CIFI Emilia Romagna ERTMS/ETCS in RFI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIFI Emilia Romagna ERTMS/ETCS in RFI"

Transcript

1 CIFI Emilia Romagna ERTMS/ETCS in RFI Bologna, 16/10/2014

2 Railway Needs of a CCS Standards for Interoperability : ERTMS : ETCS + GSM-R European Railway Traffic Management System 2

3 ERTMS / ETCS Levels

4 Il Segnale luminoso si sposta in macchina

5 ERTMS: ETCS + GSM-R Architecture 5

6 Ertms in Europe (source UNIFE)

7 ERTMS for HS Italian network: Core Business FSI IN COMMERCIAL OPERATION SINCE 2005 (FIRST IN THE WORLD) 750 KMS EQUIPPED BY ERTMS/ETCS LEVEL 2 WITHOUT FALL BACK AT 300KM/H 2.3.0D (ETCS ) TRACKSIDE SYSTEM COMPLIANT 180 TRAINS PER DAY 5 REAL HEADWAY (2,5 POTENTIAL) 180 ERTMS HS TRAIN BY DIFFERENT RAILWAY UNDETAKING

8 ERTMS System Integration BASELINE 2 (230d) INTEGRATION AMONG RBCs and OBUs (Ansaldo and Alstom) ETR 500 E402B E403 ETR 1000new fleet (n 100) Ansaldo OBU OBC ERTMS/ETCS level 2 Integration Safety Case (n 160)Alstom OBC OBU ETR 500 ETR 600 ETR 610 ETR 485 MITSUI 186 AGV Torino Milano Milano-Bologna Treviglio Brescia (n 5) Ansaldo RBC (n 6)Alstom RBC Bologna-Firenze Roma-Napoli

9 RFI-Italcertifer: Laboratorio indipendente per ERTMS ETCS :Necessità di simulazione Terra-Bordo per Functional e Safety integration Minimizzare il numero delle prove in campo : 0 Onsite Test Ambiente di simulazione con Macchine target SSB Alstom (include modulo SCMT STM ) Ansaldo simulatore di bordo (include modulo SCMT STM ) Antenna GSM-R (dipolo interno) Radio Block Center per ogni tratta AV o nuove applicazioni ERTMS RFI : Primo laboratorio di integrazione multifornitore per ETCS Livello 2 e Segnalamento AV: anno 2004

10 High speed lines in commercial service COMMERCIAL SERVICE STARTED 2.3.0d UPGRADE TORINO-MILANO MILANO-BOLOGNA BOLOGNA-FIRENZE 2006 (2009) 2008 (2009) 2009 (2009) MI-BO and BO-FI underground Connection ROMA-NAPOLI 2005 (within 2016) Treviglio Brescia (within 2016)

11 HIGH SPEED FLEET ANSALDO ETR 500 OBU ERTMS version ALSTOM ETR 500 ETR 600/10 AGV OBU ERTMS version NOW IN COMMERCIAL SERVICE NOW IN COMMERCIAL SERVICE ANSALDO OBU ERTMS version 2.3.0d TEST TO BE COMPLETED ON ALL HSL FLEET TO BE UPGRADED ALSTOM OBU ERTMS version 2.3.0d TEST TO BE COMPLETED ON ALL HSL FLEET TO BE UPGRADED

12 ERTMS in Italy : State of the art ERTMS on Corridors (3000km) A B D ERTMS Baseline 2 on High Speed/High Capacity Network 750 Km ETCS L2 in Operation (200tr/day) 450 Km ETCS L2 in construction or upgrading (2017) Treviglio Brescia Roma Firenze Roma Napoli Torino Milano Benefit for integration of two Italian ETCS Project: HS/HC Corridors ERTMS Corridors investment reuse RFI network technology GSM-R &SCMT (Eurobalise + Encoder) already in operation (11000km) ERTMS Baseline 3 overlapped on national system ETCS L2 Corr D Pioltello Treviglio (Pilot Line) ETCS L2 Alta Capacità nei Nodi ETCS L1 + Radio Infill (Sicily- Pilot Line) ETCS L1 + Radio Infill Domodossola Novara ETCS L2 + pubblic bearer and Satellite (Sardinia) ETCS L1LS Swiss Cross Border (*) ETCS L2 Milano Chiasso (*) MoU SBB RFI for CCS at Cross Border

13 ERTMS e Contesto Europeo Decisione UE 88/2012 e Regolamento CE 1315/2013 per i Sistemi di Comando e Controllo Vincoli sulla immodificabilità prestazionale dei sistemi nazionali (Classe B SCMT/SSC) Obblighi Realizzazione su Corridoi e Porti rete Ten-T e obbligo di aggiornamento su EDP (ERTMS Deployment Plan) Italiano Vincoli per accesso a diverse fonti di Cofinanziamento (50%) Fondi CEF sia su Sottosistema di Terra che di Bordo ETCS (1G in 5 anni) gestiti da INEA regolamento (UE) n.1316/ Call entro febbraio 2015 Fondi PON, FERS su opere che includono rinnovo dei sistemi di Classe B SCMT/SSC obbligo di realizzare ERTMS entro 5 anni da conclusione opera (Richiesta EU a Italia di un Piano per il Sud) Regulation (EU) 642/2014 per concentrare risorse per ricerca ferroviaria europea nel programma Shift2Rail (1G in 6 anni cofinanziato) Partecipazione di RFI, Trenitalia e FSI al programma (Infrastruttura, Segnalamento, Mat Rotabile, Ticketing) con 25M di budget Progetti di Innovazione su segnalamento (IP2) verso ERTMS (applicazione Satellite, ATO, Alta densità, Blocco Mobile, Comunicazioni su bearer pubblico, Security, 0 OnsiteTesting.) Direttiva UE 2012/34 Obbligo di differenziare i pedaggi sulle linee di cui alla Direttiva 88/ potenzialmente estendibile a tutta la rete nazionale - per incentivare le imprese ferroviarie a dotarsi di sistemi di bordo attrezzati con ERTMS

14 The ERTMS and TLC : Technology evolution TLC for signalling : THE NEXT CHALLENGES ENHANCE SPEED up to 350 Km/h ENHANCE CAPACITY COEXISTENCE WITH UMTS PREPARE MIGRATION by packet switching by technical-legal bindings and costs over 2025 : UMTS, LTE, WiMax, clouding INTEGRATE WITH OTHER TECH. satellite

15 Opportunità con ERTMS (1) AV: prosegue potenziamento rete ERTMS e suo utilizzo per incremento velocità fino a 350km/h. Possibile futura ottimizzazione lunghezza sezioni in prossimità dei Nodi AV Capacità: piano di sua introduzione nei Nodi a partire da Roma Milano per aumento del traffico pendolare. Applicazione ETCS L2 con possibile futura migrazione a ETCS L3 con blocco mobile Possibile aumento velocità su linee con Blocco Conta Assi Aumento prestazioni e miglioramento ergonomico/funzionale con riduzione costi gestionali (centralizzazione es. rallentamenti) e di proprietà (costi manutentivi concentrazione apparati e futura riduzione costi apparati di linea come segnali e cdb o Bca) Possibile semplificazione e riduzione costi su linee a scarso traffico con utilizzo sistemi wireless Apertura mercato fornitori grazie alla standardizzazione apparati e il mutuo riconoscimento europeo. Conseguente abbattimento progressivo dei costi per competizione a livello Mondiale.

16 Opportunità con ERTMS (2) Altre importanti ferrovie Europee stanno introducendo ERTMS/CBTC non solo per Av ma anche per aumento capacità e performances: risegnalamento tutta la Danimarca, Migrazione in tutta l Olanda, Migrazione in Svizzera, Alta densità a Londra (ThamesLink), RER C a Parigi, Migrazione in Svezia e Norvegia. Applicazioni in tutto il mondo Ferrovie Regionali in Italia stanno migrando direttamente a ETCS L2 chiedendo a RFI di gestire le loro antenne BTS del GSM-R dal NOCC e di dare supporto allo sviluppo (LFI in Toscana, STA in Trentino ) Specializzazione per Italferr ed Italcertifer società del gruppo orientate al mercato estero su un settore come ERTMS ad altissimo ritorno in termini ci Curriculum per Gare internazionali Integrazione dati di Log SST ed SSB ETCS e GSM-R per analisi oggettiva accudienze di esercizio ERTMS (progetto in corso Mistral) ERTMS per Regolazione velocità per 1) gestione ottimizzata con ATO per circolazione, 2) risparmio energetico, 3) gestione usura rotaie armamento segnali

17 Scenario attuale Attualmente le linee attrezzate con ERTMS sono le linee AV/AC: Torino-Milano; Milano-Bologna; Bologna-Firenze; Roma-Napoli.

18 Scenario 2018 Linee previste nella Decisione 88/2012 e ripianificate Aree merci previste nella Decisione 88/2012 e ripianificate ERTMS per alta densità nei Nodi prioritari

19 Scenario di evoluzione dal al 2030 SCENARIO 2023 e interventi Linee in attrezzaggio

20 Architettura Funzionale ETCS L2 Nazionali 2

21 Tratte AV e Omogeneità per ERTMS L2 Bologna High Speed By- Pass Treni AV Treni Regionali Veloci ERTMS L2 25 kva.c. ERTMS L2 25 kva.c. ERTMS SCMT L2 3kVd.c. ERTMS L2 25 kva.c. To Mi Rho Mi Melegnano Bo Bo Fi Fi Castello Rovezzano Rm Settebagni Rm Prenestina Na Progetto ERTMS per Alta densità Nodi

22 Architettura Funzionale ETCS L2 Roma Firenze DD Posto Centrale Bologna Roma Firenze TLC-LD per SCC + Fibra Ottica SCC RBC NVC SDH FIBER OPTIC BACKBONE BTS GSM-R Gestore Attuatori Linea AV PM LL PJ Gestore Attuatori PC Gestore Attuatori PT Gestore Attuatori Train Position Movement Authority LL Eurobalise Firenze Rovezzano RBC Roma Settebagni

23 Interconnessione di Settebagni Segnale Virtuale Blocco Radio Linea Lenta Linea DD ETCS L2 SCMT

24 RFI ATP/ATC ClassB ERTMS Overlapping Strategy Existing Block / Existing IXL New Electronic IXL or New Electronic interface Legacy Signalling Systems SSC SCMT + GSM-R (11000km) ATP National Systems Class B ETCS L1 ETCS L1 + Radio Infill ETCS L2 ATC Interoperable Systems Class A

25 ERTMS sovrapposto ad SCMT ETCS L1+RIU o L2 Full Supervision Vuol dire ripetizione in macchina con possibile Innalzamento prestazioni (velocità) ETCS L2 RBC GSM-R RIU ETCS L1 SCMT Mantenimento Segnalamento laterale Garantendo la coincidenza delle informazioni restrittive ETCS SCMT ETCS L1 or L2 Telegram Euro Balise Packet 44 (SCMT Data) SCMT usa le stesse Eurobalises and Encoder di ERTMS

26 Upgrading da SCMT ad SCMT+ ERTMS L1/L2 Sottosistema di Bordo: Utilizzo di componenti intereporebili come BTM, Odometria, Coputer di bordo Aggiunta di 2 Mobile terminal, DMI con LCD integrato ETCS+SCMT, Aggiornamento Software Sottosistema di terra: Utilizzo componenti interoperabili Encoder ed Eurobalise SCMT ed GSM-R Aggiunta telegramma Europeo su Eurobalise (ETCS L1 e L2) ed Encoder (solo per ETCS L1 ) Nuove Interfacce dedicate ACEI/Encoder/GEA o ACC per ETCS L1 /L2 Progettazione ETCS Sottosistema di terra dedicata per la massimizzazione della capacità e performance della curva di frenatura del treno (K dati da terra, Overlap, ) Radio Block Center (ETCS L2)

27 ETCS e STM SCMT/RSC su Materiale Rotabile per trasporto Regionale DMI LCD Integrato ETCS STM SCMT 2

28 Strategy ERTMS Level 1 Baseline 3: Conventional Lines ERTMS Overlapping Migration strategy : Almost maintain the same performance of Relay Interlocking +Axle Counter (12000km) SCMT (Encoder & Eurobalises) GSM-R Cost L1LS No speed indication L1LS speed indication With Radio Infill L1 FS With Radio Infill Level 1

29 Strategy ERTMS Level 2 Baseline 3: Conventional Lines ERTMS Overlapping Migration strategy : Maintain the same performance of Bacc (Blocco Automatico a Correnti Codificate 4500km) Electronic or Relay Interlocking SCMT (Encoder & Eurobalises) GSM-R Cost Electronic Interlocking Relay Interlocking Level 2

30 Tavernelle Possibilità di gestire un traffico con distanziamento fino a 3 (esclusi i tempi di fermata) per i treni ETCS L2 Garantita la Promiscuità del traffico e dei mezzi in modalità SCMT ed ETCS L2 Riutilizzo investimenti paralleli degli apparati elettronici Realizzazioni sezioni a 900m o comparabili ed emiitinerari con sezioni virtuali a 450m o ottimizzate Modane utilizzabili dai soli treni ETCS L2: Definito tipologico del Programma di Esercizio ETCS L2 per alta densità In definizione Specifica dei requisiti di applicazione ETCS L2 per alta densità in sovrapposizione ad SCMT e avvio processo con ANSF Possibile Riutilizzo appalti già in corso come Milano Chiasso e Pilot Line Pioltello Treviglio e ACC-MRoma Casilina-Ciampino Necessario phasing con attrezzaggio SSB Possibile beneficio cofinanziamento SST/SSB Contemporanea Cucitura ETCS per tratte AV sul Nodo LUINO Chiasso GORIZIA Nova Gorica TRENTO UDINE AOSTA BERGAMO VICENZA TREVISO Lubiana NOVARA VERONA TRIESTE MILANO VENEZIA Santa Lucia PADOVA PAVIA TORINO PIACENZA CREMONA FERRARA ALESSANDRIA BOLOGNA Ventimiglia DOMODOSSOLA SAVONA PARMA MODENA GENOVA P.Principe/Brignole OLBIA CAGLIARI Innsbruck BRENNERO BOLZANO LA SPEZIA PRATO PISA FIRENZE Linz S.CANDIDO RAVENNA RIMINI Fol ign o ANCONA PERUGIA TERNI ROMA Tarvisio Villach PESCARA PALERMO NAPOLI C.le FOGGIA BARI C.le BENEVENTO CATANIA C.le GELA La Rete Italiana COSENZA REGGIO C. BRINDISI TARANTO LECCE

31 Tratte prioritarie Alta Densità nei Nodi di Roma e Milano ROMA LINEA: Roma Tiburtina Tuscolana Ostiense LINEA: Roma Casilina - Ciampino MILANO LINEA: Milano P. Garibaldi Greco Pirelli/Milano Lambrate LINEA: Monza Milano Greco Pirelli Mi.Lambrate

32 Ipotesi di Alta Densità nel Nodo di Roma La realizzazione del Sistema SST ETCS L2 Baseline 3 con System Version X=1.1 nel Nodo di Roma potrebbe portare a nuovi scenari Viterbo funzionali in quanto verrebbero implementate, rispetto alla 2.3.0d, una serie di nuove CR ottimizzate per la funzione di alta densità. Questo Grosseto Cesano di permetterebbe ad esempio di poter realizzare l alta Roma densità tra Tiburtina e Fiumicino Aeroporto garantendo la compatibilità con i bordi versione 2.3.0d ed SCMT. Infatti i treni baseline 2 viaggiano con performance baseline 2 mentre i treni baseline 3 con performance La Storta di baseline 3. Maccarese Monte Mario Aurelia Pineto Gemelli Farneto Vigna Clara Balduina Fiumicino Aeroporto S. Pietro Quattro Venti Valle Aurelia DM Roma Termini S. LORENZO Tor di Quinto Tiburtina Nomentana Val d'ala DD.ma Firenze (DD) Firenze (LL) Fara S. Settebagni Fidene Nuovo Salario Pescara Pontegaleria Trastevere M.A.V. Ostiense Tuscolana D.L. PARCO PRENESTINO Prenestina Guidonia Tivoli RM-NA Napoli (Linea AV/AC) Legenda: rosso : treni AV arancione: Alta densità RBC NODO Casilina Capannelle Torricola Ciampino Campoleone Pomezia Frascati Albano Velletri Napoli (Via Cassino) Napoli (Via Formia) Nettuno

33 Capacità e Livelli ETCS (2)

34 Capacità e Livelli ETCS (1) 4

35 Nuove Funzionalità per ETCS per alta densità nei nodi Curve di frenatura ETCS BL3 treno ottimizzata con parametri inviati da terra (ciò comporterà delle condizioni applicative per la circolabilità ai soli treni prestanti come decelarazione in modalità alta densità) Profilo statico vmax delle deviate gestito in prossimità della punta scambi e non dal segnale Promiscuità treni SCMT (sezioni attuali ) ed ETCS (sezioni ottimizzate) Parametrizzazione timer ACC ed RBC per la ottimizzazione della liberazione del bloccamento in zona di uscita itinerario, massimizzando così la velocità di rilascio calcolata a bordo treno Visualizzazione velocità di rilascio calcolata a bordo su sezioni di blocco radio: opportuna la gestione di una sezione di ricoprimento (anche virtuale) sulla sezione di Blocco Radio di valle Definizione della lunghezza sezioni Blocco Radio ottimizzata per linea o stazione per massimizzare la capacità Aspetto segnale luminoso dedicato per utilizzo sezioni Blocco Radio e relativa logica di annuncio e consenso. Definizione delle zone di ingresso/uscita zone per ETCS L2 massimizzando la flessibilità impiantistica Gestione comandi emitinerari per i soli treni dedicati per l alta densità Logica accodamento treno con utilizzo revoca concordata Movement Autority con SSB per la distruzione itinerario (es. sugli stazionamenti lunghi) Rinforzo rete GSM-R ed utilizzo del GPRS a terra e a bordo Liberazione sezioni con odometria tipo L3

36 ERTMS sovrapposto ad SCMT per alta densità ETCS L2 RBC GSM-R SCMT GSM-R ETCS ETCS ETCS SCMT ETCS L2 Telegram Euro Balise Packet 44 (SCMT Data) SCMT usa le stesse Eurobalises and Encoder di ERTMS

37 Analisi funzionale preliminare: modello di frenatura Section in which the braking distance has to be meet. Vmax Line/Train Vmax lower performance train Triggering of the brakes in case of warning signal at yellow EBI of lower braking performance train Necessary speed reduction for lower performance train Lower performance train: EBI shifted EBI of well braking train Lower performance train cannot stop before the signal Balise Warning signal Stop signal Date le caratteristiche del segnalamento, la velocità massima del treno dipende dalle sue prestazioni frenanti. 43

38 Baseline 3 ETCS Il Progettista del SST otimizza le curve di frenatura del treno Gamma trains Treni a composizione bloccata le cui caratteristiche frenanti sono specificate in termini prestazioni e margini di sicurezza specifiche per il dato rotabile Predefined train composition (train input or train preparer/driver selection) RAILWAY UNDERTAKING Kdry_rst TABLE Kwet_rst Kdry_rst(EBCL 9 ) Kdry_rst(EBCL i ) Kdry_rst(EBCL 1 ) A_brake_emergency A_brake_dry A_brake_safe Emergency Brake Confidence Level (National Value) M_NVEBCL Available Adhesion Weighting Factor (National Value) M_NVAVADH INFRA MANAGER 44

39 Analisi funzionale preliminare: modello di frenatura Lambda trains Treni non necessariamente a composizione variabile le cui caratteristiche frenanti sono deducibili in modo generico dai dati di Percentuale di Massa Frenata e lunghezza. Braked weight percentage (train preparer/driver) λ Train type & length (train preparer/driver) P/G L_train RAILWAY UNDERTAKING Conver sion Model A_brake_converted A_brake_tuned Integrated correction Factors (National Values) INFRA MANAGER Kv_int P v Kv_int G v Kr_int L 45

40 Analisi funzionale preliminare: modello di frenatura Confronto tra i modelli di frenatura SCMT e ETCS BL3 per lambda train m m PMF = 135% FLAT TRACK Km/h Km/h k = 0.9, train lenght = 650 m k = 0.8, train lenght = 400 m 46

41 Nuove sfide per ERTMS Protezione degli asset nel tempo attraverso la flessibilità, legata ai moderni standard di comunicazione, soddisfano tutti le necessità ferroviarie attraverso scalbilità e modularità delle proprie applicazioni CBTC Communications-Based Train Control System Per massimizzare il ritorno negli investimenti nelle infrastrutture ferroviarie urbane: Alta capacità e automazion. Sistemi di telecomunicazioni aperti ETCS Regional, Satellite application MoU -Migrazione ATO, GPRS e IP per ogni sistema di comunicazione aperto 47 ETCS (L1,2,3) Per creare un ATC europeo interoperabile e aumentare la competitività per le ferrovie europee per tutti i tipi di traffico ferroviario: Alta velocità, Alta capacità, Bassa densità Traffico merci, Traffico misto; coesistenza con legacy systems Automatic train protection (ATP); Automatic train operation (ATO); Automatic train supervision (ATS)

42 MoU ERTMS del 2012 e Shift2Rail 2014 Il MoU sottoscritto nel 2012 e il programma di ricerca EU Shif2Rail offrono la possibilità di innovare il settore segnalamento salvando gli asset dell ERTMS esistente. : Nuove tecnologie ERTMS (GPRS, IP, ATO, Satellite..) Nuove prestazioni grazie alle SRS BL3 (aumento della capacità, Train Categories, M-Version, etc..) Nuove applicazioni scalabili di ERTMS (Regional,.) Traffic Management System evoluto ottimizzando in tempo reale le informazioni di manutenzione infrastruttura e stato circolazione 48

43 Alta Densità nei Nodi e Razionalizzazione industriale Convergenza fra ETCS e CBTC From Unife Presentation 49 49

44 CBTC and ETCS To evolve ETCS functionality based on CBTC system solutions Provide interoperability and interchangeability between subsystems Based on standardised interfaces for the entire range of rail systems Maintain backwards compatibility with the ETCS Baseline 3 specifications Page 50

45 FSI con RFI e Trenitalia ha aderito come Associate Member a programma di ricerca Europea Shift2Rail

46 Shift ² Rail - Innovative Program IP2 New innovative functions & procedures for Technology Demonstrators (TDs) Capacity Surge TD2: Railway network capacity increase (ATO ) TD3: Line capacity increase through fluid moving TD5: On-board train integrity (with SIL4) TD8: Virtually-coupled train sets (to optimize line throughput) Smart Procurement &Testing TD10: Application of formal methods for smart signalling system specs TD7: Standardisation (and auto-learning) engineering and operational rules TD6: Zero on-site testing (control-command in demonstrators) Dependable Safe Signalling System TD1: Adaptable communications for all railways (quality of service and interfaces to signalling) TD4: Advanced Fail-safe train positioning (satellite ) TD11: Smart radio-connected wayside objects TD12: Cyber system security (including Key Management Systems)

47

48 ERTMS - Galileo : Two EU Project DG Move ERA - ERTMS DG Enterprise - ESA, GSA - Galileo MoU ERTMS New Application Satellite Application for ERTMS Interoperability, Standard, Scalability, Reduce Cost

49 Progetto ERSAT(ERTMS Satellite): Roadmap Piano di Sviluppo e Innovazione InSat ERSAT ERTMS-ETCS Test Site Sviluppo e test tecnologie satellitari Shift2Rail H2020 Sistema segnalamento con tecnologie satellitari Partnership pubblico-privata per l innovazione nel settore ferroviario

50 Stato di avanzamento e campagna di prove

51 ERSAT ERTMS - SATELLITE Baseline 3 Level 2 Pilot Line ERSAT satellite-based localisation enhancement Space Segment Multi-constellation SAT Local Area Augmentation System for Railway GNSS-denied Area localisation System User Segment Ground Segment SIL 4 EGNSS-based Enhanced Localisation for Railway ERTMS EWAN - EGNOS Wide Area Network

52 Overview dei progetti ETCS a breve, medio termine Linea Livello ETCS Baseline ETCS Stato attività Piano di completamento Pilot Line Sicilia L1+radio infill BL3 1MR (x=2) Lavori avviati 2015 Pilot Line Milano- L2 BL3 1MR (x=2) Lavori avviati 2015 Treviglio Pilot Line Sardegna L2+satellite BL3 Consegna lavori Novara-Domodossola L1+radio infill BL3 1MR (x=2) Lavori avviati 2015 Monza-Chiasso L2 BL3 Consegna lavori Firenze-Roma L2 BL2 Consegna lavori 2015 Direttissima L2 Roma Napoli (AV) L2 Upgrading a BL2 Lavori avviati 2016 Treviglio-Brescia(AV) L2 BL2 Lavori avviati 2016 Torino Milano (AV) L2 BL2 Lavori da appaltare 2016 Milano-Genova L2 BL3 Lavori da appaltare 2018 Novara-Villa L2 e L1 BL3 Consegna lavori 2015 Opicinoa(corridio D) Brennero L2 BL3 Lavori da appaltare 2018 Modane-Novara (storica) L2 BL Alta Densità L2 BL3 Lavori da Appaltare 2018 Nodo di Roma Alta Densità Nodo di Milano L2 BL3 Lavori da Appaltare 2018 Ranzo Luino e Domo - Iselle L1 Limited Supervision BL3 Lavori da appaltare lato SBB 2015

53 ERTMS Baseline 2 Level 2 Project Ongoing ETCS L2 Upgrading BL2 High Speed Roma - Napoli Alstom ETCS L2 BL2 High Speed Treviglio - Brescia Ansaldo STS % 10% % 10% 10/ % 30% 50% 50% Tendering Project 10/2014 ETCS L2 BL2 High Speed Roma - Firenze / % 10% Realization Authorization 30% 50%

54 ERTMS Baseline 3 Project Ongoing ETCS L1 BL3 + Radio Infill Pilot Line Sicily ECM and Mermec % 5% 35% ETCS L2 BL3 Pilot Line Corridor D Pioltello Treviglio Ansaldo STS 25% % % ETCS L2 BL3 + Satellite Localization and independent TLC Carrier Pilot Line Sardinia % % 30% 10/ / % 50% 30% 10/2014 ETCS L1 BL3 Limited Supervision Pilot Line Iselle- Domodossola Ranzo - Luino Corridor A % % 10/2014 ETCS L2 BL3 Milano - Chiasso Corridor A % 30% 10/ % ETCS L1 + Radio Infill BL3 Domodossola - Novara Corridor A Bombardier TI % % 10/ % 30% 40% 30% 30% Tendering Project Realization Authorization

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi TRASPORTI FERROVIARI PARTE B 1 IL SEGNALAMENTO EUROPEO ERTMS/ETCS All

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Applicazioni ERTMS / ETCS su linee convenzionali RFI

Applicazioni ERTMS / ETCS su linee convenzionali RFI Applicazioni ERTMS / ETCS su linee convenzionali RFI 6 Maggio 2014 Giorgio Bonafè Fabio Senesi Direzione Produzione Direzione Tecnica INDICE ERTMS / ETCS in Europa e in Italia Costi e benefici: criteri

Dettagli

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014 L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO Roma li, 2 ottobre 2014 L affluenza sui treni MONTEROTONDO LADISPOLI COLLEFERRO CAMPOLEONE APRILIA Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Questo documento descrive nei punti salienti il processo seguito nel rispetto di normative, disposizioni e procedure di attuazione per il ERTMS/ETCS

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria

Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria I risultati conseguiti nell innovazione tecnologica Nell ultimo decennio sul sistema ferroviario nazionale italiano sono state apportate

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Caratteristiche della rete AV/AC italiana La rete ferroviaria AV/AC in Italia presenta un assetto e una conformazione ( curve minime

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO Tor Vergata, 30 maggio 2007 Enzo Marzilli Direzione Tecnica Direzione Norme, Standard, Sviluppo e Omologazione Contenuti della presentazione:

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A.

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A. PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELLA SALUTE E FERROVIE DELLO STATO S.p.A. che interviene anche in nome e per conto delle società Rete Ferroviaria Italiana SpA, Grandi Stazioni SpA e Centostazioni

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari. Direzione Centrale Accertamento RISOLUZIONE N. 64/E Roma, 18 maggio 2005 Oggetto: Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Dettagli

Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS

Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS Maurizio Palumbo Novembre 2013 railwaysignalling.eu, Italy maur.palumbo@railwaysignalling.eu SOMMARIO Il segnalamento ferroviario può essere definito

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Michele Mario Elia - Amministratore Delegato di RFI Brescia, 23 aprile 2014 Tratta AV/AC Treviglio-Brescia: Inquadramento dell opera Core Network

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie

Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie AICQ Manutenzione e Service nel Settore Ferroviario: opportunità e vincoli Modellare i servizi di manutenzione intorno alle Imprese Ferroviarie Leonardo SOLERA Alstom Train Life Services - Italia Firenze,

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

Divisione Caring Services illustrazione nuova organizzazione e nuovo presidio orario Caring Operations Consumer Fisso (187)

Divisione Caring Services illustrazione nuova organizzazione e nuovo presidio orario Caring Operations Consumer Fisso (187) GRUPPO TELECOM ITALIA Divisione Services illustrazione nuova organizzazione e nuovo presidio orario Operations Consumer Fisso (187) Incontro con le OO.SS e il Coordinamento Nazionale delle RSU 16-17 giugno

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria

IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria Tor Vergata, 30 maggio 2007 Francesco Favo RFI Direzione Tecnica - CESIFER Quadro Normativo Normative nazionali

Dettagli

Adeguamento dei sistemi e dei mezzi di trasporto ferroviari alle esigenze in sviluppo del mercato internazionale

Adeguamento dei sistemi e dei mezzi di trasporto ferroviari alle esigenze in sviluppo del mercato internazionale Adeguamento dei sistemi e dei mezzi di trasporto ferroviari alle esigenze in sviluppo del mercato internazionale -Giovanni Saccà- Il processo di unificazione ferroviaria europea ha creato le condizioni

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

Upgrading dei Sistemi TLC. Bologna, 16 Ottobre 2014

Upgrading dei Sistemi TLC. Bologna, 16 Ottobre 2014 Upgrading dei Sistemi TLC Bologna, 16 Ottobre 2014 Premessa Negli ultimi anni le Telecomunicazioni hanno rivestito un ruolo di primaria importanza per le Ferrovie rappresentando spesso il fattore abilitante

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE.

WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. WWW.CENTOSTAZIONI.IT CENTO NUOVE PIAZZE ITALIANE. LA STAZIONE. UNA NUOVA PIAZZA AL CENTRO DELLA CITTÀ. CENTOSTAZIONI. 103 stazioni ferroviarie riqualificate e gestite secondo un piano integrato per creare

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2012) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Roma, 6 maggio 2008. Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS

Roma, 6 maggio 2008. Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS Roma, 6 maggio 2008 Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS La Legge Finanziaria 2006-2007 2007 La riduzione dei trasferimenti finanziari previsti nella Legge Finanziaria 2006-2007

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

Lo stato dell arte del Mobility Management in Italia e gli sviluppi della rete europea EPOMM

Lo stato dell arte del Mobility Management in Italia e gli sviluppi della rete europea EPOMM Mobilità Elettrica a Firenze Oggi e Domani Lo stato dell arte del Mobility Management in Italia e gli sviluppi della rete europea EPOMM Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Managing mobility

Dettagli

Economia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-33 - SCIENZE ECONOMICHE

Economia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-33 - SCIENZE ECONOMICHE Economia I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-33 - SCIENZE ECONOMICHE Università

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana -

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - SICUREZZA STRADALE Politiche ed esperienze europee a confronto Bari, 11 luglio 2008 www.progettomost.org SINTESI DEL PROGETTO MO.S.T. www.progettomost.org

Dettagli

Ingegneria edile I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-23 - SCIENZE E TECNICHE DELL EDILIZIA

Ingegneria edile I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-23 - SCIENZE E TECNICHE DELL EDILIZIA Ingegneria edile I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-23 - SCIENZE E TECNICHE

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI:

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI: ALLEGATO 1. INTRODUZIONE 1.1. Campo di applicazione tecnico La presente STI riguarda il sottosistema controllo-comando e segnalamento e parte del sottosistema manutenzione del sistema ferroviario transeuropeo

Dettagli

Ingegneria discipline varie

Ingegneria discipline varie Ingegneria discipline varie I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-8 - INGEGNERIA

Dettagli

Attività di specifica, di modellazione e di test di un sistema di guida automatica secondo lo standard CBTC

Attività di specifica, di modellazione e di test di un sistema di guida automatica secondo lo standard CBTC Attività di specifica, di modellazione e di test di un sistema di guida automatica secondo lo standard CBTC M. Di Claudio, G. Martelli, S. Menabeni Department of Information Engineering University of Florence

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MARCO. Giorgio. 03.01.1949 Palermo. Italiana. Coniugato. Università di Palermo. 2^ sessione1974. Ingegneria Elettronica

CURRICULUM VITAE DI MARCO. Giorgio. 03.01.1949 Palermo. Italiana. Coniugato. Università di Palermo. 2^ sessione1974. Ingegneria Elettronica CURRICULUM VITAE 1. Family name: Cognome: 2. First names: Nome: 3. Date and Place of birth: Data e di nascita: 4. Nationality: Nazionalità: 5. Civil status: Stato Civile: DI MARCO Giorgio 03.01.1949 Italiana

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università:

Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università: Risultati della ricerca Trovati 85 corsi di laurea in 52 Università: Lista Università Università Politecnica delle MARCHE http://www.univpm.it Ingegneria Informatica e dell'automazione, ANCONA Università

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

PER LA SICUREZZA DELL ESERCIZIO

PER LA SICUREZZA DELL ESERCIZIO Infrastrutture, materiale rotabile e quadro normativo di riferimento PER LA SICUREZZA DELL ESERCIZIO Genova, 9 maggio 2013 Ing. Angelo Colzani Direttore Manutenzione TRENORD I SOGNI SI AVVERANO? 2 Il video

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali

Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali Dario Gentile Anno 2008 1 L analisi dell offerta di servizi di tpl in Italia Il settore del TPL in Italia vale complessivamente

Dettagli

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO L Scc del Brennero L Scc del Brennero IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in uso in

Dettagli