LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA. L'economia del cow boy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA. L'economia del cow boy"

Transcript

1 LE RISORSE AMBIENTALI DEL PIANETA L'economia del cow boy Le economie, specie in quei paesi del terzo mondo ancora ricchi di territori non abitati, tendono a comportarsi come se le risorse naturali fossero illimitate e perciò prive di valore economico. Questo comportamento è stato paragonato talvolta a quello di un cow boy, che vive con la sensazione di avere di fronte a sé una frontiera infinita e risorse e territori illimitati. Sono state avanzate numerose proposte per una riforma della contabilità nazionale in modo che questa possa tenere conto fra l'altro anche dei danni ambientali causati dallo sviluppo. Le prime applicazioni, ancora sperimentali, di questo tipo di contabilità hanno dimostrato che in molti casi lo sviluppo dei paesi emergenti del terzo mondo risulta, se si tiene conto del valore delle ricchezze naturali distrutte, assai meno ottimistico di quanto indicato dalle statistiche ufficiali. I DANNI AMBIENTALI NEI PAESI NON SVILUPPATI. L eccessivo ed errato sfruttamento del suolo in molti paesi poveri fa sì che ogni anno una superficie fertile pari al doppio del Belgio si trasformi in deserto. Nel 2020 i paesi del terzo mondo produrranno circa i due quinti dell'inquinamento atmosferico del pianeta. Impegnati nel difficile tentativo di uscire dal sottosviluppo, questi paesi accettano di sacrificare buona parte del loro patrimonio ambientale in cambio di un tasso di crescita dell'economia un po' più veloce. I paesi industrializzati dove l'opinione pubblica è maggiormente sensibile al valore dell'ambiente, non si trovano nella posizione migliore per criticare questo comportamento. In una riunione internazionale il delegato della Malesia rispose così al delegato degli Stati Uniti che lo accusava di scarsa sensibilità ambientale: «Non accetteremo lezioni su cosa fare delle nostre foreste da coloro che hanno già distrutto le proprie». I DANNI AMBIENTALI NEL MONDO INDUSTRIALIZZATO. Anche i paesi industrializzati contribuiscono a deteriorare le risorse ambientali del paese. Ogni anno vengono immesse in atmosfera tonnellate di sostanze che una volta raggiunti gli strati alti dell'atmosfera, danneggiano la fascia di ozono, ossia quella coltre protettiva naturale che neutralizza gli effetti dei raggi ultravioletti provenienti dal Sole. Il risultato di quello che viene definito il "buco nell ozono" potrebbe essere un aumento delle malattie della pelle nelle zone tropicali del pianeta, le più esposte a questo tipo di rischio. Inoltre le diverse sostanze inquinanti provenienti dai riscaldamenti e dai mezzi di trasporto causano quello che viene definito "effetto serra": l'atmosfera si comporta come il vetro di una serra, ossia permette facilmente ai raggi solari di entrare, ma non di uscire. Il risultato è un sovrariscaldamento del pianeta che può avere conseguenze devastanti in quanto altera il clima e potrebbe, secondo molti studiosi, rendere più violente sia le inondazioni sia le siccità.

2 L'economia dell'astronauta Un tempo gli economisti tendevano a pensare al ciclo economico come a un processo aperto, cioè con un inizio e una fine ben distinti. All'inizio vi era il prelievo di risorse dall ambiente (le materie prime, l energia); queste venivano poi trasformate con l'aggiunta di lavoro umano e di capitale e davano luogo a un prodotto pronto per il consumo o per nuovi investimenti. Sono stati alcuni economisti statunitensi a proporre, all'inizio degli anni Sessanta, una nuova visione del ciclo produttivo, basato sul concetto che in un sistema chiuso, come è la Terra, nulla si crea e nulla si distrugge. L'uomo trasforma semplicemente le risorse a sua disposizione (il legno, il petrolio, il ferro) e tutto ciò che non viene riciclato finirà prima o poi per tornare all'ambiente sotto forma di rifiuto. risorse AMBIENTE rifiuti lavoro Consumo finale trasformazione Gli stessi economisti calcolarono, a sostegno delle loro tesi, che alla fine degli anni Sessanta nell'economia statunitense il peso totale delle materie prime utilizzate nei vari processi produttivi equivaleva al peso dei rifiuti prodotti. Con un'espressione pittoresca quanto efficace, gli studiosi hanno definito l'economia del passato, quella che considerava inesauribili le risorse naturali, come l'economia del cow boy. A essa hanno contrapposto un'economia basata su un ciclo chiuso, dove tutto ciò che viene prelevato dall'ambiente (per esempio le materie prime) prima o poi vi ritorna, per esempio sotto forma di rifiuti. Quest'ultima è stata definita economia dell'astronauta proprio per sottolineare il carattere finito del pianeta considerato come una navicella spaziale nella quale l uomo dovrà trovare il proprio posto, un sistema in cui non esistono serbatoi inesauribili e non sono possibili approvvigionamenti dall esterno.

3 Le norme ambientali Gli esseri umani naturalmente non sono così pazzi da non rendersi conto dei danni che producono e hanno provato fin dall antichità a porvi rimedio. Uno degli strumenti più usati finora nella tutela del patrimonio naturale è stato quello di proibire o limitare le attività con elevato impatto ambientale, ossia che causano gravi danni all ambiente. Leggi di questo tipo sono sempre esistite e probabilmente nella società preindustriale, dove gli abitanti delle città erano meno numerosi e dove le attività erano facilmente controllabili, erano anche efficaci. È stato calcolato che negli Stati Uniti le sanzioni per attività contro l ambiente equivalgono ad un decimillesimo del danno prodotto. D altra parte se si proibissero tutte le attività che creano un danno ambientale si rischierebbe di paralizzare l intera economia. Tutto infatti, dalla produzione di energia, alle costruzioni edili, dal trasporto di uomini e cose alla produzione di merci, è causa di inquinamento. Che fare allora? LE TECNOLOGIE PULITE. Lo sviluppo della tecnologia può aiutare l'ambiente. Tutte le attività economiche producono inquinamento, tuttavia esistono tecniche di produzione che impiegano minori quantità di materie prime che causano un minore impatto ambientale per unità di prodotto finito. Per esempio le cartiere, industrie a elevato impatto ambientale, usavano un tempo 180 metri cubi d'acqua per tonnellata di carta prodotta. Quelle costruite negli anni Settanta ne usavano solo 70 metri cubi per tonnellata e quelle di ultima generazione arrivano a un consumo di metri cubi d'acqua per tonnellata. In Giappone a metà degli anni Ottanta il consumo di materie prime nei processi industriali era pari al 60% di quello di dieci anni prima. In generale è stato calcolato che oggi i paesi sviluppati sono in grado di ottenere un certo aumento di reddito con un impatto ambientale pari a un terzo circa di quello che sarebbe stato necessario nel Alcuni economisti hanno parlato di sganciamento fra crescita dell'economia e pressione sull'ambiente, ma altri contestano questa tesi e sostengono che molte imprese hanno semplicemente trasferito le fasi di lavorazione più inquinanti verso i paesi del terzo mondo, dove esistono legislazioni meno severe e regimi meno democratici. LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Nel 1987 le Nazioni unite incaricarono un gruppo di esperti di varie discipline e provenienti da diversi paesi di dare una risposta alla seguente domanda: è possibile assicurare lo sviluppo economico senza compromettere in modo irreparabile l'ambiente naturale? Gli studiosi, guidati dal primo ministro norvegese, signora Brundtland, indicarono una via che passò alla storia con la definizione di "sviluppo sostenibile". In altre parole si trattava, secondo gli esperti, di organizzare le attività economiche in modo che potessero far fronte ai bisogni e alle domande delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità di fare altrettanto a quelle future.

4 Ma che significa in pratica? Ecco una storia che può aiutarci a capirlo. Alla fine dell'ottocento le foreste svedesi avevano subito gravi danni a seguito della crescita delle esportazioni di legname e della nascita dell'industria della cellulosa. Si sviluppò nel paese un intenso dibattito: molti svedesi volevano proibire il taglio delle piante per conservare le foreste e molti altri volevano tagliarle per favorire l'industria del legno e l'occupazione e il reddito che poteva produrre. Nel 1903 una legge obbligò i proprietari dei boschi a sostituire ogni albero abbattuto con una nuova pianta. Molti obiettarono che un provvedimento del genere avrebbe potuto uccidere sul nascere l'industria del legno, invece si trattava di uno dei primi esempi conosciuti di sviluppo sostenibile. Oggi in un pianeta che perde ogni anno 17 milioni di ettari di superficie boschiva, la Svezia possiede foreste grandi il doppio rispetto a un secolo fa e una delle più forti industrie del legno del mondo. Le risposte dell'economia Se l'inquinamento è il sintomo di una malattia più generale che potremmo definire uso irrazionale delle risorse, il depuratore è una cura sintomatica, cioè che cura solo gli aspetti esteriori e visibili ma non elimina la causa, ossia il fatto che beni di enorme importanza vengono distrutti perché privi di prezzo. Dire che l'ambiente ha un prezzo può sembrare poco rispettoso del valore dei beni naturali, tuttavia in un'economia di mercato è proprio il fatto di non avere un prezzo che permette lo spreco di una risorsa. Per questo motivo gli economisti hanno pensato di scatenare a difesa dell'ambiente uno dei meccanismi più potenti che operano nella nostra società di mercato. Le principali vie da percorrere sono due: le tasse ambientali e i buoni di inquinamento negoziabili. LE TASSE AMBIENTALI. Gli economisti hanno proposto di tassare le emissioni dannose per l'ambiente in modo da spingere i produttori a limitare l'inquinamento, lasciandoli però liberi di inquinare quanto vogliono e senza preoccuparsi della via - limitazione della produzione o adozione di tecnologie pulite - scelta da questi per raggiungere lo scopo. Una politica di questo tipo è stata adottata fin dagli anni Trenta nel bacino carbonifero della Ruhr, in Germania. Oggi in questa zona, una delle maggiori concentrazioni industriali del mondo, i corsi d acqua sono abbastanza puliti da potervi praticare la pesca e altre attività ricreative, mentre le imprese della regione, per sottrarsi al pagamento delle tasse ambientali, riciclano oltre il 70% degli acidi industriali anziché scaricarli nei fiumi.

5 In Italia pochi anni fa una tassa di modestissime proporzioni sui sacchetti di plastica ha ridotto il loro consumo del 30% e senza nessuna spesa per lo stato. Quanto sarebbe costato ottenere lo stesso risultato con metodi tradizionali? I BUONI DI INQUINAMENTO. Sul finire degli anni Sessanta un economista statunitense ideò un sistema ingegnoso per dare un prezzo all'ambiente. In sostanza si tratta di decidere quanto inquinamento una certa regione può accettare senza che si producano danni irreversibili, per esempio 100 tonnellate di carbonio in un anno. In un secondo tempo si mettono in vendita, attraverso un ufficio governativo, un certo numero di buoni, ognuno dei quali permette di scaricare nei fiumi o nell atmosfera una certa quantità di sostanze inquinanti. La quantità dei buoni messi in vendita deve essere tale che la loro somma sia uguale alla quantità di inquinamento ritenuto accettabile dal governo e dai suoi esperti, per esempio buoni da 1 chilo di carbonio ciascuno. I buoni vengono inizialmente posti in vendita a un prezzo qualsiasi o distribuiti alle imprese sulla base dell'inquinamento dell'anno precedente. In seguito ogni impresa è libera di vendere i propri buoni o di acquistare quelli degli altri sul mercato. Naturalmente le imprese più efficienti e moderne potrebbero decidere che è meno costoso adottare tecnologie avanzate e a scarso impatto ambientale e quindi vendere i propri buoni. Le imprese più arretrate invece sarebbero costrette ad acquistare i buoni. Se le imprese efficienti sono poche anche i buoni in vendita saranno pochi e il loro prezzo sarà astronomico. In questo modo le imprese arretrate saranno spinte a modernizzarsi per diminuire i costi di acquisto dei buoni. Se tutti rispettano le regole il governo è sicuro che l'inquinamento totale sarà pari alla somma dei buoni venduti e quindi compatibile con l'ambiente e la distribuzione dei buoni avverrà in modo efficiente e a costi modesti sia per le imprese sia per lo stato. Naturalmente chiunque può entrare in questo mercato: se un'organizzazione ambientalista vuole che si emettano meno di 100 tonnellate di carbonio può acquistare un certo numero di buoni dalle imprese che li vendono e poi distruggerli. Un sistema del genere viene usato con successo dal 1974 negli Stati Uniti, il più grande "produttore" mondiale di carbonio, per le imprese che producono energia termoelettrica. In Islanda e Nuova Zelanda si è fatto uso di un meccanismo simile per regolamentare la pesca. Il governo, assistito da esperti di ambiente, ha deciso Ia quantità massima di pesce prelevabile in un anno e poi ha messo in vendita i diritti di pesca alle imprese. In questo modo la quantità di pescato prevista viene ottenuta con il minimo costo per la collettività.

6 Ambiente e sottosviluppo Molti dei fenomeni che minacciano l ambiente hanno una dimensione mondiale e non possono essere affrontati efficacemente all interno di un solo paese. Attualmente un quarto della popolazione mondiale, quella più ricca, produce il 70% dell'inquinamento che è alla base dell'effetto serra. Europa e Nordamerica producono l 87% delle emissioni totali di anidride solforosa e rilasciano, con il Giappone, oltre l 80% dei gas che causano il buco nell'ozono. Periodicamente i paesi industrializzati trovano un accordo per ridurre le produzioni più dannose per l'ambiente, ma le decisioni sono faticose e spesso arrivano in ritardo. Inoltre esiste un problema emergente e ancora poco considerato. Se il sud del mondo si sviluppasse a ritmi elevati la situazione mondiale dell'inquinamento potrebbe radicalmente peggiorare, anche a causa delle tecnologie più arretrate utilizzare fuori dai paesi industrializzati. Molti paesi arretrati sono da tempo impegnati in una affannosa rincorsa a livelli di benessere che l'occidente ha raggiunto da molti anni. Molti di essi sono drammaticamente lontani dal traguardo e spesso l'uso spregiudicato delle risorse ambientali costituisce l'unica leva per accelerare una crescita altrimenti troppo lenta, specie in rapporto alla velocità dell incremento demografico. Certo non è facile per i paesi ricchi chiedere a quelli più poveri di cambiare proprio adesso le regole del gioco e di limitare lo sviluppo per salvare l'ambiente. Una possibile via per ridurre il pericolo rappresentato dalla crescita dei paesi poveri consiste nel trasferimento di tecnologie a minore impatto ambientale e negli aiuti economici. Solo se i tre quarti dell umanità finora esclusi dallo sviluppo avranno la possibilità di aumentare il proprio livello di vita senza compromettere le risorse naturali del pianeta, i consigli degli economisti per utilizzare in modo più razionale le risorse ambientali si riveleranno efficaci.

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!!

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! Immagine elaborata con i dati forniti dal Defense Meteorological Satellite Program (DMSP) Operational Linescan System (OLS). ( NASA) ENERGIA L energia è la capacità di

Dettagli

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio J.H. C. Classe I B Virgilio C.G. Classe V B Virgilio Classe V A Virgilio Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della

Dettagli

L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo

L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo L anidride carbonica è uno dei più importanti gas presenti nell atmosfera. Benché rappresenti in percentuale solo lo 0,03 per cento ha un ruolo chiave nella regolazione del clima della terra: lascia passare

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

L Impronta ecologica

L Impronta ecologica Scheda didattica Foglio di lavoro Impronta Ecologica WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L Impronta ecologica Attività: Paragonare e osservare un paesaggio della prima metà del 20esimo secolo con lo stesso

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

AMBIENTE E SCELTE ECONOMICHE

AMBIENTE E SCELTE ECONOMICHE AMBIENTE E SCELTE ECONOMICHE Wolfgang SACHS Wuppertal Institute for Climate, Energy and the Environment (Germania) (Adattamento e sintesi a cura di S. Burzio e A. Perazzone) La Lega per l'ambiente e la

Dettagli

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO Sommario L Atmosfera Inquinamento Atmosferico Principali Cause dell Inquinamento Atmosferico Principali Conseguenze dell Inquinamento Atmosferico Buco

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico

Ambasciatori. Rappresentano gli interessi di un area geografica. Russia Medio Oriente. Cina Sud-Est Asiatico. Nord America Fabbisogno energetico Ambasciatori gli interessi di un area geografica Russia Medio Oriente Economia basata sul petrolio e sul gas naturale Cina Sud-Est Asiatico carbone, economia in forte crescita Nord America grande nazione,

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 12/10/2013 C'è un piacere nei boschi senza sentieri, c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, c'è vita, laddove nessuno

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti

l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti l'energia Progetto ambiente Scuola media E.Q. Visconti che cosa è l'energia? L energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema a compiere un lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41 "COP18" A Doha la conferenza dell'onu sul cambiamento climatico 17mila partecipanti e 194 nazioni per cercare un nuovo "accordo globale sul clima". Ma è polemica per la scelta del Qatar, il paese che detiene

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353 Pag. 308-309-310 e 351-352-353 1 L energia NON si vede, NON si tocca, ma è qualcosa che è dentro, all interno della materia stessa e la rende capace di compiere un lavoro. Dal Greco ENERGES che vuol dire

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

IL CLIMAX DEL CLIMA: L ESAURIMENTO DEL BUDGET DI CARBONIO. STRATEGIE VERSO PARIGI 2015

IL CLIMAX DEL CLIMA: L ESAURIMENTO DEL BUDGET DI CARBONIO. STRATEGIE VERSO PARIGI 2015 IL CLIMAX DEL CLIMA: L ESAURIMENTO DEL BUDGET DI CARBONIO. STRATEGIE VERSO PARIGI 2015 Introduzione L'Interngovernamental Panel on Climate Change (IPCC) ha parlato chiaro: non c'è nessun dubbio, ormai,

Dettagli

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale

Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Gli Italiani, il cibo e la sostenibilità ambientale Marilena Colussi Direttore di ricerca Food e Retail GPF Roma 4 novembre 2010 CONSUMI ALIMENTARI IN TEMPO DI CRISI 1 La difesa dell ambiente è ampiamente

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

L'aliquota di accisa sul metano, trattandosi di un gas, è rapportata al metro cubo.

L'aliquota di accisa sul metano, trattandosi di un gas, è rapportata al metro cubo. Accise Per accisa si intende un imposta sulla fabbricazione e sul consumo. È un tributo indiretto che colpisce singole produzioni e singoli consumi. In Italia le accise più importanti sono quelle relative

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 ENERGY (R) EVOLUTION VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 Antonio Bertolotto, fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO?

LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO? LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO? A CHE PUNTO E L ITALIA Il protocollo di Kyoto impegna i Paesi industrializzati a una riduzione delle

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata?

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Pag. 1 Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Abbina ogni parola alla corretta definizione. A. Ecocompatibilità B. Rifiuti organici C. Discarica D. Auto ibrida E. Depurazione F. Materiali

Dettagli

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO - C è una domanda fondamentale da porsi, affrontando questi problemi: Le risorse del nostro pianeta sono sufficienti per fornire a tutti gli uomini una vita dignitosa? - Una possibile

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 1

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 1 IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLO 1 Indice Capitolo 1 Ambiente e Sostenibilità Introduzione alla sostenibilità ambientale 4 Riferimenti bibliografici 6 Riferimenti web 6 L'ITINHERARIO

Dettagli

IN TECNOLOGIA VERSIONE MISTA. Imparo e applico con. per bisogni educativi speciali

IN TECNOLOGIA VERSIONE MISTA. Imparo e applico con. per bisogni educativi speciali Imparo e applico con IN TECNOLOGIA per bisogni educativi speciali Schede facilitate con attività Audiolibro Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi VERSIONE MISTA Libro Web

Dettagli

Ora o mai più: il clima non può continuare a riscaldarsi all infinito. Con la tua offerta contribuisci a garantire una patria all orso polare.

Ora o mai più: il clima non può continuare a riscaldarsi all infinito. Con la tua offerta contribuisci a garantire una patria all orso polare. Attualità WWF n.1, gennaio 2010 Ora o mai più: il clima non può continuare a riscaldarsi all infinito Con la tua offerta contribuisci a garantire una patria all orso polare. I gas serra riscaldano la terra

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Eco-Concorso Einstein

Eco-Concorso Einstein IPSSAR DI TORCARBONE VIA DI TORCARBONE 53 ROMA Eco-Concorso Einstein scuole superiori Roma dal 20-12 2008 al 10-01-2009 Lungotevere Dante, zona Marconi, Roma gennaio 2009 FAR FINTA DI NON SAPERE/VEDERE

Dettagli

A CURA DI: FEDERICA COGLIO, SILVIA RANDI E SARA ROSSI BIOMASSE E BIOCARBURANTI

A CURA DI: FEDERICA COGLIO, SILVIA RANDI E SARA ROSSI BIOMASSE E BIOCARBURANTI A CURA DI: FEDERICA COGLIO, SILVIA RANDI E SARA ROSSI BIOMASSE E BIOCARBURANTI ENERGIA ALTERNATIVA Per energia alternativa si intende una particolare fonte di energia differente da quella ottenuta dall'utilizzo

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

Sistemi di gestione e di certificazione ambientale

Sistemi di gestione e di certificazione ambientale Patrizia Papetti Enrica Iannucci Sistemi di gestione e di certificazione ambientale Obiettivi e strumenti ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

L Italia e una globalizzazione sbagliata

L Italia e una globalizzazione sbagliata Gli effetti ambientali della globalizzazione Se ne è scritto poco, perché sono stati poco studiati. Ma la globalizzazione ha avuto anche effetti ambientali. Tra i pochi che se ne sono occupati ci sono

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

Daniele Bartocci LA VISIONE PESSIMISTICA DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Daniele Bartocci LA VISIONE PESSIMISTICA DELLO SVILUPPO ECONOMICO Daniele Bartocci LA VISIONE PESSIMISTICA DELLO SVILUPPO ECONOMICO THOMAS ROBERT MALTHUS RELAZIONE POPOLAZIONE- RISORSE I TRE ASSIOMI DI MALTHUS L ammontare della popolazione è necessariamente limitato

Dettagli

Rosin condivide e ha fatto suoi i criteri dell Agenzia CasaClima per garantire il massimo comfort abitativo ai suoi clienti nel rispetto dell

Rosin condivide e ha fatto suoi i criteri dell Agenzia CasaClima per garantire il massimo comfort abitativo ai suoi clienti nel rispetto dell CasaClima Rosin condivide e ha fatto suoi i criteri dell Agenzia CasaClima per garantire il massimo comfort abitativo ai suoi clienti nel rispetto dell ambiente e del risparmio energetico. "Tratta bene

Dettagli