Tecniche dell Attività Motoria in età Adulta e Anziana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche dell Attività Motoria in età Adulta e Anziana"

Transcript

1 Marco Facioli Tecniche dell Attività Motoria in età Adulta e Anziana

2 Aumento dei soggetti anziani, nel periodo , circa 694 milioni di unità. Attività Fisica secondo O.M.S. Ogni movimento nella vita di tutti i giorni, compreso il lavoro, il divertimento, l esercizio e le attività sportive.

3 Obiettivi mantenimento della capacità lavorativa salvaguardia di una vita indipendente e socialmente attiva un assistenza adeguata per le svariate forme di disabilità

4 L INVECCHIAMENTO (1) riduzione progressiva della riserva omeostatica di tutti gli organi e sistemi (omeostenosi) la modificazione funzionale di un dato organo o sistema sembra verificarsi indipendentemente dalle alterazioni che interessano tessuti di altri organi o sistemi (fattori genetici, ambiente, stile di vita)

5 L INVECCHIAMENTO (2) 1) a causa delle differenze inter e intraindividuali, che si accentuano con il passare degli anni, è dubbia una generalizzazione del fenomeno invecchiamento 2) un declino rapido e improvviso, in un qualsiasi sistema o funzione, rappresenta un aspetto patologico e non un normale processo dell'invecchiamento 3) l evoluzione dell'invecchiamento può essere rallentata attraverso una corretta prevenzione di alcuni fattori-rischio (ipertensione arteriosa, fumo, vita sedentaria)

6 L INVECCHIAMENTO (3) l'età biologica, espressa in base ad alcuni parametri fisiologici (capacità vitale, volume corrente, massima ventilazione volontaria, pressione sanguigna, dimensione del cuore, ecc.), può risultare spesso diversa da quella cronologica

7 Classificazione funzionale di SHEPHARD Età media: Tipicamente questa fase si estende dai 40 ai 65 anni di età. I sistemi biologici fondamentali mostrano una perdita dal 10 al 30% nelle funzioni,, rispetto al valore di picco registrato nell uomo adulto. Età anziana: Dai 65 ai 75 anni e viene anche definita giovane vecchia età (ulteriore < funzionale). Età molto anziana: Dai 75 agli 85 anni, viene anche definita come media-vecchia età (< autonomia ADL). Età anziana estrema: in questa fase è solitamente necessaria un assistenza istituzionale o domiciliare. Gli individui sono ultra 85enni.

8 INFLUENZA SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE CATEGORIE VARIAZIONI DOVUTE ALL ETA PROBABILE MECCANISMO POSSIBILE PATOLOGIA CONCOMITANTE Struttura cardiovascolare Aumentato spessore intima vascolare. Possibili derivazioni di cellule intimali di altra origine. Precoci stadi di aterosclerosi Aumentata rigidità vascolare Distruzione di elastina. Aumentata elastase. Aumentata produzione di collagene delle cellule muscolari lisce. Alterata regolazione del meccanismo di crescita e di quello di riparazione dei tessuti. Ipertensione sistolica Ictus Aterosclerosi Aumentato spessore della parete ventricolare sinistra Diminuzione del numero ed aumento della sezione dei miociti Alterata regolazione del meccanismo di crescita Deposizione di collagene Rallentatamento del precoce riempimento diastolico Aumentata pressione di riempimento cardiaco Aumentata dispnea Aumentate dimensioni atrio sinistro Aumento del volume e della pressione atriale sinistra Isolate fibrillazioni atriali

9 Funzioni cardiovascolari Alterata regolazione del tono vascolare Diminuzione degli effetti e della regolazione dell ossido nitrico Diminuita risposta dei recettori β-adrenergici Rigidità vascolare Ipertensione Diminuita riserva cardiaca Aumentato carico vascolare Diminuita contrattilità miocardia intrinseca Diminuzione della modulazione β-adrenergica della frequenza cardiaca, della contrattilità miocardia e del tono vascolare. Aumentata severità di infarti Stile di vita Attività fisica ridotta Vita sedentaria Amplificazione delle variazioni cardiovascolari dovute all età. Maggior rischio di patologie cardiovascolari (vasculopatie, ipertensione e infarto)

10 Variazioni anatomiche Cuore. Con l età, il cuore può atrofizzarsi, rimanere invariato o sviluppare una moderata o esagerata ipertrofia. Arterie. Aumento del collagene e del tessuto muscolare liscio,accompagnato da una certa riduzione di tessuto elastico. (60 anni per >P.A.=100 mmhg dilatazione arteriosa -50%) Aorta <accumulo volume sistolico Vene e capillari. Le vene subiscono un ispessimento dell intima ed una fibrosi della tunica media. I capillari presentano un ispessimento della membrana basale, ed una crescente densità della sostanza fondamentale delle strutture connettivali. <nutrizione parenchima per via diffusoria

11 Variazioni funzionali Frequenza cardiaca (Fc). A riposo non subisce significative variazioni(fc media), con il progredire dell età la Fc Max si riduce progressivamente. Il volume cardiaco rimane inalterato (varia solo nell età anziana estrema ). Aumento dello spessore della parete del Ventricolo Sx (> P.Sistolica. > Volume Sistolico. > rigidità aorta). Progressiva riduzione della gittata cardiaca massimale (< Fc max). <G.Cardiaca.max + <G.Pulsatoria = - 50% VO 2 Max. La capacità aerobica diminuisce del 30% tra i 25 e i 60 anni, a causa di una diminuzione della gittata cardiaca ed una diminuzione della capacità periferica di utilizzo di ossigeno. Ridotto flusso ematico ai muscoli motori, diminuita capacità di estrazione ed utilizzo di O 2 delle fibre muscolari. (> massa grassa < attività fisica)

12 LA MECCANICA RESPIRATORIA La GABBIA TORACICA si presenta come un elemento cilindro-conico alla cui base è posto il muscolo diaframma Meccanismo di espansione della gabbia toracica Nella INSPIRAZIONE aumentano i diametri anteroposteriore e trasverso del torace Nella ESPIRAZIONE diminuiscono i diametri anteroposteriore e trasverso del torace

13 INSPIRAZIONE INSPIRAZIONE FORZATA ESPIRAZIONE ESPIRAZIONE FORZATA (Volume corrente) (Volume di riserva inspiratoria) (Volume di riserva espiratoria) 500 cc cc cc CAPACITÀ VITALE ( cc) 1) inspirazione addominale 2) inspirazione toracica 3) espirazione toracica 4) espirazione addominale

14 Modificazioni funzionali respiratorie Modificazioni nella ripartizione dei volumi polmonari Diminuzione della pressione del ritorno elastico polmonare con aumentato a valore di compliance polmonare (variazioni volume / variazioni pressione) Capacità vitale (VC) diminuita Capacità polmonare totale (TLC) invariata o solo lievemente ridotta Volume corrente (VT) invariato Capacità funzionale residua (FRC) aumentata Volume residuo (RV) aumentato Diminuzione dei flussi espiratori massimali in età senile Diminuzione della capacità di diffusione polmonare per riduzione dell area della superficie di scambio gassoso Aumento della ventilazione durante esercizio

15 Influenza dell invecchiamento sul sistema nervoso La performance intellettuale tende a mantenersi fino ad almeno 80 anni. La proprietà verbale è ben mantenuta fino verso i 70 anni Durante il normale invecchiamento: Il numero di cellule nervose diminuisce Diminuisce il peso del cervello di circa il 10% Le dimensioni dei ventricoli cerebrali possono aumentare di 3/4volte Diminuisce il numero di cellule del midollo spinale Diminuisce la conduzione nervosa (dovuta principalmente alle variazioni dei nervi periferici) Il principale effetto dell invecchiamento sul midollo spinale dipende indirettamente da malattie degenerative che colpiscono vertebre e dischi intervertebrali (compressioni, entrapment)

16 Influenza dell invecchiamento sul sistema muscolo-scheletrico Muscolo. Tra i 30 e i 75 anni la massa magra diminuisce gradualmente < massa muscolare, < numero e dimensione fibre muscolari. Sarcopenia. Ridotta attività fisica, variazioni del SNC e del SNP < unità motorie, < sintesi proteica muscolare. Fibre tipo I: sforzi media intensità, periodi lunghi Fibre tipo II: massima intensità, periodi brevi* Tessuto osseo (80% elem. minerali 20% sost. org. La sintesi ossea > sino a 20/25 anni. <di massa ossea del 35-40%, < della resistenza ossea (che può raggiungere il 55-65%), nel periodo che va dai 20 agli 80 anni.

17 Cartilagine. Distribuzione uniforme delle pressioni sui piani articolari. Diventa sempre più fibrosa causando una rigidità delle articolazioni associata a dolore durante il carico o il movimento. Tendini e legamenti. Rigidità dei tendini e perdita di elasticità dei legamenti. Riduzione ROM. Articolazioni. Perdono la loro fisiologica mobilità con la comparsa di dolore quando sollecitate in modo intenso e ai massimi gradi di escursione.

18 L attività fisica regolare. A - aumenta il generale stato di benessere B - migliora globalmente la salute fisica e psicologica C - aiuta a conservare l autosufficienza D - riduce il rischio di sviluppare alcune malattie non trasmissibili ( es. cardiopatia ischemica, ipertensione..) E - aiuta a controllare specifiche condizioni di vita (es. stress, obesità) e patologie ( es. diabete, ipercolesterolemia ) F- aiuta a minimizzare le conseguenze di alcune disabilità e può aiutare nella gestione delle condizioni di dolore cronico G- potrebbe aiutare nel modificare l immagine stereotipata della vecchiaia

19 Influenze dell esercizio fisico sull invecchiamento Benefici fisiologici: Sistema respiratorio: > ECONOMICITA di un determinato gesto (riduzione della richiesta di ossigeno e dell impegno ventilatorio) Sistema cardiovascolare: > G.Cardiaca max, > flusso arterioso coronarico, miglior sfruttamento periferico di ossigeno nei muscoli attivi Massimo consumo di ossigeno: Il massimo consumo di ossigeno (VO2max) diminuisce approssimativamente di 5 ml.kg-1.min-1 per decade, da 25 a 65 anni di età. Soggetti adulti di età media che si mantengono in attività e controllano il loro peso, dimezzano il predetto calo di VO2max nei successivi 20 anni. Tessuto osseo: aumento della densità ossea in quelle parti del corpo sollecitate dalla gravità o dalla contrazione muscolare Forza e flessibilità: aumento della forza che corrisponderebbe ad un miglioramento dell andatura, dell equilibrio ed in genere di tutte le abilità funzionali.

20 Benefici psicologici immediati: Rilassamento Miglioramento dell umore Riduzione dello stress e dell ansia Effetti a lungo termine: Acquisizione abilità motorie Migliore salute mentale Incrementi cognitivi Controllo e prestazioni motorie Benessere generale Benefici sociali immediati: Aumentata integrazione sociale Rafforzamento degli individui anziani Effetti a lungo termine: Aumentata integrazione Formazione di nuove amicizie Ampliamento dei rapporti sociali Mantenimento del ruolo ed acquisizione di nuovi ruoli Aumento delle attività intergenerazionali

21 Rischi legati all esercizio fisico Problemi cardiocircolatori Infortuni muscolo-scheletrici Coronaropatia Rischio cardiocircolatorio (ambienti troppo caldi o troppo freddi, attività subacquea o in altura) Distorsioni Fratture Strappi Per prevenire questo tipo di infortunio è necessario: attrezzare l ambiente in modo da permettere un attività fisica sicura ed efficace (superfici lisce, non sdrucciolevoli, prive di ostacoli e ben illuminate) eseguire una corretta progressione di allenamento, senza trascurare un adeguato riscaldamento e allungamento; utilizzare ausili che possano facilitare l attività fisica come il bastone (che può servire sia per una più sicura deambulazione, ma anche come attrezzo per esercizi degli arti superiori) o la sedia.

22 Patologie da sovraccarico cronico Fattori intrinseci: condizioni anatomiche, sesso femminile, sovrappeso e malattie predisponenti. ( iperpronazione/ipopronazione del piede, piede cavo/piatto, ginocchio varo/valgo, dismetria degli arti inferiori, squilibrio/debolezza muscolare, lassità ed instabilità ligamentosa) Fattori estrinseci: eccessivo carico sul corpo, errori nell allenamento, equipaggiamento inadeguato, condizioni ambientali Il sintomo accusato dai soggetti affetti da patologia da sovraccarico cronico è essenzialmente il dolore.

23 grado 1: dolore solo dopo attività durata dei sintomi inferiore a 2 settimane grado 2: dolore durante e dopo l attività disabilità funzionale non significativa durata dei sintomi > a 2 settimane grado 3: dolore durante e dopo l attività disabilità funzionale significativa durata dei sintomi > a 6 settimane grado 4: dolore costante disabilità funzionale completa incapacità di allenarsi e di svolgere gare

24 Quando la patologia da sovraccarico cronico interessa il tessuto osseo può determinarsi la frattura da fatica. sede anatomica omero olecrano scafoide carpale costole vertebre perone ulna radio metacarpi falangi dei piedi ossa pelviche femore perone tallone metatarsi sport sport con racchetta ginnastica ginnastica ginnastica ginnastica ginnastica pallavolo, tennis tennis tennis tennis podismo podismo podismo podismo fondo, ballo

25 Se il fenomeno di sovraccarico interessa le strutture ligamentose, possono verificarsi tre tipi di lesioni: - le tendinopatie inserzionali (tipiche quelle che colpiscono il tendine patellare e la cuffia dei rotatori) che riguardano l inserzione tendinea dell osso - le periartriti, dette anche tenosinoviti o tenovaginiti, che rappresentano un infiammazione delle strutture peritendinee causate da sfregamento tissutale o da irritazione meccanica esterna - le lendinosi, condizioni degenerative in assenza di infiammazione, associate a degenerazione del legamento e a calcificazioni.

26 CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA FISICHE E SPORTIVE MET o equivalente metabolico = (ml / Kg / min) 3.5 mill. di ossigeno (O2) per chilogrammo (Kg) di peso corporeo per minuto (min) Attività dinamiche ad impegno cardiocircolatorio costante: - il gesto tecnico è ciclico (camminare, correre, pedalare) e la forza muscolare impiegata risulta generalmente non elevata. - si tratta di attività aerobiche nelle quali i muscoli, quando l intensità è lieve/moderata (inferiore al 50/60% del massimale), utilizzano in prevalenza l energia liberata dai lipidi - sono ideali ai fini della prevenzione primaria e secondaria delle patologie cardiovascolari

27 Attività fisiche, sportive, di palestra dinamiche ad impegno cardiocircolatorio costante Intensità lieve 3 MET camminare 3/4 km/h, pedalare < 12 km/h, nuoto lento indoor byke acquagym Intensità moderata tra 3 e 6 MET camminare 6km/h, pedalare km/h, nuoto moderato trekking, sci di fondo (escursionismo) aerobica, step, acquafitness Intensità media/elevata > 6 MET (VO2 di 21 ml/kg/min) camminare >6 km/h, pedalare >15 km/h, nuoto veloce canottaggio, sci di fondo, danza sportiva aerobica, power step, acquafitness intenso

28 Attività di tipo dinamico ad impegno cardiocircolatorio intermittente - sono caratterizzate da gesti più complessi - presuppongono il possesso di una tecnica adeguata - esercitano effetti benefici sull organismo e sull apparato cardiovascolare - sono più difficili da dosare per l inevitabile componente agonistica presente

29 Attività sportive e di palestra di tipo dinamico ad impegno cardiocircolatorio intermittente Intensità lieve 3 MET tennis (doppio), golf, caccia danza Intensità moderata tra 3 e 6 MET tennis (palleggio), calcio a 5 (ludico), pallavolo aerobic circuit training (per il fitness) Intensità media/elevata > 6 MET (VO2 di 21 ml/kg/min) tennis (partita), calcio a 5 (partita), beachvolley (2 vs 2) aerobic circuit training (per la prestazione)

30 Attività statiche o di potenza - sono caratterizzate da un impegno cardiocircolatorio prevalentemente di tipo pressorio - non possono essere considerate di prima scelta ai fini della prevenzione cardiovascolare - nell anziano risultano invece molto utili le attività statiche di palestra ad intensità lieve

31 Attività statiche o di potenza (sportive e di palestra) Intensità lieve 3 MET ccccccccccccccccccccc corpo libero, stretching, pilates/yoga, tai-chi Intensità moderata tra 3 e 6 MET scherma, windsurf, equitazione acquafitness (con galleggianti), yoga (per il fitness) Intensità media/elevata > 6 MET (VO2 di 21 ml/kg/min) sci alpino, sci nautico, arrampicata sportiva body-building, acquafitness (in acqua profonda) power yoga

32 ANZIANI IN ATTIVITA Attività fisica: tutta l'energia che si brucia con il movimento Esercizio fisico: tentativo programmato e intenzionale atto a migliorare la forma fisica e la salute Forma fisica: dipende principalmente dalla quantità di movimento che si fa ma anche da fattori genetici.

33 SI Esercizi graduali Fermarsi quando si prova dolore Attività continuativa Attività in gruppo

34 NO Allo sforzo eccessivo Al passaggio brusco da una posizione ad un altra All aumento eccessivo di frequenza cardiaca e respiratoria Alle performance estemporanee

35 Prescrizione secondo un gradiente di salute/efficienza fisica (45-75% Fc Max) (3-5 giorni/settimana) Differenziare gli obiettivi

36 Due categorie di obiettivi: Mantenimento/ miglioramento dell efficienza fisica Mantenimento/miglioramento dello stato di salute Qualità della vita (Soggetti fragili) Migliorare le capacità Funzionali (Soggetti affetti da patologie età correlate) Mantenere/Migliorare l efficienza fisica (Soggetti sani)

37 FASE 1: Obiettivi di avvicinamento Costruzione di uno stile di vita attivo 1) Conoscere i benefici di un attività motoria regolare 2) Prevedere attività motorie quotidiane, legate alle attività abituali 3) Rendere regolare le attività aerobiche spontanee (passeggiate,spese) 4) Frequentare regolarmente corsi di attività motorie a corpo libero 5) Imparare nuove attività o tornare a praticarle 6) Imparare esercizi di mobilizzazione articolare e di stretching 7) Imparare a sollevare o a spostare oggetti pesanti in modo corretto 8) Favorire le attività con terze persone per creare situazioni di stimolo motorio diversificato

38 FASE 2: Obiettivi a regime Per uno stile di vita già attivo 1) minuti di esercizio aerobico almeno 3 giorni/settimana 2) Esercizi di forza giornalieri per gli arti inferiori, almeno 2 volte/settimana per arti superiori e muscoli addominali 3) Esercitazioni giornaliere per l equilibrio e per la mobilità articolare 4) Frequenti movimenti, esercizi o attività nuove in modo da stimolare il controllo e l apprendimento motorio

39 TRATTAMENTO DELLA SINDROME POSTURALE correzione della postura o della posizione che causa la sintomatologia, ovvero la postura seduta, eretta o sdraiata e le posizioni mantenute durante il lavoro o le altre attività. > attività fisica = > equilibrio attività/inattività. Difetti più frequenti: Ipercifosi: viene accentuata la curvatura del tratto dorsale della colonna Iperlordosi: il sedere è in fuori e il busto sporge in avanti Iperlordosi e Ipercifosi: Le sedie devono essere regolabili in altezza con lo schienale regolato un po in avanti per permettere alla schiena di appoggiarsi facilmente Postura scorretta

40 ABITUDINI POSTURALI conseguenza Non caricarsi di un peso da un solo lato conseguenza Supporto lombare e distanza piano d appoggio Alzarsi dalla sedia col busto diritto facendo leva sugli arti inferiori Lavorare sugli arti inferiori scaricando lo sforzo

41 ESERCIZI DI MOBILITA ARTICOLARE > allungamento e < tono della muscolatura estensoria > atteggiamento flessorio rachide e arti inferiori > rigidità e contratture No > forza e resistenza Si sviluppo coordinazione Sviluppo della coordinazione Nutrimento delle cartilagini Percezioni interne

42 Esercizi per aumentare la mobilità articolare

43 ESERCIZI DI COORDINAZIONE Complesso sistema di regolazione vista, udito, sensazioni corporee, organo dell equilibrio visione focale aff.propriocettive esterocettive visione ambientale app. vestibolare, Golgi, rec. cutanei, fusi neur. Capacità di regolare l azione dei vari gruppi muscolari Controllo del movimento rispetto al tempo Eliminare sforzi e tensioni inutili Libera scelta nelle azioni che intraprendiamo

44 ESERCIZI DI STRETCHING Sollecitano: fibre muscolari, tessuto connettivo Effetti benefici su: Sistema muscolare e tendineo > flessibilità > elasticità > capacità di movimento Articolazioni > lubrificazione articolare < malattie degenerative < calcificazione tessuto connettivo Sistema Cardiocircolatorio e Respiratorio < pressione arteriosa > circolazione sanguigna > respirazione > capacità polmonare Sistema nervoso < stress fisico azione rilassante e calmante

45 Tensione prolungata e progressiva Assenza di dolore Mantenere la posizione per almeno 10 secondi

46 ESERCIZI DI TONIFICAZIONE Rinforzo muscolare Attività fisiche quotidiane, sportive e ricreative

47 ESERCIZI DI RESPIRAZIONE cingolo scapolo-omerale, gabbia toracica, colonna vertebrale, addome Importanza fondamentale per: Elasticità della gabbia toracica, funzionalità ed efficienza app. respiratorio Mantenere la corretta postura Controllo degli stati di ansia favorendo la concentrazione e il rilassamento

48 Modificazioni della deambulazione con l età Velocità del cammino: stabile sino a 70 anni Cadenza: non si modifica con l età Doppia posizione / supporto: > con l età Postura: lievi modifiche con l età (5 esterno) Mobilità articolare: si modifica con l età (motilità anca p.f. > angolo add.) Lunghezza del passo: < con l età (< flessione plantare)

49 Equilibrio durante la deambulazione Integrazione input sensoriali motilità articolare visivi, vestibolari, propriocettivi controllo neuromuscolare forza muscolare Fattori che influenzano il grado di difficoltà delle proposte: base di appoggio, distanza baricentro da terra, movimenti associati, velocità di esecuzione, contesto dove effettuare le esercitazioni

50 IL CAMMINO E UN ATTIVITA FISICA PARTICOLARMENTE RACCOMANDABILE NELL ANZIANO Movimento ritmico e continuo Miglior resistenza allo sforzo Programma progressivo Stabilire gli obiettivi Quantificare i progressi Informare sulla temporaneità di sensazioni spiacevoli

51 GINNASTICA IN ACQUA Esercitazioni graduate Assenza stress fisici Apparato muscolare potenziato Aggregazione sociale

52 Modalità di allenamento Forza generale e Forza resistente Lavoro sul segmento corporeo con due modalità: a) solo muscolo agonista (movimento caricato in fase concentrica) b) muscolo agonista e antagonista (movimento caricato sia in fase concentrica che in fase eccentrica) Particolarità dell esercizio in acqua: effetto isocinetico

53 La ginnastica in acqua può migliorare: capacità motorie capacità sensoriali coordinazione dinamico-generale efficienza muscolare e articolare capacità respiratorie e cardiocircolatorie socializzazione autostima

54 DANZA-TERAPIA Osservanza di regole di igiene comportamentale (evitano lesioni sia alla struttura scheletrica sia al s. cardiocircolatorio) Azione coordinata mente-corpo (combatte l invecchiamento precoce) Favorisce lo sviluppo delle risorse umane Stimola la comunicazione

55 YOGA Aumenta la forza Combatte lo stress Controlla il dolore

56 La colonna eretta Ognuno a modo suo

57 TAI CHI CHUAN Effetto riequilibrante sul sistema nervoso centrale (movimento lento di tutti i muscoli e articolazioni, regolarizzazione della respirazione e del movimento diaframmatico conformi al ritmo dell esercizio = corpo rilassato e mente vigile) Diminuzione rischio cadute

58 Il METODO PILATES Universal reformer Tower Magic circe Cadilac Cooperazione mente-corpo alla ricerca del controllo, della precisione e della fluidità dei movimenti. Coordinazione della respirazione. Sviluppo di tutti i muscoli in maniera uniforme Mat Barrel Half Barrel

59 Lat Machine MACCHINE ISOTONICHE Progressione dorsale maggiore, bicipite brachiale Arti inferiori Tronco Arti superiori Leg Press Chest Press Sitting Calf quadricipite femorale, glutei, gastrocnemio, soleo tricipite brachiale, pettorali, deltoide soleo, gastrocnemio

60 Stretching e mobilità devono essere sempre inseriti in un lavoro a circuito su macchine isotoniche > Allungamento antagonisti + mobilità articolare = < resistenza agli agonisti > velocità > prestazione < danni muscolari e tendinei Arti superiori - Maggior impegno cardiorespiratorio - Blocco negativo muscolatura respiratoria con impegno dei muscoli fissatori delle spalle (gran dentato, gran dorsale, pettorale) che limitano l espansione polmonare

61 VANTAGGI Isolamento di gruppi muscolari Evitano danni muscolari e tendinei SVANTAGGI Specificità Angolo di lavoro Vertical Row Shoulder Press deltoide, trapezio, dorsale maggiore, bicipite brachiale deltoide, tricipite brachiale

62 VANTAGGI PESI LIBERI SVANTAGGI Consentono una vasta gamma di esercizi Gestione carichi elevati θ Forte carico articolare

63 Variabili per la progressione in un allenamento alla forza 1RM= carico/ ( x n. rip.) Fase iniziale primi 4-8 allenamenti oppure circa 2 settimane di attività CARICO molto basso (30-40% di 1 RM) RIPETIZIONI da 8 a 16 SERIE da 1 a 3 PAUSE tra SERIE 3 minuti, attive, intercalando esercitazioni RESPIRAZIONE Inspirare durante la fase di decontrazione, espirare durante la fase di contrazione Seconda fase dopo 8 allenamenti oppure dopo la 2 o 3 settimana di attività CARICO medio (50-70% di 1 RM) RIPETIZIONI da 12 a 16 SERIE da 2 a 3 PAUSE tra SERIE 3 minuti, attive, intercalando esercitazioni RESPIRAZIONE Inspirare durante la fase di decontrazione, espirare durante la fase di contrazione

64 Variabili per la progressione in un allenamento alla resistenza Fase iniziale primi allenamenti oppure circa 1 mese di attività RITMO piuttosto lento, prevalentemente in piano FREQUENZA 65-70% della Fcmax BORG (RPE) tra 11 (piuttosto leggero) e 13 (abbastanza intenso) PARLATA senza affanno DURATA da pochi minuti sino a 30 minuti circa Seconda fase dopo i primi 15 allenamenti oppure il 2-3 mese di attività RITMO alternare anche ritmi sostenuti per brevi distanze ed inserire brevi salite FREQUENZA 70-80% della Fcmax BORG (RPE) 13 e 14 (abbastanza intenso) PARLATA riuscire ma con qualche difficoltà DURATA 30 minuti circa

65 Attività motorie consigliabili X = attività utile XX = attività specifica Soggetti : Dipendenti Fragili Indipendenti In forma Corsi collettivi Corsi in palestra XX XX XX Attività motoria adattata XX XX X Stretching e rilassamento X X X X Ginnastica in acqua XX XX XX Corsi di nuoto XX XX Gruppi di cammino XX XX XX Attività guidate Attività con macchine isotoniche X X XX XX e sovraccarichi Attività con ergometri X XX XX XX Attività sportive Podismo XX XX Nuoto XX XX Ciclismo XX XX Tennis X XX Sci nordico X XX

66 Allenamenti a corpo libero eseguibili a domicilio Stretching per tronco, arti inferiori e superiori Mobilità articolare Coordinazione motoria

67 Esercizi di stretching 1) stendersi supini sul pavimento appoggiando la testa su di un libro, sguardo rivolto al soffitto. Per aumentare il confort, le ginocchia possono essere mantenute piegate. 2) ruotare lentamente la testa a sinistra 3) mantenere la posizione per secondi 4) tornare alla posizione di partenza 5) ruotare la testa a destra 6) mantenere la posizione per secondi 7) tornare alla posizione di partenza 8) ripetere 3-5 volte per lato 1) stendersi supini sul pavimento appoggiando la testa su di un cuscino, sguardo rivolto al soffitto. Per aumentare il confort, le ginocchia possono essere mantenute piegate. 2) allargare le braccia, piegare i gomiti, palmo delle mani a contatto con il pavimento 3) portare le braccia verso l alto e poi posteriormente sino a toccare il pavimento con il dorso delle mani. (In presenza di dolore limitare il range di movimento) 4) tornare lentamente alla posizione di partenza 5) ripetere 3-5 volte

68 1) posizionare la mano sinistra, posteriormente, all altezza della nuca, la mano destra all altezza delle scapole. Impugnare le estremità di un asciugamani 2) far scorrere la mano sinistra lungo l asciugamani verso il basso e contemporaneamente la destra verso l alto 3) continuare lentamente sino a quando le mani non si tocchino. (In presenza di dolore limitare il range di movimento) 4) tornare lentamente alla posizione di partenza 5) invertire la posizione delle mani. Ripetere l esercizio 6) ripetere 3-5 volte per ogni posizione 1) palmo delle mani a contatto, gomiti piegati 2) alzare le braccia verso l alto mantenendo le mani unite 3) mantenere la posizione per secondi 4) ripetere 3-5 volte

69 1) posizionarsi dietro ad una sedia, appoggiare le mani alla spalliera, flettere il tronco 2) quando il tronco è parallelo al pavimento mantenere la posizione per secondi. Dovrete avvertire una tensione, posteriormente, alla coscia 3) ripetere 3-5 volte 1) a piedi nudi, sedersi sul bordo di una sedia, posizionare un cuscino dietro la schiena 2) allungate le gambe e mantenendo i talloni a contatto del pavimento piegate le caviglie verso l alto, i piedi risultano così orientati verso di voi 3) mantenete la posizione per 1 secondo 4) ripetere 3-5 volte

70 1) appoggiarsi ad una parete mantenendo le braccia estese 2) portare in avanti la gamba sinistra flettendo il ginocchio, la gamba destra resta arretrata e in estensione 3) mantenendo il piede destro aderente al suolo flettere il ginocchio (se non avvertiste tensione al livello del polpaccio, arretrare ulteriormente la gamba destra) 4) mantenere la posizione per secondi. Tornare alla posizione di partenza. Pausa 5) invertire la posizione delle gambe e ripetere l esercizio 3-5 volte per lato 1) stendersi sul fianco sinistro appoggiare la testa su di un cuscino estendere il braccio sinistro 2) flettere la gamba destra e afferrare la caviglia con il braccio destro 3) tirare delicatamente la gamba verso il gluteo 4) mantenere la posizione per secondi. Tornare alla posizione di partenza. Pausa. Ripetere 3-5 volte 5) stendersi sul lato destro. Ripetere l esercizio per 3-5 volte.

71 Esercizi per le vertebre cervicali Lentamente flettere il collo a destra, indietro, a sinistra e in avanti. Ruotare in due tempi il capo di lato, fermandosi di tre quarti e proseguendo fina a rotazione completa;quindi sempre in due tempi ritornare alla posizione di partenza. Lentamente flettere di lato il collo, sostando brevemente tra una flessione e l'altra nella posizione di partenza. Flettere lentamente indietro e poi in avanti il collo, con una breve pausa tra un movimento e l'altro.

72 1) sedersi appoggiandosi allo schienale, piedi in appoggio a terra 2) braccia distese lungo il corpo, impugnare due pesi con le mani tenendo il palmo rivolto all interno 3) portare le braccia all altezza delle spalle, mantenere la posizione per 1 sec. 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere 8-15 volte 1) seduti su una sedia, appoggiarsi allo schienale, piedi in appoggio al pavimento, braccia lungo i fianchi, impugnare un peso con il palmo delle mano rivolto in avanti 2) flettere il braccio sino a raggiungere la spalla 3) mantenere la posizione per 1 secondo 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere con l altro braccio 6) alternare il movimento delle braccia sino a effettuare 8-15 ripetizioni per lato Esercizi per la forza degli Arti Superiori

73 1) seduti piedi appoggiati al pavimento, spalle in appoggio allo schienale della sedia 2) tenendo un peso alzare un braccio verso il soffitto e sostenerlo con l altra mano 3) piegare lentamente il braccio portando il peso verso la spalla. Pausa 4) ripetere con l altro braccio 5) ripetere 8-15 volte per lato 1) seduti mantenere i piedi appoggiati al pavimento e le spalle in appoggio allo schienale della sedia 2) tenere le braccia distese lungo il corpo con un peso in ogni mano 3) sollevare entrambe le braccia sino all altezza delle spalle 4) mantenere la posizione per 1 secondo 5) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 6) ripetere 8-15 volte

74 Esercizi per la forza degli Arti Inferiori 1) in piedi, appoggiati allo schienale della sedia, gambe unite 2) sollevarsi sulla punta dei piedi 3) mantenere la posizione per 1 secondo 4) tornare lentamente alla posizione di partenza Pausa 5) ripetere l esercizio 8-15 volte 1) in piedi, appoggiati allo schienale della sedia, gambe unite 2) flettere l anca sino dove possibile 3) mantenere la posizione per 1 secondo 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere sul lato opposto 6) ripetere l esercizio 8-15 volte per lato

75 1) in piedi, appoggiati allo schienale della sedia, gambe unite 2) flettere il ginocchio sino dove possibile 3) mantenere la posizione per 1 secondo 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere con il ginocchio opposto 6) ripetere l esercizio 8-15 volte per lato 1) in piedi, appoggiati allo schienale della sedia, gambe unite 2) abdurre una gamba 3) mantenere la posizione per 1 sec. 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere con la gamba opposta 6) ripetere l esercizio 8-15 volte per lato 1) seduti sulla sedia, schiena appoggiata, posizionare un asciugamani arrotolato sotto le ginocchia 2) estendere un ginocchio sino dove possibile 3) mantenere la posizione per 1 secondo 4) tornare lentamente alla posizione di partenza. Pausa 5) ripetere con il ginocchio opposto 6) ripetere l esercizio 8-15 volte per lato

76 Esercizi di equilibrio Esercizi propriocettivi

77 Esercizi di forza/equilibrio 1) posizionare il tallone appena davanti alle dita del piede opposto ogni volta che fate un passo. 2) seguire un percorso lineare cercando di tenere avvicinati il più possibile il tallone e le dita del piede opposto.

78 ELASTICI A RESISTENZA VARIABILE Facilmente reperibili e di bassissimo costo Esercizi per tutti i gruppi muscolari Carico graduato

79 Utilizzo: medico-sportivo, fisioterapico, riabilitazione neuro-muscolare post traumatica Sollecitazione selettiva dei singoli gruppi muscolari cruciali per la sicurezza di attività funzionali di base: camminare, salire/scendere le scale, alzarsi. Seduta di allenamento: 1 serie, 10 ripetizioni almeno due volte/settimana Seduta di allenamento dopo 2/3 settimane: 2 serie, 10 ripetizioni almeno due volte/settimana. Lavoro con elastici in parallelo.

80 Vantaggi Lavoro muscolare localizzato Riabilitazione neuro-muscolare Svantaggi Inadatti per lo sviluppo della forza veloce Semplicità dell attrezzatura

81 Thera-Band: sistema a resistenza elastica progressiva Valore di carico in Kg giallo rosso verde blu nero argento oro leggero medio medio forte extra special super Lunghezza forte forte forte forte iniziale cm cm cm cm cm cm

82 Pesi con livelli progressivi di resistenza da 500 grammi sino a 3 Kg. Consento l effettuazione di esercizi sia con una che con due mani, ideali per fitness, esercizi di equilibrio, rafforzamento e stabilità. Polsiere Manubri Cavigliere

83 Le Mini Ball, già conosciute come palline antistress, permettono la rieducazione delle dita, delle articolazioni, un miglioramento della presa ed una migliore coordinazione dei movimenti della mano stessa. Molle Tappetini Le gym ball, ideali per un ampia gamma di utilizzi, dalla ginnastica alla riabilitazione, dal fitness all aerobica, alla danza, allo sport.

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Esercizi respiratori raccomandati ai pazienti BPCO

Esercizi respiratori raccomandati ai pazienti BPCO raccomandati ai pazienti BPCO Broncopnemopatia Cronica Ostruttiva per continuare il percorso riabilitativo a domicilio A.C.O. San Filippo Neri Presidio Ospedaliero Salus Infirmorum U.O.S.D. Riabilitazione

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 2 del 17 febbraio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma ATTIVITA FISICA E SPORT IN ETA EVOLUTIVA L età di avviamento dei bambini alla pratica sportiva preoccupa non

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana Per il bene della vostra salute Quante ore al giorno state seduti? Ogni quanto fate una pausa di movimento o di rilassamento? Avete una postazione di lavoro

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona 1 Le fonti A.C.S.M (American College of Sport Medicine); "Exercise and Physical Activity for Older

Dettagli

Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante

Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante INFORMAZIONI GENERALI Gli esercizi riabilitativi eseguiti tutti i giorni, al proprio domicilio, sono un indicazione utile e consigliata

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

IMPARIAMO A RESPIRARE

IMPARIAMO A RESPIRARE IMPARIAMO A RESPIRARE MANUALE INFORMATIVO-EDUCAZIONALE DI ESERCIZI ELEMENTARI DI FISIOTERAPIA E GINNASTICA RESPIRATORIA A cura del dott. Emmanuele Tupputi Specialista in Fisiopatologia e FisioKinesiterapia

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Nel seguente protocollo sono descritte le linee guida di esercizi specifici adatti

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

Meglio informati sul mal di schiena

Meglio informati sul mal di schiena Meglio informati sul mal di schiena 11309-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Armonia alterata Quando i tendini, i legamenti, i muscoli e le articolazioni cessano di funzionare

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra

LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra LO SPORT FA MALE? Antonio Antonio Dal Monte Antonio Antonio Correra Cosa fa il non sport Le macchine viventi si logorano se non si muovono al contrario delle macchine meccaniche che si logorano con l attivitl

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it

Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it Igiene degli impianti sportivi (3) Bruno Federico b.federico@unicas.it GLI INFORTUNI NELLO SPORT Definizioni Infortunio Evento improvviso che si verifica per causa violenta, indipendentemente dalla volontà

Dettagli

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI RELATORI: MAURIZIO PALOMBI STUDENTE: MINI MENACHERY STIEVANO ALESSANDRO IL TERMINE VARICE DERIVA DAL LATINO VARUS, CHE SIGNIFICA

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI Premessa L elaborazione di un programma di allenamento deve tener conto dei concetti basilari della metologia. Lo scopo di quanto andremo ad esporre è principalmente

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli