1. Obiettivi della presentazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Obiettivi della presentazione"

Transcript

1 Bologna, 15 febbraio 2012 PERCORSO FORMATIVO SUI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DI COMPETENZA DEGLI ENTI LOCALI Analisi dei costi : ricerca e metodologie di controllo. Strumenti di gestione e loro utilizzo Paolo Silvestri CAPP - Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche Università di Modena e Reggio Emilia 1 1. Obiettivi della presentazione Mostrare possibili utilizzi della banca dati regionale sui nidi (SPI-ER) Analisi descrittiva e macrodifferenze Differenza tra costi unitari e costi stimati (o standard) Impostare operazioni di benchmarking Verso un percorso di validazione dei dati e dei modelli? Riflessioni su concetti alternativi di costo standard (normalizzazioni) 2 1

2 2. La banca dati della Regione Emilia - Romagna (Servizio politiche familiari, infanzia e adolescenza) Contenuto della rilevazione Questionario è compilato dal gestore della singola struttura. Il gestore può essere diverso dal titolare. Nidi: età 3 mesi 3 anni; da 21 a 60 bambini Micro nidi: età 3 mesi 3 anni; da 6 a 20 bambini Sezioni aggregate: età 2 3 anni Ricca di informazioni su: Caratteristiche del gestore e del titolare; utenti; personale; funzionamento del servizio; dati finanziari (costo complessivo e entrate). 3 Costo complessivo annuale Il costo complessivo annuale rappresenta tutte le spese sostenute per il funzionamento del nido e comprende quelle per: - personale educativo, ausiliari, eventuale personale di sostegno, cuochi; - mensa, anche se affidata a terzi, se il costo è sostenuto dal gestore; - utenze (energia, gas, acqua, telefono, lavanderia); - materiali di consumo e per uso didattico; - quota parte del personale amministrativo o del commercialista; - spese per corsi di formazione; - coordinatore pedagogico, se pagato dal gestore; - spese sostenute per manutenzione ordinaria, ammortamento mutui, assicurazione, progettualità varie, con esclusione quindi delle spese di manutenzione straordinaria. 4 2

3 La selezione della base dati Anno: 2008/09 (dati finanziari) e anno 2007/08 dati di servizio La base dati 2008/09 contiene 979 osservazioni; dal matching con il 2007/08 ne rimangono 928; il set di informazioni non è sempre completo: manca il costo oppure il numero di bambini; i dati sono poco credibili (con costi da 1 a 84 milioni di a nido ecc.). Restringiamo a 858. Ci siamo concentrati sui Nidi d infanzia, escludendo micronidi e sezioni aggregate (restringiamo a 588) Nidi d infanzia Micro nidi Sezioni aggregate Total N nidi (v.a.) N nidi (%) 69% 10% 22% 100% N utenti (%) 85% 4% 11% 100% Costo (%) 91% 3% 6% 100% 5 3. Titolari e gestori 6 3

4 7 Ci concentriamo sui Nidi (588) Nidi comunali a gestione diretta (364), se il titolare = gestore ed è: Comune in forma diretta; Comune tramite istituzione; Unione / Consorzio di comuni Nidi comunali a gestione indiretta (121), se il titolare è Comune in forma diretta; Comune tramite istituzione; Unione / Consorzio di comuni ma il gestore è diverso dai tre indicati sopra Nidi non comunali (103), se il titolare è diverso dai tre indicati sopra. 8 4

5 4. Confronto tra nidi comunali (gestione diretta e indiretta) e nidi non comunali PARTE A 9 4. Confronto tra nidi comunali (gestione diretta e indiretta) e nidi non comunali PARTE B 10 5

6 Confronto comunali (82%) e non comunali (18%) I COMUNALI (gestione diretta + gestione indiretta): più grandi e più costosi (costano il 38% in più a utente e il 20% in più a ora/bimbo); orario complessivo più ridotto (minore diffusione del servizio estivo); quota assai più elevata di bambini lattanti e di bambini disabili, mediamente più costosi; stessa quota di personale effettivo equivalente (a 36 ore settimanali) su personale standard (coefficienti regionali); maggior incidenza di nidi che non hanno nessuna forma di esternalizzazione (anche parziale) dei servizi mensa, pulizie ecc.; maggior ricorso a personale educativo esterno, meno costoso; maggiore presenza nei comuni più piccoli (non capoluogo). 11 Confronto comunali a gestione diretta (75%) e indiretta (25%) LA GESTIONE INDIRETTA: più piccoli di quelli a gestione diretta (ma più grandi dei privati); struttura dei costi del personale prossima a quella dei privati (come abbiamo visto la maggior parte delle gestioni indirette è affidata a cooperative sociali); meno lattanti e disabili della diretta, ma più dei nidi privati; una maggiore diffusione del prolungamento d orario e dell estivo (quasi come nei privati); costo orario più basso (anche rispetto ai privati); quota di personale effettivo equivalente sul personale standard più bassa (anche rispetto ai privati); più diffusi nei comuni piccoli (mentre i privati nei comuni capoluogo). 12 6

7 5. Grande varianza sugli indicatori di costo medio, anche all interno di diverse modalità di gestione 13 Mediana: 8384 Media:

8 6. Grande varianza sugli indicatori di costo medio, anche tra province Ricorso a indicatori più complessi Dunque, grande variabilità di indicatori medi, che non dipende solo dalla modalità di gestione, ma anche da diversità dell utenza [età, disabilità, tempo pieno/parziale, ecc.] delle caratteristiche del servizio offerto [progetto educativo; prolungamento; estivo; cucina; spazi; gestione liste; ecc.] da scelte produttive del servizio [dimensioni, esternalizzazioni parziali verticali e orizzontali; organizzazione e flessibilità nell uso del personale; ecc.] da fattori ambientali [localizzazione; ecc.] É meglio usare la regressione: tiene conto simultaneamente di più dimensioni-caratteri del servizio. 16 8

9 8. Il costo per asilo C = f (T, U, A, O) C = costo (variabile) annuale complessivo di un nido T = variabili di estensione temporale del servizio (gg e ore di apertura; prolungamento; servizio estivo) U = variabili di utenza (numero ed età; disabili; part-time) A = variabili ambientali - territoriali (province; capoluoghi; comuni grandi) O = variabili organizzative rilevanti per i costi e/o la qualità (esternalizzazioni totali e parziali; personale eccedente lo standard regionale; quota personale a tempo pieno) 17 Le variabili v_costocor = costo annuale complessivo dichiarato dal gestore v_oreservizio = monte ore annuale di apertura del nido (escluso prolungamento, ma compreso servizio estivo) v_prol = presenza di prolungamento (dummy) v_estivo = presenza del servizio estivo (dummy) v_latte = n iscritti con meno di 12 mesi v_medi = n iscritti tra i i 12 e 24 mesi v_grandi = n iscritti con più di 24 mesi v_quotapt = percentuale di iscritti a tempo parziale sul totale iscritti disabili = n di bambini disabili capoluogo = nido ubicato in comune capoluogo (dummy) g = nido a gestione diretta (dummy) v_tuttodentro = nessuna esternalizzazione parziale (mensa; pulizie; lavanderia; educatori; prolungamento; coordinamento) (dummy) v_quotaeff2 = educatori a TP equivalente (normalizzati a 36 ore settimana) su numero educatori standardizzati (lattanti*1/5 + altri*1/7) (se >1 sono sopra lo standard regionale) v_heducges = quota del monte ore educatori pagati dal gestore v_eduinteri = educatori a TP equivalente (normalizzati a 36 ore settimana) su numero 18 educatori (valore max=1 quando sono tutti a TP) 9

10 9. Ci concentriamo sui 364 nidi comunali a gestione diretta [sottoinsieme più omogeneo] Una serie di variabili (part-time e servizio estivo; ecc.) non sono mai risultate significative (t<2): non sono qui considerate 19 Diverse configurazioni di costi standard nei 364 nidi a gestione diretta (per utente e per ora-utente), tutte legittime 20 10

11 21 Benchmarking: province 22 11

12 Ambiti territoriali Bologna Ambito 1 (Pianura Ovest): Anzola dell'emilia, Calderara di Reno, Crevalcore, Sala Bolognese, San Giovanni in Persiceto, Sant'Agata Bolognese. Ambito 2 (Casalecchio): Bazzano, Casalecchio di Reno, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio, Sasso Marconi, Savigno, Zola Predosa. Ambito 3: Bologna Ambito 4 (Pianura Est): Argelato, Baricella, Bentivoglio, Budrio, Castel Maggiore, Castello d'argile, Castenaso, Galliera, Granarolo dell'emilia, Malalbergo, Minerbio, Molinella, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale. Ambito 5 (Imola): Imola, Castel San Pietro Terme, Medicina, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo, Dozza, Fontanelice, Mordano. Ambito 6 (San Lazzaro di Savena): Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Ozzano dell'emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena. Ambito 7 (Porretta): Camugnano, Castel d'aiano, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Gaggio Montano, Granaglione, Grizzana Morandi, Lizzano in Belvedere, Marzabotto, Monzuno, Porretta Terme, San Benedetto Val di Sambro, Vergato. 23 Costi effettivi e stimati per ambito (gestione diretta) ambito Costo a iscritto Costo per ora Costo stimat o (CS) Costo effetti vo (CE) Differenze (CS)- (CE) in media n di asili , , , , , , , Totale ,

13 Costi effettivi e stimati per comune (gestione diretta) 25 Costi effettivi e stimati per comune (gestione diretta) 26 13

14 Esempio di informazioni 27 Dove deve scattare l allarme? Nidi comunali a gestione diretta (Modello B): differenze % tra costo stimato ed effettivo 140% 130% 120% 110% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% -10% -20% -30% -40% -50% -60% -70% -80% Oltre la soglia del +/-30%? Oltre la soglia del +/-20%? Oltre la soglia del +/-10%? 28 14

15 10. Allarghiamo alla gestione indiretta. Tutti i 485 nidi comunali (364 a gestione diretta e 121 a gestione indiretta)

16 Problemi nell uso del costo standard: l idea di normalizzazione La formulazione che abbiamo usato (dove il costo standard è quello risultante dalla regressione), pone qualche problema in particolare con riferimento a variabili quali v_quotaeff2 (eccedenza-difetto di personale educativo rispetto allo standard regionale): una quota più elevata di personale educativo rispetto allo standard regionale fa aumentare notevolmente il costo del nido, ma non necessariamente si traduce in maggiore qualità. È opportuno riconoscere tale maggior costo? La normalizzazione consiste nel non riconoscere a ciascun nido il suo parametro effettivo, ma un valore normale. Il valore normale potrebbe essere anche il valore medio regionale (ma con alcune controindicazioni, che vediamo tra un momento). In questa prospettiva diventa interessante anche affrontare la questione della gestione diretta e indiretta (esternalizzazioni totali

17 Normalizzazione al valore medio regionale delle variabili gestionali g = nido a gestione diretta (dummy) v_tuttodentro = nessuna esternalizzazione parziale (mensa; pulizie; lavanderia; educatori; prolungamento; coordinamento) (dummy) v_quotaeff2 = educatori a TP equivalente (normalizzati a 36 ore settimana) su numero educatori standardizzati (lattanti*1/5+altri*1/7) v_heducges = quota del monte ore educatori pagati dal gestore v_eduinteri = educatori a TP equivalente (normalizzati a 36 ore settimana) su numero educatori (valore mx=1 quando tutti a TP) Ad esempio: fissare g = 0,75 (valore medio regionale), significa assumere che a ciascun comune si riconosce un costo standard non in relazione al suo mix effettivo di gestione diretta e indiretta, ma come se la sua offerta fosse fatta al 75% da gestione diretta e al 25% da gestione indiretta. 33 Anche riconoscendo come legittime tutte le scelte organizzative che (in media) ciascun comune di ciascuna provincia ha fatto, i comuni della provincia di Bologna risultano essere più costosi (hanno un costo effettivo più elevato di quello stimato) Con la normalizzazione vengono ulteriormente sfavoriti i comuni delle 3 province che hanno effettuato le scelte organizzative più costose (BO, FE, RN); vengono viceversa favoriti quelli che hanno fatto scelte meno costose (MO, PR, RA, RE); la provincia di FC è costante

18 Problemi derivanti da normalizzazioni al valore medio Ad esempio fissare g = 0,75 (valore medio regionale) significa riconosce a ciascun comune un costo standard, non in relazione al suo mix effettivo di gestione diretta e indiretta, ma come se la sua offerta fosse fatta al 75% da gestione diretta e al 25% da gestione indiretta. Chi è sopra (ad es. 90% di gestione diretta) ci perde ; chi è sotto (ad es. 20% di gestione diretta) ci guadagna. È come se dicessi ai primi: non va bene sei inefficiente, dovresti costare meno e infatti ti riconosco il maggior onere per la gestione diretta come se tu avessi solo il 75% di nidi a gestione diretta e non il 90%; ai secondi: va bene, ti premio perché sei efficiente Il criterio potrebbe andare se noi fossimo certi che essere sotto al 75% implica essere più efficienti e che questo è un comportamento che va incentivato; ma non necessariamente ècosì. 35 Normalizzazioni più intelligenti, ad esempio sulla combinazione desiderata di gestione diretta e indiretta Esiste (o esistono argomenti per stabilire) una combinazione ottimale di gestione diretta e gestione indiretta all interno di un comune (unione di comuni)? Ad esempio: è indispensabile avere una quota minima di gestione diretta per mantenere il know-how necessario per governare il sistema e innestare una concorrenza virtuosa sulla qualità ecc. Supponiamo (a titolo meramente esemplificativo) di avere assunto come standard di appropriatezza la combinazione 50%-50% (ovvero che il 50% di gestione diretta corrisponda al livello essenziale). Se un comune ha una quota di gestione diretta >50%, gli si riconosce il maggior costo della gestione solo fino al 50% (ovvero gli si riconosce solo lo standard; il resto se lo paga, se lo vuole mantenere). Se un comune ha una quota di gestione diretta <50%, gli si riconosce il maggior costo della gestione diretta per la quota che effettivamente ha (ad esempio il 30%). Ma se -nel tempo - vuole andare al 50% (cioè allo standard appropriato) gli si riconoscerà il maggiore costo fino al 50%. Analogo discorso sulle altre variabili gestionali, se abbiamo opinioni forti sul significato-implicazioni normative di queste variabili

19 Materiale di riferimento 1) La ricerca completa: M. C. Guerra e P. Silvestri, Federalismo e costi standard: i nidi infanzia in Emilia- Romagna, ed è disponibile sul sito di Ervet: %2Dnews&id=711 2) Una versione sintetica del lavoro è apparso nel Quaderno n. 8 del Gruppo nazionale nidi infanzia (Nella prospettiva del federalismo: diritti dei bambini, qualità e costi dei servizi per l infanzia) 37 19

Comune di Anzola dell'emilia

Comune di Anzola dell'emilia Comune di Anzola dell'emilia 1.224 1.118 61 79-18 Imprese Artigiane 406 405 18 36-18 Cooperative 17 12 1 2-1 Imprese Individuali 623 613 34 53-19 Imprese Femminili 234 216 19 15 +4 Imprese Giovanili 91

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DEL MEDIO RENO Comuni di: CASTEL D`AIANO, GAGGIO MONTANO, GRIZZANA MORANDI, MONZUNO, VERGATO BOSCHI CEDUI DEGRADATI 1500,00 2-IN QUESTA I BOSCHI CEDUI

Dettagli

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N.

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. (dato aggiornato al 14 ottobre 2009) SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 1 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 3 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 5 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 8 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA

Dettagli

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA INDAGINE STATISTICA SULL IMPRENDITORIA GIOVANILE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA A cura di: Elisa Facchini Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 Bologna Tel. +39 051 6093440 Fax +39 051 6093467

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA PRONTO SOCCORSO CANI E GATTI VITTIME DI INCIDENTI STRADALI SUL TERRITORIO PROVINCIALE La seguente tabella riporta le informazioni fornite dai Comuni relativamente alle convenzioni attivate con strutture

Dettagli

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna

Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna Struttura dati per introduzione nel Sistema Informativo Siti Contaminati ARPA Sez. Bologna settembre 2006 Pagina 1 di 10 Indice: PREMESSA... 3 MATERIALE DA CONSEGNARE.. 3 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA Statistiche del Turismo anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA STATISTICHE DEL TURISMO anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E TURISMO PREMESSA I dati relativi alle

Dettagli

Provincia di Bologna. Comuni Pop. resid.1/1/2017 Sup. in km 2 Abitanti per km 2

Provincia di Bologna. Comuni Pop. resid.1/1/2017 Sup. in km 2 Abitanti per km 2 Provincia di Bologna Comuni Pop. resid.1/1/2017 Sup. in km 2 Abitanti per km 2 Anzola dell'emilia 12.299 36,6 336,07 Argelato 9.846 35,1 280,48 Baricella 7.011 45,48 154,14 Bentivoglio 5.516 51,11 107,93

Dettagli

Provincia di Bologna. Sup. in km 2 Abitanti per km 2. resid.1/1/2016

Provincia di Bologna. Sup. in km 2 Abitanti per km 2. resid.1/1/2016 Provincia di Bologna Comuni Pop. resid.1/1/2016 Sup. in km 2 Abitanti per km 2 Alto Reno Terme 6.947 73,64 94,35 Anzola dell'emilia 12.289 36,6 335,80 Argelato 9.850 35,1 280,60 Baricella 6.949 45,48 152,78

Dettagli

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE BOLOGNA. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE

Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Assessorato alla Istruzione. Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Servizio di Supporto alle relazioni scuola-territorio-mondo del lavoro del Servizio Scuola

Dettagli

Statistiche. del Turismo. Provincia di Bologna - anno 2013

Statistiche. del Turismo. Provincia di Bologna - anno 2013 Statistiche del Turismo Provincia di Bologna - anno 2013 tipografia metropolitana bologna Statistiche del turismo Anno 2013 Indice Analisi capacità ricettiva e movimento turistico p. 3 TABELLE Capacità

Dettagli

I redditi dichiarati nella città metropolitana di Bologna

I redditi dichiarati nella città metropolitana di Bologna I redditi dichiarati nella città metropolitana di Bologna Appendice statistica Tavola 1. Città metropolitana di Bologna. Popolazione residente al 31/12/2015, contribuenti, reddito complessivo e reddito

Dettagli

Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati

Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati Il sistema informativo anagrafico della provincia di Bologna: realizzazione, elementi di criticità e primi risultati Il fabbisogno conoscitivo e le necessità informative per la programmazione dei servizi.

Dettagli

Le Aliquote IMU 2012 dei comuni della provincia di Bologna e dei capoluoghi della regione Emilia Romagna

Le Aliquote IMU 2012 dei comuni della provincia di Bologna e dei capoluoghi della regione Emilia Romagna Le Aliquote IMU 2012 dei comuni della provincia di Bologna e dei capoluoghi della regione Emilia Romagna Responsabile Osservatorio Immobiliare Confabitare Eduart Murati Introduzione Con la manovra finanziaria

Dettagli

GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA

GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA Provincia di Bologna Provincia di Bologna Servizio Studi per la Programmazione Ufficio di Statistica Sistema statistico nazionale Ufficio di statistica GLI SPOSTAMENTI GIORNALIERI PER STUDIO E LAVORO IN

Dettagli

PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI

PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI PUNTI DI INFORMAZIONE E ACCOGLIENZA CITTADINI STRANIERI Aggiornato LUG 2011 CALENDARIO SETTIMANALE L U N E D I' 8.40-12.40 Comune di San Pietro in Casale (Punto Migranti) c/o Municipio via Matteotti, 154

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLBO/2015/2 del 27.02.2015 CONSIGLIO LOCALE DI BOLOGNA Oggetto: SERVIZIO RIFIUTI URBANI - PIANO FINANZIARIO 2015 DEL COMUNE DI BOLOGNA

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. BOLOGNA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. BOLOGNA a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre 2014 periodo di riferimento: primo

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE

ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE ACCORDO ATTUATIVO TRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E L ASSOCIAZIONE CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA, RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE, IN AMBITO METROPOLITANO,

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2015 Provincia di Bologna - Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2015 Provincia di Bologna - Settore residenziale Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Bologna data di pubblicazione: 27 novembre periodo di riferimento: primo semestre Andamento del

Dettagli

DISTRETTO PIANURA OVEST

DISTRETTO PIANURA OVEST AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DAL 22 DICEMBRE AL 6 GENNAIO COMPRESI HD tecnico 0514206206 HD normativo 848822222 Call Center 800-884888 Prenotazioni e disdette

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE

PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE Per una nuova cultura della Sicurezza stradale e della Mobilità sostenibile Nel 2004 la Provincia di Bologna ha approvato il Piano Provinciale per la Sicurezza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F.

RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F. Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n. 19/2008 CR 42 Premessa RELAZIONE TECNICA INTERVENTI RELATIVI AL DIRITTO ALLO STUDIO PROGETTI DI QUALIFICAZIONE SCOLASTICA E.F. 2007 (L.R. n. 12/03 capo III,

Dettagli

Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0)

Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0) Arcidiocesi di Bologna Ufficio Amministrativo Diocesano Guida per aiutare alla Compilazione della SCHEDA SISMICA (Livello 0) Al fine di rendere meno oneroso questo lavoro, si è preparata questa piccola

Dettagli

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA

PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Direzione Affari Economici e Centro Studi PIANO DI EDILIZIA SCOLASTICA Le misure del Governo Renzi FOCUS EMILIA ROMAGNA Luglio 2014 INDICE 1. Nota di inquadramento sulle decisioni assunte dal Governo 2.

Dettagli

E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E.11 IL PIANO MOSAICO DEI PRG DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Introduzione ed inquadramento generale La formazione del primo modello del Mosaico dei PRG dei Comuni della Provincia di Bologna risale

Dettagli

RETE BOLOGNESE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

RETE BOLOGNESE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI RETE BOLOGNESE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (aggiornata al 27 aprile 2011) Distretti: Bologna città pag. 1 Pianura Ovest (S. Giovanni in Persiceto) pag. 4 Pianura Est (S. Pietro in Casale) pag. 5 Casalecchio

Dettagli

LE IMPRESE A BOLOGNA

LE IMPRESE A BOLOGNA LE IMPRESE A BOLOGNA IMPRESE E IMPRENDITORI STRANIERI Anno 2013 UFFICIO STATISTICA A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445 Fax 051/6093467

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi

SERVIZI DI TRASPORTO IKEA.it/servizi SERVIZI DI TRASPORTO I pacchi piatti sono facili da trasportare. Se la tua auto non è abbastanza grande, puoi usufruire delle diverse modalità di servizio a domicilio a pagamento. Per ulteriori informazioni

Dettagli

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA

Sedi Patronati e CAF. Patronati CGIL INCA Sedi Patronati e CAF Indice dei contenuti 1. Patronati 1. CGIL INCA 2. CAF 1. USB Emilia Romagna 2. Caaf 50&Più 3. CAAF CIA SERVIZI srl. 4. CISL 5. CAF CNA 6. CAAF Ce.S.Conf. 1 Confesercenti 7. CAF UIL

Dettagli

Accordi sottoscritti 17

Accordi sottoscritti 17 LOCAZIONE AD USO ABITATIVO GUIDA AL CONTRATTO CONCORDATO sommario Presentazione.. 5 A chi si applica la legge 431/98... 7 I vari tipi di contratto 7 Regole comuni di maggior rilievo.. 9 I contratti ad

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze. I Numeri della Scuola di Bologna. classi - alunni - provenienze

COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze. I Numeri della Scuola di Bologna. classi - alunni - provenienze COMUNE DI BOLOGNA Settore Istruzione e Politiche delle Differenze I Numeri della Scuola di Bologna classi - alunni - provenienze Pubblicazione a cura di: Settore Istruzione e Politiche delle Differenze

Dettagli

Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna

Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna Indicazione facoltativa Prodotto di Montagna Gli obiettivi della presente iniziativa sono la qualificazione dei prodotti di qualità locali e la valorizzazione del territorio attraverso le peculiarità delle

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 PROVINCIA DI BOLOGNA Scheda sintetica del bando relativo alle attività: Attività IV. 2.1: Sostegno alla qualificazione delle attività di servizi a supporto

Dettagli

RIEPILOGO DEI RISULTATI ELETTORALI NEI COLLEGI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

RIEPILOGO DEI RISULTATI ELETTORALI NEI COLLEGI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 6 E 7 GIUGNO 2009 RIEPILOGO DEI RISULTATI ELETTORALI NEI COLLEGI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ELEZIONI AMMINISTRATIVE PROVINCIALI RIEPILOGO PROVINCIALE: Denominazione e circoscrizioni

Dettagli

Piano di Zona per la salute e il benessere sociale Programma Attuativo 2015

Piano di Zona per la salute e il benessere sociale Programma Attuativo 2015 Piano di Zona per la salute e il benessere sociale Programma Attuativo 2015 DISTRETTO DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Sottoscritto in COMITATO DI DISTRETTO il 3/08/2015 P.G.29374/15) Comuni di: San Lazzaro di

Dettagli

Sintesi delle tendenze demografiche in Provincia di Bologna

Sintesi delle tendenze demografiche in Provincia di Bologna Sintesi delle tendenze demografiche in Provincia di Bologna Alla data del 31 Dicembre, la popolazione bolognese ammontava a 991.924 residenti registrando, rispetto all anno precedente, un incremento in

Dettagli

OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi. IRES Emilia-Romagna

OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi. IRES Emilia-Romagna OSSERVATORIO SULL ECONOMIA E IL LAVORO IN PROVINCIA DI BOLOGNA - numero QUATTRO - Luglio 2009 a cura di Daniela Freddi IRES Emilia-Romagna Coordinamento progetto: Cesare Minghini (Presidente Ires Emilia-Romagna)

Dettagli

Biblioteche afferenti alla Città Metropolitana ELENCO RESPONSABILI TRATTAMENTO DATI

Biblioteche afferenti alla Città Metropolitana ELENCO RESPONSABILI TRATTAMENTO DATI Biblioteche afferenti alla Città Metropolitana ELENCO RESPONSABILI TRATTAMENTO DATI Cod. Bib. Comune Località Denominazione Indirizzo AE AP Anzola dell'emilia Argelato Biblioteca comunale di Anzola dell'emilia

Dettagli

socio-assistenziali per minori, gestanti e madri con bambino

socio-assistenziali per minori, gestanti e madri con bambino Coordinamento provinciale accoglienza l e s t r u t t u r e socio-assistenziali per minori, gestanti e madri con bambino nella provincia di bologna LE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER MINORI, GESTANTI

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2014 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ Chi siamo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Gianfranco Franchi 15/07/1952 Presidente Laurea in ingegneria La cooperativa Edificatrice Ansaloni esiste da più di sessant anni sul

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA DOC. 2 GIUGNO 2007

PROVINCIA DI BOLOGNA DOC. 2 GIUGNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO PROVINCIALE PER LA SICUREZZA STRADALE L I N E E G U I D A DOC. 2 GIUGNO 2007 RST RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO - VIA DEGLI SCIPIONI, 181-00192 ROMA. TEL: 06.32.18.101

Dettagli

tutte le farmacie di turno

tutte le farmacie di turno 2 0 1 4 tutte le farmacie di turno federfarma bologna introduzione Care cittadine, cari cittadini, se avete in mano questo libretto che riporta tutte le farmacie di turno della Provincia di Bologna, siete

Dettagli

QUADRO DEI REFERENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA E FORMATIVA AGGIORNATO AL 12 APRILE 2010

QUADRO DEI REFERENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA E FORMATIVA AGGIORNATO AL 12 APRILE 2010 QUADRO DEI REFERENTI PER IL CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA E FORMATIVA AGGIORNATO AL 12 APRILE 2010 Le Linee di indirizzo provinciali per il contrasto alla dispersione scolastica e formativa, elaborate

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO

2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO 2015 TUTTE LE FARMACIE DI TURNO INTRODUZIONE 2015 Care cittadine, cari cittadini, Colgo l occasione della stampa di questo libretto, rinnovato nella sua veste grafica al fine di renderlo ancora più facile

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLBO/2016/1 del 30 marzo 2016 CONSIGLIO LOCALE di BOLOGNA. Oggetto: PARERE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO PREVENTIVO 2016 DELL AGENZIA

Dettagli

SCUOLE PARITARIE. hanno FIRMATO X

SCUOLE PARITARIE. hanno FIRMATO X (dato aggiornato al 13 ottobre 2009) SCUOLE PARITARIE NIDI DELL'INFANZIA "A. Ramponi" - SAN GIORGIO DI PIANO "Abba" - "Al Girotondo" - SAN LAZZARO DI SAVENA "Al Girotondo" - SAN LAZZARO DI SAVENA "Angela

Dettagli

Gli alberi monumentali in Emilia-Romagna di Michele T. Mazzucato

Gli alberi monumentali in Emilia-Romagna di Michele T. Mazzucato Gli alberi monumentali in Emilia-Romagna di Michele T. Mazzucato La tutela degli esemplari alborei monumentali nella Regione Emilia- Romagna è prevista dalla LR del 24 gennaio 1977 n. 2 (Provvedimenti

Dettagli

Il censimento della popolazione e delle abitazioni 2011: primi risultati per la provincia di Bologna

Il censimento della popolazione e delle abitazioni 2011: primi risultati per la provincia di Bologna Il censimento della popolazione e delle abitazioni 2011: primi risultati per la provincia di Bologna Novembre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco

Dettagli

Gruppi scuole per SNV 2015/2016

Gruppi scuole per SNV 2015/2016 Gruppi scuole per SNV 2015/2016 ALLEGATO 1 rif. Nota prot. n. 15362 del 4.12.2015 Gruppo Rete di Istituzioni Scuole Statali Scuole Paritarie 1 Ambito 5 Distretto di Imola 1. I.C. N. 2 Imola 2. I.C. N.

Dettagli

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9

RETE PROPONENTE Denominazione Rete : SCUOLE PROVINCIA di Bologna. Scuole aderenti alla Rete IC 1. Scuole aderenti alla Rete IC 9 ISTITUTO COMPRENSIVO N.9 Via Luigi Longo, 4 40139 Bologna C.F. 91201100376 C.M. BOIC85200B Tel. 051 460205 Fax 051 460007 boic85200b@istruzione.it - postmaster@pec.ic9bo.it ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Via

Dettagli

SEDE ISCRITTI FREQUENTANTI COMUNE RESIDENTI

SEDE ISCRITTI FREQUENTANTI COMUNE RESIDENTI Codice Meccanografico SEDE ISCRITTI FREQUENTANTI COMUNE RESIDENTI BOMM36300D CPIA METROPOLITANO (BOLOGNA) 878 1192 ANZOLA DELL'EMILIA 10 BAZZANO 5 BENTIVOGLIO 4 BOLOGNA 702 BONEA 1 CALDERARA DI RENO 6

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel estre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Maurizio Tesini (referente OMI) Luca Panzacchi (collaboratore) data di pubblicazione:

Dettagli

I REDDITI NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

I REDDITI NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA I REDDITI NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Obiettivo Rapportando l imponibile Irpef al numero di e alla popolazione residente si ottengono degli indicatori in grado di definire il livello di ricchezza

Dettagli

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA

Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO BOLOGNA Per sede di Bologna ANZOLA DELL'EMILIA ARGELATO BARICELLA BAZZANO BENTIVOGLIO LOGNA BUDRIO CALDE DI NO CAMPOSANTO CASALECCHIO DI NO CASTEL LOGNESE CASTEL MAGGIO CASTELFNCO EMILIA CASTELLO D'ARGILE CASTENASO

Dettagli

ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI:

ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI: ACCORDO APPLICABILE NEI COMUNI DI: ARGELATO, BARICELLA, BAZZANO, BENTIVOGLIO, BUDRIO, CAMUGNANO, CASTEL D AIANO, CASTELLO D ARGILE, CASTEL DI CASIO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CASTIGLIONE DEI PEPOLI, CRESPELLANO,

Dettagli

Piano Provinciale Gestione Rifiuti

Piano Provinciale Gestione Rifiuti Allegato all I.P. 268/2009 Piano Provinciale Gestione Rifiuti VALSAT/Rapporto Ambientale di VAS Gennaio 2009 1 1. Il Piano Provinciale di gestione rifiuti in relazione agli obiettivi ambientali e di settore...

Dettagli

Guida ai servizi nella provincia di Bologna. per chiedere consiglio e aiuto sull uso/abuso di sostanze psicoattive

Guida ai servizi nella provincia di Bologna. per chiedere consiglio e aiuto sull uso/abuso di sostanze psicoattive s o s t a n z i a l e. i t Guida ai servizi nella provincia di Bologna per chiedere consiglio e aiuto sull uso/abuso di sostanze psicoattive grafica Servizio comunicazione Provincia di Bologna - Gabriella

Dettagli

grafica Servizio comunicazione Provincia di Bologna - Gabriella Napoli tipografia metropolitana bologna

grafica Servizio comunicazione Provincia di Bologna - Gabriella Napoli tipografia metropolitana bologna grafica Servizio comunicazione Provincia di Bologna - Gabriella Napoli tipografia metropolitana bologna Sostanziale.it è un progetto del Servizio Politiche Sociali e per la Salute della Provincia di Bologna,

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CLBO/2013/6 del 02 dicembre 2013 CONSIGLIO LOCALE di BOLOGNA Oggetto: SGR - MODIFICA DEL PROGETTO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DELL

Dettagli

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio

Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio La S.V. è invitata a partecipare alla Conferenza Stampa lunedì 28 novembre, alle ore 11.30 presso la sala stampa Luca Savonuzzi di Palazzo d'accursio indetta per presentare MediaLibraryOnline: la biblioteca

Dettagli

Calendario delle assemblee sindacali indette dalla Gilda degli insegnanti di Bologna

Calendario delle assemblee sindacali indette dalla Gilda degli insegnanti di Bologna N F e d e r a z i o n e G i l d a U n a m s G i l d a d e g l i I n s e g n a n t i Via Cesare Battisti 2-40123 Bologna tel. 051 270479 - fax 051 6565278 e-mail: gildabologna@gildabologna.it web: www.gildabo.it

Dettagli

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali In relazione a quanto previsto dall art. 167bis della L.r. 3/99, dalla Deliberazione

Dettagli

TARIFFE ACQUA USO DOMESTICO RESIDENTE

TARIFFE ACQUA USO DOMESTICO RESIDENTE TARIFFE ACQUA USO DOMESTICO RESIDENTE BACINO BOLOGNA e COMUNE MOLINELLA Comuni di: vedi elenco allegato APPLICAZIONE DAL 1 GENNAIO 2017 UTILIZZO USO DOMESTICO FASCE D'APPLICAZIONE QUOTA VARIABILE fascia

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA DESTINATI A ENTI RELIGIOSI DAI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA DESTINATI A ENTI RELIGIOSI DAI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ONERI DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA DESTINATI A ENTI RELIGIOSI DAI COMUNI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Ricerca svolta da Marco Antonioli per conto del Circolo UAAR di Bologna (22/11/2012-28/02/2013) 1 Che

Dettagli

LA POPOLAZIONE AL

LA POPOLAZIONE AL Provincia di Bologna Provincia di Bologna Servizio Studi per la Programmazione Ufficio di Statistica LA POPOLAZIONE AL 31.12.2005 IN PROVINCIA DI BOLOGNA TENDENZE, CARATTERISTICHE DEMOGRAFICHE E DISTRIBUZIONE

Dettagli

OPPORTUNITA DI LAVORO dai Centri Impiego della provincia di BOLOGNA

OPPORTUNITA DI LAVORO dai Centri Impiego della provincia di BOLOGNA 814/2014 5 aiuto cameriere ai piani IMOLA Addetti pubblici esercizi 775/2014 1 670/2014 1 perito elettro ingegnere elettro 786/2014 1 traduttore 723/2014 1 809/2014 1 609/2014 1 682/2014 10 impiegato di

Dettagli

Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo

Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo architettibologna ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori di bologna Aggiornamento e Sviluppo Professionale Continuativo Triennio Sperimentale 2014-2016 Questionario Formazione

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI

C O M U N E D I C A S T E N A S O CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI P r o v i n c i a d i B o l o g n a CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI 1) SITUAZIONE DEL BAMBINO PUNTI a) Bambino portatore di handicap (certificato

Dettagli

Scuole secondarie II grado Analisi delle iscrizioni e proiezioni a.s

Scuole secondarie II grado Analisi delle iscrizioni e proiezioni a.s Bologna, 14 Dicembre 2016 Scuole secondarie II grado Analisi delle iscrizioni e proiezioni a.s. 2017-18 Servizio studi e statistica per la programmazione strategica http://www.cittametropolitana.bo.it/statistica/

Dettagli

Diffusione ed u+lizzo dei servizi online della PA in Emilia- Romagna - 2013

Diffusione ed u+lizzo dei servizi online della PA in Emilia- Romagna - 2013 Diffusione ed u+lizzo dei servizi online della PA in Emilia- Romagna - 2013 Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico In collaborazione con ERVET spa Servizi demografici- Richiesta cer+fica+

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2015/2016

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2015/2016 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2015/2016 SCUOLA SECONDARIA I GRADO SITUAZIONE COMPLETA - LIBERI Scuola Disponibilità Cattedre / Posti

Dettagli

Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide

Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide Una fascia particolarmente interessata dal digital divide è rappresentata dai cittadini e dalle imprese che risiedono nei

Dettagli

SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE

SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE PROVINCIA DI BOLOGNA Assessorato alla Istruzione, Formazione. Lavoro. Politiche per la sicurezza sul lavoro SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE Servizio di assistenza tecnica, formazione, monitoraggio e valutazione

Dettagli

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70

LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 LOCAZIONI BOX e POSTI AUTO IIsem2013 EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA CITTÀ Zona Box Posto auto Centro INDIPENDENZA - MARCONI C 100 70 Mazzini- Savena FOSCHERARA S 70 35 SAN RUFFILLO P 70 35 San Donato- San Vitale

Dettagli

Federalismo e costi standard: il caso dei nidi d infanzia

Federalismo e costi standard: il caso dei nidi d infanzia Nella prospettiva del federalismo: diritti dei bambini, qualità e costi dei servizi per l infanzia Bologna, 19 ottobre 2010 Federalismo e costi standard: il caso dei nidi d infanzia Maria Cecilia Guerra

Dettagli

Rendiconto. Territori per la pace

Rendiconto. Territori per la pace Rendiconto Territori per la pace Progetto di promozione di una cultura di pace e solidarietà nel territorio della provincia di Bologna Finanziato con il contributo della Regione Emilia Romagna, Programma

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) - * - CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI DI

R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) - * - CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI DI Esente da bollo ai sensi Art. 16 tab. B D.P.R. n 642/26-10-72 R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA (Provincia di Bologna) - * - Rep. n CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - C.S.A. DI BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA I GRADO SITUAZIONE COMPLETA - LIBERI

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - C.S.A. DI BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA I GRADO SITUAZIONE COMPLETA - LIBERI UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - C.S.A. DI BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA I GRADO SITUAZIONE COMPLETA - LIBERI Scuola Disponibilità Cattedre / Posti Spezzoni Assegnazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SANITARI DELL AZIENDA

CARTA DEI SERVIZI SANITARI DELL AZIENDA POLIAMBULATORIO PRIVATO CAVOUR GALLERIA SANT'APOLLONIA 12 SASSO MARCONI BO CARTA DEI SERVIZI SANITARI DELL AZIENDA SASSO MARCONI, 01 GIUGNO 1999 SOMMARIO PARTE I 1 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA POLIAMBULATORIALE

Dettagli

SEZIONE INDUSTRIA METALMECCANICA

SEZIONE INDUSTRIA METALMECCANICA SEZIONE INDUSTRIA METALMECCANICA ASSALONI GIOVANNI Numero iscrizione: 1526 Nato a: LIZZANO IN BELVEDERE - BO Il: 20/03/1962 Residente in: VIA III NOVEMBRE, 26 40042 LIZZANO IN BELVEDERE - BO 0534/51558

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2013/2015 ALLEGATO AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 PERIODO CONSIDERATO NELLA RELAZIONE 1 GENNAIO 2013

Dettagli

Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell inf ormazione in Emilia-Romagna Diffusione ed utilizzo del pagamento delle contravvenzioni online Settembre 2014 Il presente documento è stato realizzato con la collaborazione

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 7 del 01/09/2005

Comunicato Ufficiale N 7 del 01/09/2005 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti Settore Giovanile e Scolastico COMITATO PROVINCIALE DI BOLOGNA VIA CAVALIERI DUCATI 5/2a- 40132 BOLOGNA (BO) TEL. 051 3143871-3143872 e-mail:

Dettagli

Elenco dei sondaggi eseguiti ( ) - Servizio Studi per la Programmazione della Città Metropolitana di Bologna

Elenco dei sondaggi eseguiti ( ) - Servizio Studi per la Programmazione della Città Metropolitana di Bologna TEMATICA AN TITOLO INDAGINE ENTE PARTNER SCARICABILE Gradimento dei Servizi 1997 Qualità del Servizio case di riposo Gradimento dei Servizi 1997 Qualità del Servizio di assistenza domiciliare agli anziani

Dettagli

PIANO PROVINCIALE 2008 - BIBLIOTECHE, ARCHIVI STORICI, MUSEI E BENI CULTURALI (L.R. 18/2000) RISORSE REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PIANO PROVINCIALE 2008 - BIBLIOTECHE, ARCHIVI STORICI, MUSEI E BENI CULTURALI (L.R. 18/2000) RISORSE REGIONE EMILIA-ROMAGNA PIA PROVINCIALE - BIBLIOTECHE, ARCHIVI STORICI, MUSEI E BENI CULTURALI (L.R. 18/2000) RISORSE REGIONE EMILIA-ROMAGNA ARCHIVI-BIBLIOTECHE Soggetto richiedente: COMUNE DI BORGO TOSGNA ARCHIVI Titolo e breve

Dettagli

Hanno collaborato al documento, per gli aspetti relativi alla mobilità e al trasporto pubblico:

Hanno collaborato al documento, per gli aspetti relativi alla mobilità e al trasporto pubblico: Emanuele Burgin Assessore all Ambiente Provincia di Bologna Gianpaolo Soverini - Direttore Settore Ambiente Provincia di Bologna Responsabilità e Coordinamento Gabriele Bollini Dirigente Servizio Tutela

Dettagli

SECONDARIA PRIMO GRADO - Sostegno - anno scol UST Bologna. Page 1

SECONDARIA PRIMO GRADO - Sostegno - anno scol UST Bologna. Page 1 Tabella 3 - SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO - Allegato a dispositivo Bologna prot. n 11503 BOIC80500T 7 I.C. DI SAN PIETRO IN CASALE GALLIERA -BOMM80501V Giovanni XXIII 4 9 6 4 15 BOIC80500T 7 I.C. DI

Dettagli

Poli Tecnici e istruzione e formazione superiore

Poli Tecnici e istruzione e formazione superiore 12 marzo 2008 Poli Tecnici e istruzione e formazione superiore INDICE 1. L opzione di ambito per il polo bolognese... p. 2 2. Il comparto della meccanica nel sistema produttivo della provincia di Bologna...p.

Dettagli

sabato 05 agosto 2017 Servizi di Media Monitoring

sabato 05 agosto 2017 Servizi di Media Monitoring sabato 05 agosto 2017 Rassegna Stampa 05-08-2017 AUSL BO RESTO DEL CARLINO BOLOGNA 05/08/2017 39 CORRIERE DI BOLOGNA 05/08/2017 2 corrieredibologna.corriere.it 05/08/2017 1 RESTO DEL CARLINO BOLOGNA 05/08/2017

Dettagli

La Provincia di Bologna parola per parola. guida ai servizi

La Provincia di Bologna parola per parola. guida ai servizi La Provincia di Bologna parola per parola guida ai servizi Con il termine comunità la parola più citata nel nostro statuto si può intendere la semplice aggregazione dei cittadini che risiedono nello stesso

Dettagli

LA POPOLAZIONE AL

LA POPOLAZIONE AL Provincia di Bologna Provincia di Bologna Servizio Studi per la Programmazione Ufficio di Statistica Sistema statistico nazionale Ufficio di statistica LA POPOLAZIONE AL 31.12.2006 IN PROVINCIA DI BOLOGNA

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2016/2017

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2016/2017 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE - Uffico V Ambito territoriale di BOLOGNA DISPONIBILITA' ORE / POSTI A.S. 2016/2017 SCUOLA SECONDARIA I GRADO SITUAZIONE COMPLETA - LIBERI Scuola Disponibilità Cattedre / Posti

Dettagli

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA

Statistiche. del Turismo. anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA Statistiche del Turismo anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA STATISTICHE DEL TURISMO anno 2014 CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE E TURISMO PREMESSA I dati relativi alle statistiche

Dettagli

L imprenditoria femminile nella provincia di bologna

L imprenditoria femminile nella provincia di bologna STATISTICA L imprenditoria femminile nella provincia di bologna Anno 2008 A cura di: Valeria Masotti Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 Bologna Tel. 051/6093492 Fax 051/6093467 E-mail:

Dettagli

CAD 2010 - Indagine conoscitiva sull integrazione scolastica a Bologna e provincia

CAD 2010 - Indagine conoscitiva sull integrazione scolastica a Bologna e provincia LO STATO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA A BOLOGNA E PROVINCIA Il 20 novembre, in concomitanza con il sit- in davanti all USP, abbiamo chiesto al viceprovveditore i dati sulla suddivisione per classi degli

Dettagli

Vaccinovigilanza Casi ed esperienza Pilota

Vaccinovigilanza Casi ed esperienza Pilota Vaccinovigilanza Casi ed esperienza Pilota 4 DICEMBRE 2012 RITA RICCI PEDIATRIA TERRITORIALE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE- AUSL DI BOLOGNA Esperienza Pilota Un unica pw utilizzata da 4 operatori (medici)

Dettagli

AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DISTRETTO PIANURA OVEST DAL 14 LUGLIO AL 30 AGOSTO 2014

AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DISTRETTO PIANURA OVEST DAL 14 LUGLIO AL 30 AGOSTO 2014 AZIENDA USL DI BOLOGNA - RIDUZIONE ESTIVA DEGLI SPORTELLI FRONT OFFICE DISTRETTO PIANURA OVEST DAL 14 LUGLIO AL 30 AGOSTO 2014 OSPEDALE SS.SALVATORE San Giovanni in Persiceto 7,15-13,00 7,15-13,00 7,15-13,00

Dettagli