COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA"

Transcript

1 COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA STUDIO DI FATTIBILITA ENEA RELAZIONE Ing. Biagio Di Pietra Arch. Francesca Margiotta

2 INDICE I. Introduzione I.1 Premessa Pag. 3 I.2 Simulatore Edificio-Impianto Pag. 4 I.3 Interventi strutturali e impiantistici Pag. 5 I. 4 Generalità Pag 7 II. Stato attuale e interventi proposti II.1.1 Stato attuale edificio A Pag 8 II.1.2 Interventi Edificio A Pag 10 II.1.3 Costi interventi Edificio A Pag 13 II.1.4 Sintesi risultati Edificio A Pag 14 II.2.1 Stato attuale edificio B Pag 15 II.2.2 Interventi Edificio B Pag 18 II.2.3 Costi interventi Edificio B Pag 21 II.2.4 Sintesi risultati Edificio B Pag 22 II.3.1 Stato attuale edificio C Pag 23 II.3.2 Interventi Edificio C Pag 26 II.3.3 Costi interventi Edificio C Pag 29 II.3.4 Sintesi risultati Edificio C Pag 30 II.4 Considerazioni finali Pag 31 III. Detrazione IRPEF per spese di riqualificazione energetica degli edifici III.1 Detrazione IRPEF relativamente agli edifici oggetto di studio Pag 32 IV. Impianti Speciali IV.1 Impianto di cogenerazione con microturbina a gas Capstone 30 kwe e Capstone 60 kwe per il teleriscaldamento degli edifici oggetto di riqualificazione energetica IV.1.1 Premessa Layout di Impianto Pag 34 IV.1.2 Caratteristiche tecniche e logica di funzionamento Pag 36 IV.1.3 Regime tariffario e fiscale di riferimento Pag 37 2

3 IV.1.4 Analisi economica relativa alla rete di tele riscaldamento per gli edifici Via Lombardia 18 e Via Rosmini 17 Pag 38 IV.1.5 Calcolo investimento e tempo di ritorno: impianto di teleriscaldamento per gli edifici Via Lombardia 18 e Via Rosmini 17 Pag 39 IV.1.6 Analisi economica relativa alla rete di tele riscaldamento per l agglomerato edilizio compreso tra Via Piemonte e Via Mongrando (Edificio C ) Pag 43 IV.1.7 Calcolo investimento e tempo ritorno: impianto di teleriscaldamento edificio C Pag 45 IV.1.8 Considerazioni finali relative all impianto di cogenerazione per il teleriscaldamento del complesso residenziale in oggetto Pag 48 IV.2 Impianto Fotovoltaico IV.2.1 Incentivi nazionali Pag 50 IV.2.2 Superficie disponibile e potenza di picco campo fotovoltaico Pag 50 IV.2.3 Analisi producibilità impianto fotovoltaico Pag 50 IV.2.4 Analisi economica impianto fotovoltaico Pag 51 IV.3 Impianto a Biomassa IV.3.1 Impianto di teleriscaldamento a Biomassa Pag 53 3

4 I. 1 Premessa Lo studio in oggetto riguarda l analisi e la simulazione energetica di un complesso edilizio popolare, sito a Biella, di proprietà dell Agenzia Territoriale per la Casa A (ATC). B Il complesso edilizio, come si evince dalla planimetria di Figura 1, è costituito da tre differenti edifici: A, B e C. Gli edifici A e B si presentano con forma pressoché regolare, rispettivamente di cinque e sei piani e di superficie utile complessiva di mq e mq; l edificio C è costituito da forme triangolari e pentagonali di altezza C complessiva pari a tre piani e una superficie utile pari a mq. La costruzione degli edifici risale agli anni 70, presentando caratteristiche strutturali e di finitura per niente attente al risparmio energetico. Inoltre, gli impianti di riscaldamento costituiti da caldaie a gasolio, risultano obsolete con rendimenti molto al di sotto dei limiti Figura 1 imposti per legge. Il primo approccio al complesso residenziale è stato di analizzare il sito e di indagare a livello costitutivo, costruttivo ed impiantistico lo stato attuale con particolare riferimento alle strutture orizzontali e verticali, al tipo di infissi e al tipo di impianti per il riscaldamento. L esito di questa indagine, meglio esplicitata nei paragrafi seguenti, è sintetizzato nelle seguenti tabelle: Edificio A Edificio B Edificio C 4

5 Dall analisi dello stato attuale degli edifici in oggetto si evince chiaramente che essi presentano valori di trasmittanza termica delle chiusure orizzontali e verticali notevolmente superiori ai valori limite (indicati dalla normativa vigente) che l edificio dovrebbe, invece, rispettare per essere considerato energeticamente efficiente. In particolare, con riferimento alla tabella 1 in relazione al D.lgs 192/05, si nota di quanto i valori della trasmittanza termica superino i limiti imposti dallo stesso decreto legge: strutture verticali orizzontali di copertura orizzontali di pavimento infissi di circa 2-4 volte di circa 4-6 volte di circa 4-9 volte di circa 2 volte Tabella 1 I. 2 Simulatore Edificio-Impianto È stato implementato un modello di calcolo attraverso l'ausilio dell'applicativo Matlab/Simulink, che consente di stimare la fattibilità tecnico economica di un intervento per la riqualificazione energetica di un edificio esistente o per la progettazione di un nuovo edificio a basso consumo. Il modello (Figura 2) è stato sviluppato ad hoc per l analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione del sistema edificio-impianti in ambito residenziale. Il modello calcola il fabbisogno termico dell edificio in funzione dell irraggiamento solare e della temperatura esterna; inoltre, grazie ad una interfaccia utente, è possibile inserire le caratteristiche fisiche, strutturali e geometriche degli edifici in esame. Figura 2: Modello Edificio Impianto Matlab/Simulink Le condizioni meteo annue del sito sono forniti dalla Norma UNI e da un algoritmo per il calcolo delle radiazioni solari orarie sulle singole pareti e della temperatura media oraria esterna. Il modello della caldaia riproduce l effettivo funzionamento dell impianto reale così come il modello del radiatore per la distribuzione del calore. Utilizzando la piattaforma di simulazione è possibile studiare le prestazioni di soluzione tecniche strutturali e impiantistici per ridurre il fabbisogno termico annuo e rispettare così tutti i parametri della normativa in vigore. 5

6 I. 3 Interventi strutturali e impiantistici proposti Sono stati previste due tipologie di intervento: o Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica; o Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici; dove Isolamento solai: tramite l utilizzo di pannelli isolanti tipo Rockwool installati all estradosso del solaio di copertura e all intradosso del solaio su pilotis. Solaio di copertura: il feltro Rockwool 121 in lana di roccia dei pannelli è rivestito, su un lato, con carta Kraft politenata avente funzione di freno a vapore; ideale per l'isolamento dell'ultimo solaio di sottotetti non abitabili. Grazie alla struttura a celle aperte della lana di roccia di cui è costituito, contribuisce in modo sensibile alla riduzione dei consumi energetici e al miglioramento del comfort termico dell'abitazione. Solaio su pilotis: il pannello rigido Rockwool Isolfon in lana di roccia, è finito, sulla faccia a vista e sui bordi, con un velo minerale verniciato di bianco; ideale per l'isolamento termoacustico di primi solai (garage, piano pilotis,...). La particolare struttura a celle aperte della lana di roccia di cui è costituito ne fa un ottimo materiale capace di ridurre i consumi energetici e di contribuire al miglioramento termoacustico. 6

7 Sostituzione infissi esistenti con infissi tipo REHAU Thermo-Design 70, costituiti da telaio in alluminio della profondità di 70 mm con trasmittanza termica (Ug) 1.1W/m 2 K e da doppio vetro a con valore di trasmittanza termica (Uf) pari a 1,3 W/m 2 K. Gli edifici in oggetto presentano diverse tipologie di chiusure trasparenti a cui corrisponde un diverso valore di trasmittanza termica media (Uw) dell infisso, dovuto al differente rapporto tra area vetrata e area del telaio. Sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica: in considerazione dello stato esistente delle attuali centrali termiche, costituite da caldaie a Gasolio di diversa potenza nominale con rendimenti non superiori all 85%, è stata ipotizzata la sostituzione con nuove caldaie a gas a condensazione, tipo Rendamax che, sfruttando il calore latente del vapore contenuto nei fumi, recuperano una percentuale di energia che viene riutilizzata, impedendone la dispersione nell'ambiente. Queste lavoreranno con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento di riqualificazione dell impianto termico, prevede anche l installazione per ogni radiatore, al posto della valvola manuale, di una valvola termostatica, utile per regolare autonomamente la temperatura di ogni singolo ambiente. L installazione di dette valvole permetterà anche di sfruttare gli apporti gratuiti di energia, cioè quelli dovuti, ad esempio, alla presenza di molte persone, ai raggi del sole attraverso le finestre, agli elettrodomestici. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata, consentendo di dirottare ulteriore acqua calda verso gli altri radiatori, ancora aperti. In questo modo si può consumare meno energia nelle giornate più serene, quando il sole è sufficiente per riscaldare alcune stanze, oppure, ad esempio, impostare una temperatura più bassa nelle stanze da letto e una più alta in bagno o anche lasciare i radiatori aperti al minimo quando si esce da casa. Le valvole termostatiche, installate negli impianti centralizzati hanno anche una buona influenza sull equilibrio termico delle diverse zone dell edificio. Quando i piani più caldi arrivano a 20 C le valvole chiudono i radiatori consentendo un maggiore afflusso di acqua calda ai piani freddi. Il risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 7

8 Insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione dei ponti termici: la trasmittanza termica delle chiusure verticali esterne verrà ridotta tramite l insufflaggio nelle intercapedini di isolante termico ed acustico, tipo Isofloc, in fiocchi di cellulosa, poiché particolarmente indicato per pareti nuove e da ristrutturare. L'utilizzo di questo materiale consente alle pareti di respirare, essendo un prodotto in grado di assorbire l'umidità eccessiva per cederla di nuovo quando l'aria è secca. Grazie alla particolare tecnica di insufflazione, vengono notevolmente ridotti gli spifferi e le correnti d'aria e, conseguentemente, i rischi di condensa. In questo caso gli spazi vuoti vengono riempiti attraverso fori di 75 mm. Poiché questo tipo di intervento aumenta l effetto dei ponti termici (discontinuità di isolamento) nella struttura, più tipicamente negli spigoli tra muri e solai e tra muri su esterno, è necessario ipotizzare un ulteriore intervento, e cioè, un isolamento localizzato, che prevede l apposizione di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 per tutta la lunghezza dei solai e negli angoli. Si tratta di un tipo di pannello isolante termico ed acustico, conforme alla norma UNI EN 13168, composto da due strati (spessore 5 mm ciascuno) in lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland di resistenza alla compressione non inferiore a 42,5 N/mm², e da uno strato interno di polistirene espanso sinterizzato autoestinguente, conforme alla norma UNI EN 13163, prodotto da azienda certificata UNI EN ISO 9001:2000. Esso è capace di ridurre i consumi energetici e di contribuire al miglioramento termoacustico. I. 4 Generalità Nella seguente tabella sono riportati i valori di riferimento utilizzati dal modello di calcolo per simulare il sistema edificio impianto prima e dopo gli interventi proposti. 8

9 II. Stato attuale e interventi proposti II.1.1 Stato attuale Edificio A L edificio, sito in Via Lombardia angolo Via Piemonte, presenta 5 piani fuori terra abitabili, oltre ad un piano porticato aperto ed un piano seminterrato. Il condominio è servito da due scale e da due ascensori e comprende un totale di 20 alloggi, due per piano e per vano scala. Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio dell edificio A risulta avere le seguenti caratteristiche: - strutture verticali esterne: a cassa vuota (con intercapedine di 20 e 5 cm) con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni sabbiati da 12 cm (Tabella 2) Tabella 2 - strutture orizzontali: costituite da elementi prefabbricati RDB Celersap, con isolamento in pomice per i solai di copertura del portico e di copertura. (Tabella 3) Tabella 3 9

10 - serramenti esterni: L edificio in oggetto presenta tre tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 4: Tabella 4 - impianto di riscaldamento: costituito da una caldaia centralizzata a gasolio avente potenza termica 200 kwt. La distribuzione del calore nei diversi ambienti dell edificio è effettuata con radiatori senza alcuna regolazione sulla portata in funzione della temperatura interna. La simulazione dello stato attuale dell edificio A indica un fabbisogno energetico annuo (Tabella 5) più di tre volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 1). Il modello di calcolo ha fornito un costo annuo dell energia termica, a carico di ciascuno dei 20 appartamenti, di circa 1650, coincidente con la spesa per il riscaldamento, sostenuta attualmente da ciascuna famiglia. Tabella 5 10

11 II.1.2 Interventi Edificio A Di seguito vengono descritti nel dettaglio le caratteristiche delle soluzioni tecniche adottate per ridurre il consumo energetico annuo per l edificio A migliorando l isolamento delle strutture e l efficienza degli impianti.: Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica isolamento solai Tabella 6 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 6, si evince come, la soluzione tecnica proposta per l isolamento dei solai, determina una notevole riduzione del valore di trasmittanza termica sia per il solaio di piano terra che passa da 1,243 (W/m²K) a 0,259 (W/m²K), sia per il solaio di copertura che passa da 1,184 (W/m²K) a 0,222 (W/m²K). 11

12 sostituzione infissi Tabella 7 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 7, risulta chiaro come la sostituzione degli infissi contribuisca al risparmio energetico; infatti, il valore della trasmittanza termica media dell infisso si riduce notevolmente, passando, rispettivamente per le tre differenti tipologie di infissi A, B e C, da 4,516 (W/m²K) a 1,166 (W/m²K), da 4,302 (W/m²K) a 1,370 (W/m²K) e da 4,342 (W/m²K) a 1,175 (W/m²K). sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica Tabella La caldaia esistente verrà sostituita con una caldaia a condensazione Tipo Rendamax modello R della potenza termica nominale di 116 kwt. La caldaia lavorerà con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, come si evince dal grafico di Tabella 8, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento prevede anche la sostituzione delle valvole manuali di ogni radiatore dell edificio con valvole termostatiche settate ad una temperatura ambiente di 20 C. IL risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 12

13 Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Per gli interventi relativi a: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica si fa riferimento ai dati riportati nell Intervento tipo 1. Insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Tabella 9 L insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini delle pareti esterne migliora notevolmente l isolamento riducendo il valore della totale trasmittanza termica delle due tipologie di pareti da 0,836 (W/m²K) a 0,165 (W/m²K), e da 1,068 (W/m²K) a 0,477 (W/m²K). L intervento in oggetto se da un lato migliora notevolmente le caratteristiche isolanti delle strutture verticali opache, dall altro aumenta l effetto generato dai ponti termici presenti nella struttura (fenomeni di condensa localizzata in corrispondenza della discontinuità di isolamento). Il problema può essere risolto con l installazione localizzata sulla superficie esterna dell edificio di pannelli termoisolanti. Questi verranno posti in corrispondenza del pilastro d angolo per tutta l altezza dell edificio e in corrispondenza dei solai per tutto il perimetro dell edificio. 13

14 II.1.3 Costi interventi Edificio A Nelle tabelle seguenti sono riportati i costi relativi alle due tipologie di interventi precedentemente analizzate per l edificio A. Analisi Costi Intervento tipo 1 quantit prezzo Descrizione Unità à [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento con solaio di terra pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa orditura in legno e cartongesso mq Mano d'opera 0re Totale intervento 1 compreso mano d'opera ,00 Analisi Costi Intervento tipo 2 Descrizione Unità quantità prezzo [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa di orditura in legno e cartongesso mq Fornitura Fiocchi di Cellulosa tipo Isofloc" mc Ponteggi in telai prefabbricati del tipo "a cavalletto", posto in opera fino ad un'altezza massima di m 20, per la durata dei lavori, compreso montaggio e smontaggio mq , ,8 Fornitura di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 spessore 75 mm per Correzione ponti Termici + Finitura + tasselli mq , Mano d'opera 0re Totale intervento 2 compreso mano d'opera ,80 14

15 II.1.4 Sintesi risultati Edificio A Di seguito sono riportati i risultati delle simulazioni effettuate per ciascun intervento relativo all Edificio A (Figura 1). Le prestazioni di ciascun intervento rispetto allo stato attuale vengono confrontati in termini di riduzione del fabbisogno energetico annuo, di riduzione del costo annuo dell energia termica per ciascun appartamento e del tempo di ritorno di ciascun investimento. 15

16 II.2.1 Stato attuale Edificio B L edificio, sito in Via Rosmini, presenta 6 piani fuori terra abitabili, oltre ad un piano terreno a pilotis e con parziale piano sotterraneo, servito da due scale e da due ascensori e comprende un totale di 24 alloggi, due per piano e per vano scala. Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio dell edificio B risulta avere le seguenti caratteristiche: - strutture verticali esterne a cassa vuota, in ordine secondo la Tabella 11, con intercapedine di 21, 8, 2 e 6 cm, realizzate con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni multifori da 12 cm con caratteristiche fisiche come riportato in Tabella 11 Tabella 11 16

17 - strutture orizzontali costituite da solai misti, in c.a. e laterizi del tipo prefabbricato. L isolante è stato previsto solo per il solaio su pilotis ed il solaio di copertura, anche se trattato in maniera differente: con granulato di pomice nel primo, con cls di pomice nel secondo (Vedi Tabella 12 ). Tabella 12 - serramenti esterni: L edificio in oggetto presenta cinque tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è comunque costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 13: Tabella 13 - impianto di riscaldamento: costituito da una caldaia centralizzata a gasolio, con potenza termica pari a 300 KWt. La temperatura di mandata viene regolata da una sonda di temperatura esterna mentre la distribuzione del calore nei diversi ambienti dell edificio è effettuata con radiatori la cui portata di acqua calda rimane costante anche quando la temperatura ambiente raggiunge il valore di comfort. 17

18 L indagine sullo stato attuale dell Edificio B, ha restituito risultati che non rientrano nei valori limite, ma che, al contrario, ne sembrano essere molto lontani. In particolare, relativamente al D.lgs 192/05 (tabella 1), si nota che i valori della trasmittanza termica delle strutture verticali (Tabella 11) sono circa 2 volte superiore ai limiti imposti, quelli delle strutture orizzontali (Tabella 12) addirittura superano di circa 6 volte i suddetti limiti, gli infissi (Tabella 13) presentano una trasmittanza termica media di circa il doppio rispetto a quella limite imposta dallo stesso decreto legge. L analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione, effettuato utilizzando il modello di calcolo dell edificio, ha restituito una condizione pessima dello stato attuale dell Edificio B. Infatti, l attuale fabbisogno energetico annuo, (Tabella 14) è più di quattro volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 1), mentre il costo del riscaldamento annuo per ognuno dei 24 alloggi e circa il 20% in più rispetto all edificio B. Tabella 14 18

19 II.2.2 Interventi Edificio B Di seguito vengono descritti nel dettaglio le caratteristiche delle soluzioni tecniche adottate per ridurre il consumo energetico annuo per l edificio B migliorando l isolamento delle strutture e l efficienza degli impianti.: Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica. isolamento solai Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 6, si evince come, la soluzione tecnica proposta per l isolamento dei solai, determina una notevole riduzione del valore di trasmittanza termica sia per il solaio di piano terra che passa da 1,243 (W/m²K) a 0,282 (W/m²K), sia per il solaio di copertura che passa da 1,184 (W/m²K) a 0,248 (W/m²K). 19

20 sostituzione infissi Tabella 16 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 7, risulta chiaro come la sostituzione degli infissi contribuisca al risparmio energetico; infatti, il valore della trasmittanza termica media delle 5 tipologie di infissi passa da un valore di 4,3 (W/m²K) ad un valore di 1,17 (W/m²K) sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica Tabella La caldaia esistente verrà sostituita con una caldaia a condensazione Tipo Rendamax modello R della potenza termica nominale di 147 kwt. La caldaia lavorerà con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, come si evince dal grafico di Tabella 17, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento riguardante l impianto termico prevede anche la sostituzione delle valvole manuali di ogni radiatore dell edificio con valvole termostatiche settate ad una temperatura ambiente di 20 C. IL risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 20

21 Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Per gli interventi relativi a: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica si fa riferimento ai dati riportati nell Intervento tipo 1. Insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Tabella 18 Il confronto tra la Tabella 11 e la Tabella 18 evidenzia i differenti valori della trasmittanza delle pareti verticali: - Muratura esterna 1: da 0,697 (W/m²K) a 0,153 (W/m²K) - Muratura esterna 2: da 0,697 (W/m²K) a 0,320 (W/m²K) - Muratura esterna 3: da 1,127 (W/m²K) a 0,795 (W/m²K) - Muratura esterna scale: da 0,624 (W/m²K) a 0,362 (W/m²K) L insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini delle pareti esterne aumenta l effetto dei ponti termici nella struttura (discontinuità di isolamento); il problema viene risolto con l installazione localizzata sulla superficie esterna dell edificio di pannelli termoisolanti. Questi verranno posti in corrispondenza del pilastro d angolo per tutta l altezza dell edificio e in corrispondenza dei solai per tutto il perimetro dell edificio. 21

22 II.2.3 Costi interventi Edificio B Nelle tabelle seguenti sono riportati i costi relativi alle due tipologie di interventi precedentemente analizzate per l edificio B. Analisi Costi Intervento tipo 1 prezzo Descrizione Unità quantità [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa di orditura in legno e cartongesso mq Mano d'opera 0re Totale intervento 1 compreso mano d'opera ,00 Analisi Costi Intervento tipo 2 Descrizione Unità quantità prezzo [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi Tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti Tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa orditura in legno e cartongesso mq Fornitura Fiocchi di Cellulosa tipo Isofloc" mc Ponteggi in telai prefabbricati del tipo "a cavalletto", posto in opera fino ad un'altezza massima di m 20, per la durata dei lavori, compreso montaggio e smontaggio mq , Fornitura di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 spessore 75 mm per Correzione ponti Termici + Finitura + tasselli mq , ,4 Mano d'opera 0re Totale intervento 2 compreso mano d'opera ,40 22

23 II.2.4 Sintesi risultati Edificio B Di seguito sono riportati i risultati delle simulazioni effettuate per ciascun intervento relativo all edificio B (Figura 1). Le prestazioni di ciascun intervento rispetto allo stato attuale vengono confrontati in termini di riduzione del fabbisogno energetico annuo, di riduzione del costo annuo dell energia termica per ciascun appartamento e del tempo di ritorno di ciascun investimento. 23

24 II.3.1 Stato attuale Edificio C L edificio, nel Villaggio Lamarmora, comprensivo dell intero isolato costeggiato dalle vie Lombardia, Rosmini, Mongrando e Piemonte, è costituito da 3 piani fuori terra abitabili ed un piano seminterrato. Lo studio di analisi dell intero complesso è stato effettuato tenendo conto dei grafici pervenuti e della relativa suddivisione dello stesso in otto edifici come mostrato in Figura 3. Figura 3 Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio degli otto blocchi che costituiscono l edificio C ha le seguenti caratteristiche: 24

25 - strutture verticali esterne: a cassa vuota, in ordine secondo la Tabella 20, con intercapedine di 16, 10, e 5 cm, realizzate con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni multiformi in laterizio da 12 cm. Tabella 20 - strutture orizzontali: costituite da solai misti, in c.a. e laterizio del tipo prefabbricato. In ognuno dei casi è stato effettuato un isolamento con cls di pomice, ma con uno spessore differente: per i solai di terra e del piano intermedio è pari a 2 cm, a differenza del solaio di copertura dove lo spessore è di 5 cm. (Tabella 21 ) Tabella 21 25

26 - serramenti esterni: l edificio C in oggetto presenta sette tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è comunque costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 22 e nei relativi allegati. Tabella 22 - impianto di riscaldamento: nell edificio C attualmente vi sono quattro centrali termiche disposte in diversi punti del fabbricato e così costituite: - Centrale Termica di Via Piemonte 24: Una caldaia a Gasolio, Potenza Termica 125 kwt - Centrale Termica di Via Piemonte : Due caldaie a Gasolio da 165 kwt ciascuna - Cen. T. di Via Rosmini e via Lombardia 20-22: Due caldaie a Gasolio 280 kwt ciascuna - Centrale Ter. Via Mongrando e Via Lomb.24: Due caldaie a Gasolio da 250 kwt ciascuna Come per l edificio A e B l indagine sullo stato attuale dell Edificio C, ha restituito risultati che non rientrano nei valori limite, e che ne risultano essere molto lontani. In particolare, relativamente al D.lgs 192/05 (tabella 1), si nota che i valori della trasmittanza termica delle strutture verticali (Tabella 20) sono circa 2 volte e mezzo superiori ai limiti imposti, quelli delle strutture orizzontali (Tabella 21) addirittura superano di circa 8 volte i suddetti limiti, gli infissi (Tabella 13) presentano una trasmittanza media di circa il doppio rispetto a quella limite imposta dallo stesso decreto legge. L analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione, effettuato utilizzando il simulatore del sistema edificio-impianto, ha messo in evidenza le carenze energetiche dello stato attuale dell Edificio C. Infatti, l attuale fabbisogno energetico annuo, (Tabella 23) è più di cinque volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 4). Tabella 23 26

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli