Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia"

Transcript

1 Le opportunità dell accumulo nel Quinto Conto Energia Sottotitolo: Il contributo degli accumuli per aumentare la quota di autoconsumo dei consumatori con impianto di generazione FV Autori: Renato Urban, Giuseppe Mauri, Massimo Gallanti INTRODUZIONE Negli ultimi anni si sono succeduti più provvedimenti per incentivare la produzione di energia da conversione fotovoltaica (FV). Tale incentivazione nota come Conto Energia ha l obiettivo di ripagare il maggior costo dell energia prodotta dagli impianti FV rispetto all energia prodotta da fonti fossili convenzionali (es. cicli combinati a gas). Con il susseguirsi dei provvedimenti di incentivazione, il valore dell incentivo per l energia FV prodotta è andato progressivamente riducendosi. Con il Quinto Conto Energia, attualmente in vigore, è cambiato il meccanismo di incentivazione. Mentre con i precedenti provvedimenti veniva incentivata allo stesso modo tutta l energia prodotta e si poteva usufruire dello scambio sul posto (ovvero era possibile e vantaggioso utilizzare la rete elettrica come un accumulo di energia infinito), con il Quinto Conto Energia è stato eliminato lo scambio sul posto e introdotta l incentivazione dell autoconsumo, cioè dell energia FV che viene contestualmente consumata là dove è collocato l impianto FV. Per aumentare la frazione di autoconsumo del FV è possibile utilizzare gli accumuli di energia posti nella rete elettrica dell utente. L acquisto e l utilizzo di un sistema di accumulo diviene economicamente conveniente quando i benefici economici derivanti dall incremento di energia autoconsumata per effetto del sistema di accumulo sono in grado di ammortizzare l investimento nel sistema di accumulo prima che esso arrivi a fine vita. Questo articolo esegue una valutazione economica sulla convenienza economica di un sistema di accumulo integrato con un sistema di produzione FV da 3 kw presso un cliente domestico e individua la taglia ottimale del sistema di accumulo nei casi in cui esso risulta economicamente conveniente. INQUADRAMENTO NORMATIVO Il cosiddetto Quinto Conto Energia è stato introdotto con il Decreto Ministeriale del 5 luglio Esso ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica, che sono entrate in vigore il 27 agosto Il Quinto Conto Energia cesserà di applicarsi decorsi 30 giorni solari dalla data in cui si raggiungerà un costo cumulato degli incentivi 2 di 6,7 miliardi di euro l anno. 1 Ovvero decorsi 45 giorni solari dalla data di pubblicazione della deliberazione con cui l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha determinato, su indicazione del GSE, il raggiungimento di un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi pari a 6 miliardi di euro(deliberazione AEEG 12 luglio 2012, 292/2012/r/efr) 2 Comprensivo dei costi impegnati dagli impianti iscritti in posizione utile nei Registri, che sarà comunicata dall AEEG - sulla base degli elementi forniti dal GSE attraverso il proprio Contatore fotovoltaico - con un apposita deliberazione.

2 Rispetto alle precedenti versioni del Conto Energia, il Quinto Conto introduce il meccanismo della tariffa onnicomprensiva per l energia FV immessa in rete: si tratta di una tariffa che accorpa in sé sia il valore dell'incentivazione sia quello dell'energia ceduta alla rete. La tariffa onnicomprensiva si applica quindi alla sola energia FV immessa in rete. L'energia che invece non viene immessa ma è autoconsumata gode di un incentivo definito premio per l'autoconsumo. Nei precedenti Conti Energia, invece, la tariffa incentivante era applicata su tutta l'energia prodotta dall'impianto, indipendentemente dall'uso che ne veniva fatto (cessione alla rete o autoconsumo). Utilizzando un tecnicismo, è corretto affermare che con il Quinto Conto Energia si è passati da un meccanismo di incentivazione di tipo di feed in premium ad uno di tipo feed in tariff. Il valore della tariffa onnicomprensiva e del premio per l'autoconsumo varia in funzione della potenza dell'impianto (gli impianti piccoli godono di una tariffa più alta) e del sito di installazione. Il valore dell incentivo si riduce con cadenza semestrale. Sia la tariffa onnicomprensiva che quella per l'autoconsumo possono essere maggiorate se si realizzano impianti in sostituzione dell'eternit (+0,03 /kwh) e se si utilizzano materiali europei (+0,02 /kwh). Le due maggiorazioni sono cumulabili. L'IMPORTANZA DI AUTOCONSUMARE L'ENERGIA PRODOTTA Il passaggio al nuovo meccanismo di incentivazione basato su tariffa onnicomprensiva e al premio per l autoconsumo ha importanti ripercussioni sull impiego che l utente fa dell energia FV prodotta dal proprio impianto. Diviene molto importante valutare la quota di autoconsumo sul totale dell'energia prodotta: maggiore è questa quota, maggiore sarà la redditività dell'impianto. Ancorché il solo incentivo per l'autoconsumo sia inferiore al valore della tariffa onnicomprensiva, il vantaggio per il cliente che auto consuma l energia FV prodotta cresce significativamente considerando il risparmio che esso ottiene (indicativamente intorno a 0,25 /kwh) per non dover acquistare dalla rete l energia autoprodotta. Facciamo un esempio per chiarire il concetto. Per un impianto su tetto da 3 kwp, il valore della tariffa onnicomprensiva è di 0,208 /kwh e quello del premio per autoconsumo è di 0,126 /kwh. Al premio per l autoconsumo vanno però sommati gli 0,25 /kwh (0,18 più oneri di rete, di sistema e tasse) del valore dell'energia che non viene prelevata dalla rete in quanto sostituita da quella autoprodotta. Per ogni kwh di energia da FV autoconsumata, si avrà un beneficio economico complessivo di 0,376 /kwh, superiore di circa l 81% rispetto al valore della tariffa onnicomprensiva. Diviene quindi fondamentale per il consumatore dotato di impianto FV incrementare la quota di autoconsumo al fine di massimizzare la redditività del proprio impianto. Per farlo, può spostare i consumi elettrici nelle ore di funzionamento dell'impianto fotovoltaico, vale a dire nelle ore diurne. Ciò però comporta un cambiamento nello stile di vita delle famiglie, che consumano l energia elettrica prevalentemente nelle ore serali. Lo stesso risultato può essere conseguito dotando l impianto FV di un sistema di accumulo che, nelle ore in cui l energia prodotta dall impianto FV eccede il consumo, immagazzina l energia in eccesso per poi renderla disponibile quando la richiesta di energia dell utente supera quella prodotta dal FV. Per meglio comprendere il concetto di autoconsumo e della sua massimizzazione facciamo riferimento alla Figura 1, dove, con riferimento ad un cliente domestico dotato di impianto FV, è mostrata una rappresentazione grafica dell energia prelevata dalla rete (area rossa), dell energia prodotta dall impianto FV e auto consumata (area verde) e dell energia prodotta dall impianto FV e immessa in rete (area gialla).

3 Figura 1: esemplificazione del concetto di energia prodotta, autoconsumata ed immessa in rete La somma delle aree rossa e verde rappresenta l energia complessivamente consumata dall utente, mentre la somma delle aree verde e gialla rappresenta l energia prodotta dall impianto FV. In figura si vede che il giorno 5 tutta l energia prodotta risulta essere autoconsumata, mentre nel giorno successivo solo un 70% circa dell energia prodotta viene autoconsumata. L introduzione di un accumulo permette di spostare la parte di energia prodotta ma non autoconsumata in ore della giornata in cui si ha un consumo di energia senza una contemporanea produzione FV. Tale periodo è rappresentato dalle ore serali della giornata (si veda ad esempio il picco attorno alle 19 del giorno 6). Spostando la quota parte di energia prodotta ma non autoconsumata nelle ore in cui il fabbisogno di energia supera la produzione FV, aumenta la percentuale di energia autoconsumata, e quindi, in virtù della forma di incentivazione introdotta con il Quinto Conto Energia, la reddittività dell impianto (si veda la Figura 2, in cui l energia immessa in rete nel giorno 6 è stata spostata nelle ore serali permettendo di abbattere il picco di energia assorbita dalla rete).

4 Figura 2: Spostamento dell'energia immessa in rete nelle ore serali e conseguente abbattimento del picco di prelievo di energia dalla rete VALUTAZIONE DELLA QUOTA DI AUTOCONSUMO Al fine di valutare il contributo che potrebbero fornire gli accumuli, è necessario stimare la quota di autoconsumo che un cliente domestico dotato di impianto FV già consegue senza far ricorso ad un sistema di accumulo o a modifiche della propria curva di consumo elettrico. A tal fine si è fatto riferimento ai dati di monitoraggio dei consumi di energia elettrica su base oraria nell anno 2011 di circa 1000 clienti domestici distribuiti sul territorio italiano, e ai dati relativi alla produzione fotovoltaica oraria, aggregati per area geografica, del I dati dei consumi fanno parte delle informazioni utilizzate da RSE per lo studio sull impatto della tariffa bioraria sulla curva dei consumi domestici, svolto per conto dell Autorità per l energia elettrica ed il gas. Tra i circa clienti domestici monitorati, sono stati considerati solo quelli per i quali era disponibile la curva di consumo per l intero anno. Questa scrematura ha portato all individuazione di 399 clienti. Una prima analisi ha permesso di ricavare la suddivisione degli utenti in base alle 4 fasce di consumo annue fissate dall Autorità (Figura 3).

5 Figura 3: Suddivisione dei clienti in base al consumo annuo Per ogni cliente del campione si conosce inoltre l area geografica di appartenenza (Nord, Centro, Sud, Sicilia e Sardegna). Questo dato permette di associare il cliente ad un profilo di produzione FV coerente con la sua collocazione geografica. Per quanto riguarda la produzione FV, si è fatto uso dei valori orari di produzione aggregati per area geografica, correlando tali valori con la potenza FV installata nell area geografica nello stesso periodo a cui si riferiscono i dati di produzione. Rapportando l energia oraria prodotta in un area geografica con la potenza FV installata in quell aerea si è ricavato il fattore di produzione orario medio per ciascuna area geografica, costituito da un vettore di 8760 valori orari compresi tra 0 e 1. Tale fattore di produzione permette di stimare, su base oraria, la potenza generata da un qualsiasi impianto fotovoltaico in ciascuna delle cinque aree geografiche considerate. In Figura 4 è mostrata la curva di produzione media annua, aggregata per area geografica, di un impianto fotovoltaico da 3 kwp. Le produzioni mensili mostrate nel grafico di Figura 4 sono state ottenute integrando su base mensile le curve

6 di produzione orarie ottenute applicando il fattore ad un impianto di potenza pari a 3 kwp. Come è facile intuire, i picchi di produzione si hanno nei mesi estivi e sono più marcati al sud e nelle isole. Figura 4: Curva di produzione media annua per un impianto da 3 kwp I profili di consumo orario di ogni singolo cliente vengono quindi messi in relazione con i profili di produzione stimati di un ipotetico impianto FV collocato presso il cliente, ottenendo così la quota di autoconsumo di ciascun cliente. In Figura 5 è mostrata l aggregazione dei clienti in funzione della percentuale di autoconsumo raggiunta da ciascun cliente. Come si vede la maggior parte dei clienti avrebbe una quota di autoconsumo dell energia FV prodotta compresa tra il 20% ed il 45%. Figura 5: Aggregazione degli utenti in base alla percentuale di autoconsumo

7 L USO DELL ACCUMULO PER AUMENTARE LE QUOTE DI AUTOCONSUMO L integrazione di un sistema domestico di accumulo in un impianto FV permette di recuperare una parte dell energia prodotta in eccesso rispetto alle necessità di consumo dell utente, evitando quindi di immetterla in rete, per impiegarla per autoconsumo in un periodo successivo della giornata, nel quale l impianto FV non produce a sufficienza per soddisfare la domanda dell utente. L accumulo deve quindi essere dimensionato in base all energia prodotta in eccesso, facendo quindi riferimento alla specifica curva della domanda del cliente. Per determinare la taglia ottima del sistema di accumulo, cioè la dimensione dell accumulo in grado di massimizzare il ritorno economico dell utente, è stato messo a punto l algoritmo rappresentato in Figura 6. Figura 6: Rappresentazione black box dell algoritmo L algoritmo prende in ingresso i dati orari di consumo e di produzione FV dello specifico utente, per un periodo di un anno, e genera gli andamenti temporali degli scambi ottimali di energia con il sistema di accumulo, oltre ai flussi economici derivanti dallo scambio di energia con la rete e ottenuti dagli incentivi previsto dal Quinto Conto Energia. L algoritmo è inoltre parametrizzabile relativamente ai parametri dell accumulo (es., rendimento e DOD 3 ) e alle tariffe dell energia elettrica. Le tariffe utilizzate nella simulazione sono quelle fornite dall autorità e sono aggiornate al gennaio LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI ACCUMULO La logica di funzionamento del sistema di accumulo considerata in questo studio è estremamente semplice, ma al contempo molto efficace. In pratica, istante per istante, se la potenza prodotta dall impianto è maggiore di quella consumata dall utente, l energia in eccesso viene stoccata nell accumulo. Se l accumulo 3 DOD: profondità di scarica della batteria (Depth Of Discharge)

8 risulta essere carico al suo valore massimo, l energia prodotta in eccesso viene immessa in rete. Quando la potenza generata dall impianto è minore di quella consumata dall utente, l energia mancante viene fornita dall accumulo. Qualora l energia contenuta nel sistema di accumulo non sia sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell utente, la quota mancante viene prelevata dalla rete elettrica. Con questa logica di funzionamento, l accumulo eroga energia elettrica quando la produzione da parte dell impianto scende al di sotto del consumo dell utente. Questa situazione accade tipicamente nel tardo pomeriggio, cioè in un orario in cui il prezzo dell energia è più alto. Nella Figura 7 viene mostrata una esemplificazione grafica di quanto appena spiegato. In questo esempio la taglia dell accumulo considerata è pari a 3,5 kwh. Come si può notare, intorno alle 17 del primo giorno si ha una saturazione dell accumulo, e quindi l energia prodotta in eccesso viene immessa in rete. Tra le 19 e le 23 circa tutta l energia richiesta dall utente viene fornita dall accumulo mentre tra le ore 11 e le 14 la produzione FV è tale sia da soddisfare i consumi dell utente, sia da caricare l accumulo. Da notare il vincolo sulla minima carica residua che l accumulo deve mantenere per non danneggiarsi; in questa esemplificazione, al fine di meglio evidenziare gli andamenti delle grandezze in Figura 7 è stato posto un DOD pari al 95%, che comporta una carica minima residua pari a 0,175 kwh. Nelle simulazioni che seguono è stato invece utilizzato un DOD più realistico, pari all 80% e un rendimento del ciclo di carica/scarica pari all 85%. Commento [P1]: In analogia alle figure precedenti cambierei assorbimento dalla rete in prelievo dalla rete Figura 7: Andamenti temporali delle grandezze elettriche di interesse (capacita accumulo pari a 3,5 kwh) Si noti che nella logica di funzionamento illustrata si è ipotizzato che il sistema di accumulo sia in grado, istante per istante, di erogare tutta la potenza richiesta dall utente. In questo scenario il sistema di accumulo deve quindi essere dimensionato per poter erogare la potenza massima contrattuale dell utente (tipicamente 3 kw). Per gestire l accumulo si possono ovviamente applicare altre logiche di funzionamento. Per esempio si può ripartire l energia accumulata tra le ore del tardo pomeriggio e quelle della prima mattina (ore piene), per minimizzare l assorbimento dalla rete nelle ore con tariffa più alta. La sperimentazione di ulteriori algoritmi è attualmente in fase di studio.

9 VARIAZIONE DELLE QUOTE DI AUTOCONSUMO Tramite l impiego del sistema di accumulo con la logica descritta precedentemente è possibile incrementare la quota di autoconsumo dell energia FV prodotta. In Figura 8 è mostrato questo incremento a partire dalla situazione senza accumulo, sul campione di clienti considerato nello studio. Figura 8: Variazione della percentuale di autoconsumo al variare della capacità del sistema di accumulo Con un accumulo da 4 kwh, che corrisponde alla taglia più idonea a supportare un impianto fotovoltaico domestico da 3 kwp, è possibile incrementare l autoconsumo in media di circa 800 kwh in un anno, con picchi fino a 1100 kwh/anno, e con valori minimi pari a circa 150 kwh/anno. VALUTAZIONE ECONOMICA Il simulatore messo a punto è in grado di stimare, per ciascuno dei clienti del campione, il suo flusso di cassa annuo considerando la produzione fotovoltaica, i consumi dell utente e l energia assorbita dalla rete. Per fare questo, oltre agli andamenti temporali di tali grandezze, è necessario fissare il costo di acquisto dell energia elettrica (Figura 9). A tal fine si è fatto riferimento ai costi della tariffa D2 relativa ad un cliente domestico in regime di maggior tutela, con potenza impegnata di 3 kw.

10 Monoraria TARIFFA Bioraria Quota energia ( /kwh) Fascia unica Fascia F1 Fascia F23 kwh/anno: da 0 a , , ,12867 da 1801 a , , ,18322 da 2641 a , , ,24575 da , , ,29251 Quota fissa ( /anno) 21,6050 Quota potenza ( /kw/anno) 5,6729 Figura 9: Costi di acquisto dell'energia elettrica per cliente in regime di maggior tutela (fonte AEEG) Per ciascun utente il simulatore genera due curve che mettono in relazione la capacita (taglia) del sistema di accumulo con: il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo per effetto del sistema di accumulo il costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo stesso. Un esempio di queste curve è rappresentato nella Figura 10. All aumentare della taglia del sistema di accumulo, cresce l autoconsumo e quindi il beneficio economico dato dall uso del sistema di accumulo. I valori di capacità corrispondenti ai punti in cui la curva del beneficio economico, dovuto all incremento dell autoconsumo, interseca quella del costo di investimento annualizzato dell accumulo, definiscono gli estremi dell intervallo di capacità del sistema di accumulo entro cui il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo è maggiore del costo di investimento annualizzato dell accumulo stesso. La taglia del sistema di accumulo che massimizza la differenza tra il beneficio economico dato dall uso dell accumulo e il suo costo di investimento annualizzato corrisponde alla taglia ottima dell accumulo. Lo studio ha messo in evidenza che il beneficio economico dovuto all incremento dell autoconsumo è fortemente dipendente dal costo di investimento del sistema di accumulo. Si è assunto di calcolare il costo di investimento tramite una formula binomia, nella quale i due termini sono funzione, rispettivamente, della potenza nominale erogata dal sistema di accumulo (termine legato principalmente al costo dell inverter) e della sua capacità di carica (costo legato al pacco batterie). Inizialmente si è fatto riferimento agli attuali costi della tecnologia di accumulo elettrochimico a ioni di litio, assumendo come termine relativo alla potenza un valore di 1000 per una potenza di 3 kw, e un costo per capacità di carica pari a 700 /kwh. Si è inoltre ipotizzata una vita tecnica del sistema di accumulo di 10 anni. Il costo di investimento annualizzato dell accumulo è stato quindi considerato pari ad 1/10 dei valori precedentemente indicati, trascurando l attualizzazione dei costi di investimento.

11 Commento [P2]: Cambiare in Costo investimento accumulo Beneficio per incremento autoconsumo Figura 10: Esemplificazione della variazione dei flussi economici al variare della taglia dell'accumulo A titolo di esempio, in Figura 11 sono mostrate 4 situazioni tipiche riscontrate nell analisi dell impiego di un sistema di accumulo accoppiato all impianto FV da 3 kw per ciascuno dei 399 clienti domestici considerati. Commento [P3]: Cambiare in Beneficio per incremento autoconsumo Ritorno economico complessivo del sistema di accumulo Costo investimento accumulo Figura 11: Andamenti rappresentativi dei flussi economici (costo di investimento annualizzato dell accumulo pari a 100 /anno + 70 /kwh/anno) Si osserva come in tutti i casi considerati non c è mai convenienza economica ad installare un sistema di accumulo domestico: le curve del beneficio economico per incremento dell autoconsumo sono infatti

12 sempre posizionate al di sotto della corrispondente curva del costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo. E interessante notare che la curva del beneficio economico per incremento dell autoconsumo presenta un asintoto orizzontale al crescere della capacità dell accumulo. Questo andamento è indice del fatto che, oltre un determinato valore di capacità del sistema di accumulo (diverso da utente ad utente) non si hanno più significativi aumenti delle quote di autoconsumo in quanto, nella grande maggioranza dei casi, la produzione su base annua di un impianto fotovoltaico da 3 kwp è maggiore del consumo annuo dell utente e l aggiunta di ulteriore capacità di accumulo non consente ulteriori recuperi di autoproduzione. Una prima conclusione dello studio ha quindi evidenziato che, con gli attuali costi dell energia elettrica incentivi inclusi e con i costi correnti per i sistemi di accumulo, non c è convenienza economica nell installare un sistema di accumulo domestico abbinato ad un impianto fotovoltaico da 3 kwp. Occorre notare che le simulazioni sono state fatte considerando un tasso di attualizzazione dell investimento pari a zero. Questo scelta, di carattere conservativo, è stata adottata per ragioni di semplicità nella simulazione, che trascura anche possibili variazioni del prezzo dell energia prelevata dalla rete nel periodo di tempo considerato. Se si considerasse un tasso di attualizzazione non nullo aumenterebbe ulteriormente il divario tra il costo di investimento del sistema di accumulo e il beneficio economico conseguente all aumento della quota di autoconsumo, rendendo di fatto ancora meno conveniente l installazione di un sistema di accumulo. La simulazione è stata in seguito ripetuta andando a ridurre i costi del sistema di accumulo, sulla base delle proiezioni di costo riportate in un recente studio 4 relativo ai sistemi di accumulo per autotrazione. In particolare si è ipotizzato un costo fisso pari a 750 (stima del costo prospettico di un inverter da 3 kw) ed un costo variabile pari a 300 /kwh (costo prospettico del pacco batterie). I risultati della nuova simulazione sono presentati in Figura Si veda

13 Commento [P4]: Modificare come nel caso precedente Figura 12: Andamento dei flussi economici (costo accumulo pari a 70 /anno + 30 /kwh/anno) Le valutazioni si riferiscono allo stesso campione di clienti domestici fin qui considerato. A fronte di una riduzione del 38% del costo complessivo del sistema di accumulo, solo 5 dei 399 clienti del campione presentano una convenienza economica nell introdurre un sistema di accumulo a fianco dell impianto FV. Peraltro anche per questi 5 utenti il ritorno economico annuo derivante dal sistema di accumulo è di entità assai modesta: nel migliore di casi considerati si ha un beneficio annuo pari a 11,35. Si noti che in tale scenario per le tariffe dell energia elettrica, così come per gli incentivi per l autoconsumo, sono stati utilizzati i valori del 2013, ancorché per costi di investimento dell accumulo si sia fatto riferimento a valori di proiezioni future. Nonostante vi sia uno sfasamento temporale tra i costi dell accumulo e le tariffe, questa simulazione lascia intravedere che con la progressiva riduzione dei costi delle batterie, i sistemi di accumulo potranno raggiungere la convenienza economica. CONCLUSIONI Lo studio ha valutato i benefici economici derivanti dall impiego di un sistema di accumulo da parte di un utente domestico dotato di un impianto FV da 3 kwp, che permette di sfruttare al meglio il premio per l autoconsumo introdotte con il Quinto Conto Energia. Lo studio fa riferimento ai valori di consumo di 399 utenti domestici relativi all anno 2011, e alle stime dei valori orari di produzione FV di un ipotetico impianto

14 FV da 3 kwp installato presso ciascun utente del campione. Tali stime sono ottenute a partire da dati aggregati di produzione FV acquisiti nel Lo studio ha calcolato l incremento della quota di autoconsumo che si otterrebbe al variare della taglia di un sistema di accumulo da installarsi presso i clienti del campione, e ha fornito una valutazione circa il beneficio economico conseguente a tale incremento, confrontandola con il costo di investimento annualizzato del sistema di accumulo. L esito della valutazione è che con gli attuali costi delle tecnologie di accumulo non c è convenienza economica all impiego dell accumulo. Qualora i prezzi degli accumuli si abbassassero secondo i trend previsti da recenti proiezioni di mercato, in qualche caso (5 utenti dei circa 400 clienti analizzati) il sistema di accumulo avrebbe un ritorno economico essendo il beneficio derivante dall impiego del sistema di accumulo superiore al costo di investimento annualizzato dello stesso. In questi casi la taglia ottimale del sistema di accumulo è pari a poco più di 4 kwh (con riferimento ad una potenza dell impianto FV pari a 3 kwp). La convenienza economica di un sistema di accumulo potrebbe anche essere conseguita ottimizzando le configurazioni impiantistiche. Ad esempio, si potrebbe inserire il sistema di accumulo a monte dell inverter dell impianto FV, realizzando un unico apparato per il controllo dei flussi tra pannelli FV, batteria e rete dell utente, apparato a sua volta integrato con un unico inverter per la connessione dei dispositivi connessi in corrente continua (pannelli FV e batterie) con la rete elettrica domestica in corrente alternata. In tal modo si ridurrebbero i costi del sistema di accumulo, eliminando un secondo inverter e conseguendo una maggior efficienza di conversione. La definizione di nuove architetture per una miglior integrazione di produzione FV e accumulo presso un utente finale e le loro implicazioni normative e regolatorie sono attualmente oggetto di studio.

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

Esempio di Conto Energia

Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia fotovoltaico Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto. Supponiamo di installare sul tetto della nostra

Dettagli

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico Il Conto Energia fotovoltaico : quali forme di incentivazione Con il meccanismo di incentivazione del conto energia, oltre al riconoscimento ed all emissione delle tariffe incentivanti per tutta la quantità

Dettagli

FOTOVOLTAICO PER TUTTI OFFERTA IMPIANTI FOTOVOLTAICI CHIAVI IN MANO IN REGIME DI GRID PARITY

FOTOVOLTAICO PER TUTTI OFFERTA IMPIANTI FOTOVOLTAICI CHIAVI IN MANO IN REGIME DI GRID PARITY FOTOVOLTAICO PER TUTTI OFFERTA IMPIANTI FOTOVOLTAICI CHIAVI IN MANO IN REGIME DI GRID PARITY Con il progetto FOTOVOLTAICO PER TUTTI Macroplan srl vuole offrire la possibilità a tutte le famiglie di installare

Dettagli

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto

INFORMATIVA 01/2010. La disciplina dello scambio sul posto INFORMATIVA 01/2010 La disciplina dello scambio sul posto Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 01/04/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 La disciplina dello scambio sul posto...

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista,

Dettagli

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA

TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA - Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli

Dettagli

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità

PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità PRIMO PREMIO Iniziative di sostenibilità 1 2 3 Inclinazione ed esposizione: Molto importante sono pertanto l esposizione e l inclinazione del tetto rispetto all orizzontale dei moduli fotovoltaici: nella

Dettagli

Integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV: Valutazione tecnico-economica

Integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV: Valutazione tecnico-economica LE RINNOVABILI OLTRE GLI INCENTIVI Integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV: Valutazione tecnico-economica Francesco Groppi Responsabile GDL2 del CT82 CEI Convenor WG2 del TC82 CENELEC 1 Argomenti

Dettagli

aumenta la convenienza

aumenta la convenienza Periodicità : Quotidiano Dimens 3352 : % ILSOLE24ORE_150212_21_32pdf Sito web: wwwilsole24orecom EFFICIENZA ENERGETICA Fotovoltaico con la batteria aumenta la convenienza AFP Innovazione Senza predisposizione

Dettagli

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici.

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Dopo il successo del primo ciclo del conto il Governo ha deciso di procedere alla liberalizzazione completa. Il cosiddetto Conto Energia arriva in Italia,

Dettagli

- DRAFT - Il fotovoltaico: da prodotto finanziario a prodotto energetico

- DRAFT - Il fotovoltaico: da prodotto finanziario a prodotto energetico - DRAFT - Il fotovoltaico: da prodotto finanziario a prodotto energetico Conergy Italia S.p.A. 1 Agenda A B C D Attività EPC di Conergy Dal V Conto Energia alla Grid Parity La convenienza del Fotovoltaico

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

L'energia e l'ambiente

L'energia e l'ambiente - L'energia e l'ambiente Oggi oltre l 80% dell energia utilizzata nel mondo viene prodotta bruciando combustibili fossili, quali petrolio, carbone e metano. E ormai accertato che proprio negli impianti

Dettagli

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia?

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia? FAQ Cosa è il Conto energia? Con il Decreto Ministeriale del 05 Maggio 2011 è stato introdotto il nuovo Quarto Conto Energia per il riconoscimento degli incentivi Statali ai proprietari di impianti fotovoltaici.

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA Il fotovoltaico conveniente PERCHÉ IL FOTOVOLTAICO Questione ambientale, il pianeta soffre degli effetti del surriscaldamento (effetto serra)ogni anno vengono immessi in

Dettagli

GUIDA CONTO ENERGIA. (DM 19 febbraio 2007)

GUIDA CONTO ENERGIA. (DM 19 febbraio 2007) GUIDA AL CONTO ENERGIA (DM 19 febbraio 2007) Sede Legale: Via Erennio Modestino, 25-00175 Roma Sede Operativa: TecnoPolo Tiburtino - Via Giacomo Peroni, 442/444-00131 Roma C.F./P.IVA: 08434491000 REA:

Dettagli

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO Un impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza come fonte primaria l energia solare. Il cuore dell impianto è costituito essenzialmente dai

Dettagli

PROMOZIONE Settembre 2012

PROMOZIONE Settembre 2012 PROMOZIONE Settembre 2012 IMPIANTO FOTOVOLTAICO per un futuro più pulito a costo 0 Installando oggi un impianto fotovoltaico avrai... Maggior Risparmio - Risparmio sulla bolletta della energia elettrica:

Dettagli

SISTEMA DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA

SISTEMA DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA SISTEMA DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA Il sistema più efficiente a mezzo batterie per l accumulo di energia autoprodotta da fotovoltaico, disponibile anche di notte. www.casaenergiagreen.com Sfrutta

Dettagli

SISTEMA DI ACCUMULO. www.casaenergiagreen.com

SISTEMA DI ACCUMULO. www.casaenergiagreen.com SISTEMA DI ACCUMULO Il sistema più efficiente a mezzo batterie per l accumulo di energia autoprodotta da fotovoltaico, disponibile anche di notte. www.casaenergiagreen.com Sfrutta al meglio il tuo impianto

Dettagli

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA

COMMENTARIO V CONTO ENERGIA COMMENTARIO V CONTO ENERGIA Premesse a) Incremento del costo indicativo cumulato annuo a 6.700 milioni di euro (il V C.E. termina 30 gg dopo il raggiungimento); b) Il V C.E. parte dopo 45 giorni dalla

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 2 715.840 kw Relazione economica Ipotesi con finanziamento (tasso 6% con finanziamento di

Dettagli

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI 1 Alcuni parametri per la prefattibiltà In un impianto fotovoltaico 1 kw di picco produce mediamente: - al Nord Italia - c.a. 1.150

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia. Bergamo, 8 Novembre 2007

Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia. Bergamo, 8 Novembre 2007 Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia 1 Bergamo, 8 Novembre 2007 FIN.OPI nel Gruppo Intesa Sanpaolo FIN.OPI è l investment manager & advisory firm del Gruppo

Dettagli

Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo

Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo Roma, 30 Gennaio 2008 Conto Energia Generalità Il Conto Energia (DM 19 febbraio 2007) incentiva l installazione di impianti fotovoltaici

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Confronto tra vecchio e nuovo decreto di incentivazione del fotovoltaico

Confronto tra vecchio e nuovo decreto di incentivazione del fotovoltaico Confronto tra vecchio e nuovo decreto di incentivazione del fotovoltaico Il decreto 19 febbraio 2007 Criteri e modalita' per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici

I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici IL FOTOVOLTAICO PER LE IMPRESE I contratti con il GSE: aspetti gestionali ed economici Workshop CERSAA 18 dicembre 2009 INDICE Il Conto Energia: incentivi per gli impianti fotovoltaici Modalità di cessione

Dettagli

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO Superficie per kilowatt. A seconda del tipo di pannello 7-8 metri quadrati producono un kilowatt. Nel caso di coperture di tetti con guaina flessibile 20 metri

Dettagli

ISTITUTI RELIGIOSI BENEFICI ECONOMICI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ISTITUTI RELIGIOSI BENEFICI ECONOMICI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITA 00167 ROMA VIA CARDINAL MASTRANGELO, 59 TELEFONO 06.66.04.33.73 FAX AUTOMATICO 06.66.04.28.83 ADERENTE ALLA CONSULTA NAZIONALE DELLE AGGREGAZIONI LAICALI e-mail:

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

GUIDA AL FOTOVOLTAICO

GUIDA AL FOTOVOLTAICO Sardegna Costruzioni s.n.c. di Porcheddu Alessandro & C. Via Peppino Mereu, n 4 08020 Posada (NU) Tel. 0784 / 853014 - Fax 0784 / 853142 - Cell. 328 / 8967061 Sito internet: www.sardegnacostruzioni.it

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile il Fotovoltaico Eticamente Sensibile Coopwork è un impresa sociale no-profit che realizza integrazione sociale e lavorativa offrendo servizi alla persona finalizzati all inserimento lavorativo di persone

Dettagli

Incontro di aggiornamento professionale su. Conto Energia. aspetti tecnici ed evoluzione normativa

Incontro di aggiornamento professionale su. Conto Energia. aspetti tecnici ed evoluzione normativa Incontro di aggiornamento professionale su Conto Energia aspetti tecnici ed evoluzione normativa sintesi a cura di Novembre 2014 Giuseppe Caggegi Conto energia - sintesi a cura di Giuseppe Caggegi 1 Conto

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

PROGETTAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Le utenze domestiche PROGETTAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO II dato di base per il dimensionamento di un sistema è rappresentato dal consumo giornaliero di energia elettrica da parte dell'utenza. Tale

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto KING - FAVARA L impianto, denominato Impianto KING - FAVARA, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione. Ha

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto BRUNELLESCHI AG L impianto, denominato Impianto BRUNELLESCHI AG, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione.

Dettagli

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione:

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione: LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 La normativa tecnica per l accumulo elettrico Maurizio Delfanti Comitato

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE L impianto, denominato Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio

Dettagli

- La fonte di energia, ovvero il sole, è considerata inesauribile. - La produzione di energia non genera gas nocivi per l ambiente

- La fonte di energia, ovvero il sole, è considerata inesauribile. - La produzione di energia non genera gas nocivi per l ambiente - La fonte di energia, ovvero il sole, è considerata inesauribile - I materiali utilizzati non sono inquinanti e risultano riciclabili - La produzione di energia non genera gas nocivi per l ambiente -

Dettagli

Guida ai sistemi di accumulo elettrici. Un confronto tra tecnologie

Guida ai sistemi di accumulo elettrici. Un confronto tra tecnologie Guida ai sistemi di accumulo elettrici Un confronto tra tecnologie 04 Introduzione 06 La situazione di mercato 06 Tecnologie a confronto 08 L Offerta Nuove Energie 09 Abbinamento a fotovoltaico 10 FAQ

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE AmBios Srl V. J. Gagarin, 3 06073 CORCIANO (PG) info@ambios.eu mail@pec.ambios.eu www.ambios.eu P. IVA 03121950541 Cap. Soc. 20.000,00 i.v. Tel. +39.075.7826856 Fax. +39.075.7823717 IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Produzione di energia elettrica con il fotovoltaico Il "conto" energetico delle ex Scuderie

Produzione di energia elettrica con il fotovoltaico Il conto energetico delle ex Scuderie ENERGIA LE BUONE PRATICHE APPLICATE Produzione di energia elettrica con il fotovoltaico Il "conto" energetico delle ex Scuderie dott. Ing. Simone Sarto COMUNE DI PADOVA - Settore Edilizia Pubblica 1 CHE

Dettagli

Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi di integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV

Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi di integrazione dei sistemi di accumulo su impianti FV I sistemi di accumulo distribuito e la mobilità elettrica: nuove sfide e opportunità per il sistema energetico Nuovi modelli di business: cenni normativi e valutazione tecnico-economica degli interventi

Dettagli

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da:

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: FAQ FOTOVOLTAICO Che cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l energia solare in energia elettrica. Esso è composto essenzialmente da: moduli o pannelli fotovoltaici;

Dettagli

ANALISI ECONOMICA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED IN PRESENZA DI MECCANISMI INCENTIVANTI. Alessandro Franco

ANALISI ECONOMICA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED IN PRESENZA DI MECCANISMI INCENTIVANTI. Alessandro Franco Corso Energie rinnovabili e C.d.E. Lezione 15 marzo 2012 ANALISI ECONOMICA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED IN PRESENZA DI MECCANISMI INCENTIVANTI Alessandro Franco Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. FOTOVOLTAICO Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. E' composto essenzialmente dai moduli fotovoltaici, da un inverter

Dettagli

Accumulo Energetico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com

Accumulo Energetico. Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com Accumulo Energetico Portiamo il meglio dell energia a casa tua. www.solonathome.com STOCCAGGIO DI ENERGIA CHE COS È UN SISTEMA DI ACCUMULO ENERGETICO? Un sistema di accumulo è una macchina che, collegata

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI ENERGIE RINNOVABILI: PRESENTE E FUTURO NEL TERRITORIO LODIGIANO IMPIANTI FOTOVOLTAICI Dott. Ing. Andrea Locatelli Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico costituito

Dettagli

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni)

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni) 1. L'energia solare Produzione di energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici, che sfruttano le proprietà di particolari materiali, come il silicio, in grado di produrre energia elettrica se irradiati

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici Impianti fotovoltaici Prof. Arch. Gianfranco Cellai Corso Fondazione Architetti di Firenze Gli obblighi di legge A decorrere dal 1 gennaio 2009, nel regolamento edilizio, ai fini del rilascio del permesso

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di MONZA (MB) IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Potenza = 3.185 kw Relazione economica Impianto: Esempio-3 kw Committente: Mario Rossi Località: corso Italia 1

Dettagli

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango

Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Mantenimento degli incentivi in conto energia Casi particolari: potenziamenti e accumuli Francesco De Mango Solarexpo 9 aprile 2015 Introduzione Le disposizioni del quinto Conto Energia, unitamente a quelle

Dettagli

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio Ing. Luigi Corona 1 PRODUZIONE DA FONTI RINNOVABILI: PROGETTO 1000 TETTI FOTOVOLTAICI SU 1000 SCUOLE Nel 2008 CEV ha promosso il Progetto 1000 tetti fotovoltaici

Dettagli

VALUTAZIONE ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI ENERGETICI

VALUTAZIONE ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI ENERGETICI VALUTAZIONE ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI ENERGETICI L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari L'analisi economica degli impianti energetici può essere finalizzata

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Aosta, 09 Dicembre 2010 3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Rosalia Guglielminotti Parleremo di : IL TERZO CONTO ENERGIA COME FUNZIONA E PRINCIPALI NOVITA INSTALLARE UN IMPIANTO

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica da fonte

Dettagli

KIT AUTOCONSUMO EA. Per aumentare l autoconsumo degli impianti fotovoltaici fino all 70%

KIT AUTOCONSUMO EA. Per aumentare l autoconsumo degli impianti fotovoltaici fino all 70% KIT AUTOCONSUMO EA Sistema gestione isola / grid (V Conto Energia, Detrazione Fiscale con SSP e precedenti) Per aumentare l autoconsumo degli impianti fotovoltaici fino all 70% 1 RETE ELETTRICA QUADRO

Dettagli

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6 Pagina : 1/6 GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici Rev. 02 03 Dic. 2013 Scambio sul posto - Generalità Lo Scambio Sul Posto è un contratto che i

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

PRODOTTI 4 DIFFERENTI TIPOLOGIE DI IMPIANTO. Un impianto su misura... KIT FV GRID CONNECTED KIT FV IBRIDO

PRODOTTI 4 DIFFERENTI TIPOLOGIE DI IMPIANTO. Un impianto su misura... KIT FV GRID CONNECTED KIT FV IBRIDO PRODOTTI Un impianto su misura... S M L 4 DIFFERENTI TIPOLOGIE DI IMPIANTO 1 KIT FV GRID CONNECTED Consente di risparmiare sulla bolletta elettrica e di cedere il surplus di energia prodotta alla rete

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

Le principali novità del V Conto Energia

Le principali novità del V Conto Energia Vittorio Chiesa L entrata in vigore Le modalità di accesso all incentivazione Lo scambio sul posto Le principali novità del V Conto Energia Il limite ai volumi incentivabili Le tariffe incentivanti www.energystrategy.it

Dettagli

Divisione sistemi-fotovoltaico

Divisione sistemi-fotovoltaico Divisione sistemi-fotovoltaico Come è fatto un impianto fotovoltaico? I sistemi solari fotovoltaici sono realizzati attraverso moduli fotovoltaici, costituiti da diverse celle, che, se esposte al sole,

Dettagli

LIBRO BIANCO ACCUMULI EXECUTIVE SUMMARY

LIBRO BIANCO ACCUMULI EXECUTIVE SUMMARY LIBRO BIANCO ACCUMULI EXECUTIVE SUMMARY Introduzione In un sistema elettrico caratterizzato da una sempre più rilevante produzione di energia da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE ELABORATO

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA. Potenza = 690.000 kw. Relazione economica

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA. Potenza = 690.000 kw. Relazione economica IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 690.000 kw Relazione economica Impianto: Impianto1 Committente: MOTTURA S.p.a - Rappresentante

Dettagli

Domande e risposte per addentrarsi con cognizione di causa nella miriade di opportunità offerte dal settore energia

Domande e risposte per addentrarsi con cognizione di causa nella miriade di opportunità offerte dal settore energia FAQ A cura del Servizio Confederale Sviluppo Sostenibile, Agricoltura e Cooperazione Domande e risposte per addentrarsi con cognizione di causa nella miriade di opportunità offerte dal settore energia

Dettagli

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005)

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri

Dettagli

4 CONTO ENERGIA: INCENTIVI PER IMPIANTI SU SERRE, PENSILINE, ETC.

4 CONTO ENERGIA: INCENTIVI PER IMPIANTI SU SERRE, PENSILINE, ETC. 1) INCENTIVI 2011-2012 PER GLI Anche il "Quarto Conto Energia" per gli impianti fotovoltaici su serre, pensiline, tettoie o pergole stabilisce degli incentivi riconosciuti e costanti per 20 anni, a decorrere

Dettagli

Come produrre energia elettrica

Come produrre energia elettrica Come produrre energia elettrica Il Solare Fotovoltaico e' una tecnologia che permette di utilizzazione l'energia dal sole per la produzione di energia elettrica. Un dispositivo fotovoltaico è, infatti,

Dettagli

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!!

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Taranto, 28 Maggio 2009 IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Dott. Ing. Carlo ZIZZI Dott.ssa Francesca MASELLA LE NOSTRE PRINCIPALI ATTIVITA INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO sostituzione

Dettagli

Energia solare fotovoltaica e Conto Energia

Energia solare fotovoltaica e Conto Energia Energia solare fotovoltaica e Conto Energia Come diventare autoproduttori di energia pulita Perché si sfrutta l energia solare La potenza radiante del Sole prima di entrare nell atmosfera è in media 1.367

Dettagli

7. IL NUOVO CONTO ENERGIA, UN'OCCASIONE DI OTTIMIZZAZIONE

7. IL NUOVO CONTO ENERGIA, UN'OCCASIONE DI OTTIMIZZAZIONE 7. IL NUOVO CONTO ENERGIA, UN'OCCASIONE DI OTTIMIZZAZIONE La finalità di un impianto fotovoltaico è trasformare direttamente la radiazione solare in elettricità. Esso si compone di una parte attiva costituita

Dettagli

L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE

L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE UNA SCELTA RAZIONALE PER RIDURRE I CONSUMI DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E ABBATTERE LE EMISSIONI INQUINANTI DEI GAS SERRA CO2 E NOX. L ENERGIA SOLARE PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE A CURA DI ANTONIO

Dettagli

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/2013/R/EFR DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 488/213/R/EFR SCAMBIO SUL POSTO: AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Professional Installer

Professional Installer Professional Installer NOVITA' 2016 - INFORMATIVA PACCHETTO INTELLIGENCE PREMESSA Tutti parlano di crescita e consumo ma la vera crescita è sfruttare i prodotti intelligenti delle nuove tecnologie avanzate

Dettagli

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia In sintesi i contenuti del decreto e della delibera dell Autority L incentivazione per la produzione

Dettagli

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE

IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE Gorle, 15 maggio 2013 IMPIANTI A FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI RELATORE: Gianluigi Piccinini Presidente Ressolar s.r.l. Alessio Ronchi Marco Vitali SOCIETA : Ressolar srl s.r.l. PRINCIPALI ATTIVITÀDIRESSOLAR

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

Storage ed efficienza energetica

Storage ed efficienza energetica Storage ed efficienza energetica Francesco A. Amoroso Convegno ANIE/GIFI e Università della Calabria Fotovoltaico e Sistemi di Accumulo: sfide e opportunità del mercato oltre il Conto 11 Luglio 2013, Università

Dettagli

Energia Decreto 19 Febbraio 2007

Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Guida al Conto Energia Decreto 19 Febbraio 2007 Aenergy S.r.l. Via G. Porzio N.4 Isola E3 Centro Direzionale 80143 Napoli P.IVA 05582431219 Tel 0828-1962327 Fax 0828-1962415 E-Mail info@aenergy.it Web

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

PROGETTO Relazione descrittiva

PROGETTO Relazione descrittiva PARCHEGGI PISCINA E CIMITERO COMUNE DI PEGOGNAGA PROVINCIA DI MANTOVA REGIONE LOMBARDIA PROGETTO Relazione descrittiva PER LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA 97,92 kwp CADAUNO DATA 12 aprile

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E ENERGIE RINNOVABILI SOLARE FOTOVOLTAICO SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO. MADE IN Italy

RISPARMIO ENERGETICO E ENERGIE RINNOVABILI SOLARE FOTOVOLTAICO SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO. MADE IN Italy SOLARE FOTOVOLTAICO MADE IN Italy SOLARE TRERMICO E FOTOVOLTAICO 8. COGLIERE L OPPORTUNITÀ DEL FOTOVOLTAICO RICAVI INCENTIVANTE CONTO ENERGIA Il Quinto Conto Energia, con il Decreto 12 Luglio 2012, stabilisce

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI FOTOVOLTAICO Prima di tutto rispondiamo a questa semplice domanda: perché installare un impianto fotovoltaico? installare sul proprio tetto 8 metri quadri di pannelli fotovoltaici

Dettagli

SOLAR ECLIPSE IL SISTEMA DI ACCUMULO PER IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

SOLAR ECLIPSE IL SISTEMA DI ACCUMULO PER IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO SOLAR ECLIPSE IL SISTEMA DI ACCUMULO PER IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO Che cos è? Solar Eclipse è un sistema,conforme alla CEI 0-21 V1,che ti permette di sfruttare tutta l energia elettrica prodotta del

Dettagli