INDICE PREMESSA IL TFR e LA RIFORMA GLI ELEMENTI DI BASE PER COMPRENDERE Cosa sono le pensioni...12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE PREMESSA...1. 1. IL TFR e LA RIFORMA...4 2. GLI ELEMENTI DI BASE PER COMPRENDERE...12. 2.1 Cosa sono le pensioni...12"

Transcript

1 Tfr o fondo pensione? Cosa davvero si nasconde dietro questa scelta

2 INDICE PREMESSA IL TFR e LA RIFORMA GLI ELEMENTI DI BASE PER COMPRENDERE Cosa sono le pensioni Cos è un fondo pensione GLI SPETTRI CHE HANNO GIUSTIFICATO LE RIFORME I Conti Previdenziali La famigerata gobba e il Baby-boom: Culle vuote e invecchiamento della popolazione Il fattore trascurato: LA PRODUTTIVITÀ' LA LIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE PUBBLICA LA PRIVATIZZAZIONE DELLE PENSIONI Da dove nasce il furto del Tfr TFR e FONDI PENSIONE A CONFRONTO Prestazioni finanziarie a confronto Conflitto generazionale e paradossi dei fondi Al momento di andare in pensione I VANTAGGI PROPAGANDATI DEI FONDI PENSIONE (ribattuti colpo su colpo)...41 Scheda A. I FONDI PENSIONE E LA SPECULAZIONE FINANZIARIA...46 Scheda B. DAL PUNTO DI VISTA DELLE IMPRESE...50 Scheda C. PENSIONE, PRECARIETÀ REDISTRIBUZIONE DEL REDDITO UNA VERTENZA CHE SI PUO VINCERE...56 CHI SIAMO...58

3 PREMESSA Perché, d'improvviso, tutto questo gran parlare di Tfr, fondi pensione, fondi aperti, fondi chiusi, pensione integrativa, complementare, e così via? Quotidiani, pubblicazioni, un gran martellare di spot pubblicitari, trasmissioni televisive dedicate: perché, d'improvviso, tutta questa attenzione su questo argomento? Innanzitutto perché indubbiamente i lavoratori sono posti di fronte ad un bivio, sono chiamati ad una scelta. In secondo luogo perché è stabilito un tempo massimo per scegliere e se entro quel tempo non sceglieranno tra le due strade da imboccare, qualcuno (tendenziosamente?) avrà scelto per loro (silenzio-assenso). Infine perché una di queste due scelte (quella in cui si ricade se si sta in silenzio) è tra l'altro irrevocabile. Che strano: sembra che le regole non siano neutrali, che già di per sé spingano in una direzione! Che strano: anche le informazioni che ci arrivano da tutti i mass media sembrano appartenere tutte allo stesso coro! Viene quanto meno da pensare che si stia muovendo qualcosa di grosso. No? Di cosa si tratta? Una prima risposta potrebbe essere: si tratta di 19 mld di euro l'anno. Tale è il gettito attualmente stimato del TFR. Il ministro del Lavoro Damiano ha dichiarato come obiettivo per il 2007 di spostarne il 40% a favore dei Fondi Pensione: circa 7 miliardi di euro che andranno a nutrire i mercati finanziari. Vero. Eppure non avremmo colto il nocciolo della questione. Noi diciamo: si tratta di un'idea di società o forse, ancora di più, di salvare l'idea stessa di società opposta al suo sgretolamento, all'individualismo che deriva dall'illusione dell'indipendenza. Dichiarazione d'intenti Con la presente pubblicazione ci proponiamo pertanto di informare, non solo i lavoratori, e non solo quelli interessati dalla riforma in 1

4 questione, bensì l'intera popolazione, sul tentativo in atto volto allo smantellamento progressivo dello stato sociale, di cui questo della destinazione del Tfr ai fondi pensione è solo un tassello. Per questo motivo, pur mantenendo l'attenzione anche sugli aspetti tecnici della questione, e pur non trascurando alcuni (presunti?) vantaggi relativi al trasferimento a favore dei fondi pensione, il taglio che proponiamo non sarà quello squisitamente tecnico. Non pretendiamo perciò di essere esaustivi da questo punto di vista. Ci interessa molto di più mantenere un'ottica, per così dire, di sistema, piuttosto che addentrarci nei difficili tecnicismi che sono sì utili ai fini della scelta individuale, ma che rischiano (volutamente?) di far perdere lo sguardo d'insieme. Crediamo che a questo scopo abbiano già adempiuto altre pubblicazioni della cui neutralità ed obiettività invitiamo a diffidare (si faccia caso agli sponsor e alle proprietà editoriali. I sindacati stessi, quelli confederali, hanno difficoltà a mantenersi neutrali, gestendo essi stessi dei fondi pensione). Del resto è sotto gli occhi di tutti come la perdita della coscienza collettiva in favore della ricerca di strategie individuali (fenomeno per altro più indotto che autodeterminato) si sia rivelata perdente conducendo alla progressiva erosione dei diritti e delle conquiste della stagione degli anni '70. Dal nostro punto di vista occorre recuperare la conoscenza dei meccanismi che regolano il nostro mondo e la nostra economia; quella conoscenza che, unica, è in grado di offrire davvero l'opportunità di esercitare la propria libertà di uomini e donne che vivono in un contesto sociale. 2

5 IL TFR e LA RIFORMA Trattamento di Fine Rapporto (di seguito TFR) è nato nel 1924 con il nome di indennità di licenziamento (poi indennità di anzianità), con uno scopo essenzialmente assicurativo. Dopo diverse riforme ha assunto nel 1982 il nome di TFR ed è diventato una vera e propria retribuzione differita. Per ciascun anno lavorativo, il datore di lavoro, accantona una quota pari all'importo della retribuzione annua divisa per 13,5 (la retribuzione utile per il calcolo del Tfr comprende tutte le voci retributive corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, salvo diversa previsione dei contratti collettivi). Da tale accantonamento lordo, pari al 7,41% della retribuzione annua, va detratta una trattenuta obbligatoria per legge, pari allo 0,50% calcolato sull'imponibile previdenziale dell'anno in corso, che va a finanziarie un fondo di garanzia dell'inps detto FAP (Fondo Adeguamento Pensioni), per cui l'accantonamneto netto corrisponde in pratica al 6,91% della retribuzione totale annua. Gli importi accantonati sono rivalutati, al 31 dicembre di ogni anno, con l'applicazione di un tasso costituito dall'1,5% in misura fissa e dal 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo rilevato dall'istat. Finché il lavoro subordinato è stato nettamente la forma contrattuale più diffusa e tutta la vita lavorativa si svolgeva presso lo stesso datore di lavoro, il TFR aveva effettivamente un ruolo previdenziale e pensionistico. Allo stato attuale il TFR ha invece assunto un ruolo di vero e proprio ammortizzatore sociale, ovvero è uno strumento che consente a chi perde il lavoro di poter tirare avanti per un certo periodo mentre è in cerca di una nuova occupazione. Questo è diventato sempre più vero negli ultimi anni con l aumento della precarietà e dell insicurezza nel mondo del lavoro. (vedi scheda sulla precarietà) Il decreto Maroni (quello del silenzio/assenso) ha cercato di rendere concorrenziale su questo terreno anche i Fondi pensione con risultati che sarebbero comici se non colpissero direttamente le vite delle persone nei momenti di più grave necessità. Il decreto, infatti, prevede in caso di perdita del lavoro la possibilità di "riscatto" del 50% del capitale accumulato presso il Fondo pensione, 3

6 possibilità però condiziona al fatto che il periodo di disoccupazione sia di almeno 12 mesi. Se non è chiaro, spieghiamo che questo significa che chi viene licenziato senza trovare un nuovo lavoro resterà comunque senza un centesimo - con buona pace di affitti, mutui, rate, bollette, conti al supermercato, ecc. ecc. - per un intero anno. Nulla spetta, ovviamente, in caso di dimissioni. Il decreto prevede anche la possibilità di riscatto del 100% del capitale accumulato, ma in questo caso, a condizione che la disoccupazione non sia inferiore a 4 anni...e che il lavoratore sia sopravvissuto. Con l'ultima legge finanziaria, il presente Governo, su indicazione di cgil-cisl-uil, ha anticipato di un anno, cioè al 1 gennaio 2007, l'entrata in vigore del decreto legislativo 5 dicembre 2002, n.252 (Decreto Maroni), per quanto attiene la destinazione del Tfr. Ma la prima cosa da notare è che, per effetto del Decreto Maroni, il TFR nei fondi non è più TFR. Una volta esercitata la scelta del conferimento del Tfr ad un Fondo Pensione la possibilità di disporne si riduce a poche situazioni. Vediamole in dettaglio: 1. Prima della maturazione del diritto all'erogazone del trattamento pensionistico: (a) possibilità di trasferire il montante accumulato alla nuova forma pensionistica complementare prevista dal nuovo contratto collettivo di lavoro nel quale si rientra in conseguenza di cambio di lavoro; (b) possibilità di trasferire il montante accumulato ad un altro fondo, compatibile con il contratto collettivo di appartenenza, dopo 2 anni di versamenti; (c) riscatto parziale nella misura del 50% del montante accumulato, in caso di: cessazione dell'attività lavorativa che comporti inoccupazione per un periodo superiore ad 1 anno; mobilità; cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria; (d) riscatto totale del montante accumulato, in caso di: 4

7 invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo di quella ordinaria; cessazione dell'attività lavorativa che comporti disoccupazione per un periodo di tempo superiore a 4 anni; 2. Dopo la maturazione del diritto all'erogazone del trattamento pensionistico: (a) liquidazione parziale fino ad un massimo del 50% del montante accumulato fino a quel momento. (b) liquidazione totale del montante accumulato, solo per i dipendenti che risultano iscritti alla previdenza complementare prima del 29 aprile Pertanto, dal punto di vista della liquidazione: il TFR lasciato in azienda funziona esattamente come prima, sia come liquidazione finale e sia come possibilità di richiedere anticipazioni (è comunque l'azienda a farlo conguagliando poi le somme nei versamenti successivi all Inps) Se si aderisce ad un fondo non c è più la liquidazione: al momento della cessazione del rapporto di lavoro non si prende un centesimo. Il capitale accumulato nei fondi può essere liquidato, a richiesta, per un massimo del 50% al momento in cui maturano i requisiti per andare in pensione. Il resto viene comunque trasformato in una rendita pagata mensilmente. Chi è chiamato in causa La riforma riguarda tutti i lavoratori del settore privato con contratto di lavoro dipendente in forza del quale matura il TFR. Tra questi non figurano i collaboratori coordinati e continuativi, con o senza modalità a progetto, mentre figurano i lavoratori a termine che, se vorranno continuare a percepire la liquidazione come prima alla fine di ogni rapporto di lavoro, dovranno ricordarsi di esprimere la loro volontà in tal senso ad ogni assunzione o rinnovo di contratto. Sono al momento esclusi dal campo di applicazione della riforma le collaboratrici domestiche, oltre ai pubblici dipendenti ai quali, continua ad applicarsi la disciplina previgente (decreto lgs. 124/1993). Tuttavia il tavolo concertativo appena avviato tra governo e parti 5

8 sociali prevede espressamente (visto il memorandum sottoscritto alla fine di novembre 2006) l estensione della previdenza integrativa a tutto il pubblico impiego. Cosa tocca la riforma La scelta riguarda solo il Tfr maturando, cioè il Tfr che matura a partire dal 1 gennaio Il Tfr già accantonato al 31 dicembre 2006 non viene assolutamente toccato: rimarrà in azienda e continuerà ad essere rivalutato di anno in anno con i coefficienti previsti dal Codice Civile fino al momento della cessazione del rapporto di lavoro, allorché verrà erogato sotto forma di liquidazione. La scelta e il silenzio-assenso L adesione al fondo pensione sulla base dell attuale legge delega prevede l obbligatorietà di adesione e di versamento del TFR ai fondi privati dopo il periodo del silenzio/assenso: chi non rifiuta di iscriversi è iscritto d'arbitrio al fondo pensione chiuso predisposto per la propria categoria o settore lavorativo. Solo dopo due anni di adesione è possibile uscire e aderire ad un fondo aperto. Due parole di massima, una volta per tutte, sui criteri che determinano le varie situazioni in cui può venire a trovarsi un lavoratore. Prima e dopo il 29 aprile 1993 Chi è stato assunto prima del 29 aprile 1993, avrà la possibilità di frazionare il Tfr, lasciandone una parte all'impresa e un'altra parte in un fondo pensione. Nell'ipotesi in cui abbia già aderito ad un fondo pensione, potrà mantenere presso il datore di lavoro il Tfr maturando eccedente continuando a contribuire con la stessa quota versata in precedenza, oppure potrà versarlo in toto ai fondi pensione. Se, al contrario, non è ancora iscritto ad alcun fondo pensione, potrà scegliere di trasferire il Tfr futuro anche solo nella misura fissata dagli accordi collettivi o, in assenza di questi, in misura non inferiore al 50%. Chi è stato assunto dopo il 29 aprile 1993 non potrà frazionare la destinazione del Tfr futuro: potrà solo spostare l'intero accantonamento (futuro) a un fondo pensione oppure tenerlo in azienda. 6

9 Più o meno di 50 dipendenti Questo discrimine è stato previsto per proteggere, almeno parzialmente, le piccole imprese, le quali con il conferimento del Tfr ai fondi perdono un'importante forma di finanziamento (vedi oltre la scheda dedicata al punto di vista delle imprese). Se nel semestre il lavoratore dichiara espressamente di non aderire ad un fondo pensione, si possono verificare due possibilità distinte, ma in ogni caso per il lavoratore non cambierà assolutamente niente rispetto al passato. Se il lavoratore è dipendente di un'azienda: con meno di 50 dipendenti: in questo caso il Tfr futuro rimarrà effettivamente in gestione alla stessa rappresentando una forma di finanziamento a costo sicuramente inferiore rispetto a quello ottenibile dal sistema di credito ordinario. Niente cambierà per il lavoratore rispetto al passato. con almeno 50 dipendenti: In questo caso il TFR viene materialmente versato dall'azienda in un conto dell Inps che lo gestisce per conto dello Stato (il quale, nel frattempo, ha pensato bene di utilizzarlo per finanziare le cosiddette grandi opere e le spese militari). Cambia soltanto il soggetto che gestisce il Tfr. Sarà comunque il datore di lavoro a consegnare il TFR al dipedente al momento della cessazione del rapporto di lavoro, portandolo poi in detrazione dai successivi versamenti all INPS la somma anticipata. Anche per quanto riguarda le eventuali anticipazioni sulla liquidazione vale lo stesso principio: sarà il datore di lavoro a liquidare l anticipo, conguagliandolo nei versamenti successivi al fondo detenuto dall Inps. Il TFR va all Inps anche in un altro caso, ovvero nel caso in cui, nel semestre, il lavoratore non si esprima e la sua azienda sia di un comparto che non ha ancora un fondo negoziale. In questo caso si dice che il TFR rimane inoptato e finisce in un Fondo residuale dell Inps denominato Fondinps (diverso dal precedente) che terrà in custodia i soldi del lavoratore fino a che non sarà istituito il fondo negoziale del comparto di appartenenza. A quel punto i suoi soldi saranno trasferiti a quel fondo, costituito e gestito come tutti gli altri fondi pensione. Questa è, ad oggi, la fattispecie dei 7

10 lavoratori della sanità privata. Per inciso: per chi nutre timori riguardo la garanzia di ottenere la liquidazione nel caso in cui a gestire i versamenti siano l'azienda o l'inps per essa, vale la pena di ricordare che è proprio l Inps a garantire al lavoratore la restituzione del TFR accantonato quando le aziende falliscono, grazie ad un fondo di garanzia previsto per legge e alimentato dalle aziende stesse con un contributo mensile pari allo 0,2% dell imponibile contributivo. Un indebolimento di questa garanzia viene dalla circolare INPS 70 del 3 aprile 2007, la quale ha chiarito che, come misura compensativa, le aziende con più di 50 dipendenti non sono tenute a versare il contributo al fondo di garanzia, per tutti quei lavoratori che lasciano il TFR in azienda. La conseguenza è che il fondo di Garanzia avrà meno soldi per tutelare i lavoratori nel caso di fallimento aziendale, e quindi subiscono un danno. Diverso è il caso in cui l'azienda versi in condizioni di crisi, o per qualsiasi motivo (vedi caso del Teatro Carlo Felice di Genova) decida di sospendere i versamenti al Fondo Pensione della categoria di appartenenza. L'articolo 16 del decreto 252/05 ha disposto che il contributo di solidarietà che il datore di lavoro è tenuto a versare all'inps (pari al 10% delle contribuzioni a suo carico finalizzate alla previdenza complementare) sia destinato nella misura dell'1% a un apposito fondo di garanzia istituito presso l'inps per fronteggiare l'evenienza dei rischi derivanti dall'omesso o insufficiente versamento da parte dei datori di lavoro sottoposti a procedure di fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa o amministrazione controllata. Qualora il credito derivante dagli omessi versamenti del datore di lavoro al fondo di previdenza complementare (considerato come credito chirografaro, ovvero a bassa priorità di recupero) non venga, in tutto o in parte, soddisfatto dalla procedura fallimentare o dalle altre procedure, il lavoratore potrà chiedere al fondo di garanzia di integrare i contributi mancanti versandoli direttamente al fondo di previdenza complementare. Non è inoltre da sottovalutare il fatto che, per coloro che lavorano in aziende con meno di 50 dipendenti, trasferire il TFR in un fondo rende più facile i licenziamenti. Oggi, quando un datore di lavoro licenzia uno o più lavoratori deve pagare il TFR che è salario dei lavoratori accantonato. Ma nessun datore di lavoro accantona realmente quelle somme. Tutti le impiegano 8

11 per finanziare le attività dell impresa in maniera assai conveniente. Nessuna banca, infatti, presterebbe quel denaro senza richiedere nessuna garanzia e con interessi così bassi! Quando il lavoratore rinuncia al TFR per iscriversi al Fondo pensione, il datore di lavoro perde fin dall'inizio una vantaggiosa forma di finanziamento ma, al momento di un eventuale licenziamento, non avrà più da reperire le somme che il lavoratore gli ha "prestato", magari ricorrendo al credito e ai normali tassi di mercato, con una "dolorosa" trasfusione di risorse dalle proprie casse alle tasche del lavoratore e potrà quindi licenziarlo... a "cuore più leggero". Irrevocabilità della scelta di destinazione ad un fondo pensione: Nel caso in cui il lavoratore decida di mantenere il Tfr in azienda, questa scelta sarà sempre revocabile. Al contrario, la scelta di trasferire il Tfr ad un fondo pensione è irrevocabile e accompagnerà il lavoratore per tutta la sua carriera lavorativa. Si potrà solo cambiare il fondo pensione scelto dopo due anni, ma le quote future del Tfr dovranno sempre confluire in un fondo pensione e non potranno più ritornare in azienda. Il sistema dei fondi pensione è a senso unico: una volta catturati i lavoratori non hanno la possibilità di tornare indietro....e altre asimmetrie I decreti emanati di concerto dai ministri Damiano e Padoa Schioppa e che dettano le modalità operative di attuazione dell ultima cosiddetta riforma previdenziale entrata in vigore il primo gennaio di quest anno, evidenziano nel concreto se mai ce ne fosse stato il bisogno quali siano i reali obiettivi che si stanno perseguendo. In primo luogo non si può non rilevare come il semestre concesso ai lavoratori per esprimere il loro rifiuto a destinare il proprio Tfr a favore dei fondi si riduce per legge a soli 5 mesi. Infatti, e nonostante quanto erroneamente riportato da autorevoli organi di informazione, il decreto prevede una moratoria per chi avesse espresso la propria volontà su modelli faidatè prima della pubblicazione del decreto, solo nel caso in cui questa volontà fosse consistita nell adesione ad un fondo (ma guarda un po!). In secondo luogo il compito di fornire i moduli ufficiali gli unici utilizzabili per legge è demandato al datore di lavoro. Ma il datore di 9

12 lavoro che omettesse questo obbligo non incorrerebbe in alcuna sanzione. Nella sostanza una scelta fondamentale per la vita e il futuro delle persone è affidata al puro e semplice buoncuore e al senso civico di altri. Ma l aspetto più illuminante è quello che norma l espressione della volontà dei nuovi assunti. Da oggi, il lavoratore che intende tenersi la liquidazione è obbligato ad ogni cambio di lavoro a ribadire questa sua scelta. Le espressioni della sua volontà precedenti verranno azzerate ogni volta. In compenso sarà sufficiente una sola dimenticanza per esempio su un assunzione a termine di quattro mesi - per perdere per sempre il diritto alla liquidazione. Non ultimo dobbiamo assistere al richiamo della Corte dei Conti a mettere mano nuovamente alle pensioni. Richiamo tanto eterodiretto quanto singolare. La spesa previdenziale non incide in alcun modo sul bilancio dello Stato (se non per le fiscalizzazioni ovvero le regalie concesse dallo Stato ai datori di lavoro) e, anzi, sono i soldi dei lavoratori che manlevano il bilancio dello Stato dell intera spesa assistenziale. Se, come è vero, i conti dell Inps non sono mai andati in rosso, questo ossessivo richiamo a ridurre la spesa pensionistica non ha nulla a che vedere con i conti pubblici, ma mira solo a liberare risorse per le imprese, spostandole dal costo del lavoro al profitto. 10

13 GLI ELEMENTI DI BASE PER COMPRENDERE Quando si vuole realmente affrontare un problema è sempre opportuno prendere le mosse dai suoi aspetti più semplici e basilari. Prima di addentrarci nelle valutazioni, vediamo cerchiamo di aver chiaro di cosa stiamo parlando. 1.1 Cosa sono le pensioni Quando una persona conclude la fase della vita nella quale ha contribuito, con la sua attività lavorativa, ad assicurarsi le condizioni dell esistenza sua e della sua famiglia, e qualcun altro produce i mezzi necessari a quell esistenza, diciamo che va in pensione. Dunque la pensione è il peso la parola viene appunto dal latino pendere, che significa dapprima pesare, e in un secondo momento anche pagare che corrisponde alla creazione delle condizioni materiali di vita di qualcuno, nel momento in cui questi non provvede più al proprio mantenimento mediante la sua stessa attività. La pensione di norma non è comunque un regalo, né un dono: coloro che alla fine della loro vita lavorativa vanno in pensione possono godere dei frutti del lavoro di coloro che sono attivi, in quanto hanno, tra l altro fornito i mezzi per l allevamento di questi ultimi se non li hanno addirittura allevati in prima persona quando essi erano ancora incapaci di badare in qualsiasi modo a se stessi. La capacità di produrre di questi ultimi esiste dunque come risultato di un attività pregressa, che è stata svolta da chi poi esce dal mondo della produzione. Non solo; essi hanno creato le condizioni materiali delle quali i nuovi produttori si avvalgono nello svolgimento della loro attività: le ferrovie, gli elettrodotti, gli acquedotti, le autostrade, i ponti radio, le scuole, gli ospedali, le fabbriche, con i loro macchinari etc. per non parlare delle conoscenze acquisite non sono lì per opera della natura, ma come risultato del lavoro pregresso. E, per finire, hanno a loro volta provveduto a mantenere gli anziani delle generazioni precedenti, quando non erano più in grado di lavorare, perché sapevano che questi avevano creato le condizioni dell esistenza dalle quali essi muovevano. La pensione non è un fatto privato bensì un fatto sociale. Se si cercasse di ragionare sulle pensioni come se si trattasse di una 11

14 questione meramente individuale si commetterebbe un idiozia. Una pensione non può infatti essere autoprodotta. Anche se l individuo singolo agisse in modo da accantonare, nel corso della sua vita attiva, una parte elevata del suo reddito, per mantenersi quando non potrà più essere attivo, questo accantonamento risulterebbe del tutto inutile se non trovasse effettivamente delle persone disposte a lavorare per lui nel momento in cui non fosse più in grado di farlo in prima persona. Nessuno può dunque mantenere se stesso creandosi una pensione, perché la pensione è per definizione un peso che grava su altri. Si tratta cioè di uno dei numerosi momenti di manifestazione delle relazioni di reciprocità che si sono susseguite nello svolgimento della storia degli esseri umani. Certo il modo in cui l onere concretamente si instaura e può essere oggetto di discussione e di scelta, ed esprime il tipo di socialità prevalente nel contesto ma nient altro che un illusione può spingere a far ritenere che si possa risolvere il problema badando a se stessi da soli. Per parlare di una pensione fai da te come taluni tifosi del sistema dei soldi sotto al mattone fanno, bisogna dunque aver perso ogni contatto con la realtà. Ciascuno di noi esiste e può continuare a esistere, soprattutto quando non è in grado di agire produttivamente, solo grazie all attività di altri esseri umani. Se questa attività scarseggia, incontra ostacoli a essere erogata, è inefficiente o può evitare di sottomettersi al potere che la evoca, il denaro qualunque sia il suo ammontare e qualunque sia stato il suo valore nel momento in cui è stato accantonato è del tutto inutile o ha un utilità molto limitata. La dipendenza dagli altri, che può essere nascosta dietro all apparente indipendenza garantita dalla disponibilità di denaro diventa allora palese. Un fenomeno, questo, del quale qualche centinaio di migliaia di italiani sta già avendo un anticipazione, essendo stato affidato alle cure dei cosiddetti badanti, cioè di persone che sono a loro disposizione solo perché nel loro paese sarebbero condannati alla miseria, e dunque il denaro può ancora comperare i loro servizi mentre incontra crescenti difficoltà a comperare quello dei propri concittadini. Vale a dire che il loro vitalizio non è in grado di acquistare la cura di cui hanno bisogno se non riversandosi su un segmento del mercato del lavoro alimentato dalla miseria. I sistemi pensionistici si differenziano a seconda di come si finanziano e a seconda del metodo di calcolo. 12

15 Finanziamento a Ripartizione E' stato nel 1969, come grande risultato del movimento dei lavoratori, al punto più alto delle sue conquiste e di rafforzamento dello stato sociale, che in Italia si è adottato il sistema di finanziamento a ripartizione per la pensione pubblica. Con questo metodo in ogni istante si utilizzano i contributi versati dai lavoratori per pagare le pensioni. Vi è quindi un trasferimento di ricchezza da una generazione, quella dei lavoratori attivi, ad un altra, quella dei pensionati. Non vi è accumulo di risparmio, per cui non ci sono i rischi legati all investimento dei capitali e i costi di gestione siano molto contenuti. La ripartizione permette di indicizzare le pensioni ai salari in modo che i pensionati non si trovino con il rischio di vedere la pensione perdere il proprio potere di acquisto. In realtà la Amato del 92 ha tolto l indicizzazione delle pensioni all andamento dei salari, mentre è rimasta unicamente l indicizzazione ai prezzi. Finanziamento a Capitalizzazione I contributi versati da ogni singolo lavoratore serviranno per pagare la pensione dello stesso lavoratore. I contributi vengono investiti anno dopo anno per costruire un capitale che verrà utilizzato, direttamente o come rendita vitalizia, al momento di uscire dal mondo del lavoro. A differenza del regime a ripartizione, basato sulla solidarietà intergenerazionale, in questo secondo regime ogni lavoratore pensa per sé, ovvero si costruisce il proprio schema pensionistico mediante il proprio risparmio. La capitalizzazione comporta tutti i rischi derivanti dai comportamenti dei mercati e costi di gestione molto più alti. Inoltre le crisi finanziarie e le svalutazioni rischiano di volatilizzare in ogni momento il capitale versato. L indicizzazione delle pensioni in questo caso non è pensabile: l investimento dei capitali sui mercati difficilmente permette di garantire un rendimento proporzionale all aumento dei salari o al tasso di inflazione. 13

16 Calcolo Retributivo La pensione viene calcolata in base agli anni di vita lavorativa e alla retribuzione percepita dal lavoratore. Per ogni anno di lavoro, e quindi di versamento dei contributi, viene aggiunta una percentuale per il calcolo della pensione. In particolare per ogni anno di contributi si aggiunge un 2% al valore finale della pensione. Con un massimo di 40 anni di contributi si giunge ad una pensione corrispondente all 80% della retribuzione. Questa retribuzione è calcolata sulla media degli stipendi degli ultimi 5 (dipendenti pubblici) o 10 anni (dipendenti privati). Calcolo Contributivo La pensione viene calcolata sommando i contributi versati nel corso della vita lavorativa, capitalizzati secondo un dato tasso di interesse, e si divide la somma ottenuta per il numero di anni di vita attesi sulla base della speranza di vita media, al momento di andare in pensione. Con questo metodo se la speranza di vita media della popolazione aumenta, diminuisce l importo della pensione. Il tasso di interesse utilizzato per rivalutare di anno in anno i contributi è pari alla media dei tassi di crescita del PIL degli ultimi cinque anni. La pensione diminuisce se una persona decide di andare in pensione anticipatamente sia perché somma meno anni di contributi e sia perché ha anche una speranza di vita maggiore, andando in pensione in più giovane età. Tasso di Sostituzione E il rapporto tra la prima pensione e l ultimo stipendio percepito dal lavoratore. Questo parametro indica in quale misura il lavoratore potrà mantenere il suo reddito, e quindi il suo tenore di vita, al momento di andare in pensione. I cosidetti 3 pilastri della previdenza: I PILASTRO: Altro non è che la pensione pubblica, attualmente finanziata con il 14

17 metodo a ripartizione. La pensione viene calcolata applicando: il sistema contributivo per coloro che hanno iniziato l'attività dopo il 31 dicembre 1995; il sistema retributivo per coloro che, al 31 dicembre 1995 avevano un'anzianità pari o superiore a 18 anni; il sistema misto (retributivo per gli anni di contributi versati al 31/12/1995 e contributivo per i contributi versati successivamente) per coloro che, al 31 dicembre 1995 avevano un'anzianità inferiore ai 18 anni; II PILASTRO: E' costituito dalla pensione cosidetta complemetare o integrativa ricavata dalla gestione dei Fondi pensione e finanziata con il sistema a capitalizzazione. Il lavoratore accantona dei contributi in un fondo pensione gestito da un intermediario finanziario, fino al momento di andare in pensione. III PILASTRO: E costituito dalla pensione integrativa individuale: è il risultato degli investimenti dei singoli cittadini destinato a scopi previdenziali. Questo pilastro è del tutto simile al secondo, sia per il sistema di finanziamento (a capitalizzazione) sia nella forma. I contributi volontari vengono dati in gestione ad un intermediario finanziario che si occupa di farli fruttare in attesa che il lavoratore raggiunga la pensione. La differenza essenziale rispetto alla pensione complementare è il carattere assolutamente individuale del terzo pilastro, rispetto ai fondi di categoria che caratterizzano il secondo. 15

18 1.2 Cos è un fondo pensione com'è organizzato, come si articola al suo interno. Un fondo pensione chiuso ha un Consiglio di Amministrazione e un Collegio dei Revisori, eletti dall Assemblea. Quest ultima in teoria include tutti i partecipanti al fondo ma in pratica è composta dai delegati, eletti per metà dai lavoratori e per metà dai datori di lavoro. Tutti gli organi sociali sono eletti in modo paritetico tra lavoratori e imprese. Questi organi redigono lo statuto del fondo che deve precisare gli elementi costitutivi, la scheda informativa, i sistemi di finanziamento del fondo (importo dei contributi) e i sistemi di erogazione delle pensioni, i costi e le modalità per il trasferimento ad altro fondo o in caso di riscatto, ecc... Il fondo nomina la banca depositaria che ha il compito, tra gli altri, di custodire i contributi versati al fondo e i proventi derivanti dalle attività finanziarie. Queste attività sono affidate ad uno o più gestori finanziari, ovvero SIM di gestione, banche, compagnie di assicurazione, che operando sui mercati finanziari devono cercare di fare fruttare i contributi degli aderenti. In realtà la vera e propria compravendita dei titoli sui mercati viene realizzata dalle SIM di negoziazione per conto dei gestori finanziari che, nelle loro scelte, devono attenersi a quanto stabilito nello statuto del fondo in materia di rischio (ad esempio date percentuali di titoli azionari e obbligazionari), benchmark di riferimento, gestione attiva o passiva del fondo, mercati sui quali operare, ecc... Ovviamente nel momento di acquisto e vendita degli strumenti finanziari sui mercati è necessario riconoscere un margine di profitto per la SIM di negoziazione. Per questo motivo i prezzi di acquisto e vendita degli strumenti finanziari per il fondo sono maggiori (e rispettivamente minori) dei reali prezzi di mercato. Il fondo può gestire direttamente fino al 20% del proprio patrimonio, investendolo però esclusivamente in quote di società immobiliari o di fondi mobiliari chiusi. Il gestore amministrativo si occupa degli aspetti contabili del fondo. Alcuni fondi nominano un ente valutatore esterno per monitorare l efficienza e le prestazioni dei gestori finanziari. 16

19 Vi è poi la compagnia di assicurazione alla quale devono essere versati i capitali accumulati dai lavoratori che vanno in pensione e che deve occuparsi di erogare le rendite. Funzionamento del Fondo Il patrimonio del fondo è suddiviso in quote. Ogni lavoratore versando i propri contributi acquista periodicamente delle quote del fondo. Il valore del patrimonio netto del fondo dipende dai risultati conseguiti dal gestore sui mercati finanziari e con le altre forme di investimento. Il valore di una quota è quindi pari al patrimonio del fondo diviso per il numero di quote. Linee di investimento In genere ogni fondo propone diverse linee di investimento, dalle più prudenti alle più aggressive. Il lavoratore che si iscrive sceglie in quel momento, o in un momento successivo, a quale linea aderire. Con il silenzio/assenso si vieni iscritti per legge alla linea più prudente. In genere però non vi sono linee esclusivamente obbligazionarie perché le speranze di rendimento sarebbero troppo basse. Stabilito che il lavoratore ha la facoltà di scegliere la linea di investimento che preferisce tra quelle proposte, la sua voce in capitolo termina lì. Gli investimenti concreti (quali azioni, di quali società, quali bond, quali titoli, quando acquistarli o rivenderli) è deciso esclusivamente dall operatore finanziario incaricato di operare sul mercato (ad esempio Generali, Ras, San Paolo IMI, Mediolanum). Neanche chi amministra i fondi chiusi (parte datoriale o sindacale che sia) ha su questo alcuna voce in capitolo. Costi di gestione L iscrizione al fondo prevede diversi costi. Ci sono le commissioni di ingresso da versare al momento dell iscrizione. Al momento di uscire dal fondo ci saranno le commissioni di uscita. E inoltre previsto il versamento di una quota associativa annua che copre le spese sostenute dal gestore amministrativo. Ogni anno inoltre, parte dei contributi vanno a pagare le commissioni di gestione sostenute dal gestore finanziario, che sono misurate in percentuale del patrimonio del fondo e possono variare notevolmente a seconda del tipo di strumenti finanziari e della gestione del fondo. In 17

20 particolare la gestione può essere passiva, nel qual caso il gestore finanziario si limita a seguire le indicazioni e il benchmark prefissato, o attiva. In questo secondo caso il gestore cerca di battere il benchmark, e le commissioni saranno più elevate. Inoltre le commissioni variano a seconda della natura degli strumenti trattati. Le commissioni sono più basse per i fondi a prevalenza obbligazionaria mentre crescono per fondi che investono principalmente in azioni. % dopo 3 anni dopo 30 anni Fondi Chiusi 0,5 0,5 Fondi Aperti 1,9 1,2 PPI 8 2,3 Costi di gestione in % calcolata sul capitale versato a fine esercizio. Queste commissioni sono dovute a prescindere dai risultati conseguiti: anche in caso di perdita il fondo e quindi gli aderenti sono tenuti a pagare le commissioni di gestione. Nel caso che il gestore finanziario riesca poi a superare il benchmark prestabilito gli viene sovente riconosciuta una commissione di over performance. Il lavoratore può dovere affrontare ulteriori spese e commissioni in caso di uscita anticipata dal fondo, in caso di riscatto, o nel momento in cui decidesse di cambiare fondo per passare ad un fondo aperto. Molti fondi pensione prevedono anche delle spese per passare all interno del fondo stesso da una linea di investimento ad un'altra. FONDI CHIUSI O NEGOZIALI Sono dei fondi riservati a determinate categorie di lavoratori. In generale i fondi negoziali sono soggetti generalmente dotati di personalità giuridica e destinati a lavoratori dipendenti di una stessa categoria, territorio, impresa, ecc ; soci lavoratori di cooperative di produzione e lavoro; lavoratori autonomi e liberi professionisti di aree professionali simili e/o di una stessa regione. I fondi chiusi sono istituiti sulla base di contratti nazionali promossi dai sindacati e dai datori di lavoro, dalle associazioni nazionali del movimento cooperativo o da associazioni di categoria almeno regionali per i lavoratori autonomi. 18

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli