Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia"

Transcript

1 Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban, Giuseppe Mauri, Massimo Gallanti INTRODUZIONE Negli ultimi anni si sono succeduti più provvedimenti per incentivare la produzione di energia da conversione fotovoltaica (FV). Tale incentivazione nota come Conto Energia ha l obiettivo di ripagare il maggior costo dell energia prodotta dagli impianti FV rispetto all energia prodotta da fonti fossili convenzionali (es. cicli combinati a gas). Con il susseguirsi dei provvedimenti di incentivazione, il valore dell incentivo per l energia FV prodotta è andato progressivamente riducendosi. Con il Quinto Conto Energia, attualmente in vigore, è cambiato il meccanismo di incentivazione. Mentre con i precedenti provvedimenti veniva incentivata allo stesso modo tutta l energia prodotta e si poteva usufruire dello scambio sul posto (ovvero era possibile e vantaggioso utilizzare la rete elettrica come un accumulo di energia infinito), con il Quinto Conto Energia è stato eliminato lo scambio sul posto e introdotta l incentivazione dell autoconsumo, cioè dell energia FV che viene contestualmente consumata là dove è collocato l impianto FV. Per aumentare la frazione di autoconsumo del FV è possibile utilizzare gli accumuli di energia posti nella rete elettrica dell utente. L acquisto e l utilizzo di un sistema di accumulo diviene economicamente conveniente quando i benefici economici derivanti dall incremento di energia autoconsumata per effetto del sistema di accumulo sono in grado di ammortizzare l investimento nel sistema di accumulo prima che esso arrivi a fine vita. Questo articolo esegue una valutazione economica sulla convenienza economica di un sistema di accumulo integrato con un sistema di produzione FV da 3 kw presso un cliente domestico e individua la taglia ottimale del sistema di accumulo nei casi in cui esso risulta economicamente conveniente. INQUADRAMENTO NORMATIVO Il cosiddetto Quinto Conto Energia è stato introdotto con il Decreto Ministeriale del 5 luglio Esso ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica, che sono entrate in vigore il 27 agosto Il Quinto Conto Energia cesserà di applicarsi decorsi 30 giorni solari dalla data in cui si raggiungerà un costo cumulato degli incentivi 2 di 6,7 miliardi di euro l anno. 1 Ovvero decorsi 45 giorni solari dalla data di pubblicazione della deliberazione con cui l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha determinato, su indicazione del GSE, il raggiungimento di un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi pari a 6 miliardi di euro(deliberazione AEEG 12 luglio 2012, 292/2012/r/efr) 2 Comprensivo dei costi impegnati dagli impianti iscritti in posizione utile nei Registri, che sarà comunicata dall AEEG - sulla base degli elementi forniti dal GSE attraverso il proprio Contatore fotovoltaico - con un apposita deliberazione.

2 Rispetto alle precedenti versioni del Conto Energia, il Quinto Conto introduce il meccanismo della tariffa onnicomprensiva per l energia FV immessa in rete: si tratta di una tariffa che accorpa in sé sia il valore dell'incentivazione sia quello dell'energia ceduta alla rete. La tariffa onnicomprensiva si applica quindi alla sola energia FV immessa in rete. L'energia che invece non viene immessa ma è autoconsumata gode di un incentivo definito premio per l'autoconsumo. Nei precedenti Conti Energia, invece, la tariffa incentivante era applicata su tutta l'energia prodotta dall'impianto, indipendentemente dall'uso che ne veniva fatto (cessione alla rete o autoconsumo). Utilizzando un tecnicismo, è corretto affermare che con il Quinto Conto Energia si è passati da un meccanismo di incentivazione di tipo di feed in premium ad uno di tipo feed in tariff. Il valore della tariffa onnicomprensiva e del premio per l'autoconsumo varia in funzione della potenza dell'impianto (gli impianti piccoli godono di una tariffa più alta) e del sito di installazione. Il valore dell incentivo si riduce con cadenza semestrale. Sia la tariffa onnicomprensiva che quella per l'autoconsumo possono essere maggiorate se si realizzano impianti in sostituzione dell'eternit (+0,03 /kwh) e se si utilizzano materiali europei (+0,02 /kwh). Le due maggiorazioni sono cumulabili. L'IMPORTANZA DI AUTOCONSUMARE L'ENERGIA PRODOTTA Il passaggio al nuovo meccanismo di incentivazione basato su tariffa onnicomprensiva e al premio per l autoconsumo ha importanti ripercussioni sull impiego che l utente fa dell energia FV prodotta dal proprio impianto. Diviene molto importante valutare la quota di autoconsumo sul totale dell'energia prodotta: maggiore è questa quota, maggiore sarà la redditività dell'impianto. Ancorché il solo incentivo per l'autoconsumo sia inferiore al valore della tariffa onnicomprensiva, il vantaggio per il cliente che auto consuma l energia FV prodotta cresce significativamente considerando il risparmio che esso ottiene (indicativamente intorno a 0,25 /kwh) per non dover acquistare dalla rete l energia autoprodotta. Facciamo un esempio per chiarire il concetto. Per un impianto su tetto da 3 kwp, il valore della tariffa onnicomprensiva è di 0,208 /kwh e quello del premio per autoconsumo è di 0,126 /kwh. Al premio per l autoconsumo vanno però sommati gli 0,25 /kwh (0,18 più oneri di rete, di sistema e tasse) del valore dell'energia che non viene prelevata dalla rete in quanto sostituita da quella autoprodotta. Per ogni kwh di energia da FV autoconsumata, si avrà un beneficio economico complessivo di 0,376 /kwh, superiore di circa l 81% rispetto al valore della tariffa onnicomprensiva. Diviene quindi fondamentale per il consumatore dotato di impianto FV incrementare la quota di autoconsumo al fine di massimizzare la redditività del proprio impianto. Per farlo, può spostare i consumi elettrici nelle ore di funzionamento dell'impianto fotovoltaico, vale a dire nelle ore diurne. Ciò però comporta un cambiamento nello stile di vita delle famiglie, che consumano l energia elettrica prevalentemente nelle ore serali. Lo stesso risultato può essere conseguito dotando l impianto FV di un sistema di accumulo che, nelle ore in cui l energia prodotta dall impianto FV eccede il consumo, immagazzina l energia in eccesso per poi renderla disponibile quando la richiesta di energia dell utente supera quella prodotta dal FV. Per meglio comprendere il concetto di autoconsumo e della sua massimizzazione facciamo riferimento alla Figura 1, dove, con riferimento ad un cliente domestico dotato di impianto FV, è mostrata una rappresentazione grafica dell energia prelevata dalla rete (area rossa), dell energia prodotta dall impianto FV e auto consumata (area verde) e dell energia prodotta dall impianto FV e immessa in rete (area gialla).

3 Figura 1: esemplificazione del concetto di energia prodotta, autoconsumata ed immessa in rete La somma delle aree rossa e verde rappresenta l energia complessivamente consumata dall utente, mentre la somma delle aree verde e gialla rappresenta l energia prodotta dall impianto FV. In figura si vede che il giorno 5 tutta l energia prodotta risulta essere autoconsumata, mentre nel giorno successivo solo un 70% circa dell energia prodotta viene autoconsumata. L introduzione di un accumulo permette di spostare la parte di energia prodotta ma non autoconsumata in ore della giornata in cui si ha un consumo di energia senza una contemporanea produzione FV. Tale periodo è rappresentato dalle ore serali della giornata (si veda ad esempio il picco attorno alle 19 del giorno 6). Spostando la quota parte di energia prodotta ma non autoconsumata nelle ore in cui il fabbisogno di energia supera la produzione FV, aumenta la percentuale di energia autoconsumata, e quindi, in virtù della forma di incentivazione introdotta con il Quinto Conto Energia, la reddittività dell impianto (si veda la Figura 2, in cui l energia immessa in rete nel giorno 6 è stata spostata nelle ore serali permettendo di abbattere il picco di energia assorbita dalla rete).

4 Figura 2: Spostamento dell'energia immessa in rete nelle ore serali e conseguente abbattimento del picco di prelievo di energia dalla rete VALUTAZIONE DELLA QUOTA DI AUTOCONSUMO Al fine di valutare il contributo che potrebbero fornire gli accumuli, è necessario stimare la quota di autoconsumo che un cliente domestico dotato di impianto FV già consegue senza far ricorso ad un sistema di accumulo o a modifiche della propria curva di consumo elettrico. A tal fine si è fatto riferimento ai dati di monitoraggio dei consumi di energia elettrica su base oraria nell anno 2011 di circa 1000 clienti domestici distribuiti sul territorio italiano, e ai dati relativi alla produzione fotovoltaica oraria, aggregati per area geografica, del I dati dei consumi fanno parte delle informazioni utilizzate da RSE per lo studio sull impatto della tariffa bioraria sulla curva dei consumi domestici, svolto per conto dell Autorità per l energia elettrica ed il gas. Tra i circa clienti domestici monitorati, sono stati considerati solo quelli per i quali era disponibile la curva di consumo per l intero anno. Questa scrematura ha portato all individuazione di 399 clienti. Una prima analisi ha permesso di ricavare la suddivisione degli utenti in base alle 4 fasce di consumo annue fissate dall Autorità (Figura 3).

5 Figura 3: Suddivisione dei clienti in base al consumo annuo Per ogni cliente del campione si conosce inoltre l area geografica di appartenenza (Nord, Centro, Sud, Sicilia e Sardegna). Questo dato permette di associare il cliente ad un profilo di produzione FV coerente con la sua collocazione geografica. Per quanto riguarda la produzione FV, si è fatto uso dei valori orari di produzione aggregati per area geografica, correlando tali valori con la potenza FV installata nell area geografica nello stesso periodo a cui si riferiscono i dati di produzione. Rapportando l energia oraria prodotta in un area geografica con la potenza FV installata in quell aerea si è ricavato il fattore di produzione orario medio per ciascuna area geografica, costituito da un vettore di 8760 valori orari compresi tra 0 e 1. Tale fattore di produzione permette di stimare, su base oraria, la potenza generata da un qualsiasi impianto fotovoltaico in ciascuna delle cinque aree geografiche considerate. In Figura 4 è mostrata la curva di produzione media annua, aggregata per area geografica, di un impianto fotovoltaico da 3 kwp. Le produzioni mensili mostrate nel grafico di Figura 4 sono state ottenute integrando su base mensile le curve

6 di produzione orarie ottenute applicando il fattore ad un impianto di potenza pari a 3 kwp. Come è facile intuire, i picchi di produzione si hanno nei mesi estivi e sono più marcati al sud e nelle isole. Figura 4: Curva di produzione media annua per un impianto da 3 kwp I profili di consumo orario di ogni singolo cliente vengono quindi messi in relazione con i profili di produzione stimati di un ipotetico impianto FV collocato presso il cliente, ottenendo così la quota di autoconsumo di ciascun cliente. In Figura 5 è mostrata l aggregazione dei clienti in funzione della percentuale di autoconsumo raggiunta da ciascun cliente. Come si vede la maggior parte dei clienti avrebbe una quota di autoconsumo dell energia FV prodotta compresa tra il 20% ed il 45%. Figura 5: Aggregazione degli utenti in base alla percentuale di autoconsumo

7 L USO DELL ACCUMULO PER AUMENTARE LE QUOTE DI AUTOCONSUMO L integrazione di un sistema domestico di accumulo in un impianto FV permette di recuperare una parte dell energia prodotta in eccesso rispetto alle necessità di consumo dell utente, evitando quindi di immetterla in rete, per impiegarla per autoconsumo in un periodo successivo della giornata, nel quale l impianto FV non produce a sufficienza per soddisfare la domanda dell utente. L accumulo deve quindi essere dimensionato in base all energia prodotta in eccesso, facendo quindi riferimento alla specifica curva della domanda del cliente. Per determinare la taglia ottima del sistema di accumulo, cioè la dimensione dell accumulo in grado di massimizzare il ritorno economico dell utente, è stato messo a punto l algoritmo rappresentato in Figura 6. Figura 6: Rappresentazione black box dell algoritmo L algoritmo prende in ingresso i dati orari di consumo e di produzione FV dello specifico utente, per un periodo di un anno, e genera gli andamenti temporali degli scambi ottimali di energia con il sistema di accumulo, oltre ai flussi economici derivanti dallo scambio di energia con la rete e ottenuti dagli incentivi previsto dal Quinto Conto Energia. L algoritmo è inoltre parametrizzabile relativamente ai parametri dell accumulo (es., rendimento e DOD 3 ) e alle tariffe dell energia elettrica. Le tariffe utilizzate nella simulazione sono quelle fornite dall autorità e sono aggiornate al gennaio LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI ACCUMULO La logica di funzionamento del sistema di accumulo considerata in questo studio è estremamente semplice, ma al contempo molto efficace. In pratica, istante per istante, se la potenza prodotta dall impianto è maggiore di quella consumata dall utente, l energia in eccesso viene stoccata nell accumulo. Se l accumulo 3 DOD: profondità di scarica della batteria (Depth Of Discharge)

8 risulta essere carico al suo valore massimo, l energia prodotta in eccesso viene immessa in rete. Quando la potenza generata dall impianto è minore di quella consumata dall utente, l energia mancante viene fornita dall accumulo. Qualora l energia contenuta nel sistema di accumulo non sia sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell utente, la quota mancante viene prelevata dalla rete elettrica. Con questa logica di funzionamento, l accumulo eroga energia elettrica quando la produzione da parte dell impianto scende al di sotto del consumo dell utente. Questa situazione accade tipicamente nel tardo pomeriggio, cioè in un orario in cui il prezzo dell energia è più alto. Nella Figura 7 viene mostrata una esemplificazione grafica di quanto appena spiegato. In questo esempio la taglia dell accumulo considerata è pari a 3,5 kwh. Come si può notare, intorno alle 17 del primo giorno si ha una saturazione dell accumulo, e quindi l energia prodotta in eccesso viene immessa in rete. Tra le 19 e le 23 circa tutta l energia richiesta dall utente viene fornita dall accumulo mentre tra le ore 11 e le 14 la produzione FV è tale sia da soddisfare i consumi dell utente, sia da caricare l accumulo. Da notare il vincolo sulla minima carica residua che l accumulo deve mantenere per non danneggiarsi; in questa esemplificazione, al fine di meglio evidenziare gli andamenti delle grandezze in Figura 7 è stato posto un DOD pari al 95%, che comporta una carica minima residua pari a 0,175 kwh. Nelle simulazioni che seguono è stato invece utilizzato un DOD più realistico, pari all 80% e un rendimento del ciclo di carica/scarica pari all 85%. Commento [P1]: In analogia alle figure precedenti cambierei assorbimento dalla rete in prelievo dalla rete Figura 7: Andamenti temporali delle grandezze elettriche di interesse (capacita accumulo pari a 3,5 kwh) Si noti che nella logica di funzionamento illustrata si è ipotizzato che il sistema di accumulo sia in grado, istante per istante, di erogare tutta la potenza richiesta dall utente. In questo scenario il sistema di accumulo deve quindi essere dimensionato per poter erogare la potenza massima contrattuale dell utente (tipicamente 3 kw). Per gestire l accumulo si possono ovviamente applicare altre logiche di funzionamento. Per esempio si può ripartire l energia accumulata tra le ore del tardo pomeriggio e quelle della prima mattina (ore piene), per minimizzare l assorbimento dalla rete nelle ore con tariffa più alta. La sperimentazione di ulteriori algoritmi è attualmente in fase di studio.

9 VARIAZIONE DELLE QUOTE DI AUTOCONSUMO Tramite l impiego del sistema di accumulo con la logica descritta precedentemente è possibile incrementare la quota di autoconsumo dell energia FV prodotta. In Figura 8 è mostrato questo incremento a partire dalla situazione senza accumulo, sul campione di clienti considerato nello studio. Figura 8: Variazione della percentuale di autoconsumo al variare della capacità del sistema di accumulo Con un accumulo da 4 kwh, che corrisponde alla taglia più idonea a supportare un impianto fotovoltaico domestico da 3 kwp, è possibile incrementare l autoconsumo in media di circa 800 kwh in un anno, con picchi fino a 1100 kwh/anno, e con valori minimi pari a circa 150 kwh/anno. VALUTAZIONE ECONOMICA Il simulatore messo a punto è in grado di stimare, per ciascuno dei clienti del campione, il suo flusso di cassa annuo considerando la produzione fotovoltaica, i consumi dell utente e l energia assorbita dalla rete. Per fare questo, oltre agli andamenti temporali di tali grandezze, è necessario fissare il costo di acquisto dell energia elettrica (Figura 9). A tal fine si è fatto riferimento ai costi della tariffa D2 relativa ad un cliente domestico in regime di maggior tutela, con potenza impegnata di 3 kw.

10 Monoraria TARIFFA Bioraria Quota energia ( /kwh) Fascia unica Fascia F1 Fascia F23 kwh/anno: da 0 a , , ,12867 da 1801 a , , ,18322 da 2641 a , , ,24575 da , , ,29251 Quota fissa ( /anno) 21,6050 Quota potenza ( /kw/anno) 5,6729 Figura 9: Costi di acquisto dell'energia elettrica per cliente in regime di maggior tutela (fonte AEEG) Per ciascun utente il simulatore genera due curve che mettono in relazione la capacita (taglia) del sistema di accumulo con: il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo per effetto del sistema di accumulo il costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo stesso. Un esempio di queste curve è rappresentato nella Figura 10. All aumentare della taglia del sistema di accumulo, cresce l autoconsumo e quindi il beneficio economico dato dall uso del sistema di accumulo. I valori di capacità corrispondenti ai punti in cui la curva del beneficio economico, dovuto all incremento dell autoconsumo, interseca quella del costo di investimento annualizzato dell accumulo, definiscono gli estremi dell intervallo di capacità del sistema di accumulo entro cui il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo è maggiore del costo di investimento annualizzato dell accumulo stesso. La taglia del sistema di accumulo che massimizza la differenza tra il beneficio economico dato dall uso dell accumulo e il suo costo di investimento annualizzato corrisponde alla taglia ottima dell accumulo. Lo studio ha messo in evidenza che il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo è fortemente dipendente dal costo di investimento del sistema di accumulo. Si è assunto di calcolare il costo di investimento tramite una formula binomia, nella quale i due termini sono funzione, rispettivamente, della potenza nominale erogata dal sistema di accumulo (termine legato principalmente al costo dell inverter) e della sua capacità di carica (costo legato al pacco batterie). Inizialmente si è fatto riferimento agli attuali costi della tecnologia di accumulo elettrochimico a ioni di litio, assumendo come termine relativo alla potenza un valore di 1000 per una potenza di 3 kw, e un costo per capacità di carica pari a 700 /kwh. Si è inoltre ipotizzata una vita tecnica del sistema di accumulo di 10 anni. Il costo di investimento annualizzato dell accumulo è stato quindi considerato pari ad 1/10 dei valori precedentemente indicati, trascurando l attualizzazione dei costi di investimento.

11 Commento [P2]: Cambiare in Costo investimento accumulo Beneficio per incremento autoconsumo Figura 10: Esemplificazione della variazione dei flussi economici al variare della taglia dell'accumulo A titolo di esempio, in Figura 11 sono mostrate 4 situazioni tipiche riscontrate nell analisi dell impiego di un sistema di accumulo accoppiato all impianto FV da 3 kw per ciascuno dei 399 clienti domestici considerati. Commento [P3]: Cambiare in Beneficio per incremento autoconsumo Ritorno economico complessivo del sistema di accumulo Costo investimento accumulo Figura 11: Andamenti rappresentativi dei flussi economici (costo di investimento annualizzato dell accumulo pari a 100 /anno + 70 /kwh/anno) Si osserva come in tutti i casi considerati non c è mai convenienza economica ad installare un sistema di accumulo domestico: le curve del beneficio economico per incremento dell autoconsumo sono infatti

12 sempre posizionate al di sotto della corrispondente curva del costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo. E interessante notare che la curva del beneficio economico per incremento dell autoconsumo presenta un asintoto orizzontale al crescere della capacità dell accumulo. Questo andamento è indice del fatto che, oltre un determinato valore di capacità del sistema di accumulo (diverso da utente ad utente) non si hanno più significativi aumenti delle quote di autoconsumo in quanto, nella grande maggioranza dei casi, la produzione su base annua di un impianto fotovoltaico da 3 kwp è maggiore del consumo annuo dell utente e l aggiunta di ulteriore capacità di accumulo non consente ulteriori recuperi di autoproduzione. Una prima conclusione dello studio ha quindi evidenziato che, con gli attuali costi dell energia elettrica incentivi inclusi e con i costi correnti per i sistemi di accumulo, non c è convenienza economica nell installare un sistema di accumulo domestico abbinato ad un impianto fotovoltaico da 3 kwp. Occorre notare che le simulazioni sono state fatte considerando un tasso di attualizzazione dell investimento pari a zero. Questo scelta, di carattere conservativo, è stata adottata per ragioni di semplicità nella simulazione, che trascura anche possibili variazioni del prezzo dell energia prelevata dalla rete nel periodo di tempo considerato. Se si considerasse un tasso di attualizzazione non nullo aumenterebbe ulteriormente il divario tra il costo di investimento del sistema di accumulo e il beneficio economico conseguente all aumento della quota di autoconsumo, rendendo di fatto ancora meno conveniente l installazione di un sistema di accumulo. La simulazione è stata in seguito ripetuta andando a ridurre i costi del sistema di accumulo, sulla base delle proiezioni di costo riportate in un recente studio 4 relativo ai sistemi di accumulo per autotrazione. In particolare si è ipotizzato un costo fisso pari a 750 (stima del costo prospettico di un inverter da 3 kw) ed un costo variabile pari a 300 /kwh (costo prospettico del pacco batterie). I risultati della nuova simulazione sono presentati in Figura Si veda

13 Commento [P4]: Modificare come nel caso precedente Figura 12: Andamento dei flussi economici (costo accumulo pari a 70 /anno + 30 /kwh/anno) Le valutazioni si riferiscono allo stesso campione di clienti domestici fin qui considerato. A fronte di una riduzione del 38% del costo complessivo del sistema di accumulo, solo 5 dei 399 clienti del campione presentano una convenienza economica nell introdurre un sistema di accumulo a fianco dell impianto FV. Peraltro anche per questi 5 utenti il ritorno economico annuo derivante dal sistema di accumulo è di entità assai modesta: nel migliore di casi considerati si ha un beneficio annuo pari a 11,35. Si noti che in tale scenario per le tariffe dell energia elettrica, così come per gli incentivi per l autoconsumo, sono stati utilizzati i valori del 2013, ancorché per costi di investimento dell accumulo si sia fatto riferimento a valori di proiezioni future. Nonostante vi sia uno sfasamento temporale tra i costi dell accumulo e le tariffe, questa simulazione lascia intravedere che con la progressiva riduzione dei costi delle batterie, i sistemi di accumulo potranno raggiungere la convenienza economica. CONCLUSIONI Lo studio ha valutato i benefici economici derivanti dall impiego di un sistema di accumulo da parte di un utente domestico dotato di un impianto FV da 3 kwp, che permette di sfruttare al meglio il premio per l autoconsumo introdotte con il Quinto Conto Energia. Lo studio fa riferimento ai valori di consumo di 399 utenti domestici relativi all anno 2011, e alle stime dei valori orari di produzione FV di un ipotetico impianto

14 FV da 3 kwp installato presso ciascun utente del campione. Tali stime sono ottenute a partire da dati aggregati di produzione FV acquisiti nel Lo studio ha calcolato l incremento della quota di autoconsumo che si otterrebbe al variare della taglia di un sistema di accumulo da installarsi presso i clienti del campione, e ha fornito una valutazione circa il beneficio economico conseguente a tale incremento, confrontandola con il costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo. L esito della valutazione è che con gli attuali costi delle tecnologie di accumulo non c è convenienza economica all impiego dell accumulo. Qualora i prezzi degli accumuli si abbassassero secondo i trend previsti da recenti proiezioni di mercato, in qualche caso (5 utenti dei circa 400 clienti analizzati) il sistema di accumulo avrebbe un ritorno economico essendo il beneficio derivante dall impiego del sistema di accumulo superiore al costo di investimento annualizzato dello stesso. In questi casi la taglia ottimale del sistema di accumulo è pari a poco più di 4 kwh (con riferimento ad una potenza dell impianto FV pari a 3 kwp). La convenienza economica di un sistema di accumulo potrebbe anche essere conseguita ottimizzando le configurazioni impiantistiche. Ad esempio, si potrebbe inserire il sistema di accumulo a monte dell inverter dell impianto FV, realizzando un unico apparato per il controllo dei flussi tra pannelli FV, batteria e rete dell utente, apparato a sua volta integrato con un unico inverter per la connessione dei dispositivi connessi in corrente continua (pannelli FV e batterie) con la rete elettrica domestica in corrente alternata. In tal modo si ridurrebbero i costi del sistema di accumulo, eliminando un secondo inverter e conseguendo una maggior efficienza di conversione. La definizione di nuove architetture per una miglior integrazione di produzione FV e accumulo presso un utente finale e le loro implicazioni normative e regolatorie sono attualmente oggetto di studio.

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO DSPLNA DLLO SAMBO SUL POSTO Regole Tecniche Determinazione del contributo in conto scambio a decorrere dall anno 2013 ai sensi dell articolo 12 dell Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr - DZON n. 1

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento INDICE PREMESSA 4 1 INTERVENTI SU IMPIANTI INCENTIVATI IN CONTO ENERGIA 6 1.1 SPOSTAMENTO DELL IMPIANTO 7 1.2

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Guida alla progettazione

Guida alla progettazione Guida alla progettazione Introduzione Gli Smart Module ampliano significativamente le possibilità di progettazione degli impianti fotovoltaici. I moduli ottimizzati con la tecnologia Tigo Energy possono

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA)

REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA) REGOLE APPLICATIVE PER L ISCRIZIONE AI REGISTRI E PER L ACCESSO ALLE TARIFFE INCENTIVANTI DM 5 LUGLIO 2012 (QUINTO CONTO ENERGIA) 7 agosto 2012 Indice Premessa... 5 1 Inquadramento generale e quadro normativo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015

ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 BRIEFING ITALIA: REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA 21 MAGGIO 2015 Contenuti I. Ambito di applicazione del DTR II. Interventi contemplati dal DTR III. Incrementi di Producibilità

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA GLI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GESTIONE DELL ENERGIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA... 4 2 LE RINNOVABILI ELETTRICHE... 4 2.1 Impianti connessi alla rete... 4 2.2 Impianti

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli