Scandinavia un approccio al paese e al mercato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scandinavia un approccio al paese e al mercato"

Transcript

1 Galileo PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Scandinavia, un approccio al paese e al mercato - Guida per le Imprese Scandinavia un approccio al paese e al mercato Guida per le Imprese a cura di Sandro Storelli, Saverio Pittureri, Marisa Testa

2

3 Galileo PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO Scandinavia un approccio al paese e al mercato Guida per le Imprese Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa a cura di Sandro Storelli, Saverio Pittureri, Marisa Testa

4 La pubblicazione Scandinavia, un approccio al paese e al mercato stata sviluppata nell'ambito del progetto OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto della Camera di Commercio di Padova. La pubblicazione è stata curata da: Sandro Storelli - Osservatorio Biomedicale Veneto Marisa Testa - Staff Thema s.r.l. Saverio Pittureri - Staff Thema s.r.l. Grafica di Gianni Plebani Stampato da Arti Grafiche Padovane Coordinamento del progetto: TECNA Soc. Cons. a r.l. via della Croce Rossa, Padova tel fax CCIAA di Padova OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto Thema s.r.l. Le informazioni contenute in questo testo sono valide e attuali al momento della scrittura dello stesso. La situazione del mercato è soggetta a cambiamenti mentre le disposizioni legislative e regolatorie possono subire aggiornamenti da parte degli enti preposti dello Stato a cui si riferiscono. Lo scrivente declina ogni responsabilità con riguardo ad informazioni obsolete o eventualmente inesatte contenute in questo testo.

5 Il Centro studi OBV - Osservatorio Biomedicale Veneto si è specializzato in questi anni nella ricerca di approfondimento sul mercato medicale. Vi è una diffusa consapevolezza che investire in ricerca e innovazione è importante per rilanciare l'economia e sviluppare la capacità competitiva. Il biomedicale comprende l'insieme delle tecnologie e dei prodotti che afferiscono alla sanità e, in una accezione più ampia, alla salute ed al benessere. In tale contesto, le imprese del settore nel Veneto sono oltre per un'occupazione di circa addetti dichiarati. Nei loro caratteri per la competizione sul mercato, le imprese del medicale evidenziano attenzione particolare a ricerca e innovazione continua: ciò è dovuto in particolare per la destinazione d'utilizzo del prodotto e del servizio. 1 Abbiamo curato e pubblicato diversi rapporti di ricerca sulle specificità del tessuto d'impresa regionale, sul mercato interno ed internazionale, sul rapporto tra programmazione ed economia del territorio. OBV ha inoltre collaborato ad un'attività di indagine e mappatura sul profilo tecnologico locale e sulle filiere nel comparto medicale, condotta da CNA Padova nell'ambito di 2 un progetto d'innovazione della Camera di Commercio. È forte il nesso tra le diverse tematiche oggetto delle attività di ricerca citate: le tecnologie infatti connotano fortemente le tendenze dei mercati. Ed il comparto biomedicale può essere strategico per lo sviluppo regionale, anche per la sua collocazione di collegamento tra i settori produttivi maturi e quelli ad alta tecnologia. Tra le diverse azioni di promozione a supporto delle imprese per la competitività, OBV intende svolgere un'attività specializzata d'informazione e aggiornamento in ambito medicale sui temi regolatori del mercato nelle diverse aree d'interesse. Contiamo che Scandinavia: un approccio al paese e al mercato possa essere utile alle imprese per meglio conoscere regole, barriere ed opportunità in quell'area geografica. Osservatorio Biomedicale Veneto 1 I rapporti delle attività di ricerca sono disponibili sul sito segnaliamo le più recenti: Franchin M., Storelli S., Tosello D. - Biomedicale veneto: dinamiche e prospettive di mercato ; Storelli S., Tosello D. - Prospettive nell'assistenza protesica e mercato degli ausili È disponibile sul sito la pubblicazione: Storelli S., Petrone N., Tosello D. - Verso un profilo tecnologico nel medicale, trend del comparto e filiere

6 INDICE Presentazione 3 4 INDICE NOTE INTRODUTTIVE 5 Comparazione tra diversi modelli 7 Considerazioni 9 DANIMARCA 11 INFORMAZIONI GENERALI 12 Prospettive future 15 Settori Produttivi 15 Interscambio 15 Marchi e Brevetti 16 Requisiti tecnici e Standardizzazioni 17 Principali indirizzi utili 18 IL SERVIZIO SANITARIO 20 Finanziamento 20 Ospedali 20 Medicina di base 20 Amministrazione 21 LA REGOLAMENTAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN DANIMARCA 22 SVEZIA 27 INFORMAZIONI GENERALI 28 Prospettive future 30 Settori Produttivi 31 Interscambio Italia-Svezia 31 Marchi e Brevetti 32 Requisiti tecnici e Standardizzazioni 33 Informazioni di viaggio 33 Principali indirizzi utili 35 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE 37 Consigli di Contea 37 Comuni 37 DISPOSITIVI MEDICI 38 Breve introduzione a regole e legislazione 38 Normativa in materia di dispositivi medico-diagnostici in vitro 45 Incidenti e sistema di vigilanza 47 4

7 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato NOTE INTRODUTTIVE 5

8 NOTE INTRODUTTIVE Comprendere le opportunità, conoscere le regole e le barriere per l'ingresso in un determinato mercato, è piuttosto importante per le imprese interessate ai processi di internazionalizzazione. Per meglio comprendere un mercato/paese, può essere interessante introdurre qualche particolare elemento di conoscenza della specifica cultura, tradizione, società. Inoltre, anche qualche elemento di comparazione tra il nostro Paese e quello di particolare riferimento può aiutarci a conoscere meglio un mercato. Con questa guida intendiamo offrire alcune utili informazioni su due Paesi scandinavi: Danimarca e Svezia, che sono riferimento di un mercato esigente, dove forse più che altrove viene apprezzato e richiesto il valore del prodotto. Un mercato che promette di valutare un prodotto per quello che è, per quello che offre in termini di prestazioni, di durata, di adeguatezza. Quello italiano e quello scandinavo sono modelli molto diversi, con risultati diametralmente opposti. Entrambi oggi sono in crisi per motivi diversi, ed entrambi sono bisognosi di riforme. Il Nord Europa è però già pronto al cambiamento, l'italia vi si deve orientare. Tra i due sistemi vi sono differenze lampanti. Gli scandinavi sono figli del più efficiente womb-to-tomb system al mondo (letteralmente: dall utero alla tomba). Nella culla del matriarcato, un vero e proprio Stato madre organizza e aiuta i propri figli-cittadini, e rappresenta il più grande datore di lavoro. Gli italiani sono invece figli di un paese che, dopo due disastrose guerre mondiali e un successivo e straordinario boom economico e demografico ha perso il treno per l'innovazione non riuscendo ad adeguare i suoi sistemi di stato sociale e ad integrarli con l' economia. Ma da qualche anno anche il welfare state scandinavo sta attraversando la più grande crisi della sua lunga e gloriosa vita. Dagli anni ' 80 in poi la disoccupazione è cresciuta in modo esponenziale, le ore lavorative sono diminuite. Poi sono arrivate la crisi del comparto industriale, il collasso del sistema previdenziale troppo generoso, la crescita della popolazione, la congiuntura internazionale ecc. Per toccare un tema di forte attualità e dibattito in Europa, c è anche chi sostiene che la crisi del sistema scandinavo (e svedese in particolare) nasce da un fattore esterno: l immigrato. Il 12.5% della popolazione è di origine non svedese. E l'integrazione non è facile: spesso non vengono rispettati i pilastri dello stato sociale, del sistema di convivenza: egualitarismo, onestà e lagom (che significa il giusto tanto, né troppo né poco ). In ogni caso, i Paesi scandinavi si preparano ad attuare con convinzione importanti riforme strutturali per stare al passo coi nuovi tempi e trovare una soluzione di compromesso per mantenere un forte stato sociale, più flessibile e probabilmente meno generoso. In Italia, viceversa, siamo abituati a vedere le riforme strutturali come un miraggio. Ma il sistema/paese ne ha tanto bisogno per stare al passo della competizione internazionale. 6

9 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato Comparazione tra diversi modelli Può essere molto interessante, per approcciare il mercato scandinavo, qualche considerazione su quel modello di welfare state e sui servizi e le tecnologie per la popolazione. 3 Da studi specializzati emerge che la Danimarca, all'interno del modello scandinavo, si presenta molto interessante dal punto di vista delle applicazioni tecnologiche e dei servizi a favore dei bisogni di tutte le diverse persone lungo l'arco dell' intera vita. Rispetto all'italia, la Danimarca presenta migliori indicatori economici e indici di sviluppo umano. Le maggiori distanze tra Danimarca e Italia si evidenziano nei più elevati livelli di istruzione e di formazione professionale della popolazione, nella più elevata spesa in Danimarca per ricerca e sviluppo in percentuale del Pil. Ugualmente, sono più alte in Danimarca la spesa per la protezione sociale e la spesa di produzione sociale per abitante a prezzi costanti. Ciò nonostante, il rapporto tra il debito pubblico ed il Pil è nettamente migliore in Danimarca. Tutto questo è reso possibile da una pressione fiscale elevata e progressiva (in Danimarca i redditi alti risultano tra i più tassati in Europa) abbinata ad una ridottissima percentuale di evasione. A questo però si accompagna una competenza delle contee nelle entrate fiscali, coerente con una gestione decentrata del welfare. La strategia di protezione capillare che segue ogni persona in tutte le fasi della sua vita, fa sì che la popolazione accetti la pressione fiscale elevata. I principali tipi di intervento consistono in: assegni familiari erogati quando i figli hanno meno di 7 anni con assegni più elevati se essi sono in adozione; assegni erogati a chi frequenta l'università per incentivare il proseguimento degli studi, peraltro con un sistema di ammissione molto rigido con numero chiuso; assegni a chi esce dal sistema scolastico e universitario e non riesce a trovare lavoro (a patto di nuova formazione professionale); assegni di disoccupazione se una persona ha lavorato negli ultimi tre anni ed ha perso il lavoro; pensione sufficientemente elevata a tutte le persone dopo i 67 anni. Tutti i governi, indipendentemente dal colore politico, hanno mantenuto questo ampio schema di welfare state, ove il principio base è la tutela della singola persona in quanto cittadino o cittadina danese indipendentemente dal reddito familiare. I diritti a queste forme di tutela sono infatti diritti individuali. Per le persone disabili e anziane, tre sono i principi: valutazione della disabilità, con l'impegno a ridurre gli handicap; compensazione per dare realmente alle persone disabili uguali opportunità; responsabilità locale per dare risposta alle richieste delle persone. La responsabilità totale pubblica dell'assistenza tecnologica alle persone disabili e anziane è una delle strategie che caratterizza le politiche danesi. Il Danish Centre for technical aids garantiche elevate competenze tecnologiche che si occupano di Mobilità, verifiche di qualità e test dei prodotti e di Comunicazione e formazione. Il Danish Centre for Accessibility è invece specializzato nel promuovere il Design for all in ambito di edilizia, internet, trasporti, design, comunicazione. Questi Enti, per conto del governo, hanno realizzato e incrementato un importante mercato pubblico/privato dei prodotti e servizi di Assistive Technology. Emblematica è la realizzazione de La casa di Sofia, una abitazione visitabile all'interno di un complesso residenziale per persone anziane. 4 Si tratta di una casa tecnologicamente attrezzata per favorire il massimo della autonomia nelle diverse attività di vita quotidiana. Visitandola, la prima impressione è quella di entrare in una comune abitazione. Poi si percepiscono le varie innovazioni studiate per aiutare a vivere bene chi ha difficoltà. Ad esempio: nella cucina il piano di cottura prosegue in modo da poter spostare senza fatica le pentole; 3 Rif.: Capecchi V. - Innovazione tecnologica in favore di persone anziane e disabili - articolo in Economia Italiana anno 2004 n.1. 4 Il Sophielund Day Centre, a Horsholm, vicino a Copenhagen. 7

10 dal rubinetto dell'acqua sul lavello un tubo consente di mettere l'acqua direttamente nelle pentole sul piano cottura; i mobili base sono alzabili e abbassabili per adattarsi anche a una persona disabile che si muove su una carrozzina; le finestre sono apribili con telecomando; il controllo delle fonti di calore e di riscaldamento è informatizzato, ecc.. Misure studiate di questo tipo sono ugualmente presenti in tutti i locali. Vi sono tante innovazioni legate all'informatica, dall'apertura automatica di porte e finestre, alla struttura di telesoccorso. La casa di Sofia è stata successivamente presa a riferimento per la realizzazione di strutture visitabili similari in diversi Paesi, anche in Italia. 5 Vi sono però in Danimarca peculiarità e coerenze importanti. Lo Stato è il soggetto pagante, aggrega le richieste dal mercato delle persone disabili e delle persone anziane. Il Danish Centre for Technical Aids, per conto del governo, ha invitato tutte le imprese danesi potenzialmente interessate a realizzare le innovazioni della Casa di Sofia, ottenendo prezzi relativamente contenuti. Si è in questo modo evitato che le innovazioni tecnologiche diventassero beni di lusso. Il Danish Centre ha inoltre fornito le competenze tecnologiche e medico sociologiche, garantendo di tener veramente conto delle esigenze delle diverse persone. Ciò ha prodotto diversi effetti positivi: le imprese si sono specializzate in questo tipo di produzione e successivamente si sono rese conto che le produzioni specializzate e personalizzabili incontravano il gradimento anche del grande pubblico ed hanno proposto una easy line, linea di prodotti di più facile utilizzo. Il successo di tutto questo ha portato poi al Danish Centre for Accessibility e ad una linea di design basata sull'intreccio tra forma e funzionalità. Invece di ghettizzare la disabilità, considerando alternativi oggetti funzionali e oggetti belli il governo ha favorito la loro integrazione, con ottimi risultati. Coerente con tutto questo è anche la politica per le abitazioni realizzata in Danimarca. Il governo ha definito queste strategie pubbliche: miglioramenti nelle abitazioni esistenti con possibilità di accedere ad aiuti tecnici e sociali per consentire di vivere nel proprio domicilio; edificazione di case costruite e arredate come la Casa di Sofia; centri diurni diffusi in tutto il territorio con servizi mirati; case protette per persone che richiedono assistenza continua medica e paramedica. L' obiettivo di queste strategie non è solo sociale ma anche economico. Diverse ricerche hanno infatti dimostrato che il costo di una persona anziana in una casa protetta con assistenza medica e paramedica continua era doppio di quello prodotto in caso di persona assistita a domicilio. Ugualmente interessanti e complementari sono le strategie di integrazione delle persone disabili nello studio, nel lavoro, e nella vita nelle città. Ugualmente significativi sono gli interventi danesi a favore dei trasporti e della vivibilità nelle città. In definitiva, la scelta di una tutela più ampia e personalizzata delle persone disabili e delle persone anziane contribuisce positivamente al bilancio nazionale danese in diverse direzioni. Le scelte del governo danese permettono di non vedere il welfare solo come una spesa sociale ma come un polo di aggregazione di ricerca, progettualità e imprenditorialità con vantaggi per la qualità della vita ma anche per il sistema economico e produttivo. Quanto detto consente di capire meglio i limiti delle strategie adottate in Italia per una innovazione tecnologica a favore delle persone anziane e disabili. L'Italia è ancora molto lontana dal considerare ogni persona in quanto cittadino come avente diritto alla protezione sociale. Il welfare non copre tutte le fasi della vita di una persona né tutte le persone. In Italia sono previste solo alcune norme a favore del diritto allo studio e manca una copertura totale per chi perde il lavoro (nella crisi in corso ciò è fortemente evidenziato). 5 Ad esempio, la Casa domotica della Fondazione Don Gnocchi, a Milano. 8

11 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato Nella fascia delle persone anziane si riscontrano elevate probabilità di scendere sotto la soglia di povertà e poche probabilità di uscirne. Ugualmente, la legislazione a favore delle persone disabili non offre copertura globale ed evidenzia disparità negli aiuti economici a seconda delle categorie di disabilità considerate. Le disparità poi sono più o meno gravi a seconda delle differenti politiche di tutela messe in atto da Regioni e governi locali. Per quanto riguarda gli ausili e aiuti tecnologici, la legislazione italiana presenta limiti ancora più accentuati rispetto a quella danese. 6 Il punto di riferimento legislativo è ancora il Regolamento per l'assistenza protesica con Nomenclatore, che attende di essere revisionato da oltre 11 anni. Questa situazione crea di fatto una vera e propria deregulation, con regole vigenti ma disapplicate e regole applicate pur contra legem. Le differenze tra la normativa italiana e quella dei paesi scandinavi sono evidenti: nel Nomenclatore tariffario italiano sono presenti ausili tecnici pensati in relazione a specifiche menomazioni e non per garantire funzioni. Le persone anziane e disabili non sono quindi tutelate sugli interventi tecnologici. Inoltre il Nomenclatore, rispetto all' innovazione, è fermo ad un'altra era tecnologica. 7 Nel rapporto pubblico/privato poi, non si evidenziano strategie di monitoraggio tecnologico e di coerenza e integrazione tra programmazione sanitaria e sviluppo economico, che sarebbero fondamentali per favorire e sviluppare la competitività del sistema economico nel suo complesso. Manca infine una strategia di governo per qualificare le imprese italiane nell'area della Assistive Technology e non c è una precisa strategia per incentivare la ricerca in questa direzione. È comunque importante segnalare come stiano crescendo in Italia interesse, progettualità e ricerche sull'area dell' Assistive Technology. Vi sono Regioni e Amministrazioni locali più sensibili verso il tema delle persone anziane e disabili, e imprese (e Associazioni di imprese) sempre più intenzionate a sviluppare cultura imprenditoriale, ad investire puntando ad un mercato aperto e nel contempo al rafforzamento delle sinergie tra pubblico e privato. Considerazioni Le caratteristiche di ogni Paese, la sua cultura e la sua storia, concorrono a formare anche ogni suo modello. In Scandinavia, la natura è bellissima, rigogliosa e selvaggia. I panorami sono molto vari e vi sono tante risorse naturali. Fuori del porto di Copenaghen campeggia in mezzo al mare una fila di pale eoliche sempre attive. I boschi producono legna da ardere in quantità, i mari sono pescosi, come fiumi e laghi. La sola Svezia ha più di 60 mila laghi. Le riserve naturali petrolifere non impediscono agli scandinavi di preferire l'uso delle fonti energetiche alternative. Il modus vivendi degli scandinavi è improntato all'educazione, alla cordialità, al relax e al rispetto per l'uomo e la natura. In Svezia la percentuale di riciclo del vetro è superiore al 90%. Un nuovo quartiere in costruzione a Stoccolma sarà dotato impianti a biogas, tubi per la raccolta dei rifiuti differenziati in ogni condominio e pannelli solari. Gli scandinavi parlano oltre la loro lingua un inglese praticamente impeccabile. La prima cosa che si nota in Scandinavia sono i bambini: sono in media due a famiglia e tutto in Scandinavia è a misura di bambino. L'età media è bassa. I genitori sono tutti giovani: appena finito di studiare si trova un lavoro, si può formare una famiglia. 6 Alla data in cui va in stampa questa pubblicazione. 7 Citazione da Appello FISH del

12 Anche il sole di mezzanotte di mezza estate aiuta a creare in Scandinavia un'atmosfera quasi magica, con un giorno che continua ad oltranza e sembra non spegnersi mai. Questa rappresentazione didascalica, che può apparire fin troppo deliziatrice della Scandinavia, vuole solo introdurre la parte di merito che seguirà, con utili informazioni per l'approccio al mercato 8 di Danimarca e Svezia, a cura dello staff di Thema che ringraziamo. 8 Thema S.r.l., società di consulenza specializzata nel supporto alle aziende del settore medicale per le pratiche necessarie per l'esportazione e la commercializzazione nei mercati europei ed extraeuropei 10

13 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato DANIMARCA 11

14 Skagen Skagerrak LÆSØ 57 Ålborg Kattegat ANHOLT Viborg Randers 56 Mare del Nord 55 Ringkøbing Esbjerg Vardeå Ribe Storå JUTLAND Åbenrå Vejle Gudenå Århus Germania Odense FYN Kieler Bucht Røskilde Hillerød Sorø SJÆLLAND MØN FALSTER LOLLAND Nykøbing Copenhagen Germania Svezia BORNHOLM Rønne Mar Baltico Polonia DANIMARCA INFORMAZIONI GENERALI Superficie: kmq, esclusa la Groenlandia e le Isole Farøer; dal 21 giugno 2009, a seguito di un referendum popolare la Groenlandia è sostanzialmente indipendente. Popolazione: abitanti (densità 123 ab. per Km2, esclusa Groenlandia e Isole Farøer). Densità: 124 ab/kmq. Lingua: danese. Religione: protestanti (87%). Capitale: Copenaghen. Altre città principali: Arhus ( ab.); Aalborg ( ab.); Odense ( ab.); Esbjerg ( ab.); Randers ( ab.); Frederiksberg ( ab.). Clima e temperature: clima continentale, freddo d`inverno e temperato d`estate. Mese più caldo: luglio (media min. e max.: 14 C; 22 C); mese più freddo: febbraio (media min e max: -3 C; 2 C); mese più secco: marzo (32 mm precipitazioni medie mensili); mese più umido: luglio (71 mm precipitazioni medie mensili ). Forma istituzionale: monarchia costituzionale. Membro di: Consiglio d'europa, Consiglio nordico OCDE, ONU, OSCE e UE, EBRD, NATO. Unità Monetaria: Corona Danese. 12

15 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato Principali indicatori economici PIL in US $ (mld) crescita reale del PIL% 1,6-1,2-3,5 0,0 consumi privati su PIL (%) 2,4-0,2-6,3-0,3 consumi pubblici su PIL (%) 1,3 1,5 2,0 1,5 investimenti lordi fissi su PIL (%) 3,1-5,1-8,5-4,6 export di beni e servizi su PIL (%) 2,2 2,2-4,0 1,2 import di beni e servizi su PIL (%) 2,8 3,4 8,1 0,8 % di PIL da agricoltura -19,8 5,8 0,8 0,8 % di PIL da industria 0,6-3,1-7,5 0,3 % di PIL da servizi 2,6-0,2-2,2 0,0 PIL pro capite in US $ tasso di disoccupazione media (%) 2,8 1,8 4,2 5,8 entrate del settore statale su PIL (%) 55,1 54,9 51,6 50,5 spese del settore statale su PIL (%) 50,7 51,5 54,4 56,2 saldo del bilancio statale su PIL (%) 4,4 3,4-2,8-5,6 debito pubblico su PIL (%) 26,8 33,5 37,7 44,6 inflazione (%) 1,9 3,1 2,2 1,1 tasso di cambio Dkr - US $ medio 5,08 5,28 5,39 5,33 prezzi al consumo (media in %) 1,7 3,4 1,2 1,4 prezzi alla produzione (media in %) 4,2 6,5-5,8 4,0 tasso di interesse dei prestiti (media in %) 6,3 6,9 5,3 4,8 bilancia commerciale (US $ mln) -0,4-1,5 1,9 2,3 merci: export FOB (US $ mln) 100,5 114,9 89,4 93,7 merci: import FOB (US $ mln) -100,8-116,4-87,5-91,4 bilancia dei servizi (US $ mln) 7,7 9,7 5,2 5,9 bilancia dei redditi (US $ mln) 0,2 4,9 5,9 6,2 saldo del conto dei trasferimenti (US $ mln) -5,1-6,1-6,2-6,4 saldo del conto delle partite correnti (US $ mln) 2,4 6,9 6,8 8,0 riserve internazionali totali (US $ mld) 34,3 42,3 - - * 2010 stime dell'economist Intelligence Unit Fonte: IMF International Financial Statistics (settembre 2009) * 13

16 La Bilancia Commerciale della Danimarca nel periodo Mld ,00 73,99 78,75 export import ,95 71,39 75, Fonte: ICE Rischio Paese 2010 SACE / OCSE MOODY'S STANDARD & POOR'S FITCH 0 AAA AAA AAA Prospettive future Evidentemente la crisi economica mondiale non ha lasciato indenne neppure i Paesi scandinavi e l'economia danese che aveva vissuto una fase di grande espansione negli anni precedenti si è inesorabilmente contratta in modo sensibile dalla metà del 2008 all'inizio del Ora fortunatamente si presentano segnali incoraggianti di ripresa che secondo le prime stime superano anche le previsioni più ottimistiche. In modo particolare, dopo il boom registrato nel periodo , la crescita dei consumi privati è stata molto meno sostenuta nel , a causa dei più alti tassi d'interesse sui prestiti bancari, che hanno eroso il reddito disponibile dei proprietari di immobili, già pesantemente indebitati. Ciò ha inciso sul mercato del lavoro ripercuotendosi in una diminuzione dell'occupazione nel settore delle costruzioni. Il tasso di disoccupazione complessivo si è tuttavia mantenuto intorno alle basse percentuali registrate in precedenza. Gli incrementi salariali hanno in parte ammortizzato la netta riduzione della spesa al consumo nel corso del biennio appena trascorso ma è ragionevole pensare che tale effetto avrà ancora maggiore impatto durante il In merito agli investimenti, a fronte del calo verificatosi nel , dopo diversi anni di crescita sostenuta (soprattutto nel settore edile e in quello dei macchinari e delle attrezzature) ora le prospettive sono di ripresa, seppure meno robusta rispetto ad altri settori. Nel complesso, la crescita della domanda interna è progressivamente diminuita fino al 2009 ma già dal primo trimestre 2010 è evidente l'inversione di tendenza. Per quanto riguarda il comparto del commercio estero, le esportazioni sono diminuite come conseguenza sia di una domanda più debole da parte dei Paesi UE e degli USA, principali mercati di destinazione per i prodotti danesi che di una perdita di competitività dei prodotti nazionali, determinata anche da una corona più forte; la diminuzione dell'export è stata solo in parte controbilanciata da una domanda interna più debole, che ha inciso sul decremento delle importazioni. Da questo squilibrio ha origine il deficit di bilancio del , sebbene si sia ottenuto un surplus nel settore dei servizi, grazie ai trasporti di carburante. 14

17 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato Sul fronte dell'inflazione, dopo un previsto incremento intorno a una media del 3,1% nel 2008, la pressione inflazionistica è diminuita nel corso del 2009, attestandosi intorno a una media del 2,3%. In considerazione delle recenti agitazioni sui mercati finanziari internazionali, il tasso di cambio dell'euro, a cui la corona danese è fissata, in rapporto al dollaro statunitense si presenta relativamente volatile. Il tasso medio annuale per il 2008 si è attestato intorno a 5,28 Dkr per 1 $, subendo poi un leggero deprezzamento medio nel 2009 a 5,39 Dkr per 1 $. Settori Produttivi Il clima marittimo e relativamente mite, combinato a una terra pianeggiante e fertile, ha reso la Danimarca uno dei paesi con un'avanzata economia industriale capace di produrre ed esportare una gamma vasta e diversificata di beni e servizi caratterizzati da forte specializzazione. La lunga tradizione di pesca marittima ha permesso, altresì di sviluppare un'avanzata industria ittica. Il 66% del territorio è arabile, mentre il 12% è ricoperto da foreste e boschi. Solo il 7% del paese è occupato da aree urbane. Al di là dei giacimenti di petrolio e gas nel Mar del Nord che dal 1997 rendono la Danimarca autosufficiente in termini di approvvigionamento energetico, il paese non ha grandi risorse minerarie. Impegnati sul fronte della salvaguardia ambientale, da tempo il governo danese conduce dei programmi per la riduzione delle emissioni di ossido di carbonio, la riduzione degli sprechi dei bacini idrici e il ridimensionamento dell'uso di agenti chimici. L'introduzione delle tasse per l'ambiente ha permesso al paese di investire nella ricerca di fonti di energia alternative e rinnovabili. Con la nuova amministrazione, le tasse sono state temporaneamente congelate per dare spazio ad altre priorità. Ad ogni modo, la Danimarca ha ratificato il Trattato di Kyoto già a maggio L'impegno preso con il trattato è quello di ridurre del 21% le emissioni inquinanti di gas serra entro il Prima della pubblicazione ad aprile 2005 del Libro verde dell'ue sul programma di regolamentazione delle emissioni, la Danimarca aveva già provveduto a introdurre un piano triennale - attualmente prolungato e in linea con le direttive europee - per la riduzione delle quote di CO2 che interessava principalmente i generatori elettrici, responsabili del 36% delle emissioni inquinanti. La posizione geografica e la ricca disponibilità di infrastrutture e di servizi fanno della Danimarca un mercato ponte verso l'area baltica. Il terziario rappresenta il 70% del PIL e il 73% dell' occupazione totale. La crescita dei salari negli ultimi anni ha invece penalizzato l'industria che ha reagito delocalizzando la produzione all'estero. Dato, questo, che spiega tra l'altro lo spostamento dell'attività economica dal manifatturiero al terziario. Lo Stato ha un grande peso nell'economia, rappresentando intorno al 25% della domanda di beni e servizi. Sebbene le risorse del sottosuolo siano trascurabili, lo sviluppo delle industrie è in aumento. Il primo posto è occupato da industrie alimentari (caseifici, zuccherifici, lavorazione del pesce). Un posto rilevante è occupato dai cantieri navali. Copenaghen è il centro principale. Altri prodotti dell'industria sono i macchinari ferroviari, motori diesel, macchine agricole, industrie chimiche, industrie che lavorano materie prime importate quali cuoio, gomma, ceramiche e maioliche. Contributo dei diversi settori alla formazione del PIL (%) Settore 2009 Servizi 64,7 Industria 30,7 Agricoltura 4,6 Interscambio Il valore del saldo commerciale fra Italia e Danimarca continua a mantenersi positivo per il nostro Paese, in quanto il volume delle esportazioni di prodotti italiani verso il mercato danese continua a essere maggiore rispetto a quello delle importazioni di prodotti danesi. L'andamento del triennio è pesantemente influenzato dall'andamento complessivo degli scambi mon- 15

18 diali che hanno inciso in modo sostanziale nel calo delle esportazioni sul nostro mercato. I prodotti danesi esportati in Italia sono complessivamente di ottima qualità e con un costo sostenuto per il consumatore finale, caratteristiche queste che hanno prodotto una reazione quasi immediata al calo generalizzato dei consumi interni italiani, fin dal 2008, poi in misura ancora più marcata lo scorso anno. Sul fronte delle importazioni invece il 2008 è rimasto un anno di crescita sensibile, dovuto prevalentemente al fatto che la solida economia danese ha reagito con un certo ritardo alla crisi globale ed i consumi interni, sostenuti da una politica di adeguamento dei salari e di contributi pubblici erogati in molti settori, si sono mantenuti in un trend crescente fino all'ultimo trimestre del 2008 quando si è abbattuta la scure delle restrizioni anche sul piccolo Paese nord europeo, portando ad un 2009 caratterizzato da una flessione importante anche nei consumi interni. I principali prodotti dell'interscambio contemplano sul fronte dell'import italiano i prodotti del comparto agroalimentare (carne, pesci, bevande), mentre sul lato dell'export prevalgono le vendite italiane di autoveicoli e indumenti esterni. Interscambio commerciale Interscambio Italia - Danimarca valore in valore in valore in Esportazioni Importazioni Saldo Principali trattati Convenzione per il Regolamento delle controversie relative agli investimenti tra Stati e cittadini di altri stati Convenzione per il Regolamento delle controversie relative agli investimenti tra Stati e cittadini di altri stati Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sulle successioni Firmata a Washigton il 18 marzo L.N del 10/05/1970 Firmata a Copenaghen il 10 marzo L. 649 del 18/03/ GU n.131 del 24/05/1968 Firmata a Copenaghen il 26 febbraio L. 745 del 07/08/ GU n.284 SO DEL 14/10/1982 Marchi e Brevetti 16 Sia marchi che brevetti, in Danimarca, vengono gestiti dal Patentdirktoratet, un ente apposito, competente in materia, gestito dal Ministero dell'industria. I brevetti sono regolati dalla legge 1136 del 16/11/2004 mentre i marchi sono sottoposti alla legge n 782 del 30/08/2001. Per i marchi di fabbrica, la Danimarca ha adottato il sistema di classificazione di Nizza che prevede 34 classi di prodotti e 8 categorie di servizi. I marchi sono validi per 10 anni dalla data di registrazione e rinnovabili per un uguale periodo. Poiché sia Italia che Danimarca hanno ratificato la convezione di Parigi esiste un accordo di reciprocità e di vicendevole antecedenza nella registrazione. In teoria sia i marchi registrati che non registrati vengono tutelati dalle autorità danesi ma per evitare controversie dall'esito incerto è buona norma registrarli. Per quanto riguarda i brevetti la Danimarca ha ratificato la Convenzione Europea sui Brevetti del 1 gennaio 1990, la Convenzione Comunitaria su Brevetti del dicembre 1998 e l'accordo di legge sui Brevetti promosso dall'organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale ( per cui risponde diligentemente a quanto disposto dagli accordi di qui sopra. In linea generale il brevetto viene concesso per 20 anni e non è rinnovabile, ad eccezione dei prodotti farmaceutici per i quali è possibile richiedere una proroga di 5 anni. Il design industriale è genericamente protetto per 5 anni.

19 Scandinavia, un approccio al paese e al mercato Patentdirektoratet Helgeshøj Allè 81 DK 2630 Taastrup Tel / Fax Requisiti tecnici e Standardizzazioni Esistono standards per un gran numero di prodotti dell'industria meccanica, elettrotecnica, energetica, sanitaria, cosmetica, logistica, dei trasporti, dell'edilizia e dei sistemi di telecomunicazioni. L'organismo danese preposto alla normalizzazione è il DANSK STANDARD (Danish Standard Association) che è membro delle organizzazioni europee CEN (Comitato Europeo di Normalizzazione), CENELEC (Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica), ETSI (Telecommunications Standards Institute). In linea generale viene ritenuto valido e sufficiente il marchio CE riconosciuto all'interno della Comunità Europea, in alcuni casi però le direttive comunitarie vengono implementate con richieste ulteriori di specifiche omologazioni, concordi con la legislazione locale in materia di sicurezza dell'utilizzatore. In particolare, l'ente che cura la legislazione su prodotti alimentari e legislazione veterinaria è: Fødevarestyrelsen Mørkhøj Bygade 19 DK 2860 Søborg Tel Fax L'ente che cura la legislazione sull'ambiente è: Miljøstyrelsen Strandgade 29 DK 1401 København K Tel Fax L'ente che cura la legislazione su macchinari e ambiente di lavoro è: Direktoratet For Arbejdstilsynet International Sekretariat Landskronagade 33 DK 2100 København Ø Tel Fax Ovviamente come in tutti i Paesi europei, sono richiesti certificati sanitari per l'importazione di animali e vegetali e certificati farmaceutici per l'importazione di farmaci e di alcuni articoli sanitari che sono sottoposti a rigorosi controlli per il rispetto, fra le altre, delle norme di etichettatura ed imballaggio. In linea generale nelle etichettature di tutti i prodotti importati, che devono essere in lingua danese, è richiesto di indicare il paese d'origine e la composizione che deve essere descritta in modo particolarmente accurato quando si tratta di cosmetici e di prodotti alimentari (per questi ultimi è necessario accludere anche l'indicazione del peso netto, degli additivi specifici aggiunti, del ciclo di produzione, lotto o partita di appartenenza, l'indirizzo del produttore o confezionatore e quello dell'agente e distributore locale). Anche la Danimarca, come la Svezia e altri paesi nordici, partecipa al programma di eco-labeling contrassegnato dal simbolo del cigno, la Danish Standards Association gestisce tale programma per il paese. 17

20 Principali indirizzi utili Ambasciate e Consolati in Italia Ambasciata Danese (Cancelleria) Ambasciatore: S.E. Poul Skytte Christoffersen (1 luglio 2003) Via dei Monti Parioli, Roma Tel ; Fax: Consolato generale e Ufficio commerciale a Milano Circoscrizione Lombardia, Trentino-Alto Adige, Province: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia Via L. Ariosto, Milano Tel ; Fax Consolato Generale Onorario a Genova Circoscrizione Liguria Via S. Siro, Genova Tel ; Fax Consolato Generale Onorario a Napoli Circoscrizione Campania, Basilicata, Puglia, Calabria Piazzale Stazione Marittima Interno Porto Napoli Tel ; Fax Ambasciate e Consolati all'estero Aarhus - Consolato onorario Con.On. Henning Holmen Moller Lille Torv 6 DK 8000 Aarhus C. Tel: ; Fax: Ambasciata d'italia Amb. Roberto Di Leo Gammel Vartov Vej, 7 DK Hellerup Tel: ; Fax: Sezione consolare Engskiftevej, Copenhagen Tel. (+45) ; Fax (+45) Istituto Nazionale per il Commercio Estero I.C.E Italinsk Institut for Underigshandel Ostergade 24B DK 1100 Copenhagen Tel. (+45) Fax (+45)

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli