ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA"

Transcript

1 ISTRUZIONE 4 UNIVERSITA A LUND, SVEZIA

2 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Centro di Ricerca e Formazione per la Progettazione Nome The Ingvar Kamprad Design Centre Localizzazione Lund, Svezia Anno e tipologia d'intervento Servizi per la formazione e la ricerca sulla Progettazione, 2002 Servizi inclusi nel progetto 2. VISTA GENERALE Akademiska hus i Lund AB (The Swedish Academic Facilities Management Company) Architetto: Gunilla Svensson. Architetto paesaggista: Barbara Johansson Dipartimenti di ricerca e formazione,laboratori, auditorium, ristorante/caffetteria Fig. 1 Facciata Nord- Est Fig. 2 - Planimetria del contesto urbano 58 BAS Building Accessible Services

3 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 3. DESCRIZIONE GENERALE Il Dipartimento di Scienze della Progettazione e l'istituto di Tecnologia, Università di Lund nel Sud della Svezia, comprende sette aree di specializzazione: Tecnologie per il microclima, Ergonomia, Logistica e Tecnica del packaging, Design Industriale, Progettazione Meccanica, Ingegneria della Riabilitazione e dell'innovazione. Le aree di interesse del dipartimento sono le relazioni tra uomo e tecnologia. Il 4 settembre del 2002 il Dipartimento di ricerca di Scienze della Progettazione si è trasferito in un nuovo edificio costruito appositamente: the Ingvar Kamprad Design Centre (IKDC). Sono stati previsti diversi nuovi laboratori: il Laboratorio della Realtà Virtuale, la Sala della Sperimentazione, il Laboratorio della Fruibilità, il Laboratorio di Produzione di Modelli in Scala, il Centro per gli Ipovedenti, i Laboratori del Clima e Tecnologie per il Microclima, uffici per docenti e ricercatori, diversi servizi e strutture per la formazione. Area complessiva: m²; Area utilizzabile: m². Le ambizioni erano elevate: rendere l'edificio e i servizi accessibili e adatti per tutti. 4. CONTESTO DELL'EDIFICIO Il campus universitario è servito da trasporti, piste ciclabili e percorsi per automobili e per pedoni. 5. BREVE DESCRIZIONE DEI LAVORI Nel 2002 il Dipartimento di Scienze della Progettazione e del Design si è trasferito in un nuovo edificio concepito per questo scopo: the Ingvar Kamprad Design Centre (IKDC). Sono stati realizzati numerosi laboratori: il Laboratorio della Realtà Virtuale, la Sala della Sperimentazione il Laboratorio della Fruibilità, il Laboratorio di Produzione di Modelli in scala, un Centro per gli Ipovedenti, Laboratori del Clima e Aerosol Technology, uffici per docenti e ricercatori, e servizi di vario tipo per la formazione. 6. DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE DELL'EDIFICIO Area complessiva: m²; Area utilizzabile: m². Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

4 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia 7. PIANTE Fig. 4 - Ingresso pedonale principale al IKDC Fig. 3 - Mappa del Centro IKDC e dell'edificio di Architettura 60 BAS Building Accessible Services

5 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 Fig. 5 Piano terra Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

6 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia Fig. 6 Piano standard: le cucine di questo dipartimento possono essere adattate. I mobili della cucina possono essere collocati all'altezza voluta e sui livelli 3 e 5 e sono motorizzati 62 BAS Building Accessible Services

7 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 Fig. 7 - Vista in sezione dalla caffetteria 8. LEGENDA Pianta del piano terra 1. Biblioteca e sala conferenze 2. Auditorium 3. Caffetteria 4. Cucina della caffetteria 5. Sala per i gruppi 6. Sala dei seminari 7. Entrata e spazio espositivo 8. Sala riunioni 9. Laboratorio 10.Sala della sperimentazione 11.Studio di registrazione Pianta dello Spazio di Lavoro 12. Stanza di lavoro individuale 13. Spazio di pausa/incontro 14. Balconata 15. Sala dei seminari 16. Cucina del dipartimento di lavoro Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

8 University Design Centre in Lund, Sweden EDUCATION 4 9. CARATTERISTICHE DI ACCESSIBILITÀ DELL EDIFICIO Accessibilità generale Misure esterne L'edificio è stato dotato di un centinaio di porte con apertura automatizzata che rendono facile l'accesso a tutti gli spazi comuni e pubblici. Tutti i badge di ingresso possono essere maneggiati facilmente senza richiedere operazioni laboriose (come inserirli in un particolare spazio o fessura). Non ci sono differenze di livello sia internamente che esternamente. Nei casi in cui si incontra una soglia è di pochi millimetri. I pavimenti dei corridoi hanno una segnaletica di orientamento e i soffitti hanno delle luci che seguono la banda sul pavimento. Queste bande di orientamento proseguono sul selciato fuori dall'edificio. All entrata ci sono postazioni con badge di ingresso, telefono interno, maniglie per aprire e interruttori della luce di facile accesso a persone con sedia a ruote. All'entrata est ci sono parcheggi coperti per disabili, per l'utilizzo in condizioni di pioggia o neve. I percorsi pedonali sono riscaldati per permettere l'accesso in caso di neve o ghiaccio. Misure spazi di lavoro La caffetteria è accessibile per utenti su sedia a ruote. La reception è progettata per essere accessibile sia per i lavoratori che per i visitatori. Le cucine dei diversi dipartimenti possono essere adattate. I mobili della cucina possono essere collocati all'altezza voluta e ai livelli 3 e 5 sono motorizzati. Misure per non udenti Ascensori Bagni per disabili Nei bagni per disabili e in locali rumorosi, l'allarme di emergenza è stato realizzato con l'aggiunta di una luce lampeggiante. Il livello dei suoni in diverse parti dell'edificio è stato adattato a persone con problemi di udito. Ulteriori adattamenti possono essere realizzati a seconda delle necessità. Negli ascensori un messaggio vocale annuncia il piano di arrivo. La bottoniera è posizionata e realizzata secondo le conoscenze più avanzate. I bagni per i disabili sono piuttosto larghi: 215 x 465 cm e 215 x 230 cm, in modo da fornire spazio per le sedie a ruote e per i sollevatori quando necessari. Due dei bagni hanno il wc regolabile in altezza. 64 BAS Building Accessible Services

9 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 Auditorium Nell'auditorium i sedili sono tutti sullo stesso livello. Un altro auditorium più piccolo con sedili a gradinata può essere aperto e aggiunto sul lato posteriore. Nell'auditorium sono collocati dispositivi per persone con problemi uditivi che non interferiscono con il resto dell'ambiente. 10. APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA Fig. 8 Schema di percorso accessibile Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

10 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia 11. MATERIALI DISPONIBILI Libri, Articoli. Riviste Brochures e volantini informativi a cura di Akademiska Hus e l'istituto per la Tecnologia di Lund. Siti web La rivista ARKITEKTUR (Swedish) 7/ ATTIVITÀ DI DIFFUSIONE Sei Conferenze Internazionali di BAS in programma in diversi paesi europei nel corso del CONTATTI Promotori Progettisti Akademiska Hus I Lund AB Architetto: Gunilla Svensson, Architetto paesaggista: Barbara Johansson 66 BAS Building Accessible Services

11 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE IMMAGINI DELL'EDIFICIO Fig. 10 L ingresso principale Fig. 9 - All'ingresso è posizionato un sistema di apertura della porta e di comunicazione Fig. 11 Parcheggio per disabili all ingresso posteriore di nord-est Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

12 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia Fig Questo punto indica la svolta verso il bagno per i disabili Fig. 12 La banda di orientamento sul pavimento e le luci sul soffitto forniscono informazioni sia a persone con buona vista sia a ipovedenti 68 BAS Building Accessible Services

13 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 Fig L'auditorium principale al piano terreno ha i sedili tutti allo stesso livello. Un altro auditorium più piccolo con sedili a gradinata può essere aperto e aggiunto sul lato posteriore. Nell auditorium sono collocati dispositivi per persone con problemi uditivi Fig La reception all entrata è concepita per l accessibilità e la fruibilità di lavoratori e visitatori Fig. 16 Ascensori e scale. La scala principale dell edificio è aperta e trasparente. I corrimano sono robusti e facili da afferrare Fig La caffetteria e la cucina sono accessibili a utenti su sedia a ruote Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

14 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia Fig La pulsantiera è progettata e collocata orizzontalmente per essere facilmente raggiungibile e utilizzabile Fig. 18 Gli ascensori danno messaggi vocali del piano di arrivo 70 BAS Building Accessible Services

15 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE 4 Fig Sale per i seminari con pareti trasparenti (possibilità di schermatura) Fig Le porte e le finestre delle stanze di lavoro individuali possono essere sistemate secondo le esigenze personali Fig La sala caffè triangolare davanti alla cucina del dipartimento ed alle stanze di lavoro individuali Fig Cucina del dipartimento, motorizzata per essere regolata su altezze diverse Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

16 ISTRUZIONE 4 Università a Lund, Svezia Fig. 24, 25 - Un modello di bagno per disabili con possibilità di doccia e maniglioni di appoggio per le braccia. Il w.c si può modificare in altezza Fig. 26, 27 - Un altro modello di bagno per disabili con lavabo 72 BAS Building Accessible Services

17 Università a Lund, Svezia ISTRUZIONE CONSIDERAZIONI FINALI E POSSIBILI MIGLIORAMENTI DELL'ACCESSIBILITÀ Il Centro è ritenuto un ambiente avanzato da un punto di vista dell'universal Design. Tuttavia non è ancora molto conosciuto e testato da un largo numero di persone. Inoltre è in corso un dibattito su come il progetto risponde alle esigenze degli ipovedenti. In futuro tale confronto sicuramente è destinato ad estendersi, e verranno anche approfondite delle considerazioni critiche rispetto ad alcuni dettagli tecnici del progetto. 16. RIFERIMENTI Vedi punto RINGRAZIAMENTI Piante, Disegni, Sezioni dell'edificio dell'ikdc dalla rivista ARKITEKTUR 7/2002. Foto: Jan Paulsson 18. A CURA DEL PARTNER BAS CHALMERS: Jan Paulsson Progetto finanziato dalla DG Lavoro e Affari Sociali

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO

SERVIZI 7 INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO INFRASRUTTURE DI TRASPORTO A BRUSSELS, BELGIO Infrastrutture di Trasporto a Brussels, Belgio 1. DESCRIZIONE DELL EDIFICIO Tipologia Nome Localizzazione Anno e tipologia d'intervento Programma intervento

Dettagli

SERVIZI 6 AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA

SERVIZI 6 AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA AZIENDA PRIVATA A VARSAVIA, POLONIA Azienda Privata a Varsavia, Polonia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Edificio adibito ad uffici Nome Quartiere Generale dell Azienda Reprograf Localizzazione Varsavia,

Dettagli

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA

SERVIZI 4 UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA UFFICIO POSTALE A MILANO, ITALIA Ufficio Postale a Milano, Italia 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Ufficio Postale Nome Ufficio Postale succursale n.23 Localizzazione Via San Simpliciano 5, Milano,

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2 EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2 EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA EDIFICIO GOVERNATIVO GALLESE A CARDIFF, GRAN BRETAGNA Edificio Governativo Gallese a Cardiff, Gran Bretagna 1. DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO Tipologia Edificio Governativo Nome Parlamento del Galles Localizzazione

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" FONDI STRUTTURALI EUROPEI PON FESR 2007/2013 Asse II

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo

Impianti sportivi all'aperto 2 Campo sportivo 3 Campi da tennis e spazi collettivi Via del Campo sportivo Id Denominazione Indirizzo Edifici con resede 1 Scuola Elementare via De Gasperi 2 Microasilo (Asilo nido) 3 Badia di Soffena 5 Scuola Materna Via Giovanni XXIII 6 Scuola elementare e media Via Molino

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

HOTEL Auteuil Tour Eiffel ***

HOTEL Auteuil Tour Eiffel *** HOTEL Auteuil Tour Eiffel *** Stato Francia Città - Parigi POSTEGGIO HOTEL NON ACCESSIBILE 1. Esiste un parcheggio riservato di proprietà dell hotel si sotterraneo all hotel a. Se SI, indicare se esistono

Dettagli

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA

Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO. Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva ACCESSO ALLA STRUTTURA Scheda Accessibilità SCHEDA DI RILEVAMENTO Scheda di Accessibilità Struttura Ricettiva Struttura Ricettiva me della struttura logia Categoria Comune Provincia Indicare, se possibile, se la struttura sia

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

LA CASA PER LA TERZA ETÀ

LA CASA PER LA TERZA ETÀ LA CASA PER LA TERZA ETÀ C O M FORT D E S I GN P E R L E D I SABILITÀ M OTORIE LA CURA DELLA PROPRIETA EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO Dott. Ing. Enrico Sterpi Ph.D. Dottore di Ricerca

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA:

CARAVIA BEACH. Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: CARAVIA BEACH Europa > Grecia > Kos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono e trova le informazioni

Dettagli

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97)

Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art. 10 LR 29/97) 1. Finalità La Legge regionale n.29/97, al fine di limitare le situazioni di dipendenza assistenziale e per

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO SIVA Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service www.siva.it AUSILI PER IL BAGNO Antonio Caracciolo Terapista della Riabilitazione SIVA (Servizio Informazione

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Via E. Toti, Civ.3 - Genova. Vista aerea panoramica da ovest Via E. Toti, civ.3. Foto 1 - Facciate edificio su Via Toti ripresa da nord Foto 2 - Facciate edificio su Via Toti ripresa da sud Foto 3 - Portone

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL VERSILIA HOLIDAYS Via Vico, 142 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584 787100 email info@versiliaholidayshotel.com - www.versiliaholidays.com TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a

Dettagli

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011

CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA DAL 02.03.2011 AL 04.05.2011 COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI MONZA E BRIANZA CORSO ESPERTO DI BARRIERE ARCHITTETTONICHE, PROGETTISTA PER L ACCESSIBILITÀ E L UTENZA AMPLIATA ORGANIZZATO DAL COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Parco del Lago Trasimeno INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO DOCUMENTAZIONE DELLE IMBARCAZIONI DELLE ACQUE INTERNE Il Museo, ubicato a Passignano sul Trasimeno, è costituito da due ambienti espositivi distribuiti

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL REGINA Via Torino, 6 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584.787.451 - info@hotelreginaforte.it - www.hotelreginaforte.it TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte

Dettagli

COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE

COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE www.aliceappunti.altervista.org UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI INGEGNERIA INDIRIZZO INGEGNERIA CIVILE/EDILE COME ESEGUIRE LA VALUTAZIONE DI MERCATO RELATIVA AD UN IMMOBILE DI CIVILE ABITAZIONE

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE.

CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. CONTEST: RIQUALIFICAZIONE DI UN EX MAGAZZINO AD USO UFFICI, SHOWROOM E SALA PROVE. COMMITTENTE Eurotubi Europa è un azienda metalmeccanica con sede a Nova Milanese (nord Milano), specializzata nella produzione

Dettagli

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. PREMESSA ACCORGIMENTI DA ADOTTARE PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (legge 9.1.89, n. 13; DM. 14.6.89, n. 236 e L.P. 9.1.91, n. 1 e DPR24.07.1996, N. 503) Trattasi d'intervento di realizzazione

Dettagli

Comune di Cesenatico

Comune di Cesenatico Comune di Cesenatico Provincia di Forlì Cesena Settore Servizi alla Persona, Turismo e Sport Ufficio Servizi Sociali Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione (art.10

Dettagli

Tel. 0541.817311 Fax 0541.948866 - e-mail: scuola@comune.sogliano.fc.it

Tel. 0541.817311 Fax 0541.948866 - e-mail: scuola@comune.sogliano.fc.it COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena AREA SERVIZI ALLA PERSONA-SVILUPPO ECONOMICO Piazza della Repubblica n. 35-47030 Sogliano al Rubicone (FC) Tel. 0541.817311 Fax 0541.948866 - e-mail:

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE

Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE Guida al uso per il calcolo dell illuminazione naturale MINERGIE ECO 1. Introduzione Questa guida si riferisce ai fogli di lavoro Excel del nuovo Strumento illuminazione naturale MINERGIE ECO. o strumento

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

"Progetto un territorio per tutti"

Progetto un territorio per tutti "Progetto un territorio per tutti" www.riminiprovinciaccessibile.it L ospitalità è dare indicazioni a tutti coloro che cercano una meta a propria dimensione. Il sito informa su soggiorni, percorsi verso

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

UNIONE RUBICONE E MARE Provincia Forlì-Cesena

UNIONE RUBICONE E MARE Provincia Forlì-Cesena Prot.. 12123 VII-12 Savignano S/R- 04.05.2015 Contributi a disabili gravi per favorire la permanenza nella loro abitazione - art.10 LR 29/97 (scadenza domande ore 13.00 del 31.07.2015) INFORMATIVA 1- Finalità

Dettagli

Descrizione dettagliata di Cernusco Verde- da vedersi

Descrizione dettagliata di Cernusco Verde- da vedersi Descrizione dettagliata di Cernusco Verde- da vedersi Gruppo 12 Frida Aberg Federico Bianchi Simone Prisco Chenglong Wei 1 TRAGUARDI PRINCIPALI Per questo progetto abbiamo un traguardo, che è rendere vivibile

Dettagli

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative

Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici. Ente Attuatore e gestore: Escoop European Social Cooperative CERCAT Centro di Esposizione, Ricerca e Consulenza sugli Ausili Tecnici 1 Comune di Cerignola Il CERCAT è una infrastruttura sociale promossa dal Comune di Cerignola, finanziata dalla Regione Puglia- Assessorato

Dettagli

Coefficiente di altezza di piano

Coefficiente di altezza di piano PREMESSA. Il sottoscritto... è stato incaricato di procedere alla perizia estimativa delle varie unità immobiliari componenti lo stabile situato in...... per la formazione delle tabelle dei valori millesimali

Dettagli

INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014

INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014 1 INFO ACCESSIBILITA LUOGHI 2014 CAPPELLA MORTUORIA EX OP 3 - X 103-1-119 La cappella si trova all interno del complesso del Distretto Sanitario dell Alta Valsugana. I parcheggi indicati si trovano lungo

Dettagli

Locali: accessibilità spazi esterni per singola carrozzina

Locali: accessibilità spazi esterni per singola carrozzina Locali: Gradino all ingresso Locali: Rampa all ingresso Per 5 si intende pendenza interiore al 8%. Asfalto dalla strada al marciapiede e sul marciapiede perfetta, senza Locali: parcheggio disabili nella

Dettagli

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it

Criteri di progettazione e soluzioni progettuali Eugenia Monzeglio eugenia.monzeglio@fastwebnet.it eugenia.monzeglio@polito.it Corso di formazione post-lauream PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE XVII edizione A.a. 2009-10 direttore prof. arch. Fabrizio Vescovo Roma, marzo - giugno 2010 Facoltà di Architettura Valle Giulia - Sapienza

Dettagli

tcs sportello del cittadino DISABILE "Sergio Pescio" - Savona CITTÀ DI SAVONA PROVINCIA DI SAVONA NO B A R RI E R E SI TURISMO Piccola Guida per l'abbattimento delle barriere architettoniche SIB SINDACATO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97. Al Sindaco. del Comune di

MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97. Al Sindaco. del Comune di MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97 Al Sindaco del Comune di Oppure ad altro Ente a tal fine delegato dal Comune La/Il sottoscritta/o... nata/o a... il... residente a... in via/piazza... n....

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

Migliorare le informazioni sul turismo accessibile per le persone disabili

Migliorare le informazioni sul turismo accessibile per le persone disabili NB-60-04-587-IT-C Pubblicazione della DG Imprese e Industria Migliorare le informazioni sul turismo accessibile per le persone disabili ISBN 92-894-7680-X 9 789289 476805 Commissione europea 00_2004_1571_cover_IT

Dettagli

Per un discreto inserimento o reinserimento sociale occorrono:

Per un discreto inserimento o reinserimento sociale occorrono: PROGETTARE L ACCESSIBILITA BERGAMO FEBBRAIO-MARZO 2003 CORSO SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE E LA PROGETTAZIONE ACCESSIBILE 11 APRILE 2003 - SOLUZIONI PER L ACCESSIBILITA AUSILI E ATTREZZATURE

Dettagli

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità Universal Design: Progettazione inclusiva e sostenibile Corso di Perfezionamento Politecnico di Torino a.a. 2012-2013 18 marzo 2013 - IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO NEL PANORAMA INTERNAZIONALE: COMFORT E

Dettagli

Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva

Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva H 18 insieme Te le segnalo io le barriere! Vicenza, 27 maggio 2006 Edifici pubblici e aperti al pubblico: le barriere e gli elementi per una progettazione accessibile ed inclusiva Eugenia Monzeglio C.E.R.P.A.

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

Coo perativa HandiCREA

Coo perativa HandiCREA Luoghi e Spazi PERGINE SPETTACOLO APERTO edizione 2015 * TEATRO COMUNALE 1-15 158-10-121 200-269x150 91-220x168 48 Il parcheggio riservato si trova in via Garibaldi, presenza di altri stalli riservati

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 04/01/2005 Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) di Gianluigi

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97. Al Sindaco. del Comune di

MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97. Al Sindaco. del Comune di MODELLO DI DOMANDA - CONTRIBUTI ART.10 LR 29/97 Al Sindaco del Comune di oppure ad altro Ente a tal fine delegato dal Comune La/Il sottoscritta/o... nata/o a... nazione di nascita...il... Codice Fiscale...

Dettagli