SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale"

Transcript

1 Area Energia SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale Ottobre 2011 Via del Quirinale, , Rome Italy Ph Fax com.it com.it;

2

3 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 3 GRUPPO DI LAVORO GIACOMO SELMI, Istituto per la Competitività ANTONIO SILEO, Istituto per la Competitività (Responsabile) UGO STECCHI, CESE e Politecnico di Bari SUPERVISIONE STEFANO DA EMPOLI, Istituto per la Competitività FRANCO D AMORE, Istituto per la Competitività MASSIMO LA SCALA, CESE e Politecnico di Bari Questo lavoro è stato svolto con il contributo di ANIGAS Associazione Nazionale Industriali Gas

4 4 Premessa ANIGAS Anigas, e le aziende ad essa associate, in considerazione dell'attualità e della rilevanza che il tema della misura ha ed avrà in grado ancora maggiore, ha sempre guardato allo smart metering con estrema attenzione riconoscendone potenziali pregi e funzionalità. Proprio in quest'ottica, e per meglio contribuire a delineare un quadro esaustivo, Anigas ha commissionato all Istituto per la Competitività (I Com) uno studio mirato ad approfondire argomenti quali il contesto e lo scenario europeo, i principali aspetti regolatori e soprattutto una simulazione dei costi e dei benefici di sistema derivanti dall implementazione dello smart metering nel settore gas in Italia. Lo studio si è svolto in concomitanza temporale con valutazioni, proposte, Consultazioni e Direttive che l'aeeg sta elaborando sul medesimo tema. A tale proposito Anigas intende ribadire e sottolineare ancora una volta che: con la delibera ARG/gas 155/08 e i successivi documenti è stato avviato un processo di innovazione tecnologica nel comparto della misura del settore gas atto a favorire la competitività e la liberalizzazione del mercato. Anigas è fermamente intenzionata a contribuire e a generare il miglioramento del servizio; le imprese di distribuzione hanno segnalato singolarmente o attraverso l Associazione vincoli da esse indipendenti e non ancora risolti che creano rilevanti perplessità circa le cadenze per l avanzamento del programma di investimenti, il suo ammontare rilevante e le sue ricadute tariffarie; le imprese segnalano che condizione imprescindibile per l'attuazione del programma di implementazione è che tutti i costi di investimento e gestione del metering e meter reading devono essere riconosciuti, nella loro totalità, dai sistemi di remunerazione previsti per il servizio di distribuzione; le problematiche delle disposizioni di legge sulla metrologia legale non sono ancora state completamente recepite a livello regolamentare. Ciò detto Anigas auspica che lo studio proposto fornisca un contributo importante nel percorso di analisi e implementazione di un sistema di smart metering, ritenuto essenziale per il corretto e moderno funzionamento dell intero comparto gas.

5 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 5 INDICE Executive Summary 9 Capitolo 1 Inquadramento generale e survey europeo L avvento delle smart grid Verso una convergenza delle reti Smart metering Smart metering elettrico Smart metering gas Differenze Obiettivi da raggiungere Smart metering gas e suo inquadramento nell evoluzione delle reti Le linee guida europee sulle smart grid e lo smart metering gas Alcune linee guida Gli aspetti regolatori Smart metering nel gas: un confronto internazionale Cosa succede nel mondo Cosa succede in Europa La situazione in alcuni paesi europei Regno Unito Risultati dell analisi tecnico economica Francia Risultati dell analisi tecnico economica Irlanda Spagna Germania Austria Considerazioni conclusive: l Italia a confronto con il resto d Europa 45 Capitolo 2 Outlook tecnologico Sviluppo delle infrastrutture di rete Sviluppo dello smart metering 52

6 6 Indice 2.1. Implementazione hardware Protocolli di Comunicazione Sicurezza Informatica Esposizione a campi elettromagnetici Privacy Smart prepaid meter Considerazioni conclusive 66 Capitolo 3 Simulazione dei costi e dei benefici Analisi del sistema Italia Nota metodologica La definizione ESMA di smart metering Lo strumento di calcolo ESMA Gli scenari di riferimento ESMA Gli attori e il loro ruolo nello scenario Applicazione della metodologia e dello strumento ESMA al SMGS 155/ Gli scenari funzionali di riferimento Benefici e parametri economici di input allo strumento ESMA Valorizzazione dei parametri economici di input Utilizzo dello strumento ESMA Premesse e assunzioni Fattore di probabilità relativo alla vita media degli smart meter Orizzonte temporale Metodo di calcolo del VAN Tempi di roll out Prezzo dell energia Variazione costi Capex e Opex Modalità di comunicazione Riduzione annuale dei consumi Altre assunzioni rilevanti Smart Metering Gas System delibera 155/08 SMGS COMPLETO Scenario Better Billing 82

7 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter Scenario Real Time Feedback Scenari senza imposte Scenario prevalente Simulazioni impatto trasferimento dei costi in bolletta Simulazioni Smart Metering Gas System 155/08 SMGS RETAIL (G4 e G6) Simulazioni impatto trasferimento dei costi in bolletta Simulazioni impatto altri fattori Il calcolo del VAN per i distributori (caso globale e caso G4 G6) Considerazioni conclusive Distributori Venditori Consumatori Totale stakeholder 99 Riferimenti bibliografici 101

8 8

9 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 9 Executive Summary È ormai comune visione che uno dei principali focus delle utilities e dei regolatori per la prossima decade verterà sulle smart energy e sui corollari associati ad esse: smart grid, smart metering, gestione della domanda, gestione degli outage e distribuzione intelligente. Se nelle reti elettriche il concetto di smart grid è ormai abbastanza comune e alcune delle tecnologie chiave ad esso associate sono sufficientemente diffuse presso i clienti finali (si pensi ai contatori digitali), nelle reti gas invece, la situazione, sia dal punto di vista tecnologico che di infrastrutturazione, è decisamente più acerba. Esistono però delle esigenze che spingono ad intravedere, anche per il settore gas, quantomeno in prospettiva, una importanza crescente delle tecnologie associate allo smart metering, alla telelettura, e alla telegestione e telecontrollo. La Direttiva sull'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici (2006/32/CE) prevede la maggior efficienza tramite l applicazione diffusa di innovazioni tecnologiche efficienti sotto il profilo costi/benefici. In questo contesto si è inserito il provvedimento dell Autorità per l energia elettrica e il gas (ARG/gas 155/08) che ha imposto una forte accelerazione nella sostituzione degli apparati di misura installati sulla rete di distribuzione del gas, avviando un processo significativo di innovazione tecnologica nel comparto della misura, utile per la competitività e per la liberalizzazione dell intero settore gas. Vista l elevata consistenza degli investimenti necessari per traguardare gli obiettivi fissati dal Regolatore, si ritiene necessario un approfondimento di dettaglio circa le attuali tecnologie disponibili sul mercato, le barriere tecniche ed economiche alla loro diffusione, con particolare riguardo ai costi e ai benefici per i principali stakeholder sui quali questi potrebbero impattare. L ambito d indagine della presente ricerca, commissionata da Anigas, riguarda la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati da requisiti funzionali di telelettura e telegestione per i punti di riconsegna delle reti di distribuzione. Lo studio I Com aggiorna al 2011 i principali aspetti già considerati nella fase di consultazione e di deliberazione del provvedimento dell Autorità, e cioè l inquadramento generale dello smart metering anche alla luce delle principali esperienze europee, un outlook delle tecnologie attualmente disponibili e una simulazione dei costi e dei benefici di una sostituzione su larga scala dei contatori gas. La simulazione dei costi e dei benefici è stata effettuata utilizzando il modello messo a disposizione dallo European Smart Metering Alliance (ESMA), una associazione di player e portatori di interesse europei, parzialmente finanziati dal programma European Intelligent Energy (IEE). L analisi del contesto internazionale conferma che le principali funzionalità dello smart metering anche applicato al settore gas necessarie per rientrare in una visione di evoluzione delle smart grid sono: la capacità di elaborare, trasferire e gestire in modo automatico i dati di consumo; la possibilità di gestione da remoto dei contatori; l abilitazione alla comunicazione bidirezionale da e verso il contatore;

10 10 Executive summary la capacità di fornire informazioni significative sui consumi ai vari player del mercato interessati all intera filiera, con l inclusione dei consumatori finali; la possibilità di supportare servizi di nuova concezione volti a migliorare l efficienza del sistema nel suo complesso e a ridurre i consumi energetici. Ad oggi, parlando di settore gas, in base all analisi condotta nel primo capitolo dello studio I Com, gli unici paesi europei che hanno avviato la pianificazione di un roll out massivo dei contatori smart, sono l Italia e la Gran Bretagna con la differenza che il roll out inglese prevede una installazione congiunta di contatori elettrici e gas in tempi più dilatati (con scadenza 2020 per la Gran Bretagna, il 2016 per l Italia). In altri paesi, come la Francia, il processo decisionale è in una fase finale, anche molto avanzata. Nel secondo capitolo dello studio vengono presi in considerazione gli aspetti tecnologici sia per quanto concerne l hardware sia per quel che riguarda i protocolli di comunicazione dei dati. Dall analisi emerge l importanza dell interoperabilità tra reti elettriche e reti gas, che sembra essere un requisito essenziale per un evoluzione equilibrata del sistema. L infrastruttura di comunicazione è poi vista come il principale nodo tecnologico da affrontare per un pieno sviluppo dello smart metering, insieme a quelli non ancora pienamente risolti delle disposizioni di legge concernenti la metrologia legale e la trasmissione dati. Restano comunque, nel breve periodo, le criticità legate alla piena maturità delle tecnologie e dei dispositivi hardware e i limiti produttivi della filiera industriale, anch essi legati all innovatività del comparto. Queste criticità devono essere tenute in debito conto nel riconsiderare eventualmente l orizzonte temporale entro cui completare il roll out. Per quanto riguarda la valutazione dei costi e dei benefici, le simulazioni si sono sviluppate prendendo in esame tre scenari di riferimento: Business As Usual, coincidente con la situazione attuale, dove lo smart metering non è implementato e la lettura dei misuratori avviene manualmente ; Better Billing, modello assimilabile a quello ipotizzato dal regolatore francese, dove i contatori tradizionali vengono sostituiti con contatori smart tele leggibili automaticamente da remoto e i clienti finali ricevono le informazioni storicizzate dei propri consumi dal venditore tramite la bolletta; Real Time Feedback, vicino al modello integrato gas/elettricità inglese dove, a differenza del Better Billing, le informazioni relative ai consumi sono inviate ai clienti finali in modalità real time o near real time. In tutti gli scenari i benefici sono calcolati come minori costi sostenuti e valutati, tramite i parametri di calcolo, quantificando la differenza tra prima e dopo l introduzione dei nuovi gruppi di misura. Le principali fonti dei dati utilizzati sono le risposte a un questionario somministrato a un campione rappresentativo delle imprese associate ad Anigas, i documenti presentati all Autorità nel periodo giugno luglio del 2011 dalle associazioni di settore (Anigas, Assogas, Federestrattiva e Federutility) e i principali documenti ufficiali internazionali pubblicati negli ultimi due anni (in particolare da ERGEG, EUROGAS e CRE) Tra i parametri tecnico economici più rilevanti utilizzati: l orizzonte temporale dell analisi (20 anni), la vita media nominale degli smart meter (15 anni), i tempi di roll out (6 anni), il prezzo del gas per il consumatore domestico, comprensivo delle imposte (0,86 /mc),

11 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 11 la modalità di comunicazione dei dati (per contatori G4 e G6 la radiofrequenza, per i gruppi di misura di calibro maggiore GSM/GPRS/UMTS). La stima della riduzione annuale dei consumi è stata quantificata sulla base di dati reperiti in letteratura. Dopo avere effettuato numerose e differenti simulazioni, con l assunzione di valori diversi, riteniamo che i risultati più significativi siano quelli riferiti al sistema considerato nell insieme dei suoi principali stakeholder distributori, venditori e consumatori valutato per l intero parco misuratori di tutte le classi nell ipotesi del completo trasferimento nel corrispettivo della tariffa di distribuzione dei costi (investimento e gestione) del metering e del meter reading. Analogo sistema e scenario è stato riferito e valutato anche per il parco contatori di calibro G4 e G6. Ovviamente lo scenario più rilevante ai fini del presente studio è quello compatibile con l attuale mercato italiano e con gli obiettivi previsti nel 2008, vale a dire il Better Billing. Nel caso di sostituzione dell intero parco contatori, i dati evidenziano che il Valore Attuale Netto (VAN) dei benefici riferiti al sistema nel suo complesso (distributori, venditori e consumatori) assume un valore positivo solo a partire dal 7 anno, mentre per i clienti finali lo stesso indicatore assume valore positivo a partire dal 17 anno. L indicatore per i distributori risulta fortemente negativo per tutti gli scenari considerati che non prevedano il trasferimento in tariffa dei costi di investimento, installazione, manutenzione e lettura. Nel caso i cui i costi vengano totalmente trasferiti in tariffa l indicatore per i distributori è invece sostanzialmente nullo nell intero periodo considerato. Nell ipotesi di sostituzione dei soli contatori G4 e G6, invece, il VAN totale (riferito cioè ai tutti gli stakeholder) arriva ad assumere valore positivo non prima dei 13 anni, mentre lo stesso indicatore per i consumatori non raggiunge mai il valore positivo.

12 12

13 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 13 CAPITOLO 1 INQUADRAMENTO GENERALE E SURVEY EUROPEO

14 14

15 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter L avvento delle smart grid Il raggiungimento degli obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici, definiti dall Unione Europea nell ambito degli obiettivi del 2020, il cosiddetto Green Package rappresenta il principale driver per lo sviluppo delle smart grid. Quest ultime, infatti, sono un strumento chiave per uno sviluppo quanto mai consistente delle fonti rinnovabili e per la realizzazione di un mercato dell energia in cui i consumatori possano avere un nuovo ruolo, decisamente più centrale. Se il primo e cruciale campo cui sono destinate soluzioni e tecnologia smart grid è senz altro la rete e, più in generale, il sistema elettrico, le applicazioni di tecnologie smart tendono a invadere tutti i campi energetici. Tanto che alcuni degli obiettivi cui si tende nel campo elettrico, seppur con notevoli differenze intrinseche,vorrebbero essere replicati anche nel sistema gas. Tra questi vi è senz altro quello di ridurre il consumo di energia attraverso i cambiamenti nel comportamento della clientela. E l'introduzione di tecnologie di misura intelligenti (smart metering), precondizione necessaria per una smart grid, è riconosciuta come un mezzo per raggiungere questo obiettivo poiché ha la potenzialità di migliorare la consapevolezza dei clienti del consumo di energia attraverso la fornitura in tempo reale di informazioni che sostengono/incentivano il cambiamento comportamentale. Si tratta, in ogni caso, di una materia che è ancora in divenire. L ERGEG (European regulators group for electricity and gas), ad esempio, nel definire una smart grid, si riferisce esclusivamente a una rete elettrica. Al contrario il DOE (Department Of Energy) degli Stati Uniti non fornisce una definizione così dettagliata del termine, soffermandosi piuttosto nel chiarire singoli aspetti fondamentali. Se si volesse delineare in modo schematico un concetto in verità difficile e, appunto, ancora in evoluzione, le caratteristiche che una smart grid, in una visione d insieme, dovrebbe racchiudere in se sono: Intelligenza, intesa come capacità di percepire sovraccarichi e reindirizzare i flussi per prevenire e minimizzare le interruzioni oppure la capacità di intervenire automaticamente in condizioni di emergenza; Efficienza, cioè capacità di rispondere a una domanda energetica crescente minimizzando il ricorso a nuove infrastrutture; Comunicazione, vale a dire possibilità di comunicare in real time tra rete e cliente finale affinché quest ultimo possa adattare i propri consumi energetici in base alle proprie esigenze; Flessibilità ad accettare o fornire energia da diverse fonti e in maniera distribuita; Qualità del servizio anche in condizioni di funzionamento critico; Resistenza, maggiore robustezza in caso di sabotaggi security o disastri naturali safety mediante protocolli specifici; l essere Verde, cioè garantire minori impatti ambientali a parità di servizi resi. Appare chiaro come tali caratteristiche si associano facilmente ad una rete elettrica, ma potrebbero essere mutuate per una qualsiasi infrastruttura di distribuzione di servizi, come il gas naturale o l acqua. Pertanto lo scenario che va delineandosi vede anzitutto una forte interazione tra le reti di distribuzione elettrica e gas strettamente interconnesse tra di loro tramite una massiccia penetrazione delle tecnologie ICT.

16 16 Inquadramento generale e survey europeo 1.1. Verso una convergenza delle reti In questo scenario in divenire parrebbe quindi acquistare maggior vigore quello che potremmo chiamare l approccio convergente, vale a dire quello di una sempre maggior coincidenza nell affrontare le problematiche del settore elettrico e del gas naturale. Si tratta invero di una questione assai complessa e meritevole di ampia disamina. Quello su cui a nostro avviso si può più facilmente concordare è la convergenza verso e una maggior interrelazione tra i due settori, che peraltro trova spiegazione anche nelle reciproche specificità. La domanda di gas naturale, infatti, generalmente non cambia in maniera notevole nel breve periodo, specie se rapportata alla maggiore reattività della domanda elettrica. Le più ampie fluttuazioni di domanda gas nel corso dell anno sono dovute a cause meteo climatiche. In inverno, infatti, aumentano i consumi diretti di metano per soddisfare il carico termico di riscaldamento e acqua calda sanitaria, mentre in estate accrescono gli usi indiretti (produzione di energia elettrica in centrale) per soddisfare i picchi di domanda dovuti ai carichi di condizionamento degli ambienti. La produzione di energia elettrica da centrali alimentate a gas naturale rappresenta, infatti, una parte considerevole del mix energetico nazionale ed è un tipo di carico programmato e costante. Negli ultimi anni anche le fonti rinnovabili, eolico e fotovoltaico in testa, sono entrate a far parte del mix energetico seppure ancora in piccola parte, che tuttavia diventerà sicuramente più rilevante nei prossimi anni in uno scenario di generazione distribuita capillarmente sul territorio. Del resto secondo la principale letteratura tecnica ed economica, la generazione diffusa, cioè un sistema di produzione di energia elettrica con impianti medio piccoli situati nei pressi dell'utenza finale e di norma connessi alla rete di distribuzione, è essenziale al perseguimento degli obiettivi europei di penetrazione delle rinnovabili sulla produzione totale (per l'italia, oltre il 25% nel 2020, secondo il Piano d'azione nazionale presentato dal Governo alla Commissione europea nel luglio 2010). Lo sviluppo della generazione diffusa non può però prescindere da un adeguamento altrettanto significativo della rete di distribuzione, attualmente non sufficiente ad accogliere connessioni e interfacciamenti degli impianti di generazione sempre più sparsi sul territorio, molti dei quali a fonti rinnovabili e spesso dunque non programmabili e dunque aleatori. La generazione di energia da impianti eolici e solari beneficia di dispacciamento prioritario passante, ma essendo intermittente e non programmabile costringe gli operatori di rete a faticare non poco per mantenere i parametri di rete all interno di valori accettabili. Con queste premesse, si richiede alla generazione elettrica a gas (turbogas e cicli combinati CCGT ), non solo di soddisfare la quota parte di mix energetico che già ora copre, ma di andare anche a coprire la mancata produzione delle fonti rinnovabili quando inattive. Il vettore gas potrebbe essere e in parte già è la soluzione all aleatorietà delle fonti di generazione non programmabili per via dei tempi di risposta rapidi (fast ramping) dei CCGT ed ancor più dei turbogas. Si intravede pertanto quella che potrebbe essere una nuova tendenza vale a dire che la domanda di gas possa non essere più costante come lo è attualmente, ma avere picchi considerevoli anche nella giornata.

17 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 17 Da qui nasce la necessità di dover monitorare in tempo reale i valori di portata e pressione nei punti nevralgici dei metanodotti. E dato lo stretto legame che si verrebbe ad instaurare con la rete elettrica, ne deriva la necessità di una struttura di comunicazione in grado di poter scambiare informazioni in tempo reale tra le due reti. L introduzione delle fonti rinnovabili costringe dunque non solo la rete elettrica ad evolversi in una smart grid, passando dall'attuale ruolo passivo ad uno sempre più attivo, ma ha notevoli influenze anche sul processo di ammodernamento e sviluppo dei metanodotti, al fine di renderli ugualmente, per quanto possibile, smart. Uno scenario in cui le smart grid dell energia elettrica e del gas naturale siano effettivamente integrate tra loro (generalmente si fa riferimento a questo concetto usando il termine di smart energy), può potenzialmente condurre a diversi vantaggi, riportati nello schema che segue. Attualmente le infrastrutture elettriche e del gas naturale sono controllate in maniera indipendente, con l eccezione di un numero limitato di comunicazioni che sono tuttavia affette da ragguardevoli differenze in termini di costanti di tempo e dinamiche di sistema. I carichi elettrici hanno, infatti, maggiori fluttuazioni giornaliere e stagionali, ma piccole variazioni annuali; mentre i carichi del metano sono caratterizzati da piccole variazioni giornaliere ed ampie variazioni nell anno.

18 18 Inquadramento generale e survey europeo Rimangono tuttavia evidenti le differenze fisiche alla base dei due settori che ne condizionano comunque i mercati e gli sviluppi tecnologici. Nel settore elettrico ad esempio una delle grandi sfide legate al mondo delle smart grid è rappresentata dalla possibilità di accumulare energia elettrica, laddove invece risulta ampiamente praticabile e diffusa la possibilità di accumulo nel settore del gas naturale. L accumulo di gas naturale generalmente ammonta a discrete percentuali in proporzione ai consumi totali nazionali. Un sistema di stoccaggio, proprio per la possibilità di disporre di gas in maniera differita nel tempo, costituisce il mezzo principale per assicurare la continuità delle forniture e, gestendo le fluttuazioni di domanda e offerta, svolge un ruolo essenziale ai fini dell efficienza e dell affidabilità del sistema stesso. La presenza e il ricorso a infrastrutture di stoccaggio, infatti, consentono di rendere modulata una forma di approvvigionamento di gas, che altrimenti si rivelerebbe piatta (contratti privi di flessibilità nei ritiri giornalieri o anche annuali), il che permette anche di utilizzare più intensamente le infrastrutture o risorse primarie meno flessibili, come gasdotti e rigassificatori per l importazione di gas prodotto all estero e produzione nazionale, a fronte di una domanda di gas che presenta una accentuata variabilità sia stagionale che, per archi di tempo più ridotti, giornaliera. Le varie tipologie di domanda (residenziale, industriale e termoelettrica) presentano un grado di prelievo e modulazione tra loro diversi, il che rende necessario poter disporre di un sistema di erogazione flessibile. Essere dotati inoltre di un sistema di stoccaggio efficiente è funzionale in primis ai fini del mercato, perché permette un ottimizzazione degli approvvigionamenti, consentendo l acquisto di gas nel periodo estivo, quando il prezzo è più basso, per poterlo poi riutilizzare nella stagione invernale 1. In secondo luogo, una buona capacità di stoccaggio aiuta la creazione di un mercato liquido sia nel settore del gas che nell elettricità aumentando la possibilità di arbitraggio anche tra mercati di diversi paesi. Non da ultimo infine, maggiore è la capacità di stoccaggio, maggiore è la sicurezza energetica di un paese, e quindi la capacità di garantire le forniture, e tale ruolo è tanto più importante, quanto maggiore è la dipendenza dalle importazioni. In ogni caso, almeno rispetto all energia elettrica, il gas metano è una risorsa, di fatto, sempre disponibile (anche grazie all accumulo) con un valore prestabilito per chi vende. Le reti elettriche invece richiedono una risposta istantanea ai cambiamenti di carico proprio perché l energia elettrica non può essere accumulata (non almeno nelle quantità necessarie a soddisfare l intera rete). In un futuro prossimo, tuttavia, con il progressivo diffondersi di sistemi di generazione diffusa, il ruolo dei sistemi di stoccaggio energetico potrebbe diventare di fondamentale importanza per la costituzione di una smart grid stabile ed efficiente. La produzione di grandi 1 Non va dimenticato che recentemente calo della domanda, inattesa abbondanza di offerta (dovuta alla maggiore disponibilità di GNL a sua volta determinata anche dalla crescita esplosiva del gas non convenzionale negli Stati Uniti) prezzi imprevisti, contrazione dei margini degli operatori, consistenti rinegoziazioni dei contratti di lungo periodo hanno determinato quasi un effetto domino. Tanto che è lecito chiedersi se non si stia entrando in una nuova epoca. Un epoca in cui, tra gli altri rivolgimenti, venga superato il tradizionale modello di approvvigionamento basato sui contratti di lungo termine con uno stretto legame tra il prezzo del gas e quello del petrolio. Invero è ancora presto per dirlo: tante, spesso esogene, sono le variabili determinanti e tra queste cruciale ci pare la domanda.

19 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 19 quantitativi di energia intermittente e indipendente dalle effettive richieste di carico della rete (come quella proveniente da fonti energetiche rinnovabili), renderà infatti necessario un massiccio impiego di sistemi di accumulo energetico in grado di sopportare un elevato numero di cicli di carica scarica a diversi gradi di profondità. In uno scenario siffatto, che vede la realizzazione di smart grid elettriche e gas, sebbene i mercati nazionali dell energia siano caratterizzati per loro stessa natura da una forte a territorialità, è chiaro che le utility con marcata matrice territoriale (aziende di distribuzione di gas, energia elettrica, acqua) potrebbero trovare un terreno fertile per l aggregazione, in forme di collaborazione, al fine di realizzare economie di scala e, ancor più, di scopo, unire le proprie specifiche esperienze e competenze, espandere la loro presenza sul territorio. Il potenziale raggiungimento di economie più o meno significative da parte di questi raggruppamenti locali potrebbe sostenere lo sviluppo e la crescita dei distributori presenti su aree geografiche limitate, incoraggiare localmente la diffusione di produzione di energia elettrica da fonti alternative. Chiaramente l aggregazione di utility di diversa natura, dovrà realizzarsi in uno spazio virtuale nel quale i diversi attori potranno dialogare e coordinarsi seguendo dei protocolli di comunicazione comuni. In questo cyber spazio dei servizi ciascuna utility potrebbe trarre vantaggio avvicina dosi alle economie di scala realizzabili da una multi utility o da una distributed utility. In ogni caso, tuttavia, resta difficile tirare le fila anche per il contesto che è quanto mai in evoluzione. Il caso italiano poi, si profila più che mai complesso, basti solo pensare alla aggregazione che avverrà, potremmo dire ex lege, con le gare per ambito, previste per l affidamento del servizio di distribuzione gas. Nondimeno, su un piano più generale, tra prime considerazioni possibili vi è senz altro quella che la convergenza dei servizi ci pare possa procurare maggior vantaggio proprio alle aziende multi servizio Smart metering Metaforicamente si potrebbe sostenere che nel cuore di una smart grid alberga sicuramente lo smart meter, con tutta la relativa infrastruttura di comunicazione. Nel settore elettrico i sistemi di smart metering, basati su contatore elettronico, si sono affermati in virtù della necessità di far fronte ad alcune problematiche di business ed al fine di fornire (od ottenere in base ai punti di vista) maggior contezza ed una più oculata gestione dei consumi. I benefici economici stanno trainando ed evidenziando vantaggi e possibilità tecniche di gestione che prima non sarebbero stati possibili. Nuove funzionalità dovranno essere richieste ai sistemi tecnici e informativi della società di distribuzione che le porteranno a diventare Smart Distribution Companies. Per inquadrare sul piano tecnico e tecnologico i contorni di quella che può essere senz altro definita una svolta epocale è necessario, primariamente, dover definire le lacune che i contatori dovrebbero colmare sia a favore dei fornitori che dei clienti e utilizzatori finali. A fronte di questa prima classificazione, farà seguito una catalogazione delle differenze che sussistono tra gli smart meter gas e gli smart meter elettrici.

20 20 Inquadramento generale e survey europeo Le problematiche principali incontrate dai fornitori nello svolgimento del proprio servizio sono: - distinzione tra i loro servizi e i servizi forniti da altri; - personalizzare del servizio dato, in modo tale da differenziare in relazione alle esigenze dei vari clienti; - dare dei risultati attendibili; - dare delle informazioni accessibili al cliente; - permettere un facile cambiamento dei parametri, come per esempio il pagamento anticipato del credito, una gestione più efficace del debito, etc.; Principali obiettivi e benefici dei clienti finali: - Fatture precise; - Prezzi bassi, o meglio, congrui; - Facilità nel cambiamento dei fornitori; - Meno controlli presso le abitazioni da parte degli addetti alla lettura; - Un sistema che li aiuti nella gestione dei consumi; Gli operatori stanno dunque cercando una soluzione unica e definitiva che possa durare almeno per venti anni con la minima manutenzione ovvero effettuare un investimento che sia garantito a lungo termine. Viste le differenze intrinseche tra i due settori, è indispensabile fare una suddivisone netta tra i contatori intelligenti per l energia elettrica e quelli per il gas. Tale differenza permetterà di individuare i due differenti livelli della tecnologia e le direzioni in cui agire Smart metering elettrico Analizzando nello specifico le funzioni che sono possibili con un contatore elettrico intelligente si possono includere: lettura da remoto; una doppia via di comunicazione che permetta di gestire in modo più efficace i picchi di domanda e la possibilità di interrompere la fornitura di energia a un carico quando possibile; un avanzato sistema di tariffazione e di pagamento che permetta al consumatore di scegliere la fascia oraria in cui ritiene più conveniente consumare;

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 40/11 Possibile revisione degli obblighi di messa in servizio dei gruppi di misura previsti dall allegato a alla deliberazione dell Autorità ARG/gas 155/08 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 06

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli