di qualità ben superiore rispetto al flash singolo (questo è in effetti un metodo molto usato dai professionisti) e potremo aprire di molto il diaframma. Infatti, con il flash acceso non si può superare il cosiddetto tempo di sincro-flash, che dipende dalla macchina di cui disponiamo; se va bene vale 1/250 (se va male 1/125 o 1/60 nelle macchine più vecchi o economiche, io ce l ho ad 1/180 sulla S3 Pro). Tutto ciò significa non poter scattare a 100 ISO in pieno sole o controluce totale con diaframma più aperto di f/11, un valore totalmente incompatibile con il ritratto, dove si usano diaframmi aperti. Si tenga presente comunque che molti sistemi avanzati consentono l uso del flash su tutti i tempi, ma sono molti costosi, non tutti ne dispongono e normalmente occorre usare il flash in modo manuale, la cosa più difficile da fare. Riprendendo la nostra trattazione, accade spesso anche di arrivare in un luogo turistico in tarda mattinata, magari d estate con il sole alto. La classica foto ricordo sotto il sole di mezzogiorno senza flash è un classico dell orrore : si formano ombre nere sotto gli occhi e sotto tutte le parti sporgenti del viso, ed il contrasto fortissimo non consente di riprendere al meglio i soggetti. In questo caso si deve accendere il flash in modalità TTL fill-in e controllare di essere nel campo d azione del flash. Vediamo cos è il campo d azione. Campo d azione Il campo d azione è la zona in cui il flash riesce ad illuminare correttamente la scena. E perfettamente inutile accendere il flashetto incorporato della macchina a 100 ISO, mettersi a 10 metri dal soggetto, diaframma magari chiuso ad f/8, e dire cheese!, il flash in queste condizioni non ce la farà mai ad arrivare bene fin lì. I parametri che influenzano la portata del flash sono: sensibilità ISO diaframma distanza del soggetto potenza del flash Iniziamo dall ultimo punto. Il flash incorporato nelle macchine raramente arriva oltre qualche metro. I flash più potenti riescono ad illuminare anche a decine di metri, ma comunque non è detto che se ne abbia bisogno. Il diaframma regola la quantità di luce che entra nell obiettivo, se il diaframma è aperto servirà una quantità di luce flash inferiore. La distanza ovviamente è legata al discorso appena fatto, se il soggetto da illuminare si trova a breve distanza bisognerà emettere una quantità di luce inferiore rispetto ad un pagina 2 di 23

3 Il flash soggetto lontano. La sensibilità è l ultimo parametro/risorsa che abbiamo a disposizione quando il flash proprio non ce la fa: alzando la sensibilità ISO si riesce a far entrare più luce nel sensore ed avere quindi un soggetto correttamente illuminato (questo è un modo per risolvere il problema del flash-etto incorporato di cui abbiamo parlato sopra). E bene però non alzarla troppo (diciamo non oltre i ISO), per evitare grana, rumore ed altri problemi. Eravamo alla nostra foto-ricordo giusto? Il flash normalmente ci informa sul suo raggio d azione, o tramite il pannello LCD, o tramite un diagramma serigrafato sul retro, oppure dopo lo scatto, per mezzo di una spia rossa che lampeggia nel mirino, il cui significato è che il flash ha emesso tutta la potenza disponibile senza essere riuscito ad illuminare correttamente. Mettendoci all interno del raggio d azione, possiamo scattare e riuscire ad attenuare o cancellare del tutto le ombre sul viso del soggetto, in modo da illuminarlo correttamente. La machina ed il flash possono gestire tutto in automatico, ma è meglio essere conservativi e sottosporre un po il flash, in modo da lasciare cmq un po di ombra, cosa del resto naturale per i nostri occhi. Infatti l insieme macchina-flash in TTL fill-in già sottoespone automaticamente di suo, sta a noi sottoesporre ancora un po in base alla nostra esperienza ed in base a quello che vogliamo ottenere. Ma di tutto questo parleremo diffusamente nelle prossime puntate. In conclusione, lo scopo del flash TTL fill-in (fill-in significa riempire ) è quindi proprio quello di riempire le ombre e rendere naturale la foto in presenza di forte luce ambiente. La luce forte può provenire da qualsiasi direzione, a mezzogiorno dall alto, al tramonto lateralmente oppure da dietro (il cosiddetto controluce ), sempre rispetto al soggetto. In questi casi il flash risolve brillantemente il problema della luce dura. Possiamo iniziare a sperimentare, tenendo conto che siamo in tempi digitali e le sperimentazioni sono facili e poco costose (io ho buttato km. e km. di pellicola prima di capire come diavolo funzionasse sto arnese :-) ). figura 1 figura 2 pagina 3 di 23

4 Andrea Conti, Esempio di fortissima luce laterale da sx, risolto con una flashatina di compensazione fill-in L importante è capire che senza la flashata e con un esposizione media avremmo avuto tutta la parte sx bruciata e la parte destra completamente in ombra, a causa del forte contrasto, contrasto che è stato ridotto al minimo grazie all uso del flash. Non abbiamo ancora ottenuto una foto perfetta, ma i capelli non sono bruciati ed il viso e la pelle hanno i giusti toni e luminosità. Ecco un esempio di controluce: Questo scatto è fatto con il flash-etto incorporato della Fuji S3Pro regolato su fillin (ho potuto usare il piccolo flash perché ero vicino al soggetto). Notare come le ombre ci sono ancora, il flash le ha solo ridotte, ed è circa così che il nostro occhio le percepisce dal vivo. Il sensore della macchina (o la pellicola) invece avrebbe reagito in maniera differente, e senza flash (con la stessa esposizione) il viso sarebbe stato illeggibile. Vediamo un altro caso classico di controluce, che si presenta al tramonto: pagina 4 di 23

5 Il sole era dritto di fronte all obiettivo (l ho parzialmente nascosto dietro il soggetto per ridurre il rischio di flare), il colpo di flash fill-in ha equilibrato la luminosità del soggetto, che sarebbe stato altrimenti reso praticamente nero. Per avere un idea di ciò, si notino le ombre sulla sabbia, dove il flash non può arrivare a schiarire (sono fuori del raggio d azione, di cui abbiamo parlato la volta scorsa). Vedete come le parti rivolte verso il fotografo sono praticamente nere? Ultimo esempio per ora, un caso di foto con compattina digitale qualunque. Solo per far vedere che quello che stiamo dicendo è un principio generale valido per qualsiasi macchina e qualsiasi flash, ovvero una volta compreso che esiste la tecnica del fill-in ed i casi in cui serve, basta poi applicarla all attrezzatura che si ha in mano. Qui la piccola compatta è stata impostata con il flash acceso e regolato su -2/3 di stop. Per aiutare il flash a far rimanere il soggetto nel suo campo d azione è stata alzata la sensibilità a 200 ISO. Piccola digressione Questa vuole essere solo un semplice spunto di discussione, ma si può tranquillamente saltare ai fini del corso ed andare avanti al prossimo paragrafo. Si potrebbe dire: Ma perché darsi tanto la briga per tutte queste cose? In fondo basta scattare in RAW e poi correggere tutto in Photoshop, che ci vuole?. Tutto vero, effettivamente basta mettersi lì con Photoshop e si recuperano le ombre chiuse e le alte luci bruciate (entro certi limiti). Tutto vero se si scattano poche foto. Ma io dico che il tempo perso per aggiustare a mano 500 foto sbagliate (ed in un reportage di cerimonia se ne fanno anche 1000, e di reportage se ne possono fare due o tre a settimana...) è tempo (e salute) perso; senza contare altri problemi, come le necessità di spazio su disco per archiviare i RAW + TIFF (o JPG), o assicurarsi che in futuro tale formato sia supportato dai produttori. Senza contare che uno non può dire di essere fotografo e poi sbagliare 500 foto su 1000, se ne possono sbagliare (ed eventualmente correggere) una su dieci. Ovviamente non sto dicendo che non bisogna scattare in RAW. Il RAW è impagabile se voglio correggere le aberrazioni cromatiche del mio obiettivo economico e poco corretto otticamente, oppure se mi faccio i miei 40 scatti di paesaggio meditati, in un pomeriggio di camminata tranquilla per i boschi e voglio tutti e 14 i bit di dinamica che mi consente il mio sensore, se mi voglio gustare scatto per scatto l aggiustamento fine del bilanciamento del bianco, se voglio giocare a sottoesporre di tre stop senza rovianre lo scatto, e così via. Però scattare in jpg, o comunque con la mentalità della diapositiva, aiuta (e sopratutto aiuta chi inizia a fotografare) ad avere fin da subito lo scatto giusto. Senza contare che c è molto più gusto ad azzeccare (o sbagliare) tutto (o quasi) al primo colpo, è molto educativo soprattutto per chi inizia e non ha esperienza. La querelle tra RAW e JPG è comunque una questione aperta va oltre gli scopi di questo HOWTO, e stiamo rubando spazio al nostro amato flash.

6 Andrea Conti, Il flash TTL e AUTO Abbiamo parlato di termini come TTL. Che significa? TTL è un acronimo per through the lens, ovvero TUTTA la luce che arriva sul sensore viene letta attraverso l obiettivo e valutata dall esposimetro della macchina, sia quella ambiente che quella del flash. Esiste anche la modalità AUTO, in cui invece la SOLA LUCE AMBIENTE è letta e valutata dall esposimetro della macchina, quella del flash è letta da un sensore posto sul flash stesso, il quale in base al diaframma impostato sulla macchina (stesso valore che dovrà essere impostato anche sul flash) dosa il lampo in modo opportuno. Le istruzioni di ogni flash dicono come impostarlo su TTL o su AUTO. Quale delle due modalità usare e quando? Ognuno ha le proprie esperienze, preferenze e modalità operative. In generale il TTL è sicuramente il più comodo ed il più veloce, perché lavora in automatismo e sinergia con la macchina, basta accenderlo, eventualmente compensare (vedremo dopo come) e scattare. Ma non è universale. Infatti, se si impara a controllare un flash in AUTO, si è in grado di scattare praticamente con qualsiasi altro flash (anche ad es. i costosi Metz professionali per intenderci) e di macchina fotografica, non solo con lo specifico modello compatibile TTL con la propria macchina. Una volta capito il funzionamento, si è in grado di comandare il sistema flashmacchina in modo che produca esattamente la foto che vogliamo noi, e non soltanto una foto ragionevolmente ben esposta. Diciamo che il TTL è da utilizzare quando non c è molto tempo per pensare ad altro che non sia inquadrare e comporre bene (reportage di strada, eventi di folla, eventi sportivi, etc...), in sostanza e come sempre, conviene affidarsi all automatismo totale quando c è un motivo preciso per farlo. Il modo AUTO è preferibile quando si è in grado di controllare la situazione di luce senza perdere il soggetto che si sta fotografando. Situazioni di foto ricordo in posa, foto in studio, soggetti in posa in generale (ovviamente con l esperienza si riesce perfettamente ad usarlo anche per un reportage di cerimonia, anzi è il metodo che io prediligo in una situazione del genere). Oppure, semplicemente quando non si dispone di un flash TTL. Io ad es. solo recentemente ho potuto acquistare un flash TTL compatibile con la mia macchina digitale. Per lungo tempo mi sono accontentato di usare un vecchio flash economico Nikon di buona potenza, acquistato per pochi soldi. Questo è un altro vantaggio nell utilizzare il modo AUTO: costa meno. Come si controlla il flash nelle due modalità? Veniamo al pratico. Nel modo TTL bisogna che la macchina abbia un apposito tasto di compensazione del flash; con tale tasto è possibile aumentare o diminuire l esposizione della luce flash rispetto alla luce ambiente, a seconda di quello che si deve fare. Se il tasto non è presente, compensando l esposizione della macchina si compensa tutto, flash e luce ambiente, ovvero, non è possibile slegare il comportamento del flash dalla luce ambiente. Nel modo AUTO invece si ha sempre la massima libertà di compensazione, a prezzo però di una minore velocità operativa, bisogna farci un pò la mano. In sostanza si mette sul flash lo stesso diaframma usato per la ripresa (vedere il manuale di istruzioni per il dettaglio) e si scatta. Se si vuole compensare per fare in modo che arrivi più o meno luce flash sul sensore, bisogna cambiare il diaframma sulla macchina o sul flash. Io normalmente lo cambio sul flash, perché se lo cambio sulla macchina cambia la profondità di campo, e normalmente questa cerco di mantenerla. Naturalmente, se si vuole cambiare il diaframma sulla macchina, per mantenere la stessa esposizione per la luce ambiente bisognerà cambiare anche il tempo di scatto, e questo si ottiene facilmente se la macchina è regolata in manuale. La combinazione macchina in manuale-flash in TTL è una dell mie preferita, è comoda e veloce e sarà uno dei prossimi argomenti trattati. pagina 6 di 23

7 Il flash Regoletta generica per compensazione in AUTO compensazione flash +1 chiudere di 1 diaframma sul flash compensazione flash 1 aprire di 1 diaframma sul flash Un esempio pratico : voglio scattare una foto con il flash in AUTO sottoesposto di uno stop e la macchina regolata con un diaframma f/5.6. Normalmente (cioè per un'esposizione "Standard", non compensata) in questo caso metterei 5.6 sul flash, ma mi ricordo che devo compensare il flash a -1: la regoletta (seconda riga) ci dice che devo aprire di un diaframma sul flash e quindi metterò f/4. Il flash è convinto che stiamo scattamdo veramente ad f/4 ed emetterà meno luce, ma noi lo "freghiamo" perchè scattiamo a 5.6 comunque, il flash in modo AUTO non può saperlo. La stessa cosa in TTL si risolve senza tanti ragionamenti girando la rotella del controllo flash (se disponibile sulla macchina) fino a leggere il valore -1 nel mirino o nel pannello di controllo del flash. L importante è capire che slegare l esposizione flash da quella per la luce ambiente è la chiave per riuscire ad avere una bella luce flash. Come fare per sapere quando e quanto compensare il flash? Al di là del modo utilizzato sul flash (TTL o AUTO), per la compensazione della luce flash valgono le stesse considerazioni della compensazione per la luce ambiente. Esempio pratico: supponiamo che si debba fotografare una sposa candida con una bella flashata. Metto il flash in TTL o in AUTO senza compensare niente e scatto. Bisogna sapere che così facendo otterrò una bellissima sposa grigia. Infatti il sistema esposimetrico tenderà a sottoesporre, ingannato dalla predominanza di bianco. In questo caso occorre compensare in sovraesposizione, tentando +1.5 o anche +2 sul flash. Occorrerà regolarsi al contrario per fotografare il gatto nero che cammina sulla cattedra davanti ad una lavagna. Il fill-in con un flash in AUTO Abbiamo visto la volta scorsa che normalmente la tecnica del fill-in si può utilizzare con il modo TTL, specialmente quando non c è molto tempo se non per inquadrare e scattare. Se si deve (o si vuole) usare il modo AUTO per far il fill-in (ne abbiamo già parlato), basterà compensare l esposizione del flash rispetto alla luce ambiente, sottoesponendo in base alla situazione ed alla propria esperienza, e seguendo la regoletta vista nel paragrafo precedente. Il valore base è -1, si può iniziare a fare esperienza con questo valore e vedere poi come, quando e quanto aggiustare questo settaggio. Vediamo ora una carrellata di esempi di tutto quello che abbiamo detto. pagina 7 di 23

8 Andrea Conti, Vediamo un esempio di luce forte e compensazione flash fill-in necessaria: Scatto in pellicola, con compensazione flash a circa +0.5 e luce ambiente a +1.5 o giù di lì (non ricordo esattamente). Senza flash e senza compensazioni il soggetto (ed anche lo sfondo) sarebbe stato non correttamente esposto (sottoesposto), a causa del bianco predominante. Altro esempio di fill-in: Qui è stata operata una compensazione a -1 del flash in AUTO, dopo aver esposto per la luce alta di sfondo. pagina 8 di 23

9 Il flash Ed ora due esempi di foto sbagliate: Troppo flash, ho tentato una compensazione a +2. Poco flash, ero troppo distante, con sensibilità bassa, diaframma troppo chiuso e flash compensato a -1, non ce l ha fatta, il volto è scuro. Ripeto, si recupera tutto tranquillamente in Photoshop (ed anche scattando in JPG), ma lo scopo qui non è capire come funziona Photoshop, ma come funzione il flash. pagina 9 di 23

10 Andrea Conti, Parliamo adesso di uso del flash in luce scarsa e del TTL standard. Al solito iniziamo con qualche ulteriore esempio relativo alla volta scorsa, ma che ci serve per passare con gradualità ai prossimi temi. Un esempio di fill-in in luce scarsa In questo caso è stato necessario, perchè la forte luce artificiale posteriore faceva stare il soggetto in controluce. La flashata ha compensato il controluce. Vediamo la prossima foto: Ecco un caso di luce difficile, senza flash qui era difficile far rientrare sia il soggetto che lo sfondo nella latitudine di posa della pellicola (col digitale sarebbe stato peggio); per non bruciare le insegne dei cartelli e le alte luci in genere, si è scelto di misurare in spot la facciata del palazzo illuminata dal sole, bloccare l'esposizione e scattare con il flash acceso in TTL. Al solito, non è una foto perfetta, è una foto di tutti i giorni ben esposta, ed un ricordo salvato e non buttato nel cestino. pagina 10 di 23

11 Il flash Altro caso di luce difficile : Nello sfondo c'è ombra piena, mentre il soggetto si trova in piena e forte luce laterale da dx. Scattando in totale automantismo e senza flash, con fortissima probabilità la macchina avrebbe letto lo sfondo scuro, avrebbe pensato che ci fosse poca luce ed avrebbe tirato sù l'esposizione, mandando all'aria le alte luci ed i bianchi del soggetto. Lo scatto precedente era posato ed avevamo tutto il tempo a nostra disposizione; questo invece è rubato e si deve cogliere al volo il soggetto. Che fare? Con la macchina in esposizione automatica avremmo dovuto trovare le alte luci, misurare l'esposizione su di esse, compensare, bloccare l'esposizione, ricomporre, scattare... nel frattempo il soggetto è passato ad un altro negozio... Il flash in TTL e la macchina in manuale In questi casi conviene mettere (e tenere) la macchina in modalità di esposizione manuale, misurare le alte luci, e poi non toccarla più. Flash acceso in TTL. In questo modo l'esposizione per lo sfondo sarà sempre regolata per le alte luci in modo permanente, il flash illumina a riempire, e nessuuna parte dell'immagine sarà bruciata. Con la pellicola (questo è uno scatto in pellicola) ci vuole più esperienza per prevedere con sicurezza i risultati, i risultati in analogico si possono verificare solo a posteriori quando ormai si è lontani dal luogo dello scatto (e con molte parolacce dette a se stessi e pensieri del tipo "Andrea: perchè l'hai sbagliata di nuovo?" :-) :-) ). Col digitale è semplice: quando ci infiliamo in un vicolo al tramonto pieno di forti luci ed ombre piene, mettiamo la macchina in manuale, regoliamola e facciamo uno scatto di prova. Se va bene, non tocchiamola più. Pensiamo a tenere acceso il flash ed a scattare componendo bene, saremo SICURI dell'esposizione. Un altro vantaggio di tenere la macchina in manuale è che possimao regolarla più velocemente quando il flash è acceso, e specialmente in modalità AUTO. Con la rotella dei tempi controlliamo l'esposizione per lo sfondo, con quella dei diaframmi quella per il flash e la pdc. E' rapido ed efficiente. Il flash in luce scarsa: il "TTL standard" Un altro possibile uso del flash è quello in luce ambiente scarsa. Che significa "scarsa"? Quanto "scarsa". Dipende. E' importante imparare a valutare con la vista la luce che ci troviamo di fronte e catalogarla in "caselle" standard, in modo che sappiamo sempre come comportarci. La luce può essere valutata "scarsa ma sufficiente" quando ci sono lampadine, fonti di luce direttamente nell'inquadratura, insomma qualsiasi fonte di luce naturale o artificiale che sia chiaramente visibile nella scena. Ad es. in interni con le luci accese, oppure in notturna quando ci sono dei pagina 11 di 23

12 Andrea Conti, lampioni, delle illuminazioni stradali, e così via. La luce invece è "scarsa ed insufficiente" quando ce n'è veramente poca, talmente poca, diffusa e lontana che neanche a 3200 ISO riusciremmo a scattare con sicurezza. Ad es. in notturna lontano da lampioni o in interni con le luci spente, o accese in un'altra stanza. In entrambi i casi è conveniente mettere il flash in "TTL standard"; in questa modalità la macchina non fa nessun tipo di compensazione automatica, ma espone il soggetto normalmente. Perchè dobbiamo escludere le compensazioni automatiche? Perchè ora il flash non deve soltanto riampire le ombre e basta, mischiandosi con la luce ambiente, ma è proprio la fonte di luce principale, deve illuminare completamente il soggetto. Ciò non significa che noi poi possimao introdurre manualmente delle compensazioni (sposa bianca, gatto nero, etc etc...), ma l'importante è escludere quelle della macchina. Luce scarsa ma sufficiente Vediamo un esempio, e poi lo raccontiamo a parole. Questo è il tipico caso di foto in interni, con luce scarsa ma sufficiente. Lo sfondo è illuminato da punti luce visibili, ma il primo piano si trova con meno luce. Accendiamo immediatamente il flash! Macchina in manuale, misuriamo lo sfondo. L'esposimetro ci dirà, a 100 ISO (la foto è stata fatta in pellicola negativa 100 ISO) ad es. un valore di 2.8. Foto mossa, sicuro. NON scattiamo, ma sottoesponiamo almeno di 1.5 stop, meglio 2, portando l'esposizione ad un valore 1/30-1/45, tempo sicuro. Scattiamo. Le luci garantiscono comunque la visibilità dello sfondo, pur se sottoesposto, mentre il flash illumina correttamente il primo piano, congelandolo. Foto e ricodri di una cena salvi. C'è ancora un "trucco" in questa foto, ma lo sveliamo più tardi. Vediamo l'altro caso. pagina 12 di 23

13 Il flash Luce scarsa ed insufficiente Ecco il caso di foto in interni con luce non sufficiente. Paradossalmente è il caso più facile. Questo scatto (digitale) è stato fatto praticamente al buio, le luci accese erano quelle di un'altra stanza, molto lontana, ho dovuto usare l'illuminatore AF del flash per mettere a fuoco. In questo caso il flash è indispensabile. Visto che non c'è luce ambiente non dobbiamo fare tutti i ragionamenti appena visti: ce ne freghiamo della luce ambiente. Macchina in manuale al tempo di sincro-flash (o il più rapido possibile). Flash acceso. Si scatta. Questa foto è stata fatta con soggetto in movimento libero, ma il flash ed il tempo rapido l'hanno congelata. Anche qui c'è un trucco. Ok, è arrivato il momento di "svelarlo", vediamo. pagina 13 di 23

14 Andrea Conti, Bounce-flash Avrete notato la morbidezza della luce nell'ultimo scatto (ma anche nel precedente), non sembrano le solite foto fatte con il flash. In effetti, la classica flashata in luce scarsa assomiglia a questo: Soggetto ben illuminato, sfondo visibile, ma luce dura, ci sono ombre nette sul viso e sul corpo. Qui tra l'altro non c'era scelta. Invece nei casi precedenti ho potuto usare la tecnica del "bounce-flash", perchè avevo qualcos'altro contro cui puntare il flash. Infatti, si orienta il flash (impostato sempre in TTL standard) in alto verso il soffitto o lateralmente verso una parete e si scatta. E' questo il "trucco". Si fa rimbalzare la luce su una grande superficie, senza mandarla direttamente sul soggetto. Su di esso cadrà una morbida "cascata" di luce, anzichè una dura "sparata" di flash. Vediamo un altro esempio: foto6 pagina 14 di 23

15 Anche in questo caso il flash è puntato, in TTL standard, verso l'alto, ed è estratto il piccolo cartoncino bianco che molti flash possiedono per mettere un punto di luce negli occhi, per renderli vivi. Il cartoncino bianco è estratto anche nella foto3. Uno dei vantaggi del bounce-flash è che si riesce a scattare con sensibilità di 100 ISO in interni, con una bella luce, e senza grana nelle immagini. Le reflex che già ad 800 ISO sono rumorose possono avvantaggiarsi di queta tecnica, oppure le analogiche con una economica 100 ISO negativa del supermercato. Prima avevo detto che non avevo scelta nella foto precedente, che non potevo usare il bounce-flash, perchè? Quando non si può usare il bounceflash? Quando non c'è una superfice di rimbalzo adatta, un soffitto scuro, o altissimo (molte chiese non consentono l'uso del bounceflash) o di colore non adatto. Il soffitto deve essere di colore chiaro, bianco, beige, rosato va bene, ma marrone scuro, rosso fuoco, violetto etc. no, ne verrebbero fuori dominanti incorreggibili neanche dal rawconverter più sofisticato. Non si può usare neanche se non disponiamo di un flash con al testa rotante o poco potente; ci vuole molta potenza per far cadere sul soggetto abbastanza luce. A volte, per usare tempi di sicurezza di 1/250 (capita in interni se vogliamo usare il telezoom) bisogna anche alzare la sensibilità ad 800 ISO per avere abbastanza luce flash di rimbalzo. Luce scarsa in esterni Concludiamo con un esempio di luce scarsa in esterni. Capita spesso di fotografare in ombra, con poca luce. Anche qui: macchina in manuale, flash TTL standard e si scatta. Ecco un esempio.

16 Andrea Conti, Vorrei concludere con una carrellata totalmente "pratica", senza teoria. Presenterò una serie di foto in cui ho usato il flash per scelta precisa, spiegando di volta in volta la foto. Questo perchè sono convinto che l'analisi e la spiegazione di una foto valga più di mille parole, di corsi teorici, e di noiose spiegazioni. La cosa importante è saper prendere la decisione "corretta" (in base a quello che si vuole fare) direttamente sul campo, per avere subito lo scatto giusto. Ho raggruppato le scelte fatte in base alle "caselle mentali" che mi creo quanto scatto sul campo. Infatti, se vedo una scena cerco di catalogarla nel minor tempo possibile (nel caso di reportage spesso non bisogna metterci più di un paio di secondi, altrimenti si perde lo scatto) in una "casella mentale" già collaudata per un certo tipo di risultato. La casella corrisponde ad una certa regolazione della macchina per il risultato che voglio ottenere. Bisognerebbe crearsi il più alto numero possibile di queste caselle, che poi alla fine costituiscono parte integrante della cosiddetta "esperienza". Ovviamente le caselle che descriverò qui sono poche, per ovvie ragioni, ma è sufficiente a far capire cosa fare sul campo in determinate situzioni per ottenere determinati risultati, a "botta sicura". La maggior parte delle foto di questo articolo sono su pellicola e sono ovviamente piccole e compresse per ragioni di spazio. Chi volesse la versione grande di una o più foto per studiarle bene può richiedermele via Prima di descrivere gli esempi raggruppati per "caselle", iniziamo con un confronto diretto di due situazioni, una con due impostazioni differenti della macchina ed una con/senza flash. Foto in interni con macchina in mauale ed esposizione con tempo rapido (1/125). Il flash è acceso e puntato verso l'alto, con cartoncino bianco estratto. Lo sfondo è molto scuro, pur essendo il soggetto illuminato bene. Cosa fare? Questa è una foto su pellicola 100 ISO, ed anche non potendo controllare subito il risultato, avevo cmq "previsualizzato" il risultato in base alla casella mentale (da qui si capisce la sua utilità), cioè sapevo esattamente come sarebbe venuta la foto. Con la macchina in manuale, non ho fatto altro che girare la rotella dei tempi ad 1/30 o giù di lì (l'esposimetro mi dava ancora una sottoesposizione di circa 2/3 di stop) e scattare di nuovo. Ecco il risultato: pagina 16 di 23

17 Piccola digressione: ormai col digitale si spreca tempo prezioso sul campo per "controllare" la foto (che mai si potrà controllare poi sul campo, al massimo l'istogramma). Io lo faccio spesso, non è una cosa cattiva, dopotutto la tecnologia è qui per aiutarci. Però il tempo perso per controllare la foto è perso, non torna, spesso si perdono scatti ed attimi preziosi. Anche il sapere come verrà la foto prima di controllarla o addirittura senza controllarla è fondamentale per ottimizzare al massimo i tempi sul campo ed ottenere rapidamente un maggior numero di foto buone. Io in un reportage di matrimonio faccio gli esterni in non più di venti minuti-mezzora. Altra situazione, reportage di matrimonio. Il flash io nel reportage di matrimonio lo uso nel 5% delle foto che faccio, pochissimo, solo luce ambiente. Ma ci sono foto che bisogna portare nitide a casa a tutti i costi, come lo scambio degli anelli. Prima foto senza flash, foto digitale: Per dare varietà agli scatti e per garantirmi cmq la foto importante non mossa, accendo rapidamente il flash puntato verso l'alto, cartoncino estratto, sottoespongo lo sfondo di uno stop e scatto in AUTO non compensato (questo è lo scatto "grezzo", ha bisogno di una leggera reinquadratura in stampa). Vedete come lo sfondo è più scuro rispetto al primo scatto? Questo è lo scatto che non bisogna perdere, per cui l'accorciamento del tempo di scatto è fondamentale.

18 Andrea Conti, - Casella "Bounce-flash" Reportage di matrimonio, casa della sposa... La luce è poca e non buona, che fare? Macchina digitale, accendo il flash in AUTO, verso l'alto, cartoncino estratto, macchina in verticale, tempo rapido, sensibilità alta 800 ISO. Ecco il risultato: Il volto presenta leggere ombre che lo modellano, buone luci morbide, nessuna parte bruciata. - Casella "Evidenziare" Evidenziare è l'esigenza che si ha quando si vuole far risaltare un soggetto rispetto ad uno sfondo uniforme o poco interessate ma che deve rimanere visibile, oppure per illuminarlo in modo diverso dallo sfondo. Primo esempio. Reportage di matrimonio, uscita dalla cerimonia, sposa felice. Siamo in ombra, e voglio evidenziare la felicità della sposa. Macchina digitale, flash in auto, sfondo a -1, si scatta. Ecco il risultato: Altro esempio. Parigi, vedo una foto in "stile" Martin Parr, famoso per l'uso del flash per evidenziare un soggetto. Siamo in ombra piena, al crepuscolo, quasi buio, pellicola diapositiva 100 ISO. Stesso comportamento: flash acceso in TTL standard, sfondo a -1 e si scatta. Capisco che se Martin Parr vede questa foto, come minimo mi mena, però lo scatto non è malaccio :-) pagina 18 di 23

19 Il flash Altro esempio. Parigi, volevo evidenziare le parti metalliche con i loro riflessi. Stesso comportamento: pellicola 100 ISO, sfondo a -1, flash e si scatta. Ultimo esempio parigino. Evidenziazione di un soggetto in pieno sole. Sempre uguale, si sottoespone lo sfondo e si usa il flash. Pellicola 100 ISO. Qui il flash è il TTL +1, la gabbia è bianco puro. Piccioni "fermati" con doppia esposizione, nessuna parte bruciata, senza poter controllare lo scatto, siamo in pellicola, e non abbiamo ancora troppi rullini da esporre, dobbiamo centellinare gli scatti. pagina 19 di 23

20 Andrea Conti, Vediamo l'evidenziazione in foto di paesaggio. Goccioline di rugiada (foto con compattina digitale di poche pretese): Evidenziazione di fiori contro sfondo scuro (pellicola 100 ISO): Evidenziazione di girasole contro il cielo (pellicola 100 ISO): pagina 20 di 23

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI DIGITAL TTL POWER ZOOM FLASH Nissin Japan Ltd., Tokyo http://www.nissin-japan.com MANUALE DI ISTRUZIONI Tipo N Nissin Marketing Ltd., Hong Kong http://www.nissindigital.com N1110 REV. 1.1 Grazie per aver

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

QUADERNI DI CAMERA OSCURA

QUADERNI DI CAMERA OSCURA BLACK&WHITE FRIENDS QUADERNI DI CAMERA OSCURA VOLUME 1 LO SVILUPPO DELLE PELLICOLE IN BIANCO E NERO GIUGNO 2001 SCHEDA TECNICA PELLICOLE E SVILUPPI IN BIANCO E NERO Le seguenti note, basate sull esperienza

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni

Digital Photo Professional Ver. 3.11 Istruzioni ITALIANO Software per elaborazione, visualizzazione e modifica d'immagini RAW Digital Photo Professional Ver.. Istruzioni Contenuto delle Istruzioni DPP è l'abbreviazione di Digital Photo Professional.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DSC-W350/W360/W380/W390

DSC-W350/W360/W380/W390 MENU/ Guida all uso Cyber-shot DSC-W350/W360/W380/W390 2010 Sony Corporation 4-162-397-31(1) IT Come utilizzare il presente manuale Fare clic su un pulsante in alto a destra per passare alla pagina corrispondente.

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Ci complimentiamo con lei per aver acquistato l esposimetro Sekonic Flash Master L- 358.

Ci complimentiamo con lei per aver acquistato l esposimetro Sekonic Flash Master L- 358. Ci complimentiamo con lei per aver acquistato l esposimetro Sekonic Flash Master L- 358. Flash Master L-358 si aggiunge all ampia gamma di esposimetri Sekonic, da oltre 40 anni azienda leader di mercato.

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu IL NUOVO VOLTO DELL EURO Scopri la nuova banconota da 10 www.euro.ecb.europa.eu LA SERIE EUROPA : CARATTERISTICHE DI SICUREZZA Facili da controllare e difficili da falsificare Le nuove banconote da 5 e

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

PER UN USO CORRETTO DI QUESTO APPARECCHIO, LEGGERE ATTENTAMENTE I MANUALI AVVISO ALLEGATI.

PER UN USO CORRETTO DI QUESTO APPARECCHIO, LEGGERE ATTENTAMENTE I MANUALI AVVISO ALLEGATI. OBIETTIVI NIKKOR Guardare con occhi Ogni fotografo è unico. Qualunque siano le vostre idee, la vostra esperienza e il vostro stile, esiste un obiettivo NIKKOR adatto a realizzare il vostro potenziale.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario:

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario: Probabilmente questo problema è stato già affrontato da altri, ma volevo portare la mia esperienza diretta, riguardo alla realizzazione di un alimentatore per il caricabatterie 12 volt, ottenuto trasformando

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni )

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) I NUMERI NEGATIVI Lezione tratta da http://www.maecla.it/bibliotecamatematica/af_file/damore_oliva_numeri/mat_fant_classe4.pdf

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli