IL CLIMA STA CAMBIANDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CLIMA STA CAMBIANDO"

Transcript

1 IL CLIMA STA CAMBIANDO Cambiamo anche noi. WWF E SOFIDEL INSIEME A FAVORE DEL CLIMA

2 Testi: Fabio Converio Revisione Scientifica: Eva Alessi, Rosa Clarino Coordinamento: Giuliana Improta Coordinamento editoriale: Emanuela Pietrobelli Con la collaborazione di Lorenzo Azzi, Sofidel Group Identity & Communication Manager Progetto grafico: Letré - Roma Maggio 2012 In copertina: uno dei laghi formatisi sopra la calotta di ghiaccio della Groenlandia. Poche ore dopo la ripresa tutta l acqua è defluita attraverso i crepacci.

3 INDICE Lettera dell Amministratore Delegato Sofidel 2 Insieme per uno sviluppo sostenibile Cosa sta succedendo al clima? 4 L IPCC cos é? 5 I problemi dei migratori 7 Perchè la temperatura sale 8 I ghiacci, un archivio del clima passato 11 Le proiezioni climatiche 16 Perché alcuni negano che sia l uomo la causa dei cambiamenti climatici? 17 Le incognite del clima 18 Una nuova era: l Antropocene 19 Cosa si può fare? 20 Conviene comunque 21 La strategia del WWF 23 L impegno di Sofidel per il clima e l ambiente 25 Cosa può fare ognuno di noi? 27 A B C per saperne di più 29

4 INSIEME PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Nel 2008 il Gruppo Sofidel dando ulteriore sostanza al suo impegno per l ambiente ha aderito al programma del WWF Internazionale Climate Savers. Scegliere un partner rigoroso e autorevole con il quale condividere su base volontaria obiettivi di miglioramento che oltrepassassero gli obblighi di legge è stato un passo naturale grazie al quale è stato possibile rafforzare quell approccio orientato alla responsabilità, l innovazione e la trasparenza che sentiamo appropriato per continuare a essere una realtà industriale competitiva. Nel 1900 nel mondo c erano due miliardi e mezzo di essere umani. Nel 1975 abbiamo raggiunto i 4 miliardi di individui. Sei miliardi nel Sette nel Una progressione rapida che ha comportato un enorme aumento dell impatto ambientale delle attività umane, accresciuto ancora in questi ultimi anni dagli imponenti tassi di sviluppo registrati in vaste e popolose aree del Pianeta. Cambiamento climatico, deforestazione, crisi idrica, impoverimento della biodiversità, gestione dei rifiuti sono alcune delle facce di un unico, grande problema che riguarda governi, istituzioni, imprese e cittadini: la sostenibilità del nostro modello di sviluppo. Non vi è dubbio che il fine di un impresa sia realizzare profitti. E non vi è possibilità di garantire benefici sociali duraturi per i beni e i servizi forniti e la ricchezza generata, se non attraverso l innalzamento della competitività. In questo quadro, il Gruppo Sofidel considera la sostenibilità una leva strategica, sia per incrementare la propria capacità competitiva, che per corrispondere in modo appropriato alla più ampia funzione sociale di migliorare la qualità della vita dei dipendenti, dei clienti, dei partner e delle comunità in cui opera. Così nel lavorare per realizzare prodotti di qualità, assicurare alti livelli di servizio e soddisfare i bisogni dei clienti e dei consumatori ci concentriamo sempre di più per migliorare gli impatti sociali e ambientali che generiamo, in un dialogo chiaro e trasparente con i nostri stakeholder. Avvalendoci anche di partnership di alto profilo: oltre a quella con il WWF, quella con la Fondazione Sodalitas, impegnata a diffondere in Italia la responsabilità sociale d impresa e a promuovere il dialogo fra il mondo imprenditoriale e il no profit, e quella con il Global Compact delle Nazioni Unite, un iniziativa che unisce governi, imprese, organizzazioni sindacali e società civile per promuovere i diritti umani, del lavoro e dell ambiente, in modo che le imprese 2

5 possano essere protagoniste attive della soluzione alle sfide della globalizzazione. Le politiche di sostenibilità ambientale di Sofidel privilegiano in particolare la lotta ai cambiamenti climatici, l impegno nella salvaguardia dei patrimoni forestali e l ottimizzazione dell utilizzo della risorsa idrica. Il Gruppo Sofidel è stata la prima azienda italiana, e la prima a livello mondiale del comparto tissue, ad aver aderito al programma Climate Savers, basato sulla definizione volontaria di consistenti piani di riduzione delle emissioni. Questa pubblicazione, realizzata ancora una volta in collaborazione con il WWF Italia, che ringraziamo, si propone di fornire informazioni puntuali e precise per far conoscere meglio il senso della sfida in corso e, in prossimità della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile, che si terrà a Rio de Janeiro, offrire un piccolo contributo al rilancio di un impegno globale, ampio e partecipato contro il cambiamento climatico. LUIGI LAzzARESChI Amministratore Delegato Gruppo Sofidel

6 COSA STA SUCCEDENDO AL CLIMA A partire dall estate del 2007 nel nord-est della Groenlandia si sono cominciate a registrare diverse scosse telluriche, sebbene quell area non fosse mai stata interessata da fenomeni sismici. Il mistero è stato presto risolto: a causa dell aumento della temperatura media terrestre l acqua di fusione dei ghiacciai aveva formato grandi laghi sulla superficie, le cui acque filtravano per crepacci e GLI ANIMALI E LE PIANTE SONO I TESTIMONI SILENzIOSI DEI VELOCI CAMBIAMENTI ChE STIAMO INFLIGGENDO ALLA TERRA e fessure raggiungendo le rocce, accelerando lo scivolamento e quindi la disintegrazione della calotta di ghiaccio, che da sola potrebbe far salire il livello degli oceani di 7 metri. Giganteschi pezzi di ghiaccio, pesanti parecchi miliardi di tonnellate, si staccavano, scivolavano e finivano in mare attivando i sismografi. Ci si trovava di fronte ad un fenomeno nuovo, non ancora preso in considerazione dagli scienziati dell IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) che solo tre mesi prima avevano diffuso il loro ultimo rapporto, già sufficientemente preoccupante. Da allora sono passati cinque anni, l umanità ha raggiunto i 7 miliardi di individui, i livelli di anidride carbonica in atmosfera hanno continuato a crescere e la Terra ha continuato a riscaldarsi. Dalle profondità oceaniche al circolo polare La temperatura media terrestre sta salendo e lo fa più velocemente che in passato. Dal 1800, ovvero da quando sono iniziate le misurazioni regolari delle temperature terrestri, nove dei dieci anni più caldi sono nel nostro secolo. In Italia l anno più caldo è stato il Il maggior aumento delle temperature (quasi un grado) è avvenuto negli ultimi 35 anni. Il riscaldamento riguarda ogni ecosistema: la temperatura media degli oceani è aumentata fino alla profondità di metri e dal 1960 la temperatura media dell Artico è aumentata quasi del doppio rispetto a quella globale. Prime conseguenze Gli scienziati dell IPCC hanno reso noto nel 2007 il loro ultimo Rapporto di Valutazione, la più autorevole e completa analisi degli studi finora effettuati sui mutamenti climatici e sulle loro conseguenze in ogni continente. I ghiacciai montani e la copertura di neve si stanno riducendo. I dati ricavati dalle osservazioni satellitari mostrano come, a partire dal 1980, i ghiacci marini dell Artico diminuiscano del 12% ogni decade. La fusione delle calotte di ghiaccio e dei ghiacciai e la dilatazione termica dell acqua hanno causato un innalzamento del livello del mare. A causa dell aumento di vapore acqueo nell atmosfera, effetto della maggiore tem- 4

7 peratura, è aumentata la frequenza delle piogge eccezionali. Inoltre, più alte temperature hanno portato periodi di siccità più prolungati nelle zone tropicali e subtropicali e nel Mediterraneo. È aumentata la potenza distruttiva dei cicloni tropicali nel nord Atlantico, a causa delle maggiori temperature marine tropicali. Il mondo naturale di fronte al cambiamento Come reagiscono gli esseri viventi al fenomeno del riscaldamento globale? Animali e piante si erano adattati ad un clima che non esiste più e il problema non è solo che fa più caldo: gli animali usano segnali molto precisi per decidere quando uscire dal letargo, riprodursi o intraprendere un viaggio che li porterà dall altra parte del mondo, ma la primavera si presenta sempre più in anticipo e l autunno sempre più in ritardo. Come conseguenza, si assiste ad un anticipo delle fioriture primaverili, delle migrazioni degli uccelli e della deposizione delle uova. Numerose specie di piante e animali, inclusi i grandi predatori, si stanno lentamente spostando verso le alte latitudini o a quote maggiori, inseguendo condizioni climatiche più idonee alla propria sopravvivenza. Negli oceani, così come nel Mar Mediterraneo, si assiste all insediamento di specie provenienti dalle aree tropicali o sub-tropicali in zone molto più a nord. Si allargano e aumentano di numero i laghi glaciali. Aumenta l instabilità dei terreni nelle regioni dove il suolo è perennemente ghiacciato e la frequenza di valanghe di tipo roccioso nelle regioni montane. L aumento della temperatura media di laghi e fiumi provoca un maggiore rilascio di nutrienti che danneggiano la qualità dell acqua. In definitiva, risulta dalle migliaia di osservazioni condotte negli ultimi decenni come tutti i sistemi naturali, marini, acquatici e terrestri, stiano già risentendo del surriscaldamento globale. Anche noi a rischio Le conseguenze delle temperature più elevate ci riguardano da vicino. Innanzi tutto dobbiamo mettere in conto i rischi diretti, dovuti all aumento della frequenza di frane, valanghe e inondazioni, soprattutto nelle zone costiere. Vanno poi valutate le difficoltà di interi settori economici come l agricoltura e il turismo. Infine si devono considerare gli effetti diretti e indiretti sulla nostra salute, visto che il riscaldamento della superficie terrestre è causa di una maggiore mortalità dovuta alle ondate di calore in Europa, della maggiore diffusione di malattie infettive in alcune aree e dell incremento di allergie nell emisfero settentrionale a causa dell alterazione della mappa dei pollini. IPCC: cos è? L IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) è il comitato scientifico nato nel 1988 per volere dell Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) e del Programma Ambientale dell ONU (UNEP) con lo scopo di fornire ai politici e alla comunità scientifica mondiale una valutazione della letteratura scientifica disponibile in materia di cambiamenti climatici, impatti, adattamento e mitigazione. Vincitore del premio Nobel per la Pace 2007, è composto da scienziati tra climatologi, oceanografi, meteorologi, glaciologi ed economisti. Non svolge ricerca, ma pubblica rapporti speciali, articoli tecnici e, ogni sei anni, i Rapporti di Valutazione che raccolgono la summa delle pubblicazioni scientifiche sui mutamenti climatici in atto. Il IV Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici del 2007 ha comportato sei anni di lavoro, coinvolgendo 800 autori, 450 autori responsabili dei capitoli, revisori. La sua autorevolezza nasce dal fatto di includere la maggior parte della comunità scientifica mondiale attiva nella ricerca sui vari aspetti dei cambiamenti climatici. L IPCC è un organizzazione del tutto indipendente, libera dall influenza dei singoli Stati. 5

8 SE 0,76 GRADI VI SEMBRANO POCHI Se pensiamo alla temperatura di una qualsiasi giornata e ci aggiungiamo 0,76 C il risultato potrebbe lasciarci indifferenti. Ad essere aumentata, però, è la temperatura media globale, cioè del Pianeta, che è salita da 13,7 C a 14,5 C: un incremento del 6%. Nell immagine a destra, Groenlandia, uno dei laghi sulla calotta, nato a causa dello scioglimento del ghiaccio. L acqua filtra fino alla roccia sottostante. Lo sapevi? Come scopriamo le temperature del passato Per rilevare la temperatura attuale si ricorre ai satelliti, ai palloni aerostatici e agli osservatori meteorologici. Per scoprire quella del passato, invece, i ricercatori hanno dovuto ingegnarsi per consultare gli archivi lasciati dalla natura. Ad esempio, il tronco degli alberi ogni anno produce un nuovo anello, più o meno spesso a seconda delle migliori o peggiori condizioni climatiche: prelevando un piccolo cilindro di legno, è possibile contare e misurare gli spessori degli anelli. Studiando i vecchi tronchi si è riusciti a ricostruire serie di temperature lunghe oltre anni. Anche i coralli formano anelli stagionali, in più la composizione dello scheletro varia al variare della temperatura dell'acqua in cui si forma. La ricostruzione può essere quindi molto precisa. L archivio più straordinario è, tuttavia, custodito nei ghiacciai (vedi oltre). Il clima non è il tempo Tempo meteorologico e clima sono due concetti diversi. Il tempo meteorologico è lo stato atmosferico in un certo tempo, in una certa area geografica. Il clima, invece, è la descrizione statistica delle condizioni medie atmosferiche in ambienti più vasti e per un periodo di tempo più ΔMSL (mm) Day Data 370 Day Running Mean Linear Fit (3.1 ± 0.4 mm/yr) lungo, almeno 30 anni. Nelle previsioni, i meteorologi hanno il compito di osservare, capire e prevedere l evoluzione a breve termine di fenomeni meteorologici L AUMENTO DEL LIVELLO DEL MARE DAL 1993 AD OGGI Global Mean Sea Level Change Data: University of Colorado 2012 rel1 (Seasonal signals removed)

9 I problemi dei migratori In media negli ultimi dieci anni gli uccelli migratori mediterranei hanno anticipato di tre giorni la data del proprio arrivo. Per questi animali è, infatti, necessario arrivare nei territori riproduttivi al momento giusto, poiché la nascita dei pulcini deve essere perfettamente sincronizzata con la massima disponibilità di larve e bruchi. E visto che la primavera è sempre più anticipata, bisogna arrivare prima per non rischiare di trovarsi senza cibo per la prole, cosa che purtroppo sta accadendo ad intere popolazioni di migratori europei. DATI DA RICORDARE + 0,76 C Aumento della temperatura media globale nell ultimo secolo + 3 C Incremento della temperatura media dell Artico negli ultimi 100 anni + 1,8 mm Aumento medio annuo del livello medio globale del mare nel XX secolo + 3,2 mm Aumento medio annuo del livello medio globale del mare nelle ultime due decadi m Profondità fino alla quale è percepibile il rialzo delle temperature degli oceani - 0,1 Riduzione del ph e conseguente aumento dell acidità degli oceani, causato da maggiore concentrazione di CO 2-12% Diminuzione ad oggi dell estensione dei ghiacci marini artici in estate a decade + 0,2 C Prevedibile incremento delle temperature medie globali nei prossimi 20 anni, per decennio che, per la dinamicità dell atmosfera, sono imprevedibili oltre alcuni giorni. I climatologi hanno, invece, il compito di verificare quanto le serie continue di rilevazioni si discostino dai valori medi, facendo in tal modo proiezioni per gli anni a venire. Se un inverno è molto freddo e nevoso Un singolo evento meteorologico non indica un cambiamento del clima. Gli scienziati, comunque, non escludono che, nonostante l aumento della temperatura media annua del Pianeta, alcune regioni in alcuni momenti dell anno possano diventare invece più fredde. Lo sviluppo della civiltà è stato possibile grazie all insolita stabilità della temperatura e del livello del mare negli ultimi anni. James hansen 7

10 PERChé LA TEMPERATURA SALE L aumento medio della temperatura superficiale terrestre degli ultimi 50 anni è molto probabilmente dovuto all aumento della concentrazione atmosferica di gas ad effetto serra causato dalle attività umane. Così è scritto nell ultimo rapporto dell IPCC, a differenza del precedente dove il riscaldamento osservato era probabilmente dovuto all aumento della concentrazione di gas ad effetto serra. La differenza non è lessicale ma sostanziale. Va tenuto, infatti, presente che gli scienziatidanno un peso alle proprie affermazioni e ragionano sempre in termini di probabilità: molto probabilmente rispetto alla classificazione formulata dall IPCC vuol dire che il grado di certezza (confidence) dell evento (ossia che la causa dell aumento della concentrazione atmosferica di gas ad effetto serra sia di origine antropica) è tra il 90 ed il 95%, conclusione che rende quasi impossibile affermare che le cause del riscaldamento globale siano le naturali oscillazioni climatiche.

11 L AUMENTO DELL ANIDRIDE CARBONICA NELL ATMOSFERA DAL 1958 Nella pagina accanto: il ghiaccio dove cacciano si riduce e gli orsi polari diminuiscono. In basso, una casa nella Chesapeake Bay, danneggiata dall innalzamento del mare (Holland Island, a poca distanza da Washington, USA). Nel 1958, lo scienziato Charles Keeling iniziò scrupolosamente a misurare e a raccogliere i dati sulla concentrazione di anidride carbonica nella nostra atmosfera presso l Osservatorio di Mauna Loa sito alle Hawaii: da allora la concentrazione della CO 2 è sempre andata aumentando.

12 Una piccola quantità di gas serra può cambiare la temperatura dell'intera atmosfera, così come poche gocce d inchiostro possono cambiare il colore di una vasca colma d acqua. Gabrielle Walker e David King Nella pagina accanto, carotaggi profondi effettuati a metri nell Antartide occidentale. Saranno oggetto di numerose analisi per la comprensione del clima degli ultimi anni. La radiazione solare è il motore del sistema climatico. Una parte della radiazione solare è riflessa dalla Terra e dall atmosfera. SOLE ATMOSFERA TERRA Circa la metà della radiazione solare è assorbita dalla superficie della Terra e la scalda L EFFETTO SERRA Una parte delle radiazioni infrarosse attraversa l atmosfera e viene riassorbita e reinmessa in tutte le direzioni dalle molecole di gas serra e dalle nuvole anche verso la superficie della Terra. Il risultato è il surriscaldamento della superficie terrestre. La radiazione infrarossa è emessa dalla Terra COME FUNZIONA L EFFETTO SERRA L effetto serra è un processo naturale fondamentale nella regolazione della temperatura terrestre prodotto dai cosiddetti gas ad effetto serra o gas serra, che impedisce a una parte della radiazione emessa dalla superficie terrestre, riscaldata dal Sole, di disperdersi nello spazio. È un effetto naturale che ha permesso la vita sul Pianeta Terra consentendo al calore di essere trattenuto dall atmosfera. Senza l effetto serra la temperatura media terrestre sarebbe stata intorno ai -18 C, incompatibile con i processi vitali. Dall Era Industriale ad oggi, le significative immissioni di gas serra nell atmosfera, connesse con le attività umane, hanno determinato un aumento delle loro concentrazioni atmosferiche con un rafforzamento dell effetto serra naturale, che ha quindi causato un aumento della temperatura media. Fonte: Quarto Rapporto di Valutazione IPCC

13 I ghiacci, un archivio del clima passato Tutto ebbe inizio nella stazione russo-americana di Vostok, dove oltre 10 anni fa un gruppo di ricercatori perforò il ghiaccio antartico fino alla profondità di metri. Nella carota di ghiaccio estratta, le bolle di gas sono in grado di raccontare 650mila anni di storia dell atmosfera e del clima terrestre. Nelle calotte polari, infatti, l accumulo attraverso i millenni di strati di neve, e la loro trasformazione in ghiaccio, è come un immenso archivio di dati sull atmosfera del Pianeta. L analisi dei gas contenuti nelle bolle d'aria intrappolate nel ghiaccio (dove l ossigeno contenuto si presenta in diverse forme atomiche, la cui proporzione indica con precisione la temperatura dell aria al momento della deposizione) consente ai climatologi di ricostruire le variazioni nella concentrazione di gas serra come l anidride carbonica e il metano. La conclusione più importante a cui i paleoclimatologi sono giunti è che: non è mai esistito negli ultimi 650mila anni, un solo altro momento in cui la concentrazione di CO 2 risultasse maggiore di quanto rilevato oggi (393 ppm). del 49% più elevato rispetto a quello del L utilizzo di carbone è responsabile per il 52% della crescita delle emissioni. Anche la concentrazione globale del metano (Ch 4 ), altro potente gas serra, è cresciuta da un valore di circa 700 dell era pre-industriale a oltre 1800 parti per miliardo nel 2010, superando abbondantemente la variabilità naturale degli ultimi anni. Sono aumentate le emissioni di gas serra La concentrazione atmosferica di anidride carbonica (CO 2 ), il più importante gas serra prodotto dalle attività umane, ha superato i valori massimi degli ultimi anni e probabilmente degli ultimi 20 milioni di anni: è salita da 280 ppm (parti per milione) nel 1750 a 393 ppm di oggi. Il tasso di crescita annuale negli ultimi 10 anni (1,9 ppm per anno) e stato il più elevato da quando nel 1958 sono iniziate le misurazioni continue nell atmosfera. Le emissioni di CO 2 causate dall uso di combustibili fossili sono incrementate, nel 2010, del 5,9%, per un totale di 33,4 miliardi di tonnellate. Questo livello di emissioni è il più alto della storia umana ed è Siamo stati noi Le emissioni antropiche di gas serra e aerosol producono una forzante climatica maggiore della sola variazione dell attività solare che in passato ha determinato l inizio o la fine delle ere glaciali. La velocità del riscaldamento medio terrestre conseguente non ha paragoni nei anni precedenti. 11

14 MAI NEGLI ULTIMI ANNI LA CONCENTRAzIONE DI CO 2 ha RAGGIUNTO I LIVELLI DI OGGI. Analisi del campione di ghiaccio di Vostok: temperatura e CO 2 hanno avuto sempre un andamento straordinariamente simile, quando è aumentata la temperatura è aumentata anche la concentrazione di CO 2 e viceversa. Altri dati mostrano come anche il metano e il livello del mare presentino lo stesso andamento. Fonte: Lo sapevi? Cosa ha causato i cambiamenti climatici dei secoli passati? Molto prima che l uomo l alterasse profondamente, il Pianeta ha già subito sconvolgimenti climatici: ad esempio, nell ultimo milione d anni si sono succedute diverse ere glaciali. Molto probabilmente sono state causate da variazioni dei parametri dell orbita della Terra attorno al Sole, che hanno ridotto la quantità di radiazione solare ricevuta dal suolo terrestre (sono fenomeni calcolabili con precisione astronomica: la prossima è attesa tra anni), poi amplificati da altri fattori, come la variazione dell albedo alle alte latitudini. In tempi più recenti, negli ultimi anni, i periodi più caldi (mai più di oggi) sono stati provocati probabilmente dalle variazioni dell attività del Sole (ad es. macchie solari), mentre i periodi più freddi sono stati causati da una più intensa attività vulcanica unita ad una minore attività solare. Perché carbone e petrolio sono un problema Il carbonio è l elemento chimico alla base di ogni essere vivente. Carboidrati, proteine, grassi, cellulosa sono quasi interamente formati da atomi di carbonio. Quando si brucia qualcosa che un tempo era vivo si rilascia nell aria il carbonio che conteneva. È questo che succede quando bruciamo carbone, petrolio, gas naturale, noti appunto come combustibili fossili perché sono i resti di piante e animali vissuti circa 300 milioni di anni fa. In pochi attimi liberiamo nell atmosfera quel carbonio che era stato assorbito dalle piante e che era rimasto confinato nella crosta terrestre per intere Ere. 12

15 Anche le foreste contribuiscono al riscaldamento globale? Le foreste in buona salute assorbono anidride carbonica e la sequestrano nella biomassa (legno) e nel suolo (foglie e legno morti), risultando fondamentali nell equilibrio del clima. La distruzione delle foreste è responsabile di circa un quinto delle emissioni globali di gas serra, per il cessato assorbimento di CO 2 e il rilascio proveniente dagli incendi e dal suolo. In una foresta gestita in modo sostenibile, invece, c è un giusto equilibrio tra la quantità di legname tagliato e la quantità che cresce e quindi l assorbimento di CO 2 si mantiene costante. Le foreste tropicali, che purtroppo continuano ad essere distrutte, oltre ad essere ricchissime di specie sono molto più efficienti nel fissare CO 2 : sei volte più della foresta di conifere boreale, una volta e mezza più della foresta temperata di latifoglie. Foresta pluviale tropicale nel Korup National Park, Cameroon. 13

16 ANIDRIDE CARBONICA E COMBUSTIBILI FOSSILI Perchè le mucche riscaldano il clima La seconda causa di cambiamento climatico, dopo la produzione di energia, è l emissione di gas serra derivante dall allevamento di animali, in particolare di bovini. Alla produzione di carne è difatti imputato quasi un quinto delle emissioni globali di gas serra. I principali gas serra associati alle attività di allevamento sono il metano e il protossido di azoto. Aumento della quantità di anidride carbonica rilasciata nell atmosfera bruciando combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale) o gas indesiderato ( gas flaring ), oppure producendo cemento, dall inizio della rivoluzione industriale ad oggi. Fonte: Carbon Dioxide Information Analysis Center (http://cdiac.ornl.gov) A determinare queste emissioni ci sono i processi digestivi dovuti alle caratteristiche intestinali degli animali allevati, la gestione del letame e la produzione del mangime somministrato. Per esempio, le diverse preparazioni a base di carne, maiale, manzo e pollame, producono un riscaldamento globale, per ogni kg di carne fresca, variabile da 3,2 o 4,6 kg di anidride carbonica equivalente (kg CO 2 e) per il pollo e il filetto di maiale, fino agli oltre 60 kg CO 2 e per il filetto di manzo. 14

17 QUALI ATTIVITÀ UMANE EMETTONO GAS SERRA? Rifiuti e trattamento delle acque reflue 2,8% Edilizia residenziale e commerciale 7,9% Trasporti 13,1% Fornitura di energia 25,9% Agricoltura 13,5% Industria 19,4% Foreste 17,4% Le emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane, tra il 1970 e il Fonte: Quarto rapporto di valutazione IPCC

18 LE PROIEzIONI CLIMATIChE Per prepararsi al futuro che ci aspetta è necessario innanzi tutto conoscerlo. È per questo che, ipotizzando diversi possibili scenari globali di emissione di gas serra, scienziati ed economisti dell IPCC hanno elaborato diverse proiezioni climatiche. Nello scenario peggiore, caratterizzato dal continuo prevalente uso di combustibili fossili e da una popolazione in rapida crescita, la temperatura media globale potrebbe crescere molto (fino a +4,0 C nel 2100), con gravi conseguenze tra cui un aumento del livello del mare di 60 cm o forse più. Nello scenario più ottimistico, basato su una crescita economica pur sempre rapida, ma con un forte ricorso alle fonti rinnovabili, l aumento medio di temperatura risulterebbe, nel 2100, superiore di +1,8 C rispetto ad oggi. Nel medio termine (nei prossimi 20 anni), indipendentemente dallo scenario, si prevede un ulteriore aumento delle temperature di 0,2 C per decennio. La buona notizia è che le cose possono ancora cambiare e sta a noi costruire il futuro che vogliamo. Cosa succede in Italia Nel Mediterraneo potrebbero aumentare frequenza e durata dei periodi di siccità. Ad una riduzione dei giorni di pioggia potrebbe corrispondere un aumento dell intensità dei singoli eventi, con incremento del rischio di alluvioni in diverse aree del Paese. La qualità dei suoli tenderà verso un peggioramento, in particolare nelle aree meridionali e non solo per problemi di carattere climatico ma anche per cambiamenti d utilizzo, sovrasfruttamento, incendi, erosione e perdita di sostanza organica. Le aree aride e semi-aride che si trasformano in aree degradate interessano già ora

19 In futuro la qualità dei suoli italiani, specialmente nelle aree meridionali, tenderà ad impoverirsi a causa della siccità. il 47% della Sicilia, il 31,2% della Sardegna, il 60% della Puglia e il 54% della Basilicata. Perché alcuni negano che sia l uomo la causa dei cambiamenti climatici? La comunità scientifica, ampiamente rappresentata nell IPCC e da altri prestigiosi istituti di ricerca, ha espresso la convinzione che le attività umane siano la causa principale del riscaldamento globale con un grado di certezza molto elevato ( very high confidence ): questo significa che vi sono 9 possibilità su 10 che l affermazione sia corretta, il massimo ipotizzabile! Esiste però una vera e propria corrente negazionista, che nega il cambiamento climatico in atto o il ruolo antropico in questo fenomeno. La disseminazionema di dubbi circa le oggettive conoscenze scientifiche rischia di creare confusione nei cittadini, distorcendo la percezione sui rischi climatici cui tutti siamo esposti e minando la consapevolezza della necessità e urgenza di un efficace azione comune.

20 LE INCOGNITE DEL CLIMA Non tutto è chiaro nella dinamica del clima e man mano che vengono resi pubblici i risultati di nuovi studi quasi sempre il quadro diviene più complesso. Esistono peraltro alcuni fattori in grado di amplificare gli effetti del riscaldamento, in termini scientifici feedback. La fusione dei ghiacci marini artici è uno di questi e sta avvenendo più in fretta del previsto. Un Pianeta che un tempo aveva due poli ghiacciati, ne avrà soltanto uno. Se l estensione dei ghiacci marini artici si riduce, il livello del mare non sale, ma la scura superficie del mare artico prende il posto della superficie riflettente ghiacciata e la quantità d energia solare assorbita cresce, provocando un aumento delle temperature. Tanti altri fattori (come l aumento del vapore acqueo, lo scioglimento del permafrost) possono generare circoli viziosi tanto potenti da incrementare l effetto serra. È quindi evidente come il clima della Terra abbia diversi modi a disposizione per prenderci di sorpresa. Non possiamo perdere altro tempo, bisogna agire ora. E ognuno di noi può farlo in prima persona! Ecosistemi a rischio Gli ecosistemi hanno una certa capacità di resistere a fattori perturbanti (es. capacità di un fiume di resistere all inquinamento). Ma la capacità di reagire ritornando allo stato iniziale dopo una perturbazione (la resilienza) ha dei limiti (es. la capacità depurativa di un lago dopo una forte immissione d inquinanti). Oggi sappiamo che molti ecosistemi sono sottoposti a continue pressioni e questo ne indebolisce la vitalità. Se sottoposti ad un ulteriore impatto, come il riscaldamento climatico, potrebbero collassare, trasformandosi in qualcosa di molto diverso e di minor valore: un pascolo può diventare una sterpaglia arida, un lago pescoso un bacino putrido senza vita. La velocità di questi cambiamenti determina che le specie in grado di adattarsi sono quelle più rapide da un punto di vista evolutivo, come piccoli roditori, mosche, zanzare e altri insetti dai cicli riproduttivi brevi. Animali più grandi e longevi non avranno letteralmente il tempo di adattarsi. Gli ecosistemi ci servono I cambiamenti climatici interferiscono con la capacità degli ecosistemi di fornire beni e servizi. Ad esempio, nel corso della torrida 18

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio J.H. C. Classe I B Virgilio C.G. Classe V B Virgilio Classe V A Virgilio Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro La scienza del clima e la previsione Ieri del nostro futuro Oggi Domani PM Ruti ENEA - Casaccia 0 min 30 min Abbiamo un problema! La concentrazione di anidride carbonica aumenta ad una velocità mai registrata

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1

E NON RINNOVABILI. La Forza Della Natura. Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI E NON RINNOVABILI La Forza Della Natura Ricerca Scolastica! 1 FONTI RINNOVABILI Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 GIOCO A SQUADRE Si guadagna 1 punto rispondendo correttamente alla propria domanda Si perde 1 punto rispondendo in modo errato alla propria domanda Sono concessi

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

Quali sono i problemi delle energie rinnovabili?

Quali sono i problemi delle energie rinnovabili? Quali sono i problemi delle energie rinnovabili? 1. Continuità della produzione (sole e vento non ci sono sempre), superabile in varie maniere: Accumulo (termico, chimico, gravitazionale) Rete elettrica

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

del Ventunesimo Secolo

del Ventunesimo Secolo Cambiamenti Climatici Una delle Grandi Sfide del Ventunesimo Secolo Filippo Giorgi Abdus Salam ICTP, Trieste IPCC WG1 Bureau Apertura dell Anno Accademico, Universita di Verona, 13 Marzo 2008, L Effetto

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!!

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! Immagine elaborata con i dati forniti dal Defense Meteorological Satellite Program (DMSP) Operational Linescan System (OLS). ( NASA) ENERGIA L energia è la capacità di

Dettagli

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO Mini guida per la Tua abitazione IL PRESENTE MANUALE VUOLE ESSERE UNA GUIDA PER DIFFONDERE I CONCETTI E LE TECNOLOGIE DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE. SPESSO NON CONOSCIAMO

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano 1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4 Stefano Caserini Politecnico di Milano 1 Cambiamenti climatici e sovranità alimentare Prof. Stefano Caserini,

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari

Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari FOCUS ECOLOGIA E TECNOLOGIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Il contributo dell Agenzia Spaziale Europea (ESA) per la difesa dei Continenti Polari Hi-tech aerospaziale europeo per

Dettagli

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica.

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. La nostra azienda Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. I servizi proposti riguardano in special modo progettazione e installazione

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

UN PIANO B PER L ITALIA

UN PIANO B PER L ITALIA UN PIANO B PER L ITALIA Toni Federico Bomarzo 25 Aprile 2009 www.fondazionesvilupposostenibile.org LIVELLI DI POVERTA PROIEZIONE DEI LIVELLI DI POVERTA AL 2015 POPOLAZIONE MONDIALE AI DIVERSI LIVELLI DI

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP)

Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP) IPCC Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici (creato nel 1988 da WMO e UNEP) fornisce ai decisori politici una valutazione scientifica della letteratura tecnicoscientifica e socio-economica

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista Impronta ecologica Misura della richiesta umana nei confronti della natura Impronta ecologica umana 2010: 1,78 La Terra non è infinita

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli