Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative"

Transcript

1 Citizenship Europa dei cittadini Europa dei cittadini 1

2 Come è nato il progetto L idea del progetto nasce da un percorso di collaborazione consolidato tra il Sern (Svezia Emilia Romagna Network) ed alcune cooperative aderenti alle associazioni. A fronte dell opportunità offerta dalla Comunità Europea Legacoop Parma ha entusiasticamente aderito alla proposta del Sern. Introduzione al progetto Lo scopo del programma Europa per i cittadini è quello di avvicinare l Europa ai suoi cittadini per consentire loro di partecipare pienamente alla costruzione dell Europa unita. Attraverso questo programma, i cittadini hanno l opportunità di essere coinvolti in scambi transnazionali e attività di cooperazione, contribuendo a sviluppare un senso di appartenenza ed ideali europei e promuovere il processo d integrazione. Nello specifico dell anno europeo dedicato alla lotta alla povertà e all inclusione sociale, il progetto si pone l obiettivo di superare le discriminazioni e favorire l inserimento lavorativo dei soggetti a rischio di svantaggio sociale. I protagonisti del progetto sono: soci delle cooperative, i gruppi dirigenti delle cooperative, i responsabili delle associazioni di categoria: Rispetto ai partecipanti sono stati individuati alcuni obiettivi che possono essere così riassunti: Miglioramento delle conoscenze e delle competenze Creazione o miglioramento dei contatti tra le organizzazioni della società civile che partecipano al progetto Possibilità di sviluppare un metodo per stimolare l attenzione verso gli aspetti legati all inclusione sociale e pratiche di pari opportunità tra i cittadini Il progetto è strutturato in tre fasi principali: a) Preparazione allo scambio b) Lo scambio c) Presentazione dei risultati e valutazione finale Preparazione per lo scambio In una riunione di coordianamento transnazionale tenutasi nel novembre del 2010 a Parma sono stati predisposti gli strumenti e gli aspetti pratici del programma di lavoro jobshadowing. A questo primo momento hanno partecipato i responsabili delle associazioni a cui fanno riferimento le cooperative. Lo scambio Lo scambio si è svolto durante la prima metà del 2011 ed è consistito in cinque giorni di jobshadowing in ogni paese. Nel corso dello scambio sono stati confrontati la legislazione nazionale ed europea in cui le cooperative operano, le impostazioni organizzative interne delle associazioni e delle cooperative. Le cooperative ospitanti hanno predisposto un tutor ed un accompagnatore per i colleghi ospitati, inserendoli nell attività lavorativa quotidiana. I temi osservati da ognuno sono stati: l organizzazione del lavoro, le relazioni tra le cooperative e i suoi soci, i rapporti con gli stakholder, le buone pratiche applicate all interno delle cooperative, le attività finanziarie ed amministrative. Sui temi individuati, ogni partecipante, ha compilato un modulo d osservazione predisposto 2 Citizenship Europa dei cittadini 3

3 Formulario d osservazione PEAC 201 Focus areas per lo scambio PEAC 1. Organizzazione del lavoro della cooperativa 2. Relazioni tra la cooperativa ed i suoi soci 3. Gestione delle relazioni con gli attori esterni (autorità locali e altri) 4. Pratiche per pari opportunità 5. Aspetti di Gestione finanziaria della cooperativa (Sottolina cortesemente le due principali aree di osservazione scelte) Informazioni generali Nome del partecipante Nome del tutor Nome e sede della cooperativa Periodo del soggiorno Punti d osservazione esaminati: Sintesi della tua esperienza durante lo scambio in riferimento alle due aree scelte La mia riflessione su (focus area 1) Perchè? Cosa? Quando? Come? Dove? Da chi? Cosa ho appreso? Cosa potrò sviluppare a casa? Presentazione dei risultati e valutazioni finali Il processo di valutazione ed i risultati finali sono stati rielaborati sulla base dei formulari compilati e presentati pubblicamente attraverso il sito web, la presente pubblicazione ed il convegno tenutosi a Parma il 26 ottobre Obiettivi Questo tipo di progetto è volto a definire un metodo innovativo per sviluppare nuove metodologie di lavoro e le possibilità di scambio di persone tra le organizzazioni partecipanti. Costituisce probabilmente il modo più efficace per promuovere la cittadinanza attiva e per conoscere un altra cultura, sviluppando allo steso tempo il senso di un contributo diretto al processo di integrazione europea. Gli Attori: Coompanion Agenzia di sviluppo Cooperativo di Skaraborg è una delle 25 unità territoriali di sviluppo cooperativo presenti in ogni regione della Svezia che compongono Coompanion Svezia, con un totale di 150 dipendenti. Fanno parte di Coompanion consulenti aziendali, esperti in materia d imprenditorialità cooperativa. L obiettivo dell associazione è quello di fornire, alle persone che vogliono realizzare idee imprenditoriali, informazioni consulenza e formazione, in base alle loro esigenze individuali. Attiva dal 1990 nella regione di Skaraborg,la governante dell l associazione è costituita da 15 membri (comuni, organizzazioni, cooperative), 3 dipendenti ed è finanziata dall Agenzia svedese per lo sviluppo economico (Tillväxtverket), della regione di Västra Götaland. La missione è quella di stimolare la crescita e lo sviluppo locale aiutando le persone a dar vita ad imprese cooperative. Nel corso degli ultimi 5 anni Coompanion Skaraborg ha contribuito ad avviare 70 nuove imprese cooperative. Legacoop è la più antica organizzazione cooperativa italiana. Fondata nel 1886, promuove lo sviluppo della cooperazione e della mutualità, le relazioni economiche e la solidarietà tra le cooperative aderenti e incoraggia la diffusione dei principi e dei valori cooperativi. Legacoop aderisce all Alleanza Cooperativa Internazionale ICA. Legacoop Emilia Romagna è l articolazione regionale di Legacoop Nazionale e Legacoop Parma è l associazione territoriale responsabile per le cooperative situate nell importante distretto agricolo e industriale di Parma. Legacoop Parma, in linea con la propria missione, ha focalizzato la sua attività per rappresentare le cooperative associate e salvaguardare i loro interessi, per offrire assistenza agli associati attraverso reti di servizi, per sostenere la diffusione dei principi e valori cooperativi, per promuovere progetti volti a rafforzare le reti di solidarietà cooperativa e per stimolare e sostenere la nascita di nuove cooperative. 4 Citizenship Europa dei cittadini 5

4 Cooperative partecipanti: Averla La Cooperativa Averla è una realtà nata nel giugno del 2003, con una base sociale giovane. In questi anni Averla ha avuto uno sviluppo importante all interno della cooperazione sociale di tipo B nei settori dei servizi ambientali, per l inserimento al lavoro di soggetti in situazioni di forte disagio: la percentuale di inserimenti lavorativi è pari a circa il 65% dell intera compagine lavorativa. Ad oggi Averla ha circa 65 dipendenti con un fatturato in costante crescita. Nel maggio di quest anno la Cooperativa, alla fine della ristrutturazione di un immobile acquistato nel 2008, ha fatto nascere una comunità residenziale per minori in difficoltà. Bruk för Alla cooperativa sociale è stata costituita nel 1992 dai Comuni di Falköping e Mullsjö. Lo slogan della cooperativa recita: C è qualcuno con un idea per un nuovo processo produttivo? è l occasione per iniziare, facciamolo! Il benessere è la misura del potere che hai nella tua vita. Il lavoro è il fare qualcosa di cui qualcun altro ha bisogno. Disoccupati sono quelli che sono inattivi. Citiamo alcuni dei processi produttivi: Workshop, lavoro di smontaggio contoterzista, attività di falegnameria, restauro mobili, cura dei cane, salvaguardia ambientale, gestione negozi di seconda mano, sfalcio erba, giardinaggio e in inverno spalatura neve. Attività artigianali (maglia e cucito), e un gruppo di ricerca e documentazione sulle tombe di Falköping. Bruk för Alla accoglie tutte le persone che si trovano al di fuori del mercato del lavoro per qualsiasi motivo. Tutti lavorano secondo le loro capacità. Bruk för Alla significa che c è un lavoro per tutti. Cabiria nasce nel 1990 come cooperativa sociale di inserimento lavorativo di persone svantaggiate. E una struttura che produce merci e servizi all interno di un contesto lavorativo compartecipato, dove la persona, quali che siano le sue condizioni, può trovare un posto adeguato. La mission è di coniugare quotidianamente la strategia aziendale con l etica sociale, cercare di costruire un ambiente lavorativo di crescita comune, garantendo così un doppio prodotto: quello legato alla produzione e quello della crescit a individuale e collettiva delle persone che lavorano in cooperativa, in un percorso di ricostruzione continua di dignità e di diritti. Gli ambiti operativi sono diversi: comunicazione (che è l attività principale), manutenzione aree verdi, raccolta differenziata della carta a domicilio e custodia palestre. Dal dicembre 1999, la Cooperativa ha deciso di impegnarsi anche nella gestione di servizi socio assistenziali, trasformandosi in cooperativa mista (b sub a). Gestisce un appartamento, dove vivono cinque persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale dell AUSL. impresa sociale Götene Företagskooperativ GFK La cooperativa sociale Götene företagskooperativ - GFKoop si è formata a seguito dell iniziativa del Comune di Götene. Il suo scopo è quello di offrire opportunità di lavoro e buone pratiche per le persone che sono svantaggiate nel mercato del lavoro ordinario. GFKoop fu ufficialmente fondata l 11 febbraio 2010 da alcuni operatori del servizio civile comunale e da un gruppo di disoccupati di lunga durata. L originale ed ancora la principale produzione della GFKoop è la realizzazione di case in legno. Le case sono costruite a partire dal legno degli alberi di pino. Il nostro team building è anche in grado di fare altri lavori di costruzione. Stiamo continuamente lavorando sullo sviluppo di nuove aree d attività. Vogliamo avviare un ostello, ma è un progetto ancora da sviluppare. Al fine di offrire alta qualità nella fornitura di lavoro, educhiamo i dipendenti alla responsabilità nei confronti del lavoro e della cooperativa. Kaleido s La cooperativa è stata fondata nel 2003 da un gruppo di donne. Si sviluppa come una moderna organizzazione in grado di rispondere al meglio ad un nuovo mercato dei servizi educativi, collaborando con vari comuni. Kaleido.s Coop ha sviluppato nel territorio di Parma, nel corso degli anni l attenzione per la cura della prima infanzia e la sperimentazione di servizi innovativi. L obiettivo principale della Cooperativa Kaleido.s è quello di fornire servizi educativi flessibili nei tempi e adeguati alle esigenze specifiche dei richiedenti garantendo un servizio di qualità e personale qualificato. Montessoriförskolan Smultronstället La nostra scuola materna, si trova in Lidköping - un piccolo paese vicino al grande lago Vänern in Svezia. Lidköping si trova a circa 160 km da Goteborg ha circa abitanti. Il nostro asilo è organizzato in due sezionii: Smultronet accoglie bambini tra 1-3 anni e e la sezione Äppelbo ospita bambini in età prescolare tra 3-6 anni. Noi lavoriamo applicando la filosofia pedagogica Montessori, mettendo al centro il singolo bambino. Adattando l ambiente ai bambini, dando loro libertà di scegliere le attività. In questo modo cerchiamo di rafforzare la concentrazione e la volontà di imparare a operare liberamente. Questo crea fiducia e aiuta il bambino a svilupparsi e trovare il suo posto nel mondo. La cooperativa è costituita da 9 persone, 6 Citizenship Europa dei cittadini 7

5 Parmigianino Coop con sede a Fontanellato, basa i suoi progetti su una sinergia reale tra cultura e turismo. Una cultura che è impegno a costruire un luogo conosciuto e riconosciuto, emozionante e per questo amato da tutti: non è soltanto conservazione del patrimonio, non è soltanto valorizzazione ed eventi, non è soltanto miglioramento dei servizi, ma è tutto questo insieme, una progettualità ad ampio raggio. Il progetto si basa sull esperienza di gestione di spazi museali che la società ha acquisito nel corso di 25 anni di attività. L amore per un territorio si esprime soprattutto sostenendolo concretamente, dando opportunità di vita e di lavoro ai suoi abitanti. parmigianino.org/ Sirio La cooperativa nasce nel 1986 dalla volontà di un gruppo di persone convinte che il carcere non fosse né uno strumento di rieducazione ne un opportunità di liberazione degli individui mettendosi in campo come impresa sociale dedicata a creare opportunità di lavoro per i detenuti ma anche per altri soggetti provenienti dall area del disagio sociale. Diversi soci provenienti dall area del disagio sono oggi pienamente coinvolti nella direzione della cooperativa. La filosofia della cooperativa è quella dello scambio e della valorizzazione del potenziale di ciascuno. Il lavoro è utilizzato nella sua valenza sociali, per consentire di scegliere fra l assistenzialismo e la dipendenza o la responsabilità e la libertà. Attività: Manutenzione ambientale- pulizie- gestione isole ecologiche raccolta differenziata- manutenzione aree verdi facchinaggio piccoli traslochi sgomberi piccola manutenzione in genere restauro e recupero arredi ed oggettistica del 900 PRO.GES-Parma infanzia PRO.GES ha consolidato perfezionato e ampliato in questi anni la propria attività socio-sanitaria ed educativa rivolta agli anziani, ai bambini, ai minori, ai portatori di handicap e alle persone affette da disagio psichico. Per rispondere efficacemente alle necessità di queste categorie, PRO.GES. si avvale di una forte struttura organizzativa e di una rete di Operatori specializzati. Forte di questa complessità di esperienze PRO.GES è riuscita a creare una rete di rapporti in grado di sollecitare gli interlocutori pubblici a ricercare un livello di collaborazione più stretto e proficuo. Frutto di questa nuova concezione nei rapporti pubblico/privato è ParmaInfanzia S.p.A. una società per azioni a capitale misto pubblico/privato tra Comune di Parma e PRO.GES nata per la gestione e lo sviluppo di servizi rivolti all infanzia. Västgötalandet È costituito da circa 50 membri piccole e grandi imprese nell ambito del turismo e dello spettacolo. La cooperativa ha l obiettivo di sviluppare il mercato del turismo. L attività prevede di commercializzare e sponsorizzare il territorio via web e telefono. La commercializzazione del territorio e delle aziende associate è realizzata sotto il nome di Västgötalandet. Ulteriori obiettivi della cooperativa: Sviluppare il marchio dell associazione attraverso le attività delle reti di aziende associate Analisi dei clienti, ricerche di mercato e di marketing con un focus sul settore dell ospitalità. Sviluppo di prodotti attraenti, confezionamento e vendita di esperienze e attività. Promuovere l aumento dell occupazione e l imprenditorialità com/sv/vastgotalandet/ Racconti Kaleido s: Mercoledi 23 marzo la nostra Cooperativa tramite Legacoop ha ricevuto la visita di tre cooperatrici svedesi che svolgono attività di educatrici, presso una struttura che ospita sia un nido che una scuola dell infanzia gestita interamente da loro. Questa esperienza è stata accolta con grande gioia da parte nostra, pensiamo che abbia arricchito il nostro lavoro quotidiano fornendoci vari spunti di riflessione, non solo sotto l aspetto educativo ma anche per quanto riguarda un profilo di Governance di Cooperativa e di rapporti tra pubblico e privato. Lo scambio con le educatrici si è sviluppato con maggior rilievo sul metodo pedagogico che viene adottato nei nostri servizi, entrambe le cooperative hanno alcuni punti in comune che si ispirano al pensiero Montessoriano. Questi sono i punti sui quali ci siamo confrontate e trovate concordi, mentre una sostanziale differenza l abbiamo trovata nell approccio alle attività organizzate all aria aperta. Nella cultura Svedese il portare i bambini ogni giorno a giocare in spazi esterni qualsiasi condizione climatica sia presente è d obbligo, mentre la nostra tendenza è quella di cercare sempre le condizioni climatiche migliori per l organizzazione di momenti ludici esterni.un punto su cui riflettere e prendere spunto. Il confronto diretto con un modello educativo che porta in sé la ricchezza di punti comuni ma soprattutto di approcci differenti dati da una storia e da una cultura che si distingue dalla nostra, ci ha profondamente toccato ed aperti a nuovi punti di vista. Il poter condividere dei momenti educativi all interno delle nostre strutture, sia con i bimbi che con le educatrici di sezione, ha permesso alle educatrici Svedesi di poter vivere pienamente un esperienza autentica e concreta. Si sono creati momenti magici nei quali Ulrika, Eva ed Elisabeth ( le tre educ. Svedesi) hanno canta- 8 Citizenship Europa dei cittadini 9

6 to canzoncine nella loro lingua madre, ma già conosciute dai nostri bambini in italiano, i quali hanno mostrato grande interesse e partecipazione. E stato entusiasmante poter vedere come i bambini riuscissero a comunicare senza alcuna difficoltà con educatrici che parlavano una lingua differente e come il gioco sia lingua universale. Sirio: illustriamo brevemente l incontro con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con le persone nostre ospiti nel quadro dello scambio culturale previsto dalla comunità europea e promosso da Legacoop Parma e Companion Skaraborg. In dettaglio martedì 22 marzo abbiamo accompagnato le signore della cooperativa Bruk for Alla a visionare praticamente la raccolta della carta e cartone in centro storico accompagnate da dipendenti nostri incaricati. Ciò a reso possibile una descrizione esauriente di come la cooperativa opera sul campo, estendendo le spiegazioni anche alle raccolte differenziate di vetro, plastica e rifiuti urbani. Mercoledì 23 marzo abbiamo illustrato l attività del laboratorio di ceramiche dove operano soggetti con problemi di tossicodipendenza mostrando praticamente il processo lavorativo completo. In seguito abbiamo condotto le signore a visitare il nostro punto vendita di mobili restaurati e di oggetti anni Nei due giorni le componenti la delegazione hanno pranzato sempre in compagnia di nostri operatori che hanno cercato di rendere piacevole il loro soggiorno nella nostra città. Estratti osservazioni Complessivamente il giudizio dei partecipanti sullo scambio è positivo anche se presenta margini di miglioramento. Tra gli aspetti positivi emerge senza dubbio la condivisione degli obiettivi sociali delle cooperative. Il diverso approccio metodologico per favorire l inclusione sociale così come le diverse modalità utilizzate per la valorizzazione territoriale o in campo educativo hanno contribuito ad arricchire le conoscenze di ciascun partecipante. Si potrebbe pensare di preparare lo scambio tra le cooperative partecipanti ed i collaboratori attraverso sessioni interattive propedeutiche all incontro. Potrebbe essere un ottimo modo per risparmiare tempo ma anche per stabilire un contatto diretto e fornire informazioni personali. I partecipanti hanno evidenziato come i tempi molto stretti dello scambio non abbiano permesso di focalizzare ed approfondire aspetti della vita e dell organizzazione delle coop, Tutti hanno dimostrato grande disponibilità ad adeguarsi alle diverse abitudini di vita cercando di coglierne gli aspetti positivi ed arricchendo il proprio bagaglio culturale. Il tempo necessario per instaurare un rapporto con i tutor ospitanti, l adattamento alle diverse abitudini e la loro comprensione ha richiesto una certa concentrazione e non ha lasciato margine per approfondire temi importanti: incontri con il management, l analisi degli aspetti finanziari ed i rapporti con gli stakeholder. Nello specifico dai formulari (pag. 4) risulta Organizzazione interna del lavoro e nei rapporti tra le persone Non sono state rilevate grosse differenze nell organizzazione del lavoro e nelle relazioni interne. Al centro della vita delle cooperative c è il socio. Si lavora per ridurre lo svantaggio sociale a favore del reinserimento che in entrambe le nazioni si traduce in minori costi per la società. Mentre in Svezia questa funzione è riconosciuta e supportata dagli enti locali che vi partecipano direttamente in Italia, pur in presenza di una legislazione avanzata sulla materia, non sempre si riesce a condividere gli obiettivi con l Ente pubblico di riferimento ed i rapporti vengono mantenuti a livello formale. E stato rilevato come gli ambienti di lavoro in Svezia siano, sia per clima che per struttura, molto familiari. Poter essere supportati dagli Enti locali permette forse ritmi di lavoro che consentono una maggiore interazione tra le persone e di prestare attenzione anche ad altri aspetti che non siano solo il raggiungimento del risultato economico. In Italia, pur mantenendo alta l attenzione agli aspetti relazionali interni è necessario coniugare sempre la mission con l economicità dei risultati poiché le cooperative non godono di finanziamenti pubblici a supporto delle attività. 3. Gestione delle relazioni Pubblico/Privato Dal punto di vista educativo ed assistenziale in entrambe le nazioni è previsto il controllo e la supervisione progettuale da parte dell Ente Pubblico. In Svezia l ente pubblico è direttamente impegnato all interno delle cooperative, in Italia le cooperative offrono servizi complementari a quelli offerti dal pubblico e ne sono diretti fornitori. In Svezia l organizzazione dell attività è più flessibile nei confronti delle esigenze familiari ma manca, al di fuori di quello pubblico, l interazione ed il coordinamento tra strutture aziendali mentre in Italia sono le associazioni cooperative (come Legacoop) che si preoccupano di favorire tale processo. 5.Aspetti dell organizzazione finanziaria In Svezia il sostegno finanziario delle cooperative proviene da due fonti: il mercato (lavoro svolto con i clienti) e dai finanziamenti a supporto previsti dagli enti pubblici. In Italia quasi la totalità del sostentamento delle cooperative deriva dal mercato e dalla loro capacità di confrontarsi con esso. Il finanziamento da parte dello stato si limita alla applicazione di qualche sgravio contributivo sui soggetti svantaggiati e, in alcuni casi alla possibilità di avere in affidamento piccoli lavori senza passare dalle gare d appalto(pratica consentita dalla legislazione). Spesso nei cda delle cooperative svedesi siedono amministratori pubblici mentre questo in Italia è vietato dalla Legge per incompatibilità delle cariche. Conclusioni L incontro tra realtà diverse e tra modelli gestionali diversi ha generato nuove aperture e ha proposto nuove domande. Sentire di far parte di una comune famiglia che si ispira all alleanza Cooperativa Internazionale dalla quale discendono i valori e i principi che sono propri della cooperazione in tutto il mondo, ci sollecita a proseguire l esperienza avviata. Riteniamo che sarebbe necessario focalizzare alcuni temi che sono stati toccati ma non sufficientemente approfonditi durante tutta l esperienza di scambio. Abbiamo individuato alcuni focus: La modalità dell inserimento dei soggetti svantaggiati e l apporto dei servizi pubblici durante la presa in carico Il sistema complessivo dell organizzazione del welfare nei due Paesi Livello dei servizi erogati dalle cooperative Modelli di governance nelle Aziende Cooperative Rapporto tra le Cooperative e La Pubblica Amministrazione nei due Paesi. Le cooperative tra Stato e mercato Confronto tra le diverse modalità di finanziamento delle cooperative e rapporti con il sistema bancario Crediamo che esperienze come quella avviata dal progetto possano essere utilizzate dal sistema delle imprese anche come veicolo di promozione territoriale. In particolare per le due cooperative che si occupano di valorizzazione del patrimonio culturale ed enogastronomico il confronto è stato importante poiché ha dato spunti per innovare le proposte da offrire ai soci e ai clienti 10 Citizenship Europa dei cittadini 11

7 COOPERATIVA SOCIALE CABIRIA RINGRAZIAMENTI Citizenship Sern Nicola Catellani Coompanion Svezia Legacoop Parma Provincia Di Parma Comune Di Falköping Comune Di Götene Cooperativa Parmigianino Cooperativa La Giovane tutte le cooperative partecipanti RINGRAZIAMENTI PARTICOLARI: Gun-Britt Mårtensson, Presidente di Coompanion Sverige Giovanni Mora, Presidente di Legacoop Parma 12 Citizenship

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini.

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia Accogliere Una Mamma Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia ha accolto finora più di 70 mamme e 121 bambini.

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE 26 OTTOBRE 2015 RELAZIONE PRESIDENTE ing. Filippo Pontiggia E da poco più di un anno che ricopro la carica di Presidente del Gruppo Giovani, un anno trascorso velocemente, ricco

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA CARTA del VOLONTARIO Le poche note che caratterizzano la Carta del volontario vogliono essere solamente un aiuto a vivere serenamente e con responsabilità il servizio che ognuno di noi liberamente sceglie

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Più valore alla terza età

Più valore alla terza età Più valore alla terza età UNA RISORSA PER LE FAMIGLIE Le Residenze Anni Azzurri sono nate per dare risposte efficaci a un esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l assistenza agli anziani. In

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

JOB ROTATION PICCOLO EXCURSUS STORICO

JOB ROTATION PICCOLO EXCURSUS STORICO JOB ROTATION PICCOLO EXCURSUS STORICO LA JOB ROTATION piccolo excursus storico La Job Rotation, strumento innovativo delle politiche attive del lavoro largamente utilizzato in tutta Europa con risultati

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP DOVE L AZIENDA TROVA IL SUO SERVIZIO GLOBALE Pensate a tutti i servizi che devono essere attivati per assicurare alla vostra

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza scuola/lavoro l alternanza non è uno strumento formativo, ma si configura piuttosto come una metodologia formativa, una vera e propria modalità di apprendere PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

"SosteniAmo il sociale"

SosteniAmo il sociale "SosteniAmo il sociale" I tagli continui al Fondo Nazionale dedicato al sociale e la progressiva riduzione delle risorse pubbliche stanno mettendo a rischio i servizi alla persona. A rischio è il patrimonio

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Un sogno assistenziale trasformato in realtà.

Un sogno assistenziale trasformato in realtà. A.R.G.O. Alzheimer Riabilitazione Gestione Ospitalità Un sogno assistenziale trasformato in realtà. simbolicamente Argo era il fedele cane di Ulisse, che nel tempo, a fronte di ogni lontananza e circostanza

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione.

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Credits foto: Nikolas Kallmorgen Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Corso di formazione di alto livello per professionisti della

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Sviluppare competenze per creare valore

Sviluppare competenze per creare valore Sviluppare competenze per creare valore QUADIR È La Scuola di Alta Formazione Cooperativa INCONTRO Quadir è la Scuola di Alta Formazione Cooperativa di Legacoop. Organizza master, seminari e corsi ed è

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura Un cibo secondo natura ASL TO5 CHIERI Data di avvio e conclusione Avvio il 01/07/2007 conclusione 04/06/2008

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B.

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. Adolescenza e disabilità: una bella avventura è possibile! Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. AIAS Bologna onlus esprime un caloroso

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli