Benvenuti nel Club. dei sogni. d 2014 c LETIZIA MORATTI. 68 Dicembre - Marzo 2014 QUANTA VILLAGE NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benvenuti nel Club. dei sogni. d 2014 c LETIZIA MORATTI. 68 Dicembre - Marzo 2014 QUANTA VILLAGE NEWS"

Transcript

1 intervista in esclusiva HCM24 - ews pubbl. trimestrale registrazione 267/2004 tribunale Milano Poste Italiane Spa - Sped. A. P. -70% - LO/MI N.1/ Anno IX N 67 - dicembre - marzo 2014 QUANTA VILLAGE NEWS 68 Dicembre - Marzo 2014 LETIZIA MORATTI d 2014 c Benvenuti nel Club dei sogni S P O R T L A V O R O E V E N T I P R O G E T T I

2 Quanta FisioMed Poliambulatorio Visite specialistiche SPORTIVA NON AGONISTICA SPORTIVA AGONISTICA ORTOPEDICA DIETOLOGICA OSTEOPATICA CARDIOLOGICA FISIATRICA ALLERGOLOGICA-IMMUNOLOGA TEST ALLERGOLOGICI Trattamenti riabilitativi in acqua, su sabbia e in palestra. Trattamenti TECAR LASER ULTRASUONI IONOFORESI ELETTROSTIMOLAZIONE MASSOTERAPIA MASSAGGIO SPORTIVO MASSAGGIO DECONTRATTURANTE LINFODRENAGGIO TRATTAMENTO DI RIABILITAZIONE TRATTAMENTO OSTEOPATICO Via Assietta, 19 - Milano (MM Affori FN) tel fax

3 IN QUESTO NUMERO I N. E S C L U S I V A L A V O R O P E N S I E R I. I N. L I B E R T À LETIZIA MORATTI Dopo un lungo periodo di silenzio, un intervista al L ANNO CHE VERRÀ Il Vicepresidente Mattina e il prof. Mazzoleni a confronto MILANO CHE VINCE A proposito della fantomatica Cittadella dello Sport... EDITORIALE CHIUSURA IN LETIZIA 5 AMARCORD IL PIACERE DEI SOGNI L indimenticabile Cesare Rubini 29 VILLAGE PEOPLE A PARTE TINA TURNER 42 Marco Schiavio parla del Quanta Village RICORDO CIAO PAOLO, MI MANCHERAI 6 SPORT MATRIMONIO TRA CAMPIONI Quanta sostiene lo storico Geas nel basket 30 IN MUSICA DICEMBRE CON LA VERDI Una stagione scintillante 45 CORSI 2 ROUND 32 CLUB RIGHT CLUB Il Quanta Village cambia volto 13 EVENTI TEAM BUILDING Da medaglia d oro 34 AREA BIMBI EXPO 46 Impara l inglese con le ricette internazionali IL CLUB? TUTTA CULTURA Intervista a Marco Gilardelli 15 HOCKEY PARTENZA DA CAMPIONI 35 AGENDA CAPODANNO AL VILLAGE 48 SALUTE PREVENZIONE NELLO SPORT 19 VIAGGI TUTTI AL MARE D INVERNO 38 3

4 e20da15anni la nostra esperienza al servizio della vostra azienda... CONVENTION Allestiamo in modo personalizzato le aree scelte in esclusiva per il vostro evento. Mettiamo a disposizione il miglior staff per accogliere e servire gli ospiti. Elaboriamo con voi l offerta catering personalizzata in base alla tipologia dell evento. Gli spazi convention: 2 aule formazione da 30 e 40 posti, munite di videoproiettore 3 uffici per colloqui individuali Sala convegni da 140 posti, oscurabile, dotata di videoproiettore e impianto audio di ultima generazione Aula informatica dotata di videoproiettore OUTDOOR TRAINING Organizziamo giornate di formazione in un contesto rilassante. Mettiamo a disposizione della vostra azienda gli spazi e i servizi del Quanta Village, fornendovi un assistenza completa. Varie soluzioni per il team building: cucina, hockey, football americano, beach volley, calcio, apnea e running sono alcune delle attività proposte per rendere affiatato e complice lo staff. CENE AZIENDALI Nell ampia Pizzeria, nelle sale Ristorante, nei tanti spazi all aperto possiamo ospitare pranzi e cene aziendali, incontri natalizi e di fine anno, anniversari, cene di gala e di rappresentanza. FAMILY DAY Eventi formato famiglia nell area riservata ai più piccoli (6000 mq), dove poter stare insieme e svolgere gare di sumo, tiro con l arco, mini calcio, mini beach volley, cooking. Il contesto più idoneo per rafforzare i rapporti umani tra colleghi. TORNEI AZIENDALI Ci occupiamo di tutte le fasi, dall organizzazione del tabellone all arbitraggio, alle premiazioni. Assicuriamo l assistenza e la sicurezza necessari, sapendo fornire anche tutti i confort necessari. Ospitiamo tornei di calcio, basket, beach volley, nuoto, tennis, hockey, running e le olimpiadi aziendali. Nel dettaglio: 16 campi da tennis di cui uno da 800 posti a sedere 5 campi da beach volley/beach tennis 2 piscine 2 campi da calcio a 7 campo da calcio a 5 campo da calcio a 3 campo da green volley pista da roller pista di running SOLUTIONS Il Quanta Village è il luogo ideale per set fotografici e temporary shop. Disponiamo di spazi all interno della struttura per promuovere la vostra azienda. I servizi di comunicazione e consulenza grafica completano la nostra offerta. Quanta Village via Assietta Milano (Mi) tel anni

5 CHIUSURA IN LETIZIA Due notizie sepolte tra i resoconti di falchi e colombe e la conquista del Milan da parte di BB. Nella ricca Baviera e biati, che tutto non sarà più come prima e lui saprà dare i consi- impianti sportivi e quindi non c è dubbio che i tempi siano cam- nell altrettanto benestante cantone di Graubünden, in Svizzera, gli giusti per far decollare stadio, piscina, palasport, velodromo e, i cittadini con un referendum hanno detto un secco no (con percentuali vicine al 60%) all idea di ospitare le Olimpiadi inver- E così, tra una settimana passata a chiedere le Olimpiadi, un al- già che ci siamo, perché no anche uno stadio per il tennis. nali del Il sindaco di Monaco, tanto per non lasciar spazio tra a chiedere di farle fifty-fifty con Roma, un altra a rinunciare ad equivoci, ci ha tenuto a ribadire che il no non si deve ritenere e un altra a barattarle con la Cittadella dello sport, i lombardi alla sola edizione del 2022 ma a titolo definitivo. Per sempre. come il sottoscritto continuano ad impiegare ogni giorno quasi 2 Tutto questo fa sorridere (o piangere, a seconda dei punti di vista) ore per andare da Monza all ufficio zona S.Siro (auto o mezzi se si pensa che Milano, la Lombardia e i governi che vi si sono pubblici non cambia), oppure ad aspettare 8 tra una corsa e l altra del metrò dopo le 9 del mattino (ma all ATM pensano che succeduti da sempre hanno fatto del land bavarese e della vicina Svizzera i loro modelli di riferimento, le Shangri-La dietro dopo le 9 la gente non lavori più?), chiedendosi perché mai in l angolo che un giorno se avessimo fatto i bravi ci avrebbero tangenziale alle 8 del mattino o sul metrò verso le 10 non s incontrino mai Maroni, Pisapia, Podestà e tutta l allegra compa- accolto a braccia aperte. Ma che strano. gnia di giro. Perché non chiedere ai milioni di miei compagni di Là appena spunta la parolina Olimpiadi si chiede alla gente sventura milanesi cosa ne penseremmo di Olimpiadi e Cittadelle che spesso è più saggia dei politici, perché più di loro si confronta dello sport, così come hanno fatto in Baviera e in Svizzera? ogni giorno con i problemi veri cosa ne pensa: e subito ha bocciato l idea. Qui, nella ridente e funzionale Milano, nel cuore tangenziali milanesi, costruite quando circolavano 8mila auto al E non siamo ancora ai giorni dell Expo, quando sulle uniche due dell altrettanto ridente e funzionale Lombardia, non solo ci si giorno e rimaste tali e quali oggi che ne circolano 8 mila all ora, guarda bene dal chiedere il parere dei cittadini, ma non c è amministrazione comune o regione non fa differenza, destra e si- pianeta: vogliamo dire che forse c è qualche priorità rispetto alla si riverseranno auto e pullman dei visitatori da ogni angolo del nistra pure che alla magica parola con i cinque cerchi non frema Cittadella dello sport, per giunta in una città che vedi Milano d orgoglio, non rivendichi diritti acquisiti (da chi? Perché?), non Sport in questo campo non ha mai dimostrato di capirci molto? minacci il governo di turno di secessione e barricate se non appoggia la candidatura di Milano. Questa volta però c è stato il camgere puntuali all appuntamento con Letizia Moratti, l ex-sin- Le infinite code in tangenziale non ci hanno impedito di giunbio di passo (e come poteva non essere, abbattuto il muro del daco di Milano, già ministro della Pubblica Istruzione e Celeste?): noi lasciamo a Roma le Olimpiadi di chissà quale secolo presidente della RAI che dopo mesi di silenzio seguiti alla sua (come se fossero già assegnate), voi ci lasciate la Cittadella dello uscita dalla politica ha deciso di raccontare in esclusiva per questo sport. Ohibò. giornale cosa sta facendo, i suoi progetti, le sue speranze. Un piccolo-grande scoop che ci riempie di legittima soddisfazione, alla La Cittadella dello sport. Uno stadio, una piscina olimpica, un palazzetto dello sport e un velodromo, visto che il Vigorelli non è fine di un anno che ci ha visto ospitare su queste stesse pagine anche Edward Luttwak. Se vogliamo, il nostro piccolo scudetto utilizzabile. Parole e musica di Bobo Maroni, il governatore. Dove? Sui terreni dei padiglioni dell agroalimentare una volta dopo quelli dell hockey Quanta e quelli del bilancio del Gruppo, concluso l Expo. Sbaglio o questa è la città dove dal 1985 non si è a conferma della bontà del pacchetto, per usare una terminologia riusciti a ricostruire il palazzo dello sport abbattuto dalla neve della F.1. (record del mondo?) O dove il Palalido è ancora Ground Zero? O Ma soprattutto a conferma della credibilità di un brand dove San Siro non ha i bagni per la tribuna stampa? E perché Quanta per il quale si aprono anche porte che fino ad oggi non aggiungere un palasport per l hockey in line, visto che è l unico sport che da tre anni regala scudetti e coppe a Milano? teva esserci viatico migliore per iniziare al meglio il erano rimaste chiuse, come quella di Letizia Moratti. Non po- Beh, certo, adesso c è aria nuova in città, il presidente-ingegnere Auguri. del CONI Lombardo ha un avviato studio che progetta (anche) Dario Colombo EDITORIALE 5

6 RICORDO CIAO PAOLO, MI MANCHERAI... di UMBERTO QUINTAVALLE Presidente Quanta Venerdì 1 Novembre, mattina presto, squilla il telefono, la voce di Olivier il figlio di Paolo, calma e dolce: Umberto, Papà non ce l ha fatta. Mi si ferma il cuore, ma come ieri sera, era quasi mezzanotte, mi avevi detto che stava un filo meglio e che reagiva alle cure all ospedale di Timisoara. Sono io che trascino Olivier, nel singhiozzo, nelle lacrime: lui con Philip hanno perso un grande Padre, io un grande, vero amico, tutti noi abbiamo perso un Uomo con la U maiuscola ed un Galantuomo. Ho passato una vita con Paolo, prima come spensierati asini a scuola, poi divertendoci ad alternare studio e follie giovanili all Università, poi socio insieme a Francesco Martinoni nella prima iniziativa imprenditoriale della nostra vita quando eravamo poco più che trentenni, senza una lira, ma con grandi sogni. Una follia iniziale costituendo una società di engineering noi che non sapevamo la differenza tra un tornio ed una fresa. Così che all inizio le macchine e gli impianti che progettavamo e facevamo costruire riuscivamo a venderle con salti mortali doppi e carpiati solo in Africa e Medio Oriente, unici posti dove si fidavano di noi. Poi lottando come leoni, piano piano siamo riusciti a svilupparci prima in Italia, poi in Europa, alla fine abbiamo vinto la nostra battaglia anche in USA con l apertura addirittura di una nostra società commerciale americana. Sempre insieme, una decina di anni più tardi quello che per noi è stato il grande salto anche nell industria manifatturiera; anche qui anni difficilissimi che almeno in un paio di volte ci hanno portati vicino alla disastrosa resa. Solo io so come in quegli anni di scalate dell Everest tu e Francesco siate stati amici, grandissimi amici nel continuare a supportarmi (e sopportarmi) nelle scelte apparentemente sbagliate nelle quali Vi avevo convinti a seguirmi. Ho sempre avuto al fianco, mai arretrando e sempre col sorriso e il tuo unico savoir faire, un grande Manager ed un ancor più un grande amico provato non quando le cose sarebbero andate alla fine bene, ma nei momenti di difficoltà estrema. Come se non bastassero le grane nelle quali ti cacciavo, ti convincevo a comprare insieme a me l Hockey Club Milano diventata in seguito la squadra di una nostra grande passione, fonte soprattutto di incomparabili mal di fegato per i due scudetti che l odiato Bolzano ci aveva letteralmente rubato in 6

7 RICORDO Gennaio 2010, Paolo Crespi riceve la targa celebrativa per i suoi 10 anni in Quanta. Nella pagina precedente: con i figli Philip e Oliver e in basso la foto ufficiale dell HCM24 (Hockey sul ghiaccio) stagione 95/96, Paolo Crespi era vicepresidente della squadra. due stagioni consecutive. Alla fine per noi due, Francesco nel frattempo era passato alla gestione delle sue attività agricole, è arrivato Papà Natale sotto le spoglie di un signore americano nostro concorrente, che rilevando le nostre due attività ci ha reso per la prima volta nella nostra vita belli liquidi. Anche nel dopo non mi hai abbandonato, entrando come Manager chiave al mio fianco nell attuale sogno della mia vita, la Quanta con in pancia il Quanta Village di cui sei stato anche il primo Presidente. Poi, otto anni fa, il dramma della tua malattia: ricordo come un incubo come una mattina, pochi minuti prima del natalizio Quanta, per tutti noi sempre momento importante, una gran festa, tu mi hai chiamato da una clinica milanese e con voce calmissima, mi hai detto testualmente: Umberto, ho due mesi di vita. Così come ricordo la mia disperata Un grande manager ed ancor più un grande amico emozione di fronte a tutto il Personale della nostra Quanta, nel comunicare, col tuo permesso, che non saresti più potuto venire in ufficio e perché. Invece tu sei stato ancora una volta un leone: hai per anni sconfitto quella schifosa malattia che ti aveva colpito, ti sei sottoposto a cure la cui sofferenza era dettata anche dalle camere di isolamento a cui per mesi i medici ti sottoponevano, sei tornato in ufficio e quattro anni dopo, in altro e ben diverso natalizio in cui venivi premiato per i tuoi dieci anni in Quanta, hai fatto morire dal ridere con un tuo straordinario intervento, la platea Quanta, che ti conosceva sì come serissimo e valorosissimo Manager, ma che non aveva mai conosciuto il Paolo in libertà. Leone, buono, Padre e Marito perfetto sei stato sino alla fine, quando hai deciso contro il parere dei medici di prendere di buon ora un aereo con tua moglie Catherine per Timisoara, preoccupato per una infezione che lì aveva colpito Olivier. È stata la fine, repentina; nel pomeriggio ti ha preso una violenta crisi, una delle tante che già avevi sperimentato, ma all ospedale di Timisoara non avevano le necessarie strutture per difenderti. E così la mattina successiva te ne sei andato. Grazie Paolo, per tutto quello che mi hai dato, grazie per la tua amicizia, grazie per le tante cose che mi hai insegnato. Mi mancherai, tanto. 7

8 DA OLTRE 160 ANNI UNA STORIA FATTA DI SUCCESSI Qualità, tradizione e cultura sono la forza di Birra Menabrea. Una birra d èlite basata sul concetto di fatto a mano e che da oltre 160 anni continua a raccogliere premi internazionali. Riconoscenze che sono rintracciabili nella qualità delle acque biellesi, nella scelta del luppolo, del ceppo di lieviti, del malto e sicuramente nell amore che gli uomini, dal mastro birraio a chi si occupa degli altri processi di produzione, vi dedicano e vi hanno sempre dedicato. MENABREA 150 ANNIVERSARIO IN ONORE DELLA CELEBRAZIONE DEI 150 ANNI DELLA FONDAZIONE DELLA SOCIETÀ

9 INTERVISTA PAROLE DI LETIZIA Dopo il lungo silenzio seguito alla sua uscita dalla scena politica, Letizia Moratti racconta in esclusiva a il suo impegno in San Patrignano, i suoi progetti per il futuro, le soddisfazioni raccolte nella sua lunga carriera di presidente RAI, ministro, sindaco di Milano. di DARIO COLOMBO 9

10 INTERVISTA Per anni e che anni è stata al centro della vita culturale e politica del Paese, come presidente della RAI, ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, sindaco di Milano. In quest ultima veste si batte e conquista l Expo guadagnandosi le prime pagine dei giornali di mezzo mondo ed anche inevitabili in un paese come il nostro le infinite e spesso strumentali polemiche su cariche, attribuzioni, programmi. Nel bene e nel male, insomma, per quasi vent anni Letizia Moratti è stata personaggio da prima fila, come se già non bastasse un cognome che significa mille cose. Poi, con lo stesso come dire? silenzio con cui era comparsa sulla scena, dopo la sconfitta nelle elezioni comunali ad opera di Giuliano Pisapia scompare dalle pagine dei giornali e dagli schermi delle TV, così come dalle infinite occasioni mondane del jet set milanese, ritirandosi in buon ordine anche dalla corsa-polemica per l Ambrogino d Oro di quest anno. Insomma, missing in action. Inevitabile che in tanti si ponessero la domanda: cosa sta facendo Letizia Moratti? Sono tornata ad occuparmi delle imprese di famiglia (Sorriso). Meglio: sono tornata ad occuparmi in maniera più significativa della mia famiglia e di San Patrignano, che considero la mia seconda famiglia. Durante gli anni da sindaco di Milano avevo avuto meno tempo da dedicare alla comunità e dunque adesso sono molto contenta di poterlo fare con più assiduità. E poi continua c è tutta l attività nell ambito della finanza sociale che considero uno dei settori sui quali dovremo sempre più confrontarci in futuro. Un ritorno alla vita normale, insomma? Ma no, anche quella di prima era per me vita normale. Ho avuto la fortuna di poter fare molte esperienze diverse nella mia vita, da manager di aziende private e di aziende pubbliche, da ministro e da sindaco, sempre accettando nuove sfide ma soprattutto sempre con l obiettivo di poter essere utile alla società. Quindi nessun rimpianto? Assolutamente no, non sono mai stata una che guarda al passato anzi, se dovessi trovarmi un segno distintivo direi che sono una che ha sempre guardato avanti, a volte troppo, anticipando temi e scenari che per molti erano inverosimili. Da presidente della RAI sono stata la prima a puntare verso il digitale considerandola una tecnologia indispensabile. Ho portato in Italia Murdoch e SKY, guadagnandomi persino un decreto anti- Murdoch del governo e adesso mi sembra che SKY non sia poi quel mostro che allora dipingevano. Da ministro della scuola ho avviato una riforma che offriva un percorso professionale ai giovani sul modello tedesco. Da sindaco di Milano ho portato l Expo Ecco, l Expo. Quanto è stato difficile portarlo a Milano? Non è stato difficile, è stato difficilissimo. E per tre ragioni: avevamo contro un governo turco che aveva investito per averlo 42 milioni di euro contro i nostri 17 ; avevamo contro l atavica incapacità italiana di fare sistema; infine dovevamo convincere 150 paesi, uno per uno, dove anche il Burkina Faso contava come la Cina. Porta avanti l idea dell Expo, si batte per anni e riesce a vincere. Dopodichè, quando l Expo è finalmente a Milano, lei non fa più parte del progetto. Come ha vissuto tutto questo? Chiariamo: sono stata io a lasciare. Mi sembrava la scelta più logica, essendo commissario alle opere e commissario per i rapporti con i Paesi ho ritenuto giusto lasciare a chi ha responsabilità istituzionali. E adesso? Mi dedico ad altro. Proprio partendo dall Expo, e guardando almeno una volta al passato, 10

11 Letizia Moratti con il capitano degli All Blacks Richie McCaw, in occasione della loro visita a Milano. INTERVISTA qual è stata tra tutte l esperienza più gratificante? Se penso al periodo di presidenza della RAI non posso nascondere che è stata un esperienza bellissima. Al di là dell aver lasciato i conti in ordine, dell aver superato la concorrenza, è un azienda che comunque ti rimane nel cuore. Ma allo stesso modo se guardo all esperienza di ministro e penso che abbiamo riportato nel percorso educativo più di 100mila ragazzi che altrimenti avrebbero lasciato la scuola, non posso non sentirmi orgogliosa. E poi c è Milano, a cui al di là di Expo ho lasciato un eredità culturale fatta di nuovi spazi museali si pensi al Museo del Design, al Museo del di centri di aggregazione come la Fabbrica del Vapore, insomma un patrimonio che ha un valore straordinario sul piano dell inclusione sociale, del turismo, dell economia. Chiusi quei capitoli si arriva all impegno odierno, in particolare con San Patrignano. Com è iniziata questa avventura? Tutto ha preso avvio nel 79 e da allora io e mio marito trascorriamo tutti i weekend e le nostre vacanze là. Determinante nel nostro coinvolgimento è stato l incontro con Vincenzo Muccioli, personaggio straordinario che ha saputo farci capire il dramma della tossicodipendenza in anni in cui nessuno ne parlava, non esistevano leggi al riguardo, gli ospedali pubblici rifiutavano i malati di AIDS. Cosa rappresenta oggi per lei? Come dicevo prima è la mia seconda famiglia. Ma è stato anche il punto di partenza, lo stimolo per aprirmi verso il mondo del sociale che non significa solo tossicodipendenza. Per questo sia in RAI, sia come ministro e sindaco ho sempre cercato di dar vita a progetti ed iniziative che si rivolgessero a questo mondo. La stessa Expo avrebbe dovuto essere il cuore di un progetto di cooperazione internazionale per favorire lo sviluppo dei paesi più poveri. In questo contesto è quasi inevitabile parlare di finanza sociale Assolutamente sì. Purtroppo si continua a non capire che ci troviamo di fronte ad una crisi che è molto più di una semplice crisi economico e finanziaria ma è anche crisi culturale, sociale. Per questo non si può pensare di uscirne utilizzando modelli e strumenti tradizionali e, forse, obsoleti. Occorre rivedere il modo di fare impresa, di fare investimenti, che non possono più essere soltanto nel breve e medio periodo ma devono guardare oltre, pensando alle generazioni che verranno, all ambiente e soprattutto a colmare le differenze tra chi ha molti mezzi e chi non ne ha. In concreto? In concreto sto lavorando a progetti di microcredito come ad esempio quello realizzato con la fondazione San Patrignano da 1 milione di euro per offrire ai giovani che escono dalla comunità la possibilità di realizzare delle loro imprese. La vera novità è che stiamo studiando anche in Italia lo strumento dei Social Impact Bond,o Pay per Success Bond come vengono chiamati negli Stati Uniti, strumenti finanziari estremamente flessibili che permettono un sostegno alternativo o complementare al welfare tradizionale e alle imprese sociali, cioè quelle imprese che hanno un impatto positivo sul territorio. In Inghilterra hanno avuto e stanno avendo un grande successo, negli USA Obama e l ex-sindaco Bloomberg ne hanno fatto uno strumento importante di sostegno sociale. Si sente un po sola in questa sfida? A livello internazionale ci sono esempi straordinari e sono felice di collaborare con Attali e il suo movimento per l economia positiva, con il Commissario europeo Barnier e con Sir Ronald Cohen che guida la task force del G8 sulla finanza sociale. E in Italia? Ci sono per fortuna altri come Giovanna Melandri o come Enzo Manes di Dynamo Camp che stanno lavorando in questa direzione. Ed anche il governo sta prendendo coscienza di questo problema, che è anche una grande opportunità. Per ora insomma non c è bisogno di ricorrere a Tohir Direi di no. Allora, capito cosa fa oggi Letizia Moratti?. Capito. 11

12 12

13 RIGHT CLUB CLUB Riki Tessari, direttore del Quanta Village, apre per la prima volta le porte del Club destinato a diventare punto di riferimento per tutto lo sport milanese di DARIO COLOMBO Le pietre, come diceva Shogun, sono cresciute. In senso metaforico ma anche reale, visti i cantieri grandi e piccoli impegnati a cambiare il volto del Quanta Village e ad aprire le porte su un futuro che era solo nella mente di Umberto Quintavalle. Le pietre sono cresciute, stanno crescendo e cresceranno ancora, e adesso il Club che (appunto) era solo nei sogni è pronto per aprire le proprie stanze e le proprie strutture ai nuovi soci, con l obiettivo di diventare nel tempo punto di riferimento per gli appassionati di tennis (ma non solo) della Grande Milano in un momento in cui l offerta in questo campo appare ogni giorno sempre più scadente sia nel privato che (soprattutto) nel pubblico (leggi Milano Sport). Parlare di nuova idea o di nuovo progetto è sostanzialmente sbagliato, fuori luogo afferma Riki Tessari, l uomo che da mesi sta seguendo giorno dopo giorno la nascita della nuova creatura. Il Club parte da lontanissimo, dal giorno stesso in cui venne rilevato l ex-centro dopolavoro della Montedison. In quel momento c era già l idea del Club, era il punto d arrivo, si trattava soltanto di creare le condizioni favorevoli per arrivarci, senza dimenticare che il nostro presidente oltre a vantare una carriera sportiva di tutto rispetto è uomo di club per natura essendo stato socio per anni del TC Milano ed esser stato tra i soci fondatori dell Harbour Club. Già, le condizioni favorevoli. Che non nascono ovviamente per caso ma sono il frutto di 15 anni di lavoro, di successi ed anche di piccoli fallimenti (pochi), di sana competitività con gli altri players sul difficile mercato milanese e di aspri conflitti con amministrazioni pubbliche (il colore non importa) che non hanno certo aiutato la Lunga Marcia verso la terra promessa. Non volevamo arrivare al Club per il solo gusto di dire Abbiamo il Club conferma Tessari. Sono stati 15 anni di investimenti importanti e di continue migliorie per rendere comunque il Quanta Village una struttura moderna, sempre all altezza dei tempi e soprattutto delle richieste della clientela. E sono stati 15 anni anche di esperienze che ci hanno aiutato a crescere, non avevamo la presunzione di essere i migliori per grazia ricevuta. Adesso pensiamo che il momento sia arrivato. Parte la campagna pubblicitaria e di 13

14 CLUB Club House: sopra la sala carte, in basso la sala TV e la sala lettura. Sotto, un rendering dei nuovi spogliatoi dedicati ai soci. comunicazione sui grandi quotidiani nazionali, iniziano gli Open day per i futuri soci, il Club da idea diventa una concreta realtà. Che, naturalmente, non significa solo nuovi spazi e strutture esclusive ma anche un approccio diverso di tutto il Village alla nuova avventura. Il Club ha imposto a tutti un nuovo cambio di mentalità, proprio perché è cambiata la tipologia dei nostri frequentatori conferma Tessari. Finora tra il frequentatore mordi e fuggi ed il socio annuale c erano poche differenze,mentre ora ci saranno spazi, servizi e attenzioni diverse per i soci del Club, che vuol dire elevare i nostri standard e porre l asticella della nostra qualità molto più in alto. Con piacere, ovviamente. Inevitabile pensare a modelli di riferimento, quando si parla di standard e asticelle sempre più in alto. Beh, pensando di interpretare un po il pensiero della proprietà mi verrebbe da dire il Racing di Parigi o il Real di Madrid ammette Tessari ma volendo restare in Italia è chiaro che circoli come l Aniene, il Parioli, l Harbour Club, restano un bel punto di riferimento per chi come noi approccia questo mondo, fermo restando che siamo un club milanese e la milanesità il nostro marchio di fabbrica. L accenno ai modelli di riferimento porta inevitabilmente ad affrontare il discorso dello sport di riferimento, soprattutto osservando le campagne pubblicitarie dove il tennis la fa da padrone. Anche qui imprescindibile un riferimento alla tradizione della famiglia Quintavalle da parte di Riki Tessari. Sappiamo quanto il tennis abbia contato e conti tuttora nel DNA della proprietà. Un passato di altissimo livello in campo nazionale e in Coppa Davis non si possono cancellare dall oggi al domani. E comunque il tennis, al di là delle passioni individuali, rimane lo sport di riferimento dei club, perché è uno sport senza età, trasversale alle diverse generazioni, insomma anche nel Club Quanta il tennis avrà un ruolo rilevante. E proprio dal tennis, con la creazione di 3 nuovi campi in Clay-Tech e la trasformazione di un quarto sempre con la stessa superficie, è partito il lavoro di ampliamento e restyling degli spazi del Quanta Village destinati ai soci del Club, che vedranno entro gennaio la ristrutturazione di tre spogliatoi maschili e femminili di nuovissima generazione, in aggiunta ad un parking riservato e ad una sala Club vera e propria completa di area TV, area business, area lettura e relax oltre ad una sala dedicata al gioco delle carte. Nel 2014 prosegue poi Tessari, in primavera daremo il via ai lavori di realizzazione della palazzina che ospiterà la reception, il pro shop e il nuovo bar a disposizione dei frequentatori, mentre a settembre, alla riapertura della stagione invernale avremo una nuova copertura della piscina. Nel 2015 poi prenderà il via la terza fase di investimenti nell ottica Club con la ristrutturazione della club house dedicata ai soci durante nella quale verranno realizzati ulteriori nuovi spogliatoi dedicati, una area wellness e tutti gli spazi tipici di un Club, sala carte, sala TV, sala biliardo, area relax e sala lettura oltre a bar e ristorante riservati in esclusiva. Un domanda però sorge spontanea: di fronte a questi cambiamenti radicali, nessun timore di perdere quei frequentatori che finora ha rappresentato lo zoccolo duro del Village? Assolutamente no si affretta a chiarire Tessari. Ogni persona che frequenterà il Quanta Village beneficerà di una qualità sempre migliore a prescindere dalla modalità o abbonamento con il quale ci frequenterà in quanto manterremo sempre le nostre due anime.. La convinzione è che ci vorrà solo un po di pazienza, da parte nostra per comprendere a fondo le nuove esigenze dei soci, da parte del nostro pubblico per capire che tutto quello che stiamo facendo lo facciamo per rendere il Quanta Village sempre più efficiente ed accogliente per tutti. The Right Club. 14

15 CLUB IL VERO CLUB? TUTTA CULTURA Marco Gilardelli, ex-nazionale di tennis e presidente dell International Club d Italia, racconta i segreti per costruire un grande club sul modello di quelli anglosassoni di DARIO COLOMBO La cravatta è grigia a strisce rosa, numero e dimensioni delle strisce indicano il paese d appartenenza. Quella degli inglesi ne ha una sola, quella dei francesi 2, quella dell Italia 2 larghe alternate a 2 più strette. La indossa con orgoglio, Marco Gilardelli, tennista azzurro degli anni Sessanta ma, soprattutto, presidente dell International Club d Italia, il club che dal 1924 riunisce tutti i campioni di tennis sparsi per il mondo che hanno fatto parte delle rispettive squadre nazionali. Perché quella cravatta, oltre che simbolo ufficiale dell esclusivissimo club, è anche un po il simbolo di un certo modo di vivere lo sport, i suoi valori, la tradizione. Soprattutto, è il simbolo di un certo modo d intendere un termine - club - troppo spesso abusato: specie da chi sottolinea con un po d amarezza Gilardelli oggi vive lo sport più da tifoso che da sportivo. Nessuno meglio di lui, insomma, è più indicato per parlare di stile e filosofia di un club, nel momento in cui anche al Quanta Village si stanno ponendo le basi per un Quanta Club destinato a raccogliere l eredità dei club milanesi un tempo sulla cresta dell onda. Lo facciamo tra le mura amiche del suo studio milanese, dove alle pareti campeggiano le foto di gioco al fianco di Nicola Pietrangeli e di altri campioni degli anni 60, quando si permetteva il lusso di battere stelle del calibro di Franulovic, Orantes, Lloyd,o di fare da sparring partner sull erba di Wimbledon al leggendario Santana. L International Club racconta Gilardelli è nato in Inghilterra nel 24 per merito di un giornalista e di un nobile inglese con l intento di mantenere viva 15

16 CLUB l amicizia tra campioni che si erano affrontati con le varie nazionali anche dopo il termine dell attività. Hands across the net, friendship across the oceans divenne il motto del club e da allora, anno dopo anno passando indenne anche una guerra mondiale, l International Club ha visto nascere 34 sedi in giro per il mondo, dall Australia agli Stati Uniti. Del club entrano immediatamente a far parte campioni come Borotrà, Lacoste e gli altri leggendari moschettieri di Francia, e poi inglesi, americani, olandesi. È proprio il Principe d Olanda, a guerra finita, a mettere in palio tra gli International Club esistenti il Windmill Trophy, una specie di Davis per campioni del passato su cui anche l Italia riesce a mettere le mani per due volte, con Gilardelli sempre in campo. Ma il torneo, le partite, sono solo una piccola parte di quello che rappresenta il Club continua Gilardelli. La cosa vera, quella che rende questa associazione un qualcosa di unico nel mondo dello sport è lo spirito di attaccamento ai colori del proprio Paese e alle tradizioni del tennis. Insomma, per dirla in parole povere: la cultura. Che da noi non c è. In Olanda tutti i tennisti iscritti all ATP (di ieri e di oggi) si mettono a disposizione per 3 giorni l anno per iniziative di beneficenza, raccolte fondi, aiuti agli handicappati, cene benefiche. Il martedì del Roland Garros i soci con la cravatta del club entrano gratuitamente. Si potrebbe proseguire all infinito continua Gilardelli per esempio con la Coppa Potter che tanto per dirne una nell ultima edizione ha visto in campo ben 17 tennisti che erano stati tra i primi 100 al mondo. Ma, ripeto, quello che conta è soprattutto lo spirito che ci anima. Che in Italia non c è. Come mai? Perché da noi è difficile se non impossibile portare avanti le tradizioni così come avviene soprattutto nei paesi anglosassoni. Perché non c è cultura. Perché in Italia si è prima tifosi e poi sportivi. Si diventa tutti appassionati di sci se ci sono Thoeni e Tomba, poi fine. Si diventa tutti appassionati di tennis se ci sono Pietrangeli e poi Panatta. Si diventa superesperti di golf se ci sono Rocca e i fratelli Molinari. E così via. Ma è chiaro che in questo modo non si costruisce un bel niente anche se devo dire, per onestà, che negli ultimi tempi la Federtennis sta cercando di superare questi ostacoli, anche sostenendo l attività dell International Club. Già, la parola magica: club. Inevitabile 16

17 CLUB In apertura: Marco Gilardelli, a destra, consegna al presidente onorario mondiale dell International Club Frank Sedgman la cravatta dell International Club d Italia. A sinistra: Marco Gilardelli con Nicola Pietrangeli, finalisti nel doppio maschile al Torneo Internazionale di Roma Parioli A destra: Marco Gilardelli e Umberto Quintavalle regalano al TC Milano il Titolo Italiano Juniores passare dall International Club al club di tennis in senso più tradizionale. Inevitabile anche chiedere a Gilardelli cosa occorra per fare un buon club. Una cosa fondamentale risponde ovvero un gruppo di dirigenti che sappiano creare il giusto spirito di attaccamento ai colori sociali. Senza necessariamente disporre di strutture faraoniche o di una grande città alle spalle. Porto ad esempio il club di Albinea, in provincia di Reggio Emilia, di proprietà del comune, ma dove presidente e segretario stanno raggiungendo risultati strepitosi girando il mondo con i soci e mettendo in piedi iniziative che anche club più grandi si sognano. Questo per fare un buon club. E per fare un grande club? Facile: grandi strutture, una grande scuola tennis, una superscuola agonistica e qualche campione trainante. Ma mi rendo conto che sia più facile a dirsi che a farsi. È per questo che a Milano i club che un tempo rappresentavano l eccellenza come il T.C. Milano ora non lo sono più? Nel caso del T.C. Milano non sono stati capaci di rinnovare né le strutture né l ambiente, portando forze fresche che sapessero raccogliere l eredità di un tempo. Oggi un club dev essere strutturato come un azienda, e quindi certi principi che valevano trent anni fa oggi non pagano più. Alla luce di tutto questo, e nel momento in cui sta nascendo un Club Quanta, che consiglio si sentirebbe di dare al Presidente Quintavalle per portare al successo la nuova iniziativa? L amico Umberto è uomo di grande coraggio e di grande spirito, lo stesso spirito mi piace ricordarlo con cui suo padre fu tra i fondatori dell International Club d Italia. Per cui credo che la nuova iniziativa avrà tutte le cure e tutte le attenzioni che necessita. Ma se proprio dovessi dargli un consiglio gli direi: inventati cose come quelle che fanno a Wimbledon, dove il prossimo anno organizzeranno per 30 soci una vacanza in India e grazie ai contatti con 5 club indiani ci saranno altrettanti minitornei di tennis, cene e via dicendo. Sono cose come queste che creano lo spirito di appartenenza ad un club e alimentano la voglia di farvi parte. 17

18

19 PREVENZIONE NELLO SPORT SALUTE Il vecchio detto prevenire è meglio che curare nello sport diventa una regola da seguire scrupolosamente, ce ne parla Enrico Pozzi, Direttore Sanitario del Quanta Fisiomed di ENRICO POZZI Alla luce dei tragici avvenimenti degli ultimi anni nel mondo dello sport agonistico e non, è giusto ricordare quanto sia importante una seria e accurata attività preventiva. Da qui nasce l importanza di una buona opera di prevenzione che consiste nel sottoporsi ad un controllo medico accurato prima di svolgere l attività sportiva; infatti l impegno a cui l organismo è sottoposto durante l esercizio fisico è tale da richiedere un perfetto stato di buona salute ed efficienza fisica, se poi pensiamo che in Italia gli atleti che praticano attività agonistica sono quasi quattro milioni, mentre il numero dei praticanti a livello amatoriale si stima sia quasi il doppio, è facile comprendere quale importanza ha la prevenzione anche ai fini del costo sanitario. È quindi opportuno, prima di intraprendere un qualsiasi tipo di attività sportiva, verificare il proprio stato di salute sottoponendosi ad una visita medica accurata, attraverso la quale si possono evidenziare alterazioni che possono causare l insorgenza di patologie più o meno gravi, oltre ad escludere o prevenire possibili danni che la pratica intensiva degli stessi potrebbe potenzialmente causare. Per lo sport di tipo agonistico la visita deve precedere il tesseramento e dev essere richiesta dalla Società Sportiva di appartenenza, da strutture o eventi che la richiedono o a titolo individuale per partecipare a manifestazioni sportive agonistiche. Il certificato di idoneità agonistica viene rilasciato in maniera specifica per un determinata disciplina che viene riportata sullo stesso, autorizzando quindi l atleta in via primaria (ma non esclusiva) a svolgere quello sport in particolare. In Italia, gli sport per i quali è obbligatorio il certificato agonistico sono stati suddivisi in due tipologie: quelli ad impegno cardiorespiratorio lieve o moderato e quelli con impegno elevato. Per i primi l idoneità ha validità biennale, mentre per i secondi la validità è annuale. Il protocollo che viene seguito per lo svolgimento della visita medica agonistica prevede, oltre alla raccolta dell anamnesi dell atleta (la propria storia clinica e anche quella famigliare), l esame dell apparato respiratorio, cardiocircolatorio, muscolo-scheletrico, l esame della vista con l utilizzo dell ottotipo ed una parte strumentale: l esame spirografico con il quale si determina la capacità polmonare, l elettrocardiogramma a riposo e dopo la prova sotto sforzo e l esame delle urine. Inoltre, per alcuni sport la legge prevede ulteriori esami specialistici (tra i quali l esame neurologico, l otorinolaringoiatrico, l oculistico con videat fundus oculi ed altri ancora) di protocollo utili a escludere possibili danni che la pratica intensiva di tali sport potrebbe causare anche nella vita quotidiana. Per quanto riguarda invece il certificato di idoneità sportiva non agonistica, il protocollo è profondamente diverso. Il certificato viene normalmente rilasciato dopo accurata visita medica che consiste sempre nella raccolta dei dati anamnestici clinici e famigliari del soggetto, nell auscultazione di cuore e polmoni, nella misurazione della pressione arteriosa, misurazione dell altezza e del peso. Dal mio punto di vista personale, sarebbe molto utile rendere obbligatorio eseguire anche un elettrocardiogramma a riposo che evidentemente non avrebbe la stessa capacità diagnostica di un vero e proprio test da sforzo, ma semplicità e facilità di esecuzione lo renderebbero adatto ad un programma di screening che contribuirebbe a rendere la visita ancora più importante a livello preventivo. 19

20 20

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli