GLI ITALIANI CONOSCONO IL LORO IO FUTURO?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ITALIANI CONOSCONO IL LORO IO FUTURO?"

Transcript

1 GLI ITALIANI CONOSCONO IL LORO IO FUTURO? COME LA CAPACITÀ DI PROIETTARSI NEL FUTURO INFLUENZA LE SCELTE FINANZIARIE DI OGGI E LA REALIZZAZIONE DEI PROPRI PROGETTI FUTURI.

2

3 Quaderno di ricerca UBI Pramerica Gli italiani conoscono il loro Io futuro? Come la capacità di proiettarsi concretamente nel futuro influenza le scelte finanziarie di oggi e la realizzazione dei propri progetti futuri. Gennaio 2015

4

5 PREMESSA Premessa a cura di Andrea Pennacchia, Amministratore Delegato e Direttore Generale UBI Pramerica SGR. Tutti noi viviamo le profonde trasformazioni economiche e sociali che, a livello nazionale e globale, stanno cambiando il nostro presente e, soprattutto, cambieranno il nostro futuro e quello dei nostri familiari. Per questo motivo e per guardare con serenità e fiducia al proprio futuro è sempre più importante per ciascun individuo pensare già oggi al proprio domani e fare per tempo scelte finanziarie consapevoli e ben informate. Ma guardare al futuro per programmare e indirizzare al meglio le scelte di oggi non è affatto facile. Pensare al proprio benessere di qui a molti anni richiede, infatti, la capacità di proiettarsi su un orizzonte temporale di lungo periodo e di individuare oggi le necessità e gli obiettivi personali e familiari futuri, che molto spesso sono indistinti e non semplici da quantificare. Questa limitata capacità di programmazione, implicita nella natura umana, ci porta a pensare al futuro più lontano in modo generico e a non riuscire in modo immediato a tradurre in concreti obiettivi finanziari quei generici obiettivi personali, come ad esempio un futuro sereno o il benessere dei propri figli, che ognuno di noi spontaneamente desidera realizzare. Tutti noi sappiamo che guardare al futuro e saper pianificare per realizzarlo è molto importante, ma non facile. È per questo motivo che UBI Pramerica, partendo dai più recenti studi di finanza comportamentale e dall ampio bagaglio di esperienza del nostro partner Prudential*, ha voluto dar vita a questo nuovo quaderno di ricerca, per verificare quali siano le barriere che ognuno di noi incontra nell immaginare il proprio Io futuro e per trovare le soluzioni che possano aiutarci a superarle. In tal modo UBI Pramerica vuole essere, ancora una volta, al fianco dei risparmiatori e delle famiglie italiane per aiutarle, per il tramite dei propri collocatori, ad acquisire consapevolezza sul futuro e a prepararsi ad affrontare oggi, con serenità, le sfide di domani, stimolando una riflessione sui meccanismi comportamentali che possono aiutarle a migliorare la propria capacità di programmazione finanziaria e ad attivare comportamenti di risparmio e di investimento virtuosi orientati ai progetti di vita di lungo periodo. * Pramerica Financial è il marchio utilizzato da Prudential Financial, Inc. (USA) in determinati Paesi al di fuori degli Stati Uniti e non ha alcun legame con Prudential Plc, società con sede nel Regno Unito. Andrea Pennacchia, Aministratore Delegato e Direttore Generale UBI Pramerica 5

6 SINTESI DEI RISULTATI GLI ITALIANI CONOSCONO IL LORO IO FUTURO? COME LA CAPACITÀ DI PROIETTARSI NEL FUTURO INFLUENZA LE SCELTE FINANZIARIE DI OGGI E LA REALIZZAZIONE DEI PROPRI PROGETTI FUTURI. UBI Pramerica ha intervistato un campione rappresentativo di italiani, uomini e donne nella fascia di età compresa tra 30 e 65 anni, appartenenti alle fasce reddituali più alte della popolazione italiana, per esplorare la loro capacità di proiettarsi nel futuro e valutare come tale capacità influenzi i processi decisionali alla base della realizzazione dei propri progetti di vita di lungo periodo. Immaginare il futuro è tra le attività più attraenti e gratificanti su cui la nostra mente possa concentrarsi. Gli italiani intervistati esprimono proprio questa spontanea proiezione verso il futuro: il 95% del campione, infatti, dichiara di pensare al proprio futuro. Tuttavia, per 7 persone su 10 pensare al proprio futuro è importante ma al contempo difficile, principalmente per le incertezze che caratterizzano il contesto economico e sociale attuale oltre che per la difficoltà di fare oggi scelte economiche che sortiranno i propri effetti nel futuro. 6 95% DEGLI ITALIANI INTERVISTATI PENSA AL PROPRIO FUTURO E VI ASSOCIA GENERALMENTE SENSAZIONI POSITIVE

7 1 10 su SOLO 1 INTERVISTATO SU 10 RIESCE A IMMAGINARE CONCRETAMENTE IL PROPRIO IO FUTURO E A FOCALIZZARE TUTTI I PROPRI PROGETTI Quello che gli intervistati chiedono maggiormente al proprio domani, probabilmente anche per l influenza del contesto economico attuale, è rappresentato da un generico bisogno di autonomia e sicurezza, prevalentemente in ambito finanziario. La percezione spontanea di futuro non va oltre un idea non ben definita, alla quale si associano generalmente sensazioni positive. Alla richiesta di immaginare la propria giornata tipo fra anni, solo 1 intervistato su 10 riesce a calarsi concretamente nella quotidianità, a immedesimarsi e a pensare con la testa del proprio Io futuro. 7

8 6su10 VA PER 6 INTERVISTATI SU 10 IL FUTURO NON OLTRE I 10 ANNI Inoltre, la quasi totalità del campione fatica a proiettarsi oltre orizzonti temporali brevi. 3 intervistati su 10 considerano come futuro massimo i prossimi 5 anni e 6 su 10 non vanno oltre i 10 anni. Solo 1 rispondente su 10 si riesce a immaginare su un orizzonte di 20 anni o più. Considerata l età del campione e l aspettativa di vita attuale è evidente come in tutte le fasce di età esista una significativa porzione del proprio domani che appare indistinta e poco chiara. Il non vedere il futuro con concretezza e nella sua totalità porta con sé, come immediata conseguenza, una certa difficoltà a individuare con chiarezza progetti e bisogni: mentre i progetti più vicini nel tempo sono più visibili, quelli lontani sono difficili da mettere a fuoco. Per quasi il 60% degli intervistati poter assicurare un adeguato standard di vita futuro ai figli e a se stessi sono due assolute priorità, seguite dall attenzione alla pensione integrativa. Per i progetti più chiari, 7 intervistati su 10 dichiarano di aver già attivato comportamenti di risparmio e investimento che ne garantiscono la necessaria copertura economica. Tuttavia, se portati a ragionare concretamente sul proprio domani, gli intervistati riconoscono in maniera più decisa sia l importanza di alcuni progetti sia l esistenza di altri che non avevano considerato prima e per i quali è necessaria un adeguata copertura economica. Fra i più citati si rilevano il desiderio di trasferirsi in una località più adatta alle necessità future, l acquisto di una casa, l ampliamento di un attività imprenditoriale, l andare in pensione anzitempo, la possibile necessità di supportare i genitori in età avanzata o di essere autonomi con l avanzare degli anni. 1su2 SOLO 1 INTERVISTATO SU 2 È IN GRADO DI QUANTIFICARE L IMPATTO ECONOMICO DEI PROGETTI FUTURI Se accompagnati in un esplorazione più profonda sulle risorse economiche necessarie alla propria realizzazione nel futuro, 1 intervistato su 2 dichiara di non saperle quantificare e anche fra coloro che si ritengono preparati si rileva uno scostamento significativo fra le cifre medie dichiarate e gli importi effettivamente necessari. Questo scostamento diviene palese ai rispondenti stessi che, a seguito di adeguate riflessioni e approfondimenti, nell 87% dei casi realizza che con la propria pianificazione attuale (il generico risparmio per imprevisti e necessità o per mantenere il tenore di vita) potrà realizzare solo una parte di quanto ha in mente. Solo il 7% ritiene che riuscirà a soddisfare tutte le proprie necessità. 8

9 8su10 8 PERSONE SU 10 SONO PROPENSE A RIVEDERE IL PROPRIO APPROCCIO PROGETTUALE CON SUPPORTI CONCRETI E PROFESSIONALI 6su10 6 INTERVISTATI SU 10 SI DICHIARANO PRONTI A RADDOPPIARE I PROPRI RISPARMI DOPO AVER PRESO COSCIENZA DEL PROPRIO IO FUTURO Il 90% del campione dichiara di risparmiare per il futuro proprio e della propria famiglia almeno il 5% del reddito familiare attuale, e tra questi 1 su 2 riesce ad accantonare tra il 5% e il 15%. Solo il 5,4% sceglie di non risparmiare, principalmente perché tende a procrastinare o perché preferisce spendere oggi. Quando l Io futuro diventa più chiaro e i progetti e le risorse necessarie diventano più evidenti, i rispondenti si interrogano sulla correttezza del proprio approccio progettuale. La presa di coscienza dell impatto economico del futuro stimola un incremento nella propensione al risparmio in 8 intervistati su 10; in particolare, 6 persone su 10 sono disposte ad accantonare per il proprio futuro almeno il doppio di quanto già risparmiano. La quasi totalità degli intervistati concorda sul fatto che la proiezione di se stessi nel futuro porta a riflettere sull adeguatezza degli attuali comportamenti di risparmio e sull allocazione ottimale delle risorse per i progetti futuri, sull esistenza di piani di risparmio di lungo termine che li possano aiutare a concretizzare i propri piani in futuro. Per il 74% del campione diviene chiara l importanza di modificare il proprio atteggiamento di risparmio e investimento in ottica futura e per 1 su 2 è urgente farlo fin da subito. Il focus sul futuro fa emergere il valore dell accumulazione grazie alla quale anche gli obiettivi più sfidanti appaiono più raggiungibili. Con l aiuto di esempi concreti 1 rispondente su 2 diviene infatti più confidente nel poter accumulare cifre importanti attraverso versamenti periodici anche di piccoli importi. I rispondenti riconoscono la difficoltà a progettare e programmare il proprio futuro economico per l esistenza di barriere oggettive, ma allo stesso tempo comprendono la possibilità di superarle. Infatti 1 persona su 2 dichiara che ragionare e pianificare per il lungo termine è più semplice se si dispone sia di strumenti di simulazione adeguati sia dell aiuto di professionisti. I primi aiutano a quantificare e definire il valore dei progetti e del risparmio nel tempo, i secondi, attenti ai comportamenti finanziari dei risparmiatori, li stimolano verso una progettualità concreta e li orientano nelle scelte di investimento di lungo termine. 9

10 GLI ITALIANI INTERVISTATI HANNO A CUORE IL PROPRIO FUTURO E VI ASSOCIANO GENERICAMENTE SENSAZIONI POSITIVE. TUTTAVIA FANNO FATICA A PENSARE AL PROPRIO IO FUTURO E A PROIETTARVISI CONCRETAMENTE. Chi non ha mai provato a immaginare il futuro? La curiosità nei confronti di quello che succederà a noi e intorno a noi è comune e radicata nel tempo, genera sentimenti differenti, incertezza e timore, ma anche speranza e desiderio di realizzare importanti progetti. Oltre il 95% degli italiani intervistati pensa genericamente al proprio futuro e lo immagina come un momento indefinito, di cui ha una vaga percezione e a cui associa delle sensazioni positive, nonostante le incertezze che contraddistinguono il momento attuale. Questo futuro immaginario rappresenta il desiderio di serenità, di libertà, del buon vivere, in cui ci si raffigura liberi da pensieri e preoccupazioni. A pensare con maggior frequenza al futuro sono soprattutto le fasce d età più giovani all interno del campione, in particolare gli intervistati fra i 35 e i 49 anni. OLTRE IL 95% DEGLI ITALIANI INTERVISTATI PENSA GENERICAMENTE AL PROPRIO FUTURO 1 INTERVISTATO SU 10 RIESCE A STACCARSI DA UN PENSIERO GENERICO DI FUTURO E A PENSARE CON LA TESTA DEL PROPRIO IO FUTURO Che cosa è il futuro per gli intervistati? Solo 1 intervistato su 10 riesce a staccarsi da un pensiero generico di futuro e a pensare con la testa del proprio Io futuro. Meno della metà del campione intervistato (43%) riesce a pensare anche solo in parte alla propria giornata tipo fra anni. In effetti, per 3 intervistati su 10 futuro significa i prossimi 5 anni o addirittura domani, per 6 intervistati su 10 il futuro non va oltre i 10 anni (percentuale che sale a 7 persone su 10 nella fascia d età tra i 30 e i 40 anni) e solo 1 su 10 arriva a pensare a 20 anni o più. 10

11 PER 3 INTERVISTATI SU 10 FUTURO SIGNIFICA I PROSSIMI 5 ANNI O ADDIRITTURA DOMANI Questa percezione di futuro è trasversale sull intero campione, vale a dire che l orizzonte futuro dichiarato è slegato dall età di chi lo esprime. Se pensiamo però all aspettativa di vita oggi in Italia, che è pari in media a 82 anni, emerge che il campione non sembra vedere il futuro nella sua interezza, evidenziando un gap di almeno 10 anni di futuro non considerati, gap che aumenta considerevolmente al decrescere dell età dei rispondenti, arrivando a superare i trenta anni per il campione d età più giovane. Oggettivamente è difficile proiettarsi nel lungo periodo, vedere interamente il proprio futuro. Tuttavia un esercizio di immedesimazione può aiutare ad allungare il proprio orizzonte temporale di riferimento, come emerso nell approfondimento esperienziale effettuato da UBI Pramerica, grazie al quale un gruppo di persone guidate da un esperto ha preso progressivamente confidenza con il proprio io invecchiato. Inoltre, per 7 rispondenti su 10 pensare al proprio Io futuro è importante - con un importanza dichiarata pari a 7 su una scala da 1 a 10 - ma difficile, principalmente per le incertezze che caratterizzano il contesto economico e sociale attuale (61,8%) e per la difficoltà di fare oggi scelte economiche che avranno effetto nel futuro (52,4%). PER 7 RISPONDENTI SU 10 PENSARE AL PROPRIO IO FUTURO È IMPORTANTE MA DIFFICILE IN SINTESI. Gli italiani intervistati pensano al proprio futuro e lo ritengono importante. La percezione di futuro è tuttavia limitata sia in termini di durata sia di progettualità: esiste un futuro più distante che non viene concretamente messo a fuoco, perché si è più ancorati al presente o perché lo si ritiene complesso. 11

12 GLI INTERVISTATI HANNO PROGETTI IMPORTANTI PER IL PROPRIO FUTURO, MA NON SONO PIENAMENTE CONSAPEVOLI DELLE RISORSE ECONOMICHE CHE QUESTI PROGETTI RICHIEDONO. INOLTRE, SOLO SE SOLLECITATI, RICONOSCONO DI AVERE ULTERIORI NECESSITÀ FUTURE CHE HANNO UN IMPATTO ECONOMICO AL QUALE È IMPORTANTE PREPARARSI PER TEMPO. I PROGETTI E LE NECESSITÀ DI LUNGO TERMINE SONO NUMEROSI MA NON SEMPRE BEN DELINEATI NELLA MENTE DEI RISPONDENTI. FIGURA 1 PRINCIPALI PROGETTI ED ESIGENZE FUTURE ASSICURARE UN ADEGUATO SUPPORTO AI FIGLI (ISTRUZIONE, CASA, SALUTE) MANTENERE IL MIO TENORE DI VITA ATTUALE 59,2% 58,6% Quali progetti hanno gli intervistati per il futuro? E qual è il progetto più importante per ciascuno di loro? Riconoscono che avranno necessità future a cui pensare? In maniera spontanea 2 intervistati su 3 indicano almeno un progetto importante, ma forniscono risposte generiche, orientate sia alla sfera personale sia familiare: stabilità e tranquillità economica, figli, casa e vacanze. Tuttavia, se sollecitati, gli intervistati riconoscono in maniera più decisa l importanza di alcuni progetti e necessità specifiche di lungo termine a cui non avevano pensato. Il desiderio di poter mantenere lo standard di vita è ben presente nella mente e nelle risposte degli intervistati, che quasi nel 60% dei casi indicano tale elemento come priorità, sostanzialmente al pari della volontà di supportare i figli, pensando per loro ai migliori livelli di educazione, a una casa e alla loro salute. DISPORRE DI UNA PENSIONE INTEGRATIVA GARANTIRMI UN ADEGUATA ASSISTENZA DOMICILIARE IN ETÀ AVANZATA TRASFERIRMI IN UNA LOCALITÀ PIÙ ADATTA ALLE MIE ESIGENZE ASSICURARE UN SUPPORTO ADEGUATO AI MIEI GENITORI 40,9% 37,7% 35,3% 27,2% 12

13 Infine, viene riconosciuta, tra le altre, la necessità di un flusso di reddito futuro per poter disporre di un adeguato sostegno in età avanzata per se stessi o per i genitori. Per i tre progetti identificati come i più importanti (supporto ai figli, mantenimento del tenore di vita e pensione integrativa) 7 intervistati su 10 dichiarano di aver già attivato comportamenti atti a garantirne la necessaria copertura economica. In effetti il campione conferma la propensione al risparmio che caratterizza la popolazione italiana. 9 persone su 10 fra quelle intervistate, infatti, dichiarano di risparmiare per il futuro proprio e della propria famiglia almeno il 5% del reddito familiare e 1 su 2 fra queste posiziona la quota destinata al risparmio fra il 5% e il 15% del proprio reddito. Chi, invece, dichiara di poter risparmiare ma di non farlo indica tra le principali barriere la tendenza a procrastinare e la gratificazione immediata, confermando che si preferisce spendere oggi per sé piuttosto che accantonare per anni per il proprio Io futuro, un estraneo nel quale non ci si identifica. Ciò dimostra la difficoltà che si incontra nel riconoscere e valorizzare il beneficio di poter consumare di più in futuro grazie a una miglior allocazione nel tempo delle proprie risorse complessive. Tra coloro che dichiarano di mettere da parte per il proprio futuro la principale motivazione di risparmio è costituita dal mantenimento del tenore di vita (30%), a cui seguono il far fronte a imprevisti (23%) e il supporto ai figli (20%), vale a dire i progetti indicati come principali. 2 INTERVISTATI SU 3 DICHIARANO SPONTANEAMENTE DI AVERE ALMENO UN PROGETTO IMPORTANTE PER IL FUTURO 6 INTERVISTATI SU 10 INDICANO COME PRIORITÀ ASSOLUTE: MANTENERE LO STANDARD DI VITA NEL TEMPO E ASSICURARE UN ADEGUATO SUPPORTO AI FIGLI IN SINTESI. Con un esercizio di immedesimazione nel proprio Io futuro si riconosce una progettualità più ampia di quella che emerge in modo spontaneo: l atteggiamento di risparmio attuale alla base della realizzazione futura è compromesso da un insieme di barriere, psicologiche o comportamentali, quali il procrastinare o il non indirizzare correttamente le risorse disponibili. 13

14 SI RISPARMIANO CIFRE IMPORTANTI E PER I PROGETTI RITENUTI PRINCIPALI, SENZA PERÒ AVERE UNA PIENA CONSAPEVOLEZZA DELLE RISORSE NECESSARIE ALLA REALIZZAZIONE DI TALI PROGETTI. Solo un ristretto numero di rispondenti è consapevole dell impatto economico sottostante la realizzazione dei propri progetti e il soddisfacimento dei propri bisogni futuri. Oltre il 50% degli intervistati, infatti, non sa quantificare la cifra necessaria per le proprie esigenze future. Questa difficoltà aumenta in corrispondenza dei progetti più lontani nel tempo, con un picco del 70% tra coloro che desiderano andare in pensione anzitempo. OLTRE IL 50% DEGLI INTERVISTATI NON SA QUANTIFICARE LA CIFRA NECESSARIA PER LE PROPRIE ESIGENZE FUTURE 14 Anche tra chi dichiara di saper quantificare, le cifre medie indicate per i diversi progetti sono modeste, lontane dagli effettivi impegni necessari, e potrebbero quindi non consentire il pieno raggiungimento di quanto prefissato. Pensione integrativa, assistenza domiciliare ma anche tenore di vita: le cifre indicate come sufficienti per coprire i bisogni e le esigenze future sembrano adeguate per un orizzonte temporale ridotto, di 3 o 5 anni al massimo. Tuttavia i rispondenti, dopo aver fatto un esercizio concreto di quantificazione del valore economico sottostante a ciascuno dei progetti dichiarati ed essere stati posti di fronte alla domanda diretta circa la sostenibilità dei propri obiettivi di lungo termine, si mostrano disposti a un cambio di atteggiamento. Capiscono che la realizzazione dei progetti e il soddisfacimento delle esigenze future non potranno avvenire se non a fronte di un cambiamento nel comportamento di risparmio. IN SINTESI. Nonostante comportamenti di risparmio virtuosi, si rileva la difficoltà a definire le risorse effettivamente necessarie alla re alizz azio ne di c ias cu n p ro ge tto e d e me rge co me la m anc an z a di u n a pianificazione adeguata possa compromettere il soddisfacimento di bisogni futuri.

15 L INSIEME DELLE SCELTE FINANZIARIE DI OGGI NON SEMBRA ESSERE PIENAMENTE COERENTE CON I PROGETTI FUTURI. TUTTAVIA DI FRONTE A GRANDI OBIETTIVI CRESCONO LA MOTIVAZIONE A UNA MIGLIORE PIANIFICAZIONE E LA PROPENSIONE AL RISPARMIO. La maggior consapevolezza acquisita grazie a esercizi di immedesimazione e confronto con gli altri fa si che l 87% degli intervistati comprenda che riuscirà a realizzare soltanto una parte di quanto ha in mente per il futuro; il 6% del campione addirittura vede sfumare integralmente tutti i progetti poiché, alla luce della quantificazione delle risorse economiche necessarie, ritiene che non sarà in grado di realizzarne nessuno. L 87% DEGLI INTERVISTATI COMPRENDE CHE RIUSCIRÀ A REALIZZARE SOLTANTO UNA PARTE DI QUANTO HA IN MENTE PER IL FUTURO La presa di coscienza dell impatto economico stimola anzitutto in maniera evidente l incremento della propensione al risparmio, trasversalmente per tutte le fasce d età dei rispondenti: 8 su 10 dichiarano una buona propensione a incrementare la quota destinata al risparmio e di questi 1 su 2 manifesta una propensione alta, pari o superiore a 7 in una scala da 1 a 10. Tale tendenza è più evidente nella fascia di età compresa tra 30 e 45 anni. Inoltre, il 60% dei rispondenti si mostra disponibile ad accantonare almeno il doppio di quanto già risparmia e solo il 3% del campione non ha cambiato opinione circa la propria attitudine al risparmio. IL 60% DEI RISPONDENTI SI MOSTRA DISPONIBILE AD ACCANTONARE ALMENO IL DOPPIO DI QUANTO GIÀ RISPARMIA Queste evidenze numeriche confermano i test esperienziali condotti negli Stati Uniti da Prudential e in Italia da UBI Pramerica. Una maggior connessione mentale con il proprio Io futuro, attraverso un esperimento di ipnosi collettiva nel caso di Prudential, e con un focus group intensivo nel caso di UBI Pramerica, ha fatto si che i partecipanti vedessero sé stessi nel futuro non come un estraneo ma come un familiare, inducendoli a essere meglio informati circa le conseguenze future di una decisione presa oggi e aumentando in tal modo la motivazione verso il risparmio per il domani. Gli esperimenti condotti hanno inoltre dimostrato come gli intervistati esprimano in modo naturale e spontaneo una percezione di maggiore semplicità e fiducia nella possibilità di accumulare in modo graduale nel tempo somme importanti. L orizzonte temporale, infatti, contribuisce ad alterare la percezione della capacità di risparmio. 15

16 Se il risparmio è affrontato a piccoli passi anche somme importanti nel lungo termine appaiono raggiungibili. In funzione dell età, ai rispondenti è stato chiesto di dare un giudizio di fattibilità in merito alla possibilità di risparmiare somme considerevoli in un ampio lasso temporale (da 15 a 30 anni) oppure dilazionate su intervalli molto più corti (anno, mese, giorno): le cifre ipotizzate nei diversi orizzonti temporali erano sostanzialmente equivalenti sotto il profilo finanziario e differivano solo in quanto viste alternativamente in unica soluzione o a rate. Ciò che risulta dall esperimento è che la percezione della capacità di risparmio di una determinata cifra in un unica soluzione in 20 o 30 anni è inferiore a quanto percepito se la stessa cifra è riportata su base di risparmio giornaliero, mensile o annuale. Considerando, ad esempio, tra i rispondenti la fascia di età tra i 30 e 45 anni e come obiettivo quello di accantonare euro in 30 anni 1 persona su 2 tra quelle che inizialmente reputano difficile risparmiare la cifra complessiva cambia idea quando gli si propone la stessa cifra declinandola su base mensile o giornaliera. Su sollecit azione e con esempi conc reti diviene quindi più manifesta la necessità di un comportamento di risparmio proattivo: il 74% degli intervistati riconosce l importanza e l urgenza di risparmiare in ottica futura e 1 su 2 si mostra pronto a iniziare fin da subito, in particolare nella fascia d età anni. 16 IL 74% DEGLI INTERVISTATI RICONOSCE L IMPORTANZA E L URGENZA DI RISPARMIARE IN OTTICA FUTURA E 1 SU 2 SI MOSTRA PRONTO A INIZIARE FIN DA SUBITO Di fronte a questo atteggiamento proattivo e responsabile verso il risparmio, a cosa pensano di attingere gli intervistati per accumulare a piccoli passi nel lungo termine? Modificare oggi il proprio standard di vita per finanziare un progetto futuro è sicuramente difficile, ma ci sono alcune voci di spesa che più di altre potrebbero contribuire al reperimento delle risorse necessarie per importanti progetti. Tra le spese ricorrenti che il campione si dichiara disposto a limitare ci sono le cene fuori casa (41%) e gli abbonamenti alla Pay Tv (33%), seguiti dal caffè/colazione al bar (29%), dall abbigliamento (29%) e dalle sigarette (28%).

17 FIGURA 2 DOPO QUESTE RIFLESSIONI, QUALE AFFERMAZIONE RITIENI PIÙ ADERENTE AL TUO ATTEGGIAMENTO NEI CONFRONTI DEL RISPARMIO PER IL FUTURO? 26,6% 23,7% 18,9% 4,5% 26,4% INIZIERÒ A RISPARMIARE DI PIÙ IL PRIMA POSSIBILE INIZIERÒ A RISPARMIARE DI PIÙ IMMEDIATAMENTE AVREI DOVUTO COMINCIARE PRIMA A RISPARMIARE DI PIÙ DOVREI FARLO, MA NON SO SE LO FARÒ NON CAMBIERÒ IL MIO ATTEGGIAMENTO DI RISPARMIO IN SINTESI. Una riflessione concreta sulla molteplicità dei progetti futuri, sul relativo impatto economico e sulle risorse effettivamente disponibili, genera una maggior fiducia nella possibilità e nella capacità di progettare al meglio il futuro familiare: pianificare per il futuro appare più semplice, soprattutto una volta definiti gli obiettivi e i piccoli passi per raggiungerli. Emerge quindi l intenzione di allocare al meglio le proprie risorse e di accantonare, sin da subito, ancora di più di quanto già viene fatto. 17

18 RIFLETTERE SUL PROPRIO IO FUTURO AIUTA A PRENDERE COSCIENZA DEI PROPRI OBIETTIVI DI LUNGO TERMINE E A SUPERARE, CON IL SUPPORTO DI STRUMENTI ADEGUATI, LE BARRIERE CHE NE OSTACOLANO LA REALIZZAZIONE. Proiettato nel lungo termine e con il proprio Io futuro divenuto più familiare e vicino, la maggior parte del campione concorda su una serie di affermazioni circa il proprio atteggiamento per il futuro. 9 intervistati su 10 si dichiarano d accordo sul fatto che la proiezione di loro stessi nel futuro suggerisce loro di interrogarsi sull esistenza di piani di risparmio che possano aiutarli a realizzare i progetti e a soddisfare le necessità future. 8 rispondenti su 10 dopo aver pensato con la testa del proprio Io futuro concordano sull allocazione delle proprie risorse finanziarie e sull adeguatezza del proprio comportamento di risparmio attuale alla luce dei progetti di lungo termine propri e della propria famiglia. L indagine ha anche stimolato oltre 7 intervistati su 10 a riflettere su desideri ed esigenze future che prima non avevano considerato. Per superare le barriere psicologiche e cognitive che possono ostacolare la comprensione delle tematiche del risparmio di lungo periodo finalizzato a coprire specifiche necessità future, i rispondenti dichiarano importante e utile disporre di un insieme di supporti. 18

19 FIGURA 3 AVER PENSATO A ME STESSO NEL FUTURO... 88,1%... MI HA FATTO INTERROGARE SULL ESISTENZA DI PIANI DI RISPARMIO/ INVESTIMENTO CHE MI POSSANO AIUTARE A REALIZZARE I MIEI PROGETTI/SODDISFARE LE MIE NECESSITÀ FUTURE.... MI HA FATTO INTERROGARE SULL ALLOCAZIONE DELLE MIE RISORSE FINANZIARIE E SU COME POTREI GESTIRLE AL MEGLIO. 82,4% 79,5%... MI HA FATTO INTERROGARE SULL ADEGUATEZZA DEL MIO COMPORTAMENTO DI RISPARMIO E SUL FATTO CHE IL MIO ATTEGGIAMENTO DI RISPARMIO ATTUALE POTREBBE NON CONSENTIRE LA REALIZZAZIONE DEI MIEI PROGETTI FUTURI. 73,8%... MI HA FATTO RIFLETTERE SU DESIDERI ED ESIGENZE FUTURE CHE PRIMA NON AVEVO CONSIDERATO. 67,7%... MI HA FATTO INTERROGARE SULLA NECESSITÀ DI UN SUPPORTO PROFESSIONALE PER LA CORRETTA PIANIFICAZIONE DEL RISPARMIO. PER APPROFONDIRE IL TEMA DEL RISPARMIO DI LUNGO PERIODO FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI FUTURI 1 INTERVISTATO SU 2 INDICA COME VEICOLI PREFERENZIALI IL PROFESSIONISTA DEGLI INVESTIMENTI O SIMULATORI 1 intervistato su 2 indica come veicoli preferenziali il potersi consultare con un professionista degli investimenti o simulatori che consentono di valutare diversi comportamenti di risparmio, utili a superare i timori di effettuare scelte sbagliate ed evitare di ripetere esperienze negative passate. Anche confrontarsi con familiari e amici su queste tematiche e raccogliere le loro esperienze e conoscenze rappresenta un importante punto di riferimento per oltre il 44% dei rispondenti. 19

20 Ulteriori stimoli e aiuti per rivedere i propri comportamenti finanziari sono rappresentati da strumenti che possano aiutare a capire concretamente i propri bisogni futuri, avere informazioni più chiare e trasparenti sulle tematiche e sugli strumenti di pianificazione finanziaria. FIGURA 4 QUALI SUPPORTI RITIENI UTILI PER APPROFONDIRE IL RISPARMIO DI LUNGO PERIODO PER REALIZZARE I PROGETTI FUTURI? 50,2% 49,9% 44,3% 29,2% 29,1% 20,2% 19,5% UN SIMULATORE CHE MI CONSENTE DI VALUTARE DIVERSI COMPORTAMENTI DI RISPARMIO UN CONSULTO CON UN PROFESSIONISTA L ESPERIENZA DI FAMILIARI O AMICI INFORMAZIONI SUI SITI DI BANCHE E SGR MANUALI DI FACILE COMPRENSIONE E UTILIZZO EVENTI DEDICATI (SEMINARI, CONVEGNI, FIERE) CORSI ON-LINE DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA IN SINTESI. Esiste una difficoltà oggettiva, umana, a focalizzarsi concretamente sul proprio futuro per l esistenza di un insieme di barriere che è però possibile abbattere. Immedesimarsi nel proprio Io futuro aiuta ad avvicinarsi concretamente ai propri progetti e bisogni. Il proprio futuro economico, se affrontato per tempo, a piccoli passi e con l adeguato supporto di professionisti e di strumenti di simulazione diventa più distinto, chiaro e sostenibile. In questo modo è possibile fare scelte finanziarie oggi, consapevoli e ragionate, che permettono di mantenere nel tempo il proprio tenore di vita e di scegliere sempre il meglio in ogni momento futuro per sé e per i propri familiari. 20

21 LA METODOLOGIA TO MI BG BS RM FIGURA I PROVENIENZA GEOGRAFICA NA BA MILANO 20% BERGAMO/BRESCIA 15% TORINO 15% ROMA 20% NAPOLI 15% BARI 15% FIGURA II SESSO 52% UOMINI 48% DONNE 13% 13% 24% 23% 15% 12% FIGURA III ETÀ 21

22 72% 20% FIGURA IV PROFESSIONE IMPIEGATO A TEMPO PIENO LAVORATORE AUTONOMO 8% IMPIEGATO PART-TIME 31% COMMERCIO 28% INDUSTRIA 26% PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 6% ARTIGIANATO 6% BANCHE E ASSICURAZIONI 2% 1% AGRICOLTURA ALTRO FIGURA V SETTORE DI IMPIEGO Nel mese di novembre 2014, UBI Pramerica ha intervistato italiani, residenti in centri urbani dislocati in diverse regioni del Paese. Lo studio ha riguardato un campione diversificato comprendente uomini e donne nella fascia d età anni, con un reddito netto mensile del nucleo familiare superiore a euro. I partecipanti risultavano al momento occupati con un impiego a tempo pieno, part-time o un attività autonoma in un ampia varietà di settori. L indagine è stata realizzata con il supporto di TNS ITALIA, primaria società di ricerca indipendente attiva su scala internazionale, che ha curato la rielaborazione dei dati. I grafici riguardanti le caratteristiche demografiche dei partecipanti sono riportati in questa sezione. Il margine di errore per i risultati specificati a livello di campione totale (n=1.001) è pari a +/-3% (intervallo di confidenza: 95%). I risultati della ricerca vengono riportati a scopo puramente informativo. 22

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli