PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2015"

Transcript

1 PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL Destinatari I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. 2. Progetti ammessi a contributo Sono ammessi a contributo progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie (poi descritte più dettagliatamente): - progetti di investimento; - progetti di responsabilità sociale e per l adozione di modelli organizzativi. Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, su tutto il territorio nazionale, riguardante una sola tipologia tra quelle sopra indicate. Per i progetti di tipologia 2 l intervento richiesto può riguardare tutti i lavoratori facenti capo ad un unico datore di lavoro, anche se operanti in più sedi o più regioni. 3. Tempistica di realizzazione dell investimento Le spese ammissibili a contributo devono essere sostenute successivamente al 7 maggio 2015, termine ultimo per l'inserimento definitivo del progetto. Il progetto deve terminare entro 12 mesi (365 giorni) dall'inizio dell'investimento, e comunque entro 12 mesi (365 giorni) dalla data di ricezione della comunicazione definitiva di approvazione da parte dell'inail. 4. Ammontare del contributo Il finanziamento è costituito da un contributo, in conto capitale, pari al 65% delle spese sostenute (IVA esclusa) dall impresa per la realizzazione del progetto. Il limite minimo di contributo concedibile è di mentre il massimo è di Requisito di partecipazione al bando Per partecipare al bando le imprese devono raggiungere un punteggio soglia pari a 120 che può essere calcolato seguendo la procedura informatica appositamente predisposta dall INAIL 6. Tempistiche di presentazione della domanda Dal 3 marzo 2015 sarà disponibile la procedura informatica con il sistema di calcolo del punteggio. Le ditte interessate hanno tempo fino al 7 maggio 2015 per verificare il proprio punteggio e, in caso di raggiungimento dei 120 punti, per inserire e salvare definitivamente il proprio progetto sul sito dell INAIL. Solo così potrà poi partecipare al successivo clic-day (data ancora da definire) per l assegnazione dei contributi. Pag. 1

2 QUALE DEI DUE INVESTIMENTI VORRESTI FINANZIARE? (barra a pagina 3 solo una delle due opzioni) 1. Progetti di investimento Opere murarie e impiantistiche Macchinari e attrezzature Riguarda interventi volti alla riduzione o eliminazione dei fattori di rischio o cause di infortunio presenti nel contesto dell attività lavorativa, purché rilevati nel Documento di Valutazione del Rischio (DVR) o documentazione equipollente ai sensi della normativa vigente. Possono essere finanziate spese riguardanti ristrutturazioni, impiantistica, macchinari, attrezzature ed altri beni strumentali. Tutti gli investimenti devono essere realizzati in una unica unità produttiva e devono essere riferiti alla riduzione o eliminazione di una sola causa di infortunio o fattore di rischio. Le spese non agevolabili sono: dispositivi di protezione individuale nonché ogni altro relativo complemento o accessorio; automezzi e mezzi di trasporto su strada, aeromobili, imbarcazioni e simili; impianti per l abbattimento di emissioni o rilasci nocivi all esterno degli ambienti di lavoro, o comunque qualsiasi altra spesa mirata esclusivamente alla salvaguardia dell ambiente; hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione per quelli dedicati all esclusivo ed essenziale funzionamento di sistemi (impianti, macchine, dispositivi e/o attrezzature) utilizzati ai fini del miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza; mobili e arredi; ponteggi fissi; manutenzione ordinaria ambienti di lavoro, macchinari, attrezzature; investimenti per l avvio di una nuova ditta o nuova linea di produzione; acquisti effettuati in leasing; 2. progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale Si possono finanziare le spese di consulenza ed eventuali costi di certificazione relativi ai seguenti interventi: SIMULAZIONE PUNTEGGIO Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione non accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Macchinari e attrezzature Sostituzione Eternit Adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali Adozione di un SGSL non rientrante nei casi precedenti Adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme all art. 30 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 per il settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000 Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente Le spese non agevolabili sono: adozione di progetti per l'adozione di modelli organizzativi per le imprese senza dipendenti; Pag. 2

3 PROCEDURA PER PARTECIPARE AL BANDO INAIL 2015 FASE 1 INDIVIDUA LA TIPOLOGIA DI PROGETTO FINANZIABILE Per procedere con la simulazione del punteggio conseguibile occorre individuare a quale linea di intervento si vuole partecipare (barrare una sola casella) 1. Progetti di investimento: (Macchinari e attrezzature Opere murarie e impiantistiche) Se scegli questo progetto compila solo le pagine n Sistemazione impianto elettrico 2. progetti per la Certificazione: modelli organizzativi e di responsabilità sociale Se scegli questo progetto compila solo le pagine n FASE 2 VERIFICA I REQUISITI DI AMMISSIBILITA' BARRA LE CASELLE PER CONFERMA DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE SI RICORDA CHE LA DITTA DEVE POSSEDERE TUTTI I REQUISITI. IN CASO CONTRARIO NON PUÒ PARTECIPARE AL BANDO INAIL 2015 avere attiva nel territorio Regionale dove intende presentare domanda di contributo l unità produttiva nella quale intende realizzare il progetto; essere iscritta nel Registro delle Imprese o, nel caso di impresa artigiana, all Albo delle Imprese Artigiane; essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura concorsuale; essere in regola con gli obblighi contributivi di cui al Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.); non aver chiesto, né aver ricevuto, altri contributi pubblici sullo stesso investimento oggetto della domanda; non aver ottenuto il provvedimento di ammissione a contributo in nessuno dei precedenti bandi ISI INAIL 2012, 2013 o 2014 Timbro e firma del legale rappresentante Pag. 3

4 PER PROSEGUIRE FARE RIFERIMENTO ALLA FASE 3 RIFERITA ALLA LINEA DI INTERVENTO PRESCELTA FASE 3 DETTAGLIO PROGETTI INVESTIMENTO (Macchinari e attrezzature, opere murarie e impiantistiche) Compila le successive tabelle avvalendoti della collaborazione del Tuo consulente sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro, colui che redige il Documento di Valutazione del Rischio (DVR) TABELLA 1 DESCRIVI L'INTERVENTO PREVISTO NB: Puoi inserire più voci di spesa purché riducono lo stesso rischio indicato nella successiva TABELLA 2. Voce 1. SPESE PER RISTRUTTURAZIONE/MODIFICA STRUTTURALE E/O IMPIANTISTICA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DESCRIVI GLI INTERVENTI CHE ESEGUIRAI COSTO (IVA esclusa) Voce 2. SPESE PER ATTREZZATURE, MACCHINARI, IMPIANTI PRODUTTIVI E DISPOSITIVI ELENCA LE ATTREZZATURE E I MACCHINARI CHE ACQUISTERAI COSTO (IVA esclusa) Voce 3. SPESE PER LA SOSTITUZIONE DELLA COPERTURA IN AMIANTO DESCRIVI BREVEMENTE LA NUOVA COPERTURA CHE INSTALLERAI COSTO (IVA esclusa) Descrivi brevemente come contribuiranno queste spese a ridurre il rischio che indicherai nella TABELLA 2 (esempio: il macchinario X riduce lo sforzo fisico dei lavoratori perché esegue automaticamente il ciclo produttivo). In caso di acquisto di attrezzature e macchinari in sostituzione di latri, indica quali beni vengono sostituiti e la modalità di sostituzione (esempio: vendita, rottamazione, ecc...) Pag. 4

5 TABELLA 2 INDIVIDUA LE FINALITA DELL INTERVENTO Barra il fattore di rischio o la causa di infortunio che può essere ridotta/eliminata tra le opzioni di seguito riportati tenendo presente che: - Indica un solo fattore di rischio o causa di infortunio tra le opzioni sotto indicate, a cui devono essere ricondotti tutti i singoli investimenti del progetto. Scegli il fattore di rischio che accomuna più beni possibile tra quelli che acquisterai; - il fattore di rischio o causa di infortunio individuato deve essere riscontrabile nel Documento di Valutazione del Rischio (DVR). Se la tua Impresa non è tenuta alla redazione del DVR neanche nella forma prevista dalle procedure standardizzate, il rischio deve essere contenuto in altro documento equivalente ai sensi della normativa vigente. Se otterrai il contributo dovrai presentare copia del DVR o documento equivalente all'ente erogatore; CHIEDI CONFERMA DELLA SPUNTA AL CONSULENTE SULLA SICUREZZA DELLA DITTA (colui che redige il DVR) Caduta del lavoratore dall alto (impalcatura, scala, sedia) Urto o collisione con oggetto in movimento, inclusi i veicoli Sforzo fisico a carico del sistema muscolo-scheletrico Ferita per contatto con materiale duro o abrasivo Ferita o taglio con oggetti appuntiti o taglienti bonifica amianto (escluso mero smaltimento) agenti chimici cancerogeni (escluso amianto) e mutageni (1) spazi confinati (2) agenti chimici pericolosi (3) movimentazione manuale di carichi movimenti e sforzi ripetuti vibrazioni trasmesse al corpo intero vibrazioni al sistema mano-braccio rumore incendio, esplosione ed emergenze rischio elettrico altro (specificare):... TIMBRO E FIRMA DITTA (Confrontati con il consulente esterno della sicurezza sui luoghi di lavoro) (1) La classificazione cancerogeni e mutageni deve tenere conto oltre che della normativa nazionale e comunitaria anche della classificazione ARC (gruppo 1, 2A e 2B) e ACGIH (A1 e A2) (2) Con tale dicitura ci si riferisce ad ambienti di lavoro di cui agli artt. 66 e 121 e all Allegato IV del D. Lgs. 81/08 (3) Per la definizione di agente chimico pericoloso si fa riferimento al Titolo IX del Dlgs81/2008 Pag. 5

6 TABELLA 3 INDIVIDUAZIONE EFFICACIA DELL INTERVENTO Barrare, tra quelle sotto indicate, la tipologia di EFFICACIA in cui rientra l intervento (barrare una sola opzione): CHIEDERE CONFERMA DELLA SPUNTA AL CONSULENTE SULLA SICUREZZA DELLA DITTA eliminazione di una sostanza cancerogena e/o mutagena adozione di un ciclo chiuso nel processo produttivo completa automazione di un processo produttivo precedentemente svolto manualmente dai lavoratori altre misure di eliminazione/riduzione/prevenzione del rischio Esempio: cabina di verniciatura automatica TIENI CONTO CHE IN CASO DI OTTENIMENO DEL CONTRIBUTO IL TECNICO (GEOMETRA O INGEGNERE ESTERNO ALLA TUA DITTA) DOVRA' REDIGERE LA RELAZIONE TECNICA SOTTOFORMA PERIZIA GIURATA. SE OTTERRAI IL CONTRIBUTO TI DAREMO TUTTE LE INDICAZIONI PER REDIGERE LA PERIZIA GIURATA. TIMBRO E FIRMA DITTA (Confrontati con il consulente esterno della sicurezza sui luoghi di lavoro) Pag. 6

7 FASE 3 - DETTAGLIO ADOZIONE MODELLI ORGANIZZATIVI E DI RESPONSABILITA SOCIALE (CERTIFICAZIONE) Compila la successiva tabella avvalendoti del consulente a cui chiedi il preventivo per l intervento da realizzare Indica quale tipologia di intervento intendi attuare tra quelle sotto elencate (barra una sola casella) Adozione di un SGSL certificato OHSAS da enti di certificazione non accreditati per lo specifico settore presso ACCREDIA o presso altro ente unico nazionale di accreditamento che operi nel rispetto del regolamento tecnico RT12 SCR rev. 1 pubblicato da Sincert nel 2006 Adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) di settore previsti da accordi INAIL-Parti Sociali Adozione di un SGSL non rientrante nei casi precedenti Adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme all art. 30 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 per il settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile Adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000 Modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente TIENI PRESENTE CHE AD OGNUNO DI QUESTI ELEMENTI CORRISPONDE UN PRECISO PUNTEGGIO. PER CUI L INDIVIDUAZIONE DI UN INTERVENTO DIVENTA VINCOLANTE E NON PUO POI ESSERE MODIFICATO IN FASE DI REALIZZAZIONE Scrivi una brevissima relazione dell intervento specificando le modalità di realizzazione e gli obiettivi che vuoi raggiungere (max 10 righe) Pag. 7

8 FASE 4 AVVIO FASE DI VERIFICA GRATUITA DEL PUNTEGGIO COMPILA, TIMBRA E SOTTOSCRIVI I DOCUMENTI: - LETTERA D'INCARICO - LETTERA DI DELEGA PER RICHIESTA RILASCIO PASSWORD PROVVISORIA PER ATTIVAZIONE PROCEDURA VERIFICA PUNTEGGIO DOCUMENTI RIFERITI AL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA - Copia documento identità in corso di validità e copia codice fiscale FASE 5 INFORMAZIONI E DATI SULLA DITTA SIMULAZIONE PUNTEGGIO Referente interno alla Ditta per il progetto di investimento: TEL: DATI LEGALE RAPPRESENTANTE NOME: COGNOME: CODICE FISCALE: DATA NASCITA: LUOGO DI NASCITA: PROV.: COMUNE DI RESIDENZA: PROV.: VIA: N : TELEFONO CELLULARE DATI IMPRESA DENOMINAZIONE: COMUNE SEDE LEGALE: PROV.: VIA: N : CODICE FISCALE: P. IVA: TEL: PEC: MATRICOLA INPS ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI: N ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE: DATA ISCRIZIONE: N ISCRIZIONE ALBO ARTIGIANI: DATA ISCRIZIONE: ATTIVITA PREVALENTE:.. CODICE ATECO 2007: BANCA PER L ACCREDITO DEL CONTRIBUTO: FILIALE: CODICE IBAN: CODICE INAIL PASSWORD (se in possesso) DATI SEDE OPERATIVA DOVE VIENE REALIZZATO L INVESTIMENTO: COMUNE SEDE OPERATIVA: PROV.: CAP: VIA: N : Pag. 8

9 RIFERIMENTI CONSULENTE DELLA DITTA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SOCIETA DEL CONSULENTE sulla Sicurezza (D.V.R.) : NOME: COGNOME: TEL: LA DITTA HA OTTENUTO CONTRIBUTI NEGLI ANNI 2012, 2013 e 2014? ENTE EROGATORE NORMATIVA DI DATA DELIBERA DI IMPORTO CONTRIBUTO DEL CONTRIBUTO RIFERIMENTO CONCESSIONE DATI PER IL CALCOLO DELLA DIMENSIONE DELL IMPRESA (SITUAZIONE ANNO 2013) Numero medio dipendenti anno 2013, compresi i soci lavoratori: Fatturato (in migliaia di Euro) anno 2013: Totale attivo Stato Patrimoniale (in migliaia di Euro) anno 2013: per ogni impresa associata (1) riportare i seguenti dati: Quota di Nome ditta Partecipazione (valore %) Media occupati anno 2013 Fatturato anno 2013 Totale attivo patrimoniale anno 2013 per ogni impresa collegata (2) riportare i seguenti dati: Quota di Nome ditta Partecipazione (valore %) Media occupati anno 2013 Fatturato anno 2013 Totale attivo patrimoniale anno 2013 (1) Sono considerate associate le imprese, non identificabili come imprese collegate ai sensi del successivo punto, tra le quali esiste la seguente relazione: un'impresa detiene, da sola oppure insieme ad una o più imprese collegate, il 25% o più del capitale o dei diritti di voto di un'altra impresa. (2) Sono considerate collegate le imprese fra le quali esiste una delle seguenti relazioni: a) l'impresa in cui un'altra impresa dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell'assemblea ordinaria; b) l'impresa in cui un'altra impresa dispone di voti sufficienti per esercitare un'influenza dominante nell'assemblea ordinaria; c) l'impresa su cui un'altra impresa ha il diritto, in virtù di un contratto o di una clausola statutaria, di esercitare un'influenza dominante, quando la legge applicabile consenta tali contratti o clausole; d) le imprese in cui un'altra, in base ad accordi con altri soci, controlla da sola la maggioranza dei diritti di voto. INVIA TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TRAMITE MAIL O FAX AI SEGUENTI RIFERIMENTI Oppure via FAX Pag. 9

10 LETTERA DI DELEGA PER LA RICHIESTA DELLA PASSWORD INAIL PROVVISORIA PER IL CALCOLO DEL PUNTEGGIO del BANDO INAIL ISI 2014 scadenza 2015 Il/La sottoscritto/a.., nato/a a... il././19. e residente a.. in via.. n. CODICE FISCALE..... CODICE INAIL DITTA. legale rappresentante/titolare della ditta con sede a (città). in via.. n.. PARTITA IVA. in relazione alla possibilità di presentare una richiesta di contributo a valere sul Bando INAIL ISI 2014 (scadenza 7 maggio 2015) con la presente delega Lo Studio Centurioni & Partners avente sede in Casinina di Auditore (PU), Via Provinciale n. 112, P.Iva: , ad effettuare, per conto dell impresa, tutte le attività preordinate alla presentazione della domanda. In particolare autorizza la società suddetta a richiedere il rilascio della password provvisoria necessaria all inserimento dei dati sul sito dell INAIL. LUOGO:.. DATA.../../2015 Firma del legale rappresentante della Ditta:.. ALLEGA FOTOCOPIA DOCUMENTO DI IDENTITA AVANTI-RETRO Pag. 10

11 INVIARE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TRAMITE MAIL O FAX AI SEGUENTI RIFERIMENTI Oppure via FAX: FASE 6 COMPLETAMENTO VERIFICA DEL PUNTEGGIO IL RISULTATO OTTENIBILE SI SUDDIVIDE IN 3 DIFFERENTI CATEGORIE: IPOTESI 1: NON RAGGIUNGI 120 PUNTI LA DITTA E IMPOSSIBILITATA A RAGGIUNGERE I 120 PUNTI NECESSARI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO: - L INCARICO SI CONCLUDE SENZA COSTI E NESSUN IMPEGNO PER LE PARTI IPOTESI 2: RAGGIUNGI 120 PUNTI CON MODIFICHE LA DITTA NON ARRIVA AI 120 PUNTI MA, CON ADEGUATI NOSTRI SUGGERIMENTI PUO RAGGIUNGERE TALE SOGLIA: - IL CONSULENTE CONTATTERA DIRETTAMENTE LA DITTA PER PROPORRE LA SOLUZIONE POSSIBILE E VERIFICARE CHE SIA ATTUABILE; - NEL CASO NON SIA ATTUABILE L INCARICO SI CONCLUDE SENZA NESSUN IMPEGNO PER LE PARTI - IN CASO DI ADOTTABILITA DELLA SOLUZIONE PROPOSTA, PREVIO INVIO DELLA CONTABILE BANCARIA DI AVVENUTO BONIFICO DEL COSTO PRATICA, SI PROCEDE CON L INSERIMENTO DELLA DOMANDA COMPLETA SUL SITO INAIL; - SALVATAGGIO DEFINITIVO DEL PROGETTO ENTRO LA SCADENZA DEL BANDO: 7 MAGGIO 2015 IPOTESI 3: SUPERI I 120 PUNTI LA DITTA RAGGIUNGE I 120 PUNTI: - PREVIO INVIO DELLA CONTABILE BANCARIA DI AVVENUTO BONIFICO DEL COSTO PRATICA SI PROCEDE CON L INSERIMENTO DELLA PRATICA COMPLETA SUL SITO INAIL; - SALVATAGGIO DEFINITIVO DEL PROGETTO ENTRO LA SCADENZA DEL BANDO (7 MAGGIO 2015) FASE 7 COMPLETAMENTO PRATICA PER PARTECIPAZIONE AL CLICK DAY ACQUISIZIONE CODICE IDENTIFICATIVO ASSEGNATO DALL INAIL ALLA DOMANDA CORRETTAMENTE INSERITA SUL SITO INVIO DEL CODICE ALLA DITTA, INSIEME ALL ESTRATTO DELLA PAGINA RELATIVA ALL ASSEGNAZIONE DEL PUNTEGGIO ATTRIBUITO AL PROGETTO FORMAZIONE ON LINE SULLA PROCEDURA PER LA PARTECIPAZIONE AL CLICK DAY VERIFICA DELLE GRADUATORIE PUBBLICATE DALL INAIL E COMUNICAZIONE ALLE DITTE SULL ESITO DELLA LORO PRATICA NB: ALLE DITTE INSERITE POSITIVAMENTE NELLA GRADUATORIA VERRANNO POI COMUNICATE LE ULTERIORI FASI DI LAVORO PER IL COMPLETAMENTO DELLA DOMANDA Pag. 11

INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO

INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO PROCEDURA PER SIMULAZIONE PUNTEGGIO BANDO INAIL 2014 INFORMAZIONI GENERALI SUL BANDO 1. Destinatari I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio

Dettagli

SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015)

SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015) SINTESI BANDO INAIL ISI 2014 (Anno 2015) Scopo Incentivare le imprese a migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. Progetti ammessi a contributo

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 08 Gennaio 2014 BANDO INAIL ISI 2013 Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. OBIETTIVO

Dettagli

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013

Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 F i n a n z i a m e n t i I N A I L B A N D O I S I 2 0 1 3 P a g. 1 Finanziamenti INAIL alle imprese BANDO ISI 2013 Incentivi in conto capitale alle imprese per la realizzazione di interventi in materia

Dettagli

Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese!

Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese! BANDO INAIL 2013 Bando INAIL 2013: una grande opportunità per le imprese! Con il Bando Inail le imprese possono ottenere un contributo a fondo perduto del 50% fino a 100.000 per realizzare ristrutturazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 18 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISI: fino al 7 maggio 2015 inserimento del progetto per ottenere gli incentivi Gentile cliente, con la presente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (art. 11 comma 5 dei D.lgs 81/2008 e 106/2009) L avviso pubblico

Dettagli

Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015

Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015 Notizie dalla Cassa Edile di Ascoli Piceno e Fermo N. 3/2015 del 22/02/2015 I.N.A.I.L. ESTRATTO AVVISO PUBBLICO 2014 PER INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio

Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Scheda di riepilogo x Bando ISI INAIL - Regione Lazio Nel presente documento si riporta un riepilogo degli adempimenti richiesti dal Bando ISI-INAIL della Regione Lazio per poter accedere ai contributi

Dettagli

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione.

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione. Bando Inail 3 MARZO 7 MAGGIO 2015 Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. 81/2008, Art. 11 comma 1 e 5) Incentivare le imprese, affinché possano realizzare interventi finalizzati

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014 INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2014 (art. 11 commi 1 e 5 dei decreti 81/2008 e s.m.i) Reggio Emilia, 05/02/2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 NUOVI INCENTIVI INAIL FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2013 Pescantina : 28/01/2013 Sede legale ed amministrativa: via Vivaldi,

Dettagli

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili RISVOLTI PREMIALI: AGEVOLAZIONE SUL PREMIO ASSICURATIVO E POSSIBILE FINANZIAMENTO INAIL Ing. Biagio

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

Le imprese possono presentare una sola domanda in una sola Regione o Provincia Autonoma.

Le imprese possono presentare una sola domanda in una sola Regione o Provincia Autonoma. I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2011 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell art. 11, comma 5 D.lgs 81/2008 s.m.i. 1.

Dettagli

CIRCOLARE STRAORDINARIA RIDUZIONE PREMIO E FINANZIAMENTO INAIL

CIRCOLARE STRAORDINARIA RIDUZIONE PREMIO E FINANZIAMENTO INAIL via Zeviani 8 37131 Verona tel. 045 8400925 - fax 045 8489830 www.cptverona.it - info@cptverona.it Cod. fiscale 93035570238 P. Iva 03984060230 Verona, 21 febbraio 2013 A tutte le imprese iscritte alla

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Armando Romaniello PREMESSA EFFICACIA DEI SGSL Gruppi di tariffa Settori Az. certificate Italia % % If*

Dettagli

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita:

Per poter partecipare al Bando Inail la Sua Azienda ha due alternative per usufruire della nostra consulenza gratuita: Buongiorno, Le ricordo che l impresa per poter partecipare al bando Inail deve soddisfare, a pena di esclusione dalla partecipazione al bando, i seguenti requisiti: - avere attiva nel territorio della

Dettagli

BANDO INAIL ISI 2013

BANDO INAIL ISI 2013 BANDO INAIL ISI 2013 Incontro informativo organizzato da Confartigianato Asolo Montebelluna ASPETTI OPERATIVI PER LA PARTECIPAZIONE Ing. Ivano Alessio Finalità del bando Obiettivo di incentivare le imprese

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

POR SICILIA 2000/2006. MISURA 4.01 SOTTOMISURA 4.01.e SERVIZI INNOVATIVI DI RETE. Il/la sottoscritto/a...,nato/a

POR SICILIA 2000/2006. MISURA 4.01 SOTTOMISURA 4.01.e SERVIZI INNOVATIVI DI RETE. Il/la sottoscritto/a...,nato/a Allegato n. 1 Modulo di domanda per l ammissione alle agevolazioni Raccomandata A.R. All I.R.C.A.C. Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione Via Ausonia, 83 90144 PALERMO Regione Siciliana Assessorato

Dettagli

Industria Artigianato Terziario Altre attività

Industria Artigianato Terziario Altre attività DATI IMPRESA RICHIEDENTE Settore di appartenenza Industria Artigianato Terziario Altre attività Denominazione o ragione sociale Indirizzo sede legale Numero Civico Provincia Comune C.a.p. Telefono Fax

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 4 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 5 6- DATI ANAGRAFICI... 6 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1):

Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1): CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico, a seconda delle caratteristiche del progetto presentato (COLONNA 1): l elenco della documentazione da inviare alla Sede

Dettagli

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI

PREMESSO ART. 1 SOGGETTI BENEFICIARI Prot. n. Budrio, BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, A FRONTE DI SPESE SOSTENUTE, AD IMPRESE ARTIGIANE CON SEDE LEGALE E/O OPERATIVA IN BUDRIO E COMUNQUE OPERANTI SUL TERRITORIO COMUNALE- ANNO 2010.

Dettagli

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI

REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI REPORT BANDI ISI IN SICILIA: ASPETTI TECNICI ing. Eugenio Davì - Coordinatore della CON.T.A.R.P. (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione) I.N.A.I.L. - D.R. Sicilia Il presente REPORT sugli

Dettagli

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale.

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale. LR 1/2009, art. 7- DGR n. 63-13339 del 15/02/2010 Fondo per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole imprese sezione artigianato Modulo di domanda per i finanziamenti (da inoltrare on-line previa

Dettagli

Corso di 60 ore. Presentazione del corso. Aspetti giuridico normativi, metodologia del corso, l aggiornamento obbligatorio.

Corso di 60 ore. Presentazione del corso. Aspetti giuridico normativi, metodologia del corso, l aggiornamento obbligatorio. Via Turati, 4/D Diran Center 09045 Quartu Sant Elena www.consulteamsrl.com info@consulteamsrl.com -PROGRAMMA DEL CORSO- RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO B 3 (DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Allegato 2: Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale

Allegato 2: Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale Allegato : Progetti per l adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale IMPORTO DEL PROGETTO, CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI, DOCUMENTAZIONE, PARAMETRI E PUNTEGGI Nel presente allegato

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto

Dettagli

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi Convegno Controllo Accessi nei Cantieri: investire in sicurezza conviene Misure premiali per chi adotta il REPAC (Registratore delle Presenze Autorizzate

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 6 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6- DATI ANAGRAFICI... 8 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 Ing. Carmine Esposito CON.T.A.R.P. - INAIL D.R. LOMBARDIA 1 Dinamiche

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE

Allegato 3: Sostituzione/adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 ALTO ADIGE CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Per i progetti di: 1. sostituzione di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996 con attrezzature rispondenti ai requisiti di cui al Titolo

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI. Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND

SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI. Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND 2007 Torino 7 lavoratori 2008 Porto Marghera 2 lavoratori Molfetta

Dettagli

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro Reggio Emilia, 15 gennaio 2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO

COMUNE DI AVELLINO. Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO COMUNE DI AVELLINO Bando per gli aiuti alle imprese commerciali, artigiane e di servizi RISERVATO AL COMUNE DI AVELLINO: DOMANDA DI EROGAZIONE A TITOLO II SAL O DI SALDO Spett.le Soggetto Gestore Via.n...

Dettagli

1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 INTRODUZIONE

1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2 INTRODUZIONE 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2 INTRODUZIONE... 1 3 ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4 COMPILAZIONE ON LINE... 6 5 SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ANAGRAFICA... 8

Dettagli

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2012 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

AVVISO PUBBLICO QUADRO 2012 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO PUBBLICO QUADRO 2012 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SEZIONE Articolo 5 - PROGETTI AMMESSI A CONTRIBUTO 5.1 Osta alla possibilità

Dettagli

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell articolo 11, comma 1 lett. a) e comma 5 D.lgs

Dettagli

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2013 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell articolo 11, comma 1 lett. a) e comma 5 D.lgs

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (art. 4, comma 2 del D.Lgs 626/1994, secondo la procedura standardizzata del D.M. 05.12.1996) 1. L AZIENDA 1.1 ANAGRAFICA AZIENDALE Ragione sociale Sede legale Indirizzo

Dettagli

MODULO B Macro Settori di attività (ATECO) CORSO per RSPP e ASPP

MODULO B Macro Settori di attività (ATECO) CORSO per RSPP e ASPP MODULO B Macro Settori di attività (ATECO) CORSO per RSPP e ASPP (ex Art. 32 comma 2 D.Lgs. n. 81/08 e smi) Responsabile del corso e docente: Per. Ind. Mario Passarelli Requisiti Docenti: Esperienza almeno

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE ALLEGATO 1 LEGGE 313/2004 DISCIPLINA DELL APICOLTURA Interventi per l ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione di prodotti apistici DISPOSIZIONI ATTUATIVE FINALITA In applicazione

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE BANDO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER START UP E SOSTEGNO ALLE IMPRESE DEL TERZIARIO COMMERCIALE

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli

CALAMITÀ NATURALI AZIENDA

CALAMITÀ NATURALI AZIENDA CALAMITÀ NATURALI AZIENDA v.5.2 Codice Fiscale/Partita Iva Ragione Sociale Si richiede l intervento straordinario di EBAV per l erogazione del contributo per i danni riportati da beni immobili e mobili

Dettagli

FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO

FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO Bollo Alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Regionale dell Industria via Trento n. 2 34132 - TRIESTE Il sottoscritto (cognome e nome)...legale rappresentate

Dettagli

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE:

FAC SIMILE documento riepilogativo MODULO DI DOMANDA - SETTORE EDILIZIA DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE: CODICE DOMANDA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5,

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24

SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24 SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24 Novara 28/5/2015 Il nuovo modello OT 24 Gli interventi di prevenzione ammissibili Roberto Luzzi INAIL DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE Riduzione

Dettagli

Spazio riservato al protocollo Alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura DOMANDA DI CONTRIBUTO

Spazio riservato al protocollo Alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura DOMANDA DI CONTRIBUTO Allegato C MODULO DI DOMANDA POR FESR 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE Asse 5 Ecosostenibilità ed efficienza energetica Attività 5.1.a Sostenibilità energetica Linea di intervento

Dettagli

MODULO di PRE-DOMANDA

MODULO di PRE-DOMANDA Convenzione del 31.01.2011 tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Piemonte. Programma sperimentale di interventi straordinari a sostegno di lavoratori e imprese dei settori tessile,

Dettagli

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI

Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 11/04/2014 Circolare informativa n. 7/2014 Oggetto: LE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA NUOVA SABATINI Le imprese che vogliono accedere

Dettagli

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 11, 5 D.

I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 11, 5 D. I.N.A.I.L. AVVISO PUBBLICO QUADRO 2014 INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell articolo 11, comma 5 D. Lgs 81/2008 s.m.i.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Art. 1 - DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente Parte I PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente - Nome e forma giuridica - sede legale 1 - sede operativa 1 - sede corrispondenza - rappresentante legale - Codice Fiscale - numero di iscrizione

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE ISI INAIL 2011

INCENTIVI ALLE IMPRESE ISI INAIL 2011 INCENTIVI ALLE IMPRESE ISI INAIL 2011 SEZIONE Articolo 2 - MODALITÀ ATTUATIVE E NORMATIVA 2.1 DOMANDA La quota degli aiuti De minimis nel settore della produzione dei prodotti agricoli ( 7.500) è da intendersi

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5)

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) FINALITA Con il Bando FIPIT l INAIL mette a disposizione 30 Milioni di euro al fine

Dettagli

Il/la sottoscritto/a nato a (Prov. ) il, codice fiscale residente a via/piazza n. CAP

Il/la sottoscritto/a nato a (Prov. ) il, codice fiscale residente a via/piazza n. CAP DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO NOTORIO DEL LEGALE RAPPRESENTANTE/TITOLARE CON ALLEGATA FOTOCOPIA DI VALIDO DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO A PENA DI INAMMISSIBILITÀ. (artt. 46 e 47,

Dettagli

FORMAZIONE PER 1 NOMINA RSPP MOD A-B-C

FORMAZIONE PER 1 NOMINA RSPP MOD A-B-C MODULO OGGETTO DEL CORSO DATA MATTINA (4 ore) POMERIGGIO (4 ore) RSPP MOD A 11-10-2012 RSPP MOD A 18-10-2012 RSPP MOD A 25-10-2012 Panorama legislativo di riferimento L approccio alla prevenzione secondo

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE MODULO PER LA RICHIESTA DEL FINANZIAMENTO SU PROVVISTA CDP S.p.A. E DEL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA)

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) MOD. 13_12 Rev. 3 Il/la sottoscritto/a (Cognome) (nome) Nato/a a il Residente in Prov. Via N CAP Tel. / Cellulare / Pec E-mail Codice Fiscale Compilare la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 Organizzazione formazione: MAXA S.n.c. Via Farini,22 San Giovanni in Persiceto tel.051/6810244

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Prot. N. 14143/C11 del 15 11 2012

Prot. N. 14143/C11 del 15 11 2012 Prot. N. 14143/C11 del 15 11 2012 Con l Europa investiamo nel vostro futuro All Albo della Scuola Alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia di Palermo All Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

Inoltrata per il tramite della:

Inoltrata per il tramite della: MOD. 1/ART TER DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SUL FONDO DI ROTAZIONE (Legge regionale 22 aprile 2, 12, articolo 46, comma 1.1) Inoltrata

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA GARANZIE. COMUNE di

MODULO DI RICHIESTA GARANZIE. COMUNE di MODULO DI RICHIESTA GARANZIE POR-FESR LAZIO 2007-2013 Fondo di Garanzia AIUTI alle PMI Piani Locali Urbani di Sviluppo P.L.U.S. COMUNE di Società/Ditta Referente N. telefono N. tel. cellulare e-mail @

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO COMUNALE PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI SEGRATESI (ALL. 1)

DOMANDA DI CONTRIBUTO COMUNALE PER L ASSUNZIONE DI LAVORATORI SEGRATESI (ALL. 1) D I R E Z I O N E A M B I E N T E T E R R I T O R I O E L L. P P. S E Z I O N E S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E Al Comune di Segrate Sezione SUAP Via I Maggio

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI

MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI MODULO DI RICHIESTA PER IL RILASCIO DI GARANZIE SU FINANZIAMENTI Fondo di Garanzia Comune di Roma Sostegno PMI Società: Forma giuridica: Comitato Istituto di Credito Consorzio di garanzia Fidi/ Organizzazione

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE COMUNE DI ROVIGO Settore OO.PP./Sezione Amministrativa Piazza Vittorio Emanuele II, n.1-45100 Rovigo Telefono 0425/2061 Telefax: 0425/206255 e-mail: gare.lavoripubblici@comune.rovigo.it, pec: lavoripubblici.comune.rovigo@pecveneto.it

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI ALLEGATO 2 - DOMANDA (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.

CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01. L Assessore CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL ASSESSORE DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO- PASTORALE (allegata al DEC. N. 97/GAB DEC A 05 del 20.01.2012) Oggetto: Circolare esplicativa relativa alle Direttive di

Dettagli