GRAM 262. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione della Legge 262/2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRAM 262. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione della Legge 262/2005"

Transcript

1 GRAM 262 Global Risk Assessment & Management Approccio metodologico ed informatico all applicazione della Legge 262/2005

2 Sommario - Proposta per l applicazione pratica della Legge... 3 Quadro normativo... 3 La soluzione... 4 I vantaggi di GRAM Attività per l attuazione delle disposizioni di legge Definizione del perimetro di analisi aziendale oggetto di controllo (per i Gruppi aziendali) Mappatura dei processi e delle procedure amministrative e contabili Eventuale rivisitazione delle procedure individuando i necessari piani correttivi finalizzati ad una migliore applicazione della normativa Individuazione e valutazione dei rischi insiti nelle singole voci di bilancio, tenuto conto delle specificità delle attività aziendali Predisposizione di test di controllo per verificare la corrispondenza dei valori di bilancio alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili Utilizzo del modello GRAM 262 (il quale verrà illustrato nel prosieguo) dedicato all effettuazione dei test di controllo per verificare l attendibilità dei bilanci Esiti dei test e documentazione a supporto delle attestazioni... 7 Conclusioni... 8 GRAM 262: un esempio concreto Caratteristiche tecniche del Sistema Requisiti di sistema Hardware: Software: Ulteriori note: Architettura del sistema

3 La legge 262/ Proposta per l applicazione pratica della Legge Quadro normativo La legge 262/2005 prevede, principalmente, le seguenti novità: a. l introduzione della figura del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, cui sono attribuiti specifici obblighi e responsabilità al fine di predisporre adeguate procedure amministrative e contabili per la formazione del Bilancio d esercizio e di quello Consolidato; b. l obbligo degli Organi Amministrativi Delegati congiuntamente al Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari di predisporre un attestazione allegata al bilancio d esercizio, al bilancio semestrale abbreviato ed al Bilancio Consolidato circa l adeguatezza e l effettiva applicazione delle procedure amministrative e contabili; c. specifiche disposizioni relative alle responsabilità a carico del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, per il quale si applicheranno le norme previste in materia a carico degli amministratori. Per dare concreta attuazione al disposto legislativo è necessario predisporre (o adattare adeguatamente): - una mappatura di tutti i processi amministrativi e l istituzione di un sistema di monitoraggio e controllo in ambito contabile, al fine di fornire gli elementi necessari per la stesura della relazione di attestazione, la quale sarà supportata, oltre che dai consueti controlli di routine da parte della struttura aziendale, anche da un idoneo sistema di controlli specifici; - la mappatura dei processi amministrativi e l istituzione di sistemi di monitoraggio e controllo in ambito contabile a cascata per le Società che appartengono al Gruppo, a tutela delle responsabilità degli organi amministrativi delegati e del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari; - una chiara dimostrazione della mappatura dei processi amministrativi e contabili e dei controlli eseguiti a supporto delle attestazioni che fornisca anche un idonea documentazione opponibile ai terzi (i test dovranno essere svolti su iniziativa del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari e di Internal Audit); - la predisposizione di report adeguati per consentire al Consiglio di Amministrazione di vigilare sul rispetto effettivo delle procedure amministrative e contabili. 3

4 La soluzione COGITEK SRL ha realizzato una serie di step logici per la migliore applicazione delle norme previste dalla Legge 262 e successive modificazioni ed offre una serie di consulenze specifiche in materia, peraltro già ampiamente sperimentate su importanti Gruppi quotati. Oltre ad una serie di esperienze finalizzate agli adempimenti legislativi è stato anche realizzato un apposito modello informatizzato utile per poter svolgere i controlli con maggiore celerità e praticità, denominato GRAM 262. I vantaggi di GRAM 262 GRAM 262 permette di adempiere a quanto disposto dalle norme di legge, e presenta le seguenti caratteristiche: - collegamento tra i processi aziendali e le voci di bilancio: il sistema offre la possibilità di collegare l approccio legato ai singoli processi aziendali (ciclo attivo, ciclo passivo, cespiti, bilancio, ecc.) con quello contabile ripartito per voce di bilancio; - possibile interfacciabilità con i dati presenti negli attuali sistemi informativi utilizzati dall azienda; - pervasività del controllo: il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari individua, con il supporto di Internal Audit, per ogni voce di bilancio il rischio collegato e stabilisce l ampiezza del controllo da svolgere, seguendo uno schema di campionamento guidato dal sistema; - semplicità di utilizzo, in quanto guida costantemente l operatore nello svolgimento dei test di controllo e fornisce un supporto visivo colorato che consente di verificarne gli esiti; - tracciabilità dei controlli eseguiti: il sistema mantiene evidenza di tutti i controlli eseguiti e dei documenti presentati; esso è anche in grado di rilevare tutti i controlli eseguiti da uno stesso operatore; - possibilità di svolgere test anche in corso d anno e anche per periodi temporali inferiori al semestre, mantenendo i risultati per la semestrale e per il bilancio annuale; - idonea reportistica, per ogni voce di bilancio il sistema identifica i soggetti che hanno svolto i test, gli esiti degli stessi, e la loro incidenza sul valore di bilancio; - supporto numerico ai fini dell attestazione del Dirigente Preposto: il sistema fornisce per ogni voce di bilancio le percentuali controllate e gli esiti dei controlli stessi, fornendo, anche cromaticamente l evidenza delle voci per le quali i test sono stati superati o non superati; - reportistica per processo amministrativo-contabile, che rende facilmente individuabili i punti di debolezza dei controlli nelle varie fasi dei processi stessi. 4

5 Attività per l attuazione delle disposizioni di legge COGITEK SRL ha sviluppato una serie di step logici necessari per dare una concreta attuazione alle attività previste dalle norme in oggetto. Di conseguenza le attività identificate sono qui appresso specificate. 1. Definizione del perimetro di analisi aziendale oggetto di controllo (per i Gruppi aziendali) In caso di gruppi aziendali, per i quali sussiste l obbligo di redazione del bilancio consolidato, occorre definire preliminarmente il perimetro di analisi aziendale, ossia le società del gruppo che per rilevanza saranno oggetto di controlli specifici, con le metodologie di seguito indicate. Specifiche disposizioni sono state dettate da Consob per le società costituite e regolate dalle leggi di Stati non appartenenti all Unione Europea. In questi casi, tali società devono aver adeguato il loro sistema di controllo amministrativo-contabile (criteri di trasparenza, di adeguatezza della struttura organizzativa e dei sistemi di controlli interni) entro 18 mesi dall entrata in vigore (16 maggio 2007) della delibera Consob n del 2 maggio 2007 e, cioè, entro il 16 novembre Mappatura dei processi e delle procedure amministrative e contabili Questa fase consente di descrivere, nell ambito di ciascun azienda, i processi che generano i dati contabili da sottoporre ad esame (per esempio quelli relativi al ciclo attivo, ciclo passivo, cespiti, personale, finanza, ecc.). A questo proposito COGITEK SRL ha realizzato uno schema processivo standard per ciascun ciclo interessato (nel quale si considera tutta la filiera relativa alla produzione dei dati, siano essi di tipo gestionale che amministrativo-contabile). L approccio seguito è processivo, in quanto esso garantisce una maggiore puntualizzazione della sequenza delle attività interessate, nonché una migliore precisione nell individuazione dei punti di controllo esistenti o da implementare. Partendo da questi cicli standard, i settori amministrativi delle Società coinvolte possono provvedere alle eventuali personalizzazioni per adattare ciascun ciclo alle specifiche esigenze e realtà aziendali. 3. Eventuale rivisitazione delle procedure individuando i necessari piani correttivi finalizzati ad una migliore applicazione della normativa Prendendo spunto dall attività di mappatura dei processi e dei controlli dei cicli amministrativi in argomento (cfr. punto 2), COGITEK SRL offre adeguato supporto ai settori competenti aziendali per l eventuale rivisitazione e/o redazione delle procedure che governano l attività amministrativa da porre sotto esame. 5

6 La rivisitazione delle procedure costituisce la primaria attività per una corretta applicazione delle norme di legge (cfr. Art 154 bis c. 3 Testo Unico della Finanza) e deve riguardare sia le metodologie di controllo amministrativo-contabile e sia i comportamenti in essere da parte di chi opera. Ulteriori affinamenti procedurali possono rendersi necessari a seguito delle continua attività di test svolta nei periodi previsti. 4. Individuazione e valutazione dei rischi insiti nelle singole voci di bilancio, tenuto conto delle specificità delle attività aziendali Mediante un apposito modello denominato analisi della rischiosità insita nei processi di rilevazione dei fatti amministrativi e dell attribuzione dei valori alle singole voci di bilancio, ogni Società individuerà il livello di rischio implicito per ciascuna voce del proprio bilancio. Tale rischiosità è definita in funzione della materialità, della manualità e della discrezionalità delle operazioni che alimentano contabilmente le voci stesse. Il livello di rischio così determinato verrà utilizzato per determinare il grado di invasività e di approfondimento dei controlli da effettuarsi sulle singole voci esaminate. 5. Individuazione dei rischi di processo Mediante GRAM RISCHI, nel quale sono mappati i processi amministrativo-contabili, sono valutati dai process owner i rischi di processo, sulla base delle consuete tecniche di valutazione in termini di severità di impatto e probabilità di accadimento. Il livello di rischio così determinato verrà utilizzato per integrare le indicazioni di cui al punto 4) in tema di invasività e di approfondimento dei controlli da effettuarsi sulle singole voci esaminate. 6. Predisposizione di test di controllo per verificare la corrispondenza dei valori di bilancio alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili In collegamento con le singole voci di bilancio, oltre ai controlli tipici dell operatività quotidiana, COGITEK SRL ha previsto l effettuazione di test standard (oltre 150) da condividere e personalizzare con le singole Società interessate. Tali test si riferiscono all intera filiera che sta a monte del dato contabile da verificare, con riferimento quindi sia agli aspetti gestionali (budget, autorizzazioni, poteri di firma ecc.) e sia a quelli di natura più propriamente contabile/amministrativa (corretta valutazione civilistica e fiscale, corretta rappresentazione in bilancio, uniformità dei principi contabili utilizzati). 6

7 Per ognuno dei test è stato definito: l oggetto e l obiettivo del controllo, il livello di criticità, la frequenza, il responsabile incaricato della sua effettuazione, la base documentale necessaria per lo svolgimento del controllo e la relativa evidenza e il risultato del test. 7. Utilizzo del modello GRAM 262 (il quale verrà illustrato nel prosieguo) dedicato all effettuazione dei test di controllo per verificare l attendibilità dei bilanci Come già indicato, al fine di razionalizzare ed ottimizzare l attività di test è stato realizzato, a cura di COGITEK SRL, un modello informatizzato, denominato GRAM 262. Tale strumento opera a supporto dell attestazione richiesta al Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili e societari. Il Modello GRAM 262 prevede i seguenti passi logici: Input delle voci di bilancio e relativi valori da sottoporre ad esame e verifica automatica di quadratura. Selezione delle voci di bilancio da sottoporre a test e collegamento automatico con il processo/i interessato/i, i controlli attesi ed i test da svolgere. Calcolo della numerosità dei test da effettuare per ciascuna voce di bilancio in relazione al livello di rischio predefinito, come indicato al punto 3, ed alla conseguente percentuale minima di controllo. Svolgimento dei test di controllo. Verifica dei risultati ottenuti e relativa certificazione. 8. Esiti dei test e documentazione a supporto delle attestazioni Al completamento dei test, il Modello GRAM 262 consente di ottenere le informazioni necessarie per esprimere un giudizio sull affidabilità del sistema amministrativo e contabile, nonché sulla situazione economica-patrimoniale-finanziaria oggetto di analisi. In particolare per ognuna delle voci di bilancio sono evidenziati (anche progressivamente durante lo svolgimento dei test): - il valore complessivo e in percentuale sulla singola voce di bilancio dei test complessivamente effettuati e confronto automatico con le percentuali minime da controllare; 7

8 - il valore complessivo dei test con esito positivo relativo alla voce di bilancio controllata; calcolo e confronto automatico della percentuale degli esiti positivi via a via acquisiti con la percentuale di accettabilità prestabilita; - il risultato finale relativo all intera situazione contabile, espresso in termini di profondità di analisi e di percentuale di superamento dei test (con ausilio visivo cromatico, in verde sono rappresentate le voci con test positivo e in rosso quelle con esito negativo). - il risultato finale dei test svolti con riferimento ai singoli processi amministrativo-contabili, in modo da evidenziare i punti di debolezza dei controlli nelle varie articolazioni dei processi stessi. Conclusioni La Legge 262/05 e successive modificazioni introduce una serie di attività rilevanti che generano delle concrete responsabilità a carico degli Amministratori delle Società e, in particolare, del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari, oltre a fornire con apposita relazione un attestazione sull adeguatezza e l effettiva applicazione delle procedure amministrative e contabili, nonché sulla corrispondenza del bilancio d esercizio, della relazione semestrale e (ove previsto) del bilancio consolidato, alle risultanze dei libri e delle scritture contabili. COGITEK SRL ha messo a punto una serie di analisi processive finalizzate a consentire una corretta applicazione delle Legge n. 262/05 e successive modificazioni ed integrazioni, sia con la stesura dei processi standard per la rilevazione contabile dei fatti gestionali sia con l individuazione di una metodologia per la determinazione del livello di rischiosità insito nelle singole voci di bilancio e quindi, dei test di compliance da effettuare sia, infine, con la predisposizione di un sistema informatizzato chiamato GRAM 262. La metodologia prevista dal modello GRAM 262 consente di integrare l approccio legato ai processi amministrativo-contabili con le voci di bilancio, al fine di ottenere una tracciabilità dei controlli effettuati (anche di quelli svolti in corso d anno), predisponendo inoltre un idonea documentazione utilizzabile nei confronti dei terzi. GRAM 262 può essere interfacciato con i sistemi informativi attualmente utilizzati dall impresa e permette di svolgere i test di controllo durante i vari periodi di tempo, al fine di non incidere eccessivamente sull operatività della struttura amministrativa in periodi caratterizzati da impegni elevati. 8

9 GRAM 262: un esempio concreto Relativamente alla mappatura dei processi e delle procedure amministrative e contabili, COGITEK Srl ha provveduto a mappare tutti i processi che generano i dati contabili da sottoporre ad esame, nello specifico: - Ciclo attivo e gestione del credito - Ciclo passivo - Finanza operativa e gestione di tesoreria - Finanza agevolata - Amministrazione del personale - Gestione cespiti - Bilancio A titolo esemplificativo, si riporta la mappatura standard di un Processo Ciclo attivo con i relativi controlli ed un esempio di test. Nota: il sistema consente un acceso riservato, con username e password opportunamente assegnati, ai vari attori dei controlli (settori amministrativi, Internal Audit, ecc..) consentendo la visualizzazione solo dei dati e dei test da svolgere di propria competenza, grazie alla gestione di idonei profili di accesso. 9

10 Nota: la Pagina 1 riporta la mappatura dei processi amministrativo-contabili da analizzare ed i relativi controlli/test da svolgere lungo il loro percorso. 10

11 Nota: la Pagina 2 riporta le voci di bilancio da controllare, a fronte delle quali sono riportati il livello di rischio implicito in ognuna di esse e precedentemente valutato, nonché la percentuale di profondità del controllo correlato al citato rischio evidenziato. I pulsanti inserimento, modifica, rimozione voce consentono di effettuare le operazioni citate. 11

12 Nota: il pulsante definizione parametri consente di dare corso alla metodologia di campionamento da cui deriva il numero dei documenti da sottoporre a test in relazione alle caratteristiche di impresa. 12

13 Nota: i range di campionamento sono desunti dalle best practices internazionali in materia di revisione di bilancio. L errore tollerabile determinato viene utilizzato come segue: - sono da controllare tutti i movimenti contabili di valore superiore; - sono da controllare con la tecnica ABC i movimenti di valore inferiore, nella quantità calcolata dal sistema (voce di bilancio/errore tollerabile). 13

14 Nota: il pulsante abbinamento test consente di abbinare ogni voce di bilancio indicata in Pagina 2 con i controlli/test evidenziati in Pagina 1 lungo lo sviluppo del processo. Inoltre, selezionando la singola voce di bilancio appariranno gli abbinamenti suddetti come evidenziato nella pagina successiva. Nota: la presente pagina riporta: 14

15 - l elencazione di tutti i controlli/test da svolgere; - l abbinamento della voce di bilancio con i test di competenza (tale legame è evidenziato da appositi flag). 15

16 Nota: il pulsante svolgimento test consente di attivare l effettiva realizzazione dei controlli a cura dello specifico Responsabile al quale vengono visualizzati preventivamente la soglia di errore tollerabile e il numero minimo dei documenti da controllare. Selezionando la voce di bilancio da controllare si aprono le videate di seguito riportate. 16

17 Nota: per ciascuna voce di bilancio sono evidenziati gli elementi di sintesi dei test da svolgere con il numero dei documenti coinvolti e l indicazione anche cromatica del risultato emerso. Utilizzando il pulsante dettaglio test appaiono le videate successive. 17

18 Nota: scheda guida dei test da svolgere per ogni voce di bilancio. Nella sezione elenco documenti controllati appariranno tante righe quante sono le quantità previste per il controllo secondo i calcoli svolti dal sistema. N.B. Il sistema prevede per le voci più ricorrenti (fatture attive e passive) la predisposizione di un ambiente nel quale far affluire da interfaccia con i sistemi amministrativi aziendali (esempio SAP) tutti gli elementi necessari al test, consentendo così significativi recuperi di efficienza da parte di chi opera. 18

19 Nota: il sistema memorizza automaticamente i test via via svolti e implementa progressivamente i valori che riportano l entità del controllo svolto. Per quanto riguarda l esito il sistema indicherà con SI (esito favorevole) e con il colore verde i casi in cui per la singola voce di bilancio siano state contestualmente superate sia la percentuale dei casi con esito positivo (esempio 95%) e sia la percentuale del valore da controllare (esempio 35%). La presente pagina sottoscritta dal Dirigente preposto e da un ente di controllo indipendente (esempio Internal Audit) costituirà, con i supporti dei dettagli di cui alla pagina precedente, la documentazione formale a supporto dell attestazione richiesta. 19

20 Le annotazioni riferite alla Pagina 3 valgono anche per le Pagine 4 e 5. 20

21 Nota: la Pagina 6 riporta la mappatura dei processi amministrativo-contabili analizzati ed i relativi controlli/test svolti lungo il loro percorso. Inoltre, con riferimento ad ogni fase del processo, vengono riportate le voci di bilancio esaminate con ciascun singolo test (la colorazione evidenzia l esito del test: il colore verde indica un esito positivo del test per la voce di bilancio, mentre il rosso evidenzia o un esito negativo del test o uno stato di parziale completamento dell attività di test), in modo da evidenziare i punti di debolezza dei controlli nelle varie articolazioni dei processi stessi. 21

22 1. Caratteristiche tecniche del Sistema 1.1. Requisiti di sistema Per l'installazione di GRAM RISCHI i requisiti hardware/software necessari sono: Hardware: - Computer Pentium 4 (o equivalente) 2GHZ con 1 GB di RAM o superiore, con lettore CD, video con risoluzione 1024* Software: - Sistema Operativo Windows 2000 / XP / Vista / 2003 / 2008 server, browser web come Internet Explorer 6 o Netscape, Firefox. - Sul computer non devono essere installati altri server WEB che utilizzino il servizio HTTP (porta 80 o 8080), ad esempio Microsoft IIS o Apache. - Eventuali Firewall devono consentire l'accesso al server, o al computer locale, sul servizio HTTP (porta 80 o 8080) - Il programma necessita dell'installazione dell'ambiente Java, sia sul server che sul client: sul server, sarà necessario installare il JDK 1.4, mentre sul client si dovrà installare il JRE o successivo (come illustrato nel seguito). E' consigliabile non avere installato sul computer nessuna versione precedente di Java. - L'installazione prevede l'uso del programma MySQL; nel caso fosse già installato non è quindi necessario reinstallarlo, ma è sufficiente caricare il DB, come indicato sul manuale di installazione Ulteriori note: L'installazione ha una architettura client / server, quindi il GRAM può essere installato su un server centralizzato e utilizzato da vari client collegati in rete, oppure può essere installato e utilizzato su un singolo computer in locale. In ogni caso sul client è sufficiente avere installato il Java Run Time versione o successive (JRE, presente sul disco di installazione). 22

23 1.2. Architettura del sistema Il sistema GRAM è basato sull architettura client/server a tre livelli rappresentata nella figura sottostante e costituita in particolare dal Presentation Layer, che si occupa della presentazione dei dati all utente finale, dal Business Layer, che elabora le informazioni fornite dal cliente ed applica la logica del sistema, e dal Database Layer, che rappresenta il livello di accesso ai dati persistenti. Presentation Layer Business Layer Database Layer HTML Java Applet Java Servlet MySQL L interazione dell utente con il sistema avviene attraverso l utilizzo di un comune browser (ad es. Internet Explorer). L interfaccia grafica è costituita da Applet Java e da pagine HTML sia statiche sia generate dinamicamente (mediante l utilizzo delle Servlet Java). La base dati del sistema è attualmente realizzata con il DMBS MySQL. L'utilizzo del linguaggio di programmazione Java garantisce la completa indipendenza dalla piattaforma utilizzata nonché dal DBMS scelto per la gestione della base dati. GRAM può quindi essere installato sia su piattaforma Microsoft sia su piattaforma Linux ed il tipo di database può essere scelto tra i vari DB relazionali presenti sul mercato (Oracle, Postgres,...). Il passaggio da un database all'altro a sistema avviato può essere facilmente gestito con una procedura di export/import che consenta il travaso dei dati. Ritornando all'attuale implementazione, le soluzioni tecnologiche adottate sono tutte open source e sono riassunte nella seguente tabella: DataBase Management System MySQL Servlet container Tomcat Java Virtual Machine J2SDK

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 GRAM 231 Global Risk Assessment & Management Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 Sommario Proposta di applicazione pratica... 3 Quadro normativo... 3 Una soluzione...

Dettagli

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v.

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v. Sommario 1. I presupposti di GRAM AUDIT... 4 2. I vantaggi di GRAM AUDIT... 4 3. Aspetti metodologici alla base del Modello... 5 3.1. La gestione degli utenti... 5 3.2. La composizione del Piano di Audit

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5 Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE 0 SOMMARIO TARGET DOCUVISION 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI MODULI 5 LOGICA OPERATIVA MODULO DOCUVISION 6 LOGICA OPERATIVA DELLE FUNZIONALITA WORKFLOW 7 GESTIONE DOCUMENTI

Dettagli

Archiviazione Documentale

Archiviazione Documentale Archiviazione Documentale Il Progetto OPEN SOURCE tutto Italiano per la Gestione Elettronica della documentazione, firma digitale, conservazione sostitutiva, fatturazione elettronica e protocollo informatico.

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

E se una MAPPA DIGITALE. fosse la soluzione?

E se una MAPPA DIGITALE. fosse la soluzione? E se una MAPPA DIGITALE fosse la soluzione? Trasforma l informazione in Patrimonio di Conoscenza Traccia il più piccolo livello di informazione Archivia in maniera selettiva crea Report completi e dettagliati

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra

Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra Sommario 1. Il Sistema Orchestra... 3 2. Funzionalità... 3 2.1. Sistema Orchestra... 3 2.2. Pianificazione e monitoraggio dei piani strategici...

Dettagli

RADAR. Raccolta e Analisi Dati per Attribuzione Rating

RADAR. Raccolta e Analisi Dati per Attribuzione Rating RADAR Raccolta e Analisi Dati per Attribuzione Rating RADAR è un software di supporto alla direzione aziendale e a chiunque voglia tenere sotto controllo l andamento dell azienda con l ausilio di indicatori

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione PARAMETRI 2014 P.I. 2013 Guida all uso ed all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2014 consente di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

E se una MAPPA DIGITALE. fosse la soluzione?

E se una MAPPA DIGITALE. fosse la soluzione? E se una MAPPA DIGITALE fosse la soluzione? Trasforma l informazione in Patrimonio di Conoscenza Traccia il più piccolo livello di informazione Archivia in maniera selettiva crea Report completi e dettagliati

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2009 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB Descrizione Time@Web rappresenta l applicazione per la gestione delle presenze via Web. Nel contesto dell ambiente START, Solari ha destinato questa soluzione

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S.

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. UFFICIO S. I. R. S. MANUALE DI INSTALLAZIONE Fornitore: Cooperativa EDP LA TRACCIA Prodotto: SIC Sistema Informativo Contabile C.I.G./C.U.P.: - APPROVAZIONI Data Autore Redatto : 30.03.2011 Lobefaro Angelo

Dettagli

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione PARAMETRI 2012 P.I. 2011 Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2012 consente di stimare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile Allegato al Decreto n. 465 del 30/07/2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 per lo sviluppo del SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione ***** pagina 1/12 1. Linee guida

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server

DigiSiS. Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server DigiSiS Manuale di installazione di una postazione Workstation per l utilizzo di Digital Sign Server Funzione emittente 10800 Servizi Professionali Redatto da Verificato da MU/ICCA Manuale installazione

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione Maggio 2007 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2007 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN

SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN SOFTWARE PER IL CONTROLLO ACCESSI CHECK&IN Descrizione L esigenza di sicurezza nelle realtà aziendali è un fenomeno sempre più sentito e richiesto, e proprio per questo Solari ha realizzato un sistema

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi

La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi La ricerca delle informazioni nei siti web di Ateneo con Google Search Appliance Progetto, implementazione e sviluppi Il progetto del sistema di ricerca delle informazioni L'esigenza del sistema di ricerca

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art. 133 comma 8 D.Lgs. 12/04/2006 n. 163

Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art. 133 comma 8 D.Lgs. 12/04/2006 n. 163 Servizio lavori pubblici ed osservatorio dei contratti e degli investimenti pubblici, edilizia e sicurezza dei cantieri edili Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche art. 8 L.R. 11/2010 art.

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Cofinanziamento Fondi CIPE Progetto CST CUP J59H05000040001 Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Convenzione per la costituzione di un Centro Servizi Territoriale tra la Regione Calabria

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

GARA N. 1004 ACCORDO QUADRO TRIENNALE PER L AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO E LO SVILUPPO DELLE APPLICAZIONI INFORMATICHE GSE (SINTESI DELL APPALTO)

GARA N. 1004 ACCORDO QUADRO TRIENNALE PER L AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO E LO SVILUPPO DELLE APPLICAZIONI INFORMATICHE GSE (SINTESI DELL APPALTO) GARA N. 1004 ACCORDO QUADRO TRIENNALE PER L AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO E LO SVILUPPO DELLE APPLICAZIONI INFORMATICHE GSE (SINTESI DELL APPALTO) Pagina 1 di 5 INDICE 1. I SERVIZI RICHIESTI...3 2. AGGIORNAMENTO

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292 APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti Sommario APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti... 1 1. PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI... 2 1.1 Capo progetto... 2 1.2

Dettagli

TARGET DEL PRODOTTO DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DEL PRODOTTO DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE PRESENTAZIONE 2 TARGET DEL PRODOTTO CHE COSA E Docuvision Workflow Digitale è uno strumento studiato per: la gestione elettronica dei documenti, acquisiti trami- te scanner, clipboard o file (disco, supporto

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori GAS 2 net è una soluzione web-based compliant con le definizioni di strumento evoluto come richiesto dalla normativa vigente (Del. AEEG n 157/07, Del.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

Rapido - Contabilità per liberi professionisti Manuale d'installazione

Rapido - Contabilità per liberi professionisti Manuale d'installazione Rapido - Contabilità per liberi professionisti Manuale d'installazione 2002-2007 SABE SOFT snc Sommario I Cenni preliminari 2 II Installazione Rapido 4 1 Installazione... Rapido (server) 4 Benvenuto...

Dettagli

Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO

Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO Registro determinazioni n. 1275 Documento composto da n. 4 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO area: codice ufficio: 102 SERVIZIO DI STAFF CONTROLLI R.A.S.S.

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk

Piattaforma Informatica di Knowledge Risk Piattaforma Informatica di Knowledge Risk La guida sicura per la certificazione e la conformità 2012 1 IL CONCETTO INNOVATIVO PI-KR E UNA SOLUZIONE INTEGRATA PER I SISTEMI DI GESTIONE E DI GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi 07/05/2015 Il Servizio AOL Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi Servizio di assistenza ARCHIMEDIA SISTEMI SRL Sommario 1. CHE COS E il SISTEMA AOL... 3 2. COME FUNZIONA AOL... 3 3. PERCHE

Dettagli

Resusci Anne Skills Station

Resusci Anne Skills Station MicroSim Frequently Asked Questions 1 Resusci Anne Skills Station Resusci_anne_skills-station_installation-guide_sp7012_I.indd 1 24/01/08 12:47:50 2 Resusci_anne_skills-station_installation-guide_sp7012_I.indd

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI SOLCO MANTOVA CONSORZIO DI COOPERATIVE SOCIALI - SOCIETA' COOP A.R.L. DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/01 Documento

Dettagli

ATLAS Installazione : DISINSTALLAZIONE VERSIONI PRECEDENTI DI ATLAS

ATLAS Installazione : DISINSTALLAZIONE VERSIONI PRECEDENTI DI ATLAS ATLAS Installazione : DISINSTALLAZIONE VERSIONI PRECEDENTI DI ATLAS Disinstallazione e re-installazione di Atlas La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI

Dettagli

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi e Mauro Prevostini Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Dipartimento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

RACCOLTA, VALIDAZIONE E CONTROLLO DI QUALITÀ DEI DATI

RACCOLTA, VALIDAZIONE E CONTROLLO DI QUALITÀ DEI DATI RACCOLTA, VALIDAZIONE E CONTROLLO DI QUALITÀ DEI DATI 13 SETTEMBRE - 22 OTTOBRE 2004 organizzato da: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Ufficio Relazioni Esterne N ID CORSO: 8804 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Gestione in qualità degli strumenti di misura

Gestione in qualità degli strumenti di misura Gestione in qualità degli strumenti di misura Problematiche Aziendali La piattaforma e-calibratione Il servizio e-calibratione e-calibration in action Domande & Risposte Problematiche Aziendali incertezza

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Content Management Systems

Content Management Systems Content Management Systems L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Definizione Un Content Management System (CMS) è letteralmente un sistema per la gestione dei contenuti Definisce

Dettagli

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese

Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Guida alla Certificazione ISO 9001 per Piccole Medie Imprese Tutto quello che c è da sapere per non sbagliare. Guida Pratica per Imprenditori e Manager che devono affrontare il processo di certificazione

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

Il nuovo software gestionale indispensabile per Sindaci e Revisori Contabili

Il nuovo software gestionale indispensabile per Sindaci e Revisori Contabili P1282 Il nuovo software gestionale indispensabile per Sindaci e Revisori Contabili Lo strumento che gestisce tutte le attività di controllo contabile, l elaborazione delle carte di lavoro e la predisposizione

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 Piano Operativo Sistema Informativo per il monitoraggio della spesa del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione. L Assessore al Welfare,

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Documentazione illustrativa

Documentazione illustrativa Documentazione illustrativa 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEL SOFTWARE... 3 2.1 Codifiche di Magazzino... 3 2.2 Listini Clienti... 3 2.3 Caratteristiche specifiche del settore vetro... 4

Dettagli

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group powered by Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati Un Processo di Comunicazione a supporto dei team di lavoro Tecniche e Strumenti di lavoro (utilities)

Dettagli

PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it

PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it igrafx Process Central è una soluzione che aiuta le organizzazioni a gestire, sviluppare, documentare

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli