Andrea Conti. Il flash

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Conti. Il flash"

Transcript

1 Andrea Conti Il flash Questo articolo riguarda l utilizzo del flash. Farò una carrellata suoi principali utilizzi e sulle tecniche di base per gestirlo in modo produttivo. L articolo è rivolto a chi inizia a muovere i primi passi nel mondo della fotografia ed a chi sia già ad un livello intermedio, ma intenda approfondire l argomento in modo sistematico. Ovviamente si tratta di principi validi come regole di base, che ognuno potrà poi infrangere come e dove vuole; però è bene innanzitutto impararle le regole, poi si possono anche dimenticare. In questo articolo non si farà riferimento ad un particolare modello di flash, per questo occorre riferirsi alla documentazione specifica in proprio possesso. Descriverò invece concetti generali, validi per qualsiasi flash, concetti che poi sarà facile applicare alla specifica situazione. Ad es., è importante capire quando e come usare il TTL standard anziché il TTL fill-in ; in seguito per come impostare il flash che si possiede in una di queste due modalità basterà leggere le istruzioni del flash. Si farà riferimento inoltre a foto di tutti i giorni, quelle che ci troviamo a fare quando siamo in gita da qualche parte e vogliamo migliorare la qualità delle nostre riprese; sarà quindi escluso dalla trattazione l uso del flash in studio o l uso di più flash contemporaneamente, queste sono tecniche avanzate che esulano dagli scopi di questo articolo. In ogni caso le informazioni presenti nell articolo sono più che sufficiente per iniziare ad avere a che fare con una modella/modello e la/lo vogliamo illuminare correttamente con il flash, sia in esterni che in interni. Cercherò di essere il più pratico e concreto possibile, sia per non annoiare, sia per evitare di parlare troppo di teoria e cose che poi nessuno ha voglia e/o tempo di mettersi a fare. E cercherò il più possibile di fornire delle mie foto di esempio, utili per comprendere meglio ciò che si sta dicendo, dato che si sa che per noi fotografi un immagine vale più di mille parole. Inutile dire che le foto hanno esclusivamente questo scopo dimostrativo e non vogliono essere delle belle foto. Ovviamente sono graditi suggerimenti, segnalazioni di correzioni, aggiunte, sottrazioni, insomma tutto può essere utile a tutti. Scherzi a parte, spero che questo mio articolo sia utile per il maggior numero di persone, ed avere un feedback dal maggior numero di persone è importante per me, per poter correggere eventualmente il tiro, e per tutti per aumentare l efficienza e l efficacia della comunicazione. Ovviamente non potrò essere esaustivo in ogni singolo aspetto, ma volendo è possibile espandere un certo punto, chi è interessato mi può contattare tranquillamente. Bene, iniziamo pure. Flash fill-in Normalmente la frase che si sente dire è: Il flash non lo uso, perché non mi piace. In realtà si intende dire: Non lo uso perché la luce che esce fuori non mi piace. In effetti il flash è uno dei migliori amici del fotografo, e capire come, dove e quando utilizzarlo consente di fare un vero e proprio salto di qualità nelle proprie riprese. Perché normalmente non piace la luce che esce fuori? Perché normalmente il flash è visto come un oggetto automatico, basta accenderlo e scattare. Niente di più sbagliato, il flash ha bisogno delle stesse compensazioni ed attenzioni della luce naturale, una luce che ha però il vantaggio di poter essere controllata completamente e sfruttata a nostro vantaggi; diciamo che possiamo vederlo e sfruttarlo come un

2 Andrea Conti, piccolo sole portatile. Inoltre normalmente non piace anche perché spesso è usato come un faro. Si pensa Non c è luce, è buio, allora accendo il flash, e questo è un altro concetto da sfatare: il flash rende il meglio di giorno, non di notte o al buio. Se è buio, normalmente non vale proprio la pena fotografare. Oppure bisogna averne almeno due o tre di flash (e le persone che li gestiscono), o dei veri fari posizionati strategicamente, ma questa è tutta un altra storia. La luce ambiente forte è uno dei campi di applicazione del flash. Spesso si deve scattare in ombra con uno sfondo in pieno sole. Se non si ha un flash a disposizione, pur esponendo correttamente per il soggetto, otterremo un risultato simile a quello di figura 1. Il soggetto è illuminato correttamente grazie all esposizione spot sul viso, ma lo sfondo è completamente sovraesposto, e questo purtroppo è inevitabile. Si tenga inoltre presente che questa foto è stata scattata in analogico su pellicola diapositiva dotata di buona latitudine di posa, qualcosa si vede ancora dello sfondo; in digitale con molte macchine con sensori ben più duri di questa pellicola avremmo avuto uno sfondo praticamente bianco. Con il flash invece lo sfondo si può salvare, come si può vedere in figura 2. Questo è uno scatto digitale, come si vede lo sfondo è leggibile nonostante il controluce diretto, ed il soggetto è perfettamente illuminato. Lo stesso effetto si potrebbe avere con un pannello riflettente posizionato dietro o di lato rispetto al fotografo. Ma il pannello riflettente è poco pratico nell utilizzo di tutti i giorni, ha una serie di svantaggi: per funzionare bene deve essere grande (anche più di un metro), deve essere vicino al soggetto e ci deve essere qualcuno che lo sorregge e lo orienta correttamente. Se queste tre condizioni sono tutte rispettate otterremo però un illuminazione di qualità ben superiore rispetto al flash singolo (questo è in effetti un metodo molto usato dai professionisti) e potremo aprire di molto il diaframma. Infatti, con il flash acceso non si può superare il cosiddetto tempo di sincro-flash, che dipende dalla macchina di cui disponiamo; se va bene vale 1/250 (se va male 1/125 o 1/60 nelle macchine più vecchi o economiche, io ce l ho ad 1/180 sulla S3 Pro). Tutto ciò significa non poter scattare a 100 ISO in pieno sole o controluce totale con diaframma più aperto di f/11, un valore totalmente incompatibile con il ritratto, dove si usano diaframmi aperti. Si tenga presente comunque che molti sistemi avanzati consentono l uso del flash su tutti i tempi, ma sono molti costosi, non tutti ne dispongono e normalmente occorre usare il flash in modo manuale, la cosa più difficile da fare. Riprendendo la nostra trattazione, accade spesso anche di arrivare in un luogo turistico in tarda mattinata, magari d estate con il sole alto. La classica foto ricordo sotto il sole di mezzogiorno senza flash è un classico dell orrore : si formano ombre nere sotto gli occhi e sotto tutte le parti sporgenti del viso, ed il contrasto fortissimo non consente di riprendere al meglio i soggetti. In questo caso si deve accendere il flash in modalità TTL fill-in e controllare di essere nel campo d azione del flash. Vediamo cos è il campo d azione. Campo d azione Il campo d azione è la zona in cui il flash riesce ad illuminare correttamente la scena. E perfettamente inutile accendere il flashetto incorporato della macchina a 100 ISO, mettersi a 10 metri dal soggetto, diaframma magari chiuso ad f/8, e dire cheese!, il flash in queste condizioni non ce la farà mai ad arrivare bene fin lì. I parametri che influenzano la portata del flash sono: sensibilità ISO diaframma distanza del soggetto potenza del flash Iniziamo dall ultimo punto. Il flash incorporato nelle macchine raramente arriva oltre qualche metro. I flash più potenti riescono ad illuminare anche a decine di metri, ma comunque non è detto che se ne abbia bisogno. Il diaframma regola la quantità di luce che entra nell obiettivo, se il diaframma è aperto servirà una quantità di luce flash inferiore. La distanza ovviamente è legata al discorso appena fatto, se il soggetto da illuminare si trova a breve distanza bisognerà emettere una quantità di luce inferiore rispetto ad un pagina 2 di 23

3 Il flash soggetto lontano. La sensibilità è l ultimo parametro/risorsa che abbiamo a disposizione quando il flash proprio non ce la fa: alzando la sensibilità ISO si riesce a far entrare più luce nel sensore ed avere quindi un soggetto correttamente illuminato (questo è un modo per risolvere il problema del flash-etto incorporato di cui abbiamo parlato sopra). E bene però non alzarla troppo (diciamo non oltre i ISO), per evitare grana, rumore ed altri problemi. Eravamo alla nostra foto-ricordo giusto? Il flash normalmente ci informa sul suo raggio d azione, o tramite il pannello LCD, o tramite un diagramma serigrafato sul retro, oppure dopo lo scatto, per mezzo di una spia rossa che lampeggia nel mirino, il cui significato è che il flash ha emesso tutta la potenza disponibile senza essere riuscito ad illuminare correttamente. Mettendoci all interno del raggio d azione, possiamo scattare e riuscire ad attenuare o cancellare del tutto le ombre sul viso del soggetto, in modo da illuminarlo correttamente. La machina ed il flash possono gestire tutto in automatico, ma è meglio essere conservativi e sottosporre un po il flash, in modo da lasciare cmq un po di ombra, cosa del resto naturale per i nostri occhi. Infatti l insieme macchina-flash in TTL fill-in già sottoespone automaticamente di suo, sta a noi sottoesporre ancora un po in base alla nostra esperienza ed in base a quello che vogliamo ottenere. Ma di tutto questo parleremo diffusamente nelle prossime puntate. In conclusione, lo scopo del flash TTL fill-in (fill-in significa riempire ) è quindi proprio quello di riempire le ombre e rendere naturale la foto in presenza di forte luce ambiente. La luce forte può provenire da qualsiasi direzione, a mezzogiorno dall alto, al tramonto lateralmente oppure da dietro (il cosiddetto controluce ), sempre rispetto al soggetto. In questi casi il flash risolve brillantemente il problema della luce dura. Possiamo iniziare a sperimentare, tenendo conto che siamo in tempi digitali e le sperimentazioni sono facili e poco costose (io ho buttato km. e km. di pellicola prima di capire come diavolo funzionasse sto arnese :-) ). figura 1 figura 2 pagina 3 di 23

4 Andrea Conti, Esempio di fortissima luce laterale da sx, risolto con una flashatina di compensazione fill-in L importante è capire che senza la flashata e con un esposizione media avremmo avuto tutta la parte sx bruciata e la parte destra completamente in ombra, a causa del forte contrasto, contrasto che è stato ridotto al minimo grazie all uso del flash. Non abbiamo ancora ottenuto una foto perfetta, ma i capelli non sono bruciati ed il viso e la pelle hanno i giusti toni e luminosità. Ecco un esempio di controluce: Questo scatto è fatto con il flash-etto incorporato della Fuji S3Pro regolato su fillin (ho potuto usare il piccolo flash perché ero vicino al soggetto). Notare come le ombre ci sono ancora, il flash le ha solo ridotte, ed è circa così che il nostro occhio le percepisce dal vivo. Il sensore della macchina (o la pellicola) invece avrebbe reagito in maniera differente, e senza flash (con la stessa esposizione) il viso sarebbe stato illeggibile. Vediamo un altro caso classico di controluce, che si presenta al tramonto: pagina 4 di 23

5 Il sole era dritto di fronte all obiettivo (l ho parzialmente nascosto dietro il soggetto per ridurre il rischio di flare), il colpo di flash fill-in ha equilibrato la luminosità del soggetto, che sarebbe stato altrimenti reso praticamente nero. Per avere un idea di ciò, si notino le ombre sulla sabbia, dove il flash non può arrivare a schiarire (sono fuori del raggio d azione, di cui abbiamo parlato la volta scorsa). Vedete come le parti rivolte verso il fotografo sono praticamente nere? Ultimo esempio per ora, un caso di foto con compattina digitale qualunque. Solo per far vedere che quello che stiamo dicendo è un principio generale valido per qualsiasi macchina e qualsiasi flash, ovvero una volta compreso che esiste la tecnica del fill-in ed i casi in cui serve, basta poi applicarla all attrezzatura che si ha in mano. Qui la piccola compatta è stata impostata con il flash acceso e regolato su -2/3 di stop. Per aiutare il flash a far rimanere il soggetto nel suo campo d azione è stata alzata la sensibilità a 200 ISO. Piccola digressione Questa vuole essere solo un semplice spunto di discussione, ma si può tranquillamente saltare ai fini del corso ed andare avanti al prossimo paragrafo. Si potrebbe dire: Ma perché darsi tanto la briga per tutte queste cose? In fondo basta scattare in RAW e poi correggere tutto in Photoshop, che ci vuole?. Tutto vero, effettivamente basta mettersi lì con Photoshop e si recuperano le ombre chiuse e le alte luci bruciate (entro certi limiti). Tutto vero se si scattano poche foto. Ma io dico che il tempo perso per aggiustare a mano 500 foto sbagliate (ed in un reportage di cerimonia se ne fanno anche 1000, e di reportage se ne possono fare due o tre a settimana...) è tempo (e salute) perso; senza contare altri problemi, come le necessità di spazio su disco per archiviare i RAW + TIFF (o JPG), o assicurarsi che in futuro tale formato sia supportato dai produttori. Senza contare che uno non può dire di essere fotografo e poi sbagliare 500 foto su 1000, se ne possono sbagliare (ed eventualmente correggere) una su dieci. Ovviamente non sto dicendo che non bisogna scattare in RAW. Il RAW è impagabile se voglio correggere le aberrazioni cromatiche del mio obiettivo economico e poco corretto otticamente, oppure se mi faccio i miei 40 scatti di paesaggio meditati, in un pomeriggio di camminata tranquilla per i boschi e voglio tutti e 14 i bit di dinamica che mi consente il mio sensore, se mi voglio gustare scatto per scatto l aggiustamento fine del bilanciamento del bianco, se voglio giocare a sottoesporre di tre stop senza rovianre lo scatto, e così via. Però scattare in jpg, o comunque con la mentalità della diapositiva, aiuta (e sopratutto aiuta chi inizia a fotografare) ad avere fin da subito lo scatto giusto. Senza contare che c è molto più gusto ad azzeccare (o sbagliare) tutto (o quasi) al primo colpo, è molto educativo soprattutto per chi inizia e non ha esperienza. La querelle tra RAW e JPG è comunque una questione aperta va oltre gli scopi di questo HOWTO, e stiamo rubando spazio al nostro amato flash.

6 Andrea Conti, Il flash TTL e AUTO Abbiamo parlato di termini come TTL. Che significa? TTL è un acronimo per through the lens, ovvero TUTTA la luce che arriva sul sensore viene letta attraverso l obiettivo e valutata dall esposimetro della macchina, sia quella ambiente che quella del flash. Esiste anche la modalità AUTO, in cui invece la SOLA LUCE AMBIENTE è letta e valutata dall esposimetro della macchina, quella del flash è letta da un sensore posto sul flash stesso, il quale in base al diaframma impostato sulla macchina (stesso valore che dovrà essere impostato anche sul flash) dosa il lampo in modo opportuno. Le istruzioni di ogni flash dicono come impostarlo su TTL o su AUTO. Quale delle due modalità usare e quando? Ognuno ha le proprie esperienze, preferenze e modalità operative. In generale il TTL è sicuramente il più comodo ed il più veloce, perché lavora in automatismo e sinergia con la macchina, basta accenderlo, eventualmente compensare (vedremo dopo come) e scattare. Ma non è universale. Infatti, se si impara a controllare un flash in AUTO, si è in grado di scattare praticamente con qualsiasi altro flash (anche ad es. i costosi Metz professionali per intenderci) e di macchina fotografica, non solo con lo specifico modello compatibile TTL con la propria macchina. Una volta capito il funzionamento, si è in grado di comandare il sistema flashmacchina in modo che produca esattamente la foto che vogliamo noi, e non soltanto una foto ragionevolmente ben esposta. Diciamo che il TTL è da utilizzare quando non c è molto tempo per pensare ad altro che non sia inquadrare e comporre bene (reportage di strada, eventi di folla, eventi sportivi, etc...), in sostanza e come sempre, conviene affidarsi all automatismo totale quando c è un motivo preciso per farlo. Il modo AUTO è preferibile quando si è in grado di controllare la situazione di luce senza perdere il soggetto che si sta fotografando. Situazioni di foto ricordo in posa, foto in studio, soggetti in posa in generale (ovviamente con l esperienza si riesce perfettamente ad usarlo anche per un reportage di cerimonia, anzi è il metodo che io prediligo in una situazione del genere). Oppure, semplicemente quando non si dispone di un flash TTL. Io ad es. solo recentemente ho potuto acquistare un flash TTL compatibile con la mia macchina digitale. Per lungo tempo mi sono accontentato di usare un vecchio flash economico Nikon di buona potenza, acquistato per pochi soldi. Questo è un altro vantaggio nell utilizzare il modo AUTO: costa meno. Come si controlla il flash nelle due modalità? Veniamo al pratico. Nel modo TTL bisogna che la macchina abbia un apposito tasto di compensazione del flash; con tale tasto è possibile aumentare o diminuire l esposizione della luce flash rispetto alla luce ambiente, a seconda di quello che si deve fare. Se il tasto non è presente, compensando l esposizione della macchina si compensa tutto, flash e luce ambiente, ovvero, non è possibile slegare il comportamento del flash dalla luce ambiente. Nel modo AUTO invece si ha sempre la massima libertà di compensazione, a prezzo però di una minore velocità operativa, bisogna farci un pò la mano. In sostanza si mette sul flash lo stesso diaframma usato per la ripresa (vedere il manuale di istruzioni per il dettaglio) e si scatta. Se si vuole compensare per fare in modo che arrivi più o meno luce flash sul sensore, bisogna cambiare il diaframma sulla macchina o sul flash. Io normalmente lo cambio sul flash, perché se lo cambio sulla macchina cambia la profondità di campo, e normalmente questa cerco di mantenerla. Naturalmente, se si vuole cambiare il diaframma sulla macchina, per mantenere la stessa esposizione per la luce ambiente bisognerà cambiare anche il tempo di scatto, e questo si ottiene facilmente se la macchina è regolata in manuale. La combinazione macchina in manuale-flash in TTL è una dell mie preferita, è comoda e veloce e sarà uno dei prossimi argomenti trattati. pagina 6 di 23

7 Il flash Regoletta generica per compensazione in AUTO compensazione flash +1 chiudere di 1 diaframma sul flash compensazione flash 1 aprire di 1 diaframma sul flash Un esempio pratico : voglio scattare una foto con il flash in AUTO sottoesposto di uno stop e la macchina regolata con un diaframma f/5.6. Normalmente (cioè per un'esposizione "Standard", non compensata) in questo caso metterei 5.6 sul flash, ma mi ricordo che devo compensare il flash a -1: la regoletta (seconda riga) ci dice che devo aprire di un diaframma sul flash e quindi metterò f/4. Il flash è convinto che stiamo scattamdo veramente ad f/4 ed emetterà meno luce, ma noi lo "freghiamo" perchè scattiamo a 5.6 comunque, il flash in modo AUTO non può saperlo. La stessa cosa in TTL si risolve senza tanti ragionamenti girando la rotella del controllo flash (se disponibile sulla macchina) fino a leggere il valore -1 nel mirino o nel pannello di controllo del flash. L importante è capire che slegare l esposizione flash da quella per la luce ambiente è la chiave per riuscire ad avere una bella luce flash. Come fare per sapere quando e quanto compensare il flash? Al di là del modo utilizzato sul flash (TTL o AUTO), per la compensazione della luce flash valgono le stesse considerazioni della compensazione per la luce ambiente. Esempio pratico: supponiamo che si debba fotografare una sposa candida con una bella flashata. Metto il flash in TTL o in AUTO senza compensare niente e scatto. Bisogna sapere che così facendo otterrò una bellissima sposa grigia. Infatti il sistema esposimetrico tenderà a sottoesporre, ingannato dalla predominanza di bianco. In questo caso occorre compensare in sovraesposizione, tentando +1.5 o anche +2 sul flash. Occorrerà regolarsi al contrario per fotografare il gatto nero che cammina sulla cattedra davanti ad una lavagna. Il fill-in con un flash in AUTO Abbiamo visto la volta scorsa che normalmente la tecnica del fill-in si può utilizzare con il modo TTL, specialmente quando non c è molto tempo se non per inquadrare e scattare. Se si deve (o si vuole) usare il modo AUTO per far il fill-in (ne abbiamo già parlato), basterà compensare l esposizione del flash rispetto alla luce ambiente, sottoesponendo in base alla situazione ed alla propria esperienza, e seguendo la regoletta vista nel paragrafo precedente. Il valore base è -1, si può iniziare a fare esperienza con questo valore e vedere poi come, quando e quanto aggiustare questo settaggio. Vediamo ora una carrellata di esempi di tutto quello che abbiamo detto. pagina 7 di 23

8 Andrea Conti, Vediamo un esempio di luce forte e compensazione flash fill-in necessaria: Scatto in pellicola, con compensazione flash a circa +0.5 e luce ambiente a +1.5 o giù di lì (non ricordo esattamente). Senza flash e senza compensazioni il soggetto (ed anche lo sfondo) sarebbe stato non correttamente esposto (sottoesposto), a causa del bianco predominante. Altro esempio di fill-in: Qui è stata operata una compensazione a -1 del flash in AUTO, dopo aver esposto per la luce alta di sfondo. pagina 8 di 23

9 Il flash Ed ora due esempi di foto sbagliate: Troppo flash, ho tentato una compensazione a +2. Poco flash, ero troppo distante, con sensibilità bassa, diaframma troppo chiuso e flash compensato a -1, non ce l ha fatta, il volto è scuro. Ripeto, si recupera tutto tranquillamente in Photoshop (ed anche scattando in JPG), ma lo scopo qui non è capire come funziona Photoshop, ma come funzione il flash. pagina 9 di 23

10 Andrea Conti, Parliamo adesso di uso del flash in luce scarsa e del TTL standard. Al solito iniziamo con qualche ulteriore esempio relativo alla volta scorsa, ma che ci serve per passare con gradualità ai prossimi temi. Un esempio di fill-in in luce scarsa In questo caso è stato necessario, perchè la forte luce artificiale posteriore faceva stare il soggetto in controluce. La flashata ha compensato il controluce. Vediamo la prossima foto: Ecco un caso di luce difficile, senza flash qui era difficile far rientrare sia il soggetto che lo sfondo nella latitudine di posa della pellicola (col digitale sarebbe stato peggio); per non bruciare le insegne dei cartelli e le alte luci in genere, si è scelto di misurare in spot la facciata del palazzo illuminata dal sole, bloccare l'esposizione e scattare con il flash acceso in TTL. Al solito, non è una foto perfetta, è una foto di tutti i giorni ben esposta, ed un ricordo salvato e non buttato nel cestino. pagina 10 di 23

11 Il flash Altro caso di luce difficile : Nello sfondo c'è ombra piena, mentre il soggetto si trova in piena e forte luce laterale da dx. Scattando in totale automantismo e senza flash, con fortissima probabilità la macchina avrebbe letto lo sfondo scuro, avrebbe pensato che ci fosse poca luce ed avrebbe tirato sù l'esposizione, mandando all'aria le alte luci ed i bianchi del soggetto. Lo scatto precedente era posato ed avevamo tutto il tempo a nostra disposizione; questo invece è rubato e si deve cogliere al volo il soggetto. Che fare? Con la macchina in esposizione automatica avremmo dovuto trovare le alte luci, misurare l'esposizione su di esse, compensare, bloccare l'esposizione, ricomporre, scattare... nel frattempo il soggetto è passato ad un altro negozio... Il flash in TTL e la macchina in manuale In questi casi conviene mettere (e tenere) la macchina in modalità di esposizione manuale, misurare le alte luci, e poi non toccarla più. Flash acceso in TTL. In questo modo l'esposizione per lo sfondo sarà sempre regolata per le alte luci in modo permanente, il flash illumina a riempire, e nessuuna parte dell'immagine sarà bruciata. Con la pellicola (questo è uno scatto in pellicola) ci vuole più esperienza per prevedere con sicurezza i risultati, i risultati in analogico si possono verificare solo a posteriori quando ormai si è lontani dal luogo dello scatto (e con molte parolacce dette a se stessi e pensieri del tipo "Andrea: perchè l'hai sbagliata di nuovo?" :-) :-) ). Col digitale è semplice: quando ci infiliamo in un vicolo al tramonto pieno di forti luci ed ombre piene, mettiamo la macchina in manuale, regoliamola e facciamo uno scatto di prova. Se va bene, non tocchiamola più. Pensiamo a tenere acceso il flash ed a scattare componendo bene, saremo SICURI dell'esposizione. Un altro vantaggio di tenere la macchina in manuale è che possimao regolarla più velocemente quando il flash è acceso, e specialmente in modalità AUTO. Con la rotella dei tempi controlliamo l'esposizione per lo sfondo, con quella dei diaframmi quella per il flash e la pdc. E' rapido ed efficiente. Il flash in luce scarsa: il "TTL standard" Un altro possibile uso del flash è quello in luce ambiente scarsa. Che significa "scarsa"? Quanto "scarsa". Dipende. E' importante imparare a valutare con la vista la luce che ci troviamo di fronte e catalogarla in "caselle" standard, in modo che sappiamo sempre come comportarci. La luce può essere valutata "scarsa ma sufficiente" quando ci sono lampadine, fonti di luce direttamente nell'inquadratura, insomma qualsiasi fonte di luce naturale o artificiale che sia chiaramente visibile nella scena. Ad es. in interni con le luci accese, oppure in notturna quando ci sono dei pagina 11 di 23

12 Andrea Conti, lampioni, delle illuminazioni stradali, e così via. La luce invece è "scarsa ed insufficiente" quando ce n'è veramente poca, talmente poca, diffusa e lontana che neanche a 3200 ISO riusciremmo a scattare con sicurezza. Ad es. in notturna lontano da lampioni o in interni con le luci spente, o accese in un'altra stanza. In entrambi i casi è conveniente mettere il flash in "TTL standard"; in questa modalità la macchina non fa nessun tipo di compensazione automatica, ma espone il soggetto normalmente. Perchè dobbiamo escludere le compensazioni automatiche? Perchè ora il flash non deve soltanto riampire le ombre e basta, mischiandosi con la luce ambiente, ma è proprio la fonte di luce principale, deve illuminare completamente il soggetto. Ciò non significa che noi poi possimao introdurre manualmente delle compensazioni (sposa bianca, gatto nero, etc etc...), ma l'importante è escludere quelle della macchina. Luce scarsa ma sufficiente Vediamo un esempio, e poi lo raccontiamo a parole. Questo è il tipico caso di foto in interni, con luce scarsa ma sufficiente. Lo sfondo è illuminato da punti luce visibili, ma il primo piano si trova con meno luce. Accendiamo immediatamente il flash! Macchina in manuale, misuriamo lo sfondo. L'esposimetro ci dirà, a 100 ISO (la foto è stata fatta in pellicola negativa 100 ISO) ad es. un valore di 2.8. Foto mossa, sicuro. NON scattiamo, ma sottoesponiamo almeno di 1.5 stop, meglio 2, portando l'esposizione ad un valore 1/30-1/45, tempo sicuro. Scattiamo. Le luci garantiscono comunque la visibilità dello sfondo, pur se sottoesposto, mentre il flash illumina correttamente il primo piano, congelandolo. Foto e ricodri di una cena salvi. C'è ancora un "trucco" in questa foto, ma lo sveliamo più tardi. Vediamo l'altro caso. pagina 12 di 23

13 Il flash Luce scarsa ed insufficiente Ecco il caso di foto in interni con luce non sufficiente. Paradossalmente è il caso più facile. Questo scatto (digitale) è stato fatto praticamente al buio, le luci accese erano quelle di un'altra stanza, molto lontana, ho dovuto usare l'illuminatore AF del flash per mettere a fuoco. In questo caso il flash è indispensabile. Visto che non c'è luce ambiente non dobbiamo fare tutti i ragionamenti appena visti: ce ne freghiamo della luce ambiente. Macchina in manuale al tempo di sincro-flash (o il più rapido possibile). Flash acceso. Si scatta. Questa foto è stata fatta con soggetto in movimento libero, ma il flash ed il tempo rapido l'hanno congelata. Anche qui c'è un trucco. Ok, è arrivato il momento di "svelarlo", vediamo. pagina 13 di 23

14 Andrea Conti, Bounce-flash Avrete notato la morbidezza della luce nell'ultimo scatto (ma anche nel precedente), non sembrano le solite foto fatte con il flash. In effetti, la classica flashata in luce scarsa assomiglia a questo: Soggetto ben illuminato, sfondo visibile, ma luce dura, ci sono ombre nette sul viso e sul corpo. Qui tra l'altro non c'era scelta. Invece nei casi precedenti ho potuto usare la tecnica del "bounce-flash", perchè avevo qualcos'altro contro cui puntare il flash. Infatti, si orienta il flash (impostato sempre in TTL standard) in alto verso il soffitto o lateralmente verso una parete e si scatta. E' questo il "trucco". Si fa rimbalzare la luce su una grande superficie, senza mandarla direttamente sul soggetto. Su di esso cadrà una morbida "cascata" di luce, anzichè una dura "sparata" di flash. Vediamo un altro esempio: foto6 pagina 14 di 23

15 Anche in questo caso il flash è puntato, in TTL standard, verso l'alto, ed è estratto il piccolo cartoncino bianco che molti flash possiedono per mettere un punto di luce negli occhi, per renderli vivi. Il cartoncino bianco è estratto anche nella foto3. Uno dei vantaggi del bounce-flash è che si riesce a scattare con sensibilità di 100 ISO in interni, con una bella luce, e senza grana nelle immagini. Le reflex che già ad 800 ISO sono rumorose possono avvantaggiarsi di queta tecnica, oppure le analogiche con una economica 100 ISO negativa del supermercato. Prima avevo detto che non avevo scelta nella foto precedente, che non potevo usare il bounce-flash, perchè? Quando non si può usare il bounceflash? Quando non c'è una superfice di rimbalzo adatta, un soffitto scuro, o altissimo (molte chiese non consentono l'uso del bounceflash) o di colore non adatto. Il soffitto deve essere di colore chiaro, bianco, beige, rosato va bene, ma marrone scuro, rosso fuoco, violetto etc. no, ne verrebbero fuori dominanti incorreggibili neanche dal rawconverter più sofisticato. Non si può usare neanche se non disponiamo di un flash con al testa rotante o poco potente; ci vuole molta potenza per far cadere sul soggetto abbastanza luce. A volte, per usare tempi di sicurezza di 1/250 (capita in interni se vogliamo usare il telezoom) bisogna anche alzare la sensibilità ad 800 ISO per avere abbastanza luce flash di rimbalzo. Luce scarsa in esterni Concludiamo con un esempio di luce scarsa in esterni. Capita spesso di fotografare in ombra, con poca luce. Anche qui: macchina in manuale, flash TTL standard e si scatta. Ecco un esempio.

16 Andrea Conti, Vorrei concludere con una carrellata totalmente "pratica", senza teoria. Presenterò una serie di foto in cui ho usato il flash per scelta precisa, spiegando di volta in volta la foto. Questo perchè sono convinto che l'analisi e la spiegazione di una foto valga più di mille parole, di corsi teorici, e di noiose spiegazioni. La cosa importante è saper prendere la decisione "corretta" (in base a quello che si vuole fare) direttamente sul campo, per avere subito lo scatto giusto. Ho raggruppato le scelte fatte in base alle "caselle mentali" che mi creo quanto scatto sul campo. Infatti, se vedo una scena cerco di catalogarla nel minor tempo possibile (nel caso di reportage spesso non bisogna metterci più di un paio di secondi, altrimenti si perde lo scatto) in una "casella mentale" già collaudata per un certo tipo di risultato. La casella corrisponde ad una certa regolazione della macchina per il risultato che voglio ottenere. Bisognerebbe crearsi il più alto numero possibile di queste caselle, che poi alla fine costituiscono parte integrante della cosiddetta "esperienza". Ovviamente le caselle che descriverò qui sono poche, per ovvie ragioni, ma è sufficiente a far capire cosa fare sul campo in determinate situzioni per ottenere determinati risultati, a "botta sicura". La maggior parte delle foto di questo articolo sono su pellicola e sono ovviamente piccole e compresse per ragioni di spazio. Chi volesse la versione grande di una o più foto per studiarle bene può richiedermele via Prima di descrivere gli esempi raggruppati per "caselle", iniziamo con un confronto diretto di due situazioni, una con due impostazioni differenti della macchina ed una con/senza flash. Foto in interni con macchina in mauale ed esposizione con tempo rapido (1/125). Il flash è acceso e puntato verso l'alto, con cartoncino bianco estratto. Lo sfondo è molto scuro, pur essendo il soggetto illuminato bene. Cosa fare? Questa è una foto su pellicola 100 ISO, ed anche non potendo controllare subito il risultato, avevo cmq "previsualizzato" il risultato in base alla casella mentale (da qui si capisce la sua utilità), cioè sapevo esattamente come sarebbe venuta la foto. Con la macchina in manuale, non ho fatto altro che girare la rotella dei tempi ad 1/30 o giù di lì (l'esposimetro mi dava ancora una sottoesposizione di circa 2/3 di stop) e scattare di nuovo. Ecco il risultato: pagina 16 di 23

17 Piccola digressione: ormai col digitale si spreca tempo prezioso sul campo per "controllare" la foto (che mai si potrà controllare poi sul campo, al massimo l'istogramma). Io lo faccio spesso, non è una cosa cattiva, dopotutto la tecnologia è qui per aiutarci. Però il tempo perso per controllare la foto è perso, non torna, spesso si perdono scatti ed attimi preziosi. Anche il sapere come verrà la foto prima di controllarla o addirittura senza controllarla è fondamentale per ottimizzare al massimo i tempi sul campo ed ottenere rapidamente un maggior numero di foto buone. Io in un reportage di matrimonio faccio gli esterni in non più di venti minuti-mezzora. Altra situazione, reportage di matrimonio. Il flash io nel reportage di matrimonio lo uso nel 5% delle foto che faccio, pochissimo, solo luce ambiente. Ma ci sono foto che bisogna portare nitide a casa a tutti i costi, come lo scambio degli anelli. Prima foto senza flash, foto digitale: Per dare varietà agli scatti e per garantirmi cmq la foto importante non mossa, accendo rapidamente il flash puntato verso l'alto, cartoncino estratto, sottoespongo lo sfondo di uno stop e scatto in AUTO non compensato (questo è lo scatto "grezzo", ha bisogno di una leggera reinquadratura in stampa). Vedete come lo sfondo è più scuro rispetto al primo scatto? Questo è lo scatto che non bisogna perdere, per cui l'accorciamento del tempo di scatto è fondamentale.

18 Andrea Conti, - Casella "Bounce-flash" Reportage di matrimonio, casa della sposa... La luce è poca e non buona, che fare? Macchina digitale, accendo il flash in AUTO, verso l'alto, cartoncino estratto, macchina in verticale, tempo rapido, sensibilità alta 800 ISO. Ecco il risultato: Il volto presenta leggere ombre che lo modellano, buone luci morbide, nessuna parte bruciata. - Casella "Evidenziare" Evidenziare è l'esigenza che si ha quando si vuole far risaltare un soggetto rispetto ad uno sfondo uniforme o poco interessate ma che deve rimanere visibile, oppure per illuminarlo in modo diverso dallo sfondo. Primo esempio. Reportage di matrimonio, uscita dalla cerimonia, sposa felice. Siamo in ombra, e voglio evidenziare la felicità della sposa. Macchina digitale, flash in auto, sfondo a -1, si scatta. Ecco il risultato: Altro esempio. Parigi, vedo una foto in "stile" Martin Parr, famoso per l'uso del flash per evidenziare un soggetto. Siamo in ombra piena, al crepuscolo, quasi buio, pellicola diapositiva 100 ISO. Stesso comportamento: flash acceso in TTL standard, sfondo a -1 e si scatta. Capisco che se Martin Parr vede questa foto, come minimo mi mena, però lo scatto non è malaccio :-) pagina 18 di 23

19 Il flash Altro esempio. Parigi, volevo evidenziare le parti metalliche con i loro riflessi. Stesso comportamento: pellicola 100 ISO, sfondo a -1, flash e si scatta. Ultimo esempio parigino. Evidenziazione di un soggetto in pieno sole. Sempre uguale, si sottoespone lo sfondo e si usa il flash. Pellicola 100 ISO. Qui il flash è il TTL +1, la gabbia è bianco puro. Piccioni "fermati" con doppia esposizione, nessuna parte bruciata, senza poter controllare lo scatto, siamo in pellicola, e non abbiamo ancora troppi rullini da esporre, dobbiamo centellinare gli scatti. pagina 19 di 23

20 Andrea Conti, Vediamo l'evidenziazione in foto di paesaggio. Goccioline di rugiada (foto con compattina digitale di poche pretese): Evidenziazione di fiori contro sfondo scuro (pellicola 100 ISO): Evidenziazione di girasole contro il cielo (pellicola 100 ISO): pagina 20 di 23

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

Il Flash in Pratica. By sandra On 29 settembre 2009

Il Flash in Pratica. By sandra On 29 settembre 2009 Il Flash in Pratica By sandra On 29 settembre 2009 Ovvero come usare il flash elettronico portatile per ottenere foto piacevoli e risultati professionali: un tutorial in italiano su come gestire esposizione,

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

DI NOTTE. Appunti di fotografia notturna

DI NOTTE. Appunti di fotografia notturna Chi siamo Collabora DI NOTTE Appunti di fotografia notturna La sensibilità Prima di tutto, quale sensibilità impostare sul sensore? Risposta: dipende. Dipende, ovviamente, dal soggetto. Se fotografiamo

Dettagli

Illuminazione in esterni

Illuminazione in esterni 1 Illuminazione in esterni www.giuseppecirchetta.com Illuminazione in esterni Appunti di Giuseppe Circhetta 2 Illuminazione in esterni www.giuseppecirchetta.com Indice dei contenuti 0. Premessa 1. L attrezzatura

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE

LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE 2011 TECNICA DI RIPRESA L ora Blu - Blue Hour LA FOTOGRAFIA CREPUSCOLARE Quante volte abbiamo visto delle splendide immagini di città notturne? con quelle luci irreali che trasformavano comuni paesaggi

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Mauro Minetti. Maggio 2007

Mauro Minetti. Maggio 2007 L ESPOSIZIONE NELLA FOTOGRAFIA DIGITALE Mauro Minetti Maggio 2007 INDICE PREMESSA LETTURA ESPOSIMETRICA PULSANTI DEDICATI AL CONTROLLO DELL ESPOSIZIONE LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA PROFONDITA' DI CAMPO -

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Dieci zone per una foto

Dieci zone per una foto Page 1 of 7 Dieci zone per una foto [page 1 of 1] Il Sistema Zonale propagandato da Ansel Adams risale agli anni Quaranta, ma anche gli appassionati del tutto digitale dovrebbero sperimentarlo creativamente

Dettagli

Le funzioni innovative della Ricoh CX1

Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Prova sul campo Le funzioni innovative della Ricoh CX1 Ricoh ha inserito nella CX1 una serie di funzioni innovative che sono di particolare interesse: dall estensione della gamma dinamica alla AF Multi

Dettagli

Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti alla seconda serata del corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

Francesco Zizola, Iraq

Francesco Zizola, Iraq LA LUCE SCRITTURA DI LUCE La luce è la base della fotografia. Il fotografo sa che senza luce non si fotografa, ma sa anche che la luce non è sempre uguale. Può essere poca o tanta, calda o fredda, dura

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos: disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Lezione 2 Esposizione

Lezione 2 Esposizione Corso di fotografia di base 011 Lezione Esposizione Esposizione L esposizione, sia nei sistemi digitali che a pellicola, consiste nell eccitare i pixel del sensore o gli elementi fotosensibili di una pellicola

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

ESPOSIZIONE A DESTRA

ESPOSIZIONE A DESTRA ESPOSIZIONE A DESTRA Introduzione L esposizione a destra rappresenta un importante metodo di lavoro nella fotografia digitale, che permette al fotografo di ottenere foto meno rumorose e qualitativamente

Dettagli

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI

Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Il Flash e dintorni G.F. LA MOLE - BFI Fonti di Luce Oltre alla luce naturale il fotografo può utilizzare nella ripresa la luce artificiale. Può utilizzare quella disponibile nella scena da riprendere

Dettagli

Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico. Di Marco Donatiello

Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico. Di Marco Donatiello Ritratti: dalla Fototessera al Ritratto Artistico Di Marco Donatiello Principi base dei ritratto Ritratto: Il termine si riferisce propriamente ad un'opera pittorica o ad un disegno, anche se per estensione

Dettagli

La fotografia di paesaggio. di Aristide Torrelli 2008

La fotografia di paesaggio. di Aristide Torrelli 2008 La fotografia di paesaggio Luce, tecnica e visione di Aristide Torrelli 2008 Il percorso Cos è un paesaggio Vedere fotograficamente Comporre l immagine L obiettivo migliore La luce Scegliere la miglior

Dettagli

Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta

Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta Il manuale ha sempre ragione? di Nicola Porchetta Caratteristica prima della fotografia di qualità è la corretta esposizione. Purtroppo nessun sistema è infallibile per cui l importante è capire... Per

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A cura del prof. Gioacchino Giacò Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione. Il diaframma

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

Impariamo ad usare bene il flash separato. Schemi ed esempi per usare la luce in modo creativo. di Massimiliano Angeloni

Impariamo ad usare bene il flash separato. Schemi ed esempi per usare la luce in modo creativo. di Massimiliano Angeloni RIPRESA LEZIONI LAMPO Spesso lo si compra per abitudine, tanto per completare il corredo. In realtà il flash è un accessorio importante quanto uno degli obiettivi di base. Con lo stesso ragionamento, in

Dettagli

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw

Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw Corso Workflow, gestione e sviluppo delle immagini digitali con Adobe Bridge e Adobe Camera Raw 1. Alla scoperta dei formati di files digitali: JPG, RAW e DNG. Che cosa sono, quali vantaggi e svantaggi

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Usare il flash come un professionista Se odiate le vostre foto con il flash, non siete soli

Usare il flash come un professionista Se odiate le vostre foto con il flash, non siete soli Capitolo 1 1 Usare il flash come un professionista Se odiate le vostre foto con il flash, non siete soli 10 cose che avreste voluto sapere... 2... prima di leggere questo libro! 3 E infine le ultime tre

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

WORKSHOP + Fotografia e Video

WORKSHOP + Fotografia e Video WORKSHOP + Fotografia e Video Corsi Durata Costo Fotografia e Tecnica Fotografica I Fotografia e Tecnica Fotografica II Fotografia e Tecnica Fotografica III Postproduzione Video Scuole 1-2 h a seconda

Dettagli

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri

Ho scelto questa immagine perché secondo me è un a meta-fotografia sul tema della serata: Fotografia: diamo i numeri Fotografia dal greco fotos grafos (giusto per smentirmi sulle cose non complicate): disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo sarà come disegnare al meglio con la luce Ho scelto questa immagine

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato FOTOGRAFANDO Corso di fotografia livello avanzato Fotografando di Levenfeld Alvaro Mauricio Info@fotografando-ivrea.it Tel +39 0125 62 70 42 Cell +39 349 460 7 460 Cell +39 348 009 15 15 www.fotografando-ivrea.it

Dettagli

Come fotografare con poca luce

Come fotografare con poca luce Come fotografare con poca luce Fotografare con poca luce... come e perchè Sembra proprio che il dilettante medio non possa fare a meno del flash. Ma anche se si tratta di un accessorio indispensabile in

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Torino, 19 agosto 2010 Nital S.p.A. è lieta di presentare la Nikon D3100, la prima reflex digitale della

Dettagli

CISCO. Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015

CISCO. Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015 CISCO Workshop Closeup Studio 24-25 gennaio 2015 SCHEMA LUCE BASIC 1 beauty dish posto lateralmente alla modella con altezza di circa 2m 1 pannello dal lato opposto rispetto al beauty dish faretto con

Dettagli

Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6

Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6 Workflow base con ACR (Adobe Camera RAW) di Photoshop Cs6 Chi opera nel mondo della fotografia professionale o quello dei fotografi amatoriali evoluti, scatta in RAW per non perdere dettagli della foto

Dettagli

Raccolta di foto di esempio SB-700

Raccolta di foto di esempio SB-700 Raccolta di foto di esempio SB-700 Questo opuscolo presenta varie tecniche fl ash e foto di esempio per l'sb-700. It Divertirsi con la luce La luce è il segreto per migliorare la tua fotografia. L'illuminazione

Dettagli

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE PHOTOSHOP ON LINE Massimo Picardello Progetto Campus One Redazione di Massimo Picardello, fotografia di Gianfranco Valle; strategia di ritocco con maschere elaborata da Gianfranco Valle IMMAGINI CON DOMINANTI

Dettagli

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Questo che vado a farvi vedere e un breve riassunto su come vado a realizzare le mie foto IR, chi si avvicina o pratica già da tempo questo

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

ELABORAZIONI DI BASE DELLE FOTO CON L'USO DI PHOTOSHOP migliorare le proprie foto e produrre immagini di qualità

ELABORAZIONI DI BASE DELLE FOTO CON L'USO DI PHOTOSHOP migliorare le proprie foto e produrre immagini di qualità ELABORAZIONI DI BASE DELLE FOTO CON L'USO DI PHOTOSHOP migliorare le proprie foto e produrre immagini di qualità Questo breve tutorial illustra come effettuare le correzioni di base sulle foto, con l'uso

Dettagli

La struttura del libro

La struttura del libro Introduzione La fotografia digitale è ormai entrata prepotentemente nella nostra vita. Apparecchi fotografici dalle funzionalità sempre più avanzate sono alla portata di tutti e le loro dimensioni, sempre

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale. Il conteggio dei pixel è veramente così importante?

Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale. Il conteggio dei pixel è veramente così importante? Quali elementi bisogna prendere in considerazione per l'acquisto di una fotocamera digitale La parte più importante di una fotocamera digitale è l'obiettivo poiché tutta la luce deve passare attraverso

Dettagli

Sviluppo e gestione delle fotografie digitali

Sviluppo e gestione delle fotografie digitali 01/13 Sviluppo e gestione delle fotografie digitali Come ottenere il meglio dalle proprie foto 02/13 Gli argomenti trattati in questo talk saranno: I file RAW ed i software per gestirli Esempi pratici

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Macrominiphoto. (x niubbi)

Macrominiphoto. (x niubbi) Ho notato, da commenti vari, che alcuni di noi litigano con la macchina fotografica nel ritrarre i nostri mini capolavori. Perciò ho buttato giù qualche riga sconclusionata (senza pretese... sono conscio

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA

WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA WORKSHOP FOTOGRAFICO ROMA OGNI CITTA HA UN ANIMA 05-06 DICEMBRE 2015 a cura di Loredana Zelinotti Photographer INFORMAZIONI ESSENZIALI: Obiettivo del Workshop: mettere se stessi alla prova con sfide differenti

Dettagli

Federico Zeni Photo www.federicozeniphoto.com

Federico Zeni Photo www.federicozeniphoto.com 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 UN PO' DI STORIA... 5 LA DIFFICLTOA' DI UTILIZZO... 5 CONCLUSIONI.. 6 GALLERIA IMMAGINI 7 NOTE 9 2 INTRODUZIONE Ho scoperto il "Trioplan" (così viene chiamato nel mondo fotografico)

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

FOTOGRAFIA HIGH-KEY. Fabrizio Dal Passo Faber. Il documento è a uso e consumo di tutti gli utenti di www.photo4u.it. Buona lettura

FOTOGRAFIA HIGH-KEY. Fabrizio Dal Passo Faber. Il documento è a uso e consumo di tutti gli utenti di www.photo4u.it. Buona lettura FOTOGRAFIA HIGH-KEY di Fabrizio Dal Passo Faber Guida pseudo seria allo scatto di fotografie in chiave alta. Il documento è solo un inizio, chiunque volesse integrarlo è libero di farlo inviandomi lo scritto,

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

Corso fotografia naturalistica come fare per avere immagini corrette ed emozionanti

Corso fotografia naturalistica come fare per avere immagini corrette ed emozionanti Corso fotografia naturalistica come fare per avere immagini corrette ed emozionanti SECONDA PARTE TECNICA DI RIPRESA o Istogramma o La lettura della luce o Tempi /diaframmi o Sensibilità ISO o Grana e

Dettagli

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX

GLI AUTOMATISMI NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX NELLA RIPRESA FOTOGRAFICA DIGITALE COOLPIX A cura di Mauro Minetti Ottobre 2006 indice 1) PREMESSA 2) GLI AUTOMATISMI - AUTOFOCUS - NITIDEZZA - CONTRASTO - SATURAZIONE - BILANCIAMENTO DEL BIANCO - SCENE

Dettagli

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One

PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One PHOTOSHOP RITOCCO CROMATICO Massimo Picardello Progetto Campus One USO ELEMENTARE DEL LIVELLO DI REGOLAZIONE CURVE BASATO SU VALORI NUMERICI STANDARD Se un immagine presenta dominanti o appiattimento dei

Dettagli

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia prima lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia prima lezione Docente: Gianluca Bocci Obiettivi del corso: NON imparare ad usare la propria fotocamera NON imparare a fare belle foto 2 Quindi a cosa serve il corso: Prendere coscienza

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

CAMERA OSCURA: DA CHIMICA A DIGITALE

CAMERA OSCURA: DA CHIMICA A DIGITALE CAMERA OSCURA: DA CHIMICA A DIGITALE A cura di Marco Barsanti Per molti fotografi, il passaggio dalla camera oscura classica ai nuovi sistemi digitali, ha rappresentato un vero e proprio shock. Improvvisamente,

Dettagli

TUTORIAL SULLA CONVERSIONE DI BASE IN BIANCO E NERO DI UNA FOTO A COLORI

TUTORIAL SULLA CONVERSIONE DI BASE IN BIANCO E NERO DI UNA FOTO A COLORI TUTORIAL SULLA CONVERSIONE DI BASE IN BIANCO E NERO DI UNA FOTO A COLORI di Paolo Toniati Introduzione: Lo scopo di questo tutorial è di fornire una breve guida per l'elaborazione di base di una fotografia

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Corso Base Fotografia 6+1 lezioni 20 partecipanti

Corso Base Fotografia 6+1 lezioni 20 partecipanti CORSI DI FOTOGRAFIA Corso Base Fotografia 6+1 lezioni 20 partecipanti Livello di difficoltà: Facile Finalità Acquisizioni dei fondamenti teorico-pratici della tecnica di ripresa fotografica. Il corso è

Dettagli

Corso di Fotografia Programma 8 Lezioni Ultimo aggiornamento 24/05/2015 Pagina 1 di 11

Corso di Fotografia Programma 8 Lezioni Ultimo aggiornamento 24/05/2015 Pagina 1 di 11 Programma 2015 del Corso Pratico Intensivo di Fotografia in 8 lezioni, tenuto da Guido Padoa della Associazione Nazionale Fotografi Professionisti, per fotocamere Compatte, Mirrorless e Reflex di qualsiasi

Dettagli

Agnos Scorpion: soluzioni per luce flash

Agnos Scorpion: soluzioni per luce flash Accessori Agnos Scorpion: soluzioni per luce flash Un dispositivo originale e pratico progettato per creare schemi di illuminazione molto particolari. La staffa Agnos Scorpion si presta alla fotografia

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei A cosa serve, secondo te, la fotografia? Per una famiglia che ha passato le vacanze in un luogo, una fotografia può servire

Dettagli

A cura di: Giovanna Griffo giovanna.griffo@gmail.com. E vietata qualsiasi riproduzione o diffusione di questo documento.

A cura di: Giovanna Griffo giovanna.griffo@gmail.com. E vietata qualsiasi riproduzione o diffusione di questo documento. Come realizzare uno scontorno di una modella con capelli svolazzanti su sfondo non omogeneo in 5 minuti (utilizzando CS4) ed in 1 minuto (utilizzando CS5). A cura di: Giovanna Griffo giovanna.griffo@gmail.com

Dettagli

I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE

I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE I TRE FORMATI CON RISPETTIVE MACCHINE FOTOGRAFICHE di Lurati Marco In questa guida ho raggruppato le principali tipologie di macchine fotografiche esistenti, suddividendole in base al loro formato. Cos

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Fotografare il Natale

Fotografare il Natale Fotografare il Natale Utilizzate qualunque fotocamera avete a disposizione: reflex, compatta o il vostro cellulare, quello che è importante è immortalare i bellissimi momenti che creano l atmosfera natalizia.

Dettagli

APPUNTI CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

APPUNTI CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Appunti di base di Fotografia Michele Pacini 1 APPUNTI CORSO BASE DI FOTOGRAFIA MACCHINE FOTOGRAFICHE Le macchine fotografiche tradizionali solitamente hanno tre tipi di dimensione della pellicola: 24x36

Dettagli

Introduzione alla fotografia digitale

Introduzione alla fotografia digitale Introduzione alla fotografia digitale 1 La fotografia è forse la forma di espressione artistica più alla portata di tutti. Chiunque può infatti procurarsi una fotocamera, non necessariamente costosa, e

Dettagli

Andrea Conti. L esposizione

Andrea Conti. L esposizione Andrea Conti L esposizione Questo tutorial ha carattere meramente pratico, senza troppa teoria o cose che poi sul campo non hanno utilità immediata. Ciò nonostante, per forza di cose nella prima parte

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.

FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub. FRACO sub 20090 Trezzano sul Naviglio (MILANO ) via E. Fermi, 22 - Tel. 02-4453120 - Fax 02-4459113 e-mail: info@fracosub.it http://www.fracosub.it 1 CONSIGLI PER FOTOGRAFARE SOTT ACQUA CON FOTOCAMERE

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Progetto PRO.VA.RE PROgettare per VAlutaRE in Scienze Istituto Capofila: I.C. di Trescore

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

tutorial di fotografia e video

tutorial di fotografia e video tutorial di fotografia e video tutorial di fotografia e video per rendere il tuo annuncio più visibile su idealista.it è imprescindibile inserire immagini e video. in questo modo i tuoi annunci riceveranno

Dettagli

Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue)

Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue) Dalla FM alla FM3A (1977-1999) Terza Parte FM caratteristiche (segue) - Compatibilità con MD11/MD12 Per la FM la Nikon costruì un motore di trascinamento pellicola completamente nuovo, l'md-11, che si

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Conoscere i tipi di fotocamere Uno dei tanti libri di fotografia che avevo letto iniziava con un detto: Povero è il falegname che accusa

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli