Fare la Differenza. Il valore della simulazione nella formazione sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare la Differenza. Il valore della simulazione nella formazione sanitaria"

Transcript

1 Fare la Differenza Il valore della simulazione nella formazione sanitaria

2

3 Sommario Gli errori medici balzano continuamente agli onori della cronaca. Le vertenze giudiziarie contro personale medico e istituzioni sanitarie si mantengono a livelli allarmanti e la sicurezza del paziente è una priorità chiave per i governi di tutto il mondo. Il presente documento analizza il numero crescente di prove a supporto dell'utilizzo della simulazione nella formazione medica, sollevando la questione se le prove a sostegno della simulazione medica suggeriscano che essa dovrebbe costituire un elemento obbligatorio del piano di studi di formazione sanitaria (ove appropriato), in un continuo sforzo di riduzione degli errori medici. La simulazione sta diventando sempre più importante nella formazione sanitaria, sono disponibili molti dati che affermano che la simulazione offra un contributo significativo ai metodi tradizionali di formazione medica. La simulazione è ampiamente considerata efficiente dal punto di vista della formazione e allo stesso tempo complementare alle iniziative in favore della sicurezza dei pazienti rilevante nel processo di formazione clinica. L'adozione formale della simulazione nei piani di studio per la formazione sanitaria sta cominciando a farsi strada. Tuttavia, poiché si possa comprendere a fondo il valore della simulazione, l'opinione prevalente è che i leader e i legislatori responsabili delle riforme nel settore sanitario dovrebbero, sulla base delle indicazioni fornite dai dati disponibili, considerare i vantaggi della simulazione con una visione all'integrazione (dove appropriato) all'interno dei piani formativi nel settore della sanità. Introduzione I formatori e i fornitori di servizi sanitari, gli amministratori ospedalieri e i politici devono affrontare continuamente sfide significative per ridurre gli errori clinici, migliorare la qualità dell'assistenza ai pazienti e migliorare gli effetti sui pazienti. In termini generali l'assistenza sanitaria moderna è un processo ad alta complessità con numerose variabili, dinamiche e pressioni identificate che pongono molteplici sfide alla fornitura di un'assistenza sanitaria continua e con un alto livello qualitativo. Non ultimo da questo punto di vista è il numero sproporzionatamente alto di decisioni che i professionisti della sanità sono chiamati a prendere nel corso del proprio lavoro rispetto a molte altre professioni. Tali decisioni includono la diagnosi iniziale, le opzioni di trattamento, cura, assistenza post-ospedaliera proseguimento della cura e riabilitazione, decisioni cliniche alcune delle quali sono forse banali, ma comunque importanti per il paziente, mentre altre riguardano questioni di vita o di morte. E' stato stimato che ogni anno vengano prese 50 milioni di decisioni cliniche per ciascun milione di persone all'interno del Servizio Sanitario Nazionale nel Regno Unito. 1 Su tale scala non è quindi sorprendente che a volte qualcosa possa andare e vada storto, causando quindi errori nel processo di cura che possono portare a lesioni e situazioni di sofferenza a lungo termine non solo per il paziente ma anche per l'equipe medica o l'individuo o individui coinvolti. L'introduzione della simulazione nel processo di formazione degli operatori sanitari può migliorarne la preparazione? Nel tentativo di rispondere a questa domanda, è importante considerare il panorama attuale della formazione e pratica sanitaria in relazione agli errori clinici. Ci si riferirà in particolare all'area dell'assistenza della fase acuta e alle pratiche sistematiche, organizzative e culturali prevalenti e ai comportamenti, esaminando allo stesso tempo i valori della simulazione e la sua applicazione sia nella formazione universitaria che postuniversitaria con l'obiettivo di migliorare i risultati sui pazienti, l'efficacia della formazione e l'efficienza dei costi. Prima di tutto è necessario accettare che gli errori medici dovuti a fattori umani sono un evento reale e un fenomeno sempre più riconosciuto nell'assistenza sanitaria mondiale. La crescente attenzione internazionale sulla sicurezza del paziente, accelerata dal dirompente rapporto 'Errare è Umano', 2 che ha riportato che si verificano morti all'anno nel sistema sanitario nazionale negli Stati uniti in conseguenza di errori medici evitabili, ha dato vita ad un flusso di rapporti internazionali, case study e articoli relativi a situazioni simili in molti sistemi sanitari indipendentemente dalle diversità delle economie nazionali, politiche sanitarie e fondi per la sanità. Un tema comune a molti di questi documenti è il seguente: In media il 70% degli errori medici sono il risultato diretto di Fattori Umani. 3,4,5 Per quanto questa statistica possa essere convincente in se stessa e rappresentare quindi una ragione sufficiente a fare della sicurezza del paziente una priorità dei servizi sanitari, altre argomentazioni di supporto sono rappresentate dall'elevato numero di procedimenti giudiziari e richieste di indennizzo in molte nazioni.

4 Fare la differenza - Il valore della simulazione nella formazione sanitaria Errori Medici Una Prospettiva Europea E' necessario migliorare e standardizzare i dati statistici relativi alle questioni di sicurezza dei pazienti all'interno dei sistemi sanitari europei al fine di comprenderne appieno l'entità e la natura. Tuttavia, la creazione della EUNetPaS (European Union Network for Patient Safety - Rete Europea per la Sicurezza del Paziente) riflette un crescente riconoscimento in tutta Europa, che problemi simili a quelli evidenziati nel sistema sanitario statunitense esistono anche in Europa e come tali possono e devono essere affrontati. Una panoramica del problema della sicurezza dei pazienti in Europa, viene fornita dal secondo incontro dalla EUNetPaS tenutosi a Parigi il 23 settembre nel corso del quale si è citato il seguente rapporto: Il rapporto della Hospitals for Europe s Working Party sulla qualità dell'assistenza negli ospedali (HOPE: European Hospital and Healthcare Federation) ha stimato che un paziente su dieci negli ospedali europei subisce danni prevenibili Lo studio di prospettiva condotto da ENEIS in Francia ha stimato che l'incidenza di eventi avversi era di 6,6 su 1000 giorni di ospedalizzazione, il 35% dei quali potevano essere prevenuti Lo studio condotto da ENEAS in Spagna ha confermato che il 9,3% dei pazienti ospedalizzati subisce eventi dannosi Basata sui vantaggi derivanti dalla condivisione delle esperienze, idee e risorse, EUNetPaS è una rete composta da 27 stati membri dell'unione Europea con l'obiettivo di incoraggiare e favorire la collaborazione e il miglioramento nel campo della sicurezza dei pazienti e particolarmente rilevante in questo caso, pone particolare attenzione alla 'Strutturazione dell'istruzione e Formazione sulla Sicurezza del Paziente' tramite: i. Il vicendevole scambio di esperienze e conoscenze sul processo di apprendimento per i professionisti del settore sanitario ii. Rivolgersi ai decisori nel campo dell'istruzione Superiore al fine di promuovere l'integrazione della formazione sulla sicurezza del paziente nei piani di studio di medicina e scienze infermieristiche universitari e post-universitari. Considerazioni più approfondite Breve panoramica degli errori medici in un sistema sanitario europeo: Il Regno Unito Prendendo il Regno Unito come esempio della situazione europea, i dati più recenti forniti dalla NPSA (National Patient Safety Agency nel Regno Unito) relativi alle organizzazioni sanitarie in Inghilterra rivelano che il numero di incidenti relativi alla sicurezza dei pazienti verificatisi in un periodo di 12 mesi fra luglio 2007 e giugno 2008 è pari a , portando il numero totale di incidenti denunciati dalla creazione del RLS (Reporting and Learning System - Sistema di denuncia e apprendimento) da parte del Dipartimento della Sanità del Regno Unito nel 2003 a Sul totale annuale 2007/08, il 73% si sono verificati in ospedali pubblici/privati per il trattamento di malattie acute. Alcuni esempi: Tipo di incidente Numero di Incidenti Trattamento, procedura Medicinali Valutazione clinica (incluso diagnosi, scansioni, esami, valutazione) Consenso, comunicazione, riservatezza Implementazione del trattamento e controllo/revisione in atto Tipologie di incidenti in ospedali per malattie acute / generali in Inghilterra da luglio 2007 a giugno Rif: National Patient Safety Agency Reporting and Learning System, Riassunto dei dati trimestrali, novembre 2008, numero10, sezione 2, Fig.5 Per questo periodo, sebbene nella maggioranza degli incidenti denunciati i pazienti non abbiano subito alcun danno, si dovrebbe notare che di questi pazienti sono deceduti, hanno subito danni gravi e hanno subito danni da moderati a lievi. 7 Una panoramica dei costi finanziari relativi agli errori medici, registrati fra i dati denominati 'Negligenza Clinica' raccolti dalla Litigation Authority (NHSLA) del Sistema Sanitario della Gran Bretagna mostrano che nel 2007/08, il NHSLA ha ricevuto richieste di risarcimento. Questo ha portato il numero di richieste di risarcimento per "viventi" (al 31 marzo 2008) a , con una media di 1,5 anni per redimere una richiesta di indennizzo. 8 Esempi divisi per specialità sono illustrati a fianco.

5 Fare la differenza - Il valore della simulazione nella formazione sanitaria Valore Totale di CNST (Clinical Negligence Scheme for Trusts) denunciati divisi per specialità al 31/03/08 Valore delle richieste di risarcimento ,332, Specialità Chirurgia Ostetricia e Ginecologia Medicina Incidenti & Emergenza Anestesia Radiologia Patologia Servizi di supporto paramedico Ambulanza Salute Pubblica 1,283,20 966, , 111 Assistenza Infermieristica 137,610 77,546 75,938 23,074 14,257 9,891 (dall'inizio dell'applicazione dello schema ad aprile 1995, escluse le richieste di indennizzo 'sotto franchigia' gestite dalle fondazioni private) (Dati provenienti dal sito web NHSLA - Foglio informativo 3 del 15 gennaio 2009) Al 31 marzo 2008, la NHSLA stima di avere potenziali passività per un importo pari a 12,06 miliardi di sterline di cui 11,9 miliardi di sterline relativi a richieste di indennizzo per negligenza clinica. 9 Sanità: Un Settore Rischioso con Grandi Aspettative Gli Ospedali e i Servizi di Emergenza stanno diventando luoghi di lavoro sempre più complessi e soggetti a forti pressioni, con importanti implicazioni per la cura in sicurezza e la gestione clinica del paziente e in particolar modo del paziente con patologie acute. Alcune delle motivazioni generalmente accettate, che sono state illustrate nel rapporto CIVITAS sulla performance del Servizio Sanitario Nazionale, includono una costante crescita anno su anno degli interventi di emergenza contro un calo dei posti letto occupati in ospedale (soprattutto in reparti per patologie acute e di medicina generale). Il conseguente aumentato volume di pazienti malati e le pressioni operative per la dimissione anticipata dei pazienti contro una tendenza emergente verso un aumentato numero di ri-ammissioni nei reparti di emergenza, 10 oltre a suggerire un declino nella qualità dell'assistenza lungo il percorso di assistenza al paziente, rappresenta un'ulteriore conferma dell'ambiente nel quale pretendiamo che i nostri professionisti della sanità operino rispettando costantemente standard da 'libro di testo' e esenti da errori. La situazione sarà probabilmente ancora più complessa in sistemi dove l'assistenza per i casi acuti e di emergenza in orari extra ospedalieri viene fornita da medici con minore esperienza o tirocinanti non adeguatamente supervisionati. Ovviamente, la natura dell'ambiente sanitario e le sue condizioni sono solo un fattore in gioco nella comprensione e sviluppo degli sforzi messi in campo al fine di ridurre gli errori medici. Vi sono molti altri fattori concorrenti coinvolti nel percorso di assistenza al paziente. In relazione al ruolo della formazione medica, una valutazione della letteratura nella formazione universitaria sull'assistenza ai pazienti con patologie acute(2007), 11 che ha valutato le conclusioni di 374 articoli ammissibili relativi a questioni di istruzione e formazione, (inclusi Medline, EMBASE e CINAHL), con particolare riferimento agli aspetti clinici dell'assistenza per patologie acute e rianimazione ha evidenziato quanto segue: Gli studenti universitari e i giovani medici hanno una scarsa conoscenza, fiducia in sé stessi e competenza su tutti gli aspetti dell'assistenza nelle patologie acute, incluso il compito basilare del riconoscimento e gestione del paziente con patologia acuta. 11 Lo studio ha portato alla luce una notevole variabilità sia fra i paesi che all'interno degli stessi in relazione sia alla quantità e qualità della didattica sul tema dell'assistenza critica concludendo che 'La formazione dei professionisti sanitari nel trattamento di pazienti con patologie acute è di basso livello, aumentando quindi il rischio per il paziente. I miglioramenti nel settore della formazione dovrebbero cominciare a livello universitario per massimizzarne gli effetti, dovrebbero essere integrati con l'istruzione post-universitaria, e dovrebbero rafforzare gli attuali sforzi per migliorare la sicurezza dei pazienti nel trattamento di casi acuti.' 3

6 Salto nel buio Tali affermazioni ed inferenze, sia che provengano da dati statistici o da aneddoti, non dovrebbero in alcun modo fornire un'errata rappresentazione di una professione fatta di individui rispettati che vengono generalmente e universalmente considerati impegnati, premurosi, competenti e dedicati ad aiutare i propri pazienti. Come concluso dal primo rapporto del Comitato IOM (Errare è Umano) 2 ' la maggioranza degli errori medici non dipende da scorrettezze individuali o dalle azioni di un gruppo particolare, non si tratta di un problema di "mele marce". Più comunemente, gli errori sono causati da sistemi, processi e condizioni difettosi che portano le persone a compiere errori o non sono in grado di prevenirli.' Il punto di vista di un Medico Il seguente estratto dall articolo 'Tutti uccidiamo qualche paziente mentre stiamo imparando', 12 una riflessione personale pubblicata su una rivista da un medico che ricordava il proprio passato di studente di medicina prima e di medico inesperto poi, rappresenta forse un ottimo modo per illustrare alcuni aspetti di questi fallimenti culturali e sistematici. Quando mi sono laureato ho capito presto che ci sarebbero stati momenti nei quali avrei dovuto eseguire procedure che non avevo mai visto e tanto meno praticato. I piloti delle linee aeree imparano a volare su aerei veri prima di cominciare a trasportare passeggeri. A causa della limitatezza delle opportunità di formazione, i medici fanno esperienza curando i pazienti. Cominciamo a trasportare passeggeri prima di imparare a volare su un vero aeroplano. Anche gli specialisti appena qualificati non hanno ricevuto una formazione sufficiente: una media di 8000 ore di esperienza rispetto alla generazione precedente che ne faceva ben Tutti uccidiamo qualche paziente mentre stiamo imparando. Facendo alcuni esempi delle sue prime esperienze:...una diagnosi tardiva, un'infusione sbagliata, alcuni pazienti con contusioni sulle braccia a causa di tentativi impacciati di prelievi del sangue o inserimento di flebo, che venivano però rettificati da scuse sincere al paziente e una formazione ad hoc da parte di un collega più anziano. Quasi tutti gli incidenti medici sono il risultato di una catena di errori che implicano le valutazioni sbagliate di una serie di medici. Le inadempienze sistematiche relative alla formazione, supervisione, comunicazione e riscontro sono un problema di portata molto più ampia rispetto alla negligenza individuale. Le sanzioni per gli errori stanno diventando sempre più severe. Recentemente un tribunale ha dichiarato un medico colpevole di omicidio colposo per avere iniettato un medicinale in modo scorretto. Lo stesso errore si era verificato almeno una dozzina di altre volte in altri ospedali e da parte di altri medici, tutte conseguenze di errori marchiani amministrativi e una mancanza di salvaguardie. La colpa è del sistema e non solo dell'individuo. Tuttavia, a causa di un momentaneo errore di valutazione nel corso del suo normale lavoro, un professionista rispettato che ha dedicato la propria vita alla cura dei malati può trovarsi a dovere affrontare lo stesso procedimento legale di un guidatore ubriaco abituale che falcia un pedone. Il Punto di vista di un Insegnante L'approccio didattico per gli studenti di medicina basato sul modello dell apprendistato è stato per molto tempo il metodo tradizionale per la formazione dei professionisti nel settore sanitario a livello universitario. Questo processo è stato ironicamente soprannominato 'see one, do one, teach one.' [N.d.t. guarda, esegui, insegna] Le istituzioni mediche si stanno rendendo conto in generale che l'affidarsi a questo modello di formazione per creare medici professionisti non è un metodo adeguato al ventunesimo secolo. Questo non significa che il modello dell'apprendistato dovrebbe diventare obsoleto, ha certamente molti valori inimitabili, non ultimo il quello del mentore per il personale più giovane in un ambiente di lavoro sottoposto a pressioni uniche. Tuttavia, altri metodi formativi quali ad esempio la simulazione possono offrire un supporto all'apprendistato, soprattutto per la preparazione alla 'prima volta.' Le facoltà di medicina utilizzano sempre di più la simulazione per l'apprendimento delle competenze di base, sebbene questa pratica non sia standardizzata a livello istituzionale e pertanto la possibilità di fruizione per gli studenti di medicina rimane casuale. Per i giovani medici ed infermieri che lavorano in ambito ospedaliero, l'addestramento continua ad essere necessario per la costruzione e creazione di esperienza e competenze. Per i formatori, la riduzione delle ore lavorative imposta dalla European Working Time Directive (EWTD) - Direttiva europea sull'orario di lavoro, e la conseguente carenza di opportunità di addestramento hanno creato notevoli sfide nell'adempimento delle proprie responsabilità. I seguenti estratti molto franchi tratti da Consultant Medical Trainers 13 sulla direttiva EWTD, spiegano queste sfide: In relazione alla compromissione del feedback sull'addestramento e alla limitazione delle opportunità di comunicazione e apprendimento

7 Fare la differenza - Il valore della simulazione nella formazione sanitaria "Se penso che qualcuno possa avere migliorato l'assistenza fornita ad un paziente e se volessi parlarne, dovrei prendere un appuntamento ufficiale, un metodo che mi sembra eccessivo e troppo formale oppure potrei farne menzione quando vedo la persona, e poi magari non la vedo per settimane, quindi il follow-up puntuale di casi individuali diventa veramente molto difficile. La continuità è molto difficile e se si vuole fare una relazione a caldo sulla prestazione di una persona e non si è presenti nel momento di esecuzione della prestazione, e non si vede quella persona per due settimane, non è possibile e personalmente penso che questo renda il processo di apprendimento più difficile. Se il messaggio non passa immediatamente, 'che cosa nei pensi di questo, o avrebbe potuto esserci un altro modo di fare le cose' questo non ha molto significato se viene fatto due settimane dopo." [sic] In merito alle preoccupazioni sulle pratiche didattiche e la necessità di cambiamento "Penso che sia stato evidenziato che la modifica dell orario di lavoro porti ad una necessità di cambiamento del modo di insegnare. Il problema in base alla mia esperienza di insegnamento risiede nel metodo del praticantato, quindi trovo difficile pensare in quale altro modo potere trasmettere questo messaggio quando non mi è possibile farlo nel modo che mi è più congeniale e che ha rappresentato per me un metodo valido. Sono consapevole del fatto che questo metodo non vada bene per tutti, ma nel mio caso ha funzionato." [sic] In merito alla mancanza di opportunità di addestramento, minore esposizione ed esperienza clinica "L'addestramento pratico, ok io voglio offrire addestramento pratico. Diciamo che io abbia a disposizione 3 sessioni operatorie alla settimana quindi voglio che il mio studente sia presente assieme a me in queste tre sessioni per offrirgli un addestramento pratico, ovvero quanto mi sono impegnato a fare. Gli studenti però non riescono ad essere presenti perché quel giorno sono di turno, e quindi non vengono con me in sala operatoria perché è stato chiesto loro di esaminare lo storico dei casi di emergenza e il giorno successivo hanno un giorno di riposo, quindi non possono unirsi a me anche se lo farebbero volentieri perché sono obbligati ad andare a casa. Infine, quando il tirocinante è disponibile non lo è la sala operatoria. Come posso quindi offrire un addestramento pratico?" [sic] Il Punto di vista di un Paziente Nel corso di una Conferenza Internazionale sulla Sicurezza del Paziente - Risky Business nel 2008, all'ospedale dei Bambini Great Ormond Street, i delegati medici da tutto il mondo hanno ascoltato relatori provenienti da altri settori ad alto rischio come quello militare, spaziale, aeronautico e dell esplorazione che hanno raccontato la propria esperienza e i protocolli di settore stabiliti al fine di attenuare gli incidenti causati da errori. Martin Bromiley, un pilota civile, la cui moglie è deceduta a causa di una serie di errori medici in seguito ad una operazione sinusale di routine, ha parlato della propria esperienza dal punto di vista della formazione nel settore dell'aviazione dove i 'fattori umani' sono apertamente riconosciuti come una significativa causa di incidenti e come tali, vengono sistematicamente incorporati all'interno dello spettro dell'addestramento al volo a tutti i livelli gerarchici. (CRM Crew Resource Management) Le circostanze della morte di Elaine Bromiley sono state ampiamente pubblicate, 14,15,16,17 con l'intenzione di promuovere il riconoscimento dei 'fattori umani' in relazione agli errori medici. Già integrato nell'addestramento aeronautico come strumento importante nella prevenzione di incidenti aerei, il valore della simulazione nell'addestramento con lo scopo di attenuare l'errore umano nel settore sanitario sta cominciando ad essere più ampiamente accettato. La sintesi che segue esemplifica molto chiaramente il motivo per cui questa formazione è così importante. Elaine Bromiley morì a seguito di una prolungata ipossia dovuta al fallimento della ventilazione tramite maschera e dell'intubazione. Nella descrizione degli eventi che hanno portato alla morte della moglie, il marito ha dipinto un quadro di competenza tecnica, ma di fallimenti disastrosi nella consapevolezza della situazione, leadership, capacità decisionale, comunicazione e risolutezza, tutti 'fattori umani' che il settore aeronautico stima siano la causa del 75% degli incidenti aeronautici. Nei primi minuti dopo l'inizio della somministrazione dell'anestesia, la stanza dell'anestesia si riempì con un numero sempre maggiore di medici esperti e personale infermieristico che eseguirono vari tentativi con maschere di diverse misure e successivamente tubi. Con l'aumentare della pressione a causa dei tentativi falliti, gli anestesisti si fissarono su un unico piano d'azione l'intubazione escludendo ogni altra possibilità. Mentre diverse infermiere presenti pensavano ad altre alternative tracheotomia, trasferimento in rianimazione, la gerarchia prevalente nella squadra medica e la conseguente influenza su ciascun membro dell equipe resero difficile uscire dai propri ruoli definiti, impedendo quindi il funzionamento della squadra e facendo si che le infermiere fossero riluttanti a parlare o esprimessero con 5

8 maggiore forza i propri suggerimenti o venissero ignorate. Nonostante ciascun membro del personale presente nella stanza fosse perfettamente formato, competente e con molta esperienza, la rigidità e l'atmosfera di repressione della struttura gerarchica in relazione alla situazione di crisi e alla notevole pressione sviluppatasi, hanno fatto in modo che le competenze esistenti non fossero utilizzate, in modo coordinato ed efficiente. Tale assenza di interazione all'interno dell'equipe medica è stata infine fatale per la paziente. Una Cultura fatta di 'Stigma' Tutti compiamo degli errori, il punto è se siamo disposti ad imparare da essi Nella sua conclusione, Martin Bromiley spiega chiaramente come l'assistenza sanitaria sia permeata di difetti culturali cruciali. Gli errori umani involontari vengono considerati come una debolezza, una mancanza di competenza e in conseguenza non se ne parla apertamente impedendone la prevenzione. In tale cultura risulta impossibile riconoscere piccoli errori prima che possano diventare grandi. L'addestramento medico da troppa importanza all'abilità tecnica quasi escludendo i fattori umani. Ancora una volta, considerando il proprio settore Bromiley afferma che i fattori umani rappresentano il 50% della valutazione ordinaria del personale delle compagnie aeree, qualunque sia il loro livello di anzianità. Pensando all'equipe medica coinvolta nell'operazione della propria moglie, il Sig. Bromiley è stato molto chiaro: 'Se dovessi farmi operare domani mi fiderei di loro ciecamente, adesso capiscono l'importanza dell'errore e delle competenze non tecniche, non tutti i medici sono in grado di farlo.' 15 La Simulazione: Una Soluzione Emergente Non vi è alcuna scusa oggi perché il chirurgo debba imparare sul paziente" 18 William J Mayo (1927) Tuttavia, la simulazione medica nel contesto dei piani di studio per operatori sanitari è ancora agli albori e dove esiste è dovuta in larga misura ad una minoranza di individui e gruppi professionali che hanno dedicato tempo e risorse ad esplorarne i metodi e i benefici. Sull'onda dell'attuale incremento della consapevolezza pubblica sugli errori medici e di un cambiamento dell'opinione sia pubblica che professionale che sia inappropriato effettuare procedure e gestire eventi clinici per la prima volta su un paziente, si può imparare molto dalla lunga esperienza e forte uso della simulazione in settori non medici. E' interessante notare che questi settori commerciale aviazione, produzione di energia nucleare ed esercito (settori che hanno in comune con la sanità un rischio intrinseco), vengono largamente considerate organizzazioni improntate sulla sicurezza e con un'elevata affidabilità con sistemi integrati di salvaguardia e un tasso di fallimento molto basso, considerandone gli ovvi rischi. I tempi stanno cambiando Oggi i progressi e le innovazioni tecnologiche hanno fatto nascere possibilità nella formazione degli operatori sanitari finora non disponibili. Non ultimo fra questi progressi è il grado con cui i simulatori di pazienti possono replicare risposte fisiologiche realistiche ad un numero sempre maggiore di interventi clinici definiti. Gli istruttori possono creare, controllare e deviare da scenari clinici tramite software sofisticati e quindi ottimizzare le opportunità di formazione, ma forse l'elemento più importante è che la simulazione offre gli strumenti per stabilire uno standard per la cura dei pazienti coerente e universalmente concordato, in base al quale tutte le prestazioni possono essere misurate e standardizzate. Tuttavia, la tecnologia non definisce la simulazione, ma la facilita e sostiene gli elementi stabiliti della formula ampiamente accettata denominata Utstein per una migliore sopravvivenza. Il riconoscimento della necessità di metodi di insegnamento più efficaci e sicuri non è una novità, ma all'epoca di William Mayo non esisteva alcuna alternativa al sistema di formazione medica riassumibile in 'libro di testo, giro dei reparti e pratica'. La simulazione medica non è certo una conquista nuova ed improvvisa. Nel 1960, il manichino Resusci Anne rivoluzionò l'addestramento CPR (rianimazione cardiopolmonare) non solo nella sua efficacia nell'insegnamento delle tecniche di CPR ma anche nell'ambizioso obiettivo di insegnare questa tecnica salvavita a milioni di persone in tutto il mondo. La Formula Utstein della sopravvivenza Scienza Medica x Efficienza Educativa x Implementazione Locale = Sopravvivenza Una definizione di simulazione che viene spesso citata è la seguente: La simulazione è una tecnica, non una tecnologia, per sostituire o amplificare esperienze reali con esperienze guidate che evochino o replichino aspetti sostanziali del mondo reale in un modo pienamente interattivo.19

9 Fare la differenza - Il valore della simulazione nella formazione sanitaria La Simulazione: I Vantaggi Sono stati scritti molti articoli sull'argomento della Simulazione Medica, fra i quali 'Una visione futura della simulazione nei servizi sanitari di D. N. Gaba, 19 è probabilmente quello a cui si fa più largamente e più spesso riferimento. Tuttavia, nonostante ci sia ancora una richiesta di migliorare la ricerca in questo settore, l'attuale volume di dati disponibili è considerato sufficientemente consistente e i principali vantaggi della simulazione sono in generale riconosciuti, giustificando la sua crescente, anche se sporadica emergenza nell'addestramento medico-sanitario. 20 Effettuare procedure cliniche in ambienti realistici I simulatori di pazienti consentono di ottenere molto di più di una semplice acquisizione di tecniche procedurali. Inserite in un ambiente simulato che riflette i fattori esterni e le pressioni che costituiscono il vero ambiente di lavoro, (che a sua volta può compromettere negativamente la qualità della prestazione) tali procedure oggi possono essere praticate e perfezionate nel 'mondo reale. Questa opportunità consente ai medici di essere preparati più adeguatamente e in grado di offrire un'assistenza di qualità superiore fin dall'inizio della propria carriera piuttosto che aspettare che l'esperienza si costruisca 'sul campo'. Addestramento di gruppo - Da un Gruppo di Esperti a un Gruppo Esperto Fino ad oggi non era previsto un addestramento specifico per valutare l'efficacia del gruppo. Come si può vedere chiaramente dal caso di Elaine Bromiley, non è scontato che riunire un'equipe di esperti sia sufficiente a garantire una prestazione di gruppo di buona qualità. La simulazione affronta questi requisiti della formazione in un modo che risulta impossibile per altre metodologie di addestramento. Eventi rari ma critici con una forte pressione temporale possono essere ricreati in una procedura di simulazione, in modo da stabilire specifici protocolli e identificare i problemi di comunicazione e migliorarli. Nei casi di risultati negativi sui pazienti, tali casi possono essere inseriti in uno scenario simulato, ri-esaminati, valutati e inseriti in un programma di esercitazione per un miglioramento continuo. Cogliere le variazioni cliniche La simulazione medica è in grado di cogliere o rappresentare un'ampia gamma di problemi dei pazienti in modo più immediato per il tirocinante piuttosto che dovere aspettare la situazione reale. Tali simulazioni offriranno ai tirocinanti la possibilità di vedere e fare esperienza su problemi rari o che implicano rischio di morte, con una frequenza bassa, ma un'elevata posta in gioco. Il vantaggio per l'istruttore è rappresentato dal fatto che l'addestramento può essere di ampia portata e introdotto in modo controllato si possono stabilire piani di studio uniformi e standardizzare le performance. Apprendimento personalizzato L'opportunità per chi sta imparando di avere esperienze educative riproducibili e standardizzate nelle quali partecipare attivamente e non come osservatore passivo, è una qualità importante delle simulazioni mediche ad alta fedeltà. Le esperienze di apprendimento possono essere profonde e possono essere inoltre adattate alle necessità uniche di apprendimento di ciascun individuo. Suddividendo complesse attività cliniche in piccoli componenti, l'acquisizione delle competenze può essere sviluppata e perfezionata al passo dello studente. In questo modo e grazie alla disponibilità della simulazione, gli studenti possono assumersi la responsabilità dei propri progressi educativi all'interno del piano di studi. Per l'educatore, è possibile raggiungere comunque i risultati educativi soddisfacendo allo stesso tempo le variazioni nelle necessità degli studenti. Un ambiente clinico controllato In un ambiente simulato controllato, gli studenti hanno la possibilità di fare e correggere i propri errori clinici senza nessuna conseguenza negativa, mentre gli istruttori possono dare tutta la propria attenzione agli studenti senza doversi preoccupare dei pazienti. La qualità dell'insegnamento in seguito alle distrazioni che si verificano nel contesto reale dell'assistenza al paziente viene diluita in 'momenti di potenziale apprendimento' perso compromettendo pertanto le opportunità di apprendimento. L'apprendimento ripetitivo - La Pratica Rende Perfetti Una caratteristica fondamentale della simulazione ad alta fedeltà è l'opportunità per gli studenti di lavorare 'sul campo' e fare una costante pratica per il miglioramento delle proprie capacità. La ripetizione delle competenze in sessioni pratiche offre agli studenti l'opportunità di correggere gli errori, perfezionare la propria prestazione e rende la dimostrazione delle competenze più automatica e coerente. I risultati della pratica ripetitiva comprendono l'acquisizione delle competenze in periodi più brevi rispetto all'esposizione al lavoro di routine dei reparti e ad un trasferimento delle competenze dall'ambiente simulato all'assistenza reale al paziente. 7

10 Lezione Lettura Audio Visivi La Piramide dell'apprendimento Strategie di Apprendimento multiple Nonostante i vantaggi dell'apprendimento personalizzato siano già stati evidenziati, anche la simulazione ha un merito nella sua adattabilità alle strategie multiple di apprendimento. Queste strategie possono includere una formazione fornita da un istruttore ad un ampio gruppo (lezioni); a piccoli gruppi (tutorial); piccoli gruppi indipendenti senza un istruttore e apprendimento individuale indipendente. Tale flessibilità di formazione viene generalmente considerata molto appropriata soprattutto nel caso di restrizioni di budget, disponibilità dei formatori e adattabilità di orario. Integrazione nel piano di studi 5% 20% Dimostrazione 30% Gruppo di Discussione 50% Pratica sul Campo 75% 10% Insegnamento ad Altri 90% Tassi di ritenzione Medi dell'apprendime (National Training Laboratories, Bethel, Maine) Addestramento con Simulazione L'integrazione di esercizi basati sulla simulazione nei piani di studio sia universitari che post-universitari, è una caratteristica essenziale del loro effettivo utilizzo, poiché può offrire delle solide fondamenta al metodo di valutazione delle prestazioni degli studenti e pertanto, dovrebbe essere inserita nel normale orario di studio. Si è già visto che offrire agli studenti esperienza 'sul campo' con problemi clinici in un ambiente simulato è un valido strumento aggiuntivo all'esperienza reale su pazienti. Nel Regno Unito, il Nursing and Midwifery Council (NMC), a seguito di un recente studio pilota sui vantaggi dell'utilizzo della simulazione nei percorsi formativi che ha coinvolto 17 università Britanniche e studenti, ha concluso che i risultati sono stati 'incredibilmente positivi affermando che l'apprendimento simulato offre agli studenti l'opportunità di raggiungere risultati non possibili nel contesto clinico.' 21 Tale è stata la forza dei risultati che il NMC ha invitato i fornitori di programmi per la formazione delle infermiere ad 'utilizzare fino ad un massimo di 300 ore su un totale di 2300 ore di attività pratiche per offrire formazione in un contesto pratico simulato a sostegno dell'assistenza diretta nel contesto di pratica reale.' 22 Adattare il livello di difficoltà ai compiti clinici Al fine di contrastare il problema della casuale disponibilità di casi di pazienti reali e opportunità per praticare le abilità cliniche, senza considerare il fatto che 'la pratica sui pazienti 'viene oggi largamente considerata negativamente dal punto di vista etico, la simulazione ad alta fedeltà facilita la padronanza di competenze cliniche da livelli di base a livelli sempre più crescenti di difficoltà. Ciascuno studente avrà diverse 'curve di apprendimento' in termini di forma e accelerazione. Le competenze cliniche acquisite con la simulazione tengono conto di queste diversità fra gli studenti, fornendo comunque risultati a lungo termine, che possono essere misurati obiettivamente e dovrebbero essere identici per tutti gli studenti alla fine del processo. La qualità del feedback e la prolungata ritenzione delle competenze rispetto ai metodi di apprendimento tradizionali Grazie all'utilizzo di attrezzature audio-visive nel contesto simulato, sia l'istruttore che gli studenti hanno la possibilità di riesaminare immediatamente la prestazione. Questa opportunità unica di esaminare non solo le proprie azioni individuali, ma anche la propria interazione all'interno del gruppo, è stata citata come uno dei vantaggi più importanti della simulazione ad alta fedeltà. Le esperienze di apprendimento basate su un feedback di qualità sono profonde e generalmente riconosciute come in grado di rallentare la perdita delle competenze acquisite. Inoltre, è necessario sottolineare che tale feedback non dovrebbe e non viene usato solo per evidenziare gli aspetti negativi, i.e. ciò che non ha funzionato, ma deve essere un fattore motivazionale per apprendere da quanto di positivo si è fatto. Standardizzare l'assistenza al paziente Le esperienze dei pazienti dovrebbero essere costantemente di alta qualità indipendentemente da dove essi vivono. Questo è uno dei principali obiettivi comuni delle strutture sanitarie in tutta Europa. Nonostante vi siano svariate ragioni responsabili delle differenze fra i paesi e all'interno degli stessi, in relazione alla formazione, la simulazione (se applicabile al compito specifico) offre la possibilità di

11 stabilire risultati definiti e uniformi. Tali risultati possono essere esaminati e misurati, stabilendo pertanto un benchmark per la fornitura di un'assistenza sanitaria ai pazienti con un elevato standard di qualità costante. Acquisire familiarità con le attrezzature I rapidi progressi nella tecnologia hanno portato ad attrezzature mediche sempre più avanzate e sofisticate. I pazienti sono sottoposti ad un rischio maggiore solo se l'equipe medica non ha il tempo e la pratica sufficienti per utilizzare tali attrezzature. La simulazione può soddisfare questa necessità e consentire al personale e ai medici competenti di essere formati e di familiarizzare con tali attrezzature prima del loro uso su pazienti reali. Esplorare modi per migliorare i risultati sui pazienti In alcune strutture sanitarie viene richiesto che le statistiche sulle prestazioni siano disponibili al pubblico. Nonostante questa misura sia controversa per una varietà di ragioni, non ultimo il fatto che l'assistenza medica non è un 'prodotto manifatturiero' e pertanto non può essere presentata come tale, la simulazione offre l'opportunità di portare scenari clinici con risultati negativi nel contesto della formazione al fine di esplorare possibilità di trattamento del paziente che potrebbero prevenire risultati simili in futuro. Aggiornamento della formazione e delle competenze nei nuovi protocolli clinici Investimenti nella simulazione possono garantire una formazione continua efficiente in termini di costo e tempo per il personale e i medici esistenti, per l'introduzione di nuovo personale o medici in reparti ed equipe mediche e possono orientare personale e medici anziani verso nuove aree cliniche o assegnazioni. Accreditamento delle competenze, certificazione e assicurazione pubblica L'addestramento con simulazione per i piloti offre vantaggi logici che il pubblico capisce e dei quali è consapevole all'interno del mondo dell'aeronautica. Tale conoscenza e consapevolezza generale sono fattori che contribuiscono ad un'elevata fiducia del pubblico nella sicurezza degli aerei e un basso tasso di incidenti rinforza questo livello di fiducia. In modo simile, la valutazione delle competenze professionali cliniche per l'accreditamento non solo sostiene gli sforzi per migliorare la sicurezza del paziente, ma aiuterà anche a rassicurare il pubblico che la competenza fra gli operatori sanitari viene monitorata ed è di elevata qualità. Conclusioni La ricchezza di dati a sostegno degli aspetti positivi della simulazione in campo sanitario è in crescita, tuttavia, la sua disponibilità per gli studenti di medicina rimane ancora frammentaria e dipendente dalla natura sperimentale di alcuni individui / reparti con la volontà e/o le risorse per applicarne i benefici alla formazione dei propri studenti. Nonostante questo, i progressi nella simulazione per la formazione del personale sanitario continuano a penetrare (anche se a livelli e velocità diverse) all'interno delle organizzazioni sanitarie. La simulazione è qui per restare. La domanda adesso è la seguente: come si può fare in modo che la sanità ne tragga il massimo vantaggio? Acquistare gli strumenti è facile, ma oggi vi è la necessità che gli enti responsabili della creazione dei piani di studio per la formazione sanitaria e l'assistenza ai pazienti, stabiliscano dove e come applicare al meglio la simulazione in modo più integrato per sostenere i medici nei loro sforzi per aiutare i propri pazienti. Si può certamente imparare da altri settori ad alto rischio che hanno già incorporato sistematicamente la simulazione nei propri processi formativi, ma nessun settore è uguale all'altro. La pratica medica è imprevedibile e può porre importanti sfide anche al personale con maggiore esperienza. Pertanto, è fondamentale che gli organi di controllo, i consulenti clinici e altri leader nella riforma del settore sanitario, considerino la simulazione come uno strumento per aggiornare la formazione medica e affrontare le responsabilità relative alla fornitura di servizi sanitari. Considerando gli Stati Uniti come esempio si può notare che la corrente sta cambiando. 23 La Food and Drug Administration Americana, l'american College of Surgeons, l' American Council for Graduate Medical Education, e l' American Board of Anesthesiologists, richiedono tutti alcuni aspetti di addestramento simulato per svariate delle proprie qualificazioni. Alcune società e organizzazioni professionali quali ad esempio la SSH (Society for Simulation in Healthcare con un numero di membri superiore a 1000), SESAM (Society in Europe for Simulation Applied to Medicine) e AIMS (Advanced Initiatives in Medical Simulation), hanno fatto molto per contribuire alle iniziative per la sicurezza del paziente, ma c'è ancora molto da fare. Rappresentando il settore con evidente parzialità, la Laerdal sostiene da molto tempo la necessità dell'introduzione della simulazione nella formazione medica. Abbiamo lavorato per molti anni con i formatori sanitari in tutto il mondo per sviluppare soluzioni di addestramento simulate oltre ad altri prodotti medici. Non pensiamo certo di avere tutte le risposte, ma la nostra esperienza nel campo della simulazione nella formazione sanitaria è di ampia portata e i nostri rapporti con i formatori clinici di alto valore.

12 Alla luce di questo la nostra voce nel dibattito sulla simulazione nel settore sanitario non è immeritevole, e siamo pronti ad assumere un ulteriore ruolo nell'offrire opinioni nello sviluppo della simulazione in uno sforzo collaborativo per aiutare a salvare più vite. Sarebbe una vera tragedia se le opportunità di simulazione nel settore sanitario fossero ignorate a causa di una mancanza di volontà politica. La simulazione è in grado di portare la sicurezza dei pazienti verso una nuova era, ma è ora necessario compiere uno sforzo unito e coordinato a tutti i livelli per portarla avanti. Il senno di poi non è più un lusso che i sistemi sanitari si possono concedere. Bibliografia Annual Report of the Chief Medical Officer, Department of Health (UK) Medical education for the general practitioner: Mayo W J, JAMA 1927; 88: The future vision of simulation in healthcare - D M Gaba Qual.Saf.Health Care 2004; 1 3;i2-i 1 0.doi: 11 36/qshc Features and uses of high-fidelity medical simulations that lead to effective learning : a BEME systematic review S. Barry Issenberg, William C McGaghie, Emil R. Petrusa, David Lee Gordon & Ross J. Scalese Medical Teacher, Vol. 27, No. 1, 2005, pp Simulation and Practice Learning Project : Outcome of a pilot study to test principles of auditing simulated practice learning environments in the preregistration nursing programme. Final Report December 2007 The NMC and Council of Deans (UK) 22. Nursing and Midwivery Council Circular 36/ Supporting direct care through simualted practice learning in the pre-registration nursing programme 23. The Tide is Turning: Organisational Structures to Embed Simulation in the Fabric of Healthcare, David M. Gaba, MD and Dan Raemer, PhD (Simulation in Healthcare 2007; 2: Making Amends: A consultation paper setting out proposals for reforming the approach to clinical negligence in the NHS, June 2003, a report by the chief medical officer, UK Department of Health, chapter 1 2. Kohn LT, Corrigan JM, Donalson MS (eds) (2000) To err is human: building a safer health system. National Academy Press, Washington 3. A String of Mistakes: The Importance of Cascade Analysis in Describing, Counting, and Preventing Medical Errors (2004) by Steven H. Woolf, MD, MPH, Anton J. Kuzel, MD, MHPE, Susan M. Dovey, MPH, PhD and Robert L.Phillips, Jr, Md, MSPH 4. The Nature of Adverse Events in Hospitalised Patients. Results of the Harvard Medical Practice Study II. By Leape LL, Brennan TA, Laird, N, Lawthers AG, Localio AR, Barnes BA, Herbert L, Newhouse JP, Weiler PC, Hiatt H 5. An analysis of the causes of adverse events from the Quality in Australian Healthcare Study: Ross MCL Wilson, Bernadette T Harrison, Robert W Gibberd and John D Hamilton 6. EUNetPaS: European Union Network for Patient Safety - A project to address PS issues at the EU level, Paris 23rd September Reporting and Learning System Quarterly Data Summary November 2008, Issue 10, section 2, Fig NHSLA (NHS Litigation Authority) - Factsheet 3 accessed 15/01/09 9. NHSLA (NHS Litigation Authority) Factsheet 2 accessed 15/01/ CIViTAS: NHS Performance accessed 12/01/ Undergraduate training in the care of the acutely ill patient: a literature review, Christopher M Smith, Gavin D. Perkins, Ian Bullock, Julian F. Bion. Intensive Care Medical Journal (2007) 33: We all kill a few patients as we learn article written by Jed Mercurio for the Guardian Newspaper, published 1 8th May Consultant medical trainers, modernising medical careers (MMC) and the European time directive (EWTD): tensions and challenges in a changing medical education context Maria Tsouroufli, School of Medicinal Health Policy and Practice, University of East Anglia, Norwich and Heather Payne, Wales College of Medicine, School of Postgraduate Medical and Dental Education, Cardiff University 14. Clinical human factors group (www.chfg.org, Resources, Elaine Bromiley s report) 15. Have you ever made a mistake? Bulletin of the Royal College of Anaesthetists, March 2008 Issue Learning safety from other industries: British Medical Journal, 27th May Safer Medical Practice: Machines, Manikins and Polo Mints, 150 years of the

13 Laerdal Italia Srl Via Gobetti 52/2, Bologna Tel:

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Quando si prende in considerazione l aspetto della formazione nelle aziende sanitarie é necessario fare prima alcune riflessioni.

Quando si prende in considerazione l aspetto della formazione nelle aziende sanitarie é necessario fare prima alcune riflessioni. Timeoutintensiva, N 26, Dicembre 203 La Simulazione nella Formazione degli Infermieri nelle Aziende Sanitarie Ospedaliere: Alcune Riflessioni. F.Marchese, G.Cappello, S.Giammona, R.Lombardo, M.Ziino Colanino

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

INTRODUZIONE Stabilire un paradigma per l aderenza agli standard di conservazione e sicurezza dei farmaci

INTRODUZIONE Stabilire un paradigma per l aderenza agli standard di conservazione e sicurezza dei farmaci INTRODUZIONE Stabilire un paradigma per l aderenza agli standard di conservazione e sicurezza dei farmaci La conservazione dei farmaci e la loro sicurezza, pur essendo processi distinti, presentano una

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Roberto Manzato Convegno «La responsabilità medica» Milano 20 novembre 2012 Roberto Manzato 1 MESSAGGI CHIAVE Molti paesi

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Istituti di cura, posti letto, per tipo di istituto - Anno 1999 Istituti Posti letto TIPO DI

Dettagli

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario

RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT, gestire il rischio clinico assistenziale in ambito sanitario A cura di: D.D.S.I. Annita Caminati D.D.S.I Paola Ceccarelli Contenuti del corso

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA

ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA ESPERIENZA DEL LABORATORIO ANALISI DI CONEGLIANO DIRETTORE DOTT. CABIANCA APPLICAZIONE DEL MODELLO DELLA REGIONE VENETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA DEL PAZIENTE ATTRAVERSO L USO DELLA SCHEDA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Dott. Ing. Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica OBIETTIVI SOMMARIO La gestione del rischio clinico Teoria degli errori applicata alla sanità Processi di gestione del rischio clinico Il Sistema

Dettagli

Fattori Umani nella gestione aeroportuale

Fattori Umani nella gestione aeroportuale Fattori Umani nella gestione aeroportuale Project Number: 539319 LLP-1-2013-1-PT-LEONARDO-LMP FATTORI UMANI NELLA GESTIONE AEROPORTUALE 1. SINTESI DEL MODULO Obiettivi e destinatari Una buona parte degli

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Resource planning for hospitals

Resource planning for hospitals Resource planning for hospitals G. G. van Merode et al. Enterprise resource planning for hospitals International Journal of Medical Informatics (2004) 73, 493 501 Resource planning for hospitals Gli ospedali

Dettagli

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Questo Management Summary contiene una sintesi dei risultati della prima inchiesta sulla gestione del rischio

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

La Simulazione in situ in Pediatria

La Simulazione in situ in Pediatria La Simulazione in situ in Pediatria Dott. Marco de Luca Responsabile Programma Simulazione DEA Pronto Soccorso A.O.U. Meyer Firenze www.meyer.it/simulazione In quale ambito nasce la simulazione? Eventi

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI

PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI INAIL, Settore Ricerca, Dipartimento di Medicina del Lavoro PRIMO SOCCORSO: REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI Nota tecnica a cura di: Papaleo Bruno, Cangiano Giovanna, Sara Calicchia 2 agosto 2012-08-02

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico Aldo Armisi Consulente I.T. autore autore Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica e sistemi di gestione in ambito sanitario Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La Professione d Infermiere nel Regno Unito

La Professione d Infermiere nel Regno Unito La Professione d Infermiere nel Regno Unito In Gran Bretagna gli infermieri e le ostetriche lavorano all interno del sistema sanitario nazionale presso centri ospedalieri o in strutture sanitarie locali.

Dettagli

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO

L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI ITALIA 10/10/2010 BIOETICHE ENRICO LARGHERO 8 MILIONI RICOVERI/ANNO L ERRORE IN MEDICINA PROBLEMATICHE IN SANITÀ E QUESTIONI BIOETICHE ENRICO LARGHERO ITALIA 8 MILIONI RICOVERI/ANNO 320.000 (4%) danni per errori medici ed eventi avversi 14.000-50.000 decessi 260 milioni

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

La Simulazione In Medicina

La Simulazione In Medicina PROGETTO NAZIONALE FORMAZIONE ATTIVA CFC 2015 DALLA MACROSIMULAZIONE ALLA CLINICA La Simulazione In Medicina Isabella Tritto Giovanni Barretta Ivano Zampi Università e Azienda Ospedaliera di Perugia Perché

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic

5 Confere nfe nz re a Naz a io i nal na e l GIMBE Dall Da E ll vid v e id nce c -ba b s a e s d Prac a tic 5 Conferenza Nazionale GIMBE Dall Evidence-based Practice alla Clinical Governance CLINICAL GOVERNANCE: GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA DEI PAZIENTI Maurizia Rolli, Andrea Minarini Bologna, 5 febbraio

Dettagli

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità?

Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Gli ospedali sono Organizzazioni ad Alta Affidabilità? Riccardo Tartaglia, MD, Eur-Erg rischio.clinico@regione.toscana.it www.regione.toscana.it/rischioclinico High Reliability Organizations (HROs) HROs

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

International School of Milan Language Policy

International School of Milan Language Policy International School of Milan Language Policy FILOSOFIA GENERALE SULLE LINGUE STRANIERE La comunità dell ISM è composta di persone provenienti da paesi e culture diverse che si riuniscono insieme per studiare,

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna I SISTEMI DI SEGNALAZIONE IN SANITA (REPORTING) Ottavio Nicastro Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna Premessa I sistemi di reporting

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia)

Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico. (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) pubblicazioni Errori in terapia: elaborazione di procedure per la gestione del rischio clinico (Indagine multicentrica in 9 ospedali di Milano e Provincia) Il presente articolo è tratto dall elaborato

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

FIRENZE, Fortezza Da Basso 31 Maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE ANMCO

FIRENZE, Fortezza Da Basso 31 Maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE ANMCO //////////////////// Formazione MultiprofessionalE e Multidisciplinare in Area Critica CORSO DI SIMULAZIONE AD ALTA FEDELTA' CON PRINCIPI DI CRM: CRISIS RESOURCE MANAGEMENT Segreteria Organizzativa: Centro

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

La Qualità del Sistema Sanitario

La Qualità del Sistema Sanitario La Qualità del Sistema Sanitario XVII CONGRESSO DELLA SOCIETA ITALIANA PER LA QUALITA DELL ASSISTENZA SANITARIA-VRQ REGGIO EMILIA 7-10 NOVEMBRE 2007 La cultura della sicurezza domenico tangolo Impegno

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE COMMISSIONE NAZIONALE DEI CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA I laboratori simulati: fattori che influenzano l'efficacia formativa

Dettagli

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Che cosa è il Coaching? 2 Il coaching può essere definito come l arte di facilitare lo sviluppo, l apprendimento e la performance di un altra

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

Checklist per la sicurezza in sala operatoria

Checklist per la sicurezza in sala operatoria INNOVAZIONE Checklist per la sicurezza in sala operatoria Il progetto presentato dall ASL TA al Forum del Risk management di Arezzo Dr. M. Chironi Resp U.O. Rischio Clinico - Medicina Legale ASL Ta Dott.ssa

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Programmi aperti per coach

Programmi aperti per coach Studia con noi Programmi aperti per coach I nostri corsi 1) Introduzione al Coaching / EMCC Foundation Coaching Award 2) Certificato ILM livello 7 in Executive Coaching Perché studiare con noi? 1) Sviluppi

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato?

Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato? info@businessenglishlondon.com Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato? Consolida il tuo inglese professionale con un soggiorno studio a Oxford

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura

L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura www.fondazioneistud.it L identità del professionista in sanità tra qualità e spesa: tra le nebulose degli strumenti di cura 12 maggio 2011 Maria Giulia Marini Fondazione ISTUD La sfida per i servizi sanitari

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Un codice inter di deontologia per la professione inferrnieristica è stato adottato per la prima volta dal Consiglio Inter delle Infermiere nel 1953. In seguito è stato rivisto e riaggiornato in diverse

Dettagli

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente

La Professione Infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente La disumanità dell uomo verso l uomo non si materializza soltanto negli atti corrosivi dei malvagi Si materializza anche nella corruttrice inattività dei buoni. M. L. King REGIONE SICILIA Azienda U.S.L.

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

Sintesi della valutazione di impatto

Sintesi della valutazione di impatto COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 SEC(2008) 2957 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE che accompagna la Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

La gestione del rischio clinico

La gestione del rischio clinico La gestione del rischio clinico La Sanità è un affare rischioso Attenzione moderna per un problema antico Il tema della sicurezza, degli errori e degli eventi avversi in sanità ha avuto attenzione nella

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Business white paper Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Il valore del testing continuativo delle prestazioni applicative Le problematiche più comuni nei test prestazionali Nel corso

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE 2015 ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE Federazione Logopedisti Italiani Il presente documento è stato approvato dalla Direzione Nazionale della Federazione Logopedisti Italiani il 30 Novembre 2014. Tali

Dettagli

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione

Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione Aphasia United www.aphasiaunited.org Raccomandazioni di Best Practice per l'afasia Introduzione L'afasia è una disabilità acquisita della comunicazione dovuta ad un danno alle aree cerebrali del linguaggio,

Dettagli