I Business Game: tecnologie per la simulazione e fondamenti del gioco al servizio della formazione manageriale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Business Game: tecnologie per la simulazione e fondamenti del gioco al servizio della formazione manageriale."

Transcript

1 I Business Game: tecnologie per la simulazione e fondamenti del gioco al servizio della formazione manageriale. We should investigate the causes of all celestial and nonperceptible phenomena by making a comparison of these with the various ways in which an analogous phenomenon takes place in our own experience,, (Epicurus, Letter to Herodotus) Abstract Il mondo della didattica e della formazione superiori ci pone oggi davanti ad una sfida: stimolare gli studenti, incentivarli alla formazione attiva. I Business Games sono una potenziale risposta alle nuove esigenze formative. Forti di metodologie con più di 50 anni di storia, hanno oggi la possibilità integrarsi a tecnologie informatiche sempre più evolute: le simulazioni diventano veloci; gli scenari di sfondo ai giochi diventano più complessi e vicini alla realtà. Il mondo della formazione ha la possibilità di utilizzare uno strumento potente e al contempo divertente, capace di rispondere alla sfida. Il paper presenta una definizione di Business Game e riporta i principali vantaggi dell utilizzo di Games discussi in letteratura. Viene descritta l esperienza Business Game: crea la tua impresa, nei tratti caratteristici principali, riportando i primi risultati. Infine, nelle conclusioni, vengono elaborate alcune riflessioni e suggeriti spunti per la ricerca futura. Par 1 Introduzione È una delle nuove sfide che la didattica degli ultimi anni ci pone davanti: trovare nuovi metodi d insegnamento che stimolino gli studenti, che siano in grado di attrarre la loro attenzione e di coinvolgerli appieno nel processo di apprendimento. Che si tratti di uno studente ad un passo dal mondo del lavoro, piuttosto che di un manager in carriera, non tocca il cuore della questione: i mercati di oggi si muovono velocemente e sono in continua evoluzione. Le aziende devono, di conseguenza, adattarsi e adeguarsi ai cambiamenti, per restare competitive. Questo richiede un costante aggiornamento di competenze delle risorse umane, le quali, però, non hanno più la possibilità di lasciare il posto di lavoro per seguire lunghi (e spesso tediosi) corsi di formazione. La conoscenza deve essere acquisita in tempi rapidi, e altrettanto rapidamente deve essere interiorizzata, per divenire competenza.

2 2 L evoluzione delle nuove tecnologie ha contribuito, negli ultimi anni, a sviluppare modelli di formazione che rispondessero all esigenza di non spostare risorse dal posto di lavoro, per periodi prolungati. Sono svariati i casi di formazione efficace in modalità e-learning. Tuttavia, l e-learning stesso ha, oggi, l opportunità di essere rivitalizzato. Non è più sufficiente rendere virtuali contenuti e ambiente di apprendimento. Molti ricercatori di ambito e-learning seguono questa linea di pensiero, notando le difficoltà che esistono nel motivare gli studenti a interagire attivamente con gli strumenti tecnologici convenzionali di condivisione della conoscenza. I tentativi di soluzione sono tanti e diversi: si legge in letteratura di ricercatori che modellano e personalizzano la loro metodologia, con l aiuto di software che catturano le preferenze degli utenti (Karger, Olmedilla, Abel, Herder, Siberski, 2008), o che prevedono l umore dei loro utenti al momento della compilazione dei test di valutazione (Moridis, Economides, 2009). Sono tutte soluzioni che hanno in comune lo scopo di offrire un servizio formativo più personalizzato, dunque motivante. I digital educational games si presentano come soluzione innovativa: un nuovo modo per aumentare la motivazione e la partecipazione attiva ai processi di apprendimento (Ravenscroft e McAlister, 2005). Nello specifico del campo della business education, i Business Games fondono tecnologie per la simulazione e fondamenti del gioco, al servizio della formazione manageriale/imprenditoriale. In questo paper, verrà dapprima definito il termine Business Game e ne verranno illustrati i punti di forza. Si passerà poi a presentare il caso Business Game: crea la tua impresa, riportando i primi risultati. Da ultimo, si faranno alcune riflessioni, formulando alcune ipotesi di domande di ricerca per studi futuri. I Business Games Che cos è un Business Game? La storia dei Business Game ha inizio negli anni 50. I game venivano utilizzati nei corsi di formazione manageriale/imprenditoriale all interno delle business school, per stimolare il pensiero strategico, in contesti di learning by doing (Bruner, 1961). Risale al 1956 il primo game supportato da calcolatore, Top Management Decision Simulation, promosso dall AMA American Management Association (Wolfe, 1993). Grazie al progresso della tecnologia informatica, unita all avvento del WWW, i business games hanno avuto occasione di rinnovarsi, evolversi e diffondersi.

3 3 Di seguito viene data una definizione di Business Game, assumendo di non considerare tutte le tipologie di Game che non sono supportate da tecnologia informatica. Serious Games Digital Game Based Learning Business Games Fig. 1: I Business Games come sottoinsieme di Serious Games. Come si evince dalla Figura 2, i Business Games fanno parte di una ben più ampia categoria, etichettata col nome di Serious Games. La letteratura, di quest ultima, fornisce molte definizioni, a seconda del contesto in cui il Serious Game è calato. La maggior parte dei ricercatori è, comunque, concorde nel definirli come giochi (digitali) a scopi che vanno oltre l intrattenimento (Susi, Johannesson, Backlund, 2007). Affinando il criterio di ricerca, prima di giungere alla categoria dei Business Games, si incontra quella dei Digital Game Based Learning (DGBL). Con le parole di Prensky (2003), i DGBL sono Serious Games che trattano applicazioni con specifici obiettivi di apprendimento. All interno della categoria DGBL, troviamo i Business Games. La letteratura non fa riferimento ad un unica definizione, proprio in quanto la storia dei Games è lunga e ricca di cambiamenti. In un paper recente, Lewis e Maylor (2006) hanno presentato, in modo molto efficace, l evoluzione cronologica della definizione dei termini game e simulation. Si è scelto di utilizzare Greenlaw, Herron e Rawdon (1962), che all interno di un contesto educativo superiore, definiscono: Business Simulation or Game is a sequential decision-making exercise structured around a model of a business operation, in which participants assume the role of managing the simulated operation. Perché giocare con un Business Game? Come anticipato nell introduzione del paper, i Business Game sono una risposta alla contemporanea necessità di trovare nuovi strumenti che stimolino gli studenti e li motivino a partecipare attivamente ai processi di apprendimento. Ma questa ragione va di pari passo con una forte critica che la letteratura muove nei confronti del mondo della formazione manageriale.

4 4 Come discusso da Aram and Noble (1999) e Gosling e Mintzberg (2006), l istruzione corrente non sta adeguatamente preparando gli studenti ad affrontare e capire a fondo le ambiguità e le incertezza con cui avranno a che fare nella vita lavorativa. Questo perché il corso di studi che li prepara è basato su modelli, deterministici o probabilistici, adatti a dominare realtà stabili ed in equilibrio. L imprevisto non è considerato. La formazione manageriale tende a focalizzarsi su insegnamenti teorici ma, non sull applicazione di quella teoria alla pratica (Salas, Wildman, Piccolo, 2009). Non da meno, il fatto che gli studenti imparano a conoscere e gestire le diverse componenti di un azienda, come fossero compartimenti stagni. Vi è una mancanza di percezione dell interazione e dell integrazione tra le diverse funzioni (marketing, finanza, gestioni risorse umane, produzione, ). Walker e Black (2000), analizzando facoltà e business schools, rilevano un eccessiva linearità nell educazione alla gestione del business, a scapito di un approccio sistemico. Simulare un business, attraverso un gioco, si presenta come la giusta soluzione. Un Business Game può permettere di raggiungere tre obiettivi precisi: La consapevolezza del ruolo chiave del tempo nelle decisioni di business (Thavikulwat, 2004): nella realtà il tempo è una variabile cruciale. I processi si susseguono cronologicamente, altresì i rapporti causa-effetto dei flussi di decisioni interne ed esterne (rapporti con clienti, fornitori, competitor). La consapevolezza dell esistenza di scenari differenti: la simulazione permette di visualizzare l evoluzione della storia di un azienda, attraverso tutte le fasi del suo ciclo di vita. Il giocatore diviene consapevole del processo di costruzione della conoscenza, attraverso il susseguirsi delle sue decisioni. Vi è l immediata percezione che decisioni differenti portano a scenari differenti. La consapevolezza delle complessità della realtà aziendale: la simulazione passo a passo permette al giocatore di capire, o almeno intuire, le relazioni che sussistono tra le diverse variabili. Più il gioco progredisce, più il giocatore comprende che l azienda è un sistema complesso: ciascuna funzione deve mantenere un equilibrio sano con se stessa e rispetto a tutte le altre funzioni (Goold e Campbell, 1998) (Aram & Noble, 1999). L esperienza Business Game: crea la tua impresa Da tre anni a questa parte, l Università Carlo Cattaneo promuove un metodo di didattica alternativa, organizzando il concorso Business Game: crea la tua impresa. L iniziativa è rivolta agli studenti del IV e V anno delle scuole superiori italiane, in collaborazione con L ufficio Regionale Scolastico delle Lombardia e con il Ministero dell Istruzione Università e Ricerca. All interno del paragrafo verranno presentati i tratti generali del Business Game, le modalità di organizzazione delle giocate e gli obiettivi didattici prefissati.

5 5 Inoltre, verrà sinteticamente illustrata l architettura del sistema, riportando delle considerazioni in merito ad una scelta fondamentale fatta in fase di progettazione del gioco. Infine, si farà una prima analisi dei risultati dell esperienza. Le principali caratteristiche di Business Game: crea la tua impresa Il Game consiste in una simulazione di competizione a squadre, in cui ogni squadra è una componente (un azienda manifatturiera) di un dato mercato. La competizione è di tipo indiretto e si gioca sulla scarsità del mercato a monte (materia prima fornita) e del mercato a valle (vendita di prodotti finiti ai clienti). Tutte le squadre partecipano al gioco con pari dotazioni iniziali. L obiettivo del Game è massimizzare il valore dell impresa, valutato con una opportuna funzione che considera margine operativo, politiche di assunzione, tasso di crescita degli investimenti e risultati finanziari. Il gioco è organizzato in turni (un turno equivale ad un mese di attività). La durata di ciascun turno è decisa dagli amministratori, in base alle fasi del gioco: Nel corso di ogni turno, ciascuna squadra: osserva e analizza la sua situazione attuale e la situazione del mercato, specificata quantitativamente da un insieme di variabili di stato. Le variabili di stato hanno memoria del loro valore precedente e variano in base alle decisioni prese nel turno; prende decisioni di tipo operativo e strategico, assegnando valori quantitativi a un insieme di variabili di input ; queste decisioni, in concorrenza con quelle prese dalle altre squadre e mediate da un insieme di parametri di controllo (propri del modello di simulazione), determinano la nuova situazione dell azienda e del mercato (che corrisponderà a quella iniziale del turno successivo). L unica variabile di stato visibile a tutte le squadre è il valore dell impresa, che viene fornito sotto forma di classifica, alla fine di ogni turno di gioco. Ciascuna squadra ha così modo di conoscere la propria posizione all interno del mercato. Obiettivi didattici Il Game è stato progettato e realizzato con l obiettivo di dare l opportunità ai giocatori di: apprendere e applicare alcuni principi generali di funzionamento delle imprese, attraverso una metodologia di tipo learning by doing ;

6 6 applicare la capacità di analisi critica a proposito di un problema di media complessità, in logica sia deduttiva (valutazione dei dati a disposizione) sia ipotetico-induttiva (decisione a partire dai dati a disposizione e dall obiettivo da conseguire); applicare la capacità di collaborazione in un gruppo (Vygotsky, 1978) che opera sulla base di un obiettivo comune da conseguire: collaborazione all interno di un contesto competitivo (Kirriemur e McFarlane, 2003). L architettura del sistema e le scelte in fase di progettazione Il sistema è costituito da cinque componenti fondamentali. Lo schema riportato in Figura 2, facilita la comprensione dell architettura. STGraphWeb STGraph utente browser Internet sito web sistema forum modello web/application server Fig. 2: L architettura del sistema. dati utenti database management system Nello specifico, le componenti sono: 1. STGraph: è un sistema software open source. Si tratta di un simulatore di sistemi dinamici, che si serve dell approccio variabili di stato alla Teoria dei Sistemi, nel caso sincrono a tempo discreto (Mari, 2007). Con STgraph è stato realizzato il modello di mercato del Game. 2. STGraphWeb: è il sistema software che permette alle squadre di interagire via web con STGraph. 3. Database Management System: è il database che gestisce tutti i tipi di dati relativi alle squadre. 4. Il sito web: tramite l interfaccia web, permette alle squadre di accedere al simulatore (modello realizzato in STGraph). 5. Il forum: è lo strumento a supporto del sistema e permette alle squadre di interagire con i gestori del gioco, durante le giocate. È molto importante sottolineare la scelta fatta dai realizzatori del Game, in merito alle decisioni di investimenti in potenza di calcolo vs grafica. Business Game: crea la tua impresa, è un gioco che utilizza un simulatore molto potente, a supporto di un modello di mercato che riproduce con alta precisione la realtà. Fat-

7 7 to cento il bilanciamento tra le variabili potenza di calcolo e grafica, il peso dato all investimento in quest ultima si stima intorno a dieci. Gli utenti giocano inserendo numeri in apposite caselle sulla pagina profilo utente del sito web (come esempio, si riporta in Figura 3 l interfaccia della pagina profilo utente e in Figura 4 lo schema delle variabili decisionali). Si tratta di un prodotto molto distante da altri esempi di Business Game, quale potrebbe essere Innov8 di IBM, un simulatore per l apprendimento di concetti di Business Process Management, che si presenta con le vesti di un vero e proprio videogioco 3D. Questa scelta, come si leggerà nel paragrafo Primi risultati, non è andata a scapito del successo dell esperienza. Fig. 3: Screenshot della pagina profilo utente.

8 8 Fig. 4: Lo schema delle variabili decisionali. Primi risultati L esperienza di Business Game: crea la tua impresa è stata definita di successo, sia da parte dei promotori della competizione, sia da parte degli utenti. In via del tutto preliminare, non disponendo ancora di un analisi completa di tutti i dati a disposizione, in questo paper si è deciso di definire il successo dell iniziativa Business Game: crea la tua impresa in base al tasso di reiscrizione all edizione successiva delle scuole. Più è alto il tasso, maggiore si può definire il successo dell esperienza (Tabella 1). Tabella 1. I numeri della competizione e i tassi di reiscrizione. Edizione Numero di scuole Numero di squadre Tasso di reiscrizione % % In Tabella 1 sono riportati i dati relativi al numero delle scuole iscritte e al numero delle squadre. Si precisa che ciascuna scuola ha partecipato con un numero di squadre che va da 1 a 13. Conclusioni: riflessioni e spunti per la ricerca futura Analizzando la letteratura, si respirano toni di entusiasmo nei confronti dell utilizzo dei Business Games in processi formativi (Lainema, Makkonen, 2003). Per la maggior parte dei casi, si legge di esperienze di successo. Va però notato che l entusiasmo generale nei confronti dell utilizzo di giochi ai fini formativi, va oltre l obiettivo didattico. Infatti, i ricercatori che si limitano ad analizzare l efficacia di un Business Game come strumento formativo, comparandolo all uso di altri strumenti, non trovano differenze rilevanti. È il caso, ad esempio, dell esperienza di Sindre, Natvig e Jahre (2009): leggendo i risultati della loro ricerca, si evince che chi apprende con modalità di learning by doing, apprende meglio di chi impara solo leggendo. In questa ricerca, però, i gruppi sperimentali di learning by doing erano due: uno con a disposizione un business game, l altro con a disposizione esercizi carta e penna. I tre ricercatori sono arrivati a concludere che chi apprende giocando, non ottiene migliori risultati di chi apprende facendo con metodi tradizionali.

9 9 Tuttavia, in letteratura si sostiene sovente che gli studenti tendono a reagire più positivamente a metodi formativi basati sulla simulazione, rispetto ad altri (Slotte and Herbert, 2007). Dunque, col supporto della letteratura e delle riflessioni sull esperienza Business Game: crea la tua impresa e sui primi risultati del progetto, ci si è resi conto che le domande da formulare devono essere ben più complesse. Non ci si può limitare a misurare l efficacia della formazione semplicemente discriminando gli strumenti (innovativo o tradizionale) o il contesto (gioco o formazione). Appare evidente che la positività della nostra esperienza, in termini di motivazione a e valore aggiunto, non nasce semplicemente perché ci si trova in un contesto ludico, ma bensì perché il gioco è integrato in un processo educativo, che si avvale di determinate tecnologie. Il focus delle domande di ricerca non si dovrebbe concentrare solo sul Che cosa contribuisce a creare un buon Business Game?, ma anche e soprattutto sul Perché piace giocare con un Business Game? Dunque, diviene interessante chiedersi Quali sono i tratti distintivi di un Business Game che portano un utente a preferirlo ad un altro strumento per l apprendimento? ; più nello specifico: Quali punti di forza la componente IT di un Business Game porta al processo educativo? e Che peso hanno, rispettivamente, le componenti gioco e IT nella facilitazione all apprendimento? Spostando il focus sugli utenti, ha molta rilevanza notare che, proposto a un pubblico di ragazzi con età compresa tra i 17 e i 20 anni, il gioco ha riscontrato alti livelli di entusiasmo e partecipazione, pur non rispondendo minimamente ai canoni grafici ed interattivi di un videogame, a cui gli adolescenti sono avvezzi. È interessante chiedersi se il Game avrebbe lo stesso riscontro, qualora fosse proposto ad un altro tipo di utenti, quale, ad esempio, un gruppo di manager, all interno di un MBA. Da questa riflessione, ci si chiede quale sia effettivamente il peso delle componenti a contorno del cuore del game, come può essere una buona veste grafica. La domanda potrebbe essere qual è il bilanciamento efficace delle componenti potenza di calcolo e grafica nella realizzazione di un Business Game? ; in che modo varia il bilanciamento in relazione alle organizzazioni utenti del Business Game?. References Aram, E. & Noble, D. (1999) Educating prospective managers in the complexity of organizational life, Management learning, 30(3), Bruner, J. S. (1961) The act of discovery, Harvard Educational Review, 31 (1): Cunliffe, A.L. (2008) Orientations to Social Constructionism: Relationally Responsive Social Constructionism and its Implications for Knowledge and Learning, Management Learning, 39 (2): Garris, R., Ahlers, R., Driskell, J.E., (2002) Games, Motivation and Learning: A Research and Practice Model, Simulation & Gaming, 33, 4, Goold, M., Campbell A. (1998), Deperately seeking synergies, Harvard Business Review, Sep- Oct; 76 (5):130-43, 188.

10 10 Gosling, J., Mintzberg, H. (2006) Management Education as if Both Matter, Management Learning, 37 (4): Greenlaw, P.S., Herron, L.W. and Rawdon, R.H. (1962) Business Simulation in Industrial and University Education, Prentice-Hall, NY. Grisham, L., Smith, D. (2009) Distance Learning Game Application, Proceeding of the 2009 Americas Conference on Information Systems (AMCIS), paper 452. Gupta, S., Bostrom, R. P. (2009) Technology-Mediated Learning: A Comprehensive Theoretical Model, Journal of the Association for Information Systems, Vol. 10: Iss. 9, Article 1. Karger, P., Olmedilla, D., Abel, F., Herder, E., Siberski, W. (2008) What do you prefer? Using preferences to enhance learning technology, IEEE transactions on learning technologies, 1, 1, Kirriemur, J. & McFarlane, A. (2003) Literature Review in Games and Learning, NESTA Futurelab Series, Report 8. Bristol: NESTA Futurelab. Lainema, T., Makkonen, P., (2003) Applying constructivist approach to educational business games: case REALGAME, Simulation & Gaming, 34, 1, Lewis, M.A. and Maylor, H.R., (2006), Game playing and operations management education, International Journal of Production Economics, Vol. 105, pp Mari, L., (2007) An introduction to STGraph, Moridis, C. N., Economides, A. A. (2009) Mood recognition durign online self-assessment tests, IEEE transactions on learning technologies, 2, 1, Prensky, M., (2003), Digital Game-based learning, Computers in entertainment, Vol.1, Issue 1. Ravenscroft, A., MacAlister, S. (2005) Dialogue Games and e-learning: The Interloc Approach, Proceeding of the 2005 conference on Towards Sustainable and Scalable Educational Innovations Informed by the Learning Sciences: Sharing Good Practices of Research, Experimentation and Innovation, Salas, E., Wildman, J.L., Piccolo, R.F. (2009) Using Simulation-Based Training to Enhance Management Education, Academy of Management Learning and Education, Vol. 8, No. 4, Slotte, V., Herbert, A. (2007) Engaging workers in simulation-based e-learning. Journal of Workplace Learning, 20 (3): Susi, T., Johannesson, M., Backlund, P. (2007) Serious Games an overview, Technical report, University of Skovde - Sweden. Thavikulwat, P., The Architecture of Computerized Business Gaming Simulations (2004) Simulation & Gaming, Vol. 35, Issue 2. Vygotsky, L. (1978) Mind in society, Cambridge: Harvard University Press. Walker, K. B. & Black, E. L. (2000) Reengineering the undergraduate business core curriculum: aligning business school with business for improved performance, Business Process Management Journal, 6(3), Wolfe, J. (1993) A History of Business Teaching Games in English-Speaking and Post-Socialist Countries: The Origination and Diffusion of a Management Education and Development Technology, Simulation & Gaming, Vol. 24, No. 4,

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli