Modelli di Traffico per Reti di Telecomunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli di Traffico per Reti di Telecomunicazione"

Transcript

1 Modelli di Traffico per Reti di Telecomunicazione Introduzione al corso: introduzione ai modelli di traffico programma del corso e modalità d esame Università di Brescia - Facoltà di Ingegneria A.A. 2004/2005 Docenti: Alberto Signoroni - Francesco Gringoli Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni

2 Obiettivi del corso Studio della fenomenologia legata al traffico trasportato in una rete di TLC Traffico: doppio significato movimento (traffic): bit in movimento -> bisogno di CAPACITA scambio (business): scambio di messaggi -> bisogno di SERVIZIO Ricerca e applicazione di modelli matematici per l ausilio alla decisione su problematiche di breve e di lungo periodo: es. configurazione, dimensionamento, pianificazione degli investimenti riguardanti reti di TLC Capacità di soddisfare (servire) le richieste Problema delle PERDITE Problema dei RITARDI GRADO di SERVIZIO offerto Lucido 2

3 Modellistica per un sistema di TLC Ricercare e adottare un buon MODELLO è esigenza comune nei processi deduttivi e decisionali (descrizione e risoluzione di problemi). Nei sistemi e reti di TLC, modelli di traffico possono essere adottati per singole componenti o porzioni estese del sistema. Per ciascuna situazione da affrontare, nella ricerca di un buon modello sono necessarie: conoscenza delle tecnologie e degli apparati coinvolti conoscenza degli strumenti matematici (in particolare processi stocastici) ed un MODELLO di TRAFFICO verrà descritto in termini di proprietà statistiche del traffico (es. richieste Poissoniane) struttura (es. coda di attesa con N serventi) comportamento (es. paritario vs criteri di priorità) Lucido 3

4 Modellistica per un sistema di TLC mondo deterministico MODELLO mondo stocastico trend periodici TRAFFICO (USERS) STRUTTURA (HW) mobile-net guasti COMPORTAMENTO (SW) La natura statistica del TRAFFICO e le relazioni tra le componenti del modello richiedono l utilizzo degli strumenti matematici relativi ai processi stocastici Lucido 4

5 Modellistica per un sistema di TLC Metodologia per la ricerca di un modello : metodologia a spirale osservo propongo o raffino un modello deduco i parametri del modello calcolo risultati estraggo dati confronto con le attese Strumenti per la ricerca di un modello: strumenti teorici case studies simulazione Lucido 5

6 Modellistica per un sistema di TLC Nella modellizzazione del traffico per reti di TLC viene spesso utilizzato il termine Teletraffico Problematiche di cui si occupa l ingegneria del Teletraffico Analisi e misurazione delle prestazioni del sistema: sono noti: dimensionamento e traffico Progetto delle infrastrutture e servizi di rete: sono noti: prestazioni e traffico Pianificazione degli investimenti e delle risorse: sono: prestazioni e dimensionamento (eventualmente previsioni di traffico per stabilire un piano temporale degli interventi) Lucido 6

7 Modellistica per un sistema di TLC Ingegneria del Teletraffico : applicazione della teoria della probabilità alla soluzione di problematiche di pianificazione, valutazione di prestazioni, funzionamento e manutenzione dei sistemi di telecomunicazione. [Teletraffic Engineering Handbook -TEH] Lucido 7

8 Programma del corso MODELLI di TRAFFICO per RETI di TELECOMUNICAZIONE Modellistica per le Reti di TLC Modelli stocastici: Sistemi a Coda reti con perdite reti con attesa senza perdite reti con attesa e perdite Tipologie, valutazione e misura del Traffico traffico offerto, smaltito, rifiutato, reinstradato grandezze e unità di misura del traffico PRIMA PARTE del corso Reti telefoniche Reti a commutazione di pacchetto Reti mobili e wireless - Componenti delle reti: nodi (commutazione, instradamento, controllo di congestione, politiche di accesso al mezzo) - Servizi e Grado di Servizio (GoS) - Affidabilità e manutenzione SECONDA PARTE del corso Lucido 8

9 Programma del corso: prima parte Sistemi a coda (teoria delle code e reti di code) I sistemi a coda possono essere visti come classe applicativa della generica famiglia dei sistemi di flusso (trasporto merci, acquedotti, telefonia, circolazione sanguigna, servizio mensa, processi produttivi, programmazione multi-thread, sportelli pubblici, ) n 1 t i n 2 A B n 3 Siamo interessati, per esempio, al servizio di trasporto sul percorso A B A (es. chiamata telefonica) : vi sono nodi (che eseguono operazioni, compiti) e canali (ove fluisce il traffico t i ) il traffico è costituito da un flusso di entità da trasportare caratteristiche del traffico: istanti di richiesta di un servizio (arrivi), loro entità il nodo fornisce un servizio in un certo tempo, può quindi essere libero o occupato nei nodi si possono sperimentare CODE (attese) o PERDITE (superi di capacità, guasti) Lucido 9

10 Programma del corso: prima parte Domande che si pone l entità in coda: Perché devo stare in coda? Quanto a lungo dovrò aspettare per essere servito? In quale momento potrei essere servito più rapidamente? Quante entità devono essere servite prima di me? Qual è il tempo medio di servizio? Posso prendere un appuntamento? Posso scavalcare la coda? C è un percorso alternativo più conveniente? Corro il rischio di non essere affatto servito? Gli strumenti necessari per rispondere a queste domande (tranne che alla prima ) e ad altri quesiti sono descritti all interno della teoria delle code Il flusso (traffico) è casuale occorre identificare i processi stocastici che descrivono: sequenza degli arrivi struttura e disciplina di servizio Lucido 10

11 Programma del corso: prima parte Teoria delle code e reti di code Processi di Markov Introduzione ai processi markoviani Catene di Markov a tempo discreto Catene di Markov a tempo continuo Processi di nascita/morte Processi di arrivo Generalità sui processi puntuali di arrivo Teorema di Little Processi Poissoniani Elementi di teoria delle code Notazione di Kendall Code markoviane M/M/1, M/M/n, M/M/ Altre code fondamentali Reti di code Reti di code Markoviane aperte e chiuse Teorema di Burke Reti di code acicliche Testo Materiale di riferimento A. Papoulis S.U. Pillai, Probability, Random Variables and Stochastic Processes, 4 th ed., McGrawHill, L. Kleinrock, Sistemi a coda, Hoepli, Lucidi forniti durante il corso Materiale utile reperibile su WEB ITU-D SG2, Teletraffic Engineering Handbook, V.B. Iversen (ed.), 2003, E. Brockmeyer, et al. The life and works of A.K. Erlang Trans. of the Danish Academy of Technical Sciences, No.2, Sito del corso di Modelli di Reti di TLC Politecnico di Torino Lucido 11

12 Programma del corso: seconda parte Applicazione dei modelli di traffico per il dimensionamento e la simulazione delle reti di TLC 1. Congestione nelle reti a pacchetto a. Definizione di congestione e principi generali di controllo b. Qualita del servizio (QoS) c. Controllo della congestione nei flussi end-to-end TCP d. Evoluzione del protocollo TCP: Tahoe, Reno, New Reno, SACK 2. Introduzione alla simulazione di una rete a pacchetti: simulazione ad eventi discreti a. Descrizione di Network Simulator 2 (NS2) b. Programmazione di NS2: script Otcl 3. Architettura dei router per il supporto della QoS a. Algoritmi per il traffic shaping: leaky bucket, token bucket b. Politiche di gestione delle code: FIFO, FQ, Bit-Round FQ, WFQ c. Politiche avanzate di gestione della congestione: RED. ECN d. Classi di traffico: CBR, VBR, ABR, UBR. 4. Tecniche di accesso al mezzo: allocazione statica del canale, allocazione dinamica del canale a. Protocolli ad accesso multiplo: ALOHA, Slotted ALOHA, CSMA, CSMA/CD, CSMA/CA b. Corrispondente analisi prestazionale 5. Introduzione alla teoria della commutazione a. Reti di connessione b. Teorema di Clos, reti di Clos c. Proprieta di un nodo di commutazione: reti bloccanti, non bloccanti e riarrangiabili, reti multistadio, topologie STS e TST Lucido 12

13 Orario, prerequisiti, modalità d esame Orario Lunedì N7 14:30 18:30 (normalmente fino alle 17:30) Giovedì Elab2 14:30 18:30 (normalmente fino alle 17:30) Prerequisiti Reti di Telecomunicazione A Teoria dei Fenomeni Aleatori Modalità d esame Scritto (esercizi e teoria) e orale Sito Web: Lucido 13

14 Modelli di Traffico per Reti di Telecomunicazione Concetti di base relativi al traffico: definizioni, misure e variazioni del traffico Grado di Servizio in un sistema di TLC Università di Brescia - Facoltà di Ingegneria A.A. 2004/2005 Docenti: Alberto Signoroni - Francesco Gringoli Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni

15 Definizione e misura del traffico Il termine traffico viene solitamente usato in riferimento ad una intensità di traffico, che possiamo definire come segue: DEF Intensità di traffico (Erlang): rispetto ad un pool di risorse di servizio, si definisce quantità istantanea di traffico il numero di risorse occupate n(t) ad un certo istante temporale t. DEF Intensità media di traffico nell intervallo T : è la media temporale di n(t) 1 t0 = = + T I( T) nt, t n( t) dt 0 T t0 Unità di misura di I : erlang [erl] o [E] (adimensionale) DEF Volume di traffico V( T) = T I( T) Unità di misura di V (con T = 1h) : erlang-ora [Eh] Lucido 15

16 Definizione e misura del traffico Traffico Smaltito (carried) A s : traffico smaltito da un gruppo di risorse di servizio in un sistema di TLC in un certo intervallo di tempo T. E una quantità misurabile. Si esprime in termini di intensità di traffico media (in erlang - erl). Esempio risorse: 10 servitori; mediamente 3.5 servitori risultano impegnati (es. linee occupate) A s =3.5 erl NB: nel caso di una sola linea 0 A s 1erl, sea s =1erl significa che la linea è occupata per il 100% del tempo. Se ho m linee e sempre A s =1erl, significa che le linee sono occupate per il (100/m)% del tempo. da [TEH] In figura si mostra una misurazione dell intensità di traffico (istantanea e media) smaltita. Lucido 16

17 Definizione e misura del traffico Traffico Offerto (offered) A : è una quantità teorica e indipendente dal sistema; corrisponde al traffico smaltito da un sistema con risorse di servizio illimitate, ovvero da un sistema di TLC che non rifiuta nessuna chiamata. Equivale a: A = λ s dove λ : frequenza degli arrivi (es. frequenza media di chiamate nell unità di tempo) s : tempo medio di servizio (es. durata media della chiamata) Esempio risorse: λ = 10 chiamate/ora, s = 0.35 ora/chiamata A = 3.5 erl NB: Unità di misura erlang (adimensionale e indipendente dall unità di tempo usata) Traffico Perso o Rifiutato (lost or rejected) A p : traffico non gestibile a causa di una mancanza di capacità di servizio (sistemi con perdita). E sempre vero che: A p = A A s ovvero A = A s + A p =(λ s +λ p ) s con λ s frequenza di richieste smaltite e λ p frequenza di richieste rifiutate. Dalla misurazione di λ s e di s, possiamo esprimere As= λ s s Lucido 17

18 Definizione e misura del traffico Utilizzo di un sistema di traffico (traffic theory) s s U = λ m Con m numero di servitori (risorse, linee). U indica la percentuale media di tempo in cui un servitore risulta occupato (se tutti i servitori sono uguali), oppure anche la frazione dei servitori in media occupati. NB: in un sistema in regime stabile dovrà necessariamente essere 0 U < 1. Utilizzo di un canale di trasmissione dell informazione (information theory) In questo caso s può rappresentare l esigenza media di trasmissione espressa in bit/accesso e λ s numero di accessi/sec. Data C, capacità del canale, espressa in bit/sec, definiamo l utilizzo del canale di trasmissione come: s s U = λ C NB: teoria dell informazione e teoria del traffico hanno punti in comune ma vanno tenute distinte. Non utilizzeremo concetti di teoria dell informazione in qs corso. Lucido 18

19 Definizione e misura del traffico ESERCIZIO Traffico di connessioni Internet Dial-Up: i 500 utenti di un nodo di accesso generano dalle 20:30 alle 21 un numero medio di 150 connessioni Internet della durata media di 9 minuti e velocità di trasferimento media 32kbps. Valutare il traffico offerto, quello generato da ciascun utente ed il volume di traffico orario. intensità di chiamata λ=150 chiamate/mezzora = 300 call/hour, tempo medio di chiamata s= 9 minuti traffico offerto A=(300/60)x9=45 erl traffico generato in media da ogni utente 45/500=0.09 erl volume di traffico orario V=45x1h=45 Eh nb il bit-rate di trasferimento dati non c entra nulla con il traffico offerto Lucido 19

20 Definizione e misura del traffico ESERCIZIO Traffico in una officina meccanica: in un officina autorizzata per la revisione di autoveicoli arrivano 5 clienti/ora, il tempo medio di revisione è di 15 minuti, ed un 30% delle autovetture deve fermarsi in officina per piccole riparazioni, con un tempo medio della riparazione di 25 minuti. Calcolare il traffico sulle catene di revisione e nell area riparazioni. traffico revisione A Rev = 5 clienti/ora 1/60 ora/min 15min = 1.25 erl traffico riparazioni A Rev = 5 30/100 1/60 25 = erl traffico complessivo A = = erl Osservazioni: i valori di traffico sono valori medi. Sono indicatori per il dimensionamento. Si capisce che non basta 1 catena di revisione mentre può risultare sufficiente una postazione di riparazione. Dal traffico complessivo si può pensare che sia possibile allestire una o entrambe le catene di revisione come postazione di riparazione al bisogno. Tuttavia per poter dimensionare il sistema officina secondo criteri di Grado di Servizio (performance del sistema) e Qualità di Servizio (sperimentate dall utente), occorrerà definire tali criteri ed affrontare un problema di gestione delle code (occorrerà definire un Modello di Traffico). Lucido 20

21 Variazioni di traffico Variazioni di traffico sono dovute a fenomeni diversi e su scale temporali anche molto disomogenee: Variazioni di lungo periodo - trend (anni): progresso tecnologico, cambiamenti sociali Utilizzati nella predizione per il dimensionamento e gli investimenti infrastrutturali. Variazioni di medio periodo - variazioni stagionali (mesi): periodi di vacanza - periodi con scadenze - variazioni settimanali (giorni) giorni feriali - festivi - variazioni giornaliere (ore): ore notturne - ora di punta, Si possono definire fluttuazioni casuali attorno a profili caratterizzanti Variazioni di breve periodo - fluttuazioni casuali (minuti-secondi): gli utenti agiscono indipendentemente gli uni dagli altri, modellizzazione stocastica dei processi di arrivo (processi di Poisson), Variazioni da suddividere in variazioni di frequenza degli arrivi (es. intensità delle chiamate telefoniche) e variazioni del tempo medio di servizio (es. durata delle telefonate, tempo di occupazione delle linee) Lucido 21

22 Variazioni di traffico Esempio [TEH]: rilevazione del numero di chiamate in una centrale di commutazione telefonica (Danimarca, 1973). Distribuzione media giornaliera: Risoluzione temporale: 15 Periodo di osservazione: 10 giorni lavorativi (lun-ven) Distribuzione di un lunedì mattina Risoluzione temporale: 1 Si noti lieve scostamento dal trend fluttuazioni casuali Lucido 22

23 Variazioni di traffico Esempio [TEH]: Internet Danimarca Dial-up connections (19 gennaio 1999) Numero medio di chiamate Durata media della chiamata (sec) Lucido 23

24 Il concetto di ora di punta Ora di punta (busy hour): si può intuire come questo concetto risulti importante nel dimensionamento di un sistema di flusso (di servizio, di TLC). L obiettivo è quello di avere un riferimento giornaliero (eventualmente legato ai trend di più lungo periodo*) di picco di traffico e di momento nel quale esso avviene. Il giorno scandisce la vita degli utenti e ritma i carichi degli apparati. La quantità ora (60 min) è commisurata ad un periodo di tempo né troppo lungo (per evitare scarsa risoluzione temporale del posizionamento) né troppo corto (per evitare scarsa confidenza statistica del posizionamento). Diverse definizioni di ora di punta : TCBH (time consistent busy hour): i 60 (accuratezza d inizio: 15 ) in cui, in base ad un certo periodo* di osservazione, si verifica in media il traffico più elevato. ADPH (average daily peak hour): media, su un certo periodo*, dei valori di traffico rilevati durante l ora di picco giornaliera. FDMH (fixed daily measured hour): fissata una certa ora del giorno, è la media del traffico rilevato in quell ora rispetto ad un certo periodo* di osservazione. A ADPH A TCBH A FDMH Lucido 24

25 Il concetto di blocco Blocco di un sistema di TLC: un sistema di TLC (es. telefonico) non viene dimensionato in modo da poter ospitare contemporaneamente le chiamate di tutti gli utenti, ma viene dimensionato in modo che possa gestire il traffico dell ora di punta con un certo (solitamente ampio) margine di funzionamento (in modo da poter gestire burst momentanei del traffico). L esperienza dell utente dovrebbe essere la medesima di quella di avere sempre a disposizione una linea di chiamata (multiplexing statistico). Dai valori di traffico offerto nell ora di punta vengono ricavati (secondo criteri di Grado di Servizio) i parametri di dimensionamento del sistema per quanto riguarda il traffico smaltito. Il dimensionamento secondo i criteri scelti determina le performance del sistema, che andranno costantemente misurate nel tempo. Tuttavia il corretto dimensionamento e la garanzia di un certo Grado di Servizio non garantiscono il buon fine di ciascuna chiamata da parte dell utente. Nel sistema (o in una sua parte) si può verificare una condizione di blocco (secondo una certa probabilità di blocco P B ) di una chiamata, quando viene superata la capacità del sistema di servire chiamate (A>m). Lucido 25

26 Il concetto di blocco Sistemi con perdite (loss systems): La chiamata che sperimenta un blocco viene scartata (persa). Performance coinvolte: call congestion: frazione di chiamate che osservano tutte le risorse o serventi occupati time congestion: frazione di tempo in cui tutti i serventi sono occupati traffic congestion: frazione di traffico non gestito o perso, eventualmente dopo più tentativi Sistemi con attesa (waiting systems): La chiamata che sperimenta un blocco viene messa in una coda d attesa (buffer). Performance coinvolte: waiting time: tempo di attesa di interesse il suo valor medio e la sua distribuzione statistica Politiche d supporto: Preventive: controllo di congestione Correttive: reinstradamento, ricerca di un percorso alternativo Problematiche coinvolte nel dimensionamento e nella valutazione delle performance di un sistema di TLC (es. telefonica): intensitàdi chiamata λ (ora di punta, es. arrivi Poissoniani) comportamento dell utente (es. tasso di tentativi su linea occupata vs tasto 5 ) errori umani (es. attenzione, il numero selezionato è inesistente ) stato del ricevente (es. tu tu tu tu ) blocco del sistema (P B ) Lucido 26

27 Il concetto di blocco Probabilità di blocco: formula di Erlang (Erlang-B) P B = Π p ( A, m) = m A m! A i m i = 0 i! con A = traffico offerto m = numero di servitori (linee) P B = probabilità di blocco Π p = probabilità di perdita Viene impiegata nei sistemi con perdite, nell ipotesi che la chiamata bloccata venga automaticamente persa (cancellata). Formula che approssima bene la situazione di traffico sulla rete telefonica tradizionale (arrivi poissoniani). Noi la vedremo nell ambito dei sistemi a coda, in particolare questo è un caso di sistema con perdita a coda nulla. Traffico smaltito e persoperso A c =A (1- Π p ) A p =A Π p ESEMPIO numero di linee in funzione del traffico con Π p = 1% A m A/m NB al crescere di m, m A Lucido 27

28 Il concetto di blocco 6 3 ESEMPIO A=3erl, m=6, Π 6! p = = % ! 1! 2! 3! 4! 5! 6! Π p Erlang-B m Erlang-B A A Lucido 28

29 Grado di Servizio (GoS) Service (network) GoS QoS User experience QoS definita in ITU-T recomendation E.800 come: The collective effect of service performance, which determine the degree of satisfaction of a user of a service. GoS definita in ITU-T recomendation E.600 come: A number of traffic engineering variables to provide a measure of adequacy of a group of resources under specified conditions. These GoS variables may be probability of loss, dial tone delay, etc. Lucido 29

30 Grado di Servizio (GoS) Teoria delle code e delle reti di code strumento teorico utile al progettista della rete Parametri di QoS relativi al traffico Politiche di servizio? GoS standard (progetto) GoS results (sistema reale) Politiche di progetto Service Level Agreement SLA contratto tra utente e gestore di reti di TLC in cui l utente (che desidera una certa QoS) comprende cosa possa garantire il sistema in termini di GoS Lucido 30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS cui si Tempo di rinnovo del credito percentile 95 del tempo di ricarica minuti 1,2 (Allegato 1 delibera Tempo di risposta dei di consultazione elenchi (Allegato 2 delibera (1) di consultazione elenchi

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

Esercizio 1. Svolgimento

Esercizio 1. Svolgimento Esercizio 1 Vengono lanciate contemporaneamente 6 monete. Si calcoli: a) la probabilità che si presentino esattamente 2 testa ; b) la probabilità di ottenere almeno 4 testa ; c) la probabilità che l evento

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli