LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA. L'economia del cow boy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA. L'economia del cow boy"

Transcript

1 LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA L'economia del cow boy Le economie, specie in quei paesi del terzo mondo ancora ricchi di territori non abitati, tendono a comportarsi come se le risorse naturali fossero illimitate e perciò prive di valore economico. Questo comportamento è stato paragonato talvolta a quello di un cow boy, che vive con la sensazione di avere di fronte a sé una frontiera infinita e risorse e territori illimitati. Sono state avanzate numerose proposte per una riforma della contabilità nazionale in modo che questa possa tenere conto fra l'altro anche dei danni ambientali causati dallo sviluppo. Le prime applicazioni, ancora sperimentali, di questo tipo di contabilità hanno dimostrato che in molti casi lo sviluppo dei paesi emergenti del terzo mondo risulta, se si tiene conto del valore delle ricchezze naturali distrutte, assai meno ottimistico di quanto indicato dalle statistiche ufficiali. I DANNI AMBIENTALI NEI PAESI NON SVILUPPATI. L eccessivo ed errato sfruttamento del suolo in molti paesi poveri fa sì che ogni anno una superficie fertile pari al doppio del Belgio si trasformi in deserto. Nel 2020 i paesi del terzo mondo produrranno circa i due quinti dell'inquinamento atmosferico del pianeta. Impegnati nel difficile tentativo di uscire dal sottosviluppo, questi paesi accettano di sacrificare buona parte del loro patrimonio ambientale in cambio di un tasso di crescita dell'economia un po' più veloce. I paesi industrializzati dove l'opinione pubblica è maggiormente sensibile al valore dell'ambiente, non si trovano nella posizione migliore per criticare questo comportamento. In una riunione internazionale il delegato della Malesia rispose così al delegato degli Stati Uniti che lo accusava di scarsa sensibilità ambientale: «Non accetteremo lezioni su cosa fare delle nostre foreste da coloro che hanno già distrutto le proprie». I DANNI AMBIENTALI NEL MONDO INDUSTRIALIZZATO. Anche i paesi industrializzati contribuiscono a deteriorare le risorse ambientali del paese. Ogni anno vengono immesse in atmosfera tonnellate di sostanze che una volta raggiunti gli strati alti dell'atmosfera, danneggiano la fascia di ozono, ossia quella coltre protettiva naturale che neutralizza gli effetti dei raggi ultravioletti provenienti dal Sole. Il risultato di quello che viene definito il "buco nell ozono" potrebbe essere un aumento delle malattie della pelle nelle zone tropicali del pianeta, le più esposte a questo tipo di rischio. Inoltre le diverse sostanze inquinanti provenienti dai riscaldamenti e dai mezzi di trasporto causano quello che viene definito "effetto serra": l'atmosfera si comporta come il vetro di una serra, ossia permette facilmente ai raggi solari di entrare, ma non di uscire. Il risultato è un sovrariscaldamento del pianeta che può avere conseguenze devastanti in quanto altera il clima e potrebbe, secondo molti studiosi, rendere più violente sia le inondazioni sia le siccità.

2 L'economia dell'astronauta Un tempo gli economisti tendevano a pensare al ciclo economico come a un processo aperto, cioè con un inizio e una fine ben distinti. All'inizio vi era il prelievo di risorse dall ambiente (le materie prime, l energia); queste venivano poi trasformate con l'aggiunta di lavoro umano e di capitale e davano luogo a un prodotto pronto per il consumo o per nuovi investimenti. Sono stati alcuni economisti statunitensi a proporre, all'inizio degli anni Sessanta, una nuova visione del ciclo produttivo, basato sul concetto che in un sistema chiuso, come è la Terra, nulla si crea e nulla si distrugge. L'uomo trasforma semplicemente le risorse a sua disposizione (il legno, il petrolio, il ferro) e tutto ciò che non viene riciclato finirà prima o poi per tornare all'ambiente sotto forma di rifiuto. risorse AMBIENTE rifiuti lavoro Consumo finale trasformazione Gli stessi economisti calcolarono, a sostegno delle loro tesi, che alla fine degli anni Sessanta nell'economia statunitense il peso totale delle materie prime utilizzate nei vari processi produttivi equivaleva al peso dei rifiuti prodotti. Con un'espressione pittoresca quanto efficace, gli studiosi hanno definito l'economia del passato, quella che considerava inesauribili le risorse naturali, come l'economia del cow boy. A essa hanno contrapposto un'economia basata su un ciclo chiuso, dove tutto ciò che viene prelevato dall'ambiente (per esempio le materie prime) prima o poi vi ritorna, per esempio sotto forma di rifiuti. Quest'ultima è stata definita economia dell'astronauta proprio per sottolineare il carattere finito del pianeta considerato come una navicella spaziale nella quale l uomo dovrà trovare il proprio posto, un sistema in cui non esistono serbatoi inesauribili e non sono possibili approvvigionamenti dall esterno.

3 Le norme ambientali Gli esseri umani naturalmente non sono così pazzi da non rendersi conto dei danni che producono e hanno provato fin dall antichità a porvi rimedio. Uno degli strumenti più usati finora nella tutela del patrimonio naturale è stato quello di proibire o limitare le attività con elevato impatto ambientale, ossia che causano gravi danni all ambiente. Leggi di questo tipo sono sempre esistite e probabilmente nella società preindustriale, dove gli abitanti delle città erano meno numerosi e dove le attività erano facilmente controllabili, erano anche efficaci. È stato calcolato che negli Stati Uniti le sanzioni per attività contro l ambiente equivalgono ad un decimillesimo del danno prodotto. D altra parte se si proibissero tutte le attività che creano un danno ambientale si rischierebbe di paralizzare l intera economia. Tutto infatti, dalla produzione di energia, alle costruzioni edili, dal trasporto di uomini e cose alla produzione di merci, è causa di inquinamento. Che fare allora? LE TECNOLOGIE PULITE. Lo sviluppo della tecnologia può aiutare l'ambiente. Tutte le attività economiche producono inquinamento, tuttavia esistono tecniche di produzione che impiegano minori quantità di materie prime che causano un minore impatto ambientale per unità di prodotto finito. Per esempio le cartiere, industrie a elevato impatto ambientale, usavano un tempo 180 metri cubi d'acqua per tonnellata di carta prodotta. Quelle costruite negli anni Settanta ne usavano solo 70 metri cubi per tonnellata e quelle di ultima generazione arrivano a un consumo di metri cubi d'acqua per tonnellata. In Giappone a metà degli anni Ottanta il consumo di materie prime nei processi industriali era pari al 60% di quello di dieci anni prima. In generale è stato calcolato che oggi i paesi sviluppati sono in grado di ottenere un certo aumento di reddito con un impatto ambientale pari a un terzo circa di quello che sarebbe stato necessario nel Alcuni economisti hanno parlato di sganciamento fra crescita dell'economia e pressione sull'ambiente, ma altri contestano questa tesi e sostengono che molte imprese hanno semplicemente trasferito le fasi di lavorazione più inquinanti verso i paesi del terzo mondo, dove esistono legislazioni meno severe e regimi meno democratici. LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Nel 1987 le Nazioni unite incaricarono un gruppo di esperti di varie discipline e provenienti da diversi paesi di dare una risposta alla seguente domanda: è possibile assicurare lo sviluppo economico senza compromettere in modo irreparabile l'ambiente naturale? Gli studiosi, guidati dal primo ministro norvegese, signora Brundtland, indicarono una via che passò alla storia con la definizione di "sviluppo sostenibile". In altre parole si trattava, secondo gli esperti, di organizzare le attività economiche in modo che potessero far fronte ai bisogni e alle domande delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità di fare altrettanto a quelle future.

4 Ma che significa in pratica? Ecco una storia che può aiutarci a capirlo. Alla fine dell'ottocento le foreste svedesi avevano subito gravi danni a seguito della crescita delle esportazioni di legname e della nascita dell'industria della cellulosa. Si sviluppò nel paese un intenso dibattito: molti svedesi volevano proibire il taglio delle piante per conservare le foreste e molti altri volevano tagliarle per favorire l'industria del legno e l'occupazione e il reddito che poteva produrre. Nel 1903 una legge obbligò i proprietari dei boschi a sostituire ogni albero abbattuto con una nuova pianta. Molti obiettarono che un provvedimento del genere avrebbe potuto uccidere sul nascere l'industria del legno, invece si trattava di uno dei primi esempi conosciuti di sviluppo sostenibile. Oggi in un pianeta che perde ogni anno 17 milioni di ettari di superficie boschiva, la Svezia possiede foreste grandi il doppio rispetto a un secolo fa e una delle più forti industrie del legno del mondo. Le risposte dell'economia Se l'inquinamento è il sintomo di una malattia più generale che potremmo definire uso irrazionale delle risorse, il depuratore è una cura sintomatica, cioè che cura solo gli aspetti esteriori e visibili ma non elimina la causa, ossia il fatto che beni di enorme importanza vengono distrutti perché privi di prezzo. Dire che l'ambiente ha un prezzo può sembrare poco rispettoso del valore dei beni naturali, tuttavia in un'economia di mercato è proprio il fatto di non avere un prezzo che permette lo spreco di una risorsa. Per questo motivo gli economisti hanno pensato di scatenare a difesa dell'ambiente uno dei meccanismi più potenti che operano nella nostra società di mercato. Le principali vie da percorrere sono due: le tasse ambientali e i buoni di inquinamento negoziabili. LE TASSE AMBIENTALI. Gli economisti hanno proposto di tassare le emissioni dannose per l'ambiente in modo da spingere i produttori a limitare l'inquinamento, lasciandoli però liberi di inquinare quanto vogliono e senza preoccuparsi della via - limitazione della produzione o adozione di tecnologie pulite - scelta da questi per raggiungere lo scopo. Una politica di questo tipo è stata adottata fin dagli anni Trenta nel bacino carbonifero della Ruhr, in Germania. Oggi in questa zona, una delle maggiori concentrazioni industriali del mondo, i corsi d acqua sono abbastanza puliti da potervi praticare la pesca e altre attività ricreative, mentre le imprese della regione, per sottrarsi al pagamento delle tasse ambientali, riciclano oltre il 70% degli acidi industriali anziché scaricarli nei fiumi.

5 In Italia pochi anni fa una tassa di modestissime proporzioni sui sacchetti di plastica ha ridotto il loro consumo del 30% e senza nessuna spesa per lo stato. Quanto sarebbe costato ottenere lo stesso risultato con metodi tradizionali? I BUONI DI INQUINAMENTO. Sul finire degli anni Sessanta un economista statunitense ideò un sistema ingegnoso per dare un prezzo all'ambiente. In sostanza si tratta di decidere quanto inquinamento una certa regione può accettare senza che si producano danni irreversibili, per esempio 100 tonnellate di carbonio in un anno. In un secondo tempo si mettono in vendita, attraverso un ufficio governativo, un certo numero di buoni, ognuno dei quali permette di scaricare nei fiumi o nell atmosfera una certa quantità di sostanze inquinanti. La quantità dei buoni messi in vendita deve essere tale che la loro somma sia uguale alla quantità di inquinamento ritenuto accettabile dal governo e dai suoi esperti, per esempio buoni da 1 chilo di carbonio ciascuno. I buoni vengono inizialmente posti in vendita a un prezzo qualsiasi o distribuiti alle imprese sulla base dell'inquinamento dell'anno precedente. In seguito ogni impresa è libera di vendere i propri buoni o di acquistare quelli degli altri sul mercato. Naturalmente le imprese più efficienti e moderne potrebbero decidere che è meno costoso adottare tecnologie avanzate e a scarso impatto ambientale e quindi vendere i propri buoni. Le imprese più arretrate invece sarebbero costrette ad acquistare i buoni. Se le imprese efficienti sono poche anche i buoni in vendita saranno pochi e il loro prezzo sarà astronomico. In questo modo le imprese arretrate saranno spinte a modernizzarsi per diminuire i costi di acquisto dei buoni. Se tutti rispettano le regole il governo è sicuro che l'inquinamento totale sarà pari alla somma dei buoni venduti e quindi compatibile con l'ambiente e la distribuzione dei buoni avverrà in modo efficiente e a costi modesti sia per le imprese sia per lo stato. Naturalmente chiunque può entrare in questo mercato: se un'organizzazione ambientalista vuole che si emettano meno di 100 tonnellate di carbonio può acquistare un certo numero di buoni dalle imprese che li vendono e poi distruggerli. Un sistema del genere viene usato con successo dal 1974 negli Stati Uniti, il più grande "produttore" mondiale di carbonio, per le imprese che producono energia termoelettrica. In Islanda e Nuova Zelanda si è fatto uso di un meccanismo simile per regolamentare la pesca. Il governo, assistito da esperti di ambiente, ha deciso Ia quantità massima di pesce prelevabile in un anno e poi ha messo in vendita i diritti di pesca alle imprese. In questo modo la quantità di pescato prevista viene ottenuta con il minimo costo per la collettività.

6 Ambiente e sottosviluppo Molti dei fenomeni che minacciano l ambiente hanno una dimensione mondiale e non possono essere affrontati efficacemente all interno di un solo paese. Attualmente un quarto della popolazione mondiale, quella più ricca, produce il 70% dell'inquinamento che è alla base dell'effetto serra. Europa e Nordamerica producono l 87% delle emissioni totali di anidride solforosa e rilasciano, con il Giappone, oltre l 80% dei gas che causano il buco nell'ozono. Periodicamente i paesi industrializzati trovano un accordo per ridurre le produzioni più dannose per l'ambiente, ma le decisioni sono faticose e spesso arrivano in ritardo. Inoltre esiste un problema emergente e ancora poco considerato. Se il sud del mondo si sviluppasse a ritmi elevati la situazione mondiale dell'inquinamento potrebbe radicalmente peggiorare, anche a causa delle tecnologie più arretrate utilizzare fuori dai paesi industrializzati. Molti paesi arretrati sono da tempo impegnati in una affannosa rincorsa a livelli di benessere che l'occidente ha raggiunto da molti anni. Molti di essi sono drammaticamente lontani dal traguardo e spesso l'uso spregiudicato delle risorse ambientali costituisce l'unica leva per accelerare una crescita altrimenti troppo lenta, specie in rapporto alla velocità dell incremento demografico. Certo non è facile per i paesi ricchi chiedere a quelli più poveri di cambiare proprio adesso le regole del gioco e di limitare lo sviluppo per salvare l'ambiente. Una possibile via per ridurre il pericolo rappresentato dalla crescita dei paesi poveri consiste nel trasferimento di tecnologie a minore impatto ambientale e negli aiuti economici. Solo se i tre quarti dell umanità finora esclusi dallo sviluppo avranno la possibilità di aumentare il proprio livello di vita senza compromettere le risorse naturali del pianeta, i consigli degli economisti per utilizzare in modo più razionale le risorse ambientali si riveleranno efficaci.

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 12/10/2013 C'è un piacere nei boschi senza sentieri, c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, c'è vita, laddove nessuno

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Un Bosco Per La Città QUANTI ALBERI DEVO PIANTARE PER VIVERE IN MODO SOSTENIBILE?

Un Bosco Per La Città QUANTI ALBERI DEVO PIANTARE PER VIVERE IN MODO SOSTENIBILE? Un Bosco Per La Città QUANTI ALBERI DEVO PIANTARE PER VIVERE IN MODO SOSTENIBILE? PERCHE VIVIAMO? Viviamo perché respiriamo, beviamo, mangiamo.(m.p.) UN BOSCO PER LA CITTA' Nato nel 2002, il progetto UN

Dettagli

Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF

Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF Anno scolastico 2005/2006 Energie alternative Quali vie sono percorribili? Fare opera di sensibilizzazione e divulgazione scientifica all interno della scuola e sul

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 CONTENUTO: ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI www.isesitalia.it Fonti: INBAR, www.edilportale.com, KlimaHaus SOLARE TERMICO Il sistema termico a pannelli solari cattura la luce

Dettagli

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353 Pag. 308-309-310 e 351-352-353 1 L energia NON si vede, NON si tocca, ma è qualcosa che è dentro, all interno della materia stessa e la rende capace di compiere un lavoro. Dal Greco ENERGES che vuol dire

Dettagli

IN TECNOLOGIA VERSIONE MISTA. Imparo e applico con. per bisogni educativi speciali

IN TECNOLOGIA VERSIONE MISTA. Imparo e applico con. per bisogni educativi speciali Imparo e applico con IN TECNOLOGIA per bisogni educativi speciali Schede facilitate con attività Audiolibro Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi VERSIONE MISTA Libro Web

Dettagli

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO

Dal 26 agosto al 4 WORLD SUMMIT 2002 FORUM E LA RUSSIA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO FORUM J O H A N N E S B U R G WORLD SUMMIT 2002 E LA RUSA CONFERMA CHE RATIFICHERÀ KYOTO Dal 26 agosto al 4 settembre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati a Johannesburg in occasione per l

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Un Treno chiamato Verde

Un Treno chiamato Verde 2 Un Treno chiamato Verde IL TRENO VERDE NON CONOSCE CAPOLINEA E QUEST ANNO ARRIVA ALLA SUA DICIANNOVESIMA EDIZIONE. Il Treno Verde è la storica campagna itinerante di Legambiente e Ferrovie dello Stato

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO OVVERO O CHIUDI IL CERCHIO O CHIUDI IL FUTURO Prof. Maurizi Franco I.T.I.S. e Liceo S-T. A. Einstein - Roma novembre 08- settimana DESS PRIMO: LA SOSTENIBILITA «lo Sviluppo

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE

SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE Il documento programmatico delle nazioni unite per il XXI secolo, denominato Agenda 21 Locale e approvato in occasione della Conferenza ONU Ambiente e Sviluppo svoltasi a Rio

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma della gestione dei rifiuti urbani

Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma della gestione dei rifiuti urbani Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma della gestione dei rifiuti urbani Tullio Fanelli, Marcello Clarich, Luigi De Paoli, Alessandro Ortis, Gianni Silvestrini, Federico Testa 1 ABSTRACT L attuale

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma

Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Due gradi - Contributo al dibattito sul cambiamento climatico del 16 febbraio 2015 a Roma Il Protocollo di Kyoto è stato approvato nel 1997 ed è entrato in vigore nel 2005 come convenzione internazionale,

Dettagli

UNA SFIDA VINCENTE IL RISCALDAMENTO URBANO E LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ENERGIE SUL TERRITORIO

UNA SFIDA VINCENTE IL RISCALDAMENTO URBANO E LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ENERGIE SUL TERRITORIO DOCUMENTAZIONE DA FONTE AIRU UNA SFIDA VINCENTE IL RISCALDAMENTO URBANO E LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ENERGIE SUL TERRITORIO RISCALDIAMO LE NOSTRE CITTA' ELIMINANDO INQUINAMENTO E SPRECO IL RISCALDAMENTO

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili Nella fisica classica l'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Le

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta

... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta ... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta differenziata. Noi, alunni delle classi IV e V della scuola primaria

Dettagli

Per un mondo più vivibile...

Per un mondo più vivibile... Le vostre abitudini possono portarvi ad ignorare un nuovo tipo di qualità ed efficienza. Non decidete senza prima avere visto MARVEL! Per un mondo più vivibile... Un saluto agii amici dell'ecologla lo

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO

LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO LICEO CLASSICO DANTE ALIGHIERI - GORIZIA PROGETTO EUROPEO CLASSE I B RELATORI: GIANMARCO GRONELLI, AGNESE STAFUZZA, MATILDE CONTESSA, GIULIA CRISCITIELLO, MARTINA LOTITO. RICERCA E INNOVAZIONE CRESCITA

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

Il cambiamento climatico: Salviamo il pianeta dal capitalismo

Il cambiamento climatico: Salviamo il pianeta dal capitalismo Il cambiamento climatico: Salviamo il pianeta dal capitalismo Sorelle e fratelli: Oggi, la nostra Madre Terra è ammalata. Dall'inizio del XXI secolo abbiamo vissuto il periodo più caldo degli ultimi mille

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Il commercio dei permessi ambientali

Il commercio dei permessi ambientali Il commercio dei permessi ambientali (Emission Trading) Daniele Verdesca Dipartimento di economia politica Università di Siena Strumenti di mercato I permessi per i quali è autorizzato lo scambio od il

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Azione per il clima. Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Azione per il clima Costruire un mondo come piace a noi con il clima che piace a noi Un economia a basse emissioni di carbonio promuove la crescita economica e crea posti

Dettagli

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020

Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020 Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente Nota Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo e Strategia europea 2020 Milano, 16 luglio 2014 15.00-18.00 1) Introduzione Il Semestre europeo

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo.

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo. ECONOMIA E SOCIETA Le materie prime o risorse naturali pag. 84-85 Le materie prime sono tutti quei beni che la natura offre all uomo spontaneamente: sono tutti quei beni che cioè sono presenti in natura,

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2

Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2 23 febbraio 2015 Contro lo smog arrivano le barriere di piante che accumulano la CO2 Per combattere l'inquinamento atmosferico il Cra ha pianificato l'inserimento in città di otto arbusti mediterranei

Dettagli

PROFILI DI AZIENDA CON POLITICA AZIENDALE E PRODOTTI ECOLOGICI/ECOCOMPATIBILI ( VERDI ): LA TOYOTA

PROFILI DI AZIENDA CON POLITICA AZIENDALE E PRODOTTI ECOLOGICI/ECOCOMPATIBILI ( VERDI ): LA TOYOTA PROFILI DI AZIENDA CON POLITICA AZIENDALE E PRODOTTI ECOLOGICI/ECOCOMPATIBILI ( VERDI ): LA TOYOTA A cura di Veronica DI PAOLO A.A 2009-2010 Negli ultimi anni le tematiche relative alla responsabilità

Dettagli

COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA "AUTO/OIL" È SULLA LINEA DI PARTENZA!

COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA AUTO/OIL È SULLA LINEA DI PARTENZA! Bruxelles, 29 giugno 1998 9924/98 (Presse 230) C/98/230 COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA "AUTO/OIL" È SULLA LINEA DI PARTENZA! IL PARLAMENTO ED IL CONSIGLIO RAGGIUNGONO UN'INTESA

Dettagli

Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda

Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda Idroearth Pompe di calore geotermiche per riscaldamento, raffrescamento, acqua calda Il meglio a portata di mano Utilizziamo l energia che la terra ci regala UTILIZZARE IL CALORE RACCHIUSO NELLA TERRA

Dettagli

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - -

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - - - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - Nel periodo compreso tra i mesi di novembre e gennaio di ogni anno vengono ormai sempre più gioiosamente installate nelle nostre case decorazioni luminose natalizie

Dettagli

infissi fatti per durare infissi in legno dal 1968

infissi fatti per durare infissi in legno dal 1968 infissi fatti per durare infissi in legno dal 1968 PERCHÉ ACQUISTARE UNA FINESTRA IN LEGNO Il massimo della qualità garantita, nel rispetto dell ambiente Il legno é un perfetto materiale da costruzione,

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Prodotti SCA con certificazione forestale

Prodotti SCA con certificazione forestale Prodotti SCA con certificazione forestale PE FC /05-33-132 Promoting Sustainable Forest Management www.pefc.org PERCHÈ È IMPORTANTE? La certificazione forestale rappresenta l anello di congiunzione tra

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Web News 9 - Unione Seminativi

Web News 9 - Unione Seminativi Web News 9 - Unione Seminativi 1. Varie Internazionali 2. Clima/Effetto serra: i contadini americani ci guadagnerebbero al gioco del "chi inquina paga". (USDA) 3. Il governo argentino tenta di smorzare

Dettagli

Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2

Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2 Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2 tramite l efficienza energetica e l utilizzo di fonti energetiche

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli