Svezia Norvegia Finlandia Danimarca Islanda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Svezia Norvegia Finlandia Danimarca Islanda"

Transcript

1 Sezione 11 Unità41 Lezione 1 Unità 41 Dove si trovano i paesi del Nord? Quali sono i caratteri fisici della regione? Quali ambienti sono dovuti all azione dei ghiacciai? Com è il clima? Glossario morenico ormato dall accumulo di detriti depositati dai ghiacciai. fiordo nsenatura lunga e ramificata, con pareti scoscese e acque profonde. l territorio Svezia, Norvegia, Danimarca, inlandia e slanda occupano le zone più settentrionali d uropa, con una parte di territorio situato oltre il Circolo Polare rtico. Questi stati sono spesso chiamati scandinavi, anche se alla penisola scandinava vera e propria appartengono solo Svezia e Norvegia. si affacciano sull Oceano tlantico e su mari minori e si estendono su uno spazio pari al 12% del continente europeo. Uno degli elementi fisici principali è costituito dai rilievi delle lpi Scandinave, elevati e montuosi in Norvegia, mentre in Svezia assumono l aspetto di altipiani. Un altra caratteristica naturale della regione è la prevalenza delle superfici pianeggianti in inlandia e Danimarca e nel Sud della Svezia. L slanda è invece un isola vulcanica, formata da un altipiano che poggia su una catena montuosa sottomarina. La regione è stata modellata dall azione dei ghiacciai. È il caso delle lunghe e basse ondulazioni collinari in Danimarca, di origine morenica, e delle profonde valli glaciali come i fiordi, in Norvegia. e n è traccia nelle grandi valli fluviali in territorio svedese e nei numerosissimi laghi della inlandia e della Svezia, come il änern e il ättern, tra i maggiori in uropa. aste aree delle lpi Scandinave e dell slanda sono ancora oggi occupate da ghiacciai. Gran parte del territorio è ricoperto da foreste, ma la vegetazione è sempre più scarsa a mano a mano che ci si avvicina alla zona artica. l clima è rigido. Gli inverni sono lunghissimi, freddi e nevosi; le estati brevi e spesso piovose. Lungo le coste bagnate dal Mare del Nord e da quello di Norvegia il clima è mitigato dalla Corrente del Golfo. Lavora con i grafici Completa gli istogrammi, poi rispondi alle domande. 1. Qual è il più grande dei paesi del Nord? 2. Quali paesi sono più estesi dell talia? 3. Qual è il paese più piccolo? 4. quello meno popolato? 150 Svezia Norvegia inlandia Danimarca slanda superficie km km km km km 2 popolazione abitanti abitanti abitanti abitanti abitanti nome ufficiale Konungariket Sverige Kongeriket Norge Suomen Tasavalta Kongeriget Danmark Lýdveldid Ísland densità 20 ab/km 2 14 ab/km 2 15 ab/km ab/km 2 3 ab/km 2 popolazione urbana 83,4 % 78,6% 60,9% 85,3% 92,8% speranza di vita maschi/femmine 77/82 anni 76/81 anni 75/82 anni 75/79 anni 78/82 anni lingua svedese norvegese finnico e svedese danese islandese religione protestante protestante protestante protestante protestante moneta corona svedese corona norvegese euro corona danese corona islandese ordinamento dello stato monarchia costituz. monarchia costituz. repubblica monarchia costituz. repubblica capitale Stoccolma Oslo Helsinki Copenaghen Reykjavik SU e posizione mondiale 0, , , , ,941-7 sigla automobilistica S N N DK S kmq Superficie talia Svezia Norvegia inlan. Danim. slanda milioni di abitanti Popolazione talia Svezia Norvegia inlan. Danim. slanda Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2)

2 a B Lavora con la carta Osservando la carta, completa gli spazi vuoti nel testo e cancella le ipotesi sbagliate. l paese più meridionale della regione è la Danimarca, affacciata a ovest/est sul Mare del Nord e a ovest/est sul Mar Baltico. ssa è costituita da una lunga penisola/isola, lo Jutland, e da penisole/isole come quelle di yn e di , su cui sorge Copenaghen. Tre stretti separano la Danimarca dalla penisola scandinava/finlandese: Skagerrak, e Øresund. L slanda è un isola, circondata dall Oceano Gli unici confini terrestri tra gli stati della regione sono quindi quelli tra , Svezia e inlandia. Tra questi due ultimi paesi si trova il Golfo di La inlandia è il paese più occidentale/orientale della regione ed è affacciata, a sud, sul golfo di La Norvegia, posta a est/ovest, è in gran parte bagnata dal Mare di ; le appartengono le isole Lofoten/del Nord. paesi in cui parte del territorio si estende a nord del Circolo Polare rtico sono , e La penisola scandinava è attraversata da nord a sud dalle lpi Scandinave. Si tratta di rilievi antichi con cime non molto elevate: poche superano i 2500/2000 m. C. Nord safjördur Breidhafjördhur Harda ngerfjord Boknafjord Húnaflói Saudhárkrókur axaflói kranes Keflavik RYKJÍK Reykjanes estmannaeyjar Circolo Polare rtico N Circolo Polare rtico Mare di Norvegia Lågen Oslofjord Skagerrak Limfjorden Rifstángi Húsavík kureyri S L N D 1765 Hofsjökull Snæfell Öræfajökull 2119 ikna Glåma l p i N O R Lolland alster Lofoten esterålen G Svartisen 1594 estfjord S c a n d Mar Glaciale rtico Hinnøy M Ringvassøy Kvaløy Tromsø Senja 2090 Sarekjåkkå a r 2117 Kebnekaise i n a v Mo i Rana Uddjaur 1764 Norra Storfjället 1703 Børgefiellett S Bornholm Z Ume älv e Torneträsk Lule älv Skellefte älv f o l G o i d B a Sørøy Halti 1328 B l Luleå i a o t n t i c o Capo Nord Torne Hailuoto Lago nari Kemijoki S u Nordkinn Kuorboaivi 448 L a p p o n i a 805 Pallastunturi N L o m Rovaniemi Oulu N Oulujärvi e n s D arangerfjord chilometri Umeå Hitra Pielinen Smøla Östersund Örnsköldsvik Trondheim Keitele Kuopio Joensuu aasa Helagsfjället 1796 Ripiano dei Laghi 2286 Jyväskylä Snøhetta Sundsvall Säynätsalo Jostedalsbreen Näsijärvi Päijänne 2083 Tampere Säimaa Lago Monti Sognefjord Ladoga Jotunheimen 2469 Lappeenranta Pori Lahti 1933 Siljan antaa Bergen Hallingskarvet Mjøsa Gävle Turku Kotka spoo HLSNK Bærum OSLO. Åland S v e a l a n d Drammen ästerås Uppsala Skien redrikstad Örebro Mälaren Stavanger Karlstad Hjälmaren STOCCOLM STON änern Norrköping Kristiansand ättern Linköping Lindesnes Golfo di Göteborg Borås Jönköping isby Hjørring Riga Götaland Gotland Mare Ålborg Småland Kattegat Randers Kalmar Öland LTTON Jutland Århus Helsingborg del Karlskrona DNMRC Øresund sbjerg COPNGHN Nord Odense Sjælland Malmö yn LTUN GRMN La vetta più alta si trova a nord/sud nei monti Jotunheim, che raggiungono i m in territorio norvegese. n Svezia la cima principale è invece il monte con m. fiumi principali scorrono in territorio svedese e sono diretti N o r r l a n d RUSS P O L O N Kajaani e l k ä Golfo di inlandia M a a n s e l C a k ä r e l i R U S S BLORUSS al Golfo di l più lungo (570 km) è il Torne, che segna un tratto del confine con la Le coste sono alte solo in territorio norvegese, dove hanno un andamento molto regolare/ frastagliato e dove si trovano i fiordi. n inlandia, la regione dei laghi chiamata Ripiano dei Laghi si trova nel nord/sud del paese. L slanda è caratterizzata da rilievi ricoperti da ghiacciai: la cima più elevata è l Öræfajökull/Hofsjökull, che raggiunge i m. Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2) 151

3 Sezione 11 Unità41 Quali sono le caratteristiche della regione settentrionale? Quali territori comprende la regione centrale? Qual è il suo aspetto? Dove sorgono i centri abitati nella regione costiera norvegese? Quali sono le caratteristiche della regione meridionale? Lezione 2 paesaggi regionali presentano quattro paesaggi regionali. l paesaggio della regione settentrionale è caratterizzato dalla tundra, un immensa landa spopolata e quasi priva di vegetazione. centri abitati sorgono a molta distanza l uno dall altro, con isolate fattorie e capanne, queste ultime utilizzate dai lapponi nei loro spostamenti (> il caso, p. 155). nche l slanda è una terra poco abitata e priva di alberi. L isola ha un paesaggio dominato dal prato a foraggio, interrotto da ghiacciai e da numerosi fenomeni vulcanici. La regione centrale comprende la fascia dei laghi e delle foreste della inlandia e della Svezia. È occupata da vaste foreste di conifere (abeti, larici e pini), che si alternano a laghi e a corsi d acqua. Qui viene praticata la tecnica della fluitazione, cioè il trasporto via acqua dei tronchi d albero abbattuti; i centri abitati sono poco popolati, ma vi sono alcune cittadine che sorgono sul golfo di Botnia. La terza regione è costituita, a ovest, dalla costa norvegese, caratterizzata da fiordi percorsi da grandi imbarcazioni che penetrano all interno, fino ai centri abitati, situati a parecchie decine di kilometri dalla costa. La regione meridionale è l area più popolata, l unica a essere destinata all agricoltura. Qui si trovano grandi aree urbane (come Stoccolma e Copenaghen) e si estendono vaste coltivazioni. n Svezia la pianura è interrotta da brevi aree boscose; nei campi si produce foraggio e si coltiva la colza, dai cui semi si estrae l olio. n Danimarca il paesaggio è nettamente dominato dalle attività agricole e dell allevamento bovino e la pianura ondulata è punteggiata da fattorie, case sparse, mulini e stalle. Riconosci il paesaggio bbina le immagini alle definizioni corrette, inserendo le lettere negli appositi spazi. attoria isolata nella penisola di Snaefellsness in slanda. 1.regione settentrionale 2.regione centrale 3. regione meridionale 4. costa occidentale c iordo di Geiranger in Norvegia. a d b Laghi nella provincia di Savo in inlandia. Campi di colza in Svezia. 152 Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2)

4 Sezione 11 Unità41 La densità di popolazione è alta o bassa? Dove si concentra la popolazione? Quali sono invece le zone spopolate? Qual è l andamento demografico? Com è e com è stato il movimento migratorio? Lo sapevi che... La Svezia, grande una volta e mezza l talia, ha una popolazione inferiore a quella della Lombardia. La inlandia ha meno abitanti della Campania. L slanda ha meno abitanti di città come Catania o irenze. Lezione 3 La popolazione L importanza demografica dei paesi del Nord è molto ridotta, poiché nessuno di essi raggiunge i 10 milioni di abitanti: la Svezia, che è la più popolata, arriva a poco meno di 9 milioni. Complessivamente, i cinque stati ospitano circa 25 milioni di abitanti, meno della metà dell talia. Con l eccezione della Danimarca, anche le densità sono molto basse, inferiori ai 20 ab/km 2. slanda, Norvegia e inlandia sono infatti i paesi meno densamente popolati d uropa. La popolazione si concentra nelle regioni meridionali, dove c è un clima meno freddo. Qui si trovano le capitali e le città più grandi, oltre alle principali attività agricole e industriali. La vasta fascia settentrionale di Norvegia, Svezia e inlandia e gran parte dell slanda sono invece spopolate, quasi totalmente prive di centri urbani. Oggi la popolazione è in leggero aumento grazie all arrivo di immigrati dall uropa dell st. Con l eccezione dell slanda, i paesi del Nord si trovano tuttavia in una situazione di «crescita zero», in cui la natalità e la mortalità hanno valori molto simili. n passato, dalla metà dell Ottocento all inizio del Novecento, questi paesi furono caratterizzati da una forte emigrazione, diretta soprattutto verso gli Stati Uniti. n seguito, dopo la Seconda guerra mondiale, si verificarono spostamenti interni dalle regioni più arretrate a quelle bisognose di manodopera, cioè in particolar modo dalla inlandia alla Svezia e dalle regioni settentrionali a quelle meridionali. Lavora con la carta Osserva la carta che rappresenta la densità di popolazione nei paesi del Nord e, confrontandola con quella della lezione 1, indica se le regioni elencate sotto sono aree molto popolate (M), cioè con densità che superano i 100 ab/km 2, o scarsamente popolate (S), cioè con densità che non superano i 50 ab/km Jutland 2. Lapponia 3. Costa settentrionale islandese 4. sola di Sjælland 5. Norrland (Svezia) densità media (ab/km 2 ) da 100 a 200 da 50 a 100 da 25 a 50 da 10 a 25 da 1 a 10 meno di 1 città (abitanti) oltre da a da a fino a Mare del Nord O c e a n o t l a n t i c o Bergen SLND RYKJÍK Trondheim OSLO ästerås Uppsala redrikstad Örebro änern Norrköping ättern Göteborg Linköping Borås Jönköping Ålborg N O R DNMRC Århus COPNGHN Odense GRMN S Helsingborg Malmö M a Mar Glaciale G Z r B Umeå l f G o a o l t d STOCCOLM i c o o t n i B POLON i a Golfo N L Oulu Hailuoto Tampere Turku spoo RUSS di N D Lahti antaa HLSNK inlandia STON LTTON LTUN rtico R U S S BLORUSS Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2) 153

5 G Sezione 11 Unità41 Dove vive la maggior parte degli abitanti? Quale tipo di città è il più diffuso? Dove sorgono le città? Qual è il fulcro urbano della regione? Che ruolo svolgono le principali città? Lezione 4 Le città Gli abitanti di questi paesi vivono per la maggior parte in città. La popolazione urbana è ovunque numerosa e rappresenta dal 75 all 85% del totale. n particolare, sono molto diffuse le città medie e piccole, mentre i centri che superano i abitanti sono solo una ventina, metà dei quali si trova in Svezia. Quasi tutti i centri urbani sorgono sulle coste o a poca distanza dal mare dove le comunicazioni sono più facili. Questo vale anche per le spopolate zone settentrionali, dove le poche città sono nate come centri per lo sfruttamento delle materie prime o per il taglio del legname. l fulcro urbano della regione, cioè l area dove si trova il maggior numero di città, è costituito dal triangolo Stoccolma-Göteborg (Svezia)-Oslo (Norvegia): qui hanno sede molte attività avanzate. Oslo, la capitale norvegese, e Göteborg, la seconda città svedese per importanza, sono notevoli centri industriali e portuali. Stoccolma, la capitale svedese, svolge funzioni d avanguardia nel campo della ricerca scientifica, specie nel settore delle telecomunicazioni. Più a est, Helsinki, la capitale finlandese, pur isolata rispetto al resto della regione, ha un ruolo economico rilevante per le attività terziarie avanzate. sud, Copenaghen, la capitale della Danimarca, è un importante centro di collegamento con il resto del continente europeo; essa è legata commercialmente e culturalmente alle città della Svezia meridionale, soprattutto a Malmö, alla quale è unita grazie al lungo ponte dell Øresund. Le altre città della regione e la stessa Reykjavik, la capitale islandese, si trovano in posizione periferica e svolgono attività di livello inferiore. Lavora con la carta muta e la tabella nserisci nella carta le città elencate nella tabella e colorane il pallino in base alla loro popolazione, secondo le indicazioni della legenda. Poi scrivi il nome delle tre città capitali raffigurate. città abitanti Copenaghen Stoccolma Helsinki Oslo Göteborg Malmö Reykjavik O c e a n o t l a n t i c o Skagerrak f l o d o o t n i B o c i a Golfo di inlandia È situata nell isola di Sjælland, sullo Stretto dell Øresund Sorta su una penisola che si affaccia sul Golfo di inlandia, è il maggiore porto del paese Kattegat M a r B a l t i oltre i più di un da a fino a Sorge su numerose isolette nei pressi del Baltico e in prossimità del lago Malaren Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2)

6 L CSO La Lapponia e la cultura Saami Una famiglia Saami in abiti tradizionali. La Lapponia è la regione più settentrionale d uropa. l territorio, a nord del Circolo Polare rtico, è sede della cultura e della civiltà lappone e ospita paesaggi naturali di estrema bellezza. lcune migliaia di anni fa in questa terra si stabilirono popoli nomadi di origine asiatica, i progenitori degli odierni lapponi. l nome di «lapponi», dal significato spregiativo, fu dato loro dagli esploratori svedesi nel corso del Seicento. Saami, come preferiscono chiamarsi, sono oggi circa , concentrati per lo più in Norvegia e Svezia. ssi hanno mantenuto le attività tradizionali, in particolare l allevamento delle renne. Da queste, usate anche come animali da tiro, traggono ogni sostentamento, dal latte, alla carne, alle pelli. Oggi, però, i Saami hanno generalmente abbandonato la vita nomade e si sono raccolti intorno alle rare e piccole cittadine. D inverno sedentari, con il disgelo seguono le renne a bordo di motoslitte e vivono in capanne. La cultura Saami progredì dal Cinquecento al Settecento, quando all allevamento delle renne si affiancarono la pesca di specie pregiate, come salmoni e trote, e un ricco artigianato artistico, che comprendeva la lavorazione dell argento. n seguito, con lo sviluppo dell industria e in particolare lo sfruttamento minerario dell area, queste attività scomparvero. Nel 1986 l incidente nella centrale nucleare ucraina di Cernobyl causò la contaminazione dei licheni, di cui si nutrono le renne, con gravi danni economici. Nonostante ciò la Lapponia costituisce uno straordinario complesso naturale, ricca com è di scenari in gran parte ancora selvaggi e di ambienti tipici dell uropa del Nord. Molte sono le aree protette (come i parchi svedesi di Padjelanta e Sarek): qui si trovano numerose cime delle lpi Scandinave, ghiacciai, laghi, valli glaciali e profonde gole percorse da corsi d acqua. i sono inoltre vaste foreste di conifere, boschi di betulle e pioppi, oltre, ovviamente, alle ampie distese della tundra. Tra la fauna si segnalano la renna, la volpe artica e il lemming; più rari sono l orso bruno e il ghiottone. Tra gli uccelli, il gufo delle nevi. Tutta la Lapponia svedese è tutelata dall UNSCO quale patrimonio dell umanità, proprio per le sue caratteristiche ambientali e umane. ncora oggi i lapponi allevano le renne secondo la tradizione. Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2) 155

7 Sezione 11 Unità41 Quale civiltà diede inizio alla storia comune dei paesi del Nord? Quali sono gli elementi culturali comuni? n che cosa consiste il modello scandinavo di stato sociale? Glossario Normanni La parola deriva da Norrman, che significa «uomo del Nord». Lo sapevi che... lla Danimarca appartiene politicamente, dal 1721, la Groenlandia, l isola più grande del pianeta, situata nel Nordamerica. Le navi normanne erano solide e veloci: quelle da guerra, chiamate drakkar (che in svedese significa «drago»), terminavano con una testa a forma di drago. La cerimonia per la consegna del premio Nobel si svolge a Stoccolma, il 10 dicembre di ogni anno. Lezione 5 L identità degli stati cinque paesi del Nord hanno in comune molte caratteristiche storiche, culturali, sociali ed economiche. n quest area sorse, tra l 800 e il 1000, la civiltà dei Normanni, popolazioni di origine germanica che abitavano la Danimarca, la Norvegia e la Svezia attuali. Per trovare nuove fonti di sostentamento, i Normanni si organizzarono in gruppi di guerrieri navigatori, chiamati ichinghi. ssi compirono numerosi viaggi lungo le coste occidentali dell uropa, dapprima come pirati, poi per motivi commerciali, e si stabilirono infine nei paesi dove erano approdati con le loro navi (nghilterra, rancia, talia). ichinghi colonizzarono anche l slanda e si spinsero addirittura fino alle coste canadesi. Con l eccezione del finlandese, le lingue della regione appartengono quindi tutte al gruppo germanico. Un altro elemento culturale comune è la religione, quasi ovunque quella protestante e luterana. Ma c è un terzo aspetto che accomuna gli stati del Nord, ed è la notevole attenzione rivolta alla tutela dell ambiente e alla salvaguardia della natura. Le città scandinave, ad esempio, sono all avanguardia in uropa per presenza di spazi verdi, piste ciclabili, risparmio energetico, riduzione dell inquinamento, ecc. e la produzione di legname viene regolata da rigorosi criteri che impediscono di alterare gli equilibri naturali delle foreste. Questi paesi rappresentano, nel loro complesso, un caso unico in uropa per il modello di stato sociale che hanno realizzato. Lo stato, infatti, mette a disposizione di ogni cittadino servizi sociali pubblici efficienti, completi e gratuiti per tutelarlo nei momenti di maggiore difficoltà. Tali servizi vanno dall assistenza medica, all istruzione, alla pensione, all aiuto economico concesso a coloro che ne hanno bisogno per vari motivi: la nascita dei figli, lo studio, la disoccupazione, le spese di alloggio. Per garantire questi servizi, si fanno pagare, soprattutto ai più ricchi, tasse piuttosto alte: tale scelta ha reso meno evidenti le differenze fra poveri e ricchi, così visibili negli stati del Sud-uropa. Osserva le immagini Con l aiuto della carta della lezione 1, indica, accanto a ogni immagine, in quale paese si trovano i luoghi raffigurati. l castello di Kalmar l municipio di Säynätsalo, progettato dall architetto finlandese lvar alto l quartiere di Bryggen a Bergen l castello di geskov, nei pressi di Odense Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2)

8 B Collega le descrizioni alle immagini bbina le immagini che rappresentano alcuni simboli dei paesi del Nord alle frasi corrispondenti. 1. l merluzzo viene pulito e appeso su tralicci di legno per essere essiccato all aria; in questo modo diventa stoccafisso. 2. l ponte dell Øresund. l collegamento fra Danimarca e Svezia si compone di tre parti: un tunnel sotterraneo, un isola artificiale e il ponte vero e proprio. a b c 3. Legoland, un grande parco di divertimenti presso la famosa industria danese di giocattoli, la LGO. 4. La sirenetta, simbolo della Danimarca, è la celebre protagonista di una favola di H.C. ndersen. d e 5. geyser sono un fenomeno vulcanico tipico dell slanda: potenti getti d acqua calda (alti fino a 40 m) sono spinti in superficie dal ribollire del magma sotterraneo. 6. mmagine di gara di uno sport molto diffuso, la maratona sciistica. f g 7. ntica nave vichinga. 8. Molto popolare in inlandia, dove è nata, la sauna è praticata in cabine di legno in cui il vapore è prodotto gettando acqua su pietre roventi. 9. L urlo (1893), dipinto del celebre pittore norvegese dvard Munch. h i Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2) 157

9 Sezione 11 Unità41 Qual è il settore portante dell economia dei cinque paesi? Quali sono le caratteristiche del primario? Dove sono diffuse le varie attività? Quali sono i maggiori settori industriali? Lo sapevi che... l 15% dell energia consumata in Danimarca è di origine eolica, prodotta dal vento. Sempre più spesso gli aerogeneratori (pale azionate dal vento) sono posti in mare per non occupare la superficie terrestre e sfruttare i venti marini, più intensi di quelli di terra. Nonostante il divieto internazionale, la Norvegia pratica ancora la caccia alla balena. Due grandi aziende della telefonia mobile, la Nokia e la ricsson, sono rispettivamente finlandese e svedese. Lezione 6 L economia membri dell U, tranne Norvegia e slanda hanno un economia avanzata, con redditi per abitante tra i più alti d uropa, e sono ai primi posti nel mondo per qualità della vita. Nelle loro economie prevale il terziario, dove svolgono un ruolo importante i servizi pubblici, ma attività di spicco sono anche quelle bancarie, della ricerca scientifica e dei trasporti, in particolare per ciò che riguarda i porti. L agricoltura varia molto da paese a paese, in relazione alle caratteristiche ambientali; spesso ostacolata dalla scarsa qualità del suolo e dal clima freddo. ssa viene praticata quasi soltanto nella fascia meridionale della regione, soprattutto in Danimarca. Qui le diverse coltivazioni sono molto produttive, così come l allevamento, in particolare di bovini e suini. gricoltura e allevamento sostengono una fiorente industria alimentare e la Danimarca esporta grandi quantità di latticini e di carne. ltrove nel primario prevale la silvicoltura, specie nei paesi più boscosi come Svezia e inlandia, tra i maggiori fornitori mondiali di legname e cellulosa. La pesca è praticata con ottimi risultati in Norvegia, Danimarca e slanda: il pesce più pescato è il merluzzo. Buona è anche la disponibilità di risorse minerarie ed energetiche: ci sono miniere di ferro in Svezia e soprattutto i giacimenti di petrolio norvegesi del Mare del Nord. Svezia, Norvegia e slanda sono grandi produttori di energia idroelettrica. Le industrie presentano una notevole varietà di prodotti e comprendono molte attività d avanguardia. Negli ultimi decenni proprio i settori tecnologicamente avanzati, come quelli delle telecomunicazioni, dell informatica e delle biotecnologie (> lezione 1 unità 33), si sono molto sviluppati. Tra le industrie meno recenti, si segnalano quelle della carta, soprattutto in inlandia, quelle automobilistica, siderurgica e del mobile in Svezia, quelle della lavorazione dell alluminio, dei surgelati e cantieristica in Norvegia. Lavora con la carta Osserva la carta tematica sulle attività economiche dei paesi del Nord e rispondi. 1. n quale parte della Svezia si pratica l agricoltura? 2. n quali mari si pratica la pesca? 3. Dove si trovano i giacimenti di petrolio norvegesi? 4. Quali sono le risorse economiche dell slanda? 5. Quali sono le principali vie di comunicazione? Quali città collegano? Bergen Siglufjördhur SLND Thjórsá RYKJÍK aree industriali colture e allevamento aree forestali terreni improduttivi Kristiansund Lågen N O Stavanger Sandefjord OSLO DNMRC Århus sbjerg Tønsberg Skagen kureyri Seydhisfjördhur Trondheim R ästerås redrikstad S Göteborg Bodø Malmö Odense COPNGHN Narvik G Z Jönköping Tromsø Ume älv Linköping Hammerfest Umeå Turku STOCCOLM Tornionj oki porti principali aeroporti N L Oulu N D HLSNK adsø metropoli internazionale metropoli nazionale metropoli regionale centri importanti grandi direttrici europee direttrici secondarie principali porti pescherecci petrolio e gas B Lavora con il grafico Osserva l istogramma e descrivi le differenze nel reddito annuo per abitante nei cinque paesi del Nord rispetto all talia e alla media dei paesi europei. euro Reddito procapite annuo media europea talia Svezia Norvegia slanda Danimarca inlandia 158 Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2)

10 Sezione 11 Unità41 erifiche 1 ndica l affermazione corretta hanno in comune: a un agricoltura diffusa ovunque b una presenza limitata delle attività industriali d avanguardia c una presenza significativa di servizi pubblici nel terziario d una scarsa importanza delle attività portuali 2 ndica l affermazione errata l territorio dei paesi del Nord è: a costituito in prevalenza da zone pianeggianti b fortemente modellato dall azione dei ghiacciai c ricoperto da estese foreste d caratterizzato da un clima piuttosto mite 4 Le relazioni geografiche: collega i termini e le espressioni delle due colonne 1. costa norvegese 2. pianura danese 3. Svezia centrale 4. tundra a. fiordi b. laghi e foreste di conifere c. ondulazioni moreniche d. terre a nord del Circolo Polare rtico 5 Lavora con la carta nserisci nella carta muta dei paesi del Nord i loro nomi e i mari Baltico, di Norvegia, del Nord, il Circolo Polare rtico, lo Jutland e la Lapponia, Copenaghen, Göteborg, Helsinki, Malmö, Reykjavik, Oslo, Stoccolma. 3 ndica se queste frasi sono vere o false 1. Le lpi Scandinave sono rilievi giovani, molto elevati. 2. cinque paesi presentano economie avanzate. 3. Le città sorgono a notevole distanza dalla costa. 4. sono molto urbanizzati. 5. n passato questi paesi erano terre di emigrazione. 6. La fluitazione consiste nel trasporto dei tronchi degli alberi lungo le strade. 7. Le lingue parlate nei cinque paesi sono prevalentemente di origine germanica. 8. servizi pubblici sono poco diffusi e costosi. 9. La pesca è molto attiva in Norvegia. 10. hanno un elevata densità di popolazione. 11. La popolazione è distribuita in modo uniforme sul territorio. 6 Ripassa i concetti Puoi ripassare i concetti principali dell unità rispondendo alle domande in azzurro che trovi all inizio di ogni lezione. Copyright 2010 Zanichelli editore S.p.. rancesco arrera, Giorgio Pilotti, acciamo geografia essenziale, vol. talia e uropa (per le unità tolte dal volume 1 e 2) 159

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli