COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA"

Transcript

1 COMPLESSO RESIDENZIALE POPOLARE ATC BIELLA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA STUDIO DI FATTIBILITA ENEA RELAZIONE Ing. Biagio Di Pietra Arch. Francesca Margiotta

2 INDICE I. Introduzione I.1 Premessa Pag. 3 I.2 Simulatore Edificio-Impianto Pag. 4 I.3 Interventi strutturali e impiantistici Pag. 5 I. 4 Generalità Pag 7 II. Stato attuale e interventi proposti II.1.1 Stato attuale edificio A Pag 8 II.1.2 Interventi Edificio A Pag 10 II.1.3 Costi interventi Edificio A Pag 13 II.1.4 Sintesi risultati Edificio A Pag 14 II.2.1 Stato attuale edificio B Pag 15 II.2.2 Interventi Edificio B Pag 18 II.2.3 Costi interventi Edificio B Pag 21 II.2.4 Sintesi risultati Edificio B Pag 22 II.3.1 Stato attuale edificio C Pag 23 II.3.2 Interventi Edificio C Pag 26 II.3.3 Costi interventi Edificio C Pag 29 II.3.4 Sintesi risultati Edificio C Pag 30 II.4 Considerazioni finali Pag 31 III. Detrazione IRPEF per spese di riqualificazione energetica degli edifici III.1 Detrazione IRPEF relativamente agli edifici oggetto di studio Pag 32 IV. Impianti Speciali IV.1 Impianto di cogenerazione con microturbina a gas Capstone 30 kwe e Capstone 60 kwe per il teleriscaldamento degli edifici oggetto di riqualificazione energetica IV.1.1 Premessa Layout di Impianto Pag 34 IV.1.2 Caratteristiche tecniche e logica di funzionamento Pag 36 IV.1.3 Regime tariffario e fiscale di riferimento Pag 37 2

3 IV.1.4 Analisi economica relativa alla rete di tele riscaldamento per gli edifici Via Lombardia 18 e Via Rosmini 17 Pag 38 IV.1.5 Calcolo investimento e tempo di ritorno: impianto di teleriscaldamento per gli edifici Via Lombardia 18 e Via Rosmini 17 Pag 39 IV.1.6 Analisi economica relativa alla rete di tele riscaldamento per l agglomerato edilizio compreso tra Via Piemonte e Via Mongrando (Edificio C ) Pag 43 IV.1.7 Calcolo investimento e tempo ritorno: impianto di teleriscaldamento edificio C Pag 45 IV.1.8 Considerazioni finali relative all impianto di cogenerazione per il teleriscaldamento del complesso residenziale in oggetto Pag 48 IV.2 Impianto Fotovoltaico IV.2.1 Incentivi nazionali Pag 50 IV.2.2 Superficie disponibile e potenza di picco campo fotovoltaico Pag 50 IV.2.3 Analisi producibilità impianto fotovoltaico Pag 50 IV.2.4 Analisi economica impianto fotovoltaico Pag 51 IV.3 Impianto a Biomassa IV.3.1 Impianto di teleriscaldamento a Biomassa Pag 53 3

4 I. 1 Premessa Lo studio in oggetto riguarda l analisi e la simulazione energetica di un complesso edilizio popolare, sito a Biella, di proprietà dell Agenzia Territoriale per la Casa A (ATC). B Il complesso edilizio, come si evince dalla planimetria di Figura 1, è costituito da tre differenti edifici: A, B e C. Gli edifici A e B si presentano con forma pressoché regolare, rispettivamente di cinque e sei piani e di superficie utile complessiva di mq e mq; l edificio C è costituito da forme triangolari e pentagonali di altezza C complessiva pari a tre piani e una superficie utile pari a mq. La costruzione degli edifici risale agli anni 70, presentando caratteristiche strutturali e di finitura per niente attente al risparmio energetico. Inoltre, gli impianti di riscaldamento costituiti da caldaie a gasolio, risultano obsolete con rendimenti molto al di sotto dei limiti Figura 1 imposti per legge. Il primo approccio al complesso residenziale è stato di analizzare il sito e di indagare a livello costitutivo, costruttivo ed impiantistico lo stato attuale con particolare riferimento alle strutture orizzontali e verticali, al tipo di infissi e al tipo di impianti per il riscaldamento. L esito di questa indagine, meglio esplicitata nei paragrafi seguenti, è sintetizzato nelle seguenti tabelle: Edificio A Edificio B Edificio C 4

5 Dall analisi dello stato attuale degli edifici in oggetto si evince chiaramente che essi presentano valori di trasmittanza termica delle chiusure orizzontali e verticali notevolmente superiori ai valori limite (indicati dalla normativa vigente) che l edificio dovrebbe, invece, rispettare per essere considerato energeticamente efficiente. In particolare, con riferimento alla tabella 1 in relazione al D.lgs 192/05, si nota di quanto i valori della trasmittanza termica superino i limiti imposti dallo stesso decreto legge: strutture verticali orizzontali di copertura orizzontali di pavimento infissi di circa 2-4 volte di circa 4-6 volte di circa 4-9 volte di circa 2 volte Tabella 1 I. 2 Simulatore Edificio-Impianto È stato implementato un modello di calcolo attraverso l'ausilio dell'applicativo Matlab/Simulink, che consente di stimare la fattibilità tecnico economica di un intervento per la riqualificazione energetica di un edificio esistente o per la progettazione di un nuovo edificio a basso consumo. Il modello (Figura 2) è stato sviluppato ad hoc per l analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione del sistema edificio-impianti in ambito residenziale. Il modello calcola il fabbisogno termico dell edificio in funzione dell irraggiamento solare e della temperatura esterna; inoltre, grazie ad una interfaccia utente, è possibile inserire le caratteristiche fisiche, strutturali e geometriche degli edifici in esame. Figura 2: Modello Edificio Impianto Matlab/Simulink Le condizioni meteo annue del sito sono forniti dalla Norma UNI e da un algoritmo per il calcolo delle radiazioni solari orarie sulle singole pareti e della temperatura media oraria esterna. Il modello della caldaia riproduce l effettivo funzionamento dell impianto reale così come il modello del radiatore per la distribuzione del calore. Utilizzando la piattaforma di simulazione è possibile studiare le prestazioni di soluzione tecniche strutturali e impiantistici per ridurre il fabbisogno termico annuo e rispettare così tutti i parametri della normativa in vigore. 5

6 I. 3 Interventi strutturali e impiantistici proposti Sono stati previste due tipologie di intervento: o Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica; o Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici; dove Isolamento solai: tramite l utilizzo di pannelli isolanti tipo Rockwool installati all estradosso del solaio di copertura e all intradosso del solaio su pilotis. Solaio di copertura: il feltro Rockwool 121 in lana di roccia dei pannelli è rivestito, su un lato, con carta Kraft politenata avente funzione di freno a vapore; ideale per l'isolamento dell'ultimo solaio di sottotetti non abitabili. Grazie alla struttura a celle aperte della lana di roccia di cui è costituito, contribuisce in modo sensibile alla riduzione dei consumi energetici e al miglioramento del comfort termico dell'abitazione. Solaio su pilotis: il pannello rigido Rockwool Isolfon in lana di roccia, è finito, sulla faccia a vista e sui bordi, con un velo minerale verniciato di bianco; ideale per l'isolamento termoacustico di primi solai (garage, piano pilotis,...). La particolare struttura a celle aperte della lana di roccia di cui è costituito ne fa un ottimo materiale capace di ridurre i consumi energetici e di contribuire al miglioramento termoacustico. 6

7 Sostituzione infissi esistenti con infissi tipo REHAU Thermo-Design 70, costituiti da telaio in alluminio della profondità di 70 mm con trasmittanza termica (Ug) 1.1W/m 2 K e da doppio vetro a con valore di trasmittanza termica (Uf) pari a 1,3 W/m 2 K. Gli edifici in oggetto presentano diverse tipologie di chiusure trasparenti a cui corrisponde un diverso valore di trasmittanza termica media (Uw) dell infisso, dovuto al differente rapporto tra area vetrata e area del telaio. Sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica: in considerazione dello stato esistente delle attuali centrali termiche, costituite da caldaie a Gasolio di diversa potenza nominale con rendimenti non superiori all 85%, è stata ipotizzata la sostituzione con nuove caldaie a gas a condensazione, tipo Rendamax che, sfruttando il calore latente del vapore contenuto nei fumi, recuperano una percentuale di energia che viene riutilizzata, impedendone la dispersione nell'ambiente. Queste lavoreranno con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento di riqualificazione dell impianto termico, prevede anche l installazione per ogni radiatore, al posto della valvola manuale, di una valvola termostatica, utile per regolare autonomamente la temperatura di ogni singolo ambiente. L installazione di dette valvole permetterà anche di sfruttare gli apporti gratuiti di energia, cioè quelli dovuti, ad esempio, alla presenza di molte persone, ai raggi del sole attraverso le finestre, agli elettrodomestici. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata, consentendo di dirottare ulteriore acqua calda verso gli altri radiatori, ancora aperti. In questo modo si può consumare meno energia nelle giornate più serene, quando il sole è sufficiente per riscaldare alcune stanze, oppure, ad esempio, impostare una temperatura più bassa nelle stanze da letto e una più alta in bagno o anche lasciare i radiatori aperti al minimo quando si esce da casa. Le valvole termostatiche, installate negli impianti centralizzati hanno anche una buona influenza sull equilibrio termico delle diverse zone dell edificio. Quando i piani più caldi arrivano a 20 C le valvole chiudono i radiatori consentendo un maggiore afflusso di acqua calda ai piani freddi. Il risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 7

8 Insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione dei ponti termici: la trasmittanza termica delle chiusure verticali esterne verrà ridotta tramite l insufflaggio nelle intercapedini di isolante termico ed acustico, tipo Isofloc, in fiocchi di cellulosa, poiché particolarmente indicato per pareti nuove e da ristrutturare. L'utilizzo di questo materiale consente alle pareti di respirare, essendo un prodotto in grado di assorbire l'umidità eccessiva per cederla di nuovo quando l'aria è secca. Grazie alla particolare tecnica di insufflazione, vengono notevolmente ridotti gli spifferi e le correnti d'aria e, conseguentemente, i rischi di condensa. In questo caso gli spazi vuoti vengono riempiti attraverso fori di 75 mm. Poiché questo tipo di intervento aumenta l effetto dei ponti termici (discontinuità di isolamento) nella struttura, più tipicamente negli spigoli tra muri e solai e tra muri su esterno, è necessario ipotizzare un ulteriore intervento, e cioè, un isolamento localizzato, che prevede l apposizione di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 per tutta la lunghezza dei solai e negli angoli. Si tratta di un tipo di pannello isolante termico ed acustico, conforme alla norma UNI EN 13168, composto da due strati (spessore 5 mm ciascuno) in lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland di resistenza alla compressione non inferiore a 42,5 N/mm², e da uno strato interno di polistirene espanso sinterizzato autoestinguente, conforme alla norma UNI EN 13163, prodotto da azienda certificata UNI EN ISO 9001:2000. Esso è capace di ridurre i consumi energetici e di contribuire al miglioramento termoacustico. I. 4 Generalità Nella seguente tabella sono riportati i valori di riferimento utilizzati dal modello di calcolo per simulare il sistema edificio impianto prima e dopo gli interventi proposti. 8

9 II. Stato attuale e interventi proposti II.1.1 Stato attuale Edificio A L edificio, sito in Via Lombardia angolo Via Piemonte, presenta 5 piani fuori terra abitabili, oltre ad un piano porticato aperto ed un piano seminterrato. Il condominio è servito da due scale e da due ascensori e comprende un totale di 20 alloggi, due per piano e per vano scala. Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio dell edificio A risulta avere le seguenti caratteristiche: - strutture verticali esterne: a cassa vuota (con intercapedine di 20 e 5 cm) con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni sabbiati da 12 cm (Tabella 2) Tabella 2 - strutture orizzontali: costituite da elementi prefabbricati RDB Celersap, con isolamento in pomice per i solai di copertura del portico e di copertura. (Tabella 3) Tabella 3 9

10 - serramenti esterni: L edificio in oggetto presenta tre tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 4: Tabella 4 - impianto di riscaldamento: costituito da una caldaia centralizzata a gasolio avente potenza termica 200 kwt. La distribuzione del calore nei diversi ambienti dell edificio è effettuata con radiatori senza alcuna regolazione sulla portata in funzione della temperatura interna. La simulazione dello stato attuale dell edificio A indica un fabbisogno energetico annuo (Tabella 5) più di tre volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 1). Il modello di calcolo ha fornito un costo annuo dell energia termica, a carico di ciascuno dei 20 appartamenti, di circa 1650, coincidente con la spesa per il riscaldamento, sostenuta attualmente da ciascuna famiglia. Tabella 5 10

11 II.1.2 Interventi Edificio A Di seguito vengono descritti nel dettaglio le caratteristiche delle soluzioni tecniche adottate per ridurre il consumo energetico annuo per l edificio A migliorando l isolamento delle strutture e l efficienza degli impianti.: Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica isolamento solai Tabella 6 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 6, si evince come, la soluzione tecnica proposta per l isolamento dei solai, determina una notevole riduzione del valore di trasmittanza termica sia per il solaio di piano terra che passa da 1,243 (W/m²K) a 0,259 (W/m²K), sia per il solaio di copertura che passa da 1,184 (W/m²K) a 0,222 (W/m²K). 11

12 sostituzione infissi Tabella 7 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 7, risulta chiaro come la sostituzione degli infissi contribuisca al risparmio energetico; infatti, il valore della trasmittanza termica media dell infisso si riduce notevolmente, passando, rispettivamente per le tre differenti tipologie di infissi A, B e C, da 4,516 (W/m²K) a 1,166 (W/m²K), da 4,302 (W/m²K) a 1,370 (W/m²K) e da 4,342 (W/m²K) a 1,175 (W/m²K). sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica Tabella La caldaia esistente verrà sostituita con una caldaia a condensazione Tipo Rendamax modello R della potenza termica nominale di 116 kwt. La caldaia lavorerà con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, come si evince dal grafico di Tabella 8, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento prevede anche la sostituzione delle valvole manuali di ogni radiatore dell edificio con valvole termostatiche settate ad una temperatura ambiente di 20 C. IL risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 12

13 Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Per gli interventi relativi a: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica si fa riferimento ai dati riportati nell Intervento tipo 1. Insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Tabella 9 L insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini delle pareti esterne migliora notevolmente l isolamento riducendo il valore della totale trasmittanza termica delle due tipologie di pareti da 0,836 (W/m²K) a 0,165 (W/m²K), e da 1,068 (W/m²K) a 0,477 (W/m²K). L intervento in oggetto se da un lato migliora notevolmente le caratteristiche isolanti delle strutture verticali opache, dall altro aumenta l effetto generato dai ponti termici presenti nella struttura (fenomeni di condensa localizzata in corrispondenza della discontinuità di isolamento). Il problema può essere risolto con l installazione localizzata sulla superficie esterna dell edificio di pannelli termoisolanti. Questi verranno posti in corrispondenza del pilastro d angolo per tutta l altezza dell edificio e in corrispondenza dei solai per tutto il perimetro dell edificio. 13

14 II.1.3 Costi interventi Edificio A Nelle tabelle seguenti sono riportati i costi relativi alle due tipologie di interventi precedentemente analizzate per l edificio A. Analisi Costi Intervento tipo 1 quantit prezzo Descrizione Unità à [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento con solaio di terra pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa orditura in legno e cartongesso mq Mano d'opera 0re Totale intervento 1 compreso mano d'opera ,00 Analisi Costi Intervento tipo 2 Descrizione Unità quantità prezzo [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa di orditura in legno e cartongesso mq Fornitura Fiocchi di Cellulosa tipo Isofloc" mc Ponteggi in telai prefabbricati del tipo "a cavalletto", posto in opera fino ad un'altezza massima di m 20, per la durata dei lavori, compreso montaggio e smontaggio mq , ,8 Fornitura di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 spessore 75 mm per Correzione ponti Termici + Finitura + tasselli mq , Mano d'opera 0re Totale intervento 2 compreso mano d'opera ,80 14

15 II.1.4 Sintesi risultati Edificio A Di seguito sono riportati i risultati delle simulazioni effettuate per ciascun intervento relativo all Edificio A (Figura 1). Le prestazioni di ciascun intervento rispetto allo stato attuale vengono confrontati in termini di riduzione del fabbisogno energetico annuo, di riduzione del costo annuo dell energia termica per ciascun appartamento e del tempo di ritorno di ciascun investimento. 15

16 II.2.1 Stato attuale Edificio B L edificio, sito in Via Rosmini, presenta 6 piani fuori terra abitabili, oltre ad un piano terreno a pilotis e con parziale piano sotterraneo, servito da due scale e da due ascensori e comprende un totale di 24 alloggi, due per piano e per vano scala. Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio dell edificio B risulta avere le seguenti caratteristiche: - strutture verticali esterne a cassa vuota, in ordine secondo la Tabella 11, con intercapedine di 21, 8, 2 e 6 cm, realizzate con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni multifori da 12 cm con caratteristiche fisiche come riportato in Tabella 11 Tabella 11 16

17 - strutture orizzontali costituite da solai misti, in c.a. e laterizi del tipo prefabbricato. L isolante è stato previsto solo per il solaio su pilotis ed il solaio di copertura, anche se trattato in maniera differente: con granulato di pomice nel primo, con cls di pomice nel secondo (Vedi Tabella 12 ). Tabella 12 - serramenti esterni: L edificio in oggetto presenta cinque tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è comunque costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 13: Tabella 13 - impianto di riscaldamento: costituito da una caldaia centralizzata a gasolio, con potenza termica pari a 300 KWt. La temperatura di mandata viene regolata da una sonda di temperatura esterna mentre la distribuzione del calore nei diversi ambienti dell edificio è effettuata con radiatori la cui portata di acqua calda rimane costante anche quando la temperatura ambiente raggiunge il valore di comfort. 17

18 L indagine sullo stato attuale dell Edificio B, ha restituito risultati che non rientrano nei valori limite, ma che, al contrario, ne sembrano essere molto lontani. In particolare, relativamente al D.lgs 192/05 (tabella 1), si nota che i valori della trasmittanza termica delle strutture verticali (Tabella 11) sono circa 2 volte superiore ai limiti imposti, quelli delle strutture orizzontali (Tabella 12) addirittura superano di circa 6 volte i suddetti limiti, gli infissi (Tabella 13) presentano una trasmittanza termica media di circa il doppio rispetto a quella limite imposta dallo stesso decreto legge. L analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione, effettuato utilizzando il modello di calcolo dell edificio, ha restituito una condizione pessima dello stato attuale dell Edificio B. Infatti, l attuale fabbisogno energetico annuo, (Tabella 14) è più di quattro volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 1), mentre il costo del riscaldamento annuo per ognuno dei 24 alloggi e circa il 20% in più rispetto all edificio B. Tabella 14 18

19 II.2.2 Interventi Edificio B Di seguito vengono descritti nel dettaglio le caratteristiche delle soluzioni tecniche adottate per ridurre il consumo energetico annuo per l edificio B migliorando l isolamento delle strutture e l efficienza degli impianti.: Intervento tipo 1: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica. isolamento solai Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 6, si evince come, la soluzione tecnica proposta per l isolamento dei solai, determina una notevole riduzione del valore di trasmittanza termica sia per il solaio di piano terra che passa da 1,243 (W/m²K) a 0,282 (W/m²K), sia per il solaio di copertura che passa da 1,184 (W/m²K) a 0,248 (W/m²K). 19

20 sostituzione infissi Tabella 16 Dal confronto tra la Tabella 3 e la Tabella 7, risulta chiaro come la sostituzione degli infissi contribuisca al risparmio energetico; infatti, il valore della trasmittanza termica media delle 5 tipologie di infissi passa da un valore di 4,3 (W/m²K) ad un valore di 1,17 (W/m²K) sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica Tabella La caldaia esistente verrà sostituita con una caldaia a condensazione Tipo Rendamax modello R della potenza termica nominale di 147 kwt. La caldaia lavorerà con temperature di mandata non superiori a 70 C, con un rendimento minimo di funzionamento, come si evince dal grafico di Tabella 17, superiore al 95%, garantendo un risparmio non inferiore al 10% di energia primaria rispetto alla caldaia esistente. L intervento riguardante l impianto termico prevede anche la sostituzione delle valvole manuali di ogni radiatore dell edificio con valvole termostatiche settate ad una temperatura ambiente di 20 C. IL risparmio di energia indotto dall uso delle valvole termostatiche può arrivare fino al 20%. 20

21 Intervento tipo 2: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia e inserimento valvola termostatica, insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Per gli interventi relativi a: isolamento solai, sostituzione infissi, sostituzione caldaia ed inserimento valvola termostatica si fa riferimento ai dati riportati nell Intervento tipo 1. Insufflaggio fiocchi di cellulosa nelle intercapedini e riduzione ponti termici Tabella 18 Il confronto tra la Tabella 11 e la Tabella 18 evidenzia i differenti valori della trasmittanza delle pareti verticali: - Muratura esterna 1: da 0,697 (W/m²K) a 0,153 (W/m²K) - Muratura esterna 2: da 0,697 (W/m²K) a 0,320 (W/m²K) - Muratura esterna 3: da 1,127 (W/m²K) a 0,795 (W/m²K) - Muratura esterna scale: da 0,624 (W/m²K) a 0,362 (W/m²K) L insufflaggio di fiocchi di cellulosa nelle intercapedini delle pareti esterne aumenta l effetto dei ponti termici nella struttura (discontinuità di isolamento); il problema viene risolto con l installazione localizzata sulla superficie esterna dell edificio di pannelli termoisolanti. Questi verranno posti in corrispondenza del pilastro d angolo per tutta l altezza dell edificio e in corrispondenza dei solai per tutto il perimetro dell edificio. 21

22 II.2.3 Costi interventi Edificio B Nelle tabelle seguenti sono riportati i costi relativi alle due tipologie di interventi precedentemente analizzate per l edificio B. Analisi Costi Intervento tipo 1 prezzo Descrizione Unità quantità [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa di orditura in legno e cartongesso mq Mano d'opera 0re Totale intervento 1 compreso mano d'opera ,00 Analisi Costi Intervento tipo 2 Descrizione Unità quantità prezzo [ ] Totale [ ] Valvola Termostatica cad Fornitura Caldaia a Condensazione Tipo Rendamax R cad Fornitura di infissi Tipo REHAU THERMO DESIGN 70 mq Isolamento solaio copertura con di pannelli isolanti tipo Rockwool 121 in lana di roccia compresa orditura in legno mq Isolamento solaio di terra con pannelli isolanti Tipo Rockwool Isolfon in lana di roccia compresa orditura in legno e cartongesso mq Fornitura Fiocchi di Cellulosa tipo Isofloc" mc Ponteggi in telai prefabbricati del tipo "a cavalletto", posto in opera fino ad un'altezza massima di m 20, per la durata dei lavori, compreso montaggio e smontaggio mq , Fornitura di pannelli termoisolanti tipo Celenit P3 spessore 75 mm per Correzione ponti Termici + Finitura + tasselli mq , ,4 Mano d'opera 0re Totale intervento 2 compreso mano d'opera ,40 22

23 II.2.4 Sintesi risultati Edificio B Di seguito sono riportati i risultati delle simulazioni effettuate per ciascun intervento relativo all edificio B (Figura 1). Le prestazioni di ciascun intervento rispetto allo stato attuale vengono confrontati in termini di riduzione del fabbisogno energetico annuo, di riduzione del costo annuo dell energia termica per ciascun appartamento e del tempo di ritorno di ciascun investimento. 23

24 II.3.1 Stato attuale Edificio C L edificio, nel Villaggio Lamarmora, comprensivo dell intero isolato costeggiato dalle vie Lombardia, Rosmini, Mongrando e Piemonte, è costituito da 3 piani fuori terra abitabili ed un piano seminterrato. Lo studio di analisi dell intero complesso è stato effettuato tenendo conto dei grafici pervenuti e della relativa suddivisione dello stesso in otto edifici come mostrato in Figura 3. Figura 3 Lo stato attuale delle strutture esterne e degli impianti termici a servizio degli otto blocchi che costituiscono l edificio C ha le seguenti caratteristiche: 24

25 - strutture verticali esterne: a cassa vuota, in ordine secondo la Tabella 20, con intercapedine di 16, 10, e 5 cm, realizzate con muriccio interno di mattoni forati da 8 cm e muriccio esterno in mattoni multiformi in laterizio da 12 cm. Tabella 20 - strutture orizzontali: costituite da solai misti, in c.a. e laterizio del tipo prefabbricato. In ognuno dei casi è stato effettuato un isolamento con cls di pomice, ma con uno spessore differente: per i solai di terra e del piano intermedio è pari a 2 cm, a differenza del solaio di copertura dove lo spessore è di 5 cm. (Tabella 21 ) Tabella 21 25

26 - serramenti esterni: l edificio C in oggetto presenta sette tipologie di infissi esterni con diverso rapporto tra area finestrata e area del telaio; ciascuno è comunque costituito da telaio in lamiera di acciaio zincato da 10/10 e vetri semidoppi con le caratteristiche riportate in Tabella 22 e nei relativi allegati. Tabella 22 - impianto di riscaldamento: nell edificio C attualmente vi sono quattro centrali termiche disposte in diversi punti del fabbricato e così costituite: - Centrale Termica di Via Piemonte 24: Una caldaia a Gasolio, Potenza Termica 125 kwt - Centrale Termica di Via Piemonte : Due caldaie a Gasolio da 165 kwt ciascuna - Cen. T. di Via Rosmini e via Lombardia 20-22: Due caldaie a Gasolio 280 kwt ciascuna - Centrale Ter. Via Mongrando e Via Lomb.24: Due caldaie a Gasolio da 250 kwt ciascuna Come per l edificio A e B l indagine sullo stato attuale dell Edificio C, ha restituito risultati che non rientrano nei valori limite, e che ne risultano essere molto lontani. In particolare, relativamente al D.lgs 192/05 (tabella 1), si nota che i valori della trasmittanza termica delle strutture verticali (Tabella 20) sono circa 2 volte e mezzo superiori ai limiti imposti, quelli delle strutture orizzontali (Tabella 21) addirittura superano di circa 8 volte i suddetti limiti, gli infissi (Tabella 13) presentano una trasmittanza media di circa il doppio rispetto a quella limite imposta dallo stesso decreto legge. L analisi del fabbisogno energetico annuo e dei costi di gestione, effettuato utilizzando il simulatore del sistema edificio-impianto, ha messo in evidenza le carenze energetiche dello stato attuale dell Edificio C. Infatti, l attuale fabbisogno energetico annuo, (Tabella 23) è più di cinque volte il limite stabilito dalla normativa vigente (Tabella 4). Tabella 23 26

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) ASSEGNA UNA CLASSE ENERGETICA ALL EDIFICIO E SERVE PER LOCARE/VENDERE UNA PORZIONE O UN EDIFICIO

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

DETRAZIONI IRPEF PER SPESE DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

DETRAZIONI IRPEF PER SPESE DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI - EFFICIENZA ENERGETICA - DETRAZIONI IRPEF PER SPESE DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI BOZZA Marzo 2007 Detrazione IRPEF per spese di riqualificazione energetica degli edifici Dm Ministero Sviluppo

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Ing. Marco Citterio ENEA Metodologia di indagine 1. Acquisizione informazioni Documentazione cartacea Piante edificio Bollette Sopralluoghi

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

La casa evoluta. Detrazione IRPEF del 55% per interventi di risparmio energetico sugli edifici. Ministero dello Sviluppo Economico

La casa evoluta. Detrazione IRPEF del 55% per interventi di risparmio energetico sugli edifici. Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico 1 La casa evoluta Detrazione IRPEF del 55% per interventi di risparmio energetico sugli edifici ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE La casa evoluta

Dettagli

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Gli attuali consumi energetici degli edifici Il consumo di energia per il riscaldamento, per l acqua calda sanitaria e per il raffrescamento

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Saffi n 2, 4 e 6 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche dei supercondominio di via Cividali/via Pasubio Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014 Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini IL TEMA DELL ENERGIA GLI EDIFICI NAZIONALI SPRECANO MOLTA ENERGIA IL TASSO DI EFFICIENZA ENERGETICA MEDIO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

VADEMECUM NUOVI SERVIZI ENERGETICI

VADEMECUM NUOVI SERVIZI ENERGETICI VADEMECUM NUOVI SERVIZI ENERGETICI irpef - 55% DIAGNOSI ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA PRATICA SGRAVI FISCALI 1 LA DIAGNOSI ENERGETICA COS È: La Diagnosi Energetica è una relazione tecnica che analizza

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l auditl energetico: l esperienza l di Certiquality Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality S.r.l. m.locati@certiquality.it Tel. 02 80 69

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE di: dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO Cosa sono i ponti termici 2 Il concetto di ponte termico si introduce per due motivi: QUALITATIVO: per indicare le

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA

VERIFICA ENERGETICA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA CLUB ECCELLENZA ENERGETICA CNA Committente Indirizzo Comune sig. Via.. Monte San Pietro edificio Villetta composta da 2 unità immobiliari e 2 piani fuori terra, costruito negli anni 70. Involucro Pareti

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Regione VENETO Comune di ROVIGO PROGETTO PER LA NUOVA COSTRUZIONE DI 6 EDIFICI RESIDENZIALI PER COMPLESSIVE 8 UNITA ABITATIVE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Proprietà:

Dettagli

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007)

VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) VADEMECUM PER L USO: CALDAIE A BIOMASSA (Art.1, comma 344 della legge finanziaria 2007) (aggiornato al 26 novembre 2013) REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER

Dettagli

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 ENERGY 4 YOU SRL La Storia Energy 4 You è una società fondata nel 2005 e attiva nella vendita di energia elettrica

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale.

TEST DI AUTOVALUTAZIONE Non valido ai fini dell abilitazione finale. 5 Il fabbisogno di energia trasmissione Q h,tr di cui alla parte della UNITS 00:008 è funzione: Nella UNITS00 il coefficiente b tr di correzione dello scambio termico dipende: Il rendimento globale medio

Dettagli

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE LA RETE D IMPRESA con E LE AZIENDE PARTNER INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE E LE AZIENDE PARTNER Operano con un esperienza trentennale su specifici campi del proprio settore di competenza. Dall installazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SECONDO Dlgs 192/05 E Dlgs 311/06 AGEVOLAZIONI DELLE FINANZIARIE 2007 E 2008 INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI Ing. Roberto Bussolino (matr. 6406X ord. Ingegneri di

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole

SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole 2B- TETTO 2A TETTO 5- ILLUMINAZIONE 4B- CASSONETTO TAPPARELLA 1- PARETI 4A- SERRAMENTI 3A- PAVIMENTO 6- ELETTRODOMESTICI 7B- RISCALDAMENTO 3B- PAVIMENTO 7A- RISCALDAMENTO

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Questionario di consapevolezza

Questionario di consapevolezza Questionario di consapevolezza Il presente questionario è stato ideato come strumento per permettere al cittadino di acquisire consapevolezza sulle prestazioni energetiche di massima della propria abitazione.

Dettagli

La riqualificazione energetica

La riqualificazione energetica La riqualificazione energetica Come funzionano le detrazioni CASA DOLCE CASA è un progetto realizzato con il contributo di Che cos è la riqualificazione energetica Si parla di riqualificazione energetica

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9

INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9 INDICE 1 PREMESSA 3 2 SITO DI INTERVENTO 4 3 OBIETTIVI 5 4 LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO 7 5 STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO 9 6 STATO DI PROGETTO INVOLUCRO EDILIZIO 16 7 CONCLUSIONI 24 2/24

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C ALLEGATO C Audit energetico del corpo C OSPEDALE DI MANZONI DI LECCO Via Dell Eremo, 9/11 Redatto da: Revisione Data 1 INDICE A1. ANAGRAFICA E DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 3 A1.1 GENERALITÀ... 3 A1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Cos è l efficienza energetica?

Cos è l efficienza energetica? Perugia 10 maggio 2013 Sostenibilità delle strutture ricettive: «dall auditing energetico alla produzione di energia da fonte rinnovabile» Ing. Cristiano Brugnoni - Socio Amministratore - Criadon S.r.l

Dettagli

impianti finanziamenti pratiche edilizie

impianti finanziamenti pratiche edilizie impianti finanziamenti pratiche edilizie GLI IMPIANTI schema di impianto a circolazione naturale a circuito semplice schema di impianto a circolazione naturale a circuito semplice con caldaia ausiliaria

Dettagli

La Certificazione energetica degli edifici

La Certificazione energetica degli edifici Seminario di studio La Certificazione energetica degli edifici 1 OTTOBRE 2015 - PARTE 3 - Arch. Luca Raimondo Cosa vedremo? PARTE 3 Le fasi di redazione dell A.P.E. 1) La conoscenza del sistema edificio-impianto:

Dettagli

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE : INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE Riferimenti: Art. 1, commi da 344 a 347, Finanziaria 2007 Art. 1, comma 48, Finanziaria 2011 La detrazione d imposta

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO

COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO ELABORATO RELAZIONE SUL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO SETTORE SETTORE SERVIZI SERVIZI TECNICI E TECNICI MANUTENTIVI Programmazione 2007-2013 PON Ambienti per l apprendimento PO-FESR

Dettagli

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA RESIDENZA I VIGNETI 10 MILANO VIA RIPAMONTI 234/a TEL. 02-33610415 email: informazioni@czcase.it IL PROGETTO La Residenza I Vigneti 10 si trova in

Dettagli

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008 Pagina 1 di 5 L OPUSCOLO HA CARATTERE PURAMENTE INFORMATIVO, POTREBBE CONTENERE ERRORI O ESSERE MANCANTE DI EVENTUALI AGGIORNAMENTI. Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 E IL DECRETO INTERMINISTERIALE 7 APRILE 2008

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 E IL DECRETO INTERMINISTERIALE 7 APRILE 2008 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 E IL DECRETO INTERMINISTERIALE 7 APRILE 2008 La legge finanziaria per il 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244)

Dettagli

4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE

4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE RISPARMIO ENERGETICO UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L EDILIZIA DI OGGI E DI DOMANI 4RI: RIQUALIFICARE RINNOVARE RECUPERARE RICOSTRUIRE L INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI

Dettagli

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione Oggetto Interventi su edifici esistenti finalizzati al conseguimento di un predefinito valore limite del fabbisogno di energia primaria annuo Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti

DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti DOCET Software di Diagnosi e Certificazione Energetica di Edifici Residenziali Esistenti PROTOCOLLO DI ISPEZIONE del sistema edificio-impianto (AUDIT) Versione 1.07.10 Ultimo aggiornamento Ottobre 2007

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. IV IMPIANTO RISCALDAMENTO DEI LOCALI DI ABITAZIONE Comfort Termico Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato xxxxxx Validità 10 anni, salvo quanto previsto nel D.L. 4 giugno 2013, n. 63 art. 6 Riferimenti catastali

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7 COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe E750 RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico 0,7 mqk ISOLAMENTO ACUSTICO Potere fono isolante Rw -44 db E-save: finestre salva

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE software certificato CTI per le UNI-TS 11300 1-2-4 include anche la UNI-TS 11300 parte 3 Semplice da usare, esegue la verifica di nuove costruzioni, ristrutturazioni,

Dettagli

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Un esperienza virtuosa in Classe A Relatore: ing. Michele Sardi Edificio di partenza Classe G Edificio in fase di riqualificazione energetica Classe A Contenuti

Dettagli

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica.

L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. L importanza di un buon involucro edilizio. Obblighi di legge e opportunità del nuovo quadro legislativo sulla certificazione energetica. Qual è la prima fonte di energia? CONSUMARE MENO! SACRIFICIO ENERGETICO

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO. Relatore TIZIANO TERLIZZESE

COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO. Relatore TIZIANO TERLIZZESE ALTERNATIVE TITOLO PRESENTAZIONE IMPIANTISTICHE, 29 / 10 / 2012 COSTI ENERGETICI Relatore NOME ED COGNOME ECONOMICI DI UN COMPLESSO EDILIZIO A ENERGIA QUASI ZERO Relatore TIZIANO TERLIZZESE COMPLESSO EDILIZIO

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55%

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% LA CREAZIONE DI VALORE NEL SETTORE IMMOBILIARE: LE NUOVE OPPORTUNITA PER GLI INGEGNERI GESTIONALI Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% Ordine degli Ingegneri di Napoli Napoli Via del Chiostro 8 SISTEMA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI della Provincia di VICENZA LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO 1 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso È stato finalmente pubblicato il decreto che contiene le istruzioni definitive e complete relative

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

DESCRIZIONE DEI BORGHI, DELLA LORO ARCHITETTURA E DEI MATERIALI CON CUI SONO COSTRUITI I SUOI EDIFICI

DESCRIZIONE DEI BORGHI, DELLA LORO ARCHITETTURA E DEI MATERIALI CON CUI SONO COSTRUITI I SUOI EDIFICI DESCRIZIONE DEI BORGHI, DELLA LORO ARCHITETTURA E DEI MATERIALI CON CUI SONO COSTRUITI I SUOI EDIFICI Il Borgo Sant Andrea ed il Borgo dell Argine Il Borgo di Sant Andrea è formato da tre edifici a contatto

Dettagli

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO P.G. Comune di Montorfano Provincia di Como Area Tecnica - Ufficio Tecnico CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO (allegato obbligatorio alla relazione tecnica di cui all art. 28 della L. 10/91 come definita dall

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare

Agevolazioni Fiscali e Incentivi. Guida PRODOTTI Emmeti IT 03. Idee da installare Agevolazioni Fiscali e Incentivi IT 03 Guida PRODOTTI Emmeti Idee da installare La forza di un gruppo Emmeti nasce nel 1976 commercializzando componenti per impianti di riscaldamento. Il passaggio alla

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI La spesa economica per il riscaldamento dell abitazione incide notevolmente sul bilancio familiare. A seconda dell epoca di costruzione dell edificio, le strutture

Dettagli

Per il comfort abitativo. Dove e come isolare Le diverse soluzioni costruttive dell isolamento termico

Per il comfort abitativo. Dove e come isolare Le diverse soluzioni costruttive dell isolamento termico Profilo autore : A cura dell'arch. Daniela Petrone Architetto, specializzata in progettazione di interventi ecosostenibili sia alla scala edilizia sia urbana, in valutazione della sostenibilità energetico-ambientale

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso La Casa Passiva Un lavoro: Verachi _ Rosso Le Case Passive sono edifici che hanno un fabbisogno annuale di riscaldamento minimo. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore

Dettagli

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO

MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO MARCOTHERM LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SISTEMA DI ISOLAMENTO TERMICO ESTERNO A CAPPOTTO NORME DI RIFERIMENTO SULL EFFICIENZA ENERGETICA A livello comunitario, le normative di riferimento in materia di

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO

COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO COMPLESSO SCOLASTICO VALUSSI, UDINE ANALISI DELLE CRITICITA DI INVOLUCRO E IMPIANTO 1 PROJECT WORK 1 REPORT RACCOLTA DATI Dati generali: Ubicazione dell edificio: via Francesco Petrarca n 19, Udine Anno

Dettagli

INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE CIVILE. LEGGE FINANZIARIA

INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE CIVILE. LEGGE FINANZIARIA Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI ARCHITETTURA INCENTIVI FISCALI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA NEL SETTORE

Dettagli

Pannelli solari l ampiezza e la luminosità degli spazi interni camini di luce frangisole 10 cm di coibentazione e 4 cm di ventilazione

Pannelli solari l ampiezza e la luminosità degli spazi interni camini di luce frangisole 10 cm di coibentazione e 4 cm di ventilazione CENNI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO casi studio Guglielmina Mutani e-mail: guglielmina.mutani@polito.it Guglielmina Mutani Progetto Scienza attiva 2009 1 ALCUNI ESEMPI SMARTHOUSE: PREFABBRICATA E

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2 3. Tipologia dell impianto pag. 3 3.1 Descrizione generale dell impianto di un appartamento tipo pag. 4 3.2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Vergato (BO) 9 Giugno 2007 Presentazione di Certiquality Cenni

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli