Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative"

Transcript

1 Citizenship Europa dei cittadini Europa dei cittadini 1

2 Come è nato il progetto L idea del progetto nasce da un percorso di collaborazione consolidato tra il Sern (Svezia Emilia Romagna Network) ed alcune cooperative aderenti alle associazioni. A fronte dell opportunità offerta dalla Comunità Europea Legacoop Parma ha entusiasticamente aderito alla proposta del Sern. Introduzione al progetto Lo scopo del programma Europa per i cittadini è quello di avvicinare l Europa ai suoi cittadini per consentire loro di partecipare pienamente alla costruzione dell Europa unita. Attraverso questo programma, i cittadini hanno l opportunità di essere coinvolti in scambi transnazionali e attività di cooperazione, contribuendo a sviluppare un senso di appartenenza ed ideali europei e promuovere il processo d integrazione. Nello specifico dell anno europeo dedicato alla lotta alla povertà e all inclusione sociale, il progetto si pone l obiettivo di superare le discriminazioni e favorire l inserimento lavorativo dei soggetti a rischio di svantaggio sociale. I protagonisti del progetto sono: soci delle cooperative, i gruppi dirigenti delle cooperative, i responsabili delle associazioni di categoria: Rispetto ai partecipanti sono stati individuati alcuni obiettivi che possono essere così riassunti: Miglioramento delle conoscenze e delle competenze Creazione o miglioramento dei contatti tra le organizzazioni della società civile che partecipano al progetto Possibilità di sviluppare un metodo per stimolare l attenzione verso gli aspetti legati all inclusione sociale e pratiche di pari opportunità tra i cittadini Il progetto è strutturato in tre fasi principali: a) Preparazione allo scambio b) Lo scambio c) Presentazione dei risultati e valutazione finale Preparazione per lo scambio In una riunione di coordianamento transnazionale tenutasi nel novembre del 2010 a Parma sono stati predisposti gli strumenti e gli aspetti pratici del programma di lavoro jobshadowing. A questo primo momento hanno partecipato i responsabili delle associazioni a cui fanno riferimento le cooperative. Lo scambio Lo scambio si è svolto durante la prima metà del 2011 ed è consistito in cinque giorni di jobshadowing in ogni paese. Nel corso dello scambio sono stati confrontati la legislazione nazionale ed europea in cui le cooperative operano, le impostazioni organizzative interne delle associazioni e delle cooperative. Le cooperative ospitanti hanno predisposto un tutor ed un accompagnatore per i colleghi ospitati, inserendoli nell attività lavorativa quotidiana. I temi osservati da ognuno sono stati: l organizzazione del lavoro, le relazioni tra le cooperative e i suoi soci, i rapporti con gli stakholder, le buone pratiche applicate all interno delle cooperative, le attività finanziarie ed amministrative. Sui temi individuati, ogni partecipante, ha compilato un modulo d osservazione predisposto 2 Citizenship Europa dei cittadini 3

3 Formulario d osservazione PEAC 201 Focus areas per lo scambio PEAC 1. Organizzazione del lavoro della cooperativa 2. Relazioni tra la cooperativa ed i suoi soci 3. Gestione delle relazioni con gli attori esterni (autorità locali e altri) 4. Pratiche per pari opportunità 5. Aspetti di Gestione finanziaria della cooperativa (Sottolina cortesemente le due principali aree di osservazione scelte) Informazioni generali Nome del partecipante Nome del tutor Nome e sede della cooperativa Periodo del soggiorno Punti d osservazione esaminati: Sintesi della tua esperienza durante lo scambio in riferimento alle due aree scelte La mia riflessione su (focus area 1) Perchè? Cosa? Quando? Come? Dove? Da chi? Cosa ho appreso? Cosa potrò sviluppare a casa? Presentazione dei risultati e valutazioni finali Il processo di valutazione ed i risultati finali sono stati rielaborati sulla base dei formulari compilati e presentati pubblicamente attraverso il sito web, la presente pubblicazione ed il convegno tenutosi a Parma il 26 ottobre Obiettivi Questo tipo di progetto è volto a definire un metodo innovativo per sviluppare nuove metodologie di lavoro e le possibilità di scambio di persone tra le organizzazioni partecipanti. Costituisce probabilmente il modo più efficace per promuovere la cittadinanza attiva e per conoscere un altra cultura, sviluppando allo steso tempo il senso di un contributo diretto al processo di integrazione europea. Gli Attori: Coompanion Agenzia di sviluppo Cooperativo di Skaraborg è una delle 25 unità territoriali di sviluppo cooperativo presenti in ogni regione della Svezia che compongono Coompanion Svezia, con un totale di 150 dipendenti. Fanno parte di Coompanion consulenti aziendali, esperti in materia d imprenditorialità cooperativa. L obiettivo dell associazione è quello di fornire, alle persone che vogliono realizzare idee imprenditoriali, informazioni consulenza e formazione, in base alle loro esigenze individuali. Attiva dal 1990 nella regione di Skaraborg,la governante dell l associazione è costituita da 15 membri (comuni, organizzazioni, cooperative), 3 dipendenti ed è finanziata dall Agenzia svedese per lo sviluppo economico (Tillväxtverket), della regione di Västra Götaland. La missione è quella di stimolare la crescita e lo sviluppo locale aiutando le persone a dar vita ad imprese cooperative. Nel corso degli ultimi 5 anni Coompanion Skaraborg ha contribuito ad avviare 70 nuove imprese cooperative. Legacoop è la più antica organizzazione cooperativa italiana. Fondata nel 1886, promuove lo sviluppo della cooperazione e della mutualità, le relazioni economiche e la solidarietà tra le cooperative aderenti e incoraggia la diffusione dei principi e dei valori cooperativi. Legacoop aderisce all Alleanza Cooperativa Internazionale ICA. Legacoop Emilia Romagna è l articolazione regionale di Legacoop Nazionale e Legacoop Parma è l associazione territoriale responsabile per le cooperative situate nell importante distretto agricolo e industriale di Parma. Legacoop Parma, in linea con la propria missione, ha focalizzato la sua attività per rappresentare le cooperative associate e salvaguardare i loro interessi, per offrire assistenza agli associati attraverso reti di servizi, per sostenere la diffusione dei principi e valori cooperativi, per promuovere progetti volti a rafforzare le reti di solidarietà cooperativa e per stimolare e sostenere la nascita di nuove cooperative. 4 Citizenship Europa dei cittadini 5

4 Cooperative partecipanti: Averla La Cooperativa Averla è una realtà nata nel giugno del 2003, con una base sociale giovane. In questi anni Averla ha avuto uno sviluppo importante all interno della cooperazione sociale di tipo B nei settori dei servizi ambientali, per l inserimento al lavoro di soggetti in situazioni di forte disagio: la percentuale di inserimenti lavorativi è pari a circa il 65% dell intera compagine lavorativa. Ad oggi Averla ha circa 65 dipendenti con un fatturato in costante crescita. Nel maggio di quest anno la Cooperativa, alla fine della ristrutturazione di un immobile acquistato nel 2008, ha fatto nascere una comunità residenziale per minori in difficoltà. Bruk för Alla cooperativa sociale è stata costituita nel 1992 dai Comuni di Falköping e Mullsjö. Lo slogan della cooperativa recita: C è qualcuno con un idea per un nuovo processo produttivo? è l occasione per iniziare, facciamolo! Il benessere è la misura del potere che hai nella tua vita. Il lavoro è il fare qualcosa di cui qualcun altro ha bisogno. Disoccupati sono quelli che sono inattivi. Citiamo alcuni dei processi produttivi: Workshop, lavoro di smontaggio contoterzista, attività di falegnameria, restauro mobili, cura dei cane, salvaguardia ambientale, gestione negozi di seconda mano, sfalcio erba, giardinaggio e in inverno spalatura neve. Attività artigianali (maglia e cucito), e un gruppo di ricerca e documentazione sulle tombe di Falköping. Bruk för Alla accoglie tutte le persone che si trovano al di fuori del mercato del lavoro per qualsiasi motivo. Tutti lavorano secondo le loro capacità. Bruk för Alla significa che c è un lavoro per tutti. Cabiria nasce nel 1990 come cooperativa sociale di inserimento lavorativo di persone svantaggiate. E una struttura che produce merci e servizi all interno di un contesto lavorativo compartecipato, dove la persona, quali che siano le sue condizioni, può trovare un posto adeguato. La mission è di coniugare quotidianamente la strategia aziendale con l etica sociale, cercare di costruire un ambiente lavorativo di crescita comune, garantendo così un doppio prodotto: quello legato alla produzione e quello della crescit a individuale e collettiva delle persone che lavorano in cooperativa, in un percorso di ricostruzione continua di dignità e di diritti. Gli ambiti operativi sono diversi: comunicazione (che è l attività principale), manutenzione aree verdi, raccolta differenziata della carta a domicilio e custodia palestre. Dal dicembre 1999, la Cooperativa ha deciso di impegnarsi anche nella gestione di servizi socio assistenziali, trasformandosi in cooperativa mista (b sub a). Gestisce un appartamento, dove vivono cinque persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale dell AUSL. impresa sociale Götene Företagskooperativ GFK La cooperativa sociale Götene företagskooperativ - GFKoop si è formata a seguito dell iniziativa del Comune di Götene. Il suo scopo è quello di offrire opportunità di lavoro e buone pratiche per le persone che sono svantaggiate nel mercato del lavoro ordinario. GFKoop fu ufficialmente fondata l 11 febbraio 2010 da alcuni operatori del servizio civile comunale e da un gruppo di disoccupati di lunga durata. L originale ed ancora la principale produzione della GFKoop è la realizzazione di case in legno. Le case sono costruite a partire dal legno degli alberi di pino. Il nostro team building è anche in grado di fare altri lavori di costruzione. Stiamo continuamente lavorando sullo sviluppo di nuove aree d attività. Vogliamo avviare un ostello, ma è un progetto ancora da sviluppare. Al fine di offrire alta qualità nella fornitura di lavoro, educhiamo i dipendenti alla responsabilità nei confronti del lavoro e della cooperativa. Kaleido s La cooperativa è stata fondata nel 2003 da un gruppo di donne. Si sviluppa come una moderna organizzazione in grado di rispondere al meglio ad un nuovo mercato dei servizi educativi, collaborando con vari comuni. Kaleido.s Coop ha sviluppato nel territorio di Parma, nel corso degli anni l attenzione per la cura della prima infanzia e la sperimentazione di servizi innovativi. L obiettivo principale della Cooperativa Kaleido.s è quello di fornire servizi educativi flessibili nei tempi e adeguati alle esigenze specifiche dei richiedenti garantendo un servizio di qualità e personale qualificato. Montessoriförskolan Smultronstället La nostra scuola materna, si trova in Lidköping - un piccolo paese vicino al grande lago Vänern in Svezia. Lidköping si trova a circa 160 km da Goteborg ha circa abitanti. Il nostro asilo è organizzato in due sezionii: Smultronet accoglie bambini tra 1-3 anni e e la sezione Äppelbo ospita bambini in età prescolare tra 3-6 anni. Noi lavoriamo applicando la filosofia pedagogica Montessori, mettendo al centro il singolo bambino. Adattando l ambiente ai bambini, dando loro libertà di scegliere le attività. In questo modo cerchiamo di rafforzare la concentrazione e la volontà di imparare a operare liberamente. Questo crea fiducia e aiuta il bambino a svilupparsi e trovare il suo posto nel mondo. La cooperativa è costituita da 9 persone, 6 Citizenship Europa dei cittadini 7

5 Parmigianino Coop con sede a Fontanellato, basa i suoi progetti su una sinergia reale tra cultura e turismo. Una cultura che è impegno a costruire un luogo conosciuto e riconosciuto, emozionante e per questo amato da tutti: non è soltanto conservazione del patrimonio, non è soltanto valorizzazione ed eventi, non è soltanto miglioramento dei servizi, ma è tutto questo insieme, una progettualità ad ampio raggio. Il progetto si basa sull esperienza di gestione di spazi museali che la società ha acquisito nel corso di 25 anni di attività. L amore per un territorio si esprime soprattutto sostenendolo concretamente, dando opportunità di vita e di lavoro ai suoi abitanti. parmigianino.org/ Sirio La cooperativa nasce nel 1986 dalla volontà di un gruppo di persone convinte che il carcere non fosse né uno strumento di rieducazione ne un opportunità di liberazione degli individui mettendosi in campo come impresa sociale dedicata a creare opportunità di lavoro per i detenuti ma anche per altri soggetti provenienti dall area del disagio sociale. Diversi soci provenienti dall area del disagio sono oggi pienamente coinvolti nella direzione della cooperativa. La filosofia della cooperativa è quella dello scambio e della valorizzazione del potenziale di ciascuno. Il lavoro è utilizzato nella sua valenza sociali, per consentire di scegliere fra l assistenzialismo e la dipendenza o la responsabilità e la libertà. Attività: Manutenzione ambientale- pulizie- gestione isole ecologiche raccolta differenziata- manutenzione aree verdi facchinaggio piccoli traslochi sgomberi piccola manutenzione in genere restauro e recupero arredi ed oggettistica del 900 PRO.GES-Parma infanzia PRO.GES ha consolidato perfezionato e ampliato in questi anni la propria attività socio-sanitaria ed educativa rivolta agli anziani, ai bambini, ai minori, ai portatori di handicap e alle persone affette da disagio psichico. Per rispondere efficacemente alle necessità di queste categorie, PRO.GES. si avvale di una forte struttura organizzativa e di una rete di Operatori specializzati. Forte di questa complessità di esperienze PRO.GES è riuscita a creare una rete di rapporti in grado di sollecitare gli interlocutori pubblici a ricercare un livello di collaborazione più stretto e proficuo. Frutto di questa nuova concezione nei rapporti pubblico/privato è ParmaInfanzia S.p.A. una società per azioni a capitale misto pubblico/privato tra Comune di Parma e PRO.GES nata per la gestione e lo sviluppo di servizi rivolti all infanzia. Västgötalandet È costituito da circa 50 membri piccole e grandi imprese nell ambito del turismo e dello spettacolo. La cooperativa ha l obiettivo di sviluppare il mercato del turismo. L attività prevede di commercializzare e sponsorizzare il territorio via web e telefono. La commercializzazione del territorio e delle aziende associate è realizzata sotto il nome di Västgötalandet. Ulteriori obiettivi della cooperativa: Sviluppare il marchio dell associazione attraverso le attività delle reti di aziende associate Analisi dei clienti, ricerche di mercato e di marketing con un focus sul settore dell ospitalità. Sviluppo di prodotti attraenti, confezionamento e vendita di esperienze e attività. Promuovere l aumento dell occupazione e l imprenditorialità com/sv/vastgotalandet/ Racconti Kaleido s: Mercoledi 23 marzo la nostra Cooperativa tramite Legacoop ha ricevuto la visita di tre cooperatrici svedesi che svolgono attività di educatrici, presso una struttura che ospita sia un nido che una scuola dell infanzia gestita interamente da loro. Questa esperienza è stata accolta con grande gioia da parte nostra, pensiamo che abbia arricchito il nostro lavoro quotidiano fornendoci vari spunti di riflessione, non solo sotto l aspetto educativo ma anche per quanto riguarda un profilo di Governance di Cooperativa e di rapporti tra pubblico e privato. Lo scambio con le educatrici si è sviluppato con maggior rilievo sul metodo pedagogico che viene adottato nei nostri servizi, entrambe le cooperative hanno alcuni punti in comune che si ispirano al pensiero Montessoriano. Questi sono i punti sui quali ci siamo confrontate e trovate concordi, mentre una sostanziale differenza l abbiamo trovata nell approccio alle attività organizzate all aria aperta. Nella cultura Svedese il portare i bambini ogni giorno a giocare in spazi esterni qualsiasi condizione climatica sia presente è d obbligo, mentre la nostra tendenza è quella di cercare sempre le condizioni climatiche migliori per l organizzazione di momenti ludici esterni.un punto su cui riflettere e prendere spunto. Il confronto diretto con un modello educativo che porta in sé la ricchezza di punti comuni ma soprattutto di approcci differenti dati da una storia e da una cultura che si distingue dalla nostra, ci ha profondamente toccato ed aperti a nuovi punti di vista. Il poter condividere dei momenti educativi all interno delle nostre strutture, sia con i bimbi che con le educatrici di sezione, ha permesso alle educatrici Svedesi di poter vivere pienamente un esperienza autentica e concreta. Si sono creati momenti magici nei quali Ulrika, Eva ed Elisabeth ( le tre educ. Svedesi) hanno canta- 8 Citizenship Europa dei cittadini 9

6 to canzoncine nella loro lingua madre, ma già conosciute dai nostri bambini in italiano, i quali hanno mostrato grande interesse e partecipazione. E stato entusiasmante poter vedere come i bambini riuscissero a comunicare senza alcuna difficoltà con educatrici che parlavano una lingua differente e come il gioco sia lingua universale. Sirio: illustriamo brevemente l incontro con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con le persone nostre ospiti nel quadro dello scambio culturale previsto dalla comunità europea e promosso da Legacoop Parma e Companion Skaraborg. In dettaglio martedì 22 marzo abbiamo accompagnato le signore della cooperativa Bruk for Alla a visionare praticamente la raccolta della carta e cartone in centro storico accompagnate da dipendenti nostri incaricati. Ciò a reso possibile una descrizione esauriente di come la cooperativa opera sul campo, estendendo le spiegazioni anche alle raccolte differenziate di vetro, plastica e rifiuti urbani. Mercoledì 23 marzo abbiamo illustrato l attività del laboratorio di ceramiche dove operano soggetti con problemi di tossicodipendenza mostrando praticamente il processo lavorativo completo. In seguito abbiamo condotto le signore a visitare il nostro punto vendita di mobili restaurati e di oggetti anni Nei due giorni le componenti la delegazione hanno pranzato sempre in compagnia di nostri operatori che hanno cercato di rendere piacevole il loro soggiorno nella nostra città. Estratti osservazioni Complessivamente il giudizio dei partecipanti sullo scambio è positivo anche se presenta margini di miglioramento. Tra gli aspetti positivi emerge senza dubbio la condivisione degli obiettivi sociali delle cooperative. Il diverso approccio metodologico per favorire l inclusione sociale così come le diverse modalità utilizzate per la valorizzazione territoriale o in campo educativo hanno contribuito ad arricchire le conoscenze di ciascun partecipante. Si potrebbe pensare di preparare lo scambio tra le cooperative partecipanti ed i collaboratori attraverso sessioni interattive propedeutiche all incontro. Potrebbe essere un ottimo modo per risparmiare tempo ma anche per stabilire un contatto diretto e fornire informazioni personali. I partecipanti hanno evidenziato come i tempi molto stretti dello scambio non abbiano permesso di focalizzare ed approfondire aspetti della vita e dell organizzazione delle coop, Tutti hanno dimostrato grande disponibilità ad adeguarsi alle diverse abitudini di vita cercando di coglierne gli aspetti positivi ed arricchendo il proprio bagaglio culturale. Il tempo necessario per instaurare un rapporto con i tutor ospitanti, l adattamento alle diverse abitudini e la loro comprensione ha richiesto una certa concentrazione e non ha lasciato margine per approfondire temi importanti: incontri con il management, l analisi degli aspetti finanziari ed i rapporti con gli stakeholder. Nello specifico dai formulari (pag. 4) risulta Organizzazione interna del lavoro e nei rapporti tra le persone Non sono state rilevate grosse differenze nell organizzazione del lavoro e nelle relazioni interne. Al centro della vita delle cooperative c è il socio. Si lavora per ridurre lo svantaggio sociale a favore del reinserimento che in entrambe le nazioni si traduce in minori costi per la società. Mentre in Svezia questa funzione è riconosciuta e supportata dagli enti locali che vi partecipano direttamente in Italia, pur in presenza di una legislazione avanzata sulla materia, non sempre si riesce a condividere gli obiettivi con l Ente pubblico di riferimento ed i rapporti vengono mantenuti a livello formale. E stato rilevato come gli ambienti di lavoro in Svezia siano, sia per clima che per struttura, molto familiari. Poter essere supportati dagli Enti locali permette forse ritmi di lavoro che consentono una maggiore interazione tra le persone e di prestare attenzione anche ad altri aspetti che non siano solo il raggiungimento del risultato economico. In Italia, pur mantenendo alta l attenzione agli aspetti relazionali interni è necessario coniugare sempre la mission con l economicità dei risultati poiché le cooperative non godono di finanziamenti pubblici a supporto delle attività. 3. Gestione delle relazioni Pubblico/Privato Dal punto di vista educativo ed assistenziale in entrambe le nazioni è previsto il controllo e la supervisione progettuale da parte dell Ente Pubblico. In Svezia l ente pubblico è direttamente impegnato all interno delle cooperative, in Italia le cooperative offrono servizi complementari a quelli offerti dal pubblico e ne sono diretti fornitori. In Svezia l organizzazione dell attività è più flessibile nei confronti delle esigenze familiari ma manca, al di fuori di quello pubblico, l interazione ed il coordinamento tra strutture aziendali mentre in Italia sono le associazioni cooperative (come Legacoop) che si preoccupano di favorire tale processo. 5.Aspetti dell organizzazione finanziaria In Svezia il sostegno finanziario delle cooperative proviene da due fonti: il mercato (lavoro svolto con i clienti) e dai finanziamenti a supporto previsti dagli enti pubblici. In Italia quasi la totalità del sostentamento delle cooperative deriva dal mercato e dalla loro capacità di confrontarsi con esso. Il finanziamento da parte dello stato si limita alla applicazione di qualche sgravio contributivo sui soggetti svantaggiati e, in alcuni casi alla possibilità di avere in affidamento piccoli lavori senza passare dalle gare d appalto(pratica consentita dalla legislazione). Spesso nei cda delle cooperative svedesi siedono amministratori pubblici mentre questo in Italia è vietato dalla Legge per incompatibilità delle cariche. Conclusioni L incontro tra realtà diverse e tra modelli gestionali diversi ha generato nuove aperture e ha proposto nuove domande. Sentire di far parte di una comune famiglia che si ispira all alleanza Cooperativa Internazionale dalla quale discendono i valori e i principi che sono propri della cooperazione in tutto il mondo, ci sollecita a proseguire l esperienza avviata. Riteniamo che sarebbe necessario focalizzare alcuni temi che sono stati toccati ma non sufficientemente approfonditi durante tutta l esperienza di scambio. Abbiamo individuato alcuni focus: La modalità dell inserimento dei soggetti svantaggiati e l apporto dei servizi pubblici durante la presa in carico Il sistema complessivo dell organizzazione del welfare nei due Paesi Livello dei servizi erogati dalle cooperative Modelli di governance nelle Aziende Cooperative Rapporto tra le Cooperative e La Pubblica Amministrazione nei due Paesi. Le cooperative tra Stato e mercato Confronto tra le diverse modalità di finanziamento delle cooperative e rapporti con il sistema bancario Crediamo che esperienze come quella avviata dal progetto possano essere utilizzate dal sistema delle imprese anche come veicolo di promozione territoriale. In particolare per le due cooperative che si occupano di valorizzazione del patrimonio culturale ed enogastronomico il confronto è stato importante poiché ha dato spunti per innovare le proposte da offrire ai soci e ai clienti 10 Citizenship Europa dei cittadini 11

7 COOPERATIVA SOCIALE CABIRIA RINGRAZIAMENTI Citizenship Sern Nicola Catellani Coompanion Svezia Legacoop Parma Provincia Di Parma Comune Di Falköping Comune Di Götene Cooperativa Parmigianino Cooperativa La Giovane tutte le cooperative partecipanti RINGRAZIAMENTI PARTICOLARI: Gun-Britt Mårtensson, Presidente di Coompanion Sverige Giovanni Mora, Presidente di Legacoop Parma 12 Citizenship

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Patto per Ferrara Un progetto di cittadinanza sociale delle imprese

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli