LINEE GUIDA SUGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI A BIOGAS E BIOMASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA SUGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI A BIOGAS E BIOMASSE"

Transcript

1 Stampato sucarta riciclata, ecologica, certificata FSC ed Ecolabel giugno 2013 LINEE GUIDA SUGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI A BIOGAS E BIOMASSE LINEE GUIDA SUGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI A BIOGAS E BIOMASSE LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI giugno 2013

2 LINEE GUIDA SUGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI A BIOGAS E BIOMASSE LA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

3 AZIENDA CON SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO DA DNV - ISO

4 SOMMARIO 1. PREMESSA IL MERCATO L attuale meccanismo incentivante Tipologia di incentivi previsti dal D.M. 6 luglio Gli scenari di intervento ASPETTI TECNICI Biocombustibili solidi, liquidi, gassosi (biogas) Tecnologie impiantistiche Impianti di digestione anaerobica Impianti di combustione di biomasse solide Impianti di gassificazione di biomasse solide Impianti ad olio vegetale ASPETTI AUTORIZZATIVI Normativa di riferimento Autorizzazioni per la costruzione ed esercizio degli impianti Autorizzazione Unica Procedura Abilitativa Semplificata (PAS) Comunicazione inizio lavori (attività edilizia libera) Connessione alla rete elettrica Prevenzione incendi Qualifica IAFR Adempimenti fiscali ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI Filiera di approvvigionamento del combustibile e riflessi sulla gestione dell impianto Costi e tempi medi di realizzazione (CAPEX) Costi di esercizio (OPEX) Calcolo di producibilità e ricavi di esercizio...65 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 3

5 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE Simulazione economica - Impianto Biogas 300 kwe Simulazione economica - Impianto Biomassa 300 kwe ASPETTI CONTRATTUALI Contratto di realizzazione delle opere elettromeccaniche Contratto di realizzazione opere civili Contratto di manutenzione Approvvigionamento Biomasse Analisi dei rischi di progetto Polizze in fase di realizzazione Polizze in fase di gestione...85 BIBLIOGRAFIA...87 GLOSSARIO E DEFINIZIONI...89 FONTI ESTERNE DELLE FIGURE E DELLE TABELLE...91

6 1. PREMESSA La Commissione Europea ha messo in evidenza, a più riprese, l importanza del contributo offerto dalle biomasse per raggiungere gli obiettivi sul clima e sull energia al 2020 (20% di riduzione delle emissioni, 20% di aumento di efficienza energetica, 20% di rinnovabili negli usi finali di energia). Contestualmente, il Piano di Azione Nazionale (PAN) per le energie rinnovabili, emanato il 30 giugno 2010 ai sensi della Direttiva 2009/28/CE, assegna, per il raggiungimento dell obiettivo vincolante per l Italia (soddisfare con fonti rinnovabili il 17% dei consumi energetici lordi nazionali), un ruolo fondamentale alle biomasse. Queste dovranno fornire nel 2020 quasi la metà dell energia prodotta da fonti rinnovabili. Il significativo aumento del numero di impianti agricoli registratosi negli ultimi anni, grazie allo scenario di incentivazione, evidenzia un forte interesse legato ad una concreta opportunità per l incremento e la diversificazione del reddito aziendale. E non solo: la possibilità di sfruttamento e quindi di valorizzazione di sottoprodotti agricoli e forestali (reflui zootecnici, scarti dell agroindustria, residui della lavorazione boschiva), presenta come valore aggiunto incontestabili benefici agronomici ed ambientali. Importante appare la strutturazione di opportune filiere energetiche, che sappiano integrarsi nei rispettivi comparti produttivi in modo sostenibile, con tecnologie affidabili per la loro valorizzazione energetica dei prodotti. È quindi necessario conoscere gli aspetti salienti di tali filiere per promuovere la realizzazione di modelli organizzativi replicabili su piccola e media scala che comportino il pieno coinvolgimento delle imprese agricole e forestali locali e massimizzino i vantaggi ambientali e socio-economici. Questa Monografia, lungi dal voler affrontare in maniera troppo specialistica i molteplici aspetti della produzione di energia da biogas, biomasse e bioliquidi, vuole essere di ausilio per avvicinare argomenti destinati a divenire sempre più centrali negli anni a venire, con l obiettivo di fornire informazioni utili ai vari soggetti coinvolti in tali progetti, a diverso titolo (imprenditori, banche, istituti finanziari, investitori, progettisti, etc.). Il documento è frutto dell esperienza di Protos nel settore e delle banche che operano in tali mercati e che partecipano attivamente al tavolo di lavoro ABI - ABI Lab denominato Osservatorio Rinnovabili. Si desidera pertanto ringraziare tutti coloro che hanno messo a fattor comune le proprie competenze fornendo importanti spunti, feedback e contributi, rendendo la Guida la più completa e fruibile possibile per gli addetti ai lavori. LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 5

7 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 6 2. IL MERCATO 2.1 L attuale meccanismo incentivante Il sistema di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici è attualmente disciplinato dal D.M. Sviluppo Economico 6 luglio 2012 Attuazione dell art. 24 del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, recante incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici (di seguito Decreto). Il Decreto si applica agli impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, oggetto di intervento di potenziamento o di rifacimento che entrano in esercizio in data successiva al 31 dicembre Esso sostituisce la precedente regolamentazione del D.M. 18 dicembre 2008 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ai sensi dell art. 2, comma 150, della legge 24 dicembre 2007, n Il nuovo sistema di incentivazione, gestito dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici), introduce dei contingenti annuali di potenza incentivabile, dal 2013 al 2015, divisi per tipologia di fonte e di impianto e ripartiti secondo la modalità di accesso agli incentivi (accesso diretto, Registri, Aste). Il costo indicativo cumulato annuo, definito all art. 2 del D.M. 6 luglio 2012, per tutte le tipologie di incentivo agli impianti a fonte rinnovabile, diversi dai fotovoltaici, non può superare complessivamente i 5,8 miliardi di euro. Questo significa che una volta raggiunta tale soglia non sarà più possibile incentivare tali impianti secondo le disposizioni del D.M. 6 luglio Tale costo rappresenta una stima dell onere annuo potenziale, già impegnato, degli incentivi riconosciuti a tali impianti in attuazione dei vari provvedimenti di incentivazione statali che si sono succeduti in questo settore. Lo strumento operativo che serve a visualizzare, sul sito internet del GSE (www.gse.it), il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi è il Contatore degli oneri delle fonti rinnovabili. Il costo riportato nel contatore viene calcolato e pubblicato sul sito internet del GSE con cadenza mensile. Ogni mese il perimetro degli impianti ammessi agli incentivi e che concorrono al calcolo del contatore può cambiare, così come possono evolvere tutte le variabili che concorrono al calcolo. Alla data del 30/04/2013 il Contatore sul sito internet del GSE riportava un valore pari a circa 4,22 miliardi di euro. A tale valore contribuiscono, oltre agli impianti incentivati con il provvedimento CIP 6, con i Certificati Verdi (CV) o con le Tariffe Onnicomprensive (TO) ai sensi del D.M. 18/12/2008, anche gli impianti ammessi ai Registri in posizione utile o vincitori delle procedure d Asta ai sensi del

8 D.M. 6/7/2012 e gli impianti i cui Soggetti Responsabili hanno presentato richiesta di ammissione agli incentivi del D.M. 6/7/2012 a seguito dell entrata in esercizio. 2.2 Tipologia di incentivi previsti dal D.M. 6 luglio 2012 Gli incentivi sono gestiti dal GSE e sono riconosciuti sulla produzione di energia elettrica netta immessa in rete dall impianto. La produzione netta è definita come la Produzione lorda dell impianto diminuita dell energia elettrica assorbita dai servizi ausiliari di centrale, delle perdite nei trasformatori principali e delle perdite di linea, tutti definiti su base convenzionale (per impianti di potenza inferiore ad 1 MW) in percentuale dell energia elettrica prodotta lorda (11% biogas, 17-19% biomasse), fino al punto di consegna dell energia alla rete elettrica. L eventuale differenza (positiva), dovuta al calcolo convenzionale con le percentuali sopra riportate, tra la quantità di energia elettrica effettivamente immessa in rete dall impianto e l energia incentivata, viene comunque ritirata dal GSE e remunerata al Prezzo Zonale. La durata degli incentivi è pari alla vita media utile convenzionale della specifica tipologia di impianto, pari a 20 anni per biomasse e biogas. Il Decreto prevede due distinti meccanismi incentivanti, in base a potenza, fonte rinnovabile e tipologia d impianto: a. tariffa incentivante onnicomprensiva (TO) per impianti fino a 1 MW, determinata dalla somma tra una tariffa incentivante base (il cui valore è individuato per ciascuna fonte, tipologia di impianto e classe di potenza) e l ammontare di eventuali premi (es. cogenerazione ad alto rendimento, teleriscaldamento, riduzione emissioni, etc.). L energia è ritirata dal GSE e la tariffa onnicomprensiva comprende sia il valore dell energia che quello dell incentivazione. b. incentivo (I) per gli impianti oltre 1 MW e per quelli di potenza fino a 1 MW che non optano per la tariffa omnicomprensiva, calcolato come differenza tra la tariffa incentivante base (a cui vanno sommati eventuali premi a cui ha diritto l impianto) e il prezzo zonale orario dell energia (riferito alla zona in cui è immessa in rete l energia elettrica prodotta dall impianto). L energia prodotta dagli impianti che accedono all incentivo (I) resta nella disponibilità del produttore, che può decidere come valorizzarla. In altre parole, la Tariffa Incentivante Onnicomprensiva (TO) costituisce un unica fonte di ricavo. Il suo valore, infatti, include sia l incentivo sia la remunerazione dell energia immessa in rete. Finito il periodo di incentivazione, cessa la componente incentivante, ma rimane naturalmente la possibilità di remunerare l energia prodotta. Nel caso dell Incentivo (I), in aggiunta allo stesso, il produttore può contare su un ulteriore ricavo: la valorizzazione dell energia elettrica prodotta. LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 7

9 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 8 I regimi incentivanti del D.M. 6 luglio 2012 sono alternativi ai meccanismi dello Scambio Sul Posto (SSP) e del Ritiro Dedicato (RID). Le modalità di accesso agli incentivi dipendono dalla potenza dell impianto e dalla tipologia di fonte rinnovabile e, nel caso delle biomasse, dal tipo di alimentazione, come segue: Accesso diretto, nel caso di interventi di nuova costruzione, integrale ricostruzione, riattivazione o potenziamento con potenza non superiore ad un determinato limite definito dall art.4 comma 3 del D.M. 6 luglio 2012, per ciascuna tipologia di fonte o per specifiche casistiche (es. 100 kw per biogas, 200 kw per biomasse da prodotti e sottoprodotti di origine biologica); Registri per interventi di nuova costruzione, integrale ricostruzione, riattivazione o potenziamento con potenza superiore a quella massima ammessa per l accesso diretto agli incentivi e non superiore al valore di soglia oltre il quale è prevista la partecipazione a procedure di Aste competitive al ribasso. L iscrizione ai Registri deve essere in posizione utile cioè tale da rientrare nei contingenti annui di potenza incentivabili definiti dall art.9 comma 4 del D.M. 6 luglio 2012; Registri per interventi di rifacimento, nel caso di rifacimenti di impianti la cui potenza successiva all intervento è superiore a quella massima ammessa per l accesso diretto. Anche in questo caso, l iscrizione ai Registri deve essere in posizione utile cioè tale da rientrare nei contingenti annui di potenza incentivabili definiti dall art.17 comma 1 del D.M. 6 luglio 2012; Aste al ribasso, nel caso di interventi di nuova costruzione, integrale ricostruzione, riattivazione o potenziamento con potenza superiore a un determinato valore di soglia (10 MW per gli impianti idroelettrici, 20 MW per gli impianti geotermoelettrici e 5 MW per gli altri impianti a fonti rinnovabili). In caso di interventi di potenziamento, per determinare la modalità di accesso agli incentivi, la potenza da considerare corrisponde all incremento di potenza a seguito dell intervento. Per le biomasse e il biogas la determinazione della tariffa incentivante e la modalità di accesso all incentivo dipendono dal tipo di alimentazione, come definito all art. 8 comma 4 del Decreto: a. prodotti di origine biologica; b. sottoprodotti di origine biologica; c. rifiuti per i quali la frazione biodegradabile è determinata forfettariamente; d. rifiuti non provenienti da raccolta differenziata diversi dalla lettera c). Ai fini della determinazione della tariffa incentivante base dell impianto è necessario individuare la tipologia di alimentazione dell impianto facendo riferimento esclusivamente a quanto riportato nel titolo autorizzativo alla costruzione ed esercizio dello stesso.

10 Nei casi in cui il titolo autorizzativo non indichi in modo esplicito l obbligo all utilizzo di una sola tipologia ( Tipo a, Tipo b, Tipo c o Tipo d ) o, comunque, consenta un utilizzo di fonti ricadenti in più tipi, l individuazione della tariffa incentivante di riferimento è effettuata attribuendo all intera produzione la tariffa incentivante base di minor valore fra quelle riferibili alle tipologie autorizzate. Per i soli impianti a biomasse e biogas di potenza non superiore a 1 MW e nel solo caso in cui dall autorizzazione risulti che per l alimentazione vengono utilizzati sottoprodotti ricadenti nel Tipo b, congiuntamente a biomasse rientranti nel Tipo a, con una percentuale di queste ultime non superiore al 30% in peso, si attribuisce all intera produzione la tariffa incentivante base prevista per i sottoprodotti di Tipo b. Nella figura 1 sono riportate le modalità di accesso alle incentivazioni per biomasse e biogas. Figura 1 Modalità di accesso ai meccanismi incentivanti del D.M. 6 luglio 2012*. (Fonte: GSE, 2012) (*) Per impianti realizzati con procedure ad evidenza pubblica da Amministrazioni pubbliche le potenze massime per l accesso diretto sono raddoppiate. La vita utile degli impianti, la tariffa incentivante base e gli eventuali premi, per ciascuna fonte, tipologia di impianto e classe di potenza sono riportate nella corrispondente figura 1 contenuta nelle Procedure applicative del GSE sul D.M. 6 luglio LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 9

11 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 10 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI Figura 2 Tariffe incentivanti base previste per il 2013 e premi stabiliti dal D.M. 6 luglio 2012 (Fonte: GSE, 2012)

12 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 11 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

13 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 2.3 Gli scenari di intervento Il panorama di sviluppo nel 2013 di nuovi impianti di produzione di energia elettrica alimentati a biomasse e a biogas in Italia sarà in buona parte influenzato dai nuovi meccanismi di incentivazione (D.M. 6/7/2012). In particolare, avranno un ruolo importante le iscrizioni dei suddetti progetti nelle graduatorie dei Registri e delle Aste. Per l accesso ai meccanismi di incentivazione il Soggetto Responsabile dell impianto deve richiedere al GSE l iscrizione al Registro informatico relativo alla fonte e alla tipologia di appartenenza dell impianto oppure, in base alle caratteristiche dell impianto, deve partecipare a procedure pubbliche di Asta al ribasso per la definizione dei livelli di incentivazione. Il GSE pubblica il bando relativo alla procedura di iscrizione al Registro oppure di partecipazione alla procedura di Asta 30 giorni prima dell inizio del periodo per la presentazione delle relative domande. La durata del predetto periodo è di 60 giorni. 12 Il bando relativo alla prima procedura di iscrizione al Registro (riferita ai contingenti di potenza disponibili per il 2013) e di partecipazione alla procedura di Asta è stato pubblicato in data 8/9/2012. Per i periodi successivi, le procedure sono pubblicate entro il 31 marzo di ogni anno, a decorrere dal Sono ammessi ai meccanismi di incentivazione gli impianti rientranti nelle graduatorie dei Registri e delle Aste, nel limite dello specifico contingente di potenza. Nel caso in cui la disponibilità del contingente per l ultimo impianto ammissibile sia minore dell intera potenza dell impianto è facoltà del Soggetto Responsabile accedere agli incentivi per la quota parte di potenza rientrante nel contingente. LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI In caso di impianti iscritti nelle graduatorie dei Registri e delle Aste in posizione non utile (non ammessi), non si ha diritto all incentivazione ma è comunque prevista la possibilità per il medesimo impianto di presentare richiesta di iscrizione a successivi Registri ovvero di partecipare ad Aste successive. Per i Registri, per il periodo , sono fissati i seguenti contingenti annuali di potenza, espressi in MW: REGISTRI MW MW MW Eolico onshore Eolico offshore Idroelettrico Geotermoelettrico

14 REGISTRI MW MW MW Biomasse di cui all art. 8, comma 4 lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione, e gas di discarica e bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all art. 8, comma 4 lettera c) Oceanica (comprese maree e moto ondoso) Tabella 1 Contingenti annuali di potenza, periodo , per i Registri Per le Aste, per il periodo , sono fissati i seguenti contingenti di potenza, espressi in MW, da mettere ad asta: IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE ASTE MW MW MW Eolico onshore Eolico offshore Idroelettrico Geotermoelettrico Biomasse di cui all art. 8, comma 4 lettere a), b) e d), biogas, gas di depurazione, e gas di discarica e bioliquidi sostenibili Biomasse di cui all art. 8, comma 4 lettera c) Tabella 2 Contingenti annuali di potenza, periodo , per le Aste A metà gennaio 2013, il GSE ha pubblicato le graduatorie del 1 Bando dei Registri e delle Aste. Per quanto riguarda i Registri, si è avuta una partecipazione superiore ai contingenti disponibili per tutte le fonti, ad eccezione delle biomasse di cui all art.8, comma 4, lettera c) del Decreto, per le quali il contingente per l anno 2013 è pari all intera potenza disponibile nel triennio. Per capire la probabile evoluzione degli impianti a fonti rinnovabili per il 2013 è utile esaminare la tabella riepilogativa, pubblicata dal GSE ed aggiornata al 30/04/2013, degli impianti ammessi ai Registri in posizione utile o vincitori delle procedure d Asta ai sensi del D.M. 6/7/2012 (figura 4). LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

15 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 14 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI Figura 3 Quadro di sintesi istruttoria Registri, Aste e Rifacimenti (Fonte: GSE, 2013)

16 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 15 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

17 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 16 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI Figura 4 Tabella riepilogativa impianti ammessi a Registri/Aste al 30/04/2013 (Fonte: GSE, 2013)

18 3. ASPETTI TECNICI 3.1 Biocombustibili solidi, liquidi, gassosi (biogas) La normativa nazionale definisce «biomassa» la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l acquacoltura, gli sfalci e le potature provenienti dal verde pubblico e privato, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani (Decreto Legislativo 28/2011). I bioliquidi sono combustibili liquidi per scopi energetici diversi dal trasporto, compresi l elettricità, il riscaldamento ed il raffreddamento, prodotti dalla biomassa (Decreto Legislativo 28/2011). Inoltre per «biogas» si intende il gas prodotto dal processo biochimico di fermentazione anaerobica di biomassa. Le biomasse ed il biogas rientrano tra le fonti rinnovabili e, se utilizzate all interno di un ciclo locale di produzione-utilizzazione nel rispetto del patrimonio forestale e della biodiversità, rappresentano una preziosa fonte energetica rinnovabile. IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE Le biomasse possono presentarsi in una vastissima gamma di tipologie, vergini o residuali di lavorazioni agricole e industriali. A volte si usa il termine biocombustibili per indicare i combustibili ricavati dalla biomassa. Si possono avere: biocombustibili solidi (legna da ardere, pellet, cippato, ricavato da alberi, tronchi, residui di potatura, ma anche sottoprodotti o residui dell industria di lavorazione del legno) 17 biocombustibili liquidi (oli vegetali, biodiesel, bioetanolo) LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

19 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 18 Il cippato (figura 5) è legno ridotto in scaglie tramite una macchina specificamente progettata, detta cippatrice, che può presentarsi fissa, semovente, carrellata, allestita su rimorchio o su autocarro o montata sull attacco a tre punti del trattore (figura 6). La macchina può essere dotata di motore autonomo o essere azionata dalla presa di potenza del trattore. In base all organo di taglio le macchine possono essere classifi cate in: cippatrici a disco, cippatrici a tamburo e cippatrici a vite o coclea. Figura 5 Figura 6 Cippato di legno Macchina cippatrice (Fonte: Consulente Energia, 2013) (Fonte: Jenz, 2013) Il pellet è un combustibile densificato, generalmente di forma cilindrica, derivante da un processo industriale per il quale la materia prima viene trasformata in piccoli cilindri di diametro variabile da 6 a 8 mm e lunghezza compresa fra 5 e 40 mm (figura 7). Nel processo produttivo la materia prima viene immessa nella cavità di pellettatura dove viene forzata da un pressore rotante attraverso delle matrici forate, dette trafile, comprimendola in pellet. Il raggiungimento di elevate temperature determina il parziale rammollimento dei costituenti della matrice legnosa, in modo specifico della lignina, che fondendo funge da collante naturale (figura 8). Figura 7 Figura 8 Pellet Macchina pellettatrice (Fonte: Pelletshome, 2013) (Fonte: General Dies, 2013)

20 I principali processi di trasformazione che permettono la valorizzazione energetica della biomassa all interno dei sistemi energetici (motori a combustione interna, turbine a gas, etc.) sono: combustione diretta (produzione di energia termica e meccanica); digestione anaerobica (produzione biogas); gassificazione (produzione di syngas); pirolisi (produzione di pyrogas); estrazione/spremitura (produzione olio vegetale grezzo). Il biogas è prodotto da reflui zootecnici, sostanze organiche, residui agricoli, deiezioni animali, fanghi di depurazione delle acque reflue, frazione organica dei rifiuti urbani (FORSU). Il biogas che si origina dalle discariche dei rifiuti urbani viene anche chiamato gas di discarica. Va inoltre citato il syngas, anche detto gas di sintesi, che viene prodotto dalla reazione ad alta temperatura di differenti sostanze solide, tra cui residui agricoli e rifiuti. La differenza con il biogas consiste essenzialmente nella differente composizione chimica. Gli Oli Vegetali Puri (OVP) sono il risultato di processi di spremitura meccanica dei semi di alcune piante oleaginose, come il girasole ed il colza (figura 9, figura 10). Gli OVP, oltre ad avere numerosi impieghi in ambito alimentare ed industriale, costituiscono anche una valida risorsa rinnovabile per la produzione di energia o come biocarburanti. Figura 9 Figura 10 Girasole Colza (Fonte: C.R.P.A., 2013) (Fonte: C.R.P.A., 2013) LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 19

21 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 20 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI Le filiere agroenergetiche basate sulle colture oleaginose devono comunque rispettare i principi di sostenibilità ambientale, evitando inoltre la competizione nell utilizzo dei terreni agricoli destinati all alimentare. 3.2 Tecnologie impiantistiche Un impianto alimentato a biomasse o a biogas è un impianto che trasforma l energia chimica, contenuta nel combustibile (la biomassa o il biogas), in energia meccanica e successivamente in energia elettrica. Vista la varietà di biomasse disponibili, esiste anche una pluralità di soluzioni impiantistiche. In ogni caso, al di là di una fase preliminare di trattamento della biomassa, gli impianti che utilizzano tali combustibili sono abbastanza simili a quelli alimentati da combustibili tradizionali. Le taglie degli impianti possono variare dalle centinaia di kw dei piccoli gruppi elettrogeni alimentati da bioliquidi o biogas, sino alle decine di MW delle grandi centrali termoelettriche alimentate da legna. Un uso particolarmente virtuoso delle biomasse prevede, oltre alla produzione di elettricità, il recupero del calore per riscaldare ambienti o per fornire calore utile a industrie (cogenerazione). Le soluzioni impiantistiche variano per tipo di biomasse, tecnologia utilizzata e prodotto finale (solo energia elettrica, solo energia termica, energia elettrica ed energia termica). Ad esempio, la combustione diretta della biomassa in forni appositi può avvenire in sospensione, su griglia fissa o mobile, su letto fluido. Carbonizzazione, pirolisi e gassificazione sono processi più raffinati e complessi che permettono di ottenere combustibili intermedi solidi, liquidi e gassosi più puri rispetto alla fonte di partenza, facilitando l esercizio dell impianto e il rispetto delle normative ambientali. Particolarmente interessante appare la gassificazione in quanto il syngas (gas di sintesi) ottenuto ha il vantaggio di essere versatile, di garantire elevati rendimenti di combustione ed emissioni più contenute. Le tipologie impiantistiche più diffuse sono: impianti alimentati da biomasse liquide (oli vegetali, biodiesel), costituiti da motori accoppiati a generatori (gruppi elettrogeni); impianti alimentati da biomasse solide (vegetali o legnose), con la produzione di biogas o syngas, costituiti da motori o turbine a gas accoppiati a generatori; impianti tradizionali con forno di combustione della biomassa solida, caldaia che alimenta una turbina a vapore accoppiata ad un generatore; impianti termoelettrici ibridi, che utilizzano biomasse e fonti convenzionali (il caso più frequente è la co-combustione della biomassa e della fonte convenzionale nella stessa fornace).

22 Si riporta di seguito una tabella SWOT della tecnologia di digestione anaerobica. FORZE uso di biomasse con elevata umidità migliore controllo nitrati controllo emissione odorigene tecnologia consolidata valorizzazione di sottoprodotti agricoli/zootecnici riduzione emissione di gas ad effetto serra conduzione dell impianto relativamente semplice costi di investimento ridotti alto rendimento elettrico OPPORTUNITÀ incentivi interessanti per impiego di reflui zootecnici minori costi di approvvigionamento in caso di utilizzo di reflui aziendali diminuzione costi di smaltimento reflui DIGESTIONE ANAEROBICA DEBOLEZZE necessità di controllare attentamente l andamento della digestione difficoltà a strutturare la filiera di approvvigionamento con contratti pluriennali rischi di danni atmosferici alle colture in campo elevati volumi dei digestori riduzione emissione di gas ad effetto serra conduzione dell impianto relativamente semplice costi di investimento ridotti alto rendimento elettrico MINACCE bassi incentivi per uso di insilati cambi nella normativa Tabella 3 SWOT della tecnologia digestione anaerobica IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE 21 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

23 IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE Impianti di digestione anaerobica Un impianto a biogas è un installazione complessa costituita da elementi la cui struttura dipende in larga misura dalla quantità e qualità delle materie prime trattate. Ci sono, di conseguenza, varie tecnologie, diversi tipi di costruzioni e sistemi di funzionamento per trattare le diverse materie prime. Negli impianti di biogas a digestione anaerobica il processo produttivo prevede: trasporto, stoccaggio ed eventuale pre-trattamento delle materie prime; produzione di biogas, mediante digestione anaerobica; stoccaggio del digestato, eventuale trattamento e utilizzo agronomico; stoccaggio del biogas, trattamento e utilizzo nei gruppi di cogenerazione per produrre energia elettrica e calore (es. per riscaldare i digestori). 22 LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI 1 Stalla 8 Gasometro 2 Vasca per effluenti zootecnici (liquami) 9 Cogeneratore 3 Contenitore di ricezione/raccolta biomasse 10 Vasca di stoccaggio del digestato coperta 4 Vasca di igienizzazione (se prevista) 11 Terreno agricolo 5 Trincee di stoccaggio biomasse 12 Trasformatore/allacciamento rete elettrica 6 Sistema di carico dei substrati solidi 13 Teleriscaldamento (quando possibile) 7 Digestione (reattore biogas) Figura 11 Impianto a biogas di co-digestione (insilati ed effluente zootecnico) (Fonte: Lorenz, 2008)

24 La figura 11 mostra una rappresentazione semplificata di un tipico impianto agricolo di biogas con co-digestione (che impieghi, cioè, insilati ed effluenti zootecnici), sintetizzabile come segue: nella prima fase del processo (stoccaggio, pre-trattamento, trasporto e alimentazione dei substrati) le unità coinvolte sono: la vasca di stoccaggio dei liquami (2), ricezione/raccolta di eventuali co-prodotti pompabili (3), sistema di igienizzazione, se necessario (4), trincee di stoccaggio (5) e sistema di alimentazione dei substrati solidi (6); la seconda fase del processo è relativa alla produzione di biogas nel digestore (7); la terza fase del processo è rappresentata dalla vasca di stoccaggio del digestato (10) e il suo utilizzo agronomico come fertilizzante in campo (11); IMPIANTI A BIOGAS E BIOMASSE la quarta fase del processo (trattamento e utilizzo del biogas) comprende il gasometro (8) e l unità di cogenerazione (9). Queste quattro fasi sono strettamente legate tra loro (ad es. nella fase 4 viene prodotto il calore necessario per il riscaldamento del digestore, fase 2). Il substrato digerito (digestato) viene pompato fuori dal digestore e convogliato nelle vasche di stoccaggio. Queste, se coperte da teli gasometrici, possono permettere la raccolta del biogas residuo (post-digestione). In alternativa il digestato può essere raccolto in vasche scoperte, eventualmente dotate di sistemi di copertura semplificati in grado di ridurre le emissioni residue (ammoniaca principalmente). 23 I substrati utilizzabili per la trasformazione in biogas sono vari e non necessariamente di produzione zootecnica e/o agricola: Liquame suino. Il contenuto di sostanza secca di questo effluente zootecnico varia dall 1 al 6%, a seconda della tipologia di allevamento di origine; dal liquame prodotto da un suino da ingrasso del peso vivo medio di 85 kg si possono ottenere mediamente 0,100 m3 di biogas al giorno. Liquame bovino. Il contenuto di solidi totali oscilla tra l 8 e il 15% e varia oltre che in funzione del tipo di allevamento anche in base alla quantità di paglia aggiunta nelle stalle. Dal liquame prodotto da una vacca da latte del peso vivo medio di 500 kg si possono ottenere mediamente 0,750 m3 di biogas al giorno. Deiezioni avicole. Tra le varie deiezioni avicole, la pollina di galline ovaiole è quella che più si presta alla digestione anaerobica, perchè l allevamento in gabbie non prevede l uso di lettiera. Le deiezioni asportate fresche presentano un contenuto in solidi totali del 18-20% e alto contenuto di azoto. L ammoniaca può raggiungere alte concentrazioni e inibire il processo di digestione. Residui colturali. Si tratta di residui provenienti dai raccolti agricoli quali foraggi, frutta e vegetali LINEE GUIDA SULLA BANCABILITÀ DEI PROGETTI

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE

STRATEGIE E MERCATI CNREUROPE CHI SIAMO CNREUROPE, società del gruppo internazionale One-Eko, nasce dall esperienza pluriennale internazionale dei suoi soci nel settore dell Energia Rinnovabile, dell Ingegneria e del Settore Finanziario.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Impianti idroelettrici

Impianti idroelettrici Impianti idroelettrici Un impianto idroelettrico è costituito da opere civili ed idrauliche (diga o traversa di sbarramento, sistema di presa, vasca di carico, opere di convogliamento e di restituzione,

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI FOTOVOLTAICO MINIEOLICO BIOMASSE 1 In ingegneria energetica con il termine energie rinnovabili si intendono quelle forme di energia generate da fonti di energia che per loro

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010

Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010 Incentivazione delle fonti rinnovabili: Certificati Verdi e Tariffe Onnicomprensive. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2010 Aprile 2011 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 1. LA QUALIFICAZIONE DEGLI IMIANTI...

Dettagli

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose

Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Montichiari (BS) 24 gennaio 2013 Come si applicano gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti di gassificazione alimentati a biomasse legnose Marino Berton GASSIFICAZIONE E SISTEMA

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014 Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso 7 febbraio 2014 Indice Principali aspetti del decreto biometano Le potenzialità della filiera della provincia di Treviso

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe

Power Syn. Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili. da 199 a 999 kwe Power Syn Impianto di cogenerazione a biomassa per produzione di energia da fonti rinnovabili da 199 a 999 kwe INTRODUZIONE La gassificazione è un processo di conversione termochimica di una massa organica

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico

Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico Workshop ISPRA (GdL - Energie Rinnovabili sul Territorio): Biomasse e loro utilizzo energetico Ing. Stellio Vatta ARPA FVG DEFINIZIONE DI BIOMASSA Ai sensi della legislazione comunitaria e nazionale sull

Dettagli

ALLEGATO E1 Valori del potere calorifico (P.C.) dei diversi tipi di biomassa confrontati con combustibili fossili. Litro equivalente di gasolio

ALLEGATO E1 Valori del potere calorifico (P.C.) dei diversi tipi di biomassa confrontati con combustibili fossili. Litro equivalente di gasolio ALLEGATO E1 Valori del potere calorifico (P.C.) dei diversi tipi di biomassa confrontati con combustibili fossili Tipologia P.C. netto kwh/kg Costo /kg Litro equivalente di gasolio Litro equivalente di

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti

Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti Meccanismi di incentivazione dell energia da rifiuti Ing. Nicola Iannarelli Studio Iannarelli Energia-Ambiente studioiannarelli@alice.it 339.4199942 Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

Piano di azione nazionale per le fonti rinnovabili

Piano di azione nazionale per le fonti rinnovabili Approfondimento Piano di azione nazionale per le fonti rinnovabili Il piano di azione nazionale per le energie rinnovabili L Unione europea ha stabilito un quadro di azione, comune a tutti gli stati membri,

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

IMPIANTO COGENERATIVO A CIPPATO DI LEGNO

IMPIANTO COGENERATIVO A CIPPATO DI LEGNO IMPIANTO COGENERATIVO A CIPPATO DI LEGNO 1 Il cippato: il carburante per la cogenerazione Tra le fonti rinnovabili le biomasse legnose rappresentano una buona opportunità di investimento diversificata

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

Scheda 7. «Agricoltura e Agroenergie» TECNOLOGIA PER LE AGROENERGIE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 7. «Agricoltura e Agroenergie» TECNOLOGIA PER LE AGROENERGIE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 7 «Agricoltura e Agroenergie» TECNOLOGIA PER LE AGROENERGIE GREEN JOBS Formazione e Orientamento CARATTERISTICHE DELLE TECNOLOGIE A seconda dello stato delle biomasse vegetali fresche/umide, oppure

Dettagli

Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Guida agli incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Maggio 2010 INDICE INDICE INTRODUZIONE...

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili

Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il contatore degli oneri delle fonti rinnovabili Il costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici 30 settembre

Dettagli

Biomasse vegetali: i possibili processi di conversione energetica

Biomasse vegetali: i possibili processi di conversione energetica Biomasse vegetali: i possibili processi di conversione energetica Giovanni Candolo L utilizzo di fonti energetiche rinnovabili assumerà un importanza non indifferente nel contesto energetico futuro. La

Dettagli

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero

BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero BESC : dal refluo, energia rinnovabile! Sustainable Technologies SL ha lanciato un nuovo concetto: BESC (Biodepuratore Ecosostenibile per Siero Caseario). Dalla nascita del concetto ad oggi, BESC si è

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

SCUOLA DOTTORALE IN INGEGNERIA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E INDUSTRIALE CICLO XXV ANALISI DELLE PROSPETTIVE TECNICO - ECONOMICHE

SCUOLA DOTTORALE IN INGEGNERIA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E INDUSTRIALE CICLO XXV ANALISI DELLE PROSPETTIVE TECNICO - ECONOMICHE SCUOLA DOTTORALE IN INGEGNERIA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E INDUSTRIALE CICLO XXV ANALISI DELLE PROSPETTIVE TECNICO - ECONOMICHE DI IMPIANTI DI PICCOLA POTENZA PER L'UTILIZZAZIONE ENERGETICA

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel

Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili. Marino Berton presidente Aiel Il Biometano nel Decreto Legislativo sulle rinnovabili Marino Berton presidente Aiel Il peso delle bioenergie rispetto a tutte le fonti rinnovabili in Europa RES in EU27 57% 60% 61% Stima del contributo

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Energia solare BIOMASSA

Energia solare BIOMASSA Energia solare BIOMASSA Leonardo Setti Polo di Rimini Università di Bologna Associazione Luce&Vitaenergia, Medicina (BO) FOTOSINTESI anabolici catabolici MOLECOLE SEMPLICI (H 2 O e CO 2 ) INTERMEDI (glucosio)

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

BIOGAS REGIONS. La valorizzazione degli scarti agricoli e agroindustriali: il Biogas e la produzione di Energia

BIOGAS REGIONS. La valorizzazione degli scarti agricoli e agroindustriali: il Biogas e la produzione di Energia BIOGAS REGIONS La valorizzazione degli scarti agricoli e agroindustriali: il Biogas e la produzione di Energia Introduzione Sapevate che il biogas prodotto dagli scarti della Vostra azienda può diventare

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo

Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo Agricoltura ed energia rinnovabile: il quadro normativo A cura della Dott.ssa ROBERTA CIAVARINO _ INEA Campania La lotta ai cambiamenti climatici è profondamente interconnessa alla questione energetica,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA. Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale. Sabrina Giuca

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA. Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale. Sabrina Giuca ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA Le biomasse nella politica energetica comunitaria e nazionale Sabrina Giuca Giornata di studio Cambiamenti climatici e bio-energie in agricoltura Università degli

Dettagli

Società agricola BIOMAX A.r.L

Società agricola BIOMAX A.r.L Società agricola BIOMAX A.r.L Impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabile ( potenza nominale 999 KWel ) mediante l utilizzo di biomasse di origine agricola da realizzarsi in Comune

Dettagli

Le energie rinnovabili

Le energie rinnovabili COGENERAZIONE Le energie rinnovabili Il D.Lgs.387 del 29/12/2003 in attuazione della Direttiva Europea 2001/77/CE abrogata con la 2003/30/CE dalla 2009/28/CE del 05/06/2009 che deve essere recepita entro

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NE NOMISMA ENERGIA srl La filiera foresta-legno-energia in Provincia di Trento. Il mercato delle biomasse in Italia: criticità e sviluppi futuri

NE NOMISMA ENERGIA srl La filiera foresta-legno-energia in Provincia di Trento. Il mercato delle biomasse in Italia: criticità e sviluppi futuri NE NOMISMA ENERGIA srl La filiera foresta-legno-energia in Provincia di Trento Il mercato delle biomasse in Italia: criticità e sviluppi futuri Ing. Michele Cristiani Trento, 26 Maggio 2011 INDICE IL CONTESTO

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE VISTA la direttiva 2009/28/CE del 23 aprile 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A.

Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Eco-innovation Case history di Inalca S.p.A. Parma, 8 maggio 2012 Giovanni Sorlini Responsabile Qualità, Ambiente e Sviluppo Sostenibile sorlini@inalca.it GRUPPO CREMONINI : ORGANIGRAMMA FAMIGLIA CREMONINI

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano Biometano Che cos è il biometano? Il termine Biometano si riferisce a un biogas che ha subito un processo di raffinazione per arrivare ad una concentrazione di metano del 95% ed è utilizzato come biocombustibile

Dettagli

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW

COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW COSTI E REALIZZAZIONE IMPIANTO DI 200 KW L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE PER LO SVILUPPO DI UN ATTIVITA ECOSOSTENIBILE NELL OTTICA DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELL AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

Sostenibilità sociale, economica e tecnologica della produzione di energia elettrica da biogas da digestione anaerobica.

Sostenibilità sociale, economica e tecnologica della produzione di energia elettrica da biogas da digestione anaerobica. Sostenibilità sociale, economica e tecnologica della produzione di energia elettrica da biogas da digestione anaerobica. Mirko Morini Le bioenergie Residui e Rifiuti umidi Reflui zootecnici Colture dedicate

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Note informative ed operative aprile 2013 INDICE pag. - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI FOTOVOLTAICI.. 1 - Impianti installati

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE Dr. Alberto Cucatto - Provincia di Torino Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche alberto.cucatto@provincia.torino.it Dr. Massimo

Dettagli

IMPIANTI A BIOGAS. Documento divulgativo sulle problematiche delle emissioni in atmosfera convogliate e diffuse (odori)

IMPIANTI A BIOGAS. Documento divulgativo sulle problematiche delle emissioni in atmosfera convogliate e diffuse (odori) Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it IMPIANTI A BIOGAS Documento divulgativo sulle problematiche

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

BIOMETANO Una nuova opportunità per la valorizzazione delle biomasse

BIOMETANO Una nuova opportunità per la valorizzazione delle biomasse BIOMETANO Una nuova opportunità per la valorizzazione delle biomasse EIMA International 2014 Roberto Murano Bologna, Venerdì 14 Novembre 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione

Dettagli

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi

1. Semplificazione dei Procedimenti Amministrativi Osservazioni alla Bozza del Decreto Ministeriale in attuazione del DLgs 28/2011 sulle misure di sostegno alla produzione elettrica da fonti rinnovabili La Fondazione per lo sviluppo sostenibile accoglie

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli

CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI

CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI CONVEGNO ENERGIA RINNOVABILE EFFICIENZA ENERGETICA SOSTENIBILTA AMBIENTALE NELLA REGIONE MOLISE LE POLITICHE AGRIENERGETICHE REGIONALI Dott. For. Nicola Pavone Dott.ssa Anna Del Riccio Servizio di Programmazione

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO

LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO LA VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE POTATURE DI OLIVO Prof. Franco Cotana 1, ing. Gianluca Cavalaglio 1 1 Centro di Ricerca sulle Biomasse, Via M. Iorio 8, Tel. 075.500.42.09 cotana@crbnet.it, cavalaglio@crbnet.it

Dettagli

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite ,PSLDQWLGLPLFURFRJHQHUD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Si tratta di impianti che utilizzano un combustibile per la produzione combinata di elettricità e calore (detta cogenerazione), di piccola taglia

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E

CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E CNREUROPE GMBH IMPIANTI DI COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE GENGAS Un azienda giovane, dinamica, fortemente innovativa che, investendo in Ricerca & Sviluppo, ha messo a punto performanti tecnologie altamente

Dettagli

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Il DM 6 luglio 2012 sugli incentivi alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Eolica

Dettagli

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2

da Biogas Produzione di energia Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 Produzione di energia da Biogas Sommario IL GAS DELLE DISCARICHE 2 SOGGETTI INTERESSATI ALLA PRODUZIONE DI BIOGAS DA REFLUI ZOOTECNICI E SCARTI AGROALIMENTARI 3 I VANTAGGI CONNESSI CON LA PRODUZIONE DI

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

I Processi Termochimici

I Processi Termochimici Energia da Biomasse e Biocombustibili in Sardegna Lo stato dell arte della ricerca nel settore della produzione di energia da biomasse: I Processi Termochimici Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO

DESCRIZIONE IMPIANTO DESCRIZIONE IMPIANTO Le opere e gli impianti funzionali alla realizzazione del progetto sono i seguenti: - n. 1 centrali di cogenerazione alloggiate in container; - n. 1 cabina elettrica; - n. 1 serbatoio

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - RE BIOMASSE AVVIABILI A BIOGAS BIOMASSE

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione

Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione Polo Territoriale di Cremona Diffusione degli impianti biogas in Italia e a Cremona: numero, tipologie, taglie e alimentazione Ruolo degli impianti bioenergetici in Italia 2 Distribuzione quantitativa

Dettagli

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE*

come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* AGRICOLTURA 36 come ti coltivo il clima di LUCA D APOTE* Mentre gli Usa annunciano una nuova politica della green economy coinvolgendo soprattutto l agricoltura, l UE rilancia sulle politiche di lotta

Dettagli

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it. NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it. NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari Comitato Rifiuti Zero Fiumicino www.rifiutizerofiumicino.it NO al megaimpianto a BIOGAS in Viale di Tre Denari Indice 1. Introduzione 2. Le ragioni del nostro NO 3. La questione dei rifiuti a Fiumicino

Dettagli