SVEZIA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVEZIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVEZIA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVEZIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it"

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane all'estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa vendere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Indicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Materie prime Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Indici di Global Competitiveness e Libertà Economica Indici di Apertura al commercio internazionale Fattori maggiormente problematici per fare business Business Cost Indice Doing Business ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Innovazione, ricerca e sviluppo Mercato e qualitá della vita Facile fare affari e attrattività corporate taxation Elevata produttività e mondo del lavoro all'avanguardia Posizione centrale e eccellente rete di infrastrutture Innovazione, ricerca e sviluppo La Svezia ha raggiunto risultati di eccellenza come paese fornitore di soluzioni e prodotti innovativi in una vasta gamma di settori industriali su scala globale. La capacità innovativa ed interdisciplinare, specie in termini di simbiosi tra mondo del business e ambiente accademico rendono la Svezia un paese leader per risultati d impresa. La cultura svedese è aperta ed incline all'innovazione, specie tecnologica. Mercato e qualitá della vita Accedere al mercato svedese significa accedere al più prospero mercato nazionale scandinavo, ma anche al più grande mercato di libero scambio al mondo - l'unione Europeacon 27 paesi e 500 milioni di consumatori. La Svezia rappresenta una quota importante nella regione nordico-baltica sia per dimensione della domanda interna che per gamma di attività economiche. Il paese è spesso visto come capofila nell'adozione di nuove tecnologie e nella creazione di nuove tendenze di consumo. Molti gli esempi di aziende che effettuano in Svezia i loro primi test di mercato. Facile fare affari e attrattività corporate taxation La Svezia si caratterizza per un ambiente economico internazionale, moderno, aperto e business-friendly. Professionisti qualificati, procedure aziendali lineari e ricettività ai partenariati internazionali ne fanno un paese in cui le attività economiche sono agevolate, grazie ad una elevata trasparenza delle procedure e alla facilità di accesso alle informazioni. L avvio di una società in Svezia è semplice e rapido. Le aziende internazionali in Svezia spesso elogiano la qualità dei consulenti locali e dei partner commerciali. Elevata produttività e mondo del lavoro all'avanguardia La responsabilizzazione e la delega decisionale al personale, consentono un approccio dal basso verso l'alto; un problem-solving che mostra risultati impressionanti per quanto riguarda la produttività. La Svezia ha una lunga storia dove si annoverano livelli di produttività molto elevati, nonostante siano presenti normative molto favorevoli al personale in fatto di vacanze, congedi parentali, numero di ore lavorativ,ecc. Con un'abbondante presenza di lavoratori qualificati, una elevata presenza femminile nella forza lavoro e una predisposizione alla ristrutturazione economica. Posizione centrale e eccellente rete di infrastrutture La Svezia è la prima scelta per le operazioni di mercato centralizzate nel Nord Europa. Viene inoltre scelta per prima quando si tratta di dover installare sedi principali di uffici, centri di distribuzione nella regione, contact center e centri di servizi condivisi. Risulta essere l unico Paese che offre un servizio di distribuzione 24 ore al giorno verso tutte le principali città della regione, il tutto tramite un sistema di distribuzione avanzato e di infrastrutture per la comunicazione che contano 10 diversi poli logistici. Ultimo aggiornamento: 01/03/2013 DATI GENERALI Forma di stato Monarchia parlamentare Superficie kmq Lingua Svedese Religione Luterana per il 90% Moneta Corona Svedese (SEK) Ultimo aggiornamento: 11/01/2013 1

4 DOVE INVESTIRE Servizi di informazione e comunicazione Macchinari e apparecchiature Attività professionali, scientifiche e tecniche Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Prodotti alimentari Servizi di informazione e comunicazione La Svezia offre molteplici opportunità di investimenti in ICT, non solo perche vi si trova un ambiente aziendale dinamico per lo sviluppo di tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ma anche perche essa è leader mondiale nella trasformazione della tecnologia in prodotti e applicazioni commercialmente validi e nella commercializzazione rapida dei nuovi prodotti e servizi. La Svezia è inoltre ripetutamente collocata al top delle classifiche sull'innovazione. Decenni di esperienza nei settori di telecomunicazioni, wireless, elettronica e di web applicazioni / design, rendono la Svezia un luogo ideale per le attività di R&S nell'ict. Le societá Apple, ARM, Electronic Arts, Ericsson, Google, Huawei, IBM, Intel, Mediatek, Opera, Qualcomm, RIM, Skype e Sony e molte altre sono presenti in Svezia per sviluppare le loro tecnologie. Clusters per lo sviluppo delle ICT si trovano in tutto il paese. La presenza di aziende di tecnologia leader nel mondo, richiedono l impiego di tecnici altamente qualificati. L area nordica (SCANBALT), guidata dalla Svezia, è uno degli ambienti più interessanti al mondo per gli investimenti tecnologici, con una notevole esperienza di progetti, con uscite di successo ed un flusso costante di nuovi accordi. L innovazione svedese continua a esplorare nuovi prodotti e servizi che di fatto interrompono i mercati esistenti. Le società svedesi, in particolare un numero crescente di nuove arrivate, sfidano le norme consolidate in settori e mercati tra cui musica, film, pagamenti, le telecomunicazioni e carte regalo. Macchinari e apparecchiature La Svezia rappresenta un mercato particolarmente appetibile. La forte tradizione produttiva di beni industriali e di investimento, porta ancora ad individuare nei macchinari e nella sub fornitura elettromeccanica le fonti primarie delle nostre esportazioni. Come e noto nell insieme questi comparti rappresentano il cuore delle nostre esportazioni in Svezia con circa il 45%-50% sul totale. Come altrove, la crisi internazionale ha messo in moto un intenso processo di ristrutturazioni, riconversione ed investimenti volti ad aumentare la competitivita internazionale delle imprese e/o sviluppare nuovi prodotti. La Svezia ha importato dall Italia nel 2011 macchinari ed apparecchi industriali per circa 940 milioni di Euro, con un aumento del 17,6% rispetto all anno precedente. Attività professionali, scientifiche e tecniche futura delle economie nazionali[1], Nell attuale processo di globalizzazione in cui: - scienza e tecnologia sono in misura crescente fattori critici di successo della competitivita - lo sviluppo del commercio internazionale dipende in misura crescente dall intensita e circolarità delle relazioni tra investimenti in R&D ed investimenti esteri ( FDI), i circuiti/network di Technology & innovation roadmapping[2]-[3] & trade in knowledge and tasks[4] vanno assumendo un ruolo sempre piu importante nel campo della generazione di valore dall innovazione tecnologica sia a livello aziendale che settoriale. La Svezia e' ai vertici delle classifiche internazionali sia per quanto riguarda il tasso di investimenti in R&D in rapporto al PIL che della redditività. Inoltre, ospita molte aziende leader internazionalmente riconosciute attive nel segmento ad alta intensitá di conoscenza dei settori Generazione di Energia, Sicurezza passiva etc. i Meccatronica, Nuovi Materiali Funzionali, Automazione Processi Industriali, Biotech, Cleantech & A riconoscimento e sostegno di questa realtá e del loro distintivo metodo di lavoro e specializzazione (collaborazione competitiva), l U.E. ha dedicato a questo polo il programma ScanBalt ( nell ambito del VII Programma E.U. di R&D). Per contro, all Italia si riconosce un indiscussa eccellenza manifatturiera - in particolare nei comparti produttivi storicamente più consolidati come la meccanica, la meccatronica, il packaging, i processi e le macchine per l automazione industriale, ecc., - le cui prospettive sembrano sempre più scontare le conseguenze della carenza di investimenti in R&D ; carenza imputabile soprattutto alle limitate dimensioni delle aziende italiane che costituiscono la parte dominante del tessuto imprenditoriale italiano. 2

5 [1] Per approfondimenti si rimanda alla nota Technology Roadmapping by Robert Phaal, Centre for Technology Management, University of Cambridge, United Kingdom Technology Roadmapping disponibile su: [2] Per approfondimenti si rimanda al sito TR and industry / Trade Competitiveness [3] Per approfondimenti si rimanda alla nota Technology Roadmapping sopra citata [4]Per approfondimenti si rimanda alla nota NBER working Paper N.12991( Cambridge, MA) libera traduzione ). Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Per molti anni la Svezia ha vantato un ruolo di leadership nel settore delle tecnologie mediche: il pacemaker, la radiochirurgia stereotassica, l'ecografia, l'incubatrice, l'emodialisi e molte altre innovazioni hanno aumentato la prospettiva per l'assistenza sanitaria per salvare, prolungare e migliorare la qualità della vita. L'associazione di categoria delle apparecchiature medicali MEdTech svedese raccoglie 150 associate del settore, che costituiscono quasi il 90% del totale delle aziende produttrici di apparecchiature medicali presenti in Svezia. Medtech sottolinea comunque che rispetto al passato, oggi si registra in Svezia una diminuzione evidente della ricerca clinica soprattutto a causa del fatto che spesso c'é bisogno di molto tempo prima che le nuove tecnologie innovative trovino utlilizzo nel settore sanitario. Potrebbe essere questa l occasione, per le punte di eccellenza italiane delle apparecchiature innovative e dei prodotti e servizi in uso nel settore sanitario, di rendersi competitive per affermarsi e consolidarsi sul mercato svedese. Prodotti alimentari I dati storici di importazione mostrano che il consumatore svedese è sempre più aperto nei confronti dei nuovi prodotti agroalimentari; apertura che gli deriva in primo luogo dalla crescente disponibiltà di un buon potere d acquisto, dalla consolidata abitudine di viaggiare all estero e dal tradizionale atteggiamento aperto nei confronti delle novità. La cucina italiana é percepita come sinonimo di buona cucina intesa sia come cucina salutare (aspetto qui molto importante) che gustosa/saporita e i consumatori hanno ormai una consolidata confidenza con il mangiare italiano/ cucina italiana, meglio con quella piú stereotipata e di più largo consumo. Un esempio per tutti e quello della pasta, prodotto poco presente nella borsa della spesa prima del 1995 anno di adesione all UE di Danimarca, Finlandia e Svezia e oggi un prodotto cosi comune che gli svedesi si contendono il 4^ posto al mondo per consumo di pasta procapite. Nel 2011, il settore ha registrato buone performance registrando un incremento rispetto all anno precedente del 14% superiore di un punto alla media delle importazioni mondiali della Svezia (13%). Variazioni maggiormente significative giungono dal comparto delle Bevande, +14,3% rispetto all anno precedente, superiore di quasi sei punti alla media delle importazioni mondiali della Svezia (8,5%). Il mercato svedese delle bevande alcoliche, invece, soprattutto per quanto riguarda i vini, offre interessanti potenzialità ai produttori italiani dotati di strutture ed organizzazioni adeguate. In Svezia vige il monopolio di stato, "Systembolaget", per la rivendita al dettaglio di bevande alcoliche, comprese le birre di gradazione superiore al 3,5% di volume alcolico, prodotte nel Paese o importate. Solitamente la via più facilmente percorribile per un ingresso sul mercato è quella del canale della ristorazione che, d altra parte e nella grande maggioranza dei casi, non permette volumi di vendita sostenuti. Riguardo ai produttori che hanno anche la potenziale capacità di servire il mercato tramite la vendita al dettaglio, il canale Ho.re.ca consente loro di ottenere benefici economici di breve periodo e di approfondire la conoscenza del mercato in modo da mirare al meglio le offerte di prodotto a "Systembolaget". Per il proprio approvvigionamento ogni mese "Systembolaget" pubblica sulle pagine riservate del proprio sito internet richieste di offerte alle quali hanno accesso circa 650 fornitori approvati, registrati ed accrediati. L aliquota IVA sulle bevande alcoliche è pari al 25%. Nel 2011 le prime tre posizioni per volume di vendita, considerando i Paesi di provenienza dei vini venduti da Systembolaget, erano occupate rispettivamente da Sudafrica, Italia (a poca distanza dal Sudafrica e stabile al secondo posto con una quota del 17,8%) e Australia. Ma nel 2012, per la prima volta l Italia si e collocata al primo posto, superando cosi il Sudafrica, se si considerano i volumi, con un valore di circa 42,5-43,0 milioni di litri esportati. Ultimo aggiornamento: 13/02/2013 3

6 COSA VENDERE Prodotti delle miniere e delle cave Prodotti della metallurgia Macchinari e apparecchiature Prodotti alimentari Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Prodotti delle miniere e delle cave La Svezia ha importato nel 2011 Prodotti delle miniere e delle cave per circa milioni di Euro, con un aumento del 28,4% rispetto al L Italia, nello stesso periodo, ha registrato una variazione positiva rispetto all anno precedente del 30,7% delle esportazioni del settore verso la Svezia. Prodotti della metallurgia Il comparto manifatturiero svedese e di dimensioni limitate, composto da piccole e medie imprese la cui produzione e funzionale alle esigenze di fornire componenti alle aziende leader. Caratteristica questa che, se adeguatamente sfruttata in quesa fase di acuta ristrutturazione che le imprese stanno facendo per superare la crisi, puo offrire alle PMI italiane buone opportunita per proporsi direttamente come subfornitori anziche terzisti e sviluppare cosi idonee e durature relazioni d affari con le imprese locali. Nel 2011 il settore ha registrato una variazione positiva rispetto all anno precedente del 28,5% delle esportazioni del settore verso la Svezia. All Italia, secondo fornitore della Svezia dopo la Germania nel 2011, si riconosce soprattutto un indiscussa eccellenza manifatturiera in particolare nei comparti produttivi storicamente più consolidati come la meccanica, la meccatronica, il packaging, i processi e le macchine per l automazione industriale ecc. Macchinari e apparecchiature La Svezia rappresenta un mercato particolarmente appetibile. La forte tradizione produttiva di beni industriali e di investimento, porta ancora ad individuare nei macchinari e nella sub fornitura elettromeccanica le fonti primarie delle nostre esportazioni. Come e noto nell insieme questi comparti rappresentano il cuore delle nostre esportazioni in Svezia con circa il 45%-50% sul totale. Come altrove, la crisi internazionale ha messo in moto un intenso processo di ristrutturazioni, riconversione ed investimenti volti ad aumentare la competitivita internazionale delle imprese e/o sviluppare nuovi prodotti. La Svezia ha importato dall Italia nel 2011 macchinari ed apparecchi industriali per circa 940 milioni di Euro, con un aumento del 17,6% rispetto all anno precedente. Prodotti alimentari I dati storici di importazione mostrano che il consumatore svedese è sempre più aperto nei confronti dei nuovi prodotti agroalimentari; apertura che gli deriva in primo luogo dalla crescente disponibiltà di un buon potere d acquisto, dalla consolidata abitudine di viaggiare all estero e dal tradizionale atteggiamento aperto nei confronti delle novità. La cucina italiana é percepita come sinonimo di buona cucina intesa sia come cucina salutare (aspetto qui molto importante) che gustosa/saporita e i consumatori hanno ormai una consolidata confidenza con il mangiare italiano/ cucina italiana, meglio con quella piú stereotipata e di più largo consumo. Un esempio per tutti e quello della pasta, prodotto poco presente nella borsa della spesa prima del 1995 anno di adesione all UE di Danimarca, Finlandia e Svezia e oggi un prodotto cosi comune che gli svedesi si contendono il 4^ posto al mondo per consumo di pasta procapite. Nel 2011, il settore ha registrato buone performance registrando un incremento rispetto all anno precedente del 14% superiore di un punto alla media delle importazioni mondiali della Svezia (13%). Variazioni maggiormente significative giungono dal comparto delle Bevande, +14,3% rispetto all anno precedente, superiore di quasi sei punti alla media delle importazioni mondiali della Svezia (8,5%). Il mercato svedese delle bevande alcoliche, invece, soprattutto per quanto riguarda i vini, offre interessanti potenzialità ai produttori italiani dotati di strutture ed organizzazioni adeguate. In Svezia vige il monopolio di stato, "Systembolaget", per la rivendita al dettaglio di bevande alcoliche, comprese le birre di gradazione superiore al 3,5% di volume alcolico, prodotte nel Paese o importate. Solitamente la via più facilmente percorribile per un ingresso sul mercato è quella del canale della ristorazione che, d altra parte e nella grande maggioranza dei casi, non permette volumi di vendita sostenuti. Riguardo ai produttori che hanno anche la potenziale capacità di servire il mercato tramite la vendita al dettaglio, il canale Ho.re.ca consente loro di ottenere benefici economici di breve periodo e di approfondire la conoscenza del mercato in modo da mirare al meglio le offerte di prodotto a "Systembolaget". Per il proprio approvvigionamento ogni mese "Systembolaget" pubblica sulle pagine riservate del proprio sito internet richieste di offerte alle quali hanno accesso circa 650 fornitori approvati, registrati ed accrediati. L aliquota IVA sulle bevande alcoliche è pari al 25%. Nel 2011 le prime tre posizioni per volume di vendita, considerando i Paesi di provenienza dei vini venduti da Systembolaget, erano occupate rispettivamente da Sudafrica, Italia (a poca distanza dal Sudafrica e stabile al secondo posto con una quota del 17,8%) e Australia. Ma nel 2012, per la prima volta l Italia si e collocata al primo posto, superando cosi il Sudafrica, se si considerano i volumi, con un valore di circa 42,5-43,0 milioni di litri esportati. Articoli in pelle (escluso 4

7 Articoli in pelle (escluso Seppur catalogabile come settore di nicchia, e' quello che ha fatto registrare una delle abbigliamento) e simili migliori cinque performance, delle esportazioni italiane verso la Svezia nel 2011 (e' la seconda per interesse in Svezia), in termini di incremento rispetto all'anno precedente registrando un valore pari al 34,6%, quasi doppio di quello della media delle importazioni mondiali della Svezia (18,6%). Ultimo aggiornamento: 01/03/2013 5

8 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA Le elezioni politiche del 19 settembre 2010 hanno confermato la coalizione di centro-destra alla guida del Paese. Nonostante non abbia raggiunto la maggioranza assoluta, l Alleanza per la Svezia (Centro, Liberali, Cristiano-Democratici e Moderati) sembra saldamente avviata a concludere la legislatura fino alle elezioni del settembre 2014, anche grazie alla riluttanza di tutti i partiti a cooperare con il partito xenofobo di estrema destra Democratici Svedesi, che con il 5,7% dei voti ha ottenuto 20 seggi in Parlamento (e il cui sostegno sarebbe necessario all opposizione di centro-sinistra ai fini dello scioglimento del Parlamento). Il programma di governo è focalizzato su occupazione, riforma della politica fiscale, maggiore flessibilità nel mercato immobiliare. Per mitigare gli effetti della crisi economica, viene data alta priorità al sostegno all occupazione, specialmente di quella giovanile, attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro temporanei e l introduzione di incentivi per promuovere l istruzione/formazione dei disoccupati. Sono state inoltre annunciate misure per rendere più accessibile il mercato immobiliare attraverso la riduzione della tassa sulla proprietà e l'adozione di misure per frenare i prezzi degli affitti oltre che per stimolare l edilizia residenziale. Il mercato immobiliare presenta rischio di bolla immobiliare. Nonostante il calo dell indice di fiducia dei consumatori, infatti, i prezzi continuano ad aumentare a causa della scarsa offerta di immobili residenziali, così come i debiti privati. La politica fiscale centrale è basata sul tetto di spesa nominale fissato su base triennale e sull obiettivo dell avanzo di bilancio dell 1%. L indebolimento dell economia dal secondo semestre 2012 e la decisione di aumentare la spesa pubblica per stimolare l economia, ha determinato un deficit di bilancio pari all 1,5% del PIL nel Secondo le previsioni del governo, il deficit previsto nel 2014 sarà pari all 1,9% del PIL. La prevista ripresa economica consentirà di ritornare al surplus dell 1,1% nel Il debito pubblico, che nel 2012 è stato pari al 38,1% del PIL, raggiungerà il 41,2% nel Addetto economico-commerciale Giuseppina Belviso Ultimo aggiornamento: 10/03/2014 RELAZIONI INTERNAZIONALI L azione internazionale della Svezia si svolge sui quattro cardini fondamentali del tradizionale non allineamento politico-militare, della partecipazione all Unione Europea, del ruolo di Potenza regionale cui la Svezia aspira e, infine, del sostegno al sistema delle Nazioni Unite. La Svezia non fa parte di alleanze militari (non è membro della NATO) anche se, quale Paese membro dell UE, partecipa alla politica di sicurezza europea e alla Partnership for Peace della NATO. La partecipazione all UE, sostenuta da tutti i principali partiti, è molto attiva, nonostante la costante e ferma contrarietà a sviluppi in senso federalista. La Svezia ha sostenuto l eurozona, pur non facendone parte, indirettamente attraverso contributi al Fondo Monetario Internazionale nel novembre 2011 e aderendo al Fiscal Compact (febbraio 2012, non ancora in vigore). Il Paese è invece cauto nel sostegno alla supervisione bancaria dell UE (ha votato in favore ma non vi parteciperà). La Svezia collabora attivamente con gli altri Paesi nordici in seno al Consiglio Nordico su questioni di ambiente, politica energetica, progetti di infrastrutture per il rafforzamento del commercio estero e cooperazione nel settore della difesa. Infine, la Svezia partecipa attivamente a tutti gli organismi ONU con particolare riguardo alle attività di aiuto allo sviluppo (è uno dei principali donatori), alle operazioni di mantenimento della pace (Kosovo e Afghanistan) o di intervento a fini umanitari e alle iniziative di promozione della democrazia e dei diritti umani. Addetto economico-commerciale Giuseppina Belviso Ultimo aggiornamento: 13/02/2013 6

9 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO Secondo gli ultimi dati del National Institute of Economic Research (NIER), nel quarto trimestre 2014 l economia svedese ha registrato una ripresa moderata, causata in gran parte dal debole sviluppo nell'eurozona. Misure di stimolo politico-economiche hanno contribuito ad una crescita della domanda interna nella norma. L'inflazione é bassa e la politica di azzeramento del tasso repo attuata dalla Banca Centrale sembra voler essere persistente. Il PIL é cresciuto nei primi tre trimestri in media dello 0,3% al trimestre (1,9 % annuale al 2014) e la disoccupazione é diminuita marginalmente ad una percentuale di poco inferiore all'8%. Il NIER prevede che la crescita proseguirá con tale entitá nel corso del 2015 (2,0%) e del 2016 (2,8%). Anche le esportazioni dovrebbero avere andamento positivo grazie alla crescita del PIL nel resto del mondo. La crescita delle esportazioni, al 2,4% nel 2014 dovrebbe raggiungere il 5% nel 2016 e nel I consumi privati, nel 2014 in crescita del 2,4%, potrebbero risentire del requisito di ammortamento introdotto recentemente. La quota di risparmi privati, attualmente al record storico del 15% potrebbe in virtú del miglioramento relativo al mercato del lavoro nel 2015 e nel 2016 diminuire, favorendo i consumi. Il NIER prevede che il trend positivo legato all'occupazione (+0,8% nel terzo trimestre 2014) perdurerá. Nel complesso il dato relativo al 2014 si aggira intorno al +1,5%. L'occupazione cresce, con eccezione per il settore dell'industria. una leggera diminuzione della popolazione in forza lavoro nei prossimi anni determinerá assieme ad una crescita dell'occupazione ad una diminuzione della disoccupazione, che dovrebbe assestarsi attorno al 6,6% nel 2018 e nel L inflazione resterà bassa e risalirà sotto al 2% solo nel raggio del prossimo quinquennio. La Banca Centrale apporterà il primo aumento del repo soltanto a fine Il deficit di bilancio sarà nel 2014 pari al 1,6% del PIL, superiore all'obiettivo prefisso del 1,2% necessario per raggiungere l'obiettivo seppur sempre piú remoto di surplus dell'1% definito dal governo.la politica economica a cui si aspira, a differenza della precendente definita piú restrittiva, é caratterizzata dalla piena copertura finanziaria delle misure attuate, secondo il principio "corona per corona". Le tasse dovrebbero aumentare di 90 miliardi di corone nel periodo Il surplus di bilancio, in virtú delle misure proposte, potrebbe raggiungersi nel 2024 con l'1,2% del PIL. La corona svedese (SEK) si è rafforzata in modo consistente sull euro e sul dollaro a partire dal Secondo le previsioni la corona continuerà a rafforzarsi in termini reali sulle valute di molti Paesi partner commerciali. COMMERCIO ESTERO Secondo gli ultimi dati di Statistics Sweden, le esportazioni al netto hanno avuto un effetto negativo sulla crescita in relazione al PIL (anche se in maniera ridotta rispetto all inizio del corrente anno), a causa di un aumento delle importazioni (+ 9,9 % ad ottobre 2014 rispetto al corrispondente mese del 2013). In genere, le esportazioni e soprattutto le esportazioni di beni sono cresciute molto lentamente negli ultimi sei trimestri (cfr. +6,0 % ad ottobre 2014 rispetto allo stesso mese del 2013). La motivazione e presumibilmente da ricondursi alla lenta ripresa registrata in gran parte dell Europa. La produzione di servizi ha costituito la forza trainante di maggior peso, di pari passo con il settore edile. La produzione manifatturiera ha continuato a retrocedere manifestando la scarsa richiesta di prodotti industriali. Secondo dati relativi al 2013, le esportazioni svedesi, pari a miliardi di SEK, sono aumentate nel 2014 del 2,2% e le importazioni, pari a 1470 miliardi di SEK, sono cresciute nel 2014 del 5,1% rispetto al Il saldo della bilancia commerciale, pari a 251 miliardi di SEK nel 2013 rimane positivo, in crescita del 6,6% rispetto al 2012 e nel 2014 del 5,7% rispetto al Roberta Sturma, Ufficio economico-commerciale Ultimo aggiornamento: 08/01/2015 POLITICA ECONOMICA In vista della presentazione della Spring Fiscal Policy Bill, nella quale saranno proposte riforme per una spesa pari a 9 miliardi di corone l'anno (circa 1 miliardo di euro) tra il 2015 e il 2018, il Governo svedese ha annunciato una svolta nella politica fiscale. Poiche' la recessione ha concluso la fase piu' negativa, la politica fiscale espansiva (tagli fiscali in deficit) sara' conclusa e l'obiettivo sara' riportare il bilancio pubblico verso il pareggio e l'avanzo entro il

10 La condizione per il raggiungimento dell'obiettivo dell'avanzo di bilancio e' che le riforme per promuovere l'occupazione e le esportazioni abbiano totale copertura finanziaria. Per questa ragione, il governo non includera' tagli fiscali nella imminente legge di politica di bilancio di primavera (che delinea le politiche per i prossimi tre anni). La copertura finanziaria delle riforme proposte derivera' da tagli della spesa pubblica e dall'aumento delle tasse, con esclusione delle tasse sul reddito, dato che cio', secondo il governo, ostacolerebbe la ripresa e la creazione di posti di lavoro. L'accento sara' posto piuttosto sulla prevenzione delle frodi e dell'elusione fiscale, nonche' sull'aumento delle accise su alcol, tabacco e benzina. Secondo le previsioni del governo, dopo gli anni della crisi finanziaria ed economica, l'economia della Svezia tornera' gradualmente alla normalita'. Le esportazioni svedesi saranno ancora frenate dalla debole domanda internazionale e la crescita nel 2014 sara' prodotta essenzialmente dalla domanda interna, sostenuta dalla politica fiscale espansiva. Nei prossimi anni, con lo stabilizzarsi della ripresa economica internazionale, la crescita svedese si rafforzera'. Il PIL aumentera' del 3,5% nel 2015 e del 3,7% nel 2016, l'occupazione aumentera' dello 0,9%-1,2% l'anno e la disoccupazione diminuira' dal 7,7% del 2014 al 5,9% del Dopo il deficit dell'1,9% nel 2014, il bilancio pubblico tornera' gradualmente in pareggio ed entro il 2018 raggiungera' un avanzo dell'1,1%. Secondo la 'National Financial Management Authority' svedese, invece, il deficit di bilancio nel 2014 sara' pari al 2,3% del PIL, il livello piu' alto da quando nel 2000 e' stato introdotto l'obiettivo del surplus di bilancio dell'1%. Gli ultimi dati del 'National Institute of Economic Research' (NIER) indicano un debito pubblico stimato per il 2013 pari al 41,2% del PIL; nel 2012 esso e' stato pari al 38,1% del PIL. Con la legge finanziaria per il 2014, mantenendo la politica fiscale espansiva, l esecutivo aveva ribadito l'intenzione di sfruttare la solidita' delle finanze pubbliche svedesi per sostenere la crescita e l'occupazione e per impedire il radicarsi della disoccupazione. La manovra, pari a 24 miliardi di SEK (circa 2,8 miliardi di euro), ha introdotto sgravi fiscali per le imprese che assumono giovani, oltre all'introduzione del quinto credito d'imposta sul reddito da lavoro dipendente (del valore di 12 miliardi di SEK, circa 1,4 miliardi di euro), l'innalzamento della soglia piu' bassa dell'imposta sul reddito e la riduzione delle tasse sul reddito dei pensionati. Riguardo alla politica espansiva del Governo svedese, il "National Institute of Economic Research (NIER) aveva espresso l'opinione secondo cui, seppure giustificabile considerata la debole congiuntura economica, essa avrebbe dovuto essere resa più restrittiva nel periodo per tornare al rispetto dell obiettivo del surplus di bilancio dell 1%. Secondo le stime dell Istituto, i tagli fiscali e gli aumenti della spesa pubblica introdotti nel 2014 dovranno essere compensati da aumenti delle tasse e tagli della spesa pubblica della stessa entità nel periodo Addetto economico-commerciale Giuseppina Belviso Ultimo aggiornamento: 10/03/2014 8

11 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) ,4 Variazione del PIL reale (%) 6,3 3,8 1 0,9 2,4 Popolazione (mln) 9,42 9,49 9,55 9,61 9,69 PIL pro-capite a parita di potere d'acquisto ( $) Disoccupazione (%) 8,4 7,5 7,7 8 7,9 Debito pubblico (% PIL) 39,5 38,4 38,9 41,3 43,9 Inflazione (%) 1,2 3 0,9-0,1 0,2 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) 11,95 6,11-1,13 3,1 6,8 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU e IMF. Ultimo aggiornamento: 21/08/2015 TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 9

12 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale mln mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) NORVEGIA nd nd nd nd GERMANIA nd nd nd nd USA nd nd nd nd Italia Position: Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura Prodotti delle miniere e delle cave Prodotti alimentari Bevande 751 Tabacco 155 Prodotti tessili 991 Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 396 Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio Carta e prodotti in carta Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio Prodotti chimici Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Articoli in gomma e materie plastiche Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Prodotti della metallurgia Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche Macchinari e apparecchiature Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Mobili Prodotti delle altre industrie manufatturiere Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 939 Altri prodotti e attività Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale. OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. 10

13 IMPORT Import Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale mln mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI FORNITORI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) GERMANIA nd nd nd nd NORVEGIA nd nd nd nd DANIMARCA nd nd nd nd Italia Posizione: Italia Posizione: nd nd Italia Posizione: nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura Prodotti delle miniere e delle cave Prodotti alimentari Bevande 944 Tabacco 107 Prodotti tessili Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 956 Carta e prodotti in carta Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 730 Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio Prodotti chimici Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Articoli in gomma e materie plastiche Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Prodotti della metallurgia Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche Macchinari e apparecchiature Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Mobili Prodotti delle altre industrie manufatturiere Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 413 Altri prodotti e attività Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale. OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. OSSERVAZIONI Nota: La conversione in euro dei dati dell'"economist Intelligence Unit" espressi in dollari USA (che è la valuta nella quale si svolge il commercio estero svedese) altera il quadro delle previsioni/stime. Infatti, per il 2012 le stime in dollari indicano un calo delle esportazioni pari al 6,2% e una diminuzione delle importazioni pari al 5,6% rispetto al 2011 (invece del +1,7% e del -8,3% risultanti dopo la conversione dei valori in euro). Giuseppina Belviso, Addetto economico-commerciale. I beni maggiormente esportati dalla Svezia alla fine del 2011 risultavano in ordine: - Macchinari e mezzi di trasporto, per un valore del 46,4% del totale delle esportazioni. - I minerali ferrosi, ferro e acciao, con un valore del 12%, i prodotti chimici, per un valore dell 11,4%. - I prodotti del legno (legname, pasta di cellulosa e carta) per un valore del 10,6% sul totale delle esportazioni. 11

14 Redazione: Carlo Valentini, Vice Direttore Ufficio ICE-Agenzia Stoccolma 12

15 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) 4,9 16,4 15,49 Saldo dei Servizi (mln. ) ,34 8,23 Saldo dei Redditi (mln. ) ,9 26,48 Saldo dei Trasferimenti correnti (mln. ) ,4-8,76 Saldo delle partite correnti (mln. ) ,2 39,58 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 21/08/

16 INVESTIMENTI - STOCK STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI DEL PAESE: (OUTWARD) Stock di investimenti diretti esteri del paese: (Outward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 66,6 % 97,63 % 95,41 % 85,41 % 106,2 % 116 % Totale (mln e var. %) mln mln mln mln. 3,56 % 4 % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) USA FINLANDIA PAESI BASSI Italia Position: Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd 14

17 STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI NEL PAESE: (INWARD) Stock di investimenti diretti esteri nel paese: (Inward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 62,7 % 91,97 % 90,19 % 75,17 % 90,6 % 96,1 % Totale (mln e var. %) mln mln mln mln. 0,4 % 0,99 % PRINCIPALI INVESTITORI PAESI BASSI LUSSEMBURGO REGNO UNITO Italia Position: Note: OSSERVAZIONI 1. Secondo i dati Eurostat, nel 2010 gli investimenti diretti esteri svedesi all'estero per Ricerca e Sviluppo sono stati pari a milioni di euro e gli investimenti diretti esteri in Svezia per Ricerca e Sviluppo sono stati pari a 327 milioni di euro (dati non disponibili per il 2011). 2. Il valore della voce "Chimica e prodotti chimici" include anche quello dei prodotti farmaceutici Secondo i dati più recenti pubblicati da Statistics Sweden nel rapporto Foreign Direct Investments Assets and Income , il valore degli investimenti svedesi all estero alla fine del 2012 è stato pari a miliardi di corone svedesi (SEK) (circa 290 miliardi di euro), 12 miliardi di SEK (1,38 miliardi di euro) in meno rispetto al Il valore degli investimenti svedesi all estero e del loro reddito, espresso in corone svedesi, è influenzato dal rafforzamento della corona svedese, che contribuisce alla sua riduzione. La maggior parte degli IDE svedesi si trova in Europa (circa 72% del totale; EU/27 circa 60%), Nord America (circa 18%) e Asia (6%). Tale distribuzione geografica è rimasta pressoché invariata nell ultimo decennio. Gli investimenti svedesi in Asia sono cresciuti più che nelle altre aree geografiche, raggiungendo una quota del 6% nel 2010 (da poco meno del 2% nel 2003). Per quanto riguarda il valore, mentre in Europa gli stock (pari a miliardi di SEK circa 209 miliardi di euro) sono diminuiti di 27 miliardi di SEK (3 miliardi di euro), in Nord America (442 miliardi di SEK 50,8 miliardi di euro) e Asia (147 miliardi di SEK 16,9 miliardi di euro) essi sono aumentati rispettivamente di 11 miliardi di SEK (1,3 miliardi di euro) e 3 miliardi di SEK (345 milioni di euro). Gli investimenti svedesi più importanti si trovano negli Stati Uniti, in Finlandia, Paesi Bassi, Norvegia, Regno Unito, Danimarca e Germania. I settori di investimento non sono rilevati nel rapporto in questione, che indica soltanto il settore di appartenenza delle società svedesi investitrici: chimico-farmaceutico, bancario, commercio e ingegneria (che include produzione di acciaio e metalli, di prodotti in metallo, macchinari, prodotti elettrici e ottici, telecomunicazioni, strumenti di precisione e attrezzature per il trasporto). Gli investimenti esteri in Svezia ammontano a miliardi di SEK (circa 271 miliardi di euro), 26 miliardi (2,9 miliardi di euro) in meno rispetto al La maggior parte degli investimenti esteri in Svezia proviene da imprese dei Paesi europei e principalmente dall UE. Negli ultimi dieci anni la quota di investimenti dei Paesi UE è aumentata dal 69% nel 2003 al 76% nel 2012 (anche se nel 2012 si è registrato un calo del 4% rispetto al 2011). Dal 2003 al 2012 la quota di investimenti USA è scesa dal 17% al 9% (nel 2012 è aumentata rispetto al 2011). Gli investimenti asiatici sono inferiori al 2% del totale. I maggiori investimenti esteri in Svezia sono stati effettuati, soprattutto nel settore chimico-farmaceutico, da società dei Paesi Bassi, Lussemburgo, Regno Unito, Finlandia, USA, Danimarca e Norvegia. Una buona parte degli investimenti provenienti dai Paesi Bassi, Lussemburgo e Belgio sono in realta di proprietà di società di altri Paesi, incluse società svedesi stesse. Infatti, spesso società holding e finanziarie svedesi hanno sede in uno di questi tre Paesi. Gli investimenti diretti svedesi in Italia risultano diminuiti da 34 miliardi di SEK nel 2011 (3,9 miliardi di euro) a 30 miliardi di SEK (3,45 miliardi di euro) nel Tra i Paesi dell UE/27 l Italia è il 12mo Paese destinatario di investimenti svedesi. Il valore degli investimenti italiani in Svezia nel 2012 non è indicato nel rapporto per questioni di riservatezza (numero esiguo di investitori). Nel 2011 gli investimenti italiani in Svezia erano pari a 6 miliardi di SEK (664 milioni di euro). Giuseppina Belviso, Addetto economico-commerciale. 15

18 16

19 INVESTIMENTI - FLUSSI FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN USCITA DAL PAESE: (OUTWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in uscita dal paese: (Outward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 3,49 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) PAESI BASSI NORVEGIA USA Italia Position:nd 754 Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Settori (mln. )) Manufatturiero Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 331 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Servizi 856 Servizi di informazione e comunicazione Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Trasporto e magazzinaggio 485 Attività finanziarie e assicurative -988 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD per i Flussi di investimenti diretti esteri in uscita e in entrata; su dati EIU- World Investment Service per le previsioni relative ai Flussi di investimenti diretti esteri in uscita e in entrata; su dati EUROSTAT per Destinatari, Investitori e Settori. 17

20 FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN INGRESSO NEL PAESE: (INWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in ingresso nel paese: (Inward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 1,71 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI INVESTITORI PAESI BASSI DANIMARCA FINLANDIA Settori (mln. )) Manufatturiero Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio Servizi 557 Servizi di informazione e comunicazione Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Trasporto e magazzinaggio 96 Attività finanziarie e assicurative Attività professionali, scientifiche e tecniche Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD per i Flussi di investimenti diretti esteri in uscita e in entrata; su dati EIU- World Investment Service per le previsioni relative ai Flussi di investimenti diretti esteri in uscita e in entrata; su dati EUROSTAT per Destinatari, Investitori e Settori. OSSERVAZIONI 18

SVEZIA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVEZIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

SVEZIA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVEZIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

CIPRO. A cura di: Ambasciata d'italia - CIPRO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

CIPRO. A cura di: Ambasciata d'italia - CIPRO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE)

REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE) REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE) A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

BRASILE. A cura di: Ambasciata d'italia - BRASILE. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

BRASILE. A cura di: Ambasciata d'italia - BRASILE. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

SVIZZERA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVIZZERA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

SVIZZERA. A cura di: Ambasciata d'italia - SVIZZERA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

SRI LANKA. A cura di: Ambasciata d'italia - SRI LANKA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

SRI LANKA. A cura di: Ambasciata d'italia - SRI LANKA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Italia - Iran ایران - ایتالیا

Italia - Iran ایران - ایتالیا Italia - Iran ایران - ایتالیا Elaborato dall Ufficio di supporto per la pianificazione strategica, studi e rete estera pianificazione.strategica@ice.it 14 luglio 215 Sanzioni in vigore A partire dal 26

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

GRECIA. A cura di: Ambasciata d'italia - GRECIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

GRECIA. A cura di: Ambasciata d'italia - GRECIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

CAMBOGIA. A cura di: Ambasciata d'italia - CAMBOGIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

CAMBOGIA. A cura di: Ambasciata d'italia - CAMBOGIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

LUSSEMBURGO. A cura di: Ambasciata d'italia - LUSSEMBURGO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

LUSSEMBURGO. A cura di: Ambasciata d'italia - LUSSEMBURGO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi A chi si rivolge? Possono presentare istanza le micro, piccole o medie imprese, indicate nell allegato A riportato in calce, già iscritte nel registro

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile 2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Una fondazione di ricerca e di supporto, ormai un punto di riferimento, per esperti, organizzazioni e imprese della green economy.

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

IRLANDA. A cura di: Ambasciata d'italia - IRLANDA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

IRLANDA. A cura di: Ambasciata d'italia - IRLANDA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE 15 COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Nel 2014, in un contesto mondiale in cui gli scambi di beni sono in crescita contenuta rispetto al 2013 (+0,6 per cento), l Italia registra un

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

dell Alleanza del Pacifico

dell Alleanza del Pacifico Internazionalizzare nei paesi dell Alleanza del Pacifico Alleanza del Pacifico 10-17 febbraio 10-17 marzo 2015 1 Che cos è l Alleanza del Pacifico È un iniziativa d integrazione regionale composta da Cile,

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese inattive al momento della presentazione della domanda di concessione; Regolamento n. 25 del 21 novembre 2008 art. 3: Microimpresa: imprese

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

Esercizio Valutativo. del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013. Presentazione e Sintesi dei risultati

Esercizio Valutativo. del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013. Presentazione e Sintesi dei risultati Esercizio Valutativo del PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013 PROGRAMMA NAZIONALE OPERATIVO RICERCA E COMPETITIVITA Presentazione e Sintesi dei risultati Ministero dello

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli