SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale"

Transcript

1 Area Energia SMART GAS, SMART REGULATION? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale Ottobre 2011 Via del Quirinale, , Rome Italy Ph Fax com.it com.it;

2

3 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 3 GRUPPO DI LAVORO GIACOMO SELMI, Istituto per la Competitività ANTONIO SILEO, Istituto per la Competitività (Responsabile) UGO STECCHI, CESE e Politecnico di Bari SUPERVISIONE STEFANO DA EMPOLI, Istituto per la Competitività FRANCO D AMORE, Istituto per la Competitività MASSIMO LA SCALA, CESE e Politecnico di Bari Questo lavoro è stato svolto con il contributo di ANIGAS Associazione Nazionale Industriali Gas

4 4 Premessa ANIGAS Anigas, e le aziende ad essa associate, in considerazione dell'attualità e della rilevanza che il tema della misura ha ed avrà in grado ancora maggiore, ha sempre guardato allo smart metering con estrema attenzione riconoscendone potenziali pregi e funzionalità. Proprio in quest'ottica, e per meglio contribuire a delineare un quadro esaustivo, Anigas ha commissionato all Istituto per la Competitività (I Com) uno studio mirato ad approfondire argomenti quali il contesto e lo scenario europeo, i principali aspetti regolatori e soprattutto una simulazione dei costi e dei benefici di sistema derivanti dall implementazione dello smart metering nel settore gas in Italia. Lo studio si è svolto in concomitanza temporale con valutazioni, proposte, Consultazioni e Direttive che l'aeeg sta elaborando sul medesimo tema. A tale proposito Anigas intende ribadire e sottolineare ancora una volta che: con la delibera ARG/gas 155/08 e i successivi documenti è stato avviato un processo di innovazione tecnologica nel comparto della misura del settore gas atto a favorire la competitività e la liberalizzazione del mercato. Anigas è fermamente intenzionata a contribuire e a generare il miglioramento del servizio; le imprese di distribuzione hanno segnalato singolarmente o attraverso l Associazione vincoli da esse indipendenti e non ancora risolti che creano rilevanti perplessità circa le cadenze per l avanzamento del programma di investimenti, il suo ammontare rilevante e le sue ricadute tariffarie; le imprese segnalano che condizione imprescindibile per l'attuazione del programma di implementazione è che tutti i costi di investimento e gestione del metering e meter reading devono essere riconosciuti, nella loro totalità, dai sistemi di remunerazione previsti per il servizio di distribuzione; le problematiche delle disposizioni di legge sulla metrologia legale non sono ancora state completamente recepite a livello regolamentare. Ciò detto Anigas auspica che lo studio proposto fornisca un contributo importante nel percorso di analisi e implementazione di un sistema di smart metering, ritenuto essenziale per il corretto e moderno funzionamento dell intero comparto gas.

5 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 5 INDICE Executive Summary 9 Capitolo 1 Inquadramento generale e survey europeo L avvento delle smart grid Verso una convergenza delle reti Smart metering Smart metering elettrico Smart metering gas Differenze Obiettivi da raggiungere Smart metering gas e suo inquadramento nell evoluzione delle reti Le linee guida europee sulle smart grid e lo smart metering gas Alcune linee guida Gli aspetti regolatori Smart metering nel gas: un confronto internazionale Cosa succede nel mondo Cosa succede in Europa La situazione in alcuni paesi europei Regno Unito Risultati dell analisi tecnico economica Francia Risultati dell analisi tecnico economica Irlanda Spagna Germania Austria Considerazioni conclusive: l Italia a confronto con il resto d Europa 45 Capitolo 2 Outlook tecnologico Sviluppo delle infrastrutture di rete Sviluppo dello smart metering 52

6 6 Indice 2.1. Implementazione hardware Protocolli di Comunicazione Sicurezza Informatica Esposizione a campi elettromagnetici Privacy Smart prepaid meter Considerazioni conclusive 66 Capitolo 3 Simulazione dei costi e dei benefici Analisi del sistema Italia Nota metodologica La definizione ESMA di smart metering Lo strumento di calcolo ESMA Gli scenari di riferimento ESMA Gli attori e il loro ruolo nello scenario Applicazione della metodologia e dello strumento ESMA al SMGS 155/ Gli scenari funzionali di riferimento Benefici e parametri economici di input allo strumento ESMA Valorizzazione dei parametri economici di input Utilizzo dello strumento ESMA Premesse e assunzioni Fattore di probabilità relativo alla vita media degli smart meter Orizzonte temporale Metodo di calcolo del VAN Tempi di roll out Prezzo dell energia Variazione costi Capex e Opex Modalità di comunicazione Riduzione annuale dei consumi Altre assunzioni rilevanti Smart Metering Gas System delibera 155/08 SMGS COMPLETO Scenario Better Billing 82

7 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter Scenario Real Time Feedback Scenari senza imposte Scenario prevalente Simulazioni impatto trasferimento dei costi in bolletta Simulazioni Smart Metering Gas System 155/08 SMGS RETAIL (G4 e G6) Simulazioni impatto trasferimento dei costi in bolletta Simulazioni impatto altri fattori Il calcolo del VAN per i distributori (caso globale e caso G4 G6) Considerazioni conclusive Distributori Venditori Consumatori Totale stakeholder 99 Riferimenti bibliografici 101

8 8

9 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 9 Executive Summary È ormai comune visione che uno dei principali focus delle utilities e dei regolatori per la prossima decade verterà sulle smart energy e sui corollari associati ad esse: smart grid, smart metering, gestione della domanda, gestione degli outage e distribuzione intelligente. Se nelle reti elettriche il concetto di smart grid è ormai abbastanza comune e alcune delle tecnologie chiave ad esso associate sono sufficientemente diffuse presso i clienti finali (si pensi ai contatori digitali), nelle reti gas invece, la situazione, sia dal punto di vista tecnologico che di infrastrutturazione, è decisamente più acerba. Esistono però delle esigenze che spingono ad intravedere, anche per il settore gas, quantomeno in prospettiva, una importanza crescente delle tecnologie associate allo smart metering, alla telelettura, e alla telegestione e telecontrollo. La Direttiva sull'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici (2006/32/CE) prevede la maggior efficienza tramite l applicazione diffusa di innovazioni tecnologiche efficienti sotto il profilo costi/benefici. In questo contesto si è inserito il provvedimento dell Autorità per l energia elettrica e il gas (ARG/gas 155/08) che ha imposto una forte accelerazione nella sostituzione degli apparati di misura installati sulla rete di distribuzione del gas, avviando un processo significativo di innovazione tecnologica nel comparto della misura, utile per la competitività e per la liberalizzazione dell intero settore gas. Vista l elevata consistenza degli investimenti necessari per traguardare gli obiettivi fissati dal Regolatore, si ritiene necessario un approfondimento di dettaglio circa le attuali tecnologie disponibili sul mercato, le barriere tecniche ed economiche alla loro diffusione, con particolare riguardo ai costi e ai benefici per i principali stakeholder sui quali questi potrebbero impattare. L ambito d indagine della presente ricerca, commissionata da Anigas, riguarda la messa in servizio di gruppi di misura del gas caratterizzati da requisiti funzionali di telelettura e telegestione per i punti di riconsegna delle reti di distribuzione. Lo studio I Com aggiorna al 2011 i principali aspetti già considerati nella fase di consultazione e di deliberazione del provvedimento dell Autorità, e cioè l inquadramento generale dello smart metering anche alla luce delle principali esperienze europee, un outlook delle tecnologie attualmente disponibili e una simulazione dei costi e dei benefici di una sostituzione su larga scala dei contatori gas. La simulazione dei costi e dei benefici è stata effettuata utilizzando il modello messo a disposizione dallo European Smart Metering Alliance (ESMA), una associazione di player e portatori di interesse europei, parzialmente finanziati dal programma European Intelligent Energy (IEE). L analisi del contesto internazionale conferma che le principali funzionalità dello smart metering anche applicato al settore gas necessarie per rientrare in una visione di evoluzione delle smart grid sono: la capacità di elaborare, trasferire e gestire in modo automatico i dati di consumo; la possibilità di gestione da remoto dei contatori; l abilitazione alla comunicazione bidirezionale da e verso il contatore;

10 10 Executive summary la capacità di fornire informazioni significative sui consumi ai vari player del mercato interessati all intera filiera, con l inclusione dei consumatori finali; la possibilità di supportare servizi di nuova concezione volti a migliorare l efficienza del sistema nel suo complesso e a ridurre i consumi energetici. Ad oggi, parlando di settore gas, in base all analisi condotta nel primo capitolo dello studio I Com, gli unici paesi europei che hanno avviato la pianificazione di un roll out massivo dei contatori smart, sono l Italia e la Gran Bretagna con la differenza che il roll out inglese prevede una installazione congiunta di contatori elettrici e gas in tempi più dilatati (con scadenza 2020 per la Gran Bretagna, il 2016 per l Italia). In altri paesi, come la Francia, il processo decisionale è in una fase finale, anche molto avanzata. Nel secondo capitolo dello studio vengono presi in considerazione gli aspetti tecnologici sia per quanto concerne l hardware sia per quel che riguarda i protocolli di comunicazione dei dati. Dall analisi emerge l importanza dell interoperabilità tra reti elettriche e reti gas, che sembra essere un requisito essenziale per un evoluzione equilibrata del sistema. L infrastruttura di comunicazione è poi vista come il principale nodo tecnologico da affrontare per un pieno sviluppo dello smart metering, insieme a quelli non ancora pienamente risolti delle disposizioni di legge concernenti la metrologia legale e la trasmissione dati. Restano comunque, nel breve periodo, le criticità legate alla piena maturità delle tecnologie e dei dispositivi hardware e i limiti produttivi della filiera industriale, anch essi legati all innovatività del comparto. Queste criticità devono essere tenute in debito conto nel riconsiderare eventualmente l orizzonte temporale entro cui completare il roll out. Per quanto riguarda la valutazione dei costi e dei benefici, le simulazioni si sono sviluppate prendendo in esame tre scenari di riferimento: Business As Usual, coincidente con la situazione attuale, dove lo smart metering non è implementato e la lettura dei misuratori avviene manualmente ; Better Billing, modello assimilabile a quello ipotizzato dal regolatore francese, dove i contatori tradizionali vengono sostituiti con contatori smart tele leggibili automaticamente da remoto e i clienti finali ricevono le informazioni storicizzate dei propri consumi dal venditore tramite la bolletta; Real Time Feedback, vicino al modello integrato gas/elettricità inglese dove, a differenza del Better Billing, le informazioni relative ai consumi sono inviate ai clienti finali in modalità real time o near real time. In tutti gli scenari i benefici sono calcolati come minori costi sostenuti e valutati, tramite i parametri di calcolo, quantificando la differenza tra prima e dopo l introduzione dei nuovi gruppi di misura. Le principali fonti dei dati utilizzati sono le risposte a un questionario somministrato a un campione rappresentativo delle imprese associate ad Anigas, i documenti presentati all Autorità nel periodo giugno luglio del 2011 dalle associazioni di settore (Anigas, Assogas, Federestrattiva e Federutility) e i principali documenti ufficiali internazionali pubblicati negli ultimi due anni (in particolare da ERGEG, EUROGAS e CRE) Tra i parametri tecnico economici più rilevanti utilizzati: l orizzonte temporale dell analisi (20 anni), la vita media nominale degli smart meter (15 anni), i tempi di roll out (6 anni), il prezzo del gas per il consumatore domestico, comprensivo delle imposte (0,86 /mc),

11 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 11 la modalità di comunicazione dei dati (per contatori G4 e G6 la radiofrequenza, per i gruppi di misura di calibro maggiore GSM/GPRS/UMTS). La stima della riduzione annuale dei consumi è stata quantificata sulla base di dati reperiti in letteratura. Dopo avere effettuato numerose e differenti simulazioni, con l assunzione di valori diversi, riteniamo che i risultati più significativi siano quelli riferiti al sistema considerato nell insieme dei suoi principali stakeholder distributori, venditori e consumatori valutato per l intero parco misuratori di tutte le classi nell ipotesi del completo trasferimento nel corrispettivo della tariffa di distribuzione dei costi (investimento e gestione) del metering e del meter reading. Analogo sistema e scenario è stato riferito e valutato anche per il parco contatori di calibro G4 e G6. Ovviamente lo scenario più rilevante ai fini del presente studio è quello compatibile con l attuale mercato italiano e con gli obiettivi previsti nel 2008, vale a dire il Better Billing. Nel caso di sostituzione dell intero parco contatori, i dati evidenziano che il Valore Attuale Netto (VAN) dei benefici riferiti al sistema nel suo complesso (distributori, venditori e consumatori) assume un valore positivo solo a partire dal 7 anno, mentre per i clienti finali lo stesso indicatore assume valore positivo a partire dal 17 anno. L indicatore per i distributori risulta fortemente negativo per tutti gli scenari considerati che non prevedano il trasferimento in tariffa dei costi di investimento, installazione, manutenzione e lettura. Nel caso i cui i costi vengano totalmente trasferiti in tariffa l indicatore per i distributori è invece sostanzialmente nullo nell intero periodo considerato. Nell ipotesi di sostituzione dei soli contatori G4 e G6, invece, il VAN totale (riferito cioè ai tutti gli stakeholder) arriva ad assumere valore positivo non prima dei 13 anni, mentre lo stesso indicatore per i consumatori non raggiunge mai il valore positivo.

12 12

13 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 13 CAPITOLO 1 INQUADRAMENTO GENERALE E SURVEY EUROPEO

14 14

15 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter L avvento delle smart grid Il raggiungimento degli obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici, definiti dall Unione Europea nell ambito degli obiettivi del 2020, il cosiddetto Green Package rappresenta il principale driver per lo sviluppo delle smart grid. Quest ultime, infatti, sono un strumento chiave per uno sviluppo quanto mai consistente delle fonti rinnovabili e per la realizzazione di un mercato dell energia in cui i consumatori possano avere un nuovo ruolo, decisamente più centrale. Se il primo e cruciale campo cui sono destinate soluzioni e tecnologia smart grid è senz altro la rete e, più in generale, il sistema elettrico, le applicazioni di tecnologie smart tendono a invadere tutti i campi energetici. Tanto che alcuni degli obiettivi cui si tende nel campo elettrico, seppur con notevoli differenze intrinseche,vorrebbero essere replicati anche nel sistema gas. Tra questi vi è senz altro quello di ridurre il consumo di energia attraverso i cambiamenti nel comportamento della clientela. E l'introduzione di tecnologie di misura intelligenti (smart metering), precondizione necessaria per una smart grid, è riconosciuta come un mezzo per raggiungere questo obiettivo poiché ha la potenzialità di migliorare la consapevolezza dei clienti del consumo di energia attraverso la fornitura in tempo reale di informazioni che sostengono/incentivano il cambiamento comportamentale. Si tratta, in ogni caso, di una materia che è ancora in divenire. L ERGEG (European regulators group for electricity and gas), ad esempio, nel definire una smart grid, si riferisce esclusivamente a una rete elettrica. Al contrario il DOE (Department Of Energy) degli Stati Uniti non fornisce una definizione così dettagliata del termine, soffermandosi piuttosto nel chiarire singoli aspetti fondamentali. Se si volesse delineare in modo schematico un concetto in verità difficile e, appunto, ancora in evoluzione, le caratteristiche che una smart grid, in una visione d insieme, dovrebbe racchiudere in se sono: Intelligenza, intesa come capacità di percepire sovraccarichi e reindirizzare i flussi per prevenire e minimizzare le interruzioni oppure la capacità di intervenire automaticamente in condizioni di emergenza; Efficienza, cioè capacità di rispondere a una domanda energetica crescente minimizzando il ricorso a nuove infrastrutture; Comunicazione, vale a dire possibilità di comunicare in real time tra rete e cliente finale affinché quest ultimo possa adattare i propri consumi energetici in base alle proprie esigenze; Flessibilità ad accettare o fornire energia da diverse fonti e in maniera distribuita; Qualità del servizio anche in condizioni di funzionamento critico; Resistenza, maggiore robustezza in caso di sabotaggi security o disastri naturali safety mediante protocolli specifici; l essere Verde, cioè garantire minori impatti ambientali a parità di servizi resi. Appare chiaro come tali caratteristiche si associano facilmente ad una rete elettrica, ma potrebbero essere mutuate per una qualsiasi infrastruttura di distribuzione di servizi, come il gas naturale o l acqua. Pertanto lo scenario che va delineandosi vede anzitutto una forte interazione tra le reti di distribuzione elettrica e gas strettamente interconnesse tra di loro tramite una massiccia penetrazione delle tecnologie ICT.

16 16 Inquadramento generale e survey europeo 1.1. Verso una convergenza delle reti In questo scenario in divenire parrebbe quindi acquistare maggior vigore quello che potremmo chiamare l approccio convergente, vale a dire quello di una sempre maggior coincidenza nell affrontare le problematiche del settore elettrico e del gas naturale. Si tratta invero di una questione assai complessa e meritevole di ampia disamina. Quello su cui a nostro avviso si può più facilmente concordare è la convergenza verso e una maggior interrelazione tra i due settori, che peraltro trova spiegazione anche nelle reciproche specificità. La domanda di gas naturale, infatti, generalmente non cambia in maniera notevole nel breve periodo, specie se rapportata alla maggiore reattività della domanda elettrica. Le più ampie fluttuazioni di domanda gas nel corso dell anno sono dovute a cause meteo climatiche. In inverno, infatti, aumentano i consumi diretti di metano per soddisfare il carico termico di riscaldamento e acqua calda sanitaria, mentre in estate accrescono gli usi indiretti (produzione di energia elettrica in centrale) per soddisfare i picchi di domanda dovuti ai carichi di condizionamento degli ambienti. La produzione di energia elettrica da centrali alimentate a gas naturale rappresenta, infatti, una parte considerevole del mix energetico nazionale ed è un tipo di carico programmato e costante. Negli ultimi anni anche le fonti rinnovabili, eolico e fotovoltaico in testa, sono entrate a far parte del mix energetico seppure ancora in piccola parte, che tuttavia diventerà sicuramente più rilevante nei prossimi anni in uno scenario di generazione distribuita capillarmente sul territorio. Del resto secondo la principale letteratura tecnica ed economica, la generazione diffusa, cioè un sistema di produzione di energia elettrica con impianti medio piccoli situati nei pressi dell'utenza finale e di norma connessi alla rete di distribuzione, è essenziale al perseguimento degli obiettivi europei di penetrazione delle rinnovabili sulla produzione totale (per l'italia, oltre il 25% nel 2020, secondo il Piano d'azione nazionale presentato dal Governo alla Commissione europea nel luglio 2010). Lo sviluppo della generazione diffusa non può però prescindere da un adeguamento altrettanto significativo della rete di distribuzione, attualmente non sufficiente ad accogliere connessioni e interfacciamenti degli impianti di generazione sempre più sparsi sul territorio, molti dei quali a fonti rinnovabili e spesso dunque non programmabili e dunque aleatori. La generazione di energia da impianti eolici e solari beneficia di dispacciamento prioritario passante, ma essendo intermittente e non programmabile costringe gli operatori di rete a faticare non poco per mantenere i parametri di rete all interno di valori accettabili. Con queste premesse, si richiede alla generazione elettrica a gas (turbogas e cicli combinati CCGT ), non solo di soddisfare la quota parte di mix energetico che già ora copre, ma di andare anche a coprire la mancata produzione delle fonti rinnovabili quando inattive. Il vettore gas potrebbe essere e in parte già è la soluzione all aleatorietà delle fonti di generazione non programmabili per via dei tempi di risposta rapidi (fast ramping) dei CCGT ed ancor più dei turbogas. Si intravede pertanto quella che potrebbe essere una nuova tendenza vale a dire che la domanda di gas possa non essere più costante come lo è attualmente, ma avere picchi considerevoli anche nella giornata.

17 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 17 Da qui nasce la necessità di dover monitorare in tempo reale i valori di portata e pressione nei punti nevralgici dei metanodotti. E dato lo stretto legame che si verrebbe ad instaurare con la rete elettrica, ne deriva la necessità di una struttura di comunicazione in grado di poter scambiare informazioni in tempo reale tra le due reti. L introduzione delle fonti rinnovabili costringe dunque non solo la rete elettrica ad evolversi in una smart grid, passando dall'attuale ruolo passivo ad uno sempre più attivo, ma ha notevoli influenze anche sul processo di ammodernamento e sviluppo dei metanodotti, al fine di renderli ugualmente, per quanto possibile, smart. Uno scenario in cui le smart grid dell energia elettrica e del gas naturale siano effettivamente integrate tra loro (generalmente si fa riferimento a questo concetto usando il termine di smart energy), può potenzialmente condurre a diversi vantaggi, riportati nello schema che segue. Attualmente le infrastrutture elettriche e del gas naturale sono controllate in maniera indipendente, con l eccezione di un numero limitato di comunicazioni che sono tuttavia affette da ragguardevoli differenze in termini di costanti di tempo e dinamiche di sistema. I carichi elettrici hanno, infatti, maggiori fluttuazioni giornaliere e stagionali, ma piccole variazioni annuali; mentre i carichi del metano sono caratterizzati da piccole variazioni giornaliere ed ampie variazioni nell anno.

18 18 Inquadramento generale e survey europeo Rimangono tuttavia evidenti le differenze fisiche alla base dei due settori che ne condizionano comunque i mercati e gli sviluppi tecnologici. Nel settore elettrico ad esempio una delle grandi sfide legate al mondo delle smart grid è rappresentata dalla possibilità di accumulare energia elettrica, laddove invece risulta ampiamente praticabile e diffusa la possibilità di accumulo nel settore del gas naturale. L accumulo di gas naturale generalmente ammonta a discrete percentuali in proporzione ai consumi totali nazionali. Un sistema di stoccaggio, proprio per la possibilità di disporre di gas in maniera differita nel tempo, costituisce il mezzo principale per assicurare la continuità delle forniture e, gestendo le fluttuazioni di domanda e offerta, svolge un ruolo essenziale ai fini dell efficienza e dell affidabilità del sistema stesso. La presenza e il ricorso a infrastrutture di stoccaggio, infatti, consentono di rendere modulata una forma di approvvigionamento di gas, che altrimenti si rivelerebbe piatta (contratti privi di flessibilità nei ritiri giornalieri o anche annuali), il che permette anche di utilizzare più intensamente le infrastrutture o risorse primarie meno flessibili, come gasdotti e rigassificatori per l importazione di gas prodotto all estero e produzione nazionale, a fronte di una domanda di gas che presenta una accentuata variabilità sia stagionale che, per archi di tempo più ridotti, giornaliera. Le varie tipologie di domanda (residenziale, industriale e termoelettrica) presentano un grado di prelievo e modulazione tra loro diversi, il che rende necessario poter disporre di un sistema di erogazione flessibile. Essere dotati inoltre di un sistema di stoccaggio efficiente è funzionale in primis ai fini del mercato, perché permette un ottimizzazione degli approvvigionamenti, consentendo l acquisto di gas nel periodo estivo, quando il prezzo è più basso, per poterlo poi riutilizzare nella stagione invernale 1. In secondo luogo, una buona capacità di stoccaggio aiuta la creazione di un mercato liquido sia nel settore del gas che nell elettricità aumentando la possibilità di arbitraggio anche tra mercati di diversi paesi. Non da ultimo infine, maggiore è la capacità di stoccaggio, maggiore è la sicurezza energetica di un paese, e quindi la capacità di garantire le forniture, e tale ruolo è tanto più importante, quanto maggiore è la dipendenza dalle importazioni. In ogni caso, almeno rispetto all energia elettrica, il gas metano è una risorsa, di fatto, sempre disponibile (anche grazie all accumulo) con un valore prestabilito per chi vende. Le reti elettriche invece richiedono una risposta istantanea ai cambiamenti di carico proprio perché l energia elettrica non può essere accumulata (non almeno nelle quantità necessarie a soddisfare l intera rete). In un futuro prossimo, tuttavia, con il progressivo diffondersi di sistemi di generazione diffusa, il ruolo dei sistemi di stoccaggio energetico potrebbe diventare di fondamentale importanza per la costituzione di una smart grid stabile ed efficiente. La produzione di grandi 1 Non va dimenticato che recentemente calo della domanda, inattesa abbondanza di offerta (dovuta alla maggiore disponibilità di GNL a sua volta determinata anche dalla crescita esplosiva del gas non convenzionale negli Stati Uniti) prezzi imprevisti, contrazione dei margini degli operatori, consistenti rinegoziazioni dei contratti di lungo periodo hanno determinato quasi un effetto domino. Tanto che è lecito chiedersi se non si stia entrando in una nuova epoca. Un epoca in cui, tra gli altri rivolgimenti, venga superato il tradizionale modello di approvvigionamento basato sui contratti di lungo termine con uno stretto legame tra il prezzo del gas e quello del petrolio. Invero è ancora presto per dirlo: tante, spesso esogene, sono le variabili determinanti e tra queste cruciale ci pare la domanda.

19 STUDIO I COM Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter 19 quantitativi di energia intermittente e indipendente dalle effettive richieste di carico della rete (come quella proveniente da fonti energetiche rinnovabili), renderà infatti necessario un massiccio impiego di sistemi di accumulo energetico in grado di sopportare un elevato numero di cicli di carica scarica a diversi gradi di profondità. In uno scenario siffatto, che vede la realizzazione di smart grid elettriche e gas, sebbene i mercati nazionali dell energia siano caratterizzati per loro stessa natura da una forte a territorialità, è chiaro che le utility con marcata matrice territoriale (aziende di distribuzione di gas, energia elettrica, acqua) potrebbero trovare un terreno fertile per l aggregazione, in forme di collaborazione, al fine di realizzare economie di scala e, ancor più, di scopo, unire le proprie specifiche esperienze e competenze, espandere la loro presenza sul territorio. Il potenziale raggiungimento di economie più o meno significative da parte di questi raggruppamenti locali potrebbe sostenere lo sviluppo e la crescita dei distributori presenti su aree geografiche limitate, incoraggiare localmente la diffusione di produzione di energia elettrica da fonti alternative. Chiaramente l aggregazione di utility di diversa natura, dovrà realizzarsi in uno spazio virtuale nel quale i diversi attori potranno dialogare e coordinarsi seguendo dei protocolli di comunicazione comuni. In questo cyber spazio dei servizi ciascuna utility potrebbe trarre vantaggio avvicina dosi alle economie di scala realizzabili da una multi utility o da una distributed utility. In ogni caso, tuttavia, resta difficile tirare le fila anche per il contesto che è quanto mai in evoluzione. Il caso italiano poi, si profila più che mai complesso, basti solo pensare alla aggregazione che avverrà, potremmo dire ex lege, con le gare per ambito, previste per l affidamento del servizio di distribuzione gas. Nondimeno, su un piano più generale, tra prime considerazioni possibili vi è senz altro quella che la convergenza dei servizi ci pare possa procurare maggior vantaggio proprio alle aziende multi servizio Smart metering Metaforicamente si potrebbe sostenere che nel cuore di una smart grid alberga sicuramente lo smart meter, con tutta la relativa infrastruttura di comunicazione. Nel settore elettrico i sistemi di smart metering, basati su contatore elettronico, si sono affermati in virtù della necessità di far fronte ad alcune problematiche di business ed al fine di fornire (od ottenere in base ai punti di vista) maggior contezza ed una più oculata gestione dei consumi. I benefici economici stanno trainando ed evidenziando vantaggi e possibilità tecniche di gestione che prima non sarebbero stati possibili. Nuove funzionalità dovranno essere richieste ai sistemi tecnici e informativi della società di distribuzione che le porteranno a diventare Smart Distribution Companies. Per inquadrare sul piano tecnico e tecnologico i contorni di quella che può essere senz altro definita una svolta epocale è necessario, primariamente, dover definire le lacune che i contatori dovrebbero colmare sia a favore dei fornitori che dei clienti e utilizzatori finali. A fronte di questa prima classificazione, farà seguito una catalogazione delle differenze che sussistono tra gli smart meter gas e gli smart meter elettrici.

20 20 Inquadramento generale e survey europeo Le problematiche principali incontrate dai fornitori nello svolgimento del proprio servizio sono: - distinzione tra i loro servizi e i servizi forniti da altri; - personalizzare del servizio dato, in modo tale da differenziare in relazione alle esigenze dei vari clienti; - dare dei risultati attendibili; - dare delle informazioni accessibili al cliente; - permettere un facile cambiamento dei parametri, come per esempio il pagamento anticipato del credito, una gestione più efficace del debito, etc.; Principali obiettivi e benefici dei clienti finali: - Fatture precise; - Prezzi bassi, o meglio, congrui; - Facilità nel cambiamento dei fornitori; - Meno controlli presso le abitazioni da parte degli addetti alla lettura; - Un sistema che li aiuti nella gestione dei consumi; Gli operatori stanno dunque cercando una soluzione unica e definitiva che possa durare almeno per venti anni con la minima manutenzione ovvero effettuare un investimento che sia garantito a lungo termine. Viste le differenze intrinseche tra i due settori, è indispensabile fare una suddivisone netta tra i contatori intelligenti per l energia elettrica e quelli per il gas. Tale differenza permetterà di individuare i due differenti livelli della tecnologia e le direzioni in cui agire Smart metering elettrico Analizzando nello specifico le funzioni che sono possibili con un contatore elettrico intelligente si possono includere: lettura da remoto; una doppia via di comunicazione che permetta di gestire in modo più efficace i picchi di domanda e la possibilità di interrompere la fornitura di energia a un carico quando possibile; un avanzato sistema di tariffazione e di pagamento che permetta al consumatore di scegliere la fascia oraria in cui ritiene più conveniente consumare;

Sintesi dello studio per

Sintesi dello studio per Bari 28 ottobre 2011 Sintesi dello studio per SMART GAS, SMART POLICY? Un analisi degli impatti relativi all introduzione degli smart meter nella distribuzione del gas naturale Antonio Sileo INTRODUZIONE

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico - Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 1 Giugno 2015 Osservazioni

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

Fotovoltaico e scenari evolutivi delle rinnovabili per gli edifici 11 Aprile 2014. Pulitano Marco CEO Energy Time S.p.A.

Fotovoltaico e scenari evolutivi delle rinnovabili per gli edifici 11 Aprile 2014. Pulitano Marco CEO Energy Time S.p.A. Fotovoltaico e scenari evolutivi delle rinnovabili per gli edifici 11 Aprile 2014 Pulitano Marco CEO Energy Time S.p.A. SITUAZIONE DEL FOTOVOLTAICO IN ITALIA AD OGGI Fonte: GSE, dati aggiornati ad Aprile

Dettagli

Smart Meters «per» il cliente finale

Smart Meters «per» il cliente finale 1 Smart Meters «per» il cliente finale Ing. Diego Gajani Prof. Furio Cascetta ANIE gruppo gs 2 m - Gas Static Smart Meter Scopo dei regolatori EU rispetto alla introduzione degli smart meter 2 Nell ultimo

Dettagli

Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete. Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013

Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete. Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013 Sistemi, tecnologie e soluzioni per l evoluzione della rete Guido Fiesoli, Gruppo Sistemi di Accumulo ANIE Energia Pisa - 4 luglio 2013 ANIE Energia Chi siamo Rappresenta 337 aziende associate (oltre 20.000

Dettagli

L evoluzione della rete verso le smart grids. Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013

L evoluzione della rete verso le smart grids. Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013 L evoluzione della rete verso le smart grids Danilo Moresco Consigliere ANIE Energia Bolzano - 20 settembre 2013 Agenda La rete allo stato attuale Le sfide di oggi Sistemi, tecnologie e soluzioni per l

Dettagli

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Smart Distribution System Milano, 28 settembre 2015 Agenda Premessa Gli sviluppi della rete elettrica e gli ambiti

Dettagli

Memoria di Assotelecomunicazioni-ASSTEL per X Commissione della Camera dei Deputati e X Commissione del Senato

Memoria di Assotelecomunicazioni-ASSTEL per X Commissione della Camera dei Deputati e X Commissione del Senato Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica Memoria di Assotelecomunicazioni-ASSTEL per X Commissione della Camera dei Deputati e X Commissione

Dettagli

Principali contenuti e profili di criticità della proposta di direttiva. 1. Regimi obbligatori di efficienza energetica (art.

Principali contenuti e profili di criticità della proposta di direttiva. 1. Regimi obbligatori di efficienza energetica (art. PAS 22/11 MEMORIA SULLA PROPOSTA DI DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL EFFICIENZA ENERGETICA E CHE ABROGA LE DIRETTIVE 2004/8/CE E 2006/32/CE (COM (2011) 370 DEFINITIVO) Roma, 6 ottobre

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente.

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Come funzionano le smart grids Le smart grids La rete elettrica intelligente In un futuro non troppo lontano la rete elettrica

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

RICOGNIZIONE SUI SERVIZI DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA E DI AGGREGAZIONE DELLE MISURE DELL ENERGIA ELETTRICA AI FINI DEL DISPACCIAMENTO

RICOGNIZIONE SUI SERVIZI DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA E DI AGGREGAZIONE DELLE MISURE DELL ENERGIA ELETTRICA AI FINI DEL DISPACCIAMENTO Osservazioni al documento RICOGNIZIONE SUI SERVIZI DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA E DI AGGREGAZIONE DELLE MISURE DELL ENERGIA ELETTRICA AI FINI DEL DISPACCIAMENTO Accogliamo con favore la possibilità

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI

COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONI RIUNITE FINANZE E ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Disegno di legge recante Legge Annuale per il Mercato e la Concorrenza (AC 3012) Memoria Anigas Anigas, Associazione

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Smart Grid. Una visione, una traiettoria di ricerca o. Elena Ragazzi e.ragazzi@ceris.cnr.it

Smart Grid. Una visione, una traiettoria di ricerca o. Elena Ragazzi e.ragazzi@ceris.cnr.it Lo stato dell arte sulle Smart Grid Una visione, una traiettoria di ricerca o una prospettiva di sviluppo? Elena Ragazzi e.ragazzi@ceris.cnr.it Ricerca realizzata con i contributi di Ettore Bompard Alberto

Dettagli

DOMOTICS Division. L internet della Casa

DOMOTICS Division. L internet della Casa DOMOTICS Division L internet della Casa Innovation Day 2014 Milano 25/09/2014 Fabio Nappo Direttore Divisione Domotics Agenda Ambiti applicativi: Smart Home & Smart Building Smart Home: oggi Smart Home:

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Smart Grids: definizione, applicazione e modelli: l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Perché le Smart Grids Gli obiettivi i della politica energetica europea come

Dettagli

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo

ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo ICT nelle Smart Grid: Interoperabilità e Paradigma dell Utente Attivo Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it Seminario R2B Smart Grid: dalla Teoria alla pratica Bologna 8 Giugno 2011 1 Sommario

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas?

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? Le modifiche della tariffazione elettrica che sono in atto in questo periodo da parte dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione Alberto Biancardi 1 Sommario Lo scenario energetico italiano: l assetto attuale I driver del cambiamento Il nuovo assetto 2 Lo scenario energetico italiano

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela

Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela DDL Concorrenza Art. 19 - Energia Milano, 14/01/2014 1 Tempistica superamento Maggior Tutela (art.19 ddl Concorrenza) 01/01/2016:

Dettagli

AGENDA INTERVENTO EDISON AUDIZIONI PUBBLICHE AEEG SETTEMBRE 2012

AGENDA INTERVENTO EDISON AUDIZIONI PUBBLICHE AEEG SETTEMBRE 2012 AGENDA INTERVENTO EDISON AUDIZIONI PUBBLICHE AEEG SETTEMBRE 2012 Presidente, Membri del Collegio in primo luogo un saluto e un sincero apprezzamento per l opportunità che è ormai tradizionalmente data

Dettagli

Efficienza energetica e mercato

Efficienza energetica e mercato Efficienza energetica e mercato Valeria Amendola Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Dai condomini alla città metropolitana Firenze 20 novembre 2015 Efficienza energetica e mercato «Obiettivi

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Donatella Bobbio Mario Cirillo Tommaso Franci Matteo Leonardi Cristina Rocca - REF-E L indagine REF-E mostra un mercato del

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA

SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA L ENERGIA SMART: EFFICIENZA, INNOVAZIONE, SOSTENIBILITA SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA Giorgio Graditi Responsabile Laboratorio Tecnologie Fotovoltaiche (UTTP-FOTO) C.R. ENEA - Portici Roma, 14 maggio

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Le tecnologie rappresentate in ANIE sono abilitanti per il sistema delle reti intelligenti

Le tecnologie rappresentate in ANIE sono abilitanti per il sistema delle reti intelligenti Pavia Smart City: Inquadramento Tecnologico e Best Available Technologies Fd A F. d Arcangelo Responsabile Area Tecnico-Normativa e Ambiente ANIE Federazione ANIE ANIE è Membro permanente di Confindustria

Dettagli

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI.

Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Bologna 20 luglio 2015 Spettabile Autorità per l energia elettrica il gas ed il sistema idrico Piazza Cavour, 5 20121 Milano Oggetto: commenti al documento di consultazione 255/2015/eel dell AEEGSI. Gentili

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Piano di Emergenza Sistema gas Italia Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013

Piano di Emergenza Sistema gas Italia Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013 Allegato 2 al decreto ministeriale 19 aprile 2013 Piano di emergenza ai sensi dell articolo 8, comma 1, del decreto legislativo n. 93/2011, in conformità con le disposizioni dell articolo 10 del Regolamento

Dettagli

Liberalizzazione e Servizi di Tutela nei mercati energia elettrica e gas naturale

Liberalizzazione e Servizi di Tutela nei mercati energia elettrica e gas naturale Liberalizzazione e Servizi di Tutela nei mercati energia elettrica e gas naturale Sintesi della posizione di Altroconsumo A seguito del dibattito inerente le proposte contenute nel Disegno di Legge Concorrenza,

Dettagli

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI

L ANALISI DI FATTIBILITÀ PER GLI IMPIANTI A FONTI RINNOVABILI APITOLO 1 L AALISI DI FATTIILITÀ PER GLI IMPIATI A FOTI RIOVAILI Analogamente a qualunque altra impresa industriale, la decisione di realizzare un impianto alimentato con fonti energetiche rinnovabili

Dettagli

Sintesi dell intervento

Sintesi dell intervento La programmazione dell efficientamento energetico comunale: alcune riflessioni. Marcello Magoni (Dastu Politecnico di Milano) con la collaborazione di Rachele Radaelli (Dastu Politecnico di Milano) e Chiara

Dettagli

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA 19 SETTEMBRE 2013 QUESTA PRESENTAZIONE NON COSTITUISCE UN DOCUMENTO UFFICIALE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE 21 marzo 2012 - Milano 1 Perché le Smart Grids? Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento

Dettagli

relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato

relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato PARERE TECNICO relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato Soc. Cooperativa, come risultante a seguito delle modifiche proposte ai sensi della deliberazione ARG/elt 12/11

Dettagli

L Azienda Ippocrate AS S.r.l. Alternative and Sustainable IPPOenergy IPPOenergy ESCo IPPOenergy IPPOenergy IPPOenergy Quick Solar

L Azienda Ippocrate AS S.r.l. Alternative and Sustainable IPPOenergy IPPOenergy ESCo IPPOenergy IPPOenergy IPPOenergy Quick Solar L Azienda Ippocrate AS S.r.l. nasce nel 2004 a Catania, AS è l'acronimo di Alternative and Sustainable, ossia energie alternative e sviluppo sostenibile. E chiamata IPPOenergy ed è una società di ingegneria

Dettagli

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010

Smart Grid. La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore. M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Smart Grid La nuova rete elettrica e le abitudini del consumatore Angelo Frascella ENEA, angelo.frascella@enea.it M illumino di meno ENEA - Bologna 12 Febbraio 2010 Sommario Perché le Smart Grid? Le Smart

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato. Roma, 03 Ottobre 2012 Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Enel presso la 10ª Commissione Industria del Senato Roma, 03 Ottobre 2012 A oltre 20 anni dall ultimo Piano Energetico Nazionale 1987

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti, servizi ed edifici disciplinati da legislazione comunitaria

ALLEGATO 1. Prodotti, servizi ed edifici disciplinati da legislazione comunitaria Bozza 10 marzo 2014 ALLEGATI ALLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/27/UE SULL EFFICIENZA ENERGETICA, CHE MODIFICA LE DIRETTIVE 2009/125/CE E 2010/30/UE E ABROGA LE DIRETTIVE

Dettagli

I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities

I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities Ferrara, 23 maggio 2012 Il contributo del servizio idrico al piano nazionale di efficienza energetica I titoli di efficienza energetica L esperienza delle utilities Fabio Santini Direttore Area Mercato

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

Smart Metering: non solo tecnologia ma una reale opportunità di sviluppo e di crescita per il Sistema Italia

Smart Metering: non solo tecnologia ma una reale opportunità di sviluppo e di crescita per il Sistema Italia Smart Metering: non solo tecnologia ma una reale opportunità di sviluppo e di crescita per il Sistema Italia Parolo Barbagli vice presidente ANISGEA 10 dicembre 2013, Roma ANISGEA Associazione Nazionale

Dettagli

Le reti intelliggenti. ABB 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1

Le reti intelliggenti. ABB 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1 Le reti intelliggenti 2009-03-27 SG_Presentation_V4.ppt 1 Sviluppo nella progettazione delle reti Dalle reti tradizionali a quelle del futuro Reti tradizionali Generazione centralizzata Flusso unidirezionale

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione?

L Italia si colloca all avanguardia sul tema della Telegestione Elettrica. Cos è la telegestione? group Telegestione CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY CONTESTO BENEFICI CARATTERISTICHE OFFERTA CASE HISTORY Cos è la telegestione? La Telegestione, che si colloca nell attività di

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una semplificazione della disciplina Commenti e proposte Anigas Milano, 16 luglio 2013

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le X Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Spett.le X Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei Deputati Milano, 12 Maggio 2014 Osservazioni

Dettagli

Smart City, Smart Meter, Smart Zone, Smart Energy, Smart Grid, Smart

Smart City, Smart Meter, Smart Zone, Smart Energy, Smart Grid, Smart Smart cities: l efficienza dei servizi attraverso la gestione della nuova informazione Gianni Minetti President, CEO Smart City, Smart Meter, Smart Zone, Smart Energy, Smart Grid, Smart Smart Memoria,

Dettagli

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1 APER e il settore delle energie rinnovabili L APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili) è la prima associazione nazionale in

Dettagli

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia Gas Naturale 2009 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica

Dettagli

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Convegno su: EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO Alba,18 novembre 2011 Luigi De Paoli, Università Bocconi Schema

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LO SMART METERING NEL MONDO KNX

LO SMART METERING NEL MONDO KNX LO SMART METERING NEL MONDO KNX IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE PERCHE CONTABILIZZARE? Aumento continuo e imponente dei costi energetici Necessità di ripartizione dei costi energetici in strutture

Dettagli

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle previsioni in materia di gas non contabilizzato nelle reti di trasporto

Dettagli

Sistemi di accumulo: enabling technologies per la gestione energetica del futuro. Silvia Soricetti ENEL Ingegneria & Innovazione

Sistemi di accumulo: enabling technologies per la gestione energetica del futuro. Silvia Soricetti ENEL Ingegneria & Innovazione Sistemi di accumulo: enabling technologies per la gestione energetica del futuro Silvia Soricetti ENEL Ingegneria & Innovazione Agenda Lo scenario al 2020 Le problematiche Gli strumenti Le prospettive

Dettagli

Osservazioni e proposte Anigas

Osservazioni e proposte Anigas AEEG - DIREZIONE MERCATI PRESENTAZIONE AL SOTTOGRUPPO DI LAVORO MISURA DISTRIBUZIONE GAS 9 APRILE 2009 Osservazioni e proposte Anigas Milano, 30 aprile 2009 Pagina 1 di 10 Premessa Nell ambito del sotto-gruppo

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro. Enrico Pochettino

L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro. Enrico Pochettino L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro Enrico Pochettino 13 Novembre 2015 LA NASCITA DEL MERCATO ELETTRICO IN ITALIA Il primo impianto italiano: la Centrale elettrica di via Santa Radegonda

Dettagli

Milano, 3 giugno 2015 Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro CONCLUSIONI

Milano, 3 giugno 2015 Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro CONCLUSIONI Milano, 3 giugno 2015 Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro CONCLUSIONI Ringrazio tutti i qualificati Relatori, il Moderatore, l Organizzazione e i Partecipanti. Svolgerò sintetiche

Dettagli

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea

RAPPORTI INTERNAZIONALI. Rapporti con la Commissione europea RAPPORTI INTERNAZIONALI Con la liberalizzazione dei mercati energetici, le istituzioni internazionali che seguono l evoluzione economica e istituzionale dei paesi membri hanno iniziato ad includere fra

Dettagli

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE S. Grillo (1), L. Cicognani (2), S. Massucco (1), S. Scalari (3), P. Scalera (2), F. Silvestro (1) stefano.massucco@unige.it

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Riassunto non tecnico U.O. FEEM 2 anno Responsabile di Linea: Prof. Marzio Galeotti,

Dettagli

Pacchetto Unione dell Energia

Pacchetto Unione dell Energia Pacchetto Unione dell Energia Audizione presso le Commissioni riunite del Senato 10ª (Attività produttive, commercio e turismo) e 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Aldo Chiarini Amministratore

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato C alla delibera n. 417/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive Torna al programma 1 La presentazione al Convegno ATI/AEI di questa memoria si inquadra nell attività che il Gruppo Distribuzione Pubblica dell A.E.I.

Dettagli

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Come

Dettagli

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * *

La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli. usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * La questione del miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali in Italia: le aziende scoprono le ESCo * * * Il presente breve contributo intende dare conto di un interessante fenomeno economico/industriale,

Dettagli

NASCE IL NUOVO SISTEMA SOLARE Energy Independence

NASCE IL NUOVO SISTEMA SOLARE Energy Independence L ENERGIA CAMBIA IL MONDO, ENERPOINT CAMBIA IL MONDO DELL ENERGIA L evoluzione tecnologica deve essere qualcosa che permette a tutti di poter accedere a risorse sempre maggiori e di qualità sempre più

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

RICOGNIZIONE SUI PROCESSI DI ALLOCAZIONE NELL AMBITO DEL

RICOGNIZIONE SUI PROCESSI DI ALLOCAZIONE NELL AMBITO DEL DCO 30/09 RICOGNIZIONE SUI PROCESSI DI ALLOCAZIONE NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI BILANCIAMENTO DEL GAS NATURALE Documento per la consultazione nell ambito del procedimento avviato con deliberazione 26 maggio

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Memoria per il seguito dell audizione presso la X Commissione Industria,

Dettagli

Relazione ing. Ferraresi in rappresentanza di CARTE ad Amici della Terra

Relazione ing. Ferraresi in rappresentanza di CARTE ad Amici della Terra Premessa CARTE rappresenta un punto di riferimento ed incontro degli stakeholder nazionali della filiera energetica delle fonti rinnovabili termiche e dell efficienza energetica. Con questo spirito riportiamo

Dettagli

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica

Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Smart grid e metering: il consumo intelligente di energia elettrica Fabrizio De Nisi, IC (Integrated Circuit) Consultant Il rapido sviluppo industriale in atto in numerose parti del mondo, sta generando

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici

La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici Ing. Paolo Speroni ESA elettronica Fondata nel 1975 in Italia, ESA elettronica vanta 36 anni di esperienza nel settore dell Automazione Industriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del paese Audizione presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio,

Dettagli

Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali

Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2004 Prospettive ed evoluzione dei servizi pubblici locali Piergiorgio Berra, Direttore Area elettricità Milano, 1 marzo 2004 L evoluzione degli scenari nel settore

Dettagli