creativitoria 100% MADE IN ITALY

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 creativitoria 100% MADE IN ITALY

2 Segni Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA ISBN copyright 2011, Caosfera Edizioni soluzioni grafiche e realizzazione

3 Chiara Sgherbini LA PERCEZIONE ARMONICA

4

5 PARTE PRIMA

6

7 1 ELEMENTI DI NEUROBIOLOGIA Organizzazione del Cervello Le strutture inferiori comprendono i circuiti del tronco cerebrale, alla base del cranio, che controllano i processi fisiologici fondamentali (respirazione, frequenza cardiaca, stati di arousal e di vigilanza); sopra il tronco è posto il talamo, che funge da porta di ingresso per le informazioni sensoriali che giungono al cervello, e possiede estesi collegamenti con aree cerebrali superiori, incluse quelle neocorticali. Le strutture superiori, come la corteccia cerebrale, vengono considerate le aree più avanzate in termini evolutivi, e sono sedi di funzioni relativamente più complesse. Al centro è posto quello che viene chiamato sistema limbico, formato da amigdala, corteccia orbito-frontale e corteccia cingolare anteriore, che sembra svolgere un ruolo fondamentale nella coordinazione delle attività cerebrali, quali mediazioni di emozioni, motivazioni, comportamenti finalizzati, oltre che essere implicato in molteplici attività che vanno dall attribuzione di significati ai dati esperienziali, all elaborazione delle esperienze sociali, alle emozioni. Nelle aree centrali si situano il lobo temporale 7

8 mediale e l ippocampo, che riveste un ruolo particolare nelle forme consce di memoria. Nelle zone centrali inferiori si trovano l ipotalamo e l ipofisi, che partecipano direttamente al mantenimento dell omeostasi fisiologica attraverso processi neuroendocrini. Elaborazione delle informazioni e neurobiologia Le regioni più profonde inviano segnali che si riferiscono a dati fisiologici provenienti dall intero organismo alle strutture limbiche centrali, dove queste informazioni vengono registrate e integrate con elementi più complessi che derivano dalle attività di processing dello stesso sistema limbico, della corteccia orbito-frontale e della corteccia cingolare anteriore; queste aree cerebrali trasmettono input di natura somatosensoriale ed emozionale alle regioni neocorticali, che ricevono altre informazioni di ordine rappresentazionale percettivo; le strutture funzionali deputate all attività di integrazione (corteccia associativa e corteccia orbito-frontale) hanno il compito di decodificare i diversi tipi di segnali, di coordinare le diverse informazioni contenute e di tradurle in forme diverse di impulsi che vengono poi ritrasmessi alle varie regioni cerebrali. Occorre notare come la regione che invia il messaggio deve essere in grado di tradurlo in segnali specifici, e i circuiti o i sistemi deputati alla ricezione devono essere in grado di effettuare le operazioni di decodifica necessarie per utilizzare le informazioni in entrata: la differenziazione delle strutture cerebrali è geneticamente programmata. Le esperienze non solo costituiscono gli stimoli che portano all attivazione di strutture specifiche, ma rappresentano un fattore necessario per il loro corretto sviluppo. Le esperienze giocano un ruolo essenziale anche nei processi di maturazione dei sistemi sensoriali fondamentali del nostro cervello, e lo sviluppo di 8

9 molti circuiti cerebrali specializzati dipende, almeno in parte, dalla loro utilizzazione. Le esperienze svolgono un ruolo importante nel determinare non solo quali informazioni arrivano alla mente, ma anche come la mente sviluppa modalità di elaborazione delle informazioni. Le esperienze creano rappresentazioni, stimolano e modificano i circuiti cerebrali che mediano in maniera specifica il processing dei diversi tipi di informazioni, e ne favoriscono lo sviluppo. Geni ed esperienze Lo sviluppo cerebrale deve essere visto come il prodotto degli effetti che le esperienze esercitano sull espressione del potenziale genetico: i geni contengono le informazioni che permettono ai neuroni di crescere, di collegarsi fra loro, di morire, nel corso dei processi di differenziazione dei vari circuiti cerebrali: tali processi sono geneticamente programmati, ma nello stesso tempo esperienza-dipendenti, dal momento che, se è vero che i geni permettono la trasmissione delle informazioni contenute nel DNA alle generazioni successive, essi determinano anche, attraverso processi di trascrizione, quali proteine vengono sintetizzate a livello cellulare. Le esperienze sono in grado di influenzare direttamente il processo di trascrizione, e quindi le modalità con cui i geni vengono espressi attraverso la sintesi proteica. Espressione genica, attività della mente, comportamenti individuali e interazioni ambientali sono parti strettamente correlate di un unico processo di sviluppo. La storia di ciascun individuo è, dunque, il risultato delle modalità con cui componenti ambientali, eventi casuali e tratti ereditari contribuiscono, nel loro insieme, a determinare le esperienze che plasmano, attraverso processi di adattamento e apprendimento, lo sviluppo della mente. Ciò implica che sono molteplici i fattori coinvolti nel determinare le modalità con cui un genotipo dà origine a un fenotipo. 9

10 Nello sviluppo cerebrale infantile, il mondo sociale rappresenta la fonte principale delle esperienze che influenzano l espressione genica e, di conseguenza, i processi che portano alla maturazione dei collegamenti neuronali su cui si basano le attività della mente. Inoltre, le funzioni di tali circuiti sono determinate dalla loro struttura e, in questo modo, cambiamenti indotti a livello della trascrizione delle informazioni genetiche inducono modificazioni strutturali delle cellule nervose, plasmando la mente relazionale; a loro volta, le attività della mente portano a modificazioni delle condizioni fisiologiche generali che possono dare luogo all espressione di geni diversi. Cervello ed esperienze interpersonali Lo sviluppo mentale è il risultato di interazioni tra processi neurofisiologici e relazioni interpersonali, dal momento che i circuiti che mediano le esperienze sociali sono strettamente correlati a quelli responsabili dell integrazione dei processi che controllano l attribuzione di significati, la regolazione delle funzioni organismiche, la modulazione delle emozioni, l organizzazione mnestica, le capacità comunicative. La Memoria: una definizione generale La memoria viene definita come l insieme dei processi in base ai quali gli eventi del passato influenzano le risposte future. La struttura delle reti neurali consente l apprendimento attraverso meccanismi di registrazione delle informazioni che inizialmente prevedono l attivazione di specifici pattern di eccitazione, fra loro associati, distribuiti nell intero cervello, fenomeno descritto nelle teorie note come connessionismo o dei processi paralleli distribuiti: l idea di fondo è che sono le intricate connessioni nervose che costituiscono la struttura cerebrale a rendere possibile l apprendimento. La stimolazione di determinate reti neurali altera la loro probabilità di venire attivate in futuro: ciò è dovuto a modifiche a livello 10

11 delle connessioni sinaptiche al suo interno, e il fenomeno del potenziamento a lungo termine è stato descritto come uno dei meccanismi responsabili di tali alterazioni. I circuiti neurali ricordano, e apprendono dalle passate esperienze, attraverso un accresciuta probabilità di attivazione di determinati pattern di eccitazione: le informazioni vengono registrate e recuperate attraverso cambiamenti a livello delle connessioni sinaptiche. Quando lo sviluppo cerebrale è stato definito esperienzadipendente, si è voluto sottolineare che struttura e funzioni cerebrali sono plasmate dall esperienza: lo sviluppo cerebrale e i processi mnestici possono coinvolgere meccanismi neuronali e molecolari simili, implicati nella formazione delle connessioni sinaptiche. Per memoria si intende l insieme dei processi con cui gli avvenimenti della vita possono influenzare il cervello in modo tale da alterare la sua attività in maniera specifica: il modo in cui il passato viene ricordato è determinato da quali componenti, nella rete dei circuiti neurali, verranno successivamente attivate. L immagazzinamento delle tracce mnestiche consiste in una variazione nella probabilità di successiva attivazione di un particolare pattern di eccitazione neurale. Secondo Hebb, neuroni che vengono eccitati contemporaneamente una prima volta tenderanno ad essere attivati insieme anche in seguito: neuroni che vengono eccitati contemporaneamente tenderanno ad essere collegati fra loro. Questo tipo di associazione, che lega funzionalmente l attività di neuroni diversi, si basa su processi metabolici transitori nel caso della memoria a breve termine, mentre in quelli a lungo termine sono implicati cambiamenti strutturali più stabili. Sotto l assioma di Hebb si intende l insieme di meccanismi cellulari responsabili di fenomeni di associazione funzionale, e di integrazione spazio-temporale, che costituiscono le basi della capacità di attivare specifici profili delle reti neurali. Le memorie sono basate sul collegamento di diversi pattern di attivazione neuronale, legami associativi che rendono più 11

12 probabile, in fase di richiamo, una simultanea attivazione di vari circuiti correlati: la rappresentazione di un esperienza viene immagazzinata in particolari regioni cerebrali che corrispondono a quelle attivate in origine, mentre i processi di registrazione e recupero sembrano implicare zone cerebrali differenti (corteccia orbito-frontale): ancora una volta, ciò che viene immagazzinato sono probabilità di attivazione di determinati profili neurali. Il ricordo è il risultato di un nuovo profilo di eccitazione neuronale, che presenta caratteristiche proprie dell engramma (impatto iniziale che un esperienza ha sul cervello) iniziale, ma anche elementi della memoria derivati da altre esperienze, e che risente delle influenze del contesto e dello stato della mente in cui l individuo si ritrova al momento del ricordo medesimo. Forme di memoria e loro caratteristiche Forme di memoria 1. precoce, non dichiarativa,procedurale, implicita; 2. tardiva, dichiarativa, episodica/semantica, esplicita. Sviluppo biologico della memoria 1. processi impliciti (memoria precoce): presenti alla nascita; 2. processi espliciti (memoria tardiva): semantici, che incominciano a svilupparsi durante il primo o il secondo anno di vita; episodici (processi noetici) e autobiografici (processi autonoetici), che si sviluppano progressivamente dopo il secondo anno di vita. Memoria implicita non associata all esperienza soggettiva interna di stare ricordando qualcosa, né a un senso di sé o del tempo; implicata nella creazione di modelli mentali e coinvolgente fenomeni di priming; comprendente diverse forme di memoria: 12

13 comportamentale, emozionale, percettiva e probabilmente somatosensoriale; senza il necessario intervento di attenzione focalizzata; mediata da circuiti coinvolti nella registrazione iniziale, indipendenti dal lobo temporale e dall ippocampo. Memoria esplicita associata all esperienza soggettiva interna di stare ricordando qualcosa e, nel caso della memoria autobiografica, a un senso di sé e del tempo; comprendente forme di memoria semantica ed episodica (autobiografica); con il necessario intervento dell attenzione focalizzata e della coscienza; mediata da circuiti ippocampali; intervento dei processi di consolidamento corticale per l inserimento dei ricordi nella memoria permanente. Memoria implicita: modelli mentali, comportamenti, immagini ed emozioni La memoria implicita è mediata da regioni cerebrali che non richiedono una partecipazione della coscienza ai processi di registrazione e recupero. Le strutture cerebrali coinvolte nei meccanismi della memoria implicita, già sviluppate alla nascita, comprendono l amigdala e altre regioni limbiche (memoria emotiva), i nuclei della base e la corteccia motoria (memoria comportamentale), la corteccia percettiva (memoria percettiva), e si suppone anche le cortecce somatosensoriali orbito-frontale e cingolare anteriore (memoria somatosensoriale), vale a dire le regioni deputate alle rappresentazioni somatiche. Le ricapitolazioni che si verificano in base al riprodursi di esperienze simili formano la base di modelli mentali, o schemi, che aiutano l essere umano a interpretare il 13

14 presente e a prevedere le future esperienze. I modelli mentali, intrinsecamente multimediali, sono componenti fondamentali della memoria implicita: le nostre menti utilizzano modelli mentali del mondo per valutare più rapidamente le diverse situazioni, e per intuire ciò che ci si può attendere nel futuro dell esperienza contingente. Tali modelli mentali sono il risultato dell interazione individuale con la realtà esterna e permettono la creazione di aspettative nei confronti dell ambiente circostante, in modo tale da individuare deviazioni dalla norma. È la capacità di creare modelli mentali del mondo che consente al cervello di svolgere la funzione anticipatoria, ad alto valore adattivo, delle possibili configurazioni ambientali future. Tali modelli, va ricordato, sono frutto delle esperienze precedenti. Considerando il cervello come il risultato delle complesse interazioni tra meccanismi genetici, fattori fisiologici interni ed esperienze, dal punto di vista della biologia dell evoluzione si evidenzia come le funzioni che aumentano la probabilità di replicazione genica tenderanno ad essere mantenute dalla specie. Attraverso questi processi di ingegneria inversa è possibile, considerando il valore adattivo per la specie che talune funzioni cerebrali hanno avuto, comprendere i meccanismi coinvolti nei processi mnestici, percettivi, attentivi ed emozionali. Memoria implicita e sviluppo Gli stati della mente, parte della memoria emozionale dei bambini, sono stabilmente inscritti nel cervello, e vengono appresi durante il primo anno di vita; intorno ai diciotto mesi, in seguito a processi maturativi a carico di determinate aree cerebrali, il bambino comincia ad essere in grado di comprendere ed esprimersi verbalmente: il rapido sviluppo delle aree frontali apre alla possibilità di processi mnemonici evocativi, attraverso cui è possibile richiamare alla mente le figure di attaccamento. Le modalità differenti di attivazione 14

15 di determinati stati mentali possono essere considerate forme particolari di memoria implicita. Memoria esplicita: fatti, eventi e coscienza autobiografica Intorno ai due anni d età, i bambini sono in grado, generalmente, di ricordare avvenimenti: la comparsa di tali capacità è legata alla maturazione del lobo temporale mediale, di cui fa parte l ippocampo, e della corteccia orbito-frontale, tutto ciò rendendo possibile lo sviluppo di ricordi espliciti. Il sistema esplicito comprende due forme di memoria: semantica ed episodica. Lo sviluppo dei meccanismi tipici della memoria esplicita coinvolge diversi aspetti delle interazioni individuo-ambiente: durante il secondo anno di vita, il bambino acquisisce progressivamente la capacità di sviluppare il senso del tempo e della successione degli eventi, di crearsi aspettative, attraverso una mappa delle rappresentazioni che permette la collocazione degli oggetti nello spazio-tempo: tali acquisizioni sembrano possibili grazie allo sviluppo dell ippocampo che, come organizzatore cognitivo, sembra essere essenziale nel determinare lo sviluppo di un senso di sé nello spazio e nel tempo. Gli sviluppi cui va incontro il bambino nel corso del secondo anno di vita, che gli permettono di collocarsi nello spazio, nel tempo, di sviluppare un senso del sé e della successione degli eventi, gettano le basi per la formazione di quella che viene definita memoria esplicita autobiografica; va notato come la capacità precedente di ricordare gli eventi non contenga in sé la possibilità di posizionarsi nel tempo e nello spazio, inscrivendo questo tipo di ricordi nella memoria esplicita semantica. Sembra infatti che i ricordi di tipo semantico siano basati su processi funzionalmente distinti da quelli che consentono la memoria autobiografica: la memoria semantica permette rappresentazioni proposizionali, ed è stata definita noetica. La memoria autobiografica si fonda, invece, su processi autonoetici (di conoscenza di se stessi), e sembra basata sull attività mediate dalle aree corticali frontali, che vanno incontro a un rapido sviluppo esperienza-dipendente durante i primi anni di vita. 15

16 Verso i tre anni di età, il bambino diventa progressivamente in grado di elaborare attivamente storie che gli vengono raccontate, inserendo elementi che derivano direttamente da proprie esperienze: la ricchezza di tali storie appare in stretta relazione con la qualità delle interazioni interpersonali fra bambino e figure di accudimento, fatto questo che fa avanzare l ipotesi che le esperienze di attaccamento contribuiscano direttamente ad aumentare la capacità autonoetica del bambino. Entrambe le forme di memoria esplicita, semantica ed episodica sembrano implicare, per le fasi di registrazione, una forma di attenzione focalizzata e conscia, che porta all attivazione delle strutture ippocampali. Le attivazioni iniziali contenute nella memoria iconica, che conserva i ricordi sensoriali per circa mezzo secondo, vengono filtrate e selezionate dalla memoria di lavoro, la cui sede sembra individuabile nella corteccia prefrontale laterale, e il prodotto dei processi cognitivi può essere trasferito nella memoria a lungo termine, in seguito a processi di riattivazione. Per memoria a lungo termine si intende la serie di processi che media l immagazzinamento delle informazioni per periodi di tempo molto lunghi, significativamente superiori a quelli della memoria di lavoro. Dal punto di vista biochimico, si ritiene che la memoria di lavoro non implichi modificazioni strutturali in termini di attivazione genica e sintesi proteica, quanto piuttosto modificazioni di tipo funzionale a livello sinaptico, con l alterazione della probabilità di attivazione neuronale. L ippocampo svolge, invece, un ruolo essenziale nei processi di memoria a lungo termine, in fase di registrazione e recupero, mentre un ruolo importante è svolto dalla corteccia prefrontale nei meccanismi di recupero, ad opera della memoria di lavoro, di informazioni presenti nella memoria a lungo termine. Perché delle informazioni possano entrare a far parte in modo permanente dei ricordi individuali, sembra sia necessario quello che è stato definito consolidamento corticale, che richiede un attivazione, o un ripasso inconscio delle rappresentazioni, 16

17 e un immagazzinamento nella corteccia associativa, in cui vengono integrate rappresentazioni derivanti da varie parti del cervello, attraverso una riorganizzazione di tracce mnestiche preesistenti, senza il coinvolgimento di nuovi engrammi (per il richiamo di questo tipo di informazioni non è necessario il coinvolgimento delle strutture ippocampali). Il processo di consolidamento corticale appare associato alla fase REM del sonno. Memoria esplicita e implicita: esperienza soggettiva Sembrano esistere differenze significative fra i ricordi che contemplano un senso di sé nel tempo e quelli che non lo contemplano (ricordi episodici): coscienza noetica e autonoetica sarebbero, in effetti, il risultato di processi distinti, dal momento che diverse sembrano anche le aree implicate nelle due forme di memoria. Infatti, il richiamo di ricordi semantici sembra associato ad un attivazione dominante dell ippocampo sinistro, mentre quello dei ricordi autobiografici sembra implicare maggiormente l ippocampo e la corteccia orbito-frontale destri. Memoria semantica e memoria autobiografica sembrano mediate da meccanismi almeno parzialmente distinti. La consapevolezza autonoetica implica un esperienza soggettiva e appare legata all attività di aree prefrontali del cervello, che includono diverse funzioni integrative ed esecutive, le quali rendono possibile un controllo globale dei processi cerebrali. Differenti linee di ricerca indicano le regioni prefrontali (corteccia orbito-frontale destra) come aree cruciali nell integrazione della memoria, dell attaccamento, delle emozioni, delle rappresentazioni somatiche, della cognitività sociale. La riattivazione di ricordi espliciti risulta essere influenzata da fattori ambientali interni ed esterni: quando si è in presenza di una corrispondenza fra tali elementi ambientali e la rappresentazione mnemonica si parla di ecforia, processo che dipende dalle caratteristiche dello stimolo scatenante e dalle modalità con cui tale rappresentazione è stata immagazzinata in memoria. È così che la memoria esplicita viene considerata 17

18 contesto-dipendente. Abbiamo quindi l ippocampo in grado di costruire la mappa cognitiva delle esperienze, dando loro un contesto di immagazzinamento, la rappresentazione delle quali sembra risiedere in aree cerebrali posteriori, mentre le regioni prefrontali sembrano dedicate alla creazione di uno stato di richiamo, in cui si può verificare la corrispondenza fra stimoli ambientali e rappresentazioni, chiamata appunto ecforia, che può portare alla creazione di nuovi legami associativi, sulla scorta delle caratteristiche del contesto presente e del contenuto del ricordo. Il richiamo di ricordi è un modificatore della memoria: la riattivazione della rappresentazione porta ad un suo immagazzinamento in forma nuova. Amnesia infantile Secondo la psicologia infantile, le forme fisiologiche di amnesia infantile sono legate a un incompleta maturazione del senso del sé, del senso del tempo e delle capacità verbali e narrative del bambino, che compromette la possibilità di ricordare eventi che si verificano nel corso dei primi duetre anni di vita. L amnesia infantile appare dunque dovuta all immaturità ippocampale e delle aree orbito-frontali (emisfero destro) nelle prime fasi dello sviluppo individuale. Alcuni autori sostengono che il fenomeno dell amnesia infantile sia dovuto a processi che coinvolgono specificamente lo sviluppo tardivo della memoria episodica. I circuiti che mediano i meccanismi della memoria implicita sono presenti fin dalla nascita, e nel corso del primo anno di vita il bambino appare quindi in grado di ricordare e richiamare eventi a livello implicito. La comparsa delle prime forme di memoria esplicita, probabilmente di natura semantica, avviene in un secondo tempo, durante il secondo anno di vita, presumibilmente legata a processi maturativi a carico dell ippocampo. La capacità di avere ricordi espliciti comincia a manifestarsi fra i diciotto mesi e il terzo anno 18

19 di vita, probabilmente facilitata dallo sviluppo delle regioni cerebrali frontali (corteccia orbito-frontale). Ricordare e dimenticare: ruolo delle emozioni Va ricordato che la possibilità di dimenticare è un aspetto essenziale della memoria esplicita, e le nostre emozioni svolgono un ruolo fondamentale in questo senso, dal momento che le esperienze non accompagnate da un significativo coinvolgimento emotivo in genere non sono in grado di evocare un adeguato livello di attenzione specifica. D altra parte, esperienze eccessivamente coinvolgenti e terrorizzanti possono stimolare meccanismi che portano ad un inibizione dei processi della memoria esplicita a livello dell ippocampo, determinando, di conseguenza, un blocco nella registrazione esplicita di tali ricordi: tali meccanismi includono l attivazione dell amigdala e la liberazione di noradrenalina e corticosteroidi, che permettono la registrazione unicamente a livello implicito. L amigdala sembra implicata nei processi di valutazione del significato degli stimoli: gli engrammi registrati all attivazione di tale struttura vengono classificati come importanti. Il conferimento di valore alle diverse esperienze avviene attraverso processi di tipo neuromodulatorio che: aumentano l eccitabilità e l attivazione neuronale; incrementano la plasticità neuronale inducendo la creazione di nuove connessioni sinaptiche; collegano diverse aree cerebrali sulla base di circuiti neuronali specifici. 19

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

4W 6W 11W nascita o f Il cervello ha distinte regioni funzionali Il cervello ha distinte regioni funzionali La corteccia cerebrale è la regione che contiene diverse aree con specifiche funzioni, che insieme

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo

La memoria. È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La memoria È la capacità di immagazzinare informazioni e di recuperarle nel corso del tempo La codifica: trasformare le percezioni in ricordi Test della memoria numerica: 28 691 0473 87454 902481 5742296

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

un mondo sotterraneo della memoria

un mondo sotterraneo della memoria un mondo sotterraneo della memoria Memoria implicita: L essere influenzati da un esperienza passata senza avere la consapevolezza di ricordare. Priming -> consiste nell effetto di facilitazione e preattivazione

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015 ALCOL E CERVELLO raffaella ada colombo Tenero, 7.11.2015 Stati alterati di coscienza Il termine stati alterati di coscienza si riferisce ad ogni stato di coscienza che è differente dal livello di consapevolezza

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

Apprendimento e memoria

Apprendimento e memoria Apprendimento e memoria In tutti gli organismi il comportamento dipende dall interazione di fattori genetici e ambientali. L importanza relativa di questi fattori varia, ma anche il comportamento più stereotipato

Dettagli

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro

Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Il cervello e la psiche neuroscienze e psicoanalisi: appunti per un possibile incontro Dr. Augusto Gentili 20/09/2011 Dott. Augusto Gentili 1 Viviamo in una società di massa, globalizzata. Ci si aspetta

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Ogni bambino ha diritto ad essere protetto, anche dalla mancanza di adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. Questo è il cuore di Nati per Leggere. Il progetto ha l'obiettivo di promuovere

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO Sezione schematica trasversale del midollo spinale 1 Nervi cranici: sono 12 paia di nervi che fuoriescono dall

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE

LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE LE ORIGINI RELAZIONALI DELLA MENTE Barbara Ongari Corso di formazione per Educatrici Asili Nido 31 marzo, 2 aprile e 9 aprile 2015 LA MENTE SI COSTRUISCE NELLE RELAZIONI Le interazioni continue e reciproche,

Dettagli

(VALORE DI VERITA O VALORE DI ORIENTAMENTO AFFIDABILE, MA PROVVISORIO)

(VALORE DI VERITA O VALORE DI ORIENTAMENTO AFFIDABILE, MA PROVVISORIO) POSSONO ESSERE RITENUTI IN CONTRAPPOSIZIONE O IN SINERGIA O IN ALTERNATIVA O INDIPENDENTI. COME INFLUISCONO LE VISIONI DEL MONDO E LE TEORIE SCIENTIFICHE DI RIFERIMENTO? (VALORE DI VERITA O VALORE DI ORIENTAMENTO

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Di cosa si occupa lo studio sul movimento

Di cosa si occupa lo studio sul movimento Di cosa si occupa lo studio sul movimento Attività motoria e controllo motorio sono funzioni importanti e indispensabile sia da un punto di vista filogenetico che ontogentico. ontogenesi è l'insieme dei

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze

Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze Bisogni Educativi Speciali Il punto di vista delle Neuroscienze Alberto Granato - Università Cattolica - Milano alberto.granato@unicatt.it La notevole estensione della corteccia cerebrale nella nostra

Dettagli

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI I meccanismi dell ansia -L ansia e uno stato mentale di preallarme che si manifesta in risposta ad una minaccia o ad un potenziale pericolo Si accompagna a risposte

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA APLYSIA: VANTAGGI: Sistema nervoso semplice Poche e grosse (1 mm) cellule riconoscibili (20.000) MEMORIA PROCEDURALE Priming Motorie Apprendimento (abilità,abitudini)

Dettagli

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione Cervello, Mente e loro Sviluppo La metacognizione Il bambino ha nei due emisferi potenziali cerebrali di apprendimento superiori a quelli dell adulto. Pertanto è necessario creare una didattica che permetta

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE PER L'ALLENAMENTO E LA PRESTAZIONE.

IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE PER L'ALLENAMENTO E LA PRESTAZIONE. IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE PER L'ALLENAMENTO E LA PRESTAZIONE. Ippocrate non diceva assolutamente cose sbagliate. Ma dai suoi tempi ai giorni nostri scienza e tecnologia hanno cercato e cercano di

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

14/06/2010 DEL PENSIERO. Un sorprendente contributo scientifico

14/06/2010 DEL PENSIERO. Un sorprendente contributo scientifico L INFLUENZA LINFLUENZA DEL PENSIERO SULLE CELLULE Un sorprendente contributo scientifico 1 DEFINIZIONI Le emozioni sono determinate da processi biologici universali, dipendono da circuiti cerebrali innati

Dettagli

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO SNC2 telencefalo Telencefalo Sostanza nera 7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO utamen lobo allido Nucleo caudato In sezione frontale: Nuclei della base il corpo striato

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.

Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere. e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W. Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere e l aiuterete a diventare ciò che è capace di essere. (W.Goethe) Quello che gli altri credono di noi può influenzare l opinione che abbiamo

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE ANALISI DELLO SVILUPPO PSICOMOTORIO ED EMOTIVO/AFFETTIVO PROF. JOSE ALBERTO FREDA ATTO

Dettagli

Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali. Avv. Carlo Alberto Calcagno

Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali. Avv. Carlo Alberto Calcagno Il cervello in conflitto: le interazioni tra connessioni neurali e interpersonali Avv. Carlo Alberto Calcagno Poincaré, Scienza e metodo Il sé subliminale non è in alcun modo inferiore a quello cosciente;

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA

ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA ADHD: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività COME AGIRE A SCUOLA E A CASA Seconda lezione Le manifestazioni dell ADHD Non lancerò più le penne di Marco Laura Barbirato psicologa dell apprendimento

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

CAUSE. Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli

CAUSE. Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli CAUSE Le cause sono ancora sconosciute. La ricerca si muove su 4 aree, si muovono su binari paralleli 1. approfondimento del comportamento osservabile, vale a dire la definizione dei modi di un individuo

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE CORRELAZIONE TRA ATTIVITÀ MOTORIE SPECIFICHE PER LA MATURAZIONE DEI COORDINAMENTI MOTORI E PREREQUISITI ALL APPRENDIMENTO SCOLASTICO NEL BAMBINO DI 3-6 ANNI Questo

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio CORSO DI LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO A.A. 2004-05 INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta Prof. Claudia Casadio LINGUAGGIO E PENSIERO Le relazioni tra linguaggio e pensiero

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Non di solo cervello Prof. Maurizio Fabbri

Non di solo cervello Prof. Maurizio Fabbri Non di solo cervello Prof. Maurizio Fabbri Facoltà di Scienze della Formazione Università degli studi di Bologna 4 marzo 2011 CANNON: LE EMOZIONI HANNO SEDE NEI TALAMI Animali di laboratorio privati dei

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE

NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE NEUROGASTRONOMIA IL CERVELLO ALIMENTARE Vittorio A. Sironi Professore di Storia della medicina e della sanità Direttore Centro studi sulla storia del pensiero biomedico Università degli studi di Milano

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ

PROGETTAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ PROGETTAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ I. Premessa La progettazione annuale delle attività, attuata in riferimento al campo di esperienza (scuola infanzia), all ambito disciplinare (scuola primaria) o alle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Brain architecture: A design for natural computation

Brain architecture: A design for natural computation Brain architecture: A design for natural computation Autore: Marcus Kaiser Oratore: Vincenzo Lomonaco Indice Introduzione Organizzazione della rete corticale Robustezza e capacità di recupero Elaborazione

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Metodo Tomatis a 432 hz

Metodo Tomatis a 432 hz Difficoltà di apprendimento e problemi nel linguaggio Le difficoltà di apprendimento sono molteplici e sempre più diffuse, ma soprattutto è in aumento il numero di bambini che ne sono affetti. Queste difficoltà

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

COSA E LA MEMORIA. E un sistema dinamico in continuo divenire: E limitata sia in termini quantitativi sia in termini di durata

COSA E LA MEMORIA. E un sistema dinamico in continuo divenire: E limitata sia in termini quantitativi sia in termini di durata COSA E LA MEMORIA La capacità del soggetto di conservare nel tempo le informazioni apprese, di recuperarle quando servono in modo pertinente e di apprendere nuove informazioni integrandole con quelle già

Dettagli

Facoltà Pontificia Auxilium Centro Studi Hansel e Gretel Onlus MASTER GESTIONE E SVILUPPO DELLE

Facoltà Pontificia Auxilium Centro Studi Hansel e Gretel Onlus MASTER GESTIONE E SVILUPPO DELLE Facoltà Pontificia Auxilium Centro Studi Hansel e Gretel Onlus MASTER GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE EMOTIVE È la chiave del benessere e dell assenza di malattia Promuovere il benessere significa promuovere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara. Quando apprendere è più difficile AIRIPA, 27 Giugno 2015 Pescara

Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara. Quando apprendere è più difficile AIRIPA, 27 Giugno 2015 Pescara Suscettibilità alle influenze ambientali e gradualità delle specializzazioni funzionali come fattori di plasticità nel primo sviluppo Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara Quando apprendere è più

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

CONOSCERE LA LA PROPRIA MEMORIA PER MIGLIORARLA

CONOSCERE LA LA PROPRIA MEMORIA PER MIGLIORARLA Pergine 21 novembre 2012 RAGIONAMENTO CONOSCERE LA LA PROPRIA MEMORIA PER MIGLIORARLA Dott.ssa Paola Maria Taufer Psicologa, neuropsicologa e psicologa dell'invecchiamento PRESIDENTE SIPAA Società Italiana

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara Il sistema nervoso Il neurone È costituito da: Corpo cellulare (o soma) Neurite o Assone (è la fibra nervosa) Dendriti (sono brevi prolungamenti) Le fibre nervose Le fibre nervose, riunite in fasci, formano

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli