Dalla competenza giuridica alla competenza breve : verso la contabilità armonizzata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla competenza giuridica alla competenza breve : verso la contabilità armonizzata"

Transcript

1 Dalla competenza giuridica alla competenza breve : verso la contabilità armonizzata Iacopo Cavallini Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

2 Ciò che ci sarà (?) : Federalismo + Ordinamento contabile = Federalismo contabile? 2

3 Il percorso (e una visione d insieme) dell Ordinamento finanziario e contabile Situazione quo-ante L. 142/90 Ordinamento autonomie locali Bassanini D.Lgs. 267/2000 (TUEL) Parte seconda D.Lgs. 77/95: Ordinamento finanziario e contabile Legge contabilità pubblica Armonizzazione contabile TUEL aggiornato (bozza) Principi contabili per gli enti locali (2008) D.P.R. n. 194/1996 Patto di stabilità 3

4 I due percorsi a confronto L. 142/90 Ordinamento autonomie locali L. Bassanini Decentramento amministrativo L. 3/01 - Riforma Titolo V Costituzione D.Lgs. 77/95: Ordinamento finanziario e contabile L. 42/09 delega attuazione federalismo fiscale D.Lgs. 267/2000 (TUEL) Parte seconda 8 decreti attuativi: - ( ) - DL 118/11 - Armonizzazione contabilità e bilanci pubblici DL 118/11 - Armonizzazione contabilità e bilanci pubblici TUEL aggiornato (bozza) 4

5 Il percorso federalista e i suoi Federalismo demaniale n. 85/2010 limiti Armonizzazione sistemi Contabili n. 118/2011 Roma capitale n. 156/2010 n. 61/2012 LEGGE DELEGA n. 42/2009 Sanzioni e premi n. 149/2011 Fabbisogni standard n. 216/2010 Federalismo comunale n. 23/2011 Federalismo regionale n. 68/2011 Perequazione infrastrutturale n. 88/2011 DM 26/11/2010 5

6 I due percorsi a confronto L. 142/90 Ordinamento autonomie locali L. Bassanini Decentramento amministrativo Percorso federalista DL 118/11 - Armonizzazione contabilità e bilanci pubblici Percorso contabile DL 118/11 - Armonizzazione contabilità e bilanci pubblici L. 196/09 Legge di contabilità e finanza pubblica D.lgs. 91/11 (decreti attuativi sperimentazione 2014/2015) 1. uniformità procedure e sistemi contabili 2. coordinamento p.c. generali con consolidato nazionale 3. normativa comunitaria disavanzi pubblici 4. monitoraggio spesa 6

7 Situazione attuale STATO REGIONI EE.LL. Competenza giuridica X X X Cassa X X Competenza economica Classificazione economica X X X Classificazione per missioni Classificazione funzionale X X X Contabilità generale X X Contabilità finanziaria X X X X Principi Osservatorio IPSAS Sec 95 X X 7

8 Situazione a regime STATO REGIONI EE.LL. Competenza giuridica Cassa Competenza economica Raccordo sistema contabile e consolidamento dei conti (piano integrato) Classificazione economica Classificazione per missioni Classificazione funzionale Contabilità generale Contabilità finanziaria Principi Osservatorio IPSAS Sec 95 Comuni schemi di bilancio Affiancamento alla finanziaria di una economico/patrimoniale a fini conoscitivi Principi contabili omogenei 8

9 Armonizzazione cosa e perché 1. È il processo di riforma dell Ordinamento contabile 2. È finalizzato a rendere i bilanci delle PP.AA. omogenei (non identici!), confrontabili, aggregabili, disponibili 3. Per: 1. Perseguire gli obiettivi di finanza pubblica (coordinamento) 2. Verificare corrispondenza conti pubblici con l art. 104 Trattato istitutivo CE (controllo sui disavanzi) 3. Recepire la Direttiva UE n. 85/2011 sui requisiti dei quadri di bilancio Stati (capo IV regole di bilancio numeriche) 4. Favorire l attuazione del Federalismo fiscale In maniera graduale, ma SEC 95 (competenza economica, indebitamento netto saldo del CE) e Stato (SICOGE) come punti di arrivo

10 Come si ottiene l armonizzazione Adozione di regole uniformi Piano dei Conti integrato Utilizzo schemi di bilancio comuni 10

11 Sperimentazione/prima fase D.LGs. 118/ due DPCM (sperimentazione + enti) 4 (5) Regioni, 12 Province e 49 (68) Comuni + almeno un ente strumentale in co.fin. (10) ed uno in co.ec. (7) e gli organismi strumentali Organismo strumentale: istituzioni e altre articolazioni organizzative dotate di autonomia gestionale e contabile ma no giuridica Ente strumentale: convenzioni, consorzi, Unioni ecc., e aziende speciali su cui esercita controllo Sistema premiante: riduzione obiettivo di Patto 2012 per 20 milioni (NON enti <5.000) Bottom up: decreti integrativi/correttivi per analisi effetti, verifica di rispondenza, individuare criticità 11

12 La fase di sperimentazione flessibile (ritardo del decreto, implicazioni gestionali e organizzative): possibilità di rinvio (delibera di Giunta) al 2013 delle disposizioni su contabilità economico-patrimoniale, piano integrato dei conti e bilancio consolidato Riguarda quindi: bilancio di previsione di competenza e di cassa ( in parallelo : autorizzatorio dal 2013) classificazione del bilancio finanziario per (23) missioni e (88) programmi ( in parallelo ) principio di competenza finanziaria breve ( in via esclusiva ) Piano degli indicatori e dei risultati attesi di bilancio? 12

13 La Sperimentazione è esclusiva : soprattutto il principio contabile generale e applicato anche in deroga se non compatibili - alle disposizioni previgenti (TUEL e RECO) da modificare solo in seguito quindi non un doppio sistema contabile se non per i bilanci Doppio bilancio (e relative variazioni) presentate insieme al Consiglio, che vota solo su autorizzatorio; per le variazioni il DPCM vale dal

14 La Sperimentazione è positiva : verificare l applicazione del principio generale della competenza finanziaria potenziata, definirne la disciplina ed apprezzarne le potenzialità (Relazione MEF alla Camera, 23 maggio 2013) abbreviata : adeguamento COPAFF del 118/2011 ai risultati del solo primo anno, per garantire entro luglio 2013 i decreti integrativi (+ nuovo TUEL) frustrata?: azione indispensabile ma il contesto non aiuta (D.C. Finanza Locale), attesa l evidente discrasia della competenza a scadenza con il consolidato criterio della competenza giuridica, ( ) conseguente all adozione del principio del pareggio di bilancio in Costituzione (Corte dei Conti) rinviata : DL n agosto

15 Le modifiche al D.LGs. 118/2011 D.Lgs. 118/2011 DL 102/2013 Nuova contabilità dal 1 gennaio 2014 Nuova contabilità dal 1 gennaio 2015 Sperimentazione 2012/2013 Fondo Svalutazione Crediti Sperimentazione 2012/2014 Possibile sperimentazione nel 2014 (riaccertamento al 1 gennaio 2014) P.C. Programmazione Previsionale unico triennale Fondo Crediti di dubbia esigibilità Premio sul Patto di stabilità interno (da 120 a 465 mil, abolizione premio Enti Virtuosi) Limite assunzioni al 50% (40%) delle cessazioni anno precedente (anziché il 40%); personale T.D. al 60% (50%) del 2009 Riduzione spesa personale: 2013 raffrontato con 2011 anziché

16 Il framework della nuova contabilità D.Lgs. 267/2000 (TUEL) Parte seconda DL 118/11 - Armonizzazione contabilità e bilanci pubblici Principi contabili generali (18): Annualità; unità; universalità; integrità; veridicità, attendibilità, correttezza e comprensibilità; significatività e rilevanza; flessibilità; congruità; prudenza; coerenza; continuità e costanza; comparabilità e verificabilità; neutralità; pubblicità; equilibrio di bilancio; competenza finanziaria; competenza economica; prevalenza della sostanza sulla forma P. C. competenza finanziaria DPCM Sperimentazione Principi contabili applicati: 1. Programmazione 2. Contabilità finanziaria 3. Contabilità ec-patrimoniale 4. Bilancio consolidato 16

17 P.C. sulla competenza finanziaria Si ribadisce che (Osservatorio): contabilità finanziaria principale e fondamentale per autorizzatorietà e rendicontazione competenza finanziaria significa criterio di imputazione agli esercizi delle obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive contenuto autorizzatorio degli stanziamenti del BP BP limite ad impegni (ed accertamenti/incassi per prestiti) acccertamento perfeziona un diritto di credito relativo ad una riscossione da realizzare, impegno è obbligazione giuridicamente perfezionata relativa ad un pagamento da effettuare (e relativi elementi costitutivi) da registrare nelle scritture contabili quando si perfeziona Incassi e pagamenti: stesso esercizio se non regolazioni Ma 17

18 P.C. sulla contabilità finanziaria Ma obbligazioni registrate nelle scritture contabili al momento della nascita dell obbligazione, imputandole all esercizio in cui l obbligazione viene a scadenza esigibilità Esercizio del diritto di credito Permessi a costruire: copertura non idonea degli investimenti, perché prima quota accertata e immediatamente esigibile (rilascio del permesso, anche rateizzazione ma ragionevole e con fidejussione), mentre la seconda accertata ma esigibile in corso d opera (o entro 60 gg. da fine lavori) 18

19 I criteri di accertamento delle entrate Principio contabile n. 2 ruolo, denuncia, autoliquidazione, comunicato il gettito, atto definitivo di accertamento o liquidazione norma di legge o atto amministrativo, sulla base di idonea documentazione Riscossioni, ordinativi di incasso, fatture, contratti, atti autorizzativi, concessivi o accertativi Tributarie Trasferimenti Extra-tributarie Principio contabile applicato esigibilità del credito esercizio finanziario in cui è adottato l atto amministrativo (se non a rendicontazione ) esigibilità del credito. Da servizi pubblici: imputate ad esercizio in cui il servizio è reso all utenza (anche se affidato) 19

20 I criteri di accertamento delle entrate Principio contabile n. 2 sulla base del contratto di mutuo o del provvedimento di concessione del prestito Alienazioni Prestiti Principio contabile applicato Passaggio di proprietà (per gli immobili: rogito e non aggiudicazione definitiva) con imputazione all esercizio di esecuzione dell obbligazione al momento del contratto con imputazione all esercizio nel quale la somma è esigibile (quando il finanziatore la rende disponibile: subito, nei mutui). Interessi attivi: imputabili all esercizio precedente se incasso 20 prima del rendiconto

21 Esempi di accertamento di entrata: tributarie Principio contabile n. 2 Formato il ruolo o acquisita la denuncia ricevuto il versamento in autoliquidazione Principio contabile applicato Ruolo ordinario: nell esercizio in cui è emesso (ma FCDE) Ruolo coattivo: entrata già accertata/imputata; sanzioni e interessi accertati per cassa (anche ad es. precedente se prima del Rendiconto) per autoliquidazione: sulla base delle riscossioni effettuate entro il rendiconto o per un importo non superiore a quello stimato dal Dipartimento Finanze (con evidenziazione della quota di avanzo costituita con tali residui) 21

22 Esempi di accertamento di entrata: tributarie Principio contabile n. 2 Principio contabile applicato Comunicato il gettito dal soggetto legalmente competente Riscosse attraverso Stato o altra AP: nell esercizio in cui è adottato il corrispondente atto di impegno nel loro bilancio Atto definitivo di accertamento o liquidazione dell ufficio fiscale competente 22

23 Quindi, una sanzione da violazione del CdS: previsioni di accertamento per cassa previsioni di notifiche : stima iniziale del FCDE come % delle somme storicamente non riscosse rispetto alle somme notificate accertamento alla data di notifica del verbale in quanto rende l obbligazione esigibile (aggio tra le spese); iscrizione a ruolo (60 giorni): integrato l accertamento originario archiviate/annullate: riduzione accertamento originario pagamento immediato: accertamento per cassa revisione dell accertamento originario: periodicità stabilita dall ente o in sede di salvaguardia degli equilibri di bilancio e di assestamento 23

24 Esempi di impegno di spesa: personale Principio contabile n. 2 Impegno automatico per il tabellare. Accantonamento prudenziale per i contratti scaduti e non rinnovati. Accantonamento per le competenze accessorie maturate ma liquidate l esercizio successivo Correlazione Entrate/ Spese??? Principio contabile applicato Automaticamente ad inizio esercizio per il tabellare (anche se comandato e pagato da altra PA), con prenotazione sul BP Rinnovi: nell esercizio in cui è firmato il contratto, previo accantonamento (facoltativo) confluito nell avanzo Accessorio: stanziato alla sottoscrizione contrattazione, ma imputato all esercizio in cui è liquidato 24

25 Esempi di impegno di spesa: beni e servizi Principio contabile n. 2 Principio contabile applicato Impegno assunto per l intero ammontare dell obbligazione perfezionata contrattualmente. Le somme non pagate al termine dell esercizio: tra i residui passivi anche qualora la prestazione contrattuale non sia stata eseguita in tutto od in parte Correlazione Entrate/ Spese??? Per la spesa corrente: nell esercizio in cui risulta adempiuta completamente la prestazione da cui scaturisce l obbligazione (consumo economico, e non per procrastinare l imputazione). Nel BP (o anche oltre): per la quota annuale di fitti e somministrazioni periodiche. 25

26 Esempi di impegno di spesa: investimenti impegnate negli esercizi in cui scadono le singole obbligazioni da contratto o convenzione, sulla base del cronoprogramma Se cambia cronoprogramma, variazione di bilancio e riaccertamento degli impegni Più in generale: copertura finanziaria degli impegni imputati a più esercizi predisposta fin dal primo impegno e con riferimento all importo complessivo (inclusi interessi passivi) in sede di verifica equilibri di bilancio ed assestamento generale, dare atto aver verificato andamento lavori pubblici Ministeri: in via sperimentale , obbligo dei dirigenti di predisporre un piano finanziario dei pagamenti su tutti i capitoli (anche spese fisse) 26

27 Esempio di cronoprogramma Comune di Vicenza Registrazione: Anno di imputazione Anno di pagamento / riscossione Controllo di cassa , ,00 OK x Impegno di spesa , OK , ,00 OK Accertamento di entrata ,00 OK Tot ,00 N.: Data: Cap. n.: OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK OK 5.000,00 OK 5.000,00 27

28 Copertura degli investimenti Entrate imputate all esercizio in corso: destinate per legge alienazioni patrimoniali crediti e concessioni edilizie avanzo di parte corrente Entrate imputate anche agli esercizi successivi: trasferimenti discrezionali mutui in un unica soluzione o finanziamenti flessibili Avanzo accertato di amministrazione: dopo DFB, riequilibrio corrente e fondo svalutazione Spese imputate agli esercizi successivi Correlazione Entrate/ Spese??? 28

29 Con Mutuo Flessibile Entrate t Spese TITOLO VI Accensione prestiti Missione 04 Istruzione e diritto allo studio Tipologia 300 Categoria Accensione Mutui e altri fin. a m/l t. Accensione Mutui e altri fin. a m/l t. Programma Macroaggregato 202 Scuola dell infanzia Investimenti fissi lordi Capitolo? Mutuo Flessibile 100 Capitolo? Scuola Scritture di esercizio nell anno t: alla firma del contratto, accertamento di entrata per 100 imputata a t, t+1, t+2 e t+3 all approvazione della gara, impegno di spesa imputato a t, t+1, t e t+3

30 Con Mutuo Tradizionale: nel bilancio di previsione Entrate t Spese TITOLO VI Accensione prestiti Missione 04 Istruzione e diritto allo studio Tipologia 300 Accensione Mutui e altri fin. a m/l t. Programma Scuola dell infanzia Categoria Accensione Mutui e altri fin. a m/l t. 400 Capitolo? Scuola 100 Capitolo? Mutui Capitolo? Fondo pluriennale vincolato per la scuola X esercizio t

31 Con Mutuo Tradizionale: nel bilancio pluriennale Entrate t+1 Spese Missione 04 Istruzione e diritto allo studio Programma Scuola dell infanzia Capitolo? Scuola 100 Fondo pluriennale vincolato per spese in c/ capitale 300 Capitolo? Fondo pluriennale vincolato per la scuola esercizio t

32 Con Mutuo Tradizionale: nel bilancio pluriennale Entrate t+2 Spese Missione 04 Istruzione e diritto allo studio Programma Scuola dell infanzia Capitolo? Scuola 100 Fondo pluriennale vincolato per spese in c/ capitale 200 Capitolo? Fondo pluriennale vincolato per la scuola esercizio t

33 Re-imputazione degli impegni assunti nel 2012 e FPV (art.14 DPCM 23 giugno 2011 n. 118) in milioni Ø residui passivi di parte corrente reimputati tramite fondo 0,6 Ø residui passivi parte capitale reimputati 57,9 - Ø residui attivi parte capitale reimputati 19,6 = Ø fondo pluriennale vincolato di parte capitale 38,3

34 Re-imputazione dei residui e FPV (ai sensi dell'art. 14 del DPCM ) In milioni Reimputazioni residui attivi Titolo IV 19,0 0,5 0,1 Fondo Pluriennale parte corrente 0, Fondo Pluriennale parte capitale 38,3 16,2 6,8 1,7 Totale Entrate 57,8 16,7 7,0 1,7 Reimputazioni al Titolo I 0,6 0 Reimputazioni al Titolo II 41,1 9,8 5,3 1,7 Fondo Pluriennale parte corrente Fondo Pluriennale parte capitale 16,2 6,9 1,7 0 Totale Spese 57,8 16,7 7,0 1,7

35 Esempio ARCONET di FPV Contributo statale esigibile con rate costanti da 10 mln in 15 anni per O.P. a compimento in 3 anni con SAL definitivo in 5 anni da n a n+14 = Trasferimenti titolo IV previsioni/ accertamenti per 10 mln annui; previsione annuale di cassa pari a 10 mln, nessun residuo attivo da n a n+4 = Entrate Titolo IV previsioni/ accertamenti per 20 mln annui; previsione di cassa pari a 20 mln annui da n a n+4 = Spese Investimento Titolo II previsioni/impegni per 30 mln annui; previsione di cassa pari a 30 mln annui, nessun residuo passivo 35

36 Competenza finanziaria (p. applicato) E I RESIDUI?: Il p.c. ne parla solo in termini di svalutazione crediti Gli sperimentatori provvedono nel 2013 (o 2012) al riaccertamento, conservano solo le entrate/spese esigibili nell esercizio ma non incassate/pagate, re-imputano immediatamente le entrate/spese accertate/impegnate ma non esigibili nell esercizio considerato Se residui passivi eliminati > residui attivi eliminati, costituzione per la differenza del c.d. fondo pluriennale vincolato, per la copertura delle spese re-imputate Spending review: Fondo svalutazione obbligatorio già dal 2012 per almeno il 25% residui Titoli I e III > 5 anni Corte dei Conti: rendiconto Molise bocciato per incostituzionalità (art. 117 coordinamento finanza pubblica) 36

37 Competenza finanziaria (p. applicato) Procedura più definita sui crediti : accertate per intero anche le entrate di dubbia e difficile esazione (sanzioni stradali, oneri di urbanizzazione, evasione), in deroga al p.c. della prudenza accantonamento obbligatorio al fondo, almeno per tipologia: non più RECO ma procedura di calcolo (slide successiva) Accantonamento non è impegno ma un economia (Fondo rischi) che confluisce come quota vincolata nell avanzo NO: trasferimenti pubblici, crediti con fidejussione, accertamenti per cassa, tutti i crediti non considerati di dubbia e difficile esazione (Relazione al bilancio) vincolo di destinazione al fondo anche se risultato di amministrazione incapiente: possibilità di copertura sul pluriennale (primo anno), spesa a se stante nel BP (da t+1) 37

38 Il rafforzato ruolo del FSV/FCDE FSC nel preventivo FSC in assestamento Dimensione e natura dei crediti, e andamento della riscossione negli ultimi 5 anni (media incassi/ accertamenti per ogni tipologia di entrata); graduale (50/75/100% - all. 7-f) FSC a consuntivo Residui a fine esercizio X % media accertamenti non riscossi ultimi 5 esercizi Se FSC non adeguato, Avanzo non utilizzabile Se residuo inesigibile, si riduce Avanzo vincolato 38

39 Il FSV ora FCDE/segue Media incassi/accertamenti: Nel primo esercizio, incassi c/competenza e c/residui Per le entrate accertate per cassa, in maniera extracontabile (ruoli ordinari/incassi ordinari e coattivi) Per le nuove entrate, prudenza! Anche svalutazioni maggiori, non minori Modalità di calcolo uguale o differenziata per tipologia Media semplice Media ponderata (0,35 per t-1 e t-2; 0,10 per t-3, t-4 e t-5); dal secondo anno i pesi si applicano da t-1 a t-4 Esempio numerico: Media di incasso sanzioni CdS: 55% FCDE: il 45% (450 ) degli stanziamenti di t (1.000 ) 39

40 Il FSV ora FCDE/segue All Assestamento: Media di incasso sanzioni CdS: 55% FCDE: il 45% (450 ) degli stanziamenti di t (1.000 ) Assestamento: stanziamenti 1.000, accertamenti 1.200, incassi 500 Incassi/stanziamenti: 50% Incassi/accertamenti: 41,7% Se la minore delle due % è inferiore alla % del FCDE (41,7% < 55%), la % del FCDE va applicata al maggiore tra stanziato e accertato (1.200 ) 45% di = 540 Variazione di bilancio: +90 FCDE e (per il pareggio di bilancio) stanziamenti 40

41 Il FSV ora FCDE/segue Ad Agosto (variazione stanziamento): Media di incasso sanzioni CdS: 55% FCDE: il 45% (450 ) degli stanziamenti di t (1.000 ) Assestamento: stanziamenti 2.400, accertamenti 2.000, incassi Incassi/stanziamenti: 62,5% Incassi/accertamenti: 75% Se la minore delle due % è superiore alla % del FCDE (62,5% > 55%), tale % va applicata al maggiore tra stanziato e accertato (2.400 ) 37,5% di = 900 Variazione di bilancio: +360 FCDE 41

42 Il FSV ora FCDE/segue Assestamento generale (variazione accertamento): Media di incasso sanzioni CdS: 55% FCDE: il 45% (450 ) degli stanziamenti di t (1.000 ) Assestamento: stanziamenti 2.400, accertamenti 2.200, incassi Incassi/stanziamenti: 83,3% Incassi/accertamenti: 90,9% Se la minore delle due % è superiore alla % del FSV (83,3% > 62,5%), tale % va applicata al maggiore tra stanziato e accertato (2.400 ) 16,7% di = 401 Variazione di bilancio: -499 FCDE 42

43 stanziamen accertat incassat F.do sval. Credi % to o o ti fondo BP % Assestamen to % Agosto ,5 % 16,7 Ottobre % 43

44 Rendiconto 2012 Livorno Fondi vincolati/accantonati ,20 Fondi per il finanziamento delle spese in c/capitale ,08 Fondi di ammortamento 0,00 Fondi non vincolati 0,00 Totale ,28 Economie su reimp. di entrate a destinaz. vincolata, avanzo vincolato non riapplicato ,42 Maggiori entrate a destinazione vincolata ,55 Fondi pluriennali vincolati ,53 Fondo svalutazione crediti ,39 Fondo svalutazione crediti sperimentazione ,31 Totale ,20 44

45 Il bilancio di previsione di competenza e (annuale) di cassa autorizzatorio degli impegni di spesa e dei pagamenti (tranne servizi c/terzi e anticipazioni di tesoreria, limitato dalla Giunta), su tutti gli esercizi Drastica revisione di struttura e denominazioni Lato Spesa: corrente o in c/capitale, rispetto a funzioni servizi e interventi (attuale); per missioni e programmi, rispetto a corrente o in c/capitale (sperimentazione) Trasparente (lettura, comparabilità e aggregazione): osservando le politiche sociali, quale spesa corrente per infanzia e minori? Variazioni di bilancio: flessibilità e riqualificazione della spesa 45

46 La nuova struttura dell entrata I livello PdC Titoli Tipologie Categorie La fonte La natura L oggetto Unità di voto III o II livello PdC IV o III livello PdC Capitoli Unità elementare da suddividere in articoli PEG e rendiconto 46

47 La nuova struttura della spesa Missioni Programmi Titoli* Macro aggregati Capitoli Obiettivi strategici Politiche di settore Aggregati omogenei di attività Principali aggregati Natura economica (primi 4 titoli) Unità elementare da suddividere in articoli PEG e rendiconto Unità di voto Classificazione COFOG I livello PdC Classificazione economica e funzionale secondo SEC95 II livello PdC 47

48 LE VARIAZIONI DI BILANCIO Spettano al CC ad eccezione di: Compensazioni tra missioni e programmi solo spese di personale Compensazioni tra categorie stessa tipologia e tra macroaggregati stesso programma Stanziamenti di cassa, prelievi fondo di riserva per spese impreviste Compensazioni tra capitoli della stessa categoria e stesso macroaggregato GIUNTA COMUNALE GIUNTA (se Re.co.) GIUNTA (se Re.Co.) DIRIGENTI (se Re.Co.) 48

49 TITOLO I Tributarie TITOLO I TITOLO II Contributi e trasferimenti pubblici TITOLO II Correnti di natura tributaria e contributiva Trasferimenti correnti TITOLO III Extratributarie TITOLO III Extratributarie TITOLO IV Alienazioni, trasferimenti di capitale e riscossioni di crediti TITOLO IV In conto capitale TITOLO V Accensioni di prestiti TITOLO V TITOLO VI da riduzione di attività finanziarie Accensione prestiti TITOLO VII Anticipazioni da tesoriere/ cassiere TITOLO VI Servizi per c/terzi TITOLO IX per c/terzi e partite di giro 49

50 TITOLO I Correnti TITOLO I Correnti TITOLO II In c/capitale TITOLO II In c/capitale TITOLO III per incremento di attività finanziarie TITOLO III Rimborso prestiti TITOLO IV Rimborso di prestiti TITOLO V Chiusura anticipazioni ricevute da tesoriere/ cassiere (solo Missione 60) TITOLO IV Servizi per c/ terzi TITOLO VII per c/terzi e partite di giro (solo Missione 99) 50

51 TITOLO I Correnti di natura tributaria e contributiva TITOLO II Trasferimenti correnti TITOLO I Correnti TITOLO III Extratributarie TITOLO IV In conto capitale TITOLO II In conto capitale TITOLO V da riduzione di attività finanziarie TITOLO III da incremento di attività finanziarie TITOLO VI Accensione prestiti TITOLO IV Rimborso di prestiti TITOLO VII Anticipazioni da tesoriere/cassiere TITOLO V Chiusura anticipazioni da tesoriere/cassiere TITOLO IX per c/terzi e partite di giro TITOLO VII per c/terzi e partite di giro 51

52 1 Personale 1 Redditi da lavoro dipendente 7 Imposte e tasse 2 Imposte e tasse a carico dell ente 2 Acquisto di beni di consumo 3 Prestazioni di servizi 3 Acquisto di beni e servizi 4 Utilizzo di beni di terzi 4 Trasferimenti correnti 5 Trasferimenti correnti 5 Trasferimenti di tributi 6 Fondi perequativi 6 Interessi passivi e oneri finanziari diversi 8 Oneri straordinari della gestione corrente 7 Interessi passivi 8 Altre spese per redditi da capitale 9 Ammortamenti di esercizio 10 Fondo svalutazione crediti 11 Fondo di riserva 9 Altre spese correnti (NO ammortamento finanziario) 52

53 Il confronto dal lato delle entrate ATTUALE SPERIMENTAZIONE TITOLO I Tributarie TITOLO I Correnti di natura tributaria e contributiva 101 Imposte CATEGORIA TIPOLOGIA 10101* RISORSA ICI CATEGORIA Tributi diretti ICI 53

54 Il confronto dal lato delle spese ATTUALE SPERIMENTAZIONE TITOLO I Spese correnti MISSIONE 1 Servizi istituzionali, generali e di gestione 101 FUNZIONE SERVIZIO INTERVENTO Amministrazione, gestione e controllo Anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio statistico Personale PROGRAMMA 07 TITOLO I 101 MACRO- AGGREGATO Elezioni e consultazioni popolari - Anagrafe e stato civile Spese correnti Redditi di lavoro dipendente 54

55 Entrate: raccordo BP/PdC Bilancio di Previsione Piano dei Conti 1 TITOLO I Tributarie TIPOLOGIA Tributi diretti Tributi CATEGORIA IMU (Capitolo) PEG IMU riscosso in via ordinaria (Articolo) COEC-PATR 55

56 Il confronto dal lato delle spese Bilancio di Previsione Piano dei Conti TITOLO I Spese correnti MACRO- Redditi di AGGREGATO lavoro dipendente Retribuzioni lorde (non denominato) PEG COEC-PATR Retribuzioni in denaro (Capitolo) Stipendi personale a T.I. (Articolo)

57 Il Piano dei Conti integrato Unico (adattato ai singoli comparti), obbligatorio (solo per enti in co.fin.) e modulato sul monitoraggio finanza pubblica Rinviabile sebbene i nuovi schemi ne siano il frutto Contabilità integrata che parte dalla finanziaria per vincolo normativo (non necessaria la P.D.), garantendo la rilevazione unitaria dei fatti gestionali Registrazione nel Piano Finanziario che la consente anche a CE e SP (tranne permutazioni finanziarie e voci ec-patr non alimentate in finanziaria) Ottenendo anche Prospetto variazioni di patrimonio, Rendiconto Finanziario, Nota Integrativa e Consolidato Incoerenza di Codifica ( per ragioni di significatività di rappresentazione nello schema di bilancio ) 57

58 Codifica e tracciabilità delle operazioni Completa per la tracciabilità Operazioni monetarie e non Atto gestionale Transazione elementare Codifica NO al criterio della prevalenza Piano dei Conti NO imputazione provvisoria a partite di giro NO impegni su fondi di riserva 58

59 CODIFICA TRANSAZIONE Costi per le funzioni (standard) Art. 5/9 e 14 D.lgs.118/2011, Art. 13 e All. 2 DPCM Su tutte le operazioni gestionali (mandati e reversali) Codice Missione e Programma (all. 9) Struttura della codifica Codice entrata/spesa ricorrente/non Codice Piano dei conti (all. 6) C.U.P. Codice COFOG 2^ livello Codice transazione UE SIOPE 59

60 Interazioni tra soggetti differenti MONETARIE NON MONETARIE TIPOLOGIA DI TRANSAZIONE Incidono sulla gestione finanziaria, economica e patrimoniale Sono le operazioni già presen/ nell a0uale sistema di bilancio Rispe0ano le a0uali regole del TUEL Influenzano la nuova gestione del bilancio di cassa e del piano integrato dei conti Se non esiste il sinallagma l operazione non è considerata transazione e quindi non rileva contabilmente (fur9, calamità etc.) Esempi di operazioni Rilevano anch esse ai fini finanziari ed economico/ patrimoniali Rilevate con regolarizzazioni contabili (impegni per accertamen9 di pari importo o manda9 in quietanza di entrata) Trasferimenti +/- Permute +/- Scomputi +/- Conferimenti 60

61 La sperimentazione sul Bilancio Consolidato 1. Graduale: possibilità di rinvio al 2013 delle disposizioni su contabilità economico-patrimoniale, piano integrato dei conti e bilancio consolidato 2. Facoltativo: < abitanti 3. Ampio (Gruppo dell amministrazione pubblica): enti ed organismi strumentali, aziende, società controllate e partecipate (a partecipazione pubblica totale in house, estendibile a partecipazione del 20%) 4. Civilistico: consuntivo (30 giugno) formato da SP, CE, Relazione sulla gestione con NI, Relazione CS; rinvio a OIC fondamentale la contabilità economicopatrimoniale!!! 61

62 Road map per il bilancio consolidato 1. Attività preliminari al consolidamento a. Individuazione degli enti b. Comunicazioni ai componenti del gruppo 2. Elaborazione del bilancio consolidato a. rendere uniformi i bilanci da consolidare b. eliminazione operazioni infragruppo c. identificazione quote di pertinenza di terzi d. consolidamento dei bilanci 3. La nota integrativa al bilancio consolidato 62

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

Audizione su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni

Audizione su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni su Armonizzazione dei bilanci degli enti territoriali e sistema contabile delle Regioni 2014 Commissione Parlamentare per l attuazione del Federalismo fiscale 27/11/2014 SEZIONE DELLE AUTONOMIE AUDIZIONE

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa

Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica e procedure di spesa Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Il Bilancio dello Stato: aspetti teorici, principali documenti di contabilità pubblica

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli