Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Citizenship EACEA. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative. Europa dei cittadini Scambio di esperienze tra cooperative"

Transcript

1 Citizenship Europa dei cittadini Europa dei cittadini 1

2 Come è nato il progetto L idea del progetto nasce da un percorso di collaborazione consolidato tra il Sern (Svezia Emilia Romagna Network) ed alcune cooperative aderenti alle associazioni. A fronte dell opportunità offerta dalla Comunità Europea Legacoop Parma ha entusiasticamente aderito alla proposta del Sern. Introduzione al progetto Lo scopo del programma Europa per i cittadini è quello di avvicinare l Europa ai suoi cittadini per consentire loro di partecipare pienamente alla costruzione dell Europa unita. Attraverso questo programma, i cittadini hanno l opportunità di essere coinvolti in scambi transnazionali e attività di cooperazione, contribuendo a sviluppare un senso di appartenenza ed ideali europei e promuovere il processo d integrazione. Nello specifico dell anno europeo dedicato alla lotta alla povertà e all inclusione sociale, il progetto si pone l obiettivo di superare le discriminazioni e favorire l inserimento lavorativo dei soggetti a rischio di svantaggio sociale. I protagonisti del progetto sono: soci delle cooperative, i gruppi dirigenti delle cooperative, i responsabili delle associazioni di categoria: Rispetto ai partecipanti sono stati individuati alcuni obiettivi che possono essere così riassunti: Miglioramento delle conoscenze e delle competenze Creazione o miglioramento dei contatti tra le organizzazioni della società civile che partecipano al progetto Possibilità di sviluppare un metodo per stimolare l attenzione verso gli aspetti legati all inclusione sociale e pratiche di pari opportunità tra i cittadini Il progetto è strutturato in tre fasi principali: a) Preparazione allo scambio b) Lo scambio c) Presentazione dei risultati e valutazione finale Preparazione per lo scambio In una riunione di coordianamento transnazionale tenutasi nel novembre del 2010 a Parma sono stati predisposti gli strumenti e gli aspetti pratici del programma di lavoro jobshadowing. A questo primo momento hanno partecipato i responsabili delle associazioni a cui fanno riferimento le cooperative. Lo scambio Lo scambio si è svolto durante la prima metà del 2011 ed è consistito in cinque giorni di jobshadowing in ogni paese. Nel corso dello scambio sono stati confrontati la legislazione nazionale ed europea in cui le cooperative operano, le impostazioni organizzative interne delle associazioni e delle cooperative. Le cooperative ospitanti hanno predisposto un tutor ed un accompagnatore per i colleghi ospitati, inserendoli nell attività lavorativa quotidiana. I temi osservati da ognuno sono stati: l organizzazione del lavoro, le relazioni tra le cooperative e i suoi soci, i rapporti con gli stakholder, le buone pratiche applicate all interno delle cooperative, le attività finanziarie ed amministrative. Sui temi individuati, ogni partecipante, ha compilato un modulo d osservazione predisposto 2 Citizenship Europa dei cittadini 3

3 Formulario d osservazione PEAC 201 Focus areas per lo scambio PEAC 1. Organizzazione del lavoro della cooperativa 2. Relazioni tra la cooperativa ed i suoi soci 3. Gestione delle relazioni con gli attori esterni (autorità locali e altri) 4. Pratiche per pari opportunità 5. Aspetti di Gestione finanziaria della cooperativa (Sottolina cortesemente le due principali aree di osservazione scelte) Informazioni generali Nome del partecipante Nome del tutor Nome e sede della cooperativa Periodo del soggiorno Punti d osservazione esaminati: Sintesi della tua esperienza durante lo scambio in riferimento alle due aree scelte La mia riflessione su (focus area 1) Perchè? Cosa? Quando? Come? Dove? Da chi? Cosa ho appreso? Cosa potrò sviluppare a casa? Presentazione dei risultati e valutazioni finali Il processo di valutazione ed i risultati finali sono stati rielaborati sulla base dei formulari compilati e presentati pubblicamente attraverso il sito web, la presente pubblicazione ed il convegno tenutosi a Parma il 26 ottobre Obiettivi Questo tipo di progetto è volto a definire un metodo innovativo per sviluppare nuove metodologie di lavoro e le possibilità di scambio di persone tra le organizzazioni partecipanti. Costituisce probabilmente il modo più efficace per promuovere la cittadinanza attiva e per conoscere un altra cultura, sviluppando allo steso tempo il senso di un contributo diretto al processo di integrazione europea. Gli Attori: Coompanion Agenzia di sviluppo Cooperativo di Skaraborg è una delle 25 unità territoriali di sviluppo cooperativo presenti in ogni regione della Svezia che compongono Coompanion Svezia, con un totale di 150 dipendenti. Fanno parte di Coompanion consulenti aziendali, esperti in materia d imprenditorialità cooperativa. L obiettivo dell associazione è quello di fornire, alle persone che vogliono realizzare idee imprenditoriali, informazioni consulenza e formazione, in base alle loro esigenze individuali. Attiva dal 1990 nella regione di Skaraborg,la governante dell l associazione è costituita da 15 membri (comuni, organizzazioni, cooperative), 3 dipendenti ed è finanziata dall Agenzia svedese per lo sviluppo economico (Tillväxtverket), della regione di Västra Götaland. La missione è quella di stimolare la crescita e lo sviluppo locale aiutando le persone a dar vita ad imprese cooperative. Nel corso degli ultimi 5 anni Coompanion Skaraborg ha contribuito ad avviare 70 nuove imprese cooperative. Legacoop è la più antica organizzazione cooperativa italiana. Fondata nel 1886, promuove lo sviluppo della cooperazione e della mutualità, le relazioni economiche e la solidarietà tra le cooperative aderenti e incoraggia la diffusione dei principi e dei valori cooperativi. Legacoop aderisce all Alleanza Cooperativa Internazionale ICA. Legacoop Emilia Romagna è l articolazione regionale di Legacoop Nazionale e Legacoop Parma è l associazione territoriale responsabile per le cooperative situate nell importante distretto agricolo e industriale di Parma. Legacoop Parma, in linea con la propria missione, ha focalizzato la sua attività per rappresentare le cooperative associate e salvaguardare i loro interessi, per offrire assistenza agli associati attraverso reti di servizi, per sostenere la diffusione dei principi e valori cooperativi, per promuovere progetti volti a rafforzare le reti di solidarietà cooperativa e per stimolare e sostenere la nascita di nuove cooperative. 4 Citizenship Europa dei cittadini 5

4 Cooperative partecipanti: Averla La Cooperativa Averla è una realtà nata nel giugno del 2003, con una base sociale giovane. In questi anni Averla ha avuto uno sviluppo importante all interno della cooperazione sociale di tipo B nei settori dei servizi ambientali, per l inserimento al lavoro di soggetti in situazioni di forte disagio: la percentuale di inserimenti lavorativi è pari a circa il 65% dell intera compagine lavorativa. Ad oggi Averla ha circa 65 dipendenti con un fatturato in costante crescita. Nel maggio di quest anno la Cooperativa, alla fine della ristrutturazione di un immobile acquistato nel 2008, ha fatto nascere una comunità residenziale per minori in difficoltà. Bruk för Alla cooperativa sociale è stata costituita nel 1992 dai Comuni di Falköping e Mullsjö. Lo slogan della cooperativa recita: C è qualcuno con un idea per un nuovo processo produttivo? è l occasione per iniziare, facciamolo! Il benessere è la misura del potere che hai nella tua vita. Il lavoro è il fare qualcosa di cui qualcun altro ha bisogno. Disoccupati sono quelli che sono inattivi. Citiamo alcuni dei processi produttivi: Workshop, lavoro di smontaggio contoterzista, attività di falegnameria, restauro mobili, cura dei cane, salvaguardia ambientale, gestione negozi di seconda mano, sfalcio erba, giardinaggio e in inverno spalatura neve. Attività artigianali (maglia e cucito), e un gruppo di ricerca e documentazione sulle tombe di Falköping. Bruk för Alla accoglie tutte le persone che si trovano al di fuori del mercato del lavoro per qualsiasi motivo. Tutti lavorano secondo le loro capacità. Bruk för Alla significa che c è un lavoro per tutti. Cabiria nasce nel 1990 come cooperativa sociale di inserimento lavorativo di persone svantaggiate. E una struttura che produce merci e servizi all interno di un contesto lavorativo compartecipato, dove la persona, quali che siano le sue condizioni, può trovare un posto adeguato. La mission è di coniugare quotidianamente la strategia aziendale con l etica sociale, cercare di costruire un ambiente lavorativo di crescita comune, garantendo così un doppio prodotto: quello legato alla produzione e quello della crescit a individuale e collettiva delle persone che lavorano in cooperativa, in un percorso di ricostruzione continua di dignità e di diritti. Gli ambiti operativi sono diversi: comunicazione (che è l attività principale), manutenzione aree verdi, raccolta differenziata della carta a domicilio e custodia palestre. Dal dicembre 1999, la Cooperativa ha deciso di impegnarsi anche nella gestione di servizi socio assistenziali, trasformandosi in cooperativa mista (b sub a). Gestisce un appartamento, dove vivono cinque persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale dell AUSL. impresa sociale Götene Företagskooperativ GFK La cooperativa sociale Götene företagskooperativ - GFKoop si è formata a seguito dell iniziativa del Comune di Götene. Il suo scopo è quello di offrire opportunità di lavoro e buone pratiche per le persone che sono svantaggiate nel mercato del lavoro ordinario. GFKoop fu ufficialmente fondata l 11 febbraio 2010 da alcuni operatori del servizio civile comunale e da un gruppo di disoccupati di lunga durata. L originale ed ancora la principale produzione della GFKoop è la realizzazione di case in legno. Le case sono costruite a partire dal legno degli alberi di pino. Il nostro team building è anche in grado di fare altri lavori di costruzione. Stiamo continuamente lavorando sullo sviluppo di nuove aree d attività. Vogliamo avviare un ostello, ma è un progetto ancora da sviluppare. Al fine di offrire alta qualità nella fornitura di lavoro, educhiamo i dipendenti alla responsabilità nei confronti del lavoro e della cooperativa. Kaleido s La cooperativa è stata fondata nel 2003 da un gruppo di donne. Si sviluppa come una moderna organizzazione in grado di rispondere al meglio ad un nuovo mercato dei servizi educativi, collaborando con vari comuni. Kaleido.s Coop ha sviluppato nel territorio di Parma, nel corso degli anni l attenzione per la cura della prima infanzia e la sperimentazione di servizi innovativi. L obiettivo principale della Cooperativa Kaleido.s è quello di fornire servizi educativi flessibili nei tempi e adeguati alle esigenze specifiche dei richiedenti garantendo un servizio di qualità e personale qualificato. Montessoriförskolan Smultronstället La nostra scuola materna, si trova in Lidköping - un piccolo paese vicino al grande lago Vänern in Svezia. Lidköping si trova a circa 160 km da Goteborg ha circa abitanti. Il nostro asilo è organizzato in due sezionii: Smultronet accoglie bambini tra 1-3 anni e e la sezione Äppelbo ospita bambini in età prescolare tra 3-6 anni. Noi lavoriamo applicando la filosofia pedagogica Montessori, mettendo al centro il singolo bambino. Adattando l ambiente ai bambini, dando loro libertà di scegliere le attività. In questo modo cerchiamo di rafforzare la concentrazione e la volontà di imparare a operare liberamente. Questo crea fiducia e aiuta il bambino a svilupparsi e trovare il suo posto nel mondo. La cooperativa è costituita da 9 persone, 6 Citizenship Europa dei cittadini 7

5 Parmigianino Coop con sede a Fontanellato, basa i suoi progetti su una sinergia reale tra cultura e turismo. Una cultura che è impegno a costruire un luogo conosciuto e riconosciuto, emozionante e per questo amato da tutti: non è soltanto conservazione del patrimonio, non è soltanto valorizzazione ed eventi, non è soltanto miglioramento dei servizi, ma è tutto questo insieme, una progettualità ad ampio raggio. Il progetto si basa sull esperienza di gestione di spazi museali che la società ha acquisito nel corso di 25 anni di attività. L amore per un territorio si esprime soprattutto sostenendolo concretamente, dando opportunità di vita e di lavoro ai suoi abitanti. parmigianino.org/ Sirio La cooperativa nasce nel 1986 dalla volontà di un gruppo di persone convinte che il carcere non fosse né uno strumento di rieducazione ne un opportunità di liberazione degli individui mettendosi in campo come impresa sociale dedicata a creare opportunità di lavoro per i detenuti ma anche per altri soggetti provenienti dall area del disagio sociale. Diversi soci provenienti dall area del disagio sono oggi pienamente coinvolti nella direzione della cooperativa. La filosofia della cooperativa è quella dello scambio e della valorizzazione del potenziale di ciascuno. Il lavoro è utilizzato nella sua valenza sociali, per consentire di scegliere fra l assistenzialismo e la dipendenza o la responsabilità e la libertà. Attività: Manutenzione ambientale- pulizie- gestione isole ecologiche raccolta differenziata- manutenzione aree verdi facchinaggio piccoli traslochi sgomberi piccola manutenzione in genere restauro e recupero arredi ed oggettistica del 900 PRO.GES-Parma infanzia PRO.GES ha consolidato perfezionato e ampliato in questi anni la propria attività socio-sanitaria ed educativa rivolta agli anziani, ai bambini, ai minori, ai portatori di handicap e alle persone affette da disagio psichico. Per rispondere efficacemente alle necessità di queste categorie, PRO.GES. si avvale di una forte struttura organizzativa e di una rete di Operatori specializzati. Forte di questa complessità di esperienze PRO.GES è riuscita a creare una rete di rapporti in grado di sollecitare gli interlocutori pubblici a ricercare un livello di collaborazione più stretto e proficuo. Frutto di questa nuova concezione nei rapporti pubblico/privato è ParmaInfanzia S.p.A. una società per azioni a capitale misto pubblico/privato tra Comune di Parma e PRO.GES nata per la gestione e lo sviluppo di servizi rivolti all infanzia. Västgötalandet È costituito da circa 50 membri piccole e grandi imprese nell ambito del turismo e dello spettacolo. La cooperativa ha l obiettivo di sviluppare il mercato del turismo. L attività prevede di commercializzare e sponsorizzare il territorio via web e telefono. La commercializzazione del territorio e delle aziende associate è realizzata sotto il nome di Västgötalandet. Ulteriori obiettivi della cooperativa: Sviluppare il marchio dell associazione attraverso le attività delle reti di aziende associate Analisi dei clienti, ricerche di mercato e di marketing con un focus sul settore dell ospitalità. Sviluppo di prodotti attraenti, confezionamento e vendita di esperienze e attività. Promuovere l aumento dell occupazione e l imprenditorialità com/sv/vastgotalandet/ Racconti Kaleido s: Mercoledi 23 marzo la nostra Cooperativa tramite Legacoop ha ricevuto la visita di tre cooperatrici svedesi che svolgono attività di educatrici, presso una struttura che ospita sia un nido che una scuola dell infanzia gestita interamente da loro. Questa esperienza è stata accolta con grande gioia da parte nostra, pensiamo che abbia arricchito il nostro lavoro quotidiano fornendoci vari spunti di riflessione, non solo sotto l aspetto educativo ma anche per quanto riguarda un profilo di Governance di Cooperativa e di rapporti tra pubblico e privato. Lo scambio con le educatrici si è sviluppato con maggior rilievo sul metodo pedagogico che viene adottato nei nostri servizi, entrambe le cooperative hanno alcuni punti in comune che si ispirano al pensiero Montessoriano. Questi sono i punti sui quali ci siamo confrontate e trovate concordi, mentre una sostanziale differenza l abbiamo trovata nell approccio alle attività organizzate all aria aperta. Nella cultura Svedese il portare i bambini ogni giorno a giocare in spazi esterni qualsiasi condizione climatica sia presente è d obbligo, mentre la nostra tendenza è quella di cercare sempre le condizioni climatiche migliori per l organizzazione di momenti ludici esterni.un punto su cui riflettere e prendere spunto. Il confronto diretto con un modello educativo che porta in sé la ricchezza di punti comuni ma soprattutto di approcci differenti dati da una storia e da una cultura che si distingue dalla nostra, ci ha profondamente toccato ed aperti a nuovi punti di vista. Il poter condividere dei momenti educativi all interno delle nostre strutture, sia con i bimbi che con le educatrici di sezione, ha permesso alle educatrici Svedesi di poter vivere pienamente un esperienza autentica e concreta. Si sono creati momenti magici nei quali Ulrika, Eva ed Elisabeth ( le tre educ. Svedesi) hanno canta- 8 Citizenship Europa dei cittadini 9

6 to canzoncine nella loro lingua madre, ma già conosciute dai nostri bambini in italiano, i quali hanno mostrato grande interesse e partecipazione. E stato entusiasmante poter vedere come i bambini riuscissero a comunicare senza alcuna difficoltà con educatrici che parlavano una lingua differente e come il gioco sia lingua universale. Sirio: illustriamo brevemente l incontro con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con la delegazione svedese e segnatamente il percorso attuato con le persone nostre ospiti nel quadro dello scambio culturale previsto dalla comunità europea e promosso da Legacoop Parma e Companion Skaraborg. In dettaglio martedì 22 marzo abbiamo accompagnato le signore della cooperativa Bruk for Alla a visionare praticamente la raccolta della carta e cartone in centro storico accompagnate da dipendenti nostri incaricati. Ciò a reso possibile una descrizione esauriente di come la cooperativa opera sul campo, estendendo le spiegazioni anche alle raccolte differenziate di vetro, plastica e rifiuti urbani. Mercoledì 23 marzo abbiamo illustrato l attività del laboratorio di ceramiche dove operano soggetti con problemi di tossicodipendenza mostrando praticamente il processo lavorativo completo. In seguito abbiamo condotto le signore a visitare il nostro punto vendita di mobili restaurati e di oggetti anni Nei due giorni le componenti la delegazione hanno pranzato sempre in compagnia di nostri operatori che hanno cercato di rendere piacevole il loro soggiorno nella nostra città. Estratti osservazioni Complessivamente il giudizio dei partecipanti sullo scambio è positivo anche se presenta margini di miglioramento. Tra gli aspetti positivi emerge senza dubbio la condivisione degli obiettivi sociali delle cooperative. Il diverso approccio metodologico per favorire l inclusione sociale così come le diverse modalità utilizzate per la valorizzazione territoriale o in campo educativo hanno contribuito ad arricchire le conoscenze di ciascun partecipante. Si potrebbe pensare di preparare lo scambio tra le cooperative partecipanti ed i collaboratori attraverso sessioni interattive propedeutiche all incontro. Potrebbe essere un ottimo modo per risparmiare tempo ma anche per stabilire un contatto diretto e fornire informazioni personali. I partecipanti hanno evidenziato come i tempi molto stretti dello scambio non abbiano permesso di focalizzare ed approfondire aspetti della vita e dell organizzazione delle coop, Tutti hanno dimostrato grande disponibilità ad adeguarsi alle diverse abitudini di vita cercando di coglierne gli aspetti positivi ed arricchendo il proprio bagaglio culturale. Il tempo necessario per instaurare un rapporto con i tutor ospitanti, l adattamento alle diverse abitudini e la loro comprensione ha richiesto una certa concentrazione e non ha lasciato margine per approfondire temi importanti: incontri con il management, l analisi degli aspetti finanziari ed i rapporti con gli stakeholder. Nello specifico dai formulari (pag. 4) risulta Organizzazione interna del lavoro e nei rapporti tra le persone Non sono state rilevate grosse differenze nell organizzazione del lavoro e nelle relazioni interne. Al centro della vita delle cooperative c è il socio. Si lavora per ridurre lo svantaggio sociale a favore del reinserimento che in entrambe le nazioni si traduce in minori costi per la società. Mentre in Svezia questa funzione è riconosciuta e supportata dagli enti locali che vi partecipano direttamente in Italia, pur in presenza di una legislazione avanzata sulla materia, non sempre si riesce a condividere gli obiettivi con l Ente pubblico di riferimento ed i rapporti vengono mantenuti a livello formale. E stato rilevato come gli ambienti di lavoro in Svezia siano, sia per clima che per struttura, molto familiari. Poter essere supportati dagli Enti locali permette forse ritmi di lavoro che consentono una maggiore interazione tra le persone e di prestare attenzione anche ad altri aspetti che non siano solo il raggiungimento del risultato economico. In Italia, pur mantenendo alta l attenzione agli aspetti relazionali interni è necessario coniugare sempre la mission con l economicità dei risultati poiché le cooperative non godono di finanziamenti pubblici a supporto delle attività. 3. Gestione delle relazioni Pubblico/Privato Dal punto di vista educativo ed assistenziale in entrambe le nazioni è previsto il controllo e la supervisione progettuale da parte dell Ente Pubblico. In Svezia l ente pubblico è direttamente impegnato all interno delle cooperative, in Italia le cooperative offrono servizi complementari a quelli offerti dal pubblico e ne sono diretti fornitori. In Svezia l organizzazione dell attività è più flessibile nei confronti delle esigenze familiari ma manca, al di fuori di quello pubblico, l interazione ed il coordinamento tra strutture aziendali mentre in Italia sono le associazioni cooperative (come Legacoop) che si preoccupano di favorire tale processo. 5.Aspetti dell organizzazione finanziaria In Svezia il sostegno finanziario delle cooperative proviene da due fonti: il mercato (lavoro svolto con i clienti) e dai finanziamenti a supporto previsti dagli enti pubblici. In Italia quasi la totalità del sostentamento delle cooperative deriva dal mercato e dalla loro capacità di confrontarsi con esso. Il finanziamento da parte dello stato si limita alla applicazione di qualche sgravio contributivo sui soggetti svantaggiati e, in alcuni casi alla possibilità di avere in affidamento piccoli lavori senza passare dalle gare d appalto(pratica consentita dalla legislazione). Spesso nei cda delle cooperative svedesi siedono amministratori pubblici mentre questo in Italia è vietato dalla Legge per incompatibilità delle cariche. Conclusioni L incontro tra realtà diverse e tra modelli gestionali diversi ha generato nuove aperture e ha proposto nuove domande. Sentire di far parte di una comune famiglia che si ispira all alleanza Cooperativa Internazionale dalla quale discendono i valori e i principi che sono propri della cooperazione in tutto il mondo, ci sollecita a proseguire l esperienza avviata. Riteniamo che sarebbe necessario focalizzare alcuni temi che sono stati toccati ma non sufficientemente approfonditi durante tutta l esperienza di scambio. Abbiamo individuato alcuni focus: La modalità dell inserimento dei soggetti svantaggiati e l apporto dei servizi pubblici durante la presa in carico Il sistema complessivo dell organizzazione del welfare nei due Paesi Livello dei servizi erogati dalle cooperative Modelli di governance nelle Aziende Cooperative Rapporto tra le Cooperative e La Pubblica Amministrazione nei due Paesi. Le cooperative tra Stato e mercato Confronto tra le diverse modalità di finanziamento delle cooperative e rapporti con il sistema bancario Crediamo che esperienze come quella avviata dal progetto possano essere utilizzate dal sistema delle imprese anche come veicolo di promozione territoriale. In particolare per le due cooperative che si occupano di valorizzazione del patrimonio culturale ed enogastronomico il confronto è stato importante poiché ha dato spunti per innovare le proposte da offrire ai soci e ai clienti 10 Citizenship Europa dei cittadini 11

7 COOPERATIVA SOCIALE CABIRIA RINGRAZIAMENTI Citizenship Sern Nicola Catellani Coompanion Svezia Legacoop Parma Provincia Di Parma Comune Di Falköping Comune Di Götene Cooperativa Parmigianino Cooperativa La Giovane tutte le cooperative partecipanti RINGRAZIAMENTI PARTICOLARI: Gun-Britt Mårtensson, Presidente di Coompanion Sverige Giovanni Mora, Presidente di Legacoop Parma 12 Citizenship

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione Il progetto Asili nidi familiari di Confartigianato presentazione di Michela Sclausero Castions di Strada, 10 gennaio 2011 Presentazione Questo progetto ha il fine di promuovere la creazione di servizi

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI ISCRITTA NEL REGISTRO REGIONALE DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTITO PRESSO IL SERVIZIO SISTEMA INTEGRATO SERVIZI SOCIALI CON

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA Le Acli di Padova hanno una rete di 22 associazioni di famiglie che promuovono servizi per l infanzia e la famiglia.

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Cooperativa CO.S.S.A.G.I.

Cooperativa CO.S.S.A.G.I. CARTA DEI SERVIZI Cooperativa CO.S.S.A.G.I. Aggiornata con CdA del 31/10/2014 Cooperativa Sociale CO.S.S.A.G.I. Onlus sede legale e amministrativa Corso Italia n. 22 09092 Arborea (Or) e-mail coop.soc.cossagi@tiscali.it

Dettagli

Duemilauno Agenzia Sociale. Guida. al lavoro in Cooperativa

Duemilauno Agenzia Sociale. Guida. al lavoro in Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale Guida al lavoro in Cooperativa Duemilauno Agenzia Sociale Come orientarsi al lavoro nei servizi gestiti dalla Cooperativa Informazioni Generali [pag.3] I servizi che gestiamo

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche di mercato e sondaggi d opinione, ceduta a una neo costituita

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011 ASILO AZIENDALE BPM Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl Milano, 25 gennaio 2011 BREVE STORIA L asilo nido Il giardino di Bez nasce per volontà del consiglio di amministrazione della Banca

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 Incontro di avvio della programmazione 2015 Obiettivo dell'incontro Un incontro in plenaria per capire a che punto del percorso siamo,

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

CODICE ETICO CSS IL SORRISO

CODICE ETICO CSS IL SORRISO CODICE ETICO PREMESSA La Comunità Socio sanitaria Il Sorriso è una struttura residenziale, che accoglie persone disabili, impossibilitate a restare nel proprio nucleo familiare o prive dello stesso, fornendo

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001...

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... Febbraio 2015 Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... 4 ORGANIGRAMMA... 5 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 DESTINATARI... 6 STRUTTURE E I RIFERIMENTI...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese -

S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - S.I.I.L. : Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo - Un servizio ai lavoratori e alle imprese - CHE COS E IL SIIL Il SIIL, Sostegno Integrato Inserimento Lavorativo, è un servizio organizzato, dal 1998,

Dettagli

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi Bilancio di missione 2013 Cooperativa Sociale G. Fanin sintesi Bilancio 2013 Missione La Cooperativa Sociale G. Fanin opera senza finalità di lucro per la promozione della persona e della famiglia nella

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio

Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio Sede Legale : Via Zucchi, 22/B - 20900 Monza Segreteria Operativa: Via Montecassino, 8-20900 Monza info@novomillennio.it - www.novomillennio.it

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente.

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. PREMESSA A seguito del progetto di educazione ambientale promosso da Aprica

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Che emozione in fattoria! Tema: EDUCAZIONE AMBIENTALE-EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI Età: ASILI NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA Periodo: Marzo-Giugno; Settembre-Ottobre Costo,

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 IL SERVIZIO DEI VOLONTARI IN HOSPICE LINEE GUIDA XX Convegno Federavo Montesilvano Marina 22/24 maggio 2014 Agata Danza Non abbiate

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 02 EDIZIONE 2008/2009 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli

RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ

RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ La cooperativa MILLE SOLI nasce nel 2003 da un gruppo di persone già impegnate da anni nel volontariato e nella cooperazione. L operato della cooperativa, in collaborazione con

Dettagli

ESTRATTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ESTRATTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ESTRATTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA. SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini.

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia Accogliere Una Mamma Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia ha accolto finora più di 70 mamme e 121 bambini.

Dettagli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Percorso di integrazione scolastica del soggetto disabile Associazione Ring 14 2011 Indice Breve profilo dell Associazione Introduzione e contesto

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

- CARTA DEI SERVIZI. -

- CARTA DEI SERVIZI. - - CARTA DEI SERVIZI. - PRESENTAZIONE, PRINCIPI FONDAMENTALI E FINALITÀ. SEDE LEGALE ED OPERATIVA. PRINCIPI FONDAMENTALI. L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI. IL PERSONALE. AMBIENTE DI LAVORO.

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006:

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006: DIVERSAMENTE ABILI L inserimento del disabile è un indice di misura della nostra civiltà, segnala quanta accoglienza sociale il singolo cittadino può aspettarsi, quando si riduce il suo indice di normalità.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.)

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) e CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO (da ora in avanti C.S.V. ) Protocollo d intesa

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

progetto pedagogico sezione primavera

progetto pedagogico sezione primavera progetto pedagogico sezione primavera INDICE Premessa pag. 3 Riferimenti normativi pag. 3 Proge tto pedagogico e Progetto educativo pag. 4 Riferimenti pedagogici pag. 4 L idea di bambino e le finalità

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA 5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA Una tazza di caffè, the e qualche dolcetto renderanno il clima meno formale e più cordiale in qualsiasi situazione in cui un gruppo di persone si incontra. L atmosfera

Dettagli

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Tutto questo si traduce in : È lo sfondo in cui la scuola accompagna l alunno alla scoperta di se stesso, degli altri, nello spazio e nel tempo attività

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali PREMESSA La scelta di redigere il presente documento nasce dalla volontà di far conoscere l ambito di attività del Consorzio Regionale

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Studio strategico Malcantone Ovest

Studio strategico Malcantone Ovest Studio strategico Malcantone Ovest Dal presente al futuro in un ottica strategica Risultati della serata pubblica e pianificazione della fase II Redazione Andrea Huber Docente-ricercatore Centro competenze

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO IL RITROVO Lecco - Pescarenico Via Corti, 20 Tel. / Fax 0341 363601 0341 373216 e-mail - ass.ritrovo@tiscalinet.it Soc. coop. sociale Il Ritrovo Onlus www.nidoilritrovo.it

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa

CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa FONCOOP AVVISO 32 STANDARD FONDO DI ROTAZIONE CONNESSIONI 3.0: l inclusione sociale come metodologia sociale e organizzativa CONTESTO Connessioni è un progetto avviato da più di tre anni E stato e continuerà

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli