Regolamento Assemblea dei Soci

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Assemblea dei Soci"

Transcript

1 Regolamento Assemblea dei Soci Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 1

2 Indice Destinatari del Regolamento... 3 Approvazione del regolamento... 3 Storia delle modifiche apportate... 3 Titolo I - Disposizione preliminari... 4 Articolo 1 - Ambito di applicazione... 4 Articolo 2 Competenze dell Assemblea ordinaria... 4 Articolo 3 - Competenze dell Assemblea straordinaria... 4 Articolo 4 - Partecipanti all Assemblea... 5 Articolo 5 - Modalità per la partecipazione all Assemblea Articolo 6 Deleghe TITOLO III Svolgimento dell Assemblea... 6 Articolo 7 - Compiti del Presidente... 6 Articolo 8 Apertura dell Assemblea. Quorum costitutivo Articolo 9 - Ordine del giorno Articolo 10 - Svolgimento dell Assemblea Articolo 11 - Diritto di partecipare alla discussione sugli argomenti all ordine del giorno... 7 Articolo 12 Modalità degli interventi. Richiesta al Presidente o al Segretario... 7 Articolo 13 Modalità degli interventi. Eventuale indicazione di limiti di durata Articolo 14 Controllo del Presidente sull ordine dei lavori assembleari Articolo 15 - Proposte alternative Articolo 16 Chiusura della discussione... 9 Articolo 17 Sospensione dei lavori assembleari Titolo IV - Svolgimento delle votazioni... 9 Articolo 18 - Quorum deliberativo... 9 Articolo 19 - Svolgimento delle votazioni... 9 Articolo 20 Dichiarazioni di voto... 9 Articolo 21 Modalità di votazione Titolo V - Elezioni alle cariche sociali Articolo 22 Presentazione delle candidature Articolo 23 Accertamento dei requisiti dei candidati Articolo 24 Voto per lista Titolo VI -Verbalizzazione Articolo 25 - Redazione del verbale Articolo 26 Verbalizzazione Titolo VII - Chiusura dei lavori Articolo 27 Chiusura dei lavori Titolo VIII - Competenza attivita Articolo 28 Competenza attività Allegato A) Allegato B) Allegato C) Allegato D) Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 2

3 Destinatari del Regolamento Direzione Generale Segreteria Approvazione del regolamento Versione 1 Versione 2 Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 15 maggio 2014 e Assemblea del 24 maggio 2014 Storia delle modifiche apportate 24 maggio 2014 Aggiornato in conformità allo statuto Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 3

4 Titolo I - Disposizione preliminari Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento trova applicazione alle Assemblee ordinarie e straordinarie della Banca Interprovinciale S.p.A. (di seguito detta anche Banca o Società ). 2. Ai fini del regolare svolgimento dei lavori assembleari, per quanto non espressamente previsto dalla legge, dallo Statuto ovvero dal presente Regolamento, provvede il Presidente dell Assemblea (di seguito il Presidente ) adottando, nell esercizio dei suoi poteri, le misure e le soluzioni ritenute più opportune. Articolo 2 Competenze dell Assemblea ordinaria 1. L Assemblea ordinaria delibera sulle materie ad essa riservate dalla legge e dallo Statuto. 2. Sono in particolare riservate alla competenza dell Assemblea ordinaria: a) l approvazione del bilancio; b) la nomina e la revoca degli amministratori; la nomina dei sindaci e del Presidente del Collegio sindacale; c) il conferimento e la revoca dell incarico al Revisore Contabile e la determinazione del relativo compenso; d) la determinazione del compenso degli amministratori e dei sindaci; e) la deliberazione sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci; f) l approvazione del Regolamento dei lavori assembleari. Articolo 3 - Competenze dell Assemblea straordinaria 1. Sono di competenza dell Assemblea straordinaria: a) le modifiche dello Statuto; b) la nomina, la sostituzione e la determinazione dei poteri dei liquidatori; c) le altre materie ad essa attribuite dalla legge e dallo Statuto. TITOLO II PARTECIPAZIONE ALL ASSEMBLEA. MODALITÀ Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 4

5 Articolo 4 - Partecipanti all Assemblea 1. Hanno diritto di intervenire all Assemblea i Soci per i quali ricorrano le condizioni di cui allo Statuto. 2. Sono inoltre legittimati ad assistere all Assemblea: - gli Amministratori; - i componenti il Collegio Sindacale; - i Revisori contabili; - i Direttori Generali; - i dirigenti e i dipendenti della Società. 3. Possono inoltre seguire i lavori dell Assemblea professionisti, consulenti, esperti, analisti finanziari e giornalisti qualificati, e altri soggetti la cui presenza sia ritenuta utile in relazione agli argomenti da trattare se espressamente accreditati per la singola Assemblea con autorizzazione espressa e nominativa del Consiglio di Amministrazione o del Presidente dell Assemblea. Per tali soggetti potranno essere messi a disposizione specifici spazi. 4. Il Presidente dà notizia all Assemblea della presenza dei soggetti di cui al precedente comma. Articolo 5 - Modalità per la partecipazione all Assemblea. 1. Le modalità ed i termini per la partecipazione all Assemblea sono indicati all art. 12 delloi Statuto. 2. In ogni caso, fatta salva diversa indicazione nell Avviso di convocazione, l identificazione personale e la verifica della legittimazione alla partecipazione all Assemblea hanno inizio nel luogo di svolgimento della stessa almeno un ora prima di quella fissata per la riunione. 3. I Soci, i loro rappresentanti e gli altri soggetti che partecipano all Assemblea (di seguito, congiuntamente, Partecipanti ) sono tenuti a fornire ai soggetti incaricati dal Presidente (di seguito Incaricati ) la prova della propria identità personale e idoneo titolo di legittimazione (Documento di identità, Certificazione, eventuali deleghe). 4. Identificati i Partecipanti e verificata la loro legittimazione, gli Incaricati, sotto la supervisione del Presidente, rilasciano a tutti i Partecipanti un apposito contrassegno di riconoscimento valido ai fini del controllo. 5. In ogni caso di contestazione sul diritto di partecipare all'assemblea decide il Presidente, coadiuvato, se lo ritiene necessario, da uno dei Vice Presidenti e/o da legali di fiducia. 6. I Partecipanti che, dopo l ammissione all Assemblea, per qualsiasi ragione si allontanino dai locali in cui questa si svolge, sono tenuti a darne comunicazione agli Incaricati, che prontamente provvedono a informarne il Presidente. Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 5

6 Articolo 6 Deleghe. 1. Ogni Socio avente diritto ad intervenire all Assemblea può farsi rappresentare per delega, in conformità a quanto previsto dalla legge e dallo Statuto. 2. La delega deve essere fatta per iscritto e non può essere conferita con il nome del rappresentante in bianco. 3. La firma del Socio delegante dovrà essere autenticata da un Funzionario presso le sedi e le filiali della Banca, ovvero dall Intermediario che rilascia la certificazione ovvero da un Pubblico Ufficiale. 4. Le persone giuridiche intervengono all Assemblea in persona del legale rappresentante, il quale potrà conferire delega ad altro soggetto, nel rispetto di quanto previsto dalla legge. 3. La delega non può essere conferita agli amministratori, ai sindaci, ai dipendenti della Società e di eventuali controllate e agli altri soggetti che non possono essere delegati ai sensi della normativa vigente. TITOLO III Svolgimento dell Assemblea Articolo 7 - Compiti del Presidente 1. Ai sensi della legge e dello Statuto, spetta al Presidente verificare la regolare costituzione dell Assemblea, accertare l identità e la legittimazione dei presenti e dirigere i lavori assembleari, assicurando le migliori condizioni per un suo ordinato ed efficace svolgimento. 2. In particolare, spetta al Presidente, in relazione ai suoi compiti di verifica della regolare costituzione dell'assemblea e della legittimazione dei Soci, ammettere o non ammettere al voto coloro che, sulla base delle informazioni disponibili, risultino possedere partecipazioni che comportino obblighi di autorizzazione o di comunicazione non pervenute. 3. Il Presidente può consentire l utilizzo di strumenti di registrazione e trasmissione audio-video, determinandone condizioni e limiti nel rispetto di quanto previsto dallo Statuto e dalla legge. Articolo 8 Apertura dell Assemblea. Quorum costitutivo. 1. Non appena sono raggiunti i quorum costitutivi previsti dalla legge, dallo Statuto e dal presente Regolamento, il Presidente dichiara l'assemblea validamente costituita ed aperti i lavori; in caso contrario, trascorsa un'ora da quella fissata per l'inizio dell'assemblea, può proclamare deserta l'assemblea stessa e rinviare ad altra convocazione. 2. I documenti contenenti l'indicazione del numero e del nome dei Soci effettivamente presenti e dei voti complessivamente rappresentati, nonché del numero dei Soci con diritto di voto alla Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 6

7 data dell'assemblea, costituiscono parte integrante della documentazione assembleare, unitamente alle deleghe. Articolo 9 - Ordine del giorno. 1. Il Presidente stabilisce l ordine di discussione delle materie da trattare, anche in successione diversa da quella risultante dall Avviso di convocazione. 2. È sua facoltà prevedere una discussione unitaria su più punti all ordine del giorno, ovvero articolare il dibattito separatamente per singoli punti all ordine del giorno. Articolo 10 - Svolgimento dell Assemblea. 1. Spetta al Presidente dirigere e disciplinare la discussione, assicurando la correttezza del dibattito ed impedendo che sia turbato il regolare svolgimento dell Assemblea. 2. Gli argomenti in discussione sono di norma illustrati dal Presidente, il quale potrà affidare tale compito al Direttore Generale o ad un Consigliere o agli altri Partecipanti di cui all art. 4, 3 comma. Articolo 11 - Diritto di partecipare alla discussione sugli argomenti all ordine del giorno 1. I legittimati all esercizio del voto possono chiedere la parola su ciascun argomento posto all ordine del giorno. 2. Possono, inoltre, partecipare alla discussione i membri del Consiglio di Amministrazione ed i Sindaci; possono altresì prendere la parola, su invito del Presidente, anche per fornire risposte a eventuali richieste di chiarimento, coloro che assistono alla riunione. 3. Gli interventi vengono verbalizzati dal Segretario dell'assemblea o dal Notaio, a norma di legge. Articolo 12 Modalità degli interventi. Richiesta al Presidente o al Segretario 1. Coloro che intendono prendere la parola devono presentare una richiesta al tavolo della Presidenza, nei modi illustrati dal Presidente, indicando specificamente il punto all ordine del giorno al quale l intervento si riferisce. La richiesta può essere presentata fin tanto che il Presidente non abbia dichiarato chiusa la discussione sull argomento al quale la domanda di intervento si riferisce. 2. Il Presidente, di regola, dà la parola secondo l ordine di presentazione delle richieste. 3. Coloro che hanno chiesto la parola hanno facoltà di una breve replica. Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 7

8 Articolo 13 Modalità degli interventi. Eventuale indicazione di limiti di durata. 1. Il Presidente, tenuto conto dell oggetto e dell importanza dei singoli punti all ordine del giorno, può determinare in apertura di riunione il periodo di tempo, comunque non inferiore a 5 (cinque) minuti, a disposizione di ciascun oratore per svolgere il proprio intervento. 2. Il Presidente richiama i Partecipanti a rispettare i limiti di durata preventivamente fissati per gli interventi, oltre che ad attenersi alle materie poste all ordine del giorno. In caso di eccessi e/o abusi, il Presidente toglie la parola a chi se ne sia reso responsabile. Articolo 14 Controllo del Presidente sull ordine dei lavori assembleari. 1. Al Presidente spetta il compito di mantenere l'ordine nell'assemblea al fine di garantire un corretto svolgimento dei lavori. 2. A questo effetto, il Presidente può togliere la parola nei seguenti casi: - qualora il Socio parli senza averne facoltà o continui a parlare una volta trascorso il tempo assegnatogli; - previa ammonizione, nel caso di chiara ed evidente non pertinenza dell'intervento alla materia posta in discussione; - nel caso in cui il Socio pronunci frasi sconvenienti o ingiuriose; - nel caso di incitamento alla violenza o al disordine. 3. Il Socio a cui è stata tolta la parola può chiedere che sul provvedimento presidenziale si pronunci l'assemblea. 4. Qualora uno o più Soci impediscano ad altri di discutere oppure provochino con il loro comportamento una situazione tale che non consenta il regolare svolgimento dell'assemblea, il Presidente li richiama all'osservanza delle norme comportamentali. 5. Ove tale ammonizione risulti vana, il Presidente può disporre l'allontanamento delle persone precedentemente ammonite dalla sala delle riunioni per tutta la fase della discussione. 6. Qualora nell'assemblea si verifichino situazioni tali che ostacolino lo svolgimento della discussione, il Presidente può disporre brevi sospensioni dei lavori dell'adunanza. Articolo 15 - Proposte alternative. 1. Fuori delle ipotesi nelle quali le deliberazioni dell Assemblea postulano una proposta del Consiglio di Amministrazione, i Partecipanti hanno facoltà di avanzare, motivandole, proposte di deliberazione alternative, di modifica o integrazione rispetto a quelle sottoposte all Assemblea e non approvate. Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 8

9 2. Il Presidente valuta la compatibilità delle proposte in relazione all ordine del giorno della riunione e, in caso di valutazione positiva, pone le proposte in votazione successivamente alle proposte in origine formulate all Assemblea e non approvate. Articolo 16 Chiusura della discussione. 1. Esauriti tutti gli interventi, il Presidente conclude dichiarando chiusa la discussione. Articolo 17 Sospensione dei lavori assembleari. 1. Nel corso della riunione il Presidente, ove ne ravvisi l opportunità e salva opposizione della maggioranza delle azioni rappresentate in Assemblea, può sospendere i lavori per un tempo non superiore a 3 (tre) ore. Titolo IV - Svolgimento delle votazioni Articolo 18 - Quorum deliberativo 1. Per la validità delle deliberazioni dell Assemblea, sia ordinaria sia straordinaria si osservano le disposizioni dello Statuto e della legge. Articolo 19 - Svolgimento delle votazioni 1. Il Presidente adotta le opportune misure ai fini dell ordinato svolgimento delle votazioni, disponendo che la votazione su un argomento intervenga immediatamente dopo la chiusura della relativa discussione, oppure al termine del dibattito su tutti i punti all ordine del giorno. 2. Al fine di un regolare svolgimento delle votazioni, il Presidente riammette all'assemblea, prima di dare inizio alle operazioni di voto, coloro che ne fossero stati esclusi per allontanamento e accerta il numero dei titolari di diritto di voto presenti ai fini della validità delle deliberazioni assembleari. 3. Ultimate le operazioni di voto ed effettuati i necessari conteggi con l ausilio degli Scrutatori, se nominati, e del Segretario dell assemblea o del Notaio, vengono proclamati i risultati della votazione. Articolo 20 Dichiarazioni di voto 1. Prima di una votazione i Partecipanti possono esporre, a richiesta, una breve dichiarazione di voto, da riportare a verbale ove ciò sia espressamente richiesto. Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 9

10 Articolo 21 Modalità di votazione 1. Salvo diversa disposizione della legge o dello Statuto, le delibere dell Assemblea sono adottate con votazione palese. 2. Il Presidente stabilisce, in conformità a quanto previsto dallo Statuto o dal presente Regolamento, le modalità di votazione, di rilevazione e di computo dei voti ed è responsabile dell accertamento dei risultati. 3. Per lo scrutinio palese, il Presidente può adottare una delle seguenti modalità: alzata di mano, alzata e seduta, con prova e controprova, ovvero appello nominale salvo quanto previsto per l elezione delle cariche sociali. 4. Nelle votazioni per alzata di mano o per alzata e seduta, coloro che votano contro o si astengono devono, ove richiesto dal Presidente, fornire il proprio nominativo al Segretario dell'assemblea o al Notaio per la verbalizzazione. 5. Nelle votazioni per appello nominale, ciascun avente diritto risponde affermativamente o negativamente all'appello e la risposta affermativa o negativa viene contemporaneamente annotata. Titolo V - Elezioni alle cariche sociali Articolo 22 Presentazione delle candidature 1. L elezione dei Componenti il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale avviene col sistema del voto di lista, secondo quanto previsto dall art. 15 dello Statuto. 2. Nel caso in cui non vengano presentate liste con le modalità e nei termini di cui al citato art. 15 dello Statuto, per il rinnovo delle cariche sociali, il Consiglio di Amministrazione può proporre un elenco di candidati tra i quali l'assemblea può scegliere i Componenti del Consiglio, e un altro elenco di candidati tra i quali scegliere i componenti del Collegio Sindacale. Resta ferma la possibilità che l Assemblea nomini persone non incluse in tali elenchi. 2. Ogni candidato può essere inserito in una sola lista a pena di ineleggibilità. 3. In particolare, l elezione alle cariche sociali avviene sulla base di liste di candidati in cui sono riportati: - per l elezione del Consiglio di Amministrazione, l indicazione nominativa degli amministratori; - per l elezione del Collegio Sindacale, l indicazione di coloro che ricopriranno la carica di sindaco effettivo e di sindaco supplente, fermo restando quanto previsto in proposito dallart. 28 dello Statuto. 4. Prima di dare inizio alle votazioni per le nomine, il Presidente dà lettura dell'elenco completo dei candidati. Regolamento Assemblea dei soci - versione

11 Articolo 23 Accertamento dei requisiti dei candidati 1. I candidati devono risultare in possesso dei requisiti di professionalità, di onorabilità e indipendenza richiesti dalla legge e dalle relative disposizioni di attuazione. 2. A tale scopo, ogni lista dovrà riportare in ordine numerico progressivo di preferenze e indicando quali primi nominativi, nel numero necessario, i candidati in possesso dei requisiti di indipendenza stabiliti dalla legge o dallo statuto sociale, il nome di tanti candidati quanti sono gli Amministratori da eleggere secondo quanto stabilito dallo statuto sociale. Unitamente alle liste, entro il termine suddetto devono essere depositate: - un esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali di ciascun candidato e le dichiarazioni degli stessi, munite di firma autentica, aventi ad aggetto l accettazione alla candidatura e, per il caso di nomina, la irrevocabile accettazione dell incarico e l attestazione dell inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, nonché l esistenza dei requisiti di legge per ricoprire la carica di Amministratore della Società e l eventuale sussistenza dei requisiti di indipendenza previsti dalla legge; - le dichiarazione dei soggetti legittimati che presentano la lista o che concorrono a presentare la lista, diversi da quelli che detengono anche congiuntamente una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa, attestante l assenza di rapporti di collegamento con costoro previsti dalle disposizioni legislative o regolamentari vigenti per la elezione degli amministratori di Società quotate o, in mancanza, per la elezione dei Sindaci delle stesse. 3. La valutazione del rispetto delle condizioni fissate dallo Statuto per l'ammissione delle liste è di competenza del Presidente del Consiglio di Amministrazione che ne dovrà dare comunicazione all'assemblea, prima della votazione. Articolo 24 Voto per lista 1. Se, per ciascun organo sociale, è presentata, ed ammessa, una sola lista, l Assemblea è invitata dal Presidente a esprimere, con votazione palese, i voti a favore e i voti contrari alla lista o eventuali astensioni dal voto. 2. Se, per ciascun organo sociale, sono presentate più liste, le liste presentate, secondo le indicazioni di cui al modello All. sub A e B) ed accettate, verranno riportate sull apposita scheda di votazione (All. sub C e D). 3. Al momento della votazione, l Assemblea è invitata dal Presidente ad esprimere voti di preferenza, barrando il contrassegno riportato sulla scheda di votazione accanto alla lista che intende votare. Ciascun Socio esprime una preferenza, in blocco, per una sola delle liste presentate per ciascuno dei vari organi sociali. 4. Se risultano depositate più liste, la lista che ottiene la maggioranza dei consensi esprime un numero di amministratori pari al numero massimo dei componenti da nominare meno uno. Risulteranno così nominati i candidati riportati nella lista secondo l ordine progressivo ivi indicato sino al raggiungimento del numero massimo di componenti da eleggere meno uno. Regolamento Assemblea dei soci - versione

12 Il restante componente del Consiglio è espresso dalla lista che ha ottenuto il maggior numero di consensi dopo quella più votata e che sia stata presentata da soggetti legittimati che non siano collegati ai soggetti legittimati di riferimento ai sensi delle disposizioni legislative o regolamentari vigenti per la elezione degli amministratori di società quotate o, in mancanza, per la elezione dei sindaci delle stesse. Nel caso in cui nessuna lista raggiunga un numero di voti almeno pari alla percentuale di capitale necessario per l'ammissione delle liste, il restante componente del Consiglio sarà espresso dalla lista di maggioranza. Fermo restando quanto sopra, nel caso in cui più liste abbiano ottenuto lo stesso numero di voti, è considerata lista di maggioranza, a tutti gli effetti, la lista votata dal numero maggiore di azionisti, e, in caso di parità, la lista depositata per prima. Nel caso in cui più liste di minoranza abbiano ottenuto lo stesso numero di voti, prevale, ove presente, la lista che contenga un socio istituzionale e, nel caso di più liste di minoranza che contengano un socio istituzionale, prevale la lista votata da un numero maggiore di azionisti, e, in caso di parità anche di questi, la lista depositata per prima. Ai fini del riparto degli Amministratori da eleggere non si tiene peraltro conto delle liste che non hanno conseguito una percentuale di voti pari ad almeno la percentuale minima prevista dalla legge o, in mancanza, dallo Statuto sociale per la presentazione della lista interessata. Se risulta presentata una sola lista, ovvero se le liste di minoranza presentate non hanno conseguito la percentuale di voti pari ad almeno quella minima richiesta per la presentazione delle liste come indicato al 2 comma dell art. 15 dello Statuto, i componenti del Consiglio di Amministrazione sono espressi dall unica lista, ovvero dalla lista che ha ottenuto la maggioranza dei consensi. Qualora nel termine previsto dal citato comma 2 non sia presentata alcuna lista ovvero nessuna lista sia stata ammessa, l Assemblea provvede alla nomina degli Amministratori con delibera assunta a maggioranza relativa dei votanti. In tale ipotesi, in caso di parità di voti si intende eletto il candidato più anziano di età. Si considerano nulle le schede che non rispettano i criteri stabiliti dalla legge, dallo Statuto o dal presente Regolamento, o che contengono nomi non corrispondenti a quelli dei candidati oppure frasi, segni o disegni. Titolo VI -Verbalizzazione Articolo 25 - Redazione del verbale. 1. Quando per legge o per scelta del Presidente del Consiglio di Amministrazione non sia richiesto l intervento di un notaio, il Presidente è assistito nella conduzione dei lavori e nella redazione del verbale da un Segretario. Il Segretario o il Notaio, ove previsto per legge, possono a loro volta farsi assistere da persone di propria fiducia, e possono curare la redazione del verbale anche mediante funzionari o stenografi (all uopo invitati dal Presidente) o supporti di registrazione. Regolamento Assemblea dei soci - versione

13 2. Il Presidente, ai fini della gestione delle procedure di voto, può essere coadiuvato da 2 (due) o più Scrutatori e può utilizzare personale ausiliario per assicurare il necessario supporto tecnico ed il servizio d ordine. Articolo 26 Verbalizzazione. 1. I verbali sono sottoscritti dal Presidente e dal Notaio o dal Segretario incaricato e dagli scrutatori (se nominati). 2. Oltre a quanto espressamente previsto dalla legge, dal verbale dell Assemblea devono risultare: a) ora, giorno, mese, anno, luogo della riunione; b) ordine del giorno sul quale l Assemblea è chiamata a deliberare; c) i nominativi dei Soci presenti all'assemblea, anche tramite soggetti delegati, e l indicazione delle relative partecipazioni, nonché i nominativi degli altri intervenuti; d) l indicazione di chi presiede e di chi svolge le funzioni di Segretario; e) la dichiarazione del Presidente che attesti che ai Soci presenti all'assemblea è stato richiesto di far presente eventuali situazioni di esclusione dal diritto di voto ai sensi della disciplina vigente; f) la menzione dei riscontri effettuati sulla base delle informazioni disponibili per l'ammissione al voto; g) gli atti e i documenti allegati; h) le proposte; i) il nome di chi è intervenuto nel dibattito ed il resoconto sintetico dei singoli interventi, eventualmente in seguito a dettatura del testo da parte dei singoli Partecipanti; j) i voti favorevoli, contrari, nulli e astenuti, con la specificazione dei nominativi che abbiano espresso voto contrario o che si siano astenuti. Titolo VII - Chiusura dei lavori Articolo 27 Chiusura dei lavori. 1. Esaurita la trattazione degli argomenti all ordine del giorno e le relative votazioni, il Presidente dichiara chiusa la riunione. Titolo VIII - Competenza attivita Articolo 28 Competenza attività. 1. Tutte le attività amministrative necessarie per il corretto svolgimento dell'assemblea dei Soci sono di competenza della Segreteria della Banca. Regolamento Assemblea dei soci - versione

14 Allegato A) Lista dei candidati presentati per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione Elenco dei candidati (*) 1)...indipendente 2)...indipendente 3)... 4)... 5)... 6)... 7)... 8)... 9)... (**) - Allegati: n... contenenti a) un esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali di ciascun candidato; b) dichiarazione con la quale ciascun candidato, munita di firma autentica, avente ad aggetto - l accettazione alla candidatura, - la irrevocabile accettazione dell incarico in caso di nomina, - l attestazione dell inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, - l esistenza dei requisiti di legge per ricoprire la carica di Amministratore della Società, - l eventuale sussistenza dei requisiti di indipendenza previsti dalla legge; (*) ai primi due posti debbono essere indicati i nomi dei candidati in possesso dei requisiti di indipendenza di cui all'art. 2399dello Statuto (**) il nominativo indicato in questa posizione potrà non essere eletto anche se la lista ha ottenuto il maggior numero di voti, nel caso in cui sia presente almeno un'altra lista che, comunque, abbia raggiunto il 15% dei voti. La presente lista è presentata dai sottoscritti soci : Cognome e nome Denominazione del Socio n. azioni possedute % di partecipazione al capitale Firma del socio (se persona fisica) o Legale rappresentante della società All. n...dichiarazioni dei soggetti legittimati che presentano la lista o che concorrono a presentare la lista, diversi da quelli che detengono anche congiuntamente una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa, attestante l assenza di rapporti di collegamento con costoro previsti dalle disposizioni legislative o regolamentari vigenti per la elezione degli amministratori di Società quotate o, in mancanza, per la elezione dei Sindaci delle stesse. Regolamento Assemblea dei soci - versione

15 Allegato B) Lista dei candidati presentati per il rinnovo del Collegio Sindacale Elenco dei candidati (*) 1)...Sindaco effettivo 2)...Sindaco effettivo 3)...Sindaco effettivo (**) 4)...Sindaco supplente 5)...sindaco supplente (**) - Allegati: n... contenenti a) un esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali di ciascun candidato; b) dichiarazione con la quale ciascun candidato, munita di firma autentica, avente ad aggetto - l accettazione alla candidatura, - la irrevocabile accettazione dell incarico in caso di nomina, - l attestazione dell inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, - l esistenza dei requisiti di legge per ricoprire la carica di Componente del Collegio Sindacale ed, in particolare, la sussistenza dei requisiti di indipendenza previsti dalla legge e/o dallo Statuto. (*) tutti i candidati debbono essere possesso dei requisiti di indipendenza di cui all'art.2399 c.c. (**) il nominativo indicato in questa posizione potrà non essere eletto anche se la lista ha ottenuto il maggior numero di voti, nel caso in cui sia presente almeno un'altra lista che, comunque, abbia raggiunto il 15% dei voti. La presente lista è presentata dai sottoscritti soci : Cognome e nome Denominazione del Socio n. azioni possedute % di partecipazione al capitale Firma del socio (se persona fisica) o Legale rappresentante della società All. n...dichiarazioni dei soggetti legittimati che presentano la lista o che concorrono a presentare la lista, diversi da quelli che detengono anche congiuntamente una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa, attestante l assenza di rapporti di collegamento con costoro previsti dalle disposizioni legislative o regolamentari vigenti per la elezione degli amministratori di Società quotate o, in mancanza, per la elezione dei Sindaci delle stesse. Regolamento Assemblea dei soci - versione

16 SCHEDA PER LA VOTAZIONE Allegato C) Lista n. 1 (*) CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Candidati presentati per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione Apporre una croce nello spazio sottostante se si opta per questa lista 1)...indipendente 2)...indipendente 3)... 4)... 5)... 6)... 7)... 8)... 9)... Lista n. 2 (*) Candidati presentati per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione Apporre una croce nello spazio sottostante se si opta per questa lista 1)...indipendente 2)...indipendente 3)... 4)... 5)... 6)... 7)... 8)... 9)... (*) la numerazione viene definita in base alla data di presentazione delle liste - Sigla degli apposta dagli scrutatori prima della votazione: Regolamento Assemblea dei soci - versione

17 Allegato D) SCHEDA PER LA VOTAZIONE Lista n. 1 (*) COLLEGIO SINDACALE Candidati presentati per il rinnovo del Collegio Sindacale 1)...Sindaco effettivo 2)...Sindaco effettivo 3)...Sindaco effettivo 4)...Sindaco supplente 5)......Sindaco supplente Apporre una croce nello spazio sottostante se si opta per questa lista Lista n. 2 (*) Candidati presentati per il rinnovo del Collegio Sindacale 1)...Sindaco effettivo 2)...Sindaco effettivo 3)...Sindaco effettivo 4)...Sindaco supplente 5)......Sindaco supplente Apporre una croce nello spazio sottostante se si opta per questa lista (*) la numerazione viene definita in base alla data di presentazione delle liste - Sigla degli apposta dagli scrutatori prima della votazione: Regolamento Assemblea dei soci - versione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A.

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Approvato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti nella seduta del: 29/01/2015 Emessa da: Funzione Segreteria Societaria in data: 16/01/2015 Validità dal:

Dettagli

PARTE ORDINARIA. Ciò premesso, sottoponiamo alla Vostra approvazione la seguente proposta di deliberazione

PARTE ORDINARIA. Ciò premesso, sottoponiamo alla Vostra approvazione la seguente proposta di deliberazione Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell articolo 125-ter, primo comma, del TUF, sui punti all ordine del giorno dell Assemblea ordinaria degli azionisti di SAES Getters S.p.A. convocata, presso

Dettagli

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci,

ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE. Signori Soci, ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO ASSEMBLEARE Signori Soci, in relazione alle modifiche statutarie sottoposte all odierna Assemblea sociale, si è resa necessaria una rivisitazione del vigente testo del

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI

ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI ASSEMBLEA DEI SOCI 9/10 OTTOBRE 2015 PARTE ORDINARIA PROPOSTA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO ASSEMBLEARE: DELIBERE INERENTI E CONSEGUENTI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALL ASSEMBLEA ADOZIONE DI UN NUOVO REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento delle Assemblee del Credito Valtellinese

Regolamento delle Assemblee del Credito Valtellinese Regolamento delle Assemblee del Credito Valtellinese Con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del Credito Valtellinese del 27 aprile 2013 CAPO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Il presente

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers.

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. ASTALDI Società per Azioni Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65 Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma al numero di Codice Fiscale

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016

AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 AVVISO DI CONVOCAZIONE INTEGRALE ASSEMBLEA ENEL 26.05.2016 ENEL - S.p.A. Sede in Roma - Viale Regina Margherita, n. 137 Capitale sociale 10.166.679.946 (al 1 aprile 2016) interamente versato Codice Fiscale

Dettagli

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. Signori

Dettagli

Legittimazione all intervento in Assemblea e voto per delega

Legittimazione all intervento in Assemblea e voto per delega SCREEN SERVICE BROADCASTING TECHNOLOGIES S.P.A. IN LIQUIDAZIONE E IN CONCORDATO PREVENTIVO Sede legale in Brescia, via Gian Battista Cacciamali n. 71 Capitale sociale Euro 13.190.476,00 i.v. Codice Fiscale

Dettagli

Parte straordinaria 1. Proposta di attribuzione al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell articolo 2443

Parte straordinaria 1. Proposta di attribuzione al Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell articolo 2443 CREDITO VALTELLINESE Società Cooperativa Sede sociale in Sondrio - Piazza Quadrivio n. 8. Codice fiscale e Registro delle Imprese di Sondrio n. 00043260140. Albo delle banche n. 489 - Capogruppo del Gruppo

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO. REGOLAMENTO ELETTORALE Documento deliberato dall Assemblea Ordinaria dei Soci del 10 maggio 2008

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO. REGOLAMENTO ELETTORALE Documento deliberato dall Assemblea Ordinaria dei Soci del 10 maggio 2008 BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO REGOLAMENTO ELETTORALE Documento deliberato dall Assemblea Ordinaria dei Soci del 10 maggio 2008 Regolamento elettorale REGOLAMENTO APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

Regolamento Assembleare ed Elettorale della Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo Cassa Rurale e Artigiana Soc. Coop.

Regolamento Assembleare ed Elettorale della Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo Cassa Rurale e Artigiana Soc. Coop. Regolamento Assembleare ed Elettorale della Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo Cassa Rurale e Artigiana Soc. Coop. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Ambito di applicazione) 1. Il presente

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PARTE ORDINARIA. Punto 3) all ordine del giorno Nomina del Collegio Sindacale, del suo Presidente e determinazione della relativa remunerazione.

PARTE ORDINARIA. Punto 3) all ordine del giorno Nomina del Collegio Sindacale, del suo Presidente e determinazione della relativa remunerazione. Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell articolo 125-ter, primo comma, del TUF, sui punti all ordine del giorno dell Assemblea ordinaria degli azionisti di SAES Getters S.p.A. convocata, presso

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO PARTE ORDINARIA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 17 aprile 2014 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sui punti all Ordine del Giorno ai sensi dell articolo 125-ter del D.Lgs. n. 58/98

Dettagli

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Assemblea Ordinaria e Assemblea Straordinaria degli Azionisti Relazioni illustrative sulle proposte concernenti le materie all'ordine del giorno dell'assemblea Ordinaria e dell'assemblea Straordinaria

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Convocazione di Assemblea Gli aventi diritto al voto nell Assemblea degli azionisti ordinari di Italmobiliare S.p.A. sono convocati in Assemblea ordinaria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE PININFARINA S.P.A. Sede legale in Torino, via Bruno Buozzi n.6 Capitale sociale di Euro 9.317.000 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Torino Numero di Codice Fiscale 00489110015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Altre deliberazioni Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Signori Azionisti, l Assemblea ordinaria del 28 aprile 2008 aveva rinnovato alla Società l autorizzazione all acquisto

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SONDRIO. Società cooperativa per azioni Fondata nel 1871. Iscritta all'albo delle Banche al n. 842, all Albo

BANCA POPOLARE DI SONDRIO. Società cooperativa per azioni Fondata nel 1871. Iscritta all'albo delle Banche al n. 842, all Albo BANCA POPOLARE DI SONDRIO Società cooperativa per azioni Fondata nel 1871 Iscritta all'albo delle Banche al n. 842, all Albo delle Società Cooperative al n. A160536, all'albo dei Gruppi bancari al n. 5696.0,

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 PARTE 1 ART. 1 Composizione e attribuzioni Il collegio docenti è composto dal personale docente a tempo indeterminato e determinato

Dettagli

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n.

REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110. Capitale Sociale versato di 4.863.485,64. Registro delle Imprese di Torino n. REPLY S.p.A. Sede legale in Torino, Corso Francia n. 110 Capitale Sociale versato di 4.863.485,64 Registro delle Imprese di Torino n. 97579210010 Codice fiscale n. 97579210010 Partita IVA n. 08013390011

Dettagli

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A.

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. www.capelive.it RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA ANSALDO STS S.P.A. SEDE LEGALE IN GENOVA, VIA PAOLO MANTOVANI 3 5 CAPITALE SOCIALE EURO 100.000.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI GENOVA E CF

Dettagli

IVA 40050-10.000.000 03829720378 03829720378-00666341201 AVVISO DI CONVOCAZIONE

IVA 40050-10.000.000 03829720378 03829720378-00666341201 AVVISO DI CONVOCAZIONE BEGHELLI S.p.A. Sede legale: 40050 Monteveglio (BO) - Via Mozzeghine n.13-15 Capitale Sociale Euro 10.000.000 interamente versato Iscrizione al Registro delle Imprese di Bologna numero iscrizione 03829720378

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno

ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE. all ordine del giorno ASSEMBLEA ORDINARIA 22 APRILE 2009 23 APRILE 2009 AVVISO DI CONVOCAZIONE Relazioni degli Amministratori sulle proposte all ordine del giorno AMPLIFON S.p.A. Capitale sociale: Euro 3.968.400,00.= Sede Sociale

Dettagli

POLIGRAFICA S. FAUSTINO S.P.A.

POLIGRAFICA S. FAUSTINO S.P.A. POLIGRAFICA S. FAUSTINO S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI (Ai sensi dell art. 125 ter del D. Lgs. n. 58 del 24.02.1998) Punti 3 e 4 delle materie all ordine del giorno ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

SNAM S.p.A. ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 25, 26 E 27 MARZO 2013 RISPETTIVAMENTE IN PRIMA, SECONDA E TERZA CONVOCAZIONE

SNAM S.p.A. ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 25, 26 E 27 MARZO 2013 RISPETTIVAMENTE IN PRIMA, SECONDA E TERZA CONVOCAZIONE SNAM S.p.A. ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 25, 26 E 27 MARZO 2013 RISPETTIVAMENTE IN PRIMA, SECONDA E TERZA CONVOCAZIONE E ORDINARIA DEL 25 E 26 MARZO 2013 RISPETTIVAMENTE IN PRIMA E SECONDA CONVOCAZIONE

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA I Soci della Banca Popolare di Milano Scrl sono convocati in Assemblea ordinaria e straordinaria in prima adunanza il giorno 11 aprile 2014,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE

DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE COMUNICATO REGIONALE del 11/02/2015 - N 26 OGGETTO: COMUNICATO DEL DIRETTORE CENTRALE DELLA DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI,

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE AVVISO DI CONVOCAZIONE SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società Cooperativa Sede sociale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Verona

Dettagli

Saipem ORDINE DEL GIORNO

Saipem ORDINE DEL GIORNO Società per Azioni Sede Legale in San Donato Milanese Via Martiri di Cefalonia 67 Capitale Sociale Euro 441.177.500 i.v. Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale 00825790157 Partita IVA: 00825790157

Dettagli

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI MANTOVA 46100 MANTOVA VIA A. ALTOBELLI,19- e +390376220886 3389973382 info@socremmn.it www.socremmn.it ART. 1 In considerazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA IL RETTORE VISTA VISTI VISTO VISTO la Legge 9 maggio 1989, n.168, Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; i Decreti del Ministro dell Istruzione dell Università

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI A.S. Roma S.p.A. P.le Dino Viola, 1 00128 Roma C.F. 03294210582 P.I. 01180281006 Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di AS Roma SPV LLC ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti.

Ordine del giorno. - Modifiche degli artt. 11, 12, 18, 19 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. "PARMALAT S.p.A." Sede Legale: Collecchio (PR) - Via delle Nazioni Unite n. 4 Capitale Sociale deliberato 1.940.000.000 sottoscritto e versato 1.824.401.241 Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma,

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI DEL CREDITO VALTELLINESE DEL 26 E 27 APRILE 2013 MODALITÁ OPERATIVE DI PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PER IL TRIENNIO 2013-2015 In occasione

Dettagli

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto.

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata Livorno Sport S.r.l., è retta da questo Statuto. Statuto Art.1 La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto. Art 2 La Società ha sede legale in Livorno, presso il complesso sportivo "La Bastia", in

Dettagli

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ROSTA REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ROSTA PROVINCIA DI Torino REGOLAMENTO DELLA GIUNTA COMUNALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 91 del 19.05.1994 Ultima modifica con deliberazione di Giunta Comunale n. 97 del

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A.

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ITALCEMENTI S.p.A. Bergamo, 6 marzo 2015 Gli aventi diritto al voto nell Assemblea degli azionisti di Italcementi S.p.A. sono convocati in Assemblea, in Bergamo, via Madonna della

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A.

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Proposta di adozione di un nuovo testo di statuto sociale Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Via Filadeflia 220

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI. Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni REGOLAMENTO PER L ADOZIONE E L APPROVAZIONE DEI PIANI ATTUATIVI COMUNALI Ai sensi della L.R. 5/07 e successive integrazioni e modificazioni Approvato con D.C. n.20 del 16 marzo 2009 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB SIENA

AUTOMOBILE CLUB SIENA AUTOMOBILE CLUB SIENA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULL ASSEMBLEA, LA PRESENTAZIONE E LA PUBBLICAZIONE DELLE LISTE ELETTORALI E LO SVOLGIMENTO DEL REFERENDUM AUTOMOBILE CLUB SIENA Regolamento deliberato

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione)

Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione) e del 24 aprile 2015 (II Convocazione) Relazioni Illustrative degli Amministratori Assemblea degli Azionisti del 23 aprile 2015 (I Convocazione)

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a: BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI E PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Pagina 1 di 6 Allegato A al Regolamento Associazione CSV Basilicata REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO IN SENO ALL'ASSEMBLEA Art. 1 Campo di applicazione del Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL QUINTO ARGOMENTO DI PARTE ORDINARIA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL QUINTO ARGOMENTO DI PARTE ORDINARIA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL QUINTO ARGOMENTO DI PARTE ORDINARIA Parte ordinaria: 5. Nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione. Gentili Signori, siete chiamati a procedere

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ART. 1 Denominazione. E costituita un associazione di volontariato avente le caratteristiche di Organizzazione Non Governativa (ONG) e le caratteristiche di Organizzazione Non

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI A.S.P. AZIENDA PUBBLICA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI MODENESI AREA NORD Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento della Consulta provinciale delle professioni Regolamento approvato dal Consiglio camerale con deliberazione n.47 del 20.12.2012 INDICE ARTICOLO 1 (Oggetto del

Dettagli

Determinazione del numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione.

Determinazione del numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL QUARTO E QUINTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO 4. Nomina del Consiglio

Dettagli

(redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento Consob n. 11971/99 e successive modifiche ed integrazioni)

(redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento Consob n. 11971/99 e successive modifiche ed integrazioni) Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta di modifica degli artt. 12, 18 e 28 dello statuto sociale e deliberazioni inerenti e conseguenti. (redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Prima convocazione 28 aprile 2008 Seconda convocazione 7 maggio 2008 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

AS.SO.DIP. STATUTO SOCIALE

AS.SO.DIP. STATUTO SOCIALE STATUTO SOCIALE ART. 1 E' costituita l'«associazione dei soci ed obbligazionisti dipendenti della Banca Popolare di Puglia e Basilicata», in sigla «AS.SO.DIP.» con sede in Altamura Possono farne parte

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI ALL. A) PROVINCIA DELL OGLIASTRA ASSESSORATO Lavoro Politiche Giovanili e Femminili e Formazione Professionale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità

È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità STATUTO ACC-k9t Art. 1 È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS), sotto la denominazione: Associazione Culturale Cinofila k9t ONLUS"

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI COMPETENZE REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Art. 1- Il Collegio dei Docenti ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell'istituto, nel rispetto della libertà di insegnamento garantita

Dettagli

* * * Signori Azionisti,

* * * Signori Azionisti, RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL PUNTO 3 ) ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DI RISANAMENTO S.P.A. DEL 29/30 APRILE 2015 3. Nomina del consiglio

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 28/29 APRILE 2006 VERBALE DEPOSITO LISTE NOMINA COLLEGIO SINDACALE

ASSEMBLEA DEI SOCI 28/29 APRILE 2006 VERBALE DEPOSITO LISTE NOMINA COLLEGIO SINDACALE SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE - SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Verona 00320160237 ASSEMBLEA

Dettagli

Banca Popolare di Milano

Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Milano Assemblea degli Obbligazionisti 22 dicembre 2011 (in prima convocazione) ed occorrendo 23 dicembre 2011 (in seconda convocazione) MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI DELIBERAZIONE RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO EX ART. 125 TER TUF E RELATIVE PROPOSTE DI ZIONE RELAZIONE AL PUNTO N. 1 ALL ODG DELL ASSEMBLEA ORDINARIA: Bilancio individuale e consolidato chiuso al 31

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE TELECOMUNICAZIONI, INFORMATICA ED ELETTRONICA DI CONSUMO Il presente Regolamento è stato approvato dall Assemblea dei Soci il 16 dicembre

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER Titolo I Costituzione e scopi Art. 1 - E' costituita un'associazione culturale denominata OPTION PLAYER. L Associazione ha sede in Massa, Via Beatrice

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI 1 Degli Associati (approvato con delibera n. 1 del 29/03/2013) 1.1 Domanda di iscrizione del nuovo associato. L'aspirante

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

CALTAGIRONE S.p.A. Statuto approvato dall Assemblea Straordinaria. degli Azionisti in data 28 Settembre 2004

CALTAGIRONE S.p.A. Statuto approvato dall Assemblea Straordinaria. degli Azionisti in data 28 Settembre 2004 CALTAGIRONE S.p.A. Statuto approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti in data 28 Settembre 2004 1 S T A T U T O S O C I A L E TITOLO I COSTITUZIONE DELLA SOCIETA' ART. 1 DENOMINAZIONE E' costituita

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

Associazione Vittorino Chizzolini Cooperazione Internazionale - ONLUS

Associazione Vittorino Chizzolini Cooperazione Internazionale - ONLUS Associazione Vittorino Chizzolini Cooperazione Internazionale - ONLUS STATUTO Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "VITTORINO CHIZZOLINI - Cooperazione Internazionale - Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ===================================== ARTICOLO 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento, adottato ai sensi dell art. 19 dello Statuto Sociale,

Dettagli