HP-UX 11i Conoscenza on demand: best practice per l'ottimizzazione delle prestazioni direttamente dai nostri laboratori Serie sviluppatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HP-UX 11i Conoscenza on demand: best practice per l'ottimizzazione delle prestazioni direttamente dai nostri laboratori Serie sviluppatori"

Transcript

1 HP-UX 11i Conoscenza on demand: best practice per l'ottimizzazione delle prestazioni direttamente dai nostri laboratori Serie sviluppatori Gestione memoria Java: meccanismi di funzionamento e prestazioni -- Testo del webcast Buongiorno a tutti e grazie ai partecipanti in remoto per essersi uniti a noi, vi porgo il mio benvenuto. In questa sessione parleremo dei meccanismi di funzionamento e delle prestazioni della gestione della memoria Java. La presentazione odierna mira innanzitutto a illustrare il funzionamento dei diversi criteri di garbage collection in HP-UX, ovvero un passaggio fondamentale per chiunque lavori all'analisi e al miglioramento delle prestazioni di un'applicazione Java. La presentazione, d'altro canto, non si sofferma in dettaglio sugli strumenti forniti da HP per l'analisi di problemi prestazionali relativi a garbage collection. Oggi riceverete informazioni preliminari essenziali per il futuro utilizzo di qualsiasi strumento di analisi di garbage collection. È infatti necessario disporre di una buona comprensione dei meccanismi di funzionamento di garbage collection per poter interpretare i dati forniti dagli appositi strumenti e agire di conseguenza per sintonizzare l'applicazione che si sta sviluppando. Inizieremo dunque con una semplice introduzione e una panoramica sulla gestione della memoria Java, quindi analizzeremo più da vicino i garbage collector generazionali al fine di comprenderne appieno il funzionamento e vedere cosa succede quando un'applicazione è sottoposta a un ciclo di garbage collection. Successivamente, vedremo in dettaglio tutti i criteri di garbage collection supportati dalla JVM (Java Virtual Machine) HP e illustreremo i valori predefiniti di ciascun criterio. In questo modo, potrete individuare meglio la parte dell'heap della vostra applicazione che occorre sincronizzare. Infine, termineremo con un ripasso delle linee guida fondamentali volte a garantire buone prestazioni di gestione della memoria da parte dell'applicazione da voi sviluppata. [DIAPOSITIVA SUCCESSIVA] Partiamo dunque con una panoramica sulla gestione della memoria per applicazioni scritte in Java. La gestione della memoria Java è comunemente denominata garbage collection. Nel corso della presentazione odierna utilizzerò entrambe le espressioni. La premessa fondamentale da fare quando si parla di gestione della memoria Java è che questa viene gestita automaticamente da JVM. A differenza dei linguaggi C e C++, dove sono gli sviluppatori a gestire in modo esplicito l'allocazione e la deallocazione di memoria tramite le funzioni malloc/free o new/delete, gli sviluppatori che lavorano in Java non devono intervenire in alcun modo: i requisiti di memoria dell'applicazione

2 Esistono vari tipi di garbage collector, ciascuno dei quali presenta determinati pro e contro, ad esempio i garbage collector per reference count, che si affidano al mantenimento di un contatore di riferimenti memorizzato nell'intestazione di ogni oggetto; il valore del contatore viene incrementato/decrementato ogniqualvolta si procede al riferimento o alla risoluzione del riferimento a un oggetto; gli oggetti con riferimenti pari a zero sono considerati inanimati e sottoposti a garbage collection. Si tratta dunque di un metodo semplice e piuttosto rapido di gestione della memoria, ma appare subito chiaro che non consente di gestire con sufficiente efficacia la liberazione dello spazio, per esempio non esegue la compattazione. Vi sono poi i garbage collector cosiddetti di eliminazione identificazioni. A differenza dei raccoglitori per reference count, questi provvedono periodicamente all'arresto totale di un'applicazione in esecuzione, eseguendo una rapida scansione degli oggetti per individuare e contrassegnare quelli non più raggiungibili e provvedendo poi alla loro eliminazione allo scopo di liberare spazio. Un terzo tipo di collector è costituito dai raccoglitori compatti eliminazione identificazioni per la copia che, a differenza dei collector di sola eliminazione identificazioni, che gestiscono la memoria dell'applicazione in uno spazio dedicato, suddividono lo spazio di allocazione degli oggetti in due aree distinte, dove una delle due funge da normale raccoglitore eliminazione identificazioni, ma invece di limitarsi a identificare e rimuovere gli oggetti inanimati, copia tutti gli oggetti attivi o superstiti nella seconda area. La copia sequenziale degli oggetti attivi nella seconda area rimuove la frammentazione e compatta la memoria. Al termine della copia viene ripresa l'esecuzione dell'applicazione e l'allocazione dei nuovi oggetti viene indirizzata all'interno dell'area compattata. Il collector alterna la copia degli oggetti superstiti tra le due diverse aree. Sia i raccoglitori eliminazione identificazioni, sia i raccoglitori compatti eliminazione identificazioni sono del tipo cosiddetto di arresto, in quanto è necessario che arrestino l'esecuzione dell'applicazione prima poter procedere all'identificazione ed eliminazione. Un quarto tipo di garbage collector è costituito dai raccoglitori eliminazione identificazioni simultanei, ideati per ridurre il tempo di interruzione delle applicazioni durante la garbage collection. Benché denominati collector simultanei, non lo sono del tutto, in quanto anche con questi raccoglitori è necessario interrompere l'esecuzione dell'applicazione, benché la durata di tale interruzione sia alquanto ridotta. Il garbage collector fornito con JVM HP è un raccoglitore generazionale per la copia, in quanto costituito da un raccoglitore compatto eliminazione identificazioni, con la differenza che suddivide il Java heap in più di due aree. Passiamo dunque ad analizzare più in dettaglio i garbage collector generazionali e il loro funzionamento. I garbage collector generazionali suddividono il Java heap in cinque aree, o generazioni, ben distinte: una generazione nuova/giovane suddivisa a sua volta in un eden space e due altre aree sopravvivenza denominate TO e FROM, un'area vecchia e uno spazio permanente separato. L'heap viene suddiviso in questo modo perché sappiamo, dall'analisi di un vasto campione di applicazioni, che gran parte degli oggetti ha vita breve, pertanto, dato che il costo di un ciclo di garbage collection è direttamente proporzionale al numero di oggetti che occorre esaminare, ovvero, più sono gli oggetti da identificare ed eliminare maggiore sarà il costo, tendiamo a ottimizzare il costo della garbage collection velocizzando il caso più comune, vale a dire il costo di identificazione ed eliminazione degli ultimi oggetti assegnati a una piccola parte del Java heap e cioè la generazione nuova/giovane. Le dimensioni totali dell'heap sono controllate da due flag JVM o opzioni della riga di comando: -Xms e Xmx; - Xms controlla le dimensioni iniziali dell'heap, mentre Xmx controlla le dimensioni massime dell'heap, come

3 illustrato qui. Se i due flag JVM non sono impostati sullo stesso valore, JVM inizializza l'heap in base al valore di Xms, quindi, se necessario, espande periodicamente l'heap fino al raggiungimento delle dimensioni massime. Dalla riga di comando è inoltre possibile impostare le dimensioni della generazione nuova/giovane specificando il valore di Xmn e le dimensioni dello spazio permanente specificando il valore di XX:PermSize. Nella generazione nuova/giovane risiedono tutti i nuovi oggetti creati, mentre gli oggetti sopravvissuti alla garbage collection, i cosiddetti oggetti longevi, vengono copiati nella vecchia generazione. Lo spazio permanente è riservato alle informazioni relative alle classi dell'applicazione, utilizzate direttamente da JVM. Come già accennato, gli spazi To e FROM sono anche detti spazi superstiti e le loro dimensioni vengono stabilite in base alle dimensioni della nuova generazione. Il flag della riga di comando XX:SurvivorRatio consente di impostare le dimensioni di uno spazio superstite in base alle dimensioni di eden space. Un altro flag fondamentale della riga di comando da tenere a mente è XX:MaxTenuringThreshold; il valore impostato tramite questo flag consente di specificare l'età di un oggetto superstite, ovvero il numero di volte che l'oggetto è sopravvissuto a una garbage collection minore. Capirete meglio quanto accennato finora durante la proiezione delle prossime diapositive, dove viene spiegato in dettaglio il meccanismo di funzionamento dei garbage collector generazionali. In base a quanto detto finora sull'heap, è evidente che esistono due tipi di garbage collection, aventi ciascuna un costo molto diverso: una collection minore, corrispondente al riempimento della nuova/giovane generazione, e una collection maggiore, attivata quando si riempie tutto l'heap. Ora che abbiamo appreso in che modo il garbage collector generazionale suddivide l'heap, analizziamone più in profondità il funzionamento. Come già accennato, tutti gli oggetti nuovi vengono inizialmente assegnati alla nuova generazione, o più propriamente, tutti gli oggetti nuovi vengono assegnati direttamente all'eden space della nuova generazione. Nell'illustrazione seguente del Java heap sono presenti diversi oggetti "in rosso" assegnati all'eden space a seguito dell'esecuzione di un'applicazione per un dato periodo di tempo. Esclusivamente ai fini di questo esempio, poniamo che la soglia di occupazione sia stata impostata su un valore basso, ad esempio 2. L'applicazione è stata dunque eseguita per un dato periodo di tempo, durante il quale ha creato nuovi oggetti che sono stati inizialmente posizionati nell'eden space. Cosa succede quando l'eden space si riempie? Quando l'eden space è pieno, JVM sospende l'esecuzione dell'applicazione. Questa operazione è stata già definita "di arresto" durante la descrizione dei diversi tipi di garbage collector. Dopo avere interrotto l'esecuzione dell'applicazione Java, JVM analizza tutti gli oggetti presenti nell'eden space contrassegnando quelli ancora attivi, ovvero quelli a cui fanno riferimento altri oggetti dell'applicazione. Gli oggetti attivi presenti in questa illustrazione dell'heap sono indicati con una freccia rivolta verso di loro. Cosa succede dopo che JVM ha contrassegnato tutti gli oggetti attivi?

4 A questo punto, tutti gli oggetti attivi vengono copiati in una delle aree sopravvivenza. Gli oggetti che rimangono all'interno dell'eden space dopo che tutti gli oggetti attivi sono stati copiati in un'area sopravvivenza sono quelli considerati inanimati e che devono quindi essere sottoposti a garbage collection. Gli oggetti inanimati presenti nell'eden space vengono sottoposti a garbage collection o a un'operazione di pulizia mediante una cosiddetta collection minore, che interviene solo su una piccola parte dell'heap, in particolare l'eden space. Agli oggetti attivi non sottoposti all'operazione di pulizia, vale a dire quelli copiati in un'area sopravvivenza, viene assegnata un'età pari a 1, che rappresenta la loro soglia di occupazione. Al termine dell'operazione di pulizia, JVM riprende l'esecuzione dell'applicazione che era stata interrotta e pertanto nella generazione nuova/giovane vengono creati nuovi oggetti. I nuovi oggetti, rappresentati in questa diapositiva sotto forma di blocchi gialli, riempiono gradatamente l'eden space della nuova generazione. Cosa succede a questo punto? JVM interrompe nuovamente l'esecuzione dell'applicazione e si prepara ad eseguire una nuova collection minore (o operazione di pulizia). Tutti gli oggetti attivi presenti nell'eden space e nella prima area sopravvivenza vengono contrassegnati, quindi copiati nella seconda area sopravvivenza e la rispettiva età o soglia di occupazione viene aggiornata di conseguenza. Notate come, dopo un'operazione di pulizia o una collection minore, si arrivi sempre allo svuotamento completo dell'eden space e di un'area sopravvivenza. Notate inoltre che a questo punto uno degli oggetti è sopravvissuto a due collection minori, raggiungendo perciò la propria soglia di occupazione. Pertanto, se rimane attivo anche dopo la terza collection minore, verrà spostato nella vecchia generazione. Quindi, ora che la seconda operazione di pulizia o collection minore è stata completata, JVM ripristina l'esecuzione dell'applicazione e nell'eden space vengono posizionati nuovi oggetti. In questa diapositiva i nuovi oggetti sono raffigurati come blocchi azzurri all'interno dell'eden space. Una volta riempito l'eden space, JVM interrompe per la terza volta l'esecuzione dell'applicazione, tutti gli oggetti attivi vengono identificati e contrassegnati, quindi quelli che hanno raggiunto la propria soglia di occupazione

5 vengono dapprima copiati nell'area vecchia. Qui viene mostrato come un oggetto sopravvissuto a tre operazioni di pulizia o collection minori venga spostato nell'area vecchia. Da questo momento in poi, l'oggetto sarà considerato un oggetto longevo e non verrà più sottoposto a scansione o copiato in un'altra area dopo l'ennesima operazione di pulizia. Dopo che l'oggetto longevo è stato copiato nell'area vecchia, tutti gli oggetti attivi presenti nell'eden space e in un'area sopravvivenza vengono identificati e copiati nella seconda area sopravvivenza. Quindi, come in precedenza, viene aggiornata l'età degli oggetti superstiti. E viene avviata un'operazione di pulizia per la rimozione di tutti gli oggetti inanimati residui dall'eden space e da una delle due aree sopravvivenza. Quindi, JVM riprende l'esecuzione dell'applicazione, con conseguente assegnazione di altri oggetti alla generazione nuova/giovane. Trascorso un certo periodo d'esecuzione la vecchia generazione si riempie, o quasi, come pure l'eden space. A questo punto, JVM interrompe ancora una volta l'esecuzione dell'applicazione e avvia un ciclo di garbage collection maggiore (o completa). Nel corso di questo ciclo, tutti gli oggetti dell'heap, tanto quelli presenti nell'area nuova/giovane che quelli presenti nella vecchia area, vengono sottoposti a scansione e contrassegnati. Quindi, il garbage collector elimina tutti gli oggetti inanimati e ricompatta l'area vecchia, come illustrato in questa diapositiva. Le garbage collection maggiori, o complete, hanno un costo molto superiore alle garbage collection minori, principalmente perché devono elaborare tutti gli oggetti presenti nell'heap e perché soggette a un consumo aggiuntivo di risorse per la compattazione dell'area vecchia. A questo punto abbiamo illustrato il funzionamento dei garbage collector generazionali compatti di eliminazione identificazioni, ma prima di passare ai meccanismi di funzionamento di tutti i criteri di garbage collection supportati, analizziamo un corner case per vedere come lo risolve internamente JVM. Nel caso preso in esame, dopo che si è riempita la nuova generazione si può verificare una situazione per cui tutti gli oggetti presenti nell'eden space e in un'area sopravvivenza sono attivi. Una normale operazione di pulizia tenterebbe di copiare tutti gli oggetti attivi nella seconda area sopravvivenza, come mostrato in questa diapositiva, ma in questo caso ciò non è ovviamente possibile. Per poter gestire casi di questo tipo, per impostazione predefinita JVM mette da parte una porzione dell'area vecchia le cui dimensioni equivalgano all'eden space più un'area sopravvivenza. In genere, tutto questo spazio

6 va sprecato, soprattutto perché è raro che tutti gli oggetti presenti nell'eden space e in un'area sopravvivenza rimangano attivi dopo una garbage collection minore. Se sapete per certo che la vostra applicazione non presenta una tale condizione, potete ridurre o eliminare del tutto lo spazio messo da parte nella vecchia generazione per la gestione di questo caso. Utilizzate a questo scopo il parametro XX:MaxLiveObjectEvacuationRatio, che vi consente di specificare la percentuale della vecchia generazione che desiderate mettere da parte, oppure specificate l'opzione Xoptgc, mediante la quale, essenzialmente, non viene messo da parte alcuno spazio nella vecchia generazione per la gestione del caso. Ricordate inoltre che mantenere al massimo le dimensioni della vecchia generazione ha il vantaggio di ridurre il numero di garbage collection complete e i relativi costi. Esamineremo ora i meccanismi di funzionamento dei criteri di garbage collection di HP-UX, implementati per lo più sotto forma di garbage collector generazionali compatti di eliminazione identificazioni, con un funzionamento in larga parte analogo a quanto già spiegato. Vi sono tuttavia alcune differenze nel funzionamento dei criteri di eliminazione identificazioni simultanei che vi spiegherò durante l'analisi dei criteri stessi. In ambiente HP-UX, Java Virtual Machine supporta quattro diversi criteri di garbage collection: un criterio seriale a thread singolo, un criterio parallelo ad alta velocità di nuova generazione, un criterio parallelo ad alta velocità di vecchia generazione e un criterio low pause di eliminazione identificazioni simultaneo. La presenza di diversi criteri è dovuta al fatto che non è indicato disporre di un solo criterio di garbage collection in grado di eseguire il proprio compito con ogni tipo di applicazione. Esaminiamo ora in che modo viene implementato ciascun criterio. È possibile attivare il criterio seriale di garbage collection specificando l'opzione XX:+UseSerialGC nella riga di comando Java. Prima del JDK 1.4.2, questo era il criterio di garbage collection predefinito sulle piattaforme HP- PA e Integrity. Come illustrato qui, con questo criterio le garbage collection maggiori e minori sono entrambe a thread singolo. Il secondo criterio, denominato criterio parallelo di nuova generazione, è stato introdotto nelle versioni più recenti del JDK ed è ora il criterio predefinito dei server a 2 o più CPU a partire dal JDK Gli utenti possono attivare in modo esplicito questo criterio specificando l'opzione XX:+UseParNewGC nella riga di comando Java. Se si ricorre al criterio parallelo di garbage collection ad alta velocità di nuova generazione, le operazioni di pulizia (o garbage collection minori della nuova generazione) vengono eseguite in parallelo. Invece, la garbage collection della vecchia generazione, nel momento in cui subentra una garbage collection maggiore (o completa) rimane a thread singolo, analogamente a quanto avviene con il criterio di garbage collection seriale.

7 Specificando l'opzione XX:+UseParallelOldGC nella riga di comando Java, viene attivato un collector parallelo ad alta velocità per cui le operazioni di pulizia (o garbage collection minori) e garbage collection maggiori della vecchia generazione vengono eseguite in parallelo su macchine a 2 o più core. Nella prossima sezione vi illustrerò come controllare il numero di thread paralleli quando si parla di valori predefiniti dei criteri. Specificando l'opzione XX:+UseConcMarkSweepGC nella riga di comando di Java viene attivato il criterio low pause di eliminazione identificazioni simultanee del JVM. Tale criterio utilizza un collector multithread per la giovane generazione e un collector low pause quasi simultaneo per la vecchia generazione. Il collector della vecchia generazione è definito quasi simultaneo perché contiene due pause di arresto estremamente brevi, come illustrato in questa diapositiva. La fase simultanea di questo criterio è costituita da 4 fasi principali. La prima fase, come indicato, interrompe l'esecuzione dell'applicazione per un breve periodo di tempo e richiama un thread singolo per una prima identificazione, rivolta a un sottoinsieme di tutti gli oggetti attivi. Quando osserviamo con i nostri strumenti l'output di verbosegc, identifichiamo questa fase come STW 1 (ovvero Stop The World 1, o pausa di arresto 1). Dopo che è stato identificato un primo sottoinsieme di oggetti attivi, JVM ripristina l'esecuzione dell'applicazione richiamando un thread simultaneo per l'individuazione di tutti gli oggetti attivi raggiungibili dall'insieme di oggetti attivi individuati nella fase iniziale. In questa fase viene inoltre eseguita un'operazione di pulizia preliminare, ovvero una scansione proattiva di tutti gli oggetti aggiornati durante la fase di identificazione simultanea. Tale operazione preliminare è volta a ridurre la pausa prevista nella fase 3 Nella fase 3, JVM interrompe ancora una volta l'esecuzione dell'applicazione e richiama thread multipli per una rapida reidentificazione parallela, allo scopo di individuare il maggior numero di oggetti attivi sfuggiti durante la fase di identificazione simultanea. Non dimenticate che, nel corso della fase di identificazione simultanea, l'applicazione è ancora in esecuzione e crea nuovi oggetti. Quando osserviamo con i nostri strumenti l'output di verbosegc, identifichiamo questa fase come STW 2 (ovvero Stop The World 2, o pausa di arresto 2). Dopo la fase di reidentificazione parallela, JVM ripristina per la seconda volta l'esecuzione dell'applicazione e richiama un thread singolo simultaneo per l'eliminazione di tutti gli oggetti inanimati. I nostri strumenti attuali non dispongono di una vista unica in grado di mostrare le diverse fasi di arresto di eliminazione identificazioni simultanee correlate all'utilizzo dell'heap. Per ovviare a questo problema, io di solito sovrappongo l'utilizzo dell'heap alla vista della durata, come illustrato in questa diapositiva, e collego visivamente l'asse della durata di entrambe le viste per ottenere il quadro di quanto avviene nel Java heap durante ogni fase.

8 Chi ha già iniziato a utilizzare il JDK 6, è bene che conosca l'esistenza di due nuove funzioni dei criteri di eliminazione identificazioni simultanee. A partire dal JDK 6, infatti, sarà possibile specificare più thread di eliminazione simultanei semplicemente specificando l'opzione XX:ParallelCMSThreads nella riga di comando Java. Così facendo si velocizza in modo considerevole il garbage collector di eliminazione identificazioni simultanee durante l'esecuzione su server multi core. Nel JDK 6, inoltre, è ora possibile ignorare l'impostazione predefinita di gestione delle garbage collection esplicite (ad esempio, una chiamata a System.gc() dall'interno dell'applicazione) al fine di richiamare un criterio low pause di eliminazione identificazioni simultanee invece di una garbage collection completa, caratterizzata da costi elevati, anche di compattazione dell'area vecchia. Per attivare questa nuova funzione è sufficiente specificare l'opzione XX:+ExplicitGCInvokesConcurrent nella riga di comando Java. Un'altra novità introdotta nel JDK 6 che influisce direttamente sul collector di eliminazione identificazioni simultanee riguarda la gestione delle aree sopravvivenza e di occupazione. Nei JDK precedenti alla versione 6, specificando il criterio di garbage collection di eliminazione identificazioni simultanee si provvedeva essenzialmente a disattivare le aree sopravvivenza (in breve, specificando il collector di eliminazione identificazioni simultanee, il tasso di sopravvivenza veniva impostato su 1024, con una diminuzione progressiva delle dimensioni delle aree sopravvivenza fino alla loro disattivazione). In questo modo, gli oggetti venivano occupati prematuramente, con conseguente aumento della pressione sulla vecchia generazione. A partire dal JDK versione 6, le aree sopravvivenza vengono riattivate, consentendone, se necessario, la sincronizzazione da parte degli utenti. Prima di concludere la nostra discussione su eliminazione identificazioni simultanee, bisogna che vi spieghi come viene gestita la "garanzia della giovane generazione" quando si specifica il garbage collector di eliminazione identificazioni simultanee. Se ricordate, nel caso dei garbage collector non simultanei, la mancanza di spazio riservato nella vecchia generazione nel caso in cui tutti gli oggetti della nuova generazione siano sopravvissuti a una garbage collection minore, comporta l'esaurimento della memoria disponibile con conseguente terminazione del software JVM. Con i garbage collector di eliminazione identificazioni simultanee, invece, quando si verifica questa situazione viene dapprima avviata in extremis una garbage collection minore, per verificare l'eventuale inattività di alcuni oggetti da quando si era precedentemente tentato un innalzamento di livello. Qualora questa garbage collection in extremis non sortisca l'esito di liberare spazio sufficiente nella vecchia generazione, il garbage collector provvederà a una garbage collection maggiore, seguita dalla compattazione; se anche in questo caso non viene liberata una quantità di spazio sufficiente, il software JVM viene terminato per un errore di memoria insufficiente. Ora analizzeremo le impostazioni predefinite di ogni criterio di garbage collection, al fine di comprendere meglio il comportamento del garbage collector se non si provvede a modificarle in modo esplicito. Se nella riga di comando non viene specificato alcun parametro di garbage collection, le dimensioni iniziali del Java heap vengono impostate automaticamente su un sessantaquattresimo del totale della memoria fisica disponibile nella scatola, ma limitate a 1 GB; analogamente, le dimensioni massime del Java heap vengono impostate automaticamente su un quarto del totale della memoria disponibile nella scatola, sempre con il limite di 1 GB. Sulle macchine dotate di più di 2 core (o processori),viene selezionato per impostazione predefinita il nuovo

9 criterio di garbage collection parallela. Inoltre, sempre per impostazione predefinita, il software JVM attiva il criterio di dimensionamento adattivo, che tenta di modificare efficacemente le dimensioni di eden space e le aree sopravvivenza, oltre che le soglie di occupazione, in base a regole euristiche interne di JVM. Successivamente, tenteremo di comprendere il modo in cui JVM imposta il numero di thread dei garbage collection paralleli quando viene attivato uno dei collettori ad alta velocità. Se il server sui cui è implementato Java ha fino a un massimo di 8 core (o processori), JVM inizializzerà tanti thread di garbage collection paralleli quanti sono i core presenti nella scatola. Nei casi in cui Java sia attivato su server aventi più di 8 core, il numero dei thread di garbage collection paralleli viene impostato da JVM in base alla formula qui illustrata. JVM utilizza lo stesso meccanismo per stabilire il numero di thread di garbage collection paralleli relativi al collettore low-pause di eliminazione identificazioni simultanee. Utilizzando il collettore low-pause di eliminazione identificazioni simultanee, per impostazione predefinita JVM dimensiona automaticamente gli spazi della nuova generazione e, come già spiegato, con il JDK versione 5.0 e precedenti, JVM tenterà di promuovere anzitempo gli oggetti nel tentativo di ridurre la durata delle pause causate dalle garbage collection minori. Le impostazioni automatiche di JVM subiscono interferenze se l'utente specifica in modo esplicito il valore delle dimensioni massime e minime dell'heap, o se specifica in modo esplicito un tasso di sopravvivenza o una soglia di occupazione. Ora che abbiamo visto in dettaglio il funzionamento dei garbage collector generazionali e dei vari criteri di garbage collection, nonché le modalità di impostazione delle relative impostazioni predefinite, possiamo introdurre il concetto di prestazioni della garbage collection: quando è consigliabile utilizzare un determinato criterio di garbage collection piuttosto che un altro? Quali sono le linee guida generali che garantiscono buone prestazioni di garbage collection all'interno dell'applicazione? Inoltre, parleremo brevemente degli strumenti di analisi delle prestazioni Java disponibili gratuitamente su HP-UX. Anche grazie alle vostre nuove conoscenze dei meccanismi di funzionamento del garbage collector, potrete ora apprezzare maggiormente gli strumenti messi a vostra disposizione, che vi forniranno informazioni preziose per individuare i colli di bottiglia nelle prestazioni dell'applicazione da voi sviluppata. Consiglio vivamente di attivare i profili JVM e utilizzare gli strumenti per analizzare sia l'applicazione, sia la Java Virtual Machine, allo scopo di individuare i problemi e stabilire come risolverli. Incomincerò dandovi le linee guida generali per un corretto dimensionamento del Java heap. Lo scopo è quello di ridurre al minimo il numero di garbage collection complete e relativi costi. Assicuratevi che gli oggetti dalla vita breve non vengano occupati prima del tempo innalzando la soglia di occupazione, e controllate altresì che le dimensioni della nuova generazione siano corrette.

10 Infatti, una nuova generazione troppo estesa comporterebbe lunghe pause, a causa dell'abnorme durata delle garbage collection minori, mentre una nuova generazione troppo piccola potrebbe occupare troppo rapidamente l'area vecchia, causando una frequenza eccessiva di garbage collection complete, con i costi che ne conseguono. Accertatevi inoltre di evitare le garbage collection complete superflue, e relativi costi, dovute a chiamate specifiche a System.gc() o Runtime.gc() dall'applicazione. Specificate l'opzione XX:+DisableExplicitGC nella riga di comando Java per comunicare a JVM di ignorare ogni eventuale chiamata a queste due routine esplicite di garbage collection. Anche in questo caso potete utilizzare gli strumenti a vostra disposizione per vedere se l'applicazione sta chiamando queste routine. Infine, se l'applicazione utilizza il protocollo RMI, assicuratevi di impostare l'intervallo di garbage collection del server come del client sul valore massimo, come illustrato in questa diapositiva. In caso contrario, verrà attivata una garbage collection completa ogni 60 secondi. Utilizzate il criterio di garbage collection più adatto in base al tipo di applicazione. Nel caso di un'applicazione di piccole dimensioni in esecuzione su una scatola piccola, è consigliabile utilizzare un garbage collector seriale a thread singolo. Invece, nel caso di un'applicazione di grandi dimensioni orientata alla velocità in esecuzione su un sistema dotato di più di 2 processori, consiglio di ricorrere a un garbage collector parallelo ad alta velocità; inoltre, se la vostra applicazione risente in modo particolare delle pause di garbage collection, utilizzate un garbage collector eliminazione identificazioni simultanee. Durante l'esecuzione con Hyper-Threading Montecito attivato, attualmente disponibile con la versione 11i v3, assicuratevi di impostare manualmente un numero di thread di garbage collection paralleli equivalente al numero di core fisici presenti nella scatola; assicuratevi inoltre di disattivare in modo esplicito il binding dei thread di garbage collection specificando l'opzione XX:-BindGCTaskThreadsToCPUs nella riga di comando Java. Se non sapete con certezza cosa sta facendo l'applicazione o se non sapete esattamente quale valore sincronizzare in seguito, scaricate ed eseguite i nostri strumenti di analisi delle prestazioni. Questi strumenti vi forniranno all'istante la risposta a domande fondamentali. Ad esempio: Cosa stanno facendo i vari thread dell'applicazione? Quali thread vengono eseguiti lentamente? In che punto passa più tempo ogni thread? Il problema rilevato è causato dal garbage collector o da qualcos'altro? Una volta identificato il problema sul macro livello, grazie agli strumenti potrete scandagliare l'applicazione alla

Riferimenti ed Oggetti

Riferimenti ed Oggetti Riferimenti e oggetti Riferimenti ed Oggetti In non si possono definire variabili di tipo oggetto ma solo di tipo riferimento a oggetto. I riferimenti sono assimilabili ai tipi base. Allocazione statica

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Il software descritto nel presente

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Risoluzione di altri problemi di stampa

Risoluzione di altri problemi di stampa di altri problemi di stampa Nella tabella riportata di seguito sono indicate le soluzioni ad altri problemi di stampa. 1 Il display del pannello operatore è vuoto o contiene solo simboli di diamanti. La

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Vassoio 5 (opzionale) Vassoio 6 (inseritore) (opzionale) Pannello comandi. Stazione di finitura per grandi volumi (opzionale) Pannello comandi

Vassoio 5 (opzionale) Vassoio 6 (inseritore) (opzionale) Pannello comandi. Stazione di finitura per grandi volumi (opzionale) Pannello comandi Xerox ColorQube 90/ 90/ 90 Descrizione generale della macchina Descrizione generale della macchina Funzioni In base alla configurazione, il dispositivo è in grado di eseguire le seguenti operazioni: 8

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Sistema d informazione degli istituti d impiego

Sistema d informazione degli istituti d impiego Sistema d informazione degli istituti d impiego Una guida per gli istituti d impiego del servizio civile Organo d esecuzione del servizio civile ZIVI Nel sistema d informazione degli istituti d impiego

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Guida per lo Smart Order

Guida per lo Smart Order Guida per lo Smart Order (Novembre 2010) ActivTrades PLC 1 Indice dei contenuti 1. Informazioni Generali... 3 2. Installazione... 3 3. Avvio l`applicazione... 3 4. Usi e funzionalita`... 4 4.1. Selezionare

Dettagli

PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os. una solida base per la gestione efficace dei database DB2

PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os. una solida base per la gestione efficace dei database DB2 PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os una solida base per la gestione efficace dei database DB2 Gestione del database CA Database Performance Management Database Administration Database

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Guida dell'utente LASERJET PRO 100 COLOR MFP M175

Guida dell'utente LASERJET PRO 100 COLOR MFP M175 Guida dell'utente LASERJET PRO 100 COLOR MFP M175 M175 MFP a colori LaserJet Pro 100 Guida dell'utente Copyright e licenza 2012 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione,

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli