FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE. A cura di Francesco Corona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE. A cura di Francesco Corona"

Transcript

1 FLUSSI FINANZIARI: VERSO UNA NUOVA POLITICA DELLA BCE A cura di Francesco Corona

2 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence, Roma LIMITAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ Le opinioni espresse nel presente documento, rilasciato a scopo informativo, sono di responsabilità esclusiva dell autore e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence. La riproduzione e la traduzione degli elaborati sono autorizzate, salvo che per fini commerciali, con menzione della fonte, previa notifica all Istituto e con invio di una copia a quest'ultimo.

3 Sommario PREFAZIONE...4 I FATTORI PREDOMINANTI DELLA CRISI: GLI ERRORI DELLE AGENZIE DI RATING...4 LA NUOVA RICETTA DELLA BCE... 5 INDICI DI VALUTAZIONE E TRACCIABILITÀ TRANSNAZIONALE DEI FLUSSI... 7 I SIMULATORI DI RAPIDA VALUTAZIONE FINANZIARIA DEI FLUSSI... 7 POSTFAZIONE... 8 BIBLIOGRAFIA CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

4 PREFAZIONE Nell'era della stagnazione secolare così come definita da Lawrence Summers, ex Segretario al Tesoro della Casa Bianca, caratterizzata da tassi di interesse bassi, crescita stagnante o poco più, demografia calante e quindi debiti pubblici insormontabili a carico degli Stati, occorre mostrare al più presto un "Remarkable Enthusiasm" (definito con l indice RE). Ciò al fine di trasmettere un impulso a una nuova dinamica nel mercato finanziario internazionale e quindi dare attenzione alle istituzioni globali in un mercato globale. Quello che è successo recentemente, con lo strappo italiano alla camicia di forza della UE per il pareggio di bilancio, può rappresentare un inversione di tendenza con il coinvolgimento diretto della BCE in una politica monetaria di impronta tipicamente anglosassone e consistente nel "Quantitative Easing"(QE), cioè un allentamento monetario già sperimentato con successo dalla FED nei confronti degli Stati Uniti, definiti al quanto pragmatici dagli addetti ai lavori. Riteniamo, ora più che mai, che la BCE assumerà un atteggiamento più anglosassone della stessa Bank of England. Da tale atteggiamento potrà scaturire una nuova politica: una BCE interventista nel rivedere le proprie rigidità con un nuovo sviluppo del sistema operativo finanziario, attento ai flussi finanziari contro il deflagrare della deflazione 1. È tuttavia necessario abbattere gli errori di valutazione e volgere l attenzione a quegli strumenti di supporto decisionale in grado di analizzare e simulare scenari complessi in modo integrato, necessari a prevenire scenari di crisi future, sulla scorta di dati storici precedentemente collezionati. 1 Prolungata e diffusa diminuzione dei prezzi che causa un freno nella spesa dei consumatori e delle aziende, che attendono ulteriori cali dei prezzi. Essa avviene quando i principali indicatori annuali dell'inflazione (tipicamente l'indice dei prezzi al consumo), assumono segno negativo. 4 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

5 I FATTORI PREDOMINANTI DELLA CRISI: GLI ERRORI DELLE AGENZIE DI RATING Il danno finanziario causato dai cosiddetti strumenti derivati statunitensi del 2007, ha avuto ripercussioni di portata globale su tutti i mercati finanziari. Per proteggersi dall elevata probabilità che i creditori subprime non riuscissero a restituire l ammontare del proprio mutuo, gli istituti finanziari avevano sviluppato strumenti di cartolarizzazione del debito, inserendo all interno di obbligazioni strutturate una componente finanziaria in grado di trasferire a terzi l aleatorietà dei crediti accumulati. Tanto le Collateralized Debt Obligations (CDO), quanto gli Structured Investment Vehicles (SIV), fornivano strumenti attrattivi verso investitori con rendimenti molto elevati, vendendo però loro il rischio default legato al credito, che veniva così distribuito in maniera uniforme nell intero mondo finanziario. Come ormai è ben noto, le clausole e i meccanismi su cui si reggono gli strumenti derivati sono tanto complessi da trarre in inganno non soltanto i singoli risparmiatori, ma anche i grandi investitori istituzionali. In Italia citiamo il caso del Comune di Milano contro UBS, Deutsche Bank, JP Morgan e DEPFA Bank. In questa vicenda, una significativa parte di responsabilità è da attribuire alle Agenzie di Rating, le quali spesso hanno elargito valutazioni generose nei confronti di tali prodotti, dimostrandosi tutt altro che infallibili nel proprio ruolo guida del mondo finanziario. La diffusione incontrollata non tanto dei derivati, quanto piuttosto dell incertezza ad essi legata, ha contribuito significativamente alla crisi dei mercati finanziari internazionali. Da un lato sembra politicamente corretto criticare le tre maggiori Agenzie di Rating (Standard & Poor s, Moody s, Fitch Rating) per le modalità con cui hanno svolto il proprio lavoro. L oggetto sociale di suddette Agenzie è la valutazione della solvibilità relativa a soggetti economici, sia pubblici che privati, oppure su strutture d investimento quali i Funds, valutazioni che non necessariamente occorre tenere in considerazione. È pur vero, d altro canto, che i loro errori sono stati di natura colposa e non dolosa. Infatti le entità valutate sono necessariamente soggetti che emettono debito o prodotti similari a breve, medio o lungo termine e gli operatori 5 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

6 del mercato dei capitali, prima di acquistarli, devono valutare l opportunità (durata/rendimento/rischio) del prodotto offerto rispetto alle proprie strategie di investimento. Per classare il proprio debito gli emittenti devono rendere edotti i partecipanti al mercato (investitori) sulla loro situazione attuale, delle attività prospettiche che essi intendono svolgere e degli eventuali rischi di mercato da affrontare. Gli strumenti usuali per dette attività divulgative sono, tra l altro, le rendicontazioni periodiche, i comunicati stampa, le campagne promozionali, i comunicati aziendali, gli incontri con gli analisti finanziari e strumenti di nuova generazione come i simulatori di rapida valutazione finanziaria non ancora sul mercato. Altri strumenti, non a disposizione diretta delle entità valutate, sono la stampa economica ed investigativa, le notizie che circolano in ambienti più o meno ben informati e quant altro. Da non dimenticare che le rendicontazioni periodiche dovrebbero essere redatte secondo principi contabili prestabiliti e le revisioni dei rendiconti compiute secondo gli standard prescelti. Dato che le crisi finanziarie, che periodicamente si abbattono sui mercati dei capitali, sono prevalentemente causate dal mancato recepimento di informazioni sulla cattiva gestione degli emittenti, coadiuvate sovente da rendicontazioni (Financial Statement) periodiche non rappresentative della realtà aziendale e da revisioni dei rendiconti fantasiose, sembra legittimo porsi il seguente quesito: la responsabilità preponderante delle varie crisi finanziarie è da ricondursi a chi effettua le gestioni allegre, le rendicontazioni creative, le revisioni fantasiose oppure a chi valuta la solvibilità di un debitore su informazioni successivamente risultate fasulle? LA NUOVA RICETTA DELLA BCE Finalmente la BCE ha lasciato intravedere l idea di agire dal lato dell offerta di moneta. Mario Draghi ha ribadito infatti, al margine degli incontri annuali presso il Fondo Monetario Internazionale, che la BCE dovrà presto fare politiche monetarie più espansive. La difesa dell Euro richiede ulteriori azioni di stimolo ha dichiarato Draghi. Si potranno prospettare quindi due opzioni non esclusive tra di loro: 1) Tassi di interesse negativi; 2) Operazioni di emissione di moneta Quantitative Easing (QE). 6 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

7 La prima manovra mira a rendere negativi i tassi sui depositi che le banche detengono presso la BCE come riserve. Attualmente, questo tasso è pari a zero. Draghi ha accennato al fatto che la BCE lo potrebbe portare presto in negativo, sebbene senza conoscerne l ammontare (gli esperti ipotizzano una forchetta comprese tra -0.1% e -0.25%). In pratica questo significherebbe che la BCE imporrebbe una sorta di tassa sulle riserve che le banche detengono presso la BCE stessa, al fine di indurle ad accordare prestiti alle imprese. La seconda manovra riguarderebbe l acquisto di titoli (Bond) sul mercato, stampando nuova moneta. Da voci di corridoio sembrerebbe che il fabbisogno stimato per l Europa sia pari a un milione di miliardi. L Italia, con il peso degli interessi sul debito per circa 80 miliardi, pari a più del 5% del Pil, è il Paese che ha più bisogno del QE in questo momento storico. La BCE tuttavia non si accontenterebbe di acquistare unicamente Titoli di Stato, ma anche Asset-Backed Securities del settore privato, cioè Titoli di Debito verso le piccole e medie imprese, cartolarizzati presso gli istituti bancari o loro agenzie di recupero crediti. Attualmente alcuni comitati appartenenti alla BCE sono al lavoro per studiare come debba essere di fatto il QE in Europa, dove non è presente un Tesoro Centrale come negli Stati Uniti. Molto probabilmente il risultato delle elezioni Europee contribuirà a determinerà gli opportuni indirizzi da adottare. Sino ad ora l unico Paese europeo che ha condotto operazioni di QE per 375 miliardi di Sterline è il Regno Unito. La Banca d Inghilterra (BOE) è una banca nazionalizzata, di proprietà del Tesoro inglese. In questo Paese la Banca d Inghilterra, di comune accordo con il Tesoro, ha acquistato circa un quarto del debito pubblico inglese, per un ammontare pari a 375 miliardi di Sterline che sono ora nell attivo dello Stato Patrimoniale della BOE. Difatti il Governo inglese ha chiesto aiuto alla propria Banca Centrale per finanziarsi a tassi politicamente bassi, senza dover sottostare al ricatto dei famosi mercati internazionali, nei quali operano quegli investitori denominati Bond Vigilantes, come è successo in Italia nel CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

8 Anche l esempio del Giappone è a dir poco eclatante. Poiché i prezzi scendevano di anno in anno, le persone tendevano a rinviare i consumi, provocando in tal modo una flessione nella domanda. La Banca Centrale del Giappone non appariva in grado di fermare la deflazione. Ma a fine 2012 è stato eletto Premier Shinzō Abe, il quale ha riscosso l approvazione degli elettori per aver proposto una nuova, radicale forma di politica monetaria, quella che oggi è stata ribattezzata Abenomics. Nel mese di aprile 2013, Shinzō Abe nomina come nuovo Governatore Haruhiko Kuroda, a cui impartisce la direttiva di procedere a stampare moneta. Successivamente Kuroda ha annunciato un piano di Quantitative and Qualitative Easing (QQE) per differenziare le politiche giapponesi da quelle statunitensi. L obiettivo prefissato era il raggiungimento nel più breve tempo possibile, ovvero in un arco temporale di due anni, di un tasso di inflazione pari al 2%. Allo stesso tempo Kuroda intendeva sia raddoppiare i titoli di debito del Tesoro giapponese, detenuti dalla relativa Banca Centrale, sia raddoppiarne anche la maturità media portandola a 7 anni. Con questa massiccia operazione di acquisto di titoli, Kuroda ha portato in negativo il tasso di interesse di lungo termine (-1%), riducendo drasticamente gli interessi pagati sul debito. INDICI DI VALUTAZIONE E TRACCIABILITÀ TRANSNAZIONALE DEI FLUSSI Se da un lato le nuove politiche monetarie consentiranno di avere quella iniezione di liquidità necessaria agli Stati per affrontare i propri fabbisogni, dall altro si impone una sempre più impellente politica transnazionale di monitoraggio dei flussi finanziari. Nel settore pubblico italiano significativa è stata l esperienza del Ministero del Tesoro nel predisporre indicatori di flusso nel comparto pubblico, per la verifica di condizioni di bilancio certificate e corrette su 8 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

9 tutti gli Enti. Essenziale è stato il supporto di Leggi Provvedimento per la risoluzione di problemi specifici e quindi necessarie alla corretta determinazione degli indicatori di flusso. Sul fronte privato negli ultimi anni diverse misure hanno potenziato il contrasto all evasione fiscale. In particolare, esse hanno riguardato il rafforzamento dei controlli e altre norme per il recupero di base imponibile sottratta alla tassazione. Fondamentale tuttavia per il contrasto dell evasione fiscale è lo scambio di informazioni tra le Amministrazioni Finanziarie dei diversi Paesi. Gli accordi internazionali finora conclusi, prevalentemente basati sullo scambio d informazioni su richiesta da parte dell Autorità Fiscale interessata, o al più sullo scambio spontaneo, si stanno tuttavia rivelando insufficienti. Pertanto si è raggiunto un ampio consenso internazionale in merito alla necessità di giungere alla condivisione automatica d informazioni come standard globale di cooperazione tra Autorità Fiscali. Sia l Unione Europea che l OCSE sono intervenute a tal fine. Uno degli aspetti su cui si è concentrata maggiormente l attenzione a livello internazionale è la così detta pianificazione fiscale aggressiva, la quale consente a una società multinazionale di minimizzare gli oneri fiscali fino a sostenere, in alcuni casi, aliquote d imposta effettive sul reddito globale pressoché nulle. Ciò avviene mediante il trasferimento dei profitti in Paesi a fiscalità privilegiata (Profit Shifting), oppure sfruttando incoerenze tra sistemi fiscali diversi, che possono condurre a situazioni di doppia non imposizione. Anche in tema di elusione fiscale e pianificazione fiscale aggressiva recentemente sono stati fatti diversi progressi a livello internazionale, soprattutto dalla Commissione Europea e dall OCSE. 9 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

10 I SIMULATORI DI RAPIDA VALUTAZIONE FINANZIARIA DEI FLUSSI (SIMULATOR FOR FAST EVALUATION OF FINANCIAL FLOWS) Ci si interroga se sia ormai possibile prevenire una crisi finanziaria che investe i mercati a livello globale con largo anticipo e sulla base di dati storici collezionati nel tempo. In ambito militare i governi dei principali esercizi mondiali, in articolare quello statunitense, da tempo hanno posto rimedio a queste necessità previsionali. Essi si sono avvalsi di ingenti investimenti sia in strumenti integrati di analisi e simulazione di scenari complessi che nell utilizzo di infrastruttura di super-calcolo, al fine di ottenere previsioni attendibili su conflitti mondiali, guerre asimmetriche e assetti geopolitici. Si ritiene che sulla scorta dell esperienza militare, sia ora possibile prevenire crisi finanziarie anche di portata globale, con l impiego di strumenti di simulazione dei mercati e una rapida valutazione degli scenari di crisi connessi, con sufficiente anticipo per reagire tempestivamente ed evitare peggioramenti. La simulazione di scenari complessi è oggi uno strumento difficile da sostituire in molte aree scientifiche. Attualmente il mondo economico e finanziario dispone di strumenti di simulazione computazionale che coprono diverse aree di ricerca ricche e altamente produttive ma scollegate tra loro (Risk Analysis, Risk Management, Simulazione Agent-Based, Metodi di pagamento e sistemi). Tuttavia non è ancora disponibile, in ambito finanziario, un sistema di simulazione sufficientemente complesso e integrato sull esempio di quello militare proposto. Nella figura riportiamo le voci parametriche simulate e monitorate in un sistema integrato militare. Fig. 1 - Esempio di variabili integrate in strategia militare e simulazione di scenari di crisi L Università della California, a Irvine, recentemente ha ideato una complessa architettura di simulazione multipla per scenari militari. Uno strumento del genere potrebbe essere ben mutuato su scenari economico-finanziari internazionali per anticipare e gestire in tempo utile crisi di ogni portata e genere. La struttura è basata sullo scambio continuo di conoscenza da un livello BASE a un livello META, qualitativamente superiore e integrato. 10 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

11 Fig.2 Architettura di simulazione multipla per scenari complessi In questo modello la gestione della complessità realtime è relegata a differenti simulatori (che possono già essere operativi) i quali interagiscono a livello base (interno) ciascuno con il proprio dominio di conoscenze (federate), con le proprie caratteristiche (database source code). Tali simulatori scambiano informazioni, opportunamente filtrate da una Rete Neurale Multistrato, con un meta livello superiore (esterno) di dati qualitativi, arricchendo gli involucri (wrappers) di informazioni base con un livello superiore integrato e sincronizzato di conoscenza. Fig.3 - Metodologia base della simulazione multipla 11 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

12 La grande sfida di questi nuovi approcci metodologici ai Sistemi Complessi consiste nel facilitare il processo di aggregazione di tutti i modelli di simulazione indipendenti (che possono già esistere) all interno di un unico sistema integrato di tipo multi-simulation. I decisori, basandosi sugli output di Reti Neurali, possono esplorare diverse alternative e condurre esperimenti di forecast apparentemente semplici ma di grande complessità semantica. POSTFAZIONE Con questo articolo e sulla base della crisi finanziaria degli ultimi anni, l autore ha svolto un analisi delle possibili cause, proponendo soluzioni innovative in linea con le attività di ricerca proprie di settori altamente strategici come quelli militari. In situazioni complesse come quelle generate dal mondo finanziario ed economico, occorre avere a disposizione strumenti in grado di analizzare la complessità in modo previsionale e simulare scenari futuri al verificarsi di determinate condizioni embrionali reali. L auspicio certamente è che i prossimi investimenti pubblici e privati vadano nella direzione giusta in ambito finanziario ed economico, al fine di ridurre il manifestarsi di crisi periodiche grazie al supporto di un modello previsionale affidabile ed efficace. 12 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

13 BIBLIOGRAFIA 1) (Monetizzare il Debito Pubblico di uno Stato) 2) A. Licata Le agenzie di rating, una voce contro corrente articolo inedito 3) R. Arditti, Derivati: come uscire dalla trappola il Tempo 04/06/2009 4) IlSole24Ore, La difesa delle banche per i derivati di Milano art. del 19/02/2010 5) Martingale Risk Italia Analisi del Fallimento, Lehman Brothers - Atti Convegno di Formazione Professionale Continua 6) Executive Summary - Environmentally Extended Input-Output Tables and Models for Europe 7) 8) 6 Commissione Senatoriale 2014, Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco 9) Prof. E. Cinque, Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria, dispense universitarie (Università di Capua) 10) L. Jalali, S. Mehrotra, N. Venkatasubramanian, Multisimulations: Towards Next Generation Integrated Simulation Environments - University Of California, Irvine (2014) 13 CISINT - Centro Italiano di Strategia e Intelligence

14 L AUTORE Francesco Corona È Consigliere e membro fondatore del CISINT, Direttore Programmi di Ricerca e Sviluppo e del Comitato Scientifico appartenenti all Associazione. Autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico, relatore e conferenziere, è laureato in Scienze dell'informazione presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'università di Bari. Ha conseguito il Master in Marketing presso l'università LUISS "Guido Carli" di Roma. Ha ricevuto incarichi di ricerca al CNR - IASI di Roma, come specialista in Tecniche di Simulazione e Intelligenza Artificiale, oltre a ricoprire il ruolo di Senior Consultant presso importanti aziende private, lavorando in team internazionali. Nell'ambito della sicurezza informatica ha partecipato, per oltre un ventennio, a numerosi progetti con i principali player in ambito internazionale. Per diversi anni è stato docente di tecniche di Cybersecurity e contro-sabotaggio telematico presso la Scuola di Addestramento del Ministero dell'interno. Dal 2000 al 2012 è stato professore a contratto presso la Facoltà di Ingegneria Gestionale dell'università Roma2 "Tor Vergata", oltre che titolare di corsi universitari integrativi. Possiede vari depositi SIAE per opere di ingegno in ambito di Intelligence Ambientale, Sicurezza nelle Telecomunicazioni Mobili e Ottimizzazione Logistica. Nel 2013 ha ottenuto il prestigioso Premio Nazionale per l'innovazione, conferito dal Presidente della Repubblica, oltre al Premio Confindustria "Convergenza - TLC driven". Via Clelia 45, Roma Tel/Fax: (+39)

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.6.2009 COM(2009) 258 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione annuale della Commissione sulla situazione e la gestione del Fondo di garanzia

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria 1. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 13 del 22.11.2012. - Bilancio d impresa: terza parte. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352

Cassa Padana 11/05/2009 11/11/2011 Tasso Fisso 2,50% ISIN IT0004490352 ALLEGATO 2 - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede Sociale: Via Garibaldi 25, Leno Brescia Iscritta all Albo delle Banche al n. 8340.2 Iscritta

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON

- CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato CARILO - CASSA DI RISPARMIO DI LORETO S.P.A. OBBLIGAZIONI ZERO

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO?

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? Vito Lops giornalista e social media editor Sole 24 Ore vito.lops@ilsole24ore.com www.twitter.com/vitolops L INFLAZIONE INFLAZIONE VUOL DIRE AUMENTO DEI PREZZI.

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di emissione dei Prestiti Obbligazionari BANCA POPOLARE DI SAN FELICE

Dettagli

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA EURIBOR 3M 08/10

Dettagli

Allianz Reddito Euro. Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro. Dieci validi motivi per investire

Allianz Reddito Euro. Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro. Dieci validi motivi per investire Allianz Reddito Euro Dieci validi motivi per investire Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro Il mercato obbligazionario negli ultimi anni ha registrato profonde trasformazioni:

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO

DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/02/2015 20/02/2021 TASSO FISSO 2.75% SUBORDINATO TIER II/CLASSE 2 EMISSIONE N. 26/2015 CODICE lsln

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato BANCA POPOLARE

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112

Banca di Bologna 21/05/2012 21/05/2014 TF 2,65% ISIN IT0004810112 Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Capitale sociale al 31/12/10: Euro 49.517.389,44 Sede legale in Bologna, Piazza Galvani, 4 Iscritta al Registro delle Imprese di Bologna al n. 00415760370

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili

Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili IV Strategy Forum Financial Services Smart Profit Growth SM : Strategie di crescita in tempi difficili Sintesi dell evento 17 Ottobre 2012 The Westin Palace Hotel Piazza della Repubblica, 20 Milano Abstract

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali ISIN: DE000HV8AKR1 Entità di Riferimento: Assicurazioni Generali S.p.A. Scadenza Prevista: 20.07.2018 Comunicazione pubblicitaria/promozionale.

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE. alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CRV

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA BANCA POPOLARE DI SAN FELICE SUL PANARO Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di emissione dei Prestiti Obbligazionari BANCA POPOLARE DI SAN FELICE

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Comparto. Non si tratta di un documento

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni

Prospetto di Base Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa per Azioni BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO (CASTELFIORENTINO FIRENZE) SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede legale: Piazza Giovanni XXIII, 6 50051 Castelfiorentino (FI) - Codice ABI 08425.1 - Iscritta all

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA DI CESENA 09/03/2009 09/03/2012

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE ATTIVA DELL INDEBITAMENTO IN ESSERE MEDIANTE OPERAZIONI FINANZIARIE ALTERNATIVE (INTEREST RATE SWAP)

OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE ATTIVA DELL INDEBITAMENTO IN ESSERE MEDIANTE OPERAZIONI FINANZIARIE ALTERNATIVE (INTEREST RATE SWAP) N. 64 in data 29 novembre 2005 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE ATTIVA DELL INDEBITAMENTO IN ESSERE MEDIANTE OPERAZIONI FINANZIARIE ALTERNATIVE (INTEREST RATE SWAP) Introduce l argomento il Sindaco,

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

"BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 4,65% 08/10/2008-08/10/2010. Codice ISIN IT0004408909

BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 4,65% 08/10/2008-08/10/2010. Codice ISIN IT0004408909 Sede Legale: 50123 Firenze, Via Dei Banch n. 5 - Direzione Generale: 50121 Firenze, Viale Gramsci n. 69 - Tel. 055.20051, Fax 055.2005333 - Codice Fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

Allianz Euro Bond Strategy

Allianz Euro Bond Strategy Allianz Euro Bond Strategy Dieci validi motivi per investire Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro Il mercato obbligazionario negli ultimi anni ha registrato profonde trasformazioni:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi.

Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. La vita è fatta di alti e bassi. Noi ci siamo in entrambi i casi. Obiettivo Investimento? Cash Collect Certificate di UniCredit. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale condizionatamente protetto. Non

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli