STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011"

Transcript

1 IUAV Corso di Laurea Magistrale_SOSTENIBILITA Clima e Cambiamenti Climatici: Misure, Politiche, Strumenti. STOCKHOLM Docente: Francesco Musco A.A. 2010_2011 FI LL AN Ma rb alti co Go lfo di Bo tni a NO RV E GI A A DI MAGNOLATO VALENTINA

2 La città di stoccolma fa parte del CCI (Clinton Climate Initiative) come città affiliata. Il programma Clinton Climate Initiative fu fondato nell agosto 2006 dalla Clinton Foundation, che collabora con il C40 Large Cities Climate Leadership Group, un associazione di 40 grandi città di tutto il mondo dedita alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso sistemi di adattamento e mitigazione _I piani di riferimento sono: -THE CITY OF STOCKHOLM S CLIMATE INITIATIVES -ENVIRONMENT PROGRAMME STOCKHOLM ACTION PLAN FOR CLIMATE AND ENERGY _I soggetti coinvolti sono: -La città; -City council; -Il governo; -Fortum Varme (azienda di teleriscaldamento); -Stockholm Public Transport SL (gestore del trasporto pubblico); - Altri portatori di interesse. _L obbiettivo finale del climate initiative è ridurre le emissioni di gas serra del 60%-80% rispetto al 1990 entro il 2050.

3 STOCKHOLM CLIMATE INITIATIVE Prevede delle strategie di adattamento e mitigazione. A causa dei cambiamenti climatici le fredde giornate invernali potrebbero diventare solo un ricordo Ecco cosa Stoccolma potrebbe sperimentare in futuro: - La scomparsa dei giorni di inverno molto freddi (sotto i -10 C) - Aumento delle precipitazioni e di maggior intensità - Aumento del rischio di inondazione, con ondate di calore secco in estate - La primavera sarà prolungata di uno o due mesi e le condizioni per l ambiente naturale di Stoccolma cambieranno. - Il livello medio dell acqua nel Mar Baltico potrebbe salire di 0,5 metri o più durante i prossimi 100 anni. Le principali strategie di ADATTAMENTO sono: Estensioni di aree verdi Realizzazione dei nuovi quartieri di Norra Djurgårdsstaden e Västra Liljeholmen con caratteristiche sostenibili Ristrutturazione dei quartieri residenziali degli anni 60 Ricostruzione della chiusa tra il fiume Saltsjön e il lago Mälaren per aumentare la capacità di deflusso in mare in caso di alluvioni

4 Le principali strategie di MITIGAZIONE sono: TELERISCALDAMENTO Esistono 4 impianti di teleriscaldamento raffrescamento e co_generazione. Per l 80% utilizzano combustile rinnovabile o proveniente da rifiuti; il teleriscaldamento ha portato un abbattimento di tonnellate di CO2 rispetto al La sua rete è la più grande al mondo e serve quasi l intero centro di Stoccolma. USO EFFICIENTE DI ENERGIA E RISPARMIO ENER- GETICO NEGLI EDIFICI Coperazione con i proprietari di edifici privati e gestori di edifici municipali per favorire interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Illuminazione led in scuole, parchi e uffici. TRASPORTO PUBBLICO Il 75% di trasporto viaggia grazie all energia rinnovabile (centrali idroelettriche ed eoliche collegate alla rete). SL trasporti ha la più grande flotta di autobus ad etanolo, entro il 2011 il 50% degli autobus sarà alimentato da combustibili non fossili e l obbiettivo sarà esteso a tutto il trasporto pubblico entro il 2025.

5 VEICOLI PULITI L obbiettivo fissato per il 2011 è ottenere un parco auto di proprietà della città totalmente pulito, i veicoli puliti presenti alla fine del 2008 hanno ridotto di tonnellate le emissioni di CO2. I veicoli a biogas (prodotto da fanghi delle fogne e scarti dell agricoltura) riducono l emissione del 85% mentre quelli ad etanolo (prodotto dalla canna da zuccchero, da legname e frumento) del 65%. Dal 2008 si sta testando un sistema di veicoli ibridi ed elettrici. TASSA SUL TRAFFICO Nel 2006 è stata testata per un periodo di prova, e successivamente introdotta nel 2007 per il centro di Stoccolma. La pagano tutte le auto svedesi dalle alle 18.30, per un importo di 1 o 2 euro al passaggio (per un max di 6 euro al dì) addebitati automaticamente. Si sono stimati riduzioni: del traffico del 20%, dei tempi di coda dal 30% al 50% e delle emissioni di gas serra del 10%. FORMAZIONE ED INCENTIVAZIONE DELL INIZIATIVA PRIVATA A FAVORE DELL AMBIENTE

6 THE STOCKHOLM ENVIRONMENT PROGRAMME 2008_2011 Presentazione delle linee guida legate a diversi obiettivi ambientali istituiti dal Comune di Stoccolma. Per ogni area strategica individuata dal CI, l Environment Programme individua dei sotto obietivi più precisi e dettagliati e quindi più facilmente monitorabili. 1_TRASPORTO LEGENDA: POLITICA DI ADATTAMENTO Mezzi comunali a basso impatto ambientale Veicoli comunali puliti Riduzione emissioni dal traffico pubblico Mobilità a piedi in bici o mezzi pubblici Veicoli puliti e carburante rinnovabile Inquinamento acustico da traffico 2_EDIFICI Riduzione sostanze tossiche dei materiali dell edilizia Favorire alimenti biologici Nuova edilizia sostenibile (due quartieri nuovi) 3_ENERGIA SOSTENIBILE Riduzione dei consumi di energia negli edifici comunali Energia rinnovabile Riduzione dei consumi di energia dei residenti POLITICA DI MITIGAZIONE OBIETTIVI RAGGIUNTI OBIETTIVI RAGGIUNTI IN PARTE OBIETTIVI NON RAGGIUNTI DATI MANCANTI

7 4_UTILIZZO SOSTENIBILE DEI TERRENI E DELL ACQUA Preservazione aree naturali Compensazione delle aree sfruttate Fruibilità delle aree naturali Sviluppo urbano sostenibile Preservare la biodiversità Assicurare lo stato ecologico dei corsi d acqua 5_GESTIONE DEI RIFIUTI ridurre la quantità dei rifiuti prodotti dalle attività della città aumentare il riciclaggio sviluppo della raccolta dei rifiuti pericolosi riduzione sprechi e aumento riciclaggio LEGENDA: POLITICA DI ADATTAMENTO POLITICA DI MITIGAZIONE OBIETTIVI RAGGIUNTI 6_QUALITA DELL ARIA NELL AMBIENTE INTERNO Riduzione malattie provocate Monitoraggio radon Qualità dell aria all interno case del comune Diminuzione inquinamento acustico interno Inquinamento acustico da eventi 7_SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE Costruzioni rispettose dell ambiente Consumo e produzione di energia documentati Sviluppare stili di vita sostenibili Sicurezza integrazione sociale e interazione dei cittadini Analisi dei costi per tutto il ciclo della vita dell edificio OBIETTIVI RAGGIUNTI IN PARTE OBIETTIVI NON RAGGIUNTI DATI MANCANTI

8 STOCKHOLM ACTION PLAN FOR CLIMATE AND ENERGY 2010_2020 -SEAPSEAP: delinea le politiche e le misure che la città intende realizzare per il raggiungimento degli obiettivi del Patto dei Sindaci che Stoccolma ha firmato nel febbraio Attraverso questa alleanza, le città in Europa si impegnano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra oltre il livello deciso dalla UE, del 20% tra il 1990 e il Nel piano d azione sostenibile (SEAP) è contenuto un resoconto del lavoro che deve essere presentato dal Comune all UE ogni due anni. Stoccolma ha raggiunto l obbiettivo stipulato dal Patto dei Sindaci.

9 In questo piano, le misure volte a conseguire una riduzione delle emissioni di gas serra sono divise in: _Misure previste e in corso Comprendono le misure che sono già in corso o sono state decise dalla città. Esse riassumono le misure che sono più importanti per la riduzione delle emissioni. _Misure possibili 2010_2015 Studiano come la città possa continuare a lavorare sulla riduzione del gas serra una volta che l obiettivo di 3.0 tonnellate è stato raggiunto.

10 MISURE IN CORSO E PREVISTE Teleriscaldamento e pompe di calore, nuovi impianti di cogenerazione a biocombustibile Miglioramento dell efficienza energetica negli edifici Teleraffrescamento Veicoli puliti e combustibili rinnovabili Imposta sul traffico Investimenti nel trasporto pubblico Promozione dell uso della bicicletta Sviluppo della rete ciclabile Progetti di informazione e comunicazione Sviluppo urbanistico verso aree servite da trasporto pubblico Tutti i veicoli di proprietà del comune ecologici entro il 2010 Produzione di biogas Nuovi quartieri energicamente efficienti e miglioramento del patrimonio edilizio esistente Conversione da carbone a biocarburante del 50% Riduzione di emissione di protossido di azoto negli ospedali

11 MISURE POSSIBILI gruppi: A) hanno un elevato livello di efficienza costi-benefici, rientrano nei poteri del Comune della città e possono essere messi in atto in tempi relativamente brevi, raramente producono una riduzione delle emissioni veramente considerevoli. B) hanno un elevato livello di efficienza costi-benefici, richiedono decisioni del Consiglio di Contea o Parlamento per essere attuate. Questi provvedimenti hanno potenzialità maggiori per ridurre le emissioni. C) hanno un minor livello di efficienza costi-benefici e rientrano nei poteri del Comune.

12 TRAFFICO Car-pooling con parcheggi diffusi Sensibilizzazione all uso del trasporto pubblico a piedi e in bicicletta e ad evitare spostamenti di lavoro in favore di conferenze video o telefoniche Togliere spazio ai parcheggi e aumentarne la tariffa in favore delle postazioni di car-pooling, delle corsie per gli autobus e delle piste ciclabili. Implemento del traffico degli autobus e ferroviario Razionalizzazione della distribuzione delle merci affidate ad un unica azienda per il centro città Incentivazione all acquisto di veicoli puliti mediante riduzione di tasse Tassa per ambiente Estensione di zone a traffico limitato differenziate in base all inquinamento del veicolo Acquisto di lotti di auto elettriche da parte del comune e dei privati per ottenere prezzi più vantaggiosi e per la consegna in minor tempo Aumento di produzione di biogas EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA Prestiti per miglioramento efficienza energetica Requisiti di efficienza energetica più stringenti rispetto agli standard minimi Controllo e ispezioni dell efficienza energetica degli edifici ALIMENTAZIONE E PRODUZIONE DI CALORE Aumento della cogenerazione Stoccaggio di anidride carbonica prodotta dagli impianti di cogenerazione LEGENDA: elevato livello efficienza costi-benefici potere del Comune riduzione minore di emissioni elevato livello efficienza costi-benefici potere del Consiglio di Contea o Parlamento riduzione maggiore di emissioni minor livello efficienza costi-benefici potere del Comune

13 PERIODO DI EFFICIENZA E MONITORAGGIO L ENVIRONMENT PROGRAMME ha un efficacia dal 2008 al 2011 Il Comitato Esecutivo di Stoccolma ha la responsabilità generale per l attuazione e il monitoraggio del programma ambientale. L ACTION PLAN ha un efficacia dal 2010 al 2020 La forma di monitoraggio per il piano d azione è il Follow-up presentato ogni due anni all Unione Europea con i risultati ottenuti dal SEAP. Per essere in grado di relazionare all UE sui progressi compiuti in conformità con il Patto dei sindaci, oltre ai modi in cui la città può raggiungere il proprio obiettivo, questo piano indica anche quanto il Comune può ridurre le proprie emissioni di gas serra entro il Il Follow-up contiene gli indicatori delle prestazioni raggiunte, la scelta, la compilazione e l analisi dei dati degli indicatori deve essere effettuata in consultazione con il Comitato Ambiente e salute e il Comitato Esecutivo. Se necessario, sulla base di queste valutazioni, saranno introdotte modifiche annuali del programma.

14 TRAFFICO SCENARIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE International La direttiva quadro europea sulla qualità dell aria (96/62/EC) contiene un numero di direttive secondarie che specificano i valori limite permessi per diverse sostanze. Nel 2003 la Commissione Europea ha emesso una direttiva per promuovere i biocarburanti nei trasporti. L obiettivo è che il 2% del totale del carburante venduto sia biocarburante entro il 2005, con un aumento al 5,75% entro il 2010 e al 20% nel National Il 1 Aprile 2006 il governo svedese ha introdotto una legislazione che obbliga i maggiori distributori di carburante a vendere biocarburanti. Questa è stata estesa ai piccoli distributori nel Stockholm s City Questo obiettivo nella città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale aria pulita, limitato impatto climatico, buon ambiente costruito, laghi e torrenti rigogliosi, ambiente marino bilanciato, coste ed arcipelaghi rigogliosi, ambiente non tossico.

15 EDIFICI E MATERIALI NON TOSSICI International Il Parlamento Europeo ha adottato una legislazione comunitaria per assicurare che le aziende nel campo della chimica lavorino per aumentare la conoscenza sui loro prodotti. Il nuovo sistema di registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione della chimica è conosciuto con l acronimo REACH. Nel 2008 la Commissione Europea ha adottato un piano d azione per il consumo e la produzione sostenibili. National & Stockholm s City Questo obiettivo nella città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale ambiente non tossico, livello protettivo dell ozono e ad altri EQS nazionali.

16 USO SOSTENIBILE DELL ENERGIA International Nel dicembre 2002 il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno adottato una direttiva sulla prestazione energetica degli edifici. Lo scopo è quello di promuovere un uso più efficiente dell energia negli edifici per ridurre le emissioni di gas e ridurre la dipendenza dell UE dall energia di importazione. Nel 2007 i leaders europei hanno concordato il nuovo obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra almeno del 20% (rispetto al 1990) entro il Per il periodo è stato adottato un piano d azione che prevede che entro il 2020 il 20% del consumo europeo di energia derivi da fonti rinnovabili, che la porzione di biocarburanti raggiunga il 10% del totale ed un aumento del 20% dell efficienza energetica. National & Stockholm s City Nella primavera del 2002 il Parlamento Svedese ha adottato la strategia nazionale climatica. Questo obiettivo della città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale ridotto impatto climatico, livello protettivo dell ozono e solo acidificazione naturale.

17 GESTIONE EFFICIENTE DEI RIFIUTI International La direttiva quadro dell UE sui rifiuti (75/442/EEC) è importante per i regolamenti svedesi. La direttiva 91/689/EEC sui rifiuti pericolosi stabilisce una definizione comune per tutta la UE in modo da creare le giuste condizioni per metodi comuni di trattamento e di riciclaggio sicuro del resto dei rifiuti. National & Stockholm s City Il trattamento dei rifiuti in Svezia è regolamentato principalmente dal Capitolo 15 del Codice Ambientale e dell Ordinanza dei Rifiuti Svedese con un Piano dei Rifiuti che governa la loro gestione municipale. Le regole europee per i rifiuti pericolosi sono state incorporate nella legislazione svedese attraverso l Ordinanza dei Rifiuti ed altre misure. Questo obiettivo della città di Stoccolma è collegato a quelli dell EQO nazionale buon ambiente costruito.

18 COLLEGAMENTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI 1. SEAP (Piano d Azione per l Energia Sostenibile) 2. KLIMP & LIP Klimp: Klimat investment programme. E un programma di investimenti che è stato istituito dal parlamento per incoraggiare i comuni, le aziende e altri attori della comunità ad intraprendere progetti per ridurre l impatto climatico. Il programma è iniziato nel L obiettivo è di ridurre le emissioni di gas serra, contribuendo al raggiungimento dell obiettivo svedese, incoraggiando la partecipazione locale e gli investimenti a lungo termine che riducano l impatto ambientale. Lip: Local investment programme. E un programma di investimenti locali. Stoccolma usufruisce di entrambi i programmi.

19 FONDI CONCESSI PER IL PERIODO Espansione del teleriscaldamento nel centro storico beneficiario: FORTUM Teleriscaldamento per l associazione SISAB beneficiario: FORTUM Associazione di teleriscaldamento in zone inaccessibili beneficiario: FORTUM Riduzione delle emissione di metano dagli impianti di produzione di biogas beneficiario: compagnia idrica di Stoccolma Trattamento dei fanghi di depurazione per aumentare la produzione di biogas beneficiario: compagnia idrica di Stoccolma Produzione di veicoli a biogas beneficiario: Scandinavian Biogas Fuels SBF Camion per la raccolta dei rifiuti alimentati a biocarburante beneficiario: AGA Gas Showroom per la sensibilizzazione del clima beneficiario: Culture Defaults None

20 STOCKHOLM GREEN CAPITAL 2010 Stoccolma è stata Capitale verde europea per il Il premio viene assegnato dalla Commissione Europea. Obiettivo è designare annualmente una città come modello per gli altri e condurre il processo di diffusione di buone pratiche e condividere esperienze, pensieri e idee con altre città. Il premio viene assegnato alla città che attua dei comportamenti rispettosi verso l ambiente urbano e in grado di dimostrare risultati conformi agli standard ambientali, un impegno costante per l azione ambiziosa, ulteriore miglioramento ambientale e sviluppo sostenibile. Le città nominate sono state valutate in base ai diversi criteri quali: cambiamenti climatici, trasporti locali, spazi verdi, qualità dell aria, rumore, rifiuti, acqua, servizi igienico-sanitari, uso sostenibile del territorio, biodiversità e gestione ambientale. LE RAGIONI PER LA NOMINA Sistema di gestione per cui le questioni ambientali rientrano nella pianificazione finanziaria e nel monitoraggio la città ha ridotto le emissioni di anidride carbonica del 25% pro capite dal 1990 ha fissato l obiettivo di eliminare i combustibili fossili entro il 2050.

21 OSSERVAZIONI PUNTI DEBOLI Alcuni obbiettivi non sono stati raggiunti In alcuni monitoraggi c è una mancanza di dati PUNTI DI FORZA I piani risultano completi in quanto vengono trattati tutti i temi di principale interesse per la città, dalla pianificazione territoriale, al sistema dei trasporti, alle politiche energetiche. l piani risultano cordinati con gli strumenti urbanistici i quali individuano aree residenziali in zone servite da trasporto pubblico. I piani contengono anche altre informazioni che riguardano il benessere e l ambiente anche se non hanno effetti diretti sul clima quindi si hanno dei provvedimenti ad ampio spettro. Viene data particolare rilevanza alle politiche di mitigazione e adattamento, con la prevalenza delle prime, per raggiungere l obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 60%-80% rispetto al 1990 entro il La procedura di formazione dei piani è efficace perchè l introduzione delle azioni è consequenziale al monitoraggio della situazione presente, in un sistema ciclico di decisione e controllo. Il monitoraggio è disponibile on-line e di facile comprensione. Vi è un coinvolgimento attivo della popolazione e comunicazione web efficace Il piano non costituisce un episodio isolato, ma è integrato con le politiche internazionali, nazionali e regionali.

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

Impegni internazionali CO2

Impegni internazionali CO2 Impegni internazionali CO2 Kyoto (-6,5% 2008-12 rispetto al 1990) UE (-20% entro 2020 rispetto al 1990) Copenhagen ( max 2 ; max 2 t/anno/procapite entro 2030) Alleanza per il Clima (-10% ogni 5anni; -50%

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

Impegni internazionali CO2

Impegni internazionali CO2 Impegni internazionali CO2 Kyoto (-6,5% 2008-2012 rispetto al 1990) UE (-20% entro 2020 rispetto al 1990) Copenhagen ( max 2 ; max 2 t/anno/procapite entro 2030) Patto dei Sindaci PIANO AZIONE ENERGETICO

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi.

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Città in movimento Oltre 3.200 governi locali che negli ultimi 15 anni hanno aderito alla Campagna Europea a alla Carta di Aalborg. A Maggio la 6 Conferenza

Dettagli

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia

PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA. Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia PATTO DEI SINDACI E PIANI D AZIONE. ESPERIENZE EUROPEE E POTENZIALE IN ITALIA Maria Berrini, Presidente Ambiente Italia Città in movimento Oltre 3.200 governi locali negli ultimi 15 anni hanno aderito

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale L esperienza del PAES congiunto dell Isola d Elba 11 febbraio 2014 Roberto Bianco

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

STOCCOLMA (Svezia), nominata European Green Capital Award 2010 Dimensione: 795.163 abitanti - 209 km², di cui 21 km² di superfici d'acqua

STOCCOLMA (Svezia), nominata European Green Capital Award 2010 Dimensione: 795.163 abitanti - 209 km², di cui 21 km² di superfici d'acqua STOCCOLMA (Svezia), nominata European Green Capital Award 2010 Dimensione: 795.163 abitanti - 209 km², di cui 21 km² di superfici d'acqua Una città capace di strategie ambiziose e di risultati concreti

Dettagli

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,n. 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 0126928 e-mail: m.redini@comune.pisa.it Segreteria Tel: +39

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy

Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy Pianificazione Energetica e Low Carbon Economy Palma Costi Assessore alle Attività Produttive, Piano Energetico, Economia Verde e Ricostruzione Post Sisma Bologna, 27 novembre 2015 Gli Stati Generali della

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile.

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile. Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD

Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD Di Edo Ronchi Roma, 26 maggio 2010 IL PESO DETERMINANTE (57%) DEL RISPARMIO ENERGETICO NELLO SCENARIO DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2

Dettagli

Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano. Quarto referendum: energia pulita. Renato Ravanelli Direttore Generale A2A

Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano. Quarto referendum: energia pulita. Renato Ravanelli Direttore Generale A2A Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano Quarto referendum: energia pulita Renato Ravanelli Direttore Generale A2A Milano, 11 giugno 2013 Il quarto referendum del 12-13/06/2011 Energia pulita

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Contributo di CONFSERVIZI alla individuazione dei temi oggetto dell attività del Comitato Paritetico BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015 BOZZA

Dettagli

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,m 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328

Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,m 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 Geol. MARCO REDINI COMUNE DI PISA Direzione Ambiente-Emas Palazzo Pretorio Vicolo del Moro,m 2 (2 piano) 56125 PISA Tel: +39 050 910404-39 328 0126928 e-mail: m.redini@comune.pisa.it Segreteria Tel: +39

Dettagli

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010 La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese 27 ottobre 2010 Il contesto Definizione della linea verde e della linea blu Adesione, da parte del Comune di Genova, nel febbraio del

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI

BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI Convegno Il ruolo del teleriscaldamento in un futuro energetico sostenibile Brescia, 31 gennaio 2013 BUONE PRATICHE INTERNAZIONALI Roberto Zoboli e Ilaria Beretta ASA, Alta Scuola per l Ambiente Università

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Fonte: Comune di Nova Ponente Abitanti: 3.923 (2011) Superficie / di cui insediativa: 112 km² / 19 km 2 Altitudine: 1357

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Gis, Business Intelligence e Smart City

Gis, Business Intelligence e Smart City Gis, Business Intelligence e Smart City Direzione Ambiente EMAS - Marco Redini Logo Azienda 1 Verso una Città «Smart» Il Comune di Pisa ha aderito nel Novembre 2010 al «Patto dei Sindaci», Iniziativa dell

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia

Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia IL PATTO DEI SINDACI LA PROVINCIA DIVENEZIA COME ENTE DI COORDINAMENTO MOBILITÀ ETURISMO SOSTENIBILE: SINERGIE IN ADRIATICO 25 maggio 2013 Assessorato Politiche Ambientali Provincia di Venezia Pacchetto

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione

Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione A. D Orazio 15 maggio 2008 IEFE - UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI Struttura intervento Consumi energetici e cambiamento climatico

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA

UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA UN ALTRO MOVIMENTO PER LE CITTA Città a mobilità elettrica è un progetto sperimentale che attraverso l utilizzo dei mezzi alimentati ad energia pulita, vuole dimostrare concretamente che un altro modo

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli