SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA"

Transcript

1 ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione MAXFON CAMPANIA SRL A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale Partita IVA A4) Sede legale CASERTA CE Comune Provincia CAP VIA DEL REDENTORE N. 10 Via e n. civico A5) Telefono Fax A6) Legale Rappresentante DE BIASIO SALVATORE ANTONIO PRESIDENTE C.D.A. Cognome Nome Qualifica A7) Atto costitutivo (1) 13/07/ REP RACC /12/2050 Estremi Scadenza A8) Capitale sociale (1) di cui versato A9) Iscrizione al Registro delle Imprese CASERTA /07/2005 Di Al n Dal A10) Iscrizione all INPS AVELLINO 01/04/2009 INDUSTRIA A11) Categoria di impresa (2) Ufficio di Dal Settore , Periodo di riferimento Effettivi ULA Fatturato Totale di bilancio A12) Incaricato dell impresa per la pratica De Biasio Salvatore Sig. Tel. Fax A13) Indirizzo cui inviare la corrispondenza AVELLINO AV Comune Provincia CAP VICOLO CONSERVATORIO, 1 Via e n. civico (1) Solo per le società ed i consorzi; (2) Tutti i dati devono riguardare l ultimo esercizio contabile chiuso e sono calcolati su base annua. Per le imprese di costituzione recente i cui conti non sono stati ancora chiusi, i dati sono stimati in buona fede ad esercizio in corso.

2 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. B) DATI SUL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI B1) Ubicazione dell unità locale oggetto dell investimento: Comune AVELLINO Provincia AV CAP Via e n civico CONSERVATORIO, 1 Telefono Fax B2) Tipologia del programma di investimenti Programmi di investimenti, materiali ed immateriali, tesi all innovazione organizzativa, di processo e di prodotto, mediante le nuove tecnologie dell informazione, aventi l obiettivo di incrementare l efficienza della macchina gestionale delle Imprese B3) Date effettive o previste relative al programma: B3.1) Data (gg/mm/aaaa) di avvio a realizzazione del programma 01/04/2010 B3.2) Data (gg/mm/aaaa) di ultimazione del programma 30/03/2011 B4) Spese del programma (al netto dell IVA) a fronte delle quali si richiedono le agevolazioni Voci di spesa Spese dirette Importo in migliaia di Euro A Progettazione, direzione lavori, piano marketing,accessorie ,00 B C Impianti Macchinari, attrezzature e strumenti D Immobilizzazioni immateriali ,00 TOTALE ,00 C) ELEMENTI PER IL CALCOLO DEL VALORE TECNICO DEL PROGETTO C1) Caratteristiche innovative e qualitative del progetto, sia ai fini dell incremento di efficienza della macchina gestionale, sia in funzione del completamento/potenziamento di infrastrutture ICT già esistenti: Come richiamato nel business plan il progetto ai fini dell incremento di efficienza della macchina gestionale, propone l acquisizione di un nuovo sistema che andrà ad integrarsi e a completare la piattaforma tecnologica ed il sistema gestionale esistente. a)azioni specifiche da svolgere, con particolare riguardo alle modalità organizzative e gestionali: Realizzando il presente programma di investimento ed acquisendo la nuova tecnologia, la Maxfon Campania riuscirà ad ampliare la propria offerta di servizi potendo erogare un servizio di telefonia in modalità VoIP anche su reti wireless realizzate sul modello MASH. Ciò comporterebbe da un lato un potenziamento dell offerta complessiva dell azienda e dall altro un ampliamento del mercato potenziale in quanto anche gli utenti collegati a tale tipologia di rete potrebbero richiedere il servizio di telefonia IP della Maxfon Campania. Oltre a tale ampliamento della gamma dei servizi erogabili, attraverso l acquisizione del know how indicato nel punto precedente, la Maxfon Campania si proporrebbe sul mercato anche come soggetto fornitore di impianti wireless già pronti per l erogazione del servizio VoIP. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T. 2 / 6

3 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. In questa accezione tali impianti potrebbero essere forniti ad altri soggetti che riscontrano tale problematica e che intendono realizzare reti wireless MASH già predisposte per veicolare il servizio di telefonia IP. Entrambe le considerazioni precedenti comportano sicuramente un incremento nei volumi di vendita della Maxfon Campania: tali variazioni sono valutabili per quanto riguarda l erogazione del servizio telefonia VoIP agli utenti collegati a reti wireless MASH in quanto ad oggi, abbiamo le percentuali degli utenti che usufruiscono del servizio VoIP e che sono collegati a reti wireless ma non MASH. Infatti, con riferimento a tale situazione parallela, si ipotizza la possibilità di vendere il servizio VoIP al 30% degli utenti collegati a reti wireless MASH e che hanno già sottoscritto un abbonamento per il servizio di connettività Internet. L altra variazione riguarda un incremento della vendita di impianti wireless MASH conto terzi che potrebbe tranquillamente raddoppiare aggiungendo la predisposizione alla erogazione del servizio VoIP. E ipotizzabile un incremento del fatturato pari al 20% nel caso in cui si riuscisse ad acquisire il know-how descritto. Quindi, da un punto di vista interno, la realizzazione del presente programma di investimenti ha l obiettivo di realizzare: - un innovazione di prodotto: in quanto costituisce un ampliamento della gamma d offerta attraverso l introduzione di una nuova linea su cui modulare una serie di servizi specificamente diretti ai targets selezionati; - un incremento del know-how aziendale, grazie all acquisizione di una nuova architettura e di nuove logiche gestionali e produttive, che si esplicano nell utilizzo della nuova tecnologia, secondo le più avanzate tendenze tecnologiche del settore; nonché nell implementazione delle nuove metodologie e logiche della piattaforma; di conseguenza la principale innovazione interna è costituita da un nuovo modello gestionale-organizzativo ed un nuovo disegno della struttura, anche in conseguenza all ingresso di nuove risorse (crescita dell organico); - un innovazione di processo, poiché da un lato si introdurranno radicali innovazioni nei modelli organizzativi conseguenti all introduzione della nuova piattaforma. Dall altro, le strategie e le politiche commerciali da adottare sono totalmente differenti rispetto a quelle finora sperimentate. Dal punto di vista della competitività aziendale sul mercato, il presente programma di investimenti rappresenta una nuova opportunità per l ingresso in mercati, spesso maturi, nei quali oggi più che mai si sono evidenziate possibilità d ingresso grazie all utilizzo delle nuove tecnologie ICT in un periodo della storia dell economia che ha rotto schemi e standard e che ha visto il crollo anche di grandi soggetti multinazionali. b) gli interventi da realizzare potenzieranno le attività della filiera produttiva (impianti di trasformazione, punti vendita aziendali, introduzione e/o sviluppo dell e-commerce). La caratteristica del progetto è quella di permetterci di offrire un servizio al mercato in forma industriale, che fino ad ora ci hanno visto come semplice erogatore di servizi di consulenza specialistica. In quest ottica si è pensato di sviluppare anche la componente di vendita del servizio con e- commerce. In particolare il sistema di simulazione, permette a tutti gli specialisti di reti di poter avvalersi del sistema di simulazione per prevederne in fase di progettazione il funzionamento della rete. Questo servizio ha un alto valore aggiunto, in quanto i fornitori di servizio possono offrire sistemi con SLA impegnativi già nella fase propositiva grazie al nostro sistema di modellazione e simulazione. Il sitema sarà proposto al mercato attraverso una rete di rivenditori da individuare sul territorio, Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T. 3 / 6

4 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. che potranno proporre ai propri clienti un sistema di connettività auto configurante in grado di veicolare servizi voce e dati anche su territori impervi. Il servizio si presta a particolari situazioni di emergenza (es. emergenze da catastrofi naturali) in cui la velocità di allestimento di un infrastruttura di comunicazione efficiente risulta di vitale importanza. c) il progetto è a completamento/potenziamento di infrastrutture di Information & Communication Technology già esistenti: La nuova piattaforma non solo integrerà e completerà il sistema informativo aziendale (soprattutto gestionale) ma lo potenzierà in maniera significativa, apportando nuove funzionalità dirette all incremento delle potenzialità di mercato nell area dei servizi VOIP. Infatti il sistema va integrarsi con tutte le tecnologie già in possesso dell azienda come servizi di autenticazione e tariffazione. d) il progetto prevede il miglioramento dell organizzazione aziendale (riduzione della sottoccupazione aziendale, riconversione e/o incremento occupazionale, ecc.) e della sicurezza sui luoghi di lavoro: Grazie all attivazione dei servizi proponibili mediante l acquisto della nuova tecnologia, l impresa allargherà la propria gamma di offerta attraverso l introduzione di un nuovo servizio. Tale condizione si realizzerà anche in seguito anche ad investimenti in marketing, nonché organizzativi. L incremento dell occupazione previsto è, infatti, riferito alle necessarie risorse interne incrementali da dedicare all attività produttiva (sviluppi, manutenzione, aggiornamenti, help desk, ecc.). Tale incremento è prudenzialmente contenibile in n. 2 ULA. La strutturazione di una organizzazione commerciale dedicata allo sviluppo del canale diretto ed indiretto, produrrà certamente ulteriori incrementi occupazionali: in via diretta decorso un primo periodo di penetrazione commerciale da attuarsi prevalentemente mediante l utilizzo di una rete di agenti, l impresa passerà alla gestione dei clienti chiave con risorse dedicate (Key Account Managers) e, in funzione delle dimensioni del canale diretto, all acquisizione di risorse commerciali operative. C2) Incidenza sulla qualificazione del prodotto/servizio con un relativo aumento della competitività sul mercato a) il progetto prevede la realizzazione di nuovi prodotti e/o la diversificazione di alcuni altri e/o la certificazione di qualità delle produzioni/servizi aziendali: Il progetto è relativo a un innovazione di prodotto ai fini di un incremento della competitività sui mercati e rappresenta un integrazione-completamento della piattaforma esistente e proprietaria. b) Incremento percentuale del Valore Aggiunto aziendale atteso con gli interventi cofinanziati a regime : L entrata a regime degli interventi cofinanziati è prevista per l anno 2011, anno nel quale l incremento di valore aggiunto aziendale atteso è pari al 41,77% (si veda tabella valori economici prospettici presente nel business plan e nella relazione tecnico-economica). c) Sostenibilità economica, deducibile dal rapporto fra costo totale del progetto e fatturato annuo aziendale: Sebbene MAXFON CAMPANIA SRL sia un impresa giovane e fino ad oggi legata a servizi altamente specializzati, forte dell appartenenza ad un gruppo industriale, ha potuto realizzare nel 2008 un fatturato di euro circa con prospettive di crescita interessanti correlate, da un lato, allo sviluppo della nuova tecnologia, dall altro dall introduzione di servizi a valore aggiunto proponibili alla clientela via via crescente. d) Sostenibilità ambientale, in presenza di interventi e/o macchinari che consentono di ridurre le emissioni in atmosfera ovvero di migliorare la gestione dei rifiuti aziendali: Gli effetti sull ambiente di un attività ad alta tecnologia come quella di MAXFON CAMPANIA SRL sono evidenti: da un lato il sistema elimina la necessità di una lunga serie di processi cartacei; dall altro permette l applicazione di modelli di networking evoluto grazie agli strumenti di comunicazione dati, voce e video a basso costo, che riduce le necessità di presenza fisica e di spostamenti. Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T. 4 / 6

5 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. In questo modo l impatto ambientale di attività come quella di MAXFON CAMPANIA SRL, già relativamente ridotto, viene ulteriormente spinto verso il basso fino quasi ad annullarsi. C3) Rilevanza della componente giovanile e femminile a) Età del richiedente (impresa individuale) - Età media dei soci (per Società di persone) - Età dell'amministratore unico ovvero media dei componenti il consiglio di amministrazione (per Società di capitali): L età media dei componenti il consiglio di amministrazione è pari a 46,67 (media di 60, 31 e 49). Ciò dà diritto a 3 (TRE) punti aggiuntivi in graduatoria. b) Sesso del richiedente (impresa individuale), Sesso prevalente dei soci (per Società di persone), dell'amministratore Unico ovvero prevalente fra i componenti del consiglio di amministrazione (per Società di capitali): Il CDA è composto da 3 uomini. D) - Allegato Tecnico A) PROGETTAZIONE Spese agevolabili Descrizione (In k/euro) Progettazione 0,00 Direzione dei lavori 0,00 Piano di marketing e accessorie Piano di marketing strategico ed operativo, analisi ,00 organizzativa, pianificazione obiettivi commerciali TOTALE A) PROGETTAZIONE ,00 TOTALE SPESE DI PROGETTAZIONE AMMISSIBILI ,00 B) IMPIANTI Elettrico 0,00 Telematico 0,00 TOTALE B) IMPIANTI 0,00 C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI C.1) Macchinari Macchinario 1 0,00 Macchinario 2 0,00 Macchinario 3 0,00 TOTALE MACCHINARI 0,00 C.2) Attrezzature Attrezzatura 1 0,00 Attrezzatura 2 0,00 Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T. 5 / 6

6 P.O.R. Campania Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. Attrezzatura 3 0,00 C.3) Strumenti TOTALE ATTREZZATURE 0,00 Strumento 1 0,00 Strumento 2 0,00 Strumento 3 0,00 D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI TOTALE STRUMENTI 0,00 TOTALE C) MACCHINARI, ATTREZZATURE E STRUMENTI 0,00 Programmi informatici 0,00 Acquisizione tecnologia Piattaforma HW/SF per la comunicazione vocale su reti MASH ,00 TOTALE D) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI ,00 TOTALE INVESTIMENTO ,00 Il sottoscritto DE BIASIO SALVATORE ANTONIO nato_ a MESSINA (ME) il 20/01/1949 residente in via I TRAVERSA DEGLI ORTI n 4 Comune SANTA MARIA CAPUA VETERE CAP Provincia CE in qualità di legale rappresentante dell impresa denominata: MAXFON CAMPANIA SRL forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA con sede legale in via DEL REDENTORE n 10 Comune CASERTA CAP Provincia CE Iscritta al registro delle imprese di CASERTA con il n (REA CE ) C.F P.IVA DICHIARA ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall art. 76 che tutte le notizie fornite nella presente Scheda tecnica, composta di n. 6 fogli, e nell altra documentazione a corredo del modulo di domanda corrispondono a verità. Luogo e data IL LEGALE RAPPRESENTANTE (3) (3) Allegare copia di un documento di identità in corso di validità e sottoscritto, avendo cura che tale copia sia leggibile. In caso di cittadini extracomunitari occorre invece l autenticazione da parte di un pubblico ufficiale (circoscrizione, notaio o ambasciata). Allegati Bando regime di aiuti per l Innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante l I.C.T. 6 / 6

7 D.G.R. n. 640 del 3 aprile Decreto dirigenziale n. 103 del 7 aprile 2009 Aiuti "de minimis" per promuovere l innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante le nuove tecnologie dell'informazione. Relazione tecnico-economica IMPRESA PROPONENTE: MAXFON CAMPANIA S.R.L. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 1

8 Il sottoscritto Marino Antonio nato a Pellezzano (SA) il 19/10/1965, residente in Mercato San Severino (SA) alla via Rimembranza n 3/2, su incarico della società MAXFON CAMPANIA S.R.L., con sede in CASERTA alla via DEL REDENTORE n 10, redige la presente relazione tecnico-sconomica circa il programma di investimenti da proporre per le agevolazioni di cui alla D.G.R. della Campania n. 640 del 3 aprile Decreto dirigenziale n. 103 del 7 aprile 2009, concernente Aiuti "de minimis" per promuovere l innovazione organizzativa, di processo e di prodotto mediante le nuove tecnologie dell'informazione. Ciò in ragione della specifica professionalità posseduta in ambito ICT e con riferimento particolare alla informatizzazione ed automazione dei processi aziendali (amministrativi, produttivi, logistici e commerciali). Si allega Curriculum Vitae per un maggior dettaglio. I N D I C E 1. Finalità perseguite e risultati attesi. 2. Utilizzo dell ICT per il conseguimento di un miglioramento di efficienza della macchina gestionale dell impresa ai fini dell innovazione organizzativa, di prodotto e di processo. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 2

9 1. Finalità perseguite e risultati attesi. Realizzando il presente programma di investimento ed acquisendo la tecnologia individuata al punto precedente, la Maxfon Campania riuscirebbe ad ampliare la propria offerta di servizi potendo erogare un servizio di telefonia in modalità VoIP anche su reti wireless realizzate sul modello MASH. Ciò comporterebbe da un lato un potenziamento dell offerta complessiva dell azienda e dall altro un ampliamento del mercato potenziale in quanto anche gli utenti collegati a tale tipologia di rete potrebbero richiedere il servizio di telefonia IP della Maxfon Campania. Oltre a tale ampliamento della gamma dei servizi erogabili, attraverso l acquisizione del know how indicato nel punto precedente, la Maxfon Campania si proporrebbe sul mercato anche come soggetto fornitore di impianti wireless già pronti per l erogazione del servizio VoIP. In questa accezione tali impianti potrebbero essere forniti ad altri soggetti che riscontrano tale problematica e che intendono realizzare reti wireless MASH già predisposte per veicolare il servizio di telefonia IP. Entrambe le considerazioni precedenti comportano sicuramente un incremento nei volumi di vendita della Maxfon Campania: tali variazioni sono valutabili per quanto riguarda l erogazione del servizio telefonia VoIP agli utenti collegati a reti wireless MASH in quanto ad oggi, abbiamo le percentuali degli utenti che usufruiscono del servizio VoIP e che sono collegati a reti wireless ma non MASH. Infatti, con riferimento a tale situazione parallela, si ipotizza la possibilità di vendere il servizio VoIP al 30% degli utenti collegati a reti wireless MASH e che hanno già sottoscritto un abbonamento per il servizio di connettività Internet. L altra variazione riguarda un incremento della vendita di impianti wireless MASH conto terzi che potrebbe tranquillamente raddoppiare aggiungendo la predisposizione alla erogazione del servizio VoIP. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 3

10 E ipotizzabile un incremento del fatturato pari al 20% nel caso in cui si riuscisse ad acquisire il know-how descritto. Quindi, da un punto di vista interno, la realizzazione del presente programma di investimenti ha l obiettivo di realizzare: - un innovazione di prodotto: in quanto costituisce un ampliamento della gamma d offerta attraverso l introduzione di una nuova linea su cui modulare una serie di servizi specificamente diretti ai targets selezionati; - un incremento del know-how aziendale, grazie all acquisizione di una nuova architettura e di nuove logiche gestionali e produttive, che si esplicano nell utilizzo della nuova tecnologia, secondo le più avanzate tendenze tecnologiche del settore; nonché nell implementazione delle nuove metodologie e logiche della piattaforma; di conseguenza la principale innovazione interna è costituita da un nuovo modello gestionaleorganizzativo ed un nuovo disegno della struttura, anche in conseguenza all ingresso di nuove risorse (crescita dell organico); - un innovazione di processo, poiché da un lato si introdurranno radicali innovazioni nei modelli organizzativi conseguenti all introduzione della nuova piattaforma. Dall altro, le strategie e le politiche commerciali da adottare sono totalmente differenti rispetto a quelle finora sperimentate. Dal punto di vista della competitività aziendale sul mercato, il presente programma di investimenti rappresenta una nuova opportunità per l ingresso in mercati, spesso maturi, nei quali oggi più che mai si sono evidenziate possibilità d ingresso grazie all utilizzo delle nuove tecnologie ICT in un periodo della storia dell economia che ha rotto schemi e standard e che ha visto il crollo anche di grandi soggetti multinazionali. In base alle analisi condotte e grazie al supporto della lunga esperienza dei partners, è stato possibile ipotizzare l andamento futuro dei volumi del fatturato e della redditività derivanti dalla industrializzazione dell'innovazione proposta. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 4

11 Per essere adeguata alla concorrenza, MAXFON CAMPANIA s impegnerà a mantenere alto il livello qualitativo della componente di servizio legata ai prodotti offerti, attraverso la creazione di un sistema permanente di monitoraggio dell attività svolta e di strumenti per le scelte di approvvigionamento compatibili con la strategia prefissata. MAXFON CAMPANIA ha messo a punto, quindi, un piano di vendita ed effettuato una previsione di obiettivi produttivi ed economico-finanziari fino all anno a regime del nuovo investimento in tecnologia. A NUOVI SERVIZI A VALORE AGGIUNTO B C D E F G H Produzione massima N di unità di tempo Produzione massima Produzione Prezzo unitario medio per unità di tempo per anno teorica annua effettiva annua (EU) Unità di misura per unità di tempo ESERCIZIO "A REGIME" Valore della produzione effettiva (KEU) 1 Voip-MASH Utenti / anno , TOTALE Il progetto sarà concluso secondo previsioni al 30/03/2011. Le ricadute occupazionali previste in relazione al fatturato prospettico sono di circa 2 U.L.A.. Secondo i programmi aziendali, il conto economico a margine operativo lordo e a valore aggiunto dovrebbe evolversi nella maniera esplicitata nella tabella che segue. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 5

12 Penultimo consuntivo Ultimo consuntivo I anno II anno Regime Valore della produzione , , , , ,24 Ricavi delle vendite e delle prestazioni , , , , ,24 Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti ,00 Altri ricavi e proventi , ,00 Costi della produzione , , , , ,91 Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci , , , , ,97 Servizi , , , , ,93 Godimento di beni di terzi Personale 55,00 112, , , ,00 Variazione delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci Oneri diversi di gestione 2.525, , , , ,00 Margine Operativo Lordo , , , , ,34 Variazioni - n.c. n.c. n.c. 37,78% MAXFON CAMPANIA S.R.L. 6

13 Penultimo consuntivo Ultimo consuntivo I anno II anno Regime Valore della produzione , , , , ,24 Ricavi delle vendite e delle prestazioni , , , , ,24 Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti , Altri ricavi e proventi , ,00 Costi della produzione , , , , ,91 Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci , , , , ,97 Servizi , , , , ,93 Godimento di beni di terzi Ammortamenti 560, , , , ,00 Valore Aggiunto , , , , ,34 Variazioni - n.c. n.c. 16,09% 41,77% La Maxfon Campania Srl, in qualità di erogatore diretto di servizi di telecomunicazione dati e voce in modalità VoIP, è particolarmente attenta alla problematica relativa al veicolare tali servizi su reti non cablate ma wireless. Infatti tale approccio risulta fondamentale per un piccolo operatore come la Maxfon Campania, in quanto permette la realizzazione di una rete di copertura dell ultimo miglio proprietaria ed a basso costo rispetto alle infrastrutture cablate (rame, fibra, etc): è quindi facilmente intuibile come sia importante disporre di uno strumento di piattaforma hardware e software che permetta l erogazione dei servizi dati (connettività Internet) e voce in modalità VoIP su infrastrutture wireless con un livello di qualità elevato in modo da soddisfare tutte le richieste della clientela in merito. Per quanto attiene il servizio di connettività Internet non vi sono particolari problemi di erogazione su reti wireless mentre per quanto riguarda il servizio di telefonia VoIP vi sono delle problematiche di natura tecnica quando si utilizza il canale radio come canale trasmissivo. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 7

14 Infatti soprattutto nelle reti wireless realizzate secondo il paradigma MASH, nelle quali vi è una situazione dinamica nella topologia della rete stessa con un numero di nodi variabile e con una valenza paritetica di tutti tali nodi, risulta difficile l utilizzo di protocolli che prevedono l individuazione di un server centralizzato come la telefonia IP in protocollo SIP. Quindi la Maxfon Campania, tramite il presente programma di investimento, mira alla risoluzione del problema di cui sopra utilizzando una piattaforma hardware e software che permette, a livello logico, l implementazione di un server distribuito sulla rete wireless MASH e quindi la possibilità di veicolare il servizio di telefonia VoIP su tale rete. Inoltre la piattaforma individuata è dotata di uno strumento di simulazione che permette di verificare la qualità del servizio in funzione della topologia della rete MASH e di simulare tutte le situazioni che in essa si possono verificare (variazione dei nodi, etc); tale ulteriore strumento può essere molto utile alla Maxfon Campania in fase di progettazione per verificare l idoneità della rete in progetto a veicolare il servizio di telefonia VoIP. Pertanto si è individuata la piattaforma elaborata dalla società ASTRO-TEL S.r.l. che è dotata delle seguenti specifiche riportate nel preventivo allegato. La fornitura da parte di ASTRO-TEL S.r.l. ha per oggetto una piattaforma HW/SW per la comunicazione vocale su reti MASH. Generalità Una rete ad-hoc, contraddistinta da una topologia ad elevata dinamicità, dove nuovi nodi possono aleatoriamente entrare a far parte della rete e vecchi nodi uscirne, è sconveniente e indesiderabile che determinati nodi ospitino servizi centralizzati. Ciò significava che, al fine di raggiungere gli obiettivi del progetto, occorreva disegnare un nuovo protocollo oppure adattare un protocollo esistente, poiché attualmente tutti i protocolli di segnalazione per VOIP, e più generalmente per l Instant Messaging, prevedono l utilizzo di un server centralizzato. La piattaforma oggetto della fornitura da parte della ASTR-TEL S.r.l. si basa su un server VOIP open source (YATE) per renderlo compatibile con la struttura dinamica della nostra rete. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 8

15 La dinamicità è stata ottenuta castomizzando opportunamente il server YATE mediante la realizzazione di un server distribuito sui nodi realmente presenti ed attivi. La piattaforma ed i protocolli di comunicazione, rendono la piattaforma compatibile con i normali telefoni VOIP/SIP opportunamente connessi a dei nodi di comunicazione che supportano il protocollo AODV ed il server SIP distribuito. Il telefono deve essere collegato una board, con HW di mercato, e con SW proprietario, interconnesse via ethernet. Simulatore La piattaforma è corredata di un simulatore software in grado di definire un modello matematico della rete di comunicazione vocale basata sul nostro sistema, e, basandosi su questo, determinare le prestazioni del sistema. Tale simulatore permette in fase di progettazione di un infrastruttura di rete di analizzare tutte le problematiche di dimensionamento, quali: la degradazione delle prestazioni portata dal canale radio, che a seconda del path loss presente tra trasmettitore e ricevitore, il bit-rate può decrescere fino a 1Mbit/s che tali bit-rate fanno riferimento agli istanti in cui la trasmissione avviene effettivamente e che invece si deve tener conto anche della percentuale di banda utilizzata per effettuare la contesa tra gli utenti volta ad attestarsi per l uso del canale. Le caratteristiche parametriche di simulatore permettono di analizzare scenari e monitorare la qualità del segnale. La configurazione dello scenario di test e la ricostruzione del segnale audio in output per ogni segnale audio in input ed in funzione dei seguenti parametri: Estensione delle Rete (espressa in metri) Numero di nodi presenti nella rete Numero di chiamate attive Distanza minima fra i nodi (in metri) MAXFON CAMPANIA S.R.L. 9

16 Massimo numero di nodi intermedi fra trasmettitore e ricevitore La durata della conversazione da simulare (Tsim) l intervallo di tempo (espresso in decimi di µs) in cui il codec audio genera un pacchetto (Tgen) La potenza (espressa in dbm) con cui trasmettono tutti i terminali Short Interframe Space L offerta ASTRO-TEL S.r.l. è relativa tanto alla fornitura della piattaforma in oggetto, tanto alla progettazione HW/SF ed al simulatore con le funzionalita sopra descritte. Piano di marketing strategico e operativo In maniera strettamente correlata all acquisizione della nuova tecnologia, l impresa acquisirà servizi reali di consulenza diretta alla strutturazione di un piano di marketing strategico ed operativo. Più in particolare, tale acquisizione di servizi reali è diretta alla realizzazione di una segmentazione del mercato di riferimento ed all individuazione delle dimensioni, localizzazione e caratteristiche dei targets potenziali. Rispetto ai singoli segmenti di mercato, il piano dovrà comprendere la definizione di una strategia di posizionamento competitivo cui corrisponderanno i singoli piani di marketing mix. In particolare, sarà, da un punto di vista operativo, effettuata la definizione delle strategie commerciali e l avvio della struttura operativa, mediante l individuazione dell organizzazione più idonea e la strutturazione dei canali di vendita. Il piano contempla anche una revisione del modello organizzativo ed il ridisegno della struttura. Azioni necessarie a far spazio alle nuove produzioni ed ottimizzare i carichi ed i flussi di lavoro. L analisi organizzativa sarà, inoltre, rivolta all individuazione delle metodologie di ricerca e selezione delle nuove risorse da introdurre in azienda. Il piano si completa, quindi, con una sezione economico-finanziaria che contempli i necessari investimenti commerciali, pianifichi i costi di gestione e sia di supporto alla definizione degli obiettivi di vendita. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 10

17 2. Utilizzo dell ICT per il conseguimento di un miglioramento di efficienza della macchina gestionale dell impresa ai fini dell innovazione organizzativa, di prodotto e di processo. La realizzazione del presente programma di investimento permetterebbe l introduzione di una innovazione forte rispetto al panorama ICT attuale e relativo alla erogazione di servizi su reti wireless MASH. Infatti, dato il continuo affermarsi del paradigma MASH nella realizzazione delle reti wireless da un lato, e il boom che sta avendo la realizzazione di sistemi di telefonia VoIP dall altro, avere la possibilità di coniugare queste due tendenze del mercato ICT è sicuramente un percorso innovativo tanto più per un soggetto che è già realizzatore di reti wireless ed erogatore di servizi di telefonia VoIP. Sicuramente la Maxfon Campania riuscirebbe ad avere una offerta completa ed integrata e quindi un fattore distintivo rispetto a tutti gli altri competitor dello specifico settore ICT di riferimento. Una ulteriore innovazione si riuscirebbe ad avere con riferimento alla progettazione di reti wireless in modalità MASH nel settore ICT in quanto, attraverso il sistema di simulazione, si riuscirebbe ad individuare già in fase progettuale una topologia di rete che non soffra di problemi nel veicolare servizi di telefonia IP. Tale capacità di previsione è fortemente innovativa nella realizzazione di reti wireless MASH, in quanto fino ad oggi la progettazione era imperniata solo sulla parte di segnale e di visibilità ottica tra i vari dispositivi di rete wireless ma no si riusciva a prevedere il comportamento della rete relativamente ad uno specifico servizio (VoIP ad esempio) in relazione alla sua topologia. In aggiunta alle caratteristiche sopra menzionate, il sistema che si intende acquisire è capace di auto configurarsi e di costruire un infrastruttura di rete complessa utilizzando gli stessi apparati della rete come nodi di reindirizzamento del segnale. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 11

18 Queste caratteristiche rendono la piattaforma altamente strategica in situazioni di emergenza che richiedono la realizzazione di un infrastruttura di rete in tempi rapidi e senza l installazione di acces point specifici. Chiaramente la rapidità di installazione e messa in esercizio dell infrastruttura la rende particolarmente appetibile in eventi fieristici e in tutte le situazioni in cui si devono allestire reti e fornire servizi su aree mobili. Come indicato precedentemente la piattaforma prevede anche un complesso modello di simulazione in grado di prevedere il comportamento del sistema in funzione dei dati di carico, questo elemento fa si che l utilizzatore riesce a prevedere perfettamente la qualità dei servizi che va ad offrire, potendo quindi attuare politiche di tariffazione anche in base alla qualità del servizio richiesto. MAXFON CAMPANIA S.R.L. 12

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ALBA GAMMA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 01196940629

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Topway S.r.l. A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 03305660619

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione 1..2..PRINT S.R.L. A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 05464751212

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Mavi Drink A2) Forma giuridica srl A3) Codice Fiscale 03196350361 Partita IVA 03196350361 A4) Sede

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione COOPERATIVA SOCIALE L UOMO E IL LEGNO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ATELIER VACANZE SRL A2) Forma giuridica SOCIETA' A RESPONSABILITA'LIMITATA A3) Codice Fiscale 5275911211

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione ITAL DATA S.R.L. A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale 07513530639

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione RAMOS A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 07526020636 Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione S.I.T.I. SOCIETA ITALIANA TURISMO INTERNAZIONALE S.R.L. A2) Forma giuridica Società a responsabilità

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. RELAZIONE TECNICO-ECONOMICA IMPRESA

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SCACCO MATTO A2) Forma giuridica COOPERATIVA SOCIALE A3) Codice Fiscale 02615730617 Partita IVA

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart e Start REV. 2 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart e Start REV. 2 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart e Start REV. 2 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione KOKO SAS DI SANDRO FUSCO A2) Forma giuridica SOCIETA IN ACCOMANDITA SEMPLICE A3) Codice Fiscale

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

Allegato n. 4 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

Allegato n. 4 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO 1 Sezione 1: Soggetto proponente 1.1. Scheda anagrafica 1. Denominazione e forma giuridica 2. Partita IVA 3. Sede legale 4. Settore di attività e codice classificazione ATECO

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione CENTRO BENESSERE DOTT.SSA MEROLLA A2) Forma giuridica S.A.S. A3) Codice Fiscale 07769380630 Partita

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Nominativo Codice fiscale Qualifica. Nominativo Codice fiscale Qualifica

Nominativo Codice fiscale Qualifica. Nominativo Codice fiscale Qualifica REPUBBLICA ITALIANA FONDO PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA COOPERATIVISTICO IN SARDEGNA P.O. FSE 20072013 Obiettivo Competititvità Regionale e Occupazione Asse I Obiettivo c.1 Allegato Domanda di finanziamento

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione SEMAK SRL A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale 03973380656 Partita

Dettagli

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN 1/ AVVISO PUBBLICO per la concessione di agevolazioni finanziarie, attraverso la sottoscrizione di Contratti di Programma Regionali settoriali per lo Sviluppo delle Attività Industriali, di cui all articolo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione R.M.A A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice Fiscale 04336580651 Partita

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione Devdata A2) Forma giuridica S.r.l. A3) Codice Fiscale 06017551216 Partita IVA 06017551216 A4) Sede

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente si comunica

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 21 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA PER IL CIRCOLANTE DELLE IMPRESE Art. 15 Legge Regionale n. 33 del 30.12.2010 DGR Basilicata n. 606 del 29/04/2011 (Regolamento) DGR Basilicata n.

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan linee guida per la compilazione del Business Plan / Linee Guida per la compilazione del Business Plan Business Plan / La presente guida illustra le modalità di compilazione del Business Plan da parte dell

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C. mediante l I.C.T ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione IRPINIA TOUR SRL A2) Forma giuridica Società a responsabilità limitata A3) Codice

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

SCHEDA TECNICA. 1) Titolo del progetto innovativo di sviluppo (di seguito Progetto ) presentato: ANALISI DEL PROGETTO

SCHEDA TECNICA. 1) Titolo del progetto innovativo di sviluppo (di seguito Progetto ) presentato: ANALISI DEL PROGETTO FONDO DI ROTAZIONE PER IL FINANZIAMENTO DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE LOMBARDE NELLA FASE INIZIALE O DI SPERIMENTAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA, FONDO SEED DGR N. 5199 DEL 2 AGOSTO 2007 SCHEDA TECNICA 1)

Dettagli

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN Avviso Pubblico 2 BANDO Invito a presentare proposte per progetti finalizzati alla creazione e sviluppo di imprese innovative attraverso l inserimento

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Nuove Imprese a Tasso Zero Guida alla compilazione del piano di impresa DECRETO MISE 8 LUGLIO 2015, n. 140 CIRCOLARE MISE

Dettagli

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C2 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 Allegato 1 alla domanda di finanziamento Piano di Sviluppo Aziendale - Proposta

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico. Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO A Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria

Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria Interventi per la ricettività alberghiera POR FESR-FSE 2007-2013 Regione Umbria BENEFICIARI PMI alberghiere (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo, beauty-farms) regolarmente

Dettagli

Aiuti alla Ristrutturazione

Aiuti alla Ristrutturazione Piano di Ristrutturazione Industriale 1/13 Aiuti alla Ristrutturazione Piano di Ristrutturazione Industriale (ai sensi dell Allegato B punto 10 al D.M. del Ministro dello Sviluppo Economico 25 febbraio

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO

Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO Allegato n. 4 Programma regionale di sviluppo della cooperazione di produzione lavoro e sociale Delibera di Giunta Regionale n. 3708/2003 PRIMO BANDO A) DATI RELATIVI ALL IMPRESA SCHEDA TECNICA A.1) Denominazione

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE REGIONE PIEMONTE BU24 12/06/2014 Finpiemonte S.p.A. - Torino Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A1) Denominazione GEVI GRANDI IMPIANTI DI GENTILE GESUALDA & C. S.A.S. A2) Forma giuridica SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 3 - Pag. 1 di 18 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO Prestito d Onore della Sardegna Impare FORMULARIO DI PROGETTO A-1 Indice A. DATI DI SINTESI DELL INIZIATIVA... A-3 2. TITOLO DEL PROGETTO... A-3 3. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... A-3 4. Azione di riferimento

Dettagli

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20

CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 CHL S.P.A. Sede in Firenze, Via di Novoli n. 7 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 1.153.639, 20 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Firenze al n. 68220/ Tribunale di

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA

SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8. - Business Plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA SCon-PO-0004-002-00 Schema di Business Plan 1/8 - Business Plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA Schema_businessplan Schema di Business Plan 2/8 Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE ALLEGATO N. 5 A1) Denominazione Paolo Scoppettuolo Srl A2) Forma giuridica Società a Responsabilità Limitata A3) Codice Fiscale

Dettagli

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente Scheda anagrafica impresa proponente N.B. Se la Società proponente è neo costituita le informazioni seguenti dovranno essere fornite anche dalla Società controllante e dalle eventuali altre società azioniste/socie.

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ACCESSO ALL INCUBATORE DI IMPRESE START FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ALLEGATO N. 5 A) DATI SULL IMPRESA RICHIEDENTE A1) Denominazione LE DELIZIE DEL SUD SRL A2) Forma giuridica SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA A3) Codice Fiscale

Dettagli

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

POR FESR 2007 2013 PACCHETTO COMPETITIVITÀ

POR FESR 2007 2013 PACCHETTO COMPETITIVITÀ POR FESR 2007 2013 PACCHETTO COMPETITIVITÀ 2007 Presentazione a cura di: Rossetti, Paolini, Toccacelo, Fabiani 16 Luglio 2007 Brufa di Torgiano (PG) 1 PACCHETTO COMPETITIVITÀ: Parole chiave 2 Innovazione

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento)

ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) ex HERION Incubatore d impresa Giudecca - Venezia - Business Plan - (schema di riferimento) DENOMINAZIONE IMPRESA REGIONE COMUNE Dati anagrafici del proponente e sintesi del Business Plan Nome impresa

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL

ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL ALLEGATO 3 FAC-SIMILE DEL MODULO PER LA PRESENTAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA Il presente modulo contiene le informazioni e i campi che dovranno essere compilati sul sito del Fondo Innovazione (www.fondoinnovazione.it)

Dettagli

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO

ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO ASSESSORATO ALL UNIVERSITA' E RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E NUOVA ECONOMIA, SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICA BANDO PUBBLICO REGIME DI AIUTI DE MINIMIS EX REG. (CE) N. 1998/2006 PER L INNOVAZIONE

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO Il piano di intervento è il documento attraverso il quale l impresa proponente e il suo fornitore di servizi descrivono in dettaglio il contenuto

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI E SERVIZI A SOSTEGNO DELLA NASCITA DI NUOVE REALTÀ IMPRENDITORIALI O DI AUTO IMPIEGO IN FAVORE DI GIOVANI STRANIERI CITTADINI DI PAESI NON APPARTENENTI ALL UNIONE EUROPEA

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT LIST DI PROFESSIONALITA'

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT LIST DI PROFESSIONALITA' AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA SHORT LIST DI PROFESSIONALITA' 1. OGGETTO DELL AVVISO Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/03/2014, è indetto Avviso Pubblico per l istituzione,

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO

FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO FAC SIMILE DI DOMANDA DI CONTRIBUTO Bollo Alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Regionale dell Industria via Trento n. 2 34132 - TRIESTE Il sottoscritto (cognome e nome)...legale rappresentate

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

INTERVENTI AGEVOLABILI: Programmi di investimenti che dovranno attivare almeno due delle quattro componenti di seguito evidenziate:

INTERVENTI AGEVOLABILI: Programmi di investimenti che dovranno attivare almeno due delle quattro componenti di seguito evidenziate: Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 17/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Comune di Riccione - Provincia di Rimini

Comune di Riccione - Provincia di Rimini SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE. IL DIRIGENTE DEL SETTORE RISORSE UMANE/ORGANIZZAZIONE/SISTEMI INFORMATIVI In esecuzione della Legge 244/2007 art.3 comma 55 emana il presente

Dettagli

BANDO PUBBLICO. per l assegnazione di incentivi (contributi e servizi) per l apertura di dieci nuove attività innovative in centro storico

BANDO PUBBLICO. per l assegnazione di incentivi (contributi e servizi) per l apertura di dieci nuove attività innovative in centro storico BANDO PUBBLICO per l assegnazione di incentivi (contributi e servizi) per l apertura di dieci nuove attività innovative in centro storico PREMESSA L Amministrazione Comunale, in collaborazione con la Camera

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

T Imposta di Bollo di euro 16,00

T Imposta di Bollo di euro 16,00 T Imposta di Bollo di euro 16,00 (contrassegno telematico) TITOLARE PARTITA IVA Al Presidente della Provincia di Settore/Servizio Cognome Nome _ Sede fissa operativa Via n. Città Prov.( ) Cap Tel. Fax

Dettagli

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T.

P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. P.O.R. Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 5.2 Regime di Aiuti per l Innovazione Organizzativa, di Processo e di Prodotto mediante l I.C.T. ALLEGATO N. 5 SCHEDA TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA A) DATI

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Guida alla compilazione e all invio della domanda

Guida alla compilazione e all invio della domanda Guida alla compilazione e all invio della domanda AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Artigianato P.O. FESR Campania

Dettagli

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo)

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) TIPOLOGIA DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La misura di agevolazione promuove e ammette tipologie

Dettagli

(da rilasciarsi dal soggetto avente la legale rappresentanza)

(da rilasciarsi dal soggetto avente la legale rappresentanza) DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI (Tutela dei dati personali e Assenza conflitti di interesse) - IMPRESE SINGOLE - (anche ai sensi del Testo Unico - DPR 28 Dicembre 2000 n. 445) (da rilasciarsi dal soggetto

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

PACCHETTO COMPETITIVITÀ

PACCHETTO COMPETITIVITÀ Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 02/2010 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli