Preparing for the Next Policy Phase: Executive Summary

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preparing for the Next Policy Phase: Executive Summary"

Transcript

1 1. INTRODUZIONE Questa sintesi ha come obiettivo la presa in rassegna e la valutazione dei cambiamenti nella politica regionale degli Stati membri dell Ue e della Norvegia nel periodo che va dall inizio del 2004 fino alla metà del 2005 (con riferimento anche agli sviluppi nei nuovi Stati membri). Lo politica regionale sta attraversando una fase interessante. Da un lato, l attuale periodo di vigore dei Regolamenti dei Fondi strutturali e degli Orientamenti sugli aiuti a finalità regionale sta per concludersi e, in concomitanza a ciò, si sono registrati dei progressi nell individuazione dei principali parametri della politica regionale per il periodo Dall altro lato, vi sono ancora grandi incertezze riguardo al futuro di tale politica, specialmente dopo il mancato accordo, lo scorso giugno, sulle risorse. Allo stesso tempo, il periodo in esame è stato testimone di notevoli cambiamenti e revisioni della politica regionale, che includono i nuovi Libri Bianchi emessi dai Paesi Bassi e dalla Norvegia e un nuovo Atto per lo Sviluppo Imprenditoriale in Danimarca; le nuove regolamentazioni sugli incentivi regionali in Belgio, Francia, Grecia, Portogallo e Svezia; la conclusione di un importante riesame del quadro per la politica regionale in Germania e nuove dichiarazioni circa gli sviluppi futuri in Finlandia, Lussemburgo, Portogallo e Spagna. Inoltre, recenti iniziative in Francia, Portogallo, Svezia e Regno Unito hanno permesso l entrata in vigore delle nuove direttive introdotte nel periodo Il documento è strutturato in 6 sezioni. La sezione 2 esamina i cambiamenti verificatisi nella percezione del problema regionale. La sezione 3 presenta una panoramica delle recenti risposte politiche, analizzando dapprima la situazione paese per paese e proponendo quindi un quadro comparato dei principali temi evidenziati. La sezione 4 si occupa più approfonditamente delle diverse componenti della politica regionale: incentivi regionali, misure a sostegno dell ambiente imprenditoriale, programmazione regionale e definizione di strategie e altre iniziative di politica territoriale. La sezione 5 analizza i principali cambiamenti a livello amministrativo e, infine, la sezione 6 conclude il documento, traendo alcune conclusioni e fornendo una serie di spunti di riflessione. 2. PERCEZIONE DEL PROBLEMA REGIONALE I paesi Ue15 sono suddivisi in quattro gruppi (analizzati separatamente). Nel primo gruppo sono collocati quei paesi in cui il problema è percepito come nazionale, paesi con un PIL nazionale molto al di sotto la media Ue25: Grecia, Portogallo e Spagna. Al secondo gruppo appartengono due paesi che presentano forti squilibri interni la Germania, con una chiara distinzione tra i vecchi e i nuovi Länder, e l Italia con lo storico divario nord-sud. Il Terzo gruppo è costituito dai paesi nordici in cui ampie aree sono vessate da problemi di lungo periodo legati alla posizione, al clima e alla fragile struttura degli insediamenti: Finlandia e Svezia (e anche Norvegia). I rimanenti paesi Ue15 hanno affrontato solamente problemi marginali nell ambito della politica regionale (nei limiti del contesto Ue). Questi paesi possono essere suddivisi in due sottogruppi: quelli in cui la percezione è che non ci sia più un problema regionale associato alle aree svantaggiate (Austria, Lussemburgo, Paesi Bassi) 1 European Policies Research Centre

2 e quelli in cui si ravvisa ancora una persistenza di specifici problemi in alcune aree, problemi che comunque non sono registrati dalle misure di disparità utilizzate dalla politica di coesione europea (Danimarca, Francia, Regno Unito e Belgio). All interno dei paesi Ue15 e della Norvegia, l elemento principale della polititca è rappresentato dalla necessità di incrementare la crescita e la competitività nazionali attraverso il miglioramento del potenziale di sviluppo di tutte le regioni. Il problema regionale non è più visto solamente in temini di particolari svantaggi che specifiche regioni devono fronteggiare; al contrario, l analisi del problema è quasi ovunque ricondotta alle sfide della globalizzazione, dell aumentata competizione internazionale ed all associato bisogno di assicurare che tutte le regioni siano in una posizione tale da permettere loro di massimizzare il contributo alla crescita e allo sviluppo nazionale. Questa posizione riflette il crescente accento concettuale posto sul rafforzamento del potenziale endogeno ed è anche in linea con le variazioni in atto a livello europeo (rispetto alla politica di coesione e della concorrenza) finalizzate alla riduzione della componente territoriale delle politiche e a favorire l aumento della componente tematica, con una particolare attenzione sui temi dell innovazione e della competitività. Questo tipo di approccio è considerato richiedere una differenziazione delle politiche da regione a regione e, in molti paesi, l attribuzione di un peso crescente al ruolo dei centri urbani nello sviluppo economico. Questo a sua volta ha posto la questione, in vari paesi, di quale sia la unità territoriale più appropriata per analizzare (ed attuare) le politiche e quale sia la base informativa sulla quale debbano fondarsi la definizione e la valutazione delle politiche. Fatte queste precisazioni, le tradizionali preoccupazioni riguardo ai problemi delle regioni non sono sparite. Esse rimangono prioritarie nell agenda politica tedesca e in Italia in risposta alle continue e significative disparità strutturali. Anche nei Paesi nordici, dove le difficoltà, tipicamente di lungo periodo, delle aree settentrionali non solo presentano tipicità nazionali ma anche caratteristiche che rendono difficoltoso un loro inserimento nell agenda della competitività. Inoltre, anche nei paesi in cui le disparità regionali sono, da una prospettiva Ue, più limitate, le scelte politiche (e quindi le scelte di policy) connesse ai problemi regionali spesso rimangono significative. In breve, mentre i temi collegati al miglioramento della competitività regionale hanno permeato l agenda politica regionale di tutti i paesi e mentre lo spettro della politica regionale si è ampliato fino ad interessare tutte le regioni piuttosto che quelle designate come in ritardo di sviluppo, svantaggiate o bisognose di una ristrutturazione industriale, l attenzione sui problemi tradizionali della politica regionale rimane elevata. 3. LA RISPOSTA POLITICA Questa sezione analizza le modalità con cui la politica regionale ha risposto ai cambiamenti nella percezione dei problemi regionali. La Tabella 3.1 mostra chiaramente che non ci sono state significative evoluzioni nelle politiche di cinque paesi: Austria, Irlanda, Italia Lussemburgo e Spagna. In questi cinque paesi, la legislazione in materia d incentivi è stata introdotta all inizio del periodo e sarà in vigore per l intero periodo. Più in generale, la politica regionale nazionale in molti di questi paesi è strettamente connessa alla politica di coesione europea ed è quindi in fase di revisione nell ambito della 2 European Policies Research Centre

3 definizione del Documenti Strategici di Riferimento Nazionali per il periodo ma, a parte questo, non vi sono stati significativi sviluppi della politica regionale sin dal In quattro paesi (Belgio, Grecia, Portogallo e Svezia), come evidenziato nella tabella, si registrano significativi cambiamenti nella struttura degli incentivi regionali. In Belgio, la nuove legge per gli incentivi nelle Fiandre e nella Vallonia riflette le pressioni dalla DG Concorrenza per una sostituzione del quadro legislativo nazionale. In Grecia, la legge per lo sviluppo del 2004 segue l elezione di un nuovo governo e ambisce a migliorare la competitività e l attrattività del paese quale area per investire. In Portogallo, la nuova regolamentazione sugli aiuti origina da un cambiamento di governo (del 2002) che ha introdotto un programma austero per l economia e un nuovo programma operativo per l economia (chiamato PRIME). Infine, in Svezia, il regolare ciclo di aggiornamento del quadro di aiuti regionali ha visto un allinemento con il principio governativo di meno aiuti di stato, anche in relazione alla fase preparatoria del prossimo periodo di programmazione. Alcuni cambiamenti relativi agli incentivi si sono anche evidenziati in Francia, Germania ed Inghilterra. Per quanto riguarda le revisioni della politica di più ampio respiro, almeno una metà dei paesi nella Tabella 3.1 ha fatto registrare cambiamenti. Nei Paesi Bassi e in Norvegia i nuovi Libri Bianchi segnano un marcato cambiamento nel focus della politica regionale, con l introduzione di approcci completamente nazionali, volti a massimizzare il potenziale di sviluppo delle regioni. In Danimarca, un nuovo Atto per lo Sviluppo Imprenditoriale ha delegato a cinque regioni nuove responsabilità statutarie per lo sviluppo economico, aumentando significativamente la componente domestica dello sviluppo economico regionale. In Finlandia, con la pubblicazione dei nuovi obiettivi per la politica regionale nel gennaio 2004 la promozione della competitività territoriale è divenuta il principale obiettivo delle politiche. In aggiunta, le recenti iniziative in Francia, Portogallo, Svezia e nel Regno Unito hanno permesso l entrata in vigore delle nuove linee guida contenute nelle direttive introdotte nel periodo Infine, in Germania è stato raggiunto un accordo per la continuazione del quadro regionale GA, facendo seguito ad una dettagliata revisione della suddivisione dei compiti e delle relazioni tra Bund e Länder. Una dettagliata revisione di questi cambiamenti è fornita nella Sezione 3.1. Si delineano quattro temi principali. Primo, nei paesi Ue15 e Norvegia, vi è un rinnovato accento sulla crescita, sulla competitivià e sulla produttività, con politiche che generalmente sono applicate a tutte le regioni al fine di massimizzare il contributo regionale alla crescita nazionale. Continua però a rimanere importante il peso attribuito ai problemi più strettamente connessi alle regioni; non minore attenzione è dedicata ai livelli di spesa degli aiuti regionali. Il secondo tema è collegato all ampliamento, registrato in molti paesi, dell approccio alla politica regionale, con un accento crescente sulla programmazione e sugli strumenti di policy a favore del tessuto economico (non solo un supporto specifico alle infrastrutture ma anche misure per promuovere l innovazione e lo sviluppo economico delle città). La constatazione che in un numero crescente di paesi il livello regionale stia acquisendo un ruolo sempre più prominente nello sviluppo delle strategie e nella revisione delle politiche rappresenta il terzo tema di discussione. Quarto ed ultimo tema di analisi è collegato al peso crescente dei problemi connessi al coordinamento delle politiche 3 European Policies Research Centre

4 regionali, nazionali e tra il centro e le regioni (ad esempio per assicurare che gli obiettivi nazionali siano tenuti in adeguata considerazione). Due ulteriori sviluppi sono degni di nota. Il primo è che un gruppo di paesi sta ponendo sempre più attenzione sull analisi delle politiche, sia in un ottica forward-looking che adottando un approccio mirato ad apprendere dalle esperienze maturate. Il secondo è che esistono indicazioni da cui si denota che l accento sulle regioni come primo obiettivo delle politiche è in molti paesi posto in discussione. Ciò riflette la crescente attenzione verso le città come motore dello sviluppo economico ed è attribuibile all aumentata percezione dei problemi nei livelli subregionali e, più in generale, riflette la crescente importanza attribuita alle regioni come unità funzionali piuttosto che amministrative. 4. GLI ELEMENTI DELLA POLITICA REGIONALE 4.1 Incentivi Regionali Per quanto riguarda la politica degli incentivi regionali, si può anticipare che vi sono stati pochi cambiamenti da riportare, non meno se si considera che i nuovi Orientamenti per gli aiuti regionali non entreranno in vigore prima del Ad ogni modo, vi sono stati cambiamenti di rilievo in Belgio, Grecia, Portogallo e Svezia (si veda la Tabella 4.1), così come alcuni interessanti sviluppi si sono osservati in Finlandia, Francia, Germania, Italia, Olanda e nel Regno Unito. Si sono profilati alcuni temi. Uno di questi è che i consistenti contributi a fondo perduto per finanziare investimenti su larga scala stanno diventando sempre meno frequenti, in parte per ragioni di bilancio, in parte per considerazioni relative al value for-money e in parte per le pressioni in materia di aiuti di stato. Questo cambiamento può essere rilevato nel nuovo approccio, più discrezionale e con limiti alla spesa, adottato dal Belgio e dal tentativo rilevato in paesi come Portogallo, Italia e Svezia di modificare parte degli aiuti concessi da sussidi a fondo perduto in prestiti (o almeno in sussidi rimborsabili) e dal generalizzato aumento nel grado di selettività degli investimenti. Vi sono stati, inoltre, tentativi di indirizzare gli aiuti più verso il valore aggiunto e l innovazione che sugli investimenti e sui posti di lavoro (ad esempio in Grecia, Italia, Portogallo e Regno Unito). Inoltre vi sono stati tentativi di introdurre forme di supporto più piccole e flessibili (inclusi i fondi di venture e seed capital). Un altro tema comune riguarda la già menzionata maggiore selettività nell assegnazione delle risorse, si tratta di una indicazione chiaramente tracciabile in Belgio ma anche in Francia, nei Paesi Bassi, in Svezia e nel Regno Unito. È degno di nota il fatto che in Grecia e Portogallo si sia registrata una semplificazione delle procedure amministrative. Infine è importante rilevare che il grado con cui la gran parte di queste tendenze continuerà sarà determinato dai futuri Orientamenti per gli aiuti a finalità regionale. Mentre molti paesi continuano a sostenere l idea del meno aiuti ma migliori aiuti, rimangono delle preoccupazioni riguardo alle conseguenze del trasferimento di posti di lavoro e di investimenti in termini di competitive outbidding. 4 European Policies Research Centre

5 4.2 Il supporto al contesto imprenditoriale Nonstante questi cambiamenti, gli aiuti per investimenti continuano ad essere una significativa parte della politica regionale in quasi tutti i paesi presi in considerazione. La principale eccezione è la Danimarca, dove il sistema di aiuti regionali è stato abolito nel In ogni caso, come discusso in precedenza, nel tempo e, in particolare, negli anni più recenti vi è stato un chiaro ampliamento della politica regionale, con l affermarsi del supporto al contesto economico quale chiara priorità politica. I recenti sviluppi sono stati schematizzati in tre tabelle sinottiche: la Tabella 4.2 evidenzia i cambiamenti nelle misure generali a favore degli operatori economici, in particolare la fornitura di infrastrutture economiche, la Tabella 4.3 si concentra sugli sviluppi connessi all innovazione tecnologica e la Tabella 4.4 si concentra sui recenti cambiamenti nelle politiche relative al ruolo delle città nello sviluppo regionale. Tradizionalmente, la fornitura di infrastrutture ha costituito una significativa parte della della politica regionale insieme alla concessione di aiuti regionali. La spesa in infrastrutture rimane importante in quei paesi che hanno in corso vasti programmi finanziati dalla politica di coesione europea Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda, Italia e Germania. Al fine di corroborare questa evoluzione, la Tabella 4.2 contiene esempi di come i temi legati ai transporti e alla viabilità siano presi in sempre maggiore considerazione da parte dei policymaker regionali (ad esempio, in Finlandia, Francia e nei Paesi Bassi). Più in generale, il processo di devoluzione e decentramento delle responsabilità relative allo sviluppo economico ha permesso che la fornitura di infrastrutture economiche divenisse più centrale nelle azioni per favorire lo sviluppo regionale. Laddove il supporto per le infrastrutture sia direttamente connesso alla politica regionale, esso tende a concentrarsi nella promozione di infrastrutture specificamente rivolte agli operatori economici (aree industriali, business park, poli tecnologici). Tra gli esempi inclusi nella Tabella 4.2 vi sono: l introduzione di nuovi piani d azione per le aree industriali nelle Fiandre, in Lussemburgo e in Olanda, lo sviluppo dei celebri distretti tecnologici e di business park in Irlanda e il nuovo Centro di Expertise in Norvegia. Più in generale, l accento sempre più posto sul supporto alla competitività e alla necessità di interventi miranti a risolvere le specifiche esigenze delle regioni hanno aumentato l importanza di questo tipo di provvedimenti a supporto del tessuto economico. Gli elementi riportati nella Tabella 4.3 mostrano che la priorità attribuita all innovazione regionale è aumentata significativamente negli ultimi anni. I cambiamenti registrati in Austria sono stati tali che, nonostante vi sia una politica regionale domestica, in realtà si può parlare di politica per l innovazione in senso stretto. In Danimarca, la politica regionale è stata definita all interno dell Atto per lo Sviluppo Imprenditoriale in termini di sei aree prioritarie, di cui quattro collegate ai fattori prioritari della crescita (innovazione, ICT, imprenditorialità e risorse umane). In Finlandia, una decisione governativa del 2004 ha evidenziato la necessità di rafforzare la politica regionale per l innovazione (sottolineando il ruolo del programma Centro di Expertise). In Francia, il primo dei Poli di competitività (pôles de compétitivité) è stato selezionato nel luglio 2005: lo scopo è mettere insieme industria, ricerca e formazione di eccellenza in specifici luoghi al fine di valorizzare il ruolo dell innovazione industriale nello sviluppo economico. In Germania un nuovo strumento GA, Network di cooperazione e gestione di distretti, è stato introdotto dal gennaio 2005 per 5 European Policies Research Centre

6 supportare la cooperazione regionale e sovraregionale tra imprese e altri attori rilevanti. Nei Paesi Bassi, il nuovo approccio sancito dal documento Peak in the Delta ambisce a sviluppare una specifica politica regionale per l innovazione attraverso forme di cooperazione intra e supra regionali, tra mondo imprenditoriale ed altri partner. In Svezia, la programmazione regionale (così come sotto il Programma Regionale per la Crescita 2004) ha favorito l adozione di politiche più focalizzate sull innovazione, sull educazione e sulla creazione di un ambiente favorevole allo sviluppo delle imprese. Nel Regno Unito, due fattori hanno aumentato il profilo dell innovazione all interno della politica regionale: il crescente accento sulla produttività come principio fondamentale per la crescita economica e i recenti progressi sul fronte della devoluzione che hanno permesso alle nazioni e alle regioni del Regno di acquisire un nuovo slancio nell elaborazione dei propri piani di sviluppo, incluse le strategie per l innovazione. Infine, in Norvegia, il Libro Bianco ha sottolineato l importanza delle potenzialità nella creazione di ricchezza come un obiettivo fondamentale delle politiche (includendo iniziative innovative come la proposta del nuovo Centro di Expertise). La Tabella 4.4 contiene degli esempi di come le aree urbane abbiano guadagnato visibilità all interno della politica regionale. Da un lato, quest evoluzione riflette la crescita e la complessità dei programmi di sviluppo, evidenziando il ruolo sempre più centrale delle città come motore dello sviluppo economico; da un altro lato, questa evoluzione è collegabile al crescente accento che viene posto da alcuni paesi sulla coesione territoriale, in cui le città e gli agglomerati urbani sono visti come chiavi di volta di un sistema regionale equilibrato e sostenibile. I recenti sviluppi di maggiore interesse in questo settore si riscontrano in Finlandia, Francia, Olanda, Svezia, Regno Unito e Norvegia. Si tratta di temi che verranno discussi di seguito. 4.3 Programmi regionali e sviluppi strategici Una terza componente della politica regionale è rappresentata dalla programmazione regionale e dallo sviluppo di strategie. I recenti cambiamenti a tal proposito sono elencati nella Tabella 4.5. Vi sono situazioni diverse nei paesi presi in esame riguardo al funzionamento dei programmi regionali. Nei paesi Ue con molte aree Obiettivo 1 o in Phasing-out dall Obiettivo 1 (Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna) gran parte degli sviluppi nella programmazione e nello sviluppo di strategie sono direttamente collegabili alle evoluzioni dei Fondi strutturali. Nei paesi federali, i programmi a livello regionale tendono a giocare un ruolo significativo. In Austria e Germania, ad esempio, i programmi dei Länder sono centrali per l attuazione della politica regionale di sviluppo. Nei paesi che sono diventati più decentrati e che hanno delegato maggiormente alle autorità locali si è assistito ad un accento crescente sui programmi regionali e sulle strategie bottom-up (non ultimo in Francia e Regno Unito). Nei paesi nordici, vi sono stati altri importanti sviluppi che hanno rafforzato il profilo della programmazione regionale e dello sviluppo delle strategie: l Atto per lo Sviluppo Imprenditoriale in Danimarca, l introduzione e la seguente revisione dei programmi strategici regionali in Finlandia, il nuovo approccio della Norvegia tracciato dal Libro Bianco. Infine nei Paesi Bassi, il Libro Bianco Peak in the Delta ha fissato le priorità del governo in materia di sviluppo regionale. 6 European Policies Research Centre

7 4.4 Altre componenti delle politiche La Tabella 4.6 è una tabella comparativa finale relativa agli elementi della politica regionale. Un tema comune è stato la ricollocazione del pubblico impiego per fini connessi allo sviluppo regionale (nello specifico ciò è avvenuto in Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Spagna, Svezia, Regno Unito e Norvegia). Un numero di paesi ha anche registrato un apertura della politica regionale a nuovi temi come lo sviluppo rurale ed il turismo (ad esempio la Danimarca con l Atto per lo Sviluppo Imprenditoriale 2005; la Francia ha fatto altrettanto provvedendo all introduzione di una legislazione a favore dello sviluppo rurale). In altri paesi (Finlandia, Francia, Portogallo) si sono rilevate azioni specifiche in risposta a problemi strutturali. In Francia, in particolare, si è registrata una particolare sensibilità nella preparazione e nell anticipare i cambiamenti delle politiche. Nel Regno Unito vi è stato una particolare accento sullo sviluppo di strumenti di policy che avessero come obiettivo la soluzione di problemi a livello locale, specialmente per le aree cosiddette deprivate. 5. L AMMINISTRAZIONE DELLA POLITICA REGIONALE 5.1 La regionalizzazione delle politiche Uno dei più chiari cambiamenti di lungo periodo in corso è il crescente decentramento osservato nell attuazione delle politiche. I cambiamenti recenti sono illustrati nella Tabella 5.1 in cui i paesi sono suddivisi in quattro macrogruppi (che sono dettagliatamente analizzati nel prosieguo). Il primo gruppo è costituito da quei paesi in cui la politica regionale è strettamente collegata all operatività dei Fondi strutturali. In Grecia, Portogallo e Irlanda, la regionalizzazione degli strumenti di attuazione delle politiche è in gran parte riconducibile all approccio regionale adottato dai Fondi strutturali. Nel secondo gruppo, costituito da Austria, Germania, Belgio e Spagna, la regionalizzazione delle politiche riflette la struttura federale dello stato. In questi paesi vi sono stati alcuni sviluppi interessanti nei rapporti di forza delle politiche regionali tra regioni e amministrazione centrale. Nel terzo gruppo vi sono paesi come Francia, Italia e Regno Unito in cui vi sono stati ampi cambiamenti per trasferire o decentrare l amministrazione delle politiche e in cui la regionalizzazione stessa è stata parte di questo processo. Infine i Paesi nordici e l Olanda possono essere catalogati come paesi che hanno cambiato verso un approccio a livello nazionale della politica regionale, con un accento su come adattare al meglio le politiche ai bisogni delle singole regioni, ponendo così maggiore peso sugli input di livello regionale. Le analisi di questi processi di regionalizzazione rivelano un ampio spettro di strutture, ruoli e competenze. Nonostante ciò si possono identificare alcuni temi comuni. In primis, senza prendere in considerazione i vari punti di partenza, la regionalizzazione si delinea come una tendenza universale. Negli stati tradizionalmente centralizzati, l attuazione dei Fondi strutturali ha stimolato la creazione di specifici assetti e istituzioni che hanno colmato un vuoto istituzionale a livello regionale. Negli stati federali, inoltre, si ravvisa un cresecente potere associato alle regioni. Il processo di regionalizzazione è stato una delle ragioni alla base dei cambiamenti in atto nelle costituzioni di molti paesi e che si ravvisa 7 European Policies Research Centre

8 chiaramente nei paesi che hanno introdotto nuove forme di politica regionale (basata su un approccio regionale, su programmi e dal basso). In secondo luogo, sebbene il governo centrale mantenga un interesse legittimo nella politica regionale, le sue funzioni stanno cambiando. Il ruolo tradizionale del centro come diretto promotore dello sviluppo è in declino. I governi centrali si concentrano sempre di più sulla facilitazione e sul supporto alla definizione di strategie locali e regionali, sullo sviluppo delle competenze e di infrastrutture regionali, sul coordinamento delle politiche e sulla erogazione di servizi attraverso agenzie. Terzo ed ultimo punto, l accento sul contributo delle regioni alla programmazione e alla creazione di rete ha evidenziato quanto sia aumentata, in quasi tutti paesi, l attenzione al coordinamento delle politiche. 5.2 Il coordinamento della politica La crescente ampiezza (tra le aree) e profondità (tra i livelli) delle politiche implica il coinvolgimento di un numero sempre maggiore di attori e, quindi, il bisogno di forme di coordinamento tra i diversi livelli amministrativi. Anche il maggiore accento posto sui complessi temi della produttività e della competitività contribuisce a rafforzare la necessità di meccanismi di coordinamento. Vi è una percezione secondo cui le strutture dipartimentali e le relazioni gerarchiche regioni/centro siano incapaci di relazionarsi con i temi dello sviluppo economico che si estendono attraverso confini settoriali e livelli amminitrativi. Vi è anche una crescente volontà di trovare soluzioni olistiche a problemi, stimolando una ricerca costante di nuovi metodi, orizzontali e verticali, attraverso cui attuare le politiche. A livello regionale i processi paralleli di consolidamento dell organizzazione e di sviluppo delle strategie sono vitali per rafforzare il coordinamento delle politiche. Le coalizioni di diversi attori regionali sono istituzionalizzati in vari modi, come l organizzazione di strategie di sviluppo regionale basate sul partenariato. L obiettivo è creare un setting organizzativo in cui gli enti responsabili lavorano ad obiettivi comuni in maniera più integrata. L influenza dei Fondi strutturali è stata prominente in questo approccio. I meccanismi di attuazione dei Fondi, in particolare la necessità di produrre programmi pluriennali e integrati per lo sviluppo regionale, ha favorito la creazione di gruppi di lavoro intra-istituzionali ed ha aumentato il coordinamento a livello regionale. Ad ogni modo, come mostrato dalla Tabella 5.2, non è soltanto nel contesto dei Fondi strutturali che il coordinamento basato sull attivazione di un partenariato a livello regionale è aumentato. Nei Paesi nordici, in particolare, i recenti sviluppi nella politica regionale hanno visto un considerevole peso del partenariato nella programmazione. È stato lo stesso per Regno Unito e Francia dove la politica regionale è stata regionalizzata come parte di un più ampio processo di decentramento. Infine, alcuni paesi hanno ottenuto un aumento del coordinamento nelle regioni incorporando in un unica organizzazione la fornitura di un servizio.esempi di questo approccio si riscontrano in Austria, Danimarca, Irlanda, Galles e Norvegia. Parte del cambiamento nella percezione delle sfide allo sviluppo regionale è dovuta alla consapevolezza del fatto che lo sviluppo economico regionale coivolge un ampio spettro di settori e che le attività di un ampia gamma di dipartimenti governativi centrali hanno un impatto economico sulle regioni. Di conseguenza vi è un crescente peso sul coordinamento 8 European Policies Research Centre

9 a livello nazionale, al fine di armonizzare la dimensione regionale degli interventi promossi a livello centrale. Esempi in tale senso si riscontrano in Francia, Olanda, Svezia, Finlandia, Norvegia e Regno Unito. Così come la politica regionale è divenuta più regionalizzata negli approcci, anche la questione del coordinamento nazionale-regionale è avanzato nell agenda politica. Come possono essere traslati a livello regionale gli obiettivi e le finalità nazionali? Si sono adottate tre metodologie complesse per tentare di fare in modo che gli obiettivi nazionali siano appropriatamente rispecchiati a livello regionale. La prima è assicurare che il livello nazionale sia capace di influenzare gli attori regionali. Questa condizione in Austria è stata ottenuta principalmente attraverso meccanismi informali, in Germania attraverso il forum rappresentato dalla GA, in Finlandia evidenziando gli obiettivi del governo e attraverso la creazione di meccanismi per verificare ed eventualemente discutere quanto essi siano realmente presi in considerazione. In Olanda i livelli superiori di governo si sono avvicinati agli attori regionali e nel Regno Unito si è vefificata la creazione di più vicine relazioni tra policy-maker regionali e centrali. Alcuni paesi utilizzano anche tecniche di benchmaking e progetti pilota per rinnovare i rapporti di influenza. Questo è anche parte dell approccio adottato dall Olanda e dalla Svezia. Una più diretta forma di influenza deriva dalle attività di finanziamento. In alcuni paesi il cofinanziamento è una parte importante del finaziamento delle regioni. Si tratta ovviamente del caso dei contratti stato-regione francesi e della GA tedesca. Inoltre, in molti dei paesi in cui la politica è stata regionalizzata, i finanziamenti centrali risultano spesso essere vitali per l attuazione delle strategie. Infine, in Olanda si è attribuita grande importanza al potenziale effetto leva indotto dalle risorse nazionali. Vi è una precisa visione riguardo al fatto che, nonstante le risorse limitate, il centro può avere un impatto significativo sulle azioni e sulle priorità regionali. Un terzo approccio consiste nel focalizzarsi più sui risultati attraverso un rafforzamento dei meccanismi di monitoraggio e valutazione. Si tratta di una caratteristica del Regno Unito, dove sono state rafforzate le procedure di valutazione delle Agenzie per lo Sviluppo Regionale. Anche in Norvegia la regionalizzazione dei finanziamenti ha portato a dar maggior peso alle verifiche sull efficiente utilizzo delle risorse, in linea con gli obiettivi delle politiche; questo ha portato all identificazione di indicatori di performance più robusti. Infine in Danimarca l Atto per lo Sviluppo dell Imprenditorialità del 2005 ha portato alla creazione di indicatori ad hoc per verificare in che misura gli obiettivi siano stati raggiunti. Un ultimo elemento da sottolineare è che in molti paesi i Fondi strutturali hanno fornito un meccanismo di coordinamento regionale-nazionale, processo che sembra essere supportato dallo sviluppo dei Documenti Strategici di Riferimento Nazionali. Anche nell attuale fase politica, l aspetto del coordinamento delle politiche è fortemente sottolineato, ad esempio in Italia, dove vi è una forte attenzione sulla programmazione integrata, mirante ad allineare gli obiettivi, gli strumenti e le procedure attuative nazionali a quelle europee. 9 European Policies Research Centre

10 6. CONCLUSIONI FINALI E SPUNTI DI RIFLESSIONE Questa rassegna ha mostrato che, nonstante la presente fase politica sia, per alcuni aspetti, una fase preparatoria per il prossimo periodo di programmazione ( ), vi sono stati alcuni interessanti sviluppi meritevoli di considerazione. I principali cambiamenti sono in linea con la tendenza di lungo periodo a spostare le modalità di assegnazione delle risorse da un approccio orientato all equità, che mira a colpire aree specifiche e fondato sugli aiuti, verso interventi più orientati all efficienza, costruiti a livello regionale, basati su programmi ed attuati attraverso le regioni ma coordinati dal centro. Questi sviluppi sollevano vari spunti per la discussione. Il primo riguarda la misura in cui i temi identificati sono applicabili a ciascuno stato membro. Alla luce dei cambiamenti che hanno avuto luogo nel Suo paese, la descrizione dei recenti sviluppi nella politica regionale appare corretta? Quali sono stati, dal suo punto di vista, gli sviluppi più importanti nell ambito dello politiche regionali che si sono evidenziati durante lo scorso anno? Il secondo argomento di discussione è connesso al fatto che la politica regionale è spesso caratterizzata da tensioni, come tra i principi di equità ed efficienza, tra approcci in cui l intervento è in tutte le regioni ed approcci che mirano allo sviluppo di aree specifiche, tra approcci fondati sulla programmazione e interventi basati sull elargizione di aiuti, tra meccanismi di attuazione dall alto e dal basso, tra politiche coordinate a livello centrale e politiche disegnate a livello locale. Si ravvisano le stesse tensioni all interno del Suo Paese e, in caso negativo, come sono state risolte tali tensioni? Infine, dal momento che ci si sta avvicinando verso una nuova fase della politica regionale sicuramente dal punto di vista della politica di coesione europea e della politica della concorrenza come vede il futuro della politica regionale? Si sente ottimista riguardo al funzionamento della politica regionale rispetto all inizio dell attuale fase di programmazione? Perché? 10 European Policies Research Centre

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale

Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Dove finisce tutto il denaro? Rendere operativa l assegnazione dei finanziamenti della politica regionale Sintesi Questa relazione è stata preparata per il ventottesimo incontro del Consorzio per la ricerca

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Evoluzione della Politica Regionale negli Stati Membri ed in Norvegia: Rassegna Comparativa dei Cambiamenti Recenti

Evoluzione della Politica Regionale negli Stati Membri ed in Norvegia: Rassegna Comparativa dei Cambiamenti Recenti Evoluzione della Politica Regionale negli Stati Membri ed in Norvegia: Rassegna Comparativa dei Cambiamenti Recenti SINTESI Douglas Yuill Questa sintesi è stata preparata per la discussione al ventiduesimo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia

METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia METODI E OBIETTIVI PER UN USO EFFICACE DEI FONDI COMUNITARI 2014/2020 Il bilancio europeo 2014/2020, approvato ad inizio 2013, assegnerà all Italia cospicui finanziamenti per la coesione economica, sociale

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014 2020 OPPORTUNITA E SFIDE PER ROMA CAPITALE ESPERIENZE FATTE E PROSPETTIVE APERTE ROMA 14 LUGLIO 2015 Le opportunità: due grandi filoni diversi ma complementari I programmi

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Stakeholder conference on the EU Strategy for the Alpine Region INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Signora Commissaria Cretu, Signori Ministri, Signori Presidenti,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Politiche pubbliche ed europee

Politiche pubbliche ed europee Universtà degli Studi di Ferrara Corso di Storia economica Prof. Laura Ramaciotti Politiche pubbliche ed europee Ugo Rizzo Sommario La politica industriale dell Unione Europea Le politiche industriali

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli