Insegnamento di Cardiologia Docente dr. Fiore Candelmo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di Cardiologia Docente dr. Fiore Candelmo"

Transcript

1 Corso di Laurea Triennale in Scienze Infermieristiche Polo Didattico Azienda Ospedaliera San G. Moscati - Avellino Insegnamento di Cardiologia Docente dr. Fiore Candelmo

2 In questa puntata Cardiopatia ischemica Bradi tachi aritmie BLSD Con questa lezione si chiude il corso di Cardiologia: abbiamo però ancora un altra giornata che vorrei dedicare al ripasso delle informazioni che abbiamo esplorato insieme. Avremo tre ore a disposizione che vi invito a non sprecare: preparate domande, cerchiamo di chiarire dubbi, troviamo risposte a qualche difficoltà. E gli esami??? Come vogliamo farli???

3 Premessa Premessa Ci stiamo avviando a conoscere alcune delle principali patologie cardiovascolari che, per la loro frequenza, incontrerete certamente nella vostra carriera Nessuna patologia può essere studiata se non abbiamo le basi teoriche dell anatomia e della fisiologia cardiovascolare. Su queste basi, si inseriscono le indagini diagnostiche strumentali che, dopo l esame obiettivo, possono consentirci di fare diagnosi e di proporre la migliore terapia

4 Premessa Qual e il ruolo infermieristico?

5 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica: definizione Malattia cardiaca a genesi multifattoriale, caratterizzata dallo squilibrio tra la richiesta metabolica e l apporto insufficiente di ossigeno al miocardio. DOMANDA DI O2 OFFERTA DI O2

6 Cardiopatia ischemica L ischemia è l insufficiente apporto di sangue (ossigeno) a un tessuto, con conseguente sua sofferenza. Pertanto ci può essere ischemia ovunque nell organismo (es. cerebrale (ictus), renale, enterale, degli arti, miocardica etc. etc,) I distretti che sono dipendenti da una singola vascolarizzazione possono essere maggiormente a rischio (il circolo collaterale protegge dalla ischemia) Cardiopatia ischemica

7 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica: clinica Angina pectoris è legata a uno squilibrio transitorio (minuti) tra domanda e apporto metabolico al miocardio. L ischemia è reversibile e non provoca danno anatomico permanente. Nel caso non infrequente in cui l ischemia miocardica non si associ a sintomi, si parla di ischemia silente Infarto miocardico consegue a un ischemia miocardica protratta (ore), che provoca danno cellulare irreversibile (necrosi miocardica)

8 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica: epidemiologia In Italia le malattie cardiovascolari sono causa del 45-50% della mortalità globale (1 a causa di morte). La cardiopatia ischemica da sola è a sua volta responsabile del 35% dei decessi dovuti a malattie cardiovascolari. Si stima che la mortalità annuale per le forme tipiche di cardiopatia ischemica (angina, infarto e morte improvvisa) sia tra e casi.

9 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica Il consumo miocardico di ossigeno (mvo 2 ) Il cuore è un organo aerobio, dunque il fabbisogno miocardico (consumo) di O 2 fornisce un indice accurato del suo metabolismo, ed è determinato principalmente da: Frequenza cardiaca Contrattilità Stress parietale (anche detto tensione di parete di una cavità, o postcarico), che dipende: Pressione sviluppata al suo interno Raggio medio della cavità

10 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica L ischemia (miocardica) è il risultato dello squilibrio tra DOMANDA DI O2 OFFERTA DI O2 domanda di O 2 da parte del tessuto miocardico e offerta da parte del circolo coronarico.

11 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica DOMANDA DI O2 OFFERTA DI O2 L ischemia può quindi determinarsi sia per riduzione dell apporto di O 2 (coronaropatia, malattia polmonare, ridotta disponibilità di O 2 ambientale) che per eccesso di richiesta (sforzo fisico, febbre, tachicardia etc.)

12 Cardiopatia ischemica Anatomia delle coronarie Ricordiamo l anatomia coronarica L ischemia si determina, più frequentemente, a causa di una malattia ostruttiva delle arterie epicardiche

13 Cardiopatia ischemica L aterosclerosi

14 Cardiopatia ischemica L aterosclerosi E una malattia sistemica con maggiore espressione focale, a carico della tonaca intima delle arterie di medio e grande calibro con carattere infiammatorio/fibrotico della parete interna arteriosa. La lesione elementare dell aterosclerosi è l ateroma o placca, una deposizione rilevata, focale, fibroadiposa della parete arteriosa, con un centro (core) lipidico (prevalentemente colesterolo) circondato da un cappuccio fibroso (formato da cellule muscolari lisce, collageno, matrice extracellulare).

15 Cardiopatia ischemica L aterosclerosi

16 Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica: eziologia L aterosclerosi coronarica è di gran lunga la causa più frequente di cardiopatia ischemica. Numerosi studi epidemiologici, condotti negli ultimi venticinque anni, hanno consentito di individuare alcune variabili individuali che si associano a un maggior rischio di malattia; queste variabili sono state definite fattori di rischio coronarico.

17 Cardiopatia ischemica I fattori di rischio Modificabili Fumo Obesità Sedentarietà Ipertensione arteriosa Diabete mellito Dislipidemia Stress Non Modificabili Sesso Maschile Donne in menopausa Età Familiarità Trombofilia Iperomocisteinemia Infiammazione

18 Cardiopatia ischemica Fisiopatologia dell ischemia La stenosi di un ramo coronarico epicardico determina una caduta di pressione, a valle della stenosi, proporzionale alla riduzione del calibro vasale. Questa caduta di pressione stimola la dilatazione dei vasi di resistenza allo scopo di mantenere un flusso adeguato in condizioni basali.

19 Cardiopatia ischemica Fisiopatologia dell ischemia Questo spiega l assenza di segni clinici ed elettrocardiografici di ischemia in condizioni di riposo. Concetto di riserva coronarica: flusso messo a disposizione dei tessuti, mediante vasodilatazione, finalizzato a compensare la presenza di una stenosi coronarica Se la stenosi riduce la sezione del vaso coronarico epicardico oltre l 80%, si ha una riduzione del flusso (con conseguente ischemia) anche in condizioni basali.

20 Cardiopatia ischemica Stabilita - instabilita di placca L ischemia è un concetto dinamico, secondario alla entità della riduzione di flusso La presenza di una placca stabile (con cappuccio fibroso integro ) determina l insorgenza della ischemia (comparsa dei sintomi) in specifiche situazioni (riduzione critica del flusso per aumento della richiesta di O 2 ) La presenza di una placca instabile (con cappuccio fibroso eroso ) espone al rischio di sviluppare trombosi intraluminale, comportare quindi una occlusione acuta con comparsa dei sintomi anche a riposo.

21 Cardiopatia ischemica Manifestazioni della c.ischemica CRONICA angina stabile cardiopatia ischemica silente ACUTA angina instabile infarto miocardico acuto STE infarto miocardico NSTE

22 Cardiopatia ischemica Angina stabile Costanza e ripetibilità dell evento patogenetico. Stabilità clinica: comparsa degli episodi anginosi con eguale frequenza e severità, insorgenza in condizioni omogenee, stabili nel tempo, generalmente associate a sforzo fisico o comunque ad una aumentata richiesta di ossigeno (freddo, stress, digestione, ecc). Bassa incidenza di eventi maggiori a breve e medio termine (morte improvvisa, infarto miocardico)

23 Cardiopatia ischemica Angina stabile Fisiopatologia: presenza di stenosi coronarica fissa, determinata da placche concentriche con riduzione del lume >75% e capsula fibrosa integra, con flusso inadeguato durante aumento della richiesta miocardica di O2.

24 Cardiopatia ischemica Angina stabile Sintomatologia: dolore precordiale, retrosternale, talora irradiato, insorgente dopo sforzo o altre cause, a regressione con la cessazione della causa e sensibile alla somministrazione di nitrati. Elettrocardiogramma: normale tra le crisi, alterazioni ST-T durante angor. Diagnostica incruenta: test provocativi, Holter

25 Cardiopatia ischemica Angina stabile: classificazione CLASSE I: L attività fisica ordinaria, come camminare e fare le scale, non provoca angina. Essa compare solo a seguito di esercizio strenuo, rapido e prolungato. CLASSE II: Limitazione lieve dell attività abituale. L angina si manifesta camminando o facendo le scale rapidamente o dopo i pasti, camminando con il freddo, camminando in salita, o in seguito a stress emotivo. CLASSE III: Limitazione marcata dell attività ordinaria. L angina si manifesta camminando per meno di mt o salendo 1 o 2 piani di scale ad andatura normale ed in condizioni normali. CLASSE IV: Incapacità di eseguire qualsiasi attività fisica senza dolore; l angina può essere presente a riposo. Canadian Cardiovascular Society

26 Angina stabile: elettrocardiogramma Cardiopatia ischemica

27 Angina stabile: elettrocardiogramma Cardiopatia ischemica

28 Cardiopatia ischemica Angina stabile: elettrocardiogramma L angina silente riconosce le stesse cause ma non si manifesta clinicamente (e quindi la diagnosi è del tutto occasionale)

29 Cardiopatia ischemica Angina instabile E una delle manifestazioni della sindrome coronarica acuta. E responsabile del 50% dei ricoveri in UTIC. Presenta una mortalità a breve termine del 2%. Evolve in infarto miocardico acuto nel 10%. La mortalità ad un anno è tra il 15 e il 20%.

30 Cardiopatia ischemica Angina instabile: sintomi Dolore toracico tipico, a crisi subentranti, sia a riposo che da minimo sforzo (imprevedibile) E causata da una placca ulcerata che determina la sovrapposizione di processi trombotici (e quindi stenosi coronarica) che si lisano spontaneamente ECG: normale tra le crisi, presenta alterazioni del tratto ST-T durante l angor

31 Cardiopatia ischemica Angina instabile: sintomi Angina di nuova insorgenza (entro gli ultimi 2 mesi): Angina di classe CCSC 3 o 4 Angina a riposo a + b Angina ingravescente Aggravamento di un angina pre-esistente per la comparsa di episodi anginosi: a) più intensi; b) più prolungati; c) a soglia più bassa; d) e/o a riposo

32 Cardiopatia ischemica Angina instabile: sintomi Angina postinfartuale (nelle 2 settimane dopo l infarto) a) Angina di classe CCSC 3 o 4 b) Angina a riposo c) a + b Nel sospetto di angina instabile, è controindicato ogni test provocativo. E utile la registrazione Hollter ecg per cogliere le anomalie ecg nel corso di una crisi anginosa

33 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto Sindrome clinica causata da un ischemia acuta, grave e prolungata, a carico del tessuto miocardico, tale da determinare un danno irreversibile (necrosi), dovuta all occlusione di un vaso coronarico (nella maggior parte dei casi è una trombosi che si sovrappone ad una preesistente lesione aterosclerotica). DIAGNOSI: dolore anginoso prolungato, alterazioni ECGrafiche segni enzimatici di necrosi.

34 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto

35 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Cenni epidemiologici: 1,5 milioni di IMA/anno in USA, di cui 1/3 va incontro a morte. Sotto i 65 anni, l 80% delle morti per patologia coronarica avviene al 1 IMA IMA è la causa singola di morte più frequente nel mondo occidentale. L angina instabile è una delle più frequenti cause di IMA.

36 Infarto miocardico acuto (IMA) Se l interruzione del flusso è totale, in assenza di circolo collaterale la necrosi del territorio interessato coinvolgerà il miocardio in tutto il suo spessore: IMA transmurale o IMA Q. Se il trombo invece determina un occlusione transitoria, inferiore alle 3 ore, o una stenosi subocclusiva, in presenza di un importante circolo collaterale, la necrosi non interessa tutto lo spessore del miocardio, restando confinata agli strati subendocardici: IMA non-q. Cardiopatia ischemica

37 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Sintomatologia: dolore anginoso, intenso e prolungato, spesso accompagnato da irrequietezza e sensazione di morte imminente, sudorazione profusa, astenia, più raramente nausea, vomito e dispnea. Può essere del tutto assente, o poco rilevante. Può talora mimare altre patologie (gastrite)

38 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Causa: occlusione coronarica che determina mancato apporto di sangue alla zona colpita. Diagnosi: ECG, dosaggio dei marker di necrosi miocardica (anomalie concordanti e generalizzate)

39 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

40 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

41 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Infarto miocardico transmurale. FASE ACUTA: sopraslivellamento ST FASE SUBACUTA: onda T negativa, inizio abbassamento QRS, comparsa onda Q FASE CRONICA: ST normale, persistenza onda Q

42 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

43 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

44 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) In base alle derivazioni ECGrafiche in cui si osservano le alterazioni, è possibile stabilire la sede della necrosi miocardica.

45 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

46 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Marker ematochimici e diagnosi di SCA Le anormalità dei test biochimici sono l unico metodo con cui si può diagnosticare un IMA non-q (che non mostra segni ECGrafici) e con cui si può escludere (se normali) un IMA. I test biochimici misurano le concentrazioni ematiche di sostanze (macromolecole proteiche) normalmente intracellulari, che vengono liberate in seguito alla perdita della integrità della membrana cellulare del miocita. Troponina I e T Mioglobina CK (creatinkinasi) e CK-MB (CK myocardial-brain) Oltre alla diagnosi, consentono di modificare la terapia, di valutare il rischio ed esprimersi sulla prognosi.

47 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

48 Infarto miocardico acuto (IMA) Cardiopatia ischemica

49 Infarto miocardico acuto (IMA) Complicanze dell Infarto Miocardico Acuto ARITMICHE Tachiaritmie: extrasistoli ventricolari, tachicardia e fibrillazione ventricolare Bradiaritmie: blocchi atrioventricolari di vario grado MECCANICHE Precoci: rottura del setto interventricolare, della parete libera del ventricolo sinistro o di un muscolo papillare, scompenso cardiaco acuto Tardive: aneurisma ventricolare, cardiomiopatia dilatativa e scompenso cardiaco Cardiopatia ischemica

50 Cardiopatia ischemica Infarto miocardico acuto (IMA) Obiettivi terapeutici nell infarto miocardico acuto Riduzione del dolore (morfina) Limitazione dell area di necrosi (angioplastica primaria - trombolisi ed eparina) Protezione del miocardio ischemico (statine, betabloccanti, calcioantagonisti, ace-inibitori) Prevenzione di altri fenomeni trombotici (antiaggreganti)

51 Pausa caffè! Un po di riposo (anche per me ) Pausa di 5 (dico cinque minuti!) Fine della ricreazione Domande?

52 Bradi tachi aritmie Bradi - tachiaritmie 90% 10% 50% 8% 45% 35%

53 I Blocchi

54 Bradi tachi aritmie Bradi - tachiaritmie 90% 10% 50% 8% 45% 35%

55 Tachi aritmie Tachiaritmie Caratterizzate da una frequenza cardiaca maggiore di 100 bpm (cut-off per tachicardia)

56 Tachi aritmie Tachiaritmie: origine Sopraventricolare (fino alla giunzione AV Nodo AV) Ventricolare (dalle branche al miocardio comune) Il QRS risultante sarà stretto o largo a secondo del tempo che sarà necessario per ottenere la depolarizzazione ventricolare

57 Tachi aritmie Tachiaritmie Alcuni concetti intervallo RR ir/regolarità dell RR esaltata automaticità rientro

58 Tachi aritmie Tachiaritmie: intervallo RR Intervallo di tempo tra due QRS consecutivi (misurato sull apice della R)

59 Tachi aritmie Tachiaritmie: ir/regolarita dell RR RR regolare (ritmico) RR irregolare (aritmico)

60 Tachi aritmie Tachiaritmie: automatismo Alla base delle aritmie può esserci il concetto di esaltata automaticità (anche per ansia o eccesso di caffè o fumo)

61 Tachiaritmie: il rientro Alla base delle aritmie (regolari o non regolari) può esserci anche il concetto di rientro Fenomeno causato dalla presenza di tessuto a diversa refrattarietà, cioè con diversi gradi di disponibilità alla depolarizzazione Il rientro può manifestarsi ovunque nel miocardio (atrii, NAV, ventricoli) Tachi aritmie

62 Tachi aritmie Tachiaritmie: il rientro Rientro nel nodo AV

63 Tachi aritmie Tachiaritmie: il rientro Rientro nel nodo AV

64 Tachi aritmie Tachiaritmie: il rientro Le zone infartuate non sono depolarizzabili (sono necrotiche, cicatriziali, a differenza di potenziale=0). Intorno ad esse ci sono zone che possono invece depolarizzarsi ma, per la presenza del tessuto necrotico, con tempi diversi e non contemporaneamente con le altre zone miocardiche.

65 Tachi aritmie Tachiaritmie: il rientro In queste zone si può automantenere la depolarizzazione con conseguente innesco di aritmie (dette appunto da rientro)

66 Tachi aritmie Tachiaritmie sopraventricolari QRS Stretto e Irregolare: Fibrillazione Atriale (rientro atriale) QRS Stretto e Regolare: Tachicardia sinusale inappropriata Tachicardia ectopica atriale Flutter atriale (comune e non comune) Tachicardia da rientro NAV Tachicardia da rientro AV

67 Tachi aritmie Tachiaritmie sopraventricolari QRS Stretto: perché le aritmie si generano nella parte alta del cuore e giungono ai ventricoli per la normale via di conduzione

68 Tachi aritmie Tachicardia sinusale QRS Stretto RR regolare - Frequenza fissa (>100 bpm) Una P prima di ogni QRS

69 Tachi aritmie Fibrillazione atriale QRS Stretto - RR irregolare - Frequenza variabile Nessuna P prima del QRS

70 Tachi aritmie Flutter atriale QRS Stretto RR regolare - Frequenza variabile Caratteristiche onde F (flutter)

71 Tachi aritmie Tachicardia da rientro nodale QRS Stretto RR regolare - Frequenza fissa (>100 bpm) Nessuna P prima del QRS

72 Tachi aritmie Sindrome di WPW Rientro per via accessoria AV Caratteristica onda delta

73 Tachi aritmie Sindrome di WPW Rientro per via accessoria AV

74 Tachi aritmie Sindrome di WPW Rientro per via accessoria AV

75 Tachi aritmie Sindrome di WPW Rientro per via accessoria AV

76 Tachi aritmie Tachiaritmie ventricolari QRS largo: perché le aritmie si generano nella parte bassa del cuore (ventricoli) e depolarizzano il restante miocardio escludendo la normale via di conduzione

77 Tachi aritmie Tachiaritmie ventricolari QRS largo e Regolare: Tachicardia fascicolare Tachicardia ventricolare (mono e polimorfa) Flutter ventricolare Torsione di punta QRS largo ed Irregolare: Fibrillazione ventricolare (mortale!)

78 Tachi aritmie Tachicardia fascicolare QRS largo (con aspetto riconoscibile) RR regolare - Frequenza elevata Nessuna P

79 Tachi aritmie Tachicardia ventricolare QRS largo e bizzarro RR regolare - Frequenza elevata Nessuna P

80 Tachi aritmie Flutter ventricolare QRS largo e bizzarro RR regolare - Frequenza elevata Simmetria orizzontale

81 Tachi aritmie Fibrillazione ventricolare QRS non riconoscibile RR irregolare - Frequenza elevata Paziente incosciente

82 Tachi aritmie E questo cos e? Fibrillazione ventricolare? Artefatti? Si vede il QRS? Artefatti F.A. di base La paziente era asintomatica

83 Pausa caffè! Un po di riposo (anche per me ) Pausa di 5 (dico cinque minuti!) Fine della ricreazione Domande?

84 Gli esami invasivi BLSD

85 Test pre esame

86

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA INFARTO MIOCARDICO SINDROMI ACUTO (IMA) CORONARICHE ACUTE (SCA) ANGINA INSTABILE LA CARDIOPATIA ISCHEMICA

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

SINDROMI CORONARICHE ACUTE I SINTOMI DEL CUORE

SINDROMI CORONARICHE ACUTE I SINTOMI DEL CUORE SINDROMI CORONARICHE ACUTE Dr. Michele Gallina I SINTOMI DEL CUORE Astenia Nicturia DISPNEA Fame d aria, sensazione soggettiva di respiro difficoltoso (da sforzo, parossistica nott., ortopnea,) Dolore

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Lega Friulana per il Cuore CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA

CARDIOPATIA ISCHEMICA Prof. Di Bari CARDIOPATIA ISCHEMICA Definizione: E un insieme di quadri clinici caratterizzati dal fatto che il cuore non viene irrorato in misura adeguata alle sue necessità. L irrorazione del miocardio

Dettagli

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte.

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. TESSUTO DEL MIOCARDIO 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. 2. Tessuto di conduzione, costituito da tessuto muscolare specializzato

Dettagli

Ischemia, lesione e infarto

Ischemia, lesione e infarto 12 Ischemia, lesione e infarto 192 Rapida e accurata interpretazione dell ECG Il muscolo cardiaco deve ricevere un apporto ematico sufficiente tramite la propria rete di vasi arteriosi, denominati arterie

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE

AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Centro Cardiovascolare Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina Area Vascolare AMBULATORIO DI DIAGNOSTICA VASCOLARE Processo patologico L aterosclerosi è una malattia lenta e progressiva delle arterie

Dettagli

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

OBBIETTIVI. 1.Conoscere la normale funzionalità. patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco IL CUORE QUESTO SCONOSCIUTO OBBIETTIVI 1.Conoscere la normale funzionalità cardiaca 2.Conoscere e riconoscere le principali patologie Angina pectoris ed infarto miocardico Scompenso cardiaco Arresto cardiaco

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Infarto acuto del miocardio (IMA)

Infarto acuto del miocardio (IMA) Cardiopatia Ischemica Infarto acuto del miocardio (IMA) CARDIOPATIA ISCHEMICA (3 fasi) Ischemia cronica per deficit del circolo coronarico Lesione (evolutiva o non) Necrosi ischemica del miocardio Che

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO Poggiardo, 12 Ottobre 2013 Relatore Inf. Marco Loderini DOLORE TORACICO Sindrome caratterizzata da sensazione dolorosa a carico del torace,

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

IL SISTEMACARDIOVASCOLARE

IL SISTEMACARDIOVASCOLARE IL SISTEMACARDIOVASCOLARE ABC DEL CUORE UNA POMPA costituita da: >cavità : atri e ventricoli >pareti muscolari >valvole UN SISTEMA DI ALIMENTAZIONE : le coronarie UN APPARATO ELETTRICO: il sistema di eccito-conduzione

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina

Patologia Clinica. Lezione 4. Dott.ssa Samantha Messina Patologia Clinica Lezione 4 Dott.ssa Samantha Messina Modulo: Patologia clinica Anno accademico 2011/2012 II anno, I semestre CdL Infermieristica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

Interpretazione dell ECG in 5 minuti

Interpretazione dell ECG in 5 minuti Interpretazione dell ECG in 5 minuti L elettrocardiogramma è uno degli esami che vengono più spesso praticati nelle strutture sanitarie e consente di andare ad esplorare l attività elettrica del cuore

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo?

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Una gran parte della popolazione giovanile partecipa ad attività sportive ricreazionali o competitive Una regolare attività

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO

INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 INFARTO ACUTO DEL MIOCARDIO Corso di Medicina Interna C.D.L. Dietisti Docente: PROF. Gaetano Serviddio Coronaria dx Aorta Discendente anteriore Coronaria

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA 2 categorie principali 1)Disturbi del ritmo - Troppo lento o veloce (tachicardie o bradicardie) - origine anomala del battito cardiaco

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI L'apparato cardiocircolatorio I disturbi della circolazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare Nodo seno atriale Nodo atrioventricolare Da Silverthorn, Human Physiology 1 1 Depolarizzazione atriale 2 2 Depolarizzazione del setto 3 Depolarizzazione del ventricolo 3 Da Silverthorn, Human Physiology

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 143001, edizione 1 Responsabile scientifico: Pasquale Guarini Destinatari dell attività formativa:

Dettagli

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia per la sopravvivenza (del Medico di Medicina Generale) ISBN 88-8412-023-3 Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

L A V O R I A M O I N S I E M E P E R D I F E N D E R E I L T U O C U O R E

L A V O R I A M O I N S I E M E P E R D I F E N D E R E I L T U O C U O R E CHE COSA È L ANGINA In collaborazione con ANMCO - Lazio L A V O R I A M O I N S I E M E P E R D I F E N D E R E I L T U O C U O R E CHE COSA È L ANGINA Copertina e illustrazioni a cura degli allievi dell

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELL ECG

INTERPRETAZIONE DELL ECG INTERPRETAZIONE DELL ECG METODO PER OLIGOFRENICI DEL GIUNTA Il metodo per OLIGOFRENICI sviluppato dal Prof. Riccardo GIUNTA, è rivolto, con amore, a tutti i vari Sergio Coglionazzo che frequentano la Facoltà

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO MEDI.TER Cooperativa Medicina del Territorio Programma formativo 2008 SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO 7 e 24 maggio 2008 Dr. Claudio Esposito Paziente di sesso maschile anni

Dettagli

La pressione arteriosa

La pressione arteriosa La pressione arteriosa Inquadramento semeiologico e diagnostico al paziente iperteso Prof. Giovanni Murialdo Corso Integrato di Semeiotica e Metodologia Clinica La Progressione dell Insufficienza Cardiaca

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica

1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Cardiopatia ischemica cronica sintomatica: il nuovo che avanza dopo oltre 100 anni di nitroderivati 5 1. La cardiopatia ischemica cronica sintomatica Introduzione La malattia coronarica, di cui l angina

Dettagli

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana 1 ASSE ELETTRICO CARDIACO Nella diagnostica è importante valutare l orientamento del vettore elettrico ventricolare (asse elettrico cardiaco), che dà un indicazione

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

Cardiopatia ischemica

Cardiopatia ischemica Cardiopatia ischemica LA CARDIOPATIA ISCHEMICA DEFINIZIONE Per ischemia miocardica s intende una perfusione inadeguata del miocardio che si realizza in seguito ad uno squilibrio tra apporto e richiesta

Dettagli

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica ANMCO/SIMEU Position Paper Percorso di valutazione del Dolore Toracico Settembre 2007 Dolore toracico: qualsiasi dolore, dalla base del naso all ombelico anteriormente e dalla 12 vertebra posteriormente,

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA: Significato e gestione clinica fra Ospedale e Territorio

IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA: Significato e gestione clinica fra Ospedale e Territorio Convegno Problematiche di Cardiologia Pediatrica nella Gestione integrata fra Ospedale e Territorio 26 Ottobre 2006 Sala Convegni Fiera di Pordenone IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso.

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso. [Numero 13 - Articolo 3. Aprile 2007] Alterazioni elettocardiografiche maggiori e minori in donne asintomatiche: correlazione con rischio di eventi cardiovascolari e mortalità Titolo originale: "Major

Dettagli

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA Corso per soccorritori volontari L APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA DEFINIZIONE: INSIEME DI ORGANI CHE CONCORRONO ALLA MEDESIMA

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Materiale di approfondimento

Materiale di approfondimento Materiale di approfondimento Cos è lo scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco è una malattia sempre più frequente che compare quando il cuore, danneggiato, non è più in grado di svolgere la sua normale

Dettagli

SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI TROMBOSI

SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI TROMBOSI Patologia Generale SINDROME METABOLOCA: DIAGNOSI Nella scorsa lezione sulla Sindrome metabolica ho dimenticato di parlarvi della diagnosi: dunque abbiamo detto che andiamo a misurare la circonferenza vita,

Dettagli