Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici. Rapporto 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici. Rapporto 2008"

Transcript

1 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2008

2

3 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2008

4

5 INDICE INTRODUZIONE... pag. 5 CAPITOLO 1 LO SCENARIO INTERNAZIONALE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SETTORE ELETTRICO 1. La produzione mondiale di energia elettrica da fonti rinnovabili La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Europa Le politiche di promozione delle rinnovabili nel settore elettrico e il nuovo scenario europeo Gli investimenti e l occupazione La certificazione RECS e la partecipazione di GSE ad attività internazionali CAPITOLO 2 LO SCENARIO NAZIONALE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SETTORE ELETTRICO 1. Rinnovabili ed emissioni nel sistema energetico italiano La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia Gli impegni dell Italia nel pacchetto Clima-Energia dell UE e gli scenari di crescita delle rinnovabili elettriche Le politiche e gli strumenti di promozione: il ruolo del GSE I potenziali di sviluppo degli investimenti e le barriere alla realizzazione degli impianti Il ruolo attivo dei consumatori nello sviluppo delle rinnovabili CAPITOLO 3 IL NUOVO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE DELLE RINNOVABILI E IL RUOLO DI GSE 1. Il nuovo quadro normativo I nuovi valori dei certificati verdi e le tariffe omnicomprensive per i piccoli impianti La quantificazione dell energia soggetta all obbligo e il meccanismo dei certificati verdi Le attività di emissione dei CV nell anno I prezzi nel mercato dei CV I risultati della qualificazione al 31 dicembre Il rilascio della garanzia d origine per gli impianti a fonti rinnovabile Le attività di verifica degli impianti CAPITOLO 4 IL CONTO ENERGIA PER LA PROMOZIONE DEL FOTOVOLTAICO 1. Il quadro normativo per l incentivazione del fotovoltaico Impianti ammessi all incentivo al 31 dicembre Incentivi erogati agli operatori Gestione commerciale degli impianti incentivati con il primo conto energia Gestione commerciale degli impianti incentivati con il nuovo conto energia Attività di verifica degli impianti Il finanziamento degli investimenti e il ruolo di GSE Il solare termodinamico Prospettive di crescita degli impianti fotovoltaici in Italia Rapporto

6 CAPITOLO 5 IL RICONOSCIMENTO DELLA COGENERAZIONE 1. Il quadro normativo per il riconoscimento della cogenerazione Gli impianti di cogenerazione Le attività di riconoscimento della cogenerazione ad alto rendimento Attività di qualifica impianti di cogenerazione abbinati al teleriscaldamento Attività di verifica degli impianti di cogenerazione Analisi dello stato della cogenerazione in Italia La micro cogenerazione in Italia CAPITOLO 6 L ENERGIA CEDUTA AL GSE E LA PARTECIPAZIONE AL MERCATO: CIP6, RITIRO DEDICATO E SCAMBIO SUL POSTO 1. Energia Cip6: quantità ritirata, modalità di cessione al mercato e prezzi nel periodo Energia Cip6: quantità ritirata e attività di partecipazione al mercato nel L assegnazione dell energia Cip6 al mercato per l anno Le previsioni sulle quantità e i prezzi dell energia Cip Il ritiro dedicato: finalità e ruolo del GSE Prezzi di ritiro per gli anni 2008 e Gestione dei rapporti commerciali con gli operatori Lo scambio sul posto: finalità e ruolo di GSE Le semplificazioni introdotte dalla regolazione CAPITOLO 7 ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE DI CONOSCENZA 1. Il Contact center Convenzioni con enti e istituzioni Il rapporto di GSE con i consumatori Le guide specialistiche del GSE Rapporto 2008

7 INTRODUZIONE Il 2008 è un anno eccezionale per le energie rinnovabili nel mercato della generazione elettrica mondiale. Gli investimenti annui per la realizzazione di nuovi impianti di generazione rinnovabile raggiungono i 120 miliardi di $. La capacità installata di impianti alimentati da fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica nel mondo raggiunge i GW (circa il 15% della generazione totale), con un peso via via crescente delle c.d. nuove rinnovabili (rinnovabili che escludono il grande idroelettrico) che registrano una capacità di 280 GW. L eolico, con oltre 120 GW, e il mini-idro, con 85 GW, rappresentano le fonti con maggiore peso. Il primato della crescita spetta, invece, agli impianti fotovoltaici che nel 2008 più che raddoppiano la nuova capacità installata superando i 14 GW di potenza mondiale. L Europa (Spagna, Germania e Italia in particolare) è l area leader nell espansione del fotovoltaico con oltre il 60% delle nuove realizzazioni. La Cina è, invece, il Paese trainante degli investimenti in impianti eolici con una crescita continua negli ultimi quattro anni e il raggiungimento di una quota di 12 GW di potenza installata nel In anni recenti lo sviluppo di impianti rinnovabili interessa nuove aree geografiche oltre a quelle tradizionali come Europa e Stati Uniti. Cina, India e Brasile continuano a registrare tassi di investimento molto elevati destinati alla realizzazione di impianti rinnovabili. Solo in parte ha giocato un ruolo l interesse delle imprese europee stimolate ad investire in Paesi in via di sviluppo per far fronte all obbligo europeo di riduzione delle emissioni di gas serra attraverso i meccanismi flessibili della direttiva Kyoto. Uno stimolo decisivo agli investimenti in rinnovabili nei diversi Paesi è, infatti, derivato dalla riduzione dei costi e dalla crescente competitività delle tecnologie rinnovabili rispetto a quelle convenzionali, fattore che ha ampliato le ricadute a livello industriale e occupazionale. A fronte di ciò, le aree geografiche emergenti, oltre a catturare ingenti flussi di investimento da parte di società estere per la costruzione di nuovi impianti, hanno attratto rilevanti quote di capitale destinate alla realizzazione di stabilimenti di produzione e laboratori di R&S delle tecnologie rinnovabili. L Europa continua ad essere un area importante di attrattività dei nuovi investimenti, nell UE-27 si concentra nel 2008 ancora il 30% delle nuove rinnovabili. La potenza totale installata nell UE raggiunge i 187 GW e rappresenta il 15% della capacità mondiale, all Europa spetta inoltre la leadership nella capacità installata di eolico e solare fotovoltaico. L occupazione nel comparto delle rinnovabili in Europa conta circa 1,5 milioni di persone, mentre il valore aggiunto dell industria è pari a circa 60 miliardi di (per un ammontare dello 0,6% del PIL). Il valore aggiunto è più che raddoppiato rispetto al 1990; anche per effetto dell aumentata produttività del lavoro l occupazione è cresciuta del 40% rispetto al 90. La Germania, insieme alla Spagna, continua ad essere il Paese con le migliori performance in termini di valore aggiunto e di crescita dell occupazione. I risultati sono legati allo sviluppo della nuova capacità ancora installata in questi Paesi. Anche l Italia ha visto crescere la dimensione del parco di generazione rinnovabile che nel 2007 raggiunge i Rapporto

8 22,3 GW, di cui 7,4 GW nelle nuove rinnovabili. Buone performance di crescita hanno fatto registrare i nuovi impianti eolici e solari fotovoltaici. Nell UE-15 l Italia appare al quinto posto in termini di produzione lorda di energia elettrica da fonti rinnovabili, mentre risulta settima in termini di quota di produzione rinnovabile a copertura del consumo interno lordo. Quest ultimo valore è, in ogni caso, in media con quello dell intera UE- 27 (14,5% la quota italiana contro una quota media dell UE-27 del 14,4%). La gran parte dei Governi mondiali promuove lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili attraverso programmi di investimento dedicati e meccanismi economici di sostegno. I due meccanismi più comuni, quello della quota d obbligo e scambio di certificati verdi e quello di tariffe onnicomprensive o feed-in tariff, sono molto diffusi e adottati in oltre 70 Paesi. In ambito europeo, nel 2008 un evento significativo segna l evoluzione delle politiche energetiche improntate ad una maggiore sostenibilità ambientale: la definitiva approvazione del quadro legislativo noto come pacchetto Clima Energia e la pubblicazione delle direttive e regolamenti che lo compongono nella G.U.C.E. del 5 giugno Tra queste, la direttiva 2009/28/CE è specificamente dedicata alla promozione delle fonti energetiche rinnovabili a copertura dei consumi finali di energia dei Paesi dell Unione. In molti casi, tuttavia, emergono numerose barriere di natura amministrativa, infrastrutturale, sociale e finanziaria alla realizzazione degli investimenti. L Italia presenta specifici elementi di criticità in tal senso, di cui due assumono un peso rilevante: l incertezza e difficoltà degli iter autorizzativi alla costruzione di nuovi impianti e l insufficiente capacità delle infrastrutture di trasporto sul territorio. Anche nel panorama nazionale si registrano alcune novità tra cui l approvazione del decreto ministeriale del dicembre 2008 che delinea il piano e gli strumenti di attuazione del nuovo meccanismo di incentivazione. Al già noto meccanismo della quota obbligata e scambio di CV, che subisce importanti cambiamenti in attuazione della finanziaria 2008 (Cfr. rapporto GSE dell anno scorso), si aggiunge un meccanismo feed-in tariff alle produzioni di energia elettrica da impianti di piccole dimensioni. Il GSE svolge un ruolo di primo piano nel contesto nazionale delle energie rinnovabili, a motivo della sua finalità istituzionale rivolta a favorire le attività di promozione e di sviluppo delle rinnovabili intraprese dalla pluralità di soggetti istituzionali e di mercato. In questi pochi anni di attività il GSE, oltre a organizzare le proprie attività istituzionali e ad esercitare le competenze attribuitegli in misura crescente dalla nuova normativa in materia di promozione delle energie rinnovabili, ha destinato molti sforzi alla diffusione di informazioni e all implementazione della conoscenza tecnica nelle tematiche di proprio interesse, costituendo un punto centrale di riferimento per il Paese in materia di rinnovabili. Il presente rapporto illustra il quadro delle rinnovabili nel settore elettrico e le attività svolte da GSE nel sistema nazionale. In particolare i primi due capitoli sono dedicati all analisi delle energie rinnovabili nella produzione e nei consumi di energia elettrica nello scenario internazionale e nazionale. I capitoli 3-7 sono, invece, destinati ad inquadrare le funzioni di GSE e descrivere le attività svolte dal gestore dei servizi elettrici in attuazione della disciplina nazionale e quale soggetto propulsivo nella diffusione di informazioni e conoscenza in 6 Rapporto 2008

9 virtù delle importanti competenze accumulate in questi anni. Seguendo un criterio di organizzazione per area tematica, la parte descrittiva delle attività svolte è così suddivisa: il capitolo 3 illustra i nuovi meccanismi di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (il meccanismo dei CV attraverso le novità introdotte nel corso del e la tariffa onnicomprensiva alla produzione da piccoli impianti) e delinea le attività svolte in materia di CV e di qualificazione e verifica degli impianti nell ultimo anno. Il capitolo 4 descrive le attività svolte in attuazione della normativa che governa il meccanismo del conto energia della produzione solare fotovoltaica. Il capitolo 5 ricostruisce le attività di GSE in materia di riconoscimento della cogenerazione, funzionale all attuazione della normativa di promozione di questa tecnologia. Il capitolo 6 illustra le attività del GSE in qualità di operatore che gestisce (ritira e vende) la produzione di energia elettrica in rappresentanza dei soggetti titolari degli impianti. In base a convenzioni con questi ultimi, infatti, GSE svolge attività di ritiro e cessione nel mercato organizzato dell energia, e di rappresentanza verso gli operatori di distribuzione, con riferimento agli impianti c.d. impianti c.d. Cip6, a quelli che godono del diritto al c.d. ritiro dedicato e a quelli che, secondo la nuova normativa, possono optare per il regime di scambio sul posto. Nel capitolo 7, infine, viene data enfasi alle attività di diffusione dell informazione e di collaborazione con soggetti terzi nell esercizio delle funzioni di supporto ai numerosi stakeholders (istituzioni, imprese, consumatori, associazioni) che compongono il variegato panorama delle energie rinnovabili. Rapporto

10

11 CAP. 1 LO SCENARIO INTERNAZIONALE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SETTORE ELETTRICO 1. La produzione mondiale di energia elettrica da fonti rinnovabili Le fonti rinnovabili continuano a registrare tassi positivi di sviluppo e ad avere un peso crescente nella copertura del fabbisogno energetico mondiale. Nel 2006 il peso dell energia rinnovabile sul consumo mondiale di energia primaria è arrivato al 18%. Figura Quota fonti rinnovabili a copertura del consumo mondiale di energia primaria Fossil fuels 79% Nuclear 3% Biofuels: 0,3% Power generation: 0,8% Hot water/heating: 1,3% Large hidropower: 3% Renewables 18% Traditional biomass: 13% Fonte: REN21 Renawable 2007 Global Status Report, Il peso delle energie rinnovabili nel parco di generazione elettrica mondiale è pari al 18,4% nel 2006 come evidenziato in figura. Figura Quota rinnovabile nella generazione mondiale Nuclear 14% Fossil fuels 67% Large hydro 15% New renewables 3,4% Fonte: REN21 Renawable 2007 Global Status Report, Rapporto

12 La crescita ha riguardato l uso delle fonti rinnovabili nei diversi settori di utilizzo: l elettricità, il calore e gli usi nei trasporti. Particolarmente sostenuta è stata la crescita del solare fotovoltaico, seguita dalla produzione di biocombustibili e dalla produzione di energia eolica per usi elettrici. Le rinnovabili per la produzione di energia elettrica continuano a crescere anche nel 2008, con un aumento del 25% (+280 GW) rispetto al 2007, arrivando a circa GW di capacità installata nel mondo, di cui l 82% attribuibile agli impianti idroelettrici. Le c.d. nuove rinnovabili (che escludono il grande idroelettrico il cui peso è pari al 75% del totale) contano 280 GW di capacità installata nel 2008, con un aumento del 17% rispetto al 2007 e del 75% rispetto ai 160 GW di capacità installata al I Paesi leader per capacità installata sono Cina (76 GW), Stati Uniti (40 GW), Germania (34 GW), Spagna (22 GW), India (13 GW) e Giappone (8 GW). Figura Paesi leader per capacità installata in nuove rinnovabili Fonte: REN21 L eolico è di nuovo la tecnologia con la maggiore quota di capacità addizionale, +29% rispetto al 2007; la capacità eolica installata nel mondo raggiunge i 121 GW, oltre il doppio rispetto al valore del Rapporto 2008

13 Figura Capacità eolica installata nel mondo Fonte: REN21 L aumento del 2008 è in gran parte attribuibile all ottima performance di Stati Uniti (+8,4 GW), Cina (+6,3 GW), India (1,8 GW) e Germania (1,7 GW), come evidenziato in figura. Gli Stati Uniti, dopo un lungo periodo di leadership tedesca, superano la Germania in capacità eolica installata (25 GW contro i 24 GW della Germania). La Cina ha visto più che raddoppiare i propri parchi eolici negli ultimi quattro anni; nel 2008 la capacità eolica cinese ammonta a 12 GW, valore maggiore della quota obiettivo fissata dal Governo nel 2006 di 10 GW entro il La realizzazione di impianti eolici off shore continua a registrare buone performance di sviluppo, la capacità installata mondiale di questi impianti raggiunge i 15 GW nel 2008, con il Regno Unito Paese leader. Figura Aree leader per capacità eolica installata Fonte: REN21 Rapporto

14 La seconda fonte in termini di crescita nel 2008 è quella idroelettrica e, in particolare gli impianti di piccola dimensione (< 10 MW), che crescono di 8 GW portando la capacità installata nel mondo a 85 GW. Le migliori performance si registrano in Cina (Paese in cui continua la crescita anche del grande idroelettrico, che ha visto la realizzazione di 12 GW nel 2008, quasi la metà delle nuove installazioni mondiali), Giappone, Stati Uniti, Italia e Brasile. Il solare fotovoltaico continua ad essere la fonte con i maggiori tassi di crescita. Il 2008 rappresenta un anno record in termini di potenza installata. Vengono, infatti, installati nel mondo GW (un incremento più che doppio rispetto al 2007 in cui l aumento annuo è pari a GW) di nuovi impianti che portano la potenza totale a GW, valore che raggiunge i 16 GW tenendo conto degli impianti off grid. Figura Capacità fotovoltaica installata nel mondo (Fonte: REN21) Fonte: REN21 In Europa si colloca la maggior parte degli impianti, con una quota del 65% della potenza totale installata. Seguono Giappone, con il 15% e Stati Uniti con l 8%. Le aree leader in Europa sono Germania, Spagna e Italia. Ottime performance di crescita si registrano in Spagna che nel 2008 vede l installazione di ben MW di nuova potenza fotovoltaica, valore che le consente di raggiungere la quota di MW e superare la Germania che, con una quota addizionale 2008 di 400 MW, raggiunge una potenza complessiva di MW. Altri Paesi che registrano una performance positiva nella realizzazione di nuovi impianti nel 2008 sono: Stati Uniti (+310 MW), Italia (+338 MW), Corea del Sud (+270 MW) e Giappone (+240 MW). Continua la crescita degli impianti alimentati a biomasse di media e piccola scala, per la produzione di sola elettricità o in cogenerazione. La capacità installata mondiale aumenta di 2 GW (+4% rispetto al 2007) arrivando a 52 GW nel I Paesi leader in termini di capacità installata sono Stati Uniti, Brasile, Filippine, 12 Rapporto 2008

15 Germania, Svezia e Finlandia. Le migliori performance di sviluppo 2008 si registrano in Finlandia, Francia, Germania, Portogallo, Italia e Regno Unito. Gli impianti geotermolettrici raggiungono 10 GW di capacità installata nel 2008 (+4% rispetto al 2007). Paesi leader per capacità installata sono Stati Uniti, Filippine, Indonesia, Messico e Italia. Gli Stati Uniti si confermano l area leader in sviluppo di nuovi progetti che ammontano nel 2009 a circa 5 GW. 2. La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Europa Nell UE-27 la quota rinnovabile a copertura del consumo interno lordo di energia è aumentata di tre punti percentuale rispetto agli anni 90, a fronte di un aumento del consumo inferiore all 1%. Oltre la metà della crescita delle energie rinnovabili è avvenuta tra il 2000 e il 2006, trainata dall operatività e da una maggiore incisività delle politiche pubbliche finalizzate a ridurre le emissioni di gas serra e la dipendenza dalle importazioni di fonti fossili. La quota rinnovabile rimane tuttavia piuttosto ridotta, rispetto agli orientamenti della Commissione (vedi oltre). L UE-27 dipende dalle fonti fossili di energia che rappresentano il 79% del consumo interno lordo europeo, di cui circa la metà attribuibile all uso di prodotti petroliferi. La quota del petrolio è rimasta pressoché invariata dal 1990 (38%) al 2006 (37%). Le principali tendenze nell evoluzione della struttura dell offerta di energia primaria sono l aumento delle energie rinnovabili, la riduzione del carbone e l aumento del gas naturale. La quota del gas naturale tra i tre combustibili di origine fossile è aumentata dal 21% nel 1990 al 31% nel 2006, mentre la quota del carbone è diminuita dal 33% al 23%. La riduzione del peso del carbone e l aumento del gas naturale coincidono con la crescente importanza delle politiche europee in materia di cambiamenti climatici e della piena adesione alla struttura della convenzione sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (UNFCCC) del 1990 e del 1992 in attuazione del protocollo di Kyoto. L aumento del gas naturale è riconducibile, inoltre, ad una più ampia disponibilità di gas e petrolio importati dalla Russia in seguito alla disintegrazione dell ex Unione Sovietica nel Il rimarchevole aumento delle energie rinnovabili negli ultimi cinque anni coincide con una maggiore attenzione delle politiche europee alla promozione di queste energie. L energia eolica, destinata esclusivamente alla produzione di energia elettrica, è aumentata a tassi molto elevati in anni recenti, sebbene le biomasse e l energia idrica rappresentino ancora il 90% della produzione di energia rinnovabile primaria totale nel La crescita delle rinnovabili, che rappresentano nel 2006 il 15% (erano l 8% nel 1991) della produzione primaria e il 7% (5% nel 2001) del consumo interno lordo di energia dell UE-27, si è concentrata prevalentemente nella produzione di energia elettrica, secondariamente nella produzione di energia per usi calore e solo limitatamente nella produzione di bio-carburanti per i trasporti, che rappresentano nel 2006 solo il 3% del consumo energetico totale del settore. Rapporto

16 Figura Consumo interno lordo di energia nell UE-27 nel 2006 Biomass 5% Hydro 1% Other 1% Nuclear 14% Oil 37% Gas 24% Coal/coke 18% Fonte: Eurostat, 2009 Il settore elettrico è ormai maturo e ben sviluppato nell intera Europa. Quasi il 90% della produzione lorda di energia elettrica nell UE-27 deriva da quattro fonti: nucleare, carbone, idro e gas. La rimanente quota include i prodotti petroliferi, le biomasse e altre fonti rinnovabili. Figura Produzione lorda di energia elettrica nell UE-27 nel 2006 Oil 4% Other 4% Biomass 3% Hydro 10% Nuclear 29% Gas 21% Coal 29% Fonte: Eurostat, Rapporto 2008

17 La capacità installata è rimasta pressoché invariata per il nucleare e l idro, che storicamente hanno rappresentato le fonti principali di offerta di energia elettrica per molti Paesi europei. La capacità termoelettrica è aumentata con la rapida crescita del gas naturale e l aumento nell uso delle biomasse per la produzione di sola elettricità o per la produzione combinata di elettricità e calore. Eolico, biomasse e gas naturale fanno registrare i principali cambiamenti. Nel periodo , la capacità eolica aumenta ad un tasso medio annuo del 33%, a fronte di un aumento irrisorio del nucleare e dell idro pari al solo 0,6%. La capacità termoelettrica cresce ad un tasso medio annuo dello 1,3%, sebbene questo aumento riguardi una considerevole quantità di capacità installata in termini di GW. Figura Andamento della capacità installata di impianti per la produzione di energia elettrica nell UE-27 (GW) Fonte: Eurostat, 2009 Il mix di fonti per la generazione elettrica registra una maggiore diversificazione negli ultimi 15 anni. Nel 1991 carbone e nucleare rappresentavano il 70% della produzione lorda totale dell UE-27, nel 2006 rappresentano il 60%. La diversificazione è da ricondurre a due fattori principali: il considerevole aumento del gas naturale e la spinta data alle fonti rinnovabili dalla direttiva europea n. 77 del La quota del gas naturale passa dall 8% del 1991 al 21% nel 2006, a fronte di una riduzione del carbone dal 39% al 29%. Le nuove energie rinnovabili, in particolare eolico e biomasse, aumentano rapidamente, partendo in ogni caso da una base molto bassa. Le rinnovabili tradizionali, in particolare l idroelettrico, aumentano molto lentamente e la loro quota nella produzione complessiva di energia elettrica si riduce dal 12% nel 1991 al 10% nel 2006, come illustrato nella successiva figura. Rapporto

18 Figura Evoluzione della produzione lorda di energia elettrica nell UE-27 Fonte: Eurostat, 2009 Negli ultimi 15 anni si registrano cambiamenti significativi anche nella capacità utilizzata delle diverse tipologie di impianto, misurata in termini di MWh prodotti nell anno rispetto ai GW di capacità installata. Gli impianti nucleari registrano un aumento della capacità utilizzata che arriva al limite della potenza disponibile; il parco termoelettrico registra un leggero aumento della capacità utilizzata dalla seconda metà degli anni 90; gli impianti idroelettrici ed eolici, infine, evidenziano una leggera tendenza alla riduzione della capacità utilizzata. Entrambe le fonti, e in particolare quella eolica, mostrano andamenti diversificati, a motivo della difficoltà di programmazione da parte degli operatori dovuta da un lato all incertezza sulla disponibilità della risorsa per motivi legati alla stagionalità, dall altro alla intermittenza della produzione per la variabilità della risorsa nel tempo. L aspetto dell utilizzo di capacità diventerà inevitabilmente più importante nel sistema elettrico europeo per la maggiore diversificazione e per l aumento della quota delle rinnovabili intermittenti (eolico, solare e idro). Figura Utilizzo della capacità (MWh/GW) nell UE-27 Fonte: Eurostat, Rapporto 2008

19 L Europa è leader nello sviluppo delle rinnovabili per la produzione di energia elettrica e registra, come nel resto del mondo, tassi significativi di espansione negli ultimi anni. La tendenza alla crescita è prevista anche nei prossimi anni. La seguente tabella, di fonte EREC, evidenzia la capacità installata per fonte e le previsioni di crescita nell UE-27. Tabella Capacità installata impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile nell UE-27 Fonte: EREC, 2008 A fronte di un aumento della capacità negli ultimi quattro anni le previsioni registrano un andamento positivo della produzione lorda da fonti rinnovabili nell UE-27 per i prossimi anni. La tabella evidenzia la produzione tendenziale al 2010 e la quota di energia elettrica rinnovabile stimata necessaria per il raggiungimento dell obiettivo europeo al 2020 che prevede una quota di energie rinnovali del 20% a copertura di tutti i consumi energetici (oltre a quelli elettrici i consumi calore/raffrescamento e i carburanti per trasporti). Rispetto alle proiezioni 2010 sarà necessario realizzare un ulteriore quota che va dal 13% al 20% a seconda del contestuale raggiungimento di riduzione delle emissioni di gas serra attraverso un miglioramento dell efficienza energetica. Tabella Produzione di energia elettrica rinnovabile nell UE-27 (2) Valore normalizzato ex direttiva UE, dicembre 2008 Fonte: EREC, 2008 Rapporto

20 Osservando le performance dei diversi Paesi europei si evidenzia la leadership della Germania rispetto ad altri Paesi. Su una produzione lorda totale di energia elettrica da fonti rinnovabili di 445,5 TWh nel 2006 e di 488,4 TWh nell UE-15, la Germania rappresenta una quota pari al 16,6% nel 2006 e 20,3% nel Dei cinque Paesi leader in termini di produzione lorda totale (Germania, Svezia, Francia, Spagna, Italia), Paesi che congiuntamente detengono il 71,2% dell intera produzione 2007, la Germania è l unico Paese che vede crescere significativamente la propria produzione nel L Italia detiene la quinta posizione con una produzione lorda di energia elettrica da fonti rinnovabili pari all 11,7% della produzione nell UE-15 nel 2006 e al 10,1% nel Figura Produzione lorda rinnovabile in TWh nei Paesi dell UE ,0 100,0 80,0 60, ,0 20,0 - Lussemburgo Irlanda Belgio Grecia PaesiBassi Danimarca Portogallo Regno Unito Finlandia Austria Italia Spagna Francia Svezia Germania Fonte: Eurostat La direttiva 2001/77/CE stabilisce obiettivi indicativi che gli Stati Membri dovrebbero raggiungere entro il 2010, al fine di conseguire, per l intera UE, una copertura del consumo interno lordo di energia elettrica con produzione rinnovabile del 22%. I dati Eurostat evidenziano per l UE-27 il raggiungimento di una quota del 15,7% nel 2006 rispetto al 14,5% del 2004, mostrando come ulteriori sforzi siano necessari per raggiungere l obiettivo. L analisi dei risultati conseguiti dai singoli Stati mette in mostra la differenziazione delle performance. In particolare la crescita dell 1,5% della quota di energia elettrica dal 2004 al 2006 è dovuta a quattordici Stati membri che registrano tassi positivi di crescita di cui, tuttavia, solo sei hanno una crescita superiore al 2%. In ben sette Paesi le quote sono rimaste stabili o sono diminuite. Rispetto agli obiettivi indicativi nazionali da raggiungere nel 2010 solo Ungheria e Germania hanno già raggiunto il proprio obiettivo. La figura successiva mostra i progressi compiuti nel conseguimento dell obiettivo 2010 (colonne e asse di sinistra) e l evoluzione della quota di energia elettrica da fonte rinnovabile a copertura del consumo interno lordo di ciascun Stato membro nel periodo (punti percentuale e asse di destra). 18 Rapporto 2008

21 Figura Obiettivo 2010 e crescita della quota di energia elettrica da fonti rinnovabili nell UE Fonte: dati Eurostat normalizzati per il 2006 e obiettivi 2010 ex direttiva 2001/77/CE Le energie eolica e da biomasse hanno registrato i migliori tassi di crescita, mentre l energia idroelettrica è rimasta praticamente costante. Figura Crescita produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Fonte: Ecofys et alii, marzo 2009 La distribuzione tra gli Stati membri della produzione di energia elettrica rinnovabile per fonte mostra la leadership di Danimarca e Regno Unito nell energia da biogas e nella produzione eolica da impianti off shore, il quasi monopolio dell Italia nella produzione geotermoelettrica, la leadership di Finlandia e Svezia nella produzione di energia elettrica da biomasse solide e la ledearship di Germania e Spagna nella produzione di energia Rapporto

22 elettrica da impianti eolici a terra e da impianti fotovoltaici. Nell idrolettrico la crescita della produzione da impianti di piccole dimensioni non compensa la riduzione della produzione da impianti di grande dimensione, lasciando pressoché inalterata la produzione totale nel 2006 rispetto al Paesi leader nella produzione idroelettrica su larga scala sono Svezia e Francia, mentre per gli impianti di piccole dimensioni Italia e Danimarca registrano i livelli maggiori di produzione. Figura Produzione di energia elettrica rinnovabile per fonte nei Paesi dell UE nel 2006 Fonte: Ecofys et alii, marzo 2009 L Italia, a fronte di una performance piuttosto negativa nel periodo , immediatamente successivo all adozione della direttiva 2001/77 con il D.lgs. 317/03 del dicembre 2003, mostra una netta ripresa degli investimenti in nuovi impianti rinnovabili a partire dal 2007, soprattutto della tecnologia eolica e di quella fotovoltaica. In molti Paesi europei, Italia inclusa, le principali barriere alla crescita degli investimenti sono da ricercare nell instabilità del quadro regolamentare, nella difficoltà degli iter autorizzativi e nell indisponibilità della rete di trasmissione. I meccanismi di sostegno sembrano invece essere prerogativa di tutti gli Stati membri e, in Italia in particolare, gli incentivi risultano mediamente più elevati rispetto ad altre aree internazionali. L art. 3 della direttiva prevede che la Commissione pubblichi ogni due anni una relazione sulla valutazione dei progressi compiuti dagli Stati membri nel conseguimento degli obiettivi indicativi nazionali in materia di energie rinnovabili. Nel 2009 la Commissione ha approvato la relazione di aggiornamento del monitoraggio, pubblicata nel mese di aprile (Cfr. COM (2009) 192 definitivo). Il seguente riquadro evidenzia i progressi compiuti dagli Stati membri, così come illustrati nella relazione di monitoraggio. 20 Rapporto 2008

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici. Rapporto 2007

Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici. Rapporto 2007 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2007 Le attività del Gestore dei Servizi Elettrici Rapporto 2007 INDICE INTRODUZIONE... pag. 5 CAPITOLO 1 LO SCENARIO INTERNAZIONALE DELLE FONTI

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Il GSE presenta il Rapporto 2007

Il GSE presenta il Rapporto 2007 Il GSE presenta il Rapporto 2007 Prosegue in Italia la crescita di nuovi impianti a fonti rinnovabili: al 31 dicembre 2007 in esercizio 1.335 impianti incentivati con i certificati verdi e 4.841 impianti

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

Prof. Carlo Andrea Bollino

Prof. Carlo Andrea Bollino INCENTIVAZIONE E PROMOZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Prof. Carlo Andrea Bollino Visioni e Frontiere delle Energie Rinnovabili Banca CR Firenze Firenze, 3 luglio 2009 www.gse.it 2 Indice Attività del GSE

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

llx.l68 G,3 KbJbMLb É.8vv 999.yÉx lyl.ly6 8.É63 4xT W h H I G H L I G H T S Tariffe Onnicomprensive Contact Center Scambio sul Posto Conto Termico

llx.l68 G,3 KbJbMLb É.8vv 999.yÉx lyl.ly6 8.É63 4xT W h H I G H L I G H T S Tariffe Onnicomprensive Contact Center Scambio sul Posto Conto Termico SINTESI DEL Rapporto Attività 2015 4xT W h H I G H L I G H T S Conto Energia llx.l68 I M P I A N T I Monitoraggio quota FER Biocarburanti Gv,y 0 /0 G,3 KbJbMLb C I C Tariffe Onnicomprensive É.8vv I M P

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili Direttiva 2009/28/CE Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici SOLAREXPO Verona, 5 Maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

2012 Rapporto Attività

2012 Rapporto Attività 2012 Rapporto Attività 2012 Rapporto Attività Efficienza Dal punto di vista energetico, economico e gestionale, l efficienza è la parola chiave per fronteggiare le sfide del futuro. Servizio Lo spirito

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012 Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato Roma, 03 Ottobre 2012 A oltre 20 anni dall ultimo Piano Energetico Nazionale 1987

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

1. Gli scenari determinati dalle politiche 2. Investimenti rilevanti e crescenti nelle rinnovabili 3. La situazione oggi e le debolezze dell Italia

1. Gli scenari determinati dalle politiche 2. Investimenti rilevanti e crescenti nelle rinnovabili 3. La situazione oggi e le debolezze dell Italia ! "# 1. Gli scenari determinati dalle politiche 2. Investimenti rilevanti e crescenti nelle rinnovabili 3. La situazione oggi e le debolezze dell Italia 4. Le dinamiche del cambiamento 5. Quali dimensioni

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi

Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Crescono l eolico e l energia da rifiuti, il solare segna il passo Stefania Righi Con 23.859 MW installati e 58.164 GWh prodotti nel 2008, con un incremento del 21 % rispetto all anno precedente: le energie

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

Energia elettrica da fonti rinnovabili: l obiettivo per l Italia del 33% al 2020

Energia elettrica da fonti rinnovabili: l obiettivo per l Italia del 33% al 2020 Dossier a cura della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Energia elettrica da fonti rinnovabili: l obiettivo per l Italia del 33% al 2020 Gli obiettivi internazionali e europei La traduzione nell obiettivo

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Master in Gestione delle Risorse Energetiche

Master in Gestione delle Risorse Energetiche Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Tra incentivi e obiettivi, come dividersi oneri e onori delle fonti rinnovabili È possibile investire sul futuro senza compromettere il presente?

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

IL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI: IL COMPORTAMENTO DI IMPRESE EUROPEE E CINESI

IL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI: IL COMPORTAMENTO DI IMPRESE EUROPEE E CINESI Elena Cedrola Professore Associato di Economia e Gestione delle Imprese Università di Macerata IL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI: IL COMPORTAMENTO DI IMPRESE EUROPEE E CINESI 1 Le energie rinnovabili

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia

Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Il sistema degli incentivi per le fonti rinnovabili in Italia Relatore: Ing. Attilio Punzo Roma, 26 novembre 2010 Sommario Ruolo del GSE nel settore elettrico Il sistema degli incentivi in Italia Incentivi

Dettagli

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati

L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati L INCENTIVAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Quadro normativo e risultati Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici www.gse.it Ovaro (UD), 27 marzo 2010 www.gsel.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Le attività del Gestore dei Servizi Energetici Rapporto

Le attività del Gestore dei Servizi Energetici Rapporto 27 Le attività del Gestore dei Servizi Energetici Rapporto 1 LO SCENARIO EUROPEO DELLE FONTI RINNOVABILI 1.1 Il pacchetto Climate-energy La descrizione di quanto fatto nel nostro Paese in materia di energie

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

#2y15: gennaio marzo 2015

#2y15: gennaio marzo 2015 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #2y15: gennaio marzo 2015 Nei primi tre mesi del 2015 i dati del settore elettrico nazionale hanno fatto registrare

Dettagli

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che ENERGIA RAPPORTI Fondazione EnergyLab Energia Nucleare in Italia. Come Proseguire il Percorso gennaio 2011... pag.3 A che punto è il nostro Paese nel suo cammino verso un ritorno al nucleare? Una risposta

Dettagli

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili

Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Aggiornamenti normativi in materia di fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno Cooperative Elettriche Italiane Storiche Pozza di Fassa (TN), 7 e 8 giugno 2013 Il ruolo

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici

Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Il GSE a supporto delle Pubbliche Amministrazioni Ennio Ferrero Responsabile Unità Servizi Specialistici Bologna - 22 novembre 2010 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici La situazione delle

Dettagli

#3y14: gennaio giugno 2014

#3y14: gennaio giugno 2014 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #3y14: gennaio giugno 2014 I dati del settore elettrico del primo semestre del 2014 appaiono in linea con quelli

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico

La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico La posizione di Confindustria sul Fotovoltaico 1 Gli obiettivi europei di sostenibilità ambientale al 2020 Pacchetto UE clima-energia Normativa e policy UE Recepimento Nazionale Obiettivo vincolante 20%

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili

Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Evoluzione del sistema degli incentivi delle energie rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Convegno FederUtility Fonti rinnovabili ed efficienza energetica Le prospettive per le Aziende

Dettagli

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile Fonti rinnovabili e nucleare: nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile del sistema elettrico italiano Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano 9 ottobre 2009 - Palazzo Mezzanotte

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 La gestione dei PFU nei Paesi europei Un analisi esaustiva e aggiornata dei flussi di pneumatici usati e in Europa, riferita a statistiche ufficiali

Dettagli

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it Indice 1. Le rinnovabili nel settore elettrico tra integrazione e nuove sfide 2.

Dettagli

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale in Italia Francesco Gullì Alba, 27 gennaio 2011 Tre angoli di visuale Dinamica del prezzo del petrolio (accresciuta

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Elettricità: Criteri Chiave Procura + - Versione estesa

Elettricità: Criteri Chiave Procura + - Versione estesa Elettricità: Criteri Chiave Procura + - Versione estesa 1 INTRODUZIONE 1 2 PRINCIPALI CRITERI PROCURA + ELETTRICITA' VERDE 4 3 ULTERIORI IDEE 6 1 Introduzione Gli enti pubblici sono i principali consumatori

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile

FORUM GREEN ENERGY. Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile FORUM GREEN ENERGY Case history CVA: applicazione degli effetti normativi di incentivazione rinnovabile Roma 17 giugno 2011 Gruppo CVA CERTIFICAZIONI INCENTIVI GRUPPO CVA Posizionamento CVA nel mercato

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008

Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 1 Le fonti rinnovabili in Italia Andamento della produzione lorda totale e Idroelettrica dal 1960 al 2008 GWh 340.000 320.000 300.000 280.000 260.000 240.000 Idroelettrica Produz. Lorda Idro-Rinnovaible

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche. Domenico Coiante

Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche. Domenico Coiante Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche Domenico Coiante ISAT Amici della Terra Roma, 14 ottobre 2009 1 1 - PREMESSA Obiettivi UE al 2020: Pacchetto 20-20-20 - riduzione del 20% delle emissioni

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione

Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione Giornata AEI - ATI sulla cogenerazione La cogenerazione diffusa è un opzione valida per la produzione dei flussi energetici necessari? 27 Ottobre 2003 1 La cogenerazione in Italia Situazione attuale e

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07

Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 1 Legge 244/07 (finanziaria 2008) e Legge 222/07 PICCOLI impianti IAFR Sistema incentivante con tariffa fissa onnicomprensiva (incentivo + ricavo vendita energia) (Incentivata solo all energia immessa

Dettagli

#1y14: gennaio dicembre 2013

#1y14: gennaio dicembre 2013 Newsletter ASSOELETTRICA I principali dati congiunturali del settore elettrico italiano #1y14: gennaio dicembre 2013 I dati degli ultimi mesi del 2013 e le stime e valutazioni che se ne possono trarre

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli