STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011"

Transcript

1 IUAV Corso di Laurea Magistrale_SOSTENIBILITA Clima e Cambiamenti Climatici: Misure, Politiche, Strumenti. STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011 FI LL AN Ma rb alti co Go lfo di Bo tni a NO RV E GI A A DI MAGNOLATO VALENTINA

2 La città di stoccolma fa parte del CCI (Clinton Climate Initiative) come città affiliata. Il programma Clinton Climate Initiative fu fondato nell agosto 2006 dalla Clinton Foundation, che collabora con il C40 Large Cities Climate Leadership Group, un associazione di 40 grandi città di tutto il mondo dedita alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso sistemi di adattamento e mitigazione _I piani di riferimento sono: -THE CITY OF STOCKHOLM S CLIMATE INITIATIVES -ENVIRONMENT PROGRAMME STOCKHOLM ACTION PLAN FOR CLIMATE AND ENERGY _I soggetti coinvolti sono: -La città; -City council; -Il governo; -Fortum Varme (azienda di teleriscaldamento); -Stockholm Public Transport SL (gestore del trasporto pubblico); - Altri portatori di interesse. _L obbiettivo finale del climate initiative è ridurre le emissioni di gas serra del 60%-80% rispetto al 1990 entro il 2050.

3 STOCKHOLM CLIMATE INITIATIVE Prevede delle strategie di adattamento e mitigazione. A causa dei cambiamenti climatici le fredde giornate invernali potrebbero diventare solo un ricordo Ecco cosa Stoccolma potrebbe sperimentare in futuro: - La scomparsa dei giorni di inverno molto freddi (sotto i -10 C) - Aumento delle precipitazioni e di maggior intensità - Aumento del rischio di inondazione, con ondate di calore secco in estate - La primavera sarà prolungata di uno o due mesi e le condizioni per l ambiente naturale di Stoccolma cambieranno. - Il livello medio dell acqua nel Mar Baltico potrebbe salire di 0,5 metri o più durante i prossimi 100 anni. Le principali strategie di ADATTAMENTO sono: Estensioni di aree verdi Realizzazione dei nuovi quartieri di Norra Djurgårdsstaden e Västra Liljeholmen con caratteristiche sostenibili Ristrutturazione dei quartieri residenziali degli anni 60 Ricostruzione della chiusa tra il fiume Saltsjön e il lago Mälaren per aumentare la capacità di deflusso in mare in caso di alluvioni

4 Le principali strategie di MITIGAZIONE sono: TELERISCALDAMENTO Esistono 4 impianti di teleriscaldamento raffrescamento e co_generazione. Per l 80% utilizzano combustile rinnovabile o proveniente da rifiuti; il teleriscaldamento ha portato un abbattimento di tonnellate di CO2 rispetto al La sua rete è la più grande al mondo e serve quasi l intero centro di Stoccolma. USO EFFICIENTE DI ENERGIA E RISPARMIO ENER- GETICO NEGLI EDIFICI Coperazione con i proprietari di edifici privati e gestori di edifici municipali per favorire interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Illuminazione led in scuole, parchi e uffici. TRASPORTO PUBBLICO Il 75% di trasporto viaggia grazie all energia rinnovabile (centrali idroelettriche ed eoliche collegate alla rete). SL trasporti ha la più grande flotta di autobus ad etanolo, entro il 2011 il 50% degli autobus sarà alimentato da combustibili non fossili e l obbiettivo sarà esteso a tutto il trasporto pubblico entro il 2025.

5 VEICOLI PULITI L obbiettivo fissato per il 2011 è ottenere un parco auto di proprietà della città totalmente pulito, i veicoli puliti presenti alla fine del 2008 hanno ridotto di tonnellate le emissioni di CO2. I veicoli a biogas (prodotto da fanghi delle fogne e scarti dell agricoltura) riducono l emissione del 85% mentre quelli ad etanolo (prodotto dalla canna da zuccchero, da legname e frumento) del 65%. Dal 2008 si sta testando un sistema di veicoli ibridi ed elettrici. TASSA SUL TRAFFICO Nel 2006 è stata testata per un periodo di prova, e successivamente introdotta nel 2007 per il centro di Stoccolma. La pagano tutte le auto svedesi dalle alle 18.30, per un importo di 1 o 2 euro al passaggio (per un max di 6 euro al dì) addebitati automaticamente. Si sono stimati riduzioni: del traffico del 20%, dei tempi di coda dal 30% al 50% e delle emissioni di gas serra del 10%. FORMAZIONE ED INCENTIVAZIONE DELL INIZIATIVA PRIVATA A FAVORE DELL AMBIENTE

6 THE STOCKHOLM ENVIRONMENT PROGRAMME 2008_2011 Presentazione delle linee guida legate a diversi obiettivi ambientali istituiti dal Comune di Stoccolma. Per ogni area strategica individuata dal CI, l Environment Programme individua dei sotto obietivi più precisi e dettagliati e quindi più facilmente monitorabili. 1_TRASPORTO LEGENDA: POLITICA DI ADATTAMENTO Mezzi comunali a basso impatto ambientale Veicoli comunali puliti Riduzione emissioni dal traffico pubblico Mobilità a piedi in bici o mezzi pubblici Veicoli puliti e carburante rinnovabile Inquinamento acustico da traffico 2_EDIFICI Riduzione sostanze tossiche dei materiali dell edilizia Favorire alimenti biologici Nuova edilizia sostenibile (due quartieri nuovi) 3_ENERGIA SOSTENIBILE Riduzione dei consumi di energia negli edifici comunali Energia rinnovabile Riduzione dei consumi di energia dei residenti POLITICA DI MITIGAZIONE OBIETTIVI RAGGIUNTI OBIETTIVI RAGGIUNTI IN PARTE OBIETTIVI NON RAGGIUNTI DATI MANCANTI

7 4_UTILIZZO SOSTENIBILE DEI TERRENI E DELL ACQUA Preservazione aree naturali Compensazione delle aree sfruttate Fruibilità delle aree naturali Sviluppo urbano sostenibile Preservare la biodiversità Assicurare lo stato ecologico dei corsi d acqua 5_GESTIONE DEI RIFIUTI ridurre la quantità dei rifiuti prodotti dalle attività della città aumentare il riciclaggio sviluppo della raccolta dei rifiuti pericolosi riduzione sprechi e aumento riciclaggio LEGENDA: POLITICA DI ADATTAMENTO POLITICA DI MITIGAZIONE OBIETTIVI RAGGIUNTI 6_QUALITA DELL ARIA NELL AMBIENTE INTERNO Riduzione malattie provocate Monitoraggio radon Qualità dell aria all interno case del comune Diminuzione inquinamento acustico interno Inquinamento acustico da eventi 7_SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE Costruzioni rispettose dell ambiente Consumo e produzione di energia documentati Sviluppare stili di vita sostenibili Sicurezza integrazione sociale e interazione dei cittadini Analisi dei costi per tutto il ciclo della vita dell edificio OBIETTIVI RAGGIUNTI IN PARTE OBIETTIVI NON RAGGIUNTI DATI MANCANTI

8 STOCKHOLM ACTION PLAN FOR CLIMATE AND ENERGY 2010_2020 -SEAPSEAP: delinea le politiche e le misure che la città intende realizzare per il raggiungimento degli obiettivi del Patto dei Sindaci che Stoccolma ha firmato nel febbraio Attraverso questa alleanza, le città in Europa si impegnano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra oltre il livello deciso dalla UE, del 20% tra il 1990 e il Nel piano d azione sostenibile (SEAP) è contenuto un resoconto del lavoro che deve essere presentato dal Comune all UE ogni due anni. Stoccolma ha raggiunto l obbiettivo stipulato dal Patto dei Sindaci.

9 In questo piano, le misure volte a conseguire una riduzione delle emissioni di gas serra sono divise in: _Misure previste e in corso Comprendono le misure che sono già in corso o sono state decise dalla città. Esse riassumono le misure che sono più importanti per la riduzione delle emissioni. _Misure possibili 2010_2015 Studiano come la città possa continuare a lavorare sulla riduzione del gas serra una volta che l obiettivo di 3.0 tonnellate è stato raggiunto.

10 MISURE IN CORSO E PREVISTE Teleriscaldamento e pompe di calore, nuovi impianti di cogenerazione a biocombustibile Miglioramento dell efficienza energetica negli edifici Teleraffrescamento Veicoli puliti e combustibili rinnovabili Imposta sul traffico Investimenti nel trasporto pubblico Promozione dell uso della bicicletta Sviluppo della rete ciclabile Progetti di informazione e comunicazione Sviluppo urbanistico verso aree servite da trasporto pubblico Tutti i veicoli di proprietà del comune ecologici entro il 2010 Produzione di biogas Nuovi quartieri energicamente efficienti e miglioramento del patrimonio edilizio esistente Conversione da carbone a biocarburante del 50% Riduzione di emissione di protossido di azoto negli ospedali

11 MISURE POSSIBILI gruppi: A) hanno un elevato livello di efficienza costi-benefici, rientrano nei poteri del Comune della città e possono essere messi in atto in tempi relativamente brevi, raramente producono una riduzione delle emissioni veramente considerevoli. B) hanno un elevato livello di efficienza costi-benefici, richiedono decisioni del Consiglio di Contea o Parlamento per essere attuate. Questi provvedimenti hanno potenzialità maggiori per ridurre le emissioni. C) hanno un minor livello di efficienza costi-benefici e rientrano nei poteri del Comune.

12 TRAFFICO Car-pooling con parcheggi diffusi Sensibilizzazione all uso del trasporto pubblico a piedi e in bicicletta e ad evitare spostamenti di lavoro in favore di conferenze video o telefoniche Togliere spazio ai parcheggi e aumentarne la tariffa in favore delle postazioni di car-pooling, delle corsie per gli autobus e delle piste ciclabili. Implemento del traffico degli autobus e ferroviario Razionalizzazione della distribuzione delle merci affidate ad un unica azienda per il centro città Incentivazione all acquisto di veicoli puliti mediante riduzione di tasse Tassa per ambiente Estensione di zone a traffico limitato differenziate in base all inquinamento del veicolo Acquisto di lotti di auto elettriche da parte del comune e dei privati per ottenere prezzi più vantaggiosi e per la consegna in minor tempo Aumento di produzione di biogas EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA Prestiti per miglioramento efficienza energetica Requisiti di efficienza energetica più stringenti rispetto agli standard minimi Controllo e ispezioni dell efficienza energetica degli edifici ALIMENTAZIONE E PRODUZIONE DI CALORE Aumento della cogenerazione Stoccaggio di anidride carbonica prodotta dagli impianti di cogenerazione LEGENDA: elevato livello efficienza costi-benefici potere del Comune riduzione minore di emissioni elevato livello efficienza costi-benefici potere del Consiglio di Contea o Parlamento riduzione maggiore di emissioni minor livello efficienza costi-benefici potere del Comune

13 PERIODO DI EFFICIENZA E MONITORAGGIO L ENVIRONMENT PROGRAMME ha un efficacia dal 2008 al 2011 Il Comitato Esecutivo di Stoccolma ha la responsabilità generale per l attuazione e il monitoraggio del programma ambientale. L ACTION PLAN ha un efficacia dal 2010 al 2020 La forma di monitoraggio per il piano d azione è il Follow-up presentato ogni due anni all Unione Europea con i risultati ottenuti dal SEAP. Per essere in grado di relazionare all UE sui progressi compiuti in conformità con il Patto dei sindaci, oltre ai modi in cui la città può raggiungere il proprio obiettivo, questo piano indica anche quanto il Comune può ridurre le proprie emissioni di gas serra entro il Il Follow-up contiene gli indicatori delle prestazioni raggiunte, la scelta, la compilazione e l analisi dei dati degli indicatori deve essere effettuata in consultazione con il Comitato Ambiente e salute e il Comitato Esecutivo. Se necessario, sulla base di queste valutazioni, saranno introdotte modifiche annuali del programma.

14 TRAFFICO SCENARIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE International La direttiva quadro europea sulla qualità dell aria (96/62/EC) contiene un numero di direttive secondarie che specificano i valori limite permessi per diverse sostanze. Nel 2003 la Commissione Europea ha emesso una direttiva per promuovere i biocarburanti nei trasporti. L obiettivo è che il 2% del totale del carburante venduto sia biocarburante entro il 2005, con un aumento al 5,75% entro il 2010 e al 20% nel National Il 1 Aprile 2006 il governo svedese ha introdotto una legislazione che obbliga i maggiori distributori di carburante a vendere biocarburanti. Questa è stata estesa ai piccoli distributori nel Stockholm s City Questo obiettivo nella città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale aria pulita, limitato impatto climatico, buon ambiente costruito, laghi e torrenti rigogliosi, ambiente marino bilanciato, coste ed arcipelaghi rigogliosi, ambiente non tossico.

15 EDIFICI E MATERIALI NON TOSSICI International Il Parlamento Europeo ha adottato una legislazione comunitaria per assicurare che le aziende nel campo della chimica lavorino per aumentare la conoscenza sui loro prodotti. Il nuovo sistema di registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione della chimica è conosciuto con l acronimo REACH. Nel 2008 la Commissione Europea ha adottato un piano d azione per il consumo e la produzione sostenibili. National & Stockholm s City Questo obiettivo nella città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale ambiente non tossico, livello protettivo dell ozono e ad altri EQS nazionali.

16 USO SOSTENIBILE DELL ENERGIA International Nel dicembre 2002 il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno adottato una direttiva sulla prestazione energetica degli edifici. Lo scopo è quello di promuovere un uso più efficiente dell energia negli edifici per ridurre le emissioni di gas e ridurre la dipendenza dell UE dall energia di importazione. Nel 2007 i leaders europei hanno concordato il nuovo obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra almeno del 20% (rispetto al 1990) entro il Per il periodo è stato adottato un piano d azione che prevede che entro il 2020 il 20% del consumo europeo di energia derivi da fonti rinnovabili, che la porzione di biocarburanti raggiunga il 10% del totale ed un aumento del 20% dell efficienza energetica. National & Stockholm s City Nella primavera del 2002 il Parlamento Svedese ha adottato la strategia nazionale climatica. Questo obiettivo della città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale ridotto impatto climatico, livello protettivo dell ozono e solo acidificazione naturale.

17 GESTIONE EFFICIENTE DEI RIFIUTI International La direttiva quadro dell UE sui rifiuti (75/442/EEC) è importante per i regolamenti svedesi. La direttiva 91/689/EEC sui rifiuti pericolosi stabilisce una definizione comune per tutta la UE in modo da creare le giuste condizioni per metodi comuni di trattamento e di riciclaggio sicuro del resto dei rifiuti. National & Stockholm s City Il trattamento dei rifiuti in Svezia è regolamentato principalmente dal Capitolo 15 del Codice Ambientale e dell Ordinanza dei Rifiuti Svedese con un Piano dei Rifiuti che governa la loro gestione municipale. Le regole europee per i rifiuti pericolosi sono state incorporate nella legislazione svedese attraverso l Ordinanza dei Rifiuti ed altre misure. Questo obiettivo della città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale buon ambiente costruito.

18 COLLEGAMENTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI 1. SEAP (Piano d Azione per l Energia Sostenibile) 2. KLIMP & LIP Klimp: Klimat investment programme. E un programma di investimenti che è stato istituito dal parlamento per incoraggiare i comuni, le aziende e altri attori della comunità ad intraprendere progetti per ridurre l impatto climatico. Il programma è iniziato nel L obiettivo è di ridurre le emissioni di gas serra, contribuendo al raggiungimento dell obiettivo svedese, incoraggiando la partecipazione locale e gli investimenti a lungo termine che riducano l impatto ambientale. Lip: Local investment programme. E un programma di investimenti locali. Stoccolma usufruisce di entrambi i programmi.

19 FONDI CONCESSI PER IL PERIODO Espansione del teleriscaldamento nel centro storico beneficiario: FORTUM Teleriscaldamento per l associazione SISAB beneficiario: FORTUM Associazione di teleriscaldamento in zone inaccessibili beneficiario: FORTUM Riduzione delle emissione di metano dagli impianti di produzione di biogas beneficiario: compagnia idrica di Stoccolma Trattamento dei fanghi di depurazione per aumentare la produzione di biogas beneficiario: compagnia idrica di Stoccolma Produzione di veicoli a biogas beneficiario: Scandinavian Biogas Fuels SBF Camion per la raccolta dei rifiuti alimentati a biocarburante beneficiario: AGA Gas Showroom per la sensibilizzazione del clima beneficiario: Culture Defaults None

20 STOCKHOLM GREEN CAPITAL 2010 Stoccolma è stata Capitale verde europea per il Il premio viene assegnato dalla Commissione Europea. Obiettivo è designare annualmente una città come modello per gli altri e condurre il processo di diffusione di buone pratiche e condividere esperienze, pensieri e idee con altre città. Il premio viene assegnato alla città che attua dei comportamenti rispettosi verso l ambiente urbano e in grado di dimostrare risultati conformi agli standard ambientali, un impegno costante per l azione ambiziosa, ulteriore miglioramento ambientale e sviluppo sostenibile. Le città nominate sono state valutate in base ai diversi criteri quali: cambiamenti climatici, trasporti locali, spazi verdi, qualità dell aria, rumore, rifiuti, acqua, servizi igienico-sanitari, uso sostenibile del territorio, biodiversità e gestione ambientale. LE RAGIONI PER LA NOMINA Sistema di gestione per cui le questioni ambientali rientrano nella pianificazione finanziaria e nel monitoraggio la città ha ridotto le emissioni di anidride carbonica del 25% pro capite dal 1990 ha fissato l obiettivo di eliminare i combustibili fossili entro il 2050.

21 OSSERVAZIONI PUNTI DEBOLI Alcuni obbiettivi non sono stati raggiunti In alcuni monitoraggi c è una mancanza di dati PUNTI DI FORZA I piani risultano completi in quanto vengono trattati tutti i temi di principale interesse per la città, dalla pianificazione territoriale, al sistema dei trasporti, alle politiche energetiche. l piani risultano cordinati con gli strumenti urbanistici i quali individuano aree residenziali in zone servite da trasporto pubblico. I piani contengono anche altre informazioni che riguardano il benessere e l ambiente anche se non hanno effetti diretti sul clima quindi si hanno dei provvedimenti ad ampio spettro. Viene data particolare rilevanza alle politiche di mitigazione e adattamento, con la prevalenza delle prime, per raggiungere l obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 60%-80% rispetto al 1990 entro il La procedura di formazione dei piani è efficace perchè l introduzione delle azioni è consequenziale al monitoraggio della situazione presente, in un sistema ciclico di decisione e controllo. Il monitoraggio è disponibile on-line e di facile comprensione. Vi è un coinvolgimento attivo della popolazione e comunicazione web efficace Il piano non costituisce un episodio isolato, ma è integrato con le politiche internazionali, nazionali e regionali.

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008

NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE. Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 NORME PER L ABITARE SOSTENIBILE Guida alla Legge Regionale n 13 del 2008 La promozione della sostenibilità ambientale nelle trasformazioni del territorio e in edilizia è stata al centro delle politiche

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione

programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione programma Stato e cittadini Energia Informazione Economia Trasporti Salute Istruzione PROGRAMMA pagina 2 di 15 Stato e cittadini 3 Energia 4 Informazione 7 Economia 9 Trasporti 11 Salute 12 Istruzione

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES"

LINEE GUIDA COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES" Paolo Bertoldi, Damian Bornás Cayuela, Suvi Monni, Ronald Piers de Raveschoot EUR 2436 IT - 21 L'IE ha l'obiettivo di fornire

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli