Ringraziamenti Premessa Materiale di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ringraziamenti Premessa www.respect4me.org Materiale di riferimento"

Transcript

1 Guida ITALIANO

2 Indice Ringraziamenti Premessa Il Progetto SPECIAL Per Ulteriori informazioni Beneficiari del progetto Il campo di applicazione del manuale Introduzione al sito internet 16 Provenienza del materiale formativo Come utilizzare il sito web Istruzioni sul materiale on-line Esercizi di gruppo basati sul materiale contenuto nel sito Materiale di riferimento

3 Ringraziamenti I partner del progetto Uppsala City Council, Svezia Ingrid Staflin, Project Manager Pia Sörås Staflin, Coordinatrice del progetto Kerstin Lönnström, Amministratrice del progetto Co&So Firenze Patrizia Giorio, Project Manager Matteo Ignesti, Psicologo Francesco Lucà, Psicologo Alessandro Sansavini, Psicologo Surrey County Council, Regno Unito Vincent O Connell, Project Manager Mike Leat, Direttore, The Clear Communication People Ltd Materiale didattico Manuale Web Pia Sörås Staflin, Editrice Patrizia Giorio, Coordinatrice, Italy Matteo Ignesti, Psicologo Francesco Lucà, Psicologo Kerstin Lönnström, Educatrice Alessandro Sansavini, Psicologo Mike Leat, Responsabile dei materiali digitali Richard Hellawell, Filmati Mark Westall, Design e sviluppo del sito 3

4 Ringraziamenti Il progetto SPECIAL desidera ringraziare le seguenti persone ed organizzazioni Svezia Italia Il pacchetto formativo Rispetto X Me è stato prodotto nell ambito del progetto SPECIAL, Self-Protection, Education & Choice through InterActive Learning (autodifesa, educazione e scelta attraverso l apprendimento interattivo), finanziato attraverso il programma europeo Daphne II. Nel marzo 2007, è nato un gruppo Ragazza nella scuola secondaria Fyrisskolan di Uppsala. Il gruppo si è riunito una volta alla settimana per tutta la durata del progetto, all interno del corso Comunicazione e Lavoro di gruppo. Le giovani donne di cui era composto il gruppo hanno partecipato attivamente allo sviluppo del materiale didattico. I nostri più sentiti ringraziamenti vanno ad Amanda, Elin, Fatma, Ida, Madeleine, Sanna, Shama, Sophia, Sweet, Therése e le loro tutor Torunn Kvellestad, Johanna Mellberg e Sara Andersson! Vorremmo ringraziare anche Denise Malmberg, Kamilla Peuravaara, Charlotte Gottfries, l Universotà di Uppsala, Lisbeth Hellman, Margareta Lundqvist ed Elisabeth Finnström, la Fyrisskolan, Marika André ed Ulrika Jernstedt, la Uppsala City Mission, nonché gli studenti della Scuola Svedese di Londra. Il progetto è stato gestito in Svezia da Boris Enquist, direttore dell Ufficio per l Infanzia, i Giovani e l Occupazione (UAK) di Uppsala, Lena Hjalmarsson Berg, consulente strate presso l UAK ed Eva Thorsén, coordinatrice dell ufficio UE della Città di Uppsala. Un grosso grazie a voi per il vostro sostegno! Il gruppo di riferimento per il progetto si è ingrandito durante il percorso. Ha incluso dunque rappresentanti della Città di Uppsala, il Difensore Civico per i Diritti dei Bambini, l Università di Uppsala, l Università di Örebro, la Polizia, la Magistratura, Barnahus [la Casa dei Bambini], l Ospedale Universitario dei Bambini, il Servizio per le Vittime di Crimini, la Federazione Svedese per la Disabilità, HSO, Attention, l Associazione Nazionale Autismo, l associazione per i Diritti delle Ragazze nella società, e molte altre. Grazie per le vostre opinioni e per l incoraggiamento ad andare avanti che ci avete dato. Un sincero ringraziamento alla Cooperativa Sociale Matrix Onlus, Obbiettivo Formazione ed il consorzio Co&So, che ci hanno permesso di partecipare a questo importante progetto. Un grazie particolare a tutti i partner europei con i quali abbiamo avuto il piacere di collaborare. Regno Unito La Contea del Surrey ha sviluppato il proprio materiale grazie a consulenti esperti nelle tematiche trattate nel progetto.si ringraziano anche le scuole ed i dirigenti che sono stati di supporto allo sviluppo del progetto. 4

5 Premessa Il Progetto SPECIAL Il Comune di Uppsala ha ricevuto un finanziamento dal Programma Comunitario Daphne II per l implementazione del progetto SPECIAL. Il progetto SPECIAL Self- Protection through Education and InterActive Learning. Progetto in collaborazione con: CO&SO Firenze in Italia ed il Surrey County Council in Gran Bretagna, per il periodo Marzo 2007 Marzo Il coordinatore del progetto è la scuola media superiore Fyrisskolan, situata ad Uppsala. SPECIAL si rivolge a giovani ragazze, tra i 16 ed i 21 anni di età, affetti da leggero disturbo psichico e difficoltà nell apprendimento. Alcune ricerche hanno dimostrato che questo gruppo può facilmente subire violenze sessuali od altri tipi di abuso. Lo scopo del progetto è quello trovare metodi di prevenzione a situazioni critiche in cui ragazze si possono trovare, rischiando di subire violenze o maltrattamenti da parte di coetanei o altre persone adulte. Tuttavia nel caso in cui una ragazza si dovesse trovare in una situazione a rischio, deve essere in grado di affrontarla nel migliore dei modi. All interno del progetto abbiamo sviluppato una serie di materiali educativi. Obbiettivo, del progetto, è anche sviluppare la capacità di comprendere che cosa significhi lo sfruttamento, di reagire ad alcuni segnali di allarme, e di sviluppare la sensibilità verso alcuni comportamenti a rischio. Il pacchetto formativo è in tre lingue, contenente una parte interattiva di materiale educativo sul web, utilizzabile individualmente dalle ragazze e una guida per il formatore contenente informazioni su come sviluppare l insegnamento relativo ai casi presentati. L idea di base è di sviluppare metodi che permettano di migliorare l autostima nelle ragazze, in modo da acquisire una maggior consapevolezza 5

6 e coraggio nel dire sì o no e fare solamente quello che vogliono realmente. Questi materiali verranno anche strutturati in modo tale da poter essere utilizzati anche al di fuori del contesto classe. Il materiale educativo sarà sviluppato in stretta collaborazione con specialisti provenienti dai tre paesi partecipanti. Lo scopo del progetto è anche quello di implementare canali di protezione per giovani ragazze, Questo scopo viene raggiunto tramite la consapevolezza del problema sviluppato attraverso le varie attività Inoltre ciò è avvenuto attraverso l organizzazione di tre conferenze sul tema del progetto tenutesi nei tre paesi partecipanti. Sul sito tradotto in tre lingue, sono disponibili banche dati con riferimenti a ricerche e altri materiali riguardanti l argomento affrontato. Partner Comune di Uppsala/Fyrisskolan, Sweden Con i suoi 187,000 abitanti, Uppsala è il quarto comune più grande della Svezia, e Fyrisskolan, con i suoi 1,150 studenti, è la seconda scuola media superiore più grande di Uppsala. 120 di questi studenti frequentano le lezioni speciali dedicate ad allievi con disabilità di apprendimento. Si tratta di un corso volontario della durata di quattro anni che offre istruzione e formazione occupazionale e curricula nei settori commercio ed amministrazione, ristorazione e settore alberghiero, mass-media. CO&SO Firenze, Italia Il Consorzio CO&SO Firenze è nato nel 1998 associando un gruppo di cooperative, prevalentemente sociali, che operavano nel territorio fiorentino. Tutte le cooperative associate forniscono servizi sociali per conto della Provincia di Firenze. CO&SO Firenze opera, offrendo alle cooperative socie diversi servizi tra cui: General Contractor, Sostegno allo Sviluppo, Formazione e Consulenza in varie aree, Assistenza Tecnica, Sviluppo di Progetti Qualità. Surrey County Council, Gran Bretagna Surrey County Council è l ente pubblico responsabile della gestione e dell erogazione di servizi sociali a di residenti nell area del Surrey. Relativamente ai ragazzi disabili o con esigenze particolari, vengono studiati percorsi individualizzati che vanno dall inserimento in scuole speciali o il proseguimento degli studi in normali percorsi scolastic. Alcune scuole superiori della contea hanno alcuni moduli formativi strutturati appositamente per ragazzi/e disabili. 6

7 Per Ulteriori informazioni Visita o contatta Ingrid Staflin, Project manager SPECIAL Fyrisvallsgatan 3 A, SE Uppsala, Sweden Phone Pia Sörås Staflin, Coordinatrice del progetto Piro programutveckling AB, Vindhemsgatan 10 A, SE Uppsala, Sweden Phone Patrizia Giorio, Project manager Italy Obbiettivo Formazione Largo Liverani, 6/7, IT Firenze, Italy Phone Vincent O Connell, Project manager United Kingdom Surrey County Council, County Hall Penrhyn Road, Kingston upon Thames Surrey KT1 2DN, United Kingdom Phone +44 (0)

8 I beneficiari del progetto Il progetto ed il materiale didattico si rivolgono a giovani donne affette da lievi disordini dello sviluppo. Alcune di esse hanno anche altre forme di disabilità, di cui una comune per esempio è un disordine dello spettro autistico, che rendono difficili l interazione sociale e le relazioni. Diagnosi che hanno lo stesso nome possono essere espresse in modi diversi da persone diverse. Gli individui sono così diversi tra di loro che è difficile racchiuderli in un gruppo coeso. Dobbiamo guardarli sempre come persone singole, con bisogni individuali. Il gruppo di riferimento può essere descritto in differenti maniere a seconda che lo si consideri da una prospettiva psicologica o pedagogica. Anche la definizione di disturbi e difficoltà dell apprendimento è diversa nei vari paesi. In questo contesto, non ci siamo preoccupati di esplorare queste definizioni più da vicino. Ciò che si trova presentato qui di seguito è una descrizione del gruppo di riferimento visto rispettivamente dalla prospettiva italiana e svedese. Prima di iniziare il lavoro di gruppo con le ragazze di Fyrisskolan di Uppsala, l ufficiale scolastico e l infermiera della scuola hanno intervistato le ragazze dell ultimo anno. I loro pensieri e riflessioni sono quindi diventati uno dei punti di partenza per la programmazione delle attività da parte del progetto. Le interviste avevano lo scopo di scoprire cosa sapessero le ragazze circa cosa significa essere abusate e qualsi segnali di avvertimento riconoscevano cosa significano violenza e tolleranza zero cos è un abuso Ciò è quanto hanno detto le ragazze: Puoi essere abusata sessualmente, finanziariamente da qualcuno che vuole cose in prestito o che vuole farti dei favori. Sono le ragazze ad essere abusate più spesso, perché le ragazze non osano dire di no. Sono più spesso i ragazzi che abusano delle ragazze. Molte delle ragazze sono state in qualche modo abusate e credono di correre il rischio di poterlo essere ancora. Se sento di essere stata sfruttata possono parlare con qualcuno di cui mi fido, un amica, fratelli, genitori. A volte non vuoi parlarne con nessuno perché è imbarazzante. Puoi arrabbiarti quando ti rendi conto di essere stata sfruttata ma puoi anche stare zitta. E difficile dire di no. Se sei una persona forte puoi dire no e quindi puoi ottenere rispetto, ma è difficile come ho già detto. Forse bisognerebbe essere amichevole ma determinata. Segnali di avvertimento possono essere il sentirsi spaventata o sospettosa e avere la nausea. A volte riesci a capire in anticipo se qualcuno sta pensando di fare lo stupido, lo puoi vedere dal linguaggio del corpo. Allora posso andarmene da lì e fare in modo di non restare da sola con quella persona. A volte sono abbastanza coraggiosa da raccontare ad altri cosa è successo, altre volte no. Segnali di avvertimento di aggressività possono essere espressioni facciali come uno sguardo cupo. Il tuo corpo diventa rigido e teso. Alcuni possono anche stringere i pugni e dire parolacce o parlare ad alta voce. Segnali di avvertimento sessuali da tenere d occhio sono troppi complimenti, palpeggiamenti, cercare di persuadere, vedersi offrire denaro o un lavoro come modella o cose del genere. A volte non capisci se 8

9 è un segnale di avvertimento o solo un complimento. Un buon modo di dire no è quello di non ridere. E un buon metodo quello di dire no e parlare forte allo stesso tempo. Per esempio puoi dire se non mi lasci in pace chiamo la polizia. La violenza è quando vieni colpita per esempio. Ma può anche prendere la forma di spintoni, il tirare i capelli, minacciare oppure stringerti forte il braccio. Ti puoi arrabbiare quando qualcuno è violento e scappare via. Altre cose che puoi fare quando sei arrabbiata è di colpire forte qualcosa, sbattere la porta, scrivere, dire parolacce o pestare i piedi. A volte i genitori possono essere violenti, dipende. Se il tuo ragazzo lo fa allora puoi chiedere aiuto a qualcuno, per esempio telefonando ad un amica. Alcune ragazze addirittura credono che sia colpa loro se sono state picchiate. Naturalmente non lo è, ma il sentimento può nascere. Se le cose si mettono male e si teme violenza, è buona cosa andarsene. Non sappiamo cosa significhi tolleranza zero; non ne abbiamo mai sentito parlare. L abuso è una cosa che non voglio mi succeda. Si può prevenirlo se si evitano certe situazioni. Puoi anche gridare o mordere. Bisogna sempre parlare con qualcuno se accade qualcosa del genere, va bene parlare con qualcuno. A volte capisci che sta per succedere prima che accada, a volte no. I genitori e gli insegnanti parlano di quali sono i rischi. Diversi modi di dire NO sono: un occhiata diretta, una sberla, calci, andarsene via. Alcuni ragazzi sembrano pensare che le ragazze sono giocattoli che possono trattare come vogliono. I beneficiari del progetto visto dalla prospettiva italiana Il target group di questa guida è composto da ragazze tra i 16 ed i 21 anni con disturbi e difficoltà dell apprendimento. Di seguito descriveremo brevemente la legislazione italiana in materia di istruzione e disabilità ed un quadro sulle caratteristiche diagnostiche del disturbo. Istruzione e Disabilità L art. 2 della legge 53/03 definisce le caratteristiche del nuovo sistema educativo italiano di istruzione e formazione, che risulta così articolato: - Scuola dell infanzia (3 anni) Primo Ciclo - Scuola primaria (5 anni) Scuola secondaria di primo grado (3 anni) Secondo Ciclo - Sistema dei Licei (5 anni) - Sistema dell istruzione e della formazione professionale (fino a 5 anni). La legge prevede inoltre la possibilità di cambiare indirizzo all interno del sistema dei licei nonché di passare dal sistema dei licei al sistema di istruzione e formazione professionale e viceversa attraverso il riconoscimento di crediti formativi certificati. Il diritto alla formazione professionale dei cittadini disabili è pienamente riconosciuto dalla Costituzione Italiana all art. 38: gli inabili ed i minorati hanno diritto all educazione e all avviamento professionale. 9

10 La legge quadro 104/92 sull handicap identifica infine il processo formativo come strumento preliminare da perfezionare e promuovere allo scopo di assicurare adeguate opportunità occupazionali.l art. 17 prevede l inserimento della persona handicappata negli ordinari corsi di formazione professionale, garantendo attività specifiche per quegli allievi disabili che non siano in grado di avvalersi dei metodi di apprendimento ordinari per l acquisizione di una qualifica professionale. In Italia dunque i ragazzi diversamente abili sono inseriti nei normale ciclo di istruzione, con la possibilità tuttavia di avere un insegnante di sostegno e programmi semplificati. Tendenzialmente, per il secondo ciclo di istruzione, si iscrivono in Istituti professionali dove le attività pratiche e laboratoriali sono prevalenti. In Toscana, l Istruzione scolastica e la Formazione professionale si integrano insieme, in modo da offrire a questi allievi percorsi formativi finalizzati all acquisizione di una qualifica professionale spendibile sul mercato del lavoro. In questo caso, i ragazzi frequentano alcuni giorni la scuola e alcuni giorni il corso di formazione. Ciò determina: La costruzione e il rafforzamento di reti a livello territoriale (scuole, agenzie formative, servizi sociali, istituzioni pubbliche, aziende) L integrazione tra istruzione e formazione L acquisizione, da parte degli allievi, di competenze trasversali e professionali Lo sviluppo di autonomia e intelligenza emotiva. Disturbi dell apprendimento Nella popolazione italiana si registra un numero considerevole di alunni con problemi di apprendimento. Numerosi studi e ricerche effettuati nel corso di questi ultimi anni hanno infatti posto in evidenza che oltre il 20% della popolazione scolastica presenta rallentamenti nei processi di apprendimento che richiedono interventi individualizzati. La percentuale di bambini o adolescenti con Disturbi dell Apprendimento che abbandonano la scuola è stimata intorno al 40% (circa 1,5 volte in più rispetto alla media dei non affetti). Questi problemi incidono in modo rilevante sul rendimento nelle varie discipline, causando spesso un vero e proprio disadattamento scolastico. Le principali cause possono essere così sintetizzate: Difficoltà percettivo-motorie, dalle quali possono derivare, disturbi specifici di apprendimento ( dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia ). Difficoltà di attenzione, di concentrazione, di memorizzazione, che danno origine a discontinuità nelle prestazioni, a scarso mantenimento delle acquisizioni, ad esecuzioni incomplete del compito. Ritardo cognitivo, che provoca lentezza nei processi, esecuzione di prodotti insoddisfacenti, difficoltà nel trasferire e riutilizzare conoscenze apprese, livelli di capacità notevolmente inferiori rispetto alla gruppo dei pari (classe). Difficoltà di linguaggio, che interferiscono negli aspetti di comprensione-produzione sia orale che scritta. Problemi relativi alla sfera affettiva e comunicazionale, dai quali possono derivare scarsi livelli di autostima, atteggiamenti e comportamenti inadeguati, senso di inadeguatezza di fronte alle richieste scolastiche e demotivazione ad apprendere. 10

11 Le difficoltà generiche dell apprendimento sono solitamente dovute a un ritardo maturazionale, a una scarso bagaglio di esperienze, a scarso investimento motivazionale e, non di rado, a una serie di errori di tipo pedagogico che i docenti compiono sia nelle prime proposte didattiche relative all approccio alla lingua scritta che, successivamente, negli itinerari di recupero conseguenti all accertamento delle difficoltà stesse. Spesso tali interventi hanno infatti scarsa specificità, si limitano ad un aumento di esercizi e si basano quasi esclusivamente su una richiesta di memorizzazione di regole, ma, il più delle volte, dopo un iniziale momento di maggiore rendimento, l insegnante si trova di fronte a regressioni e ricadute. I disturbi specifici sono invece strettamente legati a deficit di natura percettiva o linguistica, che non sono stati individuati precocemente; tali disturbi sono la disgrafia, la disortografia, la dislessia e la discalculia. Disturbi specifici dell apprendimento I disturbi specifici dell apprendimento riguardano un gruppo di disabilità, in età evolutiva, in cui si presentano significative difficoltà nell acquisizione e utilizzazione della lettura, della scrittura e del calcolo. La diagnosi di dislessia, disgrafia e disortografia, di discalculia, viene fatta in seguito ai risultati di test specifici riguardo la lettura, la scrittura e il calcolo; a volte ci può essere un associazione tra deficit (disturbo di lettura e di calcolo). I problemi di apprendimento, ovviamente incidono in modo negativo con gli esiti scolastici e con le attività quotidiane che richiedono l abilità di leggere, scrivere e fare calcoli. La prevalenza di tali disturbi nella popolazione in età scolare, secondo la maggior parte degli studi, è tra il 2 ed il 5%. Non rientrano nei disturbi specifici di apprendimento tutti quei problemi scolastici imputabili ad un altra serie di fattori quali: scarsa motivazione da parte dello studente, ambiente di provenienza privo di stimoli adeguati, una scuola che non è in grado di prendersi a carico i problemi dei suoi alunni, una didattica sbagliata e inefficace e non ultimo a ritardi maturazionali. Per ulteriori approfondimenti sull argomento e per un inquadramento clinico più specifico si consiglia la consultazione di manuali o strumenti diagnostici specifici: Psychodynamic Psychiatry in Clinical Practice (4th Edition) Gabbard Glen O. American Psychiatric Publishing, Inc. Anno: 2005 DSM-IV. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali Editore: Elsevier Anno:

12 I beneficiari nel Regno Unito Nel Regno Unito disabilità nell apprendimento è spesso considerato come un marchio utilizzato per descrivere un unico aspetto del comportamento di un individuo. La politica nazionale ed i modelli basati sulle evidenze delle buone pratiche dimostrano che questo tipo di marchio può cogliere solo una parte della storia di una persona. Il termine disabilità nell apprendimento è di per sé controverso ed il termine difficoltà di apprendimento è spesso preferito da coloro che hanno questo tipo di problema. Sempre più spesso si dà importanza agli approcci che mettono al centro le personepone l accento sto da persona incentrato approcci in modo da evidenziare la capacità di scelta individuale, la libertà e l indipendenza attraverso il sostegno. Si tratta di un modello sociale in contrapposizione ad un modello medico che presuppone di provvedere ai bisogni partendo dal punto di vista medico invece che dall insieme dei desideri, delle aspirazioni e dei bisogni individuali. Vi è un crescente riconoscimento dell importanza dell integrazione e dell inclusione nella comunità e si dà priorità su quale sia il modo migliore per massimizzare le opportunità legate alla genitorialità, all istruzione ed all apprendimento, per aumentare l accesso ai servizi sanitari, di assistenza e occupazionali. Tutto questo riflette la volontà di fare in modo che ciò che succede nella vita di una persona con una disabilità di apprendimento li coinvolga in modo significativo. Questo è il significato dell espressione niente che ci riguarda a senso senza di noi che è al centro della politica del governo britannico Valorizzare le persone oggi. Ci sono diversi modi di definire e classificare la disabilità nell apprendimento, il dibattito è aperto e non c è consenso sulla definiziione più appropriata. L Organizzazione mondiale della sanità (OMS) definisce le disabilità nell apprendimento come uno stadio di sviluppo incompleto o bloccato della mente. E chiaro che ciò che stiamo cercando di descrivere è una diagnosi e non una malattia. La disabilità nell apprendimento non è una malattia né fisica né mentale e non c è alcuna terapia di cura accettata. Per giungere ad una diagnosi accertata si può procedere in diversi modi, spesso si misura la riduzione delle facoltà intellettuali ed a volte si valuta la capacità funzionale. Nel primo caso il Quoziente Intelletuale (QI) è la misurazione più comunemente utilizzata, ad esempio con un risultato tra 50 e 70 si può essere classificati con una lieve disabilità nell apprendimento, con un risultato tra fornisce una diagnosi di moderata disabilità nell apprendimento. La valutazione funzionale guarda di più alle capacità di comunicazione e di relazione sociale delle persone, oltre che alla loro capacità reale e potenziale di prendersi cura di sè. Questo è un modello di diagnosi più sociale e tenta di tener conto di una vasta gamma di fattori. Le classificazioni sono complesse e difficili e la distinzione tra lieve e moderata può essere difficile da stabilire. Il sistema di istruzione nel Regno Unito è progettato in modo da garantire l accessibilità a tutti. Data l alta correlazione tra disabilità nell apprendimento e difficoltà di comunicazione, la sfida evidente è garantire ai bambini ed ai giovani con disabilità nell apprendimento l accesso al percorso di studi e di poter partecipare 12

13 a tutti gli aspetti della vita scolastica. In parte questo è riconosciuto attraverso la messa a disposizione di servizi terapeutici rispetto al linguaggio adeguati dal punto di vista educativo e della cura. Sempre di più bambini e giovani con disabilità nell apprendimento sono inseriti nelle scuole tradizionali secondo le attuali politiche di inclusione sociale. In alcuni casi però gli studenti tra i 5 e i 19 anni possono frequentare delle scuole speciali - studiate per provvedere soprattutto alle necessità di bambini e giovani con dei disturbi specifici. In altri casi viene messa in atto una politica che permette ai/alle giovani con disabilità nell apprendimento di arrivare a frequentare le scuole di educazione superiore al termine del percorso scolastico obbligatorio. E importante sottolineare che scuole tradizionali e speciali lavorano sempre di più in collaborazione e non è raro per gli studenti frequentare l una e l altra nella stessa settimana, oppure essere trasferiti da una all altra varie volte nel percorso d istruzione. Nel Regno Unito, il sistema scolastico tradizionale inizia all età di 5 anni. Fino agli 11 anni si è all interno del settore primario. Il settore secondario invece va dagli 11 ai 16 anni (primo termine dell obbligo scolastico) o ai 18 anni nel caso delle scuole speciali si arriva fino a 19 anni. L educazione superiore è disponibile dai 16 anni e può essere di tipo professionale, accademico oppure più frequentemente misto (in Italia viene chiamato tecnico). Per permettere l inserimento dei/delle giovani con disabilità nell apprendimento nei percorsi d istruzione superiore, le modalità di sostegno sono pianificate dall età di 14 anni attraverso un piano di transizione. Il piano è preparato con la collaborazione dei givani stessi, oltre che della scuola e dei servizi di orientamento. Per facilitare questo processo di transizione, parecchie scuole hanno sviluppato dei servizi specifici. I percorsi d istruzione superiore spesso prevedono supporti speciali o materiali per facilitare la frequenza alle lezioni. In altri casi le scuole superiori offrono corsi o sezioni speciali pensati apposta per i bisogni formativi dei/delle giovani con disabilità. Sia nelle scuole tradizionali che in quelle speciali sono disponibili aiuti per supportare gli studenti fin dai primi anni di frequenza. Questi bambini sono spesso indicati come SEM (acronimo per con bisogni educativi speciali ) per indicare sia problemi di comunicazione, linguaggio, cognitivi, di apprendimento, comportamentali ma anche problemi fisici e/o medici. Nella maggior parte dei casi i bisogni speciali vengono documentati in una relazione detta Statement. Questa relazione è il risultato di un processo di valutazione relativo al ragazzo/a ed alla struttura dell aiuto che deve avere, inoltre esplicita come deve essere fornito il supporto e come deve essere monitorato. Tiene anche in considerazione le necessità non strettamente educative come la fisioterapia o gli spostamenti scuola-casa. Note: parte del materiale all interno di questa sezione è stato adattato da alcuni documenti scritti dal British Institute for Learning Disability (BILD). La responsabilità dei contenuti è in ogni caso del personale che ha lavorato nel progetto Special. 13

14 I beneficiari del progetto visto dalla prospettiva svedese Presentiamo qui di seguito un estratto dalle linee guida del sistema scolastico svedese decisioni relativamente all accettazione di studenti diversamente abili da parte delle scuole speciali obbligatorie: Ai fini di accettare un alunno in una scuola speciale, è necessario accertare che l alunno non sia effettivamente in grado di raggiungere il livello di conoscenza previsto dalle scuole omnicomprensive a causa di un disordine dello sviluppo o altra condizione ad esso equiparata dall Atto Scolastico. Adottare questa posizione significa predisporre una valutazione completa dell alunno. La valutazione dovrebbe essere condotta sia sulla base dei risultati dei test sia sul modo in cui l alunno si comporta e si sviluppa nel suo ambiente didattico e nell interazione sociale con i compagni. E importante ricercare in maniera puntuale tutti gli aspetti che compongono la valutazione. La valutazione finale dovrebbe essere fatta in base a ciò che è meglio per l alunno nel breve così come nel lungo periodo. Dovrebbe essere normalmente basata su Le precedenti informazioni disponibili sull alunno Le osservazioni fatte sull alunno sia a casa che a scuola La valutazione delle misure di sostegno che si è provato ad adottare, così come Le necessarie ricerche che una valutazione totale presuppone Per quegli alunni con un diverso retroterra linguistico e culturale, è necessario avere un ulteriore attenzione per quei prerequisiti che compongono una corretta valutazione. I risultati dei test dovrebbero essere interpretari con molta cura, dal momento che gli strumenti dei test non sono culturalmente neutri e quindi vi è il rischio di arrivare ad un risultato fuorviante. Vi è anche il rischio che vengano misurate le abilità linguistiche dell alunno e non la sua capacità cognitiva. Per effettuare una corretta valutazione finale vi è bisogno di condurre ricerche dal punto di vista pedagogico, psicologico, medico e sociale. Per poter essere accettato in una scuola speciale, un allievo deve avere un QI inferiore a 70. La nostra esperienza mostra che la consapevolezza di avere un disturbo o una difficoltà dell apprendimento varia all internodei beneficiari. Alcuni sono coscienti del perché hanno bisogno di frequentare una scuola speciale e del perché hanno bisogno di maggior aiuto rispetto agli altri. Riescono a sentirsi sicuri nella loro disabilità e possono avere eventualmente bisogno di sostegno per costruire un autocoscienza positiva ed imparare a stabilire dei limiti. Altri si pongono spesso domande e riflettono sul perché non sono uguali agli altri giovani e sul perché hanno una tale disabilità. Molti hanno sperimentato delle difficoltà al di fuori dell orario scolastico, e provano un senso di esclusione. Utilizzano molta della loro energia per cercare di nascondere le loro difficoltà. Le giovani donne spesso trovano difficile capire gli argomenti processare ed ordinare impressioni ed esperienze fare scelte mettere in pratica la conoscenza 14

15 formulare un pensiero astratto mantenere le distanze dalle altre persone interpretare le espressioni facciali e il linguaggio del corpo delle altre persone Rischiano più delle altre di essere soggette a maltrattamenti psicologici e/o fisici di essere soggette a violenza, sfruttamento e molestie sessuali di essere minacciate, picchiate, abusate e rinchiuse contro la loro volontà di essere picchiate a casa Hanno problemi nel riferire ciò che hanno subito quando viene loro chiesto dall autorità giudiziaria, dalle autorità sociali e da altre istituzioni, e perciò spesso non vengono credute difficoltà a causa di limiti cognitivi nell interpretare una situazione od una relazione come pericolosa funzioni dell ego carenti manifestazioni di insicurezza rispetto per l autorità Per sentirsi sicuri come individui, è necessario credere in se stessi. Rinforzare la propria autostima è di vitale importanza per questo gruppo, in modo da osare dire sì e no quando si ritiene giusto farlo. Hanno bisogno di allenarsi a riflettere, a prendere posizione e ad osare esprimere le proprie opinioni. Devono imparare a fare affidamento sui loro sentimenti istintivi ed essere in grado di accettare un sì od un no da qualcun altro, così come ad interpretare il linguaggio del corpo. Una maggiore autostima ed una migliore capacità di riconoscere le situazioni rischiose, così come la capacità di affrontarle, contribuiscono a diminuire il rischio di essere soggette a violenza. Il campo di applicazione del manuale Questo manuale si rivolge a tutti coloro che desiderno istituire un gruppo di discussione per giovani donne disturbi e difficoltà dell apprendimento, in cui possano parlare liberamente e ragionare insieme su questioni quali sentimenti e valori. Il materiale è stato preparato in modo da poter essere usato all interno del sistema scolastico, ma anche all esterno. Gli esercizi di gruppo possono servire sia come preparazione al lavoro on-line sia come integrazione a quest ultimo. Per i futuri capigruppo, l idea è che il capitolo Iniziare una discussione di gruppo possa fornire un sostegno nella fase preparatoria. Una volta stabilito il gruppo, il capitolo Esperienze della Fyrisskolan può fornire spunti per esercizi adattati in maniera specifica per i gruppi di riferimento, così come contribuire con ulteriori idee. Nel capitolo Pianificazione delle lezioni troviamo un introduzione su come il materiale didattico on-line può venire utilizzato dal gruppo, così come proposte di esercizi direttamente connessi alle situazioni descritte nel materiale didattico. 15

16 Respect4me Introduzione al sito internet Sul sito internet potete conoscere tre giovani donne, Madde dalla Svezia, Becky dall Italia e Jazz dalla Gran Bretagna. Le utenti sono in grado di seguire alcuni eventi della loro vita per quindi cercare di capire quale sia la migliore alternativa di azione sulla base della situazione che si viene a creare. Le utenti possono anche vedere le conseguenze della loro scelta e scoprire le opinioni di altre giovani su come ci si dovrebbe comportare per non finire nei guai. Provenienza del materiale formativo Il materiale è basato su situazioni a rischio che studenti e personale ad Uppsala e Firenze hanno identificato nell ambito del progetto. Il punto di partenza per il lavoro sono state domande quali: Come ti prendi cura di te stessa? Quando dovresti dire no e quando dovresti dire sì? Come puoi proteggerti da situazioni non desiderate/rischiose? Se qualcuno fa qualcosa di sbagliato, con chi dovresti parlare? Quali sono le situazioni giuste/sbagliate, i posti pericolosi/sicuri, le persone buone/cattive? Cosa costituisce molestia, sfruttamento, violenza sessuale? Le parole chiave nel lavoro di gruppo sono state: Valorizzare la propria autostima attraverso l accettazione di sè e la capacità di creare buone relazioni L importanza di stabilire limiti e di capire cosa viene considerato un comportamento normale Modi diversi di rafforzare la rete di relazioni delle ragazze. 16

17 Il sito internet è stato predisposto appositamente per il gruppo target del progetto ragazze con lievi disordini dello sviluppo. Tuttavia, abbiamo deciso di non scrivere questa affermazione sul sito, dal momento che, per nostra esperienze, coloro che hanno un disordine dello sviluppo spesso non vogliono fare uso di materiale che percepiscono come sviluppato appositamente per loro. E anche un vantaggio se il materiale può essere usato anche da altre persone. Abbiamo scelto situazioni in cui riteniamo che molte delle ragazze a cui si rivolge il progetto possano trovarsi. Fattori socio-economici e culturali possono occasionalmente giocare un ruolo più importante rispetto alla disabilità, ciò rende le ragazze ancora più vulnerabili. E importante che le ragazze che non si riconoscono in alcune delle situazioni mostrate sul sito non sentano di dover in realtà trovarsi in tali contesti. Le ragazze che finiscono in situazioni ancora più rischiose di quelle illustrate dovrebbero inoltre poter essere sostenute nell affrontare tali situazioni. Qui è dove le discussioni di gruppo diventano un complemento importante al sito internet. Possono essere condotte discussioni approfondite all interno del gruppo relativamente alle situazioni illustrate nel sito internet e vi si possono aggiungere altri fatti. Come sempre, è importante che il livello sia regolato sulla maturità del gruppo e sulle esperienze delle partecipanti. 17

18 Come utilizzare il sito web Respect4me.org è un sito web interattivo rivolto a ragazze da utilizzare come strumento per individuare ed affrontare possibili situazioni rischiose. La sezione principale del sito è rappresentata dalla descrizione di 15 storie che trattano i seguenti temi: Subire molestie sul posto di lavoro Essere avvicinate da uno sconosciuto Andare ad una festa Incontrare di persona un ragazzo conosciuto su internet La presentazione di ciascuna storia ha l intento di aiutare le ragazze a riflettere su cosa farebbero in questi casi. Ogni storia è descritta da 4 brevi filmati che possono essere visionati da tutti gli utenti. Il primo video introduce la storia e gli altri 3 filmati propongono delle possibili reazioni alla storia descritta. Le storie sono state realizzate con l aiuto di alcuni attori. Solo una storia ha due scelte. Al termine della visione si può quindi riflettere sui comportamenti proposti e valutare quale scelta sembra essere la migliore. L idea è quella di incoraggiare le ragazze a fare le proprie scelte in modo autonomo ed aiutarle a discutere su questi temi sia con gli insegnanti che con gli altri studenti. Oltre ai 4 filmati, si può visionare il video opinioni in cui alcune ragazze, in genere 2 o 3, esprimono la loro opinione su cosa avrebbero fatto in quella situazione; questo video è un ulteriore momento di riflessione che può aiutare ad individuare le scelte migliori per ciascuna donna. E importante che ciascuna donna, al termine di ogni storia, scriva e conservi la scelta che farebbe attraverso l utilizzo di un documento che può essere scaricato direttamente dal sito. Pagina 1 18

19 L introduzione Quando si entra nel sito viene visualizzata una introduzione. Prima di iniziare la navigazione è richiesto di scegliere la lingua in cui si vuole ascoltare le storie cliccando sulla bandiera corrispondente per l inglese, l italiano oppure lo svedese. Se vuoi puoi evitare l introduzione e visionare direttamente le storie. Se tu scegli l Inglese come lingua potrai accedere alla versione in lingua inglese delle storie. L introduzione animata inizia con una ragazza, Jasmine, che si trova all aeroporto per partecipare ad una conferenza del Programma Daphne a Bruxelles Se si sceglie lo svedese o l italiano le ragazze all aeroporto saranno rispettivamente Madeleine o Maria. L animazione prosegue con l incontro di Jasmine, Madeline e Maria alla conferenza Daphne di Bruxelles. Le ragazze decidono di creare un sito web che mostri quali difficoltà le giovani donne possono incontrare nella vita di tutti i giorni. Ritengono sia importante aiutare le ragazze a riflettere su queste situazioni e valutare quali possano essere le scelte migliori da fare. Decidono quindi di ricorrere a brevi filmati per raccontare varie storie ed utilizzare delle attrici che le somiglino. Al termine dell introduzione si può scegliere la lingua da utlizzare, Svedese italiano o Inglese Basta cliccare sulla bandiera della lingua scelta Pagina 2 19

20 La Homepage All inizio della pagina ci sono dei bottoni grigi che possono essere usati per navigare all interno del sito web Home questo bottone porta alla homepage del sito dalla quale si accede alla storia n 1. Come utilizzare il sito con questo bottone si apre un documento in pdf con le istruzioni su come utilizzare il sito; il documento è stato scritto per il manuale rivolto agli insegnanti. Documento da stampare con questo bottone si apre un documento in pdf da stampare in cui si possono riportare le scelte fatte per ogni storia. Storie questo bottone porta ad una pagina in cui si può scegliere la storia da guardare. Per esempio se si è già guardato le storie dall 1 alla 6, è possibile passare direttamente alla 7. Incontra le protagoniste delle storie questo bottone permette di conoscere le 3 ragazze protagoniste delle storie, Jasmine, Madeleine e Maria. Cliccando su ciascuna immagine delle ragazze è possibile conoscerle meglio dando un occhiata ai loro quaderni. Guida per gli insegnanti questo bottone porta alla pagina in cui si trovano le informazioni relative al progetto, il link al sito web del progetto Special ed il manuale dell insegnante. Aiuto e consigli questo bottone porta alla pagina in cui si trovano i link a vari siti utili per trovare consigli rivolti alle ragazze. Le bandiere per la scelta della lingua si trovano solo nella homepage. Da qui è possibile in ogni momento cliccare su un altra bandiera per cambiare la lingua del sito, in questo modo cambierà anche la narrazione delle storie in base alla lingua selezionata. Pagina 3 20

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO Le finalità della scuola oggi possono riassumersi nella funzione formativa e orientativa della scuola, non solo nel campo più direttamente

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli