IN.DI.CA. sostegno alle strategie di di. LUCENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN.DI.CA. sostegno alle strategie di di. www.indica.lucense.it LUCENSE"

Transcript

1 PRAI Programma Regionale di Azioni Innovative Risultati e prospettive del progetto INDICA SEMINARIO e WORKSHOP

2 IN.DI.CA. sostegno alle strategie di di INnovazione del deldistretto CArtario Azione Azione 1 Bando Bando ITT ITT

3 INDICA: l ATS (con PapierTechnische Stiftung Monaco) DIMNP -Università di Pisa QUALITAL -Cons. Univ. in Ing. della Qualità, PI Lab. PERCRO -Scuola Superiore Sant Anna, PI VR MEDIA srl spin off della SSSA, PI ISE srl, Industrial Service Engineering, LU 16 Imprese -settori cartario (13) e meccanico (3)- U.F.

4 INDICA: la struttura del progetto Attività 1: Metodi innovativi di analisi del ciclo delle acque in cartiera e ricerca sui potenziali di riduzione dei consumi idrici (nelle PMI non partecipanti a PAPERBREF), con PTS; 3 Aziende Attività 2: Formazione sulle metodologie innovative di gestione della manutenzione industriale (TPM) e sviluppo di un software CMMS specifico per il settore DIMNP -UniPi, QUALITAL, ISE, ; 12+3 Aziende Attività 3: Realizzazione del 1 simulatore al mondo di carrello elevatore motion-based per l addestramento dei carrellisti Lab. PERCRO SSSA, VR MEDIA, ; 10 Aziende

5 Attività 1: Ing. Ginevra Ambrosini scpa

6 A.1: Metodi innovativi di analisi ciclo acque La metodologia: Definizione degli obiettivi Dati e documentazione storica Disegno dello schema a blocchi Definizione dei paramentri analitici Preparazione delle Check List Relazione finale Presentazione dei risultati

7 A.1: Profili effluente COD mg/l WW Preparazione impasti macchina

8 A.1: Diagramma Sankey Spruzzi Prodotti chimici Diluzione spappolatore Pulizia Processo Sistema del vuoto Acqua di tenuta Raffreddamneto Raffreddamento

9 A.1: Volumi 10 volume dinamico acqua / volume dinamico pasta [m³/m³] 1 Cartiera in esame linea di rif. 0, effluente specifico di processo [l/kg]

10 A.1: linee guida (1/2) Premesse: Linee guida sui potenziali di ottimizzazione delle acque È necessario uno studio specifico Modif. ciclo acque ulteriori modifiche Quadro completo del processo La metodologia applicata nel progetto INDICA: fornisce un quadro d insieme dettagliato propone suggerimenti per ridurre il consumo di acqua fresca propone suggerimenti per migliorare la qualità delle acque Nonostante le simulazioni eseguite e le tecnologie avanzate la riprogettazione dei cicli delle acque rimane complessa.

11 A.1: linee guida (2/2) operare con poca acqua fresca -sostituendola con acque di processo -riutilizzando le acque di raffreddamento -diminuendo l acqua per le tenute -eliminando altre perdite appropriata capacità di stoccaggio possibilità di applicare un flusso controcorrente rispetto alle fibre efficienza del recuperatore separazione dei cicli

12 A.1: l Help-Desk L Help-Desk si prefigge di: offrire un servizio e un supporto: nell interpretazione delle IPPC e del BREF nell implementazione delle IPPC e del BREF per la gestione delle acque per le misure analitiche sulle acque per la revisione dei processi per ripetere l Azione 1 del progetto INDICA nel trasferimento della metodologia nell analisi diretta da parte di Lucense

13 INDICA A.1 : risultati (con PAPERBREF) Ci sono potenziali di riduzione dei consumi idrici: 1 livello: senza investimenti: 12 % 2 livello: con una migliore gestione delle acque e con alcuni investimenti: 22 % Impatto sulla falda sotterranea: una riduzione del consumo di acqua del : -12% nella parte sinistra della Piana -23 % nel restante territorio + 1m livello falda

14 INDICA A.1 : risultati q Disponibilità di maggiori dati e casistiche: utili per: DB con ulteriori 3 PMI, più rispondente alla realtà locale; DB con i dati di altri 2 cicli chiusi, verso i quali la UE spinge q ulteriore confronto con il Technical Working Group sulla revisione ed aggiornamento del BREF q elaborazione del report Linee guida sui potenziali di ottimizzazione delle acque per l intero settore q attivazione dell HelpDesk per assistenza e supporto imprese sul BREF alle v Miglioramento dell impatto ambientale v Crescita delle competenze tecniche di

15 Segue con: Attività 2: Ing. Marco Frosolini Prof. Marcello Braglia DIMNP, UniPI Attività 3: Ing. Simone Perotti PERCRO-Idd, SSSA

16 INDICA: ricadute e prospettive Il progetto ha consentito: v la realizzazione di 2 prodotti innovativi (CMMS e Simulatore) di reale interesse per le imprese e per il mercato, trasferibili v innovazione & trasferimento; recupero di efficienza dei processi & il miglioramento del loro impatto v la crescita delle competenze di Lucense

17 PRAI-ITT & INDICA: note Il bando ITT è stato particolarmente efficace: v per la realizzazione di reti strutturate di cooperazione, concretamente operative. Nel caso di Indica la rete si è poi rafforzata e : sono stati presentati ulteriori progetti: -Format : sett. lapideo, az Docup - Arac : sett. cartario, az Docup è stata supportata l elaborazione e la realizzazione dei seminari della Ass. Industriali su R&I il PERCRO ha distaccato la sua sezione IDD (Industrial Design Division) presso Lucense sono allo studio ulteriori azioni e progetti (DtoD; Osserv. Innovazione; Logistica; etc)

18 Grazie per l attenzione Mauro Fenili WORKSHOP in

Simulatore di carrello elevatore finalizzato all addestramento del personale

Simulatore di carrello elevatore finalizzato all addestramento del personale Progetto INDICA: Azione 3 Simulatore di carrello elevatore finalizzato all addestramento del personale Scuola Superiore Sant Anna Lab. -Idd Associazione degli Industriali della Provincia di Lucca 2 marzo

Dettagli

normative qualità turismo business sinergie manifatturiero servizi crescita metalmeccanici sviluppo sanità soluzioni editoria cultura

normative qualità turismo business sinergie manifatturiero servizi crescita metalmeccanici sviluppo sanità soluzioni editoria cultura formazione ricerca credito confronto network futuro rete qualità lavoro giovani pmi normative qualità turismo business sinergie manifatturiero servizi crescita metalmeccanici sviluppo sanità soluzioni

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

DITTA SCUTARO VINCENZO & FIGLIO S.R.L.

DITTA SCUTARO VINCENZO & FIGLIO S.R.L. PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE DITTA SCUTARO VINCENZO & FIGLIO S.R.L. PROGETTO DI MODIFICA IMPIANTO DI STOCCAGGIO RIFIUTI COSTITUITI DA IMBALLI CON INSERIMENTO LINEA DI TRATTAMENTO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Regolamenti REACH) e CLP: stato dell arte, azioni e attuazioni. Pietro Pistolese, Ministero Della Salute, Autorità competente REACH

Regolamenti REACH) e CLP: stato dell arte, azioni e attuazioni. Pietro Pistolese, Ministero Della Salute, Autorità competente REACH Regolamenti REACH) e CLP: stato dell arte, azioni e attuazioni Pietro Pistolese, Ministero Della Salute, Autorità competente REACH ENTI COINVOLTI NELL ATTUAZIONE DEL REACH e CLP Commissione Europea ECHA,

Dettagli

L INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA E IL CONTESTO EUROPEO

L INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA E IL CONTESTO EUROPEO L INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA E IL CONTESTO EUROPEO Paolo Culicchi Presidente Comitato Distretto Industriale Cartario di Capannori (Lucca) Lucca, MIAC 3 Seminario Comieco 17 ottobre 2002 PRODUZIONE EUROPEA

Dettagli

2. STUDI E FORMAZIONE

2. STUDI E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE 1. DATI PERSONALI Simone Bertuccelli Nato a Lucca il 24/07/1969 Residente: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Sede Legale: Via del Municipio, 2 55016 Porcari LUCCA Codice Fiscale

Dettagli

Presentazione del Master

Presentazione del Master Master Executive in Gestione della Manutenzione Industriale Presentazione del Master Sergio Cavalieri Marco Garetti La Value Proposition Valorizzare l aspetto gestionale nei processi e servizi di manutenzione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione Dicembre 2014 6 Pagine Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi Introduzione L impasto ottenuto da carta di recupero tipicamente contiene gli inchiostri di stampa

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

PADLOck. Progetto di Adeguamento Dei Livelli di sicurezza delle farmacie Ospedaliere contro il rischio di furti e definizione di standard tecnici.

PADLOck. Progetto di Adeguamento Dei Livelli di sicurezza delle farmacie Ospedaliere contro il rischio di furti e definizione di standard tecnici. PADLOck Progetto di Adeguamento Dei Livelli di sicurezza delle farmacie Ospedaliere contro il rischio di furti e definizione di standard tecnici. Versione 05 Data : 27-05-2014 Ver. 05 del 27/05/2014 Pag.

Dettagli

O.P. Totale soci coinvolti n. Iscritta all Elenco regionale al N. Programma anno: SOCI O.P. CONFERENTI NELL ANNO IN CORSO N.

O.P. Totale soci coinvolti n. Iscritta all Elenco regionale al N. Programma anno: SOCI O.P. CONFERENTI NELL ANNO IN CORSO N. Allegato 2 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA' FAC-SIMILE O.P. Iscritta all Elenco regionale al N. Programma anno: SOCI O.P. CONFERENTI NELL ANNO IN CORSO N. ASSISTENZA TECNICO - ECONOMICA Elenco Azioni: Azione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

Durata (ore) A001 Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. 9 A002 PSC e costi della sicurezza 9

Durata (ore) A001 Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. 9 A002 PSC e costi della sicurezza 9 CATALOGO CORSI A) SETTORE: SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Corsi di aggiornamento per Coordinatori della Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili (rif. Art. 8 del D.Lgs 81/2008) A001 Titolo I

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A. Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.» Vincenzo Lanave Francesca Gulletta Pompilio Vergine Giovanni Berardi

Dettagli

La DGLC UIBM e la cooperazione con l OMPI Torino, 21 Aprile 2015

La DGLC UIBM e la cooperazione con l OMPI Torino, 21 Aprile 2015 DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO MARCHI E BREVETTI La DGLC UIBM e la cooperazione con l OMPI Torino, 21 Aprile 2015 MOU tra WIPO e il Governo Italiano Dal 2007 il Memorandum

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Gestione dell energia nello stabilimento Avi.Coop di Cesena Claudio Gambetti Ing. Responsabile Area Industria Onit Group

Gestione dell energia nello stabilimento Avi.Coop di Cesena Claudio Gambetti Ing. Responsabile Area Industria Onit Group Gestione dell energia nello stabilimento Avi.Coop di Cesena Claudio Gambetti Ing. Responsabile Area Industria Onit Group Christian Franceschini Ing. Coordinatore Servizi Generali di Stabilimento Avi.Coop

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Società Italiana di Monitoraggio S.p.A. Via Ticino, 6-00198 Rome, ITALY Codice Fiscale 07094050585 Partita IVA 01684941006 Tel. (+39) (06) 8415100-8415400 Fax (+39) (06) 8541101

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI I corsi di formazioni sono suddivisi in Unità formative di 4 ore ciascuna e si distinguono

Dettagli

BUDGET ANNO 2013 - SCHEDA RIASSUNTIVA

BUDGET ANNO 2013 - SCHEDA RIASSUNTIVA STRUTTURA COMPLESSA: BIOTECNOLOGIE BUDGET ANNO 201 - SCHEDA RIASSUNTIVA Razionalizzazione procedure attività di ricerca Scheda n. a 1 6 Aggiornamento e proposta articolo per newsletter Scheda n. 4 Organizzazione

Dettagli

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.

Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A. Telecontrollo su Cloud Computing a servizio del trattamento delle acque reflue per il riutilizzo irriguo - Il progetto PON «In.Te.R.R.A.» Martedì - 3 dicembre 2013 10,45-13,30 Aula Magna Aldo Moro Palazzo

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto Progetto di Cooperazione interregionale Sardegna - Veneto 2 PECULIARITA DELL AZIONE Prima esperienza in Italia di sperimentazione del principio di integrazione

Dettagli

il caso di Hayat Kymia in Turchia

il caso di Hayat Kymia in Turchia Utilizzo di energia residua in una moderna cartiera tissue: il caso di Hayat Kymia in Turchia ALL INIZIO DEL 2006 PMT ITALIA HA AVVIATO CONGIUNTAMENTE AL GRUPPO HAYAT UNA NUOVA CARTIERA NELL AREA DI IZMIT

Dettagli

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT 1 6 SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT Durante le diverse fasi del ciclo di vita di un Progetto, dalla fase di Concept, allo studio di fattibilità, fino alla progettazione di dettaglio,

Dettagli

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Ermanno Maritano, Confindustria Piemonte EEN ALPS NordOvest Roma, 14 novembre 2011 European Commission Enterprise

Dettagli

Giorgio Bertacchi Plastics & Computer Contributo alle lezioni Corso COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MATERIALI Prof. Piermaria Davoli 2002 2003

Giorgio Bertacchi Plastics & Computer Contributo alle lezioni Corso COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MATERIALI Prof. Piermaria Davoli 2002 2003 Giorgio Bertacchi Plastics & Computer Contributo alle lezioni Corso COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MATERIALI Prof. Piermaria Davoli 2002 2003 Parte I. I termoplastici e lo stampaggio ad iniezione Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT

MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE PROGRAM OCCUPATIONAL AND ENVIRONMENTAL RISK MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Dipartimento di Scienze dell Ambiente, della Sicurezza, del Territorio, degli Alimenti e della Salute (S.A.S.T.A.S.) Sez. Medicina del Lavoro MASTER I LIVELLO SECOND CYCLE

Dettagli

Esperienze di Energy Management e di implementazione di un Sistema di Gestione Energia in un industria

Esperienze di Energy Management e di implementazione di un Sistema di Gestione Energia in un industria Esperienze di Energy Management e di implementazione di un Sistema di Gestione Energia in un industria CASO STUDIO - CARTIERE DEL GARDA: Prima cartiera in Italia certificata EN 16001 e ISO 50001 ENERGY

Dettagli

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA Seminario Tecnico Il punto sulla Direttiva IPPC: Autorizzazioni Integrate Ambientali (AIA), Piano di Monitoraggio

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati.

La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Milano, 10 novembre 2010 L efficienza della Supply Chain sanitaria. La gestione operativa di magazzino e le nuove tecnologie che ne ottimizzano i risultati. Relatore: Roberto Mariani Dir. Customer Service

Dettagli

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN)

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) LO SPORTELLO INFORMATIVO TELEMATICO REACH E CLP DELL EMILIA ROMAGNA Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) Antonello Lapalorcia Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI

DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE - UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI Missione/Programma.0 lotta

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ RECYCLA: I CENTRI SERVIZI PER L AMBIENTE Non si è responsabili solo di ciò che si fa, ma anche di ciò che non si fa Un impegno ragionato per il loro futuro SOLYECO

Dettagli

Omniapart. Il modo per eseguire verifiche ad elevata efficienza. presenta. powered. Piattaforma gestionale integrata

Omniapart. Il modo per eseguire verifiche ad elevata efficienza. presenta. powered. Piattaforma gestionale integrata Omniapart presenta powered Piattaforma gestionale integrata Il modo per eseguire verifiche ad elevata efficienza Cos è Una Service Line che consente di trasferire un idea di business in un servizio. Il

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

Qualità ambientale allo stato puro

Qualità ambientale allo stato puro Qualità ambientale allo stato puro Proteggere l ambiente è un impresa globale L ambiente è un patrimonio di tutti. Di fronte ai cambiamenti climatici, alla contaminazione dei terreni, al prosciugamento

Dettagli

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Interlaboratorio Giovanni Perego Convegno sul tema: Linee guida UNICHIM per l armonizzazione dei metodi di prova in campo ambientale. Prove

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA

RELAZIONE NON TECNICA Pagina 1 di 16 RELAZIONE NON TECNICA (ALLEGATO N 14 ALLA DOMANDA PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE AI SENSI DELL ART. 5 DEL D. L.gs. N 59/2005) Pagina 2 di 16 1 Evoluzione La Cartiera

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA C.A.P. 98060 C.F. 00108980830 Reg. N del DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : CONTROLLI INTERNI DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. ATTO

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

- 1 - Mercoledì 28 novembre ore 14.00 18.00. Ordine del giorno:

- 1 - Mercoledì 28 novembre ore 14.00 18.00. Ordine del giorno: RESOCONTO DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELL ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Roma, 28 novembre 2012 Mercoledì 28 novembre ore 14.00 18.00 Ordine del giorno:

Dettagli

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE 54 Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Referente del Corso di Laurea Prof. Mario Tucci e-mail mario.tucci@unifi.it, tel 055/479708, http://www.gestionale.unifi.it

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul

Le esperienze vissute in oltre 30 anni, hanno creato la convinzione che quanto fatto sino ad ora possa definirsi solo un punto di partenza sul Moretti Spa nasce nel 1976 sull idea imprenditoriale dei tre fondatori: Fabrizio Fabbrini, Laura e Marco Cellai, e inizia la sua attività come distributrice di articoli sanitari delle più note marche presenti

Dettagli

Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia

Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia Indicazioni per costituzione helpdesk per lo sviluppo e la promozione della geotermia a bassa entalpia Perchè un helpdesk? Durante l interazione con gli enti locali nell ambito del progetto Regeocities,

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona del Suo Legale Rappresentante

Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona del Suo Legale Rappresentante CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA E CONCESSIONE IN COMODATO D USO DI POSTAZIONE DI LAVORO per IMPRESE SPIN OFF Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri

SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT. Arch. Marco Frigieri SISTEMI INFORMATIVI PER IL FACILITY MANAGEMENT Arch. Marco Frigieri IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO Roma, 14 marzo 2013 ABI Palazzo Altieri (Sala della Clemenza)

Dettagli

Carta da Riciclare. Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare

Carta da Riciclare. Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare Carta da Riciclare Guida alle Migliori Pratiche nella redazione dei bandi pubblici per la raccolta della Carta da Riciclare Premessa Le nuove direttive UE sugli appalti e sulle concessioni pubbliche sono

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

PROGRAMMA EVENTI A TECNARGILLA 2014 Aggiornato al 10 settembre 2014

PROGRAMMA EVENTI A TECNARGILLA 2014 Aggiornato al 10 settembre 2014 22 SETTEMBRE OPENING DAY EVENTI ISTITUZIONALI PROGRAMMA EVENTI A TECNARGILLA 2014 Aggiornato al 10 settembre 2014 16.00-17.00: (Hall Centrale) CERIMONIA DI TAGLIO DEL NASTRO 17.00-18.00: (Sala Neri) Cerimonia

Dettagli

CRIT Research. Innovazione Collaborativa: il caso italiano di maggior spicco. Franco Stefani. Vice Presidente CRIT Research

CRIT Research. Innovazione Collaborativa: il caso italiano di maggior spicco. Franco Stefani. Vice Presidente CRIT Research CRIT Research Innovazione Collaborativa: il caso italiano di maggior spicco Franco Stefani Vice Presidente CRIT Research 1 Per un mondo che cambia, quale Ricerca? RICERCA Cambio di paradigma: La Ricerca

Dettagli

Progetto di definizione di un modello per la realizzazione dei Piani di Gestione dei siti UNESCO. Ernst & Young Financial Business Advisor S.p.A.

Progetto di definizione di un modello per la realizzazione dei Piani di Gestione dei siti UNESCO. Ernst & Young Financial Business Advisor S.p.A. LEZIONI 06/05/2011 Corso di Laurea Magistrale CRVBAA LM-10 INSEGNAMENTO ASPETTI TEORETICI E TECNICI DELLA CONSERVAZIONE CORSO B C.F.U.4 S.S.D.-ICAR 19 WHAT LAB WORLD HERITAGE APPLICATION TECNOLOGY Aspetti

Dettagli

Dall ampia base logistica LuccaPort, a mille metri dal centro, si muove ogni giorno la flotta di veicoli elettrici LuccaPort.

Dall ampia base logistica LuccaPort, a mille metri dal centro, si muove ogni giorno la flotta di veicoli elettrici LuccaPort. TRASPORTI E SERVIZI DI CONSEGNA FLESSIBILI E PERSONALIZZATI NEL CENTRO STORICO DELLA TUA CITTÀ SERVIZI PROGETTATI E OTTIMIZZATI PER CONSENTIRE A PRIVATI, NEGOZI, AZIENDE E OPERATORI DEL SETTORE DEI TRASPORTI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel./fax 0832/757637 e-mail

Dettagli

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE BROCHURE_CE_A4.indd pagina:2 17/07/13 16:43 Techne Media Agency INDICE Che cos e la marcatura ce?... pag. 03 a. definire i prodotti

Dettagli

REG. CE 1935/2004 12.10.2012

REG. CE 1935/2004 12.10.2012 Principali elementi della legislazione europea, nazionale e regionale sui materiali a contatto. REG. CE 1935/2004: etichettatura, tracciabilità,dichiarazione di conformità. 12.10.2012 Dott.ssa Simonetta

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Le passioni ci portano a lavorare senza pesantezza, za con gioia e senza pensare se oggi è sabato o domenica.

Le passioni ci portano a lavorare senza pesantezza, za con gioia e senza pensare se oggi è sabato o domenica. LeoDaVinci.eu Noi produciamo e importiamo prodotti e tecnologie per inquinare meno, risanare l'ambiente, lavorare in sicurezza e in tutto questo mettiamo tutte le nostre passioni e le nostre manie. Le

Dettagli

GROUP OVERVIEW CORPORATE ACCOUNTS. VIGILANZA Uomini e tecnologie al tuo servizio 24 ore su 24

GROUP OVERVIEW CORPORATE ACCOUNTS. VIGILANZA Uomini e tecnologie al tuo servizio 24 ore su 24 VIGILANZA Uomini e tecnologie al tuo servizio 24 ore su 24 IMPIANTI DI SICUREZZA Sicurezza integrale per la tua azienda GROUP OVERVIEW CORPORATE ACCOUNTS INVESTIGAZIONI E INTELLIGENCE Nessuna zona d ombra

Dettagli

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto

Progetto Leonardo ARGO. Promozione del progetto Progetto Leonardo ARGO Promozione del progetto Obiettivi di Progetto Il progetto Leonardo ARGO si pone i seguenti obiettivi: Garantire il diritto all apprendimento quale condizione dell occupabilità; Favorire

Dettagli

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Risparmio i idrico: i una necessità ambientale o una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Cosa è il risparmio idrico? Sistema integrato di pratiche ed interventi finalizzati alla

Dettagli

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Dicomano 5 Giugno 2015 Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Il ciclo (e riciclo) della carta Raccolta - Riciclo - Recupero la carta: produzione

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo

La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo Facoltà di Ingegneria La produzione ed il riciclo del materiale cartaceo Flavio Deflorian 1 INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA CARTA E CARTONE = il materiali consumo composti pro capite da di fibre carta cellulosiche,

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Logistica Gas. ing. Antonio Anchora Responsabile Gestione Contratti e Bilanciamento. Milano, 27 maggio 2015. snamretegas.it

Logistica Gas. ing. Antonio Anchora Responsabile Gestione Contratti e Bilanciamento. Milano, 27 maggio 2015. snamretegas.it Logistica Gas ing. Antonio Anchora Responsabile Gestione Contratti e Bilanciamento Milano, 27 maggio 2015 snamretegas.it Agenda Logistica Gas: ambito e obiettivi 1 step di rilascio: febbraio 2015 2 step

Dettagli

Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici

Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici Roberto Spina, Prof. Ing. Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management - Politecnico di Bari Viale Japigia 182-70126 -

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Telefono +39 348 2599627 Fax E-mail g.antonelli@antonellibarsotti.it ; antonelli.gabriele@gmail.com

Telefono +39 348 2599627 Fax E-mail g.antonelli@antonellibarsotti.it ; antonelli.gabriele@gmail.com F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONELLI GABRIELE Indirizzo 93, VIA GOITO, 57127, LIVORNO, ITALIA Telefono +39 348 2599627 Fax E-mail g.antonelli@antonellibarsotti.it

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

L acqua potabile in casa

L acqua potabile in casa SICURA 25 Sicurezza alimentare. L acqua potabile in casa Informazione sulle scelte possibili per il consumatore Il sistema di controllo ufficiale degli acquedotti pubblici: metodi e finalità Dr. Armando

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E FORMATO EUROPEO aggiornato a giugno 2014

C U R R I C U L U M V I T A E FORMATO EUROPEO aggiornato a giugno 2014 C U R R I C U L U M V I T A E FORMATO EUROPEO aggiornato a giugno 2014 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Diego Travagin Via Pocarini, 3 34170 GORIZIA Telefono 348 8907829 Fax E-mail d.travagin@mgmtgorizia.com

Dettagli

Specifica del Servizio Network Operation Center

Specifica del Servizio Network Operation Center Specifica del Servizio Network Operation Center Tipo Documento: Specifica Qualified Exchange Network Scopo del Documento: Il presente documento si prefigge di descrivere la soluzione della SC- QXN relativa

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Fondimpresa. Avviso 4/2014 - Competitività P.A.L.CO. Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese. Questionario di Rilevazione

Fondimpresa. Avviso 4/2014 - Competitività P.A.L.CO. Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese. Questionario di Rilevazione Fondimpresa Avviso 4/2014 - Competitività Piano P.A.L.CO. Piano Abruzzese per il Lavoro e la COmpetitività Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese Questionario di Rilevazione Azienda Data Si autorizza

Dettagli

Tesi Di Laurea. Anno Accademico 2010/2011. relatore Ch.mo prof. Cinque Marcello. correlatore Ch.mo Ing. Catello Cacace

Tesi Di Laurea. Anno Accademico 2010/2011. relatore Ch.mo prof. Cinque Marcello. correlatore Ch.mo Ing. Catello Cacace Tesi Di Laurea Progettazione e Realizzazione di un Applicazione Web per la Gestione di Dati relativi ad Interventi Chirurgici Anno Accademico 2010/2011 relatore Ch.mo prof. Cinque Marcello correlatore

Dettagli

Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web. Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba

Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web. Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba Sommario Gruppo Datwyler Pharma Packaging Division Stabilimento di Pregnana

Dettagli

IT IMPRESA E TERRITORIO SRL FINANZA COMUNITARIA PER IMPRESE ED ENTI LOCALI

IT IMPRESA E TERRITORIO SRL FINANZA COMUNITARIA PER IMPRESE ED ENTI LOCALI IT IMPRESA E TERRITORIO SRL FINANZA COMUNITARIA PER IMPRESE ED ENTI LOCALI PRESENTAZIONE La società opera nel settore della consulenza aziendale e dello sviluppo imprenditoriale con riferimento, in particolare,

Dettagli

Innovative Analytical Knowledge Management in the Physical Chemistry Lab

Innovative Analytical Knowledge Management in the Physical Chemistry Lab Innovative Analytical Knowledge Management in the Physical Chemistry Lab Elena S.F. Demetrio Physical Chemistry Lab ACRAF S.p.A. Chemoinformatica: innovazione e integrazione S.Palomba- 22 Ottobre 2010

Dettagli