FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE. A cura di Francesco Corona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE. A cura di Francesco Corona"

Transcript

1 FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE A cura di Francesco Corona

2 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence, Roma LIMITAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ Le opinioni espresse nel presente documento, rilasciato a scopo informativo, sono di responsabilità esclusiva dell autore e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence. La riproduzione e la traduzione degli elaborati sono autorizzate, salvo che per fini commerciali, con menzione della fonte, previa notifica all Istituto e con invio di una copia a quest'ultimo.

3 Sommario PREFAZIONE...4 I FATTORI PREDOMINANTI DELLA CRISI: GLI ERRORI DELLE AGENZIE DI RATING...4 LA NUOVA RICETTA DELLA BCE... 5 INDICI DI VALUTAZIONE E TRACCIABILITÀ TRANSNAZIONALE DEI FLUSSI... 7 I SIMULATORI DI RAPIDA VALUTAZIONE FINANZIARIA DEI FLUSSI... 7 POSTFAZIONE... 8 BIBLIOGRAFIA CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

4 PREFAZIONE Nell'era della stagnazione secolare così come definita da Lawrence Summers, ex Segretario al Tesoro della Casa Bianca, caratterizzata da tassi di interesse bassi, crescita stagnante o poco più, demografia calante e quindi debiti pubblici insormontabili a carico degli Stati, occorre mostrare al più presto un "Remarkable Enthusiasm" (definito con l indice RE). Ciò al fine di trasmettere un impulso a una nuova dinamica nel mercato finanziario internazionale e quindi dare attenzione alle istituzioni globali in un mercato globale. Quello che è successo recentemente, con lo strappo italiano alla camicia di forza della UE per il pareggio di bilancio, può rappresentare un inversione di tendenza con il coinvolgimento diretto della BCE in una politica monetaria di impronta tipicamente anglosassone e consistente nel "Quantitative Easing"(QE), cioè un allentamento monetario già sperimentato con successo dalla FED nei confronti degli Stati Uniti, definiti al quanto pragmatici dagli addetti ai lavori. Riteniamo, ora più che mai, che la BCE assumerà un atteggiamento più anglosassone della stessa Bank of England. Da tale atteggiamento potrà scaturire una nuova politica: una BCE interventista nel rivedere le proprie rigidità con un nuovo sviluppo del sistema operativo finanziario, attento ai flussi finanziari contro il deflagrare della deflazione 1. È tuttavia necessario abbattere gli errori di valutazione e volgere l attenzione a quegli strumenti di supporto decisionale in grado di analizzare e simulare scenari complessi in modo integrato, necessari a prevenire scenari di crisi future, sulla scorta di dati storici precedentemente collezionati. 1 Prolungata e diffusa diminuzione dei prezzi che causa un freno nella spesa dei consumatori e delle aziende, che attendono ulteriori cali dei prezzi. Essa avviene quando i principali indicatori annuali dell'inflazione (tipicamente l'indice dei prezzi al consumo), assumono segno negativo. 4 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

5 I FATTORI PREDOMINANTI DELLA CRISI: GLI ERRORI DELLE AGENZIE DI RATING Il danno finanziario causato dai cosiddetti strumenti derivati statunitensi del 2007, ha avuto ripercussioni di portata globale su tutti i mercati finanziari. Per proteggersi dall elevata probabilità che i creditori subprime non riuscissero a restituire l ammontare del proprio mutuo, gli istituti finanziari avevano sviluppato strumenti di cartolarizzazione del debito, inserendo all interno di obbligazioni strutturate una componente finanziaria in grado di trasferire a terzi l aleatorietà dei crediti accumulati. Tanto le Collateralized Debt Obligations (CDO), quanto gli Structured Investment Vehicles (SIV), fornivano strumenti attrattivi verso investitori con rendimenti molto elevati, vendendo però loro il rischio default legato al credito, che veniva così distribuito in maniera uniforme nell intero mondo finanziario. Come ormai è ben noto, le clausole e i meccanismi su cui si reggono gli strumenti derivati sono tanto complessi da trarre in inganno non soltanto i singoli risparmiatori, ma anche i grandi investitori istituzionali. In Italia citiamo il caso del Comune di Milano contro UBS, Deutsche Bank, JP Morgan e DEPFA Bank. In questa vicenda, una significativa parte di responsabilità è da attribuire alle Agenzie di Rating, le quali spesso hanno elargito valutazioni generose nei confronti di tali prodotti, dimostrandosi tutt altro che infallibili nel proprio ruolo guida del mondo finanziario. La diffusione incontrollata non tanto dei derivati, quanto piuttosto dell incertezza ad essi legata, ha contribuito significativamente alla crisi dei mercati finanziari internazionali. Da un lato sembra politicamente corretto criticare le tre maggiori Agenzie di Rating (Standard & Poor s, Moody s, Fitch Rating) per le modalità con cui hanno svolto il proprio lavoro. L oggetto sociale di suddette Agenzie è la valutazione della solvibilità relativa a soggetti economici, sia pubblici che privati, oppure su strutture d investimento quali i Funds, valutazioni che non necessariamente occorre tenere in considerazione. È pur vero, d altro canto, che i loro errori sono stati di natura colposa e non dolosa. Infatti le entità valutate sono necessariamente soggetti che emettono debito o prodotti similari a breve, medio o lungo termine e gli operatori 5 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

6 del mercato dei capitali, prima di acquistarli, devono valutare l opportunità (durata/rendimento/rischio) del prodotto offerto rispetto alle proprie strategie di investimento. Per classare il proprio debito gli emittenti devono rendere edotti i partecipanti al mercato (investitori) sulla loro situazione attuale, delle attività prospettiche che essi intendono svolgere e degli eventuali rischi di mercato da affrontare. Gli strumenti usuali per dette attività divulgative sono, tra l altro, le rendicontazioni periodiche, i comunicati stampa, le campagne promozionali, i comunicati aziendali, gli incontri con gli analisti finanziari e strumenti di nuova generazione come i simulatori di rapida valutazione finanziaria non ancora sul mercato. Altri strumenti, non a disposizione diretta delle entità valutate, sono la stampa economica ed investigativa, le notizie che circolano in ambienti più o meno ben informati e quant altro. Da non dimenticare che le rendicontazioni periodiche dovrebbero essere redatte secondo principi contabili prestabiliti e le revisioni dei rendiconti compiute secondo gli standard prescelti. Dato che le crisi finanziarie, che periodicamente si abbattono sui mercati dei capitali, sono prevalentemente causate dal mancato recepimento di informazioni sulla cattiva gestione degli emittenti, coadiuvate sovente da rendicontazioni (Financial Statement) periodiche non rappresentative della realtà aziendale e da revisioni dei rendiconti fantasiose, sembra legittimo porsi il seguente quesito: la responsabilità preponderante delle varie crisi finanziarie è da ricondursi a chi effettua le gestioni allegre, le rendicontazioni creative, le revisioni fantasiose oppure a chi valuta la solvibilità di un debitore su informazioni successivamente risultate fasulle? LA NUOVA RICETTA DELLA BCE Finalmente la BCE ha lasciato intravedere l idea di agire dal lato dell offerta di moneta. Mario Draghi ha ribadito infatti, al margine degli incontri annuali presso il Fondo Monetario Internazionale, che la BCE dovrà presto fare politiche monetarie più espansive. La difesa dell Euro richiede ulteriori azioni di stimolo ha dichiarato Draghi. Si potranno prospettare quindi due opzioni non esclusive tra di loro: 1) Tassi di interesse negativi; 2) Operazioni di emissione di moneta Quantitative Easing (QE). 6 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

7 La prima manovra mira a rendere negativi i tassi sui depositi che le banche detengono presso la BCE come riserve. Attualmente, questo tasso è pari a zero. Draghi ha accennato al fatto che la BCE lo potrebbe portare presto in negativo, sebbene senza conoscerne l ammontare (gli esperti ipotizzano una forchetta comprese tra -0.1% e -0.25%). In pratica questo significherebbe che la BCE imporrebbe una sorta di tassa sulle riserve che le banche detengono presso la BCE stessa, al fine di indurle ad accordare prestiti alle imprese. La seconda manovra riguarderebbe l acquisto di titoli (Bond) sul mercato, stampando nuova moneta. Da voci di corridoio sembrerebbe che il fabbisogno stimato per l Europa sia pari a un milione di miliardi. L Italia, con il peso degli interessi sul debito per circa 80 miliardi, pari a più del 5% del Pil, è il Paese che ha più bisogno del QE in questo momento storico. La BCE tuttavia non si accontenterebbe di acquistare unicamente Titoli di Stato, ma anche Asset-Backed Securities del settore privato, cioè Titoli di Debito verso le piccole e medie imprese, cartolarizzati presso gli istituti bancari o loro agenzie di recupero crediti. Attualmente alcuni comitati appartenenti alla BCE sono al lavoro per studiare come debba essere di fatto il QE in Europa, dove non è presente un Tesoro Centrale come negli Stati Uniti. Molto probabilmente il risultato delle elezioni Europee contribuirà a determinerà gli opportuni indirizzi da adottare. Sino ad ora l unico Paese europeo che ha condotto operazioni di QE per 375 miliardi di Sterline è il Regno Unito. La Banca d Inghilterra (BOE) è una banca nazionalizzata, di proprietà del Tesoro inglese. In questo Paese la Banca d Inghilterra, di comune accordo con il Tesoro, ha acquistato circa un quarto del debito pubblico inglese, per un ammontare pari a 375 miliardi di Sterline che sono ora nell attivo dello Stato Patrimoniale della BOE. Difatti il Governo inglese ha chiesto aiuto alla propria Banca Centrale per finanziarsi a tassi politicamente bassi, senza dover sottostare al ricatto dei famosi mercati internazionali, nei quali operano quegli investitori denominati Bond Vigilantes, come è successo in Italia nel CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

8 Anche l esempio del Giappone è a dir poco eclatante. Poiché i prezzi scendevano di anno in anno, le persone tendevano a rinviare i consumi, provocando in tal modo una flessione nella domanda. La Banca Centrale del Giappone non appariva in grado di fermare la deflazione. Ma a fine 2012 è stato eletto Premier Shinzō Abe, il quale ha riscosso l approvazione degli elettori per aver proposto una nuova, radicale forma di politica monetaria, quella che oggi è stata ribattezzata Abenomics. Nel mese di aprile 2013, Shinzō Abe nomina come nuovo Governatore Haruhiko Kuroda, a cui impartisce la direttiva di procedere a stampare moneta. Successivamente Kuroda ha annunciato un piano di Quantitative and Qualitative Easing (QQE) per differenziare le politiche giapponesi da quelle statunitensi. L obiettivo prefissato era il raggiungimento nel più breve tempo possibile, ovvero in un arco temporale di due anni, di un tasso di inflazione pari al 2%. Allo stesso tempo Kuroda intendeva sia raddoppiare i titoli di debito del Tesoro giapponese, detenuti dalla relativa Banca Centrale, sia raddoppiarne anche la maturità media portandola a 7 anni. Con questa massiccia operazione di acquisto di titoli, Kuroda ha portato in negativo il tasso di interesse di lungo termine (-1%), riducendo drasticamente gli interessi pagati sul debito. INDICI DI VALUTAZIONE E TRACCIABILITÀ TRANSNAZIONALE DEI FLUSSI Se da un lato le nuove politiche monetarie consentiranno di avere quella iniezione di liquidità necessaria agli Stati per affrontare i propri fabbisogni, dall altro si impone una sempre più impellente politica transnazionale di monitoraggio dei flussi finanziari. Nel settore pubblico italiano significativa è stata l esperienza del Ministero del Tesoro nel predisporre indicatori di flusso nel comparto pubblico, per la verifica di condizioni di bilancio certificate e corrette su 8 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

9 tutti gli Enti. Essenziale è stato il supporto di Leggi Provvedimento per la risoluzione di problemi specifici e quindi necessarie alla corretta determinazione degli indicatori di flusso. Sul fronte privato negli ultimi anni diverse misure hanno potenziato il contrasto all evasione fiscale. In particolare, esse hanno riguardato il rafforzamento dei controlli e altre norme per il recupero di base imponibile sottratta alla tassazione. Fondamentale tuttavia per il contrasto dell evasione fiscale è lo scambio di informazioni tra le Amministrazioni Finanziarie dei diversi Paesi. Gli accordi internazionali finora conclusi, prevalentemente basati sullo scambio d informazioni su richiesta da parte dell Autorità Fiscale interessata, o al più sullo scambio spontaneo, si stanno tuttavia rivelando insufficienti. Pertanto si è raggiunto un ampio consenso internazionale in merito alla necessità di giungere alla condivisione automatica d informazioni come standard globale di cooperazione tra Autorità Fiscali. Sia l Unione Europea che l OCSE sono intervenute a tal fine. Uno degli aspetti su cui si è concentrata maggiormente l attenzione a livello internazionale è la così detta pianificazione fiscale aggressiva, la quale consente a una società multinazionale di minimizzare gli oneri fiscali fino a sostenere, in alcuni casi, aliquote d imposta effettive sul reddito globale pressoché nulle. Ciò avviene mediante il trasferimento dei profitti in Paesi a fiscalità privilegiata (Profit Shifting), oppure sfruttando incoerenze tra sistemi fiscali diversi, che possono condurre a situazioni di doppia non imposizione. Anche in tema di elusione fiscale e pianificazione fiscale aggressiva recentemente sono stati fatti diversi progressi a livello internazionale, soprattutto dalla Commissione Europea e dall OCSE. 9 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

10 I SIMULATORI DI RAPIDA VALUTAZIONE FINANZIARIA DEI FLUSSI (SIMULATOR FOR FAST EVALUATION OF FINANCIAL FLOWS) Ci si interroga se sia ormai possibile prevenire una crisi finanziaria che investe i mercati a livello globale con largo anticipo e sulla base di dati storici collezionati nel tempo. In ambito militare i governi dei principali esercizi mondiali, in articolare quello statunitense, da tempo hanno posto rimedio a queste necessità previsionali. Essi si sono avvalsi di ingenti investimenti sia in strumenti integrati di analisi e simulazione di scenari complessi che nell utilizzo di infrastruttura di super-calcolo, al fine di ottenere previsioni attendibili su conflitti mondiali, guerre asimmetriche e assetti geopolitici. Si ritiene che sulla scorta dell esperienza militare, sia ora possibile prevenire crisi finanziarie anche di portata globale, con l impiego di strumenti di simulazione dei mercati e una rapida valutazione degli scenari di crisi connessi, con sufficiente anticipo per reagire tempestivamente ed evitare peggioramenti. La simulazione di scenari complessi è oggi uno strumento difficile da sostituire in molte aree scientifiche. Attualmente il mondo economico e finanziario dispone di strumenti di simulazione computazionale che coprono diverse aree di ricerca ricche e altamente produttive ma scollegate tra loro (Risk Analysis, Risk Management, Simulazione Agent-Based, Metodi di pagamento e sistemi). Tuttavia non è ancora disponibile, in ambito finanziario, un sistema di simulazione sufficientemente complesso e integrato sull esempio di quello militare proposto. Nella figura riportiamo le voci parametriche simulate e monitorate in un sistema integrato militare. Fig. 1 - Esempio di variabili integrate in strategia militare e simulazione di scenari di crisi L Università della California, a Irvine, recentemente ha ideato una complessa architettura di simulazione multipla per scenari militari. Uno strumento del genere potrebbe essere ben mutuato su scenari economico-finanziari internazionali per anticipare e gestire in tempo utile crisi di ogni portata e genere. La struttura è basata sullo scambio continuo di conoscenza da un livello BASE a un livello META, qualitativamente superiore e integrato. 10 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

11 Fig.2 Architettura di simulazione multipla per scenari complessi In questo modello la gestione della complessità realtime è relegata a differenti simulatori (che possono già essere operativi) i quali interagiscono a livello base (interno) ciascuno con il proprio dominio di conoscenze (federate), con le proprie caratteristiche (database source code). Tali simulatori scambiano informazioni, opportunamente filtrate da una Rete Neurale Multistrato, con un meta livello superiore (esterno) di dati qualitativi, arricchendo gli involucri (wrappers) di informazioni base con un livello superiore integrato e sincronizzato di conoscenza. Fig.3 - Metodologia base della simulazione multipla 11 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

12 La grande sfida di questi nuovi approcci metodologici ai Sistemi Complessi consiste nel facilitare il processo di aggregazione di tutti i modelli di simulazione indipendenti (che possono già esistere) all interno di un unico sistema integrato di tipo multi-simulation. I decisori, basandosi sugli output di Reti Neurali, possono esplorare diverse alternative e condurre esperimenti di forecast apparentemente semplici ma di grande complessità semantica. POSTFAZIONE Con questo articolo e sulla base della crisi finanziaria degli ultimi anni, l autore ha svolto un analisi delle possibili cause, proponendo soluzioni innovative in linea con le attività di ricerca proprie di settori altamente strategici come quelli militari. In situazioni complesse come quelle generate dal mondo finanziario ed economico, occorre avere a disposizione strumenti in grado di analizzare la complessità in modo previsionale e simulare scenari futuri al verificarsi di determinate condizioni embrionali reali. L auspicio certamente è che i prossimi investimenti pubblici e privati vadano nella direzione giusta in ambito finanziario ed economico, al fine di ridurre il manifestarsi di crisi periodiche grazie al supporto di un modello previsionale affidabile ed efficace. 12 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

13 BIBLIOGRAFIA 1) (Monetizzare il Debito Pubblico di uno Stato) 2) A. Licata Le agenzie di rating, una voce contro corrente articolo inedito 3) R. Arditti, Derivati: come uscire dalla trappola il Tempo 04/06/2009 4) IlSole24Ore, La difesa delle banche per i derivati di Milano art. del 19/02/2010 5) Martingale Risk Italia Analisi del Fallimento, Lehman Brothers - Atti Convegno di Formazione Professionale Continua 6) Executive Summary - Environmentally Extended Input-Output Tables and Models for Europe 7) 8) 6 Commissione Senatoriale 2014, Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco 9) Prof. E. Cinque, Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria, dispense universitarie (Università di Capua) 10) L. Jalali, S. Mehrotra, N. Venkatasubramanian, Multisimulations: Towards Next Generation Integrated Simulation Environments - University Of California, Irvine (2014) 13 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

14 L AUTORE Francesco Corona È Consigliere e membro fondatore del CISINT, Direttore Programmi di Ricerca e Sviluppo e del Comitato Scientifico appartenenti all Associazione. Autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico, relatore e conferenziere, è laureato in Scienze dell'informazione presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'università di Bari. Ha conseguito il Master in Marketing presso l'università LUISS "Guido Carli" di Roma. Ha ricevuto incarichi di ricerca al CNR - IASI di Roma, come specialista in Tecniche di Simulazione e Intelligenza Artificiale, oltre a ricoprire il ruolo di Senior Consultant presso importanti aziende private, lavorando in team internazionali. Nell'ambito della sicurezza informatica ha partecipato, per oltre un ventennio, a numerosi progetti con i principali player in ambito internazionale. Per diversi anni è stato docente di tecniche di Cybersecurity e contro-sabotaggio telematico presso la Scuola di Addestramento del Ministero dell'interno. Dal 2000 al 2012 è stato professore a contratto presso la Facoltà di Ingegneria Gestionale dell'università Roma2 "Tor Vergata", oltre che titolare di corsi universitari integrativi. Possiede vari depositi SIAE per opere di ingegno in ambito di Intelligence Ambientale, Sicurezza nelle Telecomunicazioni Mobili e Ottimizzazione Logistica. Nel 2013 ha ottenuto il prestigioso Premio Nazionale per l'innovazione, conferito dal Presidente della Repubblica, oltre al Premio Confindustria "Convergenza - TLC driven". Via Clelia 45, Roma Tel/Fax: (+39)

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli